Cellule staminali fra scienza e diritto: la libertà di ricerca scientifica e la regolamentazione giuridica delle biobanche

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cellule staminali fra scienza e diritto: la libertà di ricerca scientifica e la regolamentazione giuridica delle biobanche"

Transcript

1 Novembre 2012 Cellule staminali fra scienza e diritto: la libertà di ricerca scientifica e la regolamentazione giuridica delle biobanche

2 Copyright 2012 ELSA Trento Questa opera è protetta con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate Gli autori detengono tutti i diritti sui loro scritti. Stampato in Italia Stampa: Centro Stampa Università degli Studi di Trento Impaginazione a cura di Alessandro Castelletti Copertina a cura di Alessandro Castelletti, Giulia Finco Gambier, Francesca Francine Zani ELSA Trento Facoltà di Economia Via Inama 5, Trento L'iniziativa è stata realizzata con il contributo finanziario dell'università degli Studi di Trento e dell'opera Universitaria

3 a Rodolfo Sacco

4

5 V Premessa Il Journal of European and Transnational law/diritto Europeo e Transnazionale edito da ELSA Trento è giunto alla terza edizione. Il presente numero della rivista giuridica JET/DET è il risultato di un Legal Research Group che ha impegnato studenti della Facoltà di Giurisprudenza dell Università degli Studi di Trento del percorso Europeo e Trasnazionale durante l anno Seguendo le direttive di ELSA International, che ha scelto come International Focus Programme per il triennio l Health Law, il LRG ha scelto di rivolgere la propria attenzione alla sfera del biodiritto. In particolare, sono stati approfonditi due argomenti principali: la libertà di ricerca sulle cellule staminali e le biobanche. Vediamo qui pubblicati i risultati della ricerca legale condotta dai partecipanti su questi argomenti. Tale pubblicazione, verrà presentata in occasione della conferenza Oltre i confini del diritto: le nuove sfide della ricerca sulle cellule staminali, evento di apertura della XLVIII Assemblea Nazionale di ELSA Italia. Ci uniamo ai componenti del LRG nel ringraziare i docenti e collaboratori della Facoltà di Giurisprudenza, che li hanno affiancati nella loro prima esperienza di ricerca. Un ringraziamento particolare va rivolto alla Professoressa Cinzia Piciocchi, coordinatrice del progetto; al Dottor Matteo Macilotti che si è occupato della parte inerente alle biobanche e al Dottor Simone Penasa per la parte relativa alla libertà di ricerca. Ringraziamo infine gli studenti dell Ateneo trentino che hanno aderito con entusiasmo alla nostra iniziativa rendendo possibile questo progetto. Il Direttivo di ELSA Trento

6

7 VII INDICE SOMMARIO Presentazione 1 Parte Prima LA LIBERTÀ DI RICERCA Cellule staminali oggi: libertà di ricerca scientifica e nuovi orizzonti di Alessandra Baccarini e Carla Maria Reale Introduzione 1. Cellule staminali: cosa sono ed i loro metodi di derivazione 1.1 Cosa sono 1.2 Differenti tipologie 1.3 Derivazione e cenni legislativi 2. Bioetica applicata alle cellule staminali 2.1 La libertà di ricerca scientifica nel campo delle cellule staminali 2.2 Il momento in cui l embrione può definirsi persona 3. Produzione, importazione ed esportazione di linee cellulari 3.1 Importazione ed esportazione di linee cellulari 3.2 Il mercato degli Ovociti 4. Human admixed embryo 4.1 Cosa sono 4.2 Aspetti scientifici 4.3 Aspetti legislativi 4.4 Questioni etiche Conclusione

8 VIII Le cellule staminali embrionali: il bilanciamento possibile Riflessioni e orientamenti giuridici alla luce del caso Brüstle v Greenpeace di Chiara Fusari 1. Introduzione. 2. L embrione comunitario: quale bioetica europea? 2.1 Il caso Brüstle: la causa principale e le questioni pregiudiziali. 2.2 La ratio decidendi e nuovi possibili scenari. 3. L ordinamento giuridico italiano. 4. Conclusioni La libertà di ricerca scientifica su cellule staminali embrionali in Italia ed il ruolo della legge n 40/2004 di Giulia Finco Gambier e Francesca Francine Zani 1. Introduzione 2. La ricerca sulle cellule staminali embrionali 3. Normativa e dibattito in Italia inerenti all impiego delle cellule embrionali umane 4. La Chiesa Cattolica e la tutela dell embrione 5. Analisi legge 40/2004: Parte Seconda BIOBANCHE Le biobanche di Barbara Bonalda, Federico Ceccon, Giada Chiari, Evi Dall Antonia Premessa 1.Il fenomeno 2.Fonti normative 2.1 Fonti dell OCSE 2.2 Le Dichiarazioni UNESCO 2.3 Il Consiglio d Europa

9 IX 2.4 Fonti dell Unione Europea 3.Tipi di Biobanche e problemi correlati 3.1 Premessa 3.2 Le biobanche genetiche: che cosa sono e come funzionano Le biobanche di popolazione Il progetto canadese CARTaGENE Biobanche del sangue del cordone ombelicale 3.3 Biobanche di tessuti 4.Le problematiche inerenti alle biobanche 4.1 La proprietà dei materiali biologici 4.2 La privacy 4.3 Il consenso informato prestato dal donatore 4.4 Proprietà intellettuale, brevettabilità dei campioni biologici e tutela delle banche dati che conservano le informazioni genetiche ottenute dai campioni 5. Fonti Nazionali 5.1 Francia 5.2 Spagna 5.3 Regno Unito Conclusioni Cellule staminali cordonali di Carlotta Baretton 1. Introduzione. 2. Studio ed evoluzione. 3. Sorgenti alternative alle cellule staminali emopoietiche: le cellule staminali cordonali. 4. La nascita delle biobanche: la conservazione delle unità prelevate. 5. Conservazione autologa e allogenica. 6. Regolamentazione europea. 7. Regolamentazione italiana. 8. Conclusioni

10

11 1 Presentazione Quando uno studente sceglie d iscriversi alla Facoltà di giurisprudenza, oggi, non so di preciso quali aspettative riponga negli studi che si appresta ad intraprendere. Probabilmente si è consapevoli sin dall inizio che si dovranno studiare norme giuridiche (molte norme giuridiche) la Costituzione, i codici, le leggi e come la giurisprudenza le interpreta. Sicuramente ci si aspetta di studiare regole, che dettano la disciplina di settori diversi: dalle norme che regolamentano le istituzioni dello Stato a quelle che disciplinano i contratti, dai confini della libertà di espressione ai rapporti di lavoro, e via dicendo. Difficilmente, credo, uno studente di giurisprudenza si aspetterebbe di affrontare l argomento delle cellule staminali. Non si tratta tuttavia di un fenomeno così sorprendente, ma di un percorso formativo che caratterizza il giurista contemporaneo, che sempre più spesso si trova ad occuparsi di diritto e tecnologia, diritto e scienza, diritto e bioetica, in un fenomeno in cui il diritto assume talvolta i tratti delle hyphenated identities (cioè di quelle identità che si definiscono si passi la sintesi brutale per sommatoria) sino a giungere grazie a quel processo che la linguistica identifica come composizione al neologismo del biodiritto, che dà conto di una strutturale ed ineliminabile interdisciplinarietà. Presso la Facoltà di giurisprudenza di Trento dai cui studenti ha origine questo volume didattica e ricerca raccolgono ampiamente la sfida, offrendo diverse occasioni di analisi del rapporto tra diritto e scienza. Ne derivano differenti suggestioni, spesso raccolte dagli studenti stessi che, forse anche per un fattore generazionale, comprendono appieno l importanza di queste tematiche, fornendo uno sguardo che, spesso, per chi insegna e svolge ricerche su questi argomenti, getta prospettive inedite o inaspettate, che risultano preziose e stimolanti. In questo humus (ed in particolare grazie all apporto del dott. Matteo Macilotti del gruppo di ricerca LawTech e del dott. Simone Penasa del gruppo di ricerca BioDiritto, che hanno messo a disposizione la propria competenza) nasce l iniziativa promossa dall associazione ELSA ed è con grande piacere, quindi, che accolgo l invito a presentare questo lavoro collettaneo, che trae spunto da un argomento di ricerca iniziale la regolamentazione giuridica delle cellule staminali esaminato secondo diverse prospettive, che si sono arricchite in corso d opera. Quando si affrontano queste tematiche, infatti, ci si accorge che partendo dalla disciplina giuridica di questo tipo di cellule (analizzata in prima analisi da Alessandra Baccarini e Carla Maria Reale) si finisce per parlare di diritto e scienza, dalla ricerca sulle cellule staminali embrionali (considerata nei contributi di Chiara Fusari, Giulia

12 2 Finco Gambier e Francesca Francine Zani) si giunge alla disamina del diritto alla salute e dalla regolamentazione delle biobanche (indagata da Barbara Bonalda, Federico Ceccon, Giada Chiari, Evi Dall Antonia e, nel caso specifico della conservazione del sangue da cordone ombelicale, da Carlotta Baretton) si finisce per analizzare la libertà, nelle sue diverse epifanie: individuale, collettiva e nel rapporto con il concetto di solidarietà. Si parla, insomma, di come l innovazione scientifica possa condizionare i diritti e le libertà fondamentali e di come a sue volta il diritto possa incidere sulla scienza e condizionarne l esercizio di libertà che essa presuppone, alla luce dei diversi interessi coinvolti: dell individuo, del ricercatore e della società presente e futura. Di questo trattano i diversi contributi qui raccolti, che presentano prospettive ed approcci differenti, nel comune interesse per un argomento che, mi piace evidenziare, appare strutturalmente intergenerazionale. Temi come questi evidenziano particolarmente e più di altri la necessità di solidarietà tra le generazioni, o perlomeno le interazioni tra esse, che rappresentano un passaggio sociale e culturale spesso problematico nel panorama contemporaneo, ma anche un concetto evocato dalla Corte costituzionale italiana, ad esempio quando si è occupata di risorse ambientali e delle generazioni future. I confini della libertà di ricerca scientifica così come sono individuati dagli ordinamenti giuridici oggi, infatti, avranno ripercussioni sull individuazione di cure per i malati di domani e ciò che si consente o non si consente alla scienza oggi, svolgerà conseguenze anche sulle scelte dei luoghi in cui i ricercatori decideranno di operare nel prossimo futuro. Di tutto questo emerge consapevolezza nei lavori qui riportati, così come quanto alla necessità d individuare alcune linee interpretative in tematiche come queste, che si caratterizzano per rapidità di sviluppo ed avanzamenti ed in cui tracciare punti fermi diventa esercizio difficile, ma necessario ed anche stimolante, poiché il giurista che non riesca a vedere lontano anche in relazione a sviluppi scientifici complessi o imprevedibili, è destinato a rincorrere la scienza, in una gara che difficilmente lo vedrà vincitore. Cinzia Piciocchi

13 Parte Prima LA LIBERTA DI RICERCA

14

15 Cellule staminali oggi: libertà di ricerca scientifica e nuovi orizzonti 5 alessandra baccarini e carla maria reale sommario: Introduzione -1. Cellule staminali: cosa sono ed i loro metodi di derivazione Cosa sono -1.2 Differenti tipologie Derivazione e cenni legislativi - 2. Bioetica applicata alle cellule staminali La libertà di ricerca scientifica nel campo delle cellule staminali Il momento in cui l embrione può definirsi persona - 3. Produzione, importazione ed esportazione di linee cellulari Importazione ed esportazione di linee cellulari Il mercato degli Ovociti - 4. Human admixed embryo Cosa sono Aspetti scientifici Aspetti legislativi Questioni etiche - Conclusione Introduzione Perché parlare di cellule staminali oggi? L argomento, seppur oggi così altamente abusato è ancora in realtà un campo in evoluzione e quanto mai aperto a nuove idee. Con la nostra analisi vorremmo depurare la tematica da considerazioni di mero ordine speculativo, strumentalizzazioni ed ideologie ed arrivare, in fine, all essenza della questione, che riguarda trasversalmente l etica e la scienza, ma soprattutto cercheremo di tratteggiare il ruolo che il diritto può svolgere in rapporto a queste due. Per raggiungere questo fine è inevitabile un impronta di tipo comparatistico che porti ad avere una visione il più possibile ampia, destrutturata e scevra da pregiudizi, ma non acritica della materia. La nostra breve trattazione si articolerà in quattro differenti punti. I primi due si occupano di spiegare gli estremi fondamentali della questione, trattando della natura dei soggetti in questione e analizzando le principali posizioni al riguardo nel campo della bioetica. Le successive due, si soffermano invece su tematiche più specifiche, quali il commercio di linee cellulari ed ovociti e la questione degli Human Admixed Embryo forse meno note ed esplorate, ma a nostro avviso non meno interessanti.

16 6 Jet Det Cellule staminali: cosa sono ed i loro metodi di derivazione. 1.1 Cosa sono «L aggettivo staminale viene da stame che significa ceppo, stipite, origine. In prima approssimazione possiamo dire quindi che per cellula staminale s intende una cellula capace, nel suo processo continuo di replicazione, di dar luogo ad una progenie di cellule via via sempre più differenziate e specializzate» 1. Nel suo processo evolutivo la cellula ovocita passa dall essere totipotente a pluripotente e da pluripotente a multipotente, perdendo progressivamente la sua potenziale plasticità. Vediamo nel dettaglio come avvengono e cosa implicano dal punto di vista scientfico questi passaggi, dei quali la conoscenza risulta fondamentale per capire successivamente le questioni legate ai diversi tipi di cellule. 1.2 Differenti tipologie Cellule staminali totipotenti: si dicono tali quelle cellule capaci di specializzarsi in numerosi tessuti, capaci quindi, in potenza, di dare origine a un organismo adulto, proprietà presente nello zigote e i blastomeri fino alla terza divisione cellulare, già evidenziata dagli esperimenti di Driesch 2. Con la formazione della morula, si perde tale caratteristica per approdare ad un nuovo stato che è quello di formazione della blastocisti 3. Cellule staminali pluripotenti: con il processo di blastocisti si viene a formare il trofoblasto ciò che darà luogo alla placenta, differenziato dall embrioblasto cioè il germe dell embrione 4. Le cellule staminali pluripotenti sono localizzate nell embrioblasto e sono cellule capaci di generare tutti i tessuti dell organismo adulto ma non l organismo adulto nella sua interezza. Tale fase è limitatissima 5. Cellule staminali multipotenti: a partire dall ottavo giorno l embrioblasto va incontro ad un processo di gastrulazione, il momento più importante della nostra vita secondo alcuni studiosi 6. In tale fase l embrioblasto assume l aspetto di un disco 1 D. Neri, La Bioetica in laboratorio, Roma-Bari, 2005, p D. Neri, op.cit. a nota prec. p. 29. Nei suoi esperimenti sullo sviluppo della larva, Driesch dimostrò la totipotenza delle cellule dell embrione. Prendendo infatti un blastomero (embrione a 4 cellule) ed isolando ciascuna di esse egli notò come ciascuna di queste potesse dare origine ad una larva. 3 A. Massarenti, Staminalia, Le Cellule «Etiche» e I Nemici Della Ricerca, Parma,2008, p Il termine blasto, significa germe, origine. 5 D. Neri, La bioetica in laboratorio, Roma-Bari, 2005, pp Come dichiarato da Lewis Wolpert, eminente biologo dell University College of London,nell intervista Interview with Lewis Porter a cura di Vienna Leigh, 2007, reperibile all indirizzo

17 Cellule staminali oggi: libertà di ricerca scientifica 7 ove sono individuabili due differenti strati di cellule, a cui intorno al quattordicesimo giorno se ne aggiunge un terzo, il mesoderma. Questi tre stati, conosciuti come foglietti germinativi, svilupperanno ciascuno determinati tessuti e organi del corpo umano. Queste sono le cellule multipotenti, destinate a formare determinati tipi di tessuti. Tuttavia, studi dimostrano che la differenza fra le cellule multipotenti e le cellule pluripotenti non è così netta, in quanto una cellula di un determinato foglietto se collocata altrove è capace di cambiare la propria direzione di specializzazione, ovvero, in questo stadio, tale cellula è ancora altamente plastica e capace di mutare funzione a seconda della collocazione. Cellule unipotenti: cellule che mantengono le proprietà di rinnovamento ma sono capaci di dare vita ad un solo tipo cellulare. 1.3 Derivazione delle cellule staminali e cenni legislativi Avendo analizzato le diverse tipologie, passiamo alle fonti e facciamo un breve cenno al panorama legislativo europeo e internazionale in materia, tralasciando le correlate e fondamentali questioni etiche che saranno trattate in un successivo paragrafo. Cellule staminali provenienti da tessuti adulti Le cellule staminali provenienti da tessuti adulti sono cellule multipotenti e unipotenti, capaci di generare un limitato numero di tessuti già predeterminato. Tali cellule si trovano in numero ristretto in ogni tessuto e organo terminalmente differenziato di qualsiasi organismo, esse sono deputate al mantenimento della struttura e funzionalità del tessuto in cui sono localizzate. Tali tipi di cellule sono quelle sulle quali l opinione pubblica riversa spesso le maggiori aspettative, in quanto, sarebbero capaci di annientare i risvolti di natura etica che implica invece l uso delle staminali embrionali, non prevedendo tale procedura la distruzione di embrioni, tuttavia attualmente esse sono impiegate per la cura di pochissime patologie. Quelle che Armando Massarenti definisce «cellule etiche» 7 hanno infatti, a causa della loro multipotenza un potenziale ridotto. L uso di tali cellule e la ricerca intorno ad esse è consentito in tutti i paesi in quanto la questione viene risolta nell ambito del consenso del diretto interessato. 7 A. Massarenti, Staminalia, Le Cellule «Etiche» e I Nemici Della Ricerca, Parma, 2008; Massarenti le definisce tali in quanto esse non sono legate alla problematica della distruzione di un embrione.

18 8 Jet Det Cellule staminali cordonali Le cellule staminali cordonali provengono dal sangue del cordone ombelicale. I genitori, al momento della nascita del proprio figlio possono in alcuni paesi scegliere liberamente di conservare e/o donare il cordone ombelicale. L atto della donazione implica l esistenza di banche pubbliche che raccolgono tali tessuti e li mettono a disposizione della comunità, la conservazione invece avviene tramite banche private, che attraverso pagamento (spesso molto oneroso), garantiscono la conservazione del cordone ad esclusivo uso personale (si veda in proposito il paper seguente intitolato Le Biobanche ). La legislazione in materia non è uniforme, in alcuni paesi infatti è consentita la sola donazione, in altri il soggetto è messo nella condizione di scegliere liberamente quali dei due metodi di conservazione adottare. Le cellule del cordone ombelicale sono cellule adulte unipotenti, emopoietiche e quindi dalle ristrette capacità curative, tuttavia esse sono semplici da isolare 8, anche se spesso la quantità che si riesce a raccogliere è scarsa. Cellule staminali fetali Le cellule staminali fetali sono quelle provenienti da feti abortiti. Esse sono «una via di mezzo fra le cellule adulte e le embrionali» 9 in quanto, pur perdendo la totale plasticità tipica delle embrionali, non sono ancora cellule altamente specializzate. In tutti i paesi è consentito l uso di feti abortiti per cause naturali, mentre, solo in quei paesi che non vietano l aborto è possibile l utilizzazione di feti provenienti da aborto procurato. Alcuni di questi paesi sono India, Cina, Cile, Irlanda, Polonia. Cellule staminali embrionali Le cellule staminali embrionali sono quelle che vengono estratte dall embrioblasto ed implicano la sua distruzione. Sono cellule pluripotenti, dotate di altissima plasticità, qualità che le rende particolarmente interessanti per le ricerche scientifiche. Le cellule staminali embrionali, possono derivare da linee cellulari già esistenti prodotte da paesi in cui tale pratica è consentita, da trattamenti della fertilità (embrioni crioconservati) o essere appositamente prodotte mediante trasferimento nucleare.il trasferimento nucleare è quella procedura, conosciuta anche come clonazione terapeutica, che consente di sostituire il genoma di una cellula con quello derivante da un altra. Il procedimento implica l estrazione di un nucleo da una cellula con il successivo inserimento di quest ultimo in un oocita precedentemente maturato e poi enucleato, privato cioè del suo nucleo. Riguardo alle linee cellulari già esistenti il discorso verrà approfondito in un 8 M. Sampaolesi, Le Cellule Staminali, Bologna, 2011, p M. Sampaolesi, op.cit. a nota prec. p. 61.

19 Cellule staminali oggi: libertà di ricerca scientifica 9 successivamente, per adesso ci limitiamo a dire che tale metodo è l unico che consente la ricerca sulle staminali embrionali in Germania e in Italia. L uso di embrioni crioconservati non oltre il quattordicesimo giorno di sviluppo è largamente accettato in Spagna, Svezia, Danimarca, Finlandia, Iran 10. In Francia, la legge n del 6 agosto 2004 vieta ogni forma di clonazione a fini terapeutici ma autorizza l uso di embrioni sovrannumerari derivanti da fecondazione assistita. La legge del Belgio, 3 Aprile 2003, limita la ricerca agli embrioni sovrannumerari, ma consente, nei casi in cui gli obiettivi della ricerca lo richiedano la clonazione a fini terapeutici (cioè il processo di trasferimento nucleare). Tale pratica è attualmente ammessa anche in Svezia e Finlandia. In paesi quali Polonia, Lituania, Norvegia, Austria, Cile troviamo un rigidissimo divieto di utilizzazione di embrioni a scopo di ricerca. In antitesi, paesi quali Cina, Singapore, Corea del Sud, annoverano le legislazioni più permissive. Discorso a collocazione intermedia è quello riguardante i paesi che subordinano l uso di embrioni per la ricerca e quindi il procedimento di clonazione terapeutica alla deliberazione di un apposita Authority; fra questi annoveriamo in primis la Gran Bretagna e l India, Sud Africa e Israele. Il procedimento di trasferimento nucleare per l apposita creazione di embrioni è regolamentato e consentito in Gran Bretagna, Belgio, Usa, India, Iran, Argentina, Israele, Cina, Svezia Bioetica applicata alle cellule staminali Lo sviluppo del corpo umano, trova il suo punto d origine nella cellula staminale, da questa sono originate infatti i 220 tipi di cellule che lo compongono. Gli studi effettuati sulle stesse, hanno portato a scoperte sempre più importanti che possono ora e sempre più in futuro, migliorare la qualità di vita dell uomo, ad esempio prospettando nuove terapie per patologie non ancora curabili. Molti i risultati finora raggiunti, ma la strada è ancora lunga e la ricerca ha bisogno di sempre maggiori spazi e forme di sostegno ecomomico per perseguire obiettivi che si rivelano sempre più ambiziosi. Spesso però la ricerca è osteggiata da riserve di ordine etico e morale, le quali si pongono l obiettivo di fungere da contrappeso a spinte che potrebbero portare la ricerca alle soglie dell umano, come ad esempio nel caso dell utilizzo delle cellule staminali per ricerche eugenetiche. Secondo alcuni studiosi, tali ricerche, hanno come inevitabile sottofondo 10 V. Franco, Bioetica e Procreazione assistita, Le Politiche della Vita tra Libertà e Responsabilità, Roma, 2005, pp Per dati concernenti la comparazione si veda, Luciano Conti, Cellule Staminali: normativa sulla ricerca, UNISTEM Università degli studi di Milano, reperibile all indirizzo

20 10 Jet Det l insoddisfazione nei confronti dell umano, la sensazione che l uomo non sia abbastanza; per costoro, tali studi se non adeguatamente frenati, portano al cosiddetto transumanismo, che non niente pi che un termine per indicare la fantasia di un potenziale umano senza alcun limite 12. In questo panorama, due sono i punti che più animano il dibattito etico in materia: A) La libertà della ricerca scientifica B) Il momento in cui un embrione può definirsi persona 2.1 La libertà di ricerca scientifica nel campo delle cellule staminali Secondo l articolo nove della Costituzione italiana «La Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e la ricerca scientifica e tecnica», mentre l articolo 33 della stessa statuisce che «L arte e la scienza sono libere e libero ne è l insegnamento». Questi due diritti, così bene descritti dalla carta Costituzionale, sono il punto di partenza del dibattito etico che normalmente si crea attorno alla nascita d innovazioni scientifiche in ambito biomedico; per le cellule staminali non è fatta eccezione. Nei diversi casi che prospetta l esperienza comune, vengono ad essere coinvolti più diritti attribuibili al singolo, i quali necessitano, proprio per la tendenza ad una dilatazione eccessiva del loro campo d azione, di un bilanciamento. Il bilanciamento è la pratica che porta ad una giusta compressione di uno o più diritti in gioco per far prevalere quello che effettivamente risulta predominante e meritevole di maggior tutela. Nel caso delle cellule staminali, il primo diritto ad entrare in gioco è la libertà di ricerca. La Corte Costituzionale italiana ha affermato 13 a riguardo, che la libertà di ricerca scientifica non si riflette soltanto sulla libertà individuale del singolo ricercatore, ma anche su un elevato grado di autonomia della comunità scientifica nel suo insieme e le leggi che introducono limiti alla ricerca debbano essere sottoposte a uno strict scrutiny cioè ad un regime di controllo serrato, per il quale il legislatore, prima di poter censurare o comunque porre limiti a detta libertà, debba avvalersi dell opinione di esperti e di scienziati, ferrati in materia 14. Nonostante ciò, spesso e 12 F. Tomasini, Imagining Human Enhancement: Whose Future, Which Rationality?, Theoretical Medicine and Bioethics, Indicative a questo proposito le sentenze: Corte Costituzionale, sent. 282/2002 e Corte Costituzionale, sent. 151/ R. Bin, Libertà di Ricerca Scientifica in Campo Genetico, Tratto da Alle Frontiere del Diritto Costituzionale scritti in onore di V. Onida, Milano, 2011.

21 Cellule staminali oggi: libertà di ricerca scientifica 11 volentieri, soprattutto in Italia, si è assistito ad un silenzio tombale delle istituzioni davanti agli appelli degli scienziati 15 che richiedevano un approccio pi laico e meno influenzato da posizioni religiose e ideologiche, in un ambito così pieno di possibilità non ancora esplorate che, se lasciate responsabilmente libere, potrebbero sviluppare moltissimo le cure per numerose malattie come ad esempio il Parkinson e la sclerosi multipla. Per costoro alla luce del progresso scientifico è necessario che libertà e limiti siano continuamente ridefiniti 16. Alcuni autori hanno in proposito affermato la necessità di un interpretazione restrittiva dell articolo 13 della legge 40/2004, che essendo una norma limitatrice della libertà di ricerca scientifica, non deve veder ampliato il suo campo di applicabilità oltre il significato letterale ; in altre parole secondo questa corrente dottrinale, ci sarebbe la possibilità di svolgere ricerche sulle cellule embrionali non essendoci un espresso divieto legislativo 17. Sono proprio le cellule staminali embrionali, e la ricerca su di esse, che scatenano le più infervorate obiezioni di origine etico. Obiezioni che si riflettono anche sulle legislazioni di altri stati, come ad esempio la Germania, la quale lentamente si sta aprendo a questo tipo di ricerche, abbandonando quello che per anni stato il brocardo delle sue politiche anti-ricerca sulle cellule staminali embrionali «Und bloß kein Dammbruch 18», che accolgieva i timori relativi ad una ricerca illimitata sugli embrioni umani, timori che risalgono alle esperienze politiche negative vissute nel ventesimo secolo 19. Mentre, ad esempio in California, un referendum popolare ha votato il via libera alla sperimentazione sulle cellule staminali embrionali 20. Un esempio di politica tra «laicità e democrazia» come sostiene Carlo Alberto Redi, invece l iniziativa portata avanti dall ex primo ministro inglese Tony Blair, il quale con un ingente investimento ha voluto divulgare il libro bianco della genetica in tutta la comunità, per spiegare alla popolazione tutti i risvolti di questo settore così controverso 21. Si è detto in precedenza che l ambito di studio più problematico è quello 15 Si veda la lettera aperta al presidente del Consiglio Romano Prodi, del gruppo di ricercatori italiani sulle cellule staminali embrionali, Il Progresso della Scienza, Roma, 14 luglio V. Franco, Bioetica e Procreazione assistita, Le Politiche della Vita tra Libertà e Responsabilità, Roma, 2005, p Si veda in proposito l opinione di A. Santosuosso riportata in: C. A. Redi, Il Biologo Furioso, Provocazioni d Autore tra Scienza e Politica, Milano, 2011, p Il brocardo tedesco è assimilabile a quella che nell esperienza italiana è definita come etica del piano inclinato. 19 R. G. Mazzolini, HJ. Rheinberger, Differing Routes to Stem Cell Research: Germany and Italy, Bologna-Berlino, 2010, p D. Neri, La Bioetica in Laboratorio, Cellule Staminali, Clonazione e Salute Umana, Roma-Bari, 2005, C. A. Redi, Biologo Furioso, Provocazioni d Autore tra Scienza e Politica, Milano, 2011, p.121.

22 12 Jet Det riguardante le cellule staminali embrionali, ambito che è culla di dissapori e di scontri etici. Spesso, si è auspicato, soprattutto da parte delle autorità religiose, di concentrare gli sforzi della ricerca sulle sole cellule staminali adulte come ad esempio quelle presenti all interno del midollo osseo, che vengono già utilizzate a fini terapeutici. In proposito, è interessante la Dichiarazione Sulla Produzione e Sull uso Scientifico e Terapeutico Delle Cellule Staminali Embrionali Umane emanata dalla Pontificia accademia per la vita, nella quale si sostiene «la tesi dell equivalenza» dei due tipi di cellule (staminali embrionali e staminali provenienti da tessuti adulti). La possibilità di utilizzare cellule staminali adulte per raggiungere le stesse finalità che si intenderebbe raggiungere con le cellule staminali embrionali-anche se si richiedono molti ulteriori passi prima di vederne chiari e definitivi risultati - indica questa come la via più ragionevole e umana da percorrere per un corretto e valido progresso in questo nuovo campo che si apre alla ricerca e a promettenti applicazioni terapeutiche. Inoltre, nella stessa dichiarazione, è riportato anche il parere dei professori D.L.Clarke e J. Frisén che confermano, che: «Questi studi suggeriscono che le cellule staminali nei differenti tessuti adulti possono essere molto più simili di quanto finora pensato alle cellule embrionali umane, fino ad averne in alcuni casi un repertorio molto simile». Ciò suscita obiezioni da parte di alcuni scienziati, in quanto non corrisponde al modo in cui costoro percepiscono quello che Demetrio Neri definisce lo «stato dell arte»; cioè chiudere completamente la ricerca alle sole cellule staminali adulte significherebbe mutilare in partenza la ricerca in un campo ancora nuovo e tutto da esplorare, rallentando l intero campo. Le domande sottese a tale problematica sono quelle legate alla precisa definizione di embrione, oppure riguardo alla tutela giuridica del diritto alla vita dello stesso, o più in generale riguardo al momento esatto in cui inizia la vita. Quest ultimo è il punto focale che da il via alle obiezione verso l uso delle cellule staminali embrionali, la determinazione del momento esatto in cui un embrione diventa persona e le tesi a riguardo sono tantissime e spesso diametralmente opposte. 2.2 Il momento in cui l embrione può definirsi persona Nel 2000, durante il Congresso Internazionale sui Trapianti il premio Nobel per la medicina Rita Levi Montalcini ha dichiarato: «È difficile dire quando l embrione diventi persona, ognuno ha le sue idee. Ma certamente non lo è fino ai quattordici giorni dal concepimento». Nella stessa conferenza il padre della pecora Dolly, Jan Wilmut, ha detto: «L embrione non ancora una persona: un potenziale uomo, una

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali Differenziamento = Creazione cellule specializzate Cos è una cellula staminale? Cosa mostra la foto Un pezzo di metallo e molti diversi tipi di viti. Dare origine a diversi tipi di cellule è un processo

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE 1 di 10 07/02/2013 13:12 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 10 ottobre 2012 Modalita' per l'esportazione o l'importazione di tessuti, cellule e cellule riproduttive umani destinati ad applicazioni sull'uomo.

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Presentando le cellule staminali

Presentando le cellule staminali Presentando le cellule staminali 1 Alcune note prima di iniziare Questa presentazione va considerata come uno strumento flessibile per scienziati, divulgatori scientifici ed insegnanti. Non tutte le diapositive

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

Supervisori che imparano dagli studenti

Supervisori che imparano dagli studenti Supervisori che imparano dagli studenti di Angela Rosignoli Questa relazione tratta il tema della supervisione, la supervisione offerta dagli assistenti sociali agli studenti che frequentano i corsi di

Dettagli

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE

Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE ITALIA Problematiche chiave Le competenze linguistiche e matematiche degli adulti italiani sono tra le più basse nei paesi OCSE La performance degli italiani varia secondo le caratteristiche socio-demografiche

Dettagli

Introduzione ai Microarray

Introduzione ai Microarray Introduzione ai Microarray Anastasios Koutsos Alexandra Manaia Julia Willingale-Theune Versione 2.3 Versione italiana ELLS European Learning Laboratory for the Life Sciences Anastasios Koutsos, Alexandra

Dettagli

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO

E-MAIL: mail@studiotosato.it Avv. DEBORAH NASTI Avv. NICOLA LUCIFERO Prof. Avv. GIAN LUIGI TOSATO 00187 ROMA Avv. GIULIO R. IPPOLITO VIA SALLUSTIANA, 26 Prof. Avv. ANDREA NERVI TEL. 064819419 Avv. MARIA CARMELA MACRI FAX: 064885330 Avv. NATALIA DEL OLMO GUARIDO E-MAIL:

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI

DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI DICHIARAZIONE DEI DIRITTI SESSUALI Riconoscendo che i diritti sessuali sono essenziali per l ottenimento del miglior standard di salute sessuale raggiungibile, la World Association for Sexual Health (WAS):

Dettagli

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO

C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO C.5 PER UNA RIFLESSIONE TEOLOGICA SUL LAVORO 1.La nuova creazione come struttura teologica 2.L approccio pneumatologico 3. L alienazione del lavoro in prospettiva teologica 4. La spiritualità del lavoro

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Codice Deontologico degli psicologi italiani

Codice Deontologico degli psicologi italiani Codice Deontologico degli psicologi italiani Testo approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine nell adunanza del 27-28 giugno 1997 Capo I - Principi generali Articolo 1 Le regole del presente Codice

Dettagli

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali

Guida alle attività. Tutto sulle cellule staminali Guida alle attività è un attività da usare con studenti dagli 11 ai 14 anni o con più di 16 anni. Consiste in un set di carte riguardanti le conoscenze basilari sulle cellule staminali e sulle loro applicazioni

Dettagli

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA

INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA PROGRAMMA EDUCATION INSEGNANTI ITALIANI: EVOLUZIONE DEMOGRAFICA E PREVISIONI DI PENSIONAMENTO Anticipazioni per la stampa dal Rapporto 2009 sulla scuola in Italia della Fondazione Giovanni Agnelli (dicembre

Dettagli

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale?

Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Growing Unequal? : Income Distribution and Poverty in OECD Countries Summary in Italian Distribuzione dei redditi e povertà nei Paesi OCSE: una crescita diseguale? Riassunto in italiano La disuguaglianza

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita

Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita Adult Literacy and Life skills (ALL) - Competenze della popolazione adulta e abilità per la vita 1 di Vittoria Gallina - INVALSI A conclusione dell ultimo round della indagine IALS (International Adult

Dettagli

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE

L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE L ADOZIONE DEI LIBRI DI TESTO NELLE SCUOLE EUROPEE I rapporti di Eurydice PREMESSA Questo breve rapporto sull adozione dei libri di testo è nato in seguito a una specifica richiesta all unità italiana

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

La mobilità sociale tra Stato e mercato

La mobilità sociale tra Stato e mercato La mobilità sociale tra Stato e mercato di Carlo Lottieri, Università di Siena Nella cultura contemporanea si tende a guardare alla mobilità sociale intesa quale possibilità di ascendere da una posizione

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM PER LE POLITICHE E GLI STUDI DI GENERE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FORUM Tra differenza e identità. Percorso di formazione sulla storia e la cultura delle donne Costituito con Decreto del Rettore il 22 gennaio 2003, «al fine di avviare

Dettagli

Identikit del drogato da lavoro

Identikit del drogato da lavoro INTERVISTA Identikit del drogato da lavoro Chi sono i cosiddetti workaholic? quanto è diffusa questa patologia? Abbiamo cercato di scoprirlo facendo qualche domanda al dottor Cesare Guerreschi, fondatore

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015)

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) Conferenza Episcopale Italiana MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) SOLIDALI PER LA VITA «I bambini e gli anziani costruiscono il futuro dei popoli; i bambini perché porteranno

Dettagli

1. Che cos è. 2. A che cosa serve

1. Che cos è. 2. A che cosa serve 1. Che cos è Il Supplemento al diploma è una certificazione integrativa del titolo ufficiale conseguito al termine di un corso di studi in una università o in un istituto di istruzione superiore corrisponde

Dettagli

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15

Scuola dell Infanzia Progettazione a.s. 2014/15 Istituto «San Giuseppe» Scuole Primaria e dell Infanzia Paritarie 71121 Foggia, via C. Marchesi, 48-tel. 0881/743467 fax 744842 pec: istitutosangiuseppefg@pec.it e-mail:g.vignozzi@virgilio.it sito web:

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI. Preambolo Il 10 dicembre 1948, l'assemblea Generale delle Nazioni Unite approvò e proclamò la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, il cui testo completo è stampato nelle pagine seguenti. Dopo questa solenne

Dettagli

CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO

CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO CONSIGLIO D EUROPA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO PRIMA SEZIONE CASO S. H. E ALTRI c. AUSTRIA (Ricorso n 57813/00) SENTENZA STRASBURGO 1 aprile 2010 Pendente alla Grande Camera domanda di deferimento

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14

Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Informazione, Consenso/dissenso e DAT (dichiarazioni anticipate di trattamento) nel nuovo C.D.M. del 18.05.14 Varenna - 27.09.2014 a cura dr. S. Fucci - giurista e bioeticista - sefucci@tiscali.it La relazione

Dettagli

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico")

SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - testamento biologico) SONDAGGIO sulle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T. - "testamento biologico") effettuato tra i chirurghi italiani delle varie branche e delle diverse specialità per conto del Collegio Italiano

Dettagli

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità Uno più uno fa tre di Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità La formula della fertilità Esiste una stretta relazione tra fertilità e stili di vita: individui perfettamente sani dal

Dettagli

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi

Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi Autonomia e parità in altri paesi: alcuni esempi 1 FRANCIA Le Scuole sous contrat d association In Francia il sistema è centralistico con un Ministero forte che regola ogni aspetto. Ci sono tre tipologie

Dettagli

Codice deontologico dell Assistente Sociale

Codice deontologico dell Assistente Sociale Codice deontologico dell Assistente Sociale Approvato dal Consiglio Nazionale dell Ordine Roma, 6 aprile 2002 TITOLO I Definizione e potestà disciplinare 1. Il presente Codice è costituito dai principi

Dettagli

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali

La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali La Carta dei diritti fondamentali : un testo essenziale per i diritti sociali e sindacali I. Introduzione : una Carta essenziale per tutti i lavoratori europei II. Contesto storico : come è stata elaborata

Dettagli

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco

La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco n. 2-2011 La sostenibilità dello sviluppo turistico: il caso delle Dolomiti patrimonio naturale dell Unesco Mariangela Franch, Umberto Martini, Maria Della Lucia Sommario: 1. Premessa - 2. L approccio

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

Trieste, 25 ottobre 2006

Trieste, 25 ottobre 2006 Trieste, 25 ottobre 2006 PRESENTAZIONE DEL BILANCIO DI SOSTENIBILITÀ 2005 DEL GRUPPO GENERALI AGLI STUDENTI DELL UNIVERSITA DI TRIESTE INTERVENTO DELL AMMINISTRATORE DELEGATO GIOVANNI PERISSINOTTO Vorrei

Dettagli

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas

Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Il concetto di sfera pubblica viene introdotto dal sociologo tedesco Jurgen Habermas Con questo termine si identifica lo spazio pubblico, diverso dallo Stato, creato all interno dei café francesi dell

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova

Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Di cosa parliamo quando parliamo di quote Alisa Del Re Università di Padova Il capo del Governo Da almeno una decina d anni mi sono convinto che il passaggio delle quote è inevitabile. Una volta cambiato

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA)

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) Lo sviluppo embrionale è il processo che, per successive mitosi porta dallo zigote all'individuo completo. Lo sviluppo embrionale comprende in realtà vari aspetti, che

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto

Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Costruire un Partito Democratico Europeo Un Manifesto Ci sono momenti nella storia in cui i popoli sono chiamati a compiere scelte decisive. Per noi europei, l inizio del XXI secolo rappresenta uno di

Dettagli

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante!

I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport hanno una pagella brillante! I teenagers che fanno sport non solo stanno meglio in salute ma prendono anche voti migliori a scuola! Lo dimostra una ricerca svolta al dipartimento

Dettagli

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF)

Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) Il quadro europeo delle qualifiche (EQF) di A. Sveva Balduini ISFOL Agenzia Nazionale LLP Nell aprile del 2008, al termine di un lungo lavoro preparatorio e dopo un ampio processo di consultazione che

Dettagli

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono?

STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? 2. Come nasce la sperimentazione clinica e che tipi di studi esistono? STUDI CLINICI 1. Che cosa è uno studio clinico e a cosa serve? Si definisce sperimentazione clinica, o studio clinico controllato, (in inglese: clinical trial), un esperimento scientifico che genera dati

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT

TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT TERZO SETTORE TERZO SETTORE O SETTORE NON PROFIT E quell insieme di organizzazioni che producono beni/servizi e gestiscono attività fuori dal mercato o, se operano nel mercato, agiscono con finalità non

Dettagli

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE DATI E INFORMAZIONI DI INTERESSE AMBIENTALE E TERRITORIALE Terza sessione: IL CONTESTO NORMATIVO, L ORGANIZZAZIONE, GLI STRUMENTI LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO: ASPETTI DI MAGGIOR RILIEVO E RICADUTE OPERATIVE

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte

Corte Europea dei Diritti dell Uomo. Domande e Risposte Corte Europea dei Diritti dell Uomo Domande e Risposte Domande e Risposte COS È LA CORTE EUROPEA DEI DIRITTI DELL UOMO? Queste domande e le relative risposte sono state preparate dalla cancelleria e non

Dettagli

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO PER GLI AFFIDAMENTI E I CONTRATTI PER ESIGENZE DIDATTICHE, ANCHE INTEGRATIVE, AI SENSI DELLA LEGGE 240/2010 Art. 1 Ambito di applicazione L Università, in applicazione del D.M. 242/98 ed ai

Dettagli

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948

DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL'UOMO DEL 1948 PREAMBOLO Considerato che il riconoscimento della dignità inerente a tutti i membri della famiglia umana, e dei loro diritti, uguali ed inalienabili,

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA

INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA INDAGINE LAST CMR (COMMUNITY MEDIA RESEARCH) PER LA STAMPA L epoca in cui viviamo, caratterizzata dalla velocità e dall informazione, vede limitate le nostre capacità previsionali. Non siamo più in grado

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione.

Le difficoltà cui fanno fronte i giovani italiani per trovare un lavoro rischiano di compromettere gli investimenti nell istruzione. Il rapporto dell OCSE intitolato Education at a Glance: OECD Indicators è una fonte autorevole d informazioni accurate e pertinenti sullo stato dell istruzione nel mondo. Il rapporto presenta dati sulla

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

attività motorie per i senior euro 22,00

attività motorie per i senior euro 22,00 Le attività motorie Chi è il senior? Quali elementi di specificità deve contenere la programmazione delle attività motorie destinate a questa tipologia di utenti? Quali sono le capacità motorie che necessitano

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni

Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni Norme varie relative al Nucleo di Valutazione e alle sue funzioni! Statuto del Politecnico di Torino TITOLO 2 - ORGANI DI GOVERNO DEL POLITECNICO Art. 2.3 - Senato Accademico 1. Il Senato Accademico è

Dettagli

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza

Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza COMMISSIONE DELLE COMUNITA EUROPEE Il ruolo delle università nell Europa della conoscenza Presentazione Con questa comunicazione (Bruxelles 05.02.2003 COM(203) 58 def.) la Commissione si propone di dare

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano

a cura della Commissione di diritto societario dell Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano La ricostituzione della pluralità dei soci nella s.a.s. In ogni numero della rivista trattiamo una questione dibattuta a cui i nostri esperti forniscono una soluzione operativa. Una guida indispensabile

Dettagli

È senz altro riduttivo definire il libro di Antonello Ciervo come un saggio introduttivo. Si

È senz altro riduttivo definire il libro di Antonello Ciervo come un saggio introduttivo. Si Università degli studi di Roma La Sapienza, Dipartimento di Economia e Diritto, 17 dicembre 2013. Seminario organizzato nell ambito del Dottorato di Diritto pubblico dell economia dell Università degli

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

Ministero dell Università e della Ricerca

Ministero dell Università e della Ricerca Statuto dei diritti e dei doveri degli Studenti Universitari In attuazione dell art. 34 della Costituzione della Repubblica Italiana, che sancisce il diritto per tutti i capaci e meritevoli, anche se privi

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi

Humana comoedia. Una riflessione sulla condizione umana oggi Humana comoedia Una riflessione sulla condizione umana oggi Biagio Pittaro HUMANA COMOEDIA Una riflessione sulla condizione umana oggi saggio www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Biagio Pittaro Tutti

Dettagli

Valdigrano: quando l ambiente è un valore!

Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valdigrano: quando l ambiente è un valore! Valutazione di impatto ambientale delle linee Valdigrano, Valbio e La Pasta di Franciacorta Programma per la valutazione dell impronta ambientale Progetto co-finanziato

Dettagli

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti

Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti ........ Reperimento risorse per interventi in ambito culturale e sociale Il comune non può costituire una fondazione per ricerca di finanziamenti di Federica Caponi Consulente di enti locali... Non è

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli