Verifiche Fiscali: che fare e come difendersi Parte I. Torino, 9 ottobre Prof. Avv. Benedetto Santacroce Dott. Diego Avolio LL.M.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Verifiche Fiscali: che fare e come difendersi Parte I. Torino, 9 ottobre 2012. Prof. Avv. Benedetto Santacroce Dott. Diego Avolio LL.M."

Transcript

1 Verifiche Fiscali: che fare e come difendersi Parte I Torino, 9 ottobre 2012 Relatore: Prof. Avv. Benedetto Santacroce Dott. Diego Avolio LL.M. 1

2 LOTTA ALL EVASIONE artt. 11 e 12 D.L. 201/2011 STRATEGIA FAVORIRE L EMERSIONE di BASE IMPONIBILE INCREMENTO DEL PATRIMONIO INFORMATIVO A DISPOSIZIONE A.F. INDAGINI FINANZIARIE: COMUNICAZIONE MOVIMENTAZIONI DEI RAPPORTI RIDUZIONE LIMITE UTILIZZO CONTANTE A EURO COORDINAMENTO CONTROLLI ED ACCESSI ANAGRAFE DEI RAPPORTI PREVISIONE SANZIONI PENALI IN CASO DI ATTI O DOCUMENTI FALSI COMUNICATI/TRASMESSI AL FISCO 2

3 INDAGINI FINANZIARIE E ANAGRAFE TRIBUTARIA 3

4 INDAGINI FINANZIARIE: ANAGRAFE DEI RAPPORTI MAGGIORE INCISIVITA DEL PARTICOLARE STRUMENTO ISTRUTTORIO art. 11, co. da 2 a 5 D.L. 201/2011 DAL INTERMEDIARI FINANZIARI COMUNICANO PERIODICAMENTE ALL ANAGRAFE TRIBUTARIA INFORMAZIONI RELATIVE AI RAPPORTI INTRATTENUTI CON I CLIENTI IMPORTO delle RELATIVE OPERAZIONI FINANZIARIE SINO AL : in evidenza solo i dati identificativi, compreso il codice fiscale, di ogni soggetto che intratteneva qualsiasi rapporto di natura finanziaria. 4

5 INDAGINI FINANZIARIE: ANAGRAFE DEI RAPPORTI art. 11, co. da 2 a 5 D.L. 201/2011 INTERMEDIARI FINANZIARI OGGETTO DELLA COMUNICAZIONE DAL MOVIMENTAZIONI che hanno interessato i rapporti di natura finanziaria effettuati dai contribuenti per conto proprio ovvero per conto o per nome di terzi OGNI INFORMAZIONE relativa ai predetti rapporti necessari ai fini dei controlli fiscali IMPORTO delle operazioni finanziarie informazioni Anagrafe Tributaria ex art. 7, co. 6 D.P.R. 605/73: banche, società Poste italiane Spa, intermediari finanziari, imprese di investimento, organismi di investimento collettivo del risparmio, società di gestione del risparmio, nonché ogni altro operatore finanziario sono tenuti a rilevare e a tenere in evidenza i dati identificativi, compreso il codice fiscale, di ogni soggetto che intrattenga con loro qualsiasi rapporto o effettui, per conto proprio ovvero per conto o a nome di terzi, qualsiasi operazione di natura finanziaria ad esclusione di quelle effettuate tramite bollettino di conto corrente postale per un importo unitario inferiore a euro; l'esistenza dei rapporti e l'esistenza di qualsiasi operazione di cui al precedente periodo, compiuta al di fuori di un rapporto continuativo, nonché la natura degli stessi sono comunicate all'anagrafe tributaria ed archiviate in apposita sezione, con l'indicazione dei dati anagrafici dei titolari e dei soggetti che intrattengono con gli operatori finanziari qualsiasi rapporto o effettuano operazioni al di fuori di un rapporto continuativo per conto proprio ovvero per conto o a nome di terzi, compreso il codice fiscale. 5

6 INDAGINI FINANZIARIE: ANAGRAFE DEI RAPPORTI art. 11, co. 3 D.L. 201/2011 MODALITA DELLA COMUNICAZIONE con Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle entrate adottato PREVIA CONSULTAZIONE di: - OPERATORI FINANZIARI e - GARANTE PRIVACY possibile ESTENSIONE anche ad ulteriori informazioni relative ai rapporti necessarie ai fini dei controlli fiscali MISURE DI SICUREZZA, di natura tecnica ed organizzativa, PER LA TRASMISSIONE DEI DATI E PER LA RELATIVA CONSERVAZIONE, che non può superare i termini massimi di decadenza previsti in materia di accertamento II.DD. (4 anni) 6

7 INDAGINI FINANZIARIE: ANAGRAFE DEI RAPPORTI art. 11, co. 3 D.L. 201/2011 RATIO AdE PUO UTILIZZARE INFORMAZIONI per le FINALITÀ INDIVIDUATE ex art. 7, co. 11, D.P.R. n. 605/1973 ELABORAZIONE con procedure centralizzate, di specifiche LISTE SELETTIVE di CONTRIBUENTI A MAGGIOR RISCHIO di EVASIONE RISCOSSIONE MEDIANTE RUOLO rilevazioni, evidenziazioni e comunicazioni obbligatorie da parte degli operatori finanziari utilizzate dall Amministrazione finanziaria per effettuare le cd. INDAGINI FINANZIARIE, ovvero per richiedere informazioni ad enti creditizi e finanziari e così acquisire elementi utili a ricostruire l effettiva disponibilità reddituale o, per l IVA, l effettivo volume di operazioni imponibili e di acquisti. Le informazioni comunicate sono altresì utilizzabili per le attività connesse alla riscossione mediante ruolo, nonché per l'espletamento di attività relative al procedimento penale. 7

8 INDAGINI FINANZIARIE: ANAGRAFE DEI RAPPORTI LISTE SELETTIVE di CONTRIBUENTI A MAGGIOR RISCHIO di EVASIONE FORMAZIONE art. 11, co. 4 D.L. 201/2011 ELABORAZIONI DIRETTE dall archivio dei rapporti finanziari INDIVIDUAZIONE di ANOMALIE FINANZIARIE INCROCI CON DATI PATRIMONIALI E FISCALI DEL CONTRIBUENTE ATTIVAZIONE MIRATA DI CONTROLLI E VERIFICHE 8

9 FALSE INFORMAZIONI AL FISCO 9

10 FALSE INFORMAZIONI AL FISCO art. 11, co. 1, D.L. 201/2011 NUOVE CONDOTTE PUNITE PENALMENTE ESIBIRE O TRASMETTERE ATTI O DOCUMENTI FALSI COMUNICARE DATI O NOTIZIE NON RISPONDENTI AL VERO REATO SI CONFIGURA a prescindere dalle conseguenze della condotta del contribuente che ha trasmesso o esibito REATO SCATTA SOLO SE, SUCCESSIVAMENTE ALLE RICHIESTE, SI CONFIGURA UNO DEI REATI EX DLGS 74/00 10

11 FALSE INFORMAZIONI AL FISCO CONTRIBUENTI AMBITO SOGGETTIVO Chiunque PROFESSIONISTI INTERMEDIARI FINANZIARI AMBITO OGGETTIVO ESIBIRE, TRASMETTERE O COMUNICARE A SEGUITO DELLE RICHIESTE EFFETTUATE NELL ESERCIZIO DEI POTERI ISTRUTTORI IN MATERIA DI ACCERTAMENTO artt. 32 e 33 D.P.R. 600/73 artt. 51 e 53 D.P.R. 633/72 11

12 SOGGETTI INTERMEDIARI FINANZIARI PERSONE FISICHE O GIURIDICHE SE NON E IN CORSO UN CONTROLLO PERSONE FISICHE O GIURIDICHE SE E IN CORSO UN CONTROLLO INFORMAZIONI/DATI Richiesta dati notizie e documenti su qualsiasi rapporto intrattenuto ed operazione effettuata dai contribuenti Richiesta alle società fiduciarie delle generalità dei soggetti per conto dei quali hanno detenuto o amministrato o gestito beni, strumenti finanziari e partecipazioni Risposte a questionari su dati e notizie rilevanti per accertamento nei confronti di altri contribuenti con cui hanno intrattenuto rapporti Richiesta dati e documenti relativi ad attività rilevanti per accertamento nei confronti di clienti, fornitori, prestatori lavoro autonomo Richiesta di esibizione o trasmissione di atti o documenti su specifici rapporti intrattenuti (questionari esplorativi) Richieste in caso di verifiche fiscali mediante accesso Richiesta a comparire di persona per fornire dati e notizie Indicazioni sui prelevamenti e versamenti nel corso indagini finanziarie Richiesta esibizione o trasmissione di atti e documenti Invio di questionari (anche ai fini redditometro Richiesta dichiarazione sui rapporti intrattenuti con intermediari finanziari 12

13 RIFORMA DEGLI ACCESSI 13

14 CONTROLLI E ACCESSI art. 11 co. 7 D.L. 201/2011 MODIFICATO art. 7, D.L. 70/2011 (decreto sviluppo) REGOLE ELIMINATE NUOVE REGOLE CONFERME CONTROLLI UNIFICATI ora controlli programmati e coordinati DIVIETO DI REITERAZIONE DEGLI ACCESSI IN UN SEMESTRE OBBLIGO DI DURATA NON > 15 GG. RESPONSABILITA DISCIPLINARE dei dipendenti che violano regole di accesso CONTROLLI ED ACCESSI PROGRAMMATI E COORDINATI (per evitare sovrapposizioni e duplicazioni) GDF, per quanto possibile, opera in borghese OBBLIGO, per ufficio che esegue controllo, di INFORMARE PREVENTIVAMENTE le altre amministrazioni circa inizio verifiche e FORNENDO AL TERMINE EVENTUALI ELEMENTI ACQUISITI UTILI per controlli di competenza DURATA MAX 15 GG. delle verifiche c/o piccoli contribuenti 14

15 RIVALSA IVA ACCERTATA 15

16 RIVALSA DELL IVA ACCERTATA DL 1/2012 Modifica art. 60 c. 7 DPR 633/72 Diritto del cedente/prestatore di rivalsare l Iva (o la maggiore Iva) scaturita a seguito di avvisi di accertamento o rettifica RIMOSSO IL DIVIETO DI RIVALSA DELL IVA ACCERTATA 16

17 RIVALSA DELL IVA ACCERTATA DL 1/2012 Modifica art. 60 c. 7 DPR 633/72 Diritto del cessionario/committente di detrarre l Iva subita in rivalsa STABILITO UN TERMINE AD HOC PER LA DETRAZIONE 17

18 RIVALSA DELL IVA ACCERTATA Condizioni per la rivalsa pagamento di: imposta sanzioni interessi LA FATTURA PUÒ ESSERE EMESSA SOLO A SEGUITO DEL (COMPLETO) PAGAMENTO 18

19 RIVALSA DELL IVA ACCERTATA Condizioni per la rivalsa l accertamento deve essere definitivo? IN CASO DI ACCERTAMENTO NON DEFINITIVO POTREBBE CREARSI IL PROBLEMA DELLA RETTIFICA SE L IVA ACCERTATA NON DOVESSE ESSERE PIÙ DOVUTA (P.ES. VITTORIA IN CONTENZIOSO) 19

20 RIVALSA DELL IVA ACCERTATA Condizioni per la detrazione pagamento dell imposta addebitata in rivalsa al cedente/prestatore (accertato) La detrazione va esercitata AL PIÙ TARDI CON LA DICHIARAZIONE DEL SECONDO ANNO SUCCESSIVO a quello in cui il cessionario/committente ha corrisposto l imposta e alle condizioni esistenti al tempo della originaria operazione 20

21 RIVALSA DELL IVA ACCERTATA Modifica art. 60 c. 7 DPR 633/72 effetto deflattivo sul contenzioso RIVALSA + ABBATTIMENTO SANZIONI MENO CONVENIENZA AL CONTENZIOSO 21

22 ACCERTAMENTO 22

23 ACCERTAMENTO TRIBUTARIO INSIEME DELLE ATTIVITA POSTE IN ESSERE DA AMMINISTRAZIONE FINANZIARIA FINALIZZATE A RICOSTRUIRE IL REDDITO DEL CONTRIBUENTE manifestazione di capacità contributiva che soggetti passivi di imposta avrebbero dovuto evidenziare in dichiarazione 23

24 ACCERTAMENTO TRIBUTARIO: FINALITA RECUPERO TRIBUTI EVASI IRROGAZIONE SANZIONI (in caso di violazione degli obblighi fiscali) DLgs 471, 472 e 473/1997 occorre contemperare ragioni dell accertamento con garanzie costituzionali del contribuente tassativa previsione dei criteri e metodi di accertamento 24

25 NORMATIVA DI RIFERIMENTO MODALITA DPR 600/1973 Titolo IV ACCERTAMENTO IMPOSTE DIRETTE DPR 633/1972 Titolo IV ACCERTAMENTO IVA COSTITUZIONE art. 14 Inviolabilità del domicilio TUTELE COSTITUZIONE art. 15 Riservatezza della corrispondenza L. 212/2000 art. 12 STATUTO DEI DIRITTI DEL CONTRIBUENTE diritti e garanzie del contribuente sottoposto a verifica fiscale 25

26 ATTIVITA DI ACCERTAMENTO complesso di atti volti a determinare IMPONIBILE IMPOSTA INTERESSA TUTTE LE IMPOSTE (ii.dd., indirette, erariali, locali) Analisi ACCERTAMENTO II.DD. (artt DPR 600/73) frequenti richiami accertamento IVA (DPR 633/72) 26

27 ACCERTAMENTI: CLASSIFICAZIONE a) OGGETTO b) CRITERIO SOGGETTIVO DI INNESCO c) NATURA DEL CONTROLLO d) METODO DEL PROCEDIMENTO 27

28 a) OGGETTO CONTROLLI GENERALI CONTROLLI PARZIALI si riferiscono alla complessiva posizione del contribuente verificato, in riferimento ai principali tributi riguardano solo una parte o un aspetto dell attività del contribuente verificato (ad es. singoli aspetti gestionali) da foglio o ordine di servizio, con cui viene effettuato l accesso, possibile rilevare: portata del controllo (generale o parziale) presumibile durata documentazione da consegnare ai verificatori 28

29 b) CRITERIO SOGGETTIVO DI INNESCO CONTROLLI CENTRALIZZATI CONTROLLI A INIZIATIVA PERIFERICA realizzati sulla base di liste o criteri individuati da Ministero Economia e Finanze realizzati da Uffici e unità periferiche sulla base degli elementi di cui dispongono e da cui emerge pericolosità fiscale del contribuente annualmente individuate linee guida accertamento con apposita circolare si pensi a soggetti sconosciuti (evasori totali) o quasi sconosciuti (paratotali) all amministrazione centrale che altrimenti non sarebbero mai accertati ad es. input di altre amministrazioni art. 36 DPR 600/73 comunicazione di violazioni tributarie 29

30 c) NATURA DEL CONTROLLO CONTROLLI FORMALI CONTROLLI SOSTANZIALI effettuati in base alle dichiarazioni presentate dai contribuenti effettuati sulla base dell attività istruttoria svolta da Ufficio procedente esame di atti e documenti per verificare il rispetto di regole formali esame di atti e documenti per controllo della veridicità di quanto indicato nelle scritture contabili o nelle dichiarazioni liquidazione in base a dichiarazione; controllo formale della dichiarazione; controllo delle dichiarazioni accertamento analitico o contabile; accertamento induttivo o extra-contabile; accertamento analitico-presuntivo; accertamento sintetico; accertamento d ufficio 30

31 d) METODO DEL PROCEDIMENTO CONTROLLO DIRETTO CONTROLLO INDIRETTO analisi e rettifiche basati su fatti certi e documentati analisi e rettifiche basate su procedimenti induttivi e deduttivi di carattere presuntivo ricostruzione di operazioni attive (cessioni beni o prestazioni servizi) che non risultano da contabilità ma provate in base a documentazione bancaria che attesta pagamenti si parte da un dato certo per dimostrare un fatto non documentato (esempio tipico parametri o studi di settore) 31

32 Artt DPR 600/73 art. 31 attribuzioni degli Uffici delle imposte art. 31-bis assistenza per lo scambio di informazioni Stati UE art. 32 poteri degli Uffici indagini finanziarie art. 33 accessi, ispezioni e verifiche art. 12 L. 212/2000 art. 36 comunicazione di violazioni tributarie art. 34 art. 35 certificazione delle passività bancarie deroghe al segreto bancario abrogati ex L. 413/91 dal 01/01/92 32

33 ATTRIBUZIONI DEGLI UFFICI DELLE IMPOSTE art. 31 DPR 600/

34 UFFICI DELLE IMPOSTE terminologia non più rispondente all attuale struttura dell Amministrazione finanziaria unificazione degli uffici prevista originariamente da L. 358/1991 riforma completata da D.Lgs. 300/1999 (riforma dell organizzazione del Governo) Ministero Economia e Finanze divenuto organismo di indirizzo politico e di vigilanza funzioni amministrative delegate a 4 Agenzie (Entrate, Territorio, Demanio, Dogane) (art. 61 DLgs 300/99) 34

35 AGENZIE FISCALI AUTONOMIA GESTIONALE E CONTABILE LEGATE A MINISTERO DA UNA CONVENZIONE annuale servizi dovuti e obiettivi da raggiungere direttive generali su criteri di gestione strategie e risorse disponibili 35

36 AGENZIA delle ENTRATE NATURA GIURIDICA ENTE PUBBLICO NON ECONOMICO AMMINISTRAZIONE II.DD. FUNZIONI RISCOSSIONE CONTENZIOSO IVA IMPOSTE LOCALI O ERARIALI STRUTTURA DRE Direzioni Provinciali Uffici locali (Sezioni distaccate) 36

37 AGENZIA delle ENTRATE STRUTTURA Uffici locali (Sezioni distaccate) AREA SERVIZI E RELAZIONI CON IL CONTRIBUENTE AREA CONTROLLO contenzioso, accertamento e riscossione team specializzati: team accertamento, team legali, team riscossione 37

38 ATTRIBUZIONI DEGLI UFFICI UFFICIO COMPETENTE all accertamento può art. 31, co. 1 CONTROLLARE DICHIARAZIONI PRESENTATE RILEVARE EVENTUALE OMISSIONE LIQUIDARE IMPOSTE O MAGGIORI IMPOSTE SUI REDDITI DICHIARATI O ACCERTATI VIGILARE SU OSSERVANZA OBBLIGHI RELATIVI A TENUTA SCRITTURE CONTABILI IRROGARE SANZIONI, eventualmente inoltrando RAPPORTO all autorità giudiziaria in caso di violazioni rilevanti penalmente (DLgs 74/2000) 38

39 ATTRIBUZIONI DEGLI UFFICI UFFICIO COMPETENTE POTERE ESCLUSIVO COOPERAZIONE CON GDF controllo dichiarazioni presentate e rilevazione omissione determinazione reddito imponibile liquidazione imposte o maggiori imposte accertate ricerca di materia imponibile esecuzione di accessi, ispezioni e verifiche constatazione violazioni amministrative e inoltro del rapporto a autorità giudiziaria per violazioni penali irrogazione sanzioni e invio rapporto a autorità giudiziaria per quelle rilevanti penalmente 39

40 UFFICIO COMPETENTE per l accertamento art. 31, co. 2 CRITERIO DI COMPETENZA TERRITORIALE ufficio nella cui circoscrizione si trova DOMICILIO FISCALE del contribuente alla data di presentazione della dichiarazione o in cui avrebbe dovuto essere presentata art. 58 DPR 600/73 domicilio fiscale PF: nel Comune alla cui anagrafe civile sono iscritte domicilio fiscale soggetti diversi da PF: nel Comune dove si trova sede legale o, in mancanza, sede amministrativa o, se manca, sede secondaria o stabile organizzazione o nel Comune in cui attività esercitata prevalentemente 40

41 POTERI DEGLI UFFICI art. 32 DPR 600/

42 POTERI DEGLI UFFICI art. 32 per far fronte ai compiti loro attribuiti POTERI ISTRUTTORI diretti all acquisizione dati e elementi necessari per accertamento diversi canali di acquisizione: ad esempio, richiesta a contribuente di specifiche notizie o ricevendo segnalazioni di fatti fiscalmente rilevanti da altre Amministrazioni (art. 36) o a seguito di accessi, ispezioni e verifiche 42

43 POTERI ISTRUTTORI esercitabili presso l Ufficio esercitabili c/o contribuente INDAGINI IN UFFICIO INDAGINI ESTERNE richiesta di documenti e informazioni al contribuente e a terzi intervento diretto nei luoghi in cui contribuente svolge l attività o risiede art. 32 DPR 600/73 art. 33 DPR 600/73: accessi, ispezioni e verifiche art. 51 DPR 633/72 art. 52 DPR 633/72 art. 36 DPR 600/73: comunicazione di violazioni tributarie a carico di soggetti pubblici incaricati istituzionalmente di svolgere attività ispettive o di vigilanza 43

44 POTERI ISTRUTTORI INDAGINI IN UFFICIO RICHIESTE di informazioni e INVITI a comparire forma scritta, su carta intestata dell Ufficio richiedente sottoscrizione del titolare dell Ufficio o di un suo delegato indicazione dei motivi a base delle richieste 44

45 POTERI ISTRUTTORI art. 32, co. 1 elencazione dei poteri istruttori classificazione per SOGGETTI destinatari delle richieste e inviti contribuenti in genere soggetti sottoposti ad accertamento ispezione e verifica, con riferimento ai rapporti finanziari intrattenuti (indagini finanziarie) soggetti obbligati alla tenuta delle scritture contabili organi e amministrazioni dello Stato notai e altri pubblici ufficiali banche e intermediari finanziari (indagini finanziarie) amministratori di condominio qualsiasi altro soggetto 45

46 CONTRIBUENTI in genere Amministrazione finanziaria, indicandone i motivi, può: invitare i contribuenti a COMPARIRE DI PERSONA o per mezzo di rappresentanti per fornire dati e notizie rilevanti ai fini dell accertamento nei loro confronti art. 32, co. 1 n. 2 richieste e risposte ricevute devono risultare da verbale sottoscritto anche da contribuente diritto per il contribuente di avere copia del verbale informazioni solo relative a soggetto sottoposto ad accertamento: illegittime eventuali richieste di informazioni relative a soggetti terzi 46

47 CONTRIBUENTI in genere Amministrazione finanziaria, indicandone i motivi, può: invitare i contribuenti a ESIBIRE O TRASMETTERE atti e documenti rilevanti ai fini dell accertamento nei loro confronti art. 32, co. 1 n. 3 Ufficio può estrarne copia Ufficio può trattenere i documenti, rilasciandone ricevuta, per periodo NON > 60 gg. NON possono essere trattenute scritture cronologiche in uso 47

48 CONTRIBUENTI in genere Amministrazione finanziaria può: inviare ai contribuenti QUESTIONARI relativi a dati e notizie di carattere specifico rilevanti ai fini dell accertamento, con invito a restituirli compilati e firmati art. 32, co. 1 n. 4 questionario relativo a accertamento II.DD. nei confronti del contribuente cui è inviato art. 51, co. 1, n. 3 DPR 633/72 a fini IVA: con questionario è possibile richiedere anche dati e notizie relativi a clienti e fornitori => controlli incrociati (si raffrontano dati acquisiti da fonti diverse, ricostruendo così la reale situazione economica del contribuente) 48

49 CONTRIBUENTI in genere OMESSA, TARDIVA, NON VERITIERA COMPILAZIONE DEL QUESTIONARIO condotta sanzionata da 256 a 2065 ex art. 11, co. 1, lett. b), D.Lgs. 471/1997 omissione ovvero invio con dati incompleti o non veritieri mancata restituzione ovvero restituzione con risposte non veritiere o incomplete inottemperanza all invito a comparire o a qualsiasi richiesta sanzionate ipotesi diverse da mancata risposta a questionario 49

50 SOGGETTI OBBLIGATI A TENUTA SCRITTURE CONTABILI Amministrazione finanziaria, indicandone i motivi, può: richiedere, ai soggetti obbligati alla tenuta di scritture contabili DATI, NOTIZIE E DOCUMENTI relativi ad attività svolte, in un determinato periodo di imposta, nei confronti di art. 32, co. 1 n. 8 clienti fornitori prestatori lavoro autonomo nominativamente indicati: si effettua così controllo incrociato richieste tramite questionari 50

51 SOGGETTI OBBLIGATI A TENUTA SCRITTURE CONTABILI art. 13, DPR 600/1973 società soggette ad IRES (art. 73, co. 1, lett. a) e d) TUIR) enti commerciali snc, sas e società equiparate (società di armamento e società di fatto ex art. 5, co. 3, lett. a) e b), TUIR) persone fisiche che esercitano imprese commerciali (art. 55 TUIR) persone fisiche che esercitano arti e professioni (art. 53, co. 1, TUIR) società e associazioni tra artisti e professionisti (art. 5, co. 3, lett. c) TUIR) enti non commerciali 51

52 ORGANI E AMMINISTRAZIONI DELLO STATO Amministrazione finanziaria può: richiedere la comunicazione di DATI E NOTIZIE relativi a determinati soggetti, individuati singolarmente o per categorie omogenee di contribuenti ai seguenti enti art. 32, co. 1 n. 5 organi e amministrazioni dello Stato enti pubblici non economici società ed enti che effettuano istituzionalmente riscossioni e pagamenti per conto di terzi, anche in forma societaria società ed enti di assicurazione relativamente ai propri assicurati al ramo vita e limitatamente a durata contratto, ammontare premio e individuazione del soggetto che lo corrisponde 52

53 ORGANI E AMMINISTRAZIONI DELLO STATO RATIO LEGIS consentire a amministrazione finanziaria di reperire, più velocemente, dati e notizie già posseduti da altri soggetti pubblici e privati verbali redatti a seguito controlli effettuati da autorità in materia di lavoro e tutele previdenziali verbali redatti da autorità doganali certificazioni rilasciate dalle Camere di Commercio certificazioni rilasciate da autorità pubbliche: concessioni, licenze autorizzazioni Cass. 7832/2001 utilizzabilità diretta, a fini accertativi, delle conclusioni effettuate da altra autorità pubblica: nel caso di specie, verbale INPS aveva rilevato omissioni contributive previdenziali si evita reiterazione antieconomica dell attività ART. 36 DPR 600/73: NORMA SPECULARE 53

54 NOTAI E ALTRI PUBBLICI UFFICIALI Amministrazione finanziaria può: chiedere il RILASCIO DI COPIE O DI ESTRATTI DEGLI ATTI E DEI DOCUMENTI depositati presso notai, procuratori del registro, conservatori dei registri immobiliari e altri pubblici ufficiali art. 32, co. 1 n. 6 copie ed estratti rilasciati con attestazione di conformità all originale rilascio gratuito di copie e estratti RATIO LEGIS consentire a amministrazione finanziaria di reperire, più velocemente, dati e notizie già posseduti da altri soggetti 54

55 QUALSIASI ALTRO SOGGETTO Amministrazione finanziaria può: invitare, qualsiasi altro soggetto, ad ESIBIRE O TRASMETTERE, anche in copia fotostatica, atti o documenti fiscalmente rilevanti relativi a specifici rapporti intrattenuti con il contribuente, oltre a fornirne i relativi chiarimenti art. 32, co. 1 n. 8-bis NORMA DI CHIUSURA: richiesta informazioni a soggetti non espressamente individuati dalla norma ad es.: accertamento nei confronti di medico professionista => sulla base delle fatture emesse, si contattano i pazienti e si richiedono informazioni circa la natura della prestazione ricevuta e le modalità di pagamento della stessa 55

56 NOTIFICA INVITI E RICHIESTE art. 32, co. 2 ai sensi dell art. 60 DPR 600/73 messi comunali messi speciali autorizzati consegna al destinatario di copia conforme all originale ai sensi degli artt. 137 ss. c.p.c. NOTIFICA consegna in mani proprie (ovunque) c/o abitazione o ufficio o luogo esercizio dell attività a persona di famiglia o addetta a ufficio o azienda a portiere dello stabile al vicino di casa deposito copia c/o casa del Comune e affissione avviso 56

57 NOTIFICA INVITI E RICHIESTE art. 6, DL 372/92 conv. in L. 429/92 notifica anche a mezzo raccomandata a/r DATA NOTIFICA data indicata nell avviso di ricevimento sottoscritto dal destinatario 57

58 TERMINI PER ADEMPIERE art. 32, co. 2 contribuente deve adempiere a richieste informazioni e inviti ENTRO TERMINE FISSATO DA UFFICIO comunque NON inferiore a 15 gg. da data di notifica delle richieste per indagini finanziarie, termine NON inferiore a 30 gg. prorogabili di altri 20 gg. 58

59 INOTTEMPERANZA DEL CONTRIBUENTE art. 32, co. 4 EFFETTI a favore del contribuente INUTILIZZABILITA nel corso del giudizio tributario ATTI E DOCUMENTI di cui rifiutata l esibizione in risposta alle richieste dell Amministrazione non esibiti nel corso di accesso, ispezione e verifica 59

60 INOTTEMPERANZA DEL CONTRIBUENTE art. 52, co. 5 DPR 633/72 a fini IVA: si considera RIFIUTO DI ESIBIZIONE = > dichiarazione di non possedere libri, registri, documenti e scritture; sottrazione degli stessi all ispezione CM 224/E/2000 NON si ha rifiuto di esibizione nei casi di: - tardiva esibizione dei documenti dovuta alla temporanea indisponibilità degli stessi per causa di forza maggiore o per colpa del contribuente o del depositario cui si è posto prontamente riparo Cass. S.U. 45/2000 si ha rifiuto in caso di COMPORTAMENTO DOLOSO del contribuente, determinato dalla volontà di impedire l esame del documento nel corso della verifica SE documentazione NON esibita perché dichiarata SMARRITA, DISTRUTTA o RUBATA, contribuente tenuto a esibire denuncia di smarrimento, distruzione o furto 60

61 ECCEZIONE ALLA INUTILIZZABILITA art. 32, co. 5 DEPOSITO da parte del contribuente dei documenti in allegato all atto introduttivo del giudizio (ricorso) UNITAMENTE alla dichiarazione (e dimostrazione) non aver potuto adempiere per causa a lui non imputabile di 61

62 TIPOLOGIE DI ACCERTAMENTO ATTIVITÀ ISPETTIVA ED ISTRUTTORIA TIPOLOGIE DI ACCERTAMENTO ex D.P.R. 600/ accessi, ispezioni, verifiche - inviti a comparire - esibizione/controllo scritture contabili - questionari - indagini bancarie/finanziarie - dati e notizie comunque raccolti - inviti a terzi accertamenti ex art. 38, 39, 40, 41 e 41-bis - controllo dichiarazioni liquidazioni ex art. 36-bis, 36-ter, 37 - segnalazioni dalla Dir. centrale accertamento; D.R.E.; Ufficio dell Agenzia delle Entrate o di altra Agenzia fiscale; GdF; P.A. ed enti pubblici; Anagrafe tributaria. accertamenti parziali ex art. 41-bis 62

63 TIPOLOGIE DI ACCERTAMENTO D.P.R. 600/73 art. 36-bis: liquidazione delle imposte, contributi, premi e rimborsi dovuti in base alle dichiarazioni art. 36-ter: controllo formale delle dichiarazioni CONTENUTI procedura automatizzata di correzione errori materiali, deduzioni e detrazioni, ritenute e crediti di imposta: esclusivamente sulla base dei dati contenuti nelle dichiarazioni controllo formale (riscontro dei dati con i documenti) limitatamente a dichiarazioni individuate in base a criteri selettivi art. 37: controllo delle dichiarazioni art. 41: accertamento d Ufficio art. 41-bis: accertamento parziale controllo sostanziale delle dichiarazioni e individuazione dei soggetti che hanno omesso l adempimento in caso di dichiarazione omessa o nulla (ad es.: dichiarazione su stampato non conforme a modello ufficiale) segnalazioni dalla Dir. centrale accertamento; D.R.E.; Ufficio dell Agenzia delle Entrate o di altra Agenzia fiscale; GdF; P.A. ed enti pubblici; Anagrafe tributaria 63

64 TIPOLOGIE DI ACCERTAMENTO D.P.R. 600/73 art. 38: rettifica delle dichiarazioni delle persone fisiche (non obbligate alla tenuta scritture contabili) art. 39: redditi determinati sulla base delle scritture contabili art. 40: rettifica delle dichiarazioni dei soggetti diversi dalle persone fisiche CONTENUTI a) accertamento analitico: rideterminazione del reddito imponibile attraverso ricalcolo di specifici elementi, quando reddito complessivo < reddito effettivo; scomputo deduzioni e detrazioni non spettanti b) accertamento sintetico (redditometro): ci si basa su capacità di spesa del contribuente quando reddito complessivo < tale capacità. individuazione di beni e servizi indice di capacità contributiva (aerei ed elicotteri da turismo, imbarcazioni da diporto, auto, motocicli ) a) accertamento analitico-contabile: rettifica analitica delle componenti positive e negative di reddito. Presupposto: regolare tenuta delle scritture contabili b) accertamento analitico-presuntivo (parametri e studi di settore): sulla base di presunzioni semplici, precise e concordanti, si rettifica il reddito (esistenza di attività non dichiarate; inesistenza passività dichiarate) c) accertamento induttivo o extra-contabile: determinazione del reddito a prescindere da risultanze delle scritture contabili avvalendosi di presunzioni semplici (anche se non precise e concordanti) 64

65 REDDITOMETRO 65

66 FONTI DI INNESCO REDDITOMETRO Dichiarazioni dei redditi e atti del registro Dati delle camere di commercio Risultanze indagini finanziarie Campagne spot specifiche e aiuto dei comuni Dati delle camere di commercio Liste auto e incrementi patrimoniali Porti, circoli, aero club Case d asta Scuole Interventi 36-55% Centri estetici Tour operator 66

67 APPLICABILITÀ Il nuovo redditometro opera con le dichiarazioni relative al 2009 (Unico 2010) ( ) con effetto per gli accertamenti relativi ai redditi per i quali il termine di dichiarazione non è ancora scaduto alla data di entrata in vigore del presente decreto ( ) Norma procedurale o sostanziale? Può essere fruita in una prospettiva difensiva per gli accertamenti per gli anni pregressi? 67

68 RETROATTIVITÀ DEL REDDITOMETRO Sentenza n del 29 aprile 2009 della Corte di Cassazione Ove i decreti ministeriali utilizzati per la ricostruzione sintetica del reddito introducano ex novo alcuni indici di capacità contributiva prima non previsti, si ledono i diritti dei contribuenti, in quanto le innovazioni apportate hanno effetti non solo processuali, ma anche sostanziali. 68

69 VECCHIO REDDITOMETRO Articolo 38, comma 4, DPR 600/73 L'ufficio ( ) può, in base ad elementi e circostanze di fatto certi, determinare sinteticamente il reddito complessivo netto del contribuente in relazione al contenuto induttivo di tali elementi e circostanze quando il reddito complessivo netto accertabile si discosta per almeno un quarto da quello dichiarato. A tal fine, con decreto del Ministro delle finanze, da pubblicare nella Gazzetta Ufficiale, sono stabilite le modalità in base alle quali l'ufficio può determinare induttivamente il reddito o il maggior reddito in relazione ad elementi indicativi di capacità contributiva individuati con lo stesso decreto quando il reddito dichiarato non risulta congruo rispetto ai predetti elementi per due o più periodi di imposta 69

70 NUOVO REDDITOMETRO Articolo 38, comma 4, DPR 600/73 L'ufficio (..) può sempre determinare sinteticamente il reddito complessivo del contribuente sulla base delle spese di qualsiasi genere sostenute nel corso del periodo d imposta Vecchia versione: in base ad elementi e circostanze di fatto certi Il presupposto era generico e fondamentalmente basato sulla disponibilità dei beni Nuova versione: sulla base delle spese di qualsiasi genere Il presupposto oggi è fondato sulla ricostruzione inversa del reddito prodotto sulla base di come è stata spesa la ricchezza 70

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

L ACCERTAMENTO SINTETICO Il confronto tra vecchio e nuovo strumento. di Carlo Nocera

L ACCERTAMENTO SINTETICO Il confronto tra vecchio e nuovo strumento. di Carlo Nocera L ACCERTAMENTO SINTETICO Il confronto tra vecchio e nuovo strumento di Carlo Nocera IL CONFRONTO ACCERTAMENTO SINTETICO RILEVANZA VECCHIO STRUMENTO RILEVANZA NUOVO STRUMENTO DISPONIBILITA E POSSESSO BENI

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF)

8.2 Imposta sul reddito delle persone fisiche (IRPEF) I TRIBUTI 89 APPROFONDIMENTI IL CODICE TRIBUTO Ogni pagamento effettuato con i modelli F23 o F24 deve essere identificato in modo preciso, abbinando a ogni versamento un codice di tributo. Nella tabella

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969).

Nel procedimento per la sospensione dell esecuzione del provvedimento impugnato (art. 5, L. 742/1969). Il commento 1. Premessa La sospensione feriale dei termini è prevista dall art. 1, co. 1, della L. 07/10/1969, n. 742 1, il quale dispone che: Il decorso dei termini processuali relativi alle giurisdizioni

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI Comune di Cerignola Provincia di Foggia Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili. TASI INDICE Art. 1 - Art. 2 - Art. 3 - Art. 4 - Art. 5 - Art. 6 - Art. 7 - Art. 8 - Art. 9

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

L ACCERTAMENTO SINTETICO. di Gianfranco Ferranti

L ACCERTAMENTO SINTETICO. di Gianfranco Ferranti L ACCERTAMENTO SINTETICO di Gianfranco Ferranti 1. PREMESSA L art. 38, commi quarto e seguenti, del DPR n. 600 del 1973 consente di rettificare le dichiarazioni presentate dai contribuenti persone fisiche

Dettagli

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA

DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA PER CHI E PREDISPOSTA COSA OCCORRE PER VISUALIZZARLA QUANDO E ONLINE I DATI PRESENTI NELLA DICHIARAZIONE MODIFICA E PRESENTAZIONE I VANTAGGI DEL MODELLO PRECOMPILATO Direzione

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE

DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE C H I E D E DICHIARA QUANTO SEGUE MODULO DOMANDA / NUOVO CAS-SISMA MAGGIO 2012 DOMANDA DI NUOVO CONTRIBUTO PER L AUTONOMA SISTEMAZIONE (Dichiarazione sostitutiva di certificazione e di atto di notorietà resa ai sensi degli artt. 46 e 47

Dettagli

L ACCERTAMENTO SINTETICO REDDITOMETRICO

L ACCERTAMENTO SINTETICO REDDITOMETRICO MAURO NICOLA PREDIDENTE ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI NOVARA REVISORE LEGALE MEMBRO DELLA COMM. II. DD. DEL CNDCEC L ACCERTAMENTO SINTETICO REDDITOMETRICO IL NUOVO REDDITOMETRO

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014

PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 PROCEDURA APERTA AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TRASPORTO SCOLASTICO DEI COMUNI DI VOLTERRA E CASTELNUOVO VAL DI CECINA A.S. 2012/2013 2013/2014 (CIG ) (CPV ) Io sottoscritto... nato a... il...... nella mia

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo 1. come rimediare a errori e dimenticanze: il ravvedimento Il ravvedimento per imposte dirette e Iva Modalità di pagamento Presentazione della dichiarazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE

MODELLO DI PAGAMENTO: TASSE, IMPOSTE, SANZIONI E ALTRE ENTRATE TASSE IMPOSTE SANZIONI COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE COG DENOMINAZIONE O RAGIONE SOCIALE (DA COMPILARE A CURA DEL CONCESSIONARIO DELLA BANCA O DELLE POSTE) FIRMA Autorizzo addebito sul conto corrente

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO

RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO Mod. NAM FATT-PA Rev.7.0 RICHIESTA ATTIVAZIONE SERVIZIO FATT-PA NAMIRIAL DEL CLIENTE OPERATORE ECONOMICO PREMESSE La presente Richiesta di attivazione del Servizio sottoscritta dal, Operatore Economico

Dettagli

La revisione dell accertamento doganale

La revisione dell accertamento doganale Adempimenti La revisione dell accertamento doganale di Marina Zanga L accertamento doganale delle merci L accertamento delle merci dichiarate in dogana nell ambito delle operazioni di import/ export da

Dettagli

IMMOBILI. Art.1. Art.2

IMMOBILI. Art.1. Art.2 Comune di Marta Provincia di Viterbo Piazza Umberto I n.1 010100 Marta (VT) Tel. 0769187381 Fax 0761873828 Sito web www..comune.marta.vt.it REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA COMUNALE SUGLI IMMOBILI

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

www.sanzioniamministrative.it

www.sanzioniamministrative.it SanzioniAmministrative. it Normativa Legge 15 dicembre 1990, n. 386 "Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari" (Come Aggiornata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507) Art. 1. Emissione

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni DOMANDA DI CARTA DELL AZIENDA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di DATI DELL AZIENDA Denominazione

Dettagli

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14

PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 PROTOCOLLO SULLE MODALITÁ ATTUATIVE DELLA MESSA ALLA PROVA EX L. 67/14 Il Tribunale di Imperia, la Procura della Repubblica sede, l Ufficio Esecuzione Penale Esterna Sede di Imperia, l Ordine degli avvocati

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia

La riforma dell ISEE. Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia Maggiore equità ed efficacia nella valutazione della condizione economica della famiglia 2 La riforma dell ISEE (Indicatore della situazione economica equivalente) rappresenta un passo fondamentale per

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA

DICHIARAZIONE ANNUALE PER IL DIRITTO ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA Istituto Nazionale Previdenza Sociale ALLE DETRAZIONI D IMPOSTA (articolo 23 del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 e successive modifiche e integrazioni) In base all art. 7, D.L. n. 70/2011 non è più obbligatorio

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE

INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE AREA LAVORO E PREVIDENZA INFORTUNIO SUL LAVORO E MALATTIA PROFESSIONALE (a cura di Ernesto Murolo) Indice QUANDO SI MANIFESTA UN INFORTUNIO SUL LAVORO...5 1. Se l infortunio ha prognosi fino a 3 giorni...5

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito

Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito OdV Le associazioni di volontariato iscritte nei registri regionali: le imposte sul reddito di Sebastiano Di Diego* Nell articolo viene descritto il variegato regime fiscale, ai fini IRES, delle associazioni

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense

CONSIGLIO DELL ORDINE DI TORINO Domande frequenti sul tirocinio forense Sezione generale 1. Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha adottato un regolamento specifico per i praticanti avvocati? Il Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Torino ha approvato con

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni

CIRCOLARE N. 2/DF. Ai Comuni CIRCOLARE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 11 maggio 2010 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE PROT. 10968/2010 Ai Comuni Alle Regioni Friuli-Venezia Giulia e Valle

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT

A A GUIDA ALL INTERPELLO WWW.AGENZIAENTRATE.IT L A G E N Z I A I N F O R M A A A DELLE ENTRATE AGENZIA GENZI DELLE ENTRATE Progetto grafico: FULVIO RONCHI UFFICIO RELAZIONI ESTERNE GUIDA ALL INTERPELLO COME OTTENERE DALL AGENZIA DELLE ENTRATE LA RISPOSTA

Dettagli

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI

VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI VADEMECUM BREVE GUIDA ALLA CERTIFICAZIONE DEI CREDITI 28 luglio 2014 Sommario 1 Cos è la certificazione dei crediti... 3 1.1 Quali crediti possono essere certificati... 3 1.2 A quali amministrazioni o

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli