delle forme del futuro e del condizionale. Esercitazione nell ambito medico-scientifico del periodo ipotetico nelle sue tre forme.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "delle forme del futuro e del condizionale. Esercitazione nell ambito medico-scientifico del periodo ipotetico nelle sue tre forme."

Transcript

1 CFU Unibo 4 CFU Cor 12 (con Ingls 2) Ingls CORE CURRICULUM NAZIONALE Canali 1 2 ESAME/VERI FICA INGLESE A-Ambito Cultural INGLESE SCIENTIFIC O B Tma Gnral LINGUA INGLESE D-Unità Didattica di Bas La costruzion dlla fras Modi tmpi Modi tmpi 2 Storia dlla lingua Il Passivo Il conctto di futuro Priodo ipottico Phrasal Vrbs Struttur tipich dlla lingua ingls Struttur tipich dlla lingua ingls 2 Listning skill trminologia mdica UNITÀ DIDATTICA ARTICOLATA Diffrnz smantich strutturali tra la lingua ingls l italiano logich di struttura dlla lingua ingls. Esmplificazioni con trminologia mdico-scintifica. Schma di tmpi di modi: logich concttuali dll uso dl prsnt (abitual progrssivo) con smplificazioni di trminologia mdicoscintifica. Il conctto di passato in ingls: simpl past, prsnt prfct forma di durata. Esmplificazioni con trminologia mdico-scintifica. Ampliamnto dl conctto di lingua ingls com vin utilizzato nll ar dgli Stati Uniti, Canada, Australia cc. con smplificazion dll varianti motivazioni storico culturali. Alfabto fontico intrnazional, uso dl vocabolario, splling rgol di pronuncia con nfasi sulla trminologia mdico-scintifica. La forma passiva suo uso nll ingls mdico scintifico con smplificazioni nl campo mdico-scintifico. Esrcitazioni nll ambito dl linguaggio mdicoscintifico dll form dl futuro dl condizional. Esrcitazion nll ambito mdico-scintifico dl priodo ipottico nll su tr form. Struttur tipich dlla lingua ingls: i Phrasal vrbs loro utilizzo con srcitazioni nll ambito mdico-scintifico. Struttur tipich dlla lingua ingls: il conctto di posssso; uso non uso dl gnitivo sasson, l uso dl sostantivo com aggttivo con smplificazioni dal linguaggio mdico-scintifico. I Fals Frinds; uso di suffissi di prfissi; i vrbi difttivi modali con smplificazioni sul loro uso dal linguaggio mdico-scintifco. Listning comprhnsion di un brano mdico con commnti sui nssi grammaticali sull struttur stilistich. Commnti d annotazioni sull possibili Corsi con i quali si sovrappon l argomnto Ossrvazioni studnti dgli

2 Listning skill - trminolgia mdica traduzioni di trmini mdico-scintifici prsntazion di vari sinonimi. Listning comprhnsion di un brano mdico con commnti sull struttur sintattich grammaticali già incontrat traduzion di trmini spcifici dl linguaggio mdico-scintifico con prsntazion di sinonimi d analisi dll radici dll parol. Lgnda Argomnti trattati anch in altri corsi

3 CFU Unibo 9 (90 or) CFU Cor Nazional 3,9 (1,3+2,4) CORE CURRICULUM NAZIONALE** ESAME/VER IFICA A-Ambito Cultural B Tma Gnral D-Unità Didattica di Bas UNITÀ DIDATTICA ARTICOLATA Citologia Citologia Carattristich gnrali dlla cllula Mmbrana cllular Procarioti d ucarioti Organizzazion gnral dlla cllula ucariotica. Sincizi plasmodi. Organizzazion struttural funzioni dlla mmbrana plasmatica Composizion chimica. Struttura a mosaico fluido. Glicocalic. Adsività non giunzional. Prmabilità. Spcializzazioni. Sistmi di giunzion cllula-cllula cllulamatric. Citologia Citoplasma Citosol inclusioni Composizion chimica, proprità fisich, funzioni dl citosol. Paraplasmi. Corsi con i quali si sovrappon l argomnto Ossrvazioni dgli studnti Citologia Citoschltro Microfilamnti. Filamnti intrmdi. Microtubuli. Movimnto cllular Citologia Citologia Sistma mmbranoso dl citoplasma Sistma mmbranoso dl citoplasma Rticolo ndoplasmatico Apparato di Golgi Composizion funzion di microfilamnti. Actina protin accssori. Contrattilità dlla cllula. Composizion funzion di filamnti intrmdi. Microtubuli: tubulina, protin accssori cntri di organizzazion di microtubuli. Spcializzazioni apicali dlla cllula: microvilli, ciglia, strociglia. Movimnto cigliar flagllar. Movimnti intracllulari. Movimnto amboid. Rticolo ndoplasmatico liscio: struttura funzioni. Rticolo ndoplasmatico rugoso: struttura funzioni. Struttura funzioni. Trasporto vscicolar. Esocitosi. gntica gntica gntica * * *

4 Citologia Organuli citoplasmatici Lisosomi prossisomi Struttura funzion di lisosomi. Endocitosi. Endocitosi mdiata da rcttori. Fagocitosi. Struttura funzion di prossisomi. gntica * Citologia Citologia Organuli citoplasmatici Organuli citoplasmatici Ribosomi Mitocondri Struttura funzion. Ribosomi procariotici d ucariotici. Biognsi di ribosomi. Struttura. Dimnsioni, numro localizzazion. Modificazioni strutturali in divrs condizioni ni vari tssuti. Funzioni origin di mitocondri. DNA mitocondrial. gntica gntica * * Citologia Nuclo Nuclo Organizzazion morfologica, dimnsioni localizzazion dl nuclo intrcintico. Cromatina. Protin non istonich matric nuclar. Organizzazion morfologica struttural dll involucro nuclar. Complsso dl poro su funzioni. Modificazioni nuclari nlla division cllular nll apoptosi. Citologia Nuclo Nuclolo Numro di nucloli, morfologia significato funzional. L organizzator nuclolar l RNA ribosomal. Diffrnziamnto istognsi Livlli di organizzazion: cllul,tssuti,organi; apparati, organismi Il diffrnziamnto istologico i quattro gruppi principali di tssuti. gntica gntica * * Tssuti pitliali Tssuti pitliali in gnral Drivazion mbrional distribuzion. Carattri citologici proprità dll cllul pitliali. Classificazion. Tssuti pitliali Tssuti pitliali Epitli di rivstimnto Epitli ghiandolari in gnral Drivazion mbrional. Struttura funzioni. Classificazion. Struttura dlla mmbrana basal. Nutrizion rignrazion. Carattristich dll cllul scrnnti. Scrzion socrina d ndocrina: significato.

5 Tssuti connttivi Tssuti connttivi Tssuti connttivi Tssuti connttivi Tssuti connttivi Tssuto muscolar Epitli ghiandolari socrini Epitli ghiandolari ndocrini Tssuti connttivi Tssuti connttivi propriamnt dtti Tssuto cartilagino Tssuto osso ossificazion Sangu d mopoisi Tssuto muscolar in gnral Ghiandol unicllulari pluricllulari. Classificazion in bas alla sd, alla forma dgli adnomri, all modalità di mission dl scrto. Organizzazion struttural funzioni. Mccanismi di rgolazion dlla scrzion ndocrina. Tipi di ormoni. Organizzazion struttural drivazion mbrional dll divrs ghiandol ndocrin. Drivazion mbrional. Organizzazion. L cllul propri la sostanza intrcllular: fibr collagn d lastich, composizion funzioni dlla matric amorfa. Il liquido intrstizial. I divrsi tipi di tssuti connttivi. Classificazion. Tssuto mucoso maturo. Tssuto fibrillar lasso. Tssuto rticolar. Tssuto lastico. Tssuti connttivi dnsi. Tssuto adiposo unilocular multilocular. Gnralità classificazion. Cartilagin ialina, fibrosa d lastica. Struttura, distribuzion funzion. Il pricondrio. Nutrizion modificazioni rgrssiv. Organizzazion gnral. Tssuto osso non lamllar lamllar. Tssuto osso compatto spugnoso. L cllul (ostoblasti, ostociti, ostoclasti) la matric ossa. Priostio d ndostio. Ossificazion dirtta d indirtta. Il cmnto la dntina. Funzion composizion dl sangu. Il plasma gli lmnti figurati. Emopoisi lin diffrnziativ. Organizzazion struttural funzioni dl tssuto mopoitico miloid linfoid. Drivazion mbrional. Classificazion. Distribuzion.

6 Tssuto muscolar Tssuto nrvoso Tssuto muscolar liscio Tssuto muscolar striato Asptti morfologici funzionali dll cllul muscolari lisc, mccanismo rgolazion dlla contrazion. Rignrazion. Forma, dimnsioni, origin struttura dll fibrocllul striat schltrich: struttura dll miofibrill mccanismo dlla contrazion. Rticolo sarcoplasmatico.organizzazion di muscoli schltrici. Dimnsioni struttura di miocardiociti. Tssuto nrvoso Organizzazion struttural drivazion mbrional. Suddivisioni dl sistma nrvoso. I nuroni: form, dimnsioni struttura. L fibr nrvos. Struttura dll asson dlla guaina milinica : Struttura funzion dll sinapsi. La nvroglia: morfologia funzioni. Fcondazion Inquadramnto gnral sul ciclo ovarico d il ciclo utrino Prima sttimana di sviluppo Sgmntazion Evoluzion dlla blastocisti Fasi modificazioni strutturali. Modalità significato dlla sgmntazion. Compattazion, schiusa, formazion dlla blastocisti, mbrion bilaminar, sincizio citotrofoblasto. Formazion dll amnios dl sacco vitllino primario. Sviluppo dl sinciziotrofoblasto polar, stadio lacunar, nutrizion istiotrofica. Formazion dl msodrma dl cloma xtrambrional. Il pduncolo d attacco. Formazion dl sacco vitllino dfinitivo suo significato pr l mopoisi. Fisiologia I Gntica Sconda Impianto Struttura dlla mucosa utrina al momnto sttimana di dll impianto. Razion dcidual. Sdi di sviluppo impianto. Evoluzion dgli Evoluzion dl trofoblasto formazion di annssi mbrionali villi coriali primari, scondari trziari. La placnta umana primitiva a trmin: struttura funzioni. Trza Gastrulazion Modalità di formazion di foglitti mbrionali.

7 Sviluppo organi apparati Laboratorio di sttimana di sviluppo Quarta sttimana Dalla quinta alla ottava sttimana sprimntal Ripigamnti dll mbrion stadio filotipico Drivati dll ctodrma, dl msodrma dll ntodrma. Pigh cfalica, caudal latrali. Formazion dl cordon omblical. Organognsi Sviluppo dgli apparati cardiocircolatorio, digrnt, rspiratorio, urognital dl sistma nrvoso cntral. Mccanismi molcolari dllo sviluppo mbrional Lttura di prparati istologici al microscopio ottico (Laboratorio) Lo sviluppo i mtodi dll mbriologia sprimntal. La dtrminazion progrssiva i gmlli monovulari. Cnni di tratognsi. Studio morfologico di tssuti mdiant l uso dl microscopio. Strumnti pr l indagin microscopica submicroscopica:mtodich impigat:istochimica immunoistochimica. Lttura al microscopio di tssuti. Anatomia Lgnda Argomnti trattati anch in altri corsi *La Citologia è propdutica sia a gntica sia a. Attualmnt vin svolta da ntrambi i corsi. Si suggrisc un coordinamnto tra i du insgnamnti. Poiché nl nuovo Cor ntra nll Ambito Cultural Intgrato di Morfologia Umana, la citologia potrbb ssr svolta pr la maggior part in

8 CFU Unibo 10 CFU Cor 3,52 CI Fisica CORE CURRICULUM NAZIONALE Canali 1 2 ESAME A Ambito Cultural B Tma Gnral D Unità Didattica di Bas UNITÀ DIDATTICA ARTICOLATA Corsi con i quali si sovrappon l argomnto CI Fisica Fisica Fisica Introduzion Introduzion, dscrizion di fnomni fisici, mtodologica grandzz fisich, misura d rrori di misura, oprazioni tra grandzz fisich, rapprsntazioni grafich, andamnti fattori di scala; CI Fisica Fisica Fisica Mccanica,Statica d Il moto: sistma di rifrimnto, posizion, Elasticita spostamnto, vlocita, acclrazion, moto uniformmnt acclrato, moto circolar uniform; Dal punto matrial ai corpi stsi: i solidi, i liquidi, i gas, dformazion d lasticita, dnsita prssion, lgg di stato di gas prftti, toria cintica di gas; CI Fisica Fisica Mdica Mccanica di Statica mccanica Liquidi idali torma di Brnoulli, liquidi rali Fluidi dlla Circolazion di Fluidi lgg di Poisuill, moto di un grav in fluido viscoso, tnsion suprficial lgg di Laplac; CI Fisica Fisica Trmologia Trmologia Principi dlla trmodinamica, trasformazioni Fisica Mdica Trasporto Calor trmodinamich, cicli trmodinamici, ntropia Asptti nrgtici mtabolici ngli organismi vivnti CI Fisica Fisica Elttricita ElttroStatica Carica lttrica forz lttrostatich, il campo Fisica Mdica Magntismo lttrico, campo lttrico prodotto da carich distribuit;potnzial lttrostatico, dipolo lttrico CI Fisica Fisica Elttricita Conduzion lttrica Isolanti conduttori, conduzion lttrica lggi Fisica Mdica Magntismo di Ohm, circuiti lttrici, potnza dissipata,corrnti continu d altrnat;oscillografo Strumntazion Mdica;Sicurzza dgli impianti lttrici CI Fisica Fisica Elttricita Magntismo Campi magntici, forz magntich, Fisica Mdica Magntismo lttromagntismo, campi magntici variabili forz lttromotrici indott, ond lttromagntich;efftti biologici di campi magntici CI Fisica Fisica Acustica Ond Acustich Oscillazioni d ond, il suono la voc Fisica Mdica ;Applicazioni Mdich dgli Ultrasuoni CI Fisica Fisica Ottica Propagazion dlla La luc, ottica ondulatoria fnomni corrlati, Ossrvazioni dgli studnti

9 CI Fisica CI Fisica Fisica Mdica Luc riflssion rifrazion; intrfrnz diff5razion Ottica gomtrica, lnti sottili costruzion dll immagini; Microscopio Ottico Fisica Fisica Mdica Fisica Fisica Mdica Fisica Modrna Fisica Modrna Mcanica Quantistica Raggi X,Nuclo d Applicazioni dl dcadimnto Nuclar alla mdicina CI Fisica Fisica Fisica Mdica Fisica Modrna Radioprotzion CI Fisica Biomatmatica Biomatmatica Introduzion Vttori Funzioni Drivat Intgrali Equazioni Diffrnziali Conclusioni CI Fisica CI Fisica CI Fisica Informatica: Tcnologia dll informazion Informatica: Tcnologia dll informazion Informatica: Tcnologia dll informazion Conctti di bas d informatica Conctti di bas d informatica Conctti di bas d informatica Lgnda Argomnti trattati anch in altri corsi Hardwar Softwar Rti informatich quantizzazion dll'nrgia, fftto fotolttrico, struttura atomica; natura ondulatoria dlla matria Microscopio Elttronico Risonanza Magntica d Applicazioni mdich Radiazioni ionizzanti non ionizzanti: produzion d assorbimnto di raggi X,, tomografia assial computrizzata; intrazion ond lttromagntich matria, intrazion particllmatria Principi di Radio Radioprotzion Componnti principali di un calcolator: unità cntral di laborazion, dispositivi di input/output, dispositivi di mmoria Capacità di dispositivi di mmoria: numrazion binaria, unità di misura dll informazioni bit byt Sistmi oprativi: conctti tipologi Softwar applicativo Componnti principali di una rt Modlli di rt Standard protocolli di rt

10 CFU Unibo 12 anatomia (114 or) + 8 (nuroanatomia (72 or) CFU Cor nazional 2,9 anatomia +5,8 nuroanatomia =8,7 Anatomia, Nuroanatomia sono comprs nll Ambito Cultural Intgrato di Morfologia umana, ch nl complsso prvd 13.5 CFU A/A 02/03 ESAME/VERIFICA A-Ambito Cultural ANATOMIA UMANA ANATOMIA UMANA PROGRAMMA ANATOMIA UMANA ANATOMIA UMANA ANATOMIA UMANA B Tma Gnral APPARATO LOCOMOTORE APPARATO LOCOMOTORE D-Unità Didattica di Bas UNITÀ DIDATTICA ARTICOLATA GENERALITA Trminologia anatomica di posizion di movimnto. Assi piani di simmtria. Gnralità sull ossa : ossa lungh, brvi, piatt. Classificazion dll articolazioni. Gnralità sui muscoli. COLONNA VERTEBRALE GABBIA TORACICA ARTO SUPERIORE ARTO INFERIORE TESTA Morfologia dll vrtbr di divrsi tratti dl rachid. Articolazioni : intrvrtbrali, atlooccipital, atlo-pistrofica. Organizzazion di muscoli paravrtbrali. Ossa dl torac: cost strno. Articolazioni costostrnali costo-vrtbrali. Muscoli strinsci d intrinsci dl torac. Muscolo diaframma. Ossa dll arto suprior : clavicola, scapola, omro, radio, ulna, ossa dlla mano. Articolazioni : clavostrnal, coraco-clavicolar, scapolo-omral, gomito, radio-ulnar distal, radio-carpica. Muscoli dlla spalla ( cuffia di rotatori ), dl braccio dll avambraccio. Topografia di vasi sanguigni, linfatici di nrvi prifrici in rlazion ai muscoli dll arto suprior, con intrprtazion di immagini radiologich. Cavo ascllar. Ossa dll arto infrior : osso dll anca, fmor, rotula, tibia, fibula, ossa dl pid. Articolazioni : sacroliaca, coxofmoral, ginocchio, tibio-tarsica. Muscoli dll anca, dlla coscia dlla gamba. Bacino suoi diamtri principali. Canal dgli adduttori. Triangolo di Scarpa. Topografia di vasi sanguigni, linfatici di nrvi prifrici in rlazion ai muscoli dll arto infrior, con intrprtazion di immagini radiologich. Ossa dl nurocranio dllo splancnocranio. Foss cranich : antrior, mdia, postrior, tmporal, infratmporal, ptrigopalatina. Cavità orbitaria. Corsi con i quali si sovrappon l argomnto Ossrvazioni dgli studnti

11 APPARATO CIRCOLATORIO SANGUIGNO APPARATO LINFATICO APPARATO RESPIRATORIO APPARATO DIGERENTE Cranio ftal fontanll. Modalità di ossificazion dl cranio. Articolazion tmporo-mandibolar. Muscoli masticatori. Topografia dl collo. Muscoli sopra sottoioidi. CUORE Topografia toraco-cardiaca.rivstimnto pricardico. Configurazion strna intrna. Schltro fibroso. Apparati valvolari. Struttura dll parti cardiach. Sistma di conduzion. Vascolarizzazion dl miocardio : artri coronari conctto di dominanza. Innrvazion dl cuor. Sviluppo dl cuor. Circolazion ftal. VASI SANGUIGNI VASI LINFATICI ORGANI LINFOIDI ED EMOPOIETICI (Laboratorio) VIE AEREE SUPERIORI Intrprtazion di coronarografi. Gnralità sulla struttura di vasi sanguigni. Dcorso dll artria aorta di suoi rami principali. Dcorso dll vn cav. Sistma dll vn azygos. Cnni di anatomia radiologica dl sistma vascolar. Struttura di vasi linfatici. Dotto toracio tronchi linfatici principali. Anatomia macro microscopica di: timo, milza, tonsill, linfonodi. Anatomia macroscopica di :naso strno, cavità nasali paranasali, rinofaring. Vascolarizzazion innrvazion dll vi ar supriori. LARINGE Topografia. Rapporti. Schltro cartilagino. Muscoli intrinsci d strinsci. Cord vocali vr fals. Vascolarizzazion innrvazion. TRACHEA E BRONCHI PRINCIPALI POLMONI ANATOMIA MICROSCOPICA DELL APPARATO RESPIRATORIO (Laboratorio) CAVITA ORALE Topografia. Rapporti nl collo all intrno dl mdiastino. Configurazion strna. Vascolarizzazion innrvazion. Topografia di polmoni. Anatomia macroscopica. Albro bronchial intrapolmonar.sgmnti polmonari. Sirosa plurica sni plurali. Vascolarizzazion di polmoni : circolo funzional circolo nutritizio. Innrvazion dl polmon. Cavità mdiastinica. Sviluppo dll apparato rspiratorio. Significato funzional dlla mucosa rspiratoria. Struttura di: laring, tracha, bronchi polmoni. Vstibolo dlla bocca cavità oral propriamnt dtta. Lingua. Ghiandol salivari maggiori (

12 parotid, sottolinguali, sottomandibolari ). Istmo dll fauci. Vascolarizzazion dlla cavità oral. FARINGE Coordinat topografich. Muscoli dlla faring.vascolarizzazion innrvazion. Spazi latro-faringi. ESOFAGO Topografia rapporti. Vascolarizzazion innrvazion. CAVITA Topografia di quadranti addominali. ADDOMINALE Comportamnto dlla sirosa pritonal. Muscoli dlla part addominal antro-latral. Canal inguinal. STOMACO Topografia. Rapporti. Anatomia macroscopica radiologica. Vascolarizzazion. Innrvazion. Comportamnto dl pritono : grand piccolo omnto, borsa omntal. INTESTINO TENUE Topografia, rapporti, anatomia macroscopica radiologica, vascolarizzazion innrvazion di : duodno, digiuno, ilo. Comportamnto dl pritono msntr. INTESTINO CRASSO Topografia, rapporti, anatomia macroscopica radiologica, vascolarizzazion innrvazion di : cico, appndic vrmiform, colon ascndnt, colon trasvrso, colon discndnt, colon sigmoido. Comportamnto dl pritono msocolon trasvrso. INTESTINO RETTO Topografia, rapporti, anatomia macroscopica dll intstino rtto. Comportamnto dl pritono. Vascolarizzazion : plssi morroidari; anastomosi porto-cavali. Innrvazion dll intstino rtto. FEGATO Topografia, rapporti, anatomia macroscopica. Vascolarizzazion : sistma portal. Innrvazion. Vi biliari intrapatich. Cistiflla vi biliari xtrapatich. Comportamnto dl pritono. PANCREAS Topografia, rapporti, anatomia macroscopica. Vascolarizzazion innrvazion. Comportamnto dl pritono. ORGANOGENESI DELL APPARATO DIGERENTE ANATOMIA MICROSCOPICA DELL APPARATO DIGERENTE (Laboratorio) Sviluppo dgli organi dll apparato digrnt. Sviluppo dl pritono. Struttura di : lingua, ghiandol salivari maggiori ( parotid, sottolinguali sottomandibolari ), faring, sofago, stomaco ( cardias, fondo corpo, piloro ), intstino tnu ( duodno, digiuno ilo ), intstino crasso ( colon appndic vrmiform

13 APPARATO URINARIO APPARATO GENITALE FEMMINILE APPARATO GENITALE MASCHILE ), fgato, cistiflla pancras. RENI Loggia rnal.rapporti. Anatomia macroscopica.configurazion intrna. Impalcatura vascolar innrvazion. Anatomia funzional dl nfron. VIE URINARIE Dcorso, vascolarizzazion innrvazion dll vi urinari. VESCICA Anatomia topografica macroscopica. Rapporti in rlazion ai divrsi stati funzionali. Vascolarizzazion innrvazion. Comportamnto dl pritono (cavo vscico-utrino cavo rttovscical ). ANATOMIA Struttura di: rni, urtri, vscica. MICROSCOPICA DELL APPARATO URINARIO (Laboratorio) ORGANOGENESI DELL APPARATO URINARIO Sviluppo dgli organi dll apparato urinario. OVAIO Anatomia topografica macroscopica. Vascolarizzazion innrvazion. Mzzi di fissità. TUBE UTERINE Dcorso. Comportamnto dl pritono. Vascolarizzazion innrvazion. UTERO Topografia : antiflssion antivrsion. Configurazion strna intrna. Lgamnti pritonali mzzi di fissità. Vascolarizzazion innrvazion. VAGINA PERINEO FEMMINILE TESTICOLO Configurazion rapporti. Muscoli fasc dl prino loro topografia in rlazion all struttur contnut nlla plvi fmminil. Anatomia macroscopica tonach di rivstimnto all intrno dllo scroto ( in rlazion al canal inguinal ). Mdiastino tsticolar.vascolarizzazion innrvazion. VIE SPERMATICHE Dcorso di: condottini ffrnti, rt tstis, pididimo, condotto dfrnt. Vascolarizzazion innrvazion. GHIANDOLE ANNESSE PERINEO Topografia anatomia macroscopica di : vscichtt sminali, prostata, ghiandol bulbourtrali. Muscoli fasc dl prino loro topografia in

14 Lgnda Argomnti trattati anch in altri corsi ANATOMIA MICROSCOPICA DEGLI APPARATI GENITALI (Laboratorio) APPARATO ENDOCRINO MASCHILE ORGANOGENESI DEGLI APPARATI GENITALI GHIANDOLA IPOFISI GHIANDOLA TIROIDE GHIANDOLE PARATIROIDI GHIANDOLE SURRENALI PANCREAS ENDOCRINO ORGANOGENESI DELL APPARATO ENDOCRINO ANATOMIA MICROSCOPICA DELL APPARATO ENDOCRINO rlazion all struttur contnut nlla plvi maschil. Struttura microscopica di: ovaio, tub utrin, utro, tsticolo, pididimo,dfrnt, prostata. Sviluppo dgli organi dll apparato gnital maschil dll apparato gnital fmminil ( in paralllo ). Topografia rapporti. Anatomia macroscopica. Vascolarizzazion : ass ipotalamo-ipofisario. Anatomia funzional. Topografia, rapporti configurazion strna. Vascolarizzazion innrvazion. Topografia significato funzional. Anatomia topografica. Configurazion strna. Vascolarizzazion innrvazion. Isol di Langhrans : struttura significato funzional. Sviluppo dgli organi dll apparato ndocrino. Struttura dll ghiandol : ipofisi, tiroid, paratiroidi, surrnali, pancras ndocrino.

15 CFU Unibo 10 (72 or + 20 di laboratorio) CFU Cor Nazional (1,24+2,2) 3,4 Gntica (1,4+2,4) 3,8

16 Dnominazion dll sam/vrifica di profitto: BIOLOGIA E GENETICA Canal A + B CORE CURRICULUM NAZIONALE ESAME/ Ambito Tma Gnral Unità Didattica di Bas UNITÀ DIDATTICA VERIFICA Cultural ARTICOLATA Gntica Gntica Gntica Gntica Gntica Gntica Principi di La matria vivnt L proprità di vivnti Il dogma cntral dlla La toria cllular Principi di Livlli di organizzazion dlla matria vivnt Gli organismi vivnti l ambint La cllula procariotica La cllula ucaristica I virus Principi di Unità divrsità dlla vita Critri di classificazion di vivnti L voluzion l su tapp fondamntali Biognsi dgli organuli cllulari Gntica Gntica Principi di L molcol informazionali Organizzazion dl matrial gntico Organizzazion dl matrial gntico Gn gnoma La cromatina Ruolo biologico di DNA, RNA protin Dfinizion di gn Struttura dl gn Organizzazion dl gnoma umano (gni famigli gnich, squnz riptut DNA xtragnico) Struttura livlli di organizzazion dlla cromatina Corsi con i quali si sovrappon l argomnto com tutta Citologia, la c. procariotica anch con Microbiologia Chimica propdutica biochimica Ossrvazioni dgli studnti Gntica Gntica Gntica Esprssion dl gn Funzioni cllulari intgrat Rgolazion gnica Funzioni dll mmbran intrn rapporto con la Conctto di rgolazion gnica Cromatina rgolazion gnica Rgolazion trascrizional, posttrascrizional, traduzional posttraduzional ngli ucarioti Il diffrnziamnto Modificazioni post-traduzionali dll protin com tutta Citologia

17 mmbrana plasmatica Smistamnto trasporto dll protin

18 Gntica Gntica Gntica Gntica Gntica Gntica Gntica Gntica Gntica Funzioni cllulari Comunicazion cllular Rapporti cllula-cllula cllulamatric intgrat xtracllular Gntica Erdità Cromosomi Struttura funzion di cromosomi Analisi dl cariotipo Mitosi miosi: distribuzion di corrdi gntici Gntica Erdità Lggi dll rdità Significato dgli sprimnti di Mndl Conctto di dominanza rcssività Albri gnalogici Erdità autosomica Erdità lgata al ssso Gntica Erdità Ecczioni allo schma Associazion scambio mndliano Polialllia Erdità mitocondrial Imprinting Gntica Erdità Erdità multifattorial Carattri complssi Toria polignica Intrazioni gnich, polimria, pistasi, pntranza, sprssività Gntica Variabilità Variabilità gntica Gni ambint Poliformismo Danni al DNA mutazioni Mutazioni; mccanismi classificazion Gntica Variabilità Gntica di popolazion Lgg di Hardy-Winbrg su applicazioni Forz modificanti l proporzioni di Hardy-Winbrg Gntica Approcci molcolari allo studio dll malatti rditari Mtodich Bibliografia Clonaggio PCR Squnziamnto Animali transgnici knock-out Division cllular Mitosi miosi Riproduzion di molcol, cllul, organismi Significato biologico dlla Gntica mdica Gntica Mdica Patologia Molcolar Gntica mdica Gntica Mdica Mglio in Gntica mdica

19 Gntica Gntica Gntica Gntica division cllular Fnomnologia di procssi di division cllular Division cllular Il ciclo cllular Fasi dl ciclo cllular Mccanismi di controllo dl ciclo cllular Gntica Riproduzion dgli organismi Riproduzion dgli organismi Riproduzion dgli organismi Stratgi riproduttiv di vivnti Riproduzion nlla spci umana Apoptosi snscnza cllular Riproduzion sssualità Fnomni parasssuali Riproduzion sssuata asssuata Gamtognsi fmminil maschil: fnomnologia rgolazion Struttura di gamti maturi Fcondazion Dtrminazion dl ssso Dtrminazion ambintal gntica I cromosomi sssuali Dtrminazion dl ssso nlla spci umana (CI ) a Fisiologia I Il ciclo ovarico è sovrapposto Gntica Riproduzion dgli organismi Citologia Diffrnziamnto ssso dl Diffrnziamnto di carattri sssuali primari scondari Non è splicitato nl programma, ma vin svolto a lzion* Lgnda Argomnti trattati anch in altri corsi *La Citologia è propdutica sia a gntica sia a. Attualmnt vin svolta da ntrambi i corsi. Si suggrisc un coordinamnto tra i du insgnamnti. Poiché nl nuovo Cor ntra nll Ambito Cultural Intgrato di Morfologia Umana, la citologia potrbb ssr svolta pr la maggior part in.

20 CFU Unibo 10 CFU Cor 3,86 CI-Chimica Prop. Biochimica CORE CURRICULUM Canali 1 2 NAZIONALE ESAME/VERIFICA A-Ambito B Tma Gnral D-Unità Didattica UNITÀ DIDATTICA ARTICOLATA Corsi con i quali Cultural di Bas si sovrappon l argomnto Chimica propdutica Biochimica Chimica Dinamica molcolar La razion chimica Trmodinamica chimica: dfinizion grandzz trmodinamich loro significato. Razioni di non ossidoriduzion Numro di ossidazion Razioni di ossidoriduzion Potnziali normali d quazion di Nrnst. Propdutica Biochimica Stchiomtria Equilibrio chimico Struttura dinamica di composti organici. Struttura dinamica di composti organici di intrss biologico Esprssioni dlla concntrazion Equilibrio chimico in sistmi omogni Equilibrio chimico in sistmi trogni Equilibrio ionico in soluzion acquosa Idrocarburi Composti monofunzionali Mccanismi cintici organici Carboidrati Esprssioni dlla concntrazion Paramtri ch influnzano l quilibrio chimico Vlocità di razion d quilibrio chimico La costant di quilibrio Equilibrio chimico in sistmi trogni Prodotto ionico dll acqua Toria dgli acidi dll basi scondo Bronstd Lowry Dfinizion di ph Fnomno dll idrolisi Soluzioni tampon I tamponi dl sangu Titolazioni acido/bas Indicatori di ph Classificazion di composti organici basata sulla configurazion lttronica dl carbonio Idrocarburi alifatici d aromatici Composti aromatici trociclici. Isomria Struttur proprità di composti monofunzionali: alognuri, alcoli, noli fnoli, tioalcoli tiotri, ammin, aldidi, chtoni, acidi carbossilici drivati. Toria dgli acidi dll basi scondo Lwis Razioni di liminazion Razioni di addizion Razioni di sostituzion Carbonio chiral, stroisomria, isomria ottica, nantiomri, anomri, pimri. Struttura proprità di monosaccaridi, disaccaridi gntica Ossrvazioni dgli studnti

21 Lipidi fosfolipidi Amminoacidi protin Acidi Nuclici Struttura dll protin Amminoacidi protici L protin fibros globulari Mioglobina d moglobina Bionrgtica gnral La trmodinamica ni sistmi cllulari Il mtabolismo dgli acidi nuclici la sintsi protica L ossidoriduzioni biologich DNA: struttura mtabolismo RNA: struttura mtabolismo La biosintsi dll protin polisaccaridi Struttura proprità di grassi dgli olii Struttura proprità di lipidi di mmbrana: glicrofosfolipidi sfingolipidi Struttura proprità dgli amminoacidi Punto isolttrico Calcolo dl ph al punto isoionico Titolazion dgli amminoacidi La struttura primaria scondaria dll protin Struttur proprità dll basi dl DNA RNA Struttur proprità di nuclosidi nuclotidi Proprità dll catn latrali dgli amminoacidi. Indic idropatico. Classificazion. Assunzion dlla forma nativa. Il procsso di dnaturazion. Rlazion fra struttura funzion. Il trasporto dll ossigno dlla CO 2. Efftto Bohr. Modulazion allostrica. Equilibrio stato stazionario. ΔG ΔG. Razioni accoppiat. Potnziali di trasfrimnto nrgtico di gruppi. L ATP suo ruolo cntral nl mtabolismo. Sistmi rdox. Rapporto fra ΔG ΔE. L ossido-rduttasi. I conzimi piridinici, flavinici, chinonici, minici, acido lipoico, acido ascorbico. DNA A, B, Z. Suprlicità positiva ngativa. Fusion dl DNA d fftto iprcromico. Mccanismi biochimici dlla rplicazion Danni procssi di riparazion. Il DNA mitocondrial sua duplicazion. Vari tipi di RNA. Mccanismi biochimici dlla trascrizion Maturazion dl RNA: splicing modificazioni post-trascrizionali. Rgolazion dlla trascrizion ni procarioti Codic gntico. Sintsi di amminoacil-rnat. Inizio, allungamnto trminazion dlla catna polipptidica. Bilancio nrgtico. Biochimica mtabolica molcolar

22 Enzimologia (Intgrativo) Enzimologia Esrcitazioni di laboratorio a piccoli gruppi di 24 studnti Gnralità sugli nzimi Mccanismo d azion dgli nzimi Cintica dll razioni nzimatich Titolazioni acido/bas Modlli molcolari: protin, ac. nuclici Cintica nzimatica. Modificazioni post-traduzionali. Struttura. Classificazion. Conzimi, cofattori, gruppi prosttici. Isonzimi. Formazion dl complsso nzimasubstrato. Lo stato di transizion. L nrgia di attivazion dll razioni catalizzat. Modllo di Michalis-Mntn. Inibizion nzimatica. Attivazion inattivazion irrvrsibili. Enzimi allostrici. Modulazion covalnt. Titolazioni acido/bas Modlli molcolari: protin, ac. nuclici Cintica nzimatica Lgnda Argomnti trattati anch in altri corsi

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO

MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÁ E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO PROVINCIALE DI SALERNO PIANO EDUCATIVO INDIVIDUALIZZATO Distrtto Scolastico N 53 Nocra Infrior (SA) SCUOLA MEDIA STATALE Frsa- Pascoli Vial Europa ~ 84015 NOCERA SUPERIORE (SA) Tl. 081 933111-081 931395- fax: 081 936230 C.F.: 94041550651 Cod: Mcc.: SAMM28800N

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE

PROGETTAZIONE DIDATTICA PER COMPETENZE ISTITUTO TECNICO INDUSTRIALE STATALE G. M. MONTANI CONVITTO ANNESSO AZIENDA AGRARIA 63900 FERMO Via Montani n. 7 - Tl. 0734-622632 Fax 0734-622912 www.istitutomontani.it -mail aptf010002@istruzion.it Coc

Dettagli

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R.

Progetto I CARE Progetto CO.L.O.R. Attori in rt pr la mobilità di risultati dll apprndimnto Dirtta WEB, 6 dicmbr 2011 Progtto I CARE Progtto CO.L.O.R. Elmnti distintivi complmntarità Michla Vcchia Fondazion CEFASS gli obittivi Facilitar

Dettagli

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA

REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA CONCORSO DI PROGETTAZIONE UNA NUOVA VIVIBILITA PER IL CENTRO DI NONANTOLA PROCESSO PARTECIPATIVO INTEGRATO CENTRO ANCH IO! REPORT DELLA VALUTAZIONE COLLETTIVA ESITO DELLE VOTAZIONI RACCOLTE DURANTE LE

Dettagli

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4

- Radioattività - - 1 - 1 Ci = 3,7 1010 dis / s. ln 2 T 2T = e ln 2 2 = e 2ln 2 = 1 4 Radioattività - Radioattività - - - Un prparato radioattivo ha un attività A 0 48 04 dis / s. A quanti μci (microcuri) si riduc l attività dl prparato dopo du tmpi di dimzzamnto? Sapndo ch: ch un microcuri

Dettagli

Esercizi sullo studio di funzione

Esercizi sullo studio di funzione Esrcizi sullo studio di funzion Prima part Pr potr dscrivr una curva, data la sua quazion cartsiana splicita f () occorr procdr scondo l ordin sgunt: 1) Dtrminar l insim di sistnza dlla f () ) Dtrminar

Dettagli

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco

Art. 1. - Campo di applicazione e definizioni Art. 2. - Classificazione di reazione al fuoco DM 10 marzo 2005 Classi di razion al fuoco pr i prodotti da costruzion da impigarsi nll opr pr l quali ' prscritto il rquisito dlla sicurzza in caso d'incndio. (GU n. 73 dl 30-3-2005) IL MINISTRO DELL'INTERNO

Dettagli

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza

GUIDE ITALIA Un confronto sulle ultime tendenze a supporto della semplificazione e dell efficienza GUIDE ITALIA Un confronto sull ultim tndnz a supporto dlla smplificazion dll fficza L voluzion dll architttur IT Sogi RELATORE: Francsco GERBINO 16 novmbr 2010 Agnda Prsntazion dlla Socità Architttur IT

Dettagli

Parcheggi e altre rendite aeroportuali

Parcheggi e altre rendite aeroportuali Argomnti Parchggi altr rndit aroportuali Marco Ponti Elna Scopl La rgolamntazion dl sistma aroportual italiano fino al 2007 non ha vitato la formazion di rndit ingiustificat. In particolar l attività non-aviation,

Dettagli

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica.

CORSO. FIM Via. associazione geometri liberi professionisti. della provincia di Modena. Sede. Costi. Colleg. 2 Pia. rispettivi tecnica. CORSO MASTER associazion gomtri libri profssionisti dlla provincia Modna novmbr, cmbr 2014 gnnaio, fbbraio PERCORSO FORMATIVO DI 48 ORE Sd Il corsoo è organizzato prsso la sala convgni dl Collg io Gomm

Dettagli

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI

IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI IL NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO SULL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI EDIFICI D.Lgs. 192/2005 + D.Lgs. 311/2006 Vincnzo Corrado, Matto Srraino Dipartimnto di Enrgtica Politcnico Di Torino un progtto di:

Dettagli

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga

Provvedimento di Predisposizione del Programma Annuale dell'esercizio finanziario 2014. Il Dsga Provvdimnto di Prdisposizion dl Programma Annual dll'srcizio finanziario 2014 Il Dsga Visto Il Rgolamnto crnnt l istruzioni gnrali sulla gstion amministrativotabil dll Istituzioni scolastich Dcrto 01 Fbbraio

Dettagli

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti

Le politiche per l equilibrio della bilancia dei pagamenti L politich pr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti Politich pr ottnr l quilibrio dlla bilancia di pagamnti (BP = + MK = 0) nl lungo priodo BP 0 non è sostnibil prchè In cambi fissi S BP0 si sauriscono

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi

Guida allʼesecuzione di prove con risultati qualitativi TitoloTitl Guida allʼscuzion di prov con risultati qualitativi Guid to prform tsts with qualitativ rsults SiglaRfrnc DT-07-DLDS RvisionRvision 00 DataDat 0602203 Rdazion pprovazion utorizzazion allʼmission

Dettagli

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO

1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO 1. La struttura di rlazioni tra manifattura srvizi all imprs in un contsto uropo 11 1. LA STRUTTURA DI RELAZIONI TRA MANIFATTURA E SERVIZI ALLE IMPRESE IN UN CONTESTO EUROPEO La quota di srvizi sul commrcio

Dettagli

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma

Poteri/ funzioni attribuiti dalla norma Compiti funzioni attribuiti dalla tiva all nazional Lgg Art. 6, comma 5 Art. 6, comma 7, ltt.a Art. 6, comma 7, ltt.b Potri/ funzioni attribuiti dalla Vigilanza su tutti i contratti pubblici (lavori, srvizi

Dettagli

LA TRASFORMATA DI LAPLACE

LA TRASFORMATA DI LAPLACE LA RASFORMAA DI LAPLACE Pr dcrivr l voluzion di un itma in rgim tranitorio, oia durant il paaggio dll ucit da un rgim tazionario ad un altro, è ncario ricorrr ad un modllo più gnral riptto al modllo tatico,

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso Il sistema endocrino Il sistema endocrino o sistema ormonale è rappresentato da un insieme di ghiandole e cellule (dette ghiandole endocrine e cellule endocrine) le quali secernono delle sostanze proteiche

Dettagli

LA MEMBRANA PLASMATICA

LA MEMBRANA PLASMATICA LA MEMBRANA PLASMATICA 1. LE FUNZIONI DELLA MEMBRANA PLASMATICA La membrana plasmatica svolge le seguenti funzioni: 1. tenere concentrate tutte le sostanze indispensabili alla vita: è proprio la membrana

Dettagli

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP

Infatti il glucosio viene bruciato in presenza di ossigeno e l'energia liberata, immagazzinata sotto forma di ATP I mitocondri sono gli organuli responsabili della produzione di energia necessaria alla cellula per crescere e riprodursi. Queste reazioni, che nel loro insieme costituiscono il processo di "respirazione

Dettagli

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività

Comunità Europea (CE) International Accounting Standards, n. 36. Riduzione durevole di valore delle attività Scopo contnuto dl documnto Comunità Europa (CE) Intrnational Accounting Standards, n. 36 Riduzion durvol di valor dll attività Riduzion durvol di valor dll attività SOMMARIO Finalità 1 Ambito di applicazion

Dettagli

Infortunio sul lavoro:

Infortunio sul lavoro: Infortunio sul lavoro: evento che determina un danno alla persona, che si verifica per causa violenta in occasione di lavoro nell ambiente di lavoro, in un breve periodo di tempo (< 8 ore lavorative) Malattia

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino:

Studio di funzione. Pertanto nello studio di tali funzioni si esamino: Prof. Emnul ANDRISANI Studio di funzion Funzioni rzionli intr n n o... n n Crttristich: sono funzioni continu drivbili in tutto il cmpo rl D R quindi non sistono sintoti vrticli D R quindi non sistono

Dettagli

Il ciclo cellulare e la sua regolazione

Il ciclo cellulare e la sua regolazione Il ciclo cellulare e la sua regolazione Le cellule possono essere classificate in base alla loro capacità di crescere e di dividersi: Cellule che hanno perso la capacità di dividersi (cellule neuronali,

Dettagli

( D) =,,,,, (11.1) = (11.3)

( D) =,,,,, (11.1) = (11.3) G. Ptrucci Lzioni di Cotruzion di Macchin. CRITERI DI RESISTENZA La vrifica di ritnza ha o copo di tabiir o tato tniona d mnto truttura anaizzato è ta da provocarn i cdimnto into com rottura o nrvamnto.

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

-uno o più IONI INORGANICI

-uno o più IONI INORGANICI Coenzimi e vitamine Alcuni enzimi, per svolgere la loro funzione, hanno bisogno di componenti chimici addizionali, i COFATTORI APOENZIMA + COFATTORE = OLOENZIMA = enzima cataliticamente attivo Il cofattore

Dettagli

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono unità 3. Le cellule crescono e si riproducono Durante l interfase la cellula aumenta di dimensioni sintetizza nuove proteine e nuovi organuli duplica il DN al termine di questi processi la cellula compie

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine.

2.1 Proprietà fondamentali dei numeri reali. 1. Elenchiamo separatamente le proprietà dell addizione, moltiplicazione e relazione d ordine. Capitolo 2 Numri rali In qusto capitolo ci occuprmo dll insim di numri rali ch indichrmo con il simbolo R: lfunzionidfinitsutaliinsimiavaloriralisonol oggttodistudiodll analisi matmatica in una variabil.

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA)

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) Lo sviluppo embrionale è il processo che, per successive mitosi porta dallo zigote all'individuo completo. Lo sviluppo embrionale comprende in realtà vari aspetti, che

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

Lo strato limite PARTE 11. Indice

Lo strato limite PARTE 11. Indice PARTE 11 a11-stralim-rv1.doc Rl. /5/1 Lo strato limit Indic 1. Drivazion dll qazioni indfinit di Prandtl pr lo strato limit sottil pag. 3. Intgrazion nmrica dll qazioni indfinit di Prandtl. 11 3. Lo strato

Dettagli

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale

PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale PROGETTO DI STUDIO: Sistema informativo per lo studio delle patologie di sospetta origine professionale Il territorio dell ASL 18 e 19 appartiene all area del Delta del Po di Polesine, dichiarata nel 1996

Dettagli

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA Per prenotare ed eseguire un esame è necessario: 1. Il paziente deve avere una richiesta medica completa che comprenda cognome e nome, data di nascita, numero

Dettagli

LE RACCOMANDAZIONI 2007 DELL ICRP: esame e applicazione

LE RACCOMANDAZIONI 2007 DELL ICRP: esame e applicazione LE RACCOMANDAZIONI 2007 DELL ICRP: esame e applicazione Stime di rischio stocastico e detrimento sanitario G. Trenta, AIRM, Roma L IPOTESI PORTANTE: LNT Ancorché ci siano riconosciute eccezioni, per i

Dettagli

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto

Fenomeni di trasporto. Fenomeni di trasporto La comprensione dei processi fisici, chimici e biologici che governano il trasporto di materia e la trasmissione delle forze è di fondamentale importanza per lo studio della fisiologia cellulare e l ingegnerizzazione

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE

COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE COMUNICAZIONE TRA CELLULE E AMBIENTE 1. LE CELLULE COMUNICANO TRA LORO Le cellule vegetali comunicano attraverso i plasmodesmi. Dato lo spessore della parete cellulare, come possono interagire tra loro

Dettagli

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona.

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona. Glossario Il seguente glossario è stato concordato da numerose nazioni europee coinvolte nel progetto Eurocet con l intento di armonizzare la terminologia utilizzata nel settore della donazione e del trapianto

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015

UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE. Programmazione didattica a.a. 2014/2015 UNIVERSITA DEGLI STUDI MAGNA GRAECIA DI CATANZARO DIPARTIMENTO DI SCIENZE DELLA SALUTE CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE Classe L2 Programmazione didattica a.a. 2014/2015 Per l anno accademico 2014-2015

Dettagli

ALLENARE GLI ADDOMINALI

ALLENARE GLI ADDOMINALI ALLENARE GLI ADDOMINALI La teoria di allenamento degli addominali spesso non è ben compresa; molte persone si limitano ad eseguire centinaia di crunch senza però capire come funzionano i muscoli addominali

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI

DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI LEZIONE 16 Sistemi di regolazione SISTEMI DI REGOLAZIONE A DUE COMPONENTI In che modo un batterio sente e risponde a specifici segnali provenienti dall ambiente? Per esempio, nel caso dell operone lac

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014

I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 I NUMERI DEL CANCRO IN ITALIA 2014 2 A cura di: Via Malta 12/B 25124 Brescia Tel. 030.226105 fax. 030.2420472 intermedia@intermedianews.it www.medinews.it 3 Prefazione

Dettagli

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014)

PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) PROGRAMMA DI FISICA ( CLASSE I SEZ. E) ( anno scol. 2013/2014) Le grandezze fisiche. Metodo sperimentale di Galilei. Concetto di grandezza fisica e della sua misura. Il Sistema internazionale di Unità

Dettagli

Edizione 2004 PSICOPEDAGOGIA. Lo sviluppo, le funzioni organiche e la motricità Le fasi dello sviluppo Biologico Psicologico Cognitivo Socio affettivo

Edizione 2004 PSICOPEDAGOGIA. Lo sviluppo, le funzioni organiche e la motricità Le fasi dello sviluppo Biologico Psicologico Cognitivo Socio affettivo PSICOPEDAGOGIA FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO COMITATO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Lo sviluppo, le funzioni organiche e la motricità Le fasi dello sviluppo Biologico Psicologico Cognitivo Socio affettivo Le fasi

Dettagli

LA MOBILITÀ ARTICOLARE

LA MOBILITÀ ARTICOLARE LA MOBILITÀ ARTICOLARE DEFINIZIONE La mobilità articolare (detta anche flessibilità o scioltezza articolare) è la capacità di eseguire, nel rispetto dei limiti fisiologicamente imposti dalle articolazioni,

Dettagli

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia

12.200 i nuovi casi di tumore al pancreas ogni anno in Italia Come prevenire il tumore del pancreas insieme contro il cancro Il pancreas e il tumore Il pancreas è un organo dalla forma simile a quella di una pera o di una lingua, situato in profondità nella cavità

Dettagli

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO

OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO OMEOSTASI DEL Ca 2+ e FOSFORO Metabolismo del calcio Il calcio è il minerale più rappresentato nell organismo umano (1000-1200 gr) Il 99% del Ca corporeo si trova nello scheletro e nei denti, per lo più

Dettagli

Corrente elettrica e corpo umano

Corrente elettrica e corpo umano Corrente elettrica e corpo umano 1/68 Brevi richiami di elettrofisiologia 1790 Luigi Galvani effettuò esperimenti sulla contrazione del muscolo di rana per mezzo di un bimetallo: concluse che si trattava

Dettagli

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore

Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Agosto 2013 Salute intestinale in avicoltura Il mondo interiore Dr. Richard A. Bailey, Poultry Health Scientist Sommario Introduzione Flora Intestinale Mantenere in equilibrio la salute intestinale Conclusioni

Dettagli

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010

Corso di ordinamento - Sessione suppletiva - a.s. 2009-2010 Corso di ordinmnto - Sssion suppltiv -.s. 9- PROBLEMA ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO CORSO DI ORDINAMENTO SESSIONE SUPPLETIA Tm di: MATEMATICA. s. 9- Dt un circonrnz di cntro O rggio unitrio, si prndno

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti

Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 2011/2012 - Docente: Prof. Carlo Isetti Corso di Fisica tecnica e ambientale a.a. 0/0 - Docente: Prof. Carlo Isetti LAVORO D NRGIA 5. GNRALITÀ In questo capitolo si farà riferimento a concetto quali lavoro ed energia termini che hanno nella

Dettagli

L ELLISSOIDE TERRESTRE

L ELLISSOIDE TERRESTRE L ELLISSOIDE TERRESTRE Fin dll scond mtà dl XVII scolo (su propost di Nwton) l suprfici più dtt ssr ssunt com suprfici di rifrimnto pr l Trr è stt individut in un ELLISSOIDE DI ROTAZIONE. E l suprfici

Dettagli

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti

C.A.S. Teoria dell allenamento PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO. Le funzioni Le componenti Di Marco Mozzi PARTE II: IL MOVIMENTO UMANO Le funzioni Le componenti Avendo riportato, all interno del paragrafo dedicato agli obiettivi, alcuni concetti che possono risultare di difficile comprensione

Dettagli

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute

Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Ricerca, Qualità, Sicurezza e Salute Chi Siamo Hygeia Lab S.r.l. nasce nel 2011 dalla passione e dal desiderio di giovani laureati di continuare la crescita e la formazione scientifica. E una Start-Up

Dettagli

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica

Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014. Prof.ssa Piacentini Veronica Classe 3 D Bucci Arianna Evangelista Andrea Palombo Leonardo Ricci Alessia Progetto di Scienze a.s. 2013/2014 Prof.ssa Piacentini Veronica La corrente elettrica La corrente elettrica è un flusso di elettroni

Dettagli

Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit. lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS

Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit. lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS Linee Guida per la Redazione del Bilancio Sociale delle Organizzazioni Non Profit lo studio è stato realizzato in collaborazione con ALTIS 1 INDIC INDIC...2 PRFAZION...4 RINGRAZIAMNTI...6 PRSNTAZION...7

Dettagli

Il Metodo del Vocal Fry

Il Metodo del Vocal Fry Il Metodo del Vocal Fry E' un metodo di addestramento vocale particolarmente indicato agli appassionati del Blues, del Soul e del Jazz. Enfatizza la voce di petto. Si basa sulle leggi fisiologiche e acustiche

Dettagli

Presentando le cellule staminali

Presentando le cellule staminali Presentando le cellule staminali 1 Alcune note prima di iniziare Questa presentazione va considerata come uno strumento flessibile per scienziati, divulgatori scientifici ed insegnanti. Non tutte le diapositive

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1)

tanhαl + i tan(ωl/v) 1 + i tanh αl tan(ωl/v). (10.1) 10 - La voce umana Lo strumento a fiato senz altro più importante è la voce, ma è anche il più difficile da trattare in modo esauriente in queste brevi note, a causa della sua complessità. Vediamo innanzitutto

Dettagli

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua

SOMMARIO. I Motori in Corrente Continua SOMMARIO Gralità sull Macchi i Corrt Cotiua...2 quazio dlla forza lttromotric...2 Circuito quivalt...2 Carattristica di ccitazio...3 quazio dlla vlocità...3 quazio dlla Coppia rsa all'albro motor:...3

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE PROIEZIONE STANDARD ANTERO- POSTERIORE Indicazioni: traumatologia, neoplasie, alterazioni flogistiche e degenerative delle articolazioni. Posizione del paziente:

Dettagli

LESIONI APPARATO SCHELETRICO CRANIO TIPOLOGIA DI LESIONE FRATTURA OSSO FRONTALE O OCCIPITALE O PARIETALE O

LESIONI APPARATO SCHELETRICO CRANIO TIPOLOGIA DI LESIONE FRATTURA OSSO FRONTALE O OCCIPITALE O PARIETALE O Allegato A) LESIONI APPARATO SCHELETRICO CRANIO FRATTURA OSSO FRONTALE O OCCIPITALE O PARIETALE O 7,00% TEMPORALE O LINEE DI FRATTURA INTERESSANTI TRA LORO TALI OSSA FRATTURA SFENOIDE FRATTURA OSSO ZIGOMATICO

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

NOVITA SULLA VITAMINA D DR. R. GIANNATTASIO D M I LIVELLO UOC MEDICINA NUCLEARE E CMM PSP ELENA D AOSTA ASL NA1 CENTRO

NOVITA SULLA VITAMINA D DR. R. GIANNATTASIO D M I LIVELLO UOC MEDICINA NUCLEARE E CMM PSP ELENA D AOSTA ASL NA1 CENTRO NOVITA SULLA VITAMINA D DR. R. GIANNATTASIO D M I LIVELLO UOC MEDICINA NUCLEARE E CMM PSP ELENA D AOSTA ASL NA1 CENTRO VITAMINA D3 E D2 Deriva dal colesterolo, sintetizzato dagli organismi animali Deriva

Dettagli

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili.

VLT. Aminoacidi Caffeina Derivati botanici Vitamine idrosolubili. VLT VLT (leggi Volt) è un gel energizzante il cui effetto si fonda sulla combinazione e sinergia d azione propria dei componenti in esso contenuti. In VLT si ritrovano, difatti, molteplici principi attivi

Dettagli

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie

La trascrizione nei procarioti. Prof. Savino; dispense di Biologia Molecolare, Corso di Laurea in Biotecnologie La trascrizione nei procarioti Concetti base Nucleoside base purinica o pirimidinica legata alla posizione 1 dell anello pentoso Nucleotide base azotata-pentoso-fosfato Concetti base La trascrizione comporta

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli