Edizione MAGGIO Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Edizione MAGGIO 2014. Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it"

Transcript

1

2 Diritto Famiglia Vi sono importanti novità sotto il profilo processuale introdotte dalla legge 219 del L art. 38 disp. att. c.c. viene, infatti, modificato così da trasferire la competenza dal Tribunale per i minorenni al Tribunale ordinario su una serie di giudizi che riguardano la tutela dei diritti dei figli, nati nel matrimonio o fuori di esso. La modifica consente una sostanziale equiparazione del trattamento processuale di tutti i figli. Mentre, infatti, il vecchio testo dell art. 38 diversificava il destino dei figli legittimi da quello dei figli naturali, sul presupposto della rottura del progetto di vita unitario dei genitori, il nuovo testo, delimitando notevolmente i giudizi di competenza del Tribunale per i minorenni, stabilisce la competenza del Tribunale ordinario per regolare tutte le questioni relative alla fine di una relazione di fatto tra genitori. Il fulcro della novella sta nel passaggio al Tribunale ordinario di tutti i procedimenti in materia di affidamento e mantenimento dei figli nati fuori del matrimonio. Si ciò si darà conto illustrando il contenuto degli articoli 316 e 317-bis c.c., tra vecchia e nuova formulazione. I procedimenti più importanti di cui il Tribunale per i minorenni conserva la competenza sono quelli c.d. de potestate volti a pronunciare decreti camerali limitatiti o ablativi della potestà (rectius, responsabilità genitoriale). Essi riguardano sia i figli nati nel matrimonio sia quelli nati fuori del matrimonio. Nella trattazione si evidenzieranno le problematiche legate all interpretazione della norma che dispone, in determinate ipotesi, anche per queste fattispecie, l attrazione della competenza in capo al giudice ordinario. È infine prevista l applicazione del rito camerale ai sensi dell art. 737 c.p.c. in materia di affidamento e di mantenimento dei minori. Verrà messa luce sulle critiche sollevate in dottrina in merito a questa previsione, ma anche sulle posizioni che vedono questa scelta perfettamente aderente ai principi costituzionali. Nicoletta Pompei esercita la professione di avvocato prevalentemente nel settore civilistico e collabora con il Dott. Prof. Luigi Tramontano, sotto la cui direzione scientifica ed editoriale ha già contribuito a diverse pubblicazioni (codici commentati, compendi, monografie). Ha recentemente tenuto una relazione nel convegno Lo status di figlio dopo la Legge 10 dicembre 2012 n. 219 presso il Dipartimento di Giurisprudenza - Università degli Studi di Perugia, accreditato dall Ordine degli Avvocati di Perugia. Ha conseguito il diploma di specializzazione presso la SSPLe L. Migliorini afferente alla Facoltà di Giurisprudenza dell Università degli Studi di Perugia. Collana diritto / NUOVI CASI Edizione MAGGIO 2014 Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133/A-B Roma ISBN I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione, di adattamento totale o parziale, con qualsiasi mezzo (compresi i microfilm e le copie fotostatiche), sono riservati in tutti i Paesi.

3

4 INDICE Capitolo Primo L ART. 38 DELLE DISPOSIZIONI PER L ATTUAZIONE DEL CODICE CIVILE E DISPOSIZIONI TRANSITORIE (R.D. 30 MARZO 1942 N. 318) 1. Prima dell art. 3 della L. 10 dicembre 2012 n Dopo l art. 3 della L. 10 dicembre 2012 n Capitolo Secondo IL TRASFERIMENTO AL TRIBUNALE ORDINARIO DELLA COMPETENZA IN MERITO AD AFFIDAMENTO E MANTENIMENTO DEI FIGLI NATI FUORI DEL MATRIMONIO 2. Cosa cambia nella sostanza. Il diverso modus operandi del tribunale ordinario e del tribunale per i minorenni 2.1. Lo spartiacque segnato dalla L. 54/ La riscrittura dell art. 316 c.c.. Capitolo Terzo LE MATERIE CHE CONSERVANO LA COMPETENZA DEL TRIBUNALE PER I MINORENNI 3. Le regole per le controversie de potestate. Le difficoltà ermeneutiche in merito alla vis attractiva del Tribunale ordinario 3.1. La lettura restrittiva La lettura estensiva La lettura intermedia 3.2. Gli ulteriori interrogativi posti dalla norma. L espressione Tra le stesse parti 3.3. L ultimo periodo del primo comma dell art. 38 disp. att. c.c. aggiunto dal D.Lgs. 154/2013. Capitolo Quarto IL RITO CAMERALE 4. La permanenza del rito camerale ex artt. 737 ss. c.p.c. per i figli nati fuori del matrimonio. Critiche 4.1. Le possibili letture compatibili con il dettato costituzionale Il rito partecipativo ideato dal Tribunale di Milano 4.2. Alcuni rilievi sul terzo comma dell art. 38 disp. att. c.c Il rito camerale ex art. 336 c.c. per i procedimenti de potestate. 4

5 Capitolo Quinto LA TUTELA DEI CREDITI DI MANTENIMENTO DEI FIGLI ED IL REGIME TRANSITORIO 5. Gli strumenti di garanzia patrimoniale previsti dall art. 3, comma 2, della legge n. 219/ Il regime transitorio. 5

6 Capitolo Primo L ART. 38 DELLE DISPOSIZIONI PER L ATTUAZIONE DEL CODICE CIVILE E DISPOSIZIONI TRANSITORIE (R.D. 30 MARZO 1942 N. 318) SOMMARIO 1. Un colpo d occhio sulla legge di riforma della filiazione 1.2. Prima dell art. 3 della L. 10 dicembre 2012 n Dopo l art. 3 della L. 10 dicembre 2012 n Un colpo d occhio sulla legge di riforma della filiazione Con la legge 10 dicembre 2012 n. 219 ( Disposizioni in materia di riconoscimento dei figli naturali ) il legislatore ha finalmente tradotto in riforma giuridica una necessità avvertita dalla coscienza civile già da diversi anni: quella di eliminare ogni discriminazione tra figli, fondata sul pregiudizievole dato di fatto dell essere nati all interno di una coppia unita in matrimonio ovvero da due genitori non sposati, conviventi, oppure no. Questa prorompente novità legislativa forse un po tardiva rispetto ai tempi, visto e considerato che, secondo l ultimo dato Istat, il 23% dei bambini nati già nel 2009 sono figli di madri non sposate si presenta con il suo biglietto da visita dato dall art. 315 c.c., così come riscritto dall art. 1 della legge in commento: Tutti i figli hanno lo stesso stato giuridico. L anima della riforma è, infatti, la proclamazione dell uguaglianza giuridica di tutti figli, nel pieno rispetto dei principi costituzionali e degli obblighi imposti dalla comunità internazionale. Viene realizzata quella che, con efficace sintesi, è stata definita la legittimazione della famiglia di fatto, sempre in vista del superiore interesse del minore (Dott. Sergio Matteini Chiari, nell intervista del in Gubbio, PG). In tutta la legislazione vigente scompare la terminologia figli legittimi e figli naturali, sostituita semplicemente con figli, con l aggiunta nati nel matrimonio e nati fuori del matrimonio, quando si tratta di disposizioni ad essi specificamente relative. Da questo innovativo principio discende una serie di corollari: si tratta delle modifiche che toccano una serie di disposizioni del codice civile, ex art. 1, L. 219/ Innanzi tutto la nuova disciplina della parentela (art. 74 c.c.) specifica che il vincolo sussiste tra le persone che discendono 6

7 da un medesimo stipite, indipendentemente dal carattere legittimo o naturale della filiazione; - l introduzione del nuovo art. 315-bis c.c. affianca ai doveri del figlio verso i genitori, i paralleli diritti ad essere mantenuto, educato, istruito e assistito moralmente dai genitori, nel rispetto delle sue capacità, delle sue inclinazioni naturali e delle sue aspirazioni, a crescere in famiglia ed a mantenere rapporti significativi con i parenti, ad essere ascoltato in tutte le questioni e le procedure che lo riguardano, se ha compiuto i 12 anni o anche in età inferiore, se capace di discernimento; - la possibilità di riconoscimento dei figli incestuosi diventa la regola a certe condizioni, rispetto alla previgente formulazione dell'art. 251 c.c. in cui questo costituiva l eccezione; - la riscrittura dell art. 276 c.c. in materia di legittimazione passiva alla domanda di dichiarazione giudiziale di paternità naturale, prevede che, morto il genitore e venuti meno anche i suoi eredi, parimenti legittimati passivi, il figlio naturale può proporre l azione nei confronti di un curatore nominato dal giudice; - l introduzione dell art. 448-bis libera i figli dall obbligo di prestare gli alimenti nei confronti del genitore decaduto dalla potestà e permette loro di escluderlo, salvo eccezioni, dalla successione; - l abrogazione delle disposizioni sulla legittimazione dei figli naturali. All art. 2 della citata legge di riforma è prevista una Delega al Governo per la revisione delle disposizioni vigenti in materia di filiazione, come recita la rubrica. E così nella Gazzetta Ufficiale n. 5 del giorno 8 gennaio 2014 è stato finalmente pubblicato l atteso d.lgs. 28 dicembre 2013 n. 154, in attuazione della delega stessa, intitolato Revisione delle disposizioni vigenti in materia di filiazione, a norma dell'articolo 2 della legge 10 dicembre 2012, n Esso è entrato in vigore il successivo 7 febbraio. Alcuni dei suoi contenuti, per quanto qui di interesse, verranno illustrati più avanti. L esigenza di rimuovere ogni distinzione, terminologica e soprattutto sostanziale, tra figli che siano venuti alla luce in costanza di matrimonio o fuori di esso, investe, oltre agli aspetti sostanziali, anche i profili processuali con riferimento al riparto di competenze tra tribunale per i minorenni e tribunale ordinario: e qui si consuma l ulteriore novità della riforma, oggetto della presente trattazione. L art. 3 della legge 10 dicembre 2012 n. 219 modifica a tale scopo l art. 38 delle 7

8 disposizioni per l attuazione del Codice civile e disposizioni transitorie (R.D. 30 marzo 1942, n. 318). L art. 96 del citato decreto legislativo apporta, come si vedrà, un aggiunta al primo comma del già riformato art. 38 disp. att. c.c., per raccordarlo logicamente con alcune modifiche recate dalla legge delega Prima dell art. 3 della L. 10 dicembre 2012 n. 219 La L. 219/2012 è entrata in vigore il 1 gennaio Antecedentemente, ai sensi dell art. 38 disp. att. c.c., era di competenza del Tribunale per i minorenni un ampio ventaglio di provvedimenti, nel dettaglio, quelli contemplati dalle seguenti disposizioni del codice civile: - artt. 84 e 90 (ammissione con decreto del matrimonio dei minori di età per gravi motivi e nomina di curatore speciale che assista il minore nelle convenzioni matrimoniali); - art. 171 (norme per il godimento e l amministrazione del fondo patrimoniale a favore del minore fino al raggiungimento della maggiore età, fondo che altrimenti cesserebbe per annullamento o scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio); - art. 194, comma secondo (costituzione di usufrutto su parte dei beni spettanti ad un coniuge a favore dell altro coniuge in sede di divisione della comunione legale, in relazione alle necessità della prole); - art. 250 (decisione sull opposizione al riconoscimento del figlio nato fuori del matrimonio da parte del genitore che per primo lo abbia riconosciuto norma modificata dalla stessa l. 219/2012); - art. 252 (autorizzazione all inserimento del figlio riconosciuto nella famiglia di uno dei genitori norma modificata dal d.lgs. 154/2013); - art. 262 (decisione in ordine all assunzione del cognome del padre, nel caso che quest ultimo riconosca il figlio dopo il riconoscimento della madre norma modificata dal d.lgs. 154/2013); - art. 264 (autorizzazione all impugnazione del riconoscimento e nomina del curatore speciale, quando il figlio riconosciuto sia minore d età norma modificata dal d.lgs. 154/2013); 8

9 - art. 316 (decisione su contrasti tra genitori in merito all esercizio della potestà, rectius responsabilità genitoriale norma modificata dal d.lgs. 154/2013), - art. 317-bis (nella versione precedente al d.lgs. 154/2013: decisione sui contrasti tra genitori circa l esercizio della potestà sui figli naturali riconosciuti, con rinvio all art. 316 c.c.); - artt. 330, 332 e 333 (c.d. provvedimenti de potestate, rispettivamente, declaratoria di decadenza della potestà, della reintegrazione nella stessa, nonché provvedimenti meno afflittivi della decadenza, emessi pur sempre in presenza di comportamenti pregiudizievoli per i figli, ma non tali da necessitare la decadenza. Si tratta di disposizioni che hanno subito una modifica terminologica da parte del d.lgs. 154/2013, che ha sostituito potestà con responsabilità genitoriale ). - artt. 334 e 335 (rimozione del genitore dall amministrazione del patrimonio del figlio se mal gestito e riammissione nella stessa). - art. 371, ultimo comma (autorizzazione alla continuazione dell esercizio dell impresa di minore soggetto a tutela per morte o impossibilità dei genitori a esercitare la responsabilità genitoriale); - art. 269, primo comma, nel caso di minori (dichiarazione giudiziale di paternità e maternità norma modificata dal d.lgs. 154/2013) Dopo l art. 3 della L. 10 dicembre 2012 n. 219 A seguito della incisiva riforma dell art. 38 disp. att. c.c., rimangono di competenza del Tribunale per i minorenni i provvedimenti di cui agli articoli 84, 90, 330, 332, 333, 334, 335 e 371, ultimo comma, del codice civile. Ciò significa che tra le altre le importanti decisioni attinenti i figli nati fuori del matrimonio, di riconoscimento, affidamento, attribuzione del cognome, impugnazione del riconoscimento, dichiarazione giudiziale di paternità e di maternità (c.d. azioni di stato), non rientrano più nella cognizione del giudice minorile. Così come la soluzione dei conflitti in merito all esercizio dell odierna responsabilità genitoriale, già potestà. Invece i c.d. procedimenti de potestate (artt. 330 ss. c.c.) continuano a gravitare nell orbita del tribunale specializzato, ma con l importante eccezione contenuta nel secondo periodo del primo comma dell art. 38 disp. att. c.c. (Per i procedimenti di cui all art. 333 resta esclusa la competenza del Tribunale per i 9

10 minorenni nell ipotesi in cui [ ]): di tutto ciò si disserterà nel proseguio. Infine, l art. 96 del d.lgs. 154/2013 ha espressamente attribuito al tribunale per i minorenni la competenza ad emettere i provvedimenti di cui ai novellati artt. 251 e 317-bis c.c., inserendo un ulteriore periodo al primo comma dell art. 38 disp. att. c.c.: si tratta del riconoscimento dei figli (in precedenza denominati) incestuosi e del diritto degli ascendenti a mantenere un rapporto significativo con i nipoti minorenni. 10

LE NOVITÀ IN VIGORE DAL 1 GENNAIO CON LA LEGGE 219/2012.

LE NOVITÀ IN VIGORE DAL 1 GENNAIO CON LA LEGGE 219/2012. A002569,1 A002569 FONDAZIONE INSIEME onlus. Da il sole24 ore del 7/1/2013, di Giorgio Vaccaro, giornalista. (legge 219/2012) Per la

Dettagli

FILIAZIONE: TUTTI I FIGLI SONO UGUALI. I figli sono semplicemente figli, questo non più solo sotto il profilo

FILIAZIONE: TUTTI I FIGLI SONO UGUALI. I figli sono semplicemente figli, questo non più solo sotto il profilo FILIAZIONE: TUTTI I FIGLI SONO UGUALI I figli sono semplicemente figli, questo non più solo sotto il profilo affettivo ma anche davanti alla legge. La riforma sulla filiazione 1 ha definitivamente abolito

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA)

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA) Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2514-A DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA) E DAL MINISTRO

Dettagli

IL RECLAMO DELLO STATO DI FIGLIO LEGITTIMO

IL RECLAMO DELLO STATO DI FIGLIO LEGITTIMO Cendon / Book Collana diretta da Bruno de Filippis I DIRITTI DEL PRIMO LIBRO DEL CODICE CIVILE 01 IL RECLAMO DELLO STATO DI FIGLIO LEGITTIMO DOPO LA RIFORMA DEL 2013 Bruno de Filippis Edizione NOVEMBRE

Dettagli

Scuola di specializzazione per le professioni legali Primo anno: DIRITTO PROCESSUALE DI FAMIGLIA FISCIANO 14-16/5/2014. Laura Landi. avv.

Scuola di specializzazione per le professioni legali Primo anno: DIRITTO PROCESSUALE DI FAMIGLIA FISCIANO 14-16/5/2014. Laura Landi. avv. Scuola di specializzazione per le professioni legali Primo anno: DIRITTO PROCESSUALE DI FAMIGLIA FISCIANO 14-16/5/2014 Laura Landi Il testo approvato definitivamente dalla Camera il 27 NOVEMBRE 2012 È

Dettagli

L uguaglianza giuridica tra figli legittimi e naturali

L uguaglianza giuridica tra figli legittimi e naturali L uguaglianza giuridica tra figli legittimi e naturali di Germano Palmieri I figli sono figli e basta : si potrebbe sintetizzare così lo spirito della L. 10/12/2012, n. 219, intitolata Disposizioni in

Dettagli

I Procedimenti di separazione e divorzio

I Procedimenti di separazione e divorzio giugno 2013 I Procedimenti di separazione e divorzio http://www.edizioniadmaiora.it/pubblicazioni/item/i-procedimenti-di-separazione-e-divorzio.html LA L. N 219/12 PROBLEMATICHE IN TEMA DI COMPETENZA FUNZIONALE

Dettagli

MODIFICHE DEL CODICE CIVILE IN TEMA DI FILIAZIONE NATURALE IN DISCUSSIONE ALLA COMMISSIONE GIUSTIZIA DELLA CAMERA

MODIFICHE DEL CODICE CIVILE IN TEMA DI FILIAZIONE NATURALE IN DISCUSSIONE ALLA COMMISSIONE GIUSTIZIA DELLA CAMERA MODIFICHE DEL CODICE CIVILE IN TEMA DI FILIAZIONE NATURALE IN DISCUSSIONE ALLA COMMISSIONE GIUSTIZIA DELLA CAMERA (Riconoscimento figli naturali. C. 2519 Mussolini, C. 3184 Bindi, C. 3247 Palomba, C. 3915

Dettagli

I PROFILI PARENTALI E SUCCESSORI DELLA EQUIPARAZIONE DEI FIGLI NATURALI AI FIGLI LEGITTIMI

I PROFILI PARENTALI E SUCCESSORI DELLA EQUIPARAZIONE DEI FIGLI NATURALI AI FIGLI LEGITTIMI Cendon / Book Collana diretta da Bruno de Filippis I DIRITTI DEL PRIMO LIBRO DEL CODICE CIVILE 07 I PROFILI PARENTALI E SUCCESSORI DELLA EQUIPARAZIONE DEI FIGLI NATURALI AI FIGLI LEGITTIMI Francesco Ragonese

Dettagli

I figli sono tutti uguali. Un disegno di legge del Governo e un provvedimento del Senato avviano la riforma della filiazione Gianfranco Dosi

I figli sono tutti uguali. Un disegno di legge del Governo e un provvedimento del Senato avviano la riforma della filiazione Gianfranco Dosi I figli sono tutti uguali. Un disegno di legge del Governo e un provvedimento del Senato avviano la riforma della filiazione Gianfranco Dosi I figli sono tutti uguali. E questo il senso della riforma che

Dettagli

INDICE. Prefazione...p. La filiazione: profili generali... 1

INDICE. Prefazione...p. La filiazione: profili generali... 1 INDICE Prefazione...p. XV La filiazione: profili generali... 1 I AZIONE DI DISCONOSCIMENTO DELLA PATERNITÀ Introduzione... 9 1 Disconoscimento della paternità in caso di mancata prova dell adulterio della

Dettagli

D.Lgs n. 154/2013 in vigore dal 7 febbraio 2014 Decreto filiazione

D.Lgs n. 154/2013 in vigore dal 7 febbraio 2014 Decreto filiazione LA LEGGE 10 DICEMBRE 2012 N. 219 HA INTRODOTTO MODIFICHE DI DIRITTO NELLA DELICATA MATERIA DELLA PROTEZIONE DEL MINORE INTRODUCENDO NELL ORDINAMENTO LA CONDIZIONE UNITARIA DI FIGLIO SENZA PIÙ DISTINZIONI

Dettagli

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI PROGRAMMA DIDATTICO 2015/2016 DATA ORE ARGOMENTO NOTE

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI PROGRAMMA DIDATTICO 2015/2016 DATA ORE ARGOMENTO NOTE PROGRAMMA DIDATTICO / DATA ORE ARGOMENTO NOTE n. 1 3 marzo 6 ore PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DEL PROGRAMMA DIDATTICO LA PROFESSIONE FORENSE E LA SPECIALIZZAZIONE, IN PARTICOLARE NEL DIRITTO DELLE RELAZIONI

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI INDICE-SOMMARIO Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI CAPITOLO I CENNI STORICI: EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI ADOZIONE 1. Introduzione... pag. 1 2. L'istituto dell'adozione

Dettagli

Legge 10 dicembre 2012, n. 219 (1). Disposizioni in materia di riconoscimento dei figli naturali.

Legge 10 dicembre 2012, n. 219 (1). Disposizioni in materia di riconoscimento dei figli naturali. Legge 10 dicembre 2012, n. 219 (1). Disposizioni in materia di riconoscimento dei figli naturali. (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 17 dicembre 2012, n. 293. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica

Dettagli

Cass. civ. Sez. VI, 14 ottobre 2014, n. 21633

Cass. civ. Sez. VI, 14 ottobre 2014, n. 21633 Primi passi nell interpretazione dei rapporti tra tribunale per i minorenni e tribunale ordinario secondo il nuovo art.38 delle disposizioni di attuazione del codice civile Cass. civ. Sez. VI, 14 ottobre

Dettagli

Legge 8 febbraio 2006, n. 54

Legge 8 febbraio 2006, n. 54 Legge 8 febbraio 2006, n. 54 "Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 50 del 1 marzo 2006 Art. 1. (Modifiche al codice

Dettagli

INDICE INTRODUZIONE. Capitolo 1 LA FILIAZIONE NOTE INTRODUTTIVE. di GILDA FERRANDO

INDICE INTRODUZIONE. Capitolo 1 LA FILIAZIONE NOTE INTRODUTTIVE. di GILDA FERRANDO INDICE XV Aggiornamento. Disegno di legge delega sullo status giuridico dei figli INTRODUZIONE Capitolo 1 LA FILIAZIONE NOTE INTRODUTTIVE di GILDA FERRANDO 3 1. Le linee evolutive 7 2. I diritti del bambino

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE N. 2805S DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RICONOSCIMENTO DEI FIGLI NATURALI

DISEGNO DI LEGGE N. 2805S DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RICONOSCIMENTO DEI FIGLI NATURALI DISEGNO DI LEGGE N. 2805S DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RICONOSCIMENTO DEI FIGLI NATURALI Art. 1. (Disposizioni in materia di filiazione) 1. L articolo 74 del codice civile è sostituito dal seguente: «Art.

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI DECRETO LEGISLATIVO 28 dicembre 2013, n. 154. Revisione delle disposizioni vigenti in materia di filiazione, a norma dell articolo 2 della legge 10 dicembre 2012, n. 219.

Dettagli

Profili giuridici rilevanti del diritto di famiglia

Profili giuridici rilevanti del diritto di famiglia Obiettivi Il corso si pone l obiettivo di analizzare i più importanti ed attuali profili giuridici del diritto di famiglia. In particolare l iniziativa tratterà istituti come l affidamento condiviso e

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO I RAPPORTI DI FILIAZIONE

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO I RAPPORTI DI FILIAZIONE Elenco delle principali abbreviazioni....................... Introduzione...................................... XV XVII CAPITOLO PRIMO I RAPPORTI DI FILIAZIONE Guida Bibliografica..................................

Dettagli

LEGGE - 10/12/2012, n. 219 - Gazzetta Uff. 17/12/2012, n. 293

LEGGE - 10/12/2012, n. 219 - Gazzetta Uff. 17/12/2012, n. 293 LEGGE - 10/12/2012, n. 219 - Gazzetta Uff. 17/12/2012, n. 293 TESTO VIGENTE LEGGE 10 dicembre 2012 n.219 (in Gazz. Uff., 17 dicembre 2012, n. 293). - Disposizioni in materia di riconoscimento dei figli

Dettagli

Disposizioni in materia di riconoscimento dei figli naturali. (12G0242)

Disposizioni in materia di riconoscimento dei figli naturali. (12G0242) LEGGE 10 dicembre 2012, n. 219 Disposizioni in materia di riconoscimento dei figli naturali. (12G0242) Vigente al: 3-2-2013 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo Primo SUPERAMENTO DELLA DISCRIMINAZIONE FORMALE A CARICO DEI FIGLI NATI FUORI DEL MATRIMONIO di DONATELLA FERRANTI

INDICE SOMMARIO. Capitolo Primo SUPERAMENTO DELLA DISCRIMINAZIONE FORMALE A CARICO DEI FIGLI NATI FUORI DEL MATRIMONIO di DONATELLA FERRANTI INDICE SOMMARIO Prefazione: alcune note preliminari sulla legittimità costituzionale del decreto delegato di CESARE MASSIMO BIANCA................................... Introduzione: la storia della Riforma

Dettagli

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DI FAMIGLIA, MINORILE E DELLE PERSONE

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DI FAMIGLIA, MINORILE E DELLE PERSONE SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DI FAMIGLIA, MINORILE E DELLE PERSONE PROGRAMMA DIDATTICO BIENNIO 2013-2014 Il corso è stato accreditato dal Consiglio Nazionale Forense, ai fini del riconoscimento

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» IX Prefazione dell avv. Cesare Rimini...» XI Indice-Sommario...

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» IX Prefazione dell avv. Cesare Rimini...» XI Indice-Sommario... INDICE-SOMMARIO Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» IX Prefazione dell avv. Cesare Rimini...» XI Indice-Sommario...» XIII CAPITOLO I DALLA RIFORMA DEL 1987 ALLA RIFORMA DEL 2006 1. Breve

Dettagli

RICONOSCIMENTO E DISCONOSCIMENTO

RICONOSCIMENTO E DISCONOSCIMENTO RICONOSCIMENTO E DISCONOSCIMENTO Relatore: avv. Maria Teresa Saporito CAMERA PER I MINORI DI SALERNO ANNA AMENDOLA Salerno, 27 maggio 2010 LA FILIAZIONE NATURALE L acquisto dello status di figlio naturale

Dettagli

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI PROGRAMMA DIDATTICO 2015/2016 ORE ARGOMENTO NOTE DOCENTI 1 6 ore PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DEL PROGRAMMA

Dettagli

Dal punto di vista tecnico, però, la nuova disciplina è subito apparsa mal formulata.

Dal punto di vista tecnico, però, la nuova disciplina è subito apparsa mal formulata. Il decreto del Tribunale per i minorenni che provvede sul mantenimento dei figli naturali è titolo per iscrivere ipoteca. Commento al Decreto del Tribunale di Bologna del 29 giugno 2012. La legge n. 54/20006

Dettagli

L istituto. MEMO_NuoveProcedureSullaFiliazione_2015_1.indb 15 9-03-2015 11:40:29

L istituto. MEMO_NuoveProcedureSullaFiliazione_2015_1.indb 15 9-03-2015 11:40:29 L'ASSETTO NORMATIVO 15 CAPITOLO I L'ASSETTO NORMATIVO L istituto Dopo la legge 898 del 1970, che istituiva il cd. divorzio, la legge 151 del 1975, che eliminava ogni differenza tra marito e moglie nel

Dettagli

INDICE SOMMARIO DEL VOLUME

INDICE SOMMARIO DEL VOLUME INDICE SOMMARIO DEL VOLUME Indice per articoli... pag. VII Indice bibliografico...» XIII LILIANA ROSSI CARLEO INTRODUZIONE...» 1 TITOLO VI. DEL MATRIMONIO CAPO V. DELLO SCIOGLIMENTO DEL MATRIMONIO E DELLA

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE REVISIONE DELLE DISPOSIZIONI VIGENTI IN MATERIA DI FILIAZIONE, AI SENSI DELL ARTICOLO 2 DELLA LEGGE 10 DICEMBRE 2012, N. 219. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visti

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V. Introduzione... pag. VII. La dichiarazione giudiziale di paternità... pag.

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V. Introduzione... pag. VII. La dichiarazione giudiziale di paternità... pag. INDICE-SOMMARIO Presentazione della Collana... pag. V Introduzione... pag. VII La dichiarazione giudiziale di paternità... pag. IX Indice-Sommario... pag. XV CAPITOLO I STORIA GIURIDICA DELLA FILIAZIONE

Dettagli

INDICE-SOMMARIO DEL FASCICOLO 4 o (aprile 2013) Parte prima - Sentenze commentate

INDICE-SOMMARIO DEL FASCICOLO 4 o (aprile 2013) Parte prima - Sentenze commentate INDICE-SOMMARIO DEL FASCICOLO 4 o (aprile 2013) LEGENDA: Il simbolo [,] a fianco del titolo segnala che il commento/saggio è stato oggetto di referee secondo quanto indicato alla pagina precedente. Parte

Dettagli

CONTRO. ha pronunciato la seguente ORDINANZA

CONTRO. ha pronunciato la seguente ORDINANZA IL TRIBUNALE CIVILE E PENALE DI MILANO SEZIONE IX CIVILE composto dai sigg.ri Magistrati: Dott. Ezio SINISCALCHI Presidente Dott. Anna Maria GERLI Giudice Dott. Anna BONFILIO Giudice rel. nel procedimento

Dettagli

INTRODUZIONE 1. Una premessa... 1

INTRODUZIONE 1. Una premessa... 1 INDICE INTRODUZIONE 1. Una premessa................................... 1 SEZIONE I: FILIAZIONE FUORI DEL MATRIMONIO: PROSPETTIVA STORICA E COMPARATA 1. L età classica...................................

Dettagli

Associazione C rescere

Associazione C rescere Organizzazione di Volontariato Associazione C rescere con la sindrome di Turner e altre Malattie Rare ONLUS ex art. 10 c. 8 dlgs n 460/1997 Via Massarenti 11-40138 Bologna presso la Clinica Pediatrica

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Parte I IL MATRIMONIO E I SUOI EFFETTI. LA CONVIVENZA. Sezione I La promessa di matrimonio. ... Pag. 3

INDICE SOMMARIO. Parte I IL MATRIMONIO E I SUOI EFFETTI. LA CONVIVENZA. Sezione I La promessa di matrimonio. ... Pag. 3 Parte I IL MATRIMONIO E I SUOI EFFETTI. LA CONVIVENZA La promessa di matrimonio... Pag. 3 Il matrimonio: celebrazione e invalidità Il matrimonio civile 1) La celebrazione del matrimonio civile... Pag.

Dettagli

Diritto in diretta ogni venerdì alle ore 9,00

Diritto in diretta ogni venerdì alle ore 9,00 Diritto in diretta l'avv. Daniela Bardoni risponderà ai quesiti degli ascoltatori. Per aiutarvi nelle controversie grandi e piccole della vita quotidiana Partecipa in diretta 06 899291 Sms/Wapp 393 8992913

Dettagli

LA FILIAZIONE E L ADOZIONE

LA FILIAZIONE E L ADOZIONE Capitolo V LA FILIAZIONE E L ADOZIONE Sommario: 1. La filiazione: profili generali. 2. I diritti e i doveri dei figli. 3. La responsabilità genitoriale e l usufrutto legale sui beni dei figli. 4. La presunzione

Dettagli

Seminario 20 febbraio 2014

Seminario 20 febbraio 2014 Seminario 20 febbraio 2014 Le modifiche della gius9zia minorile dal 7 febbraio 2014 l. n.219/2012 riconoscimento figli naturali d.lgs. n.154/2013 revisione disposizioni in materia di filiazione Il dirieo

Dettagli

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO

INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO INTERESSE DEL MINORE ED ATTRIBUZIONE DEL COGNOME PATERNO Il tribunale per i minorenni, considerato che il minore Tizietto, di sette anni, già riconosciuto dalla madre Caia, era stato successivamente riconosciuto

Dettagli

Parificato lo status giuridico

Parificato lo status giuridico Disposizioni in materia di riconoscimento dei figli naturali Figli naturali parificati a quelli legittimi, ok unanime del Senato approvato mercoledì 16 maggio all'unanimità il disegno di legge 2805 testo

Dettagli

Corte Suprema di Cassazione

Corte Suprema di Cassazione Corte Suprema di Cassazione Ufficio dei Referenti per la Formazione decentrata LA FILIAZIONE DOPO LA RIFORMA 14 novembre 2013 REPORT a cura del dr. Giuseppe Dongiacomo magistrato addetto all Ufficio del

Dettagli

ART. 315/333 DEL CODICE CIVILE. Titolo IX Della potestà dei genitori. Art. 315. Doveri del figlio verso i genitori.

ART. 315/333 DEL CODICE CIVILE. Titolo IX Della potestà dei genitori. Art. 315. Doveri del figlio verso i genitori. ART. 315/333 DEL CODICE CIVILE Titolo IX Della potestà dei genitori Art. 315. Doveri del figlio verso i genitori. Il figlio deve rispettare i genitori e deve contribuire, in relazione alle proprie sostanze

Dettagli

Indice. 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI LEGISLAZIONE MINORILE LEZIONE IV LA COMPETENZA CIVILE DEL TRIBUNALE PER I MINORENNI IN MATERIA DI ADOZIONI PROF. GIANLUCA GUIDA Indice 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I MATRIMONIO E FAMIGLIA. Sezione I Il matrimonio civile. Origini e principi pag.

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I MATRIMONIO E FAMIGLIA. Sezione I Il matrimonio civile. Origini e principi pag. INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I MATRIMONIO E FAMIGLIA Il matrimonio civile. Origini e principi pag. 1. Il matrimonio come fondamento della famiglia. Evoluzione storica, disciplina costituzionale e principi

Dettagli

INDICE. Parte Prima I CONIUGI CAPITOLO 1 GLI OBBLIGHI CONIUGALI CAPITOLO 2 LA FEDELTÀ CAPITOLO 3 L ASSISTENZA MORALE E MATERIALE

INDICE. Parte Prima I CONIUGI CAPITOLO 1 GLI OBBLIGHI CONIUGALI CAPITOLO 2 LA FEDELTÀ CAPITOLO 3 L ASSISTENZA MORALE E MATERIALE INDICE Parte Prima I CONIUGI CAPITOLO 1 GLI OBBLIGHI CONIUGALI 3 1. I profili generali 4 2. Matrimonio ed obblighi coniugali 6 3. I doveri matrimoniali 8 4. La natura inderogabile degli obblighi coniugali

Dettagli

L AFFIDAMENTO DEI FIGLI NATURALI. Fondamento e criteri di applicazione.

L AFFIDAMENTO DEI FIGLI NATURALI. Fondamento e criteri di applicazione. L AFFIDAMENTO DEI FIGLI NATURALI. Fondamento e criteri di applicazione. di Carmelo Padalino SOMMARIO: 1. Presupposto immanente. 2. Proposte di modifica. 3. Profili processuali. 1. Presupposto immanente.

Dettagli

Giorgio Aldo Maccaroni. Cosa fare in caso di separazione, divorzio o fine convivenza

Giorgio Aldo Maccaroni. Cosa fare in caso di separazione, divorzio o fine convivenza Giorgio Aldo Maccaroni Cosa fare in caso di separazione, divorzio o fine convivenza Alcune riflessioni alla luce della nuova normativa AIDIF Copyright edizione e-book 2015 di Pro Aidif s.a.s. Via Salaria,

Dettagli

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Edizioni Simone - Vol. 45/1 Compendio di Diritto Internazionale privato e processuale Parte seconda Cenni di parte speciale Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Sommario Z 1. La filiazione. - 2. L adozione.

Dettagli

DIRITTO DELL IMMIGRAZIONE / 1 A12 339

DIRITTO DELL IMMIGRAZIONE / 1 A12 339 DIRITTO DELL IMMIGRAZIONE / 1 A12 339 Direttore Raffaele Chiarelli Università Telematica Guglielmo Marconi Comitato Scientifico Eugenio De Marco Università degli Studi di Milano Claudio Rossano Sapienza

Dettagli

CAPITOLO I GLI STATUS PERSONAE E FAMILIAE NELLA GIURISPRUDENZA DELLE CORTI SOVRANAZIONALI

CAPITOLO I GLI STATUS PERSONAE E FAMILIAE NELLA GIURISPRUDENZA DELLE CORTI SOVRANAZIONALI INDICE - SOMMARIO Presentazione di PIETRO PERLINGIERI 3 CAPITOLO I GLI STATUS PERSONAE E FAMILIAE NELLA GIURISPRUDENZA DELLE CORTI SOVRANAZIONALI Gli status personae e familiae nella giurisprudenza delle

Dettagli

Famiglia di sangue e famiglia adottiva: la tradizionale interazione tra i due modelli sul piano normativo.

Famiglia di sangue e famiglia adottiva: la tradizionale interazione tra i due modelli sul piano normativo. SOMMARIO INTRODUZIONE 1. 2. Famiglia di sangue e famiglia adottiva: la tradizionale interazione tra i due modelli sul piano normativo. La recente legge di riforma delle adozioni: luci ed ombre. p. 11 18

Dettagli

INDICE TITOLO II: DELLE SUCCESSIONI LEGITTIME

INDICE TITOLO II: DELLE SUCCESSIONI LEGITTIME INDICE TITOLO II: DELLE SUCCESSIONI LEGITTIME Art. 565 (Categorie dei successibili) 1. Successione legittima e famiglia: dalla Riforma del 75 al progetto di Riforma della filiazione.............................

Dettagli

ASPETTI GIURIDICI DEI CONFLITTI DEI GENITORI E TUTELA DEL MINORE. Cento, 14 marzo 2012

ASPETTI GIURIDICI DEI CONFLITTI DEI GENITORI E TUTELA DEL MINORE. Cento, 14 marzo 2012 ASPETTI GIURIDICI DEI CONFLITTI DEI GENITORI E TUTELA DEL MINORE Cento, 14 marzo 2012 I doveri-diritti dei genitori Art.30 Cost.: E' dovere e diritto dei genitori mantenere istruire ed educare i figli...

Dettagli

LA LEGGE 219/2012 E IL D. LGS 154/2013: IL QUADRO D INSIEME

LA LEGGE 219/2012 E IL D. LGS 154/2013: IL QUADRO D INSIEME LA LEGGE 219/2012 E IL D. LGS 154/2013: IL QUADRO D INSIEME La nuova disciplina della filiazione Firenze, 7-14 febbraio 2014 Polo delle Scienze Sociali Via delle Pandette, 35 Edificio D6 Aula 1.18 Antonio

Dettagli

INDICE. Art. 143 (Diritti e doveri reciproci dei coniugi)

INDICE. Art. 143 (Diritti e doveri reciproci dei coniugi) Art. 143 (Diritti e doveri reciproci dei coniugi) SEZIONE I: PRINCIPI GENERALI E DISCIPLINA COSTITUZIONALE 1. I rapporti personali tra coniugi a oltre trent anni dalla riforma del diritto di famiglia.....................................

Dettagli

CAPITOLO III CAPITOLO IV

CAPITOLO III CAPITOLO IV CAPITOLO I GLI EFFETTI PATRIMONIALI DELLA SEPARAZIONE E DEL DIVORZIO 1. Gli effetti patrimoniali della separazione e del divorzio.... 2 2. La relazione con il c.d. regime primario della famiglia.... 5

Dettagli

37. I regimi patrimoniali tra coniugi... 73 38. Le convenzioni matrimoniali... 75 39. Pubblicità delle convenzioni matrimoniali...

37. I regimi patrimoniali tra coniugi... 73 38. Le convenzioni matrimoniali... 75 39. Pubblicità delle convenzioni matrimoniali... INDICE-SOMMARIO Capitolo I. NOZIONI INTRODUTTIVE 1. Il diritto di famiglia in senso oggettivo e la nozione di famiglia....... 1 2. L evoluzione della famiglia nel contesto sociale........... 3 3. Il ruolo

Dettagli

Capitolo Sesto. Sommario. 1. Il codice penale e il codice di procedura penale

Capitolo Sesto. Sommario. 1. Il codice penale e il codice di procedura penale Capitolo Sesto Modifiche agli altri codici, alle disposizioni di attuazione e alle leggi speciali (divorzio e adozione) Sommario 1. Il codice penale e il codice di procedura penale. - 2. Il codice di procedura

Dettagli

i diritti dei membri della famiglia legittima.

i diritti dei membri della famiglia legittima. Secondo il dettato dell art 30 della Costituzione, la legge assicura ai figli nati fuori dal matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, salvo il limite di compatibilità con i diritti dei membri della

Dettagli

L. 8 febbraio 2006, n. 54. Disposizioni in materia di separazione dei genitori. e affidamento condiviso dei figli.

L. 8 febbraio 2006, n. 54. Disposizioni in materia di separazione dei genitori. e affidamento condiviso dei figli. L. 8 febbraio 2006, n. 54 Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli. (Pubblicata nella Gazz. Uff. 1 marzo 2006, n. 50) Art.1 Modifiche al codice civile. 1. L'articolo

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA DELLA FILIAZIONE

LA NUOVA DISCIPLINA DELLA FILIAZIONE LA NUOVA DISCIPLINA DELLA FILIAZIONE di Fabio TITTARELLI La normativa in materia di filiazione introdotta dalla legge 219/2012 e dal d.lgs. 154/2013, che sanciscono la totale equiparazione tra figli legittimi

Dettagli

RAPPORTI PERSONALI E PATRIMONIALI TRA CONVIVENTI

RAPPORTI PERSONALI E PATRIMONIALI TRA CONVIVENTI RAPPORTI PERSONALI E PATRIMONIALI TRA CONVIVENTI Prefazione... Introduzione... 1 1 LA CESSAZIONE DELLA CONVIVENZA: L AFFIDAMENTO CONDIVISO DELLA PROLE La questione... 11 Analisi dello scenario... 11 Inquadramento

Dettagli

Corso di aggiornamento La nuova riforma del processo civile (legge n. 162/2014)

Corso di aggiornamento La nuova riforma del processo civile (legge n. 162/2014) Corso di aggiornamento La nuova riforma del processo civile (legge n. 162/2014) Milano, 13 aprile 2015 Obiettivi Il corso si pone come obiettivo lo studio delle principali novità introdotte dal decreto

Dettagli

8. Rapporti tra tribunale ordinario e minorile

8. Rapporti tra tribunale ordinario e minorile 220 Alberto Figone 8. Rapporti tra tribunale ordinario e minorile Molto si è discusso sui rapporti tra Tribunale ordinario e minorile nell assunzione dei provvedimenti a vario modo incidenti sulla potestà,

Dettagli

Riforma legislativa in tema di filiazione naturale

Riforma legislativa in tema di filiazione naturale Maria Luisa Pignatelli Dottoranda di ricerca Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Riforma legislativa in tema di filiazione naturale Diritto di famiglia - Rapporto di filiazione Parentela

Dettagli

COLLEGATO LAVORO: MODIFICHE ALL ASSISTENZA PER HANDICAP

COLLEGATO LAVORO: MODIFICHE ALL ASSISTENZA PER HANDICAP Prot. n. 3_229_PUBBLICO_IMPIEGO Roma, 9 marzo 2010 Info Pubblico Impiego n. 23 COLLEGATO LAVORO: MODIFICHE ALL ASSISTENZA PER HANDICAP È stato approvato dopo un iter durato circa due anni- il collegato

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO I PRINCIPI GENERALI RELATIVI AI RAPPORTI DI FILIAZIONE

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO I PRINCIPI GENERALI RELATIVI AI RAPPORTI DI FILIAZIONE Elenco delle principali abbreviazioni... Introduzione... XXI XXIII CAPITOLO PRIMO I PRINCIPI GENERALI RELATIVI AI RAPPORTI DI FILIAZIONE Guida bibliografica... 3 1. I rapporti di filiazione.... 5 2. I

Dettagli

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE

ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Paolo Biavati ARGOMENTI DI DIRITTO PROCESSUALE CIVILE Seconda edizione aggiornata Ag g i o r na m e n t o n. 4 29 giugno 2015 Bononia University Press L editore mette a disposizione sul sito nella sezione

Dettagli

WUDQRUPDHGLQWHUHVVHGHOPLQRUH

WUDQRUPDHGLQWHUHVVHGHOPLQRUH &60±)RUPD]LRQHGHFHQWUDWDGHOGLVWUHWWRGL7UHQWR ³,OSURFHGLPHQWRPLQRULOHSHUO DIILGDPHQWRGHLILJOL WUDQRUPDHGLQWHUHVVHGHOPLQRUH 7UHQWRRWWREUH'RWW/XFLDQR6SLQD ±3UHPHVVD La disciplina dell affidamento di figli

Dettagli

La nuova disciplina della filiazione

La nuova disciplina della filiazione La nuova disciplina della filiazione di Chiara Maria D Orsi «E figlie so figlie e so tutt eguale!» L ultimo intervento legislativo in materia di riconoscimento dei figli naturali, intervenuto con la legge

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

2014 I DIRITTI DELLA PERSONA

2014 I DIRITTI DELLA PERSONA Cendon / Book Collana diretta da Bruno de Filippis I DIRITTI DEL PRIMO LIBRO DEL CODICE CIVILE 02 2014 I DIRITTI DELLA PERSONA LEGISLAZIONE E PROSPETTIVE Bruno de Filippis Edizione NOVEMBRE 2014 Copyright

Dettagli

CAPITOLO I SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI. Sezione 1 Separazione giudiziale

CAPITOLO I SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI. Sezione 1 Separazione giudiziale INDICE SOMMARIO Premessa... 5 CAPITOLO I SEPARAZIONE PERSONALE DEI CONIUGI Separazione giudiziale 1. Ricorso per separazione giudiziale senza richiesta di dichiarazione di addebito e senza provvedimenti

Dettagli

INDICE. Prefazione...p.

INDICE. Prefazione...p. INDICE Prefazione...p. XIII I REGIME PATRIMONIALE DEI CONIUGI Introduzione... 3 1 La scelta del regime patrimoniale... 7 Atto di matrimonio avanti all ufficiale di stato civile con scelta di separazione

Dettagli

CORSO DI MAGISTRATURA. Le lezioni di Roberto GAROFOLI

CORSO DI MAGISTRATURA. Le lezioni di Roberto GAROFOLI CORSO DI MAGISTRATURA Le lezioni di Roberto GAROFOLI Marco FRATINI DIRITTO CIVILE Volume settimo II edizione Aggiornato a: - Il danno tanatologico: la rimessione alle S.U. (Cass. civ., Sez. III, ord. 4

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO LA FAMIGLIA CAPITOLO SECONDO IL MATRIMONIO

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO LA FAMIGLIA CAPITOLO SECONDO IL MATRIMONIO INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO LA FAMIGLIA 1. La nozione di famiglia............................................ p. 1 2. (segue) Famiglia parentale e famiglia nucleare.......................» 5 3. (segue)

Dettagli

Nelle premesse, infatti, si parla giustamente di competenza giurisdizionale punto (6).

Nelle premesse, infatti, si parla giustamente di competenza giurisdizionale punto (6). IL REGOLAMENTO EUROPEO RELATIVO ALLE DECISIONI IN MATERIA MATRIMONIALE E DI POTESTA DEI GENITORI N 1347/2000, del 29 maggio 2000 in vigore dal 1 marzo 2001 1. LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE Quando il regolamento

Dettagli

Capitolo 5 Filiazione e adozione

Capitolo 5 Filiazione e adozione Capitolo 5 Filiazione e adozione Sommario: 1. La filiazione: profili generali. 2. Diritti e doveri del figlio. 3. La responsabilità genitoriale e l usufrutto legale sui beni dei figli. 3.1. Esercizio della

Dettagli

1.7 Il nuovo diritto di famiglia dopo la L. 219/2012 e il D.Lgs. 154/2013

1.7 Il nuovo diritto di famiglia dopo la L. 219/2012 e il D.Lgs. 154/2013 Famiglia e filiazione: profili generali 1.7 Il nuovo diritto di famiglia dopo la L. 219/2012 e il D.Lgs. 154/2013 La L. 219/2012 ha eliminato le residue distinzioni tra figli legittimi (ora «figli nati

Dettagli

ANALISI TECNICO-NORMATIVA

ANALISI TECNICO-NORMATIVA ANALISI TECNICO-NORMATIVA PARTE I. ASPETTI TECNICO-NORMATIVI DI DIRITTO INTERNO 1) Obiettivi e necessità dell'intervento normativo. Coerenza con il programma di governo. La legge n. 220 dell 11 dicembre

Dettagli

Indice degli argomenti trattati:

Indice degli argomenti trattati: LE ADOZIONI E GLI ADEMPIMENTI DELL'UFFICIALE DI STATO CIVILE E ANAGRAFE. Donato Berloco Volume di circa 300 pagine Euro 36,00 (10% sconto abbonati Lo Stato Civile Italiano ) Sepel, Giugno 2011 Indice degli

Dettagli

Affido condiviso di Maria Elena Bagnato. Altalex.it

Affido condiviso di Maria Elena Bagnato. Altalex.it Affido condiviso di Maria Elena Bagnato Altalex.it In virtù dell istituto dell affidamento condiviso la potestà genitoriale è esercitata da entrambi i genitori che assumono, di comune accordo, le decisioni

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RICONOSCIMENTO DEI FIGLI NATURALI Tavole sinottiche con il vecchio e il nuovo testo a confronto

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RICONOSCIMENTO DEI FIGLI NATURALI Tavole sinottiche con il vecchio e il nuovo testo a confronto DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RICONOSCIMENTO DEI FIGLI NATURALI Tavole sinottiche con il vecchio e il nuovo testo a confronto Disegno di legge: testo definitivamente approvato 27 novembre 2012 Ancora non

Dettagli

Il mantenimento dei figli maggiorenni

Il mantenimento dei figli maggiorenni Il mantenimento dei figli maggiorenni Di Germano Palmieri L articolo 30 della Costituzione italiana sancisce che è dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli, anche se nati fuori

Dettagli

Il fondo patrimoniale

Il fondo patrimoniale Paolo Tonalini Notaio Il fondo patrimoniale Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Pavia in collaborazione con Banca Generali Relazione al Convegno del 6 marzo 2015 NOTAIO PAOLO

Dettagli

MILANO LEGGE 10 DICEMBRE 2012, N. 219 PRIME APPLICAZIONI DELLE NUOVE NORME PROCESSUALI E SOSTANZIALI RACCOLTA DELLA PRIMA GIURISPRUDENZA

MILANO LEGGE 10 DICEMBRE 2012, N. 219 PRIME APPLICAZIONI DELLE NUOVE NORME PROCESSUALI E SOSTANZIALI RACCOLTA DELLA PRIMA GIURISPRUDENZA TRIBUNALE DI MILANO SEZIONE NONA CIVILE LEGGE 10 DICEMBRE 2012, N. 219 PRIME APPLICAZIONI DELLE NUOVE NORME PROCESSUALI E SOSTANZIALI RACCOLTA DELLA PRIMA GIURISPRUDENZA DELLA SEZIONE IX DEL TRIBUNALE

Dettagli

CONVIVENTI E COPPIE GAY: I NUOVI DIRITTI AGGIORNAMENTI

CONVIVENTI E COPPIE GAY: I NUOVI DIRITTI AGGIORNAMENTI CONVIVENTI E COPPIE GAY: I NUOVI DIRITTI AGGIORNAMENTI Il Parlamento ha approvato la legge che istituisce l unione civile tra persone dello stesso sesso e disciplina le convivenze di fatto. Per quanto

Dettagli

DIRITTO NOVITÀ. collana diretta da Paolo Cendon DIRITTO CIVILE

DIRITTO NOVITÀ. collana diretta da Paolo Cendon DIRITTO CIVILE DIRITTO NOVITÀ collana diretta da Paolo Cendon 2 DIRITTO CIVILE DIRITTO NOVITÀ collana diretta da Paolo Cendon Le sentenze che cambiano il diritto, l Europa e le sue regole, il legislatore speciale che

Dettagli

Corte di cassazione - Sezione I civile - Sentenza 31 marzo 2011 n. 7504

Corte di cassazione - Sezione I civile - Sentenza 31 marzo 2011 n. 7504 Pagina 1 di 9 Non basta la mera disponibilità dei nonni a prendersi cura dei nipoti per scongiurarne l'adozione se non è provata la presenza di "rapporti significativi" Sommario: 1) Breve commento alla

Dettagli

FILIAZIONE LE FONTI: Parma, 23 maggio 2011 LA FILIAZIONE E L ADOZIONE OGGI GLI EFFETTI DELLA CRISI DELLA COPPIA SUI FIGLI CASISTICA

FILIAZIONE LE FONTI: Parma, 23 maggio 2011 LA FILIAZIONE E L ADOZIONE OGGI GLI EFFETTI DELLA CRISI DELLA COPPIA SUI FIGLI CASISTICA Parma, 23 maggio 2011 LA FILIAZIONE E L ADOZIONE OGGI GLI EFFETTI DELLA CRISI DELLA COPPIA SUI FIGLI CASISTICA Avv. Emanuella Uberti FILIAZIONE LE FONTI: Costituzione 1948 RD 262/42 (C.C.) libro I L. 151

Dettagli

LA SEPARAZIONE DI FATTO DEI CONIUGI

LA SEPARAZIONE DI FATTO DEI CONIUGI IL DIRITTO PRIVATO OGGI Serie a cura di Paolo Cendon LUCIANO OLIVERO LA SEPARAZIONE DI FATTO DEI CONIUGI GIUFFREED1TORE INDICE SOMMARIO P

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA. Capitolo I UN LINGUAGGIO GIURIDICO CONDIVISO PER L EUROPA (S. Patti)

INDICE PARTE PRIMA. Capitolo I UN LINGUAGGIO GIURIDICO CONDIVISO PER L EUROPA (S. Patti) INDICE Introduzione... xi PARTE PRIMA UN LINGUAGGIO GIURIDICO CONDIVISO PER L EUROPA 1. Il linguaggio giuridico delle relazioni familiari... 3 2. Le espressioni obsolete.... 4 3. Il linguaggio condiviso...

Dettagli

ORDINANZA N. 145 ANNO 2007 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai Signori: Franco BILE Presidente

ORDINANZA N. 145 ANNO 2007 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai Signori: Franco BILE Presidente ORDINANZA N. 145 ANNO 2007 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai Signori: Franco BILE Presidente Giovanni Maria FLICK Giudice Francesco AMIRANTE " Ugo DE

Dettagli

Damiano Marinelli Riflessioni sull art. 2645 ter del codice civile

Damiano Marinelli Riflessioni sull art. 2645 ter del codice civile A12 Damiano Marinelli Riflessioni sull art. 2645 ter del codice civile Copyright MMXII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06)

Dettagli

CORSO INTENSIVO DI DIRITTO DI FAMIGLIA

CORSO INTENSIVO DI DIRITTO DI FAMIGLIA CORSO INTENSIVO DI DIRITTO DI FAMIGLIA 15-16 - 17 OTTOBRE 2015 MONTEGROTTO TERME PADOVA presso Hotel Augustus, viale Stazione 150 Programma 12 crediti formativi attribuiti all intero corso, di cui 2 crediti

Dettagli

LA PROTEZIONE GIURIDICA DELLA PERSONA DISABILE INTELLETTIVA: L AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO, L INTERDIZIONE E L INABILITAZIONE

LA PROTEZIONE GIURIDICA DELLA PERSONA DISABILE INTELLETTIVA: L AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO, L INTERDIZIONE E L INABILITAZIONE LA PROTEZIONE GIURIDICA DELLA PERSONA DISABILE INTELLETTIVA: L AMMINISTRATORE DI SOSTEGNO, L INTERDIZIONE E L INABILITAZIONE Secondo il nostro ordinamento, ciascuno di noi nel momento in cui compie 18

Dettagli