PARTE PRIMA COSTITUZIONE E FUNZIONAMENTO 1. COSTITUZIONE PER CONTRATTO E COSTITUZIONE PER ATTO UNILATERALE L ATTO COSTITUTIVO 22

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PARTE PRIMA COSTITUZIONE E FUNZIONAMENTO 1. COSTITUZIONE PER CONTRATTO E COSTITUZIONE PER ATTO UNILATERALE 21 2. L ATTO COSTITUTIVO 22"

Transcript

1

2 ANALISI PARTE PRIMA COSTITUZIONE E FUNZIONAMENTO CAPITOLO 1 LA COSTITUZIONE DELLA SOCIETÀ A RESPONSABILITÀ LIMITATA di Alessandro Baudino 1. COSTITUZIONE PER CONTRATTO E COSTITUZIONE PER ATTO UNILATERALE L ATTO COSTITUTIVO LA FORMA DELL ATTO COSTITUTIVO LA LINGUA DELL ATTO COSTITUTIVO IL CONTENUTO DELL ATTO COSTITUTIVO Individuazione dei soci Denominazione Sede sociale: indirizzo Oggetto sociale Capitale Sociale: ammontare Norme relative al funzionamento della società Durata della società LE CONDIZIONI PER LA COSTITUZIONE CONTROLLI E ADEMPIMENTI PUBBLICITARI Il controllo di validità dell atto costitutivo: il ruolo del notaio rogante Termini e modalità del deposito La funzione del Registro delle Imprese: il controllo di legalità formale dei documenti Iscrizione nel Registro delle Imprese e acquisto della personalità giuridica: inammissibilità della s.r.l. irregolare IL REGIME DEGLI ATTI COMPIUTI PRIMA DELL ISCRIZIONE NEL REGISTRO DELLE IMPRESE LE MODIFICAZIONI DELL ATTO COSTITUTIVO LA DISCIPLINA DELLA S.R.L. UNIPERSONALE Finalità della disciplina Adempimenti pubblicitari Il capitale della società unipersonale Le operazioni compiute prima della iscrizione della società unipersonale nel Registro delle Imprese I contratti tra società a responsabilità limitata e unico socio La responsabilità del socio unico I vantaggi operativi derivanti dalla nuova disciplina NULLITÀ DELLA SOCIETÀ La nullità in ambito societario Il principio della tassatività dei casi di nullità: irrilevanza dei vizi della volontà ed inapplicabilità dei rimedi negoziali _ 37 INDICE 7

3 11.3. Caratteri salienti della nuova disciplina Gli effetti della dichiarazione di nullità L iscrizione nel Registro delle Imprese della sentenza dichiarativa della nullità La sanatoria delle nullità 41 CAPITOLO 2 IL CAPITALE SOCIALE E I CONFERIMENTI di Alessandro Baudino e Roberto Frascinelli 1. IL CAPITALE E IL PATRIMONIO LE NOVITÀ IN MATERIA DI CONFERIMENTI CONFERIMENTI IN DENARO CONFERIMENTI DI BENI IN NATURA, DI CREDITI E DI ALTRI ELEMENTI DELL ATTIVO SUSCETTIBILI DI VALUTAZIONE ECONOMICA CONFERIMENTO D OPERA E DI SERVIZI La nuova disciplina introdotta dalla Riforma del diritto societario L assoggettamento del conferimento di servizi alla procedura di stima L inadempimento del socio d opera L emissione di quote con prestazioni accessorie L ATTRIBUZIONE DI QUOTE NON PROPORZIONALI AI CONFERIMENTI L ATTRIBUZIONE DI PARTICOLARI DIRITTI A SINGOLI SOCI I diritti amministrativi I diritti patrimoniali La modificabilità dei diritti particolari IL REGIME FISCALE DEI CONFERIMENTI La rilevanza fiscale del conferimento ai fini dell imposta sui redditi Il regime fiscale del conferimento di aziende Conferimento d azienda a regime controllato Conferimento d azienda in regime di neutralità fiscale (o in doppia sospensione ) Lo scambio di partecipazioni mediante conferimento Le novità previste dal Disegno di Legge Finanziaria 2008 in tema di conferimenti d azienda Conferimento di opera e prestazione di servizi La disciplina ai fini dell IVA e dell imposta di registro 62 CAPITOLO 3 L AMMINISTRAZIONE NELLA SOCIETÀ A RESPONSABILITÀ LIMITATA di Federico Lozzi 1. PREMESSA STRUTTURA E FUNZIONAMENTO DELL ORGANO AMMINISTRATIVO L amministratore unico Il consiglio di amministrazione L amministrazione disgiuntiva e congiuntiva L amministrazione disgiuntiva L amministrazione congiuntiva 73

4 2.4. Potere gestorio affidato ai soci Persona giuridica quale amministratore di società di capitali I sistemi di amministrazione di tipo dualistico o monistico NOMINA, DURATA, CESSAZIONE, REVOCA E DECADENZA DELL ORGANO AMMINISTRATIVO La nomina e la durata La cessazione, la revoca e la decadenza dell organo amministrativo La cessazione e la sostituzione La revoca La decadenza LA RAPPRESENTANZA IL CONFLITTO DI INTERESSI LA REMUNERAZIONE DELL ORGANO AMMINISTRATIVO 79 CAPITOLO 4 LE DECISIONI DEI SOCI di Alessandra Bonfante 1. LE DECISIONI DEI SOCI NELLA S.R.L AMBITO DI COMPETENZA RISERVATO AI SOCI Competenze esclusive dei soci Le ulteriori competenze dei soci Le decisioni dei soci sulle materie indicate nell atto costitutivo Il potere di iniziativa riservato ai soci IL METODO ASSEMBLEARE Il procedimento assembleare La convocazione dell assemblea L intervento in assemblea e la rappresentanza L assemblea tenuta mediante mezzi di telecomunicazione e il voto espresso per corrispondenza Il Presidente dell assemblea Il verbale dell assemblea I quorum Assemblea totalitaria I METODI DI DECISIONE EXTRASSEMBLEARI Le differenze tra i due metodi IL METODO DEL CONSENSO ESPRESSO PER ISCRITTO Il procedimento I quorum IL METODO DELLA CONSULTAZIONE SCRITTA Il procedimento I quorum Decisione assunta in forma totalitaria L INVALIDITÀ DELLE DECISIONI DEI SOCI Decisioni annullabili Decisioni nulle Invalidità delle decisioni di approvazione del Bilancio 99 INDICE 9

5 CAPITOLO 5 I CONTROLLI NELLA S.R.L. di Massimo Boidi 1. PREMESSA CONTROLLO INDIVIDUALE DEL SOCIO NON AMMINISTRATORE NOMINA VOLONTARIA DEL COLLEGIO SINDACALE E/O DEL REVISORE CONTABILE NOMINA OBBLIGATORIA DEL COLLEGIO SINDACALE GLI ORGANI DI CONTROLLO NELLE S.R.L. TENUTE ALLA REDAZIONE DEL BILANCIO CONSOLIDATO IL NUOVO SISTEMA DEI POTERI E DEI DOVERI DEL COLLEGIO SINDACALE DENUNZIA AL COLLEGIO SINDACALE L ABOLIZIONE DEL CONTROLLO ESTERNO DA PARTE DEL TRIBUNALE 111 CAPITOLO 6 IL PROCESSO DI TRASFORMAZIONE DELLE S.R.L. di Alessandra Bonfante 1. L ISTITUTO DELLA TRASFORMAZIONE Il principio della continuità dei rapporti giuridici I limiti espliciti ed impliciti alla trasformazione Efficacia dell atto di trasformazione ed invalidità dell operazione LA TRASFORMAZIONE OMOGENEA DA ED IN S.R.L La trasformazione omogenea progressiva La decisione di trasformazione Il recesso La determinazione del capitale sociale Pubblicità dell atto di trasformazione Assegnazione delle quote Il regime della responsabilità dei soci La trasformazione omogenea regressiva I riflessi della trasformazione sul socio d opera e sui soci cui sono attribuiti particolari diritti La trasformazione agevolata delle società non operative La decisione di trasformazione La relazione degli amministratori Forma dell atto di trasformazione e pubblicità Il regime di responsabilità dei soci ASPETTI FISCALI DELLA TRASFORMAZIONE OMOGENEA Il trattamento fiscale delle riserve costituite prima della trasformazione _ Il trattamento fiscale delle perdite pregresse Adempimenti fiscali e imposta di registro LA TRASFORMAZIONE ETEROGENEA DA ED IN S.R.L La trasformazione eterogenea regressiva La decisione di trasformazione La relazione degli amministratori 132

6 Forma e pubblicità dell atto di trasformazione Efficacia della trasformazione La trasformazione eterogenea progressiva La decisione di trasformazione Forma e pubblicità dell atto di trasformazione Efficacia della trasformazione ASPETTI FISCALI DELLA TRASFORMAZIONE ETEROGENEA Il trattamento fiscale delle riserve costituite prima della trasformazione Aspetti fiscali della trasformazione eterogenea progressiva LA TRASFORMAZIONE DA IMPRESA INDIVIDUALE IN S.R.L. UNIPERSONALE E VICEVERSA 136 CAPITOLO 7 IL RECESSO di Giandomenico Bonito 1. IL SUPERAMENTO DEL PRINCIPIO DI TASSATIVITÀ - IL RECESSO COME POTERE D INFLUIRE SULL ATTIVITÀ SOCIALE LE CAUSE DI RECESSO Ipotesi previste dall atto costitutivo - cause di recesso pattizie Ipotesi legali inderogabili Il cambiamento dell oggetto sociale La società contratta a tempo indeterminato L intrasferibilità della partecipazione I TERMINI DEL RECESSO LEGITTIMAZIONE ATTIVA LA COMUNICAZIONE DI RECESSO IL RECESSO PARZIALE CRITERI DI DETERMINAZIONE DEL VALORE DI RIMBORSO COMPETENZA I TEMPI DEL RIMBORSO IL RIMBORSO CON DENARO NON SOCIALE IL RIMBORSO CON DENARO SOCIALE L EFFICACIA DEL RECESSO SOPRAVVENUTA INEFFICACIA DEL RECESSO 152 CAPITOLO 8 L ESCLUSIONE DEL SOCIO di Alessandro Baudino e Roberto Frascinelli 1. LA FUNZIONE DELLA CLAUSOLA DI ESCLUSIONE I LIMITI ALL AUTONOMIA STATUTARIA 157 INDICE 11

7 3. LE CAUSE DI ESCLUSIONE Il principio di tassatività delle cause di esclusione Il concetto di giusta causa di esclusione Tipologie di clausole di eclusione LA PROCEDURA DI ESCLUSIONE L accertamento della giusta causa di esclusione La scelta dell organo competente a pronunciare l esclusione La forma della decisione di esclusione Efficacia e impugnazione della delibera di esclusione IL PROBLEMA DELLA DISCIPLINA APPLICABILE IN ASSENZA DI REGOLAMENTAZIONE STATUTARIA DELLA PROCEDURA DI ESCLUSIONE Gli orientamenti della dottrina Il contenuto minimo necessario ai fini della validità della clausola di esclusione: l individuazione dell organo competente a pronunciare l esclusione Il procedimento di impugnazione Efficacia della delibera di esclusione e diritti del socio escluso L ANNULLAMENTO O IL TRASFERIMENTO DELLA QUOTA DEL SOCIO ESCLUSO LA LIQUIDAZIONE DELLA QUOTA IL PROBLEMA DEGLI EFFETTI DELL EVENTUALE ANNULLAMENTO DELLA DELIBERA DI ESCLUSIONE L ESCLUSIONE DEL SOCIO - ASPETTI FISCALI L esclusione del socio persona fisica non imprenditore Esclusione del socio persona fisica imprenditore e del socio società di persone Esclusione del socio soggetto IRES (società di capitali) 172 PARTE SECONDA I SOCI NELLA S.R.L. CAPITOLO 9 LE DIVERSE TIPOLOGIE DI FINANZIAMENTO DELLA SOCIETÀ DA PARTE DEI SOCI - IL FINANZIAMENTO SOCI di Roberta De Pirro e Claudio Mazzoleni 1. INTRODUZIONE I REQUISITI DEI FINANZIAMENTI SOCI PREVISTI IN VIA GENERALE DALLA NORMATIVA A TUTELA DEL PUBBLICO RISPARMIO IL FINANZIAMENTO SOCI NELLA SOCIETÀ A RESPONSABILITÀ LIMITATA IL FINANZIAMENTO SOCI INFRAGRUPPO ASPETTI FISCALI

8 CAPITOLO 10 LE QUOTE E LA LORO CIRCOLAZIONE di Alessandro Baudino e Roberto Frascinelli 1. COMPROPRIETÀ E DIVISIBILITÀ DELLA QUOTA Comproprietà della quota Divisibilità della quota Il problema della divisibilità della quota spettante al socio cui siano attribuiti particolari diritti LA NUOVA DISCIPLINA DELLA CIRCOLAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI Considerazioni generali Il problema della circolazione delle quote spettanti al socio cui siano attribuiti particolari diritti: trasferibilità delle quote e dei particolari diritti _ Il problema della trasferibilità delle quote del socio d opera e delle quote con prestazioni accessorie LE CLAUSOLE LIMITATIVE DELLA CIRCOLAZIONE DELLE PARTECIPAZIONI Le novità introdotte dalla Riforma: la previsione del diritto di recesso come correttivo dell ampliamento dell autonomia statutaria _ Limitazioni al trasferimento delle quote per causa di morte Limitazioni al trasferimento delle quote per atto tra vivi FORMALITÀ E PUBBLICITÀ DEL TRASFERIMENTO PEGNO, USUFRUTTO E SEQUESTRO DELLA PARTECIPAZIONE IL REGIME DI TASSAZIONE DEI TRASFERIMENTI DI QUOTE Le cessioni effettuate dai soggetti non esercenti attività d impresa Il regime della dichiarazione (per partecipazioni qualificate e non qualificate) Il regime del risparmio amministrato (esclusivamente per partecipazioni non qualificate) Il regime del risparmio gestito (esclusivamente per partecipazioni non qualificate) La modalità di determinazione del capital gain Le cessioni effettuate dai soggetti esercenti attività d impresa 203 CAPITOLO 11 L INTESTAZIONE DI QUOTE DI S.R.L. UNIPERSONALE E FINANZIAMENTI DEI SOCI NEL CASO DI INTESTAZIONE FIDUCIARIA DELLE QUOTE di Massimo Boidi e Lucia Frascarelli (Assofiduciaria) 1. INTESTAZIONE FIDUCIARIA DI QUOTA DI S.R.L. UNIPERSONALE DISCIPLINA DEL FINANZIAMENTO DEI SOCI - SOCIETÀ A RESPONSABILITÀ LIMITATA - D.LGS. N. 6/2003 RIFORMA DEL DIRITTO SOCIETARIO - ART. 2467, C.C Il rimborso del finanziamento Ambito temporale L obbligazione restitutoria 210 INDICE 13

9 CAPITOLO 12 PROFILI PREVIDENZIALI DEI SOCI DI S.R.L. di Gabriele Morreale 1. ISCRIZIONE ALLA GESTIONE SEPARATA PER I SOCI AMMINISTRATORI DI S.R.L. EX L. 335/ OBBLIGO D ISCRIZIONE ALLA GESTIONE COMMERCIANTI EX ART. 1, CO. 203, L. 662/1996, PER I SOCI CHE ESERCITANO ATTIVITÀ COMMERCIALE NOZIONE DI ATTIVITÀ PREVALENTE AI SENSI DELL ART.1,CO. 208, L. 662/ IL CRITERIO UNIFICANTE DELLA PREVALENZA 217 CAPITOLO 13 LA DISTRIBUZIONE DI DIVIDENDI: ASPETTI CIVILISTICI, CONTABILI E FISCALI di Dennis Pini 1. PREMESSA LA DISTRIBUZIONE DI DIVIDENDI: ALCUNI CENNI IN ORDINE ALLA DISCIPLINA CIVILISTICA I vincoli di natura fiscale sulle riserve del patrimonio netto L indipendenza tra i vincoli di natura civilistica e quelli di natura fiscale eventualmente imposti alle parti ideali del patrimonio netto DISAMINA DELLA NORMATIVA FISCALE Alcune ulteriori riflessioni La distribuzione di utili e l art. 109, co. 4, lett. b), TUIR ASPETTI CONTABILI ADEMPIMENTI SUCCESSIVI ALLA DELIBERA DI DISTRIBUZIONE DEGLI UTILI 240 CAPITOLO 14 REGIME FISCALE DELLE SOMME VERSATE IN CASO DI RECESSO DEI SOCI di Michele Tavernini 1. PREMESSA IL RECESSO DEL SOCIO NON IMPRENDITORE (PERSONE FISICHE, ENTI NON COMMERCIALI, SOCIETÀ SEMPLICI) Recesso tramite alienazione delle quote Recesso tramite annullamento delle quote IL RECESSO DEL SOCIO IMPRENDITORE NON IRES (IMPRENDITORE INDIVIDUALE, SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO E SOCIETÀ IN ACCOMANDITA SEMPLICE) Recesso tramite alienazione delle quote Recesso tramite annullamento delle quote

10 4. IL CASO DEL SOCIO RECEDENTE SOGGETTO IMPRENDITORE IRES (SOCIETÀ DI CAPITALI ED ENTI COMMERCIALI) Recesso tramite alienazione delle quote Recesso tramite annullamento delle quote 250 PARTE TERZA ASPETTI FISCALI SPECIFICI DELLA S.R.L. CAPITOLO 15 REGIME CONTABILE E OPZIONI FISCALI NELLE S.R.L. di Roberta Braga 1. IL REGIME CONTABILE LA REGISTRAZIONE E LA CONSERVAZIONE DELLE SCRITTURE CONTABILI LE OPZIONI AGLI EFFETTI DELL IVA La liquidazione trimestrale dell IVA La proroga e la rateizzazione del versamento dell IVA a saldo L imponibilità IVA nelle locazioni e nelle cessioni di immobili Cessioni effettuate da società a responsabilità limitata costruttrici o di ristrutturazione di immobili Cessioni effettuate da società a responsabilità limitata diverse dalle precedenti Locazioni effettuate da società a responsabilità limitata costruttrici o di ristrutturazione di immobili Locazioni effettuate da società a responsabilità limitata diverse dalle precedenti _ L applicazione del meccanismo del reverse charge 261 CAPITOLO 16 LA TRASPARENZA FISCALE DELLE S.R.L. A RISTRETTA BASE PROPRIETARIA di Luca Ambroso 1. PREMESSA ASPETTI GENERALI DELL ISTITUTO DELLA TRASPARENZA FISCALE LA NORMA DI RIFERIMENTO IL REGIME DELLA TRASPARENZA PREVISTO PER LE S.R.L. A RISTRETTA BASE PROPRIETARIA: LA TRASPARENZA INTERPERSONALE Condizioni necessarie per l esercizio dell opzione Soci persone fisiche Il limite del fatturato La detenzione di partecipazioni in regime di participation exemption Il requisito soggettivo dei soci e l istituto dell intestazione fiduciaria L opzione per la trasparenza. Aspetti generali Il modello di comunicazione per l esercizio dell opzione Errata indicazione della compagine sociale Cause di esclusione e di decadenza Ingresso di nuovi soci nella compagine sociale della società trasparente Obblighi informativi del socio in caso di cessione di partecipazioni Criteri e modalità di imputazione Effetti fiscali della distribuzione di dividendi Il valore fiscale della partecipazione Il valore fiscale della partecipazione in capo ad un nuovo socio 275 INDICE 15

11 4.7. La distribuzione e l utilizzo di riserve di utili e di riserve di capitale La distribuzione di dividendi a soggetti non soci durante la trasparenza La distribuzione di utili trasparenti eccedenti il reddito imputato La distribuzione di utili e/o di riserve di utili non trasparenti e di riserve di capitale _ La distribuzione e l utilizzo per copertura di perdite di riserve miste Trasparenza e presunzione ex art. 47, co. 1, TUIR Le riserve di utili trasparenti e la previsione dell art. 109, co. 4, lett. b), TUIR Prospetto riepilogativo Il trattamento fiscale delle cessioni di partecipazione pex e delle distribuzioni di dividendi Trasparenza fiscale e pro-rata patrimoniale Il trattamento delle perdite fiscali Le perdite realizzate dalla partecipata anteriormente al triennio trasparente Le perdite dei soci anteriori al triennio trasparente Perdita trasparente eccedente il reddito imponibile del socio Le perdite della s.r.l. realizzate durante il triennio di trasparenza Trasparenza fiscale ed operazioni straordinarie Il trattamento delle ritenute d acconto e dei crediti d imposta Acconti d imposta La responsabilità solidale per imposte, sanzioni ed interessi L estensione dell applicazione dell art. 40, co. 2, D.P.R. 600/ Trasparenza e responsabilità penale Trasparenza ed aspetti previdenziali 288 CAPITOLO 17 L EMISSIONE DI TITOLI DI DEBITO di Gabriele Di Nuzzo 1. PREMESSA NATURA E CARATTERISTICHE DEI TITOLI DI DEBITO EMISSIONE E SOTTOSCRIZIONE DEI TITOLI DI DEBITO I PROFILI FISCALI DELL EMISSIONE DEI TITOLI DI DEBITO Il prelievo alla fonte sugli interessi La deducibilità degli interessi passivi per la società emittente Titoli di debito con remunerazione commisurata ai risultati economici della società La thin capitalization e i titoli di debito ESEMPIO DI CLAUSOLA STATUTARIA VERBALE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE PER L EMISSIONE DI TITOLI DI DEBITO REGOLAMENTO DI EMISSIONE DI UN PRESTITO RAPPRESENTATO DA TITOLI DI DEBITO FAC-SIMILE DI TITOLO DI DEBITO 312 CAPITOLO 18 LA DISCIPLINA DELLE SOCIETÀ DI COMODO di Claudio Mazzoleni 1. PREMESSA LA DISCIPLINA DELLE SOCIETÀ DI COMODO Excursus normativo 315

12 2.2. Il test di operatività Il primo termine di paragone: la media triennale dei ricavi, degli incrementi delle rimanenze e dei proventi Il secondo termine di paragone: la media triennale dei ricavi attesi Determinazione del valore da attribuire ai beni ai fini del test di operatività Innalzamento delle percentuali dei ricavi attesi Le novità contenute nella Legge Finanziaria Il calcolo del reddito minimo e l innalzamento delle percentuali di redditività Estensione all ambito IRAP Le novità in ambito IVA Le cause di esclusione previste dalla legge Interpello disapplicativo ex art. 37-bis, co. 8, D.P.R. 600/ Interpello disapplicativo: la procedura per la presentazione LIQUIDAZIONE E TRASFORMAZIONE 345 PARTE QUARTA PEC E ADEMPIMENTI ANTIRICICLAGGIO PER LE S.R.L. CAPITOLO 19 PEC POSTA ELETTRONICA CERTIFICATA NELLE INDAGINI FINANZIARIE di Carlo Tarditi 1. DEFINIZIONE ED UTILIZZO DELLA PEC AMBITO DI APPLICAZIONE DELLA PEC NELLE INDAGINI FINANZIARIE _ Ambito oggettivo delle richieste nelle indagini finanziarie Ambito soggettivo delle richieste nelle indagini finanziarie Holding di partecipazione o casseforti di famiglia La struttura accentrata PROCEDURA TELEMATICA DELLE RICHIESTE E DELLE RISPOSTE - NUOVO SISTEMA TELEMATICO La casella di posta elettronica certificata La firma digitale Il documento informatico XML ASPETTI SANZIONATORI CONNESSIONE TRA AUI E OBBLIGHI PEC GLI ULTIMI CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SULLE INDAGINI FINANZIARIE 367 CAPITOLO 20 LE S.R.L. E GLI ADEMPIMENTI ANTIRICICLAGGIO di Carlo Tarditi 1. NOVITÀ IN TEMA DI ANTIRICICLAGGIO Impatto per i professionisti delle novità contenute nello schema di D.Lgs. _ COMUNICAZIONI ALL ANAGRAFE TRIBUTARIA Regole per le Holding 377 INDICE 17

13 CAPITOLO 21 GLI ASPETTI PENALI DEL RICICLAGGIO di Stefano Comellini 1. LA DISCIPLINA ANTIRICICLAGGIO NELL EVOLUZIONE NORMATIVA NAZIONALE E COMUNITARIA. LE DIFFERENTI FATTISPECIE DEGLI ARTT. 648-BIS E 648-TER, C.P GLI INTERESSI TUTELATI LE DIFFERENTI CONDOTTE Il riciclaggio per omissione, ex art. 40, co. 2, c.p I SOGGETTI La non punibilità per le operazioni sotto copertura L ELEMENTO SOGGETTIVO I REATI PRESUPPOSTO Reati tributari tra i reati presupposto : effetti LA FATTISPECIE DI TRASFERIMENTO FRAUDOLENTO DI VALORI IL RICICLAGGIO QUALE FONDAMENTO DELLA RESPONSABILITÀ EX D.LGS. 231/ LA NORMATIVA ANTIRICICLAGGIO PER LE IMPRESE NON TIPICAMENTE FINANZIARIE

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali

Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Quadro normativo: l impugnazione delle delibere sociali Si è cercato il punto di equilibrio tra la tutela dei soci e la salvaguardia del buon funzionamento della società e della certezza dei rapporti societari

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l.

La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Il bilancio delle società di capitali La sua impugnazione Firenze 15 giugno 2010 La normativa civilistica in tema di impugnativa di bilancio di s.p.a. e s.r.l. Francesco D Angelo (Università di Firenze)

Dettagli

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE GUIDA AGLI ADEMPIMENTI FISCALI E TRIBUTARI DELLE SOCIETA ED ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE INTRODUZIONE Uno degli obiettivi che il nuovo consiglio federale si è posto all atto del proprio insediamento

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE ISTRUZIONI PER L ISCRIZIONE E IL DEPOSITO DEGLI ATTI AL REGISTRO DELLE IMPRESE - MODULISTICA FEDRA E PROGRAMMI COMPATIBILI - MAGGIO 2014 INDICE E SOMMARIO P r e s e n t a z i o n e 9 N O T E G E N E R

Dettagli

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata

Le società di capitali. Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le società di capitali Società Per Azioni Società in accomandita per azioni Società a responsabilità limitata Le Società per azioni Art. 2325. Responsabilità. Nella societa' per azioni per le obbligazioni

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013

UFF. REGISTRO IMPRESE giugno 2013 L accertamento delle cause di scioglimento ai sensi dell art. 2484 c.c. e gli adempimenti pubblicitari conseguenti per Società di Capitali e Cooperative. 1 L art. 2484 c.c., rubricato Cause di scioglimento,

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

Guida agli adempimenti del REGISTRO DELLE IMPRESE

Guida agli adempimenti del REGISTRO DELLE IMPRESE Guida agli adempimenti del REGISTRO DELLE IMPRESE (Modulistica Fedra e programmi compatibili) Versione 1.3 rilasciata in data 20.4.2009 Area Studi Giuridici Settore Anagrafico La redazione del documento

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi

Redditi diversi Prof. Maurizio Sebastiano Messina. Redditi diversi Redditi diversi Redditi diversi - art. 67 Sono redditi diversi se non costituiscono redditi di capitale, ovvero se non sono conseguiti nell esercizio di arti e professioni o di imprese commerciali, o da

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

Cos è una cooperativa e come si costituisce

Cos è una cooperativa e come si costituisce Cos è una cooperativa e come si costituisce SOMMARIO 1. Introduzione al mondo della cooperazione 2. La società cooperativa 3. Costituzione di una cooperativa 4. Libri e adempimenti formali della cooperativa

Dettagli

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi

LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi LE DECISIONI DEI SOCI E LE ASSEMBLEE NELLA NUOVA SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA Le competenze e i nuovi quorum costitutivi e deliberativi di Claudio Venturi Sommario: - 1. Le decisioni dei soci. 1.1.

Dettagli

Compensi agli amministratori

Compensi agli amministratori Università Politecnica delle Marche Idee imprenditoriali innovative Focus group 23 ottobre 2009 Le società ed il bilancio Dividendi e compensi agli amministratori aspetti fiscali e contributivi Compensi

Dettagli

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER L EFFETTUAZIONE DI OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ADOTTATA AI SENSI DELL ART. 4 DEL REGOLAMENTO CONSOB 17221 DEL 12 MARZO 2010 (e successive modifiche) Bologna,1 giugno 2014 Indice 1. Premessa...

Dettagli

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri. La società tra professionisti

Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri. La società tra professionisti Centro Studi Consiglio Nazionale Ingegneri La società tra professionisti (c.r.385) Roma, maggio 2013 Ing. Armando Zambrano Ing. Fabio Bonfà Ing. Gianni Massa Ing. Riccardo Pellegatta Ing. Michele Lapenna

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE

La CANCELLAZIONE di: dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Registro Imprese La CANCELLAZIONE di: Imprese Individuali Società di Persone Società di Capitale dal REGISTRO delle IMPRESE e dall ALBO delle IMPRESE ARTIGIANE Indice Introduzione pag. 3 Cancellazione

Dettagli

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE)

IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE DILETTANTISTICHE) RIVISTA DI ISSN 1825-6678 DIRITTO ED ECONOMIA DELLO SPORT Vol. III, Fasc. 1, 2007 IL REGIME FISCALE DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE E DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE (COMPRESE LE SOCIETÀ SPORTIVE

Dettagli

DELLE MODIFICAZIONI DELL ATTO COSTITUTIVO (Artt. 2480 2483-bis).

DELLE MODIFICAZIONI DELL ATTO COSTITUTIVO (Artt. 2480 2483-bis). CONSIGLIO NOTARILE DI BOLOGNA (6 Dicembre 2002) CONVEGNO - La nuova disciplina delle società di capitali: prime indicazioni operative I DELLE MODIFICAZIONI DELL ATTO COSTITUTIVO (Artt. 2480 2483-bis).

Dettagli

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente

INDICE. - Categorie di dipendenti o di collaboratori dell Emittente e delle società controllanti o controllate da tale Emittente 1 INDICE Premessa 4 Soggetti Destinatari 6 - Indicazione nominativa dei destinatari che sono componenti del Consiglio di Amministrazione dell Emittente, delle società controllanti e di quelle, direttamente

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

GUIDA ALL IMPRENDITORIA. Guida alla scelta della forma giuridica dell impresa

GUIDA ALL IMPRENDITORIA. Guida alla scelta della forma giuridica dell impresa GUIDA ALL IMPRENDITORIA Guida alla scelta della forma giuridica dell impresa A cura di Tiziana Zagni Provincia di Ferrara Indice Le forme giuridiche dell impresa pag. 3 L Impresa individuale pag. 4 L Impresa

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

STATUTO DI SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA 1. Articolo 1 Denominazione. "(..) s.r.l.".

STATUTO DI SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA 1. Articolo 1 Denominazione. (..) s.r.l.. STATUTO DI SOCIETA A RESPONSABILITA LIMITATA 1 1. La società è denominata: Articolo 1 Denominazione "(..) s.r.l.". denominazione Articolo 2 Oggetto 2. La società ha per oggetto (..) 2. Articolo 3 Sede

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

StarRock S.r.l. Bilancio 2014

StarRock S.r.l. Bilancio 2014 StarRock S.r.l. Bilancio 2014 Pagina 1 StarRock S.r.l. Sede legale in Milano 20135, Viale Sabotino 22 Capitale sociale sottoscritto Euro 35.910,84 i.v. Registro Imprese di Milano, Codice Fiscale, P.IVA

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO

DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO DATA EFFETTO SCIOGLIMENTO Art 2484 Cause indipendenti dalla volontà dei soci Cause dipendenti dalla volontà dei soci Dichiarazione amministratori da eseguire senza indugio Delibera assembleare Iscrizione

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

La Società tra Professionisti

La Società tra Professionisti Paolo Tonalini Notaio La Società tra Professionisti Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Pavia in collaborazione con Banca Generali Relazione al Convegno del 6 marzo 2015 NOTAIO

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo

Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo Parte viii> contenzioso e strumenti Per evitarlo 1. come rimediare a errori e dimenticanze: il ravvedimento Il ravvedimento per imposte dirette e Iva Modalità di pagamento Presentazione della dichiarazione

Dettagli

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto

Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Bilancio consolidato e metodo del patrimonio netto Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito,

Dettagli

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile.

MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO. Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. MONTEFIBRE S.p.A. RELAZIONE ILLUSTRATIVA DEGLI AMMINISTRATORI SULLE MODIFICHE DELLO STATUTO Provvedimenti ai sensi dell art. 2446 del Codice Civile. Signori Azionisti, come illustrato nella Relazione sulla

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l.

Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l. Studio n. 836-2014/I Pegno, usufrutto e sequestro parziali su partecipazione di s.r.l. Approvato dall Area Scientifica Studi d Impresa il 10 ottobre 2014 Approvato dal CNN nella seduta del 9 gennaio 2015

Dettagli

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO

DICHIARAZIONE DI CUI ALL'ART. 14.2 DELLA LETTERA D'INVITO Modello B Comune di Saluzzo Via Macallè, 9 12037 SALUZZO PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO DELLA POLIZZA DI ASSICURAZIONE A FAVORE DEL COMUNE DI SALUZZO RELATIVA A INCENDIO E ALTRI EVENTI, FURTO E

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10 genzia ntrate UNICO Enti non commerciali ed equiparati 2014 Dichiarazione degli enti non commerciali residenti e delle società ed enti non residenti equiparati soggetti all Ires - Periodo d imposta 2013

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI

INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Rete Nazionale Gruppi di Acquisto Solidali www.retegas.org INDICAZIONI PER L ATTIVITÀ DEI GRUPPI DI ACQUISTO SOLIDALI Febbraio 2007 INTRODUZIONE I Gruppi di Acquisto Solidali (GAS) sono gruppi di persone

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

IL RECESSO E L ESCLUSIONE DI SOCI NELLE SOCIETA DI CAPITALI

IL RECESSO E L ESCLUSIONE DI SOCI NELLE SOCIETA DI CAPITALI IL RECESSO E L ESCLUSIONE DI SOCI NELLE SOCIETA DI CAPITALI di Claudio Venturi Sommario: - 1. Il diritto di recesso e le sue funzioni essenziali. 2. Il diritto di recesso nelle Società per azioni. 3. Il

Dettagli

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse

IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI febbraio/maggio 2008 IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse CICLO DI SEMINARI IMPORT EXPORT CAPIRE L IVA dall ABC alle operazioni complesse 26 febbraio PRESUPPOSTI

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA

MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA MODELLO DELLA DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA Spett.le ACSM-AGAM S.p.A. Via P. Stazzi n. 2 22100 COMO CO Oggetto: Dichiarazione sostitutiva in merito al possesso dei requisiti di ordine generale prescritti dall

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014

TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 TRASFERIMENTI IMMOBILIARI: LA NUOVA TASSAZIONE IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2014 Sommario 1. Inquadramento normativo generale 2. Trasferimenti di fabbricati 3. terreni edificabili 4. terreni agricoli 5. Successioni

Dettagli

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE

IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE CAPITOLO 19 IL GIUDIZIO SUL BILANCIO DEL REVISORE LEGALE di Piero Pisoni, Fabrizio Bava, Donatella Busso e Alain Devalle 1. PREMESSA La relazione del revisore legale deve esprimere il giudizio sull attendibilità

Dettagli

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare

II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare II Guida Iva in Edilizia L'Iva nelle operazioni di cessione e locazione immobiliare Vademecum operativo Marzo 2014 SOMMARIO PREMESSA... 3 1 Abitazioni... 4 1.1 Cessioni... 4 1.1.1 Esercizio dell opzione

Dettagli

TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA

TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA TITOLO I DENOMINAZIONE SEDE OGGETTO E DURATA ARTICOLO 1 - DENOMINAZIONE Ai sensi dell Art. 113 del Decreto Legislativo 18 agosto 2000, n. 267, come modificato dal comma 1 dell art. 35 delle legge 28/12/2001

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES)

GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) WWW.SARDEGNAIMPRESA.EU GUIDA DI APPROFONDIMENTO L IMPOSTA SUL REDDITO DELLE SOCIETÀ (IRES) A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO INTRODUZIONE... 3 I REQUISITI... 3 I SOGGETTI PASSIVI.....4 LA PROPORZIONALITÀ

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE

COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE COMUNE DI FOGGIA I.U.C. Imposta Unica Comunale 2015 L AMMINISTRAZIONE COMUNALE VISTO l art. 1, comma 639 della Legge 27 dicembre 2013, n. 147, che ha istituito, a decorrere dal 1 gennaio 2014, l imposta

Dettagli

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa

Fiscal News N. 206. Sospensione feriale dei termini processuali. La circolare di aggiornamento professionale 23.07.2013. Premessa Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 206 23.07.2013 Sospensione feriale dei termini processuali Categoria: Contenzioso Sottocategoria: Processo tributario Anche quest anno, come di

Dettagli