LO SCUDO FISCALE IL RIMPATRIO DEI CAPITALI E LE NUOVE NORME SUI PARADISI FISCALI. LUCCA 16 settembre 2009

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LO SCUDO FISCALE IL RIMPATRIO DEI CAPITALI E LE NUOVE NORME SUI PARADISI FISCALI. LUCCA 16 settembre 2009"

Transcript

1 LO SCUDO FISCALE IL RIMPATRIO DEI CAPITALI E LE NUOVE NORME SUI PARADISI FISCALI LUCCA 16 settembre 2009

2 IL RIMPATRIO DEI CAPITALI E LE NUOVE NORME SUI PARADISI FISCALI Il segreto bancario e le indagini finanziarie Il monitoraggio estero e il quadro RW La presunzione di produttività di reddito dei capitali esteri e le modifiche al sistema sanzionatorio La cooperazione internazionale tra le agenzie fiscali La lotta contro i paradisi fiscali La residenza fiscale delle persone fisiche Le modifiche al regime delle CFC 2 Dott. Fabio Giommoni

3 Segreto bancario Indagini finanziarie L Amministrazione Finanziaria può richiedere, per via telematica, agli intermediari finanziari, alle imprese di investimento, agli organismi di investimento collettivo del risparmio, alle società di gestione del risparmio e alle società fiduciarie dati, notizie e documenti relativi a qualsiasi rapporto intrattenuto od operazione effettuata, ivi compresi i servizi prestati, con i loro clienti, nonché alle garanzie prestate da terzi. 3 Dott. Fabio Giommoni

4 Indagini finanziarie Utilizzabilità ai fini dell accertamento Imposte sui redditi Imposta sul valore aggiunto dall'art. 32, comma 1, n.7 D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 dall'art. 51, comma 2, n. 7, del D.P.R. 26 ottobre 1972, n Dott. Fabio Giommoni

5 Archivio dei rapporti Fonti normative Art. 7 del DPR 605/73 modificato dall Art. 37, commi 4 e 5 del DL 223/06 (decreto Visco- Bersani) Istituzione dell archivio dei rapporti tra intermediari finanziari e contribuenti Obbligo di rilevazione e codifica dei dati relativi alla clientela relativamente a qualsiasi rapporto o qualsiasi operazione di natura finanziaria Obbligo di comunicazione telematica dei rapporti intrattenuti a partire dal 1 gennaio 2005, nonché la loro natura, con indicazione dei dati anagrafici dei titolari, compreso il codice fiscale Sono comprese anche le operazioni extraconto, quali bonifici allo sportello, emissione incasso assegni circolari, vaglia postali ecc., effettuate dal 1 gennaio Dott. Fabio Giommoni

6 Archivio dei rapporti Rapporti da comunicare Conto corrente Conto deposito titoli e/o obbligazioni Conto deposito a risparmio libero/vincolato Rapporto fiduciario ex legge 1966/1939 Gestione collettiva del risparmio Gestione patrimoniale Certificati di deposito e buoni fruttiferi Portafoglio Conto terzi individuale/globale Dopo incasso Crediti Finanziamenti Altro rapporto Cessione indisponibile Cassette di sicurezza Depositi chiusi Contratti derivati su crediti Carte di credito/debito Crediti di firma Fondi pensione Patto compensativo Finanziamento in pool 6 Dott. Fabio Giommoni

7 Archivio dei rapporti Conti secretati Conti secretati a seguito di adesione al cosiddetto scudo fiscale di cui al DL 350/2001 Secondo l Agenzia delle Entrate (C.M. 18/E del 2007): Devono essere comunicati all Anagrafe Tributaria ai sensi dell art. 7, comma 6, DPR 605/1973 archivio rapporti Tuttavia in sede di richieste a seguito di indagine finanziaria in ordine alle operazioni trattate nell ambito di detti rapporti è legittimo il rifiuto da parte dell operatore finanziario Le associazioni di categoria (ABI circ. 5/2/2007, Assofiduciaria circ. 5/4/2007) non concordano con detta tesi, sostenendo che non vi è obbligo di comunicazione dei conti secretati. 7 Dott. Fabio Giommoni

8 Archivio dei rapporti Operazioni registrate nell archivio Rapporti finanziari 890 milioni (di cui 290 milioni cointestati) Operazioni extraconto 85 milioni 8 Dott. Fabio Giommoni

9 Monitoraggio estero e quadro RW FONTI NORMATIVE Il monitoraggio fiscale è stato introdotto dall art. 4 del D.L. 28 giugno 1990 n. 167, convertito con modificazioni dalla Legge 4 agosto 1990 n. 227, in occasione dell abrogazione della disciplina valutaria. Successivamente modificato dal D.Lgs. 21 novembre 1997 n Prevede l obbligo di compilazione del quadro RW della dichiarazione dei redditi. 9 Dott. Fabio Giommoni

10 Monitoraggio estero e quadro RW SOGGETTI OBBLIGATI PERSONE FISICHE (anche imprenditori in contabilità ordinaria) SOCIETA SEMPLICI ENTI NON COMMERCIALI (compresi i Trust non commerciali) Non sono pertanto tenuti a compilare il quadro RW le società di persone e di capitali e i soggetti equiparati. Agli effetti degli obblighi di dichiarazione, si considerano come di fonte estera i redditi corrisposti da soggetti non residenti, nonché i redditi derivanti da beni che si trovano al di fuori del territorio dello Stato. 10 Dott. Fabio Giommoni

11 Monitoraggio estero e quadro RW Attività da dichiarare Investimenti all estero o attività estere di natura finanziaria, detenuti all estero al termine del periodo di imposta e suscettibili di produrre redditi imponibili in Italia; Trasferimenti da e per l estero anche se l attività non è più detenuta alla fine del periodo di imposta Non vi è obbligo se l ammontare complessivo delle attività al termine del periodo di imposta non supera o se l importo dei trasferimenti complessivi da e per l estero nel periodo di imposta non supera ; Non vi è obbligo di dichiarazione per le operazioni concluse con intervento di un intermediario italiano tenuto alla rilevazione delle stesse. 11 Dott. Fabio Giommoni

12 Monitoraggio estero e quadro RW Attività da dichiarare Tipo di attività detenuta all estero Attività finanziarie estere Immobili all estero Preziosi ed opere d arte Obbligo di compilazione del quadro RW in ogni caso - se sono assoggettati ad imposte sui redditi nello Stato estero o comunque se sono dati in affitto in caso di cessione suscettibile di generare una plusvalenza imponibile solo se impiegati in attività destinate a produrre redditi imponibili in Italia Imbarcazioni da diporto R.M. n. 172/E del 3 luglio 2009 Attività finanziarie italiane Polizza di assicurazione sulla vita e di capitalizzazione con società assicuratrici non residenti 12 Dott. Fabio Giommoni in caso di cessione o rimborso suscettibili di generare plusvalenze imponibili qualora il contratto non è concluso per il tramite di intermediario finanziario italiano o le prestazioni sono pagate attraverso un intermediario italiano

13 Monitoraggio estero e quadro RW QUADRO RW SEZ. I trasferimenti da o verso l estero di denaro, certificati in serie o di massa o titoli effettuati attraverso non residenti senza il tramite di intermediari residenti, per cause diverse dagli investimenti esteri e dalle attività estere di natura finanziaria 13 Dott. Fabio Giommoni

14 Monitoraggio estero e quadro RW QUADRO RW SEZ. II consistenze degli investimenti esteri e delle attività estere di natura finanziaria detenuti all estero al termine del periodo di imposta 14 Dott. Fabio Giommoni

15 Monitoraggio estero e quadro RW QUADRO RW SEZ. III trasferimenti da, verso e sull estero effettuati attraverso intermediari residenti, attraverso non residenti o in forma diretta, che nel periodo di imposta hanno interessato gli investimenti all estero e le attività estere di natura finanziaria. 15 Dott. Fabio Giommoni

16 Monitoraggio estero e quadro RW Sanzioni L art. 19 del DL 350/2001 (primo Scudo fiscale) ha previsto le seguenti sanzioni applicabili in caso di violazione degli obblighi di monitoraggio fiscale. Sanzione nella misura dal 5% al 25% dell ammontare degli importi non dichiarati relativi: alla consistenza delle attività estere ai trasferimenti da e per l estero Per il solo caso dell omissione della dichiarazione della consistenza della attività estere è prevista la confisca di beni di corrispondete valore. Tale sanzione di fatto non è stata mai commisurata per le difficoltà applicative. 16 Dott. Fabio Giommoni

17 Monitoraggio estero e quadro RW Novità manovra estiva 2009 L art. 13-bis del DL 78/2009 ha previsto il raddoppio delle sanzioni applicabili in caso di violazione degli obblighi di monitoraggio fiscale. Pertanto si applica una sanzione nella misura dal 10% al 50% dell ammontare degli importi non dichiarati relativi: alla consistenza delle attività estere ai trasferimenti da e per l estero E inoltre confermata la confisca nel caso di omissione della dichiarazione della consistenza della attività estere. 17 Dott. Fabio Giommoni

18 Monitoraggio estero e quadro RW Novità manovra estiva 2009 L art. 12 del DL 78/2009 introduce una presunzione in base alla quale: Le attività detenute in paesi black list non dichiarate nel quadro RW si presumono frutto di redditi non dichiarati in Italia (salvo prova contraria) Dubbi: Momento impositivo? Tipologia di reddito da tassare? Inoltre è previsto il raddoppio delle sanzioni ordinarie relative alla infedele od omessa dichiarazione 18 Dott. Fabio Giommoni

19 Cooperazione internazionale Norme che regolano lo scambio di informazioni e la reciproca assistenza tra le autorità fiscali degli Stati In ambito OCSE (Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico): Le convenzioni bilaterali contro le doppie imposizioni La Convenzione OCSE del 25/1/1988 A livello comunitario: Le Direttive e i regolamenti comunitari 19 Dott. Fabio Giommoni

20 Le convenzioni fiscali bilaterali Una convenzione bilaterale è un Trattato internazionale concluso tra due Stati sovrani, la cui funzione primaria consiste nel prevenire o evitare la doppia imposizione e, nello stesso tempo, nel prevenire l evasione fiscale. Generalmente sono redatte sulla base del modello di convenzione predisposta a livello OCSE. Il primo Modello OCSE di convenzione bilaterale contro la doppia imposizione risale al 1963 e subito fu adottato come riferimento da un gran numero di Stati nella redazione dei rispettivi trattati bilaterali. Un secondo modello seguì nel 1977, cui furono apportati significative modifiche nel 1992 ed ancora nel Dott. Fabio Giommoni

21 Le convenzioni fiscali bilaterali Le convenzioni prevedono esplicitamente un'assistenza amministrativa fra le Amministrazioni fiscali interessate. La portata dello scambio di informazioni è variabile secondo le Convenzioni ed ha come scopo di permettere la corretta applicazione delle disposizioni della Convenzione e della legislazione interna degli Stati contraenti, relativa alle imposte trattate dalla Convenzione. Ciò che legittima lo scambio internazionale di informazioni è la reciprocità, cioè la possibilità per lo Stato richiedente di fornire informazioni equivalenti a quelle richieste. Alcune convenzioni stipulate dall Italia non comportano clausole di scambio di informazioni (Arabia Saudita, Qatar e Bahrein), altre contengono clausole restrittive per lo scambio di informazioni (Algeria, Madagascar, Malesia e Svizzera). Dott. Fabio Giommoni

22 La convenzione OCSE Al fine di aumentare la cooperazione tra le autorità fiscali impegnate contro l'evasione dei tributi, agevolata dal crescente sviluppo di movimenti internazionali di persone, capitali, beni e servizi il 25/1/1988 è stata firmata a Strasburgo tra gli Stati membri del Consiglio d'europa e i Paesi membri dell'organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) una specifica Convenzione concernente la reciproca assistenza amministrativa. La Convenzione è aperta alla ratifica degli Stati membri del Consiglio d'europa e dei Paesi membri dell'ocse. L Italia ha aderito con la L. 10 febbraio 2005, n. 19 concernente la "Adesione della Repubblica italiana alla Convenzione concernente la reciproca assistenza amministrativa in materia fiscale tra gli Stati membri del Consiglio d'europa ed i Paesi membri dell'organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico-ocse, con Allegati, fatta a Strasburgo il 25 gennaio 1988, e sua esecuzione". 22 Dott. Fabio Giommoni

23 La convenzione OCSE La Convenzione prevede che le Parti firmatarie si concedano reciprocamente assistenza amministrativa in materia fiscale, incluso: - lo scambio di informazioni, compresi i controlli fiscali contestuali e la partecipazione a controlli fiscali svolti all'estero; - il recupero di crediti d'imposta; - la notifica di documenti. L'accordo dispone altresì che l'assistenza amministrativa sia fornita a prescindere se la persona in oggetto sia residente o cittadina di una Parte o di ogni altro Stato. Una Parte non può utilizzare le informazioni ottenute come mezzo di prova dinanzi ad una giurisdizione penale se non abbia ottenuto l'autorizzazione preliminare della Parte che le ha fornite; tuttavia due o più Parti possono di comune accordo rinunciare alla condizione dell'autorizzazione preliminare 23 Dott. Fabio Giommoni

24 La convenzione OCSE A) Scambio di informazioni su richiesta Obbligo di fornire ogni informazione relativa a una determinata persona o transazione su istanza dello Stato richiedente. B) Scambio di informazioni automatico Si prevede che per alcune categorie di casi, e secondo procedure che sono determinate di comune accordo, due o più Parti scambino automaticamente informazioni fiscali. 24 c) Scambio di informazioni spontaneo Uno Stato può comunicare informazioni, senza richiesta preliminare, nell ipotesi di: o o o soggetti che beneficiano di riduzioni o esoneri anomali di imposta; transazioni che beneficiano di riduzioni o esoneri anomali di imposta; trasferimenti fittizi di proventi nell'ambito di gruppi di imprese.

25 La convenzione OCSE Controlli fiscali contestuali Per controllo fiscale contestuale, ai fini della Convenzione, si intende un controllo intrapreso ai sensi di un accordo con cui due o più Parti convengono di verificare contestualmente, ciascuna sul proprio territorio, la situazione fiscale di una o più persone con cui hanno interessi comuni o complementari, al fine di scambiare le informazioni così ottenute. Su richiesta di una Parte tra di loro, due o più Parti si consultano per determinare i casi che devono essere oggetto di un controllo fiscale contestuale nonché le procedure da seguire; ciascuna Parte decide in un determinato caso se partecipare o meno a un controllo fiscale contestuale. 25 Dott. Fabio Giommoni

26 La convenzione OCSE Controlli fiscali all estero Su richiesta dell'autorità competente dello Stato richiedente, l'istituzione competente dello Stato richiesto può autorizzare rappresentanti dell'autorità competente dello Stato richiedente ad assistere alla fase pertinente di un controllo fiscale nello Stato richiesto. Qualora la domanda sia accettata, l'autorità competente dello Stato richiesto fa sapere al più presto al suo omologo dello Stato richiedente la data e il luogo del controllo, l'autorità o il funzionario incaricato di tale controllo nonché le procedure e condizioni stabilite dallo Stato richiesto per la conduzione del controllo; ogni decisione relativa alla conduzione del controllo fiscale è adottata dallo Stato richiesto. 26 Dott. Fabio Giommoni

27 Direttive e regolamenti europei Tra le direttive e i regolamenti che hanno istituito una reciproca assistenza fra Stati membri dell'unione europea vanno ricordate: la Direttiva n. 77/799/CEE del , relativa alla reciproca assistenza fra le autorità competenti degli Stati membri nel settore delle imposte dirette, come modificata dalle Direttive n. 2003/93/CEE del , n. 2004/56/CEE del 21 aprile 2004 e n. 2004/106/CEE del ; la Direttiva n. 79/1070/CEE del ,, attualmente sostituita dai regolamenti (CE) n. 1798/2003 del , entrato in vigore il 1 gennaio 2004 e (CE) n. 885/2004 del Dott. Fabio Giommoni

28 Cooperazione internazionale Uno dei limiti alla prestazione dell'assistenza è il principio dell'equivalenza, secondo il quale l'acquisizione delle informazioni deve essere consentita in entrambi gli Stati e in eguale misura. Tuttavia, negli altri paesi non sempre è autorizzata, com'è invece in Italia, un'indagine generale svolta presso le banche per ottenere informazioni circa tutti i conti detenuti sul territorio nazionale dal contribuente. Pertanto, il problema della possibilità di accesso ai dati bancari esiste solo se l'amministrazione fiscale è a conoscenza dell'esistenza di un conto di un contribuente acceso presso una determinata banca. 28 Dott. Fabio Giommoni

29 Cooperazione internazionale Limiti della cooperazione internazionale 1. Scarsità di informazioni di natura finanziaria nel Paese estero per la presenza di un certo livello di segreto bancario 2. Limitazioni allo scambio di informazioni previsto dalla convenzione contro le doppie imposizioni stipulata con il Paese estero 3. Non è stata stipulata alcuna convenzione perché il Paese estero non accetta lo scambio di informazioni ( Paradiso fiscale ) 29 Dott. Fabio Giommoni

30 PARADISI FISCALI I paradisi fiscali per l OCSE Lista Normativa scambio informazioni Paesi NERA GRIGIA (A) Paradisi fiscali GRIGIA (B) Altri centri finanziari BIANCA Paesi che non si sono mai impegnati a rispettare gli standard OCSE Paesi che si sono impegnati a rispettare gli standard OCSE, ma che di fatto non li hanno applicati (almeno 12 convenzioni) Paesi che rispettano gli standard OCSE Costarica, Malaysia, Filippine, Uruguay 30 Paesi tra cui: San Marino, Montecarlo, Isole Cayman, Liechtenstein, Andorra, Panama ecc. Cile, Singapore, Guatemala; (in uscita): Austria e Svizzera (usciti): Belgio e Lussemburgo Tutti gli altri Paesi 30 Dott. Fabio Giommoni

31 PARADISI FISCALI Black list italiane DM 21 novembre 2001 DM 23 gennaio 2002 DM4 maggio 1999 CFC Controlled foreign companies Art. 167 e 168 TUIR Indeducibilità costi da paradisi fiscali Art. 110 TUIR Presunzione residenza Persone fisiche Art. 2, co. 2-bis TUIR 31 Dott. Fabio Giommoni

32 PARADISI FISCALI I paradisi fiscali nella normativa italiana 32 ALDERNEY ANDORRA ANGUILLA ANTILLE OLANDESI ARUBA BAHAMA BAHREIN (con esclusioni) BARBADOS BELIZE BERMUDA BRUNEI CIPRO EM. ARABI UN. (con esclusioni) FILIPPINE GIBILTERRA GIBUTI GRENADA GUERNSEY HONK KONG ISOLA DI MAN ISOLE CAYMAN ISOLE MARSHALL ISOLE TURKS E CAICOS ISOLE VERGINI BRITANNICHE JERSEY LIBANO LIBERIA LIECHTENSTEIN MACAO MALESIA MALDIVE MONACO (con esclusioni) MONSERRAT NAURU NIUE OMAN POLINESIA FRANCESE SAINT KITTS E NEVIS SAINT LUCIA SAINT VINCENT E GRENADINE SARK SEYCHELLES SINGAPORE (con esclusioni) TONGA TUVALU VANUATU

33 PARADISI FISCALI I paradisi fiscali nella normativa italiana Vi sono alcuni Paesi che rientrano nella black list limitatamente ad alcune specifiche forme societarie: il Lussemburgo, con riferimento alla Holding del 1929 ; la Svizzera, con riferimento alle società non soggette alle imposte cantonali e municipali ( seguito di rulings), quali le Società holding, Ausiliarie e di Domicilio. 33 Dott. Fabio Giommoni

34 PARADISI FISCALI SVIZZERA Per uscire dalla lista grigia dell OCSE la Svizzera deve sottoscrivere almeno 12 convenzioni contro le doppie imposizioni con altrettanti Paesi secondo il modello OCSE Inoltre, per non dover rinunciare al segreto bancario la Svizzera applica la cosiddetta Euroritenuta (anonima) sui proventi corrisposti ai residenti in altri Paesi europei e versarla ai rispettivi Paesi. Trattative i corso per la revisione della convenzione contro le doppie imposizioni tra Italia e Svizzera soprattutto per quanto riguarda lo scambio di informazioni: Adeguamento della Convenzione al modello OCSE Superamento della distinzione tra frode fiscale e evasione fiscale Trattamento delle società schermo collegate a conti segreti Dott. Fabio Giommoni

35 PARADISI FISCALI SVIZZERA (segue) Probabili limitazioni che saranno contenute nel nuovo accordo tra Italia e Svizzera: Le nuove regole riguarderanno solo i casi di evasione fiscale commessa dopo la firma dell accordo. Le informazioni saranno rilasciate sulla base di specifiche richieste circoscritte e non riguarderanno liste indiscriminate (come ad esempio nel caso UBS). I soggetti interessati dalle richieste dovranno aver già subito un accertamento in patria. Dott. Fabio Giommoni

36 PARADISI FISCALI SAN MARINO E stato recentemente siglata una bozza di accordo tra Italia e San Marino, i cui contenuti non sono stati resi noti, ma che dovrebbe prevedere: La fornitura da parte di san Marino delle liste dei cittadini Italiani effettivamente residenti in tale Paese in modo da poter incrociare i dati con gli italiani iscritti all AIRE con riferimento a San Marino Maggiore collaborazione in tema di scambio di informazioni Dott. Fabio Giommoni

37 Residenza fiscale delle persone fisiche RESIDENZA La nozione di residenza fiscale risulta di fondamentale importanza al fine di individuare l inquadramento fiscale e le conseguenti modalità di tassazione Residenti Tassati su tutti i redditi ovunque prodotti (obblighi dichiarativi) Non residenti Tassati esclusivamente sui redditi prodotti in Italia (con esclusione dei redditi esenti, assoggettati a imposta sostitutiva o ritenuta alla fonte) 37 Dott. Fabio Giommoni

38 Residenza fiscale delle persone fisiche FONTI NORMATIVE Residenza delle persone fisiche ai fini delle imposte sui redditi (art. 2, secondo comma, TUIR) Si considerano residenti le persone che, per la maggior parte del periodo di imposta, alternativamente: sono iscritte nelle anagrafi della popolazione residente hanno nel territorio dello Stato il domicilio hanno ivi la residenza La sussistenza dei requisiti deve essere verificata per la maggior parte del periodo di imposta ovvero deve coprire un arco temporale di almeno 183 gg. 38 Dott. Fabio Giommoni

39 Residenza fiscale delle persone fisiche L ISCRIZIONE ANAGRAFICA l iscrizione all anagrafe italiana preclude qualsiasi altro tipo di prova contraria (prevalenza della forma sulla sostanza). l iscrizione all AIRE (Anagrafe degli Italiani Residenti all Estero), che attesta la non residenza in Italia, è invece sempre suscettibile di prova contraria. 39 Dott. Fabio Giommoni

40 Residenza fiscale delle persone fisiche LA RESIDENZA E il luogo in cui la persona ha la dimora abituale (art. 43, secondo comma, del c.c.). Per la giurisprudenza civilistica, la residenza e determinata dalla abituale volontaria dimora di una persona in un dato luogo. Deve conseguentemente esserci concorrenza di un elemento soggettivo (volontà di rimanere in un luogo) e di uno oggettivo (effettiva stabile permanenza in un luogo). 40 Dott. Fabio Giommoni

41 Residenza fiscale delle persone fisiche IL DOMICILIO E nel luogo in cui una persona ha stabilito la sede principale dei suoi affari e interessi (art. 43, primo comma, del c.c.) Elemento che prescinde dalla dimora e dalla presenza di una persona in un luogo ma che e caratterizzato dalla volontà della persona di stabilire in un determinato luogo la sede generale delle sue relazioni e dei suoi interessi (Cass. 21 marzo 1968, n.884) Affari ed interessi : interpretazione ampia, ovvero non solo rapporti di natura patrimoniale ed economica, ma anche morali, sociali e familiari (Cass. 26 ottobre 1968 n e 12 febbraio 1973, n.435) 41 Dott. Fabio Giommoni

42 Residenza fiscale delle persone fisiche PRESUNZIONE DI RESIDENZA Dal 1 gennaio 1999 si considerano residenti, salvo prova contraria, anche i soggetti per i quali sono soddisfatte tutte le seguenti condizioni (comma 2-bis art. 2 TUIR): cittadini italiani; cancellati dalle anagrafi dei residenti; emigrati in stati o territori aventi un regime fiscale privilegiato (D.M. 4 maggio 1999, c.d. black list, da sostituire con la nuova white list in base alla Finanziaria 2008) Inoltre, ai sensi del DL 112/2008, i cittadini italiani iscritti all AIRE (Anagrafe degli Italiani Residenti all Estero), sono monitorati per 3 anni al fine di verificare l effettiva cessazione della residenza in Italia (effetto retroattivo per le iscrizioni a partire dal ). 42 Dott. Fabio Giommoni

43 Residenza fiscale delle persone fisiche PRESUNZIONE DI RESIDENZA Per la prova contraria, il contribuente può fare riferimento a quegli stessi elementi individuati dal Ministero (Circ. 304/E/1997) come indizi utili al fine di determinare la residenza in Italia di un soggetto: Contratti di lavoro all estero Bollette delle utenze Possesso o detenzione di abitazioni Iscrizione figli alle scuole locali, etc. La disposizione presuntiva trova applicazione dal periodo di imposta 1999 ancorché l emigrazione sia avvenuta antecedentemente al primo gennaio Dott. Fabio Giommoni

44 Residenza fiscale delle persone fisiche Elementi utilizzati dall Amministrazione Finanziaria per provare la residenza in Italia di persone fisiche non iscritte all anagrafe della popolazione residente : la disposizione in Italia di una abitazione permanente; il mantenimento in Italia della famiglia; l accredito in Italia dei propri proventi, ovunque conseguiti; la partecipazione a riunioni di affari in Italia; il rivestimento in Italia di cariche sociali; l iscrizione a circoli o clubs situati in Italia; l organizzazione della propria attività o dei propri impegni attraverso soggetti operanti nel territorio italiano le dichiarazioni rese dal soggetto in sede di pubblicazioni biografiche, di interviste concesse alla stampa o alle reti televisive etc. l inadeguatezza, rispetto al tenore di vita dell individuo, degli investimenti immobiliari detenuti all estero, specie se paragonati a quelli, tenuti a disposizione, nel territorio nazionale 44 Dott. Fabio Giommoni

45 Regime CFC Fonti normative Controllate Residenti o localizzate in paradisi fiscali Collegate Art. 167 TUIR DM 21 novembre 2001 n 429 Black List DM 21 novembre 2001 Art. 168 nuovo TUIR DM 7 agosto 2006 n. 268 Nuova White list Finanziaria Dott. Fabio Giommoni

46 Regime CFC Controllo e collegamento Controllate Collegate Controllo ex art c.c.: Controllo di diritto Controllo di fatto Controllo contrattuale Direttamente o indirettamente, anche tramite società fiduciarie o per interposta persona Partecipazione agli utili> 20% (10% in caso di società quotate) Per le persone fisiche vanno sommati anche i voti del coniuge, figli, parenti entro il terzo grado ed affini entro il secondo. 46 Dott. Fabio Giommoni

47 Regime CFC SOGGETTI INTERESSATI I soggetti controllati interessati dalla disciplina delle CFC: persone fisiche (anche non imprenditori); società di persone e di capitali; enti commerciali/non commerciali, pubblici e privati; le stabili organizzazioni italiane di soggetti non residenti sono escluse; 47 Dott. Fabio Giommoni

48 Regime CFC Regole di applicazione i redditi della CFC sono imputati per trasparenza in capo al soggetto residente, a prescindere dalla loro distribuzione, in proporzione alla quota di partecipazione agli utili, diretta o indiretta i redditi della CFC sono assoggettati a tassazione separata con l aliquota media applicata sul reddito complessivo del soggetto residente e, comunque, non inferiore al 27% gli utili distribuiti dai soggetti non residenti non concorrono a formare il reddito fino a concorrenza del reddito assoggettato a tassazione, anche in precedenti esercizi 48 Dott. Fabio Giommoni

49 Regime CFC Regole di applicazione i redditi sono determinati secondo i criteri del reddito d impresa, salvo il differimento della tassazione delle plusvalenze patrimoniali che non è applicabile sono ammesse in detrazione le imposte pagate all estero in via definitiva I redditi vanno convertiti in Euro sulla base del tasso di cambio alla data di chiusura dell esercizio della CFC. la perdita fiscale della CFC è riportabile nei 5 periodi d imposta successivi, compensabile esclusivamente con i redditi futuri della stessa CFC (quindi, non compensabili con il reddito di un soggetto residente, né con i redditi di altre CFC). 49 Dott. Fabio Giommoni

50 Novità regime CFC Disapplicazione ante DL 78/2009 Istanza di interpello ex art. 11 della L. 212/2000 (c.d.statuto del contribuente) diretta a dimostrare alternativamente Lett. a) la CFC svolge un effettiva attività industriale o commerciale, come sua principale attività, nello Stato o territorio nel quale ha sede; Lett. b) dalle partecipazioni nella CFC non consegue l effetto di localizzare i redditi in Stati o territori con regime fiscale agevolato; 50 La CFC svolge in prevalenza un effettiva attività commerciale (art C.c.) con una struttura organizzativa idonea allo svolgimento della stessa i redditi conseguiti dalla CFC sono prodotti in misura non inferiore al 75% in Paesi o territori non inclusi nella black list ed ivi sottoposti a tassazione ordinaria;

51 Novità regime CFC Disapplicazione ante DL 78/2009 Modifica della lett. a), comma 5, art. 167 TUIR Nuova lett. a) La CFC svolge un effettiva attività industriale o commerciale, come sua principale attività, NEL MERCATO dello Stato o territorio nel quale ha sede; Assume rilevanza la sfera locale della struttura organizzativa della partecipata non residente. Ad esempio non vi dovrebbero rientrare le imprese prevalentemente esportatrici Lett. b) [invariata] Attenzione: nuova norma specifica di inapplicabilità della causa di esenzione 51 Dott. Fabio Giommoni

52 Novità regime CFC Inapplicabilità esenzione Ai sensi del nuovo comma 5-bis dell art. 167, la circostanza esimente di cui alla lett. a) del comma 5 dell art. 167 TUIR non si applica qualora i proventi della partecipata non residente provengono da per più del 50% dalla mera gestione di: titoli e partecipazioni, crediti o altre attività finanziarie, nonché dalla: cessione o concessione in uso di diritti immateriali relativi alla proprietà industriale, letteraria o artistica, prestazione di servizi nei confronti di soggetti dello stesso gruppo, ivi compresi i servizi finanziari. 52 Dott. Fabio Giommoni

53 Novità regime CFC Estensione del regime CFC Il nuovo comma 8-bis dell art. 167 del TUIR amplia l ambito applicativo del regime delle società CFC anche a società non residenti in Paesi black list, qualora ricorrono congiuntamente le seguenti condizioni: I relativi proventi sono assoggettati a tassazione effettiva inferiore a più della metà di quella a cui sarebbero stati soggetti ove residenti in Italia (comparable tax approach); hanno conseguito proventi derivanti per più del 50% dalla mera gestione di titoli, crediti, altre attività finanziarie e dalla cessione o concessione di diritti immateriali e da prestazioni intragruppo (anche finanziarie). 53 Dott. Fabio Giommoni

fiavet CHIARIMENTI SU OPERAZIONI CON PAESI BLACK LIST

fiavet CHIARIMENTI SU OPERAZIONI CON PAESI BLACK LIST CHIARIMENTI SU OPERAZIONI CON PAESI BLACK LIST Con la circolare n. 53/E/10 l Agenzia delle Entrate ha fornito i propri chiarimenti in merito al nuovo obbligo di comunicazione delle operazioni effettuate

Dettagli

Menga Consulenza. Aziendale. dott. Antonio Menga dott. Michele Vigilante dott. Gianvito Pace

Menga Consulenza. Aziendale. dott. Antonio Menga dott. Michele Vigilante dott. Gianvito Pace Studio Menga Consulenza Aziendale dott. Antonio Menga dott. Michele Vigilante dott. Gianvito Pace Obbligo di comunicazione delle operazioni effettuate con soggetti stabiliti in Paesi a fiscalità privilegiata

Dettagli

DIVULGAZIONE MODIFICA SW0003007

DIVULGAZIONE MODIFICA SW0003007 Divulgazione Implementazione/Modifica Software DIVULGAZIONE MODIFICA SW0003007 *** Comunicazione dati Black List *** 1. Gestione Tabelle (EX 0C) Implementare Tabella PAE per identificare i paesi di appartenenza

Dettagli

MODIFICHE NELLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE SUL MONITORAGGIO

MODIFICHE NELLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE SUL MONITORAGGIO MODIFICHE NELLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW IN APPLICAZIONE DELLA LEGGE SUL MONITORAGGIO SOGGETTI OBBLIGATI ALLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW A NORMA DEGLI ARTT. 2 E 4 DEL D.L. 167/1990 PERSONE FISICHE ENTI

Dettagli

COMUNICAZIONE BLACK LIST : I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMUNICAZIONE BLACK LIST : I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Circolare N. 75 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 26 ottobre 2010 COMUNICAZIONE BLACK LIST : I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Sul filo di lana della prima scadenza per la presentazione

Dettagli

Cognome Nome Data di nascita 1 2 3 giorno mese anno. Codice Stato estero Indirizzo estero della sede legale 9 10

Cognome Nome Data di nascita 1 2 3 giorno mese anno. Codice Stato estero Indirizzo estero della sede legale 9 10 Oggetto: DAL 2014 COMUNICAZIONI BLACK LIST SU NUOVO MODELLO A decorrere dalle operazioni registrate dal 1 gennaio 2014, la comunicazione delle operazioni intrattenute con controparti localizzate in paesi

Dettagli

Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE n. CF 07/2012 COMUNICAZIONE TELEMATICA DELLE LETTERE DI INTENTO

Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE n. CF 07/2012 COMUNICAZIONE TELEMATICA DELLE LETTERE DI INTENTO Spett.le DITTA/ SOCIETÀ CIRCOLARE n. CF 07/2012 Come comunicato con la circolare CC 02/2006, Vi rinnoviamo la segnalazione che nella nuova veste del nostro sito internet www.studiosinergie.it, sono costantemente

Dettagli

Elenco clienti e fornitori black list: proroga al 2 novembre e altre novità

Elenco clienti e fornitori black list: proroga al 2 novembre e altre novità Il Punto sull Iva Comunicazione Operazione Paesi Black List Elenco clienti e fornitori black list: proroga al 2 novembre e altre novità Premessa In un precedente intervento (circolare mensile di Agosto

Dettagli

VOLUNTARY DISCLOSURE: SOGGETTI INTERESSATI, VIOLAZIONI REGOLARIZZABILI E ADEMPIMENTI RICHIESTI

VOLUNTARY DISCLOSURE: SOGGETTI INTERESSATI, VIOLAZIONI REGOLARIZZABILI E ADEMPIMENTI RICHIESTI Modena, 21 marzo 2015 VOLUNTARY DISCLOSURE: SOGGETTI INTERESSATI, VIOLAZIONI REGOLARIZZABILI E ADEMPIMENTI RICHIESTI DL n. 167/90 Legge n. 186/2014 Circolare Agenzia Entrate 13.3.2015, n. 10/E A seguito

Dettagli

LA RESIDENZA FISCALE DELLE PERSONE FISICHE. (Dott. Ernesto Cherici Giugno 2015)

LA RESIDENZA FISCALE DELLE PERSONE FISICHE. (Dott. Ernesto Cherici Giugno 2015) LA RESIDENZA FISCALE DELLE PERSONE FISICHE. (Dott. Ernesto Cherici Giugno 2015) 1. PREMESSA. La regola generale prevede che sono considerati residenti (fiscali) in Italia le persone fisiche che per la

Dettagli

Residenza delle persone fisiche Paradisi fiscali - Sanzioni

Residenza delle persone fisiche Paradisi fiscali - Sanzioni S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Residenza delle persone fisiche Paradisi fiscali - Sanzioni Marco Piazza Milano, 31marzo 2011 Definizione nazionale 2 Definizione nazionale Articolo 2, comma

Dettagli

ACQUISTI DA PAESI BLACK LIST DEDUCIBILITA DEI COSTI

ACQUISTI DA PAESI BLACK LIST DEDUCIBILITA DEI COSTI Risposte a quesiti ACQUISTI DA PAESI BLACK LIST DEDUCIBILITA DEI COSTI Le spese e i componenti negativi sostenuti da un'impresa italiana con un partner commerciale residente in Paesi a fiscalità privilegiata

Dettagli

QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni.

QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni. QUADRO RW Un cenno sulle novità del 2014, una riflessione su ritardata presentazione, ravvedimento e sanzioni. L art. 9 della L. 6.8.2013 n. 97 prevede: l eliminazione della sezione I (trasferimenti attuati

Dettagli

Il trattamento fiscale dei dividendi transfrontalieri

Il trattamento fiscale dei dividendi transfrontalieri Focus di pratica professionale di Fabio Giommoni Il trattamento fiscale dei dividendi transfrontalieri La recente sentenza della CTR dell'aquila n.390/12, in materia di rimborso delle ritenute sui dividendi

Dettagli

OGGETTO: Manutenzione impianti con Reverse charge

OGGETTO: Manutenzione impianti con Reverse charge CIRCOLARE N. 3/2015 UMBERTIDE, 22 Maggio 2015 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Manutenzione impianti con Reverse charge Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo

Dettagli

Diritto tributario italiano Il nuovo quadro RW del Modello Unico 2014

Diritto tributario italiano Il nuovo quadro RW del Modello Unico 2014 Diritto tributario italiano Il nuovo quadro RW del Modello Unico 2014 21 Raul Angelo Papotti Socio dello Studio Legale Chiomenti di Milano. Avvocato e Dottore Commercialista in Milano. LL.M. (Leiden) Obblighi

Dettagli

Unico 2015: IVIE, IVAFE e Voluntary disclosure

Unico 2015: IVIE, IVAFE e Voluntary disclosure Circolare Monografica 12 maggio 2015, n. 2158 DICHIARAZIONI Unico 2015: IVIE, IVAFE e Voluntary disclosure La compilazione del Quadro RW di Armando Urbano Il quadro RW deve essere compilato dalle persone

Dettagli

Circolare monotematica LUGLIO 2015

Circolare monotematica LUGLIO 2015 Circolare monotematica LUGLIO 2015 1 OPERARE ALL ESTERO Novità in corso di introduzione per effetto del Decreto legislativo, ancora in esame, in attuazione della Legge delega 11 Marzo 2014, n.23 1. NOVITA

Dettagli

Disciplina dei cd costi black list Aspetti operativi nella redazione dell interpello disapplicativo. Dott.ssa Barbara Castelli

Disciplina dei cd costi black list Aspetti operativi nella redazione dell interpello disapplicativo. Dott.ssa Barbara Castelli S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Disciplina dei cd costi black list Aspetti operativi nella redazione dell interpello disapplicativo Dott.ssa Barbara Castelli 7 maggio 2015 Sala Falck Via

Dettagli

COMUNICAZIONE PARADISI FISCALI

COMUNICAZIONE PARADISI FISCALI COMUNICAZIONE PARADISI FISCALI RADIX ERP by ACS Data Systems Comunicazione delle operazioni con soggetti aventi sede in paesi a fiscalità privilegiata Release: 19.10.2010 ACS Data Systems AG/spa 1 / 14

Dettagli

Approvazione del testo unico delle imposte sui redditi [Testo post (2) (3)

Approvazione del testo unico delle imposte sui redditi [Testo post (2) (3) D.P.R. 22-12-1986 n. 917 Approvazione del testo unico delle imposte sui redditi [Testo post riforma 2004] Pubblicato nella Gazz. Uff. 31 dicembre 1986, n. 302, S.O. D.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917 (1).

Dettagli

NUOVI OBBLIGHI PER LE OPERAZIONI CON SOGGETTI IVA DEI PAESI BLACK LIST

NUOVI OBBLIGHI PER LE OPERAZIONI CON SOGGETTI IVA DEI PAESI BLACK LIST Studio Contrino Rag. Gaspare - Seregno via Santuario n. 70 - Tel. (0362) 220979 Fax 328187 OGGETTO: Circolare n. 12 2010 Seregno, li 22 giugno 2010 NUOVI OBBLIGHI PER LE OPERAZIONI CON SOGGETTI IVA DEI

Dettagli

Il Quadro RW. a cura di Sergio Pellegrino. Studio Pellegrino

Il Quadro RW. a cura di Sergio Pellegrino. Studio Pellegrino Il Quadro RW a cura di Sergio Pellegrino Studio Pellegrino PREMESSA METODOLOGICA NEL MODELLO UNICO CONVIVONO DUE MONDI DICHIARAZIONE DEI REDDITI PRODOTTI ALL ESTERO SEGNALAZIONE DELLE ATTIVITA DETENUTE

Dettagli

La territorialità IVA delle prestazioni di servizi. www.studiotomalucio.com - Lucio Toma - Dottore Commercialista e Revisore Legale dei Conti

La territorialità IVA delle prestazioni di servizi. www.studiotomalucio.com - Lucio Toma - Dottore Commercialista e Revisore Legale dei Conti La territorialità IVA delle prestazioni di servizi 1 DIRETTIVE E REGOLAMENTI EUROPEI DI MODIFICA DELL IVA Direttiva 2008/8/CE: nuovi criteri della TERRITORIALITA NEI SERVIZI Direttiva 2008/9/CE: nuove

Dettagli

MODELLO O QUADRO RW E VOLUNTARY DISCLOSURE: PUNTI SALIENTI E SANZIONI

MODELLO O QUADRO RW E VOLUNTARY DISCLOSURE: PUNTI SALIENTI E SANZIONI S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO RAVVEDIMENTO OPEROSO E QUADRO RW MODELLO O QUADRO RW E VOLUNTARY DISCLOSURE: PUNTI SALIENTI E SANZIONI Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano

Dettagli

Rapporti economici e commerciali con paesi black list novità ed approfondimenti

Rapporti economici e commerciali con paesi black list novità ed approfondimenti Marco Bargagli (Dottore in economia e giurisprudenza, esperto di fiscalità internazionale) Rapporti economici e commerciali con paesi black list novità ed approfondimenti 1 Normativa di riferimento L art.

Dettagli

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI RIEPILOGO ADEMPIMENTO OPERAZION I BLACK LIST Come p noto il DL 40/2010 ha introdotto un nuovo adempimento informativo nei confronti dell'agenzia delle Entrate, relativo alle operazioni effettuate da soggetti

Dettagli

799 IL NUOVO MODULO RW

799 IL NUOVO MODULO RW 799 IL NUOVO MODULO RW La compilazione del modulo RW rientra nella più ampia disciplina del monitoraggio fiscale contenuta nel DL 167/90, il cui impianto normativo è stato riformato dalla Legge 6 agosto

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

INDICE PREMESSA... 9. 1. I DIVIDENDI DISTRIBUITI DA SOCIETÀ ED ENTI COMMERCIALI RESIDENTI... 11 di Francesco Facchini e Federico Salvadori

INDICE PREMESSA... 9. 1. I DIVIDENDI DISTRIBUITI DA SOCIETÀ ED ENTI COMMERCIALI RESIDENTI... 11 di Francesco Facchini e Federico Salvadori INDICE PREMESSA... 9 1. I DIVIDENDI DISTRIBUITI DA SOCIETÀ ED ENTI COMMERCIALI RESIDENTI... 11 di Francesco Facchini e Federico Salvadori 1. Premessa: le riforme che hanno interessato la disciplina dei

Dettagli

Circolare n. 21 INDICE

Circolare n. 21 INDICE Circolare n. 21 del 15 giugno 2012 Imposte patrimoniali sugli immobili all estero, sulle attività finanziarie detenute all estero e sulle attività oggetto di scudo fiscale - Riepilogo della disciplina

Dettagli

I REDDITI DI CAPITALE. Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1

I REDDITI DI CAPITALE. Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1 I REDDITI DI CAPITALE Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario - 2012 1 REDDITI DI CAPITALE Fondamento normativo - artt. 44-48 TUIR - artt. 26-27-ter D.P.R. n. 600/73 Prof. Mario Miscali - Diritto Tributario

Dettagli

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail

Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail Studio Campasso Associati Corso Marconi 38, 10125 Torino Telefono 0116698083 Fax 0116698132 e-mail info@studiocampasso.it www.studiocampasso.it Informativa n. 24 del 18 giugno 2012 Imposte patrimoniali

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA N. 5/2014 VOLUNTARY DISCLOSURE

CIRCOLARE INFORMATIVA N. 5/2014 VOLUNTARY DISCLOSURE ENRICO MARIA BIGNAMI ANDREA BIGNAMI GAETANO PIGNATTI MORANO CESARE BEOLCHI ROGER OLIVIERI FEDERICO GENTILE CARLO GIROTTI DOMENICO BIANCHI dottore in economia e commercio ARIANNA VITALI dottoressa in economia

Dettagli

ASPETTI TRIBUTARI INTERNAZIONALI E MONITORAGGIO

ASPETTI TRIBUTARI INTERNAZIONALI E MONITORAGGIO Convegno IMMOBILI IN ITALIA ED ALL ESTERO: ASPETTI TRIBUTARI INTERNAZIONALI E MONITORAGGIO Roberto TAMBURELLI 1 Introduzione all RW FONTE NORMATIVA Gli Art. 2 e 4 del D.L. 167/1990 obbligano alcuni soggetti

Dettagli

Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU)

Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU) Articolo 7 (Modifiche alla disciplina delle Imposte sul Valore delle Attività Finanziarie all Estero (IVAFE) - Caso EU Pilot 5095/13/TAXU) L articolo 7, apportando modifiche all articolo 19 del D.L. n.

Dettagli

La tassazione delle attività finanziarie: temi di aggiornamento La disciplina della collaborazione volontaria in materia fiscale

La tassazione delle attività finanziarie: temi di aggiornamento La disciplina della collaborazione volontaria in materia fiscale BANCA La tassazione delle attività finanziarie: temi di aggiornamento La disciplina della collaborazione volontaria in materia fiscale Il trattamento fiscale degli strumenti finanziari nel risparmio amministrato

Dettagli

Alfa S.p.a. Delta s.r.l Edito da Dott. Giuseppe Carchivi

Alfa S.p.a. Delta s.r.l Edito da Dott. Giuseppe Carchivi Alfa S.p.a. Delta s.r.l Edito da Dott. Giuseppe Carchivi 1 Trading attraverso società sita in paese Black List: aspetti generali. 2 Costituzione di trading co.: profili teorici Commerciali e di marketing;

Dettagli

CFC e costi da Paesi black-list informazioni da richiedere al cliente ed adempimenti in Unico 2014

CFC e costi da Paesi black-list informazioni da richiedere al cliente ed adempimenti in Unico 2014 CFC e costi da Paesi black-list informazioni da richiedere al cliente ed adempimenti in Unico 2014 Torino, 27.05.14 Gruppo di lavoro Rapporti internazionali Dott. Alessandro TERZUOLO Costi da Paesi black-list

Dettagli

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PER LE PERSONE FISICHE

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PER LE PERSONE FISICHE Studio Fabrizio Mariani Viale Brigata Bisagno 12/1 16129 Genova Tel. e. fax. 010.59.58.294 f.mariani@studio-mariani.it Circolare n. 14/2015 del 7 maggio 2015 TASSAZIONE DEI DIVIDENDI PER LE PERSONE FISICHE

Dettagli

GPAV Dottori Commercialisti Associati

GPAV Dottori Commercialisti Associati Le novità fiscali contenute nell articolo 19 del cd. Decreto Monti (D.L. 201/2011) come integrato e modificato dal cd. Decreto sulle semplificazioni fiscali (D.L. 16/2012) Ordine Dottori Commercialisti

Dettagli

RISOLUZIONE N. 326/E

RISOLUZIONE N. 326/E RISOLUZIONE N. 326/E Roma, 30 luglio 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello n. - Art. 11, legge 27/7/2000, n. 212 Istante: ALFA Testo unico delle imposte sui redditi (TUIR),

Dettagli

Art. 47 - Beneficiari - Persone fisiche non in regime di impresa

Art. 47 - Beneficiari - Persone fisiche non in regime di impresa DIVIDENDI La società che distribuisce dividendi dovrà individuare i beneficiari ed applicare, eventualmente, le ritenute con obbligo di rivalsa (art. 27/600). Beneficiari: Art. 47 - Beneficiari - Persone

Dettagli

di Federica Perli - Dottore commercialista - BC&, Studio Professionale di Consulenza Societaria Tributaria Legale

di Federica Perli - Dottore commercialista - BC&, Studio Professionale di Consulenza Societaria Tributaria Legale Pagina 1 di 13 Pubblicato su Fiscopiù (http://fiscopiu.it) Home > Bussola > V > Voluntary disclosure di Federica Perli - Dottore commercialista - BC&, Studio Professionale di Consulenza Societaria Tributaria

Dettagli

Professional Investment Fund: regime fiscale. Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012

Professional Investment Fund: regime fiscale. Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012 Professional Investment Fund: regime fiscale Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012 1 I proventi derivanti dalla partecipazione in PIF 2 I proventi derivanti dalla partecipazioni in PIF Qualora

Dettagli

Ai gentili Clienti Loro sedi INDICE

Ai gentili Clienti Loro sedi INDICE Ai gentili Clienti Loro sedi Circolare n 17 del 08.10.2010. Novità in materia di comunicazione all Agenzia delle Entrate delle operazioni con controparti localizzate in paradisi fiscali INDICE 1 Premessa...

Dettagli

Giancarlo Modolo Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

Giancarlo Modolo Commissione Diritto Tributario Nazionale ODCEC Milano S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2015 Dichiarazione annuale degli investimenti detenuti all estero e delle attività estere di natura finanziaria, Ivie e Ivafe Commissione

Dettagli

La voluntarydisclosure : i soggetti e le fattispecie interessate, le modalità di. dott. Valerio Stroppa

La voluntarydisclosure : i soggetti e le fattispecie interessate, le modalità di. dott. Valerio Stroppa La voluntarydisclosure : i soggetti e le fattispecie interessate, le modalità di adesione, gli effetti economici e penali dott. Valerio Stroppa 1 Il quadro normativo Legge n. 186/2014 (e di conseguenza

Dettagli

Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni.

Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO La Voluntary disclosure Esame dei casi particolari: trust, polizze assicurative, società, fondazioni, immobili e altri beni. CARLO GALLI CLIFFORD CHANCE Milano,

Dettagli

1 Redditi di capitale 3 1.1 Aspetti definitori 4 1.2 Redditi di capitale 5 1.3 Determinazione dei redditi di capitale 6

1 Redditi di capitale 3 1.1 Aspetti definitori 4 1.2 Redditi di capitale 5 1.3 Determinazione dei redditi di capitale 6 Indice Introduzione XV Parte prima PRINCIPI GENERALI 1 Redditi di capitale 3 1.1 Aspetti definitori 4 1.2 Redditi di capitale 5 1.3 Determinazione dei redditi di capitale 6 2 Redditi diversi di natura

Dettagli

La Voluntary Disclosure Internazionale

La Voluntary Disclosure Internazionale La Voluntary Disclosure Internazionale Analisi di convenienza tra calcolo analitico e calcolo forfettario Massimo Caldara Ordine dei Dottori Commercialisti Bergamo 28 maggio 2015 Dottori Commercialisti

Dettagli

Esame dei periodi da regolarizzare e modalità di calcolo di Imposte, Sanzioni e Interessi.

Esame dei periodi da regolarizzare e modalità di calcolo di Imposte, Sanzioni e Interessi. S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Voluntary disclosure: profili operativi e prime riflessioni a seguito della Circolare 10E dell Agenzia delle Entrate Esame dei periodi da regolarizzare e

Dettagli

Circolare N.157 del 9 Novembre 2012. Novità in materia di anagrafe tributaria dei rapporti finanziari

Circolare N.157 del 9 Novembre 2012. Novità in materia di anagrafe tributaria dei rapporti finanziari Circolare N.157 del 9 Novembre 2012 Novità in materia di anagrafe tributaria dei rapporti finanziari Novità in materia di anagrafe tributaria dei rapporti finanziari Gentile cliente, con la presente desideriamo

Dettagli

Le novità del quadro RW

Le novità del quadro RW Dott. Alessandro Terzuolo (Dottore Commercialista e Revisore Contabile Professore a contratto in Diritto Tributario Internazionale e Comunitario, Università di Management di Torino) Le novità del quadro

Dettagli

Voluntary Disclosure. Casi pratici e aspetti critici

Voluntary Disclosure. Casi pratici e aspetti critici Voluntary Disclosure Casi pratici e aspetti critici AIGA Genova 30 marzo 2015 Andrea Frassinetti Dottore Commercialista Componente della Commissione di Studio Fiscale Comunitario e Internazionale Attività

Dettagli

CONTROLLED FOREIGN COMPANIES: tra vecchie e nuove ipotesi (Articolo 167, c. 8-bis e 8-ter, D.P.R. n. 917/1986)

CONTROLLED FOREIGN COMPANIES: tra vecchie e nuove ipotesi (Articolo 167, c. 8-bis e 8-ter, D.P.R. n. 917/1986) CONTROLLED FOREIGN COMPANIES: tra vecchie e nuove ipotesi (Articolo 167, c. 8-bis e 8-ter, D.P.R. n. 917/1986) (Roberto M. Cagnazzo) CAMERA AVVOCATI TRIBUTARISTI DI TORINO Torino, 10 Ottobre 2012 DISCIPLINA

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008 CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 novembre 2008 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dei fondi immobiliari. Articolo 82, commi da 17 a 22, del decreto-legge 25 giugno

Dettagli

INDICE - SOMMARIO. Prefazione... pag. XIX Introduzione...» XXI CAPITOLO I IL CONTESTO NORMATIVO TRIBUTARIO DI RIFERIMENTO CAPITOLO II

INDICE - SOMMARIO. Prefazione... pag. XIX Introduzione...» XXI CAPITOLO I IL CONTESTO NORMATIVO TRIBUTARIO DI RIFERIMENTO CAPITOLO II Prefazione... pag. XIX Introduzione...» XXI CAPITOLO I IL CONTESTO NORMATIVO TRIBUTARIO DI RIFERIMENTO 1. Il diritto tributario e le entrate dello Stato... pag. 1 2. Le fonti del diritto...» 6 3. Le fonti

Dettagli

REGIME DELLE OPERAZIONI CON SOGGETTI LOCALIZZATI IN PAESI BLACK LIST

REGIME DELLE OPERAZIONI CON SOGGETTI LOCALIZZATI IN PAESI BLACK LIST REGIME DELLE OPERAZIONI CON SOGGETTI LOCALIZZATI IN PAESI BLACK LIST Indice L indeducibilità dei componenti negativi da operazioni intercorse con soggetti localizzati in paesi black list Le prove esimenti

Dettagli

IRPEF. Aspetti generali. Soggetti passivi

IRPEF. Aspetti generali. Soggetti passivi IRPEF Aspetti generali Soggetti passivi 1. Principi di tassazione; 2. Nozione di residenza (art. 2, D.P.R. n. 917/1986); 3. Soggetti non residenti; 4. Imputazione dei redditi nella famiglia; 5. Soci di

Dettagli

1. PROROGA DEI TERMINI DI VERSAMENTO

1. PROROGA DEI TERMINI DI VERSAMENTO Via Piva 59/B - 31049 Valdobbiadene (TV) Tel. 0423/976355 (e c/o 975706) r.a. - Fax 0423/975936 E-MAIL: camilotto@nemnet.it c.f.: CML VNN 52T11 M048L - p. i.v.a.: 00596180265 Valdobbiadene, 1 luglio 2010

Dettagli

STUDIO D ALESSIO COMMERCIALISTI

STUDIO D ALESSIO COMMERCIALISTI COMMERCIALISTI Genova, 26 ottobre 2010 Circolare Informativa Comunicazione telematica delle oerazioni con controarti localizzate in aradisi fiscali - 1 PREMESSA Ai sensi dell art. 1 co. 1-3 del DL 25.3.2010

Dettagli

Genova, 15 gennaio 2015 I REDDITI PRODOTTI ALL ESTERO DA PERSONE FISICHE RESIDENTI. Centro di Formazione, Cultura e Attività Forensi Via XII Ottobre 3

Genova, 15 gennaio 2015 I REDDITI PRODOTTI ALL ESTERO DA PERSONE FISICHE RESIDENTI. Centro di Formazione, Cultura e Attività Forensi Via XII Ottobre 3 Genova, 15 gennaio 2015 I REDDITI PRODOTTI ALL ESTERO DA PERSONE FISICHE RESIDENTI Centro di Formazione, Cultura e Attività Forensi Via XII Ottobre 3 1 Il worlwide income principle ART.3, COMMA 1, del

Dettagli

La voluntary disclosure

La voluntary disclosure News per i Clienti dello studio N. 61 del 23 Aprile 2014 Ai gentili clienti Loro sedi La voluntary disclosure Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che l Agenzia delle Entrate, con la

Dettagli

NEWSLETTER FISCALE IMMOBILIARE MARZO 2012

NEWSLETTER FISCALE IMMOBILIARE MARZO 2012 CHIOMENTI STUDIO LEGALE NEWSLETTER FISCALE IMMOBILIARE MARZO 2012 1. Premessa. Il nuovo quadro normativo civilistico e la soggettività tributaria dei fondi immobiliari 2. Il regime fiscale proprio dei

Dettagli

A cura dello Studio F. Ghiglione e A. Ghio IMPOSTE DIRETTE

A cura dello Studio F. Ghiglione e A. Ghio IMPOSTE DIRETTE Milano, 5 aprile 2013 Informazioni tributarie 1.4/04/2013 A cura dello Studio F. Ghiglione e A. Ghio IMPOSTE DIRETTE 1. PEX REGIME DI PARTECIPATION EXEMPTION. NUOVI CHIARIMENTI. (CIRCOLARE N. 7/E DELL

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 11 24.03.2015 Dividendi intersocietari Normativa interna, normativa comunitaria e Convenzioni contro le doppie imposizioni Categoria: Ires Sottocategoria:

Dettagli

Indice. Prefazione, di Victor Uckmar. Introduzione 1

Indice. Prefazione, di Victor Uckmar. Introduzione 1 Indice Prefazione, di Victor Uckmar xv Introduzione 1 1. I redditi di natura nanziaria nel sistema tributario italiano 9 1. Cenni sull evoluzione del concetto di reddito durante la vigenza dell imposta

Dettagli

EMERSIONE DI ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO

EMERSIONE DI ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli Fondazione Luca Pacioli EMERSIONE DI ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO (Artt. 11-21 Decreto legge 25 settembre 2001, n. 350, convertito,

Dettagli

OGGETTO: Circolare 8.2015 Seregno, 16 marzo 2015

OGGETTO: Circolare 8.2015 Seregno, 16 marzo 2015 OGGETTO: Circolare 8.2015 Seregno, 16 marzo 2015 VOLUNTARY DISCLOSURE La collaborazione volontaria (detta anche voluntary disclosure, in seguito "VD") consente entro la data del 30 settembre 2015 la regolarizzazione:

Dettagli

Voluntary Disclosure: luci ed ombre della nuova normativa (monitoraggio fiscale, effetti premiali e rischi penali)

Voluntary Disclosure: luci ed ombre della nuova normativa (monitoraggio fiscale, effetti premiali e rischi penali) Voluntary Disclosure: luci ed ombre della nuova normativa (monitoraggio fiscale, effetti premiali e rischi penali) Marco Abramo Lanza Dottore Commercialista Milano, 12 dicembre 2014 Variabili - Oggetto

Dettagli

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI

STUDIO NEGRI E ASSOCIATI EMERSIONE CAPITALI ESTERI, ULTIMA OCCASIONE PER REGOLARIZZARE LE PROPRIE POSIZIONI ESTERE La disciplina cosiddetta della Voluntary disclosure (Emersione e rientro di capitali dall'estero) è stata approvata

Dettagli

LIBERA CIRCOLAZIONE DEI CAPITALI

LIBERA CIRCOLAZIONE DEI CAPITALI LIBERA CIRCOLAZIONE DEI CAPITALI E TASSAZIONE DEI DIVIDENDI ESTERI Sommario: 1. Premessa - 2. Il regime di tassazione dei dividendi nell ordinamento belga e la Convenzione contro le doppie imposizioni

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Diritto tributario italiano Il trattamento fiscale dei soci residenti in Italia dopo il trasferimento di sede della società

Diritto tributario italiano Il trattamento fiscale dei soci residenti in Italia dopo il trasferimento di sede della società Diritto tributario italiano Il trattamento fiscale dei soci residenti in Italia dopo il trasferimento di sede della società 7 Siegfried Mayr Dottore Commercialista in Milano Docente alla Scuola Superiore

Dettagli

UNICO PERSONE FISICHE æ Fascicolo 2 Istruzioni per la compilazione 2014

UNICO PERSONE FISICHE æ Fascicolo 2 Istruzioni per la compilazione 2014 Nel rigo RR15 devono essere indicate le informazioni utili per il calcolo del contributo integrativo. In particolare, indicare nel: campo 1 la posizione giuridica ricoperta dal singolo associato: IO (iscritto

Dettagli

Approfondimento: il trattamento fiscale e previdenziale dei rapporti di lavoro autonomo instaurati con soggetti non residenti

Approfondimento: il trattamento fiscale e previdenziale dei rapporti di lavoro autonomo instaurati con soggetti non residenti Approfondimento: il trattamento fiscale e previdenziale dei rapporti di lavoro autonomo instaurati con soggetti non residenti Nell ambito dell imposizione diretta il nostro ordinamento tributario stabilisce

Dettagli

OGGETTO : MISURE PER LA STABILIZZAZIONE FINANZIARIA E LO. Si illustrano nel seguito le principali novità introdotte dal D.l. 138/2011 (c.d.

OGGETTO : MISURE PER LA STABILIZZAZIONE FINANZIARIA E LO. Si illustrano nel seguito le principali novità introdotte dal D.l. 138/2011 (c.d. DOTT. RAG. GIOVANNA CASTELLI Via Luigi Sacco 14, Varese Tel.: 0332/288494 288522 Fax: 0332/831583 282850 E-mail: segreteria@gcastelli.com Varese, 4 ottobre 2011 OGGETTO : MISURE PER LA STABILIZZAZIONE

Dettagli

Come aderire alla voluntary disclosure

Come aderire alla voluntary disclosure Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 56 21.02.2014 Come aderire alla voluntary disclosure La regolarizzazione spontanea di attività e investimenti all estero può essere richiesta

Dettagli

I primi chiarimenti sul nuovo regime fiscale dei dividendi e dei redditi assimilati

I primi chiarimenti sul nuovo regime fiscale dei dividendi e dei redditi assimilati I primi chiarimenti sul nuovo regime fiscale dei dividendi e dei redditi assimilati 1 PREMESSA Una delle principali direttrici di cambiamento che caratterizzano la riforma del sistema fiscale, attuata

Dettagli

S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO

S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO Voluntary Disclosure relativa alle attività detenute all estero (attività finanziarie, polizze, società, immobili ed altri beni): profili di tassabilità in

Dettagli

VOLUNTARY DISCLOSURE

VOLUNTARY DISCLOSURE SCHEDA MONOGRAFICA TMG VOLUNTARY DISCLOSURE Data aggiornamento scheda 6 ottobre 2015 Redattore Davide David Ultimi interventi normativi D.L. n. 153 del 30.09.2015 Ultimi interventi di prassi Circ. n. 31/E

Dettagli

L imposta di bollo speciale sui rapporti segretati e quella straordinaria sui prelievi

L imposta di bollo speciale sui rapporti segretati e quella straordinaria sui prelievi 1363 ATTUALITÀ Provvedimento Agenzia delle Entrate del 14 febbraio 2012 L imposta di bollo speciale sui rapporti segretati e quella straordinaria sui prelievi di Enzo Mignarri Con un comunicato stampa

Dettagli

QUADRO RW UNICO 2014 (appunti per Roma 08/04/2014)

QUADRO RW UNICO 2014 (appunti per Roma 08/04/2014) QUADRO RW UNICO 2014 (appunti per Roma 08/04/2014) L anno scorso con la Legge 97 del 06.08.2013 (di recepimento delle normative europee), entrata in vigore il 04/09/2013, sono stati modificati gli artt.

Dettagli

INVESTIMENTI ESTERI OBBLIGHI di SEGNALAZIONE NOVITÀ del D.L. 4/2014, conv. dalla L. 50/2014

INVESTIMENTI ESTERI OBBLIGHI di SEGNALAZIONE NOVITÀ del D.L. 4/2014, conv. dalla L. 50/2014 Circolare informativa per la clientela n. 11/2014 del 3 aprile 2014 INVESTIMENTI ESTERI OBBLIGHI di SEGNALAZIONE NOVITÀ del D.L. 4/2014, conv. dalla L. 50/2014 In questa Circolare 1. «Voluntary disclosure»

Dettagli

L imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all estero: disciplina e applicazione

L imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all estero: disciplina e applicazione 6077 APPROFONDIMENTO L imposta sul valore delle attività finanziarie detenute all estero: disciplina e applicazione di Enzo Mignarri Con il varo del decreto legge cosiddetto Salva Italia, sono state introdotte

Dettagli

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004

TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004 SOMMARIO SCHEMA DI SINTESI DEFINIZIONE DI UTILI ASPETTI GENERALI TRATTAMENTO FISCALE TRATTAMENTO CONTABILE TASSAZIONE DEI DIVIDENDI DAL 2004 Art. 40 D.L. 30.09.2003, n. 269 conv. con L. 24.11.2003, n.

Dettagli

Modulo RW Aspetti generali

Modulo RW Aspetti generali Modulo RW Aspetti generali Sono tenuti agli obblighi di monitoraggio: - le persone fisiche; - gli enti non commerciali; - le società semplici e soggetti equiparati; residenti in Italia. In tale ambito

Dettagli

Incontri del Martedì

Incontri del Martedì Incontri del Martedì LA TASSAZIONE DEGLI IMMOBILI E DELLE ATTIVITÀ FINANZIARIE ALL'ESTERO Luciano Olivieri Dottore Commercialista Milano, 9 Aprile 2013 1 IVIE: Imposta sul Valore degli Immobili detenuti

Dettagli

Paradisi fiscali o paradisi legali? Dalla crisi finanziaria alla crisi degli ordinamenti non collaborativi ABI Eventi

Paradisi fiscali o paradisi legali? Dalla crisi finanziaria alla crisi degli ordinamenti non collaborativi ABI Eventi Paradisi fiscali o paradisi legali? Dalla crisi finanziaria alla crisi degli ordinamenti non collaborativi ABI Eventi Contrasto alla delocalizzazione dei redditi Giusta repressione o fobia anti-elusiva?

Dettagli

LA VOLUNTARY DISCLOSURE PER LE ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO

LA VOLUNTARY DISCLOSURE PER LE ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO SDA Bocconi Milano, 10 dicembre 2014 LA VOLUNTARY DISCLOSURE PER LE ATTIVITÀ DETENUTE ALL ESTERO Raul-Angelo Papotti Avvocato Dottore Commercialista LL.M 1 La voluntary disclosure Iter normativo: L art.

Dettagli

SOMMARIO. a fiscalità privilegiata... 25. Schema n. 10 - Remunerazioni corrisposte da società non residenti in Paesi

SOMMARIO. a fiscalità privilegiata... 25. Schema n. 10 - Remunerazioni corrisposte da società non residenti in Paesi Sezione prima IN SINTESI Capitolo I - Gli utili da partecipazione e i proventi equiparati Normativa civilistica... 3 Normativa fiscale... 7 Prassi amministrativa... 12 Schema n. 1 - Il regime dei dividendi:

Dettagli

LA MANOVRA ESTIVA 2008

LA MANOVRA ESTIVA 2008 Seminario LA MANOVRA ESTIVA 2008 Arezzo 8 ottobre 2008 Lucca 9 ottobre 2008 Firenze 14 ottobre 2008 D.L. n. 112/2008 Il nuovo regime fiscale dei fondi di investimento immobiliari Dott. Fabio Giommoni Fondi

Dettagli

Disciplina dei fondi immobiliari chiusi

Disciplina dei fondi immobiliari chiusi 1369 ATTUALITÀ Circolare n. 2/E del 15 febbraio 2012 Disciplina dei fondi immobiliari chiusi di Massimo Gabelli e Roberta De Pirro (*) Con la circ. n. 2/E del 15 febbraio 2012, l Agenzia delle Entrate

Dettagli

Nuovi strumenti di finanziamento per le società non quotate

Nuovi strumenti di finanziamento per le società non quotate Nuovi strumenti di finanziamento per le società non quotate Le novità del Decreto Sviluppo in tema di obbligazioni e cambiali finanziarie L apertura del mercato del capitale di debito per gli emittenti

Dettagli

SOMMARIO. Capitolo I L AZIONE DELLA COMUNITÀ INTERNAZIONALE

SOMMARIO. Capitolo I L AZIONE DELLA COMUNITÀ INTERNAZIONALE Sommario SOMMARIO Capitolo I L AZIONE DELLA COMUNITÀ INTERNAZIONALE 1. Premessa... 3 2. Alcuni cenni storici: i criteri di individuazione dei tax havens e degli harmful preferential tax regimes... 4 2.1.

Dettagli

IL QUADRO RW NEL MODELLO UNICO 2010. Dott. Duilio LIBURDI

IL QUADRO RW NEL MODELLO UNICO 2010. Dott. Duilio LIBURDI IL QUADRO RW NEL MODELLO UNICO 2010 Dott. Duilio LIBURDI Diretta 17 maggio 2010 I SOGGETTI OBBLIGATI ALLA COMPILAZIONE DEL QUADRO RW Sono principalmente le persone fisiche residenti ai sensi dell articolo

Dettagli

Contenuto in sintesi ----------

Contenuto in sintesi ---------- DIREZIONE SERVIZI TRIBUTARI Anno 2012 Circ. n. 77 05.07.2012-77/FS/om TITOLO: Imposta sul valore degli immobili situati all estero e sul valore delle attività finanziarie detenute all estero Circolare

Dettagli

RESIDENZA FISCALE DELLE PERSONE GIURIDICHE

RESIDENZA FISCALE DELLE PERSONE GIURIDICHE RESIDENZA FISCALE DELLE PERSONE GIURIDICHE a cura del Prof. Sebastiano Maurizio Messina 20/10/2010 1 Residenza persone giuridiche in ambito fiscale Art.5, comma 3, TUIR Art.73, comma 3, TUIR 20/10/2010

Dettagli

Studio Manara Matarese & Associati. Voluntary Disclosure - Riflessioni

Studio Manara Matarese & Associati. Voluntary Disclosure - Riflessioni Studio Manara Matarese & Associati Voluntary Disclosure - Riflessioni Sulla spinta dell accordo FACTA (Foreign Account Tax Compliance Act firmato a Roma il 10 gennaio 2014), è stato sviluppato in sede

Dettagli