IL NOSTRO SERVIZIO. Durata. Crioconservazione garantita per 25 anni del campione in due quote per un eventuale doppio utilizzo.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "IL NOSTRO SERVIZIO. Durata. Crioconservazione garantita per 25 anni del campione in due quote per un eventuale doppio utilizzo."

Transcript

1 IL NOSTRO SERVIZIO Cells4bank offre ai genitori la possibilità di scegliere la conservazione privata familiare del sangue cordonale secondo i più elevati standard qualitativi. Il servizio di conservazione privata familiare di Cells4bank comprende il supporto per la gestione di tutti gli aspetti burocratici ed organizzativi, la fornitura del kit di prelievo e trasporto delle cellule staminali, la gestione del ritiro ed il trasporto del campione dopo il parto fino ai laboratori ubicati in Inghilterra. Il campione viene raccolto al momento del parto in qualunque ospedale italiano in modo sicuro, rapido ed indolore e viene inviato, mediante DHL internazionale dedicato, al laboratorio. Presso il laboratorio il campione viene analizzato, trattato e, verificata la rispondenza ai parametri di qualità, le cellule vengono congelate in due porzioni in una speciale sacca a doppio compartimento all interno di un contenitore criogenico a vapori di azoto, a -196 C. Le cellule rimangono a completa disposizione della famiglia, per un possibile utilizzo futuro da parte del bambino stesso (uso autologo) o dei familiari compatibili (uso familiare). Durata Crioconservazione garantita per 25 anni del campione in due quote per un eventuale doppio utilizzo. Servizi offerti! Assistenza dedicata ai genitori per l espletamento delle procedure finalizzate all ottenimento dell Autorizzazione all esportazione di campione di sangue del cordone ombelicale per uso autologo.! Ritiro del campione, a mezzo di DHL dedicato presso la struttura in cui avviene il parto e trasporto al laboratorio di crioconservazione.! Eventuale rispedizione del campione in Italia, qualora se ne presentasse l effettiva esigenza; la richiesta può essere effettuata sia dai genitori, esercitanti la patria potestà sul campione fino al diciottesimo anno di età del figlio, sia, una volta compiuti i 18 anni, dal figlio che è l unico proprietario del campione.! Rilascio del Certificato di crioconservazione intestato al bambino/a, recante l identificativo del campione (il codice alfanumerico che lo identifica col proprio

2 specifico campione), la data della crioconservazione, il numero di cellule nucleate (WBC), il numero di cellule staminali (CD34+), sterilità o non sterilità del campione e la vitalità cellulare. La certificazione viene rilasciata dalla persona responsabile, iscritta all Ordine dei Biologi in Italia.! Contestualmente alla raccolta delle cellule staminali cordonali viene effettuato un prelievo di sangue venoso materno. La legislazione italiana, in applicazione delle Direttive Europee (2006/17/CE) in materia, prevede che la mamma, ai fini dell ottenimento dell autorizzazione all esportazione del campione cordonale, effettui, nell ultimo mese di gravidanza, delle analisi del sangue, le quali saranno ripetute entro 6 mesi, poiché sono basate sulla risposta anticorpale (c.d. periodo finestra per alcune malattie virali trasmissibili anche al bambino). La Cells4bank consente alla mamma di non rifare le analisi, evitandogli cosi un ulteriore dispendio di tempo e denaro. Questo perché all art. 2.6 dell allegato II della Direttiva 2006/17/CE è espressamente previsto che, qualora il donatore vivo sia ulteriormente sottoposto alle analisi del sangue già espletate nell ultimo mese di gravidanza mediante la tecnica per l'amplificazione degli acidi nucleici (NAT), non è necessario ripetere l esame dei campioni di sangue. Pur essendo tali tecniche di analisi del sangue più costose, la Cells4bank, ha deciso di farle comprendere nel costo del servizio. In caso di mancato invio del campione di sangue materno unitamente al campione di sangue cordonale, detti esami devono essere eseguiti subito dopo le dimissioni dall ospedale e ripetuti sei mesi dopo il parto. Laboratorio il laboratorio inglese Biovault Ltd., da oltre 10 anni specializzato nel processare e conservare cellule staminali provenienti da vari paesi ed estratte da varie fonti di prelievo come sangue e tessuto cordonale, sangue periferico, midollo osseo. Dotato della licenza HTA rilasciata dall omonima competente authority inglese Human Tissue Authority, quale Banca di Tessuti ( Una unità di un ospedale pubblico o un settore di un servizio trasfusionale o una struttura sanitaria senza fini di lucro in cui si effettuano attività di lavorazione, conservazione, stoccaggio o distribuzione di tessuti e cellule umani o una struttura sanitaria autorizzata.), Biovault è costituito in forma di società inglese per adeguarsi a tutte le normative interne del Regno Unito nonché alle Direttive Europee; ha la capacità di conservare più di un milione di campioni e recentemente ha ampliato i propri accreditamenti anche al banking di tessuti adiposi, tendinei, della cornea, della pelle, del femore, di valvole cardiache.

3 Definito dalla HTA come l esempio da seguire nel settore per i suoi elevati standard, da settembre 2012 Biovault è stato acquisito dall Università di Plymouth che, accanto ai consolidati investitori minori attivi nel campo delle Biotecnologie, ne possiede la quota maggioritaria. Il cambiamento della compagine societaria è un risultato importante e un punto di partenza per creare una base ancora più solida per una progressiva espansione come banca internazionale dei tessuti (Biovault International Ltd). Questa nuova proprietà accentua il carattere di banca mista di Biovault Technical Ltd. Infatti, opera per l UK South West Peninsula Transplant Programme dell NHS, il sistema sanitario nazionale pubblico, e collabora in tutta Europa con organizzazioni sanitarie, aziende private e partners accademici e del mondo della ricerca, per favorire l innovazione in campo tecnologico e medico-chirurgico (nella medicina rigenerativa, nel trattamento di lesioni da attività sportive e in procedure ricostruttive viso/seno). Ha un esperienza decennale nel processare e conservare tessuti e cellule da utilizzare in una vasta gamma di applicazioni mediche e chirurgiche; inoltre, conserva campioni destinati alla ricerca per organizzazioni, Università e strutture private in tutta Europa. Infine, fornisce servizi di consulenza ad organizzazioni mediche che vogliono il proprio laboratorio di conservazione: tra questi anche il Plymouth Hospitals NHS Trust. Biovault ha ottenuto anche l importante accreditamento JACIE, grazie al quale è possibile dimostrare la qualità dell intero sistema di gestione della manipolazione e della crioconservazione delle cellule staminali e dei relativi processi, il mantenimento nel tempo di tali standard, la sicurezza degli operatori sanitari coinvolti, al fine di garantire la conservazione ottimale per un eventuale trapianto. Conservazione garantita 25 anni da un fondo Escrow Il fondo Escrow è un vero e proprio conto di deposito presso terzi in cui il nostro laboratorio accantona gli importi della conservazione per i futuri 25 anni affinché non vengano utilizzati per finanziare attività di business della banca (come fanno molte altre società) ma siano destinati esclusivamente alla copertura finanziaria delle quote annuali di conservazione. Il laboratorio possiede, inoltre, altre due sedi adibite allo stoccaggio dei campioni, a garanzia di una piena operatività anche in caso di emergenza. Il laboratorio dispone di: " clean rooms classe "A in B", costantemente monitorate con conta particelle, in modo da assicurare il massimo grado di purezza e pulizia dell'aria circolante per la manipolazione in

4 condizioni di sterilità di prodotti destinati alla terapia cellulare, in accordo con la direttiva comunitaria 2006/17/EC; " laboratorio controllo qualità completamente attrezzato per microbiologia, conta cellulare, FACS analisi, coltura cellulare; " zona di stoccaggio dei campioni, dotata di area quarantena preventiva, costantemente monitorata e sorvegliata, ad accesso controllato, con sistemi di allarme e sistema per l'alimentazione dei contenitori criogenici in caso di black out. " staff perfettamente formato ed addestrato, in grado di soddisfare gli stringenti requisiti dell'authority tedesca e delle normative europee. Accettazione del campione ed esecuzione del controllo di qualità in ingresso Appena il campione giunge presso il laboratorio, il personale provvede immediatamente alla verifica del volume di sangue raccolto. Il volume iniziale del campione è, infatti, correlato al numero di cellule presenti dopo la manipolazione, e si considera ottimale un volume iniziale superiore ai 40 ml. Qualora il volume sia inferiore ai 40 ml, la conservazione del campione non è possibile, poiché il numero di cellule presenti sarebbe insufficiente per qualunque trattamento futuro. Dal campione iniziale viene prelevato un piccolo quantitativo di sangue conservato per poter eseguire, in caso di futuro utilizzo, la tipizzazione HLA. Se il campione non venisse processato saranno informati i genitori, che riceveranno un rimborso totale dell importo versato, meno i costi vivi del kit di prelievo, della spedizione e degli esami di laboratorio Manipolazione del campione Il campione raccolto viene conservato dopo essere stato sottoposto ad un processo, definito manipolazione, che ha lo scopo di ridurne il volume separando le cellule nucleate (tra cui sono presenti le cellule staminali, CD34+) dagli altri elementi del sangue cordonale che non devono essere conservati: globuli rossi, piastrine, plasma. Il laboratorio esegue la manipolazione utilizzando la tecnologia Sepax di Biosafe. Sepax è un dispositivo, certificato CE ed approvato anche dalla FDA americana per la processazione dei campioni di sangue cordonale, in grado di eseguire la separazione e la riduzione di volume in un sistema completamente chiuso, con traumatismi minimi per le cellule nucleate

5 rispetto ai tradizionali sistemi di centrifugazione e con l impiego di kit sterili monouso sostituiti ad ogni trattamento. Abbiamo scelto di utilizzare il protocollo Sepax UCB, che garantisce una elevata percentuale di recupero delle cellule staminali CD34+ post-manipolazione, vicina al 95%. Questa scelta di qualità determina un maggior costo della procedura di manipolazione ma differenzia notevolmente il servizio che offriamo rispetto a quello di altre società. I globuli rossi, le piastrine ed il plasma vengono eliminati. Su una frazione di plasma il laboratorio esegue test con metodica PCR e/o NAT per la ricerca di infezioni virali. Al campione trattato viene aggiunta una soluzione criopreservante, che ha la funzione di proteggere le cellule dall azione lesiva dei cristalli di ghiaccio che si formano durante il congelamento. Esecuzione dei controlli di qualità e verifica dei criteri di idoneità Sulle delle aliquote prelevate dal campione vengono eseguite alcune determinazioni in grado di indicare se risponde o meno ai criteri di idoneità per un futuro impiego. Vengono eseguite le seguenti determinazioni: " Cellularità del campione, ossia numero di cellule nucleate vitali (WBC o TNC) presenti. Affinché il campione sia effettivamente utile per un utilizzo autologo, è necessario che il numero delle cellule nucleate vitali presenti sia pari ad almeno 1 x 10e8. Per un utilizzo allogenico su un familiare consanguineo i protocolli trapiantologici prevedono una soglia di 4 x 10e8 cellule nucleate. Qualora il numero di cellule nucleate risultasse inferiore a 1 x 10e8 la conservazione avviene solo se i genitori hanno espresso tale volontà. Il significato della conservazione è in questo caso legata alla possibilità, se necessario, di ricorrere alla espansione in vitro delle cellule staminali, con una cellularità di partenza comunque non inferiore a 0,5 x 10e8 o di utilizzarle nell ambito della sola medicina rigenerativa e non a scopo trapiantologico. " Numero di cellule staminali CD34+ vitali. I protocolli trapiantologici non indicano al momento una soglia tra il numero di cellule staminali ematopoietiche presenti e il numero di cellule nucleate. In ogni caso, per un utilizzo autologo il numero di cellule CD34+ deve essere almeno pari a 0,1 x 10e6, mentre per un utilizzo allogenico deve essere pari almeno a 0,5 x 10e6.

6 " Vitalità. Questo parametro indica se le cellule raccolte sono vive ed in grado di replicarsi, fattori fondamentali al fine di decidere se il campione debba essere conservato o sia, invece, inutilizzabile e vada scartato. " Sterilità. Il campione viene testato per valutare l eventuale presenza di infezione da parte di batteri aerobi, anaerobi, funghi. L inquinamento del campione è un avvenimento possibile in una percentuale del 8-10 % dei casi per diversi motivi, fra i quali la rottura precoce delle membrane o la presenza di agenti patogeni o saprofiti (cioè presenti in una grande percentuale della popolazione senza provocare patologie) lungo il canale del parto. A parte alcuni contaminanti che non determinano delle conseguenza, certi agenti, come gli streptococchi, non pregiudicano la possibilità di utilizzo autologo delle cellule cordonali, mentre il trapianto di un unità contaminata non è mai permessa nel caso in cui queste cellule debbano essere utilizzate da altri soggetti, come ad esempio fratelli o sorelle del neonato. Altri agenti, come vari tipi di batteri e funghi, difficilmente permetterebbero l utilizzo, anche autologo, del campione. Qualora il campione risulti non sterile, provvediamo a fornire ai genitori le informazioni circa le possibilità residue di utilizzo del campione e lo conserviamo solo se i genitori esprimono tale volontà. " Test virali. Qualora i test virali eseguiti sul sangue materno negli ultimi 30 giorni di gravidanza evidenzino una positività per CMV, sifilide o HTLV I e II, il laboratorio provvede ad eseguire test virali in PCR su un aliquota del campione trattato per verificare se anche questo risulti infetto. Conservazione Dopo l aggiunta della soluzione criopreservante il campione trattato è conservato in sacca. Le sacche vengono congelate utilizzando un congelatore a discesa programmata, che abbassa gradualmente la temperatura fino a circa 196 C, conservando intatta la vitalità delle cellule. Dopo il congelamento le sacche sono introdotte in appositi contenitori criogenici a vapori di azoto, in grado di evitare fenomeni di contaminazione crociata tra campioni diversi. Le sacche vengono inizialmente conservate in un contenitore criogenico di passaggio, in attesa che siano completati i controlli di qualità descritti. Successivamente, dopo la verifica della rispondenza ai criteri di idoneità, i campioni sono trasferiti in un secondo contenitore criogenico, destinato alla conservazione a lungo termine. Le sacche utilizzate dai Laboratori partner di Cells4bank dispongono di un doppio compartimento. In questo modo, è possibile conservare separatamente una frazione di sangue cordonale pari

7 all 80% del totale ed una pari al 20%, così da poter eventualmente consentire un utilizzo separato delle due frazioni. Costi Il costo del servizio è di 2.400,00 incluso IVA; si può pagare in unica soluzione o scegliere comode rate mensili senza interessi. Potenziale Terapeutico Per alcune di queste patologie, è raccomandato l utilizzo di cellule staminali provenienti da un donatore compatibile, familiare o estraneo: si parla in questo caso di trapianto allogenico. Per altre, è invece possibile o raccomandato l utilizzo di cellule staminali ematopoietiche ottenute dallo stesso soggetto al quale vengono infuse: si parla in tal caso di trapianto autologo. Trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche Diverse patologie sono trattabili con cellule staminali ematopoietiche ottenute da un donatore (esterno o interno alla famiglia) e recuperate da diverse fonti, quali il midollo osseo, il sangue periferico ed il sangue cordonale. La probabilità di trovare donatori istocompatibili all esterno della famiglia è molto bassa, al contrario conservando il campione di sangue cordonale si ha il 25% di probabilità che questo sia totalmente compatibile con un fratello/ sorella ed il 39% di probabilità che sia parzialmente compatibile e comunque utilizzabile. I trapianti di maggior successo e più frequenti sono quelli eseguiti utilizzando un campione di cellule staminali ematopoietiche da donatori all interno della famiglia (uso familiare). Infatti, 1/3 dei trapianti eseguiti a livello mondiale viene effettuato utilizzando donatori appartenenti allo stesso nucleo familiare. Leucemie Leucemie acute mieloidi e linfoidi (Broxmeyer et al 2009) Leucemie croniche mieloidi e linfoidi 1 (Hough et al. 2010) Mielofibrosi primaria -Sindrome mielodisplastica Leucemia cronica linfocitaria Leucemia mielomonocitica cronica Linfomi Linfoma di Hodgkin

8 Linfoma non Hodgkin Linfoma follicolare Linfoma cellule mantello Linfoma cellule-t Linfoma di Burkitt Linfoma linfoblastico Patologie non maligne e tumori solidi Anemia severa aplastica Anemia di Fanconi Anemia refrattaria Anemia refrattaria con eccesso di blasti Talassemia Anemia falciforme Anemia Blackfan Diamond -CGD Patologia di Kostman Sindrome di Hurler Osteopetrosi Emoglobinuria parossistica notturna Neuroblastoma Aplasia dei globuli rossi Anemia congenita diseritropoietica Altre patologie Mieloma Amiloidosi Trapianti per disordini ereditari del sistema immunitario e altri organi Ipoplasia cartilage-hair Malattia di Gunther Sindrome di Hermansky Pudiak

9 Sindrome di Shwachman-diamond Mastocitosi sistemica Disordini ereditari immunitari SCID con deficienza di adenosina deaminasi SCID legata all X -SCID con assenza di cellule Te B SCID con assenza di cellule T e cellule B normali Sindrome di Omenn Neutropenia Mielocatesi Atassia teleangiectasica Sindrome dei linfociti di Bare Immunodeficienza comune variabile Sindrome di Di George Deficienza di adesione dei leucociti Disordini linfoproliferativi Disordini linfoproliferativi legati alla X Sindrome di Wiskott-Aldrich Trapianti per disordini metabolici ereditari Mucopolissaccaridosi Sindrome di Hurler (Staba SL. Et al. 2004) Adrenoleucodistrofia Malattia di Krabbe (Escolar ML et al. 2005) Malattia di Gaucher Malattia di Niemann Pick Sindrome di Lesch Nyhan Osteopetrosi Disordini dei fagociti Sindrome di Chediak-Higashi

10 Granulomatosi cronica Deficienza da actina neutrofila Disgenesi reticolare Disordini mieloproliferativi Mielofibrosi acuta Metaplasia mieloide agnogenica Trombocitemia essenziale Cancro nel midollo osseo Mieloma multiplo Leucemia delle plasma cellule Macroglobulinemia di Waldenstrom Anomalie piastriniche ereditarie Amegacariocitosi Tromboastenia di Glanzmann Trapianto autologo di cellule staminali ematopoietiche Con il termine di trapianto autologo si intende, come si è detto, l infusione di cellule staminali nella stessa persona a cui sono state prelevate. Nel caso del sangue cordonale, ciò vuol dire utilizzare sullo stesso bambino/ bambina il campione raccolto e conservato al momento del parto. L utilizzo di staminali ematopoietiche autologhe è consigliato come prima scelta nel trattamento di: Leucemie CLL Linfomi Linfoma diffuso delle cellule B (ricaduta) Linfoma cellule mantello Linfoma linfoblastico

11 Linfoma di Burkitt Linfoma follicolare cellule B NHL cellule T Linfoma di Hodgkin (ricaduta) Linfoma non-hodgkin Altre patologie Mieloma Amiloidosi Neuroblastoma Retinoblastoma Disordini autoimmuni Leucemie e linfomi Leucemia linfoblastica acuta Leucemia mieloide acuta Leucemia acuta bifenotipica Leucemia acuta indifferenziata Leucemia/linfoma a cellule T dell adulto Linfoma di Hodgkin Linfomi non-hodgkin Leucemia linfatica cronica Leucemia prolinfocitica Disordini della plasmacellula Mieloma multiplo Leucemia plasmacellulare Macroglobulinemia di Waldenstrom Amiloidosi Emoglobinopatie Beta Thalassemia Anemia a cellule falciformi

12 Selezionati casi di deficit di piruvato-kinasi con dipendenza trasfusionale Istiocitosi Linfoistiocitosi emofagocitica familiare Sindrome di Griscelli Sindrome di Chediak-Higashi Istiocitosi a cellule di Langerhans (Istiocitosi X) Osteogenesis imperfecta Altri disordini ereditari Porfiria eritropoietica congenita (malattia di Gunther) Disordini mielodisplastici/mieloproliferativi Sindromi mielodisplastiche, includenti: Anemia refrattaria (AR) Anemia refrattaria con sideroblasti ad anello (ARSA) Anemia refrattaria con eccesso di blasti (AREB) Anemia refrattaria con eccesso di blasti in trasformazione (AREB-t) Leucemia mielomonocitica cronica Leucemia mielomonocitica giovanile Citopenia refrattaria Leucemia mieloide cronica Philadelphia positiva Mielofibrosi idiopatica Policitemia vera Trombocitemia essenziale Insufficienze midollari mono/plurilineari Anemia aplastica acquisita Anemia di Fanconi Discheratosi congenita Emoglobinuria parossistica notturna Anemia di Blackfan-Diamond Anemia diseritropoietica congenita

13 Aplasia pura della serie eritroide acquisita Porpora amegacariocitica congenita (da mutazione del gene del recettore per la trombopoietina) Disordini congeniti delle pistrine (malattia di Bernard-Soullier, tromboastenia di Glanzmann) Agranulocitosi congenita (sindrome di Kostmann) Sindrome di Shwachman-Diamond Disordini congeniti del sistema immunitario Malattia granulomatosa cronica Deficit delle proteine di adesione leucocitaria Immunodeficienze combinate gravi (SCID), includenti: Deficit di adenosin-deaminasi Difetto delle molecole HLA di classe I e II Difetto di Zap70 Sindrome di Omenn Deficit di purin-nucleoside-fosforilasi Disgenesia reticolare Difetto della catena gamma comune a multiple citochine Difetto di JAK3 Sindrome da iper-igm Sindrome di Wiskott-Aldrich Sindrome linfoproliferativa X-linked (Sindrome dei Duncan o Sindrome di Purtillo) Ipoplasia cartilagine-capillizio Sindrome di DiGeorge Sindrome IPEX (immunodeficienza con poliendocrinopatia, enteropatia, X-linked) Altre neoplasie Sarcoma di Ewing Neuroblastoma Carcinoma a cellule chiare del rene Rabdomiosarcoma Altre indicazioni Sindrome di Evans

14 Sindrome linfoproliferative autoimmune (da difetto di FAS, FAS-L, Caspasi) Sclerosi sistemica progressiva Neoplasie in età pediatrica trattate con chemio/radioterapia (per aumentato rischio di sviluppo di s. mielodisplastiche e leucemie acute secondarie). Errori congeniti del metabolismo Sindrome di Hurler (MPS-IH) Sindrome di Scheie (MPS-IS) Sindrome di Maroteaux-Lamy (MPS-VI) Sindrome di Sly (MPS-VII) Adrenoleucodistrofia Fucosidosi Malattia di Gaucher Malattia di Krabbe Mannosidosi Leucodistrofia metacromatica Mucolipidosi II (I-cell disease) Lipofuscinosi ceroido neuronale (malattia di Batten) Malattia di Sandhoff Osteopetrosi

Cellule staminali: prospettive terapeutiche

Cellule staminali: prospettive terapeutiche Cellule staminali: prospettive terapeutiche Il trapianto di cellule staminali emopoietiche (che si trovano nel midollo osseo, nel sangue cordonale o nell embrione durante i suoi primi giorni di esistenza)

Dettagli

SERIE GENERALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Giovedì, 31 dicembre 2009 AVVISO AGLI ABBONATI

SERIE GENERALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Giovedì, 31 dicembre 2009 AVVISO AGLI ABBONATI SERIE GENERALE Spediz. abb. post. 45% - art. 2, comma 20/b Legge 23-12-1996, n. 662 - Filiale di Roma GAZZETTA Anno 150 - Numero 303 UFFICIALE PARTE PRIMA DELLA REPUBBLICA ITALIANA Roma - Giovedì, 31 dicembre

Dettagli

Crioconservazione del sangue da cordone ombelicale

Crioconservazione del sangue da cordone ombelicale L A B O R AT O R I O B I O T E C N O L O G I C O R E P U B B L I C A D I S A N M A R I N O A cura di Luana Piroli coordinatore generale InScientiaFides - Aprile 200 Crioconservazione del sangue da cordone

Dettagli

Conservazione privata familiare delle cellule staminali da cordone ombelicale. Contributo per una scelta consapevole

Conservazione privata familiare delle cellule staminali da cordone ombelicale. Contributo per una scelta consapevole Conservazione privata familiare delle cellule staminali da cordone ombelicale Contributo per una scelta consapevole Data creazione: 07/09/2015 Data ultimo aggiornamento: 07/09/2015 Le cellule staminali:

Dettagli

Conservazione privata familiare delle cellule staminali da cordone ombelicale. Contributo per una scelta consapevole

Conservazione privata familiare delle cellule staminali da cordone ombelicale. Contributo per una scelta consapevole Conservazione privata familiare delle cellule staminali da cordone ombelicale Contributo per una scelta consapevole Data creazione: 07/09/2015 Data ultimo aggiornamento: 30/11/2015 Le cellule staminali:

Dettagli

Nobis Compagnia di Assicurazioni S.p.A.

Nobis Compagnia di Assicurazioni S.p.A. Nobis Compagnia di Assicurazioni S.p.A. CONVENZIONE HASSSIA STEM CELLS POLICY TESTO POLIZZA SANITARIA NELLA FORMA DI GRANDI INTERVENTI FINALIZZATI AL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI EMATOPOIETICHE PROVENIENTI

Dettagli

Guida per i futuri genitori

Guida per i futuri genitori Guida per i futuri genitori CHI SIAMO Nila Medica S.r.l. è una società italiana dedicata al mondo healthcare con particolare attenzione ai temi della gravidanza e della maternità. Grazie ad una partnership

Dettagli

cell factory CrioConservazione DeDiCaTa Del CorDone ombelicale

cell factory CrioConservazione DeDiCaTa Del CorDone ombelicale cell factory Crioconservazione DEDICATA del cordone ombelicale Cell Factory Bioscience Institute è una cell factory dedicata alla crioconservazione biologica, coltura cellulare e ricerca scientifica.

Dettagli

www.smartbank.it info@smartbank.it Le cellule staminali. tra scienza, pratica clinica e legislazione

www.smartbank.it info@smartbank.it Le cellule staminali. tra scienza, pratica clinica e legislazione Le cellule staminali. tra scienza, pratica clinica e legislazione 1 Sommario 1. Informazioni scientifiche sulle cellule staminali... 3 Una preziosa riserva per la famiglia... 3 1.1 Cosa sono e come, dove

Dettagli

Per la vita di chi ti sta a cuore

Per la vita di chi ti sta a cuore I laboratori del gruppo FamiCord Per la vita di chi ti sta a cuore

Dettagli

Emoglobinopatie: Anemia falciforme, ß-Talassemia (morbo di Cooley).

Emoglobinopatie: Anemia falciforme, ß-Talassemia (morbo di Cooley). InScientiaFides s.p.a. Strada Paderna 2 Località Fiorina 47895 Domagnano Repubblica di San Marino tel 0549 900 994 (ufficio) tel 0549 904 455 (laboratorio) tel. 0549 919 077 (amministrazione) fax 02 700

Dettagli

LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE: RACCOLTA, CONSERVAZIONE ED UTILIZZO A CURA DI:

LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE: RACCOLTA, CONSERVAZIONE ED UTILIZZO A CURA DI: LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE: RACCOLTA, CONSERVAZIONE ED UTILIZZO A CURA DI: Prof. Francesco Zinno INDICE LA CELLULA STAMINALE UTILIZZO DELLE CELLULE STAMINALI CRITERI DI IDONEITÀ PRELIEVO

Dettagli

Per la vita di chi ti sta a cuore

Per la vita di chi ti sta a cuore Per la vita di chi ti sta a cuore Cos è il sangue cordonale? Perchè conservare le cellule staminali? Chi è FamiCord Come opera FamiCord Perchè affidarsi a FamiCord Procedure e tempistica I trapianti con

Dettagli

Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita

Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita Un Cordone di Staminali: Ciò che ha nutrito una vita può ancora dare la vita Ascoli Piceno 29-30 Settembre 2012 Dott. ssa Barbara Tonnarelli Regione Marche Dipartimento Regionale di Medicina Trasfusionale

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1274 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI CARRA, ARLOTTI, BINI, BRAGA, CARELLA, FON- TANELLI, LATTUCA, MALPEZZI, MANFREDI, MANZI, MONGIELLO,

Dettagli

Gentile/i Signora/i, R7122 Scheda Informativa relativa alla donazione. Ed. 1del 09/12/2010 Rev. 1 del 11/07/2011

Gentile/i Signora/i, R7122 Scheda Informativa relativa alla donazione. Ed. 1del 09/12/2010 Rev. 1 del 11/07/2011 Gentile/i Signora/i, il sangue contenuto nel cordone ombelicale (SCO) e raccolto al momento del parto, rappresenta una preziosa sorgente di cellule staminali emopoietiche, quelle stesse cellule che sono

Dettagli

AUDIZIONE COMMISSIONE AFFARI SOCIALI CAMERA DEI DEPUTATI - XVI LEGISLATURA

AUDIZIONE COMMISSIONE AFFARI SOCIALI CAMERA DEI DEPUTATI - XVI LEGISLATURA AUDIZIONE COMMISSIONE AFFARI SOCIALI CAMERA DEI DEPUTATI - XVI LEGISLATURA Disposizioni in materia di raccolta e utilizzo del sangue cordonale Il Presidente Alberto Bosi Audizione Camera dei Deputati dell

Dettagli

CONTRATTO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO STEMCELLSMEDICALSERVICE

CONTRATTO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO STEMCELLSMEDICALSERVICE I.M.S. Innovative Medical Solutuions S.r.l. Via Cipro 21, 25124 Brescia P.Iva e C.F. 02572900989 Codice Cliente CONTRATTO PER LA FORNITURA DEL SERVIZIO STEMCELLSMEDICALSERVICE Contratto tra: - La società

Dettagli

Il Trapianto di midollo osseo / di cellule staminali ematopoietiche (CSE)

Il Trapianto di midollo osseo / di cellule staminali ematopoietiche (CSE) Il Trapianto di midollo osseo / di cellule staminali ematopoietiche (CSE) Dr. Attilio Rovelli responsabile del Centro Trapianti dell' Ospedale San Gerardo di Monza Il trapianto di midollo osseo per una

Dettagli

USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE

USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE USO APPROPRIATO DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE 1. Cosa sono le cellule staminali emopoietiche? Le cellule staminali emopoietiche sono cellule in grado di riprodursi dando origine agli elementi corpuscolati

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BERNARDINI, BELTRANDI, MECACCI, ZAMPARUTTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BERNARDINI, BELTRANDI, MECACCI, ZAMPARUTTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2859 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI FARINA COSCIONI, MAURIZIO TURCO, BERNARDINI, BELTRANDI, MECACCI, ZAMPARUTTI Disposizioni

Dettagli

GUIDA PER L UTENTE. Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi

GUIDA PER L UTENTE. Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi Pagina 1 di 11 Dipartimento di Diagnostica di Laboratorio Responsabile: Prof. Arnaldo Caruso Sezione Specializzata di Ematologia e Coagulazione Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi Pagina 2 di 11

Dettagli

La donazione del sangue dal cordone ombelicale

La donazione del sangue dal cordone ombelicale ASL NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale CONSULTORIO NUORO La donazione del sangue dal cordone ombelicale La donazione del sangue dal cordone ombelicale è innocua e indolore. Il sangue

Dettagli

PARTE PRIMA - EMOPOIESI E MIELOPOIESI

PARTE PRIMA - EMOPOIESI E MIELOPOIESI INDICE Prefazione... IX PARTE PRIMA - EMOPOIESI E MIELOPOIESI... 1 EMOPOIESI... 1 Cenni generali... 1 Anatomia e fisiologia del midollo osseo... 1 Organizzazione dell emopoiesi... 3 Caratteristiche immunofenotipiche

Dettagli

- EMOPOIESI E MIELOPOIESI

- EMOPOIESI E MIELOPOIESI INDICE PREFAZIONE................................................ XI Parte prima - EMOPOIESI E MIELOPOIESI EMOPOIESI.................................................. 3 Cenni generali, 3 - Anatomia e fisiologia

Dettagli

GenomaCord+ Laboratorio Genoma Sorgente GenomaCord+

GenomaCord+ Laboratorio Genoma Sorgente GenomaCord+ Cos e GenomaCord? GenomaCord+ è un servizio di conservazione delle cellule staminali cordonali che nasce da una partnership tra il Laboratorio Genoma, uno tra i laboratori europei più avanzati nell'ambito

Dettagli

La donazione del sangue da cordone ombelicale

La donazione del sangue da cordone ombelicale La donazione del sangue da cordone ombelicale Il sangue del cordone ombelicale è una fonte importante di cellule staminali emopoietiche Le cellule staminali emopoietiche: sono cellule in grado di dividersi

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE LIGURIA CORD BLOOD BANK Servizio di Immunoematologia e Trasfusionale Direttore: Dr. Paolo Strada Azienda Ospedaliera Universitaria San Martino Largo Rosanna Benzi n.10-16132 Genova Tel. 0105553148 Fax.

Dettagli

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti

Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Banca del Sangue Cordonale di Cagliari Una possibilità in più per tutti Sede: Piano terra, Presidio Ospedaliero Binaghi via Is Guadazzonis n.2-09126 Cagliari Struttura della Banca del Sangue Cordonale

Dettagli

GUIDA PER L UTENTE. Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi

GUIDA PER L UTENTE. Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi Pagina 1 di 11 Dipartimento di Diagnostica di Laboratorio Responsabile: Prof. Arnaldo Caruso Sezione Specializzata di Ematologia e Coagulazione Responsabile: Dott.ssa Arnalda Lanfranchi Pagina 2 di 11

Dettagli

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO

DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO DONAZIONE DI MIDOLLO OSSEO Ogni anno migliaia di bambini e di giovani adulti si ammalano di leucemia e di altre malattie del sangue. Queste malattie che fino a pochi anni fa portavano generalmente alla

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1946 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI PORETTI, BELTRANDI, BIANCHI, CAPEZZONE, CIOFFI, DATO, DE ZULUETA, D ELIA, DIOGUARDI, GARNERO

Dettagli

SERIE GENERALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Giovedì, 31 dicembre 2009 AVVISO AGLI ABBONATI

SERIE GENERALE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Giovedì, 31 dicembre 2009 AVVISO AGLI ABBONATI SERIE GENERALE Spediz. abb. post. 45% - art. 2, comma 20/b Legge 23-12-1996, n. 662 - Filiale di Roma GAZZETTA Anno 150 - Numero 303 UFFICIALE PARTE PRIMA DELLA REPUBBLICA ITALIANA Roma - Giovedì, 31 dicembre

Dettagli

MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE DIREZIONE SANITARIA DI PRESIDIO TEL. 02 5503.2143-2570 3202 FAX 0255185528 e-mail direzione.presidio@policlinico.mi.it P.01.CLT.M.03 PAGINA 1 DI 6 MODULO INFORMATIVO PER IL COUNSELLING SULLA RACCOLTA E

Dettagli

Cellule staminali. emopoietiche

Cellule staminali. emopoietiche At t ua l i tà Cellule staminali Una speranza di vita Le cellule staminali sono le madri di tutte le cellule e sono in grado di produrre cellule figlie uguali a se stesse, ma anche di dare origine a cellule

Dettagli

Residente a..in via.c.a.p.. Numero di telefono..n. di fax.. Cognome padre..nome padre.

Residente a..in via.c.a.p.. Numero di telefono..n. di fax.. Cognome padre..nome padre. Ospedale S.Giovanni Calibita Fatebenefratelli Accordo Stato Regioni n.62 del 29 Aprile 2010 ALLEGATO 2 RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALLA ESPORTAZIONE DI CAMPIONE DI SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE per USO

Dettagli

DEL CORDONE OMBELICALE

DEL CORDONE OMBELICALE Assieme a una nuova vita nasce una possibilità di cura DONA IL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE UNA SCELTA CONSAPEVOLE Assieme a una nuova vita nasce una possibilità di cura. Questo messaggio richiama l

Dettagli

BIOTECNOLOGIE HEMATOS

BIOTECNOLOGIE HEMATOS BIOTECNOLOGIE HEMATOS al servizio della famiglia CONSERVAZIONE DEL SANGUE DA CORDONE OMBELICALE NOVITÀ Il Kit di prelievo e trasporto più evoluto LUI O LEI? TEST DI DETERMINAZIONE DEL SESSO FETALE PERCHÈ

Dettagli

A COSA SERVONO LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE?

A COSA SERVONO LE CELLULE STAMINALI DEL CORDONE OMBELICALE? MODULO INFORMATIVO ORDINANZA 4 MAGGIO 2007 IN MATERIA DI ESPORTAZIONE DI STAMINALI DI CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra, Le chiediamo di leggere con attenzione le informazioni sotto riportate e di rispondere

Dettagli

Assieme a una nuova vita nasce una possibilità di cura DONA IL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE UNA SCELTA CONSAPEVOLE

Assieme a una nuova vita nasce una possibilità di cura DONA IL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE UNA SCELTA CONSAPEVOLE Assieme a una nuova vita nasce una possibilità di cura DONA IL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE UNA SCELTA CONSAPEVOLE Assieme a una nuova vita nasce una possibilità di cura. Questo messaggio richiama l importanza

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE

SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA DONAZIONE ALLOGENICA DI SANGUE CORDONALE 1di 6 SCHEDA INFORMATIVA RELATIVA ALLA Gentile Signora/e, il sangue contenuto nel cordone ombelicale (SCO) e raccolto al momento del parto, rappresenta una preziosa sorgente di cellule staminali emopoietiche,

Dettagli

Prof. P. Curiel. Firenze 17.10.2010

Prof. P. Curiel. Firenze 17.10.2010 La donazione del sangue e (?) del cordone ombelicale Prof. P. Curiel Firenze 17.10.2010 Il trapianto di cellule staminali Trapianto di cellule staminali emopoietiche allogeniche = trattamento terapeutico

Dettagli

Lions Clubs International

Lions Clubs International Un iniziativa Lions Clubs International Distretto 108 Ya Governatore: Avv. Michele Roperto Anno sociale 2011-2012 Responsabile distrettuale tema di studio nazionale La donazione del sangue del cordone

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA

DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII ORDINANZA Misure urgenti in materia di cellule staminali da cordone ombelicale. IL MINISTRO

Dettagli

TRAPIANTO DI MIDOLLO OSSEO. Paolo Di Bartolomeo. Dipartimento di Ematologia, Medicina Trasfusionale e Biotecnologie. Ospedale Civile, Pescara !

TRAPIANTO DI MIDOLLO OSSEO. Paolo Di Bartolomeo. Dipartimento di Ematologia, Medicina Trasfusionale e Biotecnologie. Ospedale Civile, Pescara ! TRAPIANTO DI MIDOLLO OSSEO Paolo Di Bartolomeo Dipartimento di Ematologia, Medicina Trasfusionale e Biotecnologie Ospedale Civile, Pescara 1 In tutte le malattie del midollo osseo (emopatie), siano esse

Dettagli

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Allegato C/1 MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra/Gent.mo Sig.re Le chiediamo di leggere con attenzione le informazioni sotto riportate e il

Dettagli

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A

S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A S E N A T O D E L L A R E P U B B L I C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 941 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa dei senatori FUMAGALLI CARULLI, CIRAMI, NAVA, NAPOLI Bruno e NAPOLI Roberto COMUNICATO

Dettagli

Le terapie avanzate nella cura delle malattie rare

Le terapie avanzate nella cura delle malattie rare Le terapie avanzate nella cura delle malattie rare Alessandro Aiuti Dipartimento Pediatrico Universitario Ospedaliero,OPBG, Università di Roma Tor Vergata Istituto San Raffaele Telethon per la Terapia

Dettagli

Le cellule staminali: una risorsa..una speranza

Le cellule staminali: una risorsa..una speranza AVIS NAZIONALE/REGIONALE MARCHE Ancona, 31 Ottobre 2008 Il Sistema Trasfusionale tra necessità e disponibilità Le cellule staminali: una risorsa..una speranza Prof.ssa Gabriella Girelli Sapienza Università

Dettagli

REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS N. 7 PIEVE DI SOLIGO (TV) MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

REGIONE DEL VENETO AZIENDA ULSS N. 7 PIEVE DI SOLIGO (TV) MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra / Gent.mo Sig.re, Le chiediamo di leggere con attenzione le informazioni sotto riportate e di rispondere

Dettagli

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI MASI SERENA ISTRUZIONE E FORMAZIONE PER IL CURRICULUM VITAE. Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail

F ORMATO EUROPEO INFORMAZIONI PERSONALI MASI SERENA ISTRUZIONE E FORMAZIONE PER IL CURRICULUM VITAE. Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Telefono Fax E-mail MASI SERENA Nazionalità Italiana Data di nascita ISTRUZIONE E FORMAZIONE Date 2002 2007 (data conseguimento:

Dettagli

IN ITALIA. Infatti, una. precedenza

IN ITALIA. Infatti, una. precedenza P.O. Savona e Cairo M.tte Ospedale San Paolo Savona S.C. Direzione Medica Conn certificato n 17551/08/S MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTAA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra

Dettagli

Massimiliano du Ban 29/03/11 RELAZIONE SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DELLE CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE DEL SANGUE CORDONALE

Massimiliano du Ban 29/03/11 RELAZIONE SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DELLE CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE DEL SANGUE CORDONALE RELAZIONE SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DELLE CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE DEL SANGUE CORDONALE La seguente relazione viene elaborata ad uso del Comitato Indipendente per la Bioetica dell I.R.C.C.S.

Dettagli

DOMANDE FREQUENTI RIGUARDO ALLA CONSERVAZIONE DEL SANGUE PLACENTARE

DOMANDE FREQUENTI RIGUARDO ALLA CONSERVAZIONE DEL SANGUE PLACENTARE DOMANDE FREQUENTI RIGUARDO ALLA CONSERVAZIONE DEL SANGUE PLACENTARE Ho sentito parlare della possibilità di conservare il sangue placentare di mio/a figlio/a a scopo autologo, qualora in futuro ne avesse

Dettagli

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE

MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Alla Direzione Sanitaria di Presidio Alba Bra Allegato C MODULO INFORMATIVO SULLA RACCOLTA E CONSERVAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE Gent.ma Sig.ra /Gent.mo Sig.re Le chiediamo di leggere con attenzione

Dettagli

Regione Emilia Romagna. Attività di donazione e trapianto di organi, tessuti e cellule

Regione Emilia Romagna. Attività di donazione e trapianto di organi, tessuti e cellule Regione Emilia Romagna Attività di donazione e trapianto di organi, tessuti e cellule Resoconto 29 I risultati preliminari delle rivascolarizzazioni di salvataggio d arto in arteria omologa crioconservata,

Dettagli

Associazione Donatrici Italiane Sangue Cordone Ombelicale. DONAZIONE SANGUE CORDONALE La Conservazione il Rilascio. Marina Buzzi

Associazione Donatrici Italiane Sangue Cordone Ombelicale. DONAZIONE SANGUE CORDONALE La Conservazione il Rilascio. Marina Buzzi Associazione Donatrici Italiane Sangue Cordone Ombelicale DONAZIONE SANGUE CORDONALE La Conservazione il Rilascio Marina Buzzi BO S.ORSOLA BO MAGGI BENTIVOGLIO PORRETTA IMOLA PARMA FIDENZA BORGOTARO

Dettagli

BANCA DEL SANGUE CORDONALE

BANCA DEL SANGUE CORDONALE La Banca del sangue cordonale è una struttura sanitaria pubblica autorizzata dal Ministero e dalle Regioni che raccoglie, valida,caratterizza, conserva e distribuisce le unità donate ai Centri di Trapianto,

Dettagli

Malattie ematologiche maligne

Malattie ematologiche maligne Malattie ematologiche maligne Sono tutte condizioni di crescita cellulare incontrollata di cellule emopoietiche. Malattie quindi di notevole gravità. CELLULA MIELOIDE CELLULA LINFOIDE Malattie mieloproliferative

Dettagli

I contributi all A.L.C. - ONLUS - possono essere detratti dalla dichiarazione dei redditi in base all art. 13 D.LGS. n. 460 del 4/12/97.

I contributi all A.L.C. - ONLUS - possono essere detratti dalla dichiarazione dei redditi in base all art. 13 D.LGS. n. 460 del 4/12/97. L Associazione Laura Coviello è nata nel 1996, indipendente e senza fini di lucro, con lo scopo di aiutare i malati leucemici con informazioni mirate e specifiche e sostenere il Centro Trapianti di Midollo

Dettagli

Carta dei Servizi. La guida che ti accompagna alla conoscenza dei servizi del Laboratorio InScientiaFides della Repubblica di San Marino

Carta dei Servizi. La guida che ti accompagna alla conoscenza dei servizi del Laboratorio InScientiaFides della Repubblica di San Marino Carta dei Servizi La guida che ti accompagna alla conoscenza dei servizi del Laboratorio InScientiaFides della Repubblica di San Marino Con la pubblicazione della Carta dei Servizi InScientiaFides si propone

Dettagli

La cellula staminale emopoietica: utilizzo nel trapianto autologo e allogenico e metodiche di raccolta in età adulta e pediatrica.

La cellula staminale emopoietica: utilizzo nel trapianto autologo e allogenico e metodiche di raccolta in età adulta e pediatrica. La cellula staminale emopoietica: utilizzo nel trapianto autologo e allogenico e metodiche di raccolta in età adulta e pediatrica Valter Tassi La cellula staminale La cellula staminale è una cellula IMMATURA

Dettagli

LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI

LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI LE NUOVE FRONTIERE DELLA MEDICINA LE CELLULE STAMINALI DEFINIZIONE DI CELLULA STAMINALE Le cellule staminali si caratterizzano per le loro capacità biologiche. Capacità di automantenimento: sono in grado

Dettagli

LE SINDROMI MIELODISPLASTICHE. Sono disordini acquisiti clonali delle cellule staminali emopoietiche

LE SINDROMI MIELODISPLASTICHE. Sono disordini acquisiti clonali delle cellule staminali emopoietiche LE SINDROMI MIELODISPLASTICHE Sono disordini acquisiti clonali delle cellule staminali emopoietiche EMOPOIESI INEFFICACE (midollo ipercellulare) ANEMIA e/o NEUTROPENIA e/o PIASTRINOPENIA EVOLUZIONE IN

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE MINISTERO DELLA SALUTE ORDINANZA 4 maggio 2007 Misure urgenti in materia di cellule staminali da cordone ombelicale. (GU n.110 del 14-5-2007) IL MINISTRO DELLA SALUTE Visto l'art. 32 della legge 23 dicembre

Dettagli

STAMINALI EMOPOIETICHE

STAMINALI EMOPOIETICHE IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI EMOPOIETICHE dott.ssa Anna Paola Iori Cellula staminale Tipi di trapianto Trapianto autologo Trapianto allogenico Le CSE vengono prelevate al Le CSE vengono prelevate

Dettagli

DIAGRAMMA DI FLUSSO ESPORTAZIONE S.C.O. PER USO AUTOLOGO (all.1)

DIAGRAMMA DI FLUSSO ESPORTAZIONE S.C.O. PER USO AUTOLOGO (all.1) DIAGRAMMA DI FLUSSO ESPORTAZIONE S.C.O. PER USO AUTOLOGO (all.1) I diretti interessati si recano presso la struttura all'uopo identificata: Direzione Sanitaria (DS) sede del parto per tutte le Aziende

Dettagli

LA DONAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE informazione e sensibilizzazione

LA DONAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE informazione e sensibilizzazione LA DONAZIONE DEL SANGUE DEL CORDONE OMBELICALE informazione e sensibilizzazione Dr.ssa Barbara Grecchi Direzione Formazione e HPH Azienda Ospedaliera della Provincia di Lodi 1 Che cos è il sangue del cordone

Dettagli

VISTO l Accordo 23 settembre 2004 tra il Ministro della Salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano sul documento recante:

VISTO l Accordo 23 settembre 2004 tra il Ministro della Salute, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano sul documento recante: Ministero del Lavoro, della Salute e delle Politiche Sociali DIPARTIMENTO DELLA PREVENZIONE E DELLA COMUNICAZIONE DIREZIONE GENERALE DELLA PREVENZIONE SANITARIA UFFICIO VIII - SETTORE SALUTE Ordinanza

Dettagli

Classe 2^D A.S. 2003/2004. Scuola Media Statale Vibo Marina

Classe 2^D A.S. 2003/2004. Scuola Media Statale Vibo Marina Classe 2^D A.S. 2003/2004 Scuola Media Statale Vibo Marina 1 Presentazione Introduzione La composizione del sangue Cos è il midollo osseo Alcune malattie del sangue: anemia mediterranea e leucemia. Il

Dettagli

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI

IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI IL TRAPIANTO DI CELLULE STAMINALI Maria Teresa Petrucci (Roma) La terapia (orale, endovenosa, sottocutanea) ha un ruolo fondamentalenellaterapia nella terapia delmielomamultiploche Multiplo è una malattia

Dettagli

DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE

DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE DONAZIONE SANGUE DA CORDONE OMBELICALE Sono passati molti anni da quando si sono sperimentati i primi trapianti. Oggi trasferire gli organi da un corpo che muore ad uno che può continuare a vivere, non

Dettagli

IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO.

IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO. IL DONO È ALTRUISMO. UN AIUTO PER LA RICERCA È SOLIDARIETÀ. INSIEME DANNO UNA SPERANZA AL MONDO. SABATO 21 E DOMENICA 22 NOVEMBRE Centro d Abruzzo Ipercoop San Giovanni Teatino www.centrodabruzzo.com Chi

Dettagli

Aggiornamento sulle immunoglobuline Disponibilità del Farmaco Maggio 2008. Introduzione

Aggiornamento sulle immunoglobuline Disponibilità del Farmaco Maggio 2008. Introduzione Aggiornamento sulle immunoglobuline Disponibilità del Farmaco Maggio 2008 Introduzione Ci sono due diversi modi di raccogliere il sangue, o attraverso il prelievo di sangue intero dal quale il plasma viene

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BARANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato BARANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4747 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato BARANI Disciplina dei centri pubblici e privati di raccolta, conservazione e distribuzione

Dettagli

- per uso dedicato al neonato o a consanguineo con patologia in atto al momento della raccolta;

- per uso dedicato al neonato o a consanguineo con patologia in atto al momento della raccolta; Cellule staminali da cordone ombelicale: misure urgenti Ministero Salute, ordinanza 04.05.2007, G.U. 14.05.2007 (Gesuele Bellini) Pubblicata nella Gazzetta Ufficiale del 14 maggio 2007, l ordinanza del

Dettagli

IBMDR ITALIAN BONE MARROW DONOR REGISTRY

IBMDR ITALIAN BONE MARROW DONOR REGISTRY IBMDR ITALIAN BONE MARROW DONOR REGISTRY REGISTRO ITALIANO DONATORI MIDOLLO OSSEO fondato nel 1989 PRESSO Ospedali Galliera di Genova 1 FINALITA procurare ai pazienti ematologici in attesa di trapianto,

Dettagli

CAPITOLO І I TUMORI INFANTILI. 1. La leucemia linfoblastica acuta

CAPITOLO І I TUMORI INFANTILI. 1. La leucemia linfoblastica acuta CAPITOLO І I TUMORI INFANTILI I tumori infantili sono molto diversi dai tumori degli adulti per tipo, per velocità di accrescimento e per prognosi. Nel bambino, in generale, il tumore più frequente è il

Dettagli

PREMESSA, RAZIONALE SCIENTIFICO

PREMESSA, RAZIONALE SCIENTIFICO 1 PREMESSA, RAZIONALE SCIENTIFICO Il termine cellule staminali emopoietiche si riferisce ad una popolazione cellulare in grado di dare origine agli elementi corpuscolati del sangue: globuli rossi, globuli

Dettagli

Cellule staminali. Emanuele Nasole

Cellule staminali. Emanuele Nasole Cellule staminali Emanuele Nasole Società Italiana di Medicina Subacquea e Iperbarica Docente Master di II Livello in Medicina Subacquea e Iperbarica - Univ-Palermo - Sede di Trapani Servizio di VUNOLOGIA

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XV LEGISLATURA N. 627 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori LIBÈ, MARCONI, POLI, MONACELLI, BUTTIGLIONE, MAFFIOLI, TREMATERRA, FORTE, ZANOLETTI, MANNINO, CUFFARO, PETERLINI,

Dettagli

MEDICINA RIGENERATIVA CELLULARE Il progresso delle cellule staminali

MEDICINA RIGENERATIVA CELLULARE Il progresso delle cellule staminali Uni-ATENeO "Ivana Torretta" - Anno Accademico 2010-2011 MEDICINA RIGENERATIVA CELLULARE Il progresso delle cellule staminali Caterina Bendotti Dip. Neuroscienze Nerviano, 10 Febbraio 2011 Da dove originano

Dettagli

C è bisogno di te: DONA IL SANGUE

C è bisogno di te: DONA IL SANGUE C è bisogno di te: DONA IL SANGUE IL NOSTRO SANGUE Il sangue, anche se liquido, è un tessuto; Esso circola all interno di arterie, vene e capillari; Rappresenta il 7% del nostro peso corporeo; È costituito

Dettagli

B.A.M.C.O MANTOVA 28 GENNAIO 2013. CELLULE STAMINALI E MALATTIE NEURODEGENERATIVE: stato dell arte e prospettive future. CHIARA FORONI, Ph.D.

B.A.M.C.O MANTOVA 28 GENNAIO 2013. CELLULE STAMINALI E MALATTIE NEURODEGENERATIVE: stato dell arte e prospettive future. CHIARA FORONI, Ph.D. B.A.M.C.O MANTOVA 28 GENNAIO 2013 CELLULE STAMINALI E MALATTIE NEURODEGENERATIVE: stato dell arte e prospettive future CHIARA FORONI, Ph.D. Sì, ma io sono così confusa Sai, quando ero una piccola cellula

Dettagli

IL SANGUE È UN BENE CHE NON SI PUÒ COMPRARE.

IL SANGUE È UN BENE CHE NON SI PUÒ COMPRARE. IL SANGUE È UN BENE CHE NON SI PUÒ COMPRARE. SI PUÒ SOLO DONARE! DIVENTA UN DONATORE ED OGNI TUA STILLA DIVENTERÀ UN PALPITO PER IL CUORE DI UN ALTRO! Misericordia di Pietrasanta Gruppo Fratres Per info

Dettagli

Processazione e crioconservazione delle cellule staminali da cordone ombelicale: esperienza del Servizio di Immunoematologia e Trasfusione di Mantova

Processazione e crioconservazione delle cellule staminali da cordone ombelicale: esperienza del Servizio di Immunoematologia e Trasfusione di Mantova Processazione e crioconservazione delle cellule staminali da cordone ombelicale: esperienza del Servizio di Immunoematologia e Trasfusione di Mantova PP. Pagliaro, C. Glingani, S. Saia, B. Presciuttini

Dettagli

AUTOLOGHE, ALLOGENICHE, SINGENICHE.

AUTOLOGHE, ALLOGENICHE, SINGENICHE. CELLULE STAMINALI Il termine trapianto di midollo osseo è oggi sostituito da trapianto di cellule staminali. Queste possono essere AUTOLOGHE, ALLOGENICHE, SINGENICHE. Il trapianto di celule staminali è

Dettagli

I TRAPIANTI. - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta

I TRAPIANTI. - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta I TRAPIANTI - Questi appunti sono destinati a fare chiarezza su un argomento i trapianti che si presta facilmente ad amplificazione e distorsione da parte dei mass-media. - Per trapianto si intende la

Dettagli

1 di 5 20/01/15 12:01

1 di 5 20/01/15 12:01 N u m e rr o A :49643 tt tt i i A g g i i o rr n a tt : o 19 a gennaio l l 2015 HOME SERVIZI NEWS NEWSLETTER DIRETTIVE UE NUOVA RICERCA Dettaglio atto STAMPA ATTO SUDDIVISO 0 MINISTERO DEL LAVORO, DELLA

Dettagli

Istruzione Operativa: Esportazione di sangue da cordone ombelicale per uso autologo presso Banche estere

Istruzione Operativa: Esportazione di sangue da cordone ombelicale per uso autologo presso Banche estere Istruzione Operativa: Esportazione di sangue da cordone ombelicale per uso autologo presso Banche estere Pr eparazion e Referente GdL C. Contessa Verifica Verifica sostenibilità organizzativa UOC Qualità

Dettagli

Ventesimo anniversario del Registro Italiano Donatori di CSE

Ventesimo anniversario del Registro Italiano Donatori di CSE Ventesimo anniversario del Registro Italiano Donatori di CSE Il 2009 rappresenta un anno di grande importanza per il Registro Italiano Donatori di Midollo Osseo (IBMDR): si festeggia, infatti, il ventesimo

Dettagli

astenia (causata dall anemia), aumentata suscettibilità alle infezioni (causata dalla leucopenia), emorragie (causate dalla piastinopenia).

astenia (causata dall anemia), aumentata suscettibilità alle infezioni (causata dalla leucopenia), emorragie (causate dalla piastinopenia). MIELODISPLASIE Le sindromi mielodisplastiche (SMD) sono un gruppo eterogeneo di malattie, prevalenti nell adulto-anziano, caratterizzate da una difettosa produzione, da parte del midollo osseo, di globuli

Dettagli

GUIDA ALLA DONAZIONE DEL SANGUE CORDONALE

GUIDA ALLA DONAZIONE DEL SANGUE CORDONALE GUIDA ALLA DONAZIONE DEL SANGUE CORDONALE Nel momento più bello e meraviglioso della vita, la nascita di un figlio, ogni mamma può scegliere di essere mamma 2 volte : offrendo una speranza di guarigione

Dettagli

FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA

FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA FEDERCHIMICA CONFINDUSTRIA ASSOBIOTEC Associazione Nazionale per lo sviluppo delle biotecnologie Audizione informale Commissione Igiene e Sanità del Senato Senato della Repubblica 13 febbraio 2014 1. L

Dettagli

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue

Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Informazioni per i nuovi donatori di cellule staminali del sangue Per semplicità redazionale nel testo seguente si utilizza la sola forma al maschile. Naturalmente tutte le denominazioni vanno intese anche

Dettagli

Contratto. Nr. ... Nome ... Cognome ...

Contratto. Nr. ... Nome ... Cognome ... Contratto Nr. Nome Cognome Contratto per i Servizi di Trasferimento, Trattamento, Crioconservazione e Stoccaggio dell Unità di Sangue Cordonale e/o Placentare e/o di Tessuto Cordonale CORD BLOOD CENTER

Dettagli

Il donatore di emocomponenti e di cellule staminali emopoietiche: attualità e prospettive

Il donatore di emocomponenti e di cellule staminali emopoietiche: attualità e prospettive Il donatore di emocomponenti e di cellule staminali emopoietiche: attualità e prospettive Donazione di cellule staminali emopoietiche, aspetti normativi Dr.ssa Letizia Lombardini San Donato Milanese, 23

Dettagli