COMMERCIALISTI DI LA FISCALITA DEGLI. Avv. Sergio Cacopardo. Collegio Universitario d'aragona Catania

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMMERCIALISTI DI LA FISCALITA DEGLI. Avv. Sergio Cacopardo. Collegio Universitario d'aragona Catania 21.02.2008"

Transcript

1 FONDAZIONE DOTTORI COMMERCIALISTI DI CATANIA LA FISCALITA DEGLI IMMOBILI Avv. Sergio Cacopardo

2 Introduzione Base imponibile Poteri di accertamento Responsabilità solidale del cessionario Valore normale Attribuzione i rendita catastale t Vincoli di destinazione

3 Novità del decreto Bersani Compravendite di immobili tra persone fisiche Altre compravendite immobiliari Dichiarazioni obbligatorie da inserire in atto Accertamento

4 Compravendite Immobiliari Il legislatore tributario inizia a porre l attenzione sulle compravendite immobiliari con la legge finanziaria 2006 (L. 266/2005). Nel comma 495 dell art. 1, infatti, si afferma che: Nel quadro delle attività di contrasto all'evasione fiscale, l'agenzia delle entrate e il Corpo della Guardia di finanza destinano quote significative delle loro risorse al settore delle vendite immobiliari, avvalendosi delle facoltà rispettivamente previste dal titolo IV del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600, e dagli articoli 51 e 52 del testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica 26 aprile 1986, n. 131

5 Compravendite Immobiliari Il successivo comma 496 prevede che In caso di cessioni a titolo oneroso di beni immobili acquistati o costruiti da non più di cinque anni, all'atto della cessione e su richiesta della parte venditrice resa al notaio, in deroga alla disciplina di cui all art. 67, comma 1, lettera b), del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, e successive modificazioni, sulle plusvalenze realizzate si applica un'imposta, sostituiva dell'imposta sul reddito, del 20 per cento. A seguito della richiesta, il notaio provvede anche all'applicazione e al versamento dell'imposta sostitutiva della plusvalenza di cui al precedente periodo, ricevendo la provvista dal cedente. Il notaio comunica altresì all'agenzia delle entrate i dati relativi alle cessioni di cui al primo periodo, secondo le modalità stabilite con provvedimento del direttore della predetta Agenzia.

6 Compravendite Immobiliari Il successivo comma 496 introduce per la prima volta il sistema del prezzo valore stabilendo che In deroga alla disciplina di cui all art. 43 del testo unico delle disposizioni concernenti l'imposta di registro, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 26 aprile 1986, n. 131, e fatta salva l'applicazione dell art. 39, primo comma, lettera d), ultimo periodo, del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600, per le sole cessioni nei confronti di persone fisiche che non agiscano nell'esercizio di attività commerciali, artistiche o professionali, aventi ad oggetto immobili ad uso abitativo e relative pertinenze, all'atto della cessione e su richiesta della parte acquirente resa al notaio, la base imponibile ai fini delle imposte di registro, ipotecarie e catastali è costituita dal valore dell'immobile determinato ai sensi dell art. 52 commi 4 e 5, del citato testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica n. 131 del 1986, indipendentemente dal corrispettivo pattuito indicato nell'atto. Le parti hanno comunque l'obbligo di indicare nell'atto il corrispettivo pattuito. Gli onorari notarili sono ridotti del 30 per cento.

7 Compravendite Immobiliari Il comma 498, poi, conclude la parte dedicata alle compravendite immobiliari della finanziaria 2006 affermando I contribuenti che si avvalgono delle disposizioni di cui ai commi 496 e 497 sono esclusi dai controlli di cui al comma 495 e nei loro confronti non trovano applicazione le disposizioni di cui agli articoli 38, terzo comma, del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 600, e 52, comma 1, del citato testo unico di cui al decreto del Presidente della Repubblica n. 131 del Se viene occultato, anche in parte, il corrispettivo pattuito, le imposte sono dovute sull'intero importo di quest'ultimo e si applica la sanzione amministrativa dal cinquanta al cento per cento della differenza tra l'imposta dovuta e quella già applicata in base al corrispettivo dichiarato, detratto l'importo della sanzione eventualmente irrogata ai sensi dell'articolo 71 del medesimo decreto del Presidente della Repubblica n. 131 del 1986

8 Compravendite immobiliari Le norma prima rappresentate della Finanziaria 2006 sono state citate nel testo attualmente in vigore e già modificato dai commi da 21 a 23 ter dell art. 35 del DL 223/2006 (decreto Bersani) conv. con mod. dalla L. 248/20006 che hanno introdotto altre novità agli atti di trasferimento immobiliare. Ambito di applica Riduzio zione i ne onorari Prezzo valore Dichi arazi oni in atto Esclusi one controll iaree edifica bili

9 Compravendite Immobiliari: le novità del decreto Bersani e della finanziaria 2007 Introduzione di alcune modifiche ai commi 497 e 498 sull ambito oggettivo dell applicazione del sistema del prezzo valore; Sterilizzazione del sistema di valutazione automatica relativamente ai trasferimenti immobiliari diversi da quelli in cui si applica il prezzo valore Obbligo di indicare una serie di elementi informativi concernenti la transazione Nuovi e più pregnanti poteri di accertamento dell Amministrazione finanziaria nelle compravendite immobiliari sia per quanto riguarda le imposte d atto che l IVA ed il reddito di impresa in relazione.

10 Compravendite Immobiliari: le novità del decreto Bersani e della finanziaria 2007 L art. 52, comma IV del DPR 131/1986 prevede l impossibilitàibilità per l Amministrazione finanziaria di procedere all accertamento t di maggior valore qualora in atto venga dichiarato il valore catastale rettificato t per il coefficiente i moltiplicatore li t previsto per l immobile oggetto del trasferimento.

11 Compravendite Immobiliari: le novità del decreto Bersani e della finanziaria 2007 Il sistema del prezzo valore si applica solo per i trasferimenti: Che abbiano ad oggetto immobili ad uso abitativo e relative pertinenze Nei quali le parti siano entrambi persone fisiche che non agiscano nell esercizio esercizio di impresa arte o professione Con la finanziaria 2007 (comma 309) è stato modificato il requisito soggettivo, per cui è necessario che almeno l acquirente sia una persona fisica che non agisca nell esercizio di impresa arte o professione

12 Compravendite immobiliari Su semplice richiesta resa dall acquirente al notaio in sede di atto, le imposte, anziché sul corrispettivo pattuito dalle parti in sede di rogito si applicano al valore dell immobile determinato t su base catastale ai sensi del già citato art. 52 c. 4 e 5 DPR 131/1986 (valutazione automatica). ti Tale espressa richiesta deve essere recepita nel rogito notarile.

13 Compravendite immobiliari Coloro che si avvalgono della facoltà della tassazione sulla base del cd prezzo valore sono esclusi dalla possibile rettifica del valore degli immobili. Si applica in sostanza la valutazione automatica di cui al citato art. 52 DPR 131/1986

14 Compravendite immobiliari Il co. 21 dell art. 35 del decreto Bersani prevede che: le parti hanno comunque l obbligo di indicare nell atto il corrispettivo pattuito Gli onorari notarili sono abbattuti del 30 % Se viene occultato, t anche in parte, il corrispettivo pattuito, le imposte sono dovute sull'intero importo di quest'ultimo e si applica la sanzione amministrativa dal cinquanta al cento per cento della differenza tra l'imposta dovuta e quella già applicata in base al corrispettivo dichiarato, detratto l'importo della sanzione eventualmente irrogata ai sensi dell articolo 71 del medesimo DPR 131/1986

15 Compravendite immobiliari Oltre alla richiesta di tassazione sulla base del meccanismo del prezzo valore ed alla conseguente necessaria indicazione del corrispettivo pattuito, è fatto obbligo alle parti di indicare nell atto di compravendita: Le modalità di pagamento del corrispettivo, ivi compresi anche i pagamenti già in precedenza effettuati a qualsiasi titolo (acconto o caparra confirmatoria); Se si è avvalsa a di un mediatore, e, indicando, do, in caso affermativo, at le generalità del mediatore ed i dati identificativi dello stesso (numero di iscrizione alla camera di commercio ecc.), le eventuali spese sostenute per la relativia attività e le modalità di pagamento. In caso di dichiarazioni mendaci o incomplete o omesse si applica la sanzione da 500 a euro.

16 Compravendite immobiliari Inoltre, in questo caso, viene meno la preclusione dell accertamento di valore (cioè l eventuale applicazione della regola prezzo valore) con la conseguenza che la base imponibile non sarà più costituita dal valore catastale, ma dal valore venale oggetto della cessione.

17 Compravendite immobiliari Riassumendo: Naturalmente la compravendita sconta le imposte sulla base imponibile costituita dal corrispettivo indicato dalle parti e tale importo può essere rettificato in corrispondenza di un maggior valore di mercato dell immobile trasferito. La parte acquirente può tuttavia richiedere l applicazione del prezzo valore in tal caso la compravendita sconta le imposte sul valore catastale aggiornato e tale valore non può rettificato dall Agenzia delle Entrate sulla base di un maggior valore di mercato dell immobile.

18 Compravendite immobiliari Nel caso in cui l Agenzia accerti l eventuale occultamento di corrispettivo verificando una discrepanza tra il corrispettivo indicato in atti e quello effettivamente pagato si determina che: L Amministrazione applica una sanzione tra il 50 % ed il 100 % della differenza tra l imposta dovuta e quella già applicata. La stessa Amministrazione è libera di procedere all accertamento di valore dell immobile trasferito qualora il valore di mercato risulti superiore al valore catastale. Appare chiaro che in quest ultimo caso la sanzione irrogata sul maggior valore di mercato andrà a ridurre la sanzione irrogata per occultamento del corrispettivo.

19 Compravendite immobiliari Il metodo del prezzo valore è applicabile anche alle divisioni ereditarie ma solo a quelle dove emerga un conguaglio (la norma si riferisce solo alle cessioni a titolo onerose e laddove emerge un conguaglio è assimilabile ad una cessione), ma tale criterio potrà tà applicarsi i solo per la parte di conguaglio relativa all abitazione riferito al valore venale complessivo dei beni divisi (Ris n. 136/E)

20 Valore automatico ed imposta di successione Ai sensi dell art. 34 del d.lgs. 346/1990 nel caso di successione di beni immobili viene preclusa all Amministrazione finanziaria la possibilità di procedere alla rettifica di valore degli immobili quando sia dichiarato un moltiplicatore della rendita catastale aggiornata.

21 Valore automatico ed imposta di successione Come detto il decreto Bersani ha limitato la valutazione automatica a pochissime tipologie di trasferimenti a titolo oneroso, reintroducendosi per la generalità dei trasferimenti il principio p del valore normale del bene trasferito. Questa importante innovazione non ha modificato il citato art. 34 del d.lgs. 346/1990

22 Valore automatico ed imposta di successione che regola la determinazione del valore degli immobili caduti in successione, con la conseguenza che trattandosi di norma autonoma e speciale, la stessa dovrebbe continuare a trovare applicazione in relazione a tuttitti gli immobili (fabbricati urbani e terreni agricoli) caduti in successione.

23 Compravendite immobiliari Il comma 4 dell art. 52 del DPR 131/1986 prevede che non si applica la valutazione automatica per i terreni per i quali gli strumenti urbanistici prevedono la destinazione edificatoria. L art art. 36 comma II del decreto Bersani ha specificato che un area è da considerare fabbricabile:

24 Compravendite immobiliari se utilizzabile a scopo edificatorio in base allo strumento urbanistico generale adottato dal comune, indipendentemente dall approvazione della regione e dall adozione di strumenti attuativi del medesimo. Specialità diritto tributario

25 Compravendite immobiliari Si è recepito l orientamento giurisprudenziale sostanzialista secondo cui "non occorre che lo strumento urbanistico, adottato t dal comune, abbia perfezionato il proprio iter di formazione mediante l'approvazione da parte della regione, atteso che l'adozione dello strumento urbanistico, con inserimento di un terreno con destinazione edificatoria, imprime al bene una qualità che è recepita dalla generalità dei consociati come qualcosa di già esistente e di difficile reversibilità e, quindi, è sufficiente a fare venir meno, ai fini anzidetti, la presunzione del rapporto proporzionale tra reddito dominicale risultante in catasto e valore del terreno medesimo, posto a fondamento della valutazione automatica (Cass. SS UU n e Cass n )

26 Compravendite immobiliari Il comma 22.1 dell art. 35 del decreto Bersani prevede che In casodi omessa, incompleta o mendace indicazione dei dati di cui al comma 22, si applica la sanzione amministrativa i ti da 500 euro a euro e, ai fini dell'imposta di registro, i beni trasferiti sono assoggettati ti a rettifica di valore ai sensi dell art. 52 comma 1, del testot unico delle disposizionii i i concernenti l'imposta di registro, di cui al DPR 131/1986

27 Compravendite immobiliari In sostanza, quindi, anche nel caso in cui sia omessa, incompleta o mendace una delle dichiarazioni obbligatorie in atto, l Amministrazione sarà libera di sottoporre gli immobili trasferiti ad accertamento di valore ex art. 52 DPR 131/1986.

28 Compravendite immobiliari Il comma 5 bis dell art. 52 del DPR prevede che Le disposizioni dei commi 4 e 5 non si applicano relativamente alle cessioni di immobili e relative pertinenze diverse da quelle disciplinate dall art art. 1 comma 497 della Legge 23 dicembre 2005, n. 266, e successive modificazioni.

29 Compravendite immobiliari Il valore normale, accertabile dall Ufficio, si applica per tutte le transazioni diverse da quelle riguardanti abitazioni e relative pertinenze nelle quali l acquirente sia una persona fisica che NON agisca nell esercizio di attività commerciali, artistiche o professionali e chiunque sia il venditore.

30 Compravendite immobiliari Specularmente alla maggiore rilevanza del valore di mercato, sono stati ampliati i poteri di accertamento dell Agenzia delle entrate. Il comma 24 dell art art. 35 del decreto Bersani ha introdotto nel DPR 131/1986 l art. 53 bis che prevede che Le attribuzioni e i poteri di cui agli artt. 31 e seguenti del DPR 1973/600 possono essere esercitati anche ai fini dell'imposta di registro, nonché delle imposte ipotecaria e catastale.

31 Compravendite immobiliari Ai poteri già previsti dagli artt. 51 comma 4 (aziende e diritti reali su di esse), 63 (richiesta di atti e notizie ai soggetti obbligati a richiedere la registrazione degli atti) e 68 (presentazione del repertorio da parte dei pubblici ufficiali), sono aggiunti tutti i controlli ed i poteri previsti dall art. 32 del DPR 600/1973:

32 Compravendite immobiliari Accessi, ispezioni e verifiche anche presso i locali ove si esercita l attività di intermediazione immobiliare, per acquisire dati e notizie ii riguardanti i lemediazioni i i svolte, raffrontrandole con le dichiarazioni sostitutive rese in atto dalle parti contraenti. Una tale forma di controllo, peraltro, permette anche di verificare l osservanza dell obbligo, introdotto con il comma 46 dell art. 1 della finanziaria 2007 di registrare le scritture private non autenticate di natura negoziale stipulate a seguito della conclusione di affari di intermediazione immobiliare. Obbligo che è stato posto a carico dei mediatori, resi anche obbligati in solido con le parti al versamento dell imposta di registro dovuta sulle suddette scritture private.

33 Compravendite immobiliari Obbligo che è stato posto a carico dei mediatori, resi anche obbligati in solido con le parti al versamento dell imposta di registro dovuta sulle suddette scritture private Invii di richieste e questionari al contribuente, invitandolo a comparire per fornire notizie ritenute utili all attività attività di verifica Invii di richieste a soggetti diversi dal contribuente quali Amministrazioni dello Stato, soggetti obbligati alla tenuta

34 Compravendite immobiliari di scritture contabili, amministratori di condomini, notai ed altri pubblici i ufficiali; i Indagini finanziarie. L Agenzia può chiedere agli operatori finanziari qualsiasi tipo di dati e notizie ed informazioni relative ad operazioni poste in essere dal contribuente, al fine di verificare il corrispettivo effettivamente pagato.

35 Compravendite immobiliari Dette indagini possono essere svolte anche nei confronti di soggetti terzi rispetto al contribuente, tib t con particolare riguardo ai soggetti legati al contribuente tib t da vincoli di parentela, qualora l ufficio anche mediante presunzioni, purchè gravi precise e concordanti, abbia motivo di ritenere che le movimentazioni finanziarie di terzi possano essere imputate t ad una delle parti contraenti dell atto.

36 Compravendite immobiliari Il decreto Bersani ha integrato la lett. d) primo comma dell art. 39 del DPR 600/1973 in materia di imposte sui redditi ed il III comma dell art. 54 del DPR 633/1972 in materia di IVA nel senso che:

37 Compravendite immobiliari - valore normale Per le cessioni aventi ad oggetto beni immobili ovvero la costituzione o il trasferimento di diritti reali di godimento sui medesimi beni, la prova di cui al precedente periodo s'intende integrata anche se l'infedeltà dei relativi ricavi viene desunta sulla base del valore normale dei predetti beni, determinato ai sensi dell'art art. 9delTUIR

38 Compravendite immobiliari - valore normale Il valore normale è definito dagli artt. 14 del DPR 633/1972 e 9 del TUIR quale il prezzo o corrispettivo mediamente praticato per i beni o i servizi della stessa specie o similari, in condizione di libera concorrenza ed al medesimo stadio di commercializzazione, nel tempoenel luogo in cui beni oservizi iisono stati acquisiti o prestati e in mancanza, nel tempo e nel luogo più prossimi

39 Compravendite immobiliari - valore normale L art. 1 comma 261 della Finanziaria 2008 ha aggiunto due riferimenti: La distinta applicazione del valore normale = prezzo valore normale =costo per beni eservizi i oggetto dell attività propria dell impresa. Diversamente per il valore normale occorre riferirsi al costo; Aggancio valore normale IVA = valore normale II DD per la messa a disposizione di veicoli ai dipendenti (sottratti dall autoconsumo di servizi di cui all art. 3)

40 Compravendite immobiliari - valore normale Il concetto di valore normale è anche indicato all art. 72 della Direttiva CE n. 112 secondo cui si intende l intero importo che l acquirente o il destinatario al medesimo stadio di commercializzazione di quello in cui avviene la cessione di beni dovrebbe pagare, in condizioni di libera concorrenza, ad un cedente o prestatore indipendente nel territorio dello Stato membro in cui l operazione è imponibile per ottenere i beni o servizi in questione al momento di tale cessione o prestazione

41 Compravendite immobiliari - valore normale Il comma 307 dell art. 1 della L n. 296 (finanziaria 2007) ha stabilito che per l uniforma e corretta applicazione delle norme tributarie che richiamano il valore normale in materia immobiliare sono periodicamente individuati i criteri utili per la sua determinazione.

42 Compravendite immobiliari - valore normale Il valore normale di un fabbricato è determinato attraverso un operazione aritmetica che varia a seconda che si tratti di un immobile abitativo o meno. Il valore degli immobili abitativi è dato dal prodotto in metri tiquadri died il valore unitario i del bene tenendo conto sia delle quotazioni OMI sia dei coefficienti di merito relativi alle caratteristiche dell immobile.

43 Compravendite immobiliari - valore normale Per gli immobili diversi dalla abitazioni il valore normale è determinato t dalla media tra il valore minimo e massimo espresso dall OMI riferiti iti al periodo dell atto ead uno stato conservativo normale per la specifica destinazione i d uso. Inoltre occorre tenere conto anche di una serie di criteri:

44 Compravendite immobiliari - valore normale Valore del mutuo; Prezzi di altri atti per immobili analoghi nel medesimo periodo; Prezzi che emergono da accertamenti effettuati (indagini finanziarie); Offerte di vendita del medesimo soggetto; Analoghe vendite del medesimo soggetto; Ristrutturazioni emerse da autorizzazioni e DIA.

45 Compravendite immobiliari - valore normale

46 Compravendite immobiliari - valore normale torioimmobiliare/pubblicazioni.htm Il sito dell agenzia del territorio dove verificare l OMI

47 Compravendite immobiliari - valore normale

48 Compravendite immobiliari - valore normale Il comma 23 bis del decreto Bersani prevede che Per i trasferimenti immobiliari soggetti ad IVA finanziati mediante mutui fondiari o finanziamenti bancari,, ai fini delle disposizioni di cui all'art. 54 del DPR 1972/633, terzo comma, ultimo periodo, il valore normale non può essere inferiore i all'ammontare del mutuo o finanziamento erogato

49 Compravendite immobiliari - valore normale Nel caso in cui nel mutuo siano comprese anche somme destinate alla ristrutturazione dell immobile la Ris. 122/E del ha chiarito che Nel caso in cui l imponibile dichiarato sia inferiore all'ammontare ammontare del mutuo concesso all'acquirente in relazione all'acquisto di un immobile, lo stesso può essere rettificato in aumento, almeno sino a concorrenza dell'ammontare del mutuo, ferma restando la possibilità del contribuente tib t di fornire prova contraria. Nel caso in cui nel contratto tt sia specificato che parte della somma mutuata è destinata a coprire i costi dei lavori di ristrutturazione dell'immobile, per vincere la presunzione secondo cui il valore normale dell'immobile è determinato in misura non inferiore all'ammontare del mutuo, occorre fornire la prova documentata dei lavori di ristrutturazione effettuati sull'immobile acquistato. A tale scopo potranno essere esibite le autorizzazioni ad eseguire i lavori rilasciate dall'ente locale competente, ove previste, i preventivi relativi ai lavori da svolgere, le fatture di pagamento e ogni altra utile documentazione.

50 Compravendite immobiliari: valore normale Ancora relativamente al valore normale, non si può aprioristicamente escludere la possibilità che, lo stesso, coincida con il valore catastale, come evidenziato da alcune pronunce della giurisprudenza di merito, in base alle quali l istituto della valutazione automatica è finalizzato a..facilitare i rapporti tra il contribuente e l Amministrazione finanziaria,a decongestionare e sfoltire sot il contenzioso oso tributario.. deve e peraltro ritenersi e che il valore aoe determinato ai sensi dell art. 52 D.P.R. 131/1986 abbia ormai la valenza di un criterio che si aggiunge a quelli già in uso, con l indubbio vantaggio di essere di carattere oggettivo (C.T.R. Roma sent. 130 del ).

51 Compravendite immobiliari: valore normale Siffatto orientamento, riprende quanto aveva statuito la Corte di Cassazione la nuova normativa pone come valore convenzionale dell immobile quello corrispondente al multiplo del reddito risultante dal catasto (C. Cass. sent. n del )

52 Compravendite immobiliari: valore normale La Corte di Cassazione con la sentenza n in sede non tributaria ma di applicazione dell art. 726 c.c. ritiene che la determinazione del valore venale non deve essere il contemperamento di varie medie ma la scelta di un preciso criterio e che comunque il valore venale è quello a cui quella cosa in vendita trovi un acquirente.

53 Compravendite immobiliari valore normale Occorre comunque che: La contrattazione sia in libertà tra le parti e di libera concorrenza dal mercato; Indipendenza da particolari condizionamenti; Inesistenza di condizioni di eccezionalità; Prossimità ità del parametro di valutazione

54 Valore normale IVA Nell inserimento nell art. 54 del DPR 633/1972 quando si fa riferimento alla provap di cui al precedente periodo ci si riferisce al IV comma dell art. 54 cioè all accertamento accertamento analitico (la rettifica risulti in modo certo e diretto e non in via presuntiva ).

55 Valore normale IVA Con il decreto Bersani si è anche abrogato l art. 15 del DL 41/1995 in base al quale veniva disposto che l ufficio non potesse provvedere alla rettifica del corrispettivo per le cessioni di fabbricati appartenenti alle categorie A, B e C, se lo stesso risultava non inferiore al valore catastale degli immobili.

56 Valore normale IVA La prova certa e diretta è data dalla cessione al di sotto del valore normale. In materia IVA vi sono due elementi: La nuova norma si colloca delle rettifiche di tipo analitico; nell ambito La base imponibile in materia di IVA è di regola costituita dal corrispettivo dovuto.

57 Valore normale IVA Alla luce dell attuale contesto normativo si pone il problema di capire se il valore normale degli immobili si possa porre quale (unica) prova per legittimare una rettifica della dichiarazione IVA. Uno dei principi dell IVA è quello che individua la base imponibile dell operazione nel corrispettivo dovuto

58 Valore normale IVA Tale dogma viene derogato solo in alcune ipotesi specifiche per le quali viene assunto il cd valore normale. Ricordiamo la Ris in regime del DL 41/95 che prevedeva che anche il valore catastale (ex art. 15) non era una deroga al criterio della base imponibile = corrispettivo.

59 Valore normale IVA Se anche il valore catastale poteva solo indirizzare i controlli ma non essere la loro unica base anche adesso che il valore catastale non c è più non ci pare che una rettifica analitica (attenzione analitica e non analitica induttiva).

60 Valore normale IVA Contrasto con la normativa comunitaria. La sentenza della Corte di Giustizia i UE causa C-412/03 stabilisce che la base imponibileibil IVA è data dal corrispettivo versato o da versare al fornitore. La direttiva 2006/69/CE prevede ipotesi specifiche di riferimento al valore normale

61 Valore normale II DD A differenza che in materia di IVA, in campo di II DD l inserimentoi nel I comma lett. d) dell art. 39 del DPR 600/1973 riferisce i l accertamento t sulla base del valore normale alle rettifiche analitiche induttive (presunzione semplice ma munita ex se di gravità, precisione e concordanza).

62 Valore normale II DD Qualche autore dissente parificando il valore normale alle stime UTE che da sole non possono suffragare unaccertamento essendo dei meri indizi. L accertamento si riferisce solo ai ricavi e non agli altri elementi di reddito quali le plusvalenze.

63 Valore normale retroattività Il comma 265 dell art. 1 della L. 244/2007 (finanziaria 2008) ha stabilito che per gli atti formati anteriormente al , le presunzioni del valore normale introdotte dal decreto Bersani, valgono come presunzioni semplici non consentendo alcuna inversionei automatica ti dell onere probatorio potendo solo indirizzare l attività di controllo ma non basare un accertamento. In quanto novità di carattere procedimentale e non sostanziale, l Agenzia aveva ritenuto che avesse valore retroattivo (CIrc. 11/E , 2007 risposta a quesito punto 12.4)

64 Responsabilità solidale del cessionario La Finanziaria 2008 ha introdotto una nuova fattispecie nell art art. 60 bis DPR 633/1972 secondo cui se l importo indicato quale corrispettivo in un atto di trasferimento immobiliare e nella relativa fattura sia inferiore i a quello reale il cessionario, anche se non esercente impresa, arte o professione, è responsabile in solido con il cedente per il pagamento dell imposta relativa alla differenza tra il corrispettivo indicato e quello effettivo nonchè alla relativa sanzione.

65 Responsabilità solidale del cessionario Non si può applicare sulla base del valore normale marichiede una dimostrazione i reale di corrispettivo non dichiarato. Non si applica nemmeno sull IVA dichiarata e non versata dal cedente. Non si applica a cascata ma atto specifico con un cedente ed un cessionario (sanzione elemento psicologico)

66 Attribuzione rendita catastale: efficacia nel tempo ai fini ICI In merito alla retroattività o meno degli effetti derivanti dall attribuzione e/o modifica della rendita catastale ai fini ICI, registriamo diversi orientamenti: Effetto retroattivo (variazioni di rendita con sentenza): Sul punto l Agenzia del territorio con la Ris. n. 1/T del , ha precisato che anche alle modificazioni della rendita catastale scaturenti dalle sentenze emesse in sede Tributaria possa essere riconosciuta efficacia retroattiva, analogamente a quelle derivanti dall esercizio della potestà di autotutela(effetti che retroagiscono al momento della domanda)

67 segue La posizione dell Agenzia del Territorio riflette fedelmente il principio sancito dalla Sentenza della Corte di Cassazione (n del ) circa l opportunità di recuperare il carattere retroattivo delle decisioni adottate dal giudice Tributario, in analogia a quanto avviene nel caso di annullamento di ufficio nell esercizio del potere di autotutela. Ad analoga conclusione è giunta la C.T.P. di Catania che, su un ricorso avverso accertamento ICI per l anno 2002, calcolata su una rendita catastale pendente in un altro giudizio

68 segue ha statuito che pende avanti la CTR giudizio sulla Attribuzione della rendita (catastale) che è indubbiamente pregiudiziale a quello odierno sul pagamento dell ICI il Collegio ritiene di dovere disporre che l ICI dell anno 2002, per cui è controversia, venga rideterminata a cura dell Ente Impositore sulla base della sentenza che sarà emessa in ordine alla rendita (C.T.P. Catania sent. n. 699/6/07 del ).

69 Modifiche attribuzione rendita catastale Irretroattività degli effetti (modifiche sopravvenute) Sul punto segnaliamo alcuni orientamenti della giurisprudenza di legittimità: quando l immobile sia andato distrutto, correttamente, il Comune provvede all applicazione dell Ici, sia pure in misura ridotta (ex art. 8 D.Lgs. 504/1992) senza che retroagisca l azzeramento della rendita catastale, successivamente disposto dall UTE (Cass (Cass. sent. n ). Peraltro, la Suprema Corte distingue fra efficacia ed applicabilità delle variazioni della rendita:

LA DISCIPLINA FISCALE NEL SETTORE IMMOBILIARE

LA DISCIPLINA FISCALE NEL SETTORE IMMOBILIARE LA DISCIPLINA FISCALE NEL SETTORE IMMOBILIARE Le procedure di controllo ed accertamento basate sul valore normale degli immobili a cura di avv. Maurangelo Rana Milano, 26 novembre 2008 PREMESSA Il D.L.

Dettagli

L IMPOSTA DI REGISTRO SUI TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: REGOLE GENERALI DI TASSAZIONE

L IMPOSTA DI REGISTRO SUI TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: REGOLE GENERALI DI TASSAZIONE L IMPOSTA DI REGISTRO SUI TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: REGOLE GENERALI DI TASSAZIONE REGOLE GENERALI EX DPR 131/1986: Art. 43 Comma 1, lettera a): per i contratti a titolo oneroso traslativi o costitutivi

Dettagli

STUDIO NOTAIO FRANCESCO PALLINO

STUDIO NOTAIO FRANCESCO PALLINO A CURA DELLA COMMISSIONE STUDI DELLO STUDIO NOTAIO FRANCESCO PALLINO Palazzo Vitalba, Via Broseta n.35 24122 Bergamo Tel. 035/218296 Fax 035/4229634 E-mail notaio.pallino@studiopallino.it IL TRUST E I

Dettagli

FISCALITÀ DEL TRUST. Torino, 07.12.2012 Gruppo di lavoro Trust Dott. Massimo BOIDI Dott. Alessandro TERZUOLO

FISCALITÀ DEL TRUST. Torino, 07.12.2012 Gruppo di lavoro Trust Dott. Massimo BOIDI Dott. Alessandro TERZUOLO FISCALITÀ DEL TRUST Torino, 07.12.2012 Gruppo di lavoro Trust Dott. Massimo BOIDI Dott. Alessandro TERZUOLO FISCALITÀ DIRETTA DEL TRUST Dott. Massimo BOIDI ASPETTI GENERALI La Finanziaria 2007 ha riconosciuto

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E INDICE

CIRCOLARE N. 6/E INDICE CIRCOLARE N. 6/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 06 febbraio 2007 OGGETTO: Decreto legge 4 luglio 2006, n. 223 convertito con modificazioni dalla legge 4 agosto 2006, n. 248 - Nuovi poteri degli

Dettagli

IL TRUST: PRINCIPI GENERALI, MODALITA APPLICATIVE E CASI DI STUDIO Roma, 12 APRILE 2011 Domenico Rinaldi

IL TRUST: PRINCIPI GENERALI, MODALITA APPLICATIVE E CASI DI STUDIO Roma, 12 APRILE 2011 Domenico Rinaldi IL TRUST: PRINCIPI GENERALI, MODALITA APPLICATIVE E CASI DI STUDIO Roma, 12 APRILE 2011 Domenico Rinaldi COSTI DEL TRUST Costi una tantum Imposta sulle donazioni (Circolare Agenzia delle Entrate n. 3 28/01/2008)

Dettagli

NOVITÀ SUI TRASFERIMENTI IMMOBILIARI

NOVITÀ SUI TRASFERIMENTI IMMOBILIARI NOVITÀ SUI TRASFERIMENTI IMMOBILIARI La figura importante ed emergente dell'agente immobiliare esce allo scoperto per la Finanziaria. anche con attribuzione di compiti di esattore di imposte come quelle

Dettagli

I Passaggi Generazionali Aspetti Fiscali

I Passaggi Generazionali Aspetti Fiscali I Passaggi Generazionali Aspetti Fiscali Verona, 29 settembre 2011 dott. stefano dorio dott. emanuele dorio IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E SULLE DONAZIONI STRUTTURE SOCIETARIE TRUST Imposta Successioni e

Dettagli

(*) Sentenze reperite sul sito www.il- trust- in- italia.it

(*) Sentenze reperite sul sito www.il- trust- in- italia.it Giurisprudenza Tributaria in materia di tassazione di conferimento di beni in Trust (*) Comm. Trib. Prov. Perugia 19.06.2014 n. 470/2/14 Dichiara che, al momento dell'istituzione di un trust, il beneficiario

Dettagli

IL VALORE FISCALE DEGLI IMMOBILI

IL VALORE FISCALE DEGLI IMMOBILI CONSIGLIO NOTARILE DEI DISTRETTI RIUNITI DI VICENZA E BASSANO DEL GRAPPA ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI VICENZA CONVEGNO IL VALORE FISCALE DEGLI IMMOBILI VICENZA 18 Novembre

Dettagli

Accertamento immobiliare: la rilevanza del fattore prezzo

Accertamento immobiliare: la rilevanza del fattore prezzo Approfondimenti e procedure Accertamento immobiliare: la rilevanza del fattore prezzo di Carlo Motta* e Luca Bilancini** La giurisprudenza più recente ha portato alla luce, ancora una volta, la problematica

Dettagli

RISOLUZIONE N. 248/E

RISOLUZIONE N. 248/E RISOLUZIONE N. 248/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 17 giugno 2008 OGGETTO: Interpello -ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Prova del valore normale nei trasferimenti immobiliari soggetti

Dettagli

LE IMPOSTE INDIRETTE: IMPOSTA DI REGISTRO (artt.1 e 2 D.P.R. 131/86)

LE IMPOSTE INDIRETTE: IMPOSTA DI REGISTRO (artt.1 e 2 D.P.R. 131/86) PLANNING E CONSULENZA FISCALE E SOCIETARIA LE IMPOSTE INDIRETTE: IMPOSTA DI REGISTRO (artt.1 e 2 D.P.R. 131/86) 1 L imposta di registro appartiene alla famiglia delle imposte indirette. DEFINIZIONE: le

Dettagli

Responsabilità del committente e dell appaltatore per i debiti fiscali - Novità del DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98

Responsabilità del committente e dell appaltatore per i debiti fiscali - Novità del DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98 Circolare n. 26 del 13 settembre 2013 Responsabilità del committente e dell appaltatore per i debiti fiscali - Novità del DL 21.6.2013 n. 69 conv. L. 9.8.2013 n. 98 INDICE 1 Responsabilità ai fini fiscali

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011 CIRCOLARE N. 12/E

Roma, 11 marzo 2011 CIRCOLARE N. 12/E CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO: Modifiche alla disciplina del leasing immobiliare Articolo 1, commi 15 e 16, della legge 13 dicembre 2010, n.220 (legge di stabilità

Dettagli

CIRCOLARE INFORMATIVA

CIRCOLARE INFORMATIVA CIRCOLARE INFORMATIVA Oggetto: Legge 248/2006 PRINCIPALI NOVITA SUGLI IMMOBILI Con l approvazione del D.l. n. 223/2006 nella legge n. 248/2006, sono stati apportati notevoli cambiamenti al regime IVA degli

Dettagli

AGEVOLAZIONI. Sommario: 1) Agevolazioni prima casa in sede di. acquisto a titolo oneroso; B) Per i trasferimenti

AGEVOLAZIONI. Sommario: 1) Agevolazioni prima casa in sede di. acquisto a titolo oneroso; B) Per i trasferimenti AGEVOLAZIONI Sommario: 1) Agevolazioni prima casa in sede di acquisto a titolo oneroso; B) Per i trasferimenti soggetti ad Imposta sul Valore Aggiunto; imposte ipotecarie e catastali in caso di agevolazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

6 LA CESSIONE DEL FABBRICATO

6 LA CESSIONE DEL FABBRICATO IN PRATICA 6 LA CESSIONE DEL FABBRICATO Nel caso di cessione del fabbricato, sia per atto tra vivi che mortis causa, si possono presentare, come vedremo nel capitolo, diverse problematiche di carattere

Dettagli

Oggetto: LE INDICAZIONI DA INSERIRE NEGLI ATTI DI COMPRAVENDITA IMMOBILIARE

Oggetto: LE INDICAZIONI DA INSERIRE NEGLI ATTI DI COMPRAVENDITA IMMOBILIARE Da: oihllk lkhjbo Oggetto: ATTI DI COMPRAVENDITA Data: 16 settembre 2008 23:11:49 GMT+02:00 Oggetto: LE INDICAZIONI DA INSERIRE NEGLI ATTI DI COMPRAVENDITA IMMOBILIARE In occasione

Dettagli

!!"#$$#%&!!"$#$! - )+)..///* + 0%1"%$2$3 #! 4$!

!!#$$#%&!!$#$! - )+)..///* + 0%1%$2$3 #! 4$! !!"#$$#%&!!"$#$! '()*+, - )+)..///* + 0%1"%$2$3 #! 4$! E diffusa la convinzione che ove si dichiari, in una compravendita, un prezzo corrispondente all importo della rendita catastale, rivalutata con i

Dettagli

Il diritto dei TRUST La fiscalità dei Trust interni

Il diritto dei TRUST La fiscalità dei Trust interni Il diritto dei TRUST La fiscalità dei Trust interni A cura di Roberto BONFANTI 1 L atteggiamento dell A.F. nei confronti del Trust L A.F. ha approfondito nel tempo gli aspetti fiscali dei Trust, evolvendo

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CARFAGNA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CARFAGNA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2301 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CARFAGNA Modifiche al codice civile nonché ai testi unici di cui ai decreti del Presidente

Dettagli

CIRCOLARE N. 91/E. OGGETTO: Soppressione dell imposta sulle successioni e donazioni. Primi chiarimenti. INDICE

CIRCOLARE N. 91/E. OGGETTO: Soppressione dell imposta sulle successioni e donazioni. Primi chiarimenti. INDICE CIRCOLARE N. 91/E Roma, 18 ottobre 2001 OGGETTO: Soppressione dell imposta sulle successioni e donazioni. Primi chiarimenti. INDICE 1 ASPETTI GENERALI DELLA NUOVA NORMATIVA...2 2 TRASFERIMENTI A TITOLO

Dettagli

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI

COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI COMMISSIONE STUDI TRIBUTARI Studio n. 100/2003/T DECADENZA DALLE C.D. AGEVOLAZIONI PRIMA CASA Approvato dalla Commissione studi tributari il 19 dicembre 2003. 1. Introduzione Con il comma 5 dell art. 41

Dettagli

Il contratto preliminare e la caparra confirmatoria nelle compravendite immobiliari: questioni giuridiche e riflessi fiscali

Il contratto preliminare e la caparra confirmatoria nelle compravendite immobiliari: questioni giuridiche e riflessi fiscali I contratti d impresa di Daniele Fezzardi e Luigi Dellapasqua Il contratto preliminare e la caparra confirmatoria nelle compravendite immobiliari: questioni giuridiche e riflessi fiscali Il contratto preliminare

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006

CIRCOLARE N. 22/E. Roma, 19 giugno 2006 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 giugno 2006 Oggetto: Fondi comuni di investimento immobiliare. Modificazioni al regime tributario dei partecipanti. Articolo 1, comma

Dettagli

NOVITA RELATIVE ALLE IMPOSTE DI REGISTRO IPOTECARIE E CATASTALI NELLA TASSAZIONE DEI TRASFERIMENTI IMMOBILIARI DALL 1.1.2014

NOVITA RELATIVE ALLE IMPOSTE DI REGISTRO IPOTECARIE E CATASTALI NELLA TASSAZIONE DEI TRASFERIMENTI IMMOBILIARI DALL 1.1.2014 NOVITA RELATIVE ALLE IMPOSTE DI REGISTRO IPOTECARIE E CATASTALI NELLA TASSAZIONE DEI TRASFERIMENTI IMMOBILIARI DALL 1.1.2014 Lavoro della Commissione Imposte Indirette dell Ordine dei Dottori Commercialisti

Dettagli

TRASFERIMENTI A TITOLO ONEROSO DI IMMOBILI. Imposte dal 1 gennaio 2014

TRASFERIMENTI A TITOLO ONEROSO DI IMMOBILI. Imposte dal 1 gennaio 2014 TRASFERIMENTI A TITOLO ONEROSO DI IMMOBILI dal 1 gennaio 2014 1. NORME 1.1. DECRETO LEGISLATIVO 14 marzo 2011, n. 23 Disposizioni in materia di federalismo Fiscale Municipale. (GU n.67 del 23-3-2011 )

Dettagli

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008

CIRCOLARE N. 61/E. Roma, 03 novembre 2008 CIRCOLARE N. 61/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 03 novembre 2008 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dei fondi immobiliari. Articolo 82, commi da 17 a 22, del decreto-legge 25 giugno

Dettagli

L Istituto del Trust ed i profili applicativi

L Istituto del Trust ed i profili applicativi L Istituto del Trust ed i profili applicativi Forlì, 8 ottobre 2015 Via degli Agresti 6, 40123 - Bologna 1 Cos è il Trust: Istituto di origine anglosassone secondo il quale un disponente trasferisce beni

Dettagli

La difesa del patrimonio

La difesa del patrimonio Mercoledì 19 Marzo 2014 SAVIGLIANO DONAZIONE DI AZIENDE O QUOTE La donazione è il contratto con il quale (art. 769 C.C.), per spirito di liberalità, una parte arricchisce l altra, disponendo a favore di

Dettagli

NEWS FISCALI E SOCIETARIE NOVEMBRE 2011 FISCALITA PROVVEDIMENTI LEGISLATIVI

NEWS FISCALI E SOCIETARIE NOVEMBRE 2011 FISCALITA PROVVEDIMENTI LEGISLATIVI Milano Roma News fiscali e societarie Novembre 2011 FISCALITA PROVVEDIMENTI LEGISLATIVI Acconto IRPEF di novembre ridotto dal 99% all 82% L acconto IRPEF da versare entro mercoledì 30 novembre 2011 dovrà

Dettagli

AGEVOLAZIONI PRIMA CASA: analisi dei profili fiscali di una fattispecie particolare di trasferimento immobiliare tra privati

AGEVOLAZIONI PRIMA CASA: analisi dei profili fiscali di una fattispecie particolare di trasferimento immobiliare tra privati AGEVOLAZIONI PRIMA CASA: analisi dei profili fiscali di una fattispecie particolare di trasferimento immobiliare tra privati di Alessandra Loiacono Il governo italiano ha da tempo introdotto una serie

Dettagli

OGGETTO: Successioni, donazioni, atti a titolo gratuito e costituzione di vincoli di destinazione

OGGETTO: Successioni, donazioni, atti a titolo gratuito e costituzione di vincoli di destinazione CIRCOLARE N. 3/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 22 gennaio 2008 OGGETTO: Successioni, donazioni, atti a titolo gratuito e costituzione di vincoli di destinazione 2 INDICE 1 QUADRO NORMATIVO

Dettagli

Successioni, donazioni, atti a titolo gratuito e costituzione di vincoli di destinazione

Successioni, donazioni, atti a titolo gratuito e costituzione di vincoli di destinazione Italia Successioni, donazioni, atti a titolo gratuito e costituzione di vincoli di destinazione Agenzia delle Entrate, Direzione Centrale Normativa e Contenzioso, Circolare del 22/01/2008, n. 3/E Oggetto:

Dettagli

R RrRrrr. Roma, 19 febbraio 2015

R RrRrrr. Roma, 19 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 4/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa Roma, 19 febbraio 2015 OGGETTO: Regime fiscale applicabile, ai fini delle imposte dirette e delle imposte indirette, ai contratti di godimento in

Dettagli

IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) ALLEGATO B IMPOSTA UNICA COMUNALE (I.U.C.) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Indice Art. 1 - Oggetto e scopo del regolamento Art. 2 Decorrenza del tributo e soggetto

Dettagli

Circolare N.179 del 6 Dicembre 2013

Circolare N.179 del 6 Dicembre 2013 Circolare N.179 del 6 Dicembre 2013 Cessione di immobili. La disciplina fiscale dell acquisto, della vendita, gli oneri e le agevolazioni fiscali Gentile cliente, desideriamo informarla che l Agenzia delle

Dettagli

LA NUOVA IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI IL REGIME FISCALE DEL TRUST

LA NUOVA IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI IL REGIME FISCALE DEL TRUST LA NUOVA IMPOSTA SULLE SUCCESSIONI E DONAZIONI * * * IL REGIME FISCALE DEL TRUST Tavole sinottiche a cura di Professore di diritto tributario alla Scuola Superiore dell Economia e delle Finanze di Roma

Dettagli

Professional Investment Fund: regime fiscale. Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012

Professional Investment Fund: regime fiscale. Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012 Professional Investment Fund: regime fiscale Avv. Massimo Antonini Lugano 19/20 novembre 2012 1 I proventi derivanti dalla partecipazione in PIF 2 I proventi derivanti dalla partecipazioni in PIF Qualora

Dettagli

Commissione Protocolli Regola n. 11 Sulla simulazione del prezzo di compravendita

Commissione Protocolli Regola n. 11 Sulla simulazione del prezzo di compravendita Commissione Protocolli Regola n. 11 Sulla simulazione del prezzo di compravendita 1. Nel prestare il proprio ministero in relazione agli atti di compravendita di beni immobili, il notaio deve illustrare

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 73 Le novità nell imposizione indiretta del patto di famiglia

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 73 Le novità nell imposizione indiretta del patto di famiglia DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 73 Le novità nell imposizione indiretta del patto di famiglia febbraio 2007 Le novità nell imposizione indiretta del patto di famiglia DOCUMENTO ARISTEIA N. 73 LE NOVITÀ

Dettagli

4. La Società di Mutuo Soccorso 4.7 Il regime fiscale 4.7.3 L'IVA e le altre imposte indirette

4. La Società di Mutuo Soccorso 4.7 Il regime fiscale 4.7.3 L'IVA e le altre imposte indirette 106 4. La Società di Mutuo Soccorso 4.7 Il regime fiscale 4.7.3 L'IVA e le altre imposte indirette L'Imposta sul Valore Aggiunto (IVA), emanata con il D.P.R. 633/72, si qualifica come imposta sugli affari

Dettagli

Agenzia delle Entrate Circolare 22 gennaio 2008 n. 3/E Successioni, donazioni e atti a titolo gratuito

Agenzia delle Entrate Circolare 22 gennaio 2008 n. 3/E Successioni, donazioni e atti a titolo gratuito Agenzia delle Entrate Circolare 22 gennaio 2008 n. 3/E Successioni, donazioni e atti a titolo gratuito 1 - Quadro normativo Il nuovo regime fiscale delle successioni, donazioni e altri atti a titolo gratuito

Dettagli

NOTAIO DOMENICO CHIOFALO. Viale Trieste n. 20-21046 - MALNATE. tel.0332/860273 Fax 0332/424343. e.mail dchiofalo@notariato.it

NOTAIO DOMENICO CHIOFALO. Viale Trieste n. 20-21046 - MALNATE. tel.0332/860273 Fax 0332/424343. e.mail dchiofalo@notariato.it NOTAIO DOMENICO CHIOFALO Viale Trieste n. 20-21046 - MALNATE tel.0332/860273 Fax 0332/424343 e.mail dchiofalo@notariato.it.... Contratto preliminare di beni immobili: cenni di natura fiscale L articolo

Dettagli

8. Successioni e donazioni SUCCESSIONI Chi deve pagarla e quanto si paga ATTENZIONE

8. Successioni e donazioni SUCCESSIONI Chi deve pagarla e quanto si paga ATTENZIONE 8. Successioni e donazioni Con la legge n. 286 del 2006 (di conversione del decreto legge n. 262 del 2006) e la legge n. 296 del 2006 (Finanziaria 2007), è stata reintrodotta nel nostro sistema l'imposta

Dettagli

Guida Pratica Fiscale alla Compravendita della Casa

Guida Pratica Fiscale alla Compravendita della Casa Guida Pratica Fiscale alla Compravendita della Casa Elaborazione Coordinamento a cura di Armando Barsotti Aggiornato Maggio 2007 DOCUMENTO A DISPOSIZIONE ESCLUSIVAMENTE DI AGENTI IMMOBILIARI ASSOCIATI

Dettagli

Università La Sapienza di Roma

Università La Sapienza di Roma Università La Sapienza di Roma Imposta di Registro Diritto Tributario Prof.ssa Rossella Miceli A cura di: Avv. Marco Rippa Imposta di registro I PARTE 1 Inquadramento normativo II PARTE 2 Soggetti passivi

Dettagli

Milano 10 maggio 2011. dott. Carmine Carlo Presidente MPO Trustee S.p.A. Forum Trust 11a Edizione - Via Senato 5 Milano Carlton Hotel Baglioni

Milano 10 maggio 2011. dott. Carmine Carlo Presidente MPO Trustee S.p.A. Forum Trust 11a Edizione - Via Senato 5 Milano Carlton Hotel Baglioni Stato dell arte sulla fiscalità diretta e indiretta dei Trust a seguito degli ultimi chiarimenti dell Agenzia delle Entrate e della giurisprudenza tributaria Milano dott. Carmine Carlo Presidente MPO Trustee

Dettagli

CIRCOLARE N. 41/E. Roma, 31 ottobre 2012

CIRCOLARE N. 41/E. Roma, 31 ottobre 2012 CIRCOLARE N. 41/E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 ottobre 2012 OGGETTO: Assicurazioni estere operanti in Italia in regime di libera prestazione di servizi. Articolo 68 del decreto legge 22 giugno

Dettagli

ACCERTAMENTO Mancata allegazione autorizzazione indagine bancaria

ACCERTAMENTO Mancata allegazione autorizzazione indagine bancaria INFORMATIVA N. 049 21 FEBBRAIO 2012 04 ACCERTAMENTO Mancata allegazione autorizzazione indagine bancaria Sentenza CTR Liguria n. 85/2011 Studi di settore e presenza di concorrenti nelle zone circostanti

Dettagli

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE DI ACQUAPENDENTE (Provincia di VITERBO) IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 18

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Fiscalità degli immobili estranei al regime di impresa, arti e professioni Dott. Giovanni Picchi Dott. Domenico Ballor 1 I redditi diversi immobiliari L art. 67, comma 1, del TUIR prevede alcune fattispecie

Dettagli

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE DPR 131/86 1 Prassi C.M. 11.7.91 n. 37; Circ. Agenzia delle Entrate 22.1.2008 n. 3 Giurisprudenza Cass. 5.2.90 n. 1963

Dettagli

Circolare n. 7. Indice. 1 Premessa... 2. 2 Finalità... 2. 3 Condizioni soggettive... 2. 4 Condizioni oggettive... 3. 5 Aspetti operativi...

Circolare n. 7. Indice. 1 Premessa... 2. 2 Finalità... 2. 3 Condizioni soggettive... 2. 4 Condizioni oggettive... 3. 5 Aspetti operativi... Circolare n. 7 La rivalutazione del costo o valore d acquisto delle partecipazioni non quotate (Art. 2, comma 229, Legge 23.12.2009, n. 191) Indice 1 Premessa... 2 2 Finalità... 2 3 Condizioni soggettive...

Dettagli

DEFINIZIONE DEGLI OMESSI VERSAMENTI, DELLE IMPOSTE INDIRETTE E DEI RUOLI PREGRESSI

DEFINIZIONE DEGLI OMESSI VERSAMENTI, DELLE IMPOSTE INDIRETTE E DEI RUOLI PREGRESSI anno V - n180 - DEFINIZIONE DEGLI OMESSI VERSAMENTI, DELLE IMPOSTE INDIRETTE E DEI RUOLI PREGRESSI 1 PREMESSA; 2 DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI; 3 DEFINIZIONE AGEVOLATA PER IMPOSTE DI REGISTRO,

Dettagli

Direzione Regionale F. V.G. Ufficio Fiscalità

Direzione Regionale F. V.G. Ufficio Fiscalità Direzione Regionale F. V.G. Ufficio Fiscalità IL CONTRATTO PRELIMINARE E L IMPOSTA DI REGISTRO Relazione a cura della dott.ssa CARLA PALLAORO Funzionario Ufficio locale di Pordenone Agenzia delle Entrate

Dettagli

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE DI GROTTE DI CASTRO (Provincia di VITERBO) IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n.

Dettagli

COMUNE DI PORTOMAGGIORE (Provincia di Ferrara) REGOLAMENTO IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Disciplina del tributo sui servizi indivisibili (TASI)

COMUNE DI PORTOMAGGIORE (Provincia di Ferrara) REGOLAMENTO IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Disciplina del tributo sui servizi indivisibili (TASI) COMUNE DI PORTOMAGGIORE (Provincia di Ferrara) REGOLAMENTO IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Disciplina del tributo sui servizi indivisibili (TASI) Anno 2014 TASI Testo adottato con delibera C.C. n. 13 del

Dettagli

Gli aspetti fiscali del trust

Gli aspetti fiscali del trust Gli aspetti fiscali del trust Carmine Carlo Sommario 1. Introduzione al diritto dei trust in Italia; 2. Caratteristiche del trust; 3. Normativa di riferimento in Italia; 4. Trust e imposte dirette; 5.

Dettagli

OGGETTO: Ritenuta del 10 per cento a titolo di acconto dell imposta sul reddito - articolo 25 decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78

OGGETTO: Ritenuta del 10 per cento a titolo di acconto dell imposta sul reddito - articolo 25 decreto-legge 31 maggio 2010, n. 78 CIRCOLARE n. 40/E Direzione Centrale Normativa Alle Direzioni regionali e provincial Roma, 28 luglio 2010 OGGETTO: Ritenuta del 10 per cento a titolo di acconto dell imposta sul reddito - articolo 25 decreto-legge

Dettagli

Fiscal Approfondimento

Fiscal Approfondimento Fiscal Approfondimento Il Focus di qualità N. 36 09.09.2014 Trust: possibili utilizzi Gestione di partecipazioni, di immobili, passaggio generazionale, trust liquidatorio Categoria: Enti Commerciali/non

Dettagli

Cedolare secca sugli affitti Risposte a quesiti

Cedolare secca sugli affitti Risposte a quesiti CIRCOLARE N.20/E Roma, 4 giugno 2012 OGGETTO: Cedolare secca sugli affitti Risposte a quesiti Agenzia delle Entrate - Direzione Centrale Normativa - Ufficio Redditi Fondiari e di Lavoro Via Cristoforo

Dettagli

ACQUISTO DI BENI IMMOBILI P R E V E N T I V O S P E S E DI ACQUISTO E DI ACCENSIONE M U T U O

ACQUISTO DI BENI IMMOBILI P R E V E N T I V O S P E S E DI ACQUISTO E DI ACCENSIONE M U T U O ACQUISTO DI BENI IMMOBILI P R E V E N T I V O S P E S E DI ACQUISTO E DI ACCENSIONE M U T U O Elaborazione Coordinamento a cura di Alberto Zamberletti e Armando Barsotti SPESE ED ADEMPIMENTI NELLA COMPRA-VENDITA

Dettagli

Milano, 18 settembre 2010

Milano, 18 settembre 2010 !!" " # " " # # # Milano, 18 settembre 2010 A tutti i Clienti, Loro sedi Circolare n. 24/2010: Manovra correttiva Novità in materia di immobili e fondi immobiliari $%&$&" '!( )*+',( %+-.+//%0/-,12304%$.0/++/512304%$.06&&-#

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

Studio Galeotti Flori - Firenze. Dott. Stefano Berti

Studio Galeotti Flori - Firenze. Dott. Stefano Berti COMPIUTI NELL AMBITO DI PROCEDURE FALLIMENTARI ED I PROVVEDIMENTI DI AGGIUDICAZIONE, ANCHE IN SEDE DI SCIOGLIMENTO DI COMUNIONI; LA TASSAZIONE DEGLI EVENTUALI CONGUAGLI Firenze, 25 marzo 2015 1 IMPOSTA

Dettagli

STUDIO BRAMBILLA COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO BRAMBILLA COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO BRAMBILLA COMMERCIALISTI ASSOCIATI FOCUS 1 AGOSTO 2014 IN BREVE Proroga invio modello 770 e ravvedimento operoso del versamento delle ritenute Differimento al 20 agosto dei versamenti e degli adempimenti

Dettagli

NOTAIO Piazza Dante 10 48026 Russi (RA) Tel. 0544 583751 Fax 0544 586931 Mail:fpula@notariato.it - www.notaiopula.it

NOTAIO Piazza Dante 10 48026 Russi (RA) Tel. 0544 583751 Fax 0544 586931 Mail:fpula@notariato.it - www.notaiopula.it NOTAIO Piazza Dante 10 48026 Russi (RA) Tel. 0544 583751 Fax 0544 586931 Mail:fpula@notariato.it - www.notaiopula.it PROSPETTO RIEPILOGATIVO DELLE IMPOSTE INDIRETTE PER I PIU FREQUENTI TRASFERIMENTI IMMOBILIARI

Dettagli

IL TRUST 1. DEFINIZIONE E FINALITA 2. I SOGGETTI COINVOLTI

IL TRUST 1. DEFINIZIONE E FINALITA 2. I SOGGETTI COINVOLTI IL TRUST 1. DEFINIZIONE E FINALITA Il trust è un contratto con cui un soggetto disponente (settlor) trasferisce la proprietà di uno o più beni a un soggetto fiduciario (trustee), il quale ne dispone e

Dettagli

DLgs. 21.11.2014 n. 175 di semplificazioni fiscali - Novità in materia di altre imposte indirette

DLgs. 21.11.2014 n. 175 di semplificazioni fiscali - Novità in materia di altre imposte indirette DLgs. 21.11.2014 n. 175 di semplificazioni fiscali - Novità in materia di altre imposte indirette INDICE 1 Premessa 2 Novità in materia di dichiarazione di successione 2.1 Esonero dalla presentazione della

Dettagli

COMUNE DI ROMANO D EZZELINO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI)

COMUNE DI ROMANO D EZZELINO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) COMUNE DI ROMANO D EZZELINO Provincia di Vicenza REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (TASI) Approvato con delibera di C.C. n. 8 del 10/04/2014 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

NEXT GENERATION Tavola Rotonda Napoli, 3 dicembre 2012

NEXT GENERATION Tavola Rotonda Napoli, 3 dicembre 2012 NEXT GENERATION Tavola Rotonda Napoli, 3 dicembre 2012 IL TRUST NEL PASSAGGIO GENERAZIONALE D IMPRESA a cura del Dottor Salvatore Tramontano Vice Presidente 1 NEXT GENERATION Tavola Rotonda Napoli, 3 dicembre

Dettagli

CIRCOLARE N. 27/E. Roma, 04 agosto 2006

CIRCOLARE N. 27/E. Roma, 04 agosto 2006 CIRCOLARE N. 27/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 04 agosto 2006 OGGETTO:Decreto legge n. 223 del 4 luglio 2006, - Revisione del regime fiscale delle cessioni e locazioni di fabbricati

Dettagli

NOVITA FISCALI 2014 TASSAZIONE DEL SUBENTRO NEL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE

NOVITA FISCALI 2014 TASSAZIONE DEL SUBENTRO NEL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE NOVITA FISCALI 2014 TASSAZIONE DEL SUBENTRO NEL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE NOVITÀ IN MATERIA DI FISCALITÀ DEI TRASFERIMENTI IMMOBILIARI Verona, 13 maggio 2014 Rosaria de Michele Responsabile Tributario

Dettagli

ADEMPIMENTI FISCALI NELLE MANIFESTAZIONI A PREMI

ADEMPIMENTI FISCALI NELLE MANIFESTAZIONI A PREMI ADEMPIMENTI FISCALI NELLE MANIFESTAZIONI A PREMI Convegno giorno 12 dicembre 2008 presso Camera di Commercio, Industria, Artigianato ed Agricoltura di Treviso FISCALITA INDIRETTA Il trattamento tributario

Dettagli

RISOLUZIONE N. 119 /E

RISOLUZIONE N. 119 /E RISOLUZIONE N. 119 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 dicembre 2014 OGGETTO: Interpello ordinario, art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Tassazione decreto ingiuntivo con enunciazione di fideiussione

Dettagli

Legge 27 dicembre 2006 n 296 Prime osservazioni Mediatori (obbligo registrazione contratti preliminari)

Legge 27 dicembre 2006 n 296 Prime osservazioni Mediatori (obbligo registrazione contratti preliminari) Legge 27 dicembre 2006 n 296 Finanziaria 2007 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato GU n. 299 del 27 dicembre 2006 SO n. 244/L Prime osservazioni Mediatori (obbligo

Dettagli

PLUSVALENZE IMMOBILIARI

PLUSVALENZE IMMOBILIARI (dal sito http://www.gaetanopetrelli.it) PLUSVALENZE IMMOBILIARI Cosa è una "plusvalenza" immobiliare? La plusvalenza è il "guadagno" realizzato da chi, avendo acquistato un immobile ad un determinato

Dettagli

LA PROVA DELLE CESSIONI INTRAUE: LE OPERAZIONI FRANCO FABBRICA ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA

LA PROVA DELLE CESSIONI INTRAUE: LE OPERAZIONI FRANCO FABBRICA ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA INFORMATIVA N. 086 28 MARZO 2013 IVA LA PROVA DELLE CESSIONI INTRAUE: LE OPERAZIONI FRANCO FABBRICA ED I RECENTI CHIARIMENTI DELL AGENZIA Art. 41, DL n. 331/93 Risoluzioni Agenzia Entrate 28.11.2007, n.

Dettagli

GLI ASPETTI TRIBUTARI

GLI ASPETTI TRIBUTARI GLI ASPETTI TRIBUTARI DELLA CESSIONE DEL CREDITO DEL PROFESSIONISTA di Paolo Dal Monico (Dottore Commercialista in Vicenza) SOMMARIO: I Premessa; II. I.V.A.; III. Lavoratore autonomo che ha già emesso

Dettagli

Circolare Informativa n 24/2013

Circolare Informativa n 24/2013 Circolare Informativa n 24/2013 Responsabilità solidale nell Appalto - Enti previdenziali ed assicurativi e-mail: info@cafassoefigli.it - www.cafassoefigli.it Pagina 1 di 10 INDICE Premessa pag.3 1) Riferimenti

Dettagli

Decreto Sviluppo (DL 83/2012)

Decreto Sviluppo (DL 83/2012) Decreto Sviluppo (DL 83/2012) I nuovi strumenti finanziari per le imprese Profili fiscali della riforma Massimo Caldara Convegno ANDAF Milano, 10 settembre 2012 Dottori Commercialisti - Revisori Contabili

Dettagli

L IVA NELLE CESSIONI E LOCAZIONI IMMOBILIARI

L IVA NELLE CESSIONI E LOCAZIONI IMMOBILIARI L IVA NELLE CESSIONI E LOCAZIONI IMMOBILIARI 1 INDICE Premessa Pag. 3 Introduzione Pag. 4 CAPITOLO 1 Abitazioni Pag. 4 1.1 Cessioni Pag. 4 1.2 Locazioni Pag. 7 CAPITOLO 2 Fabbricati strumentali Pag. 8

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE REGOLAMENTO COMUNALE DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE Allegato alla Deliberazione Consiliare.., n. TITOLO I Art. 1 Oggetto del Regolamento Finalità ed Ambito di applicazione Il presente regolamento, adottato

Dettagli

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI

L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI L APPLICAZIONE DELL IVA E DELL IMPOSTA DI REGISTRO PER LE CESSIONI DI FABBRICATI Sommario Introduzione... 2 Il principio generale di esenzione dall Iva... 2 La nozione di impresa costruttrice... 3 Fabbricati

Dettagli

LEGGE DI STABILITA 2015

LEGGE DI STABILITA 2015 Pag.1 di 7 LEGGE DI STABILITA PER IL 2015 (Legge n. 190 del 23.12.2014): LE PRINCIPALI NOVITA FISCALI - 1^ PARTE N. 1 del 23 gennaio 2015 Gentilissimo Cliente, con la legge di stabilità per il 2015 il

Dettagli

CONTRATTO PRELIMINARE

CONTRATTO PRELIMINARE 38 CONTRATTO PRELIMINARE DPR 131/86 Art. 10 Tariffa, Parte I Prassi Nota Min. Finanze 3.1.85 n. 251127; R.M. 29.4.86 n. 400649; C.M. 10.6.86 n. 37/E; Ris. DRE Emilia Romagna 9.5.2002 n. 909-20845; Ris.

Dettagli

DETRAIBILITÀ DEGLI INTERESSI PASSIVI CON RIFERIMENTO AI RIGHI E7 ED E8

DETRAIBILITÀ DEGLI INTERESSI PASSIVI CON RIFERIMENTO AI RIGHI E7 ED E8 Servizio INFORMATIVA 730 INFORMATIVA N. 31 Prot. 3261 DATA 20.04.2007 Settore: Oggetto: Riferimenti: IMPOSTE SUI REDDITI Le regole di detraibilità degli interessi passivi su mutui con riferimento ai righi

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE Provincia di Treviso Via Roma 2 31010 Cimadolmo c.f. 80012110260 p.iva 00874820269 Area finanziaria amministrativa SERVIZIO TRIBUTI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) Approvato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (T.A.S.I.)

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (T.A.S.I.) COMUNE di MEGLIADINO SAN VITALE Provincia di Padova REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL TRIBUTO SUI SERVIZI INDIVISIBILI (T.A.S.I.) approvato con atto di C.C. n. del in vigore dal 1 gennaio 2014 1 REGOLAMENTO

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare 9/2006 del 11 luglio 2006 Manovra Estiva 2006. Decreto Legge n. 223/06 Premessa Il 4 luglio u.s. è entrato in vigore il decreto legge n. 223 contenente misure urgenti per la correzione dei conti

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Prot.2013/151663 Modalità di attuazione delle disposizioni relative al monitoraggio fiscale contenute nell articolo 4 del decreto legge 28 giugno 1990, n. 167, convertito, con modificazioni, dalla legge

Dettagli

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 2/E. R RrRrrr. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 2/E R RrRrrr Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Modifiche alla tassazione applicabile, ai fini dell imposta di registro, ipotecaria e catastale, agli atti di trasferimento o di costituzione

Dettagli

Diritto tributario italiano Il nuovo quadro RW del Modello Unico 2014

Diritto tributario italiano Il nuovo quadro RW del Modello Unico 2014 Diritto tributario italiano Il nuovo quadro RW del Modello Unico 2014 21 Raul Angelo Papotti Socio dello Studio Legale Chiomenti di Milano. Avvocato e Dottore Commercialista in Milano. LL.M. (Leiden) Obblighi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 255/E. Roma, 2 ottobre 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso

RISOLUZIONE N. 255/E. Roma, 2 ottobre 2009. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso RISOLUZIONE N. 255/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 2 ottobre 2009 OGGETTO: Interpello art. 11, legge 27 luglio 2000 n. 212 cessione dello sfruttamento economico del diritto d immagine

Dettagli

Capitolo Dodicesimo Le altre imposte indirette

Capitolo Dodicesimo Le altre imposte indirette Capitolo Dodicesimo Le altre imposte indirette Sommario: 1. L imposta di registro. - 2. Le imposte ipotecaria e catastale. - 3. L imposta sulle assicurazioni. - 4. L imposta sulle successioni e donazioni.

Dettagli

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili (TASI)

Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili (TASI) COMUNE di MARRADI CITTA METROPOLITANA DI FIRENZE Regolamento per la disciplina del tributo per i servizi indivisibili (TASI) Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 50 del 22.07.2015 INDICE ART.

Dettagli