Prospettive di adeguamento a SEPA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prospettive di adeguamento a SEPA"

Transcript

1 1 Prospettive di adeguamento a SEPA Risultati Preliminari dell Indagine CeTIF Competence Centre SEPA 2007 Massimo Mamino CeTIF WORKSHOP Innovazione nel Sistema dei Pagamenti Milano, 18 aprile Caratteristiche del Progetto di Ricerca su SEPA

2 Obiettivi del progetto di ricerca SEPA innovazione nel business ed evoluzione dei processi organizzativi e dei sistemi 3 Studiare gli effetti del processo di creazione di un Area Unica dei Pagamenti in Euro sulle banche italiane, nei suoi riflessi di business, organizzativi e tecnologici, evidenziandone gli elementi di criticità e le opportunità. Aree di approfondimento: SEPA come elemento abilitante lo sviluppo di nuovi modelli di business e nuove configurazioni di prodotto e servizio; effetti di SEPA sulla creazione di nuove configurazioni di processo e strutture organizzative; effetti di SEPA sullo sviluppo e riqualificazione di competenze nei sistemi di pagamento; impatto di SEPA sulle infrastrutture tecnologiche e sui sistemi applicativi dei pagamenti. Percorso di ricerca 4 INPUT INPUT Indagine Indagine Banche partecipanti (fase preliminare) Banche partecipanti (fase preliminare) altre Banche (seconda fase) altre Banche (seconda fase) Discussione e confronto Discussione e confronto Casi di studio e best practice Casi di studio e best practice OUTPUT Definizione Definizione del del contesto contesto (scenario (scenario evolutivo) evolutivo) Identificazione Identificazione dei dei modelli modelli di di riferimento riferimento (idealtipi e modelli di transizione) (idealtipi e modelli di transizione) Dimensioni di analisi: 1. Business 2. Organizzazione 3. Infrastruttura e Sistemi Applicativi OUTPUT Linee Linee Guida Guida per per la la gestione gestione della della trasformazione trasformazione

3 Attori coinvolti 5 Coordinamento CeTIF Sviluppo Contributo Banche Contributo Banche Definizione Definizione del del contesto contesto (scenario (scenario evolutivo) evolutivo) Validazione CeTIF Identificazione Identificazione dei dei modelli modelli di di riferimento riferimento (idealtipi e modelli di transizione) (idealtipi e modelli di transizione) Linee Linee Guida Guida per per la la gestione gestione della della trasformazione trasformazione Contributo Contributo Aziende Aziende (ICT) (ICT) Conoscenza CeTIF Sviluppo CSC DATAMAT IBM SAP SIA 6 Caratteristiche dell indagine Panel dei rispondenti: Banche partecipanti al Competence Centre (fase preliminare conclusa); Banche aderenti (e non) a CeTIF (seconda fase lanciata). Questionario: Tutte Tutte le le banche banche partecipanti partecipanti all indagine all indagine (anche (anche se se non non al al progetto progetto di di ricerca) ricerca) riceveranno riceveranno i i risultati risultati dell indagine dell indagine in in forma forma completa. completa. Il Il questionario questionario può può essere essere richiesto richiesto a a orientato a descrivere lo stato dell arte dei progetti di adeguamento a SEPA (nelle aree bonifici e incassi commerciali); focalizzato sui key issue delle Banche in relazione al tema della transizione a SEPA; allineato alle dimensioni della ricerca (business e strategia, organizzazione e processi, sistemi informativi); bilanciato in termini di rapporto tra completezza delle informazioni e sforzo richiesto per la compilazione; limitata richiesta di dati aventi carattere di confidenzialità per le Banche (approccio non disclosure ).

4 Struttura del questionario 7 - Profilazione dei rispondenti - Sezione I Caratteristiche strutturali della Banca (in relazione al contesto dell indagine) e dell area dei pagamenti - Stato dell arte dei progetti di trasformazione / adeguamento a SEPA - (focus su bonifici e incassi commerciali) Sezione II Impatto organizzativo Sezione III Impatto sui sistemi informativi Sezione IV Impatto commerciale Processo di elaborazione dei dati (1/2) 8 IDEALTIPI IDEALTIPI Input: Indagine, Casi di Studio Validazione Gruppo di Lavoro Input: Indagine, Casi di Studio Caratteristiche strutturali della Banca Livello di strategicità dei pagamenti Incidenza dei pagamenti su Margine Intermediazione Incidenza dei pagamenti su Costi Operativi Impatto atteso su clientela Incidenza Estero (intra e extra SEPA) Articolazione organizzativa.. Incassi Commerciali MODELLI MODELLI DI DI TRANSIZIONE TRANSIZIONE Bonifici MODELLI MODELLI DI DI TRANSIZIONE TRANSIZIONE Validazione Gruppo di Lavoro Bonifici Acquisizione volumi Recuperi di efficienza (interni / esterni) Sviluppo prodotti / servizi Trasformazione / esternalizzazione processi Sviluppo nuovi processi Diversa articolazione organizzativa Impatto su risorse e competenze Modalità di trasformazione Sistemi..

5 Processo di elaborazione dei dati (2/2) 9 RICERCA CORRELAZION RICERCA CORRELAZION INPUT IDEALTIPI IDEALTIPI MODELLI DI TRANSIZIONE MODELLI DI TRANSIZIONE Modello X Modello X Incassi Commerciali MODELLI MODELLI DI DI TRANSIZIONE TRANSIZIONE Bonifici MODELLI MODELLI DI DI RIFERIMENTO RIFERIMENTO Tipo A Tipo A Tipo B Tipo B Modello Y Modello Y Modello Z Modello Z Validazione Gruppo di Lavoro.... Ricerca delle correlazioni 10 La ricerca delle correlazioni tra IDEALTIPI e MODELLI DI TRANSIZIONE per l identificazione dei MODELLI DI RIFERIMENTO per i quali tracciare le linee guida, si sviluppa secondo il seguente schema: IDEALTIPO IDEALTIPO (Prima Fase Ricerca) Descrive Il tipo di trasformazione Variabili 1 Livello MODELLO DI RIFERIMENTO MODELLO DI RIFERIMENTO (Seconda Fase Ricerca) Descrive la modalià di trasformazione Variabili 2 Livello Modalità Modalità di di Trasformazione Trasformazione (Organizzazione) (Organizzazione) (Seconda Fase Ricerca) Descrive la modalità di trasformazione Variabili 3 Livello Modalità Modalità di di Trasformazione Trasformazione (Sistemi (Sistemi Applicativi) Applicativi)

6 11 Risultati Preliminari dell Indagine 12 Caratteristiche del campione (strutturali) Tipologia di Banca Tipologia di Banca Gruppo Gruppo Sinergico Sinergico 33% 33% Banca Singola Banca Singola 42% 42% Gruppo Gruppo Bancario Bancario 25% 25%

7 13 Caratteristiche del campione (strutturali) Tipologia di Clientela Tipologia di Clientela Prevalenza Prevalenza Corporate Corporate 9% 9% Bilanciato Bilanciato 36% 36% Prevalenza Prevalenza Retail Retail 55% 55% 14 Caratteristiche del campione (strutturali) Strategicità dei Pagamenti Strategicità dei Pagamenti 8% 8% 42% 42%

8 15 Caratteristiche del campione (organizzative) Articolazione Organizzativa Articolazione Organizzativa (Area Bonifici) (Area Bonifici) F-O (canali) F-O (canali) B-O Interno B-O Interno B-O Filiale B-O Filiale Service Service B-O c/o Gruppo B-O c/o Gruppo B-O Esterno B-O Esterno 0% 0% 20% 20% 60% 60% 80% 80% 100% 100% 16 Caratteristiche del campione (organizzative) Articolazione Organizzativa Articolazione Organizzativa (Area Incassi) (Area Incassi) F-O (canali) F-O (canali) B-O Interno B-O Interno Service Service B-O Filiale B-O Filiale Altro Altro B-O c/o Gruppo B-O c/o Gruppo 0% 0% 20% 20% 60% 60% 80% 80% 100% 100%

9 17 Visione di business a breve Impatto a Breve sul Margine Operativo Impatto a Breve sul Margine Operativo Nessun impatto Nessun impatto 17% 17% Negativo Negativo 83% 83% 18 Visione di business a breve Impatto a Breve sul Margine Operativo Impatto a Breve sul Margine Operativo (Bonifici) (Bonifici) Elevato Elevato 30% 30% Limitato Limitato Medio Medio 30% 30%

10 19 Strategie di trasformazione Bilanciamento Impatto su Margine Operativo Bilanciamento Impatto su Margine Operativo (Bonifici) (Bonifici) Efficientamento Processi Int. Efficientamento Processi Int. Svil. AOS Svil. AOS Acquisiz. da mercato Acquisiz. da mercato Acquisiz. da banche Acquisiz. da banche Esternalizz. Processi Esternalizz. Processi Travaso da incassi Travaso da incassi 0% 10% 20% 30% 60% 70% 0% 10% 20% 30% 60% 70% 20 Impatto organizzativo Impatto Progetti di Trasformazione Impatto Progetti di Trasformazione (Bonifici) (Bonifici) Diversa Diversa articolazione articolazione Trasformazione Trasformazione Nessuno Nessuno Outsourcing Outsourcing 0% 10% 20% 30% 60% 0% 10% 20% 30% 60%

11 21 Risultati preliminari della survey Caratteristiche del campione (trasformazione organizzativa) Intensità della Trasformazione Intensità della Trasformazione (Bonifici) (Bonifici) 25% 25% 25% 25% 22 Risultati preliminari della survey Caratteristiche del campione (trasformazione organizzativa) Intensità della Trasformazione Intensità della Trasformazione (Organizzazione HR Area Bonifici) (Organizzazione HR Area Bonifici) 20% 20%

12 23 Risultati preliminari della survey Caratteristiche del campione (trasformazione organizzativa) Intensità dell'impatto Intensità dell'impatto (Competenze Area Bonifici) (Competenze Area Bonifici) 9% 9% 41% 41% 24 Visione di business a breve Impatto a Breve sul Margine Operativo Impatto a Breve sul Margine Operativo (Incassi Commerciali) (Incassi Commerciali) Elevato Elevato Limitato Limitato Medio Medio 10% 10%

13 25 Strategie di trasformazione Bilanciamento Impatto su Margine Operativo Bilanciamento Impatto su Margine Operativo (Incassi Commerciali) (Incassi Commerciali) Convergenza prodotti Convergenza prodotti Svil. VAS Svil. VAS Svil. AOS Svil. AOS Acquisiz. da mercato Acquisiz. da mercato Eff. Processi int. Eff. Processi int. Estern. Processi Estern. Processi Travaso da bonifici Travaso da bonifici 0% 10% 20% 30% 60% 70% 0% 10% 20% 30% 60% 70% 26 Impatto organizzativo Impatto Progetti di Trasformazione Impatto Progetti di Trasformazione (Incassi) (Incassi) Trasformazione Trasformazione Disegno Disegno Diversa Diversa articolazione articolazione Nessuno Nessuno Outsourcing Outsourcing 0% 0% 10% 10% 20% 20% 30% 30% 60% 60% 70% 70%

14 27 Risultati preliminari della survey Caratteristiche del campione (trasformazione organizzativa) Intensità della Trasformazione Intensità della Trasformazione (Incassi Commerciali) (Incassi Commerciali) 17% 17% 33% 33% 28 Risultati preliminari della survey Caratteristiche del campione (trasformazione organizzativa) Intensità della Trasformazione Intensità della Trasformazione (Organizzazione HR Area Incassi Commerciali) (Organizzazione HR Area Incassi Commerciali) 30% 30% 20% 20%

15 29 Risultati preliminari della survey Caratteristiche del campione (trasformazione organizzativa) Intensità dell'impatto Intensità dell'impatto (Competenze Area Incassi Commerciali) (Competenze Area Incassi Commerciali) 42% 42% 33% 33% 25% 25% 30 Risultati preliminari della survey Caratteristiche del campione (scenario di business) Impatto a Breve sulla Clientela Retail Impatto a Breve sulla Clientela Retail Elevato Elevato 13% 13% Medio Medio 38% 38% Limitato Limitato 49% 49%

16 31 Risultati preliminari della survey Caratteristiche del campione (scenario di business) Principali Criticità nella Gestione della Clientela Principali Criticità nella Gestione della Clientela (Clientela Retail) (Clientela Retail) Comunicazione clientela Comunicazione clientela Modulistica e contratti Modulistica e contratti Gestione normativa Gestione normativa Concorrenza banche estere Concorrenza banche estere Commissioni Commissioni Concorrenza banche locali Concorrenza banche locali Complessità processi Complessità processi Gestione valuta Gestione valuta Tempi esecuzione Tempi esecuzione 1,00 1,50 2,00 2,50 3,00 3,50 4,00 4,50 5,00 1,00 1,50 2,00 2,50 3,00 3,50 4,00 4,50 5,00 32 Risultati preliminari della survey Caratteristiche del campione (scenario di business) Impatto a Breve sulla Clientela Corporate Impatto a Breve sulla Clientela Corporate Medio Medio Elevato Elevato 60% 60%

17 33 Risultati preliminari della survey Caratteristiche del campione (scenario di business) Principali Criticità nella Gestione della Clientela (Clientela Corporate) Mancanza prodotti "core" Comunicazione clientela Necessità sviluppo AOS / VAS Commissioni Modulistica e contratti Gestione normativa Accentramento incassi e pagamenti Concorrenza banche estere Semplificazione contratti Gestione valuta Semplificazione condizioni Complessità processi Concorrenza banche locali Tempi esecuzione 1,00 1,50 2,00 2,50 3,00 3,50 4,00 4,50 5,00 34 Visione di business a lungo Impatto a Lungo sulle Strategie Impatto a Lungo sulle Strategie Nessun impatto Nessun impatto 42% 42% Ridefinizione Ridefinizione 58% 58%

18 35 Progetti in corso Progetti di Trasformazione in Corso Progetti di Trasformazione in Corso (al momento della rilevazione) (al momento della rilevazione) Incassi Incassi Bonifici Bonifici 0% 10% 20% 30% 60% 70% 80% 0% 10% 20% 30% 60% 70% 80% 36 Modelli di Riferimento

19 37 Modelli di Riferimento Bonifici Dati preliminari (1/3) A questo stadio di elaborazione, sono stati identificate e sono in attesa di validazione A questo stadio di elaborazione, sono stati identificate e sono in attesa di validazione da parte del Gruppo di Lavoro, le tipologie di transizione; le modalità di transizione da parte del Gruppo di Lavoro, le tipologie di transizione; le modalità di transizione organizzativa (variabili di secondo livello) e di sistema informativo (variabili di terzo organizzativa (variabili di secondo livello) e di sistema informativo (variabili di terzo livello) verranno identificate nella seconda fase della ricerca. livello) verranno identificate nella seconda fase della ricerca. Idealtipo Variabili significative (1 Livello) Modello di Transizione.. Legenda: Le variabili non assumono valori assoluti ma relativi al contesto (campione di indagine); il valore limitato si riferisce ad uno score (scala da 1 a 5 nel questionario di indagine) inferiore o uguale alla del Campione, elevato si riferisce ad un valore superiore. Mantenimento staus quo Gli adeguamenti minimi richiesti In un ottica di compliance. Trasformazione debole trasformazione organizzativa oppure di approccio al mercato (business) Trasformazione forte Significativa trasformazione sui piani sia organizzativo che di approccio al mercato (business); può prevedere l esternalizzazione di processi o componenti di processo. 38 Modelli di Riferimento Bonifici Dati preliminari (2/3) Idealtipo Variabili significative (1 Livello) Modello di Transizione Si intende banca appartenente a:..

20 39 Modelli di Riferimento Bonifici Dati preliminari (3/3) Idealtipo Variabili significative (1 Livello) Modello di Transizione Si intende banca appartenente a:.. 40 Modelli di Riferimento Incassi Dati preliminari (1/3) Idealtipo Variabili significative (1 Livello) Modello di Transizione..

21 41 Modelli di Riferimento Incassi Dati preliminari (2/3) Idealtipo Variabili significative (1 Livello) Modello di Transizione Si intende banca appartenente a:.. 42 Modelli di Riferimento Incassi Dati preliminari (3/3) Idealtipo Variabili significative (1 Livello) Modello di Transizione Si intende banca appartenente a:..

PAYMENT RESEARCH PROGRAM

PAYMENT RESEARCH PROGRAM PAYMENT RESEARCH PROGRAM 2009-2012 La valutazione economica e strategica del business dei pagamenti Incontro del 22 giugno 2010 in collaborazione con 1 Agenda 1 Introduzione al Research Program 2 Open

Dettagli

Il sistema di reporting per gli organi di vertice delle compagnie assicurative: gli effetti di Solvency 2 e Regolamento 20 sulla governance

Il sistema di reporting per gli organi di vertice delle compagnie assicurative: gli effetti di Solvency 2 e Regolamento 20 sulla governance ATTIVITA DI RICERCA 2015 Il sistema di reporting per gli organi di vertice delle compagnie assicurative: gli effetti di Solvency 2 e Regolamento 20 sulla governance PROPOSTA DI ADESIONE 1 TEMI E OBIETTIVI

Dettagli

Il governo del Rischio informatico alla luce delle Nuove Disposizioni di Vigilanza Prudenziale

Il governo del Rischio informatico alla luce delle Nuove Disposizioni di Vigilanza Prudenziale ATTIVITA DI RICERCA 2014 Il governo del Rischio informatico alla luce delle Nuove Disposizioni di Vigilanza Prudenziale Metodologie, processi e strumenti PROPOSTA DI PARTECIPAZIONE 1 TEMI E MOTIVAZIONI

Dettagli

Business Continuity: criticità e best practice

Business Continuity: criticità e best practice Business Continuity: criticità e best practice Workshop CeTIF: la gestione dell operatività bancaria Milano, 13 aprile 2005 Chiara Frigerio, CeTIF - Università Cattolica di Milano www.cetif.it 1 Dipartimento

Dettagli

Osservatorio Strategia, organizzazione e tecnologia nell evoluzione dello sportello bancario Milano, 15 novembre 2004

Osservatorio Strategia, organizzazione e tecnologia nell evoluzione dello sportello bancario Milano, 15 novembre 2004 Osservatorio Strategia, organizzazione e tecnologia nell evoluzione dello sportello bancario Milano, 15 novembre 2004 www.cetif.it Obiettivi dell Osservatorio L Osservatorio intende focalizzare l attenzione

Dettagli

Data Governance: linee guide operative e tecniche per il governo della qualità dei dati

Data Governance: linee guide operative e tecniche per il governo della qualità dei dati ATTIVITA DI RICERCA 2015 Data Governance: linee guide operative e tecniche per il governo della qualità dei dati PROPOSTA DI ADESIONE 1 TEMI E MOTIVAZIONI I temi introdotti dalla Circolare 263 in tema

Dettagli

I BENEFICI ECONOMICI DELL INTERNET SEARCH PER L ACQUISIZIONE DI NUOVI CLIENTI RETAIL

I BENEFICI ECONOMICI DELL INTERNET SEARCH PER L ACQUISIZIONE DI NUOVI CLIENTI RETAIL O S S E R V A T O R I 2 0 0 8 I BENEFICI ECONOMICI DELL INTERNET SEARCH PER L ACQUISIZIONE DI NUOVI CLIENTI RETAIL INCONTRO DI KICK-OFF E PRIMO TAVOLO DI RICERCA INTRODUZIONE AI LAVORI Massimo Mamino,

Dettagli

Banca Retail 3.0: l evoluzione dei canali e il ruolo dei big data a supporto dello sportello

Banca Retail 3.0: l evoluzione dei canali e il ruolo dei big data a supporto dello sportello ATTIVITA DI RICERCA 2015 Banca Retail 3.0: l evoluzione dei canali e il ruolo dei big data a supporto dello sportello PROPOSTA DI ADESIONE 1 TEMI E MOTIVAZIONI CeTIF da diversi anni presidia il tema dell

Dettagli

ATTIVITA DI RICERCA 2016 Il valore dell informazione economica e anagrafica al servizio del portafoglio Rami Elementari Programma delle attività

ATTIVITA DI RICERCA 2016 Il valore dell informazione economica e anagrafica al servizio del portafoglio Rami Elementari Programma delle attività ATTIVITA DI RICERCA 2016 Il valore dell informazione economica e anagrafica al servizio del portafoglio Rami Elementari Programma delle attività 1 Strategia, innovazione e finanza. Questi i tre elementi

Dettagli

PROPOSTA DI ADESIONE ATTIVITA DI RICERCA Nuovi paradigmi della formazione per il settore finanziario Fase 2:

PROPOSTA DI ADESIONE ATTIVITA DI RICERCA Nuovi paradigmi della formazione per il settore finanziario Fase 2: ATTIVITA DI RICERCA 2014 Nuovi paradigmi della formazione per il settore finanziario Fase 2: il contributo operativo del Social Learning al processo formativo PROPOSTA DI ADESIONE 1 TEMI E MOTIVAZIONI

Dettagli

L evoluzione dello Sportello bancario: modelli distributivi, innovazione tecnologica e supporto multicanale

L evoluzione dello Sportello bancario: modelli distributivi, innovazione tecnologica e supporto multicanale ATTIVITA DI RICERCA 2014 L evoluzione dello Sportello bancario: modelli distributivi, innovazione tecnologica e supporto multicanale PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI Negli

Dettagli

ATTIVITA DI RICERCA 2015 Frodi bancarie e sicurezza: logiche di prevenzione, monitoraggio e gestione alla luce delle nuove normative

ATTIVITA DI RICERCA 2015 Frodi bancarie e sicurezza: logiche di prevenzione, monitoraggio e gestione alla luce delle nuove normative ATTIVITA DI RICERCA 2015 Frodi bancarie e sicurezza: logiche di prevenzione, monitoraggio e gestione alla luce delle nuove normative PROPOSTA DI ADESIONE 1 TEMI E MOTIVAZIONI Le tecnologie giocano ormai

Dettagli

I BENEFICI ECONOMICI DELL INTERNET SEARCH PER L ACQUISIZIONE DI NUOVI CLIENTI RETAIL

I BENEFICI ECONOMICI DELL INTERNET SEARCH PER L ACQUISIZIONE DI NUOVI CLIENTI RETAIL I BENEFICI ECONOMICI DELL INTERNET SEARCH PER L ACQUISIZIONE DI NUOVI CLIENTI RETAIL Un confronto internazionale sulle strategie di vendita multicanale Milano, CeTIF 25.11.2008 La filiale mantiene la centralità

Dettagli

Incontro con le OO.SS. Milano, 13 maggio 2014

Incontro con le OO.SS. Milano, 13 maggio 2014 Incontro con le OO.SS. Milano, 3 maggio 204 Indice del documento Richiamo principali iniziative Piano d Impresa Nuovo modello di copertura territoriale Retail e Imprese La nostra formula per il successo

Dettagli

LA RETE DISTRIBUTIVA DELLE BANCHE NELLA RILEVAZIONE CIPA-ABI

LA RETE DISTRIBUTIVA DELLE BANCHE NELLA RILEVAZIONE CIPA-ABI LA RETE DISTRIBUTIVA DELLE BANCHE NELLA RILEVAZIONE -ABI Beatrice Bernardini Banca d Italia - Segreteria Milano, 15 novembre 2004 Convenzione Interbancaria per i Problemi dell Automazione FINALITA VALUTAZIONE

Dettagli

Il posizionamento europeo dei servizi per le tesorerie d impresa alla luce della SEPA Luca Vanini

Il posizionamento europeo dei servizi per le tesorerie d impresa alla luce della SEPA Luca Vanini Il posizionamento europeo dei servizi per le tesorerie d impresa alla luce della SEPA Luca Vanini Head of Group Payments & Cash Management Development Global Transaction Banking UniCredit luca.vanini@unicreditgroup.eu

Dettagli

La pianificazione degli interventi ICT e il governo degli investimenti e costi ICT nel Gruppo MPS

La pianificazione degli interventi ICT e il governo degli investimenti e costi ICT nel Gruppo MPS IT Governance: tra strategie e tecnologie CETIF La pianificazione degli interventi ICT e il governo degli investimenti e costi ICT nel Gruppo MPS Giovanni Becattini Servizio Tecnologie Banca Monte dei

Dettagli

Verso l'unione bancaria: gli effetti sul sistema italiano

Verso l'unione bancaria: gli effetti sul sistema italiano ATTIVITA DI RICERCA 2014 Verso l'unione bancaria: gli effetti sul sistema italiano PROPOSTA DI ADESIONE 1 TEMI E MOTIVAZIONI Dopo l attuazione della riforma che ha istituito il Sistema Europeo di Vigilanza

Dettagli

Il Cambiamento e l Innovazione nella Professione: il Controllo Direzionale

Il Cambiamento e l Innovazione nella Professione: il Controllo Direzionale Il Cambiamento e l Innovazione nella Professione: il Controllo Direzionale I sistemi di controllo nelle aziende bergamasche: risultati di una ricerca empirica Prof. Cristiana CATTANEO Bergamo, 21 settembre

Dettagli

Dall Asset Management e dall Asset Allocation alla Consulenza Globale: evoluzione dell approccio e dei sistemi per la Clientela Private

Dall Asset Management e dall Asset Allocation alla Consulenza Globale: evoluzione dell approccio e dei sistemi per la Clientela Private Dall Asset Management e dall Asset Allocation alla Consulenza Globale: evoluzione dell approccio e dei sistemi per la Clientela Private Giovanni Fermi Responsabile Direzione Organizzazione e Sistemi Banca

Dettagli

La Gestione dei Sinistri per i Rami Elementari:

La Gestione dei Sinistri per i Rami Elementari: ATTIVITA DI RICERCA 2016 La Gestione dei Sinistri per i Rami Elementari: Innovazioni Tecnologiche, di Processo e Gestione delle Frodi PROPOSTA DI ADESIONE 1 TEMI E MOTIVAZIONI Le compagnie assicurative

Dettagli

CONVEGNO DI MILANO 31 M A M R A ZO Z O 2 017

CONVEGNO DI MILANO 31 M A M R A ZO Z O 2 017 CONVEGNO DI MILANO 31 MARZO 2017 AREE PROGETTUALI: LA SQUADRA Outsourcing/Migrazione servizi Carlo Lattanzio Direttore Generale -SBA Cristian Springhetti Responsabile Sviluppo Organizzativo -CCB IL RUOLO

Dettagli

Stefano Patarnello Strategic Outsourcing Business Line Executive, IBM Italia

Stefano Patarnello Strategic Outsourcing Business Line Executive, IBM Italia Strategie di Sourcing e gestione del cambiamento: l evoluzione degli strumenti per l Outsourcing dell IT Stefano Patarnello Strategic Outsourcing Business Line Executive, IBM Italia La trasformazione dell

Dettagli

Competence Centre SEPA

Competence Centre SEPA Competence Centre SEPA Sintesi Rapporto di Ricerca 2007 Pagina 1 di 42 AUTORI Hanno preso parte al Gruppo di Coordinamento Scientifico di CeTIF Università Cattolica che ha curato i lavori del Competence

Dettagli

INSURANCE SERVICE LAB

INSURANCE SERVICE LAB Innovare il prodotto assicurativo: redditività, customer experience e product governance INSURANCE SERVICE LAB Extending the Italian Payment Enviroment - Programma di Ricerca 2014 1 CeTIF Centro di Ricerca

Dettagli

LA FUNZIONE COMPLIANCE DI UNICREDIT

LA FUNZIONE COMPLIANCE DI UNICREDIT LA FUNZIONE COMPLIANCE DI UNICREDIT Evoluzione e nuove sfide Graziella Capellini, Head of Italy Roma, 11 Novembre 2010 La in UniCredit è A il frutto di una evoluzione B che continua nel tempo C Business

Dettagli

Riassetto di Area Organizzazione. Presentazione alle OO.SS. Siena, 28 novembre 2014

Riassetto di Area Organizzazione. Presentazione alle OO.SS. Siena, 28 novembre 2014 Riassetto di Area Organizzazione Presentazione alle OO.SS Siena, 28 novembre 2014 Agenda Struttura as is Struttura to be: modello e assetto previsto Sintesi modifiche Focus su AO Academy 2 Struttura as

Dettagli

Obiettivo della ricerca e oggetto di analisi

Obiettivo della ricerca e oggetto di analisi Analisi dei comportamenti imprenditoriali ed organizzativi delle imprese del comparto del materiale rotabile nella realtà produttiva pistoiese e definizione di di politiche di di intervento a sostegno

Dettagli

Agile Service Creation Modelli organizzativi e metodologie nello sviluppo di prodotti e servizi innovativi

Agile Service Creation Modelli organizzativi e metodologie nello sviluppo di prodotti e servizi innovativi ATTIVITA DI RICERCA 2015 Agile Service Creation Modelli organizzativi e metodologie nello sviluppo di prodotti e servizi innovativi PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI Nel pianificare

Dettagli

Privacy e attività bancaria: evoluzione normativa, sicurezza e innovazione

Privacy e attività bancaria: evoluzione normativa, sicurezza e innovazione www.abiformazione.it Privacy e attività bancaria: evoluzione normativa, sicurezza e innovazione Normativa / Privacy Il nuovo Regolamento Europeo sulla privacy detta nuove regole direttamente applicabili

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI BRESCIA Laboratorio RISE INDUSTRIA 4.0 Lo stato dell arte della manifattura italiana Andrea Bacchetti andrea.bacchetti@unibs.it L INDUSTRIA ITALIANA PRODUTTIVITÀ * ANZIANITÀ DEI

Dettagli

CeTIF Compliance Insight Competence Centre 2010

CeTIF Compliance Insight Competence Centre 2010 CeTIF Compliance Insight Competence Centre 00 Gli obblighi di trasparenza nelle attività bancarie, finanziarie e assicurative Kick off e introduzione ai lavori Milano, 7 marzo 00 Agenda della giornata

Dettagli

L organizzazione della banca. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014

L organizzazione della banca. Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 L organizzazione della banca Corso di Economia delle Aziende di Credito Prof. Umberto Filotto a.a. 2013/2014 Premessa L organizzazione dell attività bancaria (attività di impresa svolta in un contesto

Dettagli

Digital CRM: analytics e customer dynamics per lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi PROPOSTA DI ADESIONE ATTIVITA DI RICERCA 2015

Digital CRM: analytics e customer dynamics per lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi PROPOSTA DI ADESIONE ATTIVITA DI RICERCA 2015 ATTIVITA DI RICERCA 2015 Digital CRM: analytics e customer dynamics per lo sviluppo di prodotti e servizi innovativi PROPOSTA DI ADESIONE In collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI Nel corso degli ultimi

Dettagli

ATTIVITA DI CONFORMITA Relazione di Consuntivo Anno 2012

ATTIVITA DI CONFORMITA Relazione di Consuntivo Anno 2012 ATTIVITA DI CONFORMITA Relazione di Consuntivo Anno 2012 Indice I. Premessa... 3 II. Obiettivi... 3 III. Perimetro normativo di riferimento... 3 IV. Attività svolta... 4 4.1 Consulenza... 4 4.2 Controlli...

Dettagli

Strategia ICT e priorità di investimento per il settore bancario

Strategia ICT e priorità di investimento per il settore bancario Strategia ICT e priorità di investimento per il settore bancario Romano Stasi, Segretario Generale, ABI Lab Milano, 26 settembre 2013 Banche e crescita Ricavi e Costi Bancari, Andamenti di medio termine

Dettagli

Il personale IT nelle banche: alcuni dati tratti dalla Rilevazione CIPA

Il personale IT nelle banche: alcuni dati tratti dalla Rilevazione CIPA Il personale IT nelle banche: alcuni dati tratti dalla Rilevazione CIPA Isabella Vicari, Banca d Italia Segreteria CIPA Convegno Le competenze IT in ambito bancario - Università LUISS Guido Carli Roma,

Dettagli

RIDISEGNO DELLE STRUTTURE CENTRALI: UN ESPERIENZA PROGETTUALE DI BENCHMARK

RIDISEGNO DELLE STRUTTURE CENTRALI: UN ESPERIENZA PROGETTUALE DI BENCHMARK RIDISEGNO DELLE STRUTTURE CENTRALI: UN ESPERIENZA PROGETTUALE DI BENCHMARK Convegno ABI Costi & Business 2013 BPM - NORMATIVA E METODOLOGIE ORGANIZZAZIONE Roma, 22 ottobre 2013 AGENDA CLIC AGENDA PER MODIFICARE

Dettagli

IL CONTRATTO DI OUTSOURCING DEI CONTROLLI INTERNI NELL AMBITO DEL GRUPPO INTESABCI

IL CONTRATTO DI OUTSOURCING DEI CONTROLLI INTERNI NELL AMBITO DEL GRUPPO INTESABCI IL CONTRATTO DI OUTSOURCING DEI CONTROLLI INTERNI NELL AMBITO DEL GRUPPO INTESABCI Convegno I controlli interni degli intermediari finanziari specializzati, attualità e prospettive 22 gennaio 2002 1 NORMATIVA

Dettagli

Approccio operativo per la redazione del Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D.Lgs. 8 giugno 2001, n. 231

Approccio operativo per la redazione del Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D.Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 STUDIO FABIO FADA BUSINESS RISK SERVICES REVIND Approccio operativo per la redazione del Modello di organizzazione, gestione e controllo ai sensi del D.Lgs. 8 giugno 2001, n. 231 Dott. Fabio Fada Dottore

Dettagli

Intesa Sanpaolo Personal Finance

Intesa Sanpaolo Personal Finance Intesa Sanpaolo Personal Finance Incontro con le OO.SS. 20 Aprile 2015 Contesto di riferimento L operazione societaria 2 La nostra formula per il successo Piano d Impresa 2014-2017 1 Solida e sostenibile

Dettagli

L approccio alla MiFID della Compliance nel Gruppo UniCredit

L approccio alla MiFID della Compliance nel Gruppo UniCredit L approccio alla MiFID della Compliance nel Gruppo UniCredit Antonio La Rocca, Head of Compliance Services, Unicredit Group Milano, 16 Aprile 2008 OBIETTIVI DELLA PRESENTAZIONE MIFID la grande sfida della

Dettagli

Internal Audit e Compliance in Banca Intesa

Internal Audit e Compliance in Banca Intesa Internal Audit e Compliance in Banca Intesa RENATO DALLA RIVA Responsabile Direzione Auditing Interno Workshop CeTIF 15 giugno 2006 La presentazione è stata realizzata da Banca Intesa ed è riservata esclusivamente

Dettagli

Vanni Bovi Direttore Commerciale Imprese Milano e Provincia Intesa Sanpaolo

Vanni Bovi Direttore Commerciale Imprese Milano e Provincia Intesa Sanpaolo Vanni Bovi Direttore Commerciale Imprese Milano e Provincia Intesa Sanpaolo Punti chiave e novità dell Accordo 2014-2015 I cinque pilastri 1 2 3 5 Expo 2015 Crescita Innovazione e Startup Export e Internazionalizzazione

Dettagli

Acquisizione di prodotti e servizi Parte 2

Acquisizione di prodotti e servizi Parte 2 Università di Bergamo Dip. di Ingegneria gestionale, dell'informazione e della produzione GESTIONE DEI SISTEMI ICT Paolo Salvaneschi A5_2 V1.0 Acquisizione di prodotti e servizi Parte 2 Il contenuto del

Dettagli

La PE-ACH come strumento del cambiamento nell area pagamenti-incassi: impatti organizzativi e procedurali sulle banche

La PE-ACH come strumento del cambiamento nell area pagamenti-incassi: impatti organizzativi e procedurali sulle banche SPIN 2005 - Roma, 14 giugno La PE-ACH come strumento del cambiamento nell area pagamenti-incassi: impatti organizzativi e procedurali sulle banche Antonio Longo Payment Systems Division SIA Introduzione:

Dettagli

STEFANO ROLANDO ECONOMIA E GESTIONE DELLA COMUNICAZIONE NELLE ORGANIZZAZIONI COMPLESSE

STEFANO ROLANDO ECONOMIA E GESTIONE DELLA COMUNICAZIONE NELLE ORGANIZZAZIONI COMPLESSE STEFANO ROLANDO ECONOMIA E GESTIONE DELLA COMUNICAZIONE NELLE ORGANIZZAZIONI COMPLESSE Gli ambiti di convergenza tra comunicazione di impresa e comunicazione pubblica Prefazioni di GAETANO GOLINELLI GIOVANNI

Dettagli

La Learning Enterprise:

La Learning Enterprise: ATTIVITA DI RICERCA 2016 La Learning Enterprise: Sinergie tra Formazione e Comunicazione nella Digital Organization PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI Analizzando i risultati

Dettagli

Chi Banca popolare dell Emilia Romagna Soc.Coop. siamo 390 sportelli Nord Italia 324 Emilia Romagna sportelli Centro Italia

Chi Banca popolare dell Emilia Romagna Soc.Coop. siamo 390 sportelli Nord Italia 324 Emilia Romagna sportelli Centro Italia La Customer Satisfaction nel mercato Retail Relatore Pierpio Cerfogli Direttore Commerciale Banca popolare dell Emilia Romagna Soc.Coop. Agenda Il Gruppo Bancario Banca popolare dell Emilia Romagna Le

Dettagli

Innovazione nei modelli di Business e operativi delle compagnie di assicurazione alla luce dell evoluzione dello scenario competitivo

Innovazione nei modelli di Business e operativi delle compagnie di assicurazione alla luce dell evoluzione dello scenario competitivo Osservatorio CeTIF Traccia di indagine per le compagnie di assicurazione per la rilevazione e l approfondimento delle innovazioni di business model e di prodotto/servizio. 1 Nella programmazione delle

Dettagli

PROGETTARE SISTEMI INFORMATIVI. Fasi e relativi approcci

PROGETTARE SISTEMI INFORMATIVI. Fasi e relativi approcci PROGETTARE SISTEMI INFORMATIVI Fasi e relativi approcci OBIETTIVI 1. Descrivere un approccio generale per pianificare e impostare il progetto di un S.I. 2. Identificare i passi fondamentali 3. Illustrare

Dettagli

Apertura dei lavori. Convegno Banche e Sicurezza Roma, 4-5 giugno Giovanni PIROVANO Comitato Presidenza ABI

Apertura dei lavori. Convegno Banche e Sicurezza Roma, 4-5 giugno Giovanni PIROVANO Comitato Presidenza ABI Apertura dei lavori Convegno Banche e Sicurezza Roma, 4-5 giugno 2015 Giovanni PIROVANO Comitato Presidenza ABI L evoluzione della sicurezza Il settore bancario dedica forte attenzione a mantenere elevati

Dettagli

Indice. pag. xiii. Presentazione della terza edizione, di Roberto Ruozi » 1» 1» 4

Indice. pag. xiii. Presentazione della terza edizione, di Roberto Ruozi » 1» 1» 4 Indice Presentazione della terza edizione, di Roberto Ruozi 1 L attività bancaria 1.1 Una definizione di banca 1.2 Le origini del sistema bancario moderno 1.3 L evoluzione del sistema creditizio nel quadro

Dettagli

LABORBANK Le Direzioni Organizzazione e le dinamiche del sistema bancario italiano Dinamiche strategiche e organizzative nelle banche italiane

LABORBANK Le Direzioni Organizzazione e le dinamiche del sistema bancario italiano Dinamiche strategiche e organizzative nelle banche italiane LABORBANK Le Direzioni Organizzazione e le dinamiche del sistema bancario italiano Dinamiche strategiche e organizzative nelle banche italiane Valerio Pesic 2 luglio 2015 1 Agenda Premessa Alcune domande

Dettagli

PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE DI MILANO Il percorso di formazione del Piano

PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE DI MILANO Il percorso di formazione del Piano 1 PIANO URBANO DELLA MOBILITÀ SOSTENIBILE DI MILANO Il percorso di formazione del Piano PUMS: il processo di partecipazione e condivisione Il Piano Urbano della Mobilità Sostenibile introduce un cambiamento

Dettagli

Sistema di Incentivazione 2009 per il Personale di Rete della Divisione Banca dei Territori

Sistema di Incentivazione 2009 per il Personale di Rete della Divisione Banca dei Territori Sistema di Incentivazione 2009 per il Personale di Rete della Divisione Banca dei Territori Incontro con OO.SS. 9 Luglio 2009 1 Principali linee guida Il Sistema di Incentivazione 2009 ha lo scopo di promuovere

Dettagli

Modelli e metodologie per l analisi strategica

Modelli e metodologie per l analisi strategica Modelli e metodologie per l analisi strategica Realizzazione del progetto e controllo strategico Vicenza, A.A. 2011-2012 Schema ANALISI VISION PROGETTO STRATEGICO STRATEGIC DESIGN REALIZZAZIONE E CONTROLLO

Dettagli

Cybersecurity, come difendersi dal furto dati

Cybersecurity, come difendersi dal furto dati Osservatorio Information Security & Privacy Cybersecurity, come difendersi dal furto dati Giorgia Dragoni Ricercatrice Osservatorio Information Security & Privacy, Politecnico di Milano 09 Maggio 2017

Dettagli

Impatto dell innovazione tecnologica sul modello commerciale Corporate nel campo degli Incassi e Pagamenti

Impatto dell innovazione tecnologica sul modello commerciale Corporate nel campo degli Incassi e Pagamenti Impatto dell innovazione tecnologica sul modello commerciale Corporate nel campo degli Incassi e Pagamenti Michele Volo, Direzione Corporate Milano 21 Maggio 2009 Alcune tappe salienti della tecnologia

Dettagli

LA SFIDA. Mantenendo inalterati gli standard di qualità del servizio. Contenere l incidenza del costo del lavoro

LA SFIDA. Mantenendo inalterati gli standard di qualità del servizio. Contenere l incidenza del costo del lavoro LA SFIDA Contenere l incidenza del costo del lavoro Mantenendo inalterati gli standard di qualità del servizio Nel rispetto delle norme contrattuali e di diritto del lavoro Migliorare l efficienza/ organizzazione

Dettagli

La Logistica come industria. Igino Colella Garofalo. Novara, 10 novembre 2005

La Logistica come industria. Igino Colella Garofalo. Novara, 10 novembre 2005 La Logistica come industria Igino Colella Garofalo Novara, 10 novembre 2005 Agenda Presentazione del panel delle Imprese Industriali La Logistica a valore aggiunto Il Progetto Paloma Discussione Prossimi

Dettagli

Il GLOCAL SERVICE : l esperienza dei Comuni di Gonzaga, Pegognaga e Suzzara

Il GLOCAL SERVICE : l esperienza dei Comuni di Gonzaga, Pegognaga e Suzzara Il GLOCAL SERVICE : l esperienza dei Comuni di Gonzaga, Pegognaga e Suzzara Il patrimonio edilizio ed urbano dei Comuni di Gonzaga, Pegognaga e Suzzara, si può considerare nel suo complesso analogo per

Dettagli

Conosci davvero la situazione finanziaria della Tua Impresa?

Conosci davvero la situazione finanziaria della Tua Impresa? Check Up Conosci davvero la situazione finanziaria della Tua Impresa? Il Check-Up Finanziario è uno strumento indispensabile per conoscere il punto di partenza, cioè la situazione che si è creata per effetto

Dettagli

TAS extenderp. Il nuovo menù di offerta TAS in campo ERP Focus on: Procurement. TAS Group 2017

TAS extenderp. Il nuovo menù di offerta TAS in campo ERP Focus on: Procurement. TAS Group 2017 TAS extenderp Il nuovo menù di offerta TAS in campo ERP Focus on: Procurement TAS Group 2017 Indice Tenere il tempo dei cambiamenti di business La risposta: TAS extenderp Focus: Project Management La verticalizzazione

Dettagli

Percorso professionalizzante per la Compliance in banca

Percorso professionalizzante per la Compliance in banca www.abiformazione.it Percorso professionalizzante per la Compliance in banca Compliance / Corsi Professionalizzanti La nuova edizione del Percorso Professionalizzante è stata riformulata secondo l orientamento

Dettagli

Sostenere nel tempo la relazione con il cliente attraverso la multicanalità

Sostenere nel tempo la relazione con il cliente attraverso la multicanalità Sostenere nel tempo la relazione con il cliente attraverso la multicanalità Carlo Panella Milano, 12 marzo 2008 Agenda Premessa: la generazione del valore Ad ogni cliente un livello di servizio Strategia

Dettagli

La supervisione sugli intermediari finanziari: principi, criticità, evoluzioni

La supervisione sugli intermediari finanziari: principi, criticità, evoluzioni La supervisione sugli intermediari finanziari: principi, criticità, evoluzioni Workshop CeTIF AICOM Gli intermediari specializzati: modelli di business e nuove regole di funzionamento Milano, 11 aprile

Dettagli

Modelli di Servizio e Strategie di Integrazione Multicanale nell Ecosistema dei Pagamenti

Modelli di Servizio e Strategie di Integrazione Multicanale nell Ecosistema dei Pagamenti Modelli di Servizio e Strategie di Integrazione Multicanale nell Ecosistema dei Pagamenti Extending the Italian Payment Environment Research Program 2014 Extending the Italian Payment Enviroment - Programma

Dettagli

IBM - IT Service Management 1

IBM - IT Service Management 1 IBM - IT Service 1 IBM - IT Service 2 L IT si trasforma e richiede un modello operativo orientato ai Servizi IT Centro di Costo Operations Governance & CRM CRM IT - Azienda Strategy Organization Financial

Dettagli

Televisione Digitale, Banche e Innovazione di Canale

Televisione Digitale, Banche e Innovazione di Canale www.cetif.it Dipartimento di Scienze dell Economia e della Gestione Aziendale t-banking: Televisione Digitale, Banche e Innovazione di Canale Mauro Bello CeTIF Forum Università Cattolica, 12 ottobre 2006

Dettagli

Indice. 2 La struttura finanziaria dell economia 15. xiii. Presentazione

Indice. 2 La struttura finanziaria dell economia 15. xiii. Presentazione Indice Presentazione xiii 1 Le funzioni del sistema finanziario 1 1.1 Che cos è il sistema finanziario 2 1.2 La natura e le caratteristiche degli strumenti finanziari 2 1.3 Quali funzioni svolge il sistema

Dettagli

COMPETENZE AL SERVIZIO DELL ECONOMIA REALE

COMPETENZE AL SERVIZIO DELL ECONOMIA REALE COMPETENZE AL SERVIZIO DELL ECONOMIA REALE Advisor indipendente 2004 Garnell opera come financial advisor indipendente affiancando le imprese e gli investitori istituzionali nelle operazioni di finanza

Dettagli

30/10/2017. Capitolo 7 La pianificazione strategica. La pianificazione d impresa: aspetti caratterizzanti

30/10/2017. Capitolo 7 La pianificazione strategica. La pianificazione d impresa: aspetti caratterizzanti COMUNICAZIONE D IMPRESA Anno Accademico 2017/2018 ELEMENTI STRUTTURALI ED ASPETTI EVOLUTIVI DELLA PIANIFICAZIONE STRATEGICA Prof. Christian Corsi info: ccorsi@unite.it (CAP. 7) Unit 6 Slide 6.2.1 Capitolo

Dettagli

Documento riservato ai partecipanti al Competence Center Solvency 2 Pagina 1 di 5

Documento riservato ai partecipanti al Competence Center Solvency 2 Pagina 1 di 5 Verbale dell incontro 16 giugno 2009 Competence Center SOLVENCY 2 - Riflessi organizzativi e gestionali dei nuovi modelli di misurazione e controllo dei rischi L incontro si è tenuto in data 16 giugno

Dettagli

Le Intranet nelle banche italiane: obiettivi centrati e opportunità da cogliere. Bianca Cammino

Le Intranet nelle banche italiane: obiettivi centrati e opportunità da cogliere. Bianca Cammino Le Intranet nelle banche italiane: obiettivi centrati e opportunità da cogliere Bianca Cammino b.cammino@abi.it Roma, 5 ottobre 2004 Agenda Stato dell arte delle Intranet nelle banche italiane Metodologia

Dettagli

L'equilibrio finanziario e patrimoniale delle banche italiane

L'equilibrio finanziario e patrimoniale delle banche italiane L'equilibrio finanziario e patrimoniale delle banche italiane Workshop CeTIF Risk Management e pianificazione strategica verso Basilea III: credito, liquidità e patrimonio Francesco Romito Ispettorato

Dettagli

Allegato 1 Classificazione degli Indicatori di performance organizzativa e prime evidenze

Allegato 1 Classificazione degli Indicatori di performance organizzativa e prime evidenze Allegato 1 Classificazione degli Indicatori di performance organizzativa e prime evidenze Note metodologiche: - il Sistema di misurazione e valutazione della performance propone una ripartizione in tre

Dettagli

Strategie di prodotto (cap. 16)

Strategie di prodotto (cap. 16) Strategie di prodotto (cap. 16) Tipologie di prodotto Prodotti Cardine (leader) Realizzano gran parte del fatturato e dei profitti e richiedono particolare attenzione Prodotti civetta Convenienti per I

Dettagli

INTRODUZIONE PARTE I LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI

INTRODUZIONE PARTE I LA PREVENZIONE E LA DIAGNOSI INTRODUZIONE 1. CRISI D IMPRESA 1.1. Crisi e risanamento pag. 5 1.2. Le cause della crisi pag. 7 1.3. Gli indicatori della crisi pag. 12 1.4. Gli eventi scatenanti pag. 18 1.5. I modelli di intervento

Dettagli

DA TEMPIO. A CENTRO COMMERCIALE

DA TEMPIO. A CENTRO COMMERCIALE DA TEMPIO. A CENTRO COMMERCIALE Ovvero: Come sono cambiate le banche negli ultimi 40 anni Paolo Zennaro Responsabile RR.UU. Banca al centro Prodotti:nessuno Cliente al centro del Punto vendita Prodotti:

Dettagli

Caratteristiche e prospettive del Mercato del Facility Management in Italia

Caratteristiche e prospettive del Mercato del Facility Management in Italia Caratteristiche e prospettive del Mercato del Facility Management in Italia Mariantonietta Lisena Direttore Generale IFMA Italia Bologna 23 maggio 2012 AGENDA Il Mercato del Facility Management in Italia

Dettagli

Ferservizi S.p.A. Piano Industriale

Ferservizi S.p.A. Piano Industriale Ferservizi S.p.A. Piano Industriale 2011-2015 Roma, Piano d impresa Volumi di attività 2007-2010 Principali linee di Piano Conto economico di Piano 2011-2015 Piano 2011-2015:principali presupposti Società

Dettagli

Prof. Giuliana Birindelli Docente presso la Facoltà di Economia dell Università degli Studi del Molise

Prof. Giuliana Birindelli Docente presso la Facoltà di Economia dell Università degli Studi del Molise Prof. Giuliana Birindelli Docente presso la Facoltà di Economia dell Università degli Studi del Molise Volumi: Pubblicazioni - G. Birindelli, P. Ferretti (2006), Evoluzione del rischio operativo nelle

Dettagli

Alta Formazione CORSO DI ALTA FORMAZIONE Terza Edizione GENERAL MANAGEMENT NELLE ISTITUZIONI BANCARIE

Alta Formazione CORSO DI ALTA FORMAZIONE Terza Edizione GENERAL MANAGEMENT NELLE ISTITUZIONI BANCARIE Alta Formazione 2010 R I C E R C A e I N N O V A Z I O N E GENERAL MANAGEMENT NELLE ISTITUZIONI BANCARIE CORSO DI ALTA FORMAZIONE Terza Edizione A cura di: CeTIF Centro di ricerca su Tecnologie Innovazione

Dettagli

La SEPA e l architettura di SANPAOLO IMI

La SEPA e l architettura di SANPAOLO IMI La SEPA e l architettura di SANPAOLO IMI CETIF: 25 settembre 2006 Nicola Romito Evoluzioni dei Sistemi di Pagamento: Scenario Europeo Alcuni principi fondamentali indirizzano l evoluzione dei Sistemi di

Dettagli

Incontro con le OO.SS.LL. 20 aprile 2015

Incontro con le OO.SS.LL. 20 aprile 2015 Progetto Capital Light Bank. Scissione parziale da MCI a ISP e Provis di rami di azienda riconducibili al portafoglio dei crediti a medio-lungo termine e leasing in sofferenza. Incontro con le OO.SS.LL.

Dettagli

Prof. Giuseppe Sancetta. La pianificazione del risanamento

Prof. Giuseppe Sancetta. La pianificazione del risanamento Prof. Giuseppe Sancetta La pianificazione del risanamento Sommario Introduzione Macro fasi progetto di risanamento Stakeholders e crisi Le professionalità coinvolte nella soluzione delle crisi La ristrutturazione

Dettagli

L area vasta nel Veneto

L area vasta nel Veneto L area vasta nel Veneto Orientamento dei Progetti di Area Vasta PROCESSO ACQUISTI Le Aree vaste si stanno orientando alla creazione: nel breve termine di modelli di governance di dipartimenti interaziendali

Dettagli

COMPLIANCE MANAGEMENT

COMPLIANCE MANAGEMENT - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA AMMINISTRAZIONE FINANZA E CONTROLLO

Dettagli

Comunità Tematica SERVIZI CENTRALIZZATI E CLOUD

Comunità Tematica SERVIZI CENTRALIZZATI E CLOUD Ambito strategico e allineamento ADER La COMTem opera all interno dell obiettivo ADER relativo al consolidamento e alla razionalizzazione delle risorse ICT della PA che prevede per le nostre amministrazioni

Dettagli

Credito al Credito. Roma 24 Novembre 2010. L evoluzione dei processi di istruttoria e la gestione del rischio nella Cessione Quinto Stipendio

Credito al Credito. Roma 24 Novembre 2010. L evoluzione dei processi di istruttoria e la gestione del rischio nella Cessione Quinto Stipendio Credito al Credito Roma 24 Novembre 2010 L evoluzione dei processi di istruttoria e la gestione del rischio nella Cessione Quinto Stipendio 1 Il mercato della Cessione del Quinto nel passato Prodotto di

Dettagli

Compliance e Business L evoluzione della Compliance in BNL: esperienze operative in un contesto internazionale

Compliance e Business L evoluzione della Compliance in BNL: esperienze operative in un contesto internazionale Compliance e Business L evoluzione della Compliance in BNL: esperienze operative in un contesto internazionale Paola Sassi Responsabile Compliance BNL BC Gruppo BNP Paribas Direzione Compliance Vice Presidente

Dettagli

La costruzione del Repository dei processi a supporto dello sviluppo organizzativo

La costruzione del Repository dei processi a supporto dello sviluppo organizzativo La costruzione del Repository dei processi a supporto dello sviluppo organizzativo Banca Popolare di Milano Milano, 18 maggio 2004 Agenda La costruzione del Repository Gli obiettivi Perchè un Modello aziendale

Dettagli

Conferenza Nazionale G.U.I.D.E. Genova, 27 Novembre 2006

Conferenza Nazionale G.U.I.D.E. Genova, 27 Novembre 2006 Conferenza Nazionale G.U.I.D.E. Genova, 27 Novembre 2006 Il Gruppo Capitalia Il Gruppo Bancario Capitalia è nato il 1 luglio 2002 dall'integrazione di due realtà pre-esistenti: il Gruppo Bancaroma e il

Dettagli

Logistica, professionalità ed attenzione all ambiente

Logistica, professionalità ed attenzione all ambiente Logistica, professionalità ed attenzione all ambiente Sostenibilità e logistica urbana Roma, 18 settembre 2013 Mag-Di è partner di Presentazione Mag-Di nasce nel 1969 come operatore di servizi logistici.

Dettagli

22 novembre 2006 Palazzo Marini Sala delle Conferenze. **** Presentazione del Prof. Luigi Cantone

22 novembre 2006 Palazzo Marini Sala delle Conferenze. **** Presentazione del Prof. Luigi Cantone Fiera Roma Outsourcing Il contributo dell outsourcing di servizi alla efficienza e competitività delle imprese e della pubblica amministrazione 22 novembre 2006 Palazzo Marini Sala delle Conferenze ****

Dettagli

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE

TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE TECNOLOGIE DELL INFORMAZIONE E DELLA COMUNICAZIONE PER LE AZIENDE Materiale di supporto alla didattica Tecnologie dell informazione e della comunicazione per le aziende CAPITOLO 5: La gestione delle informazioni

Dettagli

Comunità Tematica COMPETENZE DIGITALI NUOVA PA

Comunità Tematica COMPETENZE DIGITALI NUOVA PA Ambito strategico e allineamento ADER La COMTem opera a sostegno del modello strategico di trasformazione digitale della Pubblica Amministrazione, concentrandosi sul tema delle competenze: il cambiamento

Dettagli

Direzione ICT. Evoluzione organizzazione ICT in BPU Banca. Milano, 16 febbraio 2005

Direzione ICT. Evoluzione organizzazione ICT in BPU Banca. Milano, 16 febbraio 2005 Direzione ICT Evoluzione organizzazione ICT in BPU Banca La presentazione è stata realizzata da Banche Popolari Unite ed è riservata esclusivamente ai soci CeTIF. La riproduzione e la diffusione anche

Dettagli

Il Gruppo MPS. Il Consorzio Operativo Gruppo MPS. Le aziende consorziate: Numero dipendenti:

Il Gruppo MPS. Il Consorzio Operativo Gruppo MPS. Le aziende consorziate: Numero dipendenti: L' INNOVAZIONE NEL MONDO DEL RETAIL: ALLINEARE LE STRATEGIE BUSINESS ED ICT Piero Poccianti Staff Pianificazione e Sviluppo Strategici Consorzio Operativo Gruppo MPS 1 4/13/2006 10:46 AM Agenda Il Gruppo

Dettagli