Collaborazione volontaria (Voluntary disclosure) Legge 15 dicembre 2014, n. 186

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Collaborazione volontaria (Voluntary disclosure) Legge 15 dicembre 2014, n. 186"

Transcript

1 Collaborazione volontaria (Voluntary disclosure) Legge 15 dicembre 2014, n. 186 Rezzato, 21 marzo 2015 Renzo Parisotto aggiornato al 17 marzo 2015

2 PREMESSA Scudo fiscale: sanatoria per omessa indicazione nel quadro RW delle attività detenute all estero (da ultimo D.L. 1 luglio 2009 n. 78 conv. L. 102/2009) Destinatari : persone fisiche, enti non commerciali, società semplici ed equiparate (art. 5 TUIR). Riferimento: Imposta straordinaria: attività finanziarie e patrimoniali detenute alla data del 31 dicembre 2008 in violazione delle norme monitoraggio fiscale. 5% ovvero 6% (proroga) ovvero 7% (proroga) del valore delle attività rimpatriate/regolarizzate. 2

3 (segue) SCUDO FISCALE: Presupposto: Redditi: PREMESSA non rileva pertanto la ricostruzione puntuale degli eventi che hanno dato luogo alla fuoriuscita delle attività o alla costituzione all estero né l identificazione delle attività.. (Ade circ. n. 3/2010).. unico presupposto richiesto dalla legge per avvalersi dello scudo è semplicemente la violazione degli obblighi di reporting. (Ade circ. n. 3/2010). sui redditi post data riferimento tassazione analitica o forfettaria vedi effetti copertura periodi successivi -. Modalità/adempimenti: rimpatrio fisico, rimpatrio giuridico, regolarizzazione: TOTALE / PARZIALE delle attività; dichiarazione tramite intermediario residente e conferimento incarico per ricezione attività e versamento imposte segretazione conti (eventuale) effetti premiali sul piano sanzionatorio, adempimenti antiriciclaggio. 3

4 PREMESSA DISPOSIZIONI SUCCESSIVE: Decreto Legge 22 dicembre 2011 n. 214: imposta di bollo speciale e straordinaria, su conti segretati. Legge 6 agosto 2013 n. 97 modifica al D.L. 167/90 (vedi ripresa norme antiriciclaggio). Ruolo degli intermediari finanziari residenti nelle operazioni di scudo fiscale (Circ. Ade n. 52/E/2010) 4

5 A differenza dello scudo fiscale, la VD riguarda sia violazioni attinenti l art. 4, co. 1 del D.L. n. 167/90 così come modificati dalla Legge n. 97/2013 e pertanto riferibili a: a) Persone fisiche; b) Enti non commerciali (es. enti religiosi, fondazioni etc.); c) Società semplici e assimilati (art. 5 Tuir) nonchè d) altri soggetti (società di capitali, etc.) aventi a riguardo: compilazione quadro RW [vedi sub a) b) e c)]; imposte sui redditi e relative addizionali; imposte sostitutive; IRAP; IVA; Obblighi sostituti d imposta 5

6 (segue): Non sono ricomprese: - Imposta di successione; - Imposta di donazione; - IVIE - IVAFE - altre imposte indirette 6

7 Riferimenti: art. 5 quater co. 1 Adesione ai contenuti dell invito al contraddittorio conseguente alla presentazione all Amministrazione Finanziaria della richiesta in parola La richiesta deve comprendere: tutti gli investimenti e tutte le attività costituiti o detenuti all estero anche indirettamente o per interposta persona nonché documenti e informazioni per la determinazione dei redditi che servirono per costituirli o acquistarli PERIODI ACCERTABILI? RADDOPPIO TERMINI?; tutti i redditi che derivano dalla dismissione e utilizzazione delle attività di cui sopra ai fini della determinazione dei maggiori imponibili o violazioni art. 4, co. 1, D.L. n. 167/90; tutti i periodi d imposta per i quali non sono scaduti i termini di accertamento o contestazione 7

8 Termini accertamento: Art. 43 D.P.R. n. 600/ dicembre quarto anno successivo alla presentazione della dichiarazione (es. anno 2010 presentazione nel 2011 => scadenza il 31/12/2015); 31 dicembre quinto anno successivo alla omessa presentazione della dichiarazione (es. anno 2009, presentazione nel 2010, scadenza 31/12/2015); Art. 20 D.Lgs. n. 472/1997 (RW) 31 dicembre quinto anno successivo a quello in cui è avvenuta la violazione Art. 12, co. 2 bis D.L. n. 78/2009 (Black List) I termini di cui all art. 43/DPR 600 e art. 20 D.Lgs. n. 472/1997 sono raddoppiati Problema aperto: Art. 43, co. 3 D.P.R. n. 600/1973 raddoppio dei termini - obbligo denuncia ai sensi art. 331 cpp Circolare AdE n.10/e/2015 conferma la sussistenza dell obbligo di denuncia (pag. 46) vedi delega fiscale in corso di approvazione 8

9 Periodo di riferimento: Termine di presentazione: Violazioni commesse fino al 30 settembre settembre 2015 (salvo proroghe) Integrazione: entro 30 gg dalla istanza originaria. In ogni caso la dichiarazione integrativa non può essere presentata oltre il 30 settembre 2015 (es. dichiarazione originaria presentata il 16 settembre 2015 integrativa entro il 30 settembre 2015) Circolare AdE n. 10/E/2015 proroga decesso autore (pag.38). Riferimenti art. 5 quater, co. 2: La richiesta di accesso alla collaborazione non può essere presentata più di una volta anche indirettamente o per interposta persona; Circolare AdE n. 10/E/2015: in caso di più dichiarazioni integrative vale l ultima presentata per il computo del termine di 30 gg (pag. 34). 9

10 Causa ostativa: art. 5 quater comma 2 La collaborazione non è ammessa qualora l autore della violazione abbia avuto formale conoscenza di accessi, ispezioni, verifiche o dall inizio di qualunque attività di accertamento amministrativo o di procedimenti penali. La preclusione opera anche nelle ipotesi. soggetti solidalmente obbligati in via tributaria o da soggetti concorrenti nel reato; Vedi circolare AdE n. 6/E/2015, apr definizione periodo accertato; Circolare AdE n.10/e/2015: cause ostative art. 52 DPR 633/72, art. 33 DPR 600/1973 ovvero inviti, richieste e questionari. Non sono tali viceversa le indagini finanziarie (pag. 26); Circolare AdE n. 10/E/2015: le cause di inammissibilità valgono per la prima 10 richiesta (pag. 34).

11 11 Riferimenti art. 2 e art. 73 TUIR residenza

12 Riferimenti: art. 5 septies co. 2 Rilascio al professionista di dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà attestante veridicità, atti documenti e notizie fornite. Reclusione da un anno e 6 mesi a 6 anni 12

13 Riferimenti: art. 5 quinquies co. 8 c.d. sistema forfettario di determinazione dei redditi prodotti e percepiti all estero in violazione delle disposizioni D.L. n. 167/90 - Inapplicabilità per collaborazione volontaria Italia; condizione: media annua consistenza delle attività finanziarie non superiore a 2 milioni di euro TASSO DI CAMBIO? PROVVEDIMENTO ANNUO PER RW DEL DIRETTORE ADE? DOCUMENTI? rendimento figurativo 5% aliquota tassazione 27% Circolare AdE n. 10/E/2015 (pag.20/21): la metodologia forfettaria va applicata su tutti i periodi per i quali si è richiesto l accesso alla procedura; sommatoria saldi fine periodo numero periodi = media <> 2 milioni non sono ripartibili in caso di cointestazione; in seguito il rendimento va applicato annualmente. 13

14 14 Riferimenti: art. 5 quater, co. 9 salvo prova contraria [?] la disponibilità finanziaria al termine di ciascun periodo si considera ripartita in quote eguali tra coloro che ne avevano la disponibilità => v. codice fiscale

15 15 Riferimenti: art. 5 quater, co. 9 Segue Le istruzioni al modello ampliano la nozione di collegamento in ragione dell origine della provvista. Ne deriva che la persona fisica le cui disponibilità estere sono costituite in tutto o in parte con proventi derivanti da redditi non dichiarati dalla società italiana Alfa di cui è socio quest ultima va riportata come soggetto collegato vedi relazione RIFLESSI CIVILISTICO/PENALI NEI CONFRONTI DI ALTRI SOCI QUALIFICA DI SOCIO SOLO SU TALUNI PERIODI vedi necessità esplicitazione in relazione SITUAZIONI SUCCESSORIE/DONAZIONI

16 16 Riferimenti: art. 5 quater, co. 1, lett. a) Deve indicarsi la consistenza (riportata distintamente nella relazione) dei patrimoni detenuti all estero al termine di ciascun periodo in violazione alle norme sul monitoraggio (=RW); Cambio applicabile: vedi provvedimenti Direttore AdE di ciascun periodo Distinzione a) Black List (DM 4 maggio 1999 e 21 novembre 2001) b) Black List con accordo per scambio informazioni c) Non Black List

17 MISURA DELLE SANZIONI Circolare AdE n. 10/E/2015 par

18 Riferimenti: art. 5 quater, co. 1, lett. a) Per apporto di capitale si intende ogni somma impiegata per l acquisto o incremento dell attività esclusi i frutti derivanti dall attività già detenuta FINALITA : identificare la natura reddituale o meno es. donazione dell apporto DICHIARAZIONE DELL INTERMEDIARIO RESIDENTE? Periodi di imposta: vedi quanto riportato nella Sez. II AMMONTARE PRELIEVI: da riportare in relazione NATURA FISCALE PRELIEVI? 18

19 Riferimenti: art. 5 quater, co. 1, lett. a) art. 5 quinquies,co. 4, lett. a), b) e c) Riportare il valore attività ancora detenute all estero alla data di presentazione della richiesta di VD RACCORDO CON DICHIARAZIONE DA PRESENTARSI PER ANNUALITA 2014 (30 settembre 2015) 19

20 (segue) Riferimenti: art. 5 quater, co. 1, lett. a) art. 5 quinquies, co. 4, lett. a), b) e c) cambi utilizzabili secondo quanto previsto nei vari provvedimenti del Direttore AdE riportare il valore ripartendo le attività ancora detenute: in paesi UE o Stati aderenti Accordo SEE; in paesi Black List avendo allegato autorizzazione controfirmata dall intermediario finanziario estero a trasmettere all autorità fiscale italiana ogni informazione IDENTIFICAZIONE INTERMEDIARIO ESTERO? trasferita [?] in Italia ATTESTAZIONE INTERMEDIARIO RESIDENTE? riportare il valore delle attività già rimpatriate in tal caso non vi sono attività detenute all estero mentre sono presenti in periodi precedenti ATTESTAZIONE INTERMEDIARIO RESIDENTE? DESCRIZIONE MOVIMENTAZIONE NELLA RELAZIONE PROBLEMATICA NEL CASO DI TRASFERIMENTI NEI PERIODI INTERESSATI TRA PAESI WHITE LIST e BLACK LIST Circolare AdE n.10/e/2015 termini accertamenti distinti (pag. 43). 20

21 21 Riferimenti: art. 5 quater, co. 1, lett. a) art. 5 septies co. 2 Sulla base della ricostruzione analitica e documentale (vedi raccordo con relazione) vanno indicati distintamente per annualità e per fattispecie (redditi IRPEF/IRES), IRAP, IVA, Ritenute, Imposta sostitutiva, Contributi previdenziali) le violazioni commesse relativamente a periodi ancora accertabili.

22 TERMINE PER L ACCERTAMENTO Imposte (redditi e IVA), interessi e relative sanzioni) Violazioni VD nel 2015 No violazioni penali infedele dichiarazione No violazioni penali omessa dichiarazione Violazioni penali infedele dichiarazione Violazioni penali omessa dichiarazione

23 LA CIRCOSTANZA CHE SIA RICHIESTO IL DI CUI PRODOTTO ALL ESTERO POTREBBE IPOTIZZARE IL POSSIBILE RECUPERO DI IMPOSTE ESTERE?? AI FINI DEL SUCCESSIVO CONTEGGIO DEGLI IMPORTI DOVUTI: I VALORI RIPORTATI NELLA SEZ. II SONO FINALIZZATI ALLE VIOLAZIONI RW MENTRE I VALORI RIPORTATI A SEZIONE V E TALORA ANCHE SEZ. III SONO FINALIZZATI ALLE VIOLAZIONI IMPOSTE, CONTRIBUTI ETC. (ITALIA + ESTERO). 23

24 Provvedimento del 30 gennaio 2015 (voluntary disclosure) - Pubblicato il 30/01/ Trasmissione per via telematica del modello - Rilascio copia cartacea al contribuente tenuto a conservarla - Integrazione dell istanza entro 30 giorni dalla presentazione dell originaria (unica): termine ultimo integrazione 30 settembre

25 Provvedimento del 30 gennaio 2015 (voluntary disclosure) - Pubblicato il 30/01/ Documentazione di accompagnamento: relazione (vedi format) - Rappresentazione analitica dei fatti per annualità - Descrizione dell origine selle somme, trasferimenti, dismissioni, etc. - Soggetti collegati - Traduzione in lingua italiana - Trasmessa in via telematica entro 30 gg. dalla data presentazione istanza + integrativa: scadenza 30 settembre prorogata di 5 gg in caso di presentazione dal 26 settembre 2015 RILIEVO CIVILISTICO FISCALE E PENALE DELLA RELAZIONE 25

26 Provvedimento del 30 gennaio 2015 (voluntary disclosure) - Pubblicato il 30/01/2015 Necessità di ricondurre i documenti, in particolare provenienti da estero, alle fattispecie reddituali nazionali (es. redditi di capitale e diversi, azioni qualificate, hedge fund, polizze, etc) Tenuto conto che le varie fattispecie reddituali hanno tassazioni diverse (es. fabbricati, lavoro, impresa, capitale etc) obbligo dettagliata ricostruzione documentata Situazioni particolari derivanti dal trasferimento tra Paesi WL e BL nei periodi accertabili La relazione è la base dell eventuale contradditorio 26

27 Riferimento: Art. 5 quater co. 4 - Non si applica il raddoppio dei termini (vedi B.L.) di cui all art. 12, c. 2 bis D.L. n. 78/2009 laddove congiuntamente: - l autore rilascia all intermediario finanziario estero [?] presso cui le attività sono detenute autorizzazione a trasmettere all autorità italiana tutti i dati. L intermediario la controfirma per accettazione e così è allegata alla richiesta di VD (vedi sopra) - cfr. art. 5 quinquies co. 4, 1 periodo lett. c) VEDI ACCORDO SVIZZERA; - nel caso di trasferimento di attività post richiesta VD in Paesi BL analoga autorizzazione con controfirma a sua volta inviata alla autorità italiana entro 60 gg - cfr. Art. 5 quinquies co. 5 - le attività sono detenute in Stati che stipulano entro 60 gg dall entrata in vigore della L. n. 186/2014 accordi che consentano un effettivo scambio di informazioni (art. 26 Modello Convenzione OCSE) - cfr. art. 5 quinquies comma 7. RADDOPPIO DEI TERMINI (Collaborazione volontaria estero) 27

28 ITALIA - SVIZZERA Scambio di informazioni: accordi bilaterali Svizzera Il 23 febbraio 2015 è stato firmato a Milano il Protocollo di modifica della Convenzione contro le doppie imposizioni in vigore tra Italia e Svizzera Il Protocollo contiene disposizioni in materia di scambio di informazioni sostituendo l attuale art. 27 (scambio di informazioni) con un nuovo testo integralmente mutuato dall art. 26 del Modello OCSE di Convenzione contro le doppie imposizioni A differenza all art. 27 attualmente in vigore, che limita lo scambio alle sole informazioni necessarie per l applicazione della Convenzione, la nuova disposizione consentirà anche lo scambio delle informazioni necessarie per l applicazione della normativa interna relativa alle imposte di qualsiasi natura o denominazione Inoltre, il nuovo art. 27 prevede il superamento del domestic tax interest e del segreto bancario 28

29 ITALIA - SVIZZERA Scambio di informazioni: accordi bilaterali Svizzera Richieste di gruppo: con l adozione dell attuale standard di cui all art. 26 del Modello OCSE e relativo Commentario, il nuovo art. 27 consentirà di inoltrare richieste di informazioni concernenti un gruppo di contribuenti (c.d. group requests ), identificati o identificabili sulla base di comportamenti significativamente indicativi di una possibile irregolarità della loro posizione fiscale, nel rispetto del requisito della prevedibile rilevanza (foreseeable relevance) previsto dal Modello OCSE; Retroattività delle richieste di informazioni: Il Protocollo di modifica consentirà di attivare richieste di informazioni a partire dalla data dell entrata in vigore del Protocollo stesso, ma con riferimento a fatti e circostanze esistenti o realizzate alla data di firma, o dopo di essa: L impegno della Svizzera ad attivare lo scambio di informazioni anche in relazione al periodo che decorre dalla data delle firma del Protocollo rileva ai fini del trattamento previsto dalla VD; 29

30 ITALIA - SVIZZERA Scambio di informazioni: accordi bilaterali Svizzera La retroattività al momento della firma dell accordo permetterà ai contribuenti con attività finanziarie in Svizzera di procedere alla loro regolarizzazione fruendo del trattamento più favorevole in termini di riduzione delle sanzioni amministrative riconosciuto ai Paesi non black list; Effetti sulla black/white lists: La modifica della posizione della Svizzera nelle black/white lists italiane presuppone l entrata in vigore del Protocollo di modifica della Convenzione; L entrata in vigore del Protocollo avrà effetto sulle liste basate esclusivamente sul criterio dello scambio di informazioni, in particolare la black list costi (art. 110, comma 10, del Tuir, come modificato dalla Legge di stabilità 2015), e la white list rilevante ai fini del regime fiscale (esenzione) dei proventi delle attività finanziarie di cui al D.Lgs. n. 239/96 30

31 SVIZZERA MONTECARLO LIECHTENSTEIN COMPARAZIONE Sole 24ORE 6 marzo

32 SANZIONI Art. 5, D.Lgs. n. 218/1997 L Ufficio invia al contribuente un invito a comparire In presenza dell adesione la misura delle sanzioni applicabili indica nell art. 2, co. 5 è ridotta alla metà Art. 2 co. 5, D.Lgs. n. 218/1997 A seguito della definizione le sanzioni. si applicano nella misura di un terzo Art. 16 D.Lgs. n. 472/1997 Entro il termine previsto per la proposizione del ricorso possono definire la controversia con il pagamento di un importo pari ad un terzo della sanzione indicata 32

33 SANZIONI REDDITUALI Riferimento: Art. 5 quater co. 1 lett. b) Art. 5 quinquies co. 4 Art. 5 quinquies co 7 Tipologia sanzione Infedele (ITA) Omessa (ITA) Infedele (ESTERO) Omessa (ESTERO) Sanzione base min Aumento 1/3 (estero) Diminuzione ¼ (VD) Diminuzione 1/6 invito Diminuzione 1/3 (adesione) , , ,60 33, vedi Art. 5 D. Lgs 218/97 33

34 VIOLAZIONI QUADRO RW MISURA DELLE SANZIONI (art. 5 quinquies c.4) In misura pari alla metà del minimo edittale se: a) Le attività vengano trasferite in Italia, UE, Spazio SEE b) Le attività erano o sono ivi detenute c) Il contribuente autorizza intermediario finanziario estero, che controfirma, a trasmettere tutti i dati concernenti le attività VIOLAZIONI QUADRO RW In misura pari al minimo edittale ridotta di un quarto: a) Minimo edittale Paesi BL che stipulano accordi entro il 2 marzo 2015 => 3% b) Violazioni redditi, sostitutiva, IVA, IRAP, ritenute 34

35 Riferimento: Art. 5 quater co. 1 lett. b) Art. 5 quinquies co. 4 Art. 5 quinquies co 7 SANZIONI MONITORAGGIO Abbattimento delle sanzioni Sanzione (minima) applicabile White list: 3% Black list: 5% (fino al 2007), 6% (da 2008) Se entro 60 gg da entrata in vigore lo Stato stipula accordo con Italia (i) che prevede scambio informazioni e (ii) riguarda anche informazioni tra data stipula e data entrata in vigore => sanzione 3% Riduzione del 50% minimo edittale se Attività già detenute o trasferite a seguito di VD in Italia o in Stati UE/See con effettivo scambio di informazioni (Islanda e Norvegia); o Attività già detenute nei predetti Stati (Ue/See); o Autorizzazione intermediario a trasmettere informazioni all amministrazione finanziaria italiana Negli altri casi, riduzione del 25% del minimo edittale 35

36 MISURA DELLE SANZIONI Circolare AdE n. 10/E/2015 par

37 Riferimento: Art. 5 quater co. 1 lett. b) Art. 5 quinquies co. 4 Art. 5 quinquies co 7 SANZIONI MONITORAGGIO Abbattimento delle sanzioni Esempio 1 (c/c in Svizzera, con autorizzazione alla banca o intestazione fiduciaria, Svizzera con accordo) Sanzioni applicabili => 3% Riduzione del 50% => 1,5% Riduzione 1/3 per definizione => 0,50% delle attività per anno art. 16 D.Lgs 472/97 Esempio 2 (Attività in paese black list senza autorizzazione alla banca) Sanzioni applicabili => 3% Riduzione del 25% => 2,25% Riduzione 1/3 per definizione => 0,75% delle attività per anno art. 16 D.Lgs 472/97 37

38 VERSAMENTO SOMME DOVUTE Riferimento: Art. 5 quater co. 1, lett. b) unica soluzione ovvero in tre rate mensili di pari importo. Il mancato pagamento di una rata comporta il venir meno degli effetti della richiesta. La richiesta di collaborazione non prevede la liquidazione dell imposta da parte del contribuente essendo quest ultima demandata all Agenzia delle entrate NON RISULTA FISSATO IN TERMINE PER TALE ATTIVITA E evidente che tale attività è direttamente connessa all esame della relazione di accompagno ed alla qualità dei documenti allegati 38

39 EFFETTI DELLA PROCEDURA Riferimento: Art. 5 quinquies co. 1, lett. b) Esclusa la punibilità per i delitti di cui agli articoli sottoriportati del D. Lgs 74/ Dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti (art. 2); Dichiarazione fraudolenta mediante altri artifici (art. 3); Dichiarazione infedele (art. 4); Omessa dichiarazione (art. 5); Omesso versamento di ritenute certificate (art. 10- bis); Omesso versamento IVA (art. 10-ter). 39

40 Riferimento: Art. 5 quinquies co. 1, lett. b) EFFETTI DELLA PROCEDURA Esclusa la punibilità della condotta prevista dagli articoli 648 bis e 648 ter Art. 648 bis c.p. Riciclaggio. Fuori dei casi di concorso nel reato, chiunque sostituisce o trasferisce denaro, beni o altre utilità provenienti da delitto non colposo, ovvero compie in relazione ad essi altre operazioni, in modo da ostacolare l'identificazione della loro provenienza delittuosa, è punito con la reclusione da quattro a dodici anni e con la multa da euro a euro (1) La pena è aumentata quando il fatto è commesso nell'esercizio di un'attività professionale. La pena è diminuita se il denaro, i beni o le altre utilità provengono da delitto per il quale è stabilita le pena della reclusione inferiore nel massimo a cinque anni. Si applica l'ultimo comma dell'articolo 648. (1) Comma così modificato dall art. 3, comma 1, L. 15 dicembre 2014, n

41 EFFETTI DELLA PROCEDURA Riferimento: Art. 5 quinquies co. 1, lett. b) Esclusa la punibilità della condotta prevista dagli articoli 648 bis e 648 ter.1 Art. 648-ter.1 - Autoriciclaggio ( 1 ) Si applica la pena della reclusione da due a otto anni e della multa da euro a euro a chiunque, avendo commesso o concorso a commettere un delitto non colposo, impiega, sostituisce, trasferisce, in attività economiche, finanziarie, imprenditoriali o speculative, il denaro, i beni o le altre utilità provenienti dalla commissione di tale delitto, in modo da ostacolare concretamente l'identificazione della loro provenienza delittuosa. Si applica la pena della reclusione da uno a quattro anni e della multa da euro a euro se il denaro, i beni o le altre utilità provengono dalla commissione di un delitto non colposo punito con la reclusione inferiore nel massimo a cinque anni. Si applicano comunque le pene previste dal primo comma se il denaro, i beni o le altre utilità provengono da un delitto commesso con le condizioni o le finalità di cui all'articolo 7 del decreto-legge 13 maggio 1991, n. 152, convertito, con modificazioni, dalla legge 12 luglio 1991, n. 203, e successive modificazioni. Fuori dei casi di cui ai commi precedenti, non sono punibili le condotte per cui il denaro, i beni o le altre utilità vengono destinate alla mera utilizzazione o al godimento personale. La pena è aumentata quando i fatti sono commessi nell'esercizio di un'attività bancaria o finanziaria o di altra attività professionale. La pena è diminuita fino alla metà per chi si sia efficacemente adoperato per evitare che le condotte siano portate a conseguenze ulteriori o per assicurare le prove del reato e l'individuazione dei beni, del denaro e delle altre utilità provenienti dal delitto. Si applica l'ultimo comma dell'articolo 648. (1) Articolo inserito dall art. 3, comma 3, L. 15 dicembre 2014, n

42 ESTENSIONE EFFETTI Riferimenti: Art. 5 septies co. 5 L esclusione di punibilità vista sopra opera nei confronti di tutti coloro che hanno commesso o concorso a commettere i delitti ivi indicati Effetti premiali del comportamento tenuto dal contribuente estensibili anche ai professionisti e agli intermediari aventi rapporti attuali e/o passati Confronto Scudo Fiscale ter : Coperture Penali Delitti tributari: artt. 2, 3, 4, 5 e 19 D.Lgs 74/2000 Condotte di falso c.p.: artt. 482, 483, 484, 485, 490 e 491 bis C.P. False comunicazioni sociali: artt e 2622 C.C. 42

43 ALTRI ASPETTI a) Segnalazioni autorità giudiziaria: Entro 30 gg dalla conclusione favorevole della procedura, avendo eseguito i relativi versamenti, l Agenzia comunica l evento in relazione ai delitti per i quali viene così esclusa la punibilità nonché art. 648 bis e ter c.p. NEL CASO LA PROCEDURA NON SI CONCLUDESSE VALGONO LE REGOLE ORDINARIE tenuto altresì dei maggiori termini (cfr. art. 5 quinquies co. 10) b) Residenti Campione d Italia Entro il 31 marzo Provvedimento specifico Direttore Agenzia delle Entrate (cfr Art. 5 quater co. 6) c) Rilevazioni antiriciclaggio MEF 31 gennaio 2014 le esimenti previste operano unicamente sul piano fiscale... Anche rispetto alle attività volontariamente dichiarate al fisco, che beneficiano resta immutato l obbligo di attivare le procedure di adeguata verifica della clientela immutati restano gli obblighi di registrazione e di segnalazione di eventuali operazioni sospette, secondo quanto previsto dal d.lgs. n. 231/07. 43

44 ALTRI ASPETTI MEF 9 gennaio 2015 conferma il documento di cui sopra l applicazione di misure rafforzate di adeguata verifica della clientela MEF 23 gennaio 2015 gli obblighi antiriciclaggio si applicano al momento in cui si concretizza, con il conferimento dell incarico al professionista, il rapporto tra quest ultimo e il soggetto al quale sarà resa la prestazione professionale. Nell ipotesi in cui l attività del professionista, limitata alla valutazione circa l opportunità, per il suo assistito, di accedere o meno alla procedura di voluntary discosure, non segua il conferimento dell incarico, non sussistono gli obblighi antiriciclaggio 44

45 CIRCOLARE ADE N. 10/E/2015 Legge 15 dicembre 2014, n. 186, concernente Disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all estero nonché per il potenziamento della lotta all evasione fiscale. Disposizioni in materia di autoriciclaggio. Prime indicazioni relative alla procedura di collaborazione volontaria. Pag. 10: Pag. 12: Pag. 14: Pag. 16: PUNTI DI RILIEVO Titolare effettivo obbligo RW dal 2013; Trust esterovestiti obbligo RW; Interposizione fittizia obbligo RW; Soggetti aventi possibilità di movimentare obbligo RW. Cointestazione presunzione equivalente salvo prova contraria; Sono considerati anche i soggetti aventi delega ad operare. E confermato il principio di cui alla Ris. n. 134/2002 immobile sito in Italia posseduto tramite interposizione estera: ricade nella procedura. Valore attività detenute all estero secondo le istruzioni annuali di compilazione (vedi RW). 45

46 46 Pag. 17: Pag. 19: Pag. 20: Pag. 21: CIRCOLARE ADE N. 10/E/2015 (segue) Paese detenzione attività all estero: sino al 31 dicembre 2012 rileva fine periodo - dal 2013 rileva il dato nel corso del periodo; Ai fini della localizzazione vale l ubicazione del veicolo interposto vedi panamense. Occorre dimostrare la valenza reddituale o meno sia in fase di costituzione che di successivo apporto; Per periodi non accertabili va documentata la precedente esistenza del patrimonio; Nel caso di impossibilità nella ricostruzione dei redditi si applica la presunzione di redditività art. 6/D.L.167/1990. Nel caso di opzione per il forfettario vale il dato al 31 dicembre. Numeratore: sommatoria consistenza fine periodo denominatore numero periodi così per ottenere media consistenza (vedi 2 ML) metodo forfettario. Non rileva a questi fini il riparto tra cointestatari; Rendimento 5% forfettario conteggiato sul saldo puntuale; Il metodo forfettario non si estende ai redditi diversi da quelli di natura finanziaria né ai redditi che servirono per la costituzione.

47 CIRCOLARE ADE N. 10/E/2015 (segue) Pag. 26: Pag. 29: Pag. 34: Pag. 36: Pag. 37: Pag. 43: 47 Cause di inammissibilità: inviti, richieste a questionari mentre non sono di ostacolo le indagini finanziarie ovvero liquidazioni imposta ex art. 36 bis/600. Inammissibilità procedure se formale conoscenza su soggetti solidalmente obbligati da intendersi come coobbligati solidali d imposta. Nel caso di più integrazioni nei 30 gg vale l ultima in ordine di tempo; Le cause di inammissibilità fanno riferimento alla presentazione della prima istanza in ordine di tempo. La responsabilità rispetto a veridicità e completezza della richiesta, della documentazione o informazioni sono ricondotte al contribuente non estendendosi al professionista. Dalla relazione devono risultare anche elementi utili per obblighi dichiarativi IVIE e IVAFE. In caso di trasferimento attività tra paesi BL occorre rilevare la stipula di accordi da parte dei singoli paesi ai fini del computo raddoppio dei termini.

48 48 Pag. 46/47: Pag. 51: Pag. 55: Pag. 56: Pag. 57: Pag. 60: CIRCOLARE ADE N. 10/E/2015 (segue) Il raddoppio dei termini di accertamento permane operativo a prescindere dal perfezionamento della procedura di collaborazione. Le annualità accertabili potrebbero essere 2006/2013 ovvero 2004/2013. La sanzione ridotta al 50% per violazioni RW si applica anche per attività già detenute in BL e che alla data di presentazione richiesta l autore della violazione non le detenga vedi donazione o autoconsumo -. Applicazione cumulo giuridico delle sanzioni. La non punibilità si riferisce solo a fattispecie dichiarative e omissive e soltanto con riguardo a coloro che hanno commesso o concorso. Non è punibile chi utilizza fatture false mentre riamane la punibilità per chi le emette. È rimessa all Autorità giudiziaria la valutazione in merito alla rilevanza penale di ulteriori elementi emersi nell ambito di attività di controllo successiva al perfezionamento della procedura. Nel corso del contraddittorio incrocio dei dati di flusso all estero da parte di intermediari residenti e dati riportati su richiesta.

49 Accordo ITALIA SVIZZERA (Conferenza Lugano, 16 marzo 2015) Sono 4 i punti interessati: scambio informazioni/regolarizzazioni; frontalieri; Campione d Italia; Black list. La sottoscrizione dell accordo ha effetti positivi ai fini della V.D. riducendo a 5 i periodi sanabili anziché a 10. Se l accordo viene ratificato (referendum?) si potrà uscire dalla black list. La V.D. è perciò indipendente dalla ratifica. Laddove non vi sia la ratifica è molto probabile che lo Stato italiano (Agenzia delle Entrate) faccia uso massiccio delle richieste di gruppo. La sottoscrizione (= controfirma) da parte della banca elvetica della autorizzazione a trasmettere le informazioni alle autorità italiane non costituisce violazione dell art. 271 cod. penale svizzero in quanto fa seguito a specifica indicazione del cliente titolare. La nuova tassazione dei frontalieri si baserà sulla tassazione in Italia (vedi paese di residenza) e successivo ristorno (60/70%) alla Confederazione a compenso oneri del paese di svolgimento attività. 49

Focus di approfondimento: gli anni interessati e i rapporti cointestati. Direzione Regionale della Lombardia

Focus di approfondimento: gli anni interessati e i rapporti cointestati. Direzione Regionale della Lombardia Focus di approfondimento: gli anni interessati e i rapporti cointestati Nel 2003 Tizio apre un conto corrente, cointestato con la moglie Caia, in Svizzera, con il conferimento di una provvista iniziale

Dettagli

CIRCOLARE N. 27/E. Roma, 16 luglio 2015

CIRCOLARE N. 27/E. Roma, 16 luglio 2015 CIRCOLARE N. 27/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 16 luglio 2015 OGGETTO: Legge 15 dicembre 2014, n. 186, concernente Disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all estero

Dettagli

CIRCOLARE N. 10/E. Roma, 13 marzo 2015

CIRCOLARE N. 10/E. Roma, 13 marzo 2015 CIRCOLARE N. 10/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 13 marzo 2015 OGGETTO: Legge 15 dicembre 2014, n. 186, concernente Disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all estero

Dettagli

CIRCOLARE N. 30/E. Roma, 11 agosto 2015

CIRCOLARE N. 30/E. Roma, 11 agosto 2015 CIRCOLARE N. 30/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 agosto 2015 OGGETTO: Legge 15 dicembre 2014, n. 186, concernente Disposizioni in materia di emersione e rientro di capitali detenuti all estero

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo 1. come rimediare a errori e dimenticanze: il ravvedimento Il ravvedimento per imposte dirette e Iva Modalità di pagamento Presentazione della dichiarazione

Dettagli

Quadro RW e obblighi dichiarativi ai fini IVIE e IVAFE

Quadro RW e obblighi dichiarativi ai fini IVIE e IVAFE Circolare Monografica 12 giugno 2014 n. 1990 DICHIARAZIONI Quadro RW e obblighi dichiarativi ai fini IVIE e IVAFE Soggetti obbligati, modalità di compilazione e di calcolo ed esemplificazioni di Armando

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000

ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 ALLEGATO C FACSIMILE DICHIARAZIONE RILASCIATA ANCHE AI SENSI DEGLI ARTT. 46 E 47 DEL D.P.R. 445/2000 (N.B. la presente dichiarazione deve essere prodotta unitamente a copia fotostatica non autenticata

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE

DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE DECRETO RENZI IL BONUS DI 80 AL MESE E I VANTAGGI PER I FONDI PENSIONE RIFERIMENTI NORMATIVI: Decreto legge n. 66 del 24 aprile 2014 Circolare Agenzia delle Entrate, 8/E/2014 ASPETTI GENERALI: Il DL 66/2014

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

OGGETTO: Articolo 23 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come modificato dal decreto legislativo 19 settembre 2012, n. 169.

OGGETTO: Articolo 23 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come modificato dal decreto legislativo 19 settembre 2012, n. 169. Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione OGGETTO: Articolo 23 del decreto legislativo 21 novembre 2007, n. 231, come modificato dal decreto legislativo

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015)

DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) DDL 1345-S in materia di delitti ambientali. (Approvazione in Senato 4 marzo 2015) Il testo inserisce nel codice penale un nuovo titolo, dedicato ai delitti contro l'ambiente, all'interno del quale vengono

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Informativa per il professionista

Informativa per il professionista Informativa per il professionista Informativa n. 17 del 20 dicembre 2011 Termini di decadenza dal potere di accertamento e di riscossione degli atti impositivi INDICE 1 Premessa... 3 2 Avvisi di accertamento

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7.

Del RTI costituito dalle seguenti società: 1. 2. 3. 4. 5. 6. 7. MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per RAGGRUPPAMENTO TEMPORANEO D IMPRESA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 Roma

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5

HELP 05. a cura di Flavio Chistè. Help Federcircoli n. 5 pag. 1/5 a cura di Flavio Chistè RESPONSABILITA' CIVILE DEGLI ENTI NON COMMERCIALI E DEI RAPPRESENTANTI LEGALI L'istituto del ravvedimento operoso, introdotto dall'articolo 13 del D.Lgs. 472/97, consente ai contribuenti,

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa

Per IMPRESE/SOCIETA. Presentata dalla Impresa MARCA DA BOLLO DA 14,62 Per IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITA PER LA VIGILANZA SUI CONTRATTI PUBBLICI DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Via di Ripetta, 246 00186 - Roma CIG 03506093B2

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto

Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Progetto di legge di iniziativa popolare: Per un fisco più equo e giusto Negli ultimi mesi lo scenario europeo ha avuto un'evoluzione nuova e positiva. I margini di flessibilità del Fiscal Compact sono

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara

fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara fac-simile dichiarazione di cui alla Busta 1) punto 1.2 dell art. 2 del disciplinare di gara Oggetto: Procedura aperta per la fornitura di generatori di molibdeno tecnezio per l U.O.C. di Medicina Nucleare

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

PARTE SPECIALE 3 Altri reati

PARTE SPECIALE 3 Altri reati MODELLO ORGANIZZATIVO ai sensi del D.Lgs. 231/2001 PAGINA 1 DI 13 - SOMMARIO 1. TIPOLOGIA DI REATI... 3 1.1 DELITTI CONTRO LA PERSONALITA INDIVIDUALE... 3 1.2 SICUREZZA SUL LAVORO... 3 1.3 RICETTAZIONE,

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI

TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI TARSU poi TARES ed ora TARI e TASI di Luigi Cenicola 1. Premessa. A decorrere dall anno 2014, per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani e per i servizi indivisibili comunali, si pagheranno

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE

REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE REGISTRO DELLE PERSONE CHE HANNO ACCESSO A INFORMAZIONI PRIVILEGIATE OVS S.P.A. Approvato dal Consiglio di Amministrazione di OVS S.p.A. in data 23 luglio 2014, in vigore dal 2 marzo 2015 1 1. PREMESSA

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

DICHIARAZIONE REQUISITI DI AMMISSIONE IL SOTTOSCRITTO... NATO A... IL. IN QUALITA DI (carica sociale).

DICHIARAZIONE REQUISITI DI AMMISSIONE IL SOTTOSCRITTO... NATO A... IL. IN QUALITA DI (carica sociale). Allegato al MOD. PRES. Mod. DICH/14. DICHIARAZIONE REQUISITI DI AMMISSIONE IL SOTTOSCRITTO... NATO A... IL. IN QUALITA DI (carica sociale). DELLA IMPRESA (denominazione e ragione sociale). SEDE LEGALE

Dettagli

La dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti

La dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti 2 La dichiarazione fraudolenta mediante uso di fatture o altri documenti per operazioni inesistenti SOMMARIO 1. I soggetti attivi. Continuità normativa con la previgente fattispecie. 2. La condotta. 3.

Dettagli

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10 genzia ntrate UNICO Enti non commerciali ed equiparati 2014 Dichiarazione degli enti non commerciali residenti e delle società ed enti non residenti equiparati soggetti all Ires - Periodo d imposta 2013

Dettagli