La crisi taglia i parti: a picco le nascite Le mamme? Over 40

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La crisi taglia i parti: a picco le nascite Le mamme? Over 40"

Transcript

1 31 gennaio 2014 Il Resto del Carlino La crisi taglia i parti: a picco le nascite Le mamme? Over 40 QUELLO che non ha potuto il cambio di ospedale, da via Giovecca a Cona, e il terremoto, lo ha fatto la crisi. Questa la tesi addotta dall esperto, Stefano Caracciolo, docente del dipartimento di Scienze biomediche e chirurgico specialistiche a Unife, sui dati forniti dall azienda ospedaliera. Le nascite di bei pargoli ferraresi numericamente crollano: nel 2009 erano 1630, oggi Centosessantasei parti in meno in cinque anni, una media all incirca di 33 gravidanze in meno portate a termine ogni anno. «Il trasferimento di ospedale spiega Caracciolo non ha avuto nessun effetto sulle nascite al Sant Anna di Ferrara. E neppure il terremoto. I motivo possono essere diversi ma più di tutto ha inciso la crisi. GLI STRANIERI. Nel panorama che emerge incrociando i dati dell azienda ospedaliera spicca la sostanziale tenuta, in alcuni casi una leggera diminuzione, della percentuale dei nati da donne straniere. In nove anni dal 2001 al 2010 il numero di gravidanze di mamme di altre etnie era letteralmente lievitato dal 2,7% del 2001 al 28% del Da allora con leggere flessioni e riprese il numero si è sostanzialmente mantenuto, arrestando la vorticosa salita del periodo precedente. «Negli anni che vanno dal 2011 al 2013 ci si sarebbe dovuti attendere un calo più drastico spiega il docente. Le ondate migratorie si stanno fermando, soprattutto nel Ferrarese, data la mancanza di posti di lavoro». Un altra interessante curiosità riguarda l età delle mamme: pochissime le ragazze madri al di sotto dei vent anni. Novantotto mamme su 1464 che hanno partorito nel 2013 avevano al momento del parto un età superiore ai 40. Mentre scendono le puerpere tra i 21 e i 30 anni, 469 sul totale, aumentano le gravidanze per le donne tra i trenta e i 40, ben 867. «È chiaro dice Caracciolo che la situazione è consentita da quelli che nell ambiente definiamo fattori sociali correttivi, ad esempio i contraccettivi. Perché normalmente l età più ferile è tra i 20 e i 30 anni». Su una popolazione di oltre 130mila abitanti, le interruzioni di gravidanza sono state quasi 400 solo nel Per l esattezza 398. ABORTO. Il dato è in calo, secondo i numeri forniti dal Sant Anna, perché nel 2012 gli aborti sono stati 425. «Il fenomeno è antico come il mondo commenta il professor Caracciolo. Abbiamo testimonianze di aborti fin dall antichità in Grecia. La legge italiana, risalente alla fine degli anni Settanta, serviva per regolare i casi di infanticidio, quei casi, ancora presenti, di mamme che gettano il loro bimbo nel cassonetto». La diminuzione degli aborti nel nostro territorio è, secondo il docente, «un segnale del cambiamento di mentalità che si è verificato negli ultimi tempi, merito anche delle campagne di prevenzione a favore di metodi contraccettivi». Ma su questo interviene Chiara Mantovani, presidente ferrarese di Scienza e vita: «Non è la diffusione dei contraccettivi la causa della riduzione di alcuni metodi d aborto spiega il medico. Non solo non abbiamo prove di una correlazione tra aborto e contraccettivi, ma ci sono alcuni casi paradigmatici, come il caso inglese. L Inghilterra è tra gli stati in Europa con più incidenza di gravidanze in età giovanile. Hanno pensato di risolvere con il profilattico e non hanno avuto risultati».

2 Leonardo Trombelli è il nuovo presidente IL PROFESSOR Leonardo Trombelli è stato eletto ieri presidente della Scuola di Medicina dell Università di Ferrara. Per i prossimi tre anni guiderà l istituto che si occupa del coordinamento dei tre Dipartimenti di area medica (Morfologia, chirurgia e medicina sperimentale; Scienze biomediche e chirurgico specialistiche; Scienze mediche) in merito alle tematiche di carattere didattico e assistenziale sanitario. L elezione è avvenuta all unanimità. IL DOCENTE ha 50 anni, è sposato, ha due figli. Laureato in Odontoiatria a Ferrara, ricercatore nel 1990, poi associato nel 1995 all Università di Loma Linda (California), dal 2000 è di nuovo a Ferrara, come ordinario di Malattie Odontostomatologiche dal 2010 e direttore dell U.O. di Odontoiatria dell Azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara e Coordinatore del corso di Studi in Odontoiatria. «Esprimo ha affermato Trombelli il più sentito ringraziamento al Rettore, a tutti i colleghi del Consiglio della Scuola e a tutta la ex facoltà di Medicina e Chirurgia, per aver sostenuto compatti sia l esigenza della creazione della scuola stessa, sia per la fiducia accordatami personalmente per la sua conduzione. Sono convinto che la scuola di Medicina saprà al meglio rappresentare nel contesto della città, dell ateneo ferrarese e della sanità territoriale, il valore aggiunto di competenza e professionalità che la ex facoltà medica ha sempre prodotto». Appena informato della sua nomina il sindaco Tiziano Tagliani ha subito inviato al neo presidente della scuola di Medicina e al rettore Pasquale Nappi, le proprie congratulazioni: «La nomina all unanimità del professor Trombelli, ottimo clinico e ricercatore, ma anche docente motivato e capace di raccogliere ampi consensi ha espresso il sindaco Tagliani prelude ad una stagione nuova della quale si sente urgentemente la necessità». «I DIPARTIMENTI medici sono infatti chiamati, con le istituzioni locali e sanitarie continua il primo cittadino, ad una fase di confronto serrato sugli scenari regionali e non solo. In questo contesto non facile, la coesione è la più convincente e necessaria delle condizioni di avvio. Sullo sfondo, in primo luogo, c è sicuramente la qualità dei servizi sanitari per i cittadini di questo territorio, ma anche il futuro stesso della ricerca e della presenza a Ferrara di una esperienza accademica straordinaria che deve vivere in un sistema oggi in fase di totale trasformazione. L auspicio è che queste trasformazioni avvengano senza sudditanze ma anche con grandi capacità di relazioni». Ospedale, sindacato in allarme «Troppo caos in area medica» «CARI direttori, è mancata la capacità di gestire la fusione tra il reparto di cardiologia e il reparto di medicina». A denunciare la confusione che regna nell ospedale Santissima Annunziata, dopo l inaugurazione dell area medica da parte del sindaco Piero Lodi e il direttore generale Paolo Saltari sono Marco Blanzieri e Luca Minelli dell Fp Cigl che elencano in una lettera le criticità ad oggi emerse. «Si riscontrano spiegano i sindacalisti grosse difficoltà organizzative, in quanto, nonostante siano stati fatti precedentemente alla fusione dei reparti gruppi di lavoro per uniformare le procedure assistenziali, ancora oggi ognuno balla con sua nonna. Per fare qualche esempio, la scheda di somministrazione della terapia, dove si segnano le medicine da dare ai pazienti ai diversi orari, doveva essere unica ed uguale in tutta l area medica ed invece ogni reparto ha mantenuto la sua; per gli esami proseguono, se un infermiere della ex cardiologia deve prenotare per un paziente della medicina o viceversa deve farsi prestare il codice personale di un altro infermiere, atto che, secondo noi, li sottopone a rischi». BLANZIERI e Minelli ravvisano problemi anche nel caso si debba impiantare un pace

3 maker esterno in urgenza, «perché l infermiere dell area deve lasciare il posto di lavoro e trasferirsi in sala operatoria. E, inoltre, Non è mai stata fatta una riunione sull organizzazione del lavoro con tutti gli operatori insieme». Secondo i sindacalisti è stato buttato a mare il lavoro, durato sei mesi, dei gruppi professionali, i cui elaborati e le proposte fatte per arrivare ad un modello di area per intensità di cura sono state lasciate nel cassetto, «questo, comunicando i turni di lavoro giorno per giorno e togliendo inoltre la presenza importante dell operatore socio sanitario dal turno notturno». MA continuano a vedere l ospedale di Cento strategico per quel territorio, dati i problemi legati al terremoto che ha penalizzato le strutture di Finale Emilia, Mirandola e Bondeno ed alcune scelte strategiche della sanità Bolognese che hanno depotenziato alcuni presidi limitrofi. «Crediamo concludono Blanzieri e Minelli che, se se ben governata e integrata nella rete provinciale, Santissima Annunziata può rappresentare un volano di sviluppo per tutta la provincia. Una certezza noi la abbiamo: la preparazione e la professionalità del personale dei reparti e dei servizi è sicuramente quella giusta per un salto di qualità». «Un nuovo medico: quanto resterà?» GLI ABITANTI di Coronella vivono col fiato sospeso l arrivo del nuovo medico di famiglia. A fronte della nuova assegnazione, dopo la messa a concorso del posto, auspicano un assistenza di base finalmente continua. Lo stato d animo è evidente nella testimonianza che giunge da un gruppo di cittadini. «Negli ultimi 8 anni si legge in una lettera altrettanti medici si sono succeduti nel nostro paese, dei quali ben 5 da giugno 2013 a ora. Come non comprendere l importanza della continuità di questo servizio, come non pensare ai benefici di un medico di riferimento, che nel tempo conosce alla perfezione i suoi assistiti. Come non valutare che tutto ciò possa anche essere un diritto dei cittadini, diritto che da tempo, diverse persone del paese vanno a cercare altrove (i mutuati attualmente in carico sono scesi a 382, ndr). E, per finire, come non capire che decisioni corrette o sbagliate possono far fiorire o far anche morire un paese come il nostro, peraltro in espansione». I coronellesi lo avevano ribadito nel gremito incontro di ottobre a cui avevano partecipato anche il sindaco Paolo Pavani e Mauro Manfredini, direttore del Distretto Ovest dell Ausl. «Allora riferiscono - le autorità competenti avevano manifestato il loro massimo interessamento, naturalmente nel rispetto delle leggi». La graduatoria, nel frattempo, è stata scorsa e un professionista ha accettato l incarico. «In questi giorni quindi arriverà un nuovo medico incaricato: per quanto tempo nessuno lo può dire. Per parte nostra speriamo interpreti il suo lavoro come chi per ultimo lo ha preceduto. L ultimo medico assegnato rimarcano aveva con la sua dedizione, disponibilità e grande professionalità, ridato serenità al nostro paese. Risulta incomprensibile, pur in presenza di ottimo punteggio, come non possa trovare occupazione, magari da noi, un professionista esemplare, che ringraziamo profondamente e sentitamente per il pur breve periodo trascorso a Coronella». Ambulanza bloccata nella sede dei pompieri: pronta nuova protesta COMACCHIO non si ferma e continua a far sentire la propria voce sulla questione sanitaria. Principale oggetto di attenzione è in questo momento la mancanza dell autoambulanza all ospedale San Camillo. L ambulanza è attualmente ospitata nella sede locale dei vigili del fuoco, trasferita lì, dopo gli eventi dell 8 gennaio, con la chiusura improvvisa del punto di primo soccorso del nosocomio e la contestazione della popolazione. Per portare avanti la protesta contro tale decisione di tenere l ambulanza lontana dal San Camillo, è prevista per l 8 di febbraio, a un mese di distanza da quelle

4 vicende, un altra manifestazione popolare. Gli stessi accordi regionali hanno stabilito che il mezzo debba rimanere collocato all interno della struttura, ma essi sono così disattesi perché, secondo l Asl al momento mancherebbero le condizioni che non ne permetterebbero il collocamento dove stabilito. A più riprese e da più parti a Comacchio si sono alzate voci che hanno sottolineato l assenza di rischi di qualsiasi sorta. Anche mercoledì scorso, nel corso del consiglio comunale, lo stesso sindaco Marco Fabbri ha sottolineato l assenza di ostacoli al ritorno dell ambulanza nell ospedale e ha sottolineato che continuerà a chiederne il ripristino e ha annunciato a breve l invio di un esposto per le modalità di chiusura del pronto soccorso. Trapelano, intanto, anche indiscrezioni su nuovi pesanti esposti a carico dell Ausl da parte della Consulta. La Nuova Ferrara Quinta ambulanza dai risparmi su trasporti e Ps L impegno a salire da 4 a 5 ambulanze sempre a disposizione per l emergenza territoriale, così come indicato dalla Conferenza sanitaria, è confermato, ma le risorse in termini di personale e mezzi dovranno venire fuori dalla riorganizzazione del servizio. L indomani del trasferimento della centrale operativa del 118 al Maggiore di Bologna, l incontro di ieri mattina tra i vertici dell Asl, la dirigenza del Sant Anna e i sindacati, ha posto le basi per le riorganizzazione del Sistema di emergenza-urgenza pre ospedaliera di Ferrara. Entro febbraio il piano sarà pronto, è l impegno preso dal direttore generale Asl, Paolo Saltari, con tanto di riferimento al documento della Conferenza sanitaria che prevede, appunto, l aumento della pronta disponibilità di ambulanze. «È un riferimento incoraggiante, anche se è meglio attendere il piano prima di sbilanciarsi - ha sottolineato Claudia Canella (Cisl) - Ci sono altri punti importanti, come i mezzi con 300mila chilometri alle spalle e alcuni aspetti delle convenzioni con le associazioni, in quanto i criteri per gli accreditamenti nel tempo sono stati aggiornati». Stando alle prime indicazioni ancora non esplicitate, in effetti, proprio dal riordino delle convenzioni, ed in particolare dei servizi di trasporto secondari tra ospedali che vengono effettuati con i mezzi dell emergenza, si cercherà di liberare risorse per il potenziamento del soccorso. Tornerà utile in questo quadro anche la chiusura del Pronto soccorso di Comacchio, al proposito del quale Saltari ha ribadito la linea già più volte espressa: non c è stato un blitz, le informazioni erano state fornite preventivamente alle istituzioni locali. La riunione è servita anche a fare il punto sui Dipartimenti interaziendali: Informatica ed Economato, istituiti nel 2010, sono finalmente sul punto di far uscire i bandi per le posizioni organizzative, mentre si comincia a discutere anche del Dipartimento interaziendale del personale, uno dei più complessi. È stato poi trovato un accordo per i tempi determinati che riguarda una quindicina di addetti. Il cordone ombelicale Oggi alle 18.30, presso la Caffetteria Oficina 24, in via Borgo dei Leoni 24, gli specialisti di Cryo-Save saranno a disposizione del pubblico con il seminario informativo Conservare il cordone ombelicale, una scelta consapevole. La scelta relativa alla conservazione delle cellule staminali cordonali deve essere presa nella piena consapevolezza sulla tematica. A tal fine Cryo-Save, società leader in Italia e in Europa nel settore dell informazione medicoscientifica sui temi dell utilizzo delle cellule staminali e della loro conservazione, organizza un fitto calendario di incontri in tutta Italia che consentono di approfondire la materia. L incontro è gratuito e dedicato ai futuri genitori, per conoscere tutti gli aspetti medici, scientifici e legali relativi alla conservazione delle cellule staminali neonatali.

5 «A chi urlava contro i medici esprimo solo il mio disprezzo» Nessuno (se non chi l ha provato) può immaginare cosa può essere questo dolore. È un dolore atroce che ti porta via dal tuo mondo fatto della tua quotidianità, ad un altro dove trovi solo angoscia, disperazione ed infine il vuoto dentro di te. È questo il dolore che ogni genitore prova nel vedere il proprio figlio, nel pieno della sua giovinezza, privo di vita su di un lettino di un ospedale. Ti rendi conto in quel momento che tutta la vita che hai dato per quel figlio se n è andata insieme a lui. Mentre scrivo, piango, ma sento che devo andare avanti perchè, chi purtroppo ha avuto il coraggio in quella notte del 21 luglio 2013, entrando di prepotenza con urla e insolenze nella sala di rianimazione dell ospedale di Cona, disturbando l operato dei medici nell intento di rianimare Denis (non solo coi loro mezzi) ma con tanta umanità, sappia che io come mamma non posso fare altro che esprimere il più grande disprezzo, perchè oltre ad avere fatto questo, quel qualcuno ha avuto il coraggio di rivolgersi sarcasticamente a chi lo invitava ad uscire. Concludo dicendo che in un mondo come il nostro dove l egoismo prevale ormai sull altruismo, si cominci a pensare che oltre quella porta d ospedale ci può essere una vita da salvare. Approfitto comunque per ringraziare, non solo lo staff medico di Cona, ma anche tutte le autorità competenti, i vigili del fuoco e tutti coloro che ci sono stati vicini nella nostra disperazione. Silvia Bassi la mamma di Denis Scuola di medicina, Trombelli presidente Il professor Leonardo Trombelli è stato eletto presidente della Scuola di Medicina dell'università di Ferrara. Per i prossimi tre anni guiderà l'istituto che si occupa del coordinamento dei tre Dipartimenti di area medica (Morfologia, chirurgia e medicina sperimentale; Scienze biomediche e chirurgico specialistiche; Scienze mediche) in merito alle tematiche di carattere didattico e assistenziale sanitario. L'elezione è avvenuta all'unanimità (18 voti su 18). Cinquant anni, sposato con due figli, laureato in Odontoiatria a Ferrara, ricercatore nel 1990, poi associato nel 1995 all'università di Loma Linda (California), dal 2000 di nuovo a Ferrara, Trombelli è ordinario di Malattie Odontostomatologiche dal 2010 e Direttore dell'u.o. di Odontoiatria dell'azienda Ospedaliero-Universitaria di Ferrara e Coordinatore del Corso di Studi in Odontoiatria. «Esprimo - ha affermato il prof. Trombelli - il più sentito ringraziamento al Rettore, a tutti i colleghi del Consiglio della Scuola e a tutta la ex Facoltà di Medicina e Chirurgia, per aver sostenuto compatti sia l'esigenza della creazione della Scuola stessa sia per la fiducia accordatami personalmente per la sua conduzione». Il sindaco di Ferrara Tiziano Tagliani ha inviato al prof. Leonardo Trombelli e al rettore prof. Pasquale Nappi, le proprie congratulazioni. «La nomina all'unanimità del prof. Trombelli, ottimo clinico e ricercatore, ma anche docente motivato e capace di raccogliere ampi consensi prelude ad una stagione nuova della quale si sente urgentemente la necessità». Ospedale, misteri e polemiche COMACCHIO L impegno in difesa dell ospedale San Camillo non cala. Così partiti, movimenti, cittadini che hanno partecipato alle ultime iniziative stanno organizzando una nuova manifestazione che dovrebbe svolgersi sabato 8 febbraio. Intanto c è da registrare che l altra sera in consiglio comunale alcuni componenti della Consulta hanno aspettato la fine della seduta, con le risposte relative alle interpellanze presentate sulle sorti dell ospedale a seguito della chiusura del pronto soccorso, poi si sono rivolti direttamente al sindaco Fabbri. Sulla rimozione dei segnali stradali, da strade provinciali e statali,

6 indicanti la direzione da seguire per arrivare all ospedale. «Non riusciamo a capire perché la rimozione dei segnali con la scritta ospedale - ha sottolineato una delle fondatrici della Consulta -. Il San Camillo è ancora attivo: non c'è più il pronto soccorso, ma in nessuno dei cartelli tolti vi era la scritta pronto soccorso, ma solo ospedale. Secondo noi non andavano tolti, perché così si toglie la possibilità a chi magari deve anche solo sostenere una visita specialistica in uno degli ambulatori del San Camillo, e viene da fuori territorio, di non riuscire ad arrivare a destinazione. Si è stato creato un disservizio». Ieri mattina poi, clima ancora teso all ospedale dopo che, per un paventato infarto, un 30enne di San Giuseppe è stato accompagnato in auto da un amico al punto di primo intervento, notoriamente chiuso. I diverbi tra alcuni sostenitori della Consulta che stanno turnandosi da ormai tre mesi, per impedire la trasformazione dell ospedale in casa della salute e un dipendente hanno avuto origine dopo che si è reso necessario chiamare l ambulanza, per trasportare il giovane a Valle Oppio, dato che l amico si era allontanato per recarsi al lavoro. «Automedica e ambulanza sono arrivate in pochi minuti riconosce Fabrizio Guidi, uno dei volontari della Consulta presenti in quel frangente -, ma dopo un po è sceso un dipendente e davanti alla nostra domanda perché l ambulanza non fosse nel parcheggio dell ospedale, ci ha risposto che non rimane perché ci siamo noi ad occupare l ospedale. Poi si è bloccato di colpo, perché ha capito la gaffe commessa». Secondo Guidi si ripetono negli ultimi tempi le accuse rivolte alla Consulta, secondo le quali sarebbero gli occupanti dell ospedale a far arrivare pazienti benché il punto di primo intervento sia stato chiuso. «Siamo stufi di essere tacciati ingiustamente di cose che non facciamo si sfoga Guidi e non è vero che intralciamo le attività dei medici e dei dipendenti».

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO

la riorganizzazione della dev essere affrontata in Consiglio TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO TORTONA. SE NE PARLERA IN UNA SEDUTA AD HOC: L HA DECISO IL SINDACO La riorganizzazione dell ospedale dev essere affrontata in Consiglio In Consiglio comunale si parlerà ancora di riorganizzazione ospedaliera.

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Durc online: dal 1 luglio nuova procedura di verifica della regolarita' contributiva

Durc online: dal 1 luglio nuova procedura di verifica della regolarita' contributiva RASSEGNA STAMPA UNISANNIO 02/07/2015 Indice Il Sannio Quotidiano 1 Unisannio Atenei campani, il rettore Filippo de Rossi al vertice Il Mattino 2 Unisannio Coordinamento atenei campani: de Rossi al vertice

Dettagli

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI

RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI RESOCONTO DELL ATTIVITÀ ITÀ DEI COMITATI CONSULTIVI MISTI DEGLI UTENTI DELL AZIENDA USL DI PIACENZA - 2003/2006 I Comitati Consultivi Misti degli Utenti dell Azienda USL di Piacenza dal gennaio 2003 al

Dettagli

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi

giuseppe.marziali@gmail.com giuseppe.marziali@sanita.marche.it 03/04/1956 Porto Sant Elpidio (FM) MRZGPP56D03G921O Febbraio 2010 ad oggi F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Qualifica Professionale MARZIALI GIUSEPPE Medico Chirurgo, Specialista in Malattie dell Apparato Cardiovascolare,

Dettagli

COS È IL PRONTO SOCCORSO?

COS È IL PRONTO SOCCORSO? AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITARIA INTEGRATA VERONA COS È IL PRONTO SOCCORSO? GUIDA INFORMATIVA PER L UTENTE SEDE OSPEDALIERA BORGO TRENTO INDICE 4 COS È IL PRONTO SOCCORSO? 6 IL TRIAGE 8 CODICI DI URGENZA

Dettagli

Guida alle prestazioni ambulatoriali

Guida alle prestazioni ambulatoriali Az i e n d a O s p e d a l i e r a O s p e d a l i Riuniti Papardo-Piemonte M e s s i n a P r e s i d i o O s p e d a l i e r o P AP AR D O Guida alle prestazioni ambulatoriali Gentile Signore/a, l Azienda,

Dettagli

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca

Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Parere n. 5 del 22/6/2011 Al Direttore Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo studio universitario del Ministero Istruzione, Università e Ricerca Oggetto: Programmazione nazionale dei

Dettagli

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa

REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA. Premessa REGOLAMENTO DEI DIPARTIMENTI AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DELL'AZIENDA OSPEDALIERA - UNIVERSITA' DI PADOVA Premessa La struttura dipartimentale rappresenta il modello ordinario di gestione operativa delle

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL DIPARTIMENTO AD ATTIVITA INTEGRATA (DAI) DI MEDICINA INTERNA Art. 1 Finalità e compiti del Dipartimento ad attività integrata (DAI) di Medicina Interna

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 95,45 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE

TOTALE PERSONALE TOT. GG. LAVORATIVI GG. PRES./ GG.LAVORATIVI % CENTRO CONTROLLO DIREZIONALE 80,00 DIPARTIMENTO PREVENZIONE Tassi di assenza e di maggior presenza del personale in servizio presso nel mese /. Pag. di assenza ingiustificata, infortunio e permessi retribuiti vari (legge, avis, allattamento, matrimonio, lutto,

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO.

PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. ALLEGATO A PARTE SECONDA TITOLI E CRITERI DI VALUTAZIONE PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE DI CUI ALL'ART. 21 DELL'ACCORDO. TITOLI ACCADEMICI VOTO DI LAUREA Medici Specialisti ambulatoriali, Odontoiatri,

Dettagli

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento

Ri...valutando: azione e ricerca per il miglioramento Il team di ricerca Mario Ambel (Responsabile) Anna Curci Emiliano Grimaldi Annamaria Palmieri 1. Progetto finalizzato alla elaborazione e validazione di un modellostandard - adattabile con opportune attenzioni

Dettagli

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara

Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara PROMECO Progettazione e intervento per la prevenzione Progetto di prevenzione e contrasto del bullismo nella provincia di Ferrara Aprile 2006 Premessa Punti di forza, obiettivi raggiunti Elementi su cui

Dettagli

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE

UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE L EVENTO ASSEGNERÀ CREDITI ECM Sabato 16 giugno 2012 ore 8,30 UPDATE E SECOND OPINION IN CHIRURGIA VASCOLARE SEDE DEL CORSO Via Masaccio, 19 MILANO PER ISCRIZIONI www.chirurgiavascolaremilano.it Il Convegno

Dettagli

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza

Realtà e problematiche relative alla qualità formativa: un esperienza Commissione Nazionale dei Corsi di Laurea in Infermieristica La valutazione dei risultati dell apprendimento e qualità formativa dei Corsi di laurea in Infermieristica Milano, 10 giugno 2011 Realtà e problematiche

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari

INFORMAZIONI PERSONALI ESPERIENZA LAVORATIVA. 2013 a tutt oggi ASL Cagliari O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Alessandra Aste Indirizzo VIA IS MIRRIONIS 92, 09121 CAGLIARI Telefono 070 6095934 3346152648 Fax 0706096059

Dettagli

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori?

Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Le proposte emerse dai gruppi di RLS 1 Che fare quando un RLS vede una situazione di rischio o di disagio per i lavoratori? Il RLS consulta il documento di valutazione dei rischi e verifica se il rischio

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza

Legge 22 maggio 1978, n. 194. Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza Legge 22 maggio 1978, n. 194 Norme per la tutela sociale della maternità e sull interruzione volontaria della gravidanza (Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale Gazzetta Ufficiale del 22 maggio 1978, n. 140)

Dettagli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli

ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Gustav Klimt, 1905) CONSULTORIO FAMILIARE RIETI Responsabile: Dr. Attilio Mozzetti ORGANIZZAZIONE CORSI Referente: D.ssa Anna Incelli (Immagini tratte dal web e utilizzate per finalità istituzionali)

Dettagli

Pronto Soccorso e Sistema 118

Pronto Soccorso e Sistema 118 PROGETTO PRONTO SOCCORSO E SISTEMA 118 Ministero della Salute Progetto Mattoni SSN Pronto Soccorso e Sistema 118 Ricognizione della normativa, delle esperienze, delle sperimentazioni, relativamente a emergenza

Dettagli

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna

Date da 10/2003 a 01/2004 Lavoro o posizione ricoperti Dirigente medico ex I livello, a tempo determinato, Disciplina di Medicina Interna Principali attività e medico presso la Medicina e Chirurgia di Accettazione ed Urgenza (MCAU) del Pronto Soccorso Generale P.O. Garibaldi Centro. Attività svolta presso gli ambulatori di Medicina del Pronto

Dettagli

L ufficio dell Anagrafe è aperto: lunedì-venerdì dalle 8.30 alle 15.30, sabato dalle 8.30 alle 12.

L ufficio dell Anagrafe è aperto: lunedì-venerdì dalle 8.30 alle 15.30, sabato dalle 8.30 alle 12. Compila oralmente la carta d identità con i tuoi dati: nome..., cognome..., nato il..., a..., cittadinanza..., residenza..., via..., stato civile..., professione..., statura..., capelli..., occhi... Qual

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

1 di 2 04/10/2012 10:12

1 di 2 04/10/2012 10:12 http://fe-mn-andi.mag-news.it/nl/n.jsp?6o.vp.a.a.a.a 1 di 2 04/10/2012 10:12 Numero 4 - Novembre 2010 Il potere degli eletti : come lo interpretano alcuni e cosa ne penso io. Uno dei temi che sicuramente

Dettagli

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI

PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI AZIENDA OSPEDALIERA UNIVERSITA DI PADOVA PROCEDURA MODALITA DI ACCESSO AGLI AMBULATORI Preparato da Gruppo di Lavoro Ambulatori Clinica Ostetrico- Ginecologica Verificato da Servizio Qualità Verifica per

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t 1

VÉÇá zä É exz ÉÇtÄx wxäät câzä t 1 1 LEGGE REGIONALE Norme in materia sanitaria 2 LEGGE REGIONALE Norme in materia sanitaria Il Consiglio regionale ha approvato la seguente legge: Art. 1 (Integrazione del comma 40 dell articolo 3 della

Dettagli

PRIORITY. Precedenza

PRIORITY. Precedenza www.italy-ontheroad.it PRIORITY Precedenza Informazioni generali e consigli. Ciao, sono Namauel Sono una voce amica che prova ad aiutarti, con qualche consiglio, nella circolazione stradale. Mi rivolgo

Dettagli

Indice Indice... 1 Oggetto... 1 Referenti regionali del progetto... 1 Scopo... 2 Il progetto Rete CUP regionale... 2 Premessa... 2 La situazione regionale... 2 Azienda Ospedaliera di Cosenza... 2 ASP di

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione

Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione 1 di 11 ID_Candidato 19 Nome Cognome Candidato a Direttore Amministativo Dati anagrafici e Domanda di Iscrizione fabrizio di bella Data_Nascita 31/01/1962 Luogo_Nascita Provincia_Nascita Residenza_Comune

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura

La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura La migliore assistenza nel Nuovo Ospedale Galliera per linee di attività a intensità di cura INTRODUZIONE L obiettivo è fornire la migliore cura per i pazienti con il coinvolgimento di tutto il personale

Dettagli

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO

SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO SINTESI DDL CITTA METROPOLITANE, PROVINCE, UNIONI COMUNI SENATO Il disegno di legge 1212 Disposizioni sulle Città metropolitane, sulle Province, sulle unioni e fusioni di Comuni approvato dal Senato ha

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Quante sono le matricole?

Quante sono le matricole? Matricole fuori corso laureati i numeri dell Universita Quante sono le matricole? Sono poco più di 307 mila i giovani che nell'anno accademico 2007/08 si sono iscritti per la prima volta all università,

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02

Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale. Vantaggi. Imparare a fare trading dai maestri MARKETS.COM 02 Impar a il tr ading da i m aestr i Impara il trading dai maestri con l'analisi Fondamentale Cos'è l'analisi Fondamentale? L'analisi fondamentale esamina gli eventi che potrebbero influenzare il valore

Dettagli

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE

U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE REGIONE LAZIO Direttore Generale Dott. Vittorio Bonavita U.O.C. CHIRURGIA VASCOLARE Ospedale Sandro Pertini Direttore: Prof. Vincenzo Di Cintio Gentile paziente, Le diamo il benvenuto nella nostra Struttura

Dettagli

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III

DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III Ministero della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III RAZIONALE Scopo di queste Raccomandazioni

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE

Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Numero 2 del 29 febbraio 2012 PROGETTO CESIPE Lo scorso 8 febbraio nella sede del Comitato Consultivo, il Direttore Generale dell Azienda "Policlinico-Vittorio Emanuele", Armando Giacalone, il Direttore

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola.

Croce Rossa Italiana Sala Operativa Nazionale. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014. Oggetto: Ebola. Legnano, li 02 dicembre 2014 Protocollo: 11033/2014 protocollo elettronico n. CRI/CC/0084024/2014 Oggetto: Ebola. Ai DRAE, loro sedi Ai Presidenti, loro sedi Ai Comitati Regionali, loro sedi All Ispettorato

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE

Università degli Studi del Sannio NUCLEO DI VALUTAZIONE RIUNIONE NUCLEO DI VALUTAZIONE Verbale n. 10 del 5 Novembre 2014 RIUNIONE Il giorno 5 Novembre 2014, alle ore 10.40, il Nucleo di Valutazione dell Università degli Studi del Sannio, si è riunito per discutere sugli argomenti iscritti

Dettagli

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore.

L ASCENSORE. Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. COS È L ANACAM. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. L ASCENSORE Conoscerlo meglio per gestirlo ed usarlo correttamente. Saper affrontare le emergenze. Quando non usare l ascensore. Cosa fare? Cosa non fare? Questo pieghevole è offerto dal vostro ascensorista

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%.

ai giovani 18 24 anni che non hanno conseguito il diploma di scuola media superiore al 10%. COMUNE di SASSARI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI PROTOCOLLO D INTESA INTERISTITUZIONALE FINALIZZATO ALLA CONOSCENZA DEL FENOMENO DELLA DISPERSIONE SCOLASTICA E ALLA PRIMA INDIVIDUAZIONE DI MISURE DI

Dettagli

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione.

Il Documento è diviso in tre parti e dotato di un indice per agevolare la consultazione. L erogazione dell assistenza in favore dei cittadini stranieri non può prescindere dalla conoscenza, da parte degli operatori, dei diritti e dei doveri dei cittadini stranieri, in relazione alla loro condizione

Dettagli

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza

Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Autorizzazione e vigilanza Dipartimento di Sanità Pubblica S a l u t e è S a p e r e Azioni di Prevenzione n. 2 28 Strutture sanitarie e Socio-assistenziali Indice Presentazione Strutture Sanitarie Introduzione Contesto Risultati

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE FORME DI COLLABORAZIONE DEGLI STUDENTI ALLE ATTIVITA' CONNESSE AI SERVIZI RESI Senato Accademico 27 Aprile 2010 Consiglio di Amministrazione 18 Maggio 2010 Decreto Rettorale Rep. n. 811/2010 Prot. n 13531 del 29 Giugno 2010 Ufficio Competente Ufficio Agevolazioni allo studio e disabilità

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

ŀregione Lazio Progetto Dioniso

ŀregione Lazio Progetto Dioniso Progetto Dioniso Screening audiologico per la sordità neonatale Ogni anno nascono 3 bambini su mille con problemi gravi di sordità. Con un esame semplicissimo, di pochi secondi, non invasivo, non doloroso

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI. Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 INFORMAZIONI PERSONALI Nome Papalia Grazia Maria Data di nascita 29/06/1959 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio I Fascia AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE DI REGGIO CALABRIA

Dettagli

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione

CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO. AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA Dirigente - U.O.C di Anestesia e Rianimazione INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data di nascita 27/07/1957 Qualifica Amministrazione Incarico attuale Numero telefonico dell ufficio CIOFFI SQUITIERI FRANCESCO II Fascia AZIENDA OSPEDALIERA S CARLO POTENZA

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie

Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili Come fare per prenotare esami, visite o altre prestazioni sanitarie Informazioni utili U.O. AFFARI GENERALI E SEGRETERIA

Dettagli

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini,

Civilewww.edurisk.it. Care bambine, cari bambini, Cari bambini, Civile questo libretto che vi viene oggi proposto vi aiuterà a conoscere i rischi e ad imparare come difendervi, in particolare dai rischi legati al terremoto. Questo come tutti sapete è

Dettagli

CORSO ANTINCENDIO BASE

CORSO ANTINCENDIO BASE Evento formativo Corso di addestramento CORSO ANTINCENDIO BASE 1. Premessa Il D.Lgs. 81/2008 e D.M. 10.03.98 stabiliscono, tra l altro, i criteri per la valutazione dei rischi incendio nei luoghi di lavoro

Dettagli

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE

AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE AZIENDA PER I SERVIZI SANITARI N 4 MEDIO FRIULI Via Pozzuolo, 330 33100 UDINE **** DIREZIONE GENERALE CENTRO ASSISTENZA PRIMARIA PRESSO IL DISTRETTO DI CIVIDALE Dicembre 2014 1 Indice Premessa 1) La progettualità

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II.

AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. AVVISO PER IL CONFERIMENTO DI INCARICHI DI COLLABORAZIONE A NORMA DELL ARTICOLO 7 COMMA 6, D.LGS N. 165 DEL 30.03.2001 E SS.MM.II. In esecuzione della deliberazione del Direttore generale n. 765 del 30.04.2013,

Dettagli

A.C.N. SPECIALISTICA AMBULATORIALE ED ALTRE PROFESSIONALITA' GRADUATORIE DOMANDE REQUISITI.

A.C.N. SPECIALISTICA AMBULATORIALE ED ALTRE PROFESSIONALITA' GRADUATORIE DOMANDE REQUISITI. A.C.N. SPECIALISTICA AMBULATORIALE ED ALTRE PROFESSIONALITA' GRADUATORIE DOMANDE REQUISITI. - Il professionista, medico specialista, il medico veterinario e delle altre professionalità sanitarie di cui

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum

Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum Le regole essenziali per raccogliere le firme per i referendum La prima operazione da fare, una volta ricevuti i moduli per la raccolta, è quella della Vidimazione. La vidimazione. Viene effettuata dal

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato n. 2 (Procedure per l iscrizione, l accesso ai risultati e lo scorrimento della graduatoria) 1. Ciascun candidato deve presentare la richiesta di partecipazione al test selettivo per l accesso

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A.

LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE. Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. LEGISLAZIONE DEI LIVELLI ASSISTENZIALI DEI PUNTI NASCITA E RIORGANIZZAZIONE SANITARIA IN PIEMONTE Tortona 6 ottobre 2012 dott. A. Marra PROGETTO OBIETTIVO MATERNO INFANTILE ( POMI) DM 24 APRILE 2000 TRE

Dettagli

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE

F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE F ORMATO EUROPEO PER IL CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome SCALA UMBERTO Nazionalità Italiana Data di nascita 28/02/1956 ESPERIENZA LAVORATIVA ATTUALE Dal 01-05-2003 a tutt oggi Indirizzo sede

Dettagli

SUA-RD Sperimentazione anno 2013

SUA-RD Sperimentazione anno 2013 Firenze 21 Gennaio 2015 Sperimentazione anno 2013 La Scheda Unica Annuale della Ricerca Dipartimentale (SUA-RD) è strutturata in 3 parti Parte I Obiettivi, risorse e gestione del Dipartimento Parte II:

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche

Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Fabio Ragaini, Gruppo Solidarietà Tariffe a carico degli utenti nella RSA Anni Azzurri di Ancona. La sospensiva del TAR Marche Con Ordinanza 189/2010, www.grusol.it/informazioni/12-04-10.pdf, Il Tar delle

Dettagli

STATUTO. Art. 1. Art. 2

STATUTO. Art. 1. Art. 2 STATUTO Art. 1 E costituita tra l Università Politecnica delle Marche e l Università degli Studi di Urbino Carlo Bo un associazione denominata UNIADRION. Art. 2 L associazione ha sede in Ancona, presso

Dettagli

SICUREZZA & INGEGNERIA

SICUREZZA & INGEGNERIA SICUREZZA & INGEGNERIA Centro Formazione AiFOS A707 MA.CI - S.R.L. AGENZIA FORMATIVA E SERVIZI PROFESSIONALI PER LE IMPRESE Organismo accreditato dalla Regione Toscana PI0769 C.F./Partita IVA 01965420506

Dettagli

all'italia serve una buona scuola,

all'italia serve una buona scuola, all'italia serve una buona scuola, che sviluppi nei ragazzi la curiosità per il mondo e il pensiero critico. Che stimoli la loro creatività e li incoraggi a fare cose con le proprie mani nell era digitale.

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi.

La FLI si rinnova per essere sempre al passo con i tempi. Carissimi Soci, anche quest anno di vita associativa si avvia gradualmente a conclusione con moltissimi obiettivi raggiunti, moltissime iniziative a tutela e promozione della nostra Professione concluse

Dettagli

Ministero, della Salute

Ministero, della Salute Ministero, della Salute DIPARTIMENTO DELLA QUALITÀ DIREZIONE GENERALE DELLA PROGRAMMAZIONE SANITARIA, DEI LIVELLI DI ASSISTENZA E DEI PRINCIPI ETICI DI SISTEMA UFFICIO III MORTE O GRAVE DANNO CONSEGUENTI

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli