LE INDAGINI BANCARIE E FINANZIARIE ALLA LUCE DELLA CIRCOLARE 32/E/2006

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE INDAGINI BANCARIE E FINANZIARIE ALLA LUCE DELLA CIRCOLARE 32/E/2006"

Transcript

1 LE INDAGINI BANCARIE E FINANZIARIE ALLA LUCE DELLA CIRCOLARE 32/E/ PREMESSA Le disposizioni che disciplinano la possibilità, per l Agenzia delle Entrate e per la Guardia di Finanza, di procedere ad indagini di tipo bancario e finanziario nei confronti dei contribuenti sono rinvenibili dal dettato degli articoli: 32 del DPR 600/1973, per quanto concerne l accertamento ai fini delle imposte sul reddito; 51 del DPR 633/1972, per quanto concerne l ambito IVA. La disciplina in materia di indagini bancarie e finanziarie è stata da ultimo modificata dalla L. 311/2004 (legge Finanziaria per il 2005). In particolare: il comma 402 dell articolo unico della L. 311/2004 ha introdotto alcune modifiche all art. 32 del DPR 600/1973; il comma 403 dell articolo unico della L. 311/2004 ha introdotto alcune modifiche all art. 51 del DPR 633/1972. La finalità delle modifiche recate dalla L. 311/2004 alla disciplina delle indagini bancarie e finanziarie è stata quella di consentire un potenziamento dello strumento accertativo, mediante l inserimento di novità: sul piano dell ambito di applicazione, ampliando considerevolmente il novero dei soggetti (intermediari finanziari) tenuti a dare seguito alle richieste degli Uffici finanziari, nonché l ambito oggettivo delle operazioni relativamente alle quali vigono gli obblighi informativi; sul piano della procedura, snellendo e velocizzando la procedura di acquisizione dei dati e delle informazioni; sul piano dell accertamento, estendendo anche ai titolari di reddito di lavoro autonomo, ai fini della rettifica del reddito, l operatività delle presunzioni in materia di versamenti e prelevamenti di conto corrente non diversamente giustificati dal contribuente. Ulteriori novità, attinenti gli obblighi che discendono in capo agli intermediari finanziari, in termini di risposte da dare agli Uffici e di comunicazioni da effettuare all Anagrafe Tributaria, sono state recate: dai commi da 14 a 14-ter dell art. 2 del DL n. 223, convertito con modificazioni nella L n. 248; dai commi 4 e 5 dell art. 37 del DL n. 223, convertito con modificazioni nella L n Con la Circolare n. 32/E, l Agenzia delle Entrate fa il punto sulla nuova disciplina delle indagini bancarie e finanziarie, nonché sulle novità dell Anagrafe Tributaria ad esse attinenti, alla luce delle novità introdotte dai richiamati provvedimenti normativi (L. 311/2004 e, in subordine, DL 203/2005 e DL 223/2006). Altri importanti riferimenti di prassi dell Amministrazione finanziaria, che meritano di essere sin d ora ricordati, sono: la Circolare AdE n. 28/E, con la quale sono stati recati i primi chiarimenti sulle novità introdotte dal DL 223/2006; la Circolare AdE n. 10/E, con la quale sono stati recati i primi chiarimenti sulle novità introdotte dalla L. 311/2004; la C.M n. 116/E, la quale costituisce il principale riferimento di prassi per la disciplina vigente prima delle novità introdotte dalla L. 311/2004. AMPLIAMENTO DELL AMBITO DI APPLICAZIONE 2 La procedura di indagine bancaria e finanziaria, ai fini delle imposte dirette e dell IVA, può trovare applicazione nei confronti di tutti i soggetti passivi delle relative imposte. Via dei Bossi, Milano Telefono Fax E - Mail Aut. Dec. Min. N del 30/05/75 Sede Legale: Via Nirone, Milano Cap. Soc i.v. Società per Azioni Registro Imprese Milano R.E.A. Milano Partita IVA IT Represented through Alliott Group, a worldwide network of independent firms

2 SOREFISA 2 In particolare, per quanto concerne le imposte sul reddito, il num. 2) del co. 1 dell art. 32 del DPR 600/1973 precisa che i dati e gli elementi emersi in sede di accertamento bancario possono essere posti a base delle rettifiche e degli accertamenti previsti: dall art. 38, ossia le rettifiche e gli accertamenti relativi alle dichiarazioni dei redditi delle persone fisiche; dall art. 39, ossia le rettifiche e gli accertamenti relativi ai redditi determinati sulla base delle scritture contabili; dall art. 40, ossia le rettifiche e gli accertamenti relativi alle dichiarazioni dei redditi dei soggetti diversi dalle persone fisiche; dall art. 41, ossia gli accertamenti di ufficio nei casi di omessa presentazione della dichiarazione dei redditi da parte del contribuente. Ciò detto, l ambito di applicazione della procedura di indagini bancarie, da parte dell Agenzia delle Entrate e della Guardia di Finanza, può essere definito in funzione: dei soggetti (intermediari finanziari) che possono essere target della richiesta di dati, notizie e documenti; delle operazioni che possono essere oggetto della richiesta di dati, notizie e documenti. Ambito soggettivo 2.1 Ai sensi del num. 7) dell art. 32 co. 1 del DPR 600/1973 (richiamato anche dall art. 51 del DPR 633/1972 per quanto concerne l ambito IVA), i soggetti nei cui confronti gli uffici operativi dell Agenzia delle Entrate e della Guardia di Finanza possono richiedere (previa autorizzazione dei rispettivi uffici direttivi) dati, notizie e documenti sono: le banche; la società Poste italiane spa (per le attività finanziarie e creditizie); le imprese di investimento (SIM); gli organismi di investimento collettivo del risparmio (OICR); le società di gestione del risparmio (SGR); gli altri intermediari finanziari; le società fiduciarie. Nel proprio 1.1, la Circolare 32/E/2006 si sofferma su ciascuna delle predette categorie di soggetti al fine di fornirne una nozione definitoria. In particolare, per quel che concerne la categoria residuale degli altri intermediari finanziari, la Circolare 32/E/2006 ( 1.1) elenca i seguenti soggetti: soggetti iscritti nell elenco generale di cui all art. 106 co. 1 del TUB; soggetti iscritti nell elenco speciale tenuto presso la Banca d Italia, ai sensi dell art. 107 del TUB; soggetti che svolgono attività finanziaria non nei confronti del pubblico (ossia le c.d. holding di partecipazione, iscritte in apposita sezione dell elenco generale di cui all art. 113 del TUB); soggetti che rilasciano garanzie a favore di Banche nell interesse degli appartenenti ai soggetti stessi (ossia le c.d. cooperative di garanzia collettiva fidi, esercenti in via esclusiva la predetta attività, iscritte alla sezione dell elenco di cui al co. 4 dell art. 155 del TUB); soggetti che esercitano l attività di cambia-valute (tra le quali si comprendono anche le Associazioni Turistiche Pro Loco), iscritti nell apposita sezione di cui al co. 5 dell art. 155 del TUB; c.d. casse peota, iscritte nell apposita sezione di cui al co. 6 dell art. 155 del TUB; agenti in attività finanziaria, di cui alla lett. n) co. 1 dell art. 1 del DLgs 374/1999; operatori professionali in oro, di cui agli artt. 1 e 2 della L. 7/2000; istituti di moneta elettronica (in acronimo IMEL ), di cui all art. 114-bis del TUB e come disciplinati dalla Circolare n. 253 della Banca d Italia. Ambito oggettivo 2.2 Ai sensi del num. 7) dell art. 32 co. 1 del DPR 600/1973 (richiamato anche dall art. 51 del DPR 633/1972 per quanto concerne l ambito IVA), i dati, le notizie e i documenti che gli uffici operativi dell Agenzia delle Entrate e della Guardia di Finanza possono richiedere (previa autorizzazione dei rispettivi uffici direttivi), ai soggetti di cui al precedente 3.1, concernono qualsiasi rapporto intrattenuto ed operazione effettuata con i loro clienti, ivi compresi i servizi prestati ed anche le garanzie prestate da terzi. Sotto il profilo oggettivo, dunque, la portata delle novità introdotte dalla L. 311/2004 risulta di notevole rilevanza, posto che:

3 SOREFISA 3 il novero delle operazioni relativamente alle quali diviene possibile, per l Amministrazione finanziaria, chiedere dati, informazioni e documenti viene esteso a tutte le operazioni intrattenute con la clientela, abbattendo il precedente steccato divisorio tra operazioni di conto corrente (indagabili) e operazioni fuori conto (non indagabili); la richiesta da parte dell Amministrazione finanziaria può ab origine riguardare qualsivoglia dato, informazione o documento relativo alle operazioni oggetto di indagine, senza bisogno di transitare per richieste preliminari di documenti specifici. Quanto precede risulta confermato dalla Circolare 32/E/2006 ( 2.2) dell Agenzia delle Entrate, la quale evidenzia appunto come l ambito applicativo della procedura di indagine nella sua onnicomprensività, si estende ora oltre l angusto limite della nozione di conto, così abbracciando qualsiasi rapporto intrattenuto od operazione effettuata dalle banche, poste o altro operatore finanziario, con la rispettiva clientela. Esclusione dei bollettini postali under euro A seguito delle modifiche introdotte dal co. 14-bis dell art. 2 del DL 203/2005 al co. 6 dell art. 7 del DPR 605/1973, dal novero delle operazioni tracciabili mediante indagini bancarie sono esclusi i versamenti in conto corrente postale effettuati per un importo inferiore alla soglia di euro. Come sottolineato dalla Circolare 32/E/2006 ( 2.3) dell Agenzia delle Entrate, tale esclusione decorre dalle operazioni effettuate dall Richieste alle società fiduciarie Come si è accennato nel precedente 2.1, l ampliamento dei soggetti, nei cui confronti l Agenzia delle Entrate e la Guardia di Finanza possono inoltrare le richieste di dati, informazioni e documenti, ha comportato l inclusione delle società fiduciarie nel novero degli obbligati. Per quanto concerne l ambito oggettivo degli obblighi informativi posti a carico delle società fiduciarie, il penultimo periodo del novellato num. 7) dell art. 32 co. 1 del DPR 600/1973 specifica che a tali società può essere richiesto, tra l altro, di comunicare: le generalità dei soggetti per conto dei quali esse hanno detenuto o amministrato o gestito beni, strumenti finanziari e partecipazioni in imprese, inequivocabilmente individuati; specificando per ciascun rapporto i periodi temporali di interesse. Alla luce del nuovo disposto normativo, Assofiduciaria ha sottolineato che l Amministrazione finanziaria può chiedere alle società fiduciarie (Comunicazione Assofiduciaria del n. 26): dati, documenti e notizie relative a rapporti intrattenuti con i singoli clienti nominativamente indicati dai verificatori medesimi; le generalità dei soggetti per conto dei quali esse detengono, amministrano o gestiscono beni, strumenti finanziari o partecipazioni inequivocabilmente individuati. Il primo tipo di indagine consente ai verificatori di risalire alle operazioni poste in essere dal contribuente sottoposto a controllo (fatto ignoto), partendo appunto dalle generalità del contribuente medesimo (fatto noto). Il secondo tipo di indagine consente invece ai verificatori di risalire all effettivo titolare di beni inequivocabilmente individuati (fatto ignoto), partendo dalla constatazione che i medesimi sono soggetti ad intestazione fiduciaria (fatto noto). Prima delle modifiche introdotte dalla L. 311/2004, era consentita esclusivamente la richiesta nominativa, ossia soltanto il primo dei due tipi di indagine oggi esperibili. Giova inoltre sottolineare che, a seguito delle novità introdotte dalla L. 311/2004, le richieste alle società fiduciarie: non possono più essere inoltrate direttamente e autonomamente dagli uffici e dai reparti operativi che svolgono i controlli, e devono invece soggiacere anch esse alla preventiva autorizzazione degli uffici direttivi a ciò competenti. Decorrenza delle novità 2.3 Con la Circolare n. 10/E, l Agenzia delle Entrate ha chiarito che, trattandosi di norme di natura meramente procedimentale che attengono alle modalità di effettuazione dei controlli, le novità introdotte dalla L. 311/2004 in materia di indagini bancarie risultano applicabili con riferimento a tutti i controlli effettuati a decorrere dall entrata in vigore delle norme ( ), ivi compresi quelli che hanno per oggetto periodi di imposta anteriori a tale data. In altre parole, anche in relazione ai periodi di imposta antecedenti al 2005, risulterebbe possibile per l Amministrazione finanziaria formulare richieste di dati, notizie e documenti: a tutti gli operatori finanziari individuati dalla normativa vigente a decorrere dall , di cui si è detto nel precedente 3.1 (e, dunque, non soltanto a quelli che potevano essere destinatari delle richieste prima delle novità introdotte dalla L. 311/2004);

4 SOREFISA 4 in relazione a tutte le operazioni individuate dalla normativa vigente a decorrere dall , di cui si è detto nel precedente 3.2 (e, dunque, non soltanto in relazione alle c.d. operazioni di conto corrente, ma anche a quelle c.d. fuori conto ); ASPETTI PROCEDURALI PER L ACQUISIZIONE DEI 3 DATI La richiesta di dati, notizie e informazioni ai soggetti di cui al precedente 3.1, in relazione ai rapporti ed alle operazioni di cui al precedente 3.2, può essere formulata dagli uffici ispettivi dell Amministrazione finanziaria: previa autorizzazione; esclusivamente per via telematica, per il tramite del canale trasmissivo costituito dalla c.d. posta elettronica certificata (in acronimo PEC ), in quanto idoneo a produrre gli stessi effetti giuridici che attualmente sono tipici delle notifiche a mezzo raccomandata (Circolare 32/E/2006, 3.2, dell Agenzia delle entrate). Le Poste, le banche e gli altri intermediari finanziari devono dare seguito alla richiesta entro il termine previsto dal co. 2 dell art. 32 del DPR 600/1973. Autorizzazione all indagine bancaria 3.1 I soggetti cui compete rilasciare l autorizzazione, necessaria perché gli uffici operativi possano in concreto attivare la procedura di indagine bancaria, sono: il direttore centrale dell accertamento e/o il direttore regionale, nel caso in cui la richiesta di autorizzazione provenga da uffici operativi dell Agenzia delle Entrate; il comandante regionale, nel caso in cui la richiesta di autorizzazione provenga da reparti operativi della Guardia di Finanza. Il rilascio dell autorizzazione da parte dell organo a ciò preposto costituisce un atto discrezionale (Circolare 32/E/2006, 4.2, dell Agenzia delle Entrate). Come si è accennato nel precedente 2,, le richieste di procedere ad accertamenti di tipo bancario, da parte degli uffici operativi dell Agenzia delle Entrate e dei reparti operativi della Guardia di Finanza, per essere autorizzate, è opportuno che siano: ampiamente motivate e sorrette da validi elementi indiziari; supportate da motivazioni ancora più stringenti, nel caso in cui l autorizzazione all indagine bancaria riguardi non già direttamente il contribuente sottoposto a verifica, bensì soggetti terzi ricollegabili al contribuente. La Circolare 32/E/2006 ( 4.2) ha precisato che l autorizzazione, quale atto preparatorio allo svolgimento della fase endoprocedimentale dell istruttoria, non assume rilevanza esterna, autonoma ai fini della sua impugnabilità, in quanto non immediatamente né certamente lesiva sotto il profilo tributario della posizione giuridica del contribuente interessato che non ha ancora subito o potrebbe addirittura non subire alcun atto impositivo. Quanto precede risulterebbe avallato dalla giurisprudenza del Consiglio di Stato (Sezione IV, decisione n. 264 del ), secondo la quale gli atti relativi alle indagini possono essere eventualmente sindacati nella successiva fase contenziosa una volta che l atto finale di esercizio della pretesa tributaria sia contestato davanti alle commissioni tributarie competenti. Presentazione della richiesta 3.2 Ai sensi del comma 3 dell art. 32 del DPR 600/1973, le richieste di dati, notizie e informazioni ai soggetti di cui al precedente 3.1, in relazione ai rapporti ed alle operazioni di cui al precedente 3.2, deve essere effettuata esclusivamente in via telematica. Sempre per via telematica devono avere luogo le relative risposte dei soggetti cui le richieste sono state indirizzate, ivi comprese quelle negative. La telematizzazione della procedura costituisce una delle rilevanti novità introdotte dalla L. 311/2004. Destinatario della richiesta 3.3 L ultimo periodo del numero 7) dell art. 32 co. 1 del DPR 600/1973, stabilisce che la richiesta di dati, notizie e documenti deve essere indirizzata al responsabile della struttura accentrata dell operatore finanziario, oppure al responsabile della sede o dell ufficio destinatario.

5 SOREFISA 5 L introduzione della figura del responsabile della struttura accentrata è frutto dell osservazione delle consuete modalità di gestione dei flussi informativi all interno dei c.d. gruppi bancari e all interno degli istituti di credito e degli operatori finanziari in genere, quando si verificano operazioni di concentrazione o quanto meno di federazione di più istituti (con conseguente accentramento dei servizi informativi in un unica struttura). Immediata notizia al contribuente 3.4 L ultimo periodo del numero 7) dell art. 32 co. 1 del DPR 600/1973, stabilisce che il responsabile di struttura o di sede dell operatore finanziario cui viene indirizzata la richiesta deve darne notizia immediata al contribuente. È stato evidenziato come l obbligo degli intermediari finanziari di informare il contribuente dell inizio degli accertamenti è un atto che la legge avrebbe previsto solo per consentire al contribuente di approntare le difese più appropriate e non anche per esperire misure di tutela giurisdizionale. Ciò in coerenza con quanto osservato dalla Circolare 32/E/2006 ( 4.2) in ordine al fatto che l autorizzazione all esercizio delle indagini bancarie e finanziarie non costituisce un atto autonomamente impugnabile dal contribuente. Giova peraltro sottolineare che, secondo l interpretazione resa dall Agenzia delle entrate, l eventuale inadempimento dell obbligo informativo da parte dell intermediario finanziario, nei confronti del proprio cliente soggetto ad indagine, non implica alcun vizio di legittimità del procedimento accertativo. Tempistica per la risposta alle 3.5 richieste Ai sensi del comma 2 dell art. 32 del DPR 600/1973, il termine entro cui gli intermediari finanziari devono dare seguito alla richiesta degli uffici operativi dell Amministrazione finanziaria è fissato in: 30 giorni (prima delle modifiche introdotte dalla L. 311/2004 erano 60); prorogabile di ulteriori 20 (prima delle modifiche introdotte dalla L. 311/2004 erano 30) La proroga può essere richiesta con apposita istanza dall operatore finanziario e viene autorizzata, purché sussistano giustificati motivi, dagli stessi uffici direttivi dell Agenzia delle Entrate o della Guardia di Finanza che hanno la competenza al rilascio dell autorizzazione necessaria per la formulazione della richiesta di dati, notizie e documenti. EFFETTI AI FINI DELL ACCERTAMENTO 4 Sul piano sostanziale, le indagini bancarie consentono all Amministrazione finanziaria l acquisizione di elementi idonei a supportare processi di rideterminazione della base imponibile sia di tipo analitico che di tipo induttivo. In particolare, i dati e gli elementi rinvenuti in sede di accertamento bancario possono essere utilizzati ai fini della rettifica della base imponibile dichiarata dal contribuente se il contribuente non dimostra che ne ha tenuto conto per la determinazione della base imponibile (reddito o IVA) o che non hanno rilevanza allo stesso fine. In altre parole, relativamente alla generalità degli elementi acquisiti dall Amministrazione finanziaria in sede di accertamento bancario, si determina una inversione dell onere della prova, per effetto della quale: è il contribuente a dover dimostrare che gli elementi acquisiti non rilevano ai fini dell accertamento (in quanto già considerati dal contribuente in sede di dichiarazione o in quanto non rilevanti ai fini della determinazione della base imponibile), anziché essere l Amministrazione finanziaria a dover dimostrare il collegamento degli elementi acquisiti con la base imponibile non dichiarata dal contribuente. Presunzioni sui prelevamenti 4.1 Fermo restando quanto precede in ordine alla generale inversione dell onere della prova che concerne gli elementi acquisiti dall Amministrazione finanziaria in sede di accertamento bancario, l aspetto più dirompente delle indagini bancarie e finanziarie, nell ottica dei contribuenti, è comunque rappresentato dalla presunzione relativa introdotta rispettivamente: dal numero 2) dell art. 32 co. 1 del DPR 600/1973, per quanto concerne l ambito delle imposte sul reddito; dal numero 2) dell art. 51 co. 1 del DPR 633/1972, per quanto concerne l ambito IVA. Per effetto delle richiamate disposizioni, ai fini dell accertamento dei redditi e IVA, possono essere considerati alla stregua di ricavi o compensi non dichiarati tutti i prelevamenti e gli importi riscossi, nell ambito dei rapporti e delle operazioni di cui al precedente 3.2: che non risultano dalle scritture contabili del contribuente, e dei quali il contribuente non sia in grado di indicare il beneficiario.

6 SOREFISA 6 La legittimità costituzionale della presunzione in oggetto (oltre modo penalizzante per i contribuenti) è stata recentemente ribadita dalla Corte costituzionale, con la sentenza n. 225, ai sensi della quale il fatto che i prelevamenti e i versamenti di conto corrente, non contabilizzati e non diversamente giustificati dal contribuente, possono essere assunti presuntivamente dagli Uffici finanziari alla stregua di componenti positivi di reddito, non lederebbe il principio di capacità contributiva, sancito dall art. 53 della Costituzione. Questione dei lavoratori autonomi 4.2 L applicazione della presunzione di cui al precedente 5.1 ai lavoratori autonomi (oltre che alle imprese) è attestata dal fatto che la norma fa espresso riferimento ai ricavi o compensi. Prima delle modifiche introdotte dalla L. 311/2004, i numeri 2) dell art. 32 del DPR 600/1973 e dell art. 51 del DPR 633/1972 facevano espressa menzione dei soli ricavi, circostanza che induceva ad escludere l applicabilità della presunzione anche ai lavoratori autonomi, in quanto titolari di compensi e non di ricavi. L introduzione dell inciso compensi, da parte della L. 311/2004, rimuove ogni margine di dubbio in ordine all applicabilità della presunzione ai lavoratori autonomi, ma al tempo stesso apre alcuni profili di criticità in ordine alla decorrenza dell operatività di detta presunzione nei loro confronti. Peraltro, le concrete modalità di applicazione della presunzione da parte degli uffici, con riferimento ad artisti e professionisti, devono tenere conto anche delle novità introdotte dal DL 223/2006, convertito con modificazioni nella L. 248/2006 con riferimento agli obblighi bancari di questi ultimi, nonché dei relativi chiarimenti recati dalla Circolare 28/E/2006 dell Agenzia delle entrate. C.D. CONTRADDITORIO PREVENTIVO 5 Ai sensi del numero 2) del co. 1 dell art. 32 del DPR 600/1973 (per quanto riguarda il comparto delle imposte sul reddito) e del numero 2) del co. 2 dell art. 51 del DPR 633/1972 (per quanto concerne il comparto IVA), gli uffici e i reparti operativi dell Amministrazione finanziaria possono richiedere al contribuente di comparire di persona o per mezzo di rappresentanti per fornire dati e notizie rilevanti ai fini dell accertamento nei loro confronti, anche relativamente ai rapporti e alle operazioni i cui dati, notizie e documenti siano stati acquisiti ai sensi del numero 7) dei predetti articoli, ossia nell ambito di indagini bancarie e finanziarie. Natura meramente facoltativa 5.1 La Circolare 32/E/2006 ( 4.4) dell Agenzia delle Entrate si premura in primo luogo di ricordare che, come già statuito da una costante giurisprudenza della Corte di cassazione, nella vigenza della disciplina ante L. 311/2004, il c.d. contradditorio preventivo con il contribuente, sui rapporti e sulle operazioni comunque acquisibili mediante le apposite indagini bancarie e finanziarie, costituisce una fase della procedura di accertamento meramente facoltativa e dunque non obbligatoria ai fini della legittimità della medesima, pertanto il mancato invito dell ufficio medesimo non inficia la legittimità della rettifica, né la mancata instaurazione del contradditorio non degrada la prevista presunzione legale a presunzione semplice, fermo restando quindi l onere probatorio in capo al contribuente. Ciò detto, la Circolare 32/E/2006 ( 4.4) dell Agenzia delle Entrate non manca comunque di sottolineare come il preventivo contradditorio con il contribuente sia comunque da considerare come un passaggio opportuno per provocare la partecipazione del contribuente, finalizzata a consentire un esercizio anticipato del suo diritto di difesa, potendo lo stesso fornire già in sede precontenziosa la prova contraria e rispondente a esigenze di economia processuale, al fine di evitare l emissione di avvisi di accertamento che potrebbero risultare immediatamente infondati alla luce delle prove di cui il contribuente potesse disporre. Contenuto dell invito a comparire 5.2 Nel caso in cui l ufficio procedente decida di avvalersi della facoltà di contradditorio con il contribuente, preventivo rispetto all attivazione delle indagini bancarie vere e proprie, esso è tenuto ad indirizzare al contribuente un invito a comparire dal quale devono emergere le seguenti indicazioni (Circolare 32/E/2006, 4.4, dell Agenzia delle Entrate): presupposti legislativi legittimanti l esercizio del potere; data e luogo in cui il contribuente viene invitato a comparire, con facoltà per esso di avvalersi di un rappresentante munito di apposita procura, ai sensi dell art. 63 del DPR 600/1973 (il termine di comparizione non può comunque essere fissato in data anteriore al quindicesimo giorno decorrente dalla data di notifica dell invito);

7 SOREFISA 7 motivo dell invito con specificazione, anche sommaria, degli elementi informativi che formeranno oggetto di contestazione; effetti scaturenti dalla mancata o incompleta adesione all invito a comparire in relazione alla previsione di cui al co. 4 dell art. 32 del DPR 600/1973, fermi restando quelli derivanti dalla particolare efficacia probatoria di cui al numero 2) dello stesso articolo, attesa la consequenziale rinuncia, da parte del contribuente stesso, alla possibilità di fornire la prova contraria già in fase di controllo istruttorio (sul punto, si veda il successivo 6.3). Mancata o incompleta adesione 5.3 Nel caso in cui il contribuente, ricevuto l invito a comparire di cui al precedente 6.2, non aderisca, oppure dichiari di non essere in grado di rispondere (tipicamente, in quanto non in grado di ricordare), o ancora decida di avvalersi della facoltà di non rispondere, da tali scelte comportamentali del contribuente può discendere l applicazione del disposto del co. 4 dell art. 32 del DPR 600/1973, introdotto dall art. 25 della L. 28/1999, ai sensi del quale le notizie ed i dati non adotti e gli atti, i documenti, i libri ed i registri non esibiti o non trasmessi in risposta agli inviti dell ufficio non possono essere presi in considerazione a favore del contribuente, ai fini dell accertamento in sede amministrativa e contenziosa. Si ricorda peraltro che, ai sensi del successivo co. 5 dell art. 32 del DPR 600/1973, i limiti all utilizzazione in sede contenziosa di prove a favore del contribuente, in quanto da esso non prodotte a fronte dello specifico invito degli uffici, non trovano applicazione quando le prove in questione vengano fornite accompagnando le medesime con una dichiarazione nella quale il contribuente afferma di non aver potuto adempiere alle richieste preventive degli uffici per causa a lui non imputabile (la cui effettiva sussistenza, ovviamente, risulta subordinata all apprezzamento dell organo giudicante). Verbalizzazione del contradditorio 5.4 Come ricordato dalla Circolare 32/E/2006 ( 4.4) dell Agenzia delle Entrate: le richieste fatte e le risposte ricevute devono essere riportate in un apposito processo verbale, recante la sottoscrizione del contribuente o del suo rappresentante, oppure l indicazione del motivo della mancata sottoscrizione di questi; copia di tale documento deve comunque essere rilasciata alla parte.

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014

CIRCOLARE N. 14/E. Roma, 4 giugno 2014 CIRCOLARE N. 14/E Roma, 4 giugno 2014 OGGETTO: Le perdite e svalutazioni su crediti La nuova disciplina ai fini IRES e IRAP introdotta dall articolo 1, commi 158-161, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO.

DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. 5 del consiglio di Amministrazione 242 Allegato A DEFINIZIONE DELLE COMPETENZE E DELLE MODALITA PER ACCERTAMENTO DELLA RESPONSABILITA DISCIPLINARE IN CAPO AI DIPENDENTI DELL ERSU DI CAMERINO. Art. 1 Oggetto

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

Ai Signori Segretari Regionali

Ai Signori Segretari Regionali Venezia, 14 GEN. 1993, prot. n. 313/SGP Oggetto: L. 7 agosto 1990, n. 241 Ai Signori Segretari Regionali Ai Signori Assistenti Alla Segreteria Generale Ai Signori Assistenti Alla Segreteria per il Territorio

Dettagli

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO

LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO CORSO BASE SULLE PROCEDURE GIUDIZIARIE DELL AUTUNNO 2006 LA CTU E LA CTP VISTE DALL AVVOCATO AVV. ALESSANDRO CAINELLI INDICE PREMESSA p. 3 I. LA NULLITÀ DELLA RELAZIONE p. 4 1. Cause di nullità formale

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Informativa per il professionista

Informativa per il professionista Informativa per il professionista Informativa n. 17 del 20 dicembre 2011 Termini di decadenza dal potere di accertamento e di riscossione degli atti impositivi INDICE 1 Premessa... 3 2 Avvisi di accertamento

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo 1. come rimediare a errori e dimenticanze: il ravvedimento Il ravvedimento per imposte dirette e Iva Modalità di pagamento Presentazione della dichiarazione

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

Il valore normale degli immobili come criterio per l accertamento dei tributi

Il valore normale degli immobili come criterio per l accertamento dei tributi Il valore normale degli immobili come criterio per l accertamento dei tributi dott. Christian Attardi Agenzia delle Entrate Ufficio di Modena Parte 1 Il valore normale come criterio d accertamento nelle

Dettagli

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI

Capitolo 10. LE SOSPENSIONI DEI LAVORI LE SOSPENSIONI DEI LAVORI 10.1- Profili generali della sospensione dei lavori. 10.2- Le sospensioni legittime dipendenti da forza maggiore. Casi in cui si tramutano in illegittime. 10.3- Le sospensioni

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

Compensazione dei crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione con debiti tributari definiti in fase contenziosa o precontenziosa

Compensazione dei crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione con debiti tributari definiti in fase contenziosa o precontenziosa CMS_LawTax_CMYK_28-100.eps Newsletter Compensazione dei crediti nei confronti della Pubblica Amministrazione con debiti tributari definiti in fase contenziosa o precontenziosa 3 aprile 2014 INDICE Premessa

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*)

ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) ORDINANZA DELLA CORTE (Ottava Sezione) 12 dicembre 2013 (*) «Rinvio pregiudiziale Articolo 99 del regolamento di procedura della Corte Politica sociale Direttiva 1999/70/CE Clausola 5 dell accordo quadro

Dettagli

La giurisprudenza sul raddoppio dei termini. di accertamento. di STEFANO LOCONTE E LUCIANNA GARGANO

La giurisprudenza sul raddoppio dei termini. di accertamento. di STEFANO LOCONTE E LUCIANNA GARGANO La giurisprudenza sul raddoppio dei termini di accertamento di STEFANO LOCONTE E LUCIANNA GARGANO Il legislatore ha previsto, con l integrazione operata dal dl n. 223 del 2006 alle norme di cui agli artt.

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

L ACCERTAMENTO SINTETICO. di Gianfranco Ferranti

L ACCERTAMENTO SINTETICO. di Gianfranco Ferranti L ACCERTAMENTO SINTETICO di Gianfranco Ferranti 1. PREMESSA L art. 38, commi quarto e seguenti, del DPR n. 600 del 1973 consente di rettificare le dichiarazioni presentate dai contribuenti persone fisiche

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

Servizio Fatt-PA PASSIVA

Servizio Fatt-PA PASSIVA Sei una Pubblica Amministrazione e sei obbligata a gestire la ricezione delle fatture elettroniche PA? Attivate il servizio di ricezione al resto ci pensiamo noi Servizio Fatt-PA PASSIVA di Namirial S.p.A.

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre

OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Informativa per la clientela di studio N. 131 del 05.09.2012 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Sospensione feriale: si riparte il 17 settembre Gentile Cliente, con la stesura del presente documento

Dettagli

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 69/E. Quesito RISOLUZIONE N. 69/E Roma, 16 ottobre 2013 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Consulenza giuridica Art. 2, comma 5, d.l. 25 giugno 2008, n. 112 IVA - Aliquota agevolata - Opere di urbanizzazione primaria

Dettagli

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012)

LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) LE NUOVE REGOLE DI FATTURAZIONE DAL 01 GENNAIO 2013 (Art. 1, commi da 324 a 335 ** Legge di Stabilità 2013 n. 228 del 24.12.2012) Condividere la conoscenza è un modo per raggiungere l immortalità (Tensin

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER LE POLITICHE DI INTERNAZIONALIZZAZIONE E LA PROMOZIONE DEGLI SCAMBI IL DIRETTORE GENERALE Visto l articolo 30 del Decreto Legge 12 settembre 2014,

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento Dispone: Prot. n. 2013/87896 Imposta sulle transazioni finanziarie di cui all articolo 1, comma 491, 492 e 495 della legge 24 dicembre 2012, n. 228. Definizione degli adempimenti dichiarativi, delle modalità di

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015)

PER AZIENDE AVENTI ALLE PROPRIE DIPENDENZE SOLO IMPIEGATI (VERSIONE AGGIORNATA AL 23 GENNAIO 2015) Procedura relativa alla gestione delle adesioni contrattuali e delle contribuzioni contrattuali a Prevedi ex art. 97 del CCNL edili-industria del 1 luglio 2014 e ex art. 92 del CCNL edili-artigianato del

Dettagli

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo?

8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? 252 Parte Sesta 8. È ammesso l intervento di altri creditori nel processo esecutivo? Riferimenti normativi: artt. 499-500 e segg. c.p.c. Definizione: identificare le categorie di creditori legittimati

Dettagli

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013

FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 FAQs pubblicate sul portale OAM il 20 maggio 2013 RECUPERO CREDITI L agente in attività finanziaria può svolgere l attività di ristrutturazione e recupero dei crediti? Si. L art. 128-quaterdecies del TUB

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli