Macchine semplici. Vantaggi maggiori si ottengono col verricello differenziale (punto 5.5.) e col paranco differenziale (punto 5.6).

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Macchine semplici. Vantaggi maggiori si ottengono col verricello differenziale (punto 5.5.) e col paranco differenziale (punto 5.6)."

Transcript

1 Macchine semplici Premessa Lo studio delle macchine semplici si può considerare come una fase propedeutica allo studio delle macchine composte, poiché il comportamento di molti degli organi che compongono queste ultime è assimilabile a quello di macchine semplici (punto 5.1). Ridotte le forze resistenti e le forze motrici agenti su di esse alle loro risultanti Q (resistenza) e P ( potenza), lo studio dell equilibrio delle macchine semplici si effettua con le equazioni generali della statica applicate al semplice sistema costituito da queste due forze. In assenza d attrito si può allora calcolare l intensità della potenza P da applicare, note che siano la resistenza Q e le caratteristiche geometriche della macchina, e stabilire se essa è vantaggiosa, svantaggiosa o indifferente. Cosi per la leva, noti i bracci di P e di Q e la loro posizione relativa rispetto al fulcro, si trova che essa è sempre vantaggiosa se di 2 genere, sempre svantaggiosa se di 3 genere e che può essere vantaggiosa o indifferente se di 1 genere (punto 5.2.). In modo analogo alla leva si studia l equilibrio della carrucola fissa, che risulta indifferente, e della carrucola mobile che risulta vantaggiosa (punto 5.3.). Il verricello semplice, con ruota e tamburo e il verricello a manovella si comportano come leve di 1 genere vantaggiose (punto 5.4.). Vantaggi maggiori si ottengono col verricello differenziale (punto 5.5.) e col paranco differenziale (punto 5.6). Esaurito così lo studio della leva e delle macchine semplici da essa derivate, si passa allo studio del piano inclinato, trovando che esso è vantaggioso per qualsiasi inclinazione compresa tra 0 e 90 se la forza motrice agisce parallelamente al piano inclinato e che è vantaggioso solo per inclinazioni da 0 a 45 quando la forza motrice agisce parallelamente alla sua base (punto 5. 7.). Sempre vantaggioso risulta il cuneo, che si può pensare derivato dal piano inclinato, e tanto più vantaggioso quanto minore è il suo angolo di apertura (punto 5.8.). Il vantaggio della vite dipende dal suo passo e dal suo raggio medio. Piccoli passi e grandi raggi medi consentono di vincere grandi resistenze con potenze relativamente piccole. Per viti con forze motrici aventi bracci b > r m il vantaggio è, a parità di passo, tanto maggiore quanto più grande è la lunghezza del braccio di manovra (punto 5.9.).

2 5.1 - Macchine semplici e macchine composte Pur esistendo numerosissimi tipi di macchine, esse si possono distinguere fondamentalmente in due categorie: macchine semplici; macchine composte. Si definiscono macchine semplici quelle formate da un solo organo meccanico, assimilabile al un corpo rigido vincolato ad un punto o ad un asse o ad un piano fisso, capace di equilibrare o vincere, mediante forze motrici, forze resistenti esterne. Le macchine composte si possono invece definire come un insieme di organi, in parte fissi e in parte univocamente mobili, mediante i quali forze motrici esterne applicate ad uno di essi (movente) vengono trasformate e trasmesse ad un altro organo (cedente) per equilibrare o vincere forze resistenti esterne che agiscono su di esso. Esse si possono perciò riguardare come un insieme di macchine semplici. E quindi opportuno, prima di affrontare lo studio degli organi delle macchine composte, stu-diare l equilibrio delle macchine semplici, in regime ideale, cioè in assenza di attrito, lo studio si effettua applicando le equazioni di equilibrio della Statica al sistema di due forze, dette resistenza (Q) e potenza (P), ottenute riducendo le forze esterne resistenti e le forze esterne motrici alle loro risultanti. Se l equilibrio si ottiene con una potenza P minore della resistenza Q si dice che la macchina è vantaggiosa. Nei punti che seguono studieremo l equilibrio delle macchine semplici fondamentali, che sono la leva e il piano inclinato e delle altre macchine che si considerano da esse derivate: carrucola fissa, carrucola mobile, verricello, argano, paranco, derivate dalla leva; vite e cuneo, derivate dal piano inclinato Leva Lo schema statico della leva è molto semplice: un asta rigida, che può ruotare intorno ad un punto fisso O detto fulcro, ai punti A e B della quale sono applicate la potenza P e la resistenza Q. fig. 5.la.b,c, sono rappresentate 1, 2, 3 genere, che differiscono per diversa posizione reciproca dei punti O, A, P. Alla distanza a = OA si assegna il nome braccio della potenza e alla distanza b = OB il nome di braccio della resistenza. Nota la resistenza Q, per la determinazione dei valori della reazione R, del vincolo O, e della potenza P sono sufficienti un equazione d equilibrio al la traslazione verticale e una equazione di equilibrio alla rotazione intorno al fulcro O. Assunto come positivo il senso delle forze dirette verso il basso e quello orario per la rotazione, le equazioni di equilibrio per la leva di 1 genere risultano: ΣV = P R + Q = 0 ΣM = P a + Q b 0 0 =

3 Da esse si ricavano le relazioni: R = P + Q P = Q x b/a dalla seconda delle quali si rileva che le forze P e Q sono inversamente proporzionali ai loro bracci: P b = per cui: Q a se b < a è P < Q la leva è vantaggiosa se b > a è P > Q la leva è svantaggiosa se b = a è P = Q la leva è indifferente Per la leva di 2 genere si ha: ΣV = P + Q R = 0 ΣM 0 = P a + Q b = 0 dalle quali si ricava: R = Q P e P = Q x b/a Essendo sempre b < a risulta P < Q e quindi la leva è sempre vantaggiosa. Infine le la leva di 3 genere risulta: ΣV = Q P + R = 0 ΣM 0 = Q b + P a = 0 e quindi: R = P Q e P = Q x b/a Essendo sempre b > a risulta P > Q e perciò la leva è sempre svantaggiosa. Organi o attrezzi meccanici schematizzati come leve sono, ad esempio, il bilanciere delle valvole in testa del motore a scoppio (1 genere), la morsa da banco (2 genere), la pinza, la cesoia, il tronchesino, la tenaglia, tutte di 1 genere Carrucola La carrucola è una macchina semplice costituita da una ruota con scanalatura per l avvolgimento di una fune o di una catena e da un perno, intorno al quale essa può girare. A seconda del modo d impiego può essere fissa o mobile. Nella carrucola fissa la ruota gira intorno al suo perno O portato da una staffa che la collega ad un attacco fisso K (fig. 5.2a).

4 La potenza P e la resistenza Q sono applicate agli estremi A e B della fune o della catena. Il suo schema statico è quello di una leva di 1 genere (fig. 5.2b), per cui valgono ancora le rela-zioni (5.1) in cui si ponga a = b = r, essendo r il raggio della ruota. Con questa posizione esse diventano: R = P Q e P = Q x r/r = Q La carrucola fissa risulta perciò una macchina indifferente e la sua utilità consiste solo nel fatto di poter equilibrare la resistenza Q con una potenza P diretta verso il basso come la resistenza. La carrucola mobile differisce da quella fissa, perché la resistenza Q è applicata al perno mediante una staffa e il suo vincolo fisso realizzato mediante un estremo della fune della catena. All altro estremo di essa è applicata la potenza P (fig. 5.3a). Il suo schema statico è quello di una leva di genere (fig. 5.3b) per cui valgono ancora le relazioni ( 5.2) in cui si faccia a = 2 x r e b = r. Risulta pertanto: R = Q - P e P = Q x r/2r = Q/2 La carrucola mobile è quindi una macchina vantaggiosa, forza motrice si equilibra sempre una forza resistente doppia. 5.4 Verricello semplice Il verricello semplice è una macchina semplice le cui parti essenziali sono due cilindri di diametro diverso che possono ruotare intorno alloro asse comune. Il cilindro di diametro minore si chiama tamburo e quello di diametro maggiore ruota (fig. 5.4a). La macchina è sollecitata a girare in versi contrari dalla resistenza Q e dalla potenza P applicate all estremità di due funi avvolte in senso contrario rispettivamente sul tamburo e sulla ruota. Nota la forza Q ed i raggi r e R del tamburo e della ruota, si determina P mediante l equazione di equilibrio alla rotazione intorno all asse comune di ruota e tamburo, dalla quale risulta: P x R = Q x r e quindi: P = Q x r / R Il verricello semplice è perciò una macchina semplice il cui schema statico è quello di una leva di 1 genere vantaggiosa, essendo R > r (fig. 5.4b).

5 Solitamente i verricelli semplici si realizzano sostituendo la ruota con una manovella, ottenendo così dei verricelli a manovella (fig. 5.5a). Detta R m la lunghezza della manovella, lo schema statico che gli corrisponde è quello di 5.5b, cioè quello di una leva di 1 genere vantaggiosa, ma nella quale il braccio R m della potenza è ruotante intorno al fulcro O. Vige naturalmente ancora la relazione vista in precedenza. 5.5 Verricello differenziale Il vantaggio che si può ottenere col verricello semplice, è tanto maggiore quanto maggiore è il raggio R della ruota o quanto minore è il raggio r del tamburo: in entrambi i casi infatti, a parità di resistenza Q occorrerebbe applicare una potenza P minore. In pratica le dimensioni di tamburi e ruote non possono variare oltre certi limiti, per ragioni d ingombro o di resistenza dei materiali. Per ottenere vantaggi maggiori con note e tamburi di dimensioni normali si ricorre allora al verricello differenziale (fig. 5.6a). Esso è costituito da un tamburo e da una ruota coassiali, di diametri leggermente diversi, da una manovella e da una fune ai cui capi sono collegati uno al tamburo e l altro alla ruota. La resistenza Q è applicata ad una carrucola mobile su cui si avvolge la fune.

6 Durante la rotazione che produce il sollevamento della resistenza Q la fune si svolge dal tamburo e si avvolge sulla ruota. Sui due tratti di fune che giungono alla ruota e al tamburo risultano applicate due forze, ciascuna pari a Q/2. L equazione di equilibrio alla rotazione intorno all asse di rotazione di traccia O Q Q (fig. 5.6b) diventa in questo caso: P Rm r + R = 0 Da essa si ricava: 2 2 Q ( R r) P = 2 R m La macchina risulta quindi tanto più vantaggiosa quanto minore è la differenza (R- r) e più grande è il braccio R m della manovella. 5.6 Paranchi e taglie Con la carrucola mobile descritta al punto (5.3) la potenza P viene dimezzata, ma è diretta in senso opposto alla resistenza Q, cioè verso l alto. Si può ovviare a questo inconveniente accoppiando una puleggia mobile a una puleggia fissa, il cui effetto è solo quello di cambiare il verso di P, ottenendo il complesso di fig. 57 a cui si dà il nome di paranco semplice. Cosi facendo resta ancora valida la relazione: P = Q/2 e il verso di P risulta concorde a quello di Q. 5.7 Paranco differenziale IL vantaggio del paranco si può accrescere ulteriormente aumentando il numero delle carrucole che lo compongono. Adottando ad esempio due pulegge fisse e due pulegge fisse e due pulegge mobili si ottiene l apparecchio di fig A meccanismi del genere si dà il nome di paranchi multipli o taglie. Per motivi di ordine pratico di solito non si superano le tre o quattro carrucole mobili, specialmente se l apparecchio deve essere trasportabile. In installazioni di tipo fisso si utilizzano taglie con un numero superiore di carrucole che possono arrivare fino a Un paranco multiplo ad n carrucole mobili si può assimilare a n paranchi semplici, per cui la potenza Q risulta: P = n e il vantaggio che ne deriva può 2 essere notevole. Nel caso di fig. 5.8, essendo n =2, si ottiene una potenza: P Q/4 realizzando un vantaggio doppio rispetto al paranco semplice. Gli stessi vantaggi del verricello differenziale descritto al punto 5.5, sono offerti anche dal paranco differenziale, che ha in più il pregio di essere più facilmente trasportabile (fig. 5.9). Al posto del tamburo e della ruota del verricello, nel paranco differenziale si hanno infatti due pulegge meno pesanti e ingombranti.

7 Le pulegge hanno gole intagliate per l avvolgimento di una catena. L impiego della catena e delle pulegge a gole intagliate è necessario per evitare slittamenti che si verificherebbero usando una fune, perché in questo caso non ci sono estremità fisse e l arco di avvolgimento sulle pulegge è molto ridotto. L intensità della potenza P si determina scrivendo l equazione di equilibrio alla rotazione intorno all asse delle pulegge di traccia O. Detti R ed r i loro raggi, per l equilibrio si ha: Q Q Q ( R r) P R r + R = 0 e quindi: P = R La forza P diventa tanto più piccola, e quindi il vantaggio diventa tanto più grande, quanto più piccolo si fa il rapporto: (R - r) / R. Numerosi sono i tipi di paranchi e di verricelli presenti attualmente sul mercato, ma non si può farne una classificazione, in questo capitolo dedicato alle macchine semplici. 5.8 Piano inclinato Col nome di piano inclinato si indica la macchina semplice costituita da un piano indeformabile, capace di sostenere un carico, che forma un certo angolo α con il piano orizzonta le (fig. 5.10a). Il suo schema statico è un triangolo rettangolo il cui cateto orizzontale b costituisce la base del piano inclinato, quello verticale h, l altezza e l ipotenusa l la lunghezza (fig b). L angolo α è l inclinazione del piano indicato, la cui pendenza è espressa dalla tangente h dell angolo α e vale: = tan gα b Un corpo di peso Q appoggiato sul piano inclinato tende a scendere se non gli viene applicata una forza motrice P. Lo studio dell equilibrio si effettua nei due casi: a) forza motrice P parallela al piano inclinato: b) forza motrice P parallela alla base del piano inclinato.

8 Nel primo caso si scompone il peso Q nella componente Q parallela al piano inclinato e nella componente Q normale ad esso (fig. 5.11). Con le notazioni di figura esse valgono: Q = Q sen a Q Q cos a Nell ipotesi di operare in regime ideale, cioè in assenta di attrito, la componente Q non influenza il moto del corpo in quanto è equilibrata dalla reazione del piano inclinato. La forza resistente è rappresentata quindi dalla sola componente Q e per ottenere l equilibrio prossimo al moto ascendente basta applicare al corpo una forza P di intensità: P = Q = Q x sen α [5.9] Nel secondo caso il peso Q si scompone nella componente Q normale al piano inclinato e nella componente Q parallela alla sua base (fig. 5.12). Esse valgono rispettivamente : Q = Q tang α Q = Q / cos α Anche in questo caso l influenza della componente Q sul moto del corpo è nulla. Per l equilibrio si deve quindi applicare al corpo la forza motrice: P = Q = Q tang α [5.10] Facendo variare l angolo a tra i valori: 0 α 90 dalla (5.9) si vede che con la forza motrice parallela al piano inclinato si ha sempre vantaggio poiché è sempre sen α < 1 e quindi P < Q. Solo per α = 90 si ha P = Q Dalla (5.10) si vede invece che con la forza motrice parallela alla base si ha il vantaggio solo fino al valore α = 45, per il quale è tg α = 1 e quindi P = Q. Per valori di α tra 45 e 90 il valore della tangente diventa maggiore di uno e non si ha più vantaggio ( P > Q ). Per valori dell angolo α = 5 6 le due relazioni ( 5,9) e ( 5.10) si possono usare indifferentemente, senza tenere conto della direzione della forza motrice P perché, come è noto, per tali valori la differenza tra le funzioni trigonometriche sen α e tang α è così piccola che si può ritenere: sen α = tang α. Nella pratica il piano inclinato trova applicazione per il carico e lo scarico di corpi pesanti. realizzato sia manualmente che con mezzi meccanici.

9 5.9 Cuneo Il cuneo è un solido prismatico a base triangolare ABC, in cui si distinguono la testa, normalmente alla quale agisce la forza motrice P, e i fianchi, sui quali agiscono le resistenze Q. Lo spigolo di traccia A, che può anche mancare, costituisce il tagliente. L angolo 2α formato dai fianchi è l angolo di apertura del cuneo (fig a). Le resistenze Q si oppongono alle componenti N di P normali ai fianchi. Per l equilibrio del cuneo deve essere chiuso il poligono delle forze che su esso agiscono (fig. 5.13b). Dal suo esame si ricava: (5.11) P = 2 Q senα che esprime la condizione di equilibrio alla traslazione verticale. Quella di equilibrio alla traslazione orizzontale è pure soddisfatta, essendo le due componenti Q cosa uguali ed opposte. Dalla relazione (5.11) si deduce che il cuneo è tanto più vantaggioso quanto minore è il suo angolo di apertura 2α Per piccoli valori di 2α si possono vincere grandi resistenze Q con piccoli valori di P. Utensili a forma di cuneo vengono utilizzati per operazioni di taglio (accette. scalpelli, coltelli, ecc.) e dispositivi a forma di cuneo servono per la registrazione e il collegamento di organi di macchine (chiavette, spine coniche. biette, ecc.) Vite La vite è costituita da un corpo cilindrico detto nucleo sulla cui superficie si avvolge ad elica un risalto, detto filetto, a sezione triangolare, rettangolare, trapezia, ecc. (fig ).

10 Ogni vite è caratterizzata dal passo della filettatura p e dal raggio medio r m,. Il passo è la distanza tra due punti consecutivi A e B del filetto situati sulla stessa generatrice. Il raggio medio r m, è la distanza tra l asse della vite e la generatrice media del filetto. Il tratto di elica compreso tra due suoi punti consecutivi situati sulla stessa generatrice si dico spira dell elica media. La spira AB dell elica avvolta sul cilindro di raggio r m, è una spira dell elica media del filetto (fig. 5.15). Si dice angolo di inclinazione dell elica l angolo costante formato dalla tangente all elica in un suo punto qualunque, con il piano normale all asse della superficie cilindrica. Sviluppando la superficie cilindrica su un piano, l angolo di inclinazione risulta definito da una spira e dalla circonferenza di base della superficie cilindrica rettificate. Nel caso della spira dell elica media esso è uguale all inclinazione α del piano inclinato di altezza h p h = p e base b = 2 π rm, la cui pendenza vale: = = tan gα b 2π rm La vite si accoppia con la madrevite che è un corpo sulla cui superficie interna si svolge una scanalatura di sezione uguale a quella del filetto della vite. La coppia costituita da vite e madrevite si dice coppia elicoidale e può essere realizzata in modo che: a) la vite ruoti e avanzi assialmente, mentre la madrevite è ferma; b) la vite ruoti senza poter avanzare, in questo caso è la madrevite che si sposta assialmente. Il caso (a) è quello delle viti di collegamento, mentre il caso (b) è quello delle viti di manovra. Nel secondo caso, operando in assenza dì attrito, sotto l azione del carico Q ad essa applicato la madrevite scenderebbe ruotando su se stessa. La discesa può essere impedita applicando tangenzialmente alla vite, in un piano perpendicolare all asse, una forza capace di opporvisi. Il caso in esame corrisponde a quello del piano inclinato con forza motrice parallela alla base. Tale piano, trattandosi di una vite, è rappresentato dallo sviluppo della spira dell elica media ed ha le dimensioni h, b e la pendenza prima definite. p Indicando con P la forza motrice e ricordando la (5.10) si ha allora: P' = Q tan gα = Q 2π r m

11 Il vantaggio della vite risulta quindi inversamente proporzionale al suo passo e direttamente proporzionale al suo raggio medio. Alla stessa conclusione si perviene anche nei caso di madrevite fissa e vite mobile. Nel caso in cui la forza motrice agisce in un piano normale all asse della vite ma con braccio b > r m come accade quando si avvitano i dadi dei bulloni con le apposite chiavi, si risale all intensità P della forza motrice dalla condizione di equilibrio tra il suo momento rispetto all asse di rotazione e ' p quello della forza P (fig.5.16). Si ottiene: P b = P rm = Q rm e semplificando si ha 2π rm p : P = Q 2π b Il vantaggio della vite è allora inversamente proporzionale al suo passo e direttamente proporzionale alla lunghezza del braccio della chiave di manovra.

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE

CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE CORPO GIREVOLE ATTORNO AD UN ASSE E MOMENTI. TORNA ALL'INDICE Consideriamo adesso un corpo esteso, formato da più punti, e che abbia un asse fisso, attorno a cui il corpo può ruotare. In questo caso l

Dettagli

Le macchine come sistemi tecnici

Le macchine come sistemi tecnici Le macchine come sistemi tecnici L industrializzazione dell Europa e iniziata grazie alla comparsa di macchine capaci di trasformare energia termica in energia meccanica. Un motore a vapore e un esempio

Dettagli

Forza. Forza. Esempi di forze. Caratteristiche della forza. Forze fondamentali CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA

Forza. Forza. Esempi di forze. Caratteristiche della forza. Forze fondamentali CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA Forza CONCETTO DI FORZA E EQUILIBRIO, PRINCIPI DELLA DINAMICA Cos è una forza? la forza è una grandezza che agisce su un corpo cambiando la sua velocità e provocando una deformazione sul corpo 2 Esempi

Dettagli

TORNIO PARALLELO. Esercitazioni Pratiche di Tecnologia Meccanica. I. S. S. Serafino Riva Sarnico (BG)

TORNIO PARALLELO. Esercitazioni Pratiche di Tecnologia Meccanica. I. S. S. Serafino Riva Sarnico (BG) di Tecnologia Meccanica TORNIO PARALLELO A cura dei proff. Morotti Giovanni e Santoriello Sergio Tornio parallelo In questa trattazione ci occuperemo diffusamente del tornio parallelo, cioè del tipo di

Dettagli

Prof. Alessandro Stranieri Lezione n. 5 LE MACCHINE SEMPLICI LEVE CARRUCOLE E CAMME

Prof. Alessandro Stranieri Lezione n. 5 LE MACCHINE SEMPLICI LEVE CARRUCOLE E CAMME Prof. Alessandro Stranieri Lezione n. 5 LE MACCHINE SEMPLICI LEVE CARRUCOLE E CAMME Le macchine Dal punto di vista statico, una macchina è un dispositivo che consente di equilibrare una forza (resistente)

Dettagli

BIOMECCANICA A A 2 0 11-2 0 1 2. P r o f. s s a M a r i a G u e r r i s i D o t t. P i e t r o P i c e r n o

BIOMECCANICA A A 2 0 11-2 0 1 2. P r o f. s s a M a r i a G u e r r i s i D o t t. P i e t r o P i c e r n o A A 2 0 11-2 0 1 2 U N I V E R S I TA D E G L I S T U D I D I R O M A T O R V E R G ATA FA C O LTA D I M E D I C I N A E C H I R U R G I A L A U R E A T R I E N N A L E I N S C I E N Z E M O T O R I E

Dettagli

A A 2 0 1 2-2 0 1 3 BIOMECCANICA. P i e t r o P i c e r n o, P h D

A A 2 0 1 2-2 0 1 3 BIOMECCANICA. P i e t r o P i c e r n o, P h D A A 2 0 1 2-2 0 1 3 U N I V E R S I TA D E G L I S T U D I D I R O M A T O R V E R G ATA FA C O LTA D I M E D I C I N A E C H I R U R G I A L A U R E A T R I E N N A L E I N S C I E N Z E M O T O R I E

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA Facoltà di Ingegneria A.A. 2009/10 Corso di Disegno Tecnico Industriale per i Corsi di Laurea triennale in Ingegneria Meccanica e in Ingegneria dell Energia Elementi di

Dettagli

Forze come grandezze vettoriali

Forze come grandezze vettoriali Forze come grandezze vettoriali L. Paolucci 23 novembre 2010 Sommario Esercizi e problemi risolti. Per la classe prima. Anno Scolastico 2010/11 Parte 1 / versione 2 Si ricordi che la risultante di due

Dettagli

ACCOPPIAMENTI ALBERO - MOZZO

ACCOPPIAMENTI ALBERO - MOZZO 1 CCOPPIMENTI LBERO - ccoppiare due o più elementi di un qualsiasi complessivo, significa predisporre dei collegamenti in modo da renderli, in qualche maniera, solidali. Ciò si realizza introducendo dei

Dettagli

Moto sul piano inclinato (senza attrito)

Moto sul piano inclinato (senza attrito) Moto sul piano inclinato (senza attrito) Per studiare il moto di un oggetto (assimilabile a punto materiale) lungo un piano inclinato bisogna innanzitutto analizzare le forze che agiscono sull oggetto

Dettagli

I.T.I.S «G. MARCONI» - PADOVA Via Manzoni, 80 Tel.: 049.80.40.211 Fax 049.80.40.277 marconi@provincia.padova.it www.itismarconipadova.

I.T.I.S «G. MARCONI» - PADOVA Via Manzoni, 80 Tel.: 049.80.40.211 Fax 049.80.40.277 marconi@provincia.padova.it www.itismarconipadova. I.T.I.S «G. MARCONI» - PADOVA Via Manzoni, 80 Tel.: 049.80.40.211 Fax 049.80.40.277 marconi@provincia.padova.it www.itismarconipadova.it Settore tecnologico Indirizzo meccanica meccatronica ed energia

Dettagli

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale

Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA. Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Università degli studi di Salerno corso di studi in Ingegneria Informatica TUTORATO DI FISICA Esercizio 1 Lezione 5 - Meccanica del punto materiale Un volano è costituito da un cilindro rigido omogeneo,

Dettagli

L Unità didattica in breve

L Unità didattica in breve L Unità didattica in breve Una macchina semplice è un dispositivo utilizzato per equilibrare o vincere una forza resistente (resistenza) mediante una forza motrice (po tenza) avente caratteristiche diverse.

Dettagli

GIROSCOPIO. Scopo dell esperienza: Teoria fisica. Verificare la relazione: ω p = bmg/iω

GIROSCOPIO. Scopo dell esperienza: Teoria fisica. Verificare la relazione: ω p = bmg/iω GIROSCOPIO Scopo dell esperienza: Verificare la relazione: ω p = bmg/iω dove ω p è la velocità angolare di precessione, ω è la velocità angolare di rotazione, I il momento principale d inerzia assiale,

Dettagli

GEOMETRIA DELLE MASSE

GEOMETRIA DELLE MASSE 1 DISPENSA N 2 GEOMETRIA DELLE MASSE Si prende in considerazione un sistema piano, ossia giacente nel pian x-y. Un insieme di masse posizionato nel piano X-Y, rappresentato da punti individuati dalle loro

Dettagli

TECNOLOGIA MECCANICA LA TRASMISSIONE DEL MOTO Fondamenti

TECNOLOGIA MECCANICA LA TRASMISSIONE DEL MOTO Fondamenti LA TRASMISSIONE DEL MOTO Fondamenti Centro per l Automazione e la Meccanica Via Rainusso 138/N 41100 Modena INDICE 1 La trasmissione del moto pag. 2 1.1 I motori 2 1.2 Trasmissione del moto mediante i

Dettagli

Equilibrio statico di un corpo esteso

Equilibrio statico di un corpo esteso Equilibrio statico di un corpo esteso Se una particella è in equilibrio statico, cioè se è ferma e resta ferma, la forza risultante che agisce su di essa deve essere nulla. Nel caso di un corpo esteso,

Dettagli

L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI. Il punto materiale e il corpo rigido. L equilibrio del punto materiale

L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI. Il punto materiale e il corpo rigido. L equilibrio del punto materiale L EQUILIBRIO 1. L EQUILIBRIO DEI SOLIDI Il punto materiale e il corpo rigido Un corpo è in equilibrio quando è fermo e continua a restare fermo. Si intende, per punto materiale, un oggetto così piccolo

Dettagli

Ruote dentate elicoidali e loro controllo con micrometro a piattelli

Ruote dentate elicoidali e loro controllo con micrometro a piattelli Ruote dentate elicoidali e loro controllo con micrometro a piattelli Nella ruota dentata cilindrica a denti elicoidali le linee dei fianchi, essendo delle eliche, sono inclinate di un angolo β rispetto

Dettagli

Tonzig Fondamenti di Meccanica classica

Tonzig Fondamenti di Meccanica classica 224 Tonzig Fondamenti di Meccanica classica ). Quando il signor Rossi si sposta verso A, la tavola si sposta in direzione opposta in modo che il CM del sistema resti immobile (come richiesto dal fatto

Dettagli

LAVORAZIONI AL TORNIO PARALLELO

LAVORAZIONI AL TORNIO PARALLELO LAVORAZIONI AL TORNIO PARALLELO SGROSSATURA Passate grandi: 0,5 10 mm Avanzamenti grandi: 0,1 0,6 mm/giro Sovrametallo da lasciare per la finitura: 0,2 0,5 mm Utensile in acciaio super rapido HSS UNI 4247

Dettagli

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA

1) IL MOMENTO DI UNA FORZA 1) IL MOMENTO DI UNA FORZA Nell ambito dello studio dei sistemi di forze, diamo una definizione di momento: il momento è un ente statico che provoca la rotazione dei corpi. Le forze producono momenti se

Dettagli

ESAME DI STATO 2009/10 INDIRIZZO MECCANICA TEMA DI : MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO

ESAME DI STATO 2009/10 INDIRIZZO MECCANICA TEMA DI : MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO ESAME DI STATO 2009/10 INDIRIZZO MECCANICA TEMA DI : MECCANICA APPLICATA E MACCHINE A FLUIDO Lo studio delle frizioni coniche si effettua distinguendo il caso in cui le manovre di innesto e disinnesto

Dettagli

FISSAGGIO DEL PEZZO IN LAVORAZIONE SUL TORNIO

FISSAGGIO DEL PEZZO IN LAVORAZIONE SUL TORNIO di Tecnologia Meccanica FISSAGGIO DEL PEZZO IN LAVORAZIONE SUL TORNIO A cura dei proff. Morotti Giovanni e Santoriello Sergio FISSAGGIO DEL PEZZO IN LAVORAZIONE SUL TORNIO Gli attrezzi e i sistemi per

Dettagli

Progetto e costruzione di macchine Joseph E. Shigley, Charles R. Mischke, Richard G. Budynas Copyright 2005 The McGraw-Hill Companies srl

Progetto e costruzione di macchine Joseph E. Shigley, Charles R. Mischke, Richard G. Budynas Copyright 2005 The McGraw-Hill Companies srl Copyright 2005 The Companies srl Esercizi aggiuntivi capitolo 13 Analisi 13-4 Un pignone cilindrico a denti dritti di 21 denti ingrana con una ruota da 28 denti. Il passo diametrale è di 3 denti/in e l

Dettagli

Fisica Generale I (primo modulo) A.A. 2013-2014, 19 Novembre 2013

Fisica Generale I (primo modulo) A.A. 2013-2014, 19 Novembre 2013 Fisica Generale I (primo modulo) A.A. 203-204, 9 Novembre 203 Esercizio I. m m 2 α α Due corpi, di massa m = kg ed m 2 =.5 kg, sono poggiati su un cuneo di massa M m 2 e sono connessi mediante una carrucola

Dettagli

FRESATRICI CLASSIFICAZIONE DELLE FRESATRICI

FRESATRICI CLASSIFICAZIONE DELLE FRESATRICI FRESATRC CLASSFCAZONE DELLE FRESATRC Le fresatrici si distinguono principalmente per la disposizione dell albero portafresa e per le possibilità di movimento della tavola portapezzo. Si classificano in

Dettagli

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento 11. Macchine a corrente continua unità 11.1 Principio di funzionamento Si consideri una spira rotante con velocità angolare costante e immersa in un campo magnetico costante come in figura 11.1. I lati

Dettagli

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie

Forze, leggi della dinamica, diagramma del. 28 febbraio 2009 (PIACENTINO - PREITE) Fisica per Scienze Motorie Forze, leggi della dinamica, diagramma del corpo libero 1 FORZE Grandezza fisica definibile come l' agente in grado di modificare lo stato di quiete o di moto di un corpo. Ci troviamo di fronte ad una

Dettagli

FISICA DELLA BICICLETTA

FISICA DELLA BICICLETTA FISICA DELLA BICICLETTA Con immagini scelte dalla 3 SB PREMESSA: LEGGI FISICHE Velocità periferica (tangenziale) del moto circolare uniforme : v = 2πr / T = 2πrf Velocità angolare: ω = θ / t ; per un giro

Dettagli

ELEMENTI DI UNA RUOTA DENTATA A DENTI DIRITTI

ELEMENTI DI UNA RUOTA DENTATA A DENTI DIRITTI 1 Ruote dentate Le ruote dentate servono per la trasmissione del moto rotatorio continuo fra due alberi a distanza ravvicinata, con assi paralleli, concorrenti o sghembi. I denti della ruota motrice spingono,

Dettagli

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE

ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ESERCIZI CINEMATICA IN UNA DIMENSIONE ES. 1 - Due treni partono da due stazioni distanti 20 km dirigendosi uno verso l altro rispettivamente alla velocità costante di v! = 50,00 km/h e v 2 = 100,00 km

Dettagli

RESISTENZA DEL MEZZO [W] [kw] Velocità m/s. Adimensionale Massa volumica kg/m 3. Sezione maestra m 2 POTENZA ASSORBITA DALLA RESISTENZA DEL MEZZO:

RESISTENZA DEL MEZZO [W] [kw] Velocità m/s. Adimensionale Massa volumica kg/m 3. Sezione maestra m 2 POTENZA ASSORBITA DALLA RESISTENZA DEL MEZZO: RSISTZA D MZZO R m 1 C X ρ A v Adimensionale Massa volumica kg/m 3 Velocità m/s Sezione maestra m Valori medi dei coefficienti: Superfici piane normali al moto: acqua: K9,81 60, aria: K9,81 0,08 1 K C

Dettagli

L Unità didattica in breve

L Unità didattica in breve L Unità didattica in breve Trasmissione del moto mediante ruote dentate Si definisce ingranaggio l accoppiamento di due ruote dentate ingrananti fra loro, montate su assi la cui posizione relativa resta

Dettagli

DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA. Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi

DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA. Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi DINAMICA DEL PUNTO MATERIALE E CONCETTO DI FORZA Dinamica: studio delle forze che causano il moto dei corpi 1 Forza Si definisce forza una qualunque causa esterna che produce una variazione dello stato

Dettagli

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio.

LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO. Esercizio. LICEO SCIENTIFICO STATALE MARIE CURIE Savignano s. R. (FC) CLASSE 3C ESERCIZI SU MOMENTO ANGOLARE-ROTOLAMENTO Esercizio Esercizio Esercizio Dati esercizio: I 1 =5,0 Kg m 2 I 2 =10 Kg m 2 ω i =10giri/sec

Dettagli

Università degli Studi della Calabria. Collegamenti smontabili non filettati

Università degli Studi della Calabria. Collegamenti smontabili non filettati Collegamenti smontabili non filettati Collegamenti albero-mozzo ELEMENTI ESIGENZE Anelli Scanalati Chiavette Linguette Spine elastici a Impedimento alla rotazione si si si si Impedimento alla traslazione

Dettagli

F 2 F 1. r R F A. fig.1. fig.2

F 2 F 1. r R F A. fig.1. fig.2 N.1 Un cilindro di raggio R = 10 cm e massa M = 5 kg è posto su un piano orizzontale scabro (fig.1). In corrispondenza del centro del cilindro è scavata una sottilissima fenditura in modo tale da ridurre

Dettagli

Corso di orientamento e preparazione ai concorsi di ammissione ai Corsi di Laurea della Facoltà di Medicina e Chirurgia nell'aa 2012/2013.

Corso di orientamento e preparazione ai concorsi di ammissione ai Corsi di Laurea della Facoltà di Medicina e Chirurgia nell'aa 2012/2013. Corso di orientamento e preparazione ai concorsi di ammissione ai Corsi di Laurea della Facoltà di Medicina e Chirurgia nell'aa 2012/2013. FISICA NEVIO FORINI PROGRAMMA 11 LEZIONI DI 2 ORE + VERIFICA :

Dettagli

Esercitazione 5 Dinamica del punto materiale

Esercitazione 5 Dinamica del punto materiale Problema 1 Un corpo puntiforme di massa m = 1.0 kg viene lanciato lungo la superficie di un cuneo avente un inclinazione θ = 40 rispetto all orizzontale e altezza h = 80 cm. Il corpo viene lanciato dal

Dettagli

DINAMICA. 1. La macchina di Atwood è composta da due masse m

DINAMICA. 1. La macchina di Atwood è composta da due masse m DINAMICA. La macchina di Atwood è composta da due masse m e m sospese verticalmente su di una puleggia liscia e di massa trascurabile. i calcolino: a. l accelerazione del sistema; b. la tensione della

Dettagli

Eurocodici Strutturali

Eurocodici Strutturali Eurocodici Strutturali 5 Capitolo Strutture in acciaio Rappresentazione saldature Unificazione viti/bulloni Indicazioni pratiche collegamenti bullonati Rappresentazione bullonature Caratteristiche dimensionali

Dettagli

Calcolo delle molle e dei tamburi per le porte sezionali. http://www.excubia-soft.com

Calcolo delle molle e dei tamburi per le porte sezionali. http://www.excubia-soft.com Calcolo delle molle e dei tamburi per le porte sezionali http://www.excubia-soft.com 1 INTRODUZIONE... 3 I TAMBURI ED IL NUMERO DI GIRI... 4.1 ELEVAZIONE NORMALE CON GUIDE ORIZZONTALI... 4. ELEVAZIONE

Dettagli

Calcola l allungamento che subisce un tirante di acciaio lungo l=2,5m (a sez.circolare) con φ =20mm sottoposto ad un carico (in trazione) F=40.000N.

Calcola l allungamento che subisce un tirante di acciaio lungo l=2,5m (a sez.circolare) con φ =20mm sottoposto ad un carico (in trazione) F=40.000N. Edutecnica.it Azioni interne esercizi risolti 1 razione Esercizio no.1 soluzione a pag.7 Determina il diametro di un tirante (a sezione circolare in acciaio Fe0 da sottoporre ad una forza F10.000N di lunghezza

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 2004 ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO 004 Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei 10 quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA 1 Sia f la funzione definita da: f

Dettagli

SISSIS. Sezione di Catania Anno 2003-2004 V Ciclo. LA STATICA: Le macchine semplici. Elena La Guidara

SISSIS. Sezione di Catania Anno 2003-2004 V Ciclo. LA STATICA: Le macchine semplici. Elena La Guidara SISSIS Sezione di Catania Anno 2003-2004 V Ciclo LA STATICA: Le macchine semplici di Elena La Guidara Tesina del Corso di Fondamenti della Fisica I Prof. V. Bellini INDICE 1. STATICA DEL PUNTO 1.1 Punto

Dettagli

1. calcolare l accelerazione del sistema e stabilire se la ruota sale o scende [6 punti];

1. calcolare l accelerazione del sistema e stabilire se la ruota sale o scende [6 punti]; 1 Esercizio Una ruota di raggio R = 15 cm e di massa M = 8 Kg può rotolare senza strisciare lungo un piano inclinato di un angolo θ 2 = 30 0, ed è collegato tramite un filo inestensibile ad un blocco di

Dettagli

3. Sia g(x) = 4. Si calcoli l area del triangolo mistilineo ROS, ove l arco RS appartiene al grafico di f(x) o, indifferentemente, di g(x).

3. Sia g(x) = 4. Si calcoli l area del triangolo mistilineo ROS, ove l arco RS appartiene al grafico di f(x) o, indifferentemente, di g(x). Esame liceo Scientifico : ordinamento Il candidato risolva uno dei due problemi e risponda a 5 quesiti del questionario. PROBLEMI Problema. Sia ABCD un quadrato di lato, P un punto di AB e γ la circonferenza

Dettagli

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo

Fondamenti di Trasporti. Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Università di Catania Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Civile AA 1011 1 Fondamenti di Trasporti Meccanica della Locomozione Utilizzazione della potenza a bordo Giuseppe Inturri Dipartimento

Dettagli

2 R = mgr + 1 2 mv2 0 = E f

2 R = mgr + 1 2 mv2 0 = E f Esercizio 1 Un corpo puntiforme di massa m scivola lungo la pista liscia di raggio R partendo da fermo da un altezza h rispetto al fondo della pista come rappresentato in figura. Calcolare: a) Il valore

Dettagli

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie

Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Agrarie Corso di Meccanica e Meccanizzazione Agricola Organi di propulsione e sostegno Prof. S. Pascuzzi 1 Organi di propulsione e sostegno Organi di propulsione

Dettagli

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO

ESAME DI STATO 2002 SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO ARCHIMEDE 4/ 97 ESAME DI STATO SECONDA PROVA SCRITTA PER IL LICEO SCIENTIFICO DI ORDINAMENTO Il candidato risolva uno dei due problemi e 5 dei quesiti in cui si articola il questionario. PROBLEMA In un

Dettagli

Le unioni. modulo D L acciaio. Unioni con chiodi

Le unioni. modulo D L acciaio. Unioni con chiodi 1 Le unioni Le unioni hanno la funzione di collegare i vari elementi strutturali per formare la struttura, oppure, se questa è di grandi dimensioni, di realizzare in officina i componenti principali che

Dettagli

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore

BILANCIAMENTO. 8-1 Bilanciamento statico di un rotore 8 BILANCIAMENTO Come si è visto al capitolo 7-3.3, quando il baricentro di un rotore non coincide con l asse di rotazione possono insorgere fenomeni vibratori di entità rilevante, talvolta tali, in condizioni

Dettagli

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati

McGraw-Hill. Tutti i diritti riservati Copyright 004 The Companies srl e Corbusier - Progetto per il palazzo dei Soviet a Mosca 1931 Problema 1. Arco Trave di copertura Tirante bielle Membrana di copertura Fig. P1.1 Analizzare il sistema in

Dettagli

Disegno di Macchine. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana

Disegno di Macchine. corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana Disegno di Macchine corso per I anno della laurea in ing. meccanica Docente: ing. Francesca Campana Lezione n 4 Componentistica di base: alberi, trasmissione per cinghie e catene, giunti Alberi Appunti

Dettagli

FAM. 1. Sistema composto da quattro PM come nella tabella seguente

FAM. 1. Sistema composto da quattro PM come nella tabella seguente Serie 11: Meccanica IV FAM C. Ferrari Esercizio 1 Centro di massa: sistemi discreti Determina il centro di massa dei seguenti sistemi discreti. 1. Sistema composto da quattro PM come nella tabella seguente

Dettagli

LAVORAZIONI INDUSTRIALI

LAVORAZIONI INDUSTRIALI TORNITURA 1 LAVORAZIONI INDUSTRIALI Nelle lavorazioni industriali per asportazione di truciolo sono sempre presenti: Pezzo Grezzo Macchina Utensile Utensile Attrezzatura 2 1 TORNITURA 3 TORNITURA Obiettivo:

Dettagli

PEDANA PROVVISTA DI DISPOSITIVI PER IL BLOCCAGGIO DI SEDIE A ROTELLE

PEDANA PROVVISTA DI DISPOSITIVI PER IL BLOCCAGGIO DI SEDIE A ROTELLE Sezione II PEDANA PROVVISTA DI DISPOSITIVI PER IL BLOCCAGGIO DI SEDIE A ROTELLE (RM 2008 A 000111: 20/02/2008 Italia) Tiziano Averna, Marco Traballesi Fondazione Santa Lucia Ettore Pennestrì, Pier Paolo

Dettagli

Cap 3.1- Prima legge della DINAMICA o di Newton

Cap 3.1- Prima legge della DINAMICA o di Newton Parte I Cap 3.1- Prima legge della DINAMICA o di Newton Cap 3.1- Prima legge della DINAMICA o di Newton 3.1-3.2-3.3 forze e principio d inerzia Abbiamo finora studiato come un corpo cambia traiettoria

Dettagli

OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale

OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale L Osservatorio di Melquiades Presenta OROLOGIO SOLARE Una meridiana equatoriale Il Sole, le ombre e il tempo Domande guida: 1. E possibile l osservazione diretta del Sole? 2. Come è possibile determinare

Dettagli

Capitolo 3. Iniziamo col far vedere cosa si è ottenuto, per far comprendere le successive descrizioni, avendo in mente ciò che si vuole realizzare.

Capitolo 3. Iniziamo col far vedere cosa si è ottenuto, per far comprendere le successive descrizioni, avendo in mente ciò che si vuole realizzare. Realizzazione meccanica Iniziamo col far vedere cosa si è ottenuto, per far comprendere le successive descrizioni, avendo in mente ciò che si vuole realizzare. - 37 - 3.1 Reperibilità dei pezzi La prima

Dettagli

Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica

Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica Esempio Esame di Fisica Generale I C.d.L. ed.u. Informatica Nome: N.M.: 1. 1d (giorno) contiene all incirca (a) 8640 s; (b) 9 10 4 s; (c) 86 10 2 s; (d) 1.44 10 3 s; (e) nessuno di questi valori. 2. Sono

Dettagli

MANUALE USO E MANUTENZIONE

MANUALE USO E MANUTENZIONE MANUALE USO E MANUTENZIONE Argano manuale con cavo Art. 0070/C ISTRUZIONI ORIGINALI PREMESSA Leggere il presente manuale prima di qualsiasi operazione ISTRUZIONI ORIGINALI Prima di iniziare qualsiasi azione

Dettagli

IL TRACCIAMENTO QUALITATIVO DEL MOMENTO FLETTENTE NEI PORTALI

IL TRACCIAMENTO QUALITATIVO DEL MOMENTO FLETTENTE NEI PORTALI IL TRACCIAMENTO QUALITATIVO DEL MOMENTO FLETTENTE NEI PORTALI Alcune proprietà della deformata dei portali Si esaminano nel seguito alcune proprietà della deformata dei portali. Queste proprietà permettono

Dettagli

Corso di Tecnologia Meccanica

Corso di Tecnologia Meccanica Corso di Tecnologia Meccanica Modulo 4.1 Lavorazioni per asportazione di truciolo LIUC - Ingegneria Gestionale 1 Il principio del taglio dei metalli LIUC - Ingegneria Gestionale 2 L asportazione di truciolo

Dettagli

paralleli diritta cilindriche interno vite senza fine-ruota elicoidale

paralleli diritta cilindriche interno vite senza fine-ruota elicoidale Scheda riassuntiva 3 capitoli 5-6-8 Ingranaggi Generalità L ingranaggio è un meccanismo composto da due ruote dentate, una delle quali trasmette il moto all altra attraverso la dentatura. Caratteristiche:

Dettagli

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE

CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE CONI, CILINDRI, SUPERFICI DI ROTAZIONE. Esercizi x + z = Esercizio. Data la curva x, calcolare l equazione del cilindro avente γ y = 0 come direttrice e con generatrici parallele al vettore v = (, 0, ).

Dettagli

POLISTUDIO. Anno 2010 Gru a ponte e a bandiera v.03 1

POLISTUDIO. Anno 2010 Gru a ponte e a bandiera v.03 1 Anno 2010 Gru a ponte e a bandiera v.03 1 Gru a ponte e gru a bandiera: indice Riferimenti normativi Elementi dell apparecchio Dispositivi di sicurezza Installazione Segnaletica Utilizzo dell apparecchio

Dettagli

TORNI VERTICALI A DUE MONTANTI Mod. 1520, 1525, 1L532

TORNI VERTICALI A DUE MONTANTI Mod. 1520, 1525, 1L532 TORNI VERTICALI A DUE MONTANTI Mod. 15, 155, 1L5 M.I.R.M.U. Via Baldinucci, 4 158 Milano Tel.959 Fax.9954 info @mirmu.it 1 Le macchine sono destinate alle operazioni di sgrossatura e di finitura di pezzi

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

Indice. Premessa 9. parte seconda Meccanica, sollecitazioni B Tavola B1 Asta con tirante 29 Tavola B2 Pantografo 30

Indice. Premessa 9. parte seconda Meccanica, sollecitazioni B Tavola B1 Asta con tirante 29 Tavola B2 Pantografo 30 Indice Premessa 9 parte prima Base A Tavola A1 Carosello motociclette 13 Tavola A2 Manovellismi motori due cilindri 14 Tavola A3 Velocità media 15 Tavola A4 Supporto a filo di un carico 16 Tavola A5 Supporto

Dettagli

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π

a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio x, l arco di circonferenza di π π PROBLEMA Il triangolo rettangolo ABC ha l ipotenusa AB = a e l angolo CAB =. a) Si descriva, internamente al triangolo, con centro in B e raggio, l arco di circonferenza di estremi P e Q rispettivamente

Dettagli

Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton

Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton Dinamica: Forze e Moto, Leggi di Newton La Dinamica studia il moto dei corpi in relazione il moto con le sue cause: perché e come gli oggetti si muovono. La causa del moto è individuata nella presenza

Dettagli

29 Circuiti oleodinamici fondamentali

29 Circuiti oleodinamici fondamentali 29 Circuiti oleodinamici fondamentali Fig. 1. Circuito oleodinamico: (1) motore elettrico; (2) pompa; (3) serbatoio; (4) filtro; (5) tubazione di mandata; (6) distributore; (7) cilindro; (8) tubazione

Dettagli

TRAVE SU SUOLO ELASTICO

TRAVE SU SUOLO ELASTICO Capitolo 3 TRAVE SU SUOLO ELASTICO (3.1) Combinando la (3.1) con la (3.2) si ottiene: (3.2) L equazione differenziale può essere così riscritta: (3.3) La soluzione dell equazione differenziale di ordine

Dettagli

Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva 2011, matematicamente.it

Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva 2011, matematicamente.it Nicola De Rosa, Liceo scientifico di ordinamento sessione suppletiva, matematicamente.it PROBLEMA Data una semicirconferenza di diametro AB =, si prenda su di essa un punto P e sia M la proiezione di P

Dettagli

Corso di Meccanica, Macchine e Impianti Termici CAPITOLO 7

Corso di Meccanica, Macchine e Impianti Termici CAPITOLO 7 Anno Scolastico 009/010 Corso di Meccanica, Macchine e Impianti Termici CAPITOLO 7 TRASMISSIONE DEL MOTO CON - RUOTE DI FRIZIONE - RUOTE DENTATE - CINGHIE PIATTE E TRAPEZIOIDALI Prof. Matteo Intermite

Dettagli

LABORATORIO DI FISICA. Elettromagnetismo

LABORATORIO DI FISICA. Elettromagnetismo MINISTERO DELL ISTRUZIONE,UNIVERSITA E RICERCA ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE L. DA Vinci Via G. Rosato, 5-66034 L a n c i a n o (Ch) Tel. 087242556 Fax 0872702934 E-mail: chtf0200l@istruzione.it

Dettagli

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t)

CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti. 1. Determinare lim M(sinx) (M(t) denota la mantissa di t) CONTINUITÀ E DERIVABILITÀ Esercizi proposti 1. Determinare lim M(sin) (M(t) denota la mantissa di t) kπ/ al variare di k in Z. Ove tale limite non esista, discutere l esistenza dei limiti laterali. Identificare

Dettagli

GLI ATTUATORI PNEUMATICI

GLI ATTUATORI PNEUMATICI GLI ATTUATORI PNEUMATICI 1. Attuatori pneumatici In generale gli attuatori sono gli organi finali di un sistema automatico. Essi trasformano una energia (elettrica o di pressione di un liquido o di un

Dettagli

ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB

ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB ELETTROMAGNETISMO CARICHE E LEGGE DI COULOMB ESERCIZI SVOLTI DAL PROF. GIANLUIGI TRIVIA 1. La Legge di Coulomb Esercizio 1. Durante la scarica a terra di un fulmine scorre una corrente di.5 10 4 A per

Dettagli

Nome..Cognome.. Classe 4G 4 dicembre 2008. VERIFICA DI FISICA: lavoro ed energia

Nome..Cognome.. Classe 4G 4 dicembre 2008. VERIFICA DI FISICA: lavoro ed energia Nome..Cognome.. Classe 4G 4 dicembre 8 VERIFIC DI FISIC: lavoro ed energia Domande ) Energia cinetica: (punti:.5) a) fornisci la definizione più generale possibile di energia cinetica, specificando l equazione

Dettagli

Proprietà elastiche dei corpi

Proprietà elastiche dei corpi Proprietà elastiche dei corpi I corpi solidi di norma hanno una forma ed un volume non facilmente modificabili, da qui deriva la nozioni di corpo rigido come corpo ideale non deformabile. In realtà tutti

Dettagli

INTRODUZIONE alle TRASMISSIONI

INTRODUZIONE alle TRASMISSIONI INTRODUZIONE alle TRASMISSIONI Una trasissione eccanica è il coplesso degli organi che servono per trasettere potenza in un sistea eccanico. Alcuni di tali organi, coe alberi, giunti e innesti, trasettono

Dettagli

RUOTE DENTATE. Introduzione

RUOTE DENTATE. Introduzione RUOTE DENTATE 362 Introduzione Le ruote dentate costituiscono un sistema affidabile per la trasmissione del moto tra assi paralleli, incidenti e sghembi. La trasmissione avviene per spinta dei denti della

Dettagli

QUOTATURA. Introduzione

QUOTATURA. Introduzione QUOTATURA 182 Introduzione Per quotatura si intende l insieme delle norme che permettono l indicazione esplicita delle dimensioni(lineari ed angolari) dell oggetto rappresentato. Poiché a ciascun disegno

Dettagli

geometriche. Parte Sesta Trasformazioni isometriche

geometriche. Parte Sesta Trasformazioni isometriche Parte Sesta Trasformazioni isometriche In questa sezione di programma di matematica parliamo della geometria delle trasformazioni che studia le figure geometriche soggette a movimenti. Tali movimenti,

Dettagli

ALESATRICE ORIZZONTALE Mod. 2B660

ALESATRICE ORIZZONTALE Mod. 2B660 ALESATRICE ORIZZONTALE Mod. 2B660 M.I.R.M.U. - Via Baldinucci, 40 20158 Milano - Tel 02.39320593 Fax 02.39322954 info @mirmu.it 1 La macchina utensile di tipo universale con un montante anteriore mobile

Dettagli

Corso TEORICO di Guida in Sicurezza dei Mezzi Fuoristrada destinato ai Volontari

Corso TEORICO di Guida in Sicurezza dei Mezzi Fuoristrada destinato ai Volontari Questionario Note Le domande dei questionari sono di tipo differente. Nello specifico, questi sono i tipi di domande: SCELTA MULTIPLA (1 opzione): sono elencate alcune risposte possibili e va scelta quella

Dettagli

[ ] ] = [ MLT 2. [ 3αx 2ˆ i 3αz 2 ˆ j 6αyz k ˆ ] = MLT 2. [ ] -[ 3αz 2 ˆ j ] = [ MLT 2 [ ] [ ] [ F] = [ N] = kg m s 2 [ ] = ML 1 T 2. [ ][ x 2.

[ ] ] = [ MLT 2. [ 3αx 2ˆ i 3αz 2 ˆ j 6αyz k ˆ ] = MLT 2. [ ] -[ 3αz 2 ˆ j ] = [ MLT 2 [ ] [ ] [ F] = [ N] = kg m s 2 [ ] = ML 1 T 2. [ ][ x 2. LVORO E ENERGI EX 1 Dato il campo di forze F α(3x ˆ i + 3z ˆ j + 6yz ˆ ): a) determinare le dimensioni di α; b) verificare se il campo è conservativo e calcolarne eventualmente l energia potenziale; c)

Dettagli

APPUNTI DI MATEMATICA GEOMETRIA \ GEOMETRIA EUCLIDEA \ GEOMETRIA DEL PIANO (1)

APPUNTI DI MATEMATICA GEOMETRIA \ GEOMETRIA EUCLIDEA \ GEOMETRIA DEL PIANO (1) GEOMETRIA \ GEOMETRIA EUCLIDEA \ GEOMETRIA DEL PIANO (1) Un ente (geometrico) è un oggetto studiato dalla geometria. Per descrivere gli enti vengono utilizzate delle definizioni. Una definizione è una

Dettagli

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30

n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Matteo Vecchi Lezione del n matr.145817 23. 01. 2003 ore 8:30-10:30 Il Moto Esterno Con il termine moto esterno intendiamo quella branca della fluidodinamica che studia il moto dei fluidi attorno ad un

Dettagli

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni

Applicazioni del calcolo differenziale allo studio delle funzioni Capitolo 9 9.1 Crescenza e decrescenza in piccolo; massimi e minimi relativi Sia y = f(x) una funzione definita nell intervallo A; su di essa non facciamo, per ora, alcuna particolare ipotesi (né di continuità,

Dettagli

FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE

FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE FUNZIONE REALE DI UNA VARIABILE Funzione: legge che ad ogni elemento di un insieme D (Dominio) tale che D R, fa corrispondere un elemento y R ( R = Codominio ). f : D R : f () = y ; La funzione f(): A

Dettagli

1 A DISEGNO PROGETTAZIONE ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE. T n. =C, con C = 366 ed n = 0.25, Motore

1 A DISEGNO PROGETTAZIONE ORGANIZZAZIONE INDUSTRIALE. T n. =C, con C = 366 ed n = 0.25, Motore Disegno, Progettazione ed rganizzazione Industriale esame 03 DISEGN PRGETTZINE RGNIZZZINE INDUSTRILE Sessione ordinaria 03 L albero di trasmissione rappresentato in figura trasmette una potenza P = 5 kw

Dettagli

Strumenti di controllo degli organi meccanici

Strumenti di controllo degli organi meccanici Strumenti di controllo degli organi meccanici Il controllo dello spessore dei denti di un ingranaggio, può essere effettuato mediante il calibro a doppio nonio o mediante un micrometro a piattelli. Calibro

Dettagli

Disegno Tecnico Aerospaziale L (A-L) Disegno Tecnico Industriale L (A-L) Anno Accademico 2007/2008

Disegno Tecnico Aerospaziale L (A-L) Disegno Tecnico Industriale L (A-L) Anno Accademico 2007/2008 Alma Mater Studiorum Università di Bologna Seconda Facoltà di Ingegneria con Sede a Cesena Disegno Tecnico Aerospaziale L (A-L) Disegno Tecnico Industriale L (A-L) Anno Accademico 2007/2008 Docente: Tutor:

Dettagli

Il Carroponte 1 il carroponte

Il Carroponte 1 il carroponte Il Carroponte Il Carroponte è uno strumento portentoso, ma che deve essere utilizzato con la massima prudenza. In commercio ne esistono di vari tipi, anche se alcuni elementi sono comuni fra molti modelli.

Dettagli