Le ragioni che invitano a firmare la petizione "Uno di noi" Prove biologiche dell'esistenza dell'uomo fin dal concepimento

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le ragioni che invitano a firmare la petizione "Uno di noi" Prove biologiche dell'esistenza dell'uomo fin dal concepimento"

Transcript

1 Le ragioni che invitano a firmare la petizione "Uno di noi" Prove biologiche dell'esistenza dell'uomo fin dal concepimento Una evidenza che non ha bisogno di dimostrazioni né di particolari conoscenze scientifiche è il fatto che nessuno di noi io che leggo, voi che leggete ci sarebbe se nostro padre e nostra madre non si fossero incontrati sessualmente. Dunque è altrettanto evidente che quell'incontro ha determinato la serie di eventi per cui oggi noi siamo ad interrogarci sul nostro inizio. I meccanismi biologici mediante i quali è potuto accadere lo stupefacente, incredibile miracolo del nostro esistere sono rimasti quasi sconosciuti fino a poco tempo fa. Ho parlato di "miracolo", perché nonostante l'abitudine al succedersi delle nascite, ogni padre e ogni madre si chiedono come sia possibile che da un abbraccio intimo, dal fondersi di due minuscole cellule quasi invisibili possa derivare l'enorme complessità del nostro corpo: mediamente, nell'adulto, 100 mila miliardi di cellule tutte ben ordinate, tutte collaboranti ad unico scopo. Eppoi la tenerezza di un volto bambino, il suo lento apprendere il linguaggio, fino all'esplodere dell'intelligenza, della coscienza morale, della capacità di amore. Com'è possibile? Un tempo chi si poneva questa domanda rispondeva con l'intuizione o con la fantasia. Roberto Colombo, professore di genetica all'università Cattolica di Milano, ha curato una mostra dal titolo "Il volto umano dell'embrione", che ha girato l'italia e che è stata mostrata anche nel Parlamento europeo in occasione del 40 anniversario della Dichiarazione universale dei diritti dell'uomo. Si tratta di una doppia serie di pannelli. La più originale è quella che non descrive lo sviluppo dell'embrione, ma che ripercorre la storia della riflessione umana sull'embrione, riassume cioè le risposte che nel succedersi dei secoli sono state date a quella domanda: "com'è possibile?" Alla luce delle attuali conoscenze scientifiche viene da sorridere sfogliando il fascicolo che accompagna la mostra. Per Aristotele lo sperma del maschio sarebbe stato l'unico principio attivo: la donna avrebbe fornito il sangue, cioè la materia, modellata dal principio attivo dello sperma. Questa interpretazione, secondo cui il seme maschile coagulerebbe, mescolerebbe e plasmerebbe il sangue femminile, è restata fino al Ma ancora non sono mancate le fantasie, come quelle di chi ipotizzava che un piccolissimo uomo fosse già presente nel gamete (qualcuno diceva nel seme maschile, qualcuno nell'uovo della donna) e che la gravidanza non fosse altro che un graduale accrescimento in volume del corpo preformato. Bisogna arrivare alla metà dell'800 per affermare che la fertilizzazione consiste nell'incontro dello spermatozoo con l'ovocita e solo nel 1953 Watson e Crick descrivono la struttura molecolare a doppia elica del DNA e ipotizzano un meccanismo per la sua duplicazione. Ancora più recenti sono le tecniche ecografiche che consentono di vedere e fotografare l'embrione e addirittura di renderlo vero e proprio attore in filmati realizzati mediante fibre ottiche. Possiamo ormai sapere quando comincia a battere il primo abbozzo del piccolo cuore (23 giorno), quando compare un primitivo sistema nervoso (26-27 giorno), quando cominciano le prime reazioni muscolari (8a settimana), etc. Le ricerche scientifiche si sono indirizzate anche a capire quando i sensi - udito, vista, gusto, tatto - ed anche le facoltà psichiche primitive capacità di riconoscere rumori e voci, memoria hanno cominciato a funzionare nel feto. Ha avuto un grande successo in Francia un libro a cura di Herbinet E., Busnel M.C., tradotto in italiano con il titolo "L'alba dei sensi". Questi brevissimi cenni mostrano che oggi sappiamo molto, molto di più di quanto appena trenta o quaranta anni fa potevamo conoscere. La scienza ci ha aiutato enormemente. La stessa 1

2 fecondazione in vitro ha fatto scoprire aspetti prima ignoti. Certamente restano ancora non pochi misteri, ma possiamo, con assoluta sicurezza, affermare che per accertare il momento di inizio della vita umana è irragionevole appellarsi alle superatissime fantasie, ipotesi e teorie di epoche in cui il progresso scientifico non aveva ancora scoperto i meccanismi della generazione. E' davvero stupefacente sia il processo attraverso cui si formano i gameti, sia il meccanismo della loro fusione, sia tutta la successiva fase dello sviluppo intrauterino del nuovo essere umano. "La vita umana prima meraviglia" è il titolo di una fortunata pubblicazione del "Centro di Documentazione" del Movimento per la vita italiano che traduce in termini di commozione contemplativa il rigore delle moderne acquisizioni scientifiche. Ma anche le fredde rilevazioni scientifiche suscitano emozione. Certo, la lettura dei moderni manuali di biologia, embriologia o di genetica non è facile per chi non è addetto ai lavori e non ha compiuto specifici studi di livello universitario. La stessa terminologia costituisce una difficoltà. Che significano per l'uomo della strada parole come, tanto per fare qualche esempio, "spermatide", "zona acrosomiale", "zigote", "cromosomi", "DNA", "blastocisti", "ootide", "mesoderma", "ectoderma" e simili? Eppure qualsiasi "uomo della strada" è chiamato a interrogarsi sull'inizio della vita umana o meglio, più precisamente, a "provare" l'esistenza dell'uomo". Se da un lato gli scienziati hanno scoperto le meraviglie della generazione, dall'altro anche le donne e gli uomini comuni, che non sono scienziati, quando devono decidere personalmente se sia giusto chiedere o attuare un intervento abortivo, oppure se sia eticamente corretto ricorrere alla procreazione artificiale o alla "pillola del giorno dopo" devono porsi la domanda: la mia azione incide su un essere umano oppure no? La domanda sull'inizio della vita umana è dunque estremamente pratica. Se poi il popolo è chiamato a confermare o annullare leggi che riguardano, per l'appunto, la fase iniziale della generazione, allora, per quanto complessa e difficile sia la comprensione dei meccanismi biologici, l'uomo della strada, in quanto cittadino su cui grava una porzione della sovranità popolare, deve avvertire la responsabilità di capire prima di decidere. Egli non ha il tempo di frequentare prima un corso universitario. Eppure deve farsi una idea. Ecco perché, abbandonando il linguaggio tecnico dei biologi, degli embriologi e dei genetisti, e tuttavia credendo a quello che essi unanimemente attestano di avere scoperto e visto, cercando noi di usare un linguaggio comprensibile a tutti, ma rigorosamente adeguato alla realtà palesata dalle parole più difficili degli studiosi, intendiamo dimostrare l'evidenza di un essere umano fin dal momento della fecondazione. Che da quel momento lo sviluppo sia continuo, autonomo (autodiretto), finalisticamente orientato è una constatazione concorde di tutti gli scienziati. Sviluppo continuo significa che non si può individuare un salto di qualità, nel senso che la realtà d improvviso è diversa da quella di un istante prima. Lo spermatozoo e l'ovocita, un istante prima che il primo penetri nel secondo, sono una realtà diversa dalla entità che si forma dopo il loro incontro, ma l'embrione formatosi è sempre quello lì, indipendentemente dal numero delle cellule. Cambia la quantità e la complessità della organizzazione, ma non l'identità biologica. Allo stesso modo non ci sono salti di qualità tra lo stesso bambino che prima ha due anni e poi ne ha tre. Non ci sono tagli profondi che permettono una netta separazione tra le varie fasi dello sviluppo. Del resto anche dopo la nascita continua una evoluzione, sia sotto l'aspetto fisico sia con ancora maggiore evidenza sotto l'aspetto psicologico. Il continuo cambiamento è connesso al fatto stesso della vita. Anche l'adulto cambia e diviene vecchio, ma vecchio, anziano, adulto, 2

3 giovane, adolescente, ragazzo, bambino, neonato, feto, embrione, zigote sono i diversi nomi con i quali si indica una identica entità umana. Che tale sviluppo sia autonomo, provocato e guidato cioè da una forza interiore (autodiretto), è altrettanto evidente. La fecondazione in vitro lo conferma con la forza dei fatti. Per un certo tempo l'embrione si sviluppa anche fuori del corpo materno. Poi ha bisogno di essere trasferito in utero, ma la madre gli fornisce soltanto il calore e, attraverso il sangue, il materiale necessario per autocostruirsi. E' il figlio stesso che guida il suo sviluppo, con la madre. E' ben diversa la costruzione di un edificio o di un qualsiasi altro oggetto inanimato. Ci vuole qualcuno che dall'esterno aggiunge pietra su pietra, pezzo a pezzo. Lo scultore modella la statua con una intelligenza ed una azione che sono esterne alla statua. Invece il vivente, prende e organizza da sé il materiale che lo costruisce. Sarebbe come se un pezzo di marmo di Carrara potesse trasformarsi in un David o in un Mosè senza l'opera dello scultore. Certamente la vita ha bisogno di un ambiente adatto. Cibo, ossigeno, calore sono condizioni di vita anche per i già nati. Ma non per questo manca l'autonomia. Anche un adulto vigoroso lasciato nudo e senza cibo al polo nord muore rapidamente e più velocemente ancora viene meno se privato di ossigeno. Il concepito è fragilissimo e perciò ha bisogno di un ambiente che lo protegga con particolare intensità. Ma il fatto che per nove mesi egli sia nascosto nel seno materno non gli toglie l'autonomia nel senso biologico ora indicato. Può darsi che egli sia partorito prematuramente e che per farlo vivere lo si debba proteggere in una culla termica ed usando mille accorgimenti, così come, del resto, nei reparti di rianimazione, sotto le tende a ossigeno e con altri presidi anche l'adulto, deve talora essere particolarmente protetto. Ma nessuno dice che un prematuro accolto in una culla termica non è un bambino. Insomma l'autonomia non è esclusa dalla abitazione del figlio nell'utero della madre. La vita dell astronauta chiuso in una capsula spaziale è condizionata dall'efficienza della capsula molto più di quanto lo sia l'embrione dal corpo della madre. Alla continuità e alla autonomia dello sviluppo si aggiunge la meraviglia di un finalismo perfetto. Fin dall'inizio tutto è orientato alla nascita, così come dopo la nascita tutto è orientato alla crescita di un corpo e di una mente capaci di agire, dialogare, costruire, pensare, amare etc.fin dall'inizio il processo è perfetto e inarrestabile. Esso può essere fermato solo da una azione esterna o da una patologia. Il nostro corpo è di una incredibile complessità in cui le singole parti sono coordinate funzionalmente tra di loro. Ogni cellula dei miliardi e miliardi che lo compongono ha una sua specifica funzione e ciascuna serve alle altre. Si può dunque parlare di un organismo umano per indicare che ogni parte serve al tutto. Alcune funzioni si attivano o si perdono nel tempo. Persino alcuni organi compaiono al momento opportuno e poi vengono abbandonati. Si pensi alla dentizione e alla funzione riproduttiva. Così anche la placenta e il cordone ombelicale non servono più dopo il parto. Ma l'organismo vivente è caratterizzato da uno sviluppo continuo, autonomo, finalisticamente e unitariamente orientato. La biologia moderna dà una risposta scientifica a quella domanda: "come è possibile?" cui in passato si è data una risposta di fantasia o di intuizione. In ogni cellula del corpo umano vi è il timbro biologico della umanità: i 46 cromosomi che sono caratteristici della nostra specie, 23 derivano dalla madre e 23 dal padre. A sua volta ogni cromosoma è costituito da un numero enorme di geni, che contengono dicono i genetisti tutta l'informazione necessaria per sostenere il continuo sviluppo dell'organismo umano. Ma, a seconda del tessuto di cui la cellula fa parte, solo alcuni geni sono attivi, mentre tutti gli altri si possono considerare come dormienti. Il complesso di cromosomi costituisce il genoma. Per generare un nuovo essere umano le cellule 3

4 germinali (spermatozoo e ovocita) riducono a 23 il numero dei cromosomi in modo che il nuovo vivente abbia anche egli 46 cromosomi (23+23) che comandano e guidano lo sviluppo. In ogni ciclo mensile la donna, durante l'età fertile, porta a maturazione un ovocita (normalmente uno solo). Una delle due ovaie fa sviluppare pienamente un ovocita e lo espelle facendolo finire in quella che si chiama la "zona ampollare" di una delle due tube, i condotti, lunghi pochi centimetri, che dalle ovaie conducono all'utero. Se vi è stato un rapporto sessuale e se un certo numero di spermatozoi è riuscito a raggiungere quel punto al momento giusto, lì avviene la fecondazione. Non appena uno spermatozoo, superando una serie di ostacoli, riesce a toccare e superare la membrana che racchiude l'ovocita avviene una serie di fenomeni. In primo luogo la membrana esterna diviene impenetrabile per qualsiasi altro spermatozoo. In secondo luogo dal nucleo originario dell'oocita, da cui in precedenza era stata già espulsa una parte dei cromosomi, viene estromessa anche un'altra parte in modo che anche i cromosomi femminili restano 23. In terzo luogo i cromosomi provenienti dallo spermatozoo e quelli di origine femminile cominciano ad attrarsi reciprocamente fino ad ordinarsi e allinearsi. Contemporaneamente comincia la moltiplicazione delle cellule: da una a due, da due a quattro, a otto e così via fino a divenire le centinaia di migliaia di miliardi di cellule che compongono il corpo adulto di un uomo e di una donna. Questa descrizione della fecondazione è estremamente semplificata ed è espressa il più possibile con parole comuni. Tuttavia corrisponde alla realtà e consente di trarre tre inoppugnabili conseguenze. In primo luogo, non appena lo spermatozoo è entrato nell'ovocita si forma una entità biologica diversa, un tutt'uno che risulta dall'apporto del materiale spermatico e del materiale ovocitario. Coloro che non vogliono riconoscere un essere umano in questa iniziale fase dello sviluppo preferiscono parlare di "ovocita fecondato" quasiché il nuovo complesso fosse soltanto una evoluzione dell'originario gamete femminile, passato da una prima fase di crescita a una seconda fase soltanto stimolata dallo spermatozoo: il contatto con esso equivarrebbe alla scintilla che, scoccando nel motore di una macchina, ne avvia il movimento. Ma non è così. Nel nuovo unitario complesso vi è anche il materiale, in particolare il DNA, portato dallo spermatozoo, del quale del resto, sparisce la forma originaria. Insomma fin dall'inizio compare una entità nuova. La seconda conseguenza è che il nuovo complesso è da subito un organismo, cioè un tutt'uno in cui le singole parti si influenzano e si servono reciprocamente. Coloro che non vogliono riconoscere l'essere umano in queste primissime fasi sostengono che soltanto l'allineamento definitivo dei cromosomi di provenienza maschile e di quelli di provenienza femminile determinerebbe l'inizio della vita e, sempre per evocare la continuità del solo gemete femminile, chiamano il nuovo complesso, prima del definitivo allineamento dei cromosomi, "ootide". Lo scopo pratico di questa operazione semantica è evidente: se siamo in presenza di un gamete e non di un embrione vengono eliminati tutti i problemi etici che comportano le azioni distruttive di congelamento, selezione, sperimentazione. Questo dibattito è recentissimo almeno in Italia. E' addirittura successivo alla entrata in vigore della legge 40 del 10 febbraio 2004 sulla procreazione medicalmente assistita. In tutta la discussione parlamentare e nelle varie commissioni di studio nominate dai vari governi che si sono succedute (Santosuosso nel 1984, Guzzanti nel 1994, Busnelli nel 1995) mai era stata pronunciata la parola "ootide", ancora oggi sconosciuta persino a gran parte dei medici. Per giustificare la pretesa di manipolare e distruggere i nuovissimi concepiti si era coniato il termine di pre-embrione e si era cercato di sostenere che la vita umana comincia solo dopo 14 giorni+ dall'incontro dello spermatozoo con l'ovocita. Questa teoria del pre-embrione, formulata 4

5 per la prima volta in Inghilterra (Rapporto Warnock 1984) ed accolta oltre che nella legislazione britannica anche in quella spagnola, ha perso oggi credito e non è stata accettata né dal Consiglio d'europa nelle sue raccomandazioni relative agli interventi sull'embrionedel 1989 (n 1100), del 1986 (n. 1046), del 1982 (n. 934) e nella convenzione di bioetica del 1998, né dal Parlamento Europeo nelle sue diverse raccomandazioni in questa materia. La legge 40/2004 ha stabilito una tutela del concepito nel momento stesso in cui ha regolato le nuove tecniche di procreazione medicalmente assistita. Ha, cioè, cercato di garantire ad ogni concepito, pur se formato in una provetta, una possibilità di vita impedendone la distruzione premeditata come avviene anche quando nel caso della fecondazione in vitro si procede alla selezione prima del trasferimento in utero dell'embrione, al congelamento, alla produzione soprannumeraria, alla sperimentazione distruttiva. Per aggirare questi divieti si è tentata l'ultima "ritirata strategica". Rinunciamo si è detto all'idea del pre-embrione, ma chiariamo che la "fusione" dei cromosomi può avvenire anche ore dopo l incontro dei gameti e in questo breve periodo temporale consentiteci di fare tutto ciò che vogliamo perché l'essere umano non c è ancora. Per rafforzare la loro tesi aggiungono che anche chi sostiene l'esistenza dell'uomo fin dal concepimento ha sempre fatto riferimento al formarsi del nuovo patrimonio genetico e questo avverrebbe nel momento, successivo all'incontro delle spermatozoo con l'ovocita, in cui i due patrimoni genetici, prima distinti all'interno dell'unica cellula in due pronuclei, si allineano. In realtà poiché nessuno faceva distinzioni di momenti nella fase della fecondazione e tutta la discussione era piuttosto concentrata sulla questione del pre-embrione, è ovvio che non sussisteva una particolare esigenza di investigare più finemente sui meccanismi legati all'ingresso dello spermatozoo nella membrana dell'ovocita; la "fusione dei patrimoni genetici" era espressione sintetica e semplificatoria per indicare l'inizio della nuova vita. Ma, ora che occorre vedere più in dettaglio il fenomeno della fecondazione, va detto che l'uomo non è il suo patrimonio genetico, anche se questo lo caratterizza e lo distingue; che la maggiore o minore vicinanza (sempre nelle dimensioni piccolissime che esistono all interno di una cellula) dei cromosomi maschili e femminili non è il dato decisivo per individuare l'inizio del nuovo essere umano; che, invece, appare rilevante l'immediato interagire dei cromosomi, che si richiamano per avvicinarsi, cominciano a duplicarsi, attivano quella serie di relazioni continue, autonome, finalisticamente orientate che sono caratteristiche del vivente. In sostanza l'organismo si forma fin dal primo incontro dello spermatozoo con l'ovocita. La prima cellula è già l'inizio. Non c'è bisogno di attendere, come qualcuno sostiene, che vi sia la prima divisione cellulare, cioè che vi siano due cellule. Infine la terza evidenza è che il patrimonio genetico del nuovo essere umano è già tutto presente fin dal primo contatto dello spermatozoo con l'ovocita e non può più essere sostanzialmente cambiato. Nulla si aggiungerà più in seguito perché, come già detto, immediatamente la membrana che è stata perforata dallo spermatozoo diviene inaccessibile per gli altri spermatozoi e il nucleo dell'originario ovocita espelle l'ultima parte del materiale anche cromosomico divenuto inutile. Ormai la costruzione avviene soltanto ad opera di quei determinati 23 cromosomi paterni e di quei determinati 23 cromosomi materni. In questo vi è qualcosa di meraviglioso su cui vale la pena di riflettere ancora un momento. Ciascuno di noi ci dicono i biologi e ci conferma l'esperienza personale è unico e irripetibile. 5

6 Nessun altro essere umano vivente o che è vissuto in passato o che nascerà in futuro è identico a ciascuno di noi. Principalmente ciò dipende dall'eredità cromosomica. Il dimezzamento dei cromosomi (da 46 a 23) fa sì che nessuno sia geneticamente identico né alla madre né al padre. D'altronde la praticamente infinita possibilità di combinazione dei miliardi di geni e il fatto che il dimezzamento dei cromosomi avviene ad ogni trapasso generazionale rendono praticamente inimmaginabile una ricombinazione identica del materiale genetico. Nei cromosomi della madre e del padre si trova riassunta a livello biologico tutta la storia della umanità, perché a loro volta i cromosomi del padre e della madre recavano traccia di ciò che erano stati i loro padri e le loro madri e così via, di generazione in generazione fino al primo uomo e alla prima donna. Nel nuovo concepito tutta questa storia si concentra e identifica un nuovo individuo. Dunque l'identità biologica diversa che si forma fin dall'incontro dello spermatozoo con l'ovocita non è soltanto un organismo, che è umano perché non è, certo, quello di un pesce o di un gatto, ma è anche un organismo individuale. Si può dunque concludere che stiamo parlando di un individuo vivente appartenente alla specie umana. Il giudizio di valore su di lui non può essere dato dalla biologia, ma la biologia moderna descrive esattamente questo evento: il concepimento dà inizio a un nuovo individuo vivente appartenente alla specie umana che resterà sempre il medesimo indipendentemente dalle sue dimensioni. Tutti i tentativi di contrastare questo risultato sono irragionevoli. Dell'ootide si è già detto. Si è accennato anche alle teorie del pre-embrione. La tesi biologica dell'individuo appartenente alla specie umana fin dal concepimento si fonda ripetiamolo sulla continuità dello sviluppo. Quale sarebbe, l'elemento di discontinuità riscontrabile al 14 giorno? Anche a questo proposito sforziamoci di capire la meraviglia della vita nascente usando parole comprensibili, tuttavia coerenti con la realtà. Una volta formatosi l'embrione in una delle due tube, comincia per lui il cammino verso la "terra promessa". Lui è piccolissimo: misura poco più di un decimo di millimetro. Ma è fornito di energia e "alimenti" sufficienti per qualche giorno. In più trova qualche risorsa ulteriore nei liquidi presenti nella tuba. Ma deve assolutamente raggiungere un punto preciso dell'endometrio (la mucosa interna dell'utero) entro 6-7 giorni, altrimenti muore. Ecco il primo viaggio. Il moto dei fluidi presenti nella tuba, "l'effetto remo", determinato dalle ciglia vibratili presenti in quel medesimo condotto, i movimenti stessi della tuba, sospingono l'embrione verso l'utero. Durante il viaggio egli attua delle trasformazioni spettacolari. In pratica ogni ore raddoppia il numero delle sue cellule. Contemporaneamente invia i primi segnali chimici della sua presenza al cervello della sua mamma. Ella ancora non sa della sua esistenza, ma il figlio, con il solo linguaggio che gli è consentito (ma non è forse vero che anche il neonato sa farsi capire a suo modo?), mentre viaggia, dice al cervello di sua madre: "mamma, sto arrivando, preparati". Così l'embrione può atterrare nel punto giusto e penetrare a sua iniziativa all'interno della parete uterina. Questo è l'inizio dell'impianto, o annidamento, che si completa in 6-7 giorni. Nello stesso punto si formerà la placenta, un disco formato per metà dalla madre e per metà dal figlio, che attraverso il cordone ombelicale consentirà il rifornimento di sangue, in sostanza di cibo e di ossigeno, consentendo all'embrione di realizzare, a suo modo, la nutrizione e la respirazione. Che cosa succede, dunque di così importante al 14 giorno? Questo limite temporale fu indicato nel rapporto del 1984 di un gruppo di studiosi, nominato dal ministro della Sanità inglese, che, dal nome della sua presidente, Mary Warnock, è passato alla storia come "rapporto Warnock". I 6

7 quasi coevi rapporti di gruppi scientifici nominati dai governi italiano (rapporto "Santosuosso" del 1984) e tedesco (rapporto "Benda" del 1985) non accettano la distinzione tra embrione e preembrione. Ad ogni modo la scarsa validità della distinzione appare dallo stesso rapporto Warnock. In esso, nel capitolo relativo alla sperimentazione sull'embrione, al n. 11, si legge testualmente: "Una volta che il processo è incominciato non c'è una particolare parte dello sviluppo che sia più importante di un'altra; tutte sono parte di un processo continuo e, se ogni stadio non si svolge normalmente, al momento giusto, nella giusta sequenza, ogni ulteriore sviluppo cessa. Per questo, biologicamente, nello sviluppo dell'embrione non si può identificare un singolo stadio al di là del quale l'embrione in vitro non dovrebbe essere tenuto vivo. Abbiamo tuttavia concordato nel ritenere questo un settore nel quale devono essere assunte alcune precise decisioni per calmare l'ansietà diffusa nella pubblica opinione". Successivamente il rapporto Warnock richiama l'opinione che la sperimentazione potrebbe essere consentita "finché l'embrione è incapace di sentire dolore", cioè prima che cominci a svilupparsi il sistema nervoso centrale. Ciò significa secondo il rapporto considerare "un periodo di giorni dopo la fecondazione, quando il tubo neurale comincia a chiudersi". Il rapporto considera anche il parere del reale collegio degli ostetrici e ginecologi che aveva suggerito di non oltrepassare i 17 giorni "perché questo è il momento nel quale inizia lo sviluppo di un primitivo sistema nervoso". Alla fine il rapporto raccomanda di tenere come punto di riferimento la formazione della "stria primitiva", momento situabile attorno al 15 giorno, grosso modo coincidente con il termine dell annidamento. Come si vede il criterio non appare ragionevole. Da un lato si afferma la continuità dello sviluppo; dall'altro lato, pur di permettere la sperimentazione distruttiva, si annaspa per trovare un criterio "che tranquillizzi l opinione pubblica", cioè, che detta in parole un po' brutali inganni l'opinione pubblica circa la reale natura dell'embrione, o, quanto meno, le impedisca di fare troppe domande. In effetti il criterio dell'annidamento o quello della funzione della "stria primitiva" come criteri di umanità sono inaccettabili. La scienza moderna ha dimostrato che l'embrione, formatosi in una delle tube e compiuto il viaggio verso "la terra promessa", (la mucosa uterina), vi si installa perché ivi trova calore, cibo, ossigeno. Ma come è possibile sostenere che l'embrione "in viaggio" non sarebbe lo stesso che ha "trovato casa"? Forse la "residenza" è un criterio di umanità? I nomadi non sono esseri umani a differenza dei cittadini stabilmente residenti in una città? Nelle argomentazioni di alcuni la fine dell'impianto costituirebbe quel salto di qualità che consentirebbe di non considerare un individuo umano ciò che in precedenza si era sviluppato. Infatti dicono i gemelli monozigoti, quelli, cioè, che derivano dalla divisione di un embrione originato da un solo ovocita fecondato, non si possono più formare dopo l'impianto. La divisione può avvenire soltanto prima. Dunque, durante il viaggio non vi sarebbe un individuo, ma soltanto una materia indistinta che potrebbe trasformarsi in uno o più individui. A parte una notevole zona d'ombra che ancora rende un po' ignota la causa della gemellarità monozigotica; a parte la considerazione che una scissione dell'embrione non è più possibile dopo l'inizio dell'impianto (6-7 giorno), cosicché il termine da prendere in considerazione non sarebbe di 14 giorni, ma, semmai, di 7; a parte l'eccezionalità della formazione dei gemelli monozigoti (0.4% dei parti, più 7

8 frequente è il caso dei gemelli eterozigoti, 1.1% dei parti nel caso che la donna in un ciclo abbia portato a maturazione più ovociti e tutti siano stati fecondati da distinti spermatozoi); è stato replicato che in biologia si conosce bene il caso della generazione per gemmazione, ma ciò non significa che l'essere che genera la gemma non sia una entità biologica ben determinata. Il Comitato nazionale di bioetica nel parere espresso il 22 giugno 1996 ha scritto che "a ciascuno dei due gemelli deve essere riconosciuta una piena individualità fin dal loro costituirsi: il primo di essi acquisendo la sua definitiva identità nel momento stesso della fecondazione e l'altro o gli altri, nel momento invece della scissione gemellare". Talora si nega l'identità umana del concepito fino a che non si forma un primo abbozzo di cervello o, almeno, di tessuto nervoso. Il formarsi della prima stria primitiva, cui fa riferimento il rapporto Warnock, sembra alludere a questo argomento. Nei dibattiti sulla fecondazione artificiale qualcuno trova contraddittorio che per favorire il trapianto di organi si consideri morta una persona per il solo fatto che il suo cervello ha cessato totalmente di funzionare (la morte cerebrale equivale alla morte di tutto l uomo) e invece l embrione sia considerato un individuo vivente anche quando non si è formato il cervello. Ma l'argomento è inconsistente, anzi a ben guardare rafforza la tesi che il concepito è pienamente un essere umano vivente fin dal momento dell'incontro dello spermatozoo con l'ovocita. Infatti la morte (totale e reale, non parziale e apparente) del cervello è considerata morte dell'uomo anche quando artificialmente si riesce a far circolare il sangue nel suo corpo e a riempire ritmicamente di aria i suoi polmoni, perché il cervello è la parte che rende un organismo unitario il corpo umano. Esso unifica e finalizza le varie funzioni. Tant'è vero che la morte è chiamata anche "decomposizione". Le singole parti possono continuare per qualche tempo a vivere (è noto il fenomeno della crescita della barba e delle unghie anche nei cadaveri), ma l'uomo, in quanto unità organica, non c'è più. Se così è, se cioè il dato decisivo per ritenere l'esistenza di una vita umana individuale è l'unità organica determinata da un principio unificatore e finalizzatore, allora è evidente che nell'embrione un tale principio unificatore e organizzatore che lo rende un organismo non solo è presente, ma svolge una funzione possente e mirabile tutta proiettata verso il futuro. L'uomo non è il suo cervello anche se il cervello ne coordina le funzioni vitali. L'adulto che non ha più cervello non ha più futuro nel mondo visibile: è morto. Ma l' embrione che non ha cervello non è equiparabile ad un cadavere perché ha in sé una forza coordinatrice che gli garantisce non solo uno sviluppo vitale straordinario, ma anche un futuro, tutto il suo futuro. Egli non è affatto morto. Anzi è particolarmente vivo. Un ultimo argomento viene talora usato contro l'umanità del concepito. Come potete parlare di un essere umano, "uno di noi" dicono quando in natura una gran parte di concepiti si perde perché, a causa di loro anomalie o di anomalie della madre, non riescono ad impiantarsi in utero? La percentuale reale di concepiti perduti a causa di una difficoltà dell'impianto è inevitabilmente ignota ed è ragionevole il sospetto che essa venga strumentalmente indicata come molto elevata per tentare una giustificazione etica della elevatissima perdita di embrioni che, nella fecondazione in vitro trasferiti in utero non riescono ad impiantarsi. Tuttavia non c è bisogno di aggrapparsi alle percentuali per replicare. La morte è l'esito inevitabile di ogni vita umana. Il 100% degli uomini muore e la loro mortalità non elimina la loro umanità, né la precocità della 8

9 morte può avere un significato ontologico. Un tempo (ed anche ora in certe aree povere del mondo) la mortalità neonatale e infantile era altissima, ma non per questo i bambini appena nati non dovevano essere considerati bambini, né la frequenza dell'aborto spontaneo è un argomento contro la individualità umana dei feti. In conclusione la moderna biologia prova il dato di fatto che oltre trecento studiosi italiani hanno dichiarato in un documento pubblicato il 22 aprile 2002 dal Corriere della sera: "L'embrione, sin dallo stadio unicellulare embrione a una cellula cioè dal concepimento, è un individuo umano. Il nuovo genoma determina l'identità biologica specifica ed individuale del nuovo soggetto e l'eventuale selezione naturale non ne cambia la realtà ontologica. Il processo vitale del nuovo soggetto umano è unico e continuo dallo stadio unicellulare alla morte individuale". Sintesi curata da Carlo Casini * Per sottoscrivere l iniziativa Uno di Noi cliccare sul link: https://ec.europa.eu/citizensinitiative/eci /public/signup.do Per approfondimento Le cinque prove dell esistenza dell uomo (Edizioni San Paolo) 9

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA)

SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) SVILUPPO EMBRIONALE (PARTE PRIMA) Lo sviluppo embrionale è il processo che, per successive mitosi porta dallo zigote all'individuo completo. Lo sviluppo embrionale comprende in realtà vari aspetti, che

Dettagli

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp.

Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. RECENSIONI&REPORTS recensione Erwin Schrödinger Che cos è la vita? La cellula vivente dal punto di vista fisico tr. it. a cura di M. Ageno, Adelphi, Milano 2008, pp. 154, 12 «Il vasto e importante e molto

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

L'EMBRIONE UMANO NELLA FASE DEL PREIMPIANTO

L'EMBRIONE UMANO NELLA FASE DEL PREIMPIANTO Pontificia Accademia per la Vita L'EMBRIONE UMANO NELLA FASE DEL PREIMPIANTO Aspetti scientifici e considerazioni bioetiche 8 giugno 2006 PRESENTAZIONE Nei giorni 27-28 febbraio 2006 la Pontificia Accademia

Dettagli

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust)

Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) IL TEMPO DI MENTINA Potrei dire a quell attimo: fermati dunque, sei così bello! Goethe (Faust) E tempo di occuparci di Mentina, la mia cuginetta che mi somiglia tantissimo; l unica differenza sta nella

Dettagli

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico

Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Il valore dell analisi prenatale non invasiva (non-invasive prenatal testing, NIPT). Un supplemento per il flipbook del consulente genetico Le NIPT utilizzano DNA libero. Campione di sangue materno DNA

Dettagli

Cosa succede in un laboratorio di genetica?

Cosa succede in un laboratorio di genetica? 12 laboratori potrebbero utilizzare campioni anonimi di DNA per lo sviluppo di nuovi test, o condividerli con altri in quanto parte dei programmi di Controllo di Qualità, a meno che si chieda specificatamente

Dettagli

La teoria storico culturale di Vygotskij

La teoria storico culturale di Vygotskij La teoria storico culturale di Vygotskij IN ACCORDO CON LA TEORIA MARXISTA VEDEVA LA NATURA UMANA COME UN PRODOTTO SOCIOCULTURALE. SAGGEZZA ACCUMULATA DALLE GENERAZIONI Mappa Notizie bibliografiche Concetto

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio

PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE. Docente: S. De Stasio PSICOLOGIA DELLO SVILUPPO E DELL EDUCAZIONE SVILUPPO MORALE E SESSUALE Docente: S. De Stasio Diverse dimensioni delle norme morali L acquisizione di una norma morale è un processo che contiene diverse

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità

Uno più uno fa tre. Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità Uno più uno fa tre di Informazione assistita per proteggere e curare la fertilità La formula della fertilità Esiste una stretta relazione tra fertilità e stili di vita: individui perfettamente sani dal

Dettagli

Il mondo in cui viviamo

Il mondo in cui viviamo Il mondo in cui viviamo Il modo in cui lo vediamo/ conosciamo Dalle esperienze alle idee Dalle idee alla comunicazione delle idee Quando sono curioso di una cosa, matematica o no, io le faccio delle domande.

Dettagli

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA

CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA CORSO INTEGRATO DI GENETICA E BIOLOGIA MOLECOLARE ESERCIZI DI GENETICA (1) Dato il genotipo AaBb: quali sono i geni e quali gli alleli? Disegnate schematicamente questo genotipo con i geni concatenati

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Gli organismi viventi

Gli organismi viventi Gli organismi viventi Gli organismi viventi Quali caratteristiche contraddistinguono i viventi? È facile distinguere un organismo vivente da un oggetto non vivente? Gli organismi viventi Tutti gli organismi

Dettagli

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia

3) Heidegger: dall esistenza all ontologia 3) Heidegger: dall esistenza all ontologia Vita e opere Martin Heidegger (1889-1976) frequentò la facoltà di teologia dell Università di Friburgo. Nel 1919 divenne assistente e in seguito successore di

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015

Progetto di collaborazione Scuola Elementare di Piangipane con JAJO Sport Associazione Dilettantistica 2014-2015 Con la collaborazione di: EDUCAZIONE ATTRAVERSO IL MOVIMENTO Le abilità di movimento sono conquiste tangibili che contribuiscono alla formazione di un immagine di sé positiva. Progetto di collaborazione

Dettagli

Che cos è un emozione?

Che cos è un emozione? Che cos è un emozione? Definizione Emozione: Stato psichico affettivo e momentaneo che consiste nella reazione opposta all organismo a percezioni o rappresentazioni che ne turbano l equilibrio (Devoto

Dettagli

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi?

Che cos'è il radon? Il gas radon è rilevabile con i sensi? Che cos'è il radon? Il Radon è un gas inodore e incolore presente in natura. Il suo isotopo (atomo di uno stesso elemento chimico con numero di protoni fisso e numero di neutroni variabile) 222Rn è radioattivo

Dettagli

Il giardino nella macchina

Il giardino nella macchina Idee per una rilettura Il giardino nella macchina La nuova scienza della vita artificiale Claus Emmeche Bollati Boringhieri, 1996 È possibile la vita artificiale? In che modo gli strumenti offerti dalla

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa

Partenariato transatlantico su commercio e investimenti. Parte normativa Partenariato transatlantico su commercio e investimenti Parte normativa settembre 2013 2 I presidenti Barroso, Van Rompuy e Obama hanno chiarito che la riduzione delle barriere normative al commercio costituisce

Dettagli

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali

Differenziamento = Creazione cellule specializzate. Il tuo corpo ha bisogno delle cellule staminali Differenziamento = Creazione cellule specializzate Cos è una cellula staminale? Cosa mostra la foto Un pezzo di metallo e molti diversi tipi di viti. Dare origine a diversi tipi di cellule è un processo

Dettagli

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE

LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE VERBALE E NON VERBALE. MODALITÀ DI COMUNICAZIONE EFFICACE ED INEFFICACE LA COMUNICAZIONE La comunicazione è una condizione essenziale della vita umana e dell ordinamento sociale, poiché

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA.

Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Recensione MIND TIME. IL FATTORE TEMPORALE NELLA COSCIENZA. Raffello Cortina, Milano 2007 Benjamin Libet Il libro di Benjamin Libet ruota intorno alla problematica della relazione fra cervello ed esperienza

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Ereditarietà legata al cromosoma X

Ereditarietà legata al cromosoma X 16 Ereditarietà legata al cromosoma X Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra e dal Parco tecnologico di Londra IDEAS Genetic Knowledge Park in accordo alle

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE 1 di 10 07/02/2013 13:12 MINISTERO DELLA SALUTE DECRETO 10 ottobre 2012 Modalita' per l'esportazione o l'importazione di tessuti, cellule e cellule riproduttive umani destinati ad applicazioni sull'uomo.

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti

Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Altre informazioni sul virus HPV: informazioni approfondite per le utenti Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo consultate il documento Alcune informazioni sul virus HPV

Dettagli

Dov è finita la voglia di studiare?

Dov è finita la voglia di studiare? Dov è finita la voglia di studiare? Demo5vazione, insicurezza, paura di me:ersi alla prova, difficoltà a ges5re gli insuccessi: vissu5 frequen5 del percorso scolas5co di oggi CERCASI VOGLIA DI STUDIARE!!!

Dettagli

Descrizione della pratica: 1. Identificazione:

Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Descrizione della pratica: 1. Identificazione: Istituto scolastico dove si sviluppa la pratica: Al momento attuale (maggio 2008) partecipano al progetto n. 47 plessi di scuola primaria e n. 20 plessi di

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE)

MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) MODULO 3 LEZIONE 23 FORMAZIONE DEL MOVIMENTO (SECONDA PARTE) Contenuti Michelene Chi Livello ottimale di sviluppo L. S. Vygotskij Jerome Bruner Human Information Processing Teorie della Mente Contrapposizione

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

Dall italiano alla logica proposizionale

Dall italiano alla logica proposizionale Rappresentare l italiano in LP Dall italiano alla logica proposizionale Sandro Zucchi 2009-10 In questa lezione, vediamo come fare uso del linguaggio LP per rappresentare frasi dell italiano. Questo ci

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE

TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE TUTTO CIO CHE SERVE PER TORNARE A SE STESSI CORSO ANNUALE 2015-2016 CORSO ANNUALE 2015-2016 SILVIA PALLINI Credo che ogni creatura che nasce su questa nostra Terra, sia un essere meraviglioso, unico e

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità.

Questi effetti variano da una persona ad un altra e dipendono dalla specifica natura della lesione cerebrale e dalla sua gravità. Gli effetti delle lesioni cerebrali Dato che il cervello è coinvolto in tutto ciò che facciamo, le lesioni cerebrali possono provocare una vasta serie di effetti. Questi effetti variano da una persona

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati

Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Più facile esser giusti che sbagliati, più facile esser sani che malati Tutto mi va storto perché il mondo ce l ha su con me Tutto mi va storto perché io sono sbagliato Se mi guardo intorno, se provo a

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3

CAMPO DI ESPERIENZA IL SE E L ALTRO SCUOLA DELL INFANZIA ANNI 3 IL SE E L ALTRO ANNI 3 Si separa facilmente dalla famiglia. Vive serenamente tutti i momenti della giornata scolastica. E autonomo. Stabilisce una relazione con gli adulti e i compagni. Conosce il nome

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono

unità C3. Le cellule crescono e si riproducono unità 3. Le cellule crescono e si riproducono Durante l interfase la cellula aumenta di dimensioni sintetizza nuove proteine e nuovi organuli duplica il DN al termine di questi processi la cellula compie

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona?

Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Chi può prendere decisioni riguardo alla salute di un altra persona? Nel Western Australia, la legge permette di redigere una dichiarazione anticipata di trattamento per stabilire quali cure si vogliono

Dettagli

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile

Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Cultura, creatività e sviluppo sostenibile Forse sarebbe necessario che iniziassi correggendo il titolo di questa mia breve introduzione: non cultura, creatività e sviluppo sostenibile, ma cultura globalizzata,

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

La Carta di Montecatini

La Carta di Montecatini La Carta di Montecatini Le origini e le ragioni della Carta di Montecatini La Carta di Montecatini è il frutto del lavoro del secondo Campus che si è svolto nella città termale dal 27 al 29 ottobre 2005.

Dettagli

PERSONA, SESSUALITA, AFFETTIVITA : PER UNA NUOVA ALLEANZA EDUCATIVA TRA FAMIGLIA E SCUOLA Roma, novembre 2014

PERSONA, SESSUALITA, AFFETTIVITA : PER UNA NUOVA ALLEANZA EDUCATIVA TRA FAMIGLIA E SCUOLA Roma, novembre 2014 PERSONA, SESSUALITA, AFFETTIVITA : PER UNA NUOVA ALLEANZA EDUCATIVA TRA FAMIGLIA E SCUOLA Roma, novembre 2014 UN PO DI STORIA Nel corso degli ultimi anni, in un numero crescente di scuole medie superiori

Dettagli

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle.

Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su. Contenuto. (Prima della prima partita rimuovete con cura i segnalini dalle fustelle. Un gioco da brividi per 8 24 giocatori, da 8 anni in su Nello sperduto villaggio di Tabula, alcuni abitanti sono affetti da licantropia. Ogni notte diventano lupi mannari e, per placare i loro istinti,

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola

IC n 5 L.Coletti. Progetto GREEN SCHOOL. Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola IC n 5 L.Coletti Progetto GREEN SCHOOL Proposta di percorsi tematici nei vari ordini di scuola GREEN SCHOOL Principio fondante del Progetto GREEN SCHOOL..Coniugare conoscenza, ambiente, comportamenti nell

Dettagli

CHE COS E L EUTANASIA?

CHE COS E L EUTANASIA? CHE COS E L EUTANASIA? Che cosa si intende per eutanasia? Il termine eutanasia deriva dal greco: eu=buono, e thanatos=morte. Interpretato letteralmente quindi, esso significa: buona morte. Nel significato

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI

IL RAPPORTO CON GLI ALTRI IL RAPPORTO CON GLI ALTRI Cos è la vita?, è una domanda che molti si pongono. La vita è rapporto, amici miei. Possono essere date altre risposte, e tutte potrebbero essere valide, ma al di là di tutto,

Dettagli

Test per portatori sani

Test per portatori sani 16 Test per portatori sani Tutti i nomi originali in questo opuscolo sono stati cambiati per proteggere l'identità degli intervistati. Queste informazioni sono state elaborate dal Genetic Interest Group.

Dettagli

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT)

Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Le Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT) Fondamenti giuridici delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento Numerosi sono i fondamenti normativi e di principio che stanno alla base del diritto

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti)

LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) LA PROGETTAZIONE SECONDO LA ISO 9001: 2000 (Giorgio Facchetti) Uno degli incubi più ricorrenti per le aziende certificate l applicazione del requisito relativo alla progettazione in occasione dell uscita

Dettagli

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco

Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) Prof. Gianluca Todisco Che cos è la luce? (Luce, colori, visioni.quale sarà mai il loro segreto?) 1 LA LUCE NELLA STORIA Nell antica Grecia c era chi (i pitagorici) pensavano che ci fossero dei fili sottili che partono dagli

Dettagli

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015)

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) Conferenza Episcopale Italiana MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) SOLIDALI PER LA VITA «I bambini e gli anziani costruiscono il futuro dei popoli; i bambini perché porteranno

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale

Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Dall italiano al linguaggio della logica proposizionale Enunciati atomici e congiunzione In questa lezione e nelle successive, vedremo come fare

Dettagli

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days

L educazione non formale e l apprendimento interculturale. Info days L educazione non formale e l apprendimento interculturale Info days Roma, 16 novembre 2009 Una donna portò suo figlio a vedere Gandhi, il quale le chiese il motivo della sua presenza. Vorrei che mio figlio

Dettagli

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3

Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita. Serie N. 3 Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita Serie N. 3 Guida per il paziente Livello: medio Pubertà e Deficit di Ormone della Crescita - Serie 3 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto

Dettagli