L ACCERTAMENTO DELLE IMPOSTE. Slide1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L ACCERTAMENTO DELLE IMPOSTE. Slide1"

Transcript

1 L ACCERTAMENTO DELLE IMPOSTE Slide1

2 Strategia interdipendente dell accertamento INTERCETTAZIONE DELLA CAPACITÀ CONTRIBUTIVA Griglia di tre percorsi della ricostruzione presuntiva : 1. Produzione del reddito; Accertamento analitico-induttivo Studi di settore 2. Spesa del reddito; Accertamento sintetico Redditometro 3. Manifestazione finanziaria del potenziale reddito; Indagini finanziarie Slide2

3 Accertamento - Inquadramento giuridico ACCERTAMENTO ANALITICO (singoli redditi, in particolare di impresa e di lavoro autonomo) La banca dati finanziaria I soci della ristretta base Rettifica posta per posta del dichiarato, a mezzo riprese dettagliate fondate su : prove dirette di evasione su presunzioni gravi, precise e concordanti in base agli studi di settore; ACCERTAMENTO INDUTTIVO (impresa e di lavoro autonomo) Rettifica del dichiarato a mezzo di riprese fondate su prove indirette o su presunzioni anche prive dei requisiti della gravità, precisione e concordanza (presunzioni libere c.d. semplicissime ); ACCERTAMENTO SINTETICO (solo persone fisiche) La banca dati finanziaria I soci della ristretta base Rettifica del dichiarato fondata su presunzioni : In base al Redditometro; Libere o atipiche; Slide3

4 Gli scenari della difesa stragiudiziale ed i nuovi strumenti deflativi : LA DEFINIZIONE DEI PVC Slide4

5 INQUADRAMENTO GENERALE Quadro di riferimento Art. 5-bis. Lgs. 19 giugno 1997, n. 218 Norma Cir. 17/9/2008, n. 55/E/08 Prassi generale Provvedimento Direttoriale Agenzia delle Entrate del 03/08/2009 Modulistica di riferimento R.M. 426/E del 6 novembre 2008 Codici tributo

6 AMBITO OGGETTIVO No studi di settore No, se indagini finanziarie in PVC Circ. 1/2008 GDF Violazioni sostanziali che consentano l emissione di accertamenti parziali (41-bis, D.P.R. 600/1973 ed art. 54, co. 4 D.P.R.633/1972) Violazioni formali collegate SOLO SE CONTENUTE IN : PVC relativi a violazioni in materia di imposte sui redditi (anche IRAP) e di IVA Può essere definito : Contenuto integrale di tutti i periodi di imposta interessati dal PVC; Non può essere definito : Periodo di imposta aperto Settore diverso da quello indicato nella norma (es. imposta di registro) Solo Violazione formale Salvo, come detto, quelle collegate al tributo (comprese quelle prodromiche (Cir.235/97 ) da obblighi contabili

7 I TEMPI DELLA DEFINIZIONE Data consegna PVC Contribuente comunica Entro 60 gg. Ufficio rettifica e definisce con accertamento parziale FASE TRANSITORIA : PVC consegnati entro 31/12/08 definizione prorogata entro 30/06/09 Entro 30 gg. FASE TRANSITORIA : PVC consegnati entro 22/08/08 presentazione prorogata al 30/09/08 Contribuente versa entro 20 gg. dalla notifica le imposte e le sanzioni Notifica di un PVC con rilievi (IRPEF/IRES/IVA, con riflessi IRAP) suscettibili di essere trasfusi in un avviso di accertamento parziale Modalità procedurali - Contribuente Entro i 30 gg. successivi alla notifica il contribuente comunica all Agenzia delle Entrate o alla Guardia di Finanza di volersi avvalere della definizione. Modalità procedurali Ufficio Entro i 60 gg. successivi all avvenuta definizione l Ufficio notifica al contribuente l atto di definizione dell accertamento parziale, contenente le indicazioni, ex art. 7, D.Lgs. 218/1997, ovvero motivazione e liquidazione delle imposte, sanzioni ed altre somme dovute. Modalità di pagamento Contribuente Procede alla definizione, versando integralmente le imposte che si ricavano dall atto (pagamento dell imposta dovuto per intero e sanzioni ridotte ad un ottavo). In caso di pagamento rateizzato non sono dovute garanzie fideiussorie. Mancata adesione alla procedura «anticipata» Rimangono inalterate tutte le possibilità previste dalla normativa previgente in tema di accertamento con adesione, compresa quella prevista dal co. 7, dell'art. 12, Statuto del contribuente, che prescrive che dopo il rilascio della copia del processo verbale di chiusura delle operazioni da parte degli organi di controllo, il contribuente può comunicare, entro 60 giorni, osservazioni e richieste che sono valutate dagli uffici impositori in sede di accertamento.

8 Le SOCIETA - I TEMPI DELLA DEFINIZIONE Legale rapp.te comunica Ufficio delle Entrate rettifica e definisce la SOCIETA con accertamento parziale Data consegna PVC Entro 60 gg. FASE TRANSITORIA : PVC consegnati entro 31/12/08 definizione prorogata entro 30/06/09 Entro 30 gg. FASE TRANSITORIA : PVC consegnati entro 22/08/08 presentazione prorogata al 30/09/08 Contribuente versa entro 20 gg. dalla notifica le imposte e le sanzioni Entro 20 gg. dalla comunicazione il socio è tenuto a versare le imposte e le sanzioni In caso di mancato pagamento 41/bis ordinario Entro 30 gg. socio manifesta volontà di adesione con modello conforme Ufficio competente alla definizione entità collettive invia definizione tempestivamente anche ai soci partecipanti

9 OPPORTUNITA E CONSEGUENZE ACQUIESCENZA AI PVC NESSUN CONTRADDITTORIO SUL QUANTUM FACOLTA DI 8 RATE TRIMESTRALI 12 RATE SE > ,69 RIDUZIONE SANZIONI AD UN 1/8 DEL MINIMO DEFINIZIONE IRREVOCABILE NO FIDEIUSSIONE SUI RATEALI MANCATO PAGAMENTO = ISCRIZIONE A RUOLO

10 Gli scenari della difesa stragiudiziale ed i nuovi strumenti deflativi : LA DEFINIZIONE DEGLI INVITI Slide10

11 La definizione degli inviti L art. 27, D.L. 29 novembre 2008, n. 185, conv. con modif. con L. 28 gennaio 2009, n. 2 (cd. decreto «anti-crisi»), nell ambito del D.Lgs. 19 giugno 1997, n. 218, ha introdotto i nuovi istituti: della definizione dell invito al contraddittorio (o invito a comparire)» (commi da 1-bis a 1-quinquies dell art. 5, D.Lgs. 218/1997; della cd. «nuova» acquiescenza» (art. 15, D.Lgs. 218/1997) Slide11

12 Condizione base La condizione di base è che il contribuente deve definire senza eccezione alcuna (e senza discussioni) il primo strumento con cui l Ufficio pone a sua conoscenza l avvio dell accertamento. Fondamentale, quindi, è l esclusione reciproca che i nuovi strumenti comportano uno rispetto agli altri. Slide12

13 Ambito oggettivo La versione originale del decreto prevedeva la definizione agevolata degli inviti al contraddittorio in materia di imposte dirette ed Iva. In sede di conversione la definizione è stata estesa alle altre imposte indirette (Invim, imposta di registro, imposta sulle successioni e imposte ipotecarie). L applicazione è differenziata a seconda dell imposta : dal 1 gennaio 2009, per gli inviti relativi alle imposte dirette ed Iva (art. 27, co. 3, D.L. 185/2008); dalla data di entrata in vigore della legge di conversione ( ) per quelli relativi alle altre imposte indirette (art. 27, co. 3-bis, D.L. 185/2008, inserito in sede di conversione). Slide13

14 Applicabilità E applicabile, qualora l invito non sia preceduto da Pvc che poteva essere definito ex art. 5-bis, D.Lgs. 218/1997 ovvero, in caso di Pvc, qualora la proposta dell Ufficio si discosta, in relazione agli imponibili e/o alle imposte constatate (C.m. 16 febbraio 2009, n. 4/E). Slide14

15 Nuovo invito Il Legislatore ha integrato il contenuto dell invito al contraddittorio aggiungendo le nuove lett. c) e d) all art. 5, co. 1, e lett. b-bis) e b-ter) all art. 11, D.Lgs. 218/1997 che adesso prevede l indicazione: delle maggiori imposte, ritenute, contributi, sanzioni ed interessi dovuti nel caso di definizione dell invito stesso; dei motivi che hanno dato luogo alla determinazione delle maggiori imposte e contributi. Non solo «maggiori imposte dovute» ma anche «imposte dovute» (come nel caso dell accertamento d Ufficio per omessa presentazionedella dichiarazione) o quella di «minori crediti d imposta» (come nel caso di rettifica della dichiarazione Iva a credito che non comporti l evidenziazione di un debito d imposta). C.m. 4/E/2009, Slide15

16 A cosa punta l Agenzia? Accertamento basato essenzialmente su prove di natura presuntiva (iuris tantum) o su altri elementi comunque suscettibili di apprezzamento valutativo da parte dell Ufficio. Situazioni del genere ricorrono, tipicamente, a titolo esemplificativo, nelle seguenti ipotesi: accertamenti d ufficio, per i casi di omessa presentazione della dichiarazione, basati su presunzioni anche prive dei requisiti della gravità, precisione e concordanza; rettifiche di cui all art. 38, co. 3 e all art. 39, co. 1, lett. d), D.P.r. 29 settembre 1973, n. 600, nonché di cui all art. 54, co. 2, D.P.r. 26 ottobre 1972, n. 633, basate su presunzioni semplici; accertamenti induttivi di cui all art. 39, co. 2, D.P.r. n. 600/1973 e all art. 55, D.P.r. 633/1972; accertamenti con metodo sintetico di cui all art. 38, co. 4, D.P.r. 600/1973. ATTENZIONE!!! Con riduzione > 10 % imposta non conviene Per gli analitici puri invece conviene praticamente sempre- Slide16

17 Come aderire Il contribuente deve aderire : entro il quindicesimo giorno antecedente la data fissata per la comparizione; presentando : l apposita modulistica.» L invio potrà avvenire mediante raccomandata con ricevuta di ritorno ovvero con consegna a mano. Nel primo caso, farà fede la data del timbro dell Ufficio postale accettante; alla comunicazione deve essere allegata, oltre alla copia della carta d identità (condizione ritenuta sostanziale ai fini dell ammissibilità C.m. 55/E/2008) quietanza dell avvenuto pagamento dell unica o della prima rata (che fa fede è la data di versamento risultante al modello unificato).» Ne consegue che il perfezionamento dell adesione si ottiene anche attraverso il pagamento di tali somme (C.m. 4/E/2009) e ciò a differenza della definizione dei Pvc, per i quali il versamento segue l istanza e il cui perfezionamento si ha con la semplice comunicazione da parte del contribuente; in caso di rateizzazione (sono dovute un massimo di otto rate trimestrali di pari importo ovvero di dodici rate trimestrali se le somme dovute sono superiori ad e ,69)» non occorre la fideiussione. Slide17

18 Quali effetti? Gli effetti che si ottengono dalla definizione sono quelli propri dell accertamento con adesione «ordinario». In particolare, franchigia del 50% del reddito definito non inferiore a ,53.» No franchigia accertamenti parziali» (Studi settore, da 2006, - SI) Fanno eccezione le sanzioni, che rispetto all accertamento con adesione vengono ridotte alla metà, quindi risultano pari ad un ottavo del minimo, essendo quelle dell accertamento con adesione «ordinario» pari ad un quarto del minimo; Gli studi di settore in relazione ai periodi d imposta 2006 e successivi, per i quali viene prevista la «copertura» per congruità prevista dall art. 10, L. 8 maggio 1998, n. 146]. Slide18

19 Nuova acquiescenza Applicabile (nuovo comma 2-bis dell art. 15, D.Lgs. 218/1997) : nei casi di avviso di accertamento e di liquidazione non preceduti dall invito al contraddittorio previsto per l accertamento con adesione; nei casi in cui in cui non sia stato in precedenza consegnato verbale di constatazione definibile ai sensi dell art. 5-bis, D.Lgs. 218/1997. Per l ammissione al beneficio occorre che il contribuente : Rinunci ad impugnare l avviso di accertamento o di liquidazione emesso; Rinunci a presentare istanza di accertamento con adesione, ai sensi degli artt. 6, co. 2, e 12, co. 1, D.Lgs. 218/1997 effettui il pagamento, entro il termine di proposizione del ricorso, delle somme complessivamente dovute a titolo di tributo, interessi e sanzioni tenendo conto della riduzione della misura di queste ultime. Si applica con riferimento agli avvisi di accertamento o liquidazione emessi dagli Uffici per i quali, alla data di entrata in vigore della L. 2/2009 (29 gennaio 2009), di conversione del D.L. 185/2008, non siano scaduti i termini per la proposizione dei ricorsi (C.m. 4/E/2009). Slide19

20 PVC RIFLESSIONI OPERATIVE RIGIDITA NUOVI STRUMENTI Rappresentano strumenti di cui è difficile prevedere l effettiva convenienza nel caso concreto. INIZIATIVA Entro 30 gg. istanza Atteggiamento ufficio SI NO 1bis Notifica diretta Convenienza se l imposta verbalizzata corrisponde grosso modo a quella che potrebbe essere accertata Istanza per eliminare vizi palesi, in modo da rendere praticabile successive opportunità (sfruttare Cm 4/E/08) Accolta dall ufficio? SI Sintetici Studi settore Induttivi Se riduzione attesa > 10% NO Nuova acquiescenza ( art. 15, 2bis, D.Lgs. 218/1997) 1/8 sanzioni Sì fideiussione su rateali Non si discute quantum Definizione integrale 5bis 1/8 sanzioni No fideiussione su rateali Non si discute quantum SI NO Ufficio formula invito 1bis Definizione integrale 1/8 sanzioni No fideiussione su rateali Non si discute quantum Adesione ordinaria Discussione su quantum 1/4 sanzioni Sì fideiussione su rateali Sempre possibile ricorso, adesione ordinaria, definizione delle sole sanzioni

21 Nuova istanza di autotutela parziale su PVC Slide21

22 Prevenzione e contrasto dell evasione Anno 2009 Indirizzi operativi CIRCOLARE , n. 13/E Accertamento sintetico, contrasto alle compensazioni di crediti inesistenti, tutoraggio delle grandissime imprese, presidio per i grandi contribuenti e per le piccole e medie imprese Slide22

23 Indirizzi operativi IMPRESE DI GRANDI DIMENSIONI Ricavi >100 milioni di euro (4.000 posizioni) Attività specifica Transfer price, op.infragruppo, op.straordinarie, ecc. IMPRESE DI MEDIE DIMENSIONI ricavi tra e <100 milioni di euro (circa posizioni). ingenti oneri straordinari; ingenti oneri finanziari; elevati costi per servizi; anomale variazioni e oscillazioni di fatturato nel breve e medio periodo; presenza di significativi crediti IVA utilizzati in compensazione ovvero riportati al successivo periodo d'imposta, che appaiano particolarmente rilevanti e, in qualche modo anomali, in rapporto con i dati dichiarati e con i regimi normativi applicabili in relazione all'attività svolta; soggetti che presentino dichiarazioni con un ammontare di fatturato non coerente con l ammontare degli acquisti e della manodopera impiegata. No controlli ultimi 4 anni; Slide23

24 Indirizzi operativi IMPRESE DI MINORI DIMENSIONI E LAVORATORI AUTONOMI costante posizione IVA a credito, crescita anomala di crediti utilizzati in compensazione o chiesti a rimborso, in apparenza non giustificabili in base ai dati economici, ovvero ai regimi normativi vigenti (aliquote differenziate, esportatori abituali, ecc.); trend pluriennale dei redditi obiettivamente non plausibile, a fronte di ricavi o compensi in crescita; reiterata dichiarazione di perdite che denotano situazioni apparentemente antieconomiche; andamento decrescente, stabile o lievemente crescente dei volumi d affari e dei redditi d impresa, senza che ciò sia giustificato da situazioni negative straordinarie concernenti singoli settori a livello locale Rischio specifico di categoria. evidenti incoerenze degli indicatori gestionali relativi al lavoro (produttività per addetto, resa oraria per addetto ecc.) ovvero al magazzino (rotazione). Slide24

25 I NUOVI STUDI DI SETTORE La loro crisi in tempo di crisi Slide25

26 Gli studi di settore Secondo una prassi ormai consolidata dell Amministrazione finanziaria, gli accertamenti fondati su studi di settore ERANO normalmente motivati «per relationem» alle risultanze dello specifico studio applicato, il quale, in assenza di ulteriori supplementi probatori, diventavano, di fatto, unico elemento di motivazione. Slide26

27 Gli studi di settore Lo studio di settore non appare più legittimato a funzionare direttamente come strumento autosufficiente di accertamento Occorrono ulteriori condizioni preventive che non siano il semplice riscontro, nella dichiarazione presentata da parte del contribuente, di ricavi al di sotto di quelli conteggiati con l applicazione di GE.RI.CO. Slide27

28 Gli studi di settore Un accertamento basato sugli studi di settore non realizza un inversione piena dell onere della prova L Amministrazione finanziaria non è più sollevata dall obbligo di fornire apposita motivazione secondo le rigide disposizioni dell art. 42, D.P.R. 600/1973 Slide28

29 Valenza presuntiva degli studi L importo determinato dagli studi di settore ha il valore di presunzione relativa ed in presenza delle condizioni richieste dall articolo 10 della Legge 146 del 1998 può essere posto a base di avvisi di accertamento senza che gli uffici siano tenuti a fornire altre dimostrazioni (C. Ag. E. 58/E/2002). La posizione (SUPERATA?) dell amministrazione Costituisce presunzione grave, precisa e concordante, su cui fondare l accertamento, lo scostamento dei ricavi o compensi dichiarati rispetto a quelli attribuibili al contribuente sulla base dello studio di settore (C.Ag. E. 21/E/2004). Slide29

30 Gli studi di settore In proposito, già la C.M , n. 58, afferma, infatti, che «l'importo determinato in base agli studi di settore ha il valore di presunzione relativa ed in presenza delle condizioni richieste dall'art.10, L.146/1998, può essere, senz'altro, posto a base di eventuali avvisi di accertamento senza che gli uffici siano tenuti a fornire altre dimostrazioni in ordine alla motivazione della loro pretesa». Da ultimo anche le CC.MM. 11/2007 e 31/2007, ribadiscono tale impostazione. L alleggerimento della C.M. 5/2008 Slide30

31 Corte di Cassazione, Sez. Unite, Sentenze , nn PARAMETRI e STUDI di SETTORE PRESUNZIONI SEMPLICI VALORE del CONTRADDITORIO all INTERNO del PROCEDIMENTO Rientrano : in una procedura standardizzata di accertamento, che costituisce un sistema di presunzioni semplici, che acquistano i caratteri della gravità, della precisione della concordanza non di per sé, ma solo in base all esito del contraddittorio, che va attivato obbligatoriamente, a pena di nullità dell accertamento, con il contribuente. Tale esito, rappresentando il termine di un processo attraverso cui parametri e studi di settore vengono adeguati alla concreta realtà economica del contribuente, deve far parte della motivazione dell accertamento (e ne condiziona la congruità), nella quale vanno esposte anche le ragioni per cui le argomentazioni addotte dal contribuente a giustificazione dello scostamento dai parametri o dagli studi siano state eventualmente disattese. Nel giudizio di impugnazione dell atto di accertamento scaturito dal procedimento così illustrato il contribuente ha la più ampia facoltà di prova, anche tramite presunzioni semplici. Il giudice, inoltre, può valutare liberamente : tanto l applicabilità dei parametri o degli studi al caso concreto che va dimostrata dall Amministrazione finanziaria quanto la controprova offerta sul punto dal contribuente stesso. Slide31

32 Il massimario della Cassazione Nella relazione n. 94 dell Ufficio massimario presso la Corte di Cassazione, concernente la valenza probatoria degli strumenti presuntivi di determinazione del reddito, viene sostenuta l'illegittimità degli accertamenti basati sul solo scostamento rispetto alle risultanze derivanti dagli studi di settore. Secondo tale impostazione, sotto il profilo probatorio, l'accertamento fondato sugli studi deve essere riscontrato da ulteriori elementi, e l'atto deve contenere, nella parte motivazionale, un'adeguata replica a quanto sostenuto dal contribuente nella precedente fase di contraddittorio (in assenza di ciò, il provvedimento deve ritenersi nullo per carenza di motivazione). Slide32

33 La nota dell Agenzia Con la nota , l'agenzia delle Entrate chiarisce, nell'ambito dell'accertamento basato sugli studi di settore, i criteri per la selezione dei soggetti da sottoporre a controllo, sulla base di quanto indicato nella precedente circolare 13/2009, e gli elementi che deve possedere la motivazione dell'invito al contraddittorio. Selezione dei soggetti da sottoporre a controllo Selezione delle situazioni a maggior rischio di evasione. Assoggettabili ad accertamento i contribuenti che presentano incongruenze tra reddito complessivo e la capacità di spesa manifestata (es. sostenimento di spese per la gestione di immobili di proprietà non locati, interventi di recupero del patrimonio edilizio, spese per acquisto di immobili, possesso di autoveicoli e imbarcazioni, partecipazioni azionarie, ecc.). Motivazione dell'invito al contraddittorio La motivazione dell'invito al contraddittorio non può basarsi sul mero automatico rinvio ai risultati degli studi di settore, ma deve evidenziare che lo studio è idoneo a rappresentare la situazione normale del contribuente, anche attraverso gli elementi acquisiti nella fase istruttoria. L'ufficio deve, in ogni caso, tenere conto degli elementi probatori prodotti dal contribuente e, qualora siano fondati, adeguare la stima dello studio. Slide33

34 GLI STUDI DI SETTORE Novità operative e di prassi in tema di accertamento dopo la Circolare n. 5/E/2008 La crisi dell automatismo accertativo Slide34

35 Valenza presuntiva degli SdS (co. 23, L. 296/2006) Modifica all art. 10, c. 1, della L. 146/98: gli accertamenti sulla base degli studi di settore possono effettuarsi qualora l ammontare dei ricavi o compensi dichiarati risulti inferiore all ammontare dei ricavi o compensi determinabili mediante gli studi stessi L interpretazione del nulla è cambiato con la circolare , n.11/e Slide35

36 Finanziaria 2007 Possibile problema sul valore della presunzione Ctp di Vicenza, Sez. IV, sent. 10 luglio 2009, n. 81 «La legge Finanziaria 2007 (L. 296/2006) art. 1, co. 23, ha previsto che l accertamento basato sugli studi di settore può essere effettuato per il semplice fatto che il contribuente dichiari ricavi o compensi inferiori a quelli stabiliti attraverso Gerico legittimando così con una previsione espressa la tesi dell Agenzia delle Entrate che sostiene che non sono necessarie le gravi incongruenze, ma l accertamento può fondarsi solo sugli studi di settore. Ma se il Legislatore afferma che le gravi incongruenze sono date dallo stesso scostamento dai risultati di Gerico significa che prima non era così e che quindi gli studi da soli non giustificavano l accertamento. Si può quindi affermare che per gli accertamenti relativi alle annualità fino ad Unico 2006 (periodo d imposta 2005) gli studi di settore dovranno essere accompagnati ancora da gravi incongruenze, che devono riguardare il singolo soggetto, per giustificare l accertamento d Ufficio» Nello stesso senso si segnalano le sentenze della Ctp di Bari, 26 gennaio 2007, n. 228/08/06, della Ctp di Chieti, 20 febbraio 2008, n. 10 e della Ctp di Vicenza, 10 luglio 2009, n. 81. Slide36

37 Finanziaria 2007 (L. 296/2006) Art. 10, co. 1, L. n. 146/98 In vigore fino al In vigore dall Gli accertamenti basati sugli studi di settore, di cui all articolo 62-sexies del decreto legge 30 agosto 1993, n. 331, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, sono effettuati nei confronti dei contribuenti con periodo d imposta pari a dodici mesi e con le modalità di cui al presente articolo. 1. Gli accertamenti basati sugli studi di settore, di cui all articolo 62-sexies del decreto legge 30 agosto 1993, n. 331, convertito, con modificazioni, dalla legge 29 ottobre 1993, n. 427, sono effettuati nei confronti dei contribuenti con le modalità di cui al presente articolo qualora l ammontare dei ricavi o compensi dichiarati risulta inferiore all ammontare dei ricavi o compensi determinabili sulla base degli studi stessi. E stata modificata la norma attuativa regolamentare e non quella istitutiva (art. 62 sexies dl 331/1993), Immutata la valenza presuntiva degli studi di settore Slide37

38 L intervento della Finanziaria 2008 (co ) Ai fini dell accertamento, l Agenzia delle Entrate, ha l onere di motivare e di fornire elementi di prova per avvalorare l attribuzione di maggiori ricavi o compensi derivanti dall applicazione degli indicatori di normalità economica approvati con D.M I contribuenti che dichiarano ricavi o compensi inferiori a quelli previsti dagli indicatori non sono soggetti ad accertamenti automatici; Dai criteri selettivi per l accertamento delle imposte dirette (art. 37, DPR 600/73) (co. 253) e dell IVA (art. 51, dpr 633/72) (co. 254), sono escluse le imprese manifatturiere che lavorano conto terzi in misura non inferiore al 90%; 38 Slide38

39 La circolare 5/E/2008 Slide39

40 La circolare 5/E/2008 La stima effettuata mediante gli indicatori di normalità economica non legittima l emissione di atti di accertamento automatici, esclusivamente basati sulla stima medesima; L uso automatico non è consentito neppure per l accertamento che impiega gli studi tradizionali Per quale ragione? Il contenuto dell accertamento dipende dall esito, imprevedibile a priori, del contraddittorio. Tutto ciò vale anche con riferimento agli studi in evoluzione e, in particolare, agli indicatori previsti dal comma 13 della Legge finanziaria per il Slide40

41 La circolare 5/E/2008 Per l Agenzia rimane fermo che l accertamento può anche basarsi sull esistenza di gravi incongruenze tra i ricavi, i compensi e i corrispettivi dichiarati e quelli fondatamente desumibili dagli studi di settore elaborati ai sensi dell articolo 62-bis. Ma è l espressione fondatamente desumibili rappresenta il cardine sul quale ruota il corretto utilizzo delle stime operate dagli studi di settore nell ambito dell accertamento analitico-presuntivo. Le dette stime sono utilizzabili in quanto da esse sia fondatamente desumibile l ammontare dei ricavi, compensi e corrispettivi effettivamente conseguiti nel periodo d imposta considerato. Ciò vale ad escludere, innanzitutto, che l utilizzo possa avvenire in modo indiscriminato (o automatico ) Le stime hanno qualità di presunzione semplice qualificata e dai requisiti idonei, solo qualora le stesse siano fondatamente idonee allo scopo che si propongono, il quale consiste nel desumere da fatti noti, quello ignoto che si intende dimostrare. Slide41

42 La circolare 5/E/2008 Il fatto ignoto coincide con il quantum dei ricavi, compensi e corrispettivi effettivamente conseguiti da parte del singolo contribuente oggetto di controllo. I fatti noti sono invece rappresentati dai dati strutturali e contabili, ivi compresi i ricavi, compensi e corrispettivi, dichiarati, da un campione significativo di contribuenti che presentano forti analogie con quello controllato, selezionato in base al criterio della normalità economica. Slide42

43 La circolare 5/E/2008 La fondatezza ( o MENO) della stima dipende sostanzialmente dalle seguenti circostanze: (in) capacità del campione di rappresentare in modo adeguato le situazioni di normalità economica di una determinata realtà produttiva È quella espressa dai gruppi omogenei (cluster) individuati dagli studi di settore; (non) effettiva coincidenza della situazione del singolo contribuente con quella di normalità economica presa base per la individuazione del campione rappresentativo. La prima circostanza trova in genere adeguata dimostrazione nel percorso metodologico seguito nella elaborazione degli studi di settore, descritto nelle note tecniche allegate ai decreti di approvazione. La seconda circostanza deve invece essere di volta in volta appurata in contraddittorio, valutando attentamente le caratteristiche del singolo contribuente, valutazione e misurazione del non normale dal punto di vista economico. Slide43

44 La circolare 5/E/2008 La lieve entità e la motivazione non automatica Scostamenti di lieve entità, non devono necessariamente intendersi solo quelli che si collocano all interno del c.d. intervallo di confidenza, rientrano in tale ipotesi anche gli scostamenti inferiori al ricavo minimo di riferimento. La motivazione degli atti di accertamento basati sugli studi di settore non deve essere di regola rappresentata dal mero, automatico rinvio alle risultanze degli studi di settore, ma deve dare conto in modo esplicito delle valutazioni che, a seguito del contraddittorio con il contribuente, hanno condotto l Ufficio a ritenere fondatamente attribuibili i maggiori ricavi o compensi determinati anche tenendo conto degli indicatori di normalità. Slide44

45 La circolare 5/E/2008 La nuova motivazione dell accertamento in tre profili: assenza di elementi oggettivi che inducano a ritenere inadeguato il percorso tecnico-metodologico seguito dallo studio per giungere alla stima; correttezza della imputazione al cluster di riferimento; mancanza di cause particolari che abbiano potuto influire negativamente sul normale svolgimento dell attività, collocandolo al di sotto del livello determinato dallo studio, anche con il contributo degli indicatori di normalità. SE PRESENTI GIUSTIFICAZIONI :» La motivazione dovrà ovviamente spiegare le ragioni che hanno indotto a ritenere infondate, in tutto o in parte, le argomentazioni giustificative addotte. SE MANCATA PARTECIPAZIONE CONTRADDITTORIO :» la valutazione della affidabilità delle risultanze dello studio sarà svolta direttamente dall Ufficio sulla base degli elementi in proprio possesso (GRAVE ERRORE). Slide45

46 La gestione del contraddittorio L importanza dell attivismo procedimentale è rilevante : se il contribuente è inerte, anche rispetto al contraddittorio sollecitato dall Agenzia delle Entrate, probabilmente il risultato dello studio sarà utilizzato come tale, senza richiedere argomenti ulteriori da parte dell Ufficio. Se invece il contribuente ha messo in risalto attivamente la credibilità della sua situazione, con argomentazioni verosimili, e l Ufficio è inerte, i giudici probabilmente riterranno insufficiente lo studio di settore. Slide46

47 Motivazione e prova Nuovi profili Secondo l Amministrazione, la prova della pretesa tributaria si fonda sulla complessa attività di costruzione e approvazione degli studi, ma raggiunge la piena concretezza a seguito del contraddittorio con il contribuente soggetto al controllo. Circolare n. 58/E del 2002, la motivazione (in potenza) degli atti di accertamento basati sugli studi di settore va ricercata nell intero procedimento di approvazione dei singoli studi, Secondo il seguente schema logico:» analisi del contenuto dei questionari inviati dai contribuenti;» individuazione della funzione di regressione;» analisi della funzione regressiva da parte della Commissione degli esperti;» eventuale modifica della funzione regressiva;» parere della Commissione degli esperti;» approvazione da parte del Ministro e pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Slide47

OGGETTO: IL RILANCIO DEL REDDITOMETRO: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

OGGETTO: IL RILANCIO DEL REDDITOMETRO: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE OGGETTO: IL RILANCIO DEL REDDITOMETRO: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Nell ambito del sistema di accertamento nei confronti delle persone fisiche, trovano nuova linfa le disposizioni che definiscono

Dettagli

Commissione Studi Imposte Dirette Ordine Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Monza e Brianza

Commissione Studi Imposte Dirette Ordine Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Monza e Brianza Commissione Studi Imposte Dirette Ordine Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili Monza e Brianza VECCHIO e NUOVO REDDITOMETRO a CONFRONTO 1 LE FONTI NORMATIVE E DI PRASSI Norma primaria: art.38 DPR

Dettagli

L accertamento sintetico e il redditometro Gli accertamenti sui conti correnti bancari

L accertamento sintetico e il redditometro Gli accertamenti sui conti correnti bancari ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 20 4 AGOSTO 2011 L accertamento sintetico e il redditometro Gli accertamenti sui conti correnti

Dettagli

Consiglio di Presidenza della Giustizia Tributaria

Consiglio di Presidenza della Giustizia Tributaria Consiglio di Presidenza della Giustizia Tributaria Corso Interregionale Puglia e Basilicata Aggiornamento Professionale per i Giudici Tributari Taranto 30/31 maggio 2014 Consiglio di Presidenza della Giustizia

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento

La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento ADC ASSOCIAZIONE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI SINDACATO NAZIONALE UNITARIO SEZIONE ROMA La Manovra Estiva e le Novità in materia di Accertamento Roma, 22 ottobre 2009 ACCERTAMENTO

Dettagli

Circolare n. 6. Del 31 marzo 2014. Nuovo redditometro Ulteriori chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE

Circolare n. 6. Del 31 marzo 2014. Nuovo redditometro Ulteriori chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE Circolare n. 6 Del 31 marzo 2014 Nuovo redditometro Ulteriori chiarimenti dell Agenzia delle Entrate INDICE 1 Premessa... 2 2 Procedimento... 2 2.1 Notifica dell invito a comparire... 3 2.2 Notifica dell

Dettagli

STUDI DI SETTORE: CRITICITÀ E SOLUZIONI OPERATIVE

STUDI DI SETTORE: CRITICITÀ E SOLUZIONI OPERATIVE STUDI DI SETTORE: CRITICITÀ E SOLUZIONI OPERATIVE LA FASE PROPEDEUTICA AL CONTRADDITTORIO: LE COMUNICAZIONI DI ANOMALIA SU UNICO10 LA SEGNALAZIONE CAUSE DI INCONGRUITA' 2011 LE ANNOTAZIONI IN UNICO11 Le

Dettagli

> MISURE PARTE V CONTRO L EVASIONE 1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO) 2. GLI INTERVENTI IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE

> MISURE PARTE V CONTRO L EVASIONE 1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO) 2. GLI INTERVENTI IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE PARTE V > MISURE CONTRO L EVASIONE 1. LA COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI IVA (SPESOMETRO) Cosa comunicare Quando e come trasmettere i dati 2. GLI INTERVENTI IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE La pubblicazione

Dettagli

Gli studi di settore dopo le modifiche della manovra Monti

Gli studi di settore dopo le modifiche della manovra Monti Gli studi di settore dopo le modifiche della manovra Monti Pagina 1 di 8 Numero : -------------2012 Gruppo : STUDI DI SETTORE Oggetto : GLI STUDI DI SETTORE DOPO LA MANOVRA MONTI Norme e prassi : ART.

Dettagli

Controlli da redditometro al nastro di partenza

Controlli da redditometro al nastro di partenza COMITATO REGIONALE TOSCANO GEOMETRI Via Volturno 10/12/C - 50019 Osmannoro Sesto Fiorentino - FIRENZE Tel. 055/5002380 - Fax 055/5522399 Cod. Fiscale 80011550482 E-mail - comtoscanogeometri@libero.it Informativa

Dettagli

C.M. 25/E del 31.7.2013

C.M. 25/E del 31.7.2013 REDDITOMETRO C.M. 25/E del 31.7.2013 PREVENZIONE E CONTRASTO ALL EVASIONE - ANNO 2013 INDIRIZZI OPERATIVI Si conferma anche per il 2013 l importanza dei CONTROLLI FINALIZZATI ALLA DETERMINAZIONE SINTETICA

Dettagli

Dott. Roberto Azor Commercialista e Revisore Contabile

Dott. Roberto Azor Commercialista e Revisore Contabile Credaro (BG), 26/09/2013 Ai gentili Clienti Loro sedi Circ. 48/2013: NUOVO REDDITOMETRO PRIME INDICAZIONI OPERATIVE In questa Circolare 1. Vecchio e nuovo redditometro 2. Ricostruzione sintetica del reddito

Dettagli

05.11.2013 Vecchio redditometro: criticità irrisolte

05.11.2013 Vecchio redditometro: criticità irrisolte Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 295 05.11.2013 Vecchio redditometro: criticità irrisolte Categoria: Accertamento e riscossione Sottocategoria: Redditometro In questi mesi l Agenzia

Dettagli

NOVITA FISCALI 2009 LE MISURE ANTI-CRISI

NOVITA FISCALI 2009 LE MISURE ANTI-CRISI NOVITA FISCALI 2009 LE MISURE ANTI-CRISI Firenze 28 gennaio 2009 Pisa 29 gennaio 2009 Arezzo 2 febbraio 2009 Le novità in materia di contenzioso con il fisco L adesione agevolata ai processi verbali di

Dettagli

Studi di settore Chiarimenti sulle principali novità normative

Studi di settore Chiarimenti sulle principali novità normative n 14 del 06 aprile 2012 circolare n 272 del 05 aprile 2012 referente BERENZI/mr Studi di settore Chiarimenti sulle principali novità normative L Agenzia delle entrate ha fornito dei chiarimenti (Circolare

Dettagli

Newsletter 2013 20 del 23 Settembre 2013

Newsletter 2013 20 del 23 Settembre 2013 NUOVO REDDITOMETRO (art. 38 del DPR 600/73 e DM 24.12.2012) COME FUNZIONA? Newsletter 2013 20 del 23 Settembre 2013 Che cos è e quali sono i Riferimenti Normativi? L art. 38 del DPR 600/73 stabilisce che

Dettagli

L utilizzo dei dati finanziari nell ambito dell accertamento sintetico

L utilizzo dei dati finanziari nell ambito dell accertamento sintetico L utilizzo dei dati finanziari nell ambito dell accertamento sintetico Sommario: Premessa - 1. Valenza probatoria degli elementi acquisiti con le indagini finanziarie ai fini dell accertamento sintetico

Dettagli

La manovra correttiva contemplata dal D.L. n. 78/2010 tra le altre disposizioni prevede la

La manovra correttiva contemplata dal D.L. n. 78/2010 tra le altre disposizioni prevede la CONVEGNO 7/5/2011 - RELAZIONE DR. CARLO PESSINA La manovra correttiva contemplata dal D.L. n. 78/2010 tra le altre disposizioni prevede la riformulazione, con decorrenza dal periodo d imposta 2009, delle

Dettagli

Dottore Commercialista Revisore Contabile

Dottore Commercialista Revisore Contabile LE COMUNICAZIONI DI IRREGOLARITA': DISCIPLINA E POSSIBILI SOLUZIONI A FAVORE DEL CONTRIBUENTE a cura del Dott. Vito e in Bitonto (BA) Le comunicazioni derivanti dai controlli automatici e dai controlli

Dettagli

Accertamento sintetico e redditometro

Accertamento sintetico e redditometro Accertamento sintetico e redditometro di Leda Rita Corrado (*) L accertamento dei redditi delle persone fisiche: metodo analitico versus metodo sintetico. L accertamento dei redditi delle persone fisiche

Dettagli

Accertamenti e Controlli 2011

Accertamenti e Controlli 2011 Accertamenti e Controlli 2011 Manovra estiva 2010 D.L. n. 78/2010 Manovre estive 2011 D.L. n. 70/2011 D.L. n. 98/2011 D.L. n. 138/2011 28 SETTEMBRE 2011 Avv. Giampaolo Foresi ACCERTAMENTO SINTETICO (Art.

Dettagli

MASTER IN DIFESA TRIBUTARIA E ASSISTENZA AL CONTRIBUENTE Presunzioni e onere della prova

MASTER IN DIFESA TRIBUTARIA E ASSISTENZA AL CONTRIBUENTE Presunzioni e onere della prova S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO MASTER IN DIFESA TRIBUTARIA E ASSISTENZA AL CONTRIBUENTE Presunzioni e onere della prova Paolo Brecciaroli V. Presidente di Sezione Commissione Tributaria

Dettagli

Indagini finanziarie: l ambito applicativo

Indagini finanziarie: l ambito applicativo Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 83 14.03.2013 Indagini finanziarie: l ambito applicativo Categoria: Accertamento e riscossione Sottocategoria: Indagini finanziarie In tema di

Dettagli

Contenuto del processo verbale di constatazione

Contenuto del processo verbale di constatazione 35 PROCESSO VERBALE DI CONSTATAZIONE DPR 633/72 52 Prassi C.M. 7.5.97 n. 124 Giurisprudenza Cass. 9.6.90 n. 5628; Cass. 17.12.94 n. 10855; Cass. 2.11.2005 n. 21265; Cass. 10.2.2006 n. 2949 1 PREMESSA La

Dettagli

Studi di settore: come difendersi

Studi di settore: come difendersi Studi di settore: come difendersi di Roberto Moscati * ed Isidoro Volo * L articolo offre alcune indicazioni utili per la difesa del contribuente incongruo agli studi di settore: vantaggi e svantaggi dell

Dettagli

LA COMPILAZIONE DEGLI STUDI DI SETTORE : ALCUNI PUNTI IMPORTANTI DOPO LE MODIFICHE INTRODOTTE DALLE RECENTI NORMATIVE

LA COMPILAZIONE DEGLI STUDI DI SETTORE : ALCUNI PUNTI IMPORTANTI DOPO LE MODIFICHE INTRODOTTE DALLE RECENTI NORMATIVE LA COMPILAZIONE DEGLI STUDI DI SETTORE : ALCUNI PUNTI IMPORTANTI DOPO LE MODIFICHE INTRODOTTE DALLE RECENTI NORMATIVE Premessa generale Lo strumento degli Studi di settore è stato oggetto di numerose modifiche

Dettagli

Redditometro: si intensificano gli indici per valutare il reddito presunto

Redditometro: si intensificano gli indici per valutare il reddito presunto Informativa per i clienti dello studio 16 Febbraio 2010 Ai gentili clienti Loro sedi Redditometro: si intensificano gli indici per valutare il reddito presunto Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO TASSE E REGIMI FISCALI L ACCERTAMENTO FISCALE E AGLI STRUMENTI DI DIFESA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO TASSE E REGIMI FISCALI L ACCERTAMENTO FISCALE E AGLI STRUMENTI DI DIFESA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO TASSE E REGIMI FISCALI L ACCERTAMENTO FISCALE E AGLI STRUMENTI DI DIFESA A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO 1. Natura dell avviso di accertamento...3

Dettagli

Università La Sapienza di Roma

Università La Sapienza di Roma Università La Sapienza di Roma L attività istruttoria tributaria. Accertamento e Processo Prof.ssa Rossella Miceli A cura di: Prof.ssa Rossella Miceli L attività istruttoria tributaria. I PARTE 1 Poteri

Dettagli

Accertamento immobiliare: la rilevanza del fattore prezzo

Accertamento immobiliare: la rilevanza del fattore prezzo Approfondimenti e procedure Accertamento immobiliare: la rilevanza del fattore prezzo di Carlo Motta* e Luca Bilancini** La giurisprudenza più recente ha portato alla luce, ancora una volta, la problematica

Dettagli

D.ssa Silvia Bresciani Dr Claudio Pedrazzani

D.ssa Silvia Bresciani Dr Claudio Pedrazzani Consulenza fiscale, amministrativa e societaria P.le Martesana, 10-20128 Milano - Tel. (02) 2552761 r.a. - Fax. (02) 2552692 E MAIL studio.professionale@apiesse.com www.apiesse.com Via Della Valle, 46B

Dettagli

Indagini finanziarie e vizi dell avviso di accertamento

Indagini finanziarie e vizi dell avviso di accertamento Indagini finanziarie e vizi dell avviso di accertamento Come Come operano le le presunzioni previste dall art. dall art. 32 32 del del dpr dpr 600 600 e dall art. dall art. 51 51 del del dpr dpr 633? 633?

Dettagli

Circolare n. 17-2010. Milano, 21 Settembre 2010. Egregi Signori Clienti. Loro indirizzi. Il Fisco usa la diligenza del buon padre di famiglia.

Circolare n. 17-2010. Milano, 21 Settembre 2010. Egregi Signori Clienti. Loro indirizzi. Il Fisco usa la diligenza del buon padre di famiglia. Milano, 21 Settembre 2010 Egregi Signori Clienti Loro indirizzi Circolare n. 17-2010 Redditometro ed indagini finanziarie Il Fisco usa la diligenza del buon padre di famiglia. Per essere diligenti, non

Dettagli

Redditometro e UNICO 2010

Redditometro e UNICO 2010 Redditometro e UNICO 2010 a cura di Antonio Gigliotti Fiscal Focus 1 INDICE 1. Nuovo strumento di accertamento per le persone fisiche pag. 3 2. Il funzionamento pag. 19 3. Caso operativo pag. 29 4. L incidenza

Dettagli

ACCERTAMENTO. Sentenza CTR Lombardia n. 1/08/13 Indagini finanziarie. Sentenza CTR Lombardia n. 26/50/2013 Accertamento integrativo

ACCERTAMENTO. Sentenza CTR Lombardia n. 1/08/13 Indagini finanziarie. Sentenza CTR Lombardia n. 26/50/2013 Accertamento integrativo INFORMATIVA N. 083 26 MARZO 2013 07 Accertamento bancario e indicazione del beneficiario del prelievo Sentenza CTP Teramo n. 66/01/12 Studi di settore e società in perdita per 2 esercizi consecutivi Sentenza

Dettagli

L ACCERTAMENTO SINTETICO Il confronto tra il vecchio e il nuovo strumento

L ACCERTAMENTO SINTETICO Il confronto tra il vecchio e il nuovo strumento L ACCERTAMENTO SINTETICO Il confronto tra il vecchio e il nuovo strumento prof. avv. Paola ROSSI Professore associato Università del Sannio Ricercatore area fiscale IRDCEC Diretta 15 novembre 2010 Diretta,

Dettagli

Il redditometro: dalla teoria alla pratica

Il redditometro: dalla teoria alla pratica Circolare n. 1/2011 Il redditometro: dalla teoria alla pratica Il presente documento è stato redatto dai seguenti membri della Commissione: Andrea Grassedonio (Presidente) Stefano Battaglia Piercarlo Bausola

Dettagli

Informativa n. 33 INDICE. del 28 settembre 2010

Informativa n. 33 INDICE. del 28 settembre 2010 Informativa n. 33 del 28 settembre 2010 La manovra correttiva (DL 31.5.2010 n. 78 convertito nella L. 30.7.2010 n. 122) - Novità in materia di accertamento sintetico del reddito delle persone fisiche (c.d.

Dettagli

PROSPETTO DELLE SOCIETÀ DI COMODO. Dott. Enrico ZANETTI

PROSPETTO DELLE SOCIETÀ DI COMODO. Dott. Enrico ZANETTI PROSPETTO DELLE SOCIETÀ DI COMODO Dott. Enrico ZANETTI Lavoro autonomo, impresa e altre criticità delle dichiarazioni dei redditi PROFILI INTRODUTTIVI PROSPETTO NEL QUADRO RF 2 AMBITO DI APPLICAZIONE ESCLUSIONE

Dettagli

SPESOMETRO E REDDITOMETRO FIRENZE 19 FEBBRAIO 2013

SPESOMETRO E REDDITOMETRO FIRENZE 19 FEBBRAIO 2013 SPESOMETRO E REDDITOMETRO FIRENZE 19 FEBBRAIO 2013 1 2 Il redditometro: cos è? Viene chiamata redditometro la tassazione della persona fisica in base ad indici di ricchezza, la cui disponibilità è considerata

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili (TASI)

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili (TASI) COMUNE di MARRADI CITTA METROPOLITANA DI FIRENZE Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili (TASI) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 50 del 22.07.2015 INDICE ART.

Dettagli

Liquidazione della dichiarazione. c.d. controlli automatici

Liquidazione della dichiarazione. c.d. controlli automatici Liquidazione della dichiarazione c.d. controlli automatici Art. 36 bis del D.P.R. 600/73 Co. 1. Avvalendosi di procedure automatizzate, l'amministrazione finanziaria procede, entro l'inizio del periodo

Dettagli

NUOVI MINIMI (ART. 1, COMMI DA 96 A 117, LEGGE 244/2007 + ART. 27, COMMA 2, DL 98/2011)

NUOVI MINIMI (ART. 1, COMMI DA 96 A 117, LEGGE 244/2007 + ART. 27, COMMA 2, DL 98/2011) DL 98/2011 CONVERTITO NELLA LEGGE 111/2011 MANOVRA DI LUGLIO REGIMI FISCALI AGEVOLATI NUOVI MINIMI (ART. 1, COMMI DA 96 A 117, LEGGE 244/2007 + ART. 27, COMMA 2, DL 98/2011) Il nuovo regime dei contribuenti

Dettagli

REDDITOMETRO. Introduzione

REDDITOMETRO. Introduzione REDDITOMETRO di Sonia Pucci - Dottore Commercialista - Studio CMNP Il D.L. 78/2010 ha modificato in modo significativo l art. 38 del D.P.R. 600/1973, introducendo una nuova modalità di accertamento sintetico,

Dettagli

Le novità fiscali introdotte dai D.L. nn.. 70, 98 e 138 del 2011

Le novità fiscali introdotte dai D.L. nn.. 70, 98 e 138 del 2011 Le novità fiscali introdotte dai D.L. nn.. 70, 98 e 138 del 2011 1 ACCERTAMENTO ESECUTIVO RISCOSSIONE PROVVISORIA 2 Accertamento esecutivo Art. 29 D.L. n. 78/2010 Gli avvisi di accertamento, i connessi

Dettagli

Studi di settore e difesa del contribuente. Indice. Parma, 23 maggio 2011

Studi di settore e difesa del contribuente. Indice. Parma, 23 maggio 2011 Studi di settore e difesa del contribuente Parma, 23 maggio 2011 Indice Nuovi adempimenti e divieti - a cura di Matteo Balzanelli 3 Aspetti operativi degli studi di settore - a cura di Giacomo Manzana

Dettagli

Informativa Fiscale del Comitato Regionale Toscano Geometri A cura di Maurizio Consonni. Redditometro:

Informativa Fiscale del Comitato Regionale Toscano Geometri A cura di Maurizio Consonni. Redditometro: COMITATO REGIONALE TOSCANO GEOMETRI Via Volturno 10/12/C - 50019 Osmannoro - Sesto Fiorentino - FIRENZE Tel. 055/5002380 - Fax 055/5522399 Cod. Fiscale 80011550482 E-mail - comtoscanogeometri @libero.it

Dettagli

IL NUOVO REDDITOMETRO E IL REDDITEST D.L. del 24 dicembre 2012

IL NUOVO REDDITOMETRO E IL REDDITEST D.L. del 24 dicembre 2012 IL NUOVO REDDITOMETRO E IL REDDITEST D.L. del 24 dicembre 2012 TORINO 4-5 FEBBRAIO 2013 DOTTORI COMMERCIALISTI E CONSULENTI DEL LAVORO TORINO CORSO MATTEOTTI 44 TEL. 011 5623588 (3 LINEE R.A.) fax 011

Dettagli

Gli effetti della variazione del tasso di interesse legale dal 1 gennaio 2012

Gli effetti della variazione del tasso di interesse legale dal 1 gennaio 2012 Focus di pratica professionale di Fabio Colombo Gli effetti della variazione del tasso di interesse legale dal 1 gennaio 2012 Con il D.M. del 12.12.2011 è stato previsto che, a far data dall'1.01.2012,

Dettagli

PROFILI APPLICATIVI DELL ACCERTAMENTO SINTETICO: CASI PRATICI. a cura di Antonio Lofari Capo Area Accertamento Direzione Provinciale di Piacenza

PROFILI APPLICATIVI DELL ACCERTAMENTO SINTETICO: CASI PRATICI. a cura di Antonio Lofari Capo Area Accertamento Direzione Provinciale di Piacenza PROFILI APPLICATIVI DELL ACCERTAMENTO SINTETICO: CASI PRATICI a cura di Antonio Lofari Capo Area Accertamento Direzione Provinciale di Piacenza REDDITOMETRO I decreti ministeriali del 1992 individuano

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CRITERI PER LA SELEZIONE DEI SOGGETTI... 5 3. SEGNALAZIONI CENTRALIZZATE PER LA SELEZIONE... 7

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CRITERI PER LA SELEZIONE DEI SOGGETTI... 5 3. SEGNALAZIONI CENTRALIZZATE PER LA SELEZIONE... 7 CIRCOLARE n. 49/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 9 agosto 2007 Allegati due OGGETTO: Accertamento del reddito complessivo netto delle persone fisiche determinato sinteticamente ai sensi dell art.

Dettagli

ACCERTAMENTO Mancata allegazione autorizzazione indagine bancaria

ACCERTAMENTO Mancata allegazione autorizzazione indagine bancaria INFORMATIVA N. 049 21 FEBBRAIO 2012 04 ACCERTAMENTO Mancata allegazione autorizzazione indagine bancaria Sentenza CTR Liguria n. 85/2011 Studi di settore e presenza di concorrenti nelle zone circostanti

Dettagli

CIRCOLARE N. 29 /E Roma, 18 giugno 2009. OGGETTO: Studi di settore. Periodo d'imposta 2008.

CIRCOLARE N. 29 /E Roma, 18 giugno 2009. OGGETTO: Studi di settore. Periodo d'imposta 2008. Direzione Centrale Accertamento CIRCOLARE N. 29 /E Roma, 18 giugno 2009 OGGETTO: Studi di settore. Periodo d'imposta 2008. 1. Premessa... 3 2. Le novità normative degli studi di settore per il 2009...

Dettagli

REDDITOMETRO: AGGIORNATI I COEFFICIENTI PER IL BIENNIO 2008-2009

REDDITOMETRO: AGGIORNATI I COEFFICIENTI PER IL BIENNIO 2008-2009 Circolare N. 39 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 26 maggio 2009 REDDITOMETRO: AGGIORNATI I COEFFICIENTI PER IL BIENNIO 2008-2009 Il redditometro è uno strumento di determinazione induttiva (presuntiva)

Dettagli

CAPO I PRINCIPI GENERALI. ART. 1 Finalità della definizione dell accertamento con adesione

CAPO I PRINCIPI GENERALI. ART. 1 Finalità della definizione dell accertamento con adesione REGOLAMENTO IN MATERIA DI DEFINIZIONE DELL ACCERTAMENTO DEI TRIBUTI LOCALI CON ADESIONE DEL CONTRIBUENTE E SUO RAVVEDIMENTO PER ULTERIORI PERIODI D'IMPOSTA. CAPO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 Finalità della

Dettagli

Studi settore: disponibile elenco cause giustificative non congruità per dichiarazione e per attestazioni intermediari

Studi settore: disponibile elenco cause giustificative non congruità per dichiarazione e per attestazioni intermediari Settore Comunicazione Istituzionale Ufficio Stampa COMUNICATO STAMPA Studi settore: disponibile elenco cause giustificative non congruità per dichiarazione e per attestazioni intermediari Arriva il vademecum

Dettagli

Studi di settore: evoluzione normativa 2011-2012

Studi di settore: evoluzione normativa 2011-2012 N. 17 del 03.05.2012 Le Daily News A cura di Edoardo Martini Studi di settore: evoluzione normativa 2011-2012 Nel corso del 2011 vi sono stati numerosi interventi normativi in materia di studi di settore,

Dettagli

Circolare n. 7. Indice. 1 Premessa... 2. 2 Finalità... 2. 3 Condizioni soggettive... 2. 4 Condizioni oggettive... 3. 5 Aspetti operativi...

Circolare n. 7. Indice. 1 Premessa... 2. 2 Finalità... 2. 3 Condizioni soggettive... 2. 4 Condizioni oggettive... 3. 5 Aspetti operativi... Circolare n. 7 La rivalutazione del costo o valore d acquisto delle partecipazioni non quotate (Art. 2, comma 229, Legge 23.12.2009, n. 191) Indice 1 Premessa... 2 2 Finalità... 2 3 Condizioni soggettive...

Dettagli

LA DISCIPLINA FISCALE NEL SETTORE IMMOBILIARE

LA DISCIPLINA FISCALE NEL SETTORE IMMOBILIARE LA DISCIPLINA FISCALE NEL SETTORE IMMOBILIARE Le procedure di controllo ed accertamento basate sul valore normale degli immobili a cura di avv. Maurangelo Rana Milano, 26 novembre 2008 PREMESSA Il D.L.

Dettagli

OGGETTO: D.L. 6/7/2011 n. 98 convertito nella L. 15/7/2011 n. 111 (c.d. manovra correttiva ) - Novità fiscali

OGGETTO: D.L. 6/7/2011 n. 98 convertito nella L. 15/7/2011 n. 111 (c.d. manovra correttiva ) - Novità fiscali Dott. Carlo Agosta Dott. Enrico Pogolotti Dott. Davide Mancardo Dott.ssa Stefania Neirotti Torino, lì 1 agosto 2011 Circolare n. 16/2011 OGGETTO: D.L. 6/7/2011 n. 98 convertito nella L. 15/7/2011 n. 111

Dettagli

NOVITA IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE. NUOVE IPOTESI DI ACCERTAMENTO INDUTTIVO. Luca Mariotti Dottore Commercialista www.mcpstudio.

NOVITA IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE. NUOVE IPOTESI DI ACCERTAMENTO INDUTTIVO. Luca Mariotti Dottore Commercialista www.mcpstudio. NOVITA IN MATERIA DI STUDI DI SETTORE. NUOVE IPOTESI DI ACCERTAMENTO INDUTTIVO Luca Mariotti Dottore Commercialista www.mcpstudio.it D.L. 30 agosto 1993, n. 331. (Gazz. Uff. n. 203 del 30 agosto 1993).

Dettagli

> misure. parte v. contro L evasione. 1. LA comunicazione delle operazioni iva (spesometro) 2. ALtre disposizioni. 3. il nuovo redditometro

> misure. parte v. contro L evasione. 1. LA comunicazione delle operazioni iva (spesometro) 2. ALtre disposizioni. 3. il nuovo redditometro parte v > misure contro L evasione 1. LA comunicazione delle operazioni iva (spesometro) Cosa comunicare Quando e come trasmettere i dati 2. ALtre disposizioni Limiti all uso del denaro contante La comunicazione

Dettagli

FATTO E DIRITTO MOTIVI DELL APPELLO

FATTO E DIRITTO MOTIVI DELL APPELLO Commissione tributaria regionale Emilia Romagna, sez. XX, 19 agosto 2011, n. 75 FATTO E DIRITTO L Agenzia delle Entrate di Guastalla appella la sentenza n 55/01/08 con cui la Commissione Tributaria Provinciale

Dettagli

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ

FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n. 3/2013 del 31 gennaio 2013 FATTURAZIONE e REGISTRAZIONE delle OPERAZIONI EFFETTUATE dal 1 GENNAIO 2013 NOVITÀ In questa Circolare 1. Normativa Iva nazionale Novità

Dettagli

I NUOVI ELENCHI CLIENTI / FORNITORI E I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

I NUOVI ELENCHI CLIENTI / FORNITORI E I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE INFORMATIVA N. 133 01 GIUGNO 2011 IVA I NUOVI ELENCHI CLIENTI / FORNITORI E I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Art. 21, DL n. 78/2010 Provvedimenti Agenzia Entrate 22.12.2010 e 14.4.2011 Circolare

Dettagli

Milano, 18 settembre 2010

Milano, 18 settembre 2010 !!" " # " " # # # Milano, 18 settembre 2010 A tutti i Clienti, Loro sedi Circolare n. 24/2010: Manovra correttiva Novità in materia di immobili e fondi immobiliari $%&$&" '!( )*+',( %+-.+//%0/-,12304%$.0/++/512304%$.06&&-#

Dettagli

Incontro Studio 23 ottobre 2012. dott. Alvise Bullo

Incontro Studio 23 ottobre 2012. dott. Alvise Bullo Incontro Studio 23 ottobre 2012 RIMINI LA DIFESA DA:INDAGINI FINANZIARIE: RICORSO,APPELLO, CASI PRATICI. dott. Alvise Bullo Ordine dei Dottori Commercialisti EC di Venezia Docente SSEF Pubblicista & Convegnista

Dettagli

REGIME DEI MINIMI: LE RISPOSTE DELL AGENZIA

REGIME DEI MINIMI: LE RISPOSTE DELL AGENZIA APPROFONDIMENTI 12 febbraio 2008 Copyright 2000-2006 Wolters Kluwer Italia. Riproduzione Vietata. REGIME DEI MINIMI: LE RISPOSTE DELL AGENZIA di Annibale Dodero tratto da IPSOA, Corriere Tributario, n.

Dettagli

LE MANOVRE DELL ANNO 2012. Riassunto delle principali novità introdotte nel corso del 2012.

LE MANOVRE DELL ANNO 2012. Riassunto delle principali novità introdotte nel corso del 2012. Milano, 28 gennaio 2013 LE MANOVRE DELL ANNO 2012 Riassunto delle principali novità introdotte nel corso del 2012. D.L. 16 del 02/03/2012, convertito in Legge 26/04/2012 n. 44 Deducibilità dei costi periodici

Dettagli

Fiscalità Edilizia. SPLIT PAYMENT: -Le regole per la compensazione o il rimborso del credito IVA-

Fiscalità Edilizia. SPLIT PAYMENT: -Le regole per la compensazione o il rimborso del credito IVA- Fiscalità Edilizia SPLIT PAYMENT: -Le regole per la compensazione o il rimborso del credito IVA- Marzo 2015 INDICE Premessa... 3 Compensazione credito IVA... 3 Rimborsi IVA Le nuove regole dal 2015...

Dettagli

LE INDAGINI FINANZIARIE E L ANAGRAFE RAPPORTI/OPERAZIONI

LE INDAGINI FINANZIARIE E L ANAGRAFE RAPPORTI/OPERAZIONI 3 modulo LE INDAGINI FINANZIARIE E L ANAGRAFE RAPPORTI/OPERAZIONI a cura del Dott. Giovanni Barbato I NUOVI ACCERTAMENTI BANCARI ALLA LUCE DELLA FINANZIARIA 2005 Il riferimento normativo (legge 311/2004)

Dettagli

Finanziaria 2005: la valenza presuntiva dei prelevamenti ingiustificati dai conti. correnti nell accertamento del reddito dei lavoratori autonomi

Finanziaria 2005: la valenza presuntiva dei prelevamenti ingiustificati dai conti. correnti nell accertamento del reddito dei lavoratori autonomi Finanziaria 2005: la valenza presuntiva dei prelevamenti ingiustificati dai conti correnti nell accertamento del reddito dei lavoratori autonomi di Giuseppe Marino, avvocato tributarista in Roma 1. Premessa.

Dettagli

Auto aziendali Disciplina Fiscale

Auto aziendali Disciplina Fiscale Auto aziendali Disciplina Fiscale Milano, 1.4.2007 Novità in materia di veicoli RIFERIMENTI NORMATIVI CO. 5/6-TER ART. 36 DL 223/2006 CO. 71/72 ART. 2 DL 262/2006 MODIFICA ART. 102 DEL TUIR ESCLUSIONE

Dettagli

C i r c o l a r e d e l 2 3 a p r i l e 2 0 1 2 P a g. 1 di 7. Decreto Semplificazioni Fiscali

C i r c o l a r e d e l 2 3 a p r i l e 2 0 1 2 P a g. 1 di 7. Decreto Semplificazioni Fiscali C i r c o l a r e d e l 2 3 a p r i l e 2 0 1 2 P a g. 1 di 7 Circolare Numero 12/2012 Oggetto Decreto Legge sulle semplificazioni fiscali (D.L. 02 marzo 2012 n. 16) Sommario Decreto Semplificazioni Fiscali

Dettagli

IL NUOVO REGIME FORFETARIO, LA RETTIFICA DELLA DETRAZIONE IVA E IL MOD. IVA 2015

IL NUOVO REGIME FORFETARIO, LA RETTIFICA DELLA DETRAZIONE IVA E IL MOD. IVA 2015 INFORMATIVA N. 073 09 MARZO 2015 IVA IL NUOVO REGIME FORFETARIO, LA RETTIFICA DELLA DETRAZIONE IVA E IL MOD. IVA 2015 Art. 1, commi da 54 a 89, Finanziaria 2015 Art. 19-bis2, DPR n. 633/72 Circolare Agenzia

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE Provincia di Treviso Via Roma 2 31010 Cimadolmo c.f. 80012110260 p.iva 00874820269 Area finanziaria amministrativa SERVIZIO TRIBUTI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Approvato

Dettagli

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE E DELL AUTOTUTELA AMMINISTRATIVA

COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE E DELL AUTOTUTELA AMMINISTRATIVA COMUNE DI CARUGATE Provincia di Milano REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISTITUTO DELL ACCERTAMENTO CON ADESIONE E DELL AUTOTUTELA AMMINISTRATIVA Approvato con delibera di C.C. n. 10 del 10.02.1999 INDICE

Dettagli

Scheda di raccolta dati redditometro www.studiocavallari.it

Scheda di raccolta dati redditometro www.studiocavallari.it Scheda di raccolta dati redditometro www.studiocavallari.it Nel 2009, rispetto all'anno precedente, gli accertamenti sintetici sono aumentati dell'81%, facendo registrare una maggiore imposta accertata

Dettagli

CREDITI d IMPOSTA COMPENSAZIONE e VISTO di CONFORMITÀ

CREDITI d IMPOSTA COMPENSAZIONE e VISTO di CONFORMITÀ Circolare informativa per la clientela n. 23/2014 del 17 luglio 2014 CREDITI d IMPOSTA COMPENSAZIONE e VISTO di CONFORMITÀ In questa Circolare 1. Iva 2. Altre imposte In linea generale, i crediti che trovano

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DELL ACCERTAMENTO DEI TRIBUTI LOCALI CON ADESIONE DEL CONTRIBUENTE

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DELL ACCERTAMENTO DEI TRIBUTI LOCALI CON ADESIONE DEL CONTRIBUENTE COMUNE DI SCHIO Settore 03 Amministrativo Finanziario Tributi e Controlli Servizio Tributi Contenzioso e Federalismo Fiscale REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DELL ACCERTAMENTO DEI TRIBUTI LOCALI CON ADESIONE

Dettagli

AVVISO DI ACCERTAMENTO n. (Omissis) IVA + IRPEF + IRAP 2003

AVVISO DI ACCERTAMENTO n. (Omissis) IVA + IRPEF + IRAP 2003 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO COMMISSIONE TRIBUTARIA REGIONALE DI GENOVA DODICESIMA SEZIONE riunita con l'intervento dei Signori: Varalli Domenico - Presidente Teppati Lodovico - Relatore

Dettagli

I Pareri della Fondazione Studi

I Pareri della Fondazione Studi ANNO 2014 NUMERO 4 I Pareri della Fondazione Studi n.4 del 13.10.2014 ACCERTAMENTI BANCARI: I PRELIEVI NON SONO MAGGIOR REDDITO La Consulta mette un freno alle presunzioni di maggior reddito sui prelevamenti

Dettagli

LE SOCIETÀ DI COMODO NEL MODELLO UNICO 2015

LE SOCIETÀ DI COMODO NEL MODELLO UNICO 2015 S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO LE SOCIETÀ DI COMODO NEL MODELLO UNICO 2015 a cura di Gian Paolo Ranocchi 25 maggio 2015 - MILANO SOCIETÀ DI COMODO I PROBLEMI I problemi per le società non

Dettagli

COME RIMEDIARE A ERRORI E DIMENTICANZE: IL RAVVEDIMENTO

COME RIMEDIARE A ERRORI E DIMENTICANZE: IL RAVVEDIMENTO COME RIMEDIARE A ERRORI E DIMENTICANZE: IL RAVVEDIMENTO Gli aggiornamenti più recenti ravvedimento con versamenti insufficienti versamento con il modello F24 Elide aggiornamento agosto 2014 DICHIARAZIONE

Dettagli

La voluntary disclosure

La voluntary disclosure News per i Clienti dello studio N. 61 del 23 Aprile 2014 Ai gentili clienti Loro sedi La voluntary disclosure Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che l Agenzia delle Entrate, con la

Dettagli

RISOLUZIONE N. 97/E. OGGETTO: Regime IVA dell'attività di banca depositaria - Servizi di controllo e di sorveglianza

RISOLUZIONE N. 97/E. OGGETTO: Regime IVA dell'attività di banca depositaria - Servizi di controllo e di sorveglianza RISOLUZIONE N. 97/E Roma, 17 dicembre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Regime IVA dell'attività di banca depositaria - Servizi di controllo e di sorveglianza Con la richiesta di consulenza giuridica

Dettagli

OGGETTO: Movimentazioni bancarie non giustificate

OGGETTO: Movimentazioni bancarie non giustificate Informativa per la clientela di studio N. 83 del 13.07.2011 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Movimentazioni bancarie non giustificate Gentile cliente, con la stesura del presente documento informativo

Dettagli

IL NUOVO REDDITOMETRO

IL NUOVO REDDITOMETRO IL NUOVO REDDITOMETRO Dott. Fabrizio SCOSSA LODOVICO Modena, 10 maggio 2013 FONTI NORMATIVE Articolo 22 Decreto Legge 78/2010 Articolo 38 D.P.R. 600/73 (come modificato dal D.L. 78/2010) D.M. 24 dicembre

Dettagli

COMUNE DI S. GIORGIO DI NOGARO Provincia di Udine

COMUNE DI S. GIORGIO DI NOGARO Provincia di Udine COMUNE DI S. GIORGIO DI NOGARO Provincia di Udine REGOLAMENTO COMUNALE per l applicazione dell istituto dell ACCERTAMENTO CON ADESIONE e dell AUTOTUTELA AMMINISTRATIVA Approvato con deliberazione C.C.

Dettagli

LE NOVITA DEL PERIODO (FISCO, BILANCIO E SOCIETA ) DALL 1 AL 7 MARZO 2008. Sintesi della legislazione, della prassi e della giurisprudenza

LE NOVITA DEL PERIODO (FISCO, BILANCIO E SOCIETA ) DALL 1 AL 7 MARZO 2008. Sintesi della legislazione, della prassi e della giurisprudenza LE NOVITA DEL PERIODO (FISCO, BILANCIO E SOCIETA ) DALL 1 AL 7 MARZO 2008 Sintesi della legislazione, della prassi e della giurisprudenza LEGISLAZIONE Reverse charge Si ricorda che, per effetto dell articolo

Dettagli

COMUNE DI ALBAIRATE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC -

COMUNE DI ALBAIRATE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC - COMUNE DI ALBAIRATE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC - Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 27 del 05/09/2014 INDICE PARTE PRIMA Disciplina generale della IUC PARTE

Dettagli

REGIMI CONTABILI E ASPETTI FISCALI DEL REDDITO PROFESSIONALE

REGIMI CONTABILI E ASPETTI FISCALI DEL REDDITO PROFESSIONALE REGIMI CONTABILI E ASPETTI FISCALI DEL REDDITO PROFESSIONALE Dott. Alberto Perani Dott. Chiara Cesari 1 Regimi adottabili: I REGIMI CONTABILI PER PROFESSIONISTI 1) Contabilità semplificata 2) Contabilità

Dettagli

Principi generali del reddito di impresa

Principi generali del reddito di impresa Principi generali del reddito di impresa 1 I principi generali Relazione tra bilancio civilistico e reddito d impresa Art. 83 del T.U.I.R. Determinazione del reddito complessivo Il reddito complessivo

Dettagli

Strumenti alternativi al contenzioso tributario

Strumenti alternativi al contenzioso tributario Copyright Fantozzi & Associati 2006 AVV. EDOARDO BELLI CONTARINI Strumenti alternativi al contenzioso tributario Roma Milano Bologna Lugano (CH) Via Sicilia, 66 00187 Roma TEL. +39 06 42 00 611 TELEFAX

Dettagli

Come funzionano gli eventi live

Come funzionano gli eventi live Come funzionano gli eventi live 1) Se ti sei prenotato ad un evento live riceverai entro le ore 24,00 del giorno prima i materiali (slides ed eventuali tools) del corso. 2) Negli eventi interattivi con

Dettagli

CONTRATTO di LEASING NOVITÀ del DECRETO SEMPLIFICAZIONI

CONTRATTO di LEASING NOVITÀ del DECRETO SEMPLIFICAZIONI Circolare informativa per la clientela n. 19/2012 del 7 giugno 2012 CONTRATTO di LEASING NOVITÀ del DECRETO SEMPLIFICAZIONI In questa Circolare 1. Imposte sui redditi 2. Irap 3. Iva 4. Altre imposte indirette

Dettagli

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE QUINTA Sentenza 17 GENNAIO 2014, n. 841

SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE QUINTA Sentenza 17 GENNAIO 2014, n. 841 SUPREMA CORTE DI CASSAZIONE SEZIONE QUINTA Sentenza 17 GENNAIO 2014, n. 841 Svolgimento del processo In data 26 marzo 1992 decedeva, A.B.. L eredità era devoluta alla nipote E.L., all epoca minorenne ed

Dettagli

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE DPR 131/86 1 Prassi C.M. 11.7.91 n. 37; Circ. Agenzia delle Entrate 22.1.2008 n. 3 Giurisprudenza Cass. 5.2.90 n. 1963

Dettagli

COME M E F U F NZI Z ONA A I L L «NUOVO» REDDITOMETRO

COME M E F U F NZI Z ONA A I L L «NUOVO» REDDITOMETRO COME FUNZIONA IL COME FUNZIONA IL «NUOVO» REDDITOMETRO PERCHE REDDITOMETRO OGGI BUDGET SU ACCERTAMENTI INVIO DELLE LISTE AGLI UFFICI Circolare 18/E/2012 Avvio controlli DA COSA PARTIAMO NORMA BASE DM 24

Dettagli