Scelta una tecnica «rivoluzionaria». Scontenti i cattolici: prima dimostrate che quelle cellule non sono di embrioni

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Scelta una tecnica «rivoluzionaria». Scontenti i cattolici: prima dimostrate che quelle cellule non sono di embrioni"

Transcript

1 1. Veronesi: clonazione terapeutica, ecco la via italiana. Scelta una tecnica «rivoluzionaria». Scontenti i cattolici: prima dimostrate che quelle cellule non sono di embrioni 2. CORAGGIO E DIALOGO 3. Cellule staminali non solo dall embrione 4. Cellule staminali non specializzate 5. Perché gli scienziati puntano tanto sulle staminali, cellule prodigiose 6. Tnsa, la via italiana alla clonazione terapeutica: Veronesi: Potremo ricostruire organi senza trapianti 7. Di Virgilio: «Non va intaccata la vita» 8. Clonazione, i dialoghi dei Saggi: scontri e compromessi tra laici e cattolici 9. Via libera del comitato dei saggi a Veronesi. Clonazione terapeutica il sì dell Italia 1. Veronesi: clonazione terapeutica, ecco la via italiana. Scelta una tecnica «rivoluzionaria». Scontenti i cattolici: prima dimostrate che quelle cellule non sono di embrioni La «via italiana» sull uso di cellule staminali è un documento di venticinque pagine che il ministro della Sanità Umberto Veronesi ha presentato ieri dopo un ultima, lunga riunione con tutta la Commissione presieduta dal Nobel Renato Dulbecco. La parte più controversa, il giudizio etico sulle varie «sorgenti» da cui prendere le preziose «primordiali», ritenute capaci in un futuro di curare 10 milioni di persone affette da malattie gravi, è riassunta in uno schemino. I 25 esperti hanno definito «accettabile» la possibilità di ricavare le cellule staminali attraverso la tecnica del trasferimento del nucleo e inoltre da tessuto fetale, cordone ombelicale e cellule adulte. Ha diviso la Commissione invece la proposta di intervenire sugli embrioni congelati e non impiantati nelle coppie che si sottopongono a fecondazione artificiale. In 18 si sono espressi a favore, l intero blocco laico. Contro, i restanti sette, il gruppo cattolico: Ersilio Tonini, Bruno Dallapiccola, Enrico Garaci, Adriano Bompiani, Domenico Di Virgilio, Girolamo Sirchia e Luigi Lorenzetti. La Commissione è dell avviso che non debbano essere posti «vincoli di scelta agli scienziati verso la fonte di staminali che ritengono più consona alle proprie valutazioni scientifiche ed etiche». La grande novità è il trasferimento di nucleo, un metodo che consente di ottenere staminali senza passare attraverso l embrione. Si svuota un ovocita non fecondato o un citoplasma, si inserisce il nucleo di una cellula adulta del paziente da curare e

2 si mette in coltura. Sistema ritenuto molto efficace e che si discosta in modo sostanziale dalla «clonazione terapeutica» autorizzata dal documento inglese commissionato da Blair perché, spiega Claudio Bordignon, «in quel caso si arriva all embrione ai primissimi stadi». Veronesi parla di «rivoluzione», di svolta e pensa già di inviare la relazione dei saggi all estero in modo che tutti possano riconoscere il valore scientifico del metodo Dulbecco. Ma il suo tono trionfalistico stona con i mugugni dei cattolici. Il cardinale Tonini e i suoi non danno affatto per acquisito il fatto che il trasferimento di nucleo tenga fuori l embrione: «Devono dimostrarlo con studi animali, per ora è un ipotesi sperimentale, vogliamo garanzie. Noi non ci riconosciamo nel documento a meno che non venga integrato», si agita Adriano Bompiani, direttore scientifico dell ospedale Bambino Gesù. Osservazioni e distinguo che non compaiono sul rapporto, riportati però al ministro fino a poche ore prima della conferenza stampa, anche con una nota sottoscritta dai sette. Tant è che Veronesi in apertura, come aggiunta allo schemino che sottintendeva un sì incondizionato, si è sentito obbligato a precisare più volte: «È un testo ancora provvisorio, seguirà una versione completa dove alcune divergenze verranno risolte. Il trasferimento di nucleo è una prospettiva, un ipotesi che si basa su dati solidi. Sarà necessario avviare la ricerca clinica per essere sicuri che l ovocita non si differenzi verso la linea embrionale. È la condizione essenziale per percorrere questa via». Il documento, definito da Veronesi superiore a quello dell inglese Donaldson, verrà inviato al Consiglio dei ministri e al Parlamento. Saranno le due Camere a decidere se autorizzare il metodo Dulbecco o aprire all impiego di embrioni crioconservati. Parliamo di prospettive per noi molto lontane. Per il momento, dice il ministro, «spingerò rapidamente verso progetti di ricerca dove c è consenso unanime». Un iniziativa che non comporta spaccature è il censimento degli embrioni congelati, prodotti in sovrannumero nei centri di procreazione assistita. La commissione elenca, inoltre, una serie di raccomandazioni. Dovrà essere elaborata una procedura per ottenere il consenso informato dalle coppie che non intendono più utilizzare gli embrioni. Viene proposto di elaborare un «Progetto nazionale di ricerca sulle cellule staminali». Nel mondo politico prime reazioni. Pedrizzi di An pone delle condizioni sull uso di staminali ricavate da feti abortiti: «Occorre specificare che il materiale deriva da feti abortiti spontaneamente. In quanto al trasferimento di nucleo, non si capisce come evitare il passaggio attraverso l embrione se la stessa tecnica ha portato alla nascita di Dolly». Fioroni, Ppi, ribadisce l «intoccabilità dell embrione». Dai Ds, segnali positivi. Per Chiara Chiaromonte la politica ora non può restare a guardare, «dobbiamo assumerci le responsabilità di una scelta».

3 2. CORAGGIO E DIALOGO Se il ministro della Sanità Veronesi accetterà le raccomandazioni della commissione da lui insediata tre mesi fa per consigliarlo sull'uso delle cellule staminali, l'italia potrebbe avviarsi a fare ricerche indirizzate alla produzione di cellule, tessuti e parti di organo a scopo terapeutico, utilizzando non solo cellule staminali prelevate da individui adulti e da materiale risultante da aborti spontanei o terapeutici, ma anche da cellule-uovo non fecondate alle quali venga sostituito il nucleo. E', quest'ultimo, l'unico elemento di novità che emerge dal documento che è stato presentato ieri al ministro. Si tratta però di un elemento di grande rilevanza. Dopo tutto il chiasso che si è fatto quest'anno sulla cosiddetta clonazione terapeutica, è arrivato forse il momento della chiarezza. Lo scopo di questo tipo di ricerche è chiaro. Vedere se, e fino a che punto, si possano preparare in laboratorio tessuti e parti di organo che possano essere impiantati o trapiantati in individui portatori di danni fisici irreversibili, causati da malattie o da traumi conseguenti a incidenti, ictus o all'asportazione di tumori. Che questo sia possibile lo si è cominciato a pensare da non più di due-tre anni a seguito di un succedersi di scoperte fatte su animali più o meno simili a noi. Non è ancora sicurissimo che ciò sia possibile anche per l'uomo, almeno per certi tessuti, ma le prospettive sono incoraggianti. In questa ottica, qualcuno ha pensato che fosse giunto il momento di sperimentare, perché di sperimentare si tratta e non di passare all'applicazione clinica, anche sull'uomo. L'Inghilterra e gli Stati Uniti si sono mossi in questa direzione e un certo numero di nazioni europee, come la Spagna, la Germania e più recentemente la Francia, hanno avviato un processo istruttorio su questi temi. La potenziale utilità di queste ricerche non è in dubbio. Il punto controverso era ed è il tipo di cellule dalle quali partire per produrre questi tessuti e parti di organo. Oggi si sa che è possibile riprogrammare una cellula per farla procedere lungo la strada che a noi più aggrada, verso la costituzione cioè di questo o quel tessuto del nostro corpo. Questo processo di riprogrammazione è però molto più facile sulle cellule che non possiedono ancora una loro caratterizzazione specifica e risulta via via sempre più complesso se applicato a cellule più caratterizzate, cioè differenziate. Le cellule meno differenziate e quindi più facilmente riprogrammabili in assoluto sono quelle presenti nell'embrione quando è ancora allo stadio di 6-8 cellule. Ciascuna di queste è capace di dar luogo ad un intero organismo ed è quindi per definizione capace di produrre qualsiasi tessuto. Per questa loro capacità tali cellule sono dette totipotenti. Sono praticamente totipotenti anche le cellule che si trovano all'interno dell'embrione di due settimane, chiamato blastocisti. E' da qua che si prelevano le cosiddette cellule staminali embrionali (ES) con le quali lavorano in tutto il mondo gli scienziati che fanno analoghi esperimenti sul topo.

4 Ancora capaci di una notevole plasticità, e quindi riprogrammabili, sono probabilmente molte cellule prelevate da aborti spontanei o terapeutici. Queste cellule, come pure quelle prelevate dal cordone ombelicale al momento della nascita, completano il gruppo di quelle dalle quali ci si poteva da sempre aspettare una buona disposizione alla riprogrammabilità. Ciò che è emerso di nuovo negli ultimi anni è stata la relativa abbondanza di cellule riprogrammabili presenti anche in organismi adulti. Queste cellule, dette comunemente staminali, sono presenti nel midollo osseo, nella pelle, nelle mucose e perfino nel cervello di individui adulti. Un certo numero di lavori sperimentali hanno dimostrato di recente che queste cellule possiedono infatti una buona disposizione ad essere "rieducate" e a lasciarsi riavviare verso un nuovo destino. In questa impresa scientifica è stato tutt'altro che secondario il contributo di alcuni gruppi di ricercatori italiani, tra i quali spicca quello di Angelo Vescovi che è riuscito a utilizzare cellule staminali prelevate dal cervello per produrre sia sangue che tessuto muscolare. Per questo motivo l'utilizzazione delle cellule staminali adulte è stata anche battezzata "la via italiana" alla produzione di tessuti e organi. L'utilizzazione di cellule staminali adulte avrebbe enormi vantaggi sia dal punto di vista tecnico che psicologico, ma ancora non sappiamo fino a che punto potranno soddisfare tutte le esigenze della clinica. Da qui la necessità di sperimentare anche su altri tipi di cellule e da qui l'insorgere di problemi di natura psicologica, etica e religiosa, soprattutto per quanto concerne l'utilizzazione di cellule prelevate da embrioni umani. La Commissione era stata proprio insediata per dare consigli sul via libera da dare a esperimenti su un tipo di cellule piuttosto che su un altro. E la Commissione si è divisa, come era del resto ragionevole aspettarsi, sull'utilizzabilità di cellule prelevate da embrioni precoci o di due settimane. Mentre alcuni ritengono che ciò sia lecito, se non doveroso, partendo da quegli embrioni sovrannumerari risultanti dalla fecondazione in vitro e che per una varietà di motivi non possono venire utilizzati, cioè impiantati nell'utero di una madre potenziale, altri membri della Commissione hanno affermato l'illiceità morale di tali esperimenti, perché così si violerebbe la sacralità della vita umana. Per loro infatti un embrione è un essere umano con potenzialità di sviluppo. La Commissione si è invece unanimemente espressa in favore della possibilità di sperimentare su cellule adulte, su cellule ricavate da aborti spontanei o terapeutici e su cellule-uovo nelle quali è stato inserito il nucleo prelevato da un'altra cellula, a patto che sia chiaro che non si sta neppure iniziando a formare per questa via un nuovo embrione. Ciò oggi è possibile in molti mammiferi e costituisce il vero elemento di novità di questi anni. Una cellula-uovo non fecondata, ma si spera presto anche una cellula di altro tipo, può essere privata del suo nucleo

5 e può ricevere il nucleo di un'altra cellula, magari dello stesso individuo che necessita del trapianto. La cellula che riceve questo nuovo nucleo viene così totalmente riprogrammata e coltivata in vitro per produrre tessuti e organi. Non è invece capace di dar luogo a un embrione, a meno che non venga "attivata", non sia soggetta cioè a un trattamento speciale che in una certa percentuale di casi potrebbe eventualmente dar luogo a un vero e proprio sviluppo embrionale. Il chiarimento di questo punto, con l'illustrazione delle potenzialità di sviluppo di questa via, è uno dei meriti di questa Commissione. Ciò non significa che esperimenti di questo tipo si faranno presto, ma la risoluzione della Commissione costituisce comunque un importante passo avanti, sia sul piano scientifico che su quello della capacità di dialogo fra persone di diverse convinzioni etiche. 3. Cellule staminali non solo dall embrione Una tecnica proposta con enfasi dalla commissione prevede l asportazione del nucleo, cioè dell informazione genetica, dalla cellula uovo non fecondata e la sua sostituzione con il nucleo di una cellula adulta, che potrebbe essere tratta dalla ghiandola mammaria, come nel caso della pecora Dolly, oppure dalla pelle o da un altro tessuto (in realtà non si sa ancora quale tipo di cellula adulta sia più adatto). Il nucleo adulto viene dunque inserito nella cellula uovo enucleata e da lì si estrude l organismo intero. Il confine bioetico è però sottile. Con il trasferimento non si ottiene, è vero, lo zigote ovvero l ovocita fecondato, e inoltre non c è modo di far sviluppare l ovocita modificato come embrione, a meno di non intervenire con una serie di manipolazioni. Ma il falso zigote viene comunque fatto duplicare per alcuni cicli fino a ottenere cellule staminali che possiamo chiamare impropriamente embrionali. Ora, i cattolici sostengono che una entità cellulare che ha il potenziale di svilupparsi in organismo adulto è un embrione, quindi un uomo, e la definizione potrebbe perciò applicarsi all ovocita enucleato. Di conseguenza neppure l ovocita andrebbe toccato. Il ragionamento ha però una falla. Se qualunque cellula potenzialmente capace di diventare un organismo adulto è intangibile, non possiamo rivolgerci neppure alle cellule staminali adulte, che con il trasferimento nucleare possono appunto esitare in un organismo adulto. La questione è di lana caprina e non sorprende che sul quesito i saggi si siano divisi. Anche per questo è difficile dire se il trasferimento di embrione diventerà il metodo standard dei ricercatori italiani per produrre cellule staminali. Una cosa però è certa: ora che la ricerca sulle staminali ha ricevuto il blasone ministeriale, occorre intensificare lo studio del differenziamento

6 verso un determinato stipite cellulare e delle concrete capacità di attecchimento delle cellule così prodotte negli organi in cui sono state trapiantate. I l documento dedica un breve paragrafo alle cellule staminali fetali, derivabili quindi da cadavere senza sollevare problemi etici, le quali presentano un potenziale proliferativo intermedio tra quelle adulte e quelle embrionali. Gli aborti spontanei che avvengono giornalmente nel mondo sono diverse migliaia e se soltanto un dieci per cento di questi feti venisse raccolto il fabbisogno globale di cellule madre verrebbe soddisfatto. Tra l altro, l uso delle staminali fetali risolverebbe anche il problema del rigetto: la varietà di donatori è infatti tale che sarebbe facile trovare tra essi quello compatibile con il ricevente. Una prospettiva su cui il documento sorvola è infine la seguente. Le cellule staminali esistono, in vivo, in tutti i tessuti dell adulto e quindi potrebbero essere riattivate localmente. Trovare il modo di stimolarle a reagire anche in situazioni critiche eviterebbe la necessità di ricorrere al trapianto, cioè a quel trasferimento di cellule che è alla base della terapia genica apparecchiata dalle supercellule. 4. Cellule staminali non specializzate Le cellule staminali sono cellule immature, cellule neonate non specializzate e potenzialmente in grado di svilupparsi in alcuni tipi di tessuti o addirittura di dare origine a qualsiasi tipo di tessuto. In base a questa caratteristica le cellule staminali si distinguono in totipotenti, capaci di trasformarsi in qualsiasi tipo di tessuto, pluripotenti, che si trosformano solo in alcuni tipi di tessuti, o unipotenti, che possono dar luogo soltanto ad un tipo cellulare. Ecco i principali tipi di cellule staminali, a seconda della fonte da cui vengono prelevate: 1.Cellule staminali embrionali eterologhe Derivano dalla regione interna dell embrione prima che si impianti nella parete dell utero. Si moltiplicano con grande facilità e sono in grado di dare origine a tutti i tipi di cellule presenti nell organismo. Possono essere isolate dall embrione nelle primissime fasi dello sviluppo e coltivare in provetta. Teoricamente da poche decine di cellule è possibile ottenerne centinaia di milioni. Sono stati messi a punto metodi di coltivazione che permettono di trasformare queste cellule primitive in diversi tipi di cellule nervose e in cellule progenitrici del sangue. 2. Cellule staminali autologhe

7 Sono isolate dopo che il nucleo di una cellula somatica adulta viene trasferito in una cellula uovo privata del suo nucleo. Si ottengono così cellule dotate dello stesso patrimonio genetico del donatore e possono essere trapiantate senza rischio di rigetto. Questa tecnica è stata impropriamente chiamata clonazione terapeutica. 3. Cellule staminali fetali Sono derivate da aborti e il loro uso equivale a quello di organi da cadaveri. Sono pluripotenti, ma i pochi studi finora disponibili non permettono di trarre conclusioni definitive sulla loro capacità di dare luogo a diversi tessuti. 4.Cellule staminali da cordone ombelicale Teoricamente permettono di creare banche di cellule personalizzate per ciascun neonato, una riserva biologica da utilizzare anche a distanza di decenni per curare malattie. Ad oggi questo tipo di cellule si è dimostrato in grado di dare origine solo a cellule del sangue, mentre è inesplorata la capacità di generare altri tessuti. 5. Cellule staminali da adulto Provvedono al mantenimento dei tessuti e alla loro riparazione in seguito a un danno. Fino a pochi anni fa si riteneva che fossero specializzate nel generare cellule mature tipiche del tessuto in cui risiedono, ma studi recenti, molti dei quali condotti in Italia, hanno dimostrato che queste cellule sono molto più versatili di quanto si credesse. 5. Perché gli scienziati puntano tanto sulle staminali, cellule prodigiose Edoardo Boncinelli, uno dei più importanti genetisti italiani, le chiama cellule bambine, perché in un certo senso non hanno ancora deciso cosa faranno da grandi. Sono le cellule staminali, grandi protagoniste delle cronache di questi giorni, balzate sotto i riflettori perché proliferano indefinitamente in vitro, ma soprattutto perché la loro caratteristica è di non avere caratteristiche particolari, e di poter quindi dare origine a qualunque genere di tessuto o di organo. Una volta conquistato il pieno controllo (che per ora è di là da venire) dei comandi necessari per indicare alle cellule staminali quale tipo di specializzazione devono scegliere, si apre dunque la possibilità di disporre di una riserva teoricamente inesauribile di tessuti adulti da trapiantare per sostituire quelli danneggiati da malattie o da traumi. Le staminali che si trovano nell embrione umano sono in pratica le capostipiti dei duecento e più tipi diversi di cellule di cui è costituito il nostro corpo. Durante lo sviluppo fetale, attraverso stadi successivi di divisione e differenziazione, le staminali danno vita a linee cellulari sempre più specializzate, che al termine del processo avranno assunto ciascuna la sua

8 specifica funzione: cellule del fegato, delle ossa, dei muscoli o del sangue, ognuna con una sua identità definitiva ed immutabile. Per dirla col linguaggio dei biologi, le cellule staminali dell embrione sono pluripotenti, possono cioè diventare moltissime cose, in contrapposizione alle altre cellule, che una volta specializzate non si possono adattare ad un altra funzione. Di cellule ancora non differenziate, tuttavia, se ne trovano anche in alcuni tessuti adulti. Nel midollo osseo, ad esempio, vi sono cellule staminali adulte che servono a rifornire le provviste di globuli rossi, bianchi e piastrine per tutto il corso della nostra vita. Ma ne sono state individuate anche in altre parti del corpo, di recente perfino nel sistema nervoso, anche se il loro grado di specializzazione appare già un po troppo avanzato per garantire la medesima versatilità delle cellule embrionali. Però gli studi su di esse si vanno intensificando, nuove ricerche indicherebbero che sono invece altrettanto flessibili, e la speranza è che almeno alcune delle cellule staminali adulte finiscano per rivelare un analogo amplissimo arco di potenzialità. Inoltre, è allo studio la possibilità di riprogrammare le cellule già differenziate in modo da cancellarne la specializzazione e farle ritornare pluripotenti, evitando così il ricorso agli embrioni. Le linee di indagine, insomma, sono molte, poiché la posta in gioco, almeno in prospettiva, è una rivoluzione senza precedenti della pratica della medicina. 6. Tnsa, la via italiana alla clonazione terapeutica: Veronesi: Potremo ricostruire organi senza trapianti E il Trasferimento nucleare di cellule staminali autologhe (Tnsa) la via italiana alla clonazione terapeutica, la soluzione più idonea come base per la cura di 10 milioni di italiani affetti da patologie in gran parte incurabili. A indicare questa via è il Rapporto Dulbecco, frutto di tre mesi di lavoro dei 25 saggi nominati dal ministro della Sanità, Umberto Veronesi. La nuova linea di ricerca indicata dalla commissione Dulbecco si basa sull inserimento di un nucleo di cellula adulta prelevata dal paziente in un ovocita senza il proprio nucleo e consente, evitando la formazione dell embrione e quindi problemi etici, di ottenere cellule staminali (progenitrici) da differenziare verso le linee cellulari e per la formazione di tessuti. Il documento della commissione Dulbecco raccomanda che la ricerca su tutte le fonti di cellule staminali sia favorita e sostenuta, istituendo un progetto nazionale di ricerca mirato, costituito da grandi esperti che

9 dovranno formulare linee guida di sviluppo e le priorità della ricerca, monitorare l andamento mese per mese e valutare e approvare i protocolli di ricerca clinica. La nuova tecnica di trasferimento nucleare per la produzione di cellule staminali autologhe (Tnsa) potrà curare molte patologie. Le cellule adulte riprogrammate autologhe sono totalmente tollerate dal ricevente quando ne ha bisogno per ricostituire i propri organi, ha detto Veronesi, ricordando che se funzionerà, ma penso di sì, potremo ricostituire molti organi malati senza ricorrere al trapianto d organo. Il ministro Veronesi richiederà immediatamente i fondi al Governo. Credo che occorreranno oltre 100 miliardi di lire, come minimo, e oltre 5 anni per avere i primi risultati su malattie degenerative, come il morbo di Parkinson, Alzheimer, del pancreas e il diabete e molte malattie cardiovascolari e l infarto, che lascia aree disabitate nel cuore che potranno domani essere ripopolate da cellule staminali. Il documento raccomanda di non creare embrioni a scopo di ricerca. La derivazione di cellule staminali da embrioni dovrebbe essere consentita solo da embrioni sovrannumerari, crioconservati, non più destinati all impianto. Faremo l inventario sul numero reale degli embrioni in sovrannumero nelle cliniche in Italia, ha ricordato il ministro Veronesi, ma non sarà facile verificare quanti sono stipati nei frigoriferi, non c è bisogno di saperlo con precisione. Sono necessarie norme legislative che asicurino un adeguata protezione dell embrione. L importanza della nuova via di ricerca sulle cellule staminali made in Italy è stata sottolineata anche dal premio nobel Renato Dulbecco. Così una cellula staminale del muscolo potrà dar luogo a cellule del sistema nervoso e ciò è dovuto al cambiamento della fisiologia e biologia della cellula. La ricerca sulle cellule staminali prevede anche altri aspetti. La disponibilità di queste cellule farà capire meglio i meccanismi di tossicità dei farmaci, gli effetti nelle prime fasi di sviluppo. Avere a disposizione cellule con lo stesso patrimonio genetico ci consentirà di trasferire farmaci, principi attivi, attraverso queste vie per malattie neurodegenerative. 7. Di Virgilio: «Non va intaccata la vita» Domenico Di Virgilio, presidente dell associazione medici cattolici italiani, è uno dei sette della Commissione ad aver rinnegato come sue le conclusioni sul trasferimento di nucleo che sembrava fossero state tratte all unanimità. Ieri poco prima della presentazione ufficiale era dal ministro a consegnargli

10 una nota dove si prendevano le distanze dal resto dei saggi e si chiedevano delle modifiche al testo. «Non è dimostrato che il trasferimento di nucleo in citoplasti, e fra questi c è l ovulo, eviti il passaggio attraverso l embrione. Ci sono appena un paio di lavori. Servono approfondimenti e ricerche sull animale. Se questa ipotesi troverà conferma ne riparleremo». Ma non avreste potuto porre le vostre condizioni prima che il rapporto venisse stampato? «Lo abbiamo fatto. Il documento ci è stato inviato il 22 dicembre dal collega Bordignon. Non ritenendolo abbastanza garantista abbiamo inviato una nota al professor Dulbecco, perché ne tenesse conto. Lui dice, in buona fede sono sicuro, di non averla ricevuta. Quando ci siamo rivolti al ministro era troppo tardi. Il testo era già stato stampato». E adesso? «Noi ci fidiamo della parola di Veronesi. Le nostre osservazioni saranno aggiunte. Non ci sembra di chiedere la luna né vogliamo porci in contrapposizione con gli altri componenti della Commissione. Siamo tutti d accordo sull importanza terapeutica delle cellule staminali». Perché parlate di garanzie? «Il cittadino deve essere sicuro che non si intacchi la vita umana quando, come sorgenti di staminali, ci sono alternative valide. La nostra non è una chiusura. È prudenza». Nella nota presentata ancora ieri al ministro parlate di documento unico ma non unitario. «Le nostre posizioni sono chiare. No definitivo all uso di embrioni come fonti di staminali, maggiori garanzie sul trasferimento di nucleo». Siete stati ingannati, gli altri hanno voluto forzare la mano? «No, non voglio pensare ci sia stata malafede. Il problema è che abbiamo lavorato in fretta, troppo in fretta». 8. Clonazione, i dialoghi dei Saggi: scontri e compromessi tra laici e cattolici HO FATTO parte della Commissione di studio sull uso delle cellule staminali. Dopo l ultima riunione, il 28 dicembre, il ministro Umberto Veronesi dichiarava a a Repubblica : Il nostro è un paese cattolico. E quando c è una forte opposizione per ragioni religiose è inutile fare battaglie di principio. E meglio trovare, se ci sono, soluzioni intermedie. E la soluzione fu trovata: no all uso di embrioni prodotti specificamente per scopi terapeutici come volevano alcuni laici, sì all uso degli embrioni prodotti in eccesso (durante le procedure di fecondazione in vitro) che attualmente sono congelati, ma, dopo alcuni anni, destinati alla spazzatura. Come si vede una rinuncia per parte, perché i cattolici non volevano che neppure gli embrioni in sovrannumero fossero utilizzati perché andavano

11 considerati, pensate, non esseri umani potenziali, ma addirittura esseri umani con potenzialità di sviluppo. Finezze teologiche, dirà qualcuno. Anche se per queste finezze se ne andò una buona metà della riunione del 14 dicembre in cui Silvio Garattini cercava invano di persuadere il cardinal Tonini. SPIEGAVA Garattini che meglio si sarebbe difeso il valore della vita utilizzando gli embrioni sovrannumerari per scopi terapeutici, piuttosto che assistere alla loro fine nella spazzatura. No, replicava il cardinal Tonini, perché finché l embrione non è morto, impiegarlo per scopi terapeutici significa violare il principio secondo cui nessun uomo può esercitare il suo potere su un altro uomo. Per chi non capisse, l altro uomo è l embrione tenuto nei freezer delle cliniche ostetriche, per il cui destino, in Italia, a differenza degli altri paesi europei, non esiste alcuna legge. Trovata l intesa, si stila il documento finale dove i laici rinunciano all uso di embrioni prodotti per scopi terapeutici, ma non rinunciano all uso degli embrioni sovrannumerari destinati alla spazzatura, a cui lo schieramento cattolico (composto dal cardinal Ersilio Tonini e dai professori Adriano Bompiani, Bruno Dellapiccola, Domenico Di Virgilio, Enrico Garaci, Luigi Lorenzetti, Girolamo Sirchia) non accede. Una via intermedia per modo di dire, perché i cattolici non concedono nulla. Ma non finisce qui. Gli scienziati che componevano la Commissione, questa volta sia laici sia cattolici, hanno ipotizzato la via del Tnsa (Trasferimento nucleare di cellule staminali autologhe). Autologhe sono le cellule staminali prodotte da un ovocita che, come l uovo di gallina non fecondato, non porta all embrione. Trasferito nell ovocita il nucleo di una cellula adulta, l ovocita è in grado di generare cellule staminali capaci di diventare qualsiasi tessuto, che ha le stesse caratteristiche genetiche del paziente che di quel tessuto ha bisogno. Questa compatibilità evita il rigetto dell organo e quindi tutte le terapie immunosoppressive alle quali devono sottoporsi cronicamente i trapiantati da donatore esterno. Tutti d accordo fino a mezz ora prima della conferenza stampa sui risultati della Commissione, quando Adriano Bompiani presenta, a nome dei cattolici, un aggiunta al testo definitivo, in cui ci si dissocia dalla via del Tnsa perché non è certo che l inserimento nell ovocita del nucleo di una cellula del donatore, che in questo caso è anche ricevente, non si sviluppi un embrione. A questo punto il ministro Veronesi chiude la discussione, per non fare attendere i giornalisti. Ma proprio allora, Adriano Bompiani, sostenuto dal cardinal Tonini, dichiara che il documento della Commissione è provvisorio e ancora si dovrà lavorare. Ciò significa che i cattolici sono venuti in Commissione per costringere i laici a rinunciare in parte alle loro ipotesi di ricerca, e dopo che questi hanno rinunciato in vista di una conclusione unitaria, i cattolici si dissociano in nome dei loro principi, e dichiarano

12 provvisorio il documento che, fino a mezz ora prima della conferenza stampa, era considerato da tutti definitivo. A questo punto il filosofo Giacomo Marramao ricorda che John Locke, nella Lettera sulla tolleranza del 1689 scriveva che nei dibattiti politici bisogna tollerare tutte le posizioni derivanti dalla diverse fedi religiose, ad eccezione delle posizioni degli atei (perché questi possono infrangere i giuramenti che allora avvenivano su Dio), e delle posizioni dei cattolici in quanto sudditi di uno Stato straniero. So che i cattolici si difenderanno appellandosi ai loro irrinunciabili principi. Ma a questo punto occorre aprire una questione di metodo. Una discussione sul problema etico posto dalle biotecnologie è possibile solo se non si incomincia a discutere a partire dai principi (termine dietro cui si celano molto spesso solo le proprie credenze personali), perché basta una differenza di principi perché le posizioni risultino inconciliabili. Si aggiunga che i principi dell etica occidentale affondano nella filosofia greca e nella tradizione giudaico-cristiana, che si sono espresse quando il potere dell uomo sulla natura era praticamente nullo, mentre oggi operariamo in un contesto dove la natura non è più l immutabile, perché è modificabile dall intervento umano. Non va poi dimenticato che Tommaso D Aquino ( ), su cui si fonda la teologia e l etica cristiana, sostiene la tesi dell animazione ritardata, secondo cui l anima non può essere infusa alla fecondazione perché la materia (il corpo) non è adeguatamente preparata a ricevere la forma (l anima), che dunque è da pensare infusa dopo un certo tempo. Qui i cattolici devono mettersi d accordo con se stessi, e se Tommaso D Aquino sembra loro troppo lontano nel tempo, possono fare riferimento a Jacques Maritain (da molti considerato il più grande filosofo cattolico del nostro secolo) il quale, ben conoscendo le nuove frontiere della biologia dopo la scoperta del Dna e del corredo cromosomico, nel 1973 ha dichiarato un assurdità filosofica credere che al concepimento ci sia l anima spirituale. Neanche la posizione di Maritain va bene ai cattolici di oggi? Pare di no, perché essi dicono no all impiego terapeutico degli embrioni in sovrannumero, dicono di no al trasferimento nucleare perché non è certo che, dopo, dall ovocita non si sviluppi un embrione, non rispondono alle domande delle numerose cliniche ostetriche che chiedono che fare degli embrioni sovrannumerari che vanno incontro alla morte. E allora, se non scelgono e non decidono, cosa servono i cattolici in una Commissione di studio? La loro funzione sembra quella di ribadire il principio della sacralità della vita. Ma a questo punto se non vogliono cadere nell abietto materialismo, come vuole l espressione di Marx riferita ai biologi del suo tempo, nella difesa della sacralità della vita devono evitare di ridurre, e quindi di abbassare, il concetto di vita fino a quell infimo livello che è la semplice animazione della materia, come nel caso dell embrione nei suoi primi giorni.

13 Se della vita abbiamo un concetto meno materialistico e se vogliamo adottare il principio aristotelico della saggezza, come mi pare sia il caso in cui l etica deve di volta in volta prendere posizione di fronte alle scoperte impreviste delle biotecnologie, mi sembra sia più saggio (in senso aristotelico) consegnare gli embrioni sovrannumerari alla ricerca scientifica piuttosto che alla spazzatura. Ho citato Aristotele perché è un filosofo caro al cardinal Tonini e, prima di lui a Tommaso D Aquino. Ma è proprio Aristotele a dire che nelle questioni di etica non serve appellarsi ai principi, perché questi sono utili quando si ha a che fare con ciò che accade sempre, come nella matematica o nella geometria, ma non quando si ha a che fare con ciò che fa la sua comparsa di volta in volta, in modo imprevisto e in tutti quei casi in cui non è chiaro quale sarà la conclusione, e quelli in cui ciò è indeterminato (etica nicomachea, 1112 b, 2-9). In questi casi, dice Aristotele, più dei principi vale la phronesis (che siamo soliti tradurre con saggezza ) la quale, stante la scarsa applicabilità dei principi generali alle situazioni particolari, consente di prendere decisioni caso per caso. Una sorta di etica del viandante che, non disponendo di mappe, affronta le difficoltà del percorso di volta in volta, a secondo di come esse si presentano e con i mezzi al momento a disposizione. Venire in una Commissione di studio non per decidere, ma per difendere principi significa boicottare la Commissione e non aver ancora compreso la differenza tra la logica che deduce dai principi e l etica che è costretta a prender posizione caso per caso. Per quanto drammatica possa sembrare la scelta, non dimentichiamo che la decisione etica è una decisione che fonda, molto spesso in assenza di principi, quindi senza possedere altro fondamento al di fuori di sé. In questo senso è evento assoluto e quindi realtà tragica. Non è l assoluto astratto del teorema in sé compiuto, ma l assoluto della scelta sugli eventi che si presentano. In caso diverso sarebbe inutile la discussione tra gli uomini, perché sarebbe sufficiente la deduzione dai principi che però, nella pratica empirica al dire di Aristotele (non a caso figlio di un medico), raramente si adattano. Se queste premesse hanno una loro plausibilità, non decidere quando si è chiamati a decidere significa venir meno al primo compito che l etica impone. Risultato: i paesi europei proseguiranno spediti nella ricerca genetica e noi italiani, come al solito, verremo un po dopo, grazie, come diceva Locke: Ai sudditi di uno Stato straniero.

14 9. Via libera del comitato dei saggi a Veronesi. Clonazione terapeutica il sì dell Italia ROMA Il 28 dicembre 2000 il ministro della Sanità Veronesi presenta il documento della commissione di esperti sulle cellule staminali, le cellule totipotenti cioè in grado di formare qualsiasi tessuto, che promettono applicazioni cliniche importanti, dalla riparazione del tessuto cardiaco danneggiato dall infarto alla cura del Parkinson o dell Alzheimer. Si calcola che delle

15 attese terapie potranno beneficiare dieci milioni di pazienti, dei trenta che in Italia soffrono di malattie croniche e degenerative. Il documento paragona l avvento delle staminali alla rivoluzione portata in medicina dalla scoperta degli antibiotici. In settembre il ministro aveva posto alcune domande ai venticinque scienziati coordinati dal Nobel Renato Dulbecco, che nel frattempo si sono chinati sulla questione, la quale presenta non pochi dilemmi morali per chi si oppone all uso delle cellule staminali ricavate dall embrione umano. La prima domanda era relativa ai benefici della nuova terapia, e qui il documento è unanime nel riconoscere alle cellule staminali la capacità di rendere finalmente praticabili forme di terapia genica, producendo ad esempio cellule di midollo osseo per curare il cancro o cellule epatiche per i malati di fegato, senza il rischio che il trapianto venga rigettato. La seconda domanda riguardava il giudizio sulla migliore fonte di cellule staminali tra le cinque possibili e cioè l embrione, il feto abortito, il cordone ombelicale, il midollo e il tessuto adulto. La ricerca si è finora svolta prevalentemente sulle cellule embrionali, quelle che compaiono nella blastula, poco dopo la suddivisione dell uovo fecondato. Possiedono, le cellule embrionali, la capacità di moltiplicarsi in gran numero e di sviluppare a pieno la loro principale caratteristica, cioè dare origine a tutte le cellule del corpo. Sono dunque le più malleabili, ma il loro uso ha le implicazioni etiche che dicevamo. Per evitare dilemmi morali bisognerebbe rivolgersi alle cellule staminali adulte, che emergono con lo sviluppo dell individuo e si trovano distribuite nei vari organi, ma che tendono a produrre specifici tipi di cellule, quelle dei tessuti nei quali risiedono. Alle staminali adulte si può insegnare a diventare sangue, cute, cervello, cioè cellule adatte al trapianto, ma l impresa non è facile. Che fare? Sulle cellule embrionali - le più convenienti dal punto di vista scientifico - la commissione si è divisa. Nel documento (diffuso in una versione non definitiva dai Radicali prima della presentazione ufficiale) si legge che la ricerca sulle cellule staminali prelevate da tessuti adulti o dal cordone ombelicale o da feti abortiti in modo spontaneo o volontario non solleva problemi morali insormontabili. Il punto cruciale del disaccordo ruota attorno alla liceità della sperimentazione sugli embrioni umani. Di fronte al dissenso espresso dal cardinale Tonini, da Adriano Bompiani, Girolamo Sirchia, Enrico Garaci e altri, parte della Commissione ha invece fissato l attenzione sul fatto che anche in Italia, in vari laboratori che attuano programmi di fecondazione in vitro, esiste un elevato numero di embrioni soprannumerari. Destinare una parte di questi embrioni a ricerche dalle quali possono derivare notevoli benefici per l umanità non comporta una concezione strumentale dell embrione, né costituisce un atto di mancanza di rispetto nei confronti della vita umana, in specie se si considera che l alternativa è lasciare che questi embrioni periscano. Una parte dei saggi si schiera dunque a favore della destinazione degli embrioni orfani alla ricerca scientifica, ciò che fa dire a Emma Bonino che il comitato ha optato, con una maggioranza di circa due terzi, per un approccio laico-liberale che ricalca le scelte aperturiste già fatte dal premier laburista britannico Tony Blair, dal presidente americano Clinton e da altri governi occidentali. Consenso più ampio è stato raggiunto sull uso di cellule ottenute con la tecnica del trasferimento nucleare, che consiste nel riattivare geneticamente il nucleo di una cellula adulta trasferendolo all interno di un ovocita privato del nucleo, come meglio spieghiamo a parte. Del nuclear transfer non si fa un uso significativo al di fuori della zootecnia e quindi la metodica rappresenta, in un certo senso, una via originale alla clonazione cellulare, una via adatta all Italia

16 in quanto aggira l ostacolo morale evitando il consueto scontro tra laici e cattolici. Il documento si conclude con la raccomandazione, da parte dei membri della commissione favorevoli al loro utilizzo, di esperire al più presto una indagine sul numero e la localizzazione degli embrioni sovrannumerari.

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE DULBECCO

RELAZIONE DELLA COMMISSIONE DULBECCO RELAZIONE DELLA COMMISSIONE DULBECCO (Sintesi) Il Ministro della Sanità, professor Umberto Veronesi, il 7 settembre scorso, nominò la Commissione di studio sull utilizzo di cellule staminali per finalità

Dettagli

Che cos è una cellula staminale?

Che cos è una cellula staminale? Che cos è una cellula staminale? Una cellula che ha la capacita di rigenerarsi - self renewal (dare origine ad altre cellule staminali) dare origine a cellule specializzate Una cellula staminale è una

Dettagli

La cellula staminale. Una cellula in grado di autorinnovarsi e di differenziarsi. Viene mantenuta la riserva

La cellula staminale. Una cellula in grado di autorinnovarsi e di differenziarsi. Viene mantenuta la riserva La cellula staminale Una cellula in grado di autorinnovarsi e di differenziarsi Viene mantenuta la riserva Cellule staminali Malattie fino ad oggi incurabili, per le quali si può prospettare un terapia

Dettagli

Cos è una cellula staminale

Cos è una cellula staminale Cos è una cellula staminale Le cellule staminali sono cellule primitive non specializzate dotate della singolare capacità di trasformarsi in qualunque altro tipo di cellula del corpo. Esistono 4 tipi di

Dettagli

Cellule staminali: evoluzione e rivoluzione della medicina moderna

Cellule staminali: evoluzione e rivoluzione della medicina moderna Cellule staminali: evoluzione e rivoluzione della medicina moderna Le cellule staminali (SC), embrionali (ES) e somatiche o adulte (SSC) sono cellule dotate della singolare proprietà di rinnovarsi mantenendo

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI

LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI DEFINIZIONE DI CELLULA STAMINALE Le cellule staminali si caratterizzano per le loro capacità biologiche. Capacità di automantenimento: sono in grado

Dettagli

CELLULE NON DIFFERENZIATE Si replicano continuamente non specializzate. CELLULE DIFFERENZIATE Specializzate a volte non Si dividono

CELLULE NON DIFFERENZIATE Si replicano continuamente non specializzate. CELLULE DIFFERENZIATE Specializzate a volte non Si dividono CELLULE STAMINALI CELLULE NON DIFFERENZIATE Si replicano continuamente non specializzate CELLULE DIFFERENZIATE Specializzate a volte non Si dividono Le cellule staminali sono delle cellule in grado di

Dettagli

Fonti di cellule staminali pluripotenti: Le cellule staminali possiedono 2 caratteristiche principali: -La massa cellulare interna della blastocisti.

Fonti di cellule staminali pluripotenti: Le cellule staminali possiedono 2 caratteristiche principali: -La massa cellulare interna della blastocisti. possiedono 2 caratteristiche principali: Fonti di cellule staminali pluripotenti: -Si autorinnovano a lungo termine. -Danno origine a tutti i tipi di cellule differenziate. -La massa cellulare interna

Dettagli

APPLICAZIONI TERAPEUTICHE

APPLICAZIONI TERAPEUTICHE CELLULE STAMINALI: Cellula che ha una elevata capacità di differenziarsi in qualsiasi altro tipo di cellula. Durante la formazione dell'embrione, dalle divisioni dello zigote si formano cellule totipotenti

Dettagli

La ricerca su cellule staminali embrionali è eticamente inaccettabile

La ricerca su cellule staminali embrionali è eticamente inaccettabile La ricerca su cellule staminali embrionali è eticamente inaccettabile Il Popolo svizzero deve potersi esprimere sulla legislazione riguardante la ricerca sulle cellule staminali embrionali. La portata

Dettagli

consentire la nascita e lo sviluppo della rete di Banche di sangue del cordone ombelicale sul territorio nazionale.

consentire la nascita e lo sviluppo della rete di Banche di sangue del cordone ombelicale sul territorio nazionale. L'Associazione Donatrici Italiane Sangue del Cordone Ombelicale è nata nell'ottobre 1995 come associazione di donne disposte a donare, dopo il parto, il sangue del cordone ombelicale che sarebbe altrimenti

Dettagli

L ORIGINE DEI TESSUTI

L ORIGINE DEI TESSUTI L ORIGINE DEI TESSUTI Tutte le cellule dell organismo derivano dallo zigote Embrioni di topo a diversi stadi di sviluppo: A, stadio a 2 pronuclei; E, stadio a circa 16 cellule B, stadio a 2 blastomeri;

Dettagli

Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti

Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti Le cellule del corpo non vivono isolate ma si organizzano a formare tessuti I tessuti studio dei tessuti: è compito dell I STOLOGIA (dal greco istos, tela e logos, discorso). I tessuti UN TESSUTO: è formato

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

Liceo Scientifico Tecnologico N. Scarano Prof.ssa Serena Scarano Amicone Sara, Guidone Antonio, Ciafardini Antonio, Di Lisa Nicola, Griguoli Mario,

Liceo Scientifico Tecnologico N. Scarano Prof.ssa Serena Scarano Amicone Sara, Guidone Antonio, Ciafardini Antonio, Di Lisa Nicola, Griguoli Mario, Liceo Scientifico Tecnologico N. Scarano Prof.ssa Serena Scarano Amicone Sara, Guidone Antonio, Ciafardini Antonio, Di Lisa Nicola, Griguoli Mario, Colella Sara, Amicone Alessia Cellule staminali CELLULE

Dettagli

CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO.

CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO. CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO. CELLULE STAMINALI. LA RICERCA ENTRA NEL VIVO. Fin dalla sua fondazione per opera di padre Agostino Gemelli, l Università Cattolica del Sacro Cuore ha orientato

Dettagli

LEZIONE 4 area biologica. Le cellule staminali

LEZIONE 4 area biologica. Le cellule staminali Corso di Comunicazione delle Scienze 2011 Lunedi 30 maggio LEZIONE 4 area biologica Le cellule staminali Yuri Bozzi, PhD bozzi@science.unitn.it Laboratorio di Neuropatologia Molecolare CIBIO, Università

Dettagli

La parola clonazione deriva dal greco klon che significa germoglio o ramoscello.

La parola clonazione deriva dal greco klon che significa germoglio o ramoscello. CHE COSA SI INTENDE PER CLONAZIONE? La clonazione è diventata un argomento popolare grazie al caso della pecora Dolly. Da allora, anche se della questione si parla frequentemente, troppo spesso non si

Dettagli

Cose su cui riflettere Le cellule staminali possono fare copie di loro stesse. Noi chiamiamo questo processo autorinnovamento.

Cose su cui riflettere Le cellule staminali possono fare copie di loro stesse. Noi chiamiamo questo processo autorinnovamento. Differenziamento: Generare cellule specializzate Un blocco di metallo, che può dare origine a tanti tipi di chiodi Cos è una cellula specializzata? Una cellula specializzata ha un compito particolare nel

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1946 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PORETTI, BELTRANDI, BIANCHI, CAPEZZONE, CIOFFI, DATO, DE ZULUETA, D ELIA, DIOGUARDI, GARNERO

Dettagli

Cellule staminali e ricostruzione d'organo

Cellule staminali e ricostruzione d'organo Cellule staminali e ricostruzione d'organo Marina Morigi, Barbara Imberti Laboratorio Biologia Cellulare e Xenotrapianto, NegriBergamo Il trapianto d organo spesso rappresenta l unica scelta terapeutica

Dettagli

Cellule staminali : unione delle due culture per il bene comune

Cellule staminali : unione delle due culture per il bene comune PROGETTO LEGGERE E...NON SOLO Anno Scolastico 2008/2009 Cellule staminali : unione delle due culture per il bene comune Articolo di approfondimento per il mensile Le Scienze di Beatrice Pizzarotti È vietata

Dettagli

Differenziamento cellulare

Differenziamento cellulare Differenziamento cellulare Differenziamento: acquisizione progressiva di nuove caratteristiche che porta a tipi cellulari specifici (es cell muscolari, neuroni,.) Dopo la fecondazione lo zigote va incontro

Dettagli

INDICE. Prefazione... v Introduzione... 1. Parte prima BIOETICA GENERALE

INDICE. Prefazione... v Introduzione... 1. Parte prima BIOETICA GENERALE Prefazione...................................... v Introduzione..................................... 1 Parte prima BIOETICA GENERALE Capitolo I CHE COSA È LA BIOETICA 1. Definizione di bioetica e suo statuto

Dettagli

Ricerca scientifica e Cellule Staminali

Ricerca scientifica e Cellule Staminali Ricerca scientifica e Cellule Staminali Come studenti di questo Liceo Scientifico sarete, spero, naturalmente portati alla curiosità verso ciò che non sapete, ciò che non è ancora stato scoperto e ciò

Dettagli

Cellule, tessuti, organi ed apparati

Cellule, tessuti, organi ed apparati LE CELLULE UMANE Il corpo umano contiene circa 100 000 miliardi di cellule che si uniscono a formare i tessuti e più tessuti formano organi come i muscoli, il cervello, il fegato, ecc. EMBRIOLOGIA-UNIPG

Dettagli

Le cellule staminali umane

Le cellule staminali umane Le cellule staminali umane considerazioni etiche sulla loro produzione e sul loro utilizzo Prof. M. Calipari L-19 Facoltà di Scienze della Formazione Università degli Studi di Macerata a.a. 2011-12 CHE

Dettagli

Le cellule staminali sono i precursori delle altre cellule. Esse entrano in azione durante la fase di accrescimento e di sviluppo del feto e quando c

Le cellule staminali sono i precursori delle altre cellule. Esse entrano in azione durante la fase di accrescimento e di sviluppo del feto e quando c CELLULE STAMINALI Le cellule staminali sono i precursori delle altre cellule. Esse entrano in azione durante la fase di accrescimento e di sviluppo del feto e quando c è la necessità di riparare un tessuto

Dettagli

GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) PREFAZIONE

GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) PREFAZIONE GUIDA PER COPPIE DI TALASSEMICI ETEROZIGOTI (A CURA DELLA REGIONE LOMBARDIA) Le informazioni fornite attraverso queste pagine, sono state tratte da un opuscolo pubblicato e curato dal Gruppo di Lavoro

Dettagli

Cellule staminali Cosa sono, come si ottengono e qual è il loro uso nella terapia rigenerativa

Cellule staminali Cosa sono, come si ottengono e qual è il loro uso nella terapia rigenerativa Uni-ATENeO "Ivana Torretta" - Anno Accademico 2013-2014 Cellule staminali Cosa sono, come si ottengono e qual è il loro uso nella terapia rigenerativa Caterina Bendotti Dept. Neuroscience caterina.bendotti@marionegri.it

Dettagli

COMMISSIONE TEMPORANEA SULLA GENETICA UMANA E LE ALTRE NUOVE TECNOLOGIE NEL SETTORE DELLA MEDICINA MODERNA

COMMISSIONE TEMPORANEA SULLA GENETICA UMANA E LE ALTRE NUOVE TECNOLOGIE NEL SETTORE DELLA MEDICINA MODERNA COMMISSIONE TEMPORANEA SULLA GENETICA UMANA E LE ALTRE NUOVE TECNOLOGIE NEL SETTORE DELLA MEDICINA MODERNA AUDIZIONE del 26 aprile 2001 Carlos Alonso BEDATE Curriculum accademico Laurea in filosofia Università

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 12

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 12 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 12 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BIANCONI e CARRARA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 APRILE 2008 Modifiche alla legge 20 maggio 1985, n. 222, in

Dettagli

I «mattoni» dei «mattoni»: Le cellule staminali. Tania Incitti, PhD

I «mattoni» dei «mattoni»: Le cellule staminali. Tania Incitti, PhD I «mattoni» dei «mattoni»: Le cellule staminali Che cos è una cellula staminale? Le cellule, così come gli esseri viventi, invecchiano e muoiono, devono quindi essere rimpiazzate le cellule staminali sono

Dettagli

«Vita, morte e miracoli della cellula staminale»

«Vita, morte e miracoli della cellula staminale» «Vita, morte e miracoli della cellula staminale» Prof.ssa Gabriella Vannelli Sezione di Anatomia Umana e Istologia Dipartimento di Medicina Sperimentale e Clinica Firenze, 13 marzo 2015 Il lungo e affascinante

Dettagli

MEDICINA RIGENERATIVA CELLULARE Il progresso delle cellule staminali

MEDICINA RIGENERATIVA CELLULARE Il progresso delle cellule staminali Uni-ATENeO "Ivana Torretta" - Anno Accademico 2010-2011 MEDICINA RIGENERATIVA CELLULARE Il progresso delle cellule staminali Caterina Bendotti Dip. Neuroscienze Nerviano, 10 Febbraio 2011 Da dove originano

Dettagli

Stamina e. Anna Onofri 4/11/2013 UTL SENAGO

Stamina e. Anna Onofri 4/11/2013 UTL SENAGO Stamina e Anna Onofri 4/11/2013 UTL SENAGO Potenziale differenziativo delle cellule staminali Totipotenza: capacità di una cellula staminale embrionale di dare origine a tutti i tipi cellulari dell embrione

Dettagli

Cellule staminali. Emanuele Nasole

Cellule staminali. Emanuele Nasole Cellule staminali Emanuele Nasole Società Italiana di Medicina Subacquea e Iperbarica Docente Master di II Livello in Medicina Subacquea e Iperbarica - Univ-Palermo - Sede di Trapani Servizio di VUNOLOGIA

Dettagli

I TRAPIANTI. - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta

I TRAPIANTI. - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta I TRAPIANTI - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta facilmente ad amplificazione e distorsione da parte dei mass-media. - Per trapianto si intende la

Dettagli

CHE COSA SONO APPLICAZIONI TERAPEUTICHE LE NUOVE FRONTIERE DELLA RICERCA LE CELLULE STAMINALI E IL CASO VANNONI OPINIONI E DIALETTICA

CHE COSA SONO APPLICAZIONI TERAPEUTICHE LE NUOVE FRONTIERE DELLA RICERCA LE CELLULE STAMINALI E IL CASO VANNONI OPINIONI E DIALETTICA LE CELLULE STAMINALI CHE COSA SONO APPLICAZIONI TERAPEUTICHE LE NUOVE FRONTIERE DELLA RICERCA LE CELLULE STAMINALI E IL CASO VANNONI OPINIONI E DIALETTICA CHE COSA SONO Le cellule staminali sono cellule

Dettagli

La definizione di cellula staminale si basa essenzialmente su due caratteristiche:

La definizione di cellula staminale si basa essenzialmente su due caratteristiche: 1 2 La definizione di cellula staminale si basa essenzialmente su due caratteristiche: a) autorinnovamento, ossia la capacità di generare una cellula indifferenziata esattamente uguale alla cellula-madre

Dettagli

CHE COSA SI INTENDE PER PROCREAZIONE ASSISTITA?

CHE COSA SI INTENDE PER PROCREAZIONE ASSISTITA? CHE COSA SI INTENDE PER PROCREAZIONE ASSISTITA? Oggi la scienza può interferire coi processi riproduttivi, e modificarli in vitro al di fuori delle loro modalità naturali. Preliminarmente dobbiamo allora

Dettagli

Cellule staminali. inal GmbH SWISS BIOTECHNOLOGY. dal tuo tessuto adiposo. Salute Benessere Bellezza

Cellule staminali. inal GmbH SWISS BIOTECHNOLOGY. dal tuo tessuto adiposo. Salute Benessere Bellezza Cellule staminali dal tuo tessuto adiposo Crea la tua riserva di cellule staminali adulte non espanse per Salute Benessere Bellezza inal GmbH persona per la quale è previsto l utilizzo in non espanse,

Dettagli

Le cellule staminali: una risorsa..una speranza

Le cellule staminali: una risorsa..una speranza AVIS NAZIONALE/REGIONALE MARCHE Ancona, 31 Ottobre 2008 Il Sistema Trasfusionale tra necessità e disponibilità Le cellule staminali: una risorsa..una speranza Prof.ssa Gabriella Girelli Sapienza Università

Dettagli

Lions Clubs International

Lions Clubs International Un iniziativa Lions Clubs International Distretto 108 Ya Governatore: Avv. Michele Roperto Anno sociale 2011-2012 Responsabile distrettuale tema di studio nazionale La donazione del sangue del cordone

Dettagli

staminali Ricercatore su cellule

staminali Ricercatore su cellule Ricercatore su cellule staminali Ci sono molte buone ragioni per accettare questo progetto: La ricerca sulle cellule staminali embrionali offre la possibilità di accrescere le nostre conoscenze sulle cellule

Dettagli

Conferenza di Giovedì 16 dicembre 2004 sul tema. «Superare il disagio di malattie genetiche, illusione o realtà? : le cellule staminali.

Conferenza di Giovedì 16 dicembre 2004 sul tema. «Superare il disagio di malattie genetiche, illusione o realtà? : le cellule staminali. Conferenza di Giovedì 16 dicembre 2004 sul tema «Superare il disagio di malattie genetiche, illusione o realtà? : le cellule staminali.» relatore : dr. Vania Broccoli, ricercatore del DiBit, Istituto Scientifico

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE Aa 2013/2014. Lezioni 59,60,61,62

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE Aa 2013/2014. Lezioni 59,60,61,62 CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE Aa 2013/2014 Giov 12 e Merc 18.12.2013 Lezioni 59,60,61,62 Prof.A.Turco CELLULE STAMINALI E MEDICINA RIGENERATIVA (da stamen, filo della vita..) CELLULE

Dettagli

La bioetica tra fede e ragione

La bioetica tra fede e ragione La bioetica tra fede e ragione PROF. ANDREA PORCARELLI D o c e n t e d i P e d a g o g i a g e n e r a l e e s o c i a l e a l l U n i v e r s i t à d i P a d o v a D o c e n t e d i E t i c a g e n e

Dettagli

Le cellule staminali Una breve chiacchierata sull argomento

Le cellule staminali Una breve chiacchierata sull argomento Le cellule staminali Una breve chiacchierata sull argomento Cosa sono Le cellule staminali sono cellule primitive non specializzate dotate della singolare capacità di trasformarsi in diversi altri tipi

Dettagli

Il prossimo 12 giugno si terrà un referendum popolare nel quale gli italiani dovranno prendere

Il prossimo 12 giugno si terrà un referendum popolare nel quale gli italiani dovranno prendere 12 giugno Referendum sulla fecondazione artificiale: Associazioni e Movimenti cattolici aderiscono al suggerimento del Presidente della Conferenza Episcopale Italiana S.E. Cardinale Camillo Ruini, e si

Dettagli

CONVEGNO ASEAP Facsimile del Depliant originale (in questa pagina la 4^ e 1^ facciata; nella pagina seguente la 2^ e 3^ facciata)

CONVEGNO ASEAP Facsimile del Depliant originale (in questa pagina la 4^ e 1^ facciata; nella pagina seguente la 2^ e 3^ facciata) CONVEGNO ASEAP Facsimile del Depliant originale (in questa pagina la 4^ e 1^ facciata; nella pagina seguente la 2^ e 3^ facciata) più giù.: quattro pagine di relazione sul Convegno con foto L embrione

Dettagli

Approfondimento Biologia IN QUESTO NOSTRO APPROFONDIMENTO SI PARLERÀ DEI SEGUENTI ARGOMENTI: CELLULE STAMINALI & BIOTECNOLOGIE

Approfondimento Biologia IN QUESTO NOSTRO APPROFONDIMENTO SI PARLERÀ DEI SEGUENTI ARGOMENTI: CELLULE STAMINALI & BIOTECNOLOGIE Approfondimento Biologia IN QUESTO NOSTRO APPROFONDIMENTO SI PARLERÀ DEI SEGUENTI ARGOMENTI: CELLULE STAMINALI & BIOTECNOLOGIE Cellule staminali Le cellule staminali sono cellule primitive,dotate della

Dettagli

VADEMECUM PER COPPIE PORTATRICI DI TALASSEMIA

VADEMECUM PER COPPIE PORTATRICI DI TALASSEMIA VADEMECUM PER COPPIE PORTATRICI DI TALASSEMIA Questo vademecum non ha alcuna pretesa medica, ma intende essere uno strumento informativo di base per le coppie portatrici di talassemia. Invitiamo gli interessati

Dettagli

Embrioni come donatori di cellule staminali di Carlo Cirotto

Embrioni come donatori di cellule staminali di Carlo Cirotto Embrioni come donatori di cellule staminali di Carlo Cirotto E possibile che un embrione umano sia morto e tuttavia le sue cellule, le famose staminali embrionali, siano ancora utili per la ricerca? Molti

Dettagli

Cos è la clonazione? Dal greco: klon, germoglio. La possibilità di duplicare il patrimonio genetico di una struttura molecolare (essere vivente)

Cos è la clonazione? Dal greco: klon, germoglio. La possibilità di duplicare il patrimonio genetico di una struttura molecolare (essere vivente) La CLONAZIONE Cos è la clonazione? Dal greco: klon, germoglio La possibilità di duplicare il patrimonio genetico di una struttura molecolare (essere vivente) Perchè clonare? Finalità della clonazione animale

Dettagli

Michaela Luconi, PhD

Michaela Luconi, PhD Michaela Luconi, PhD Unità di Endocrinologia Laboratorio di Biologia Cellulare dell Organo Adiposo Dipartimento di Scienze Biomediche Sperimentali & Cliniche «Mario Serio» michaela.luconi@unifi.it COSA

Dettagli

Normativa Progetto di legge Gran Bretagna Sì Sì Danimarca Sì sì Norvegia Sì Sì Svezia Sì sì Italia Sì sì Spagna Sì Sì Portogallo Sì sì Francia Sì Sì

Normativa Progetto di legge Gran Bretagna Sì Sì Danimarca Sì sì Norvegia Sì Sì Svezia Sì sì Italia Sì sì Spagna Sì Sì Portogallo Sì sì Francia Sì Sì Parte specifica Parere del Comitato etico provinciale sull uso di cellule staminali embrionali con particolare riferimento alla diagnosi genetica preimpianto (ingl. preimplantation genetic diagnosis =

Dettagli

A cura di http://referendum2005.splinder.com/ Referendum 2005. Procreazione Medicalmente Assistita

A cura di http://referendum2005.splinder.com/ Referendum 2005. Procreazione Medicalmente Assistita A cura di http://referendum2005.splinder.com/ Referendum 2005 Procreazione Medicalmente Assistita Abrogazione di singole parti della Legge 40/2004 sulla Fecondazione Assistita Quando si vota? Il 12 giugno

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 725 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori RIPAMONTI, PALERMI, SILVESTRI e TIBALDI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 30 GIUGNO 2006 Modifiche alla legge 19 febbraio

Dettagli

Le cellule staminali, caratteristiche biologiche, prospettive terapeutiche e conseguenti problemi etici

Le cellule staminali, caratteristiche biologiche, prospettive terapeutiche e conseguenti problemi etici Le cellule staminali, caratteristiche biologiche, prospettive terapeutiche e conseguenti problemi etici Definizione e caratteristiche delle cellule staminali. A tutt oggi non esiste ancora una definizione

Dettagli

Presentando le cellule staminali Le cellule staminali nei giornali

Presentando le cellule staminali Le cellule staminali nei giornali Presentando le cellule staminali Le cellule staminali nei giornali Presentando le cellule staminali: Il valore terapeutico per studenti con più di 16 anni Febbraio 2010, aggiornato nel 2012 Obiettivi:

Dettagli

Il termine deriva dal greco antico κλών(klōn, ramo", "ramoscello"), e perclonazione, inbiologia, si intende lariproduzione asessuata, naturale o

Il termine deriva dal greco antico κλών(klōn, ramo, ramoscello), e perclonazione, inbiologia, si intende lariproduzione asessuata, naturale o Il termine deriva dal greco antico κλών(klōn, ramo", "ramoscello"), e perclonazione, inbiologia, si intende lariproduzione asessuata, naturale o artificiale, di un intero organismo vivente o anche di una

Dettagli

www.carloflamigni.it

www.carloflamigni.it LUGLIO 2007 STAMINALI NON CI SIAMO Chiedo a coloro che non hanno particolare competenza sui problemi della biologia e della ricerca scientifica di fare un sacrificio e di prestare attenzione al problema

Dettagli

La donazione del sangue dal cordone ombelicale

La donazione del sangue dal cordone ombelicale ASL NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale CONSULTORIO NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale La donazione del sangue dal cordone ombelicale è innocua e indolore. Il sangue

Dettagli

B.A.M.C.O MANTOVA 28 GENNAIO 2013. CELLULE STAMINALI E MALATTIE NEURODEGENERATIVE: stato dell arte e prospettive future. CHIARA FORONI, Ph.D.

B.A.M.C.O MANTOVA 28 GENNAIO 2013. CELLULE STAMINALI E MALATTIE NEURODEGENERATIVE: stato dell arte e prospettive future. CHIARA FORONI, Ph.D. B.A.M.C.O MANTOVA 28 GENNAIO 2013 CELLULE STAMINALI E MALATTIE NEURODEGENERATIVE: stato dell arte e prospettive future CHIARA FORONI, Ph.D. Sì, ma io sono così confusa Sai, quando ero una piccola cellula

Dettagli

Progetto scuola-lavoro Consiglio Nazionale delle Ricerche. Chiara Cuccodoro L.s.s. Francesco d Assisi Classe VE A.s. 2014/2015

Progetto scuola-lavoro Consiglio Nazionale delle Ricerche. Chiara Cuccodoro L.s.s. Francesco d Assisi Classe VE A.s. 2014/2015 Progetto scuola-lavoro Consiglio Nazionale delle Ricerche Chiara Cuccodoro L.s.s. Francesco d Assisi Classe VE A.s. 2014/2015 1 Vaccini a Dna Sono costituiti da un plasmide, cioè un anello di dna, di origine

Dettagli

Cellule staminali. emopoietiche

Cellule staminali. emopoietiche At t ua l i tà Cellule staminali Una speranza di vita Le cellule staminali sono le madri di tutte le cellule e sono in grado di produrre cellule figlie uguali a se stesse, ma anche di dare origine a cellule

Dettagli

Lavoro di gruppo: Aspetti etici fondamentali sull utilizzo di test genetici negli embrioni

Lavoro di gruppo: Aspetti etici fondamentali sull utilizzo di test genetici negli embrioni Lavoro di gruppo: Aspetti etici fondamentali sull utilizzo di test genetici negli embrioni Introduzione Questo esercizio è idoneo al lavoro di gruppo. Ogni gruppo sceglie un testo di lavoro, e presenta

Dettagli

(MODULO 3) LE CELLULE STAMINALI E LA CLONAZIONE CONCETTI FONDAMENTALI. Definizione di cellula staminale

(MODULO 3) LE CELLULE STAMINALI E LA CLONAZIONE CONCETTI FONDAMENTALI. Definizione di cellula staminale (MODULO 3) LE CELLULE STAMINALI E LA CLONAZIONE CONCETTI FONDAMENTALI Definizione di cellula staminale Le cellule staminali sono cellule che possono dare origine a una progenie. Più questa progenie è varia,

Dettagli

Breve presentazione dei momenti più interessanti e significativi che hanno caratterizzato questa esperienza.

Breve presentazione dei momenti più interessanti e significativi che hanno caratterizzato questa esperienza. Nell ambito del progetto GENETICA e DNA sono stati studiati gli aspetti della medicina rigenerativa in riferimento alle cellule staminali. Il 24 aprile 2012 ci siamo recati presso il Dipartimento di Istologia

Dettagli

Saviour sibling : definizione

Saviour sibling : definizione La questione del saviour sibling Dino Moltisanti dino.moltisanti@gmail.com Saviour sibling : definizione Con questa espressione (bebé medicamento in spagnolo, fratello salvatore in italiano) si indica,

Dettagli

LA PRIMA SETTIMANA. La segmentazione

LA PRIMA SETTIMANA. La segmentazione LA PRIMA SETTIMANA La segmentazione Embrioni di topo a diversi stadi di sviluppo. LA PRIMA globulo polare SETTIMANA A, uovo fecondato; B, C e D, stadi a 2, 4 e 8 blastomeri. LA PRIMA SETTIMANA 24-30 ore

Dettagli

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Ogni anno migliaia di bambini e di giovani adulti si ammalano di leucemia e di altre malattie del sangue. Queste malattie che fino a pochi anni fa portavano generalmente alla

Dettagli

LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni

LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni LE CELLULE STAMINALI: dalla ricerca di base alle applicazioni Perché ci troviamo oggi a parlare delle cellule staminali? Driesch (fine 800) dimostra la totipotenza dei blastomeri dell embrione embrione

Dettagli

L INSEMINAZIONE E LA FECONDAZIONE ARTIFICIALI: SONO ACCETTABILI MORALMENTE?

L INSEMINAZIONE E LA FECONDAZIONE ARTIFICIALI: SONO ACCETTABILI MORALMENTE? L INSEMINAZIONE E LA FECONDAZIONE ARTIFICIALI: SONO ACCETTABILI MORALMENTE? Quando si ha l inseminazione e la fecondazione artificiali omologhe? Quando lo spermatozoo e l ovulo provengono dalla stessa

Dettagli

Rigenerazione del Sistema. Biotecnologie Farmaceutiche

Rigenerazione del Sistema. Biotecnologie Farmaceutiche Rigenerazione del Sistema Nervoso Biotecnologie Farmaceutiche Concetti Generali Il Sistema Nervoso Centrale (CNS) è resistente a fenomeni rigenerativi Le cellule staminali del CNS sono Presenti in piccolo

Dettagli

Source: Florida Institute for Reproductive Science and Technologies

Source: Florida Institute for Reproductive Science and Technologies Staminali: concetti, risultati ti e problemi Lo zigote La prima divisione cellulare Source: Florida Institute for Reproductive Science and Technologies Blastula 5 giorni dopo la fertilizzazione Source:

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 14.07.2005 COM(2005) 312 definitivo RELAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Sviluppi e implicazioni del diritto dei brevetti nel settore

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 627 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori LIBÈ, MARCONI, POLI, MONACELLI, BUTTIGLIONE, MAFFIOLI, TREMATERRA, FORTE, ZANOLETTI, MANNINO, CUFFARO, PETERLINI,

Dettagli

Conoscenze Pregresse: Le Cellule Staminali. Liceo Scientifico Marco Vitruvio Pollione Classe 3 P Scienze Applicate Avezzano (AQ)

Conoscenze Pregresse: Le Cellule Staminali. Liceo Scientifico Marco Vitruvio Pollione Classe 3 P Scienze Applicate Avezzano (AQ) Conoscenze Pregresse: Le Cellule Staminali Liceo Scientifico Marco Vitruvio Pollione Classe 3 P Scienze Applicate Avezzano (AQ) Le Cellule Staminali in generale Cosa significa staminale? Il termine staminale

Dettagli

DONAZIONE E TRAPIANTO DI ORGANI

DONAZIONE E TRAPIANTO DI ORGANI DONAZIONE E TRAPIANTO DI ORGANI Si può essere solidali con il prossimo in molti modi: con l aiuto ai deboli, il soccorso ai bisognosi, il conforto per chi soffre; ma la donazione degli organi rappresenta

Dettagli

IL FUTURO DEI TRAPIANTI NELLE CELLULE STAMINALI E NELLA CHIRURGIA RIGENERATIVA

IL FUTURO DEI TRAPIANTI NELLE CELLULE STAMINALI E NELLA CHIRURGIA RIGENERATIVA IL FUTURO DEI TRAPIANTI NELLE CELLULE STAMINALI E NELLA CHIRURGIA RIGENERATIVA Intervento del professor Carlo Umberto Casciani, commissario straordinario dell Agenzia Regionale del Lazio per i Trapianti

Dettagli

Per la vita di chi ti sta a cuore

Per la vita di chi ti sta a cuore Per la vita di chi ti sta a cuore Cos è il sangue cordonale? Perchè conservare le cellule staminali? Chi è FamiCord Come opera FamiCord Perchè affidarsi a FamiCord Procedure e tempistica I trapianti con

Dettagli

la sacralità del cadavere, anche a costo di non garantire il trapianto degli organi in tutti i casi in cui esso sia tecnicamente possibile.

la sacralità del cadavere, anche a costo di non garantire il trapianto degli organi in tutti i casi in cui esso sia tecnicamente possibile. I TRAPIANTI Diversamente dall eutanasia, il tema dei trapianti ha una storia più recente. Esso è anzi legato alle prospettive aperte dalla cultura medica nella nostra contemporaneità. Oggi è possibile

Dettagli

Tutte le cellule, anche quelle più differenziate, esprimono molti geni comuni, detti housekeeping, che codificano per proteine strutturali, del

Tutte le cellule, anche quelle più differenziate, esprimono molti geni comuni, detti housekeeping, che codificano per proteine strutturali, del Tutte le cellule, anche quelle più differenziate, esprimono molti geni comuni, detti housekeeping, che codificano per proteine strutturali, del metabolismo o richieste per altre funzioni basali Nei mammiferi

Dettagli

Gioco di ruolo «La commissione etica» Ricerca sulle cellule staminali. Introduzione

Gioco di ruolo «La commissione etica» Ricerca sulle cellule staminali. Introduzione Gioco di ruolo «La commissione etica» Ricerca sulle cellule staminali Introduzione Numero di partecipanti: 8 18, più il presidente di commissione (questo ruolo può essere interpretato dall insegnante).

Dettagli

La fecondazione artificiale sul piano biologico e medico

La fecondazione artificiale sul piano biologico e medico La fecondazione artificiale sul piano biologico e medico FERTILITA UMANA CAPACITA FISIOLOGICA DI UNA COPPIA, FORMATA DA UN UOMO E DA UNA DONNA, DI CONCEPIRE IN QUESTA FUNZIONE NON SONO COINVOLTI SOLO GLI

Dettagli

Cellule staminali: quali prospettive nel prossimo futuro?

Cellule staminali: quali prospettive nel prossimo futuro? Cellule staminali: quali prospettive nel prossimo futuro? Mercoledì 22, ore 15.00 Relatori: Angelo L. VESCOVI, Co-Director Institute for Stem Cell Research Antonio BALDASSARRE, Presidente emerito della

Dettagli

Nel febbraio 2010, in Francia, nel

Nel febbraio 2010, in Francia, nel tools di Paolo Fontana Biologo, docente di Bioetica presso il Seminario teologico del PIME (Pontificio istituto missioni estere) di Monza Nel febbraio 2010, in Francia, nel corso di una conferenza stampa

Dettagli

Città nuova n 3/2005. Antonio Maria Baggio

Città nuova n 3/2005. Antonio Maria Baggio Città nuova n 3/2005 Antonio Maria Baggio Per la democrazia e la vita I referendum che vogliono modificare la legge sulla procreazione medicalmente assistita attaccano fondamentali diritti della persona

Dettagli

23-NOV-2015 da pag. 16 foglio 1

23-NOV-2015 da pag. 16 foglio 1 Tiratura: n.d. Diffusione 12/2012: 10.694 Lettori Ed. II 2014: 61.000 Quotidiano - Ed. Roma Dir. Resp.: Gian Marco Chiocci da pag. 16 foglio 1 Tiratura 09/2015: 68.268 Diffusione 09/2015: 48.891 Lettori

Dettagli

LE DOMANDE PIU FREQUENTI SULLA DONAZIONE

LE DOMANDE PIU FREQUENTI SULLA DONAZIONE LE DOMANDE PIU FREQUENTI SULLA DONAZIONE Si può decidere a chi donare i propri organi? No. Gli organi vengono assegnati ai pazienti in lista d attesa in base all urgenza e alla compatibilità clinica e

Dettagli

CELLULE STAMINALI E MEDICINA RIGENERATIVA (I e II parte)

CELLULE STAMINALI E MEDICINA RIGENERATIVA (I e II parte) CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOL.MOLECOLARE AA 2012/13 Prof Alberto Turco Lezioni 57-60 12 e 13.12.2012 CELLULE STAMINALI E MEDICINA RIGENERATIVA (I e II parte) Early human preimplantation development

Dettagli

Trapianti d organi: aspetti antropologici ed etici Ramón Lucas Lucas, LC lucas@unigre.it www.ramonlucas.org

Trapianti d organi: aspetti antropologici ed etici Ramón Lucas Lucas, LC lucas@unigre.it www.ramonlucas.org 1 Trapianti d organi: aspetti antropologici ed etici Ramón Lucas Lucas, LC lucas@unigre.it www.ramonlucas.org 2 # Dal Libro Bioetica per tutti 3 4 TRAPIANTI D ORGANI Definizione: operazione chirurgica

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BERNARDINI, BELTRANDI, MECACCI, ZAMPARUTTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BERNARDINI, BELTRANDI, MECACCI, ZAMPARUTTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2859 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BERNARDINI, BELTRANDI, MECACCI, ZAMPARUTTI Disposizioni

Dettagli

Scelta informata relativa alle analisi preimpianto sul primo globulo polare (PB)

Scelta informata relativa alle analisi preimpianto sul primo globulo polare (PB) Scelta informata relativa alle analisi preimpianto sul primo globulo polare (PB) Screening Preimpianto delle alterazioni cromosomiche numeriche mediante array-cgh La sottoscritta (partner femmile).. Data

Dettagli

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Per semplicità redazionale nel testo seguente si utilizza la sola forma al maschile. Naturalmente tutte le denominazioni vanno intese anche

Dettagli

28-GIU-2015 da pag. 11 foglio 1

28-GIU-2015 da pag. 11 foglio 1 Dati rilevati dagli Enti certificatori o autocertificati Tiratura 04/2015: 218.471 Diffusione 04/2015: 168.074 Lettori I 2015: 889.000 Settimanale - Ed. nazionale Dir. Resp.: Roberto Napoletano 28-GIU-2015

Dettagli

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI

Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Dr. med. Lucio Bronz FMH Ostretricia e medicina feto-materno Piazza Indipendenza 4 6500 Bellinzona www.drbronz.ch TEST PRENATALI Introduzione Cromosoma Cellula Nucleo Ormai a tutti è noto il ruolo del

Dettagli

Fecondazione eterologa: risposta facile al desiderio di un figlio?

Fecondazione eterologa: risposta facile al desiderio di un figlio? SALUTE 09.09.2014 Fecondazione eterologa: risposta facile al desiderio di un figlio? La fecondazione assistita non cura, anzi, comporta rischi che spesso non conosciamo spesso inconsapevoli. Fecondazione

Dettagli