Istituto Clinico Beato Matteo di Istituti Clinici di Pavia e Vigevano SPA. Carta dei servizi. Percorso nascita

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Istituto Clinico Beato Matteo di Istituti Clinici di Pavia e Vigevano SPA. Carta dei servizi. Percorso nascita"

Transcript

1 Carta dei servizi Percorso nascita 1

2 AUTORI-RESPONSABILI Giampiero Ricciardo, Primario Reparto Ostetricia e Ginecologia e Nursery. Mariangela Cerri, Responsabile Nursery Monica Gonzalez, Coordinatrice Ostetrica Seconda edizione Giugno 2015 Potrebbero intervenire, nel corso del tempo, variazioni rispetto a quanto riportato. Tutte le informazioni sui servizi sono comunque costantemente aggiornate dall Ufficio Relazioni con il Pubblico dell Istituto sul sito 2

3 NASCERE A VIGEVANO La gravidanza rappresenta un momento importante della vita di ogni donna, durante il quale avverranno grandi cambiamenti anche all interno del nucleo familiare. È un periodo di scelte e di grandi decisioni e quindi c e bisogno di informazioni per accompagnare la donna e la coppia in tutto il percorso della maternita. La raccolta in un'unica Carta di tutte le informazioni necessarie per meglio comprendere tutte le fasi del Percorso Nascita ci e sembrata una buona idea e un'opportunita per iniziare un cammino più consapevole e partecipato da parte di tutte le persone coinvolte nell'evento nascita. La Carta del Percorso Nascita oltre ad essere un impegno che l Istituto Clinico Beato Matteo prende con la sua comunita, vuole essere un momento di dialogo dove i cittadini possono esprimere il loro giudizio dando cosi la possibilità all ICBM di migliorare le prestazioni e i percorsi offerti. I miei piu sinceri auguri! IL DIRETTORE SANITARIO 3

4 INDICE Il Percorso Nascita - premessa pag. 5 Il Percorso Nascita contesto pag. 6 Principi Ispiratori pag. 7 Reparto Ostetrico Ginecologico e Nursery pag. 8 Corso di Accompagnamento alla Nascita pag. 9 Ambulatorio ostetrico della gravidanza fisiologica pag. 10 Ambulatorio medico della gravidanza complessa pag. 10 Ambulatorio di diagnosi prenatale ed ecografia ostetrica pag. 11 Ambulatorio della gravidanza oltre il termine pag. 12 Quali sono gli esami consigliati pag. 12 Il parto e la nascita pag. 15 I diversi modi di partorire pag. 16 Il contenimento del dolore pag. 16 Quando andare in ospedale per il parto pag. 17 Cosa portare in ospedale pag. 17 Nursery pag. 19 Assistenza al neonato fisiologico pag. 20 Rooming in pag. 21 Continuità tra ospedale e territorio dimissione protetta pag. 23 Allegati all agenda di gravidanza pag. 24 La donazione del cordone ombelicale pag passi per la protezione, promozione e il sostegno per l allattamento materno pag. 29 L Ufficio Relazioni con il Pubblico pag. 30 Bibliografia pag. 31 Attività Punto nascita 2014 pag. 32 4

5 IL PERCORSO NASCITA PREMESSA Il percorso nascita proposto dall Istituto Clinico Beato Matteo coniuga le più moderne conoscenze e tecnologie in campo medico e diagnostico con la professionalità dell equipe coinvolta per un cammino sereno verso il lieto evento, sia per la futura mamma che per il piccolo. Dal periodo preconcezionale al giorno del parto l Unità Operativa di Ostetricia offre alla coppia e alla futura mamma consulenza specializzata, assistenza alla gravidanza fisiologica, percorsi diagnostici e terapeutici per l assistenza alla gravidanza a rischio, corsi di preparazione al parto e al puerperio, il servizio di Pronto Soccorso Ostetrico continuo; il tutto attraverso canali di accesso facilitati, pensati per consentire ai futuri genitori di vivere serenamente il periodo dell attesa in un clima di accoglienza e di sostegno. Il nostro lavoro e organizzato in modo da dare risposte alle esigenze specifiche che mamma e bambino sviluppano nei diversi periodi della gravidanza con l obiettivo di personalizzare l assistenza sanitaria ed accompagnare i futuri genitori nelle diverse tappe del loro percorso fino al parto, ossia del loro Percorso Nascita. 5

6 IL CONTESTO Il nostro obiettivo è quello di dare un informazione generale sugli interventi sanitari, educativi, sociali, garantiti dall Istituto per tutto il periodo che va dalla prima gravidanza fino ai primi mesi di vita del bambino. I nostri Servizi sono impegnati ad offrire un Progetto di Salute che risponda sia alle necessita ordinarie, ma anche ai bisogni piu personali rispettando i valori e le decisioni individuali. La logica della strutturazione dell assistenza come percorso e attualmente la piu congrua ed appropriata alle esigenze dei cittadini e alle risorse disponibili del Sistema Sanitario Nazionale (SSN) in quanto potenzialmente in grado di: garantire la continuità delle cure; aumentare il grado di soddisfazione e di sicurezza dell utente; aumentare il grado di qualificazione e soddisfazione degli operatori; ridurre le procedure e gli interventi inappropriati e ripetuti; permettere una valutazione complessiva ed appropriata di tutto il sistema assistenziale; indurre un utilizzo appropriato delle risorse materiali e umane. Il percorso nascita si articola in fasi successive: 1. gravidanza 2. travaglio/parto/nascita 3. puerperio/dimissione 4. primi giorni di vita del neonato 6

7 PRINCIPI ISPIRATORI Tutti i Servizi e le attivita del Percorso Nascita che l Istituto si impegna a garantire sono ispirati in particolare ai seguenti principi: Centralità della persona: il nucleo familiare e inteso come risorsa di salute in costante relazione con l Istituto dove il dialogo rappresenta lo strumento di conoscenza dei bisogni necessario per aiutare a rimuovere barriere culturali e parzialita. Particolare attenzione è posta alle donne e ai nuclei migranti, dove la domanda non espressa o difficilmente comprensibile, per barriere linguistiche, paure, convinzioni e valori differenti, puo portare a limitare la conoscenza dei servizi e la loro accessibilita Umanizzazione e dignita della persona: ogni operatore svolge la sua attivita tenendo sempre presente la persona nel pieno rispetto della sua dignita, della sua cultura e dei suoi bisogni individuali, qualunque siano le sue condizioni fisiche o mentali, culturali e sociali, con educazione, rispetto, cortesia e disponibilita Equita : ogni operatore singolarmente o in equipe e impegnato a svolgere le sue attivita in modo imparziale, obiettivo, neutrale di fronte a tutti i nuclei familiari che devono poter accedere nella stessa misura alle prestazioni sanitarie Uguaglianza: a parita di bisogni, pur riconoscendo la peculiarita della persona, gli operatori riconoscono uguali diritti riguardo all accesso ai servizi sanitari che devono essere forniti a tutti senza distinzioni di razza, genere, eta, nazionalita, religione, opinione politica, handicap fisici e mentali Continuita delle cure: l Istituto si impegna ad erogare il servizio in modo integrato, regolare, continuo e nel rispetto dei tempi. Nel caso in cui si verifichino interruzioni di servizi per cause non attribuibili all Istituto, ogni operatore si attiva per ridurre al minimo i disagi Efficacia ed efficienza: l Istituto si impegna affinche tutte le risorse disponibili siano erogate nel modo più razionale ed oculato possibile per produrre i migliori risultati in termini di benessere del nucleo familiare 7

8 REPARTO OSTETRICO GINECOLOGICO E NURSERY Il reparto di Ostetricia, posto al terzo piano dell Istituto, è accreditato per dodici posti letto in regime di ricovero ordinario, due posti letto di DH-DS e dieci culle. Il Nido è inserito all interno del reparto stesso, e gli ambulatori sono ubicati sullo stesso piano. Le funzioni di assistenza sanitaria garantite dal reparto sono: 1 ricovero di elezione e d'urgenza 2 day hospital 3 day surgery e one day surgery 4 attività ambulatoriale: visita, esami diagnostici, pre-ricovero 5 attività libero-professionale ATTIVITA : Presso il reparto di Ostetricia e Ginecologia dell Istituto Clinico Beato Matteo si effettuano circa 600 parti l anno. I nostri servizi: 1 corsi di accompagnamento alla nascita 2 ambulatorio ostetrico della gravidanza fisiologica 3 ambulatorio medico della gravidanza complessa 4 ambulatorio di diagnosi prenatale e di ecografia ostetrica 5 ambulatorio dedicato alla gravidanza oltre il termine 6 dimissione protetta La donna in gravidanza viene seguita presso la nostra struttura dalla diagnosi fino al parto e,successivamente, durante il puerperio. Negli anni sono stati attivati, nell ambito dell Ostetricia: 1 ambulatori di diagnosi prenatale ( bi test, traslucenza nucale, e amniocentesi) 2 ambulatorio ostetrico della gravidanza fisiologica 8

9 CORSO DI ACCOMPAGNAMENTO ALLA NASCITA E un modo per accompagnare la donna durante il percorso nascita. Il corso offre informazioni sul parto dal punto di vista fisico e psicologico, sulle tecniche che possono aiutare nel contenimento del dolore del travaglio e del parto, sugli stili di vita, sulle scelte del parto, sul legame mamma-bambino, sull avvio e la durata dell allattamento, su contraccezione in puerperio oltre ad informazioni sulla cura del bambino e l organizzazione dei servizi per l assistenza mamma-bambino in ospedale e a domicilio. Il corso è anche un modo per favorire la condivisione dell esperienza con altre donne, e ridurre ansie ed incertezze. Conoscere prima del parto il Punto Nascita e l equipe dei professionisti può essere un altro strumento utile per contenere l ansia legata all estraneità del luogo e per questo, nei gruppi di accompagnamento alla nascita è previsto anche uno specifico incontro per visitare il Punto Nascita. Prenotazione Si può effettuare circa 3 mesi prima rispetto al termine della gravidanza presso il reparto (tel ) con impegnativa medica per Corso pre-parto. 9

10 AMBULATORIO OSTETRICO DELLA GRAVIDANZA FISIOLOGICA E gestito da un ostetrica che garantisce visite periodiche su appuntamento durante la gravidanza. Prenotazione Centro Unico Prenotazione (sportelli front-office ubicati in Struttura): aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 8 alle ore 19; sabato dalle ore 8 alle ore 12 Centro Unico Prenotazione ( solo telefonico): attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 14; telefono 0381/ AMBULATORIO MEDICO DELLA GRAVIDANZA COMPLESSA E gestito da medici ginecologi e si rivolge particolarmente alle seguenti situazioni: Aborto ripetuto Ipertensione gestazionale Diabete gestazionale Gravidanze gemellari Si avvale della collaborazione di altri specialisti (diabetologi, cardiologi, internisti). Prenotazione Centro Unico Prenotazione (sportelli front-office ubicati in Struttura): aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 8 alle ore 19; sabato dalle ore 8 alle ore 12 Centro Unico Prenotazione ( solo telefonico): attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 14; telefono 0381/ Presentarsi con impegnativa medica, contenente l'indicazione della patologia da valutare. 10

11 AMBULATORIO DI è DIAGNOSI PRENATALE ED ECOGRAFIA OSTETRICA Operatori qualificati sono in grado di offrire tutti i tipi di ecografie previste in gravidanza. (I, II, III trimestre). Inoltre possibile effettuare i comuni test di screening delle aneuploidie (test combinato, integrato, bitest) e le tecniche di diagnosi prenatale invasiva (amniocentesi). E Personale medico e ostetrico dedicato fornisce un ampia documentazione alla donna e/o coppia circa le finalità della diagnosi prenatale e i tempi e le modalità di esecuzione dei vari passaggi. inoltre previsto adeguato supporto medico/psicologico alla donna con test (integrato, bitest) positivo a cui vengono illustrate le modalità della diagnosi invasiva (amniocentesi). Per ecografia del II trimestre si intende un esame ecografico di screening mirato all'identificazione ecografica prenatale di eventuali malformazioni fetali. In tal caso la gravida verrà inviata ad un centro di II livello per approfondimento diagnostico-terapeutico. L ecografia ostetrica del III trimestre serve a valutare la crescita fetale, la posizione del feto, il liquido amniotico e la funzione placentare anche con l ausilio della velocimetria doppler. Prenotazione Diagnosi prenatale: telefonicamente c/o il reparto; telefono Ecografie ostetriche: munirsi di impegnativa medica e prenotare presso venerdì dalle ore 8 alle ore 19; sabato dalle ore 8 alle ore 12 Centro Unico Prenotazione (sportelli front-office ubicati in Struttura): aperto dal lunedì al Centro Unico Prenotazione ( solo telefonico): attivo dal lunedì al venerdì dalle ore 9 alle ore 14; telefono 0381/

12 AMBULATORIO DELLA GRAVIDANZA OLTRE IL TERMINE Si rivolge alla gravide oltre la 40^ settimana di gestazione. Qualora i controlli risultino ottimali la gravida viene rivista a giorni alterni a partire dalla 41^ settimana e viene proposta l induzione del travaglio a 41 settimane + 3 giorni di epoca gestazionale. Ad ogni controllo vengono eseguiti: visita ostetrica, registrazione del battito cardiaco fetale, controllo del liquido amniotico e vengono valutati i diversi fattori di rischio per stabilire il timing (=tempistica corretta) del parto. Prenotazione Telefonica dal lunedì al venerdì (h 9-15) al numero 0381/ preferibilmente con impegnativa medica. QUALI SONO GLI ESAMI CONSIGLIATI Come previsto dalla Legge per la tutela della maternità alcuni esami da eseguire nel primo, secondo e terzo trimestre sono esenti dal pagamento del ticket: all inizio della gravidanza, possibilmente entro la 13^ settimana e comunque al primo controllo: o Emocromo:Hb, GR, GB, HCT, PLT, IND. DERIV., F.L. o Gruppo Sanguigno AB0 e Rh (D), qualora non eseguito in funzione preconcezionale o Aspartato Amniotrasferasi (AST) (GOT) (S) o Alanina Aminotrasferasi (ALT) (GPT) (S/U) o Virus Rosolia Anticorpi : in caso di IgG negative, entro la 17^ settimana o Toxoplasma Anticorpi (E.I.A.).: in caso di IgG negative ripetere ogni gg. fino al parto 12

13 o Treponema Pallidum Anticorpi (Ricerca quantit. mediante emoagglutin. Passiva) (TPHA): qualora non eseguite in funzione preconcezionale esteso al partner o Treponema Pallidum Anticorpi Anti Cardiopilina (Flocculazione) (VDRL) (RPR): qualora non eseguite in funzione preconfezionale esteso al partner o Virus Immunodef. Acquisita (HIV 1-2) Anticorpi o Glucosio (S/P/U/dU/La) o Urine Esame Chimico Fisico e Microscopico o Ecografia Ostetrica o Anticorpi Anti Eritrociti (Test di Coombs indiretto): in caso di donne Rh negativo a rischio di immunizzazione il test deve essere ripetuto ogni mese; in caso di incompatibilità AB0, il test deve essere ripetuto alla 34^ - 36^ settimana Tra la 14^ e la 18^ settimana: o Urine esame chimico fisico e microscopico Tra la 19^ e la 23^ settimana: o Urine esame chimico fisico e microscopico o Ecografia ostetrica Tra la 24^ e la 27^ settimana: o Glucosio (S/P/dU/La) o Urine esame chimico fisico e microscopico Tra la 28^ e la 32^ settimana: o Emocromo: Hb, GR, GB, HCT, PLT, IND. DERIV., F.L. o Ferritina (P/(Sg)Er): in caso di riduzione del volume globulare medio o Urine esame chimico fisico e microscopico o Ecografia ostetrica Tra la 33^ e la 37^ settimana: o Virus Epatite B (HBV) antigene HBsAg o Virus Epatite C (HCV) anticorpi o Emocromo: Hb, GR, GB, HCT, PLT, IND. DERIV., F.L. o Urine esame chimico fisico e microscopico o Virus Immunodef. Acquisita (HIV 1-2) anticorpi in caso di rischio anamnestico 13

14 Tra la 38^ e la 40^ settimana: o Urine esame chimico fisico e microscopico Dalla 41^ settimana o Ecografia ostetrica: su specifica richiesta dello specialista o Cardiotocografia: su specifica richiesta dello specialista; se necessario monitorare fino al parto In caso di batteriuria significativa: o Esame colturale dell urina (urinocoltura). Ricerca completa microrganismi e lieviti patogeni. Incluso: conta batterica. In caso di minaccia di aborto sono da includere tutte le prestazioni specialistiche necessarie per il monitoraggio dell evoluzione della gravidanza. Durante tutto il percorso della gravidanza le visite ostetriche sono gratuite. 14

15 IL PARTO E LA NASCITA Il momento del parto per la futura mamma è carico di aspettative. Sarà cura degli operatori accogliere le scelte che la donna propone rispetto al proprio parto,coniugandole,in maniera flessibile,con le necessità cliniche e assistenziali che possono intervenire. L ostetrica è la figura di riferimento che accompagnerà la donna in questo percorso. Nella gravidanza fisiologica il neonato e la mamma si predispongono per un parto per via vaginale e, se il decorso è avvenuto senza problemi, con il travaglio che inizia naturalmente, vi è alta probabilità di partorire in modo spontaneo. All Istituto Clinico Beato Matteo cerchiamo di offrire un ambiente confortevole e tranquillo, nel rispetto delle esigenze della donna, per far vivere con consapevolezza e serenità il momento della nascita. Durante la fase attiva del travaglio e in sala parto è garantita la presenza di una persona (marito/partner o altra persona scelta dalla partoriente) per non trascurare gli aspetti emotivi e psicologici relativi all evento nascita. L inizio e l andamento del travaglio sono influenzati dal decorso della gravidanza e favoriti dalle condizioni ambientali. Un supporto continuo e un sostegno emotivo durante il travaglio favoriscono un esperienza positiva della nascita. Con l aiuto della persona di fiducia e di professionisti qualificati, la donna può affrontare meglio la fatica, la gioia, la paura ed il dolore mettendo in pratica quanto ha appreso durante il Corso di Accompagnamento alla Nascita. L ostetrica che l aiuterà sarà pronta a ricordarle tecniche, sperimentare movimenti, posizioni e modi di respirare adattandoli al momento. 15

16 I diversi modi di partorire L Istituto offre, in base alle condizioni cliniche madre/bambino, varie modalità di parto: il parto attivo durante il travaglio la futura mamma potrà muoversi liberamente e scegliere la posizione del parto nel rispetto dei suoi tempi e delle sue esigenze il parto tradizionale viene scelto di solito per necessità cliniche ed assistenziali più complesse il parto in analgesia peridurale indicato alle donne per le quali il dolore rappresenta una difficoltà è che impedisce di vivere l evento in modo sereno è il parto indotto dopo la 42^ settimana di gestazione, a volte, necessario provocare il parto (induzione) che consiste nel far iniziare il travaglio è attraverso l utilizzo di farmaci oppure con la rottura programmata e controllata delle membrane amniotiche (amnioressi) il taglio cesareo un intervento chirurgico mediante il quale si estrae il bambino attraverso una incisione chirurgica praticata sulla parete addominale. Si rende necessario in è tutte quelle occasioni in cui un parto per via vaginale impossibile o presenta rischi maggiori (per la madre o il bambino) rispetto alla via vaginale. Il contenimento del dolore Il dolore del travaglio non sintomo di malattia, ma esprime e promuove il naturale svolgersi dei tempi del parto-nascita. 16

17 La percezione del dolore è Istituto Clinico Beato Matteo variabile e influenzata da condizioni fisiche del momento, dalle emozioni, dalle circostanze sociali, culturali ed assistenziali. Si può contenere il disagio attraverso strategie naturali o farmacologiche. Le strategie naturali Assistenza e supporto continuativi Sostegno emotivo, comunicazione, informazione, coinvolgimento nelle scelte Azioni di sollievo, muoversi durante il travaglio e scegliere le posizioni più adatte Tecniche di rilassamento apprese durante il corso di preparazione alla nascita è Le strategie farmacologiche L analgesia peridurale una tecnica che permette di controllare il dolore durante il travaglio di parto. Le informazioni dettagliate, sui vantaggi e rischi correlati a tale tecnica, verranno fornite durante un incontro con l anestesista previo appuntamento. è Quando andare in ospedale per il parto Quando le contrazioni sono regolari per intensità, frequenza e durata da almeno un paio d ore Quando avviene la perdita delle acque (liquido amniotico), specie se il liquido non chiaro Quando le perdite di sangue sono più di qualche goccia In tutti i casi in cui ci sono dubbi Cosa portare in ospedale È consigliabile preparare l occorrente per la degenza in ospedale in prossimità del termine di gravidanza. Cosa preparare per l ospedale in attesa del parto 17

18 Tutti gli esami eseguiti nel corso della gravidanza Documento di identità Tessera sanitaria elettronica Tessera TEAM per le donne straniere di Paesi appartenenti all Unione Europea Codice STP per le donne appartenenti a paesi extracomunitari e senza permesso di soggiorno Effetti personali per mamma e bambino Impegnativa medica per il ricovero Non sono richiesti effetti personali particolari, tuttavia per semplificarne la scelta può essere di aiuto questo elenco. Per la mamma Camicia da notte ampia, preferibilmente aperta completamente sul davanti, per il momento del parto, non stretta su braccio e avambraccio per agevolare la ricerca di accessi venosi. Pigiama o camicia da notte, secondo le abitudini personali, per il dopo parto. Reggiseno adatto per l allattamento. Prodotti per l igiene personale. Si consiglia di evitare l uso di profumi o saponi profumati. Per il bambino Quattro - cinque cambi di abbigliamento adeguati alla stagione in corso. Si consiglia alla donna di preparare una busta, con il suo cognome e nome, contenente un cambio completo da consegnare agli operatori al momento del parto. Per il soggiorno in ospedale saranno forniti Stoviglie monouso Acqua Pannolini per mamma e bambino Quanto serve per accudire il neonato (esempio medicazione del cordone ombelicale, creme per irritazioni da contatto,...). 18

19 NURSERY La Nursery dell Istituto Clinico Beato Matteo offre i seguenti servizi: 1. assistenza a neonati fisiologici e neonati a basso rischio 2. effettuazione di esami ecografici pediatrici (ecografia addominale e delle anche) Per garantire queste prestazioni è prevista la presenza di un pediatra neonatologo in guardia attiva 24 ore al giorno. Per i neonati nati in questa Struttura si propone il rooming -in diurno, di notte i bambini vengono portati alle mamme sono agli orari di allattamento (h 00.00,-04.00) per permettere alle mamme di riposare. Dove richiesto dalle mamme si procede con rooming-in anche notturno. Le attrezzature comprendono incubatrici, monitor cardio respiratori, ventilatori per la ventilazione meccanica. 19

20 di Istituti Clinici di Pavia è e Vigevano SPA garantita ASSISTENZA AL NEONATO FISIOLOGICO La presenza del pediatra neonatologo in ospedale Le principali attività sono: 24 ore al giorno. Visita medica del neonato, immediata ove necessario, oppure entro le 12 ore dalla nascita. Valutazione generale. Esecuzione della manovra di Ortolani (per la valutazione di eventuale displasia congenita delle anche). Visita quotidiana del neonato con valutazione del peso, degli introdotti, dell'adattamento alla vita extrauterina, degli eventuali vomiti o rigurgiti, delle evacuazioni, del ritmo sonno veglia, della reattività neuromotoria. Visita medica alla dimissione: Esame del sangue funicolare a tutti i neonati per la determinazione del gruppo sanguigno e per il test di compatibilità tra sangue materno e sangue fetale Profilassi oculare con collirio antibiotico alla nascita a tutti i neonati Profilassi antiemorragica con vitamina K a tutti i neonati alla nascita Prescrizione della profilassi della Malattia emorragica tardiva con somministrazione della vitamina K per le prime dodici settimane di vita a tutti i neonati Screening della Regione Lombardia per ipotiroidismo, galattosemia, fenilchetonuria, iperplasia surrenalica, deficit di biotinidasi e fibrosi cistica a tutti i neonati Screening uditivo neonatale con la metodica delle otoemissioni per tutti i neonati Valutazione clinica quotidiana dell'ittero con possibilità di dosaggio della bilirubina totale in reparto Ecografia delle anche nei soggetti a rischio (familiarità, presentazione podalica, altre malformazioni, ecc. ) Ecografia renale e addominale nei soggetti a rischio Prescrizione alla dimissione di profilassi con vitamina D e K. Promozione dell'allattamento al seno Rooming-in neonatale, sulla base delle esigenze individuali. 20

21 è ROOMING-IN La traduzione letterale dall'inglese del termine rooming-in significa tenere in stanza il proprio figlio : lo scopo principale di esso stabilire fin dalla nascita il contatto madre/padre bambino in senso fisico (favorendo anche l'allattamento), relazionale e di cura. I benefici che derivano da questa vicinanza precoce sono: a) favorire l'allattamento a richiesta ogni volta che il bimbo lo richieda; b) ridurre le difficoltà nella cura del proprio figlio da parte dei genitori una volta arrivati a casa, in quanto durante il rooming-in la madre e il padre hanno potuto acquisire maggiore consapevolezza e autonomia; c) ridurre gli episodi di pianto del neonato, che viene "consolato" dall'abbraccio, poiché nell'abbraccio il neonato percepisce la voce, l'odore ed il battito cardiaco della mamma. Quindi per rooming-in si intende la permanenza continuativa dei neonati accanto alla propria mamma, nella stessa stanza di degenza del reparto di ostetricia. L'utilità del rooming-in viene illustrata ai futuri genitori fin dai corsi di accompagnamento alla nascita, da parte di tutte le figure professionali che lo svolgono. I reparti di Nido e di Ostetricia adottano modalità assistenziali condivise, garantendo ai genitori omogeneità di approccio e di informazione. Si utilizzano protocolli e procedure condivisi, favorendo la comunicazione quotidiana tra genitori e operatori sanitari su problematiche insorte durante il rooming-in che riguardano la coppia madre-neonato. All Istituto Clinico Beato Matteo il rooming-in inizia alla nascita (di un neonato fisiologico), quando il neonato rimane in sala parto con la mamma per stabilire da subito il primo contatto: il è bimbo viene posizionato sulla è è pancia della mamma (skin to skin = pelle a pelle) dove da subito in grado di riconoscere l'odore materno (che ricorda quello del liquido amniotico) e di "avvicinarsi" al seno per succhiarlo. Nel caso di parto cesareo, se alla mamma stata praticata l'anestesia totale, tale pratica non possibile. Se alla mamma stata praticata l'anestesia in spinale, il bimbo dopo la nascita viene fatto vedere alla mamma e tenuto qualche istante accanto a se, e poi viene portato al nido per ricevere le prime cure assistenziali. Il bimbo nato da parto spontaneo dopo circa due ore dalla nascita,viene portato al Nido per il primo bagnetto, e per essere sottoposto a profilassi con vitamina k e collirio antibiotico e, 21

22 dopo la prima visita da parte del pediatra, viene portato in stanza dalla mamma. Da quel momento inizia il rooming-in. In alcuni momenti della giornata i neonati ritornano al Nido in occasione di: VISITA MEDICA (h 8.00 è ): i bimbi vengono visitati dai pediatri e vengono effettuati gli screening per la diagnosi precoce di alcune malattie metaboliche ed esami ematologici (ad es. per valutazione dell'ittero). VISITA PARENTI serale dalle h VISITA PARENTI diurna prevista solo nei giorni festivi dalle h Nei restanti orari i neonati possono rimanere con le mamme, salvo quelli che -a causa dell'ittero- devono eseguire la fototerapia o quelli che necessitano di specifiche cure assistenziali (come l'ossigenoterapia). Durante ogni turno il personale addetto al Nido si reca da ogni mamma per valutare come procede il rooming-in: la assiste durante l'allattamento al seno, risponde alle sue eventuali domande, la aiuta e la sostiene nell'accudimento del bimbo (ad esempio per il bagnetto e il cambio pannolino e indumenti del bimbo). L'assistenza alle mamme per l'allattamento viene integrata anche dal personale ostetrico. Quotidianamente il pediatra e l Ostetrica informano le mamme sulle condizioni cliniche dei neonati. Contemporaneamente viene spiegata l'utilità del rooming-in in funzione della alimentazione al seno e della relazione madre/bambino. L istruzione delle mamme per la medicazione del moncone ombelicale e per il bagno avviene da parte dell ostetrica subito prima della dimissione della madre e del neonato: in seconda giornata per il parto spontaneo ed in terza giornata per il taglio cesareo, fermo restando che in caso di patologia per la madre e per il neonato questi tempi vengono allungati. 22

23 CONTINUITA TRA OSPEDALE E TERRITORIO E DIMISSIONE PROTETTA Per quanto riguarda la continuità tra ospedale e territorio sarà attivo dal 1 gennaio 2015 un servizio che prevederà per la puerpera e il bambino la visita a domicilio, nonché il contatto telefonico pressoché costante con un ostetrica incaricata dalla struttura per il sostegno all allattamento, la cura del neonato, e il controllo del puerperio, nell ottica di una dimissione protetta. La dimissione precoce dal luogo del parto (48-72H) del neonato e della puerpera e la mancanza del sostegno famigliare e soprattutto sociale ha messo in evidenza la NECESSITA di offrire un assistenza adeguata a domicilio da parte di una ostetrica. Le competenze riconosciute ad una ostetrica sono: - assistenza alla puerpera nel post-partum e puerperio - diagnosi precoce a carico della puerpera - collaborazione con il medico in caso di patologia - sostegno per l'allattamento - informazioni in merito alle cure da prestare al neonato - educazione sessuale alla donna nel ripristino dell attivita sessuale - recupero della funzione della regione pelvi-perineale OBIETTIVO GENERALE: favorire il benessere materno-neonatale assicurando una assistenza adeguata DOMICILIARE OBIETTIVI SPECIFICI: monitorare, con visite domiciliari, le condizioni generali ed ostetriche della puerpera-neonato e sostenere l avvio dell esperienza genitoriale. 23

24 ALLEGATI ALL AGENDA DELLA GRAVIDANZA I reparti di Ostetricia e Nursery, che costituiscono il Punto Nascita, realizzano modalità assistenziali integrate, orientate alla coppia mamma-neonato. PER LA MAMMA PRESTAZIONE ETA GESTAZIONALE PRENOTAZIONE visita ostetrica ambulatorio ostetrico della gravidanza fisiologica dalle prime settimane di gravidanza c/o reparto Ostetricia (con impegnativa) visita ostetrica ambulatorio ginecologico di patologia della gravidanza dalle prime settimane di gravidanza Centro Unico Prenotazioni (C.U.P.) (con impegnativa) diagnosi prenatale: bi test alfafetoproteina su siero a 11 a 12 settimane di gestazione + 6gg. da 16 a 18 settimane c/o Ambulatorio di Diagnosi Prenatale amniocentesi da 16 a 18 settimane 24

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali

Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali uniti per i bambini INSIEME PER L ALLATTAMENTO Ospedali&Comunità Amici dei Bambini uniti per la protezione, promozione e sostegno dell allattamento materno Standard per le Buone Pratiche per gli Ospedali

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

AD OGNI DONNA IL SUO PARTO

AD OGNI DONNA IL SUO PARTO AD OGNI DONNA IL SUO PARTO Nascere a Verona e Provincia dati 2014 Via del Bersagliere 16, 37123 Verona - tel. 349 6418745 - info@melogranovr.org www.melogranovr.org Via Tito Speri 7, 37121 Verona - tel.

Dettagli

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna

I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna I Centri per le Famiglie dell Emilia-Romagna Sono 33. Obiettivo: un CpF per ogni distretto sanitario. 10 sono in Romagna Aree di attività dei CpF: Informazione (risorse e servizi per bambini e genitori,

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI

INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI INDAGINE CONOSCITIVA SUL PERCORSO NASCITA, 2002 ASPETTI METODOLOGICI E RISULTATI NAZIONALI Michele Grandolfo, Serena Donati e Angela Giusti Centro Nazionale di Epidemiologia, Sorveglianza e Promozione

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore

Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore Testo aggiornato al 29 novembre 2011 Legge 15 marzo 2010, n. 38 Gazzetta Ufficiale 19 marzo 2010, n. 65 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore La Camera dei

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

ŀregione Lazio Progetto Dioniso

ŀregione Lazio Progetto Dioniso Progetto Dioniso Screening audiologico per la sordità neonatale Ogni anno nascono 3 bambini su mille con problemi gravi di sordità. Con un esame semplicissimo, di pochi secondi, non invasivo, non doloroso

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI

MA 28. DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MISSIONE E VALORI pag. 7 DAI Chirurgia e Oncologia MDA Oncologia Borgo Roma SCHEDA INFORMATIVA UNITÀ OPERATIVE CLINICHE MA 28 Rev. 1 del 22/10/2011 Pagina 1 di 6 MISSIONE E VALORI L U.O.C. di Oncologia Medica si prende

Dettagli

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014

TASSI DI ASSENZA E MAGGIOR PRESENZA OTTOBRE 2014 PRESIDIO BORRI VARESE ACCETTAZIONE RICOVERI 18,9 0 22,84 77,16 PRESIDIO BORRI VARESE AFFARI GENERALI E LEGALI 4,35 15,53 19,88 80,12 PRESIDIO BORRI VARESE AMBULANZE 15,78 1,77 20,03 79,97 PRESIDIO BORRI

Dettagli

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica

DIPARTIMENTO TUTELA DELLA SALUTE E POLITICHE SANITARIE Allegato 8.6 8.6. Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 8.6 Requisiti Specifici per l accreditamento delle Strutture di Genetica Medica 1 Premessa Qualità e sostenibilità economica sono le principali esigenze cui cerca di rispondere la concentrazione delle

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE 1 di 10 07/02/2013 13:12 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 10 ottobre 2012 Modalita' per l'esportazione o l'importazione di tessuti, cellule e cellule riproduttive umani destinati ad applicazioni sull'uomo.

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani

CARTA DEI SERVIZI. Il Direttore Sanitario Dr.ssa Renata Vaiani CARTA DEI SERVIZI Questa Carta dei Servizi ha lo scopo di illustrare brevemente il nostro Poliambulatorio per aiutare i cittadini a conoscerci, a rendere comprensibili ed accessibili i nostri servizi,

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo

Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Articolazione aziendale del Progetto Strategie per ridurre il rischio di depressione post partum e proposta di un percorso formativo Dott.ssa Lorenza Donati Convegno Agli albori della salute: prevenzione

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA

REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L ASSISTENZA NON SANITARIA (ANS) NELLE AREE DI DEGENZA DEI PRESIDI OSPEDALIERI DELL AZIENDA USL DI RAVENNA PREMESSA Il ricovero in ambiente ospedaliero rappresenta per la persona e la sua

Dettagli

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale

INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP. Relazione Generale SERVIZIO SANITARIO REGIONALE BASILICATA Azienda Sanitaria Locale di Potenza INDAGINE DI CUSTOMER SATISFACTION SUL SERVIZIO DELL ASSISTENZA OSPEDALIERA DELLA ASP Relazione Generale A cura degli Uffici URP

Dettagli

FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA

FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA FONDAZIONE IRCCS CA GRANDA OSPEDALE MAGGIORE POLICLINICO Benvenuti in maternità DIPARTIMENTO PER LA SALUTE DELLA DONNA, DEL BAMBINO E DEL NEONATO U.O. DI NEONATOLOGIA E TERAPIA INTENSIVA NEONATALE 1 Con

Dettagli

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2

ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 ASU San Giovanni Battista Torino S.C. Cardiologia 2 Il processo infermieristico espresso con un linguaggio comune: sviluppo delle competenze professionali attraverso la capacità di formulare diagnosi infermieristiche

Dettagli

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori a cura del Comitato nazionale multisettoriale per l allattamento materno 1. Tutte le mamme hanno il latte Allattare al seno è un gesto naturale. Fin dall inizio del mondo, attraverso il proprio latte le

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

DRG e SDO. Prof. Mistretta

DRG e SDO. Prof. Mistretta DRG e SDO Prof. Mistretta Il sistema è stato creato dal Prof. Fetter dell'università Yale ed introdotto dalla Medicare nel 1983; oggi è diffuso anche in Italia. Il sistema DRG viene applicato a tutte le

Dettagli

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO Prof. Avv. GIAN LUIGI TOSATO 00187 ROMA Avv. GIULIO R. IPPOLITO VIA SALLUSTIANA, 26 Prof. Avv. ANDREA NERVI TEL. 064819419 Avv. MARIA CARMELA MACRI FAX: 064885330 Avv. NATALIA DEL OLMO GUARIDO E-MAIL:

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento)

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) 1. Tutti i convocati (uomini e donne) dovranno presentarsi con: - originale o copia

Dettagli

I QUADERNI DI APPROFONDIMENTO NURSIND IL SINDACATO DELLE PROFESSIONI INFERMIERISTICHE

I QUADERNI DI APPROFONDIMENTO NURSIND IL SINDACATO DELLE PROFESSIONI INFERMIERISTICHE I QUADERNI DI APPROFONDIMENTO NURSIND IL SINDACATO DELLE PROFESSIONI NURSIND - Il Sindacato delle Professioni Infermieristiche - Pisa - Periodico Trimestrale - Poste Italiane Spa Spedizione in abb. postale

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA

INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA INFORMAZIONE E CONSENSO ALLA FLUORANGIOGRAFIA ED ALL ANGIOGRAFIA AL VERDE INDOCIANINA FOGLIO INFORMATIVO PER IL PAZIENTE L angiografia retinica serve a studiare le malattie della retina; localizzare la

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO

PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO PROGETTO AMBRA-GARANZIA GIOVANI-BENEVENTO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Benevento 1- VIA DEI LONGOBARDI 9 progetto: Numero di volontari richiesti: 4 Attività di

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it

www.policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it A cura dell ufficio Comunicazione e accoglienza Ufficio stampa tel 059 4222213 poliurp@policlinico.mo.it Progetto grafico Avenida Stampa Artestampa srl Diffusione 50.000 copie Dicembre 2003 www.policlinico.mo.it

Dettagli

1) Il bambino in Ospedale

1) Il bambino in Ospedale Dal giorno in cui qualcuno ha avuto il coraggio di entrare in un reparto di terapia terminale con un naso rosso e uno stetoscopio trasformato in telefono, il mondo è diventato un posto migliore. Jacopo

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI

Il Presidente: GNUDI. Il Segretario: SINISCALCHI intermedi di lavorazione del plasma, eccedenti i fabbisogni nazionali, al Þ ne di prevenirne la scadenza per mancato utilizzo, anche con recupero dei costi di produzione. 8. Per l attuazione di quanto

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo

PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo PROGETTO Ambulatorio Ma.Re.A. (Malattia Renale Avanzata) Elaborato da: Delalio Alessia Guzza Lucia Resinelli Vilma Sandrini Massimo Malattia Renale Cronica Stadiazione Stadio Descrizione VFG (ml/min/1.73

Dettagli

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30

TRATTAMENTI. Elaborazione piani di trattamento in radioterapia con fasci esterni e 30 TRATTAMENTI 1 Accesso e custodia C/C DH 2 Accesso e custodia dati pazienti informatizzati 3 Accesso e custodia faldoni cartacei referti 4 Agenda prenotazione esami interni 5 Agenda prenotazione visite

Dettagli

Prelievo e Trapianto di Cornee

Prelievo e Trapianto di Cornee Prelievo e Trapianto di Cornee Protocollo operativo Edizione giugno 2014 http://www.piemonte.airt.it/documenti/protocolli.html Regione Piemonte e Valle d Aosta Centro Regionale Trapianti Coordinamento

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA

La degenerazione maculare legata all età (AMD) Informazioni ai malati -Progetto EUFEMIA Che cos è la degenerazione maculare? La degenerazione maculare è una malattia che interessa la regione centrale della retina (macula), deputata alla visione distinta necessaria per la lettura, la guida

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose.

RESIDENZA LE ROSE SCHEDA SERVIZIO DATI ANAGRAFICI STRUTTURA. Residenza LE ROSE. Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD. info@residenzalerose. RESIDENZA LE ROSE DATI ANAGRAFICI STRUTTURA SCHEDA SERVIZIO Residenza LE ROSE DENOMINAZIONE Via delle Rose, 7 35034 Lozzo Atestino PD INDIRIZZO CAP CITTÀ PROVINCIA 0429 644544 TELEFONO info@residenzalerose.net

Dettagli

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post

Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post AGENZIA SANITARIA E SOCIALE REGIONALE ACCREDITAMENTO IL RESPONSABILE PIERLUIGI LA PORTA Sussidio guida per la stesura della Relazione ex post D.Lgs. 229/99 I principi introdotti dal DLgs 502/92 art. 8

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME, Nome NAGAR BERNARDO Data di nascita 12/03/1955 Posto di lavoro e indirizzo ASP PALERMO U.O.C.Coordinamento Staff Strategico U.O.S.Coordinamento Screening

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare

Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali. Campagna per la promozione dell affidamento familiare Un percorso nell affido Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Campagna per la promozione dell affidamento familiare Il primo diritto che andrebbe assicurato ad ogni bambino è quello

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 62,39 S.O. OCULISTICA 83,23 U.O. S.O. CHIRURGIE 64,58 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 76,74 U.O. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/201. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari

Dettagli

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC)

ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) OSPEDALE FATEBENEFRATELLI E OFTALMICO Azienda Ospedaliera di rilievo nazionale M I L A N O S.C. RADIOLOGIA Direttore Dott. G. Oliva ESAME CON MEZZO DI CONTRASTO ORGANO-IODATO (TAC) ESAMI DA ESEGUIRE (VALIDITA'

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001

CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 CONFERENZA STATO-REGIONI Seduta del 22 febbraio 2001 Repertorio Atti n. 1161 del 22 febbraio 2001 Oggetto: Accordo tra il Ministro della sanità, il Ministro per la solidarietà sociale e le Regioni e Province

Dettagli

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014

Liceo T. Mamiani. Viale delle Milizie, 30 Roma. Febbraio 2014 .. Arch. Cristina Maiolati Via U. Saba,72 Roma Via Ulisse 28 S. F. Circeo (LT) c. maiolati@tiscali.it DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI redatto ai sensi dell art. 26 C. 3 del D.Lgvo. 81/08 Febbraio 2014

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n.

Legge 15 marzo 2010, n. 38. Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore. (G.U. 19 marzo 2010, n. Legge 15 marzo 2010, n. 38 Disposizioni per garantire l'accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore (G.U. 19 marzo 2010, n. 65) Art. 1. (Finalità) 1. La presente legge tutela il diritto del

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 75,36 U.O. S.O. CHIRURGIE 83,52 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 78,20 U.O. ALLERGOLOGIA 90,00 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 2/. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi.

PROTOCOLLO. Prevenzione, Sorveglianza e Controllo delle Infezioni Correlate all Assistenza: attivazione e funzionamento dei relativi organismi. Pagina 1 di 14 SOMMARIO Sommario...1 Introduzione...2 1. Scopo...2 2. campo di applicazione...3 3 Riferimenti...3 3.1 Riferimenti esterni...3 3.2 Riferimenti interni...3 4. Abbreviazioni utilizzate...4

Dettagli

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto

LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA. Obiettivi della giornata. Obiettivi del progetto LA DOCUMENTAZIONE INFERMIERISTICA Obiettivi della giornata Conoscere i presupposti normativi, professionali e deontologici della documentazione del nursing Conoscere gli strumenti di documentazione infermieristica

Dettagli

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità

Questionario per operatori/professionisti che lavorano con le famiglie di minori con disabilità Introduzione AIAS Bologna onlus, in collaborazione con altre organizzazioni europee, sta realizzando un progetto che intende favorire lo sviluppo di un ambiente positivo nelle famiglie dei bambini con

Dettagli

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO

INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INDICAZIONI INERENTI L'ATTIVITA' PSICOLOGICA IN AMBITO SCOLASTICO INTRODUZIONE L Ordine degli Psicologi del Friuli Venezia Giulia e l Ufficio Scolastico Regionale, firmatari di un Protocollo d Intesa stipulato

Dettagli

dell ALLATTAMENTO al SENO

dell ALLATTAMENTO al SENO ABC dell ALLATTAMENTO al SENO Ogni Ospedale del Trentino dovrebbe avere come punti di riferimento i 10 passi proposti dall UNICEF per essere un Ospedale Amico del bambino : 1 avere un protocollo scritto

Dettagli

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio.

La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Che cos è la Degenerazione Maculare correlata all Età (DME)? La degenerazione maculare correlata all età (DME) è una malattia della retina, nel fondo dell occhio. Essa porta a una limitazione o alla perdita

Dettagli

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE

VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE VACCINAZIONI E VACCINI DECALOGO PER LE FAMIGLIE In un qualsiasi anno prima dell'uso esteso dei vaccini in Italia si registravano circa 3.000 casi di poliomielite, circa 12.000 di difterite, circa 700 casi

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi

COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi COSA OFFRONO I SERVIZI SOCIALI DI UN COMUNE AI CITTADINI? A cura di Paola Bottazzi Questo documento vuole essere una sintetica descrizione dei servizi e delle opportunità che i servizi sociali del Comune-tipo

Dettagli

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia

Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia. Documento 02 Tipologia di Prodotto/Servizio Sezione Ematologia Pag. 1 di 6 Rev Data Redatto e elaborato Approvato Firma 0 04/03/2011 Coord.Infermieristico M.Renovi Dirigente Medico Resp. Dr. A. Stefanelli Direttore U.O.C. Medicina Generale Dott.ssa P. Lambelet Direttore

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI. Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta. di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione

CARTA DEI SERVIZI. Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta. di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione CARTA DEI SERVIZI azienda caserta azienda caserta ospedaliera Azienda Ospedaliera Sant Anna e e San Sebastiano di di Caserta di di rilievo nazionale e di e di alta alta specializzazione progetto e redazione:

Dettagli

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA

IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA IL SETTORE DELL ASSISTENZA E DELL AIUTO DOMICILIARE IN ITALIA Il settore dell assistenza e dell aiuto domiciliare in Italia L assistenza domiciliare. Che cos è In Italia l assistenza domiciliare (A.D.)

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I.

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI 83,22 U.O. S.O. CHIRURGIE 80,29 U.O. AFFARI GENERALI E SEGRET. 79,44 U.O. ALLERGOLOGIA 95,51 U.O. A.L.P.I. MOSCATI Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso Az. Osp. S.G. Moscati - Avellino nel mese 0/1. Pag. 1 di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge,

Dettagli

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare

La PET/CT. con. Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Informazione per pazienti. Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Informazione per pazienti La PET/CT con Gallio-DOTATOC ( 68 Ga-DOTATOC) Dipartimento Oncologico e Tecnologie Avanzate Medicina Nucleare Dott. Annibale Versari - Direttore INDICE Cos è e come funziona la

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia

Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia ASSEMBLEA REGIONALE SICILIANA QUADERNI LEGISLATIVI Normativa regionale in materia di tutela e valorizzazione della famiglia A cura Incarico speciale Controllo parlamentare e Testi unici Sebastiano Di Bella

Dettagli

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012

COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 COMUNITA SOL LEVANTE Carta dei Servizi 2010/2012 La Sol Levante nasce nel 1998 per dare una risposta alle esigenze delle persone, di ogni fascia d età, affette da disagio psichico e con problematiche in

Dettagli

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare

Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare GLOSSARIO DEI TRACCIATI SIAD Sistema informativo per il monitoraggio dell assistenza domiciliare Dicembre 2011 Versione 4.0 SIAD Glossario_v.4.0.doc Pag. 1 di 35 Versione 4.0 Indice 1.1 Tracciato 1 Definizione

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO 1 ' UFFICIO GENERALE DELLE RISORSE, ORGANIZZAZIONE E BILANCIO Ufficio X ex DGPOB Ufficio relazioni con il pubblico e Centro di documentazione REGOLAMENTO UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO SOMMARIO CAPO

Dettagli

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda)

LE DOMANDE. (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) LE DOMANDE (per leggere la risposta cliccare sul testo della domanda) 1. LA NUOVA MODALITÀ 1.1 Qual è in sintesi la nuova modalità per ottenere l esenzione ticket in base al reddito? 1.2 Da quando, per

Dettagli

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva.

Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Attività di sorveglianza e controllo delle infezioni ospedaliere a livello aziendale: risultati di un indagine conoscitiva. Mario Saia CIO: Normativa Italiana Circolare Ministeriale 52/1985 Lotta contro

Dettagli

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l.

LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO. Viste le proprie deliberazioni assunte nelle sedute del 25 gennaio 2000 e 7 giugno 2000; Dispone: Art. l. PROVVEDIMENTO 20 luglio 2000. Istituzione dell'elenco delle specialità medicinali erogabili a totale carico del Servizio sanitario nazionale ai sensi della legge 648/96. LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI

ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI ENGLISH FOR NURSES 25 CREDITI ECM - ID: 1585-20939 IN PARTNERSHIP CON DE AGOSTINI DESTINATARI: INFERMIERE, INFERMIERE PEDIATRICO INIZIO: 01/01/2012 FINE: 31/12/2012 COSTO: 84,70 (IVA INCLUSA) OBIETTIVI

Dettagli

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R.

Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. Catalogo dei servizi residenziali, semiresidenziali, territoriali e domiciliari di cui al Regolamento di attuazione della L.R. /2007 Sommario PREMESSA COMUNE ALLE SEZIONI A E B...3 SEZIONE A - SERVIZI

Dettagli

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015.

Carta Servizi. Poliambulatorio Sani.Med. 98 S.r.l. Medicina dello sport Medicina del lavoro 4 revisione- Gennaio 2015. Sani.Med. S.r.l. Via Palombarese km. 19,0 Marcosimone di Guidonia 00010 Roma Carta Servizi Prestazioni di: Fisioterapia Cardiologia Dermatologia Ginecologia Endocrinologia Oculistica Neurologia Reumatologia

Dettagli