Sicurezza nei Cantieri Edili

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sicurezza nei Cantieri Edili"

Transcript

1 Sicurezza nei Cantieri Edili Rev. 1 ott Cantieri slide 1 di 51

2 Cantiere e sicurezza sul lavoro Il settore delle costruzioni continua a mantenere alti indici infortunistici sia di frequenza che di gravità Il settore delle costruzioni è al primo posto per numero di malattie professionali indennizzate dall INAIL Rev. 1 ott Cantieri slide 2 di 51

3 Cantiere e sicurezza sul lavoro E un luogo di lavoro complesso dove operano contemporaneamente, per molto tempo, diverse ditte e un elevato numero di lavoratori Rev. 1 ott Cantieri slide 3 di 51

4 Come affrontarlo? Individuazione dei punti critici nel percorso della sicurezza organizzazione e gestione del sistema di sicurezza in cantiere informazione, formazione e addestramento delle maestranze rappresentanza dei lavoratori sorveglianza sanitaria dei lavoratori adeguata azione di controllo Rev. 1 ott Cantieri slide 4 di 51

5 Titolo IV Cantieri temporanei e mobili D.Lgs. 9/4/08 N 81 integrato con il decreto legislativo 106/2009 Rev. 1 ott Cantieri slide 5 di 51

6 Titolo IV:cantieri temporanei e mobili Capo I: dall art. 88 all art. 104 Capo II: dall art. 105 all art 156 Capo III: sanzioni dall art 157 all art 160 Allegati Rev. 1 ott Cantieri slide 6 di 51

7 Titolo IV:cantieri temporanei e mobili Capo I Misure per la salute e la sicurezza nei cantieri temporanei o mobili Capo II Norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro nelle costruzioni e nei lavori in quota Sez. I Campo di applicazione Sez. II Disposizioni di carattere generale Sez. III Scavi e fondazioni Sez. IV Ponteggi ed impalcature in legname Sez. VIII Demolizioni Capo III Sanzioni Rev. 1 ott Cantieri slide 7 di 51

8 Definizioni L articolo 89 definisce i principali soggetti coinvolti a) cantiere temporaneo o mobile: qualunque luogo in cui si effettuano lavori edili o di ingegneria civile il cui elenco è riportato nell ALLEGATO X b) committente: il soggetto per conto del quale l'intera opera viene realizzata Rev. 1 ott Cantieri slide 8 di 51

9 Definizioni c) responsabile dei lavori: soggetto che può essere incaricato dal committente per svolgere i compiti ad esso attribuiti dal presente decreto d) lavoratore autonomo: persona fisica la cui attività professionale contribuisce alla realizzazione dell'opera senza vincolo di subordinazione Rev. 1 ott Cantieri slide 9 di 51

10 Definizioni e) coordinatore per la progettazione: soggetto incaricato dal committente f) coordinatore per l'esecuzione dei lavori: soggetto incaricato dal committente g) uomini-giorno: entità presunta del cantiere rappresentata dalla somma delle giornate lavorative prestate dai lavoratori h) piano operativo di sicurezza (POS): il documento che il datore di lavoro dell'impresa esecutrice redige, in riferimento al singolo cantiere, i cui contenuti sono riportati nell ALLEGATO XV Rev. 1 ott Cantieri slide 10 di 51

11 Definizioni i) impresa affidataria: impresa titolare del contratto di appalto impresa esecutrice: impresa che esegue un opera o parte di essa impegnando proprie risorse umane e materiali l) idoneità tecnico-professionale: possesso di capacità organizzative, nonché disponibilità di forza lavoro, di macchine e di attrezzature, in riferimento ai lavori da realizzare Rev. 1 ott Cantieri slide 11 di 51

12 Obblighi del committente Secondo quanto stabilito dall art. 90: nei cantieri in cui è prevista la presenza di più imprese esecutrici, anche non contemporanea, il committente o il responsabile dei lavori, prima dell'affidamento dei lavori, designa il coordinatore per l'esecuzione dei lavori, in possesso dei requisiti di cui all'articolo 98. Sanzioni: arresto da tre a sei mesi o con l ammenda da a euro il committente o il responsabile dei lavori) Rev. 1 ott Cantieri slide 12 di 51

13 Obblighi del committente La disposizione si applica anche nel caso in cui, dopo l'affidamento dei lavori a un'unica impresa, l'esecuzione dei lavori o di parte di essi sia affidata a una o più imprese Sanzioni:arresto da tre a sei mesi o con l ammenda da a euro il committente o il responsabile dei lavori) Rev. 1 ott Cantieri slide 13 di 51

14 Obblighi del committente Il committente o il responsabile dei lavori comunica alle imprese affidatarie, alle imprese esecutrici e ai lavoratori autonomi il nominativo del coordinatore per la progettazione e quello del coordinatore per l'esecuzione dei lavori. Tali nominativi sono indicati nel cartello di cantiere. Sanzioni: sanzione amministrativa pecuniaria da 500 a euro il committente o il responsabile dei lavori Rev. 1 ott Cantieri slide 14 di 51

15 Idoneità tecnico-professionale Il committente, anche nel caso di affidamento dei lavori ad un'unica impresa o ad un lavoratore autonomo verifica l'idoneità tecnico-professionale: a) delle imprese affidatarie b) delle imprese esecutrici c) dei lavoratori autonomi e con le modalità di cui all ALLEGATO XVII Rev. 1 ott Cantieri slide 15 di 51

16 Idoneità tecnico-professionale Il committente, inoltre, chiede alle imprese esecutrici una dichiarazione dell'organico medio annuo, distinto per qualifica, nonché una dichiarazione relativa al contratto collettivo stipulato dalle organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative, applicato ai lavoratori dipendenti. Rev. 1 ott Cantieri slide 16 di 51

17 Ancora due velocità per la sicurezza CANTIERE (art. 89 c.1 Let. a ) si PUBBLI CO? no PUBBLICO C.C.I.A. A. DURC PRIVATO AUTOC ERTIFIC AZIONE Il Committente o il Responsabile dei Lavori verificano l idoneità tecnicoprofessionale con le modalità di cui all allegato XVII Le imprese e i lavoratori autonomi forniscono certificato CCIAA, DURC ed una autocertificazione. Rev. 1 ott Cantieri slide 17 di 51

18 Entità inferiore a 200 uomini/giorno Nei cantieri la cui entità presunta è inferiore a 200 uomini-giorno e i cui lavori non comportano rischi particolari di cui all allegato XI il requisito si considera soddisfatto mediante presentazione da parte delle imprese e dei lavoratori autonomi del certificato di iscrizione alla Camera di commercio, industria e artigianato e del documento unico di regolarità contributiva, corredato da autocertificazione in ordine al possesso degli altri requisiti previsti dall allegato XVII Rev. 1 ott Cantieri slide 18 di 51

19 Il coordinatore per la progettazione (art 91) IL coordinatore per la progettazione deve: redigere il piano di sicurezza e di coordinamento (PSC) i cui contenuti sono dettagliatamente specificati nell allegato XV predisporre un fascicolo adattato alle caratteristiche dell opera, i cui contenuti sono definiti all' allegato XVI e coordina l'applicazione delle disposizioni di cui all'articolo 90, comma 1 Sanzione: arresto da tre a sei mesi o con l ammenda da a euro Rev. 1 ott Cantieri slide 19 di 51

20 Coordinatore per l'esecuzione dei lavori Il coordinatore per l'esecuzione dei lavori: verifica, con opportune azioni di coordinamento e controllo, l'applicazione,, delle disposizioni contenute nel PSC Sanzioni: arresto da tre a sei mesi o ammenda da a euro il coordinatore per l esecuzione verifica l'idoneità del POS Sanzioni: arresto da tre a sei mesi o ammenda da a euro il coordinatore per l esecuzione Rev. 1 ott Cantieri slide 20 di 51

21 Coordinatore per l'esecuzione dei lavori organizza tra i datori di lavoro, la cooperazione ed il coordinamento delle attività Sanzioni: arresto da tre a sei mesi o ammenda da a euro verifica l'attuazione di quanto previsto negli accordi tra le parti sociali al fine di realizzare il coordinamento tra i rappresentanti della sicurezza Sanzioni: arresto da tre a sei mesi o ammenda da a euro Rev. 1 ott Cantieri slide 21 di 51

22 Coordinatore per l'esecuzione dei lavori segnala al committente le inosservanze al decreto e alle prescrizioni del PSC Sanzioni: arresto da tre a sei mesi o ammenda da a euro sospende, in caso di pericolo grave e imminente, direttamente riscontrato, le singole lavorazioni fino alla verifica degli avvenuti adeguamenti effettuati dalle imprese interessate. Sanzioni: arresto da tre a sei mesi o ammenda da a euro il coordinatore per l esecuzione Rev. 1 ott Cantieri slide 22 di 51

23 Committenti e responsabili dei lavori Il committente è esonerato dalle responsabilità connesse all adempimento degli obblighi limitatamente all incarico conferito al responsabile dei lavori (art.93) La designazione del coordinatore per la progettazione, e del coordinatore per l'esecuzione dei lavori, non esonera il committente dalle sue responsabilità Sanzioni: arresto da due a quattro mesi o con l ammenda da a euro Rev. 1 ott Cantieri slide 23 di 51

24 Obblighi dei lavoratori autonomi Secondo quanto stabilito nell articolo 94, i lavoratori autonomi si adeguano alle indicazioni fornite dal coordinatore per l'esecuzione dei lavori, ai fini della sicurezza Sanzioni: Arresto sino a un mese o ammenda da 300 a 800 euro il lavoratore autonomo Rev. 1 ott Cantieri slide 24 di 51

25 Disposizioni contenute nell articolo 21 I lavoratori autonomi devono: a) utilizzare attrezzature di lavoro in conformità alle disposizioni di cui al titolo III; b) munirsi di dispositivi di protezione individuale ed utilizzarli conformemente alle disposizioni di cui al titolo III; c) munirsi di apposita tessera di riconoscimento corredata di fotografia, contenente le proprie generalità, qualora effettuino la loro prestazione in un luogo di lavoro nel quale si svolgano attività in regime di appalto o subappalto Rev. 1 ott Cantieri slide 25 di 51

26 Disposizioni contenute nell articolo 21 I lavoratori autonomi hanno la facoltà di: beneficiare della sorveglianza sanitaria secondo le previsioni di cui all articolo 41 partecipare a corsi di formazione specifici in materia di salute e sicurezza sul lavoro, incentrati sui rischi propri delle attività svolte, secondo le previsioni di cui all articolo 37 Rev. 1 ott Cantieri slide 26 di 51

27 Misure generali di tutela I datori di lavoro, ciascuno per la sua parte di competenza devono occuparsi (art. 95) : del mantenimento del cantiere in condizioni ordinate e di soddisfacente salubrità; della scelta dell'ubicazione di posti di lavoro delle condizioni di movimentazione dei vari materiali Rev. 1 ott Cantieri slide 27 di 51

28 Misure generali di tutela della manutenzione, il controllo prima dell'entrata in servizio e il controllo periodico degli apprestamenti, delle attrezzature di lavoro degli impianti e dei dispositivi della delimitazione e l'allestimento delle zone di stoccaggio. dell'adeguamento, in funzione dell'evoluzione del cantiere, della cooperazione e il coordinamento tra datori di lavoro e lavoratori autonomi; delle interazioni con le attività che avvengono sul luogo Rev. 1 ott Cantieri slide 28 di 51

29 Obblighi del D.L., dirigenti e preposti I datori di lavoro delle imprese affidatarie e delle imprese esecutrici, anche nel caso in cui nel cantiere operi una unica impresa, anche familiare o con meno di dieci addetti: adottano le misure conformi alle prescrizioni di cui all' ALLEGATO XIII; Sanzioni: arresto sino a due mesi o ammenda da 500 a euro il datore di lavoro e dirigente Rev. 1 ott Cantieri slide 29 di 51

30 Obblighi del D.L., dirigenti e preposti predispongono l'accesso e la recinzione del cantiere con modalità chiaramente visibili e individuabili; Sanzioni: Arresto sino a due mesi o ammenda da 500 a euro il datore di lavoro e dirigente Rev. 1 ott Cantieri slide 30 di 51

31 Obblighi del D.L., dirigenti e preposti curano la disposizione o l accatastamento di materiali o attrezzature in modo da evitarne il crollo o il ribaltamento; Sanzioni: Arresto sino a due mesi o ammenda da 500 a euro il datore di lavoro e dirigente) curano la protezione dei lavoratori contro le influenze atmosferiche che possono compromettere la loro sicurezza e la loro salute; Sanzioni:Arresto sino a due mesi o ammenda da 500 a euro il datore di lavoro e dirigente Rev. 1 ott Cantieri slide 31 di 51

32 Obblighi del D.L., dirigenti e preposti curano le condizioni di rimozione dei materiali pericolosi, sanzioni: arresto sino a due mesi o ammenda da 500 a euro curano che lo stoccaggio e l'evacuazione dei detriti e delle macerie avvengano correttamente; sanzioni arresto sino a due mesi o ammenda da 500 a euro redigono il piano operativo di sicurezza di cui all'articolo 89, comma 1, lettera h). Rev. 1 ott Cantieri slide 32 di 51

33 Obblighi del D.L., dirigenti e preposti L'accettazione da parte di ciascun datore di lavoro delle imprese del piano di sicurezza e di coordinamento di cui all'articolo 100 nonché la redazione del piano operativo di sicurezza costituiscono, limitatamente al singolo cantiere interessato, adempimento alle disposizioni di cui all'articolo 17 comma 1, lettera a), all articolo 26, commi 1, lettera b), 3 e 5, e all articolo 29, comma 3 nota: (relative alla valutazione dei rischi, al coordinamento e alla formazione dei lavoratori) Rev. 1 ott Cantieri slide 33 di 51

34 Datore di lavoro dell impresa affidataria Il datore di lavoro dell impresa affidataria verifica le condizioni di sicurezza dei lavori affidati e le l applicazione delle disposizioni e delle prescrizioni del PSC sanzione: arresto da tre a sei mesi o ammenda da a euro il datore di lavoro e dirigente) gli obblighi derivanti dall articolo 26 sanzione: arresto da tre a sei mesi o ammenda da a euro il datore di lavoro e dirigente Rev. 1 ott Cantieri slide 34 di 51

35 Datore di lavoro dell impresa affidataria Il datore di lavoro dell impresa affidataria deve, inoltre: coordinare gli interventi di cui agli articoli 95 e 96 (misure generali di tutela); verificare la congruenza dei POS delle imprese esecutrici rispetto al proprio. sanzione: (arresto sino a due mesi o ammenda da 500 a euro il datore di lavoro e dirigente) Rev. 1 ott Cantieri slide 35 di 51

36 Datore di lavoro dell impresa affidataria il datore di lavoro dell impresa affidataria, i dirigenti e i preposti devono essere in possesso di adeguata formazione.. sanzione: arresto sino a due mesi o ammenda da 500 a euro il datore di lavoro e dirigente Rev. 1 ott Cantieri slide 36 di 51

37 Notifica preliminare Il committente o il responsabile dei lavori, prima dell'inizio dei lavori, trasmette all'azienda unità sanitaria locale e alla direzione provinciale del lavoro territorialmente competenti la notifica preliminare Rev. 1 ott Cantieri slide 37 di 51

38 Piano di sicurezza e di coordinamento Il piano è costituito da a) una relazione tecnica b) una stima dei costi di c) tavole esplicative di progetto Il piano di sicurezza e coordinamento è parte integrante del contratto di appalto. I datori di lavoro delle imprese esecutrici e i lavoratori autonomi sono tenuti ad attuare quanto previsto nel PSC Rev. 1 ott Cantieri slide 38 di 51

39 Consultazione del RLS Prima dell'accettazione del piano di sicurezza e di coordinamento, secondo quanto stabilito dall articolo 102, il datore di lavoro di ciascuna impresa esecutrice consulta il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza e gli fornisce eventuali chiarimenti sul contenuto del piano. Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza ha facoltà di formulare proposte al riguardo. Rev. 1 ott Cantieri slide 39 di 51

40 Flussi PSC E POS COMMITTENTE ASL 18 Alba - Bra RESPONSABILE LAVORI CSE CSP IMPRESA PRINCIPALE M.R. S.c.a.r.l. IMPRESA ESECUTRICE IMPRESA ESECUTRICE IMPRESA ESECUTRICE Flusso affidamento lavori Flusso affidamento incarichi Rev. 1 ott Cantieri slide 40 di 51

41 Le fasi temporali Impresa Principale Invito Richiesta d Offerta Documenti tecnici: elaborati progettuali, Capitolati d appalto speciali e generali, specifiche tecniche, Piano di Sicurezza e Coordinamento Imprese Esecutrici candidate Presentazione d Offerta Presentazione della Dichiarazione dell Impresa sull Idoneità tecnico professionale * Imprese Esecutrici selezionate Negoziazione - Aggiudicazione Dimostrazione documentale dei documenti presentati in sede di offerta * Impresa Esecutrice individuata Impresa Principale Atti preliminari all Inizio Lavori Comunicazione di inizio lavori o nuova fase lavorativa Documenti integrativi Sicurezza Cantieri * Rev. 1 ott Cantieri slide 41 di 51

42 Attività del CSE VERIFICA DEI DOCUMENTI rilasciati dalle imprese per La qualificazione e l idoneità tecnico professionale ORDINI di SERVIZIO SICUREZZA SORVEGLIANZA SANITARIA Incontri tra i Medici Competenti nelle periodiche riunioni di coordinamento VERIFICA SISTEMA ACCESSI REDAZIONE delle indicazioni metodologiche per la redazione uniforme del POS * REPORT MENSILE Audit e sopralluoghi VERIFICA DELLA FORMAZIONE programma di formazione in collaborazione con il Comitato Paritetico Territoriale Rev. 1 ott Cantieri slide 42 di 51

43 Muoiono cadendo da 20 metri di altezza Causa: ribaltamento del cestello di una gru con piattaforma portapersone. Esito:Politrauma con esito mortale per entrambi Rev. 1 ott Cantieri slide 43 di 51

44 Come prevenire Verifica della presenza e del funzionamento dei dispositivi di sicurezza Formazione specifica del personale addetto all uso delle piattaforme aeree Uso di cinture di sicurezza Verifica straordinaria ad ogni utilizzo della macchina con piattaforme portapersone Rev. 1 ott Cantieri slide 44 di 51

45 Muore schiacciato da uno scavo Causa: il lavoratore veniva investito da un blocco/masso da kg che era impegnato a rimuovere con martello demolitore elettrico da una parete. Questa protuberanza, costituita da terreno cemento, era presente nella palificata di consolidamento di uno scavo. Esito: infortunio mortale Rev. 1 ott Cantieri slide 45 di 51

46 Come prevenire Definire una pianificazione dei lavori con le modalità corrette Installare le opere provvisionali per lavorare dall alto Formare i lavoratori sul lavoro specifico Vigilare sulla corretta esecuzione dei lavori Rev. 1 ott Cantieri slide 46 di 51

47 Cade dall alto smontando il ponteggio Causa:il lavoratore cade a terra da un altezza di 5 metri. Era sprovvisto di cinture di sicurezza Esito: frattura della rotula e fratture costali multiple Rev. 1 ott Cantieri slide 47 di 51

48 Come prevenire Durante il montaggio/smontaggio dei ponteggi come previsto nel piano operativo di sicurezza (POS) e nel piano di installazione/uso/smontaggio (PIMUS) è obbligatorio fare uso di cinture di sicurezza collegate a dispositivi di trattenuta Il preposto deve fare vigilanza sulle corrette procedure di smontaggio Rev. 1 ott Cantieri slide 48 di 51

49 Crolla il solaio e precipita Causa: il lavoratore mentre stava demolendo il secondo solaio dell edificio in ristrutturazione, a causa del crollo di una parte dello stesso, è precipitato da un altezza di 8,5 metri Esito:politrauma Rev. 1 ott Cantieri slide 49 di 51

50 Come prevenire definire un programma di demolizioni con verifica della resistenza dei solai, procedure e metodo di demolizione adeguati cinture di sicurezza e formazione specifica vigilanza sulle corrette procedure di lavoro Rev. 1 ott Cantieri slide 50 di 51

51 I contenuti del piano Relazione Tecnica Alle fasi critiche Prescrizioni Stima dei costi Planimetria con l organizzazion e del cantiere Tavole esplicative di progetto Tavola con gli scavi Rev. 1 ott Cantieri slide 51 di 51

UNIVERSITA DEGLI STUDI TOR VERGATA

UNIVERSITA DEGLI STUDI TOR VERGATA UNIVERSITA DEGLI STUDI TOR VERGATA SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI E TEMPORANEI Ing. Chiara Pugnalini CORSO DI TECNOLOGIA DEI MATERIALI E CHIMICA APPLICATA Profs. Antonio Rinaldi/ Elisabetta di Bartolomeo

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

Prof. ssa Lucia Niccacci Anno Accademico 2009/2010

Prof. ssa Lucia Niccacci Anno Accademico 2009/2010 Corso di laurea in Ingegneria Edile Prof. ssa Lucia Niccacci Anno Accademico 2009/2010 Il TITOLO IV del Testo Unico 81/08 in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI

Dettagli

TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. CAPO I Misure per la salute e sicurezza nei cantieri temporanei o mobili

TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. CAPO I Misure per la salute e sicurezza nei cantieri temporanei o mobili Art. 97 del D. Lgs n. 81/2008 Dott. Michele MONTRANO ASL TO3 SPreSAL Rivoli (TO) TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI Misure per la salute e sicurezza nei cantieri temporanei o mobili I Norme per la

Dettagli

Misure per la salute e la sicurezza nei cantieri temporanei e mobili

Misure per la salute e la sicurezza nei cantieri temporanei e mobili Associazione Industriali Province della Sardegna Meridionale Cagliari, Carbonia-Iglesias e Medio Campidano CONFINDUSTRIA Misure per la salute e la sicurezza nei cantieri temporanei e mobili Cagliari 16

Dettagli

Seminario regionale La sicurezza nei cantieri forestali

Seminario regionale La sicurezza nei cantieri forestali Seminario regionale La sicurezza nei cantieri forestali 14 giugno 2012 - Fenestrelle (TO) ASL CN2 Alba-Bra Servizio di Prevenzione e Sicurezza Ambienti di Lavoro (S.Pre Pre.S.A.L.) TITOLO IV D.L.gs 81/08

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. COMMITTENTE Il soggetto per conto del quale l'intera opera viene realizzata

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. COMMITTENTE Il soggetto per conto del quale l'intera opera viene realizzata CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI CAPO 1 Articolo 89 - DEFINIZIONI COMMITTENTE Il soggetto per conto del quale l'intera opera viene realizzata RESPONSABILE DEI LAVORI soggetto che può essere incaricato dal

Dettagli

LEZIONE 10 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008

LEZIONE 10 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 LEZIONE 10 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI Decreto Legislativo n. 81 del 9 aprile 2008 ARGOMENTI DEL CORSO DEFINIZIONI; OBBLIGHI E RESPONSABILITÀ DEL COMMITTENTE O DEL RESPONSABILE DEI LAVORI; LA NOTIFICA

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER L UTENTE

NOTA INFORMATIVA PER L UTENTE DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO PREVENZIONE E SICUREZZA AMBIENTI DI LAVORO Regione Lazio NOTA INFORMATIVA PER L UTENTE D.Lgs. 81/08: PRINCIPALI ADEMPIMENTI PER I COMMITTENTI DI OPERE EDILI Azienda

Dettagli

Obblighieadempimenti. TDP:Giuseppe Maiolani MarcoFrabeti MarioBogliari

Obblighieadempimenti. TDP:Giuseppe Maiolani MarcoFrabeti MarioBogliari Obblighieadempimenti TDP:Giuseppe Maiolani MarcoFrabeti MarioBogliari Il Committente Privato in edilizia obblighi ed adempimenti Il Committente Privato è il soggetto fondamentale per garantire regolarità

Dettagli

Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza. Corso di aggiornamento per coordinatori CEFAS Ing. Giancarlo Napoli e Dott.

Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza. Corso di aggiornamento per coordinatori CEFAS Ing. Giancarlo Napoli e Dott. Corso di aggiornamento per coordinatori della sicurezza Corso di aggiornamento per coordinatori CEFAS Ing. Giancarlo Napoli e Dott. Sandro Celli Le figure del titolo IV del Dlgs 81/2008 Soggetti destinatari

Dettagli

Focus group Sicurezza Articoli tematici Brevi note sulle interconnessioni tra il RUP ed i soggetti di cui al Titolo IV del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i.

Focus group Sicurezza Articoli tematici Brevi note sulle interconnessioni tra il RUP ed i soggetti di cui al Titolo IV del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Come previsto dalle vigenti normative in materia di contratti pubblici: D.Lgs. 163/2006 e s.m.i. e D.P.R. 207/2010 e s.m.i., il Responsabile Unico del Procedimento è il soggetto responsabile incaricato

Dettagli

Il nuovo quadro normativo in materia di Appalti, Cantieri e DUVRI

Il nuovo quadro normativo in materia di Appalti, Cantieri e DUVRI Il nuovo quadro normativo in materia di Appalti, Cantieri e DUVRI Alessandra Pellegrini Direzione Tecnico Scientifica 14 Ottobre 2009 T.U. SALUTE E SICUREZZA (D.LGS. 81/2008): prime analisi e commenti

Dettagli

D.Lgs. 81/08 TITOLO IV

D.Lgs. 81/08 TITOLO IV D.Lgs. 81/08 TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI CAPO I LE NOVITA RILEVANTI DIVO PIOLI Art. 89 C 1 c RESPONSABILE DEI LAVORI SOGGETTO CHE PUÒ ESSERE INCARICATO, DAL COMMITTENTE, DELLA PROGETTAZIONE

Dettagli

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE IL DATORE DI LAVORO OBBLIGHI FONDAMENTALI DEL DATORE DI LAVORO: effettuare la valutazione dei rischi, redigere

Dettagli

Il DURC nel contesto della verifica dell idoneità tecnico professionale delle imprese appaltatrici

Il DURC nel contesto della verifica dell idoneità tecnico professionale delle imprese appaltatrici IL DOCUMENTO UNICO DI REGOLARITA CONTRIBUTIVA (DURC) Il DURC nel contesto della verifica dell idoneità tecnico professionale delle imprese appaltatrici Ordine degli Ingegneri di Bergamo Ing. Filippo Scopazzo

Dettagli

CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO NELLE COSTRUZIONI E NEI LAVORI IN QUOTA

CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO NELLE COSTRUZIONI E NEI LAVORI IN QUOTA TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI DLGS 81/200 08 CAPO I MISURE PER LA SALUTE E SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI CAPO II NORME PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI SUL LAVORO NELLE COSTRUZIONI

Dettagli

Obblighi e verifiche del committente o del responsabile dei lavori Lingotto Fiere - Torino 27 novembre 2009

Obblighi e verifiche del committente o del responsabile dei lavori Lingotto Fiere - Torino 27 novembre 2009 Obblighi e verifiche del committente o del responsabile dei lavori Lingotto Fiere - Torino 27 novembre 2009 Analisi della normativa alla luce del D.Lgs 81/2008 e s.m.i. Dott. Paolo Picco Dott. Dario Castagneri

Dettagli

Dichiarazione Committente/Responsabile lavori AL COMUNE DI RAGUSA. Sportello Unico per l Edilizia S.U.E.

Dichiarazione Committente/Responsabile lavori AL COMUNE DI RAGUSA. Sportello Unico per l Edilizia S.U.E. AL COMUNE DI RAGUSA Sportello Unico per l Edilizia S.U.E. DICHIARAZIONE DEL COMMITTENTE O RESPONSABILE DEI LAVORI (art.90 D.Lgs. n. 81 del 09.04 08 come modificato dall art 59 del D.Lgs n. 106 del 03.08.09)

Dettagli

Il valore della sicurezza nelle imprese del settore. edile

Il valore della sicurezza nelle imprese del settore. edile Confartigianato Ravenna 17 dicembre 2008 Il nuovo Testo Unico sulla Sicurezza e Salute nei luoghi di lavoro D.Lgs. 9 aprile 2008 n.81 Il valore della sicurezza nelle imprese del settore p.i Elio Mazza

Dettagli

FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O

FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O FASCICOLO DI DOCUMENTI OBBLIGATORI IN CANTIERE D R. M A R R O C C O L U C I O M E D I C O D E L L A V O R O Documenti concernenti gli obblighi a carico del Datore di Lavoro Nomine e attestati di formazione

Dettagli

Ing. Augusto Maria Franzero Lungodora Colletta 131 10153 Torino Tel. +39 11 850025 Fax +39 11 850042

Ing. Augusto Maria Franzero Lungodora Colletta 131 10153 Torino Tel. +39 11 850025 Fax +39 11 850042 LEGENDA Testo in giallo: parti modificate o soppresse dal D. Lgs. n. 106/2009 e Legge Comunitaria n. 88/2009 Testo in rosso: parti variate o aggiunte dal D. Lgs. n. 106/2009 e Legge Comunitaria n. 88/2009

Dettagli

La normativa europea

La normativa europea La normativa europea Per la cantieristica occorre fare riferimento alla 92/57/CEE che ha ritenuta la necessità di una normativa specifica relativa alla sicurezza sui cantieri sulla base dei seguenti presupposti:

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

LA SICUREZZA SUL LAVORO Sicurezza significa svolgimento dell attività lavorativa in condizioni tali che la vita, l incolumità fisica e la salute non siano esposte a pericolo. Oggetto di tutela non è esclusivamente

Dettagli

IMPRESA FAMILIARE COMPONENTI DELL IMPRESA FAMILIARE

IMPRESA FAMILIARE COMPONENTI DELL IMPRESA FAMILIARE IMPRESA FAMILIARE L'impresa familiare è un istituto giuridico di recente creazione nell'ordinamento italiano, disciplinato dall'art. 230 bis del codice civile. Esso regola i rapporti che nascono in una

Dettagli

LA SICUREZZA SUL LAVORO Sicurezza significa svolgimento dell attività lavorativa in condizioni tali che la vita, l incolumità fisica e la salute non siano esposte a pericolo. Oggetto di tutela non è esclusivamente

Dettagli

Allegati: Si allegano i seguenti documenti:

Allegati: Si allegano i seguenti documenti: Mod. 4AE AL DIRIGENTE DEL SETTORE PIANIFICAZIONE URBANISTICA E GESTIONE DEL TERRITORIO DEL COMUNE DI AGRIGENTO (da presentarsi a mano all'uff. protocollo o mediante Raccomandata RR) OGGETTO: Comunicazione

Dettagli

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE

PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE PREVENZIONE E SICUREZZA SUL LAVORO NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI PRESCRIZIONI LEGISLATIVE IL DATORE DI LAVORO OBBLIGHI FONDAMENTALI DEL DATORE DI LAVORO: effettuare la valutazione dei rischi, redigere

Dettagli

OBBLIGHI DOCUMENTALI da parte di COMMITTENTI IMPRESE e COORDINATORI

OBBLIGHI DOCUMENTALI da parte di COMMITTENTI IMPRESE e COORDINATORI OBBLIGHI DOCUMENTALI da parte di COMMITTENTI IMPRESE e COORDINATORI CORSO PER COORDINATORI DELLA PROGETTAZIONE E DELL ESECUZIONE NEI CANTIERI EDILI - ART. 98 D.Lgs.81/08 dott. Mauro Maranelli U.O. Prevenzione

Dettagli

TESTO UNICO TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI

TESTO UNICO TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI TESTO UNICO TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI In materia di cantieri temporanei e mobili il T.U. ha previsto un apposito capo stante la particolare pericolosità dell'attività cantieristica (ricordata

Dettagli

SICUREZZA IN CANTIERE SECONDO IL Dlgs 81/2008

SICUREZZA IN CANTIERE SECONDO IL Dlgs 81/2008 SICUREZZA IN CANTIERE SECONDO IL Dlgs 81/2008 INDICE Chi sono il CSP e Il CSE? 2 Cos è il P.S.C. (Piano di Sicurezza e Coordinamento)? 3 Cos è il P.O.S Piano operativo di Sicurezza 5 Fascicolo dell'opera

Dettagli

Dott.ssa Maria Gabriella Pregnolato

Dott.ssa Maria Gabriella Pregnolato Dott.ssa Maria Gabriella Pregnolato Decreto legislativo 14 agosto 1996, n. 494 Articolo 5 Obblighi del coordinatore per l'esecuzione dei lavori 1. Durante la realizzazione dell opera, il coordinatore per

Dettagli

Sicurezza nei cantieri: Il nuovo Testo Unico

Sicurezza nei cantieri: Il nuovo Testo Unico Sicurezza nei cantieri: Il nuovo Testo Unico Titolo IV Misure per la salute e sicurezza nei cantieri temporanei o mobili 09 luglio 2008 Sessione del mattino: dalle ore 08.30 alle ore 13.00 Sessione del

Dettagli

IL COORDINATORE PER L ESECUZIONE

IL COORDINATORE PER L ESECUZIONE PRESENTAZIONE SINTETICA IL COORDINATORE PER L ESECUZIONE QUANDO ENTRA IN SCENA IL CSE COME SOGGETTO RESPONSABILE? La posizione di garanzia del coordinatore entra in vigore con il D. Legislativo 494 del

Dettagli

Cantieri di entità presunta inferiore a 200 uomini-giorno (*) i cui lavori non comportino rischi particolari di cui all allegato XI (**)

Cantieri di entità presunta inferiore a 200 uomini-giorno (*) i cui lavori non comportino rischi particolari di cui all allegato XI (**) Idoneità tecnico professionale ai sensi dell Allegato XVII al D. Lgs. 81/2008 e s.m.i. e documenti da consegnare al committente o al responsabile dei lavori SOGGETTI OBBLIGATI esecutrici affidatarie che

Dettagli

TESTO UNICO SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (Dlgs 81/2008)

TESTO UNICO SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (Dlgs 81/2008) Dipartimento di Prevenzione Azienda USL3 di Pistoia TESTO UNICO SULLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO (Dlgs 81/2008) Il ruolo del Ing. Massimo Selmi Pistoia, 26.10.2010 IMPRESA AFFIDATARIA Impresa titolare

Dettagli

avente ad oggetto l intervento edilizio di nell immobile posto a Reggio E. in via: n. int. DICHIARA

avente ad oggetto l intervento edilizio di nell immobile posto a Reggio E. in via: n. int. DICHIARA ZIONE DEL COMMITTENTE O DEL RESPONSABILE DEI LAVORI (D.lgs. 9 aprile 2008 N.81 art.90 aggiornato con DL 3 agosto 2009 n.106 e L.R. 26 novembre 2010 n.11 art.12 ) DA TRASMETTERE: con la Segnalazione Certificata

Dettagli

Al Comune di Scandiano Sportello per l edilizia

Al Comune di Scandiano Sportello per l edilizia Al Comune di Scandiano Sportello per l edilizia agg. gen. 2014 DICHIARAZIONE DEL COMMITTENTE O DEL RESPONSABILE DEI LAVORI (D.Lgs. 9 aprile 2008 n. 81, art. 90 aggiornato con D.L. 3 agosto 2009 n.106 e

Dettagli

DOTT. ING. DANILO G.M. DE FILIPPO Responsabile U.O. Vigilanza - DTL Siena

DOTT. ING. DANILO G.M. DE FILIPPO Responsabile U.O. Vigilanza - DTL Siena DOTT. ING. DANILO G.M. DE FILIPPO Responsabile U.O. Vigilanza - DTL Siena ddefilippo@lavoro.gov.it http://facebook.com/sinergiaperlasicurezza Cassazione Penale Sez. IV 13 maggio 2010 n.18149 Marzano Sulla

Dettagli

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81

D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 D. Lgs. 9 Aprile 2008 n. 81 TITOLO IV CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI QUADRO GENERALE e CAPO I DIVO PIOLI TUTELA DELLA SALUTE E DELLA SICUREZZA NEI LUOGHI DI LAVORO Attuazione art. 1 L. 123/2007 D.Lgs. 81/08

Dettagli

Gerarchia dei soggetti

Gerarchia dei soggetti Gerarchia dei soggetti Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa P.S.A.L. Via Collodi 13-17100 Savona Direttore dott. Angelo SERGI COMMITTENTE RESPONSABILE DEI LAVORI COORDINATORE IN FASE DI PROGETTAZIONE

Dettagli

N. 02/2013 06 Luglio 2013

N. 02/2013 06 Luglio 2013 N. 02/2013 06 Luglio 2013 Ing. Luca Serafini Sicurezza e ruolo dell'amministratore di Condominio nell'appalto di lavori edili Gli aspetti che analizzeremo nel corso di questo incontro riguardano le responsabilità

Dettagli

Dipartimento di Prevenzione. Corso di aggiornamento per Coordinatori della sicurezza da 40 ore Modulo 2

Dipartimento di Prevenzione. Corso di aggiornamento per Coordinatori della sicurezza da 40 ore Modulo 2 Dipartimento di Prevenzione Struttura Complessa P.S.A.L. Via Collodi 13-17100 Savona Direttore dott. Angelo SERGI Corso di aggiornamento per Coordinatori della sicurezza da 40 ore Modulo 2 Documentazione

Dettagli

IL RUOLO DELL IMPRESA AFFIDATARIA Relatore: Andrea Zaratani

IL RUOLO DELL IMPRESA AFFIDATARIA Relatore: Andrea Zaratani ASSOCIAZIONE TAVOLO 494 IMOLA info@ tavolo494imola.org Atti del convegno DAL D.LGS. 494/96 AL TESTO UNICO DI SICUREZZA: novità e criticità 19 novembre 2008 IL RUOLO DELL IMPRESA AFFIDATARIA Relatore: Andrea

Dettagli

Il decreto legislativo 494/96. Geom. Stefano Fiori

Il decreto legislativo 494/96. Geom. Stefano Fiori Il decreto legislativo 494/96 Geom. Stefano Fiori EVOLUZIONE NORMATIVA DEFINIZIONI Articolo 1 1. Il presente decreto legislativo prescrive misure per la tutela e per la sicurezza dei Lavoratori nei cantieri

Dettagli

Capitolo Secondo. Compiti e responsabilità dei protagonisti della sicurezza

Capitolo Secondo. Compiti e responsabilità dei protagonisti della sicurezza Capitolo Secondo Compiti e responsabilità dei protagonisti della sicurezza I responsabili della sicurezza nei cantieri temporanei o mobili sono: Committente e Responsabile dei lavori (Scheda 2.1) Datore

Dettagli

Ruolo e responsabilità del Committente

Ruolo e responsabilità del Committente www.ordingbo.it Ordine degli Ingegneri della Provincia di Bologna Ruolo e responsabilità del Guida alla sicurezza dei cantieri Coordinatore Premessa Prevenire è meglio che curare. Molti degli incidenti

Dettagli

La Sicurezza nei luoghi di lavoro: - Corso di Aggiornamento per Coordinatori per la Sicurezza in fase di Progettazione e di Esecuzione dei lavori

La Sicurezza nei luoghi di lavoro: - Corso di Aggiornamento per Coordinatori per la Sicurezza in fase di Progettazione e di Esecuzione dei lavori La Sicurezza nei luoghi di lavoro: - Corso di Aggiornamento per Coordinatori per la Sicurezza in fase di Progettazione e di Esecuzione dei lavori Modulo II Le figure responsabili della sicurezza: i Coordinatori

Dettagli

Seminario Sicurezza nei Cantieri Edili

Seminario Sicurezza nei Cantieri Edili Seminario Sicurezza nei Cantieri Edili L idoneità tecnico professionale imprese e lavoratori autonomi Dott. Martini Stefano smartini@ausl.pr.it tel. 0521/865173 tel. 0521/865399 SPSAL - DISTRETTO SUD-EST

Dettagli

COME STA IL TUO CANTIERE?

COME STA IL TUO CANTIERE? Vademecum per l impresa e il cantiere 15x21 30-04-2010 10:56 maggio 2010 Pagina 1 COME STA IL TUO CANTIERE? UNA VISITA TECNICA DEL CTP PUÒ EVITARTI COMPLICAZIONI PRENOTALA ADESSO METTI IN REGOLA IL TUO

Dettagli

COME STA IL TUO CANTIERE?

COME STA IL TUO CANTIERE? Vademecum per l impresa e il cantiere 15x21 30-04-2010 10:56 MAGGIO 2010 Pagina 1 COME STA IL TUO CANTIERE? UNA VISITA TECNICA DEL CTP PUÒ EVITARTI COMPLICAZIONI PRENOTALA ADESSO METTI IN REGOLA IL TUO

Dettagli

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza

Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Check List dei documenti e degli adempimenti inerenti la sicurezza Da tenere in cantiere ai sensi del D. Lgs. 81/08 1. Documentazione Generale 01 02 Cartello informativo di cantiere Notifica Preliminare

Dettagli

D. LGS. 81/08 testo unico sulla sicurezza

D. LGS. 81/08 testo unico sulla sicurezza Campagna straordinaria di formazione per la diffusione della cultura della salute e della sicurezza rivolto al mondo dell impresa. Cantieri di sicurezza 52/1/3/277/2010 D. LGS. 81/08 testo unico sulla

Dettagli

Il coordinatore in materia di salute e sicurezza nei cantieri ai sensi del D.L.vo 494/96

Il coordinatore in materia di salute e sicurezza nei cantieri ai sensi del D.L.vo 494/96 Il coordinatore in materia di salute e sicurezza nei cantieri ai sensi del D.L.vo 494/96 Giornata di Studio 8 Giugno 2006 Ing. Sandro Vescovi INFN - LNF Il settore delle Costruzioni presenta un rischio

Dettagli

Confronto tra il vecchio DLgs 494/96 ed il Titolo IV del nuovo DLgs 81/08

Confronto tra il vecchio DLgs 494/96 ed il Titolo IV del nuovo DLgs 81/08 CONFRONTOn 26-05-2008 13:44 Pagina 8 Confronto tra il vecchio DLgs 494/96 ed il Titolo IV del nuovo DLgs 81/08 Vecchio DLgs. 494/96, 528/99, 276/03 e 251/04 TESTO INTEGRATO In questa colonna le integrazioni

Dettagli

Responsabilità e obblighi degli amministratori di stabili. Lavori Privati Documentazione e DURC

Responsabilità e obblighi degli amministratori di stabili. Lavori Privati Documentazione e DURC Responsabilità e obblighi degli amministratori di stabili Lavori Privati Documentazione e DURC 1 Decreto Lgs. 81/08 Art. 3 Campo di applicazione Punto 1 - Il presente decreto legislativo si applica a tutti

Dettagli

IL COMMITTENTE NEI LAVORI EDILI

IL COMMITTENTE NEI LAVORI EDILI COLLEGIO DEI GEOMETRI E GEOMETRI LAUREATI DELLA PROVINCIA DI SIENA IL COMMITTENTE NEI LAVORI EDILI GUIDA PRATICA SUGLI OBBLIGHI E REPONSABILITA DEL COMMITTENTE E DEL RESPONSABILE DEI LAVORI PREMESSA Con

Dettagli

Assolvere al ruolo di CSE nel migliore dei modi

Assolvere al ruolo di CSE nel migliore dei modi Assolvere al ruolo di CSE nel migliore dei modi Introduzione Assolvere al ruolo di CSE nel migliore dei modi corrisponde per lo più all idea di come fare per evitare profili di colpa nel caso di violazioni

Dettagli

Piano operativo di sicurezza.

Piano operativo di sicurezza. Piano operativo di sicurezza. Contenuti minimi, obbiettivi e obblighi di trasmissione ai sensi del D.Lgs. 81/2008 e s.m.i. Almese, 4 novembre 2009 Dott. Paolo PICCO TdP SPreSAL ASL TO3 - Rivoli (TO) D.Lgs.

Dettagli

Compiti e responsabilità dei Coordinatori

Compiti e responsabilità dei Coordinatori Seminario Tecnico sui piani di sicurezza e di coordinamento: ruolo del C.S.P. E DEL C.S.E. Pistoia, 26 ottobre 2010 Compiti e responsabilità dei Coordinatori dott. ing. Biagio Mugnieco Direzione Provinciale

Dettagli

In caso di Raggruppamento Temporaneo di Imprese/Consorzio ordinario/geie essere presentato un modello per ciascun componente.

In caso di Raggruppamento Temporaneo di Imprese/Consorzio ordinario/geie essere presentato un modello per ciascun componente. Allegato 7 In caso di Raggruppamento Temporaneo di Imprese/Consorzio ordinario/geie essere presentato un modello per ciascun componente. deve Alla Regione Umbria Consiglio Regionale Servizio Risorse Piazza

Dettagli

Edilizia, urbanistica e ambiente Parte 9: Coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dell opera

Edilizia, urbanistica e ambiente Parte 9: Coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dell opera Edilizia, urbanistica e ambiente Parte 9: Coordinamento della sicurezza in fase di esecuzione dell opera Premessa Il presente documento è stato elaborato dal Gruppo di Lavoro Standard di qualità ai fini

Dettagli

DOCUMENTI DI CANTIERE RIFERIMENTI LEGISLATIVI CONTENUTI

DOCUMENTI DI CANTIERE RIFERIMENTI LEGISLATIVI CONTENUTI DOCUMENTI DI CANTIERE RIFERIMENTI LEGISLATIVI CONTENUTI Corso di aggiornamento per coordinatori in fase di progettazione ed esecuzione dei lavori 06/03/2013 Dott. Lucio QUATTROCCHI D.Lgs. 9 aprile 2008,

Dettagli

Associazione Artigiani Piccole e Medie Imprese di Trieste. Ufficio Ambiente e sicurezza

Associazione Artigiani Piccole e Medie Imprese di Trieste. Ufficio Ambiente e sicurezza Associazione Artigiani Piccole e Medie Imprese di Trieste Ufficio Ambiente e sicurezza PROMEMORIA NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DELLE IMPRESE DI CANTIERE 1. DOCUMENTAZIONE GENERALE (a cura dell impresa

Dettagli

Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale. della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro

Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale. della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Una premessa TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro È in vigore dal 15 maggio 2008, il nuovo Testo

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE

DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE IMPRESA CANTIERE COMMITTENTE Comitato Paritetico Territoriale della FeNeal UIL, FILCA-CISL, FILLEA-CGIL della Provincia di L AQUILA - Tel. 0862.401396 Fax. 0862.482093 www.cptlaquila.it

Dettagli

GUIDA SULLA SICUREZZA NEI CANTIERI CORSO SICUREZZA 2014-2015 A CURA DI A. POZZI

GUIDA SULLA SICUREZZA NEI CANTIERI CORSO SICUREZZA 2014-2015 A CURA DI A. POZZI GUIDA SULLA SICUREZZA NEI CANTIERI CORSO SICUREZZA 2014-2015 A CURA DI A. POZZI 1 Chi è il privato È il soggetto per conto del quale viene realizzata l intera opera (es. il proprietario dell immobile,

Dettagli

STUDIO DI ARCHITETTURA

STUDIO DI ARCHITETTURA STUDIO DI ARCHITETTURA 17 - VIA COL DI LANA - 21053 - CASTELLANZA - VARESE - TELEFONO +39 331 501622 - TELEFAX +39 331 501610 - EMAIL mcaldiroli@betanet.it P I A N O D I S I C U R E Z Z A & C O O R D I

Dettagli

TITOLO IV - CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI. 18.51.40 Ing. P. Pierannunzi - Medicina del lavoro 1/106

TITOLO IV - CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI. 18.51.40 Ing. P. Pierannunzi - Medicina del lavoro 1/106 TITOLO IV - CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI 18.51.40 Ing. P. Pierannunzi - Medicina del lavoro 1/106 TITOLO IV CAPO I - MISURE PER LA SALUTE E SICUREZZA NEI CANTIERI TEMPORANEI O MOBILI Articolo 88 - Campo

Dettagli

GESTIONE DEGLI APPALTI. Copyright Diritti riservati

GESTIONE DEGLI APPALTI. Copyright Diritti riservati GESTIONE DEGLI APPALTI Copyright Diritti riservati GESTIONE DEGLI APPALTI RIF. D. LGS. 81/08 s.m.i. Articolo 26 - Obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione Titolo IV Cantieri

Dettagli

Soggetto Documento dovuto Documento opportuno Quando Data Note. scritto con esplicitazione delle incombenze specifiche.

Soggetto Documento dovuto Documento opportuno Quando Data Note. scritto con esplicitazione delle incombenze specifiche. - COMMITTENTE E RESPONSABILE DEI LAVORI - Affidamento incarichi ai Affidamento incarico professionisti: incarico progettazione e/o D.L. scritto con esplicitazione delle incombenze specifiche. Committente

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE

DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE Pagina 1 di 9 DOCUMENTAZIONE DI CANTIERE La documentazione di cantiere si può suddividere in: documentazione indispensabile da conservare in cantiere, documentazione che è opportuno conservare in cantiere,

Dettagli

ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE

ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE ELENCO NON ESAUSTIVO DELLA DOCUMENTAZIONE DA TENERE NEL CANTIERE EDILE DESCRIZIONE DOCUMENTO RIF. e NOTE COMPETENZA DOCUMENTAZIONE INERENTE LA PIANIFICAZIONE IN SICUREZZA DELL ATTIVITÀ DI CANTIERE PSC

Dettagli

Questa guida è destinata:

Questa guida è destinata: PREMESSA Questa guida è destinata: - ai privati cittadini - ai proprietari di immobili - agli amministratori di condominio - ai titolari di aziende (anche agricole) - ai "responsabili di procedimento"

Dettagli

I piani di sicurezza e la stima dei costi

I piani di sicurezza e la stima dei costi I piani di sicurezza e la stima dei costi Corso sulla sicurezza nei cantieri temporanei o mobili di cui al D.Lgs. n. 81/2008 e s.m.i. PIANI Di SICUREZZA/1 Riferimenti normativi Art. 131 del D.Lgs. n. 163/2006

Dettagli

Le malattie professionali da esposizione a:

Le malattie professionali da esposizione a: Le malattie professionali da esposizione a: AMIANTO RUMORE VIBRAZIONI MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI Mauro Valiani Con il decreto 81/2008 (impropriamente Testo Unico..), è cambiato il modo di concepire

Dettagli

COMPARAZIONE FRA D.Lgs. 494/96 e s.m.i. e D.Lgs. 81/2008

COMPARAZIONE FRA D.Lgs. 494/96 e s.m.i. e D.Lgs. 81/2008 COMPARAZIONE FRA D.Lgs. 494/96 e s.m.i. e D.Lgs. 81/2008 Articolo 1 - Campo di applicazione D.Lgs. 494/96 e s.m.i. 1. Il presente decreto legislativo prescrive misure per la tutela della salute e per la

Dettagli

TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08

TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08 TESTO UNICO DELLA SICUREZZA Decreto Legislativo 81/08 Sintesi ragionata delle nuove regole per la gestione aziendale della sicurezza e della salute nei luoghi di lavoro Una premessa È in vigore dal 15

Dettagli

GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA DELL'AMBIENTE DI LAVORO

GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA DELL'AMBIENTE DI LAVORO GESTIONE DEL CANTIERE E SICUREZZA DELL'AMBIENTE DI LAVORO Modulo 1 bis:ruoli e responsabilità in cantiere a cura dell'ing. Laura Nucifora a.s. 2014/15 1 Personale di cantiere Figure tecniche che dirigono

Dettagli

Sicurezza nei Cantieri temporanei o mobili

Sicurezza nei Cantieri temporanei o mobili Sicurezza nei Cantieri temporanei o mobili Titolo IV D. lgs 81-2008 Novelio Furin Marco Zanchin 11 e 18 giugno 2009 Titolo IV del D. lgs 81-2008 Documentazione distribuita 1. Copia della presentazione

Dettagli

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili

la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili COMITATO PARITETICO TERRITORIALE DI TORINO E PROVINCIA la valutazione dei rischi nelle costruzioni edili MODELLI PER LA REDAZIONE DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI, PIANO OPERATIVO DI SICUREZZA E

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI ROMA Corso di Aggiornamento per Coordinatori della Sicurezza in Cantiere () IL DUVRI e i CANTIERI Art. 96 D. Lgs. 81/08 2. L'accettazione da parte di ciascun datore

Dettagli

Sicurezza nei cantieri: cosa cambia

Sicurezza nei cantieri: cosa cambia Caroli_Sicurezza 21-09-2009 13:30 Pagina 6 Come orientarsi nella nuova normativa Sicurezza nei cantieri: cosa cambia Massimo Caroli* Le modifiche introdotte toccano praticamente tutti e tredici i titoli

Dettagli

COORDINATORI PER LA PROGETTAZIONE E PER L ESECUZIONE DEI LAVORI

COORDINATORI PER LA PROGETTAZIONE E PER L ESECUZIONE DEI LAVORI Divisione Formazione Corso di formazione per COORDINATORI PER LA PROGETTAZIONE E PER L ESECUZIONE DEI LAVORI (120 ore) ai sensi del D.Lgs 81/08, art.98 Gennaio febbraio 2011 1 giornata 9.00 12.30 La legislazione

Dettagli

A)REQUISITI DELLE IMPRESE PER L ACCESSO NEI CANTIERI EDILI B)REQUISITI FORMATIVI DEI LAVORATORI

A)REQUISITI DELLE IMPRESE PER L ACCESSO NEI CANTIERI EDILI B)REQUISITI FORMATIVI DEI LAVORATORI A)REQUISITI DELLE IMPRESE PER L ACCESSO NEI CANTIERI EDILI B)REQUISITI FORMATIVI DEI LAVORATORI D. LGS. 81/08 e s.m.i. Relatore : Geom. Massimo Passalacqua SCUOLA EDILE REGIONALE ENTE PARITETICO PER LA

Dettagli

COME STA IL TUO CANTIERE?

COME STA IL TUO CANTIERE? Vademecum per l impresa e il cantiere 15x21 30-04-2010 10:56 Pagina 1 maggio 2010 COME STA IL TUO CANTIERE? UNA VISITA TECNICA DEL CTP PUÒ EVITARTI COMPLICAZIONI PRENOTALA ADESSO METTI IN REGOLA IL TUO

Dettagli

Protocollo di intesa a programmare, ferme restando le specifiche. competenze di ogni soggetto, interventi di prevenzione congiunti e

Protocollo di intesa a programmare, ferme restando le specifiche. competenze di ogni soggetto, interventi di prevenzione congiunti e PROTOCOLLO DI INTESA IN MATERIA DI SICUREZZA, IGIENE NEI LUOGHI DI LAVORO E LEGALITA NELLA REALIZZAZIONE DI UNA NUOVA RESIDENZA UNIVERSITARIA IN PISA Protocollo di intesa a programmare, ferme restando

Dettagli

TESTO UNICO SULLA SICUREZZA. D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008

TESTO UNICO SULLA SICUREZZA. D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. n. 81 del 9 aprile 2008 Principi generali Le disposizioni contenute nel D.Lgs. 81/08 sono: - attuative dell art. 1 della legge 3 agosto 2007 n. 123 - suddivise in XIII

Dettagli

IL RAPPORTO TRA L EX D.LGS. 494/96 ED IL D. LGS. 81/08 ( TESTO UNICO ) - prime note

IL RAPPORTO TRA L EX D.LGS. 494/96 ED IL D. LGS. 81/08 ( TESTO UNICO ) - prime note 11 - IL RAPPORTO TRA L EX D.LGS. 494/96 E IL D. LGS. 81/08 ( TESTO UNICO ) - prime note IL RAPPORTO TRA L EX D.LGS. 494/96 ED IL D. LGS. 81/08 ( TESTO UNICO ) - prime note di Rosario Giurintano - ENGINEERING

Dettagli

PARTE 1^ PARTE 2^ GENERALE ALLEGATI ALLEGATO 2 IL PRESENTE PIANO SICUREZZA E COORDINAMENTO È COMPOSTO DALLE SEGUENTI PARTI:

PARTE 1^ PARTE 2^ GENERALE ALLEGATI ALLEGATO 2 IL PRESENTE PIANO SICUREZZA E COORDINAMENTO È COMPOSTO DALLE SEGUENTI PARTI: IL PRESENTE PIANO SICUREZZA E COORDINAMENTO È COMPOSTO DALLE SEGUENTI PARTI: PARTE 1^ GENERALE PARTE 2^ ALLEGATI ALLEGATO 1 ALLEGATO 2 ELABORATI GRAFICI - LAY OUT DI CANTIERE STIMA DEI COSTI DELLA SICUREZZA

Dettagli

MODULISTICA. (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81 Allegato XV)

MODULISTICA. (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81 Allegato XV) ALLEGATO E Comune di BORGHETTO LODIGIANO Provincia di Lodi MODULISTICA (D.Lgs 9 aprile 2008 n. 81 Allegato XV) OGGETTO: COSTRUZIONE FOGNATURE E COLLEGAMENTO AL COLLETTORE INTERCOMUNALE (2 LOTTO) COMMITTENTE:

Dettagli

La progettazione della sicurezza nei cantieri temporanei e mobili nei Lavori Pubblici

La progettazione della sicurezza nei cantieri temporanei e mobili nei Lavori Pubblici La progettazione della sicurezza nei cantieri temporanei e mobili nei Lavori Pubblici BERGAMO 31.01.2007 www.gruppomercurio gruppomercurio.orgorg FASE PRELIMINARE Individuazione del Responsabile Unico

Dettagli

Gli obblighi documentali da parte dei committenti, imprese, coordinatori per la sicurezza

Gli obblighi documentali da parte dei committenti, imprese, coordinatori per la sicurezza Gli obblighi documentali da parte dei committenti, imprese, coordinatori per la sicurezza Vanno conservati presso il cantiere i documenti indispensabili per dimostrare, in caso di ispezione dell organo

Dettagli

SCHEMA SANZIONATORIO CONNESSO AL DLgs 81/08

SCHEMA SANZIONATORIO CONNESSO AL DLgs 81/08 SCHEMA SANZIONATORIO CONNESSO AL DLgs 81/08 TITOLO I PRINCIPI COMUNI Art. 55 1. E punito con l arresto da tre a sei mesi o con l ammenda da 2.500 a 6.400 euro il datore di lavoro: a) per la violazione

Dettagli

Sogin - Linee Guida sui cantieri temporanei o mobili

Sogin - Linee Guida sui cantieri temporanei o mobili Sogin - Linee Guida sui cantieri temporanei o mobili 1. PREMESSA La disciplina dei cantieri temporanei e mobili ha trovato preciso regolamentazione nel Decreto Legislativo 9 aprile 2008, n. 81, e nel successivo

Dettagli

Quaderno della sicurezza 1 CASO : LAVORI PRIVATI SOGGETTI A DIA ESEGUITI DA 5 LAVORATORI AUTONOMI

Quaderno della sicurezza 1 CASO : LAVORI PRIVATI SOGGETTI A DIA ESEGUITI DA 5 LAVORATORI AUTONOMI ESEMPI PRATICI : LAVORI PRIVATI SOGGETTI A DIA 1 CASO : AUTONOMI Obblighi del COMMITTENTE : 1. Il Committente NON è tenuto a nominare né il CSP, né il CSE, anche se i 5 lavoratori autonomi lavorano contemporaneamente;

Dettagli

IL RESPONSABILE DEI LAVORI (R. L.) Art. 89/1c - D.Lgs n. 81/08-106/09 : E' obbligatoria la sua designazione? Privati NO D.Lgs n.81/2008 TESTO UNICO D.Lgs n.106/2009 CORRETTIVO SULLA SALUTE E SICUREZZA

Dettagli

2. SCOPO Gestione dei fornitori di beni e servizi; Gestione delle imprese esterne e degli appaltatori operanti per conto di Alac SpA.

2. SCOPO Gestione dei fornitori di beni e servizi; Gestione delle imprese esterne e degli appaltatori operanti per conto di Alac SpA. Acquedotto Langhe e Alpi Cuneesi SpA Sede legale in Cuneo, Corso Nizza 9 acquedotto.langhe@acquambiente.it www.acquambiente.it SGSL Procedura Acquisto beni - servizi P06 Rev 01 del 16/09/09 1. DISTRIBUZIONE

Dettagli

Corso di aggiornamento RSPP aziende edili. Lezione: Il Piano di Sicurezza Sostitutivo (P.S.S)

Corso di aggiornamento RSPP aziende edili. Lezione: Il Piano di Sicurezza Sostitutivo (P.S.S) Corso di aggiornamento RSPP aziende edili Lezione: Il Piano di Sicurezza Sostitutivo (P.S.S) In questa unità didattica descriveremo le caratteristiche del Piano di Sicurezza Sostitutivo (P.S.S.). Nello

Dettagli