LE RELAZIONI PUBBLICHE DISCIPLINA DI STUDIO E PROFESSIONE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE RELAZIONI PUBBLICHE DISCIPLINA DI STUDIO E PROFESSIONE"

Transcript

1 LE RELAZIONI PUBBLICHE DISCIPLINA DI STUDIO E PROFESSIONE La crescita e l affermazione delle RP in Italia e all estero I nuovi scenari delle RP alla luce dei recenti Accordi di Stoccolma

2 DIVERSE DEFINIZIONI CHE COLGONO ASPETTI DIFFERENTI Public relations helps an organization and its publics adapt mutually to each other. PRSA (Public Relations Society of America) 1982 National Assembly L attività professionale di Relazioni Pubbliche, unica o preminente, è definita dalla finalità di creare, di sviluppare e di gestire sistemi di relazione con i pubblici influenti sul raggiungimento degli obiettivi perseguiti da singoli, da imprese, da enti, da associazioni, da amministrazioni pubbliche e da altre organizzazioni. Ferpi, Art.1 dello Statuto La professione di relazioni pubbliche è costituita dall insieme delle attività di ascolto e riflessiva, relazionali e comunicazionali gestite con le tecniche manageriali al fine di collaborare alla definizione delle strategie aziendali, di supportare il raggiungimento degli obiettivi aziendali e di rafforzare la reputazione, attraverso un elevato grado di coerenza e sinergia realizzate tra l insieme delle iniziative comunicazionali e le azioni gestionali e produttive. Emanuele Invernizzi Università Iulm Manuale di Relazioni Pubbliche. Le tecniche e i servizi di base. (2005) F E R P I - F E D E R A Z I O N E R E L A Z I O N I P U B B L I C H E I T A L I A N A 2

3 NASCITA E SVILUPPO DELLE RELAZIONI PUBBLICHE ALCUNE TAPPE FONDAMENTALI anni anni La società Linoleum del gruppo Pirelli istituisce il primo ufficio RP in Italia. Nasce l Istituto per le Relazioni Pubbliche La Provincia di Bologna istituisce il primo ufficio RP di un ente pubblico in Italia. Nasce a Roma L Associazione Italiane di Relazioni Pubbliche AIRP che si scioglie nel 1958 trasformandosi in Unione Nazionale degli Esperti di Relazioni Pubbliche UNERP Nasce a Milano la Federazione Italiana Esperti di relazioni Pubbliche FIERP Nasce la FERPI Federazione Relazioni Pubbliche Italiana (FERPI). L Università di Firenze è la prima a istituire un corso di insegnamento in Comunicazione. Nasce ASSOREL Associazione delle Agenzie di Relazioni Pubbliche a Servizio Completo. È attivato il primo corso di laurea in Relazioni Pubbliche all Università Iulm di Milano. FERPI finanzia i primi dottorati italiani in Relazioni Pubbliche. F E R P I - F E D E R A Z I O N E R E L A Z I O N I P U B B L I C H E I T A L I A N A 3

4 RILEVANZA DELLE RELAZIONI PUBBLICHE A LIVELLO INTERNAZIONALE ALCUNI DATI +24% / + 13% È l aumento dei Public relations specialists / Public Relations managers previsto negli Stati Uniti dal 2008 al 2018 secondo lo U.S. Bureau of Labor Statistics. oltre Gli studenti iscritti alla PRSSA Public Relations Student Society of America, provenienti da oltre 300 college e università americane. 83 % Sono i responsabili delle agenzie di RP di 19 paesi nel mondo e aderenti alla ICCO (International Communication Consultancy Organization), che prevedono una crescita del mercato nel % Sono i professionisti europei, tra quelli che hanno partecipato alla survey European Communication Monitor 2010, che affermano come in questo momento di crisi economica la Comunicazione è diventata più importante per le loro organizzazioni. F E R P I - F E D E R A Z I O N E R E L A Z I O N I P U B B L I C H E I T A L I A N A 4

5 LA CRESCITA DELLE RELAZIONI PUBBLICHE E DELLE DISCIPLINE AFFINI IN ITALIA 160 I corsi di laurea di primo e di secondo livello in Comunicazione e Relazioni Pubbliche che nel 2009/2010 hanno ottenuto l accreditamento della Consulta Education Ferpi /Assorel per l adeguatezza dal punto di vista professionale del percorso di studi. Circa Gli operatori del settore stimati in Italia secondo dati Excelsior Unionmcamere % Le grandi imprese italiane con un Direzione Comunicazione nel 2008 secondo una ricerca dell Università Iulm. Erano il 12% nel 1994 e il 55% nel Numerosi corsi di insegnamento su RP e discipline affini Attivati in diverse facoltà, università e istituti di formazione: Relazioni Pubbliche, Comunicazione d impresa, Comunicazione di marketing, Comunicazione finanziaria, Etica della comunicazione, Comunicazione pubblica, Comunicazione sociale, CSR, Comunicazione ambientale, ecc. F E R P I - F E D E R A Z I O N E R E L A Z I O N I P U B B L I C H E I T A L I A N A 5

6 ANALISI ASSOREL 2009 L ANDAMENTO DEL MERCATO DELLE RP IN ITALIA Aree Professionali % 2009 Relazioni con i media 28.1 Com. di prodotto 18,5 Com. istituzionale 17,2 Organizzazione eventi 6,4 Com. finanziaria 6,4 Crisis management 6,1 Public affairs 4,0 Digital PR 3,1 Com. interna 2,3 Com. ambientale 2,3 Com. sociale 2,1 Prodotti editoriali 1,8 Relazioni BtoB 1,2 Sponsorizzazioni 0,3 Altro 0,2 «6 anni di crescita consecutiva e consistente» «incremento del +14% nel triennio 2008/2006 in controtendenza rispetto a tutti gli indicatori dell economia reale» contenimento del calo nel 2009 «nell ordine del -1%», dato ritenuto positivo «se confrontato con il calo del comparto della Comunicazione che ha registrato, per alcune discipline adiacenti alle RP, decrementi a due cifre» Fatturato Onorari Agenzie associate Assorel milioni di euro , , F E R P I - F E D E R A Z I O N E R E L A Z I O N I P U B B L I C H E I T A L I A N A 6

7 LE RP A SUPPORTO DELLA RESPONSABILITÀ SOCIALE E IN RISPOSTA ALLE RIVOLUZIONE DIGITALE Le aziende stanno inoltre riservando una sempre maggiore importanza alla reputazione e alla qualità etica percepita, sia della marca che dell azienda stessa, variabili per la cui costruzione è indispensabile il supporto di iniziative di RP e alle quali le imprese stanno dedicando un incremento degli investimenti in comunicazione, accresciute dalla rivoluzione digitale in atto, che ne ha comportato la disintermediazione, imponendo ai comunicatori un focus sempre più accentuato verso canali e fonti informative. Analisi Assorel L andamento del mercato delle Relazioni Pubbliche in Italia F E R P I - F E D E R A Z I O N E R E L A Z I O N I P U B B L I C H E I T A L I A N A 7

8 II. IL PRESENTE E IL FUTURO DELLE RP: GLI ACCORDI DI STOCCOLMA Le Relazioni Pubbliche acquisiscono un ruolo sempre più strategico in risposta ai cambiamenti tecnologici, economici e sociali degli ultimi anni. Il World Public Relations Forum svoltosi a Stoccolma lo scorso Giugno 2010 ha approvato un documento finale che traccia gli scenari futuri delle Relazioni Pubbliche. Un risultato ottenuto grazie al lavoro collettivo di professionisti, ricercatori e educatori provenienti da 20 paesi e 6 continenti. F E R P I - F E D E R A Z I O N E R E L A Z I O N I P U B B L I C H E I T A L I A N A 8

9 Il background concettuale: le RP nell odierna società a rete F E R P I - F E D E R A Z I O N E R E L A Z I O N I P U B B L I C H E I T A L I A N A 9

10 L ORGANIZZAZIONE COMUNICATIVA NELLA SOCIETÀ A RETE We re moving rapidly towards an increasingly network society that is placing demands on organizations capacity to act as first movers. Nella connettività globale 24 ore su 24 e 7 giorni su 7, il modello della catena di valore elaborato da Porter negli anni 80 (value chain), è evoluto in un processo che basa la produzione del valore sulla qualità della relazione esistente tra reti e tra componenti di ciascuna rete: Sven Hamrefors Mälardalen University (Sweden) Final Report in the Research Project Business Effective Communication (2009) Il value network L organizzazione nella società a rete agisce in questo nuovo contesto per potenziare il proprio business o valore, diventando una Organizzazione comunicativa F E R P I - F E D E R A Z I O N E R E L A Z I O N I P U B B L I C H E I T A L I A N A 10

11 La catena del valore F E R P I - F E D E R A Z I O N E R E L A Z I O N I P U B B L I C H E I T A L I A N A 11

12 It s not so much a matter of controlling information going to publics but participating in their conversations that are taking place around the organizations and in organizations and about organizations COMUNICARE A RELAZIONE CON Le organizzazioni al fine di produrre valore, aderire alla propria mission e raggiungere i propri obiettivi, sono chiamate a gestire Relazioni «simmetriche» e «a due vie» James E. Grunig University of Maryland (USA) The Third Annual Grunig Lecture Series PRSA International Conference (2010) Quelle che nel secolo scorso erano considerate masse suddivise in target da colpire, sono nell attuale società a rete Pubblici diversi, molteplici, interconnessi Le relazioni con questi pubblici (individui o altre organizzazioni) si basano sull ascolto dei loro bisogni, opinioni o interessi, oltre che sul monitoraggio dei loro comportamenti o delle loro decisioni. F E R P I - F E D E R A Z I O N E R E L A Z I O N I P U B B L I C H E I T A L I A N A 12

13 DIVERSE TIPI DI RELAZIONI The definition of stakeholder [is] any group or individual who can affect, or is affected by, the achievement of an organization s purpose. I pubblici di un organizzazione possono essere attivi, consapevoli e interessati al dialogo. Possono comportarsi in modo da produrre conseguenze sull organizzazione, oppure possono essere le azioni di quest ultima a produrre conseguenze su di loro. I pubblici inoltre possono favorire o ostacolare il raggiungimento di uno specifico obiettivo dell organizzazione. Edward Freeman University of Virginia (USA) Strategic Management: a Stakeholder Approach (1984) Dunque possono essere portatori d interesse o Stakeholder L importanza delle relazioni con gli stakeholder è stata messa in luce in diversi campi di studio (dalle teorie organizzative, agli studi di economia e gestione delle imprese, agli studi di marketing). Le Relazioni Pubbliche consentono all organizzazione di governarle e migliorarle. F E R P I - F E D E R A Z I O N E R E L A Z I O N I P U B B L I C H E I T A L I A N A 13

14 SOSTENIBILITÀ E RENDICONTAZIONE INTEGRATA Business, companies and policymakers will experiment, and, through multi-stakeholder collaboration, systemic thinking and co-innovation, find solutions to make a sustainable world achievable and desirable. Vision 2050 The new agenda for Business The Business council for Sustainable Development L organizzazione comunicativa risponde alle aspettative della società su temi economici, sociali e ambientali e coinvolge i suoi stessi stakeholder nei suoi programmi di sostenibilità o di Corporate Social Responsibility orientando la propria cultura aziendale verso la responsabilità sociale e dunque allineandola ai valori e i principi dichiarati. La rendicontazione di tali attività è sempre più integrata con le informazioni finanziarie, fino all attuale tendenza verso una vera e propria Rendicontazione continua, multicanale e differenziata per stakeholder con modalità trasparenti, verificabili e confrontabili che consentono ai singoli stakeholder di svolgere la proprie analisi e all organizzazione comunicativa di legittimare la sua licenza di operare. F E R P I - F E D E R A Z I O N E R E L A Z I O N I P U B B L I C H E I T A L I A N A 14

15 Gli Accordi di Stoccolma: obiettivi e temi di argomentazione F E R P I - F E D E R A Z I O N E R E L A Z I O N I P U B B L I C H E I T A L I A N A 15

16 COSA SONO GLI ACCORDI DI STOCCOLMA Un quadro di riferimento condiviso da professionisti, ricercatori e educatori che indica la migliore prospettiva futura possibile per una professione sempre più strategica. Un brief di livello globale a cui ogni docente, studente, professionista, leader di associazione professionale, dipendente o dirigente di un organizzazione può consapevolmente attingere nelle proprie attività. Un documento che illustra il valore apportato dalle Relazioni Pubbliche alle organizzazioni e alla società in generale. F E R P I - F E D E R A Z I O N E R E L A Z I O N I P U B B L I C H E I T A L I A N A 16

17 I TEMI DI ARGOMENTAZIONE DEGLI ACCORDI Il testo finale degli Accordi indica 6 temi di argomentazione chiave per le organizzazioni comunicative: Sostenibilità Governance Management Comunicazione interna Comunicazione esterna Coordinamento tra Comunicazione interna ed esterna per ciascuno di questi il documento illustra come le Relazioni Pubbliche possono portare un valore aggiunto all organizzazione consentendole di raggiungere determinati obiettivi. F E R P I - F E D E R A Z I O N E R E L A Z I O N I P U B B L I C H E I T A L I A N A 17

18 SOSTENIBILITÀ TEMA Nella società a rete l organizzazione è non solo attore economico ma anche attore sociale: i suoi sono comportamenti economici, finanziari, ambientali e sociali sotto osservazione da parte dei suoi stakeholder. APPORTO DELLE RP Il professionista di Relazioni Pubbliche ascolta e coinvolge gli stakeholder dell organizzazione nella definizione e attuazione di programmi di sostenibilità, promuovendo la rendicontazione di azioni e politiche dell organizzazione. OBIETTIVO PER L ORGANIZZAZIONE La rendicontazione unica, continua e multicanale di tutti i comportamenti (economici, finanziari, ambientali, sociali). F E R P I - F E D E R A Z I O N E R E L A Z I O N I P U B B L I C H E I T A L I A N A 18

19 SOSTENIBILITÀ Esempio di azione: Il reporting integrato. Un azione internazionale (International Integrated Reporting Commitee) che ha trovato un riferimento in Italia nel Gruppo Oscar di Bilancio rendicontazione Integrata F E R P I - F E D E R A Z I O N E R E L A Z I O N I P U B B L I C H E I T A L I A N A 19

20 GOVERNANCE (NELLE DUE ACCEZIONI) TEMA L organizzazione, in riferimento alla sua attività, definisce i propri valori, principi, strategie, politiche e processi. APPORTO DELLE RP Il professionista di Relazioni Pubbliche partecipa alla definizione di questi elementi, interpretando le aspettative sia della società che degli stakeholder interni e esterni all organizzazione. OBIETTIVO PER L ORGANIZZAZIONE Un modello di stakeholder governance, che consente di migliorare le relazioni con stakeholder e società in generale, rafforzando così la sua licenza di operare. F E R P I - F E D E R A Z I O N E R E L A Z I O N I P U B B L I C H E I T A L I A N A 20

21 GOVERNANCE Esempio di azione: Una riflessione sulla Governance di Autogrill F E R P I - F E D E R A Z I O N E R E L A Z I O N I P U B B L I C H E I T A L I A N A 21

22 MANAGEMENT TEMA Le aspettative degli stakeholder vanno equilibrate con quelle generali dell organizzazione. APPORTO DELLE RP Il professionista di Relazioni Pubbliche attua un processo di stakeholder engagement: sviluppa relazioni con gli stakeholder ascoltandoli e comunicando loro il valore delle sue attività, dei suoi prodotti/servizi. OBIETTIVO PER L ORGANIZZAZIONE L ascolto degli stakeholder prima delle decisioni strategiche e operative. F E R P I - F E D E R A Z I O N E R E L A Z I O N I P U B B L I C H E I T A L I A N A 22

23 MANAGEMENT Esempio: analisi delle relazioni con gli stakeholder F E R P I - F E D E R A Z I O N E R E L A Z I O N I P U B B L I C H E I T A L I A N A 23

24 COMUNICAZIONE INTERNA TEMA La comunicazione interna consente di rafforzare la lealtà e l impegno nei confronti dell organizzazione comunicativa di dipendenti, fornitori, consulenti, distributori, ecc. APPORTO DELLE RP Il professionista di Relazioni Pubbliche attua un processo di ascolto e monitoraggio nei confronti degli stakeholder interni relativo a strategie, politiche, processi e attività dell organizzazione. OBIETTIVO PER L ORGANIZZAZIONE Il miglioramento delle relazioni con gli stakeholder interni, i cui comportamenti influiscono sulla reputazione esterna dell organizzazione. F E R P I - F E D E R A Z I O N E R E L A Z I O N I P U B B L I C H E I T A L I A N A 24

25 COMUNICAZIONE INTERNA Esempio: monitoraggio delle relazioni interne con l analisi delle reti complesse F E R P I - F E D E R A Z I O N E R E L A Z I O N I P U B B L I C H E I T A L I A N A 25

26 COMUNICAZIONE ESTERNA TEMA Nella società a rete l organizzazione comunicativa sviluppa azioni e comportamenti comunicativi per migliorare le relazioni con gli stakeholder esterni. APPORTO DELLE RP Il professionista di Relazioni Pubbliche contribuisce alla creazione di un efficace comunicazione e promozione di prodotti/servizi dell organizzazione verso stakeholder esterni e destinatari finali degli stessi prodotti/servizi. OBIETTIVO PER L ORGANIZZAZIONE Il miglioramento delle relazioni con gli stakeholder esterni a supporto del raggiungimento degli obiettivi dell organizzazione. F E R P I - F E D E R A Z I O N E R E L A Z I O N I P U B B L I C H E I T A L I A N A 26

27 COMUNICAZIONE ESTERNA Esempio: il caso AXA F E R P I - F E D E R A Z I O N E R E L A Z I O N I P U B B L I C H E I T A L I A N A 27

28 COORDINAMENTO TRA COMUNICAZIONE INTERNA ED ESTERNA TEMA L organizzazione comunicativa assicura una narrazione coerente tra stakeholder interni, esterni e di confine, con aspettative e interessi che possono essere simili o in conflitto tra loro. APPORTO DELLE RP Il professionista di Relazioni Pubbliche sviluppa azioni comunicative nei confronti di tutti gli stakeholder, in linea con la vision, la mission e i comportamenti dell organizzazione. OBIETTIVO PER L ORGANIZZAZIONE Coordinamento tra azioni e comportamenti comunicativi, sia interni che esterni, per una coerente rappresentazione dell identità dell organizzazione. F E R P I - F E D E R A Z I O N E R E L A Z I O N I P U B B L I C H E I T A L I A N A 28

29 COORDINAMENTO TRA COMUNICAZIONE INTERNA ED ESTERNA Esempio: F E R P I - F E D E R A Z I O N E R E L A Z I O N I P U B B L I C H E I T A L I A N A 29

30 Grazie per l attenzione G r u p p o F E R P I E d u c a t i o n a l p e r g l i A c c o r d i d i S t o c c o l m a F E R P I - F e d e r a z i o n e R e l a z i o n i P u b b l i c h e I t a l i a n a

I nuovi scenari delle relazioni pubbliche e le attività della Federazione Relazioni Pubbliche Italiana

I nuovi scenari delle relazioni pubbliche e le attività della Federazione Relazioni Pubbliche Italiana I nuovi scenari delle relazioni pubbliche e le attività della Federazione Relazioni Pubbliche Italiana P R O F. A G G R. S I M O N E T T A P A T T U G L I A D E L E G A T O N A Z I O N A L E F E R P I

Dettagli

Stoccolma 2010 e Melbourne 2012: un riposizionamento strategico delle RP

Stoccolma 2010 e Melbourne 2012: un riposizionamento strategico delle RP Stoccolma 2010 e Melbourne 2012: un riposizionamento strategico delle RP 14 ottobre 2013 Prof. Giampaolo Azzoni Giampaolo Azzoni 2 RELATORI: GIAMPAOLO AZZONI - TONI MUZI FALCONI Indice degli argomenti

Dettagli

Stoccolma 2010, Melbourne 2012, Madrid 2014: un riposizionamento strategico delle RP

Stoccolma 2010, Melbourne 2012, Madrid 2014: un riposizionamento strategico delle RP Stoccolma 2010, Melbourne 2012, Madrid 2014: un riposizionamento strategico delle RP 7 ottobre 2014 Prof. Giampaolo Azzoni Giampaolo Azzoni 2 MANAGER DELLE RP: IL NUOVO RUOLO IN AZIENDA Le 5 Key-Words

Dettagli

Il costo d impresa nel non fare relazioni pubbliche in un periodo di crisi

Il costo d impresa nel non fare relazioni pubbliche in un periodo di crisi Il costo d impresa nel non fare relazioni pubbliche in un periodo di crisi Toni Muzi Falconi Methodos SpA New York University Firenze, 17 maggio 2009 Alla fine del secolo scorso lo sviluppo delle nuove

Dettagli

Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012

Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012 Melbourne Mandate documento finale Pubblicato il 20 novembre 2012 Al World Public Relations Forum 2012 di Melbourne quasi 800 delegati provenienti da 29 paesi hanno approvato il Melbourne Mandate, un appello

Dettagli

Corporate Social Responsibility lungo la Supply Chain. Concretezza, misurabilità e valore. Improving performance, reducing risk

Corporate Social Responsibility lungo la Supply Chain. Concretezza, misurabilità e valore. Improving performance, reducing risk Corporate Social Responsibility lungo la Supply Chain Concretezza, misurabilità e valore Improving performance, reducing risk La CSR secondo LRQA La CSR è una modalità di gestione dell azienda attraverso

Dettagli

ASSOREL PR Trends 2013/2014

ASSOREL PR Trends 2013/2014 ASSOREL PR Trends 2013/2014 Metodologia L indagine è stata realizzata grazie alla partecipazione dei Soci Assorel che, rispondendo alle domande del questionario proposto dall Associazione nel mese di luglio

Dettagli

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana

La Carta dell Investimento. Sostenibile e Responsabile. della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana Introduzione L attività finanziaria trova fondamento nella funzione di veicolo dei capitali a sostegno dell economia reale e

Dettagli

Lezione 18: PR e rapporti con i media Stella Romagnoli

Lezione 18: PR e rapporti con i media Stella Romagnoli Lezione 18: PR e rapporti con i media Definizione Ambiti e obiettivi Le aree di intervento I target Strumenti e Strategie della Comunicazione d'impresa 2 Le Relazioni Pubbliche (Public Relations) governano

Dettagli

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana

La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana La Carta dell Investimento Sostenibile e Responsabile della finanza italiana 6 Giugno 2012, Scuderie di Palazzo Altieri - Roma Siglata in occasione della Settimana Italiana dell Investimento Sostenibile

Dettagli

SOSTENIBILE S.r.l. CONSULENZA STRATEGICA PER LA SOSTENIBILITA

SOSTENIBILE S.r.l. CONSULENZA STRATEGICA PER LA SOSTENIBILITA SOSTENIBILE S.r.l. CONSULENZA STRATEGICA PER LA SOSTENIBILITA CHI SIAMO Un team formato da professionisti esperti di marketing, comunicazione e CSR, che ha scelto di mettere al servizio della sostenibilità

Dettagli

1. Il Network in sintesi 2. La governance 3. Le attività 4. Il programma per le piccole imprese

1. Il Network in sintesi 2. La governance 3. Le attività 4. Il programma per le piccole imprese 1 INDICE 1. Il Network in sintesi 2. La governance 3. Le attività 4. Il programma per le piccole imprese 2 Il Network dei professionisti della CSR Il CSR Manager Network Italia è l associazione nazionale

Dettagli

BILANCIARSI - Formazione e Consulenza per la legalità e la sostenibilità delle Organizzazioni

BILANCIARSI - Formazione e Consulenza per la legalità e la sostenibilità delle Organizzazioni INTRODUZIONE BilanciaRSI è una società di formazione e consulenza specializzata nei temi della Legalità, della Sostenibilità, della Responsabilità d Impresa e degli Asset Intangibili. Da più di 10 anni

Dettagli

La nostra filosofia. L impresa crea più valore se lo fa per tutti

La nostra filosofia. L impresa crea più valore se lo fa per tutti La nostra filosofia L impresa crea più valore se lo fa per tutti Nata nel 2008, VerA offre consulenza specializzata nelle Relazioni Istituzionali e fornisce supporto e assistenza a tutte quelle realtà

Dettagli

Giampaolo Azzoni Syllabus del Corso di Relazioni pubbliche A.A. 2014-2015 (argomenti delle lezioni e testi commentati)

Giampaolo Azzoni Syllabus del Corso di Relazioni pubbliche A.A. 2014-2015 (argomenti delle lezioni e testi commentati) Giampaolo Azzoni Syllabus del Corso di Relazioni pubbliche A.A. 2014-2015 (argomenti delle lezioni e testi commentati) 1 29.09.14 Relazioni pubbliche vs. pubblicità. 1 Un esempio di campagna RP sui media:

Dettagli

ALTA SCUOLA IMPRESA E SOCIETÀ CONSULTING. Strategie sostenibili per il successo aziendale

ALTA SCUOLA IMPRESA E SOCIETÀ CONSULTING. Strategie sostenibili per il successo aziendale ALTA SCUOLA IMPRESA E SOCIETÀ CONSULTING Strategie sostenibili per il successo aziendale ALTIS Consulting è l unità di consulenza sviluppatasi all interno di ALTIS, l Alta Scuola Impresa e Società dell

Dettagli

Parte II Le aree della comunicazione d impresa

Parte II Le aree della comunicazione d impresa Parte II Le aree della comunicazione d impresa Cap.3 La comunicazione istituzionale Corso di Comunicazione d impresa - A.A. 2011-2012 fabio.forlani@uniurb.it La comunicazione istituzionale: definizione

Dettagli

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI

PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI comunicato stampa PER EUROFIDI ED EUROCONS UN RINNOVATO IMPEGNO PER LE IMPRESE E I LORO TERRITORI Le due società, attive in Lazio da alcuni anni, presentano il loro Rendiconto Sociale. Il documento rappresenta

Dettagli

Figure Professionali «Eco-innovazioni»

Figure Professionali «Eco-innovazioni» Figure Professionali «Eco-innovazioni» FACILITATORE DI PROGETTI GREEN IN PARTNERSHIP MULTISTAKEHOLDER GREEN JOBS Formazione e Orientamento FACILITATORE DI PROGETTI GREEN IN PARTNERSHIP MULTISTAKEHOLDER

Dettagli

Policy La sostenibilità

Policy La sostenibilità Policy La sostenibilità Approvato dal Consiglio di Amministrazione di eni spa il 27 aprile 2011. 1. Il modello di sostenibilità di eni 3 2. La relazione con gli Stakeholder 4 3. I Diritti Umani 5 4. La

Dettagli

Associazione Agenzie di Relazioni Pubbliche a Servizio Completo

Associazione Agenzie di Relazioni Pubbliche a Servizio Completo Città dei di Milano e della Lombardia ALESSANDRO COSTELLA Direttore Generale Assorel Milano, 2 maggio 2005 Associazione Agenzie di Relazioni Pubbliche a Servizio Completo FITA Confindustria Federazione

Dettagli

CORSO DI ALTA FORMAZIONE PER IMPRENDITORI EDILI

CORSO DI ALTA FORMAZIONE PER IMPRENDITORI EDILI CORSO DI ALTA FORMAZIONE PER IMPRENDITORI EDILI SETTEMBRE 2013 GENNAIO 2014 Fondazione CUOA Da oltre 50 anni Fondazione CUOA forma la nuova classe manageriale e imprenditoriale.è la prima business school

Dettagli

a r e r s e po p n o sab a il i it i à t à s oc o ia i l a e e d e d l e le e im i pr p e r s e e 08 ottobre 2015

a r e r s e po p n o sab a il i it i à t à s oc o ia i l a e e d e d l e le e im i pr p e r s e e 08 ottobre 2015 La responsabilità sociale delle imprese 08 ottobre 2015 Agenda 1. EticaSgr 2. Impresa:cos èequalèilsuoobiettivo 3. Responsabilità d impresa e CSR 4. Reportistica ambientale, sociale, di sostenibilità 5.

Dettagli

La porta d accesso alle aziende

La porta d accesso alle aziende Laurea Magistrale Economia e Management La porta d accesso alle aziende Presidente: Prof. Maria Francesca Renzi (renzi@uniroma3.it) (lm.economia.management@uniroma3.it ) Indice Obiettivi Struttura e articolazione

Dettagli

Una partnership per la comunicazione di qualità

Una partnership per la comunicazione di qualità Una partnership per la comunicazione di qualità 2 2 Una partnership per la comunicazione di qualità I servizi di Twister communications group sono rivolti a imprese e gruppi industriali, banche e società

Dettagli

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma

Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Liberare il potenziale dell Economia Sociale per la crescita in Europa: la Strategia di Roma Documento basato sui risultati della Conferenza di Roma, 17 e 18 novembre 2014 In occasione della Presidenza

Dettagli

Presentazione Generale

Presentazione Generale Presentazione Generale Milano, Maggio 2015 info@svreporting.com Servizi Se vuoi cambiare il modo di pensare di qualcuno, lascia perdere; non puoi cambiare come pensano gli altri. Dai loro uno strumento,

Dettagli

LA FORMULA. TERZA PARTE: DOVE TROVARLI Indirizzi e recapiti per viaggiare sicuri. I QUADERNI SI ARTICOLANO IN TRE PARTI:

LA FORMULA. TERZA PARTE: DOVE TROVARLI Indirizzi e recapiti per viaggiare sicuri. I QUADERNI SI ARTICOLANO IN TRE PARTI: LA FORMULA PROFILO EDITORIALE: La collana de I Quaderni della Comunicazione nasce come una guida mensile rivolta alle Aziende per aiutarle a orientarsi nei diversi meandri della comunicazione commerciale.

Dettagli

LUISS GUIDO CARLI IL FORUM DELLA SANITA DIGITALE ROMA, 10/12.9.2015

LUISS GUIDO CARLI IL FORUM DELLA SANITA DIGITALE ROMA, 10/12.9.2015 Tre giorni di incontri e appuntamenti sulla trasformazione del sistema della salute in chiave digitale UN PROGETTO DI CON IL PATROCINIO DI IN COLLABORAZIONE CON CONFERENZA DELLE REGIONI E DELLE PROVINCIE

Dettagli

Orientamento scolastico e partnership dei genitori

Orientamento scolastico e partnership dei genitori Orientamento scolastico e partnership dei genitori Progetto di Ricerca per l Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio nelle scuole secondarie di primo grado Prof. Antonio Cocozza Responsabile scientifico

Dettagli

GESTIRE I SOCIAL MEDIA

GESTIRE I SOCIAL MEDIA - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA MARKETING, SALES & COMMUNICATION GESTIRE

Dettagli

PIANI DI AZIONE DI MIGLIORAMENTO

PIANI DI AZIONE DI MIGLIORAMENTO GLI OBIETTIVI LE INIZIATIVE DI RESPONSABILITÀ SOCIALE SONO INTRINSECHE ALLA MISSION DI GI GROUP E AL LAVORO SVOLTO QUOTIDIANAMENTE DALLE PERSONE CHE OPERANO ALL INTERNO DEL GRUPPO. 90 Le iniziative di

Dettagli

QUESTO PROGETTO E FRUTTO DELL INGEGNO DI SEGEST S.P.A. E PERTANTO NON PUO ESSERE RIPRODOTTO O PARZIALMENTE UTILIZZATO

QUESTO PROGETTO E FRUTTO DELL INGEGNO DI SEGEST S.P.A. E PERTANTO NON PUO ESSERE RIPRODOTTO O PARZIALMENTE UTILIZZATO SOMMARIO 1. Chi siamo pag. 3 2. La nostra storia pag. 4 3. Cosa facciamo pag. 5 4. Certificazioni pag. 6 5. Ambiti pag. 7 6. Clienti pag. 8 7. I numeri del 2013 pag. 9 8. Contatti pag. 10 2 1. CHI SIAMO

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio

COMUNICATO STAMPA. ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio COMUNICATO STAMPA ABI: al via la Fondazione per l Educazione Finanziaria e al Risparmio Il nuovo organismo creato per sviluppare la cultura al risparmio e alla legalità economica in Italia è stato presentato

Dettagli

Il ruolo delle imprese per l implementazione dell Agenda 2030 e degli SDGs

Il ruolo delle imprese per l implementazione dell Agenda 2030 e degli SDGs Il ruolo delle imprese per l implementazione dell Agenda 2030 e degli SDGs Angelo Riccaboni Rettore Università di Siena Chair SDSN MED Ecomondo, Rimini, 4 novembre 2015 SDGs - OBIETTIVI DI SVILUPPO SOSTENIBILE

Dettagli

Comunicarsi al mercato

Comunicarsi al mercato FINANCE Comunicarsi al mercato Le strategie per avere più credito Le imprese e la comunicazione economica: tecniche e strumenti - Far crescere la propria reputazione nel mondo bancario e finanziario -

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

MEDIA KIT QUESTO PROGETTO E FRUTTO DELL INGEGNO DI SEGEST S.P.A. E PERTANTO NON PUO ESSERE RIPRODOTTO O PARZIALMENTE UTILIZZATO

MEDIA KIT QUESTO PROGETTO E FRUTTO DELL INGEGNO DI SEGEST S.P.A. E PERTANTO NON PUO ESSERE RIPRODOTTO O PARZIALMENTE UTILIZZATO MEDIA KIT SOMMARIO 1. Chi siamo pag. 3 2. La nostra storia pag. 4 3. Paolo Bruschi pag. 5 4. Cosa facciamo pag. 6 5. Certificazioni pag. 7 6. Ambiti pag. 8 7. Clienti pag. 9 8. I numeri del 2013 pag. 10

Dettagli

AIDA PARTNERS OGILVY PR

AIDA PARTNERS OGILVY PR Sul mercato dal 1995, Aida Partners Ogilvy PR è un agenzia di Relazioni Pubbliche a 360, che propone ai propri clienti un offerta consulenziale in tutti gli ambiti della comunicazione strategica d impresa,

Dettagli

RIPENSARE IL MANAGEMENT IN UN MONDO INTERCONNESSO

RIPENSARE IL MANAGEMENT IN UN MONDO INTERCONNESSO La scienza della complessità applicata al management Newton Management Innovation Training Center Corso Sempione, 68 Milano Docenti Alessandro Cravera Partner Newton Management Innovation Marinella De

Dettagli

I SOCIAL MEDIA GESTIRE. 29 Novembre 2013 / 30 Novembre 2013 Z2112.4 AREA MARKETING, SALES & COMMUNICATION

I SOCIAL MEDIA GESTIRE. 29 Novembre 2013 / 30 Novembre 2013 Z2112.4 AREA MARKETING, SALES & COMMUNICATION - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - AREA MARKETING, SALES & COMMUNICATION GESTIRE

Dettagli

Il docente universitario di Economia e gestione delle imprese. Roma, 11 aprile 2014

Il docente universitario di Economia e gestione delle imprese. Roma, 11 aprile 2014 Il docente universitario di Economia e gestione delle imprese Roma, 11 aprile 2014 Le diverse anime del mestiere del docente Ricerca Didattica Istituzione Attività esterna Metodologia e campione Caratteristiche

Dettagli

Accreditamento del settore non profit e modelli di rendicontazione sociale: problemi attuali e opportunità dischiuse dalla legge sulle imprese sociali

Accreditamento del settore non profit e modelli di rendicontazione sociale: problemi attuali e opportunità dischiuse dalla legge sulle imprese sociali Centro di Ricerche su Etica negli Affari e Responsabilità Sociale Università degli Studi dell'insubria Accreditamento del settore non profit e modelli di rendicontazione sociale: problemi attuali e opportunità

Dettagli

Un progetto di trasformazione verso la Net Economy.. Diffusione e sviluppo delle ICT nelle istituzioni scolastiche del lecchese.

Un progetto di trasformazione verso la Net Economy.. Diffusione e sviluppo delle ICT nelle istituzioni scolastiche del lecchese. Un progetto di trasformazione verso la Net Economy.. Diffusione e sviluppo delle ICT nelle istituzioni scolastiche del lecchese. 11 SETTEMBRE 2006 Copyright SDA Bocconi 2006 La Credibilità della Visione

Dettagli

Fiera del Levante. La comunicazione in una strategia di Marketing territoriale. Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002

Fiera del Levante. La comunicazione in una strategia di Marketing territoriale. Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 Fiera del Levante La comunicazione in una strategia di Marketing territoriale Bari, Fiera del Levante, 12 settembre 2002 L agenzia E tra le prime 10 del mercato secondo la classifica Assorel, la seconda

Dettagli

OSSERVATORIO ECO-MEDIA. onlus

OSSERVATORIO ECO-MEDIA. onlus OSSERVATORIO ECO-MEDIA onlus Indice Scenario Istituzione e Missione Organizzazione Attività Ricerca teorica Monitoraggio Divulgazione e promozione Iniziative editoriali Credits Scenario I temi dell ambiente

Dettagli

Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione. In testa.

Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione. In testa. Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione. In testa. Formazione, consulenza, ricerca e comunicazione Operiamo a sostegno delle piccole e medie imprese, degli enti pubblici e delle associazioni nella

Dettagli

CSR nelle istituzioni finanziarie:

CSR nelle istituzioni finanziarie: ATTIVITA DI RICERCA 2014 CSR nelle istituzioni finanziarie: strategia, sostenibilità e politiche aziendali PROPOSTA DI ADESIONE in collaborazione con 1 TEMI E MOTIVAZIONI La Responsabilità Sociale di Impresa

Dettagli

Comitato welfare, sicurezza e sviluppo sostenibile

Comitato welfare, sicurezza e sviluppo sostenibile Comitato welfare, sicurezza e sviluppo sostenibile Rapporto di Sostenibilità in Intesa Sanpaolo Le novità dell edizione 2013 Unità CSR Milano, 10 giugno 2014 Gli elementi caratterizzanti il Reporting di

Dettagli

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile

Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile ANA-ANAP, Associazione Nazionale Audioprotesisti e Associazione Nazionale Audioprotesisti Professionali Bilancio Sociale per un imprenditorialità socialmente ed eticamente responsabile Milano, 21/10/2014

Dettagli

TE SOCIAL CORPORA RESPONSIBILITY TE SOCIAL

TE SOCIAL CORPORA RESPONSIBILITY TE SOCIAL LA CORPORATE SOCIAL RESPONSIBILITY COME STRUMENTO DI PREMIALITA PER LE IMPRESE Filippo Amadei Centro Studi BilanciaRSI Ricerca consulenza e formazione per la sostenibilità aziendale 16 aprile 2013 Dalla

Dettagli

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali

Piani integrati per lo sviluppo locale. Progetti di marketing territoriale. Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Piani integrati per lo sviluppo locale Progetti di marketing territoriale Progettazione e start-up di Sistemi Turistici Locali Sviluppo di prodotti turistici Strategie e piani di comunicazione Percorsi

Dettagli

Master in marketing e comunicazione

Master in marketing e comunicazione Master in marketing e comunicazione Il Master intende fornire i fondamenti metodologici per operare in un settore in continua evoluzione come quello del marketing. Oggi la saturazione dei mercati impone

Dettagli

FUTURE, MADE IN IT A LY

FUTURE, MADE IN IT A LY FUTURE, MADE IN IT A LY Seedit design&education Il principio del progetto Seedit è nel suo nome: piantare un seme, supportarne la crescita e fare in modo che la nuova realtà possa poi germogliare e fiorire

Dettagli

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE

PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE Allegato A alla delibera di Giunta n del. PROTOCOLLO DI INTESA PER LA REALIZZAZIONE DEL PROGETTO MICROKYOTO - IMPRESE PREMESSO CHE: Il 10 dicembre 1997, nell ambito della Convenzione Quadro sui Cambiamenti

Dettagli

Comunicare e Rendicontare la Corporate Social Responsibility

Comunicare e Rendicontare la Corporate Social Responsibility Comunicare e Rendicontare la Corporate Social Responsibility Il Caso Enel Università degli studi di Verona - Facoltà di Economia Verona, 15 dicembre 2006 Pierluigi Orati CSR Assistant, Enel Spa Le Basi

Dettagli

ANNO ACCADEMICO 2014-2015. Master universitario di I livello in Management e Gestione della Comunicazione di Crisi e di Emergenza

ANNO ACCADEMICO 2014-2015. Master universitario di I livello in Management e Gestione della Comunicazione di Crisi e di Emergenza FORMULARIO per istituzione e attivazione master di I e II livello ANNO ACCADEMICO 2014-2015 Master universitario di I livello in Management e Gestione della Comunicazione di Crisi e di Emergenza Annuale

Dettagli

Che cosa facciamo. Il Forum per la Finanza Sostenibile si occupa di:

Che cosa facciamo. Il Forum per la Finanza Sostenibile si occupa di: Chi siamo Il Forum per la Finanza Sostenibile è un Associazione senza scopo di lucro nata nel 2001. È un organizzazione multistakeholder; ne fanno parte sia operatori del mondo finanziario che soggetti

Dettagli

CAPIRE LA FINANZA IN AZIENDA

CAPIRE LA FINANZA IN AZIENDA FINANCE CAPIRE LA FINANZA IN AZIENDA Come le scelte operative, commerciali, produttive impattano sugli equilibri finanziari dell azienda CORSO EXECUTIVE CUOA FINANCE 1 fondazione cuoa Da oltre 50 anni

Dettagli

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale

La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale La selezione e la formazione on-line come supporto alla gestione del capitale intellettuale di Alberto Boletti INTRODUZIONE Lo studio dell organizzazione aziendale ha sempre suscitato in me una forte curiosità,

Dettagli

pubblica amministrazione

pubblica amministrazione scenario L Ente locale oggi è diventato promotore dello sviluppo di una società territoriale sempre più dinamica, complessa ed esigente. Comuni, Provincie e Regioni rispondono alla collettività e al territorio

Dettagli

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014

SURVEY. Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto. 17 Luglio 2014 SURVEY Credito e private equity: il punto di vista delle imprese e le tendenze in atto 17 Luglio 2014 Il CLUB FINANCE La mission Il Club rappresenta a livello nazionale un centro di riferimento, di informazione

Dettagli

Governare il cambiamento per creare valore condiviso

Governare il cambiamento per creare valore condiviso ALTA SCUOLA IMPRESA E SOCIETÀ Percorsi formativi per una nuova Pubblica Amministrazione Governare il cambiamento per creare valore condiviso Corsi settembre - dicembre 2012: 1. Il nuovo governo locale

Dettagli

Il ruolo del controller @ POLIMI

Il ruolo del controller @ POLIMI Il ruolo del controller @ POLIMI 22 Novembre 2012 MARIKA ARENA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA GESTIONALE - POLITECNICO DI MILANO Agenda 2 L evoluzione del contesto competitivo L evoluzione del controllo di

Dettagli

Un fattore decisivo per il vostro business è far arrivare il vostro messaggio al giusto pubblico.

Un fattore decisivo per il vostro business è far arrivare il vostro messaggio al giusto pubblico. Un fattore decisivo per il vostro business è far arrivare il vostro messaggio al giusto pubblico. Per raggiungere i vostri obiettivi affidatevi a dei professionisti. UFFICI STAMPA PR WEB UFFICI STAMPA

Dettagli

L esperienza del Rapporto Annuale Integrato

L esperienza del Rapporto Annuale Integrato L esperienza del Rapporto Annuale Integrato Angelo Bettinzoli Amministratore Delegato Sabaf S.p.A. Roma, 24 ottobre 2006 Chi è Sabaf Sabaf è il principale produttore mondiale di componenti per apparecchi

Dettagli

BILANCIO SOCIALE: CONTENUTI E METODI DI RENDICONTAZIONE. Claudia Strasserra Bureau Veritas Italia SpA

BILANCIO SOCIALE: CONTENUTI E METODI DI RENDICONTAZIONE. Claudia Strasserra Bureau Veritas Italia SpA BILANCIO SOCIALE: CONTENUTI E METODI DI RENDICONTAZIONE Claudia Strasserra Bureau Veritas Italia SpA I 3 elementi chiave: il prodotto, il processo, la cultura RESPONSABILITA SOCIALE ACCOUNTABILITY RENDICONTAZIONE

Dettagli

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE PER LA CLASSE DIRIGENTE COOPERATIVA

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE PER LA CLASSE DIRIGENTE COOPERATIVA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE PER LA CLASSE DIRIGENTE COOPERATIVA SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE PER LA CLASSE DIRIGENTE COOPERATIVA IL BISOGNO CHE VOGLIAMO SODDISFARE Accompagnare amministratori e manager delle

Dettagli

Responsabilità Sociale d Impresa

Responsabilità Sociale d Impresa Responsabilità Sociale d Impresa Sessione Formativa Modulo 1 1 CSR La competitività dell impresa è molto condizionata dalla capacità di dare al mercato un immagine di eccellenza. Un buon esempio di comunicazione

Dettagli

Licenza d uso: Associazione BRAINS - Imprese per giovani menti

Licenza d uso: Associazione BRAINS - Imprese per giovani menti 2 CHE COS È BOB? BOB è la prima Banca Internazionale del Capitale Intellettuale per Giovani Menti. 3 CHE COS È BOB? La Banca BOB ha due casseforti, una per le business ideas e una per i profili professionali

Dettagli

COMUNICAZIONE ITALIANA

COMUNICAZIONE ITALIANA COMUNICAZIONE ITALIANA Il Business Social Media che comunica su carta, interagisce su internet, decide di persona. Edizioni Servizi Eventi COMUNICAZIONE ITALIANA Il Business Social Media che comunica su

Dettagli

NETWORK MANAGEMENT e COPROGETTAZIONE dei SERVIZI

NETWORK MANAGEMENT e COPROGETTAZIONE dei SERVIZI NETWORK MANAGEMENT e COPROGETTAZIONE dei SERVIZI Master Universitario di II Livello, Anno Accademico 2014/2015 PERCHÉ QUESTO MASTER Le trasformazioni dei sistemi di welfare locale Nel corso degli ultimi

Dettagli

NSM Nexus Scuola di Management

NSM Nexus Scuola di Management NSM Nexus Scuola di Management NSM è la Scuola di Management della Nexus Srl, agenzia di formazione accreditata presso la Regione Abruzzo per la Formazione continua e superiore, che opera dal 1991 fornendo

Dettagli

SEGRETERIA TECNICA DI GRUPPO E RELAZIONI ESTERNE

SEGRETERIA TECNICA DI GRUPPO E RELAZIONI ESTERNE SEGRETERIA TECNICA DI GRUPPO E RELAZIONI ESTERNE Con riferimento agli Ordini di Servizio n. 6 e 7 del 02.02.2015, si comunica che, con effetto immediato, le attività relative agli affari legislativi, precedentemente

Dettagli

AREA LAVORARE NEL SOCIALE

AREA LAVORARE NEL SOCIALE AREA LAVORARE NEL SOCIALE IL FUND RAISING PER LA GESTIONE DELL IMPRESA SOCIALE Obiettivo del corso è quello di comprendere le implicazioni sociali, organizzative ed etiche che accompagnano l attività di

Dettagli

Strumenti e tecniche per il sociale

Strumenti e tecniche per il sociale Strumenti e tecniche per il sociale Il Cause Related Marketing Le Relazioni Pubbliche 9 lezione - 7 ottobre 2011 Il Cause Related Marketing Cause Related Marketing: definizione Il Cause Related Marketing,

Dettagli

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO

5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO 5 - SINTESI DELLA LINEA D INDIRIZZO RAPPORTI CON IL TERRITORIO RAT - Linea d indirizzo Rapporti con il territorio Missione, visione e valori dell Ateneo: La Linea d indirizzo Rapporti con il territorio

Dettagli

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA.

CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA. CONCLUSIONI CONFERENZA LIBERARE IL POTENZIALE DELL ECONOMIA SOCIALE PER LA CRESCITA EUROPEA: LA STRATEGIA DI ROMA 18 Novembre, 2014 In occasione della Presidenza di turno del Consiglio dell Unione Europea,

Dettagli

LE RELAZIONI PUBBLICHE: la professione

LE RELAZIONI PUBBLICHE: la professione LE RELAZIONI PUBBLICHE: la professione tutto quello che avreste voluto sapere ma che nessuno vi ha mai raccontato (fino adesso!) 17 ottobre 2014 Toni Muzi Falconi, Lara Pontarelli, Fabio Ventoruzzo Diagrams

Dettagli

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento

Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento Azioni messe in atto nell'a.s. 2013/14 a supporto del processo di miglioramento L'a.s. 2013/14 oltre alla realizzazione della fase di, è stato dedicato all'avvio e al proseguimento di azioni di Miglioramento

Dettagli

CORSI FINANZIABILI TRAMITE VOUCHER For.Te

CORSI FINANZIABILI TRAMITE VOUCHER For.Te CORSI FINANZIABILI TRAMITE VOUCHER For.Te Da richiedere on line sul sito del fondo For.Te il giorno lunedì 21 gennaio 2013 secondo la procedura dell avviso 3/2012 SETTORE SCUOLA Titolo Progettare e valutare:

Dettagli

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE

ASL TERAMO. (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE ASL TERAMO (Circ.ne Ragusa,1 0861/4291) REGOLAMENTO SULL ORGANIZZAZIONE DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE (ai sensi della legge 150/2000, del DPR 422/2001, e della Direttiva della Presidenza del Consiglio dei

Dettagli

Relazione Banche Confidi: rafforzare il rapporto di garanzia e andare oltre. Servizio Gateway Confidi. Claudio Mauro. Direttore Centrale

Relazione Banche Confidi: rafforzare il rapporto di garanzia e andare oltre. Servizio Gateway Confidi. Claudio Mauro. Direttore Centrale Relazione Banche Confidi: rafforzare il rapporto di garanzia e andare oltre Servizio Gateway Confidi Claudio Mauro Direttore Centrale RA Computer Roma, 29 Novembre 2013 RA Computer In cifre Più di 300

Dettagli

FONDACA Fondazione per la cittadinanza attiva. Attività di supporto e consulenza alle imprese

FONDACA Fondazione per la cittadinanza attiva. Attività di supporto e consulenza alle imprese FONDACA Fondazione per la cittadinanza attiva Attività di supporto e consulenza alle imprese Prendere sul serio la cittadinanza d impresa Sebbene negli ultimi anni, accademici ed esperti abbiano ampiamente

Dettagli

Politica per la Qualità della Formazione

Politica per la Qualità della Formazione Politica per la Qualità della Formazione Valutazione e accreditamento lasciano un segno se intercettano la didattica nel suo farsi, se inducono il docente a rendere il suo rapporto con i discenti aperto,

Dettagli

ROSSANA REVELLO CHIAPPE REVELLO RELATORE AGENZIA GENOVA, 16 SETTEMBRE 2014

ROSSANA REVELLO CHIAPPE REVELLO RELATORE AGENZIA GENOVA, 16 SETTEMBRE 2014 COMUNICARE LA SOSTENIBILITÀ STRUMENTI, STANDARD E MODELLI PER RENDICONTARE E VALORIZZARE L IMPEGNO DI UN ORGANIZZAZIONE IN MATERIA DI RESPONSABILITÀ AMBIENTALE, SOCIALE ED ECONOMICA. GENOVA, 16 SETTEMBRE

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE

CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE CORSO DI AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE COORDINATORI DEI PROCESSI DI AUTOVALUTAZIONE DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE Corso di Aggiornamento Professionale Coordinatori dei Processi di AutoValutazione PREMESSA

Dettagli

Le tappe del reporting in Intesa Sanpaolo

Le tappe del reporting in Intesa Sanpaolo Le tappe del reporting in Intesa Sanpaolo Advanced Level GRI 3: A+ GRI Checked Organisational Stakeholder 2011 e 2012 Sviluppo di Rendicontazioni specializzate per Stakeholder Analisi di materialità Sintesi

Dettagli

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA DEL LAVORO, DELLE ORGANIZZAZIONI E DELLA COMUNICAZIONE

LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA DEL LAVORO, DELLE ORGANIZZAZIONI E DELLA COMUNICAZIONE LAUREA MAGISTRALE PSICOLOGIA DEL LAVORO, DELLE ORGANIZZAZIONI E DELLA COMUNICAZIONE CLASSE LM-51 SECONDO CICLO: LICENZA O LAUREA MAGISTRALE IN PSICOLOGIA Il secondo ciclo di Licenza o Laurea Magistrale

Dettagli

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business

Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business Risparmio gestito in Italia: trend ed evoluzione dei modelli di business I risultati della survey Workshop Milano,12 giugno 2012 Il campione 30 SGR aderenti, rappresentative di circa il 75% del patrimonio

Dettagli

Investimenti etici e ambiente

Investimenti etici e ambiente Investimenti etici e ambiente Alessandra Viscovi 5 giugno 2014 Etica Sgr Etica Sgr opera con lo scopo di "rappresentare i valori della finanza etica nei mercati finanziari, sensibilizzando il pubblico

Dettagli

LA COMUNICAZIONE IN AMBITO ASSOCIATIVO

LA COMUNICAZIONE IN AMBITO ASSOCIATIVO LA COMUNICAZIONE IN AMBITO ASSOCIATIVO Il mondo delle associazioni di rappresentanza L universo delle associazioni vede coinvolti sindacati, organizzazioni di categoria, organizzazioni no-profit, ed anche

Dettagli

Intensive in. Mediazione dei conflitti in azienda Le vie alternative (A.D.R.) I edizione 21-22 Aprile 2009

Intensive in. Mediazione dei conflitti in azienda Le vie alternative (A.D.R.) I edizione 21-22 Aprile 2009 Intensive in Mediazione dei conflitti in azienda Le vie alternative (A.D.R.) I edizione 21-22 Aprile 2009 Codice Z3055 La maggior parte dei professionisti in azienda non ha ricevuto una formazione specifica

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE: COME ACCEDERE AL MERCATO DEI CAPITALI PER LE IMPRESE

CORSO DI FORMAZIONE: COME ACCEDERE AL MERCATO DEI CAPITALI PER LE IMPRESE CORSO DI FORMAZIONE: COME ACCEDERE AL MERCATO DEI CAPITALI PER LE IMPRESE CORSO COME ACCEDERE AL MERCATO DEI CAPITALI PER LE IMPRESE I DESTINATARI Il percorso formativo è stato specificamente modulato

Dettagli

Scheda di partecipazione Quarta edizione

Scheda di partecipazione Quarta edizione Scheda di partecipazione Quarta edizione Per ogni progetto candidato occorre compilare la scheda di partecipazione, composta da tre sezioni: - sezione 1: descrizione sintetica del programma - sezione 2:

Dettagli

Comitato codau per il coordinamento degli uffici ricerca scientifica

Comitato codau per il coordinamento degli uffici ricerca scientifica Comitato CODAU per il Coordinamento degli Uffici di Supporto alla Ricerca Scientifica Promosso da dieci università: Università di Torino, Pavia, Modena e Reggio Emilia, Bologna, Roma La Sapienza, Palermo,

Dettagli

Pratiche socialmente responsabili

Pratiche socialmente responsabili Pratiche socialmente responsabili I risultati di un indagine tra 28 multinazionali europee Milano, 3 dicembre 2003 EUROPEAN UNION European Social Fund Article 6 Innovative Measures Prime evidenze dalla

Dettagli

Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione Sodalitas

Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione Sodalitas Fondazione Sodalitas GfK Eurisko Le prospettive della Responsabilità Sociale in Italia Aprile 2010 Le prospettive della responsabilità sociale in Italia Una ricerca sui CEO delle imprese aderenti a Fondazione

Dettagli

ETICA E IMPRESA. Il concetto di etica. Cosa è. A quale concetto ci rifacciamo. Quale legame esiste tra etica e impresa. Concetta Carnevale

ETICA E IMPRESA. Il concetto di etica. Cosa è. A quale concetto ci rifacciamo. Quale legame esiste tra etica e impresa. Concetta Carnevale ETICA E IMPRESA Concetta Carnevale Università della Calabria 1 Il concetto di etica Cosa è A quale concetto ci rifacciamo Quale legame esiste tra etica e impresa 2 Etica e sviluppo sostenibile L esigenza

Dettagli

Valori per competere

Valori per competere di - Commissione Formazione - Percorso formativo Valori per competere Lo Sviluppo delle Competenze Manageriali a Supporto della Competitività 1 In un momento di grandi cambiamenti le organizzazioni sono

Dettagli