La tutela dell acquirente nei contratti con causa di consumo.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La tutela dell acquirente nei contratti con causa di consumo."

Transcript

1 - Gabriele Gentilini - La tutela dell acquirente nei contratti con causa di consumo. Premessa Ambito di applicazione della nuova normativa La conformità al contratto La tutela del consumatore ==================================================== Premessa. La direttiva 1999/44/CE è stata recepita dall ordinamento giuridico italiano mediante il d.lgvo 24 del 2/2/2002 il quale ha introdotto otto nuove disposizioni normative all interno del codice civile in materia di contratti di vendita e delle garanzie concernenti i beni di consumo. Tale normativa ha l obiettivo di garantire un livello più elevato di tutela del consumatore per assicurare la conformità dei beni dal medesimo acquistati al contratto concluso con il venditore. E ovviamente intenzione della legge comunitaria operare affinché si vengano a determinare le condizioni per rendere il diritto civile degli Stati U.E. il più uniforme possibile in materia di diritti dei consumatori. La disciplina in esame trova applicazione con riferimento ai contratti aventi ad oggetto beni di consumo, qualsiasi bene mobile. E stato introdotto un nuovo paragrafo nella Sezione II del Titolo III del Libro IV del codice, dedicata a specifiche tipologie di vendite di beni mobili. Pertanto si deduce da tale predetta impostazione la netta separazione tra normativa sulla vendita in generale, disposta dai citati artt e ss. del

2 codice civile, e la disciplina sulla vendita dei beni di consumo, retta da disposizioni di segno significativamente diverso. Le disposizioni sulla vendita in generale operano comunque anche per i beni di consumo, ove si tratti di disposizioni di carattere più favorevole. Si tratta pertanto, per quanto riguarda la normativa in questione, di diritto speciale rispetto alla più generale vendita di beni mobili non necessariamente di consumo. In ogni caso si ritiene che, nell ambito della vendita dei beni di consumo, rimanga applicabile l azione di risarcimento del danno per cui, secondo l art c.c. in ogni caso il venditore è tenuto verso il compratore al risarcimento del danno, se non prova di avere ignorato senza colpa i vizi della cosa. Il venditore deve altresì risarcire al compratore i danni derivati dai vizi della cosa. E infatti ovvio che la consegna di un bene di consumo difforme dal contratto comporti di per sé una perdita di tempo, oltre ad altri inconvenienti, a carico del consumatore il quale, dopo avere dimostrato la colpa del venditore, potrà vantare pertanto un diritto al risarcimento dei danni, a titolo di responsabilità contrattuale. Il consumatore potrà, altresì, dopo avere dimostrato il nesso di causalità tra difformità del bene di consumo e danno subito, vantare un diritto al risarcimento del danno extracontrattuale, ex artt c.c. e ss., qualora ne ricorrano i presupposti. Inoltre il consumatore potrà esperire nei confronti del venditore, l azione di esecuzione in forma specifica per l esatto adempimento degli obblighi di sostituzione o di riparazione.

3 Si tratta di norme imperative per cui è nullo ogni patto, anteriore alla comunicazione al venditore del difetto di conformità, volto ad escludere o limitare, anche in modo indiretto, i diritti riconosciuti dal nuovo paragrafo. La nullità può essere fatta valere solo dal consumatore e può essere rilevata d ufficio dal giudice. Ambito di applicazione della nuova normativa. L art bis individua la zona in cui va applicata la nuova disciplina e lo stesso dispone che: Il presente paragrafo disciplina taluni aspetti dei contratti di vendita e delle garanzie concernenti i beni di consumo. A tali fini ai contratti di vendita sono equiparati i contratti di permuta e di somministrazione nonché quelli di appalto di opera e tutti gli altri contratti comunque finalizzati alla fornitura di beni di consumo da fabbricare o produrre. Ai fini del presente paragrafo si intende per: a) consumatore: qualsiasi persona fisica che, nei contratti di cui al comma primo, agisce per scopi estranei all attività imprenditoriale o professionale eventualmente svolta; b) beni di consumo: qualsiasi bene mobile, anche da assemblare, tranne: 1) i beni oggetto di vendita forzata o comunque venduti secondo altre modalità dalle autorità giudiziarie, anche mediante delega ai notai; 2) l acqua e il gas, quando non confezionati per la vendita in un volume delimitato o in quantità determinata; 3) l energia elettrica;

4 c) venditore: qualsiasi persona fisica o giuridica pubblica o privata che, nell esercizio della propria attività imprenditoriale o professionale, utilizza i contratti di cui al comma primo; d) produttore: il fabbricante di un bene di consumo, l importatore del bene di consumo nel territorio della Unione europea o qualsiasi altra persona che si presenta come produttore apponendo sul bene di consumo il suo nome, marchio o altro segno distintivo; e) garanzia convenzionale ulteriore: qualsiasi impegno di un venditore o di un produttore, assunto nei confronti del consumatore senza costi supplementari, di rimborsare il prezzo pagato, sostituire, riparare, o intervenire altrimenti sul bene di consumo, qualora esso non corrisponda alle condizioni enunciate nella dichiarazione di garanzia o nella relativa pubblicità; f) riparazione: nel caso di difetto di conformità, il ripristino del bene di consumo per renderlo conforme al contratto di vendita. Le disposizioni del presente paragrafo si applicano alla vendita di beni di consumo usati, tenuto conto del tempo del pregresso utilizzo, limitatamente ai difetti non derivanti dall uso normale della cosa. Dalla norma, avente carattere di diritto speciale rispetto alla comune vendita di beni mobili tra soggetti non qualificabili come consumatori, in questione emerge la caratterizzazione di un contratto di vendita di beni mobili avente ad oggetto beni di consumo dove la specificità del bene mobile quale oggetto di consumo deriva dalla qualità dei contraenti (carattere soggettivo delle parti). Di conseguenza un bene di consumo è tale a condizione che sia l oggetto di un rapporto sinallagmatico tra una persona fisica o giuridica,

5 pubblica o privata, che agisce nell ambito di un attività imprenditoriale o professionale ed una persona fisica la quale agisce per scopi che sono estranei all attività d impresa o professionale. Al contratto di vendita viene equiparato il contratto di permuta, di somministrazione, di appalto, d opera e tutti gli altri contratti anche misti che siano diretti alla fornitura di beni di consumo da fabbricare o da produrre. Il consumatore è qualsiasi persona fisica la quale agisce per scopi estranei all attività d impresa o professionale eventualmente svolta e rappresenta la parte più debole per la quale si opera una presunzione legale iuris et de iure in tal senso (si considera anche l orientamento giurisprudenziale della Cassazione civile n del 25/7/2001). Per bene di consumo di intende ogni bene mobile, anche da assemblare, ad esclusione dei beni oggetto di vendita forzata o comunque venduti secondo altre modalità dalle autorità giudiziarie, anche mediante delega ai notai; dell acqua e del gas, quando non confezionati per la vendita in un volume delimitato o in quantità determinata; dell energia elettrica. Per venditore si intende qualsiasi persona fisica o giuridica pubblica o privata che, nell esercizio della propria attività imprenditoriale o professionale, utilizza i contratti di cui al comma primo dell art bis c.c.. Per produttore s intende il fabbricante di un bene di consumo, l importatore del bene di consumo nel territorio della Unione europea o qualsiasi altra persona che si presenta come produttore apponendo sul bene di consumo il suo nome, marchio o altro segno distintivo.

6 Per garanzia convenzionale ulteriore si intende qualsiasi impegno di un venditore o di un produttore, assunto nei confronti del consumatore senza costi supplementari, di rimborsare il prezzo pagato, sostituire, riparare, o intervenire altrimenti sul bene di consumo, qualora esso non corrisponda alle condizioni enunciate nella dichiarazione di garanzia o nella relativa pubblicità. Per riparazione si intende, nel caso di difetto di conformità, il ripristino del bene di consumo per renderlo conforme al contratto di vendita. La legge dispone che la normativa in analisi si applica alla vendita di beni di consumo usati, tenuto conto del tempo del pregresso utilizzo, limitatamente ai difetti non derivanti dall uso normale della cosa. Qui si riporta un opinione diffusa tra alcuni commentatori, con la quale concordiamo, per cui la disciplina introdotta dal diritto comunitario non tiene conto della estensione della tutela del consumatore anche a quei rapporti che formalmente si configurano come intercorrenti tra professionisti ma che in realtà presentano lo stesso disequilibrio, quanto a potere contrattuale, di quella tra consumatore e professionista (è l ipotesi di contratti conclusi tra una grande impresa ed una piccola impresa). Così come non tiene conto dei contratti stipulati tra due consumatori. La conformità al contratto. L art ter c.c. dispone che Il venditore ha l obbligo di consegnare al consumatore beni conformi al contratto di vendita.

7 Pertanto si introduce un nuovo concetto quello di conformità (quindi di eventuale difformità) che, indistintamente, è comprensivo dei concetti di vizio, di mancanza di qualità, di aliud pro alio, ecc.. Ricordiamo che l art c.c. dispone in materia di garanzia per i vizi della cosa venduta, per cui il venditore è tenuto a garantire che la cosa venduta sia immune da vizi che la rendano inidonea all uso a cui è destinata o ne diminuiscano in modo apprezzabile il valore. Per vizio si intende tradizionalmente la imperfezione della cosa che incide sulla sua utilizzabilità rendendola inidonea all uso cui è destinata, o sul suo valore, diminuendolo in modo apprezzabile. La mancanza di qualità consiste nell appartenenza del bene ad un tipo diverso rispetto al bene per il quale si è stipulato un contratto. Nel concetto dell aliud pro alio, derivante da elaborazioni giurisprudenziali, si fa rientrare l ipotesi di un bene che appartiene ad un genere diverso e che pertanto non è in grado di soddisfare le esigenze funzionali richieste dall acquirente. Al compratore/consumatore, basterà pertanto dimostrare la difformità, sia essa consistita in un vizio, in una mancanza di qualità, a dimostrazione della omnicomprensività del concetto di conformità al contratto. Con presunzione legale iuris tantum, per la quale può essere sempre conferita la prova contraria da parte del consumatore che dimostri un difetto di conformità al contratto, viene stabilito che i beni di consumo siano conformi al contratto se, ove pertinenti, coesistono le seguenti circostanze:

8 a) sono idonei all uso al quale servono abitualmente beni dello stesso tipo; b) sono conformi alla descrizione fatta dal venditore e possiedono le qualità del bene che il venditore ha presentato al consumatore come campione o modello; c) presentano la qualità e le prestazioni abituali di un bene dello stesso tipo, che il consumatore può ragionevolmente aspettarsi, tenuto conto della natura del bene e, se del caso, delle dichiarazioni pubbliche sulle caratteristiche specifiche dei beni fatte al riguardo dal venditore, dal produttore o dal suo agente o rappresentante, in particolare nella pubblicità o sull etichettatura; d) sono altresì idonei all uso particolare voluto dal consumatore e che sia stato da questi portato a conoscenza del venditore al momento della conclusione del contratto e che il venditore abbia accettato anche per fatti concludenti. Pertanto la legge ritiene che il bene di consumo è conforme qualora lo stesso bene consegnato sia idoneo all uso al quale servono abitualmente beni dello stesso tipo. Si considera, altresì conforme il bene se corrisponde alla descrizione fatta dal venditore e possiede le qualità del bene che il venditore ha presentato al consumatore come campione o modello. Qui viene in rilievo la presentazione che il venditore effettua nei confronti del compratore/consumatore sulle qualità del bene di consumo. Per quanto riguarda la lettera c) sopra menzionata (art ter c.c.) viene fatto riferimento, rimanendo su un piano oggettivo della valutazione, alle qualità ed alle prestazioni che ci si può attendere da quel

9 tipo di bene in relazione alla figura di consumatore medio. Rilevano inoltre le dichiarazioni pubbliche, cioè le reclami, sulle caratteristiche specifiche dei beni fatte al riguardo dal venditore, dal produttore o dal suo agente o rappresentante, in particolare nella pubblicità o sull etichettatura. Tuttavia la stessa legge, nell art ter c.c., dispone che il venditore può svincolarsi da quelle citate dichiarazioni pubbliche sulle caratteristiche specifiche dei beni, dando la dimostrazione, anche alternativa, che non era a conoscenza della dichiarazione e non poteva conoscerla con l ordinaria diligenza, che la dichiarazione è stata adeguatamente corretta entro il momento della conclusione del contratto in modo da essere conoscibile al consumatore, che la decisione di acquistare il bene di consumo non è stata influenzata dalla dichiarazione. La norma in questione esclude in ogni caso il difetto di conformità qualora, al momento della conclusione del contratto, il consumatore era a conoscenza del difetto o non poteva ignorarlo con l ordinaria diligenza o se il difetto di conformità deriva da istruzioni o materiali forniti dal consumatore. Infatti la legge attribuisce al comportamento del consumatore l esigenza di un minimo di diligenza da espletare con riferimento al riscontro delle caratteristiche e delle qualità del bene di consumo. Ricordiamo che in materia di contratto di vendita l art c.c. dispone che non è dovuta la garanzia se al momento del contratto il compratore conosceva i vizi della cosa; parimenti non è dovuta, se i vizi erano facilmente riconoscibili, salvo, in questo caso, che il venditore abbia dichiarato che la cosa era esente da vizi.

10 Classicamente per ordinaria diligenza si intende la comune attenzione, cautela, perizia che caratterizza l'esercizio di qualsiasi attività. Tornando al concetto di facile riconoscibilità dei vizi, espresso dal menzionato art c.c., secondo la tesi cd. oggettiva, è facilmente riconoscibile il vizio che può essere riconosciuto dall uomo di media diligenza (in particolare, la diligenza è quella tipica dell uomo medio, da valutare in relazione alla specificità dell obbligazione) privo cioè di particolari conoscenze tecniche. Secondo la tesi cd. soggettiva la media diligenza deve essere valutata in relazione alle circostanze del caso concreto, ad esempio con riferimento alle particolari conoscenze del compratore. Viene stabilito che il difetto di conformità che deriva dall imperfetta installazione del bene di consumo è equiparato al difetto di conformità del bene quando l installazione è compresa nel contratto di vendita ed è stata effettuata dal venditore o sotto la sua responsabilità. Tale equiparazione si applica anche nel caso in cui il prodotto, concepito per essere installato dal consumatore, sia da questo installato in modo non corretto a causa di una carenza delle istruzioni di installazione. La tutela del consumatore. L art quater c.c. dispone in merito alle varie possibilità di tutela previste a beneficio del consumatore. In particolare il venditore è responsabile nei confronti del consumatore per qualsiasi difetto di conformità esistente al momento della consegna del bene. Abbiamo già identificato, secondo l intenzione della legge, il difetto di conformità con una generale uniformità di difetti e vizi anche se tale

11 posizione non trova in accordo una parte della dottrina soprattutto con riferimento al già citato aliud pro alio. Infatti secondo la normativa civilistica generale nei contratti con prestazioni corrispettive, quando uno dei contraenti non adempie le sue obbligazioni, l altro può a sua scelta chiedere l adempimento o la risoluzione del contratto, salvo, in ogni caso, il risarcimento del danno. Diversamente, applicando l art bis c.c. e ss. il venditore il quale consegni un bene appartenente ad un genere diverso, che si riveli funzionalmente e completamente non idoneo ad assolvere la destinazione economico-sociale della cosa venduta, potrebbe non incorrere nell inadempimento. In caso di difetto di conformità, il consumatore ha diritto al ripristino, senza spese, della conformità del bene mediante riparazione o sostituzione ovvero, secondo un rimedio di secondo livello, ad una riduzione adeguata del prezzo o alla risoluzione del contratto. Come abbiamo già evidenziato abbiamo un impostazione di genere a specie tra la normativa in analisi sulla vendita dei beni di consumo e la vendita di beni mobili in generale ed inoltre sembra che la legge offra al consumatore acquirente non tanto un scelta alternativa tra i vari rimedi istituiti, quanto invece una graduazione nell azionabilità (giudiziale o stragiudiziale) degli stessi rimedi. Comunque tale consequenzialità di rimedi sembra fare denotare all interprete l intenzione della legge consistente nel principio di conservazione del negozio giuridico nel senso che, ove possibile, si preferisce mantenere il contratto attraverso la possibilità di riparare o di sostituire il bene di consumo medesimo che non sia conforme a quanto pattuito nel contratto. Solo nel caso che ciò

12 detto non sia fattibile concretamente, si potrà optare per la risoluzione del contratto. Il consumatore può chiedere, a sua scelta, al venditore di riparare il bene o di sostituirlo, senza spese in entrambi i casi, salvo che il rimedio richiesto sia oggettivamente impossibile o eccessivamente oneroso rispetto all altro. I rimedi sovra esposti sono considerati onerosi per il venditore se impongono al venditore spese irragionevoli in confronto all altro, tenendo conto: a) del valore che il bene avrebbe se non vi fosse difetto di conformità; b) dell entità del difetto di conformità; c) dell eventualità che il rimedio alternativo possa essere esperito senza notevoli inconvenienti per il consumatore. Le riparazioni o le sostituzioni devono essere effettuate entro un congruo termine dalla richiesta e non devono arrecare notevoli inconvenienti al consumatore, tenendo conto della natura del bene e dello scopo per il quale il consumatore ha acquistato il bene. Si parla di un congruo termine senza stabilire quale nel senso che è necessario tenere conto sia della natura del bene acquistato nonché dello scopo che ha guidato il consumatore nell acquisto. Il consumatore, pur potendo insistere, nonostante un primo esito negativo, a chiedere la riparazione o la sostituzione del bene, può richiedere, a sua scelta, una congrua riduzione del prezzo o la risoluzione del contratto ove ricorra una delle seguenti situazioni: a) la riparazione e la sostituzione sono impossibili o eccessivamente onerose;

13 b) il venditore non ha provveduto alla riparazione o alla sostituzione del bene entro il termine congruo richiesto; c) la sostituzione o la riparazione precedentemente effettuata ha arrecato notevoli inconvenienti al consumatore. Nel determinare l importo della riduzione o la somma da restituire si tiene conto dell uso del bene. Pertanto il consumatore è tenuto, per il suo interesse, ad effettuare una denuncia, per la quale vige la libertà della forma (anche se è consigliabile l effettuazione per scritto soprattutto ai fini della sua dimostrabilità in sede giudiziale o stragiudiziale), circa il difetto di conformità del prodotto acquistato entro due mesi dalla scoperta. E necessario ricordare che il consumatore decade dai diritti previsti dall articolo 1519 quater, comma secondo, se non denuncia al venditore il difetto di conformità entro il termine di due mesi dalla data in cui ha scoperto il difetto. La denuncia, comunque, non è necessaria se il venditore ha riconosciuto l esistenza del difetto o l ha occultato. E molto importante quanto disposto dalla nuova legge sui termini di prescrizione e di decadenza, quando dispone che il venditore è responsabile, a norma dell articolo 1519 quater, quando il difetto di conformità si manifesta entro il termine di due anni dalla consegna del bene. Ed è importante, altresì, la norma per cui l azione diretta a fare valere la difformità si prescrive in ogni caso nel termine di ventisei mesi dalla consegna. Il consumatore, che sia convenuto per l esecuzione del contratto, può tuttavia far valere sempre i diritti di cui all articolo 1519 quater, comma secondo, purché il difetto di conformità sia stato

14 denunciato entro due mesi dalla scoperta e prima della scadenza del termine di cui al periodo precedente. Salvo prova contraria, si presume che i difetti di conformità che si manifestano entro sei mesi dalla consegna del bene esistessero già a tale data, a meno che tale ipotesi sia incompatibile con la natura del bene o con la natura del difetto di conformità. Con la predetta denuncia il consumatore può decidere di scegliere le strade evidenziate nell art quater c.c., menzionato sopra, consistenti nella riparazione, nella sostituzione oppure può chiedere in modo alternativo la riduzione del prezzo o la risoluzione contrattuale. Dopo la denuncia del difetto di conformità, il venditore può, nell ottica normativa di provvedere al rispetto del principio di conservazione del negozio giuridico, offrire al consumatore qualsiasi altro rimedio disponibile, con i seguenti effetti: a) qualora il consumatore abbia già richiesto uno specifico rimedio, il venditore resta obbligato ad attuarlo, con le necessarie conseguenze in ordine alla decorrenza del termine congruo, salvo accettazione da parte del consumatore del rimedio alternativo proposto; b) qualora il consumatore non abbia già richiesto uno specifico rimedio, il consumatore deve accettare la proposta o respingerla scegliendo un altro rimedio ai sensi del presente articolo. In ogni caso si esclude che un difetto di conformità di lieve entità per il quale non è stato possibile o è eccessivamente oneroso esperire i rimedi della riparazione o della sostituzione, non dà diritto alla risoluzione del contratto.

15 Bibliografia - De Cristofaro G., Difetto di conformità al contratto e diritti del consumatore, Padova; - Zaccaria A, De Cristofaro G. La vendita dei beni di consumo, Padova; - Pisciotta G. Scambio dei beni di consumo e modelli codicistici di protezione dell acquirente, Napoli; - Paradiso, Istituzioni di diritto privato, Torino; - Perlingieri, Istituzioni di diritto civile, manuale di diritto civile, Napoli. Firenze, febbraio 2004

DIRITTI DEL CONSUMATORE IN MATERIA DI GARANZIA LEGALE DI CONFORMITÀ (D.lgs. 206/2005 Codice del Consumo)

DIRITTI DEL CONSUMATORE IN MATERIA DI GARANZIA LEGALE DI CONFORMITÀ (D.lgs. 206/2005 Codice del Consumo) DIRITTI DEL CONSUMATORE IN MATERIA DI GARANZIA LEGALE DI CONFORMITÀ (D.lgs. 206/2005 Codice del Consumo) Gentile Cliente, vogliamo informarti dei tuoi diritti nel caso in cui i prodotti acquistati presso

Dettagli

GARANZIA LEGALE DI CONFORMITà

GARANZIA LEGALE DI CONFORMITà GARANZIA LEGALE DI CONFORMITà DIRITTI DEL CONSUMATORE IN MATERIA DI GARANZIA LEGALE DI CONFORMITÀ (D.lgs. 206/2005 Codice del Consumo) Gentile Cliente, vogliamo informarti dei tuoi diritti nel caso in

Dettagli

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE

GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE GARANZIA LEGALE DEL VENDITORE Tutti i prodotti che compri da Apple, anche quelli non a marchio Apple, sono coperti dalla garanzia legale di due anni del venditore prevista dal Codice del Consumo (Decreto

Dettagli

Verifica delle condizioni generali di garanzia dei prodotti ricondizionati della AGP spa e loro conformità al Codice del Consumo.

Verifica delle condizioni generali di garanzia dei prodotti ricondizionati della AGP spa e loro conformità al Codice del Consumo. Adriatica Green Power spa C.da Molino n. 9 60020n Agugliano (AN) 26 febbraio 2015 Verifica delle condizioni generali di garanzia dei prodotti ricondizionati della AGP spa e loro conformità al Codice del

Dettagli

Questa pagina contiene le seguenti informazioni:

Questa pagina contiene le seguenti informazioni: I vantaggi della garanzia limitata Apple si aggiungono ai diritti previsti dalla normativa a tutela del consumatore applicabile nel tuo paese. Ai sensi degli articoli 128 135 del Decreto Legislativo n.

Dettagli

Quando si acquista un prodotto spesso ci si trova di fronte

Quando si acquista un prodotto spesso ci si trova di fronte Quando si acquista un prodotto spesso ci si trova di fronte ad inconvenienti quali il malfunzionamento o, in alcuni casi, il non-funzionamento del bene in questione. La prima cosa da fare è portare il

Dettagli

La garanzia per i vizi nella vendita di diritto comune e di beni di consumo

La garanzia per i vizi nella vendita di diritto comune e di beni di consumo La garanzia per i vizi nella vendita di diritto comune e di beni di consumo Dott. Alessio Faccia www.alexpander.it Art. 1476 c.c. Obbligazioni del venditore: -Consegnare la cosa comperata -Fare acquistare

Dettagli

S T U D I O M I S U R A C A, A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i S t u d i o l e g a l e / L a w F i r m

S T U D I O M I S U R A C A, A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i S t u d i o l e g a l e / L a w F i r m . OLANDA TUTELA DEL CONSUMATORE IN OLANDA di Avv. Francesco Misuraca www.smaf-legal.com Premessa La tutela del consumatore in Olanda da attuazione alle seguenti direttive, di contorno alla direttiva n.

Dettagli

dei beni acquistati dai consumatori, e cioè i criteri di determinazione del contenuto dell obbligo, gravante sul «venditore»,

dei beni acquistati dai consumatori, e cioè i criteri di determinazione del contenuto dell obbligo, gravante sul «venditore», Non conformità del bene di consumo e responsabilità del venditore La nozione di vendita accolta dal Codice del consumo, comprende tutti i contratti di fornitura di beni di consumo: in primo luogo, dunque,

Dettagli

AUTO USATA E CONGIUNTURA ECONOMICA COME REAGIRA L AUTO USATA ALLE ATTUALI DIFFICOLTA DEL MERCATO AUTO?

AUTO USATA E CONGIUNTURA ECONOMICA COME REAGIRA L AUTO USATA ALLE ATTUALI DIFFICOLTA DEL MERCATO AUTO? AUTO USATA E CONGIUNTURA ECONOMICA COME REAGIRA L AUTO USATA ALLE ATTUALI DIFFICOLTA DEL MERCATO AUTO? INNOVAZIONI NORMATIVE SUL COMMERCIO DELL AUTO USATA EMANUELA PREGNOLATO ANFIA Studi e Statistiche

Dettagli

GUARDA CHE TI RIGUARDA!

GUARDA CHE TI RIGUARDA! GUARDA CHE TI RIGUARDA! GARANZIE POST-VENDITA Progetto finanziato dal Ministero dello Sviluppo Economico 1 Un po di storia Con l espressione garanzie post-vendita si intende il complesso di tutele che

Dettagli

COMPRAVENDITA. Facoltà di Sociologia Corso di scienze dell organizzazione Corso di Diritto Privato, anno 2009/2010 Docente: Sara D Urso

COMPRAVENDITA. Facoltà di Sociologia Corso di scienze dell organizzazione Corso di Diritto Privato, anno 2009/2010 Docente: Sara D Urso Facoltà di Sociologia Corso di scienze dell organizzazione Corso di Diritto Privato, anno 2009/2010 Docente: Sara D Urso COMPRAVENDITA D Agostino Marta Delladea Sarah Lusuardi Alice La compravendita (art

Dettagli

LA GARANZIA NEL D. LGS. 206/2005 La garanzia legale e la garanzia commerciale nella vendita di beni di consumo.

LA GARANZIA NEL D. LGS. 206/2005 La garanzia legale e la garanzia commerciale nella vendita di beni di consumo. LA GARANZIA NEL D. LGS. 206/2005 La garanzia legale e la garanzia commerciale nella vendita di beni di consumo. Indice Introduzione pag. 3 La garanzia in Italia pag. 4 Garanzia di conformità pag. 6 Che

Dettagli

Presentazione. Contratto tipo di vendita di elettrodomestici. presso il domicilio del consumatore.

Presentazione. Contratto tipo di vendita di elettrodomestici. presso il domicilio del consumatore. Presentazione Contratto tipo di vendita di elettrodomestici presso il domicilio del consumatore. I) Gli elettrodomestici sono apparecchi o utensili (prodotti di telefonia, televisori, lettori CD e DVD,

Dettagli

La nuova disciplina in materia di garanzie nella vendita di beni di consumo. Nota esplicativa al Decreto legislativo n.

La nuova disciplina in materia di garanzie nella vendita di beni di consumo. Nota esplicativa al Decreto legislativo n. Ministero delle Attività Produttive Direzione Generale per l Armonizzazione del Mercato e la Tutela dei Consumatori Ufficio C3 Politiche Nazionali e Diritti dei consumatori La nuova disciplina in materia

Dettagli

Ministero delle Attività Produttive

Ministero delle Attività Produttive Ministero delle Attività Produttive Direzione Generale per l Armonizzazione del Mercato e la Tutela dei Consumatori Ufficio C3 Politiche Nazionali e Diritti dei consumatori La nuova disciplina in materia

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Nelle presenti condizioni generali: si intende come Venditrice o Società la Berner Spa, con sede in Verona, via dell Elettronica 15, Partita IVA 02093400238, C.F. e numero

Dettagli

LE NORME STUDIO LEGALE ANDREELLO VIA MEDOACO 4 PADOVA TEL. 0498765327 FAX 0498647543

LE NORME STUDIO LEGALE ANDREELLO VIA MEDOACO 4 PADOVA TEL. 0498765327 FAX 0498647543 LE NORME La responsabilità del produttore per i danni derivanti da prodotto difettoso è stata introdotta nel nostro ordinamento dal D.P.R. 224/1988 che ha dato attuazione alla Direttiva 85/374/CEE relativa

Dettagli

Avv. Maurizio Iorio 2013

Avv. Maurizio Iorio 2013 Garanzia di legge e garanzia convenzionale sui prodotti venduti ai consumatori Avv. Maurizio Iorio Si conclude con questo elaborato, dedicato alla garanzia, la trilogia di tre articoli dedicata alle principali

Dettagli

DIRETTIVA 99/44/CE DIRETTIVA GARANZIE

DIRETTIVA 99/44/CE DIRETTIVA GARANZIE DIRETTIVA 99/44/CE DIRETTIVA GARANZIE RELATORE: ing. Angelo Bernardini amm. del. C.L.L.A.T. spa CHE COSA E UNA DIRETTIVA EUROPEA La Comunità Europea emana delle Direttive per rendere uniformi i comportamenti

Dettagli

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B)

LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) LA GARANZIA NEI RAPPORTI TRA AZIENDE (B2B) Avvocato Maurizio Iorio, presidente di ANDEC Seminario organizzato da ANDEC Martedì 17 giugno 2014 Milano, Confcommercio - Corso Venezia 47 Sala Turismo LA GARANZIA

Dettagli

CONTRATTO TIPO DI MANUTENZIONE SOFTWARE

CONTRATTO TIPO DI MANUTENZIONE SOFTWARE CONTRATTO TIPO DI MANUTENZIONE SOFTWARE Clausola tipo 1 Definizioni L Assistenza telefonica e/o online ha ad oggetto un servizio di call center di helpline via telefonica e/o telematica (via email o web

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Articolo 1 - Definizioni 1. Ai fini del presente contratto si intende per: - Produttore, la società Calligaris S.p.A. con sede a Manzano (UD) in via Trieste 12, P. IVA 05617370969;

Dettagli

VENEZIA 2012. Matteo A. Pollaroli Diritto Privato. 4 luglio 2012

VENEZIA 2012. Matteo A. Pollaroli Diritto Privato. 4 luglio 2012 4 luglio DIRITTO PRIVATO II SINGOLI CONTRATTI SUCCESSIONI A CAUSA DI MORTE Struttura del Libro Quarto del Codice civile 1) parte generale sulle obbligazioni 2) parte generale sui contratti 3) singoli contratti

Dettagli

VADEMECUM DELLA GARANZIA

VADEMECUM DELLA GARANZIA VADEMECUM DELLA GARANZIA Il contributo sul tema della garanzia è rappresentato da: - una relazione del nostro consulente Avv. Roberto Spreafico Studio legale Spreafico - un estratto da Il Sole 24 Ore del

Dettagli

VENDITA DI ELETTRODOMESTICI A DOMICILIO

VENDITA DI ELETTRODOMESTICI A DOMICILIO CONTRATTO TIPO di VENDITA DI ELETTRODOMESTICI A DOMICILIO 1 CONTRATTO DI VENDITA DI ELETTRODOMESTICI A DOMICILIO La Società...., con sede legale in, partita IVA. ed iscritta nel Registro delle Imprese

Dettagli

Il quadro normativo attualmente vigente nel settore dei Dispositivi Medici

Il quadro normativo attualmente vigente nel settore dei Dispositivi Medici Il quadro normativo attualmente vigente nel settore dei Dispositivi Medici avv. Mauro Crosato Presidente ASFO triveneto. Padova, 7 luglio 2015 Tipi di responsabilità Responsabilità penale; Responsabilità

Dettagli

1.3 Con l espressione Press Up S.r.l. si intendono il soggetto indicato in epigrafe ovvero il soggetto prestatore dei servizi di informazione.

1.3 Con l espressione Press Up S.r.l. si intendono il soggetto indicato in epigrafe ovvero il soggetto prestatore dei servizi di informazione. CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO 1. Identificazione della Press Up S.r.l. I servizi oggetto delle presenti condizioni generali sono offerti dalla Press Up s.r.l. con sede in Roma, Via Catone, 6 iscritta

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA TRENTOFRUTTA S.p.A.

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA TRENTOFRUTTA S.p.A. Ai sensi e per gli effetti degli artt.1469 bis e segg. c.c. le parti dichiarano che l'intero contratto ed ogni sua clausola è stato tra le stesse trattato e negoziato. 1. Ambito di validità - Natura del

Dettagli

Compravendita: evizione parziale subita dal compratore dell immobile acquistato

Compravendita: evizione parziale subita dal compratore dell immobile acquistato STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO. Servizio di Consulenza ed Assistenza Assicurativa (brokeraggio)

CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO. Servizio di Consulenza ed Assistenza Assicurativa (brokeraggio) CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO Servizio di Consulenza ed Assistenza Assicurativa (brokeraggio) Art. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ha per oggetto l affidamento del servizio di consulenza ed assistenza

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Disposizioni di carattere generale 1. Il rapporto giuridico fra venditore (di seguito anche fornitore, Elektrisola Atesina o E.A. Srl) e compratore (in seguito Cliente) in

Dettagli

S T U D I O M I S U R A C A, A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i S t u d i o l e g a l e / L a w F i r m

S T U D I O M I S U R A C A, A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i S t u d i o l e g a l e / L a w F i r m . POLONIA TUTELA DEL CONSUMATORE IN POLONIA di Avv. Francesco Misuraca www.smaf-legal.com Premessa Le fonti della normativa di tutela dei consumatori sono: - Legge del 16 aprile 1993 contro la concorrenza

Dettagli

Sblocco di telefoni cellulari. a tutela del consumatore.

Sblocco di telefoni cellulari. a tutela del consumatore. questioni STRAGIUdizialI CONSUMATORI / GARANZIE Sblocco di telefoni cellulari e tutela del consumatore Vendita di telefoni cellulari manomessi, tutela del consumatore e natura informatico-giuridica della

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini avranno il significato di seguito

Dettagli

RAPPRESE TA ZA (diretta) Artt. 1387 ss.

RAPPRESE TA ZA (diretta) Artt. 1387 ss. 1 RAPPRESE TA ZA (diretta) Artt. 1387 ss. Regola: coincidenza tra soggetto (parte) in senso formale (autore dell atto) e soggetto (parte) in senso sostanziale (sulla sfera giuridica del quale si producono

Dettagli

I contratti di finanziamento: Credito al consumo

I contratti di finanziamento: Credito al consumo I contratti di finanziamento: Credito al consumo Definizioni e struttura del rapporto pagina 1 Aspetti definitori Per credito al consumo si intende il credito per l acquisto di beni e servizi (credito

Dettagli

CONTRATTO PER LA VENDITA ON LINE DI BENI DI CONSUMO

CONTRATTO PER LA VENDITA ON LINE DI BENI DI CONSUMO CONTRATTO PER LA VENDITA ON LINE DI BENI DI CONSUMO L acquirente dichiara espressamente di compiere l acquisto per fini estranei all attività commerciale o professionale esercitata. Identificazione dei

Dettagli

Contratto per la vendita on line di beni di consumo

Contratto per la vendita on line di beni di consumo Contratto per la vendita on line di beni di consumo Identificazione del Fornitore I beni oggetto delle presenti condizioni generali sono posti in vendita dalla Art Production di Albanese Vincenzo con sede/filiale

Dettagli

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente

Con l interpello specificato in oggetto, concernente l interpretazione dell articolo 109, comma 9, lettera b), del Tuir, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 192/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello. Articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Disciplina fiscale applicabile al contratto di associazione in partecipazione

Dettagli

1. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

1. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Le presenti Condizioni Generali condizionano i contratti di vendita o di fornitura di prodotti del Venditore ( di seguito denominati Prodotti Contrattuali ). A tali contratti

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

I riaddebiti e le rifatturazioni di servizi

I riaddebiti e le rifatturazioni di servizi STUDIO MONOGRAFICO N. 3/2000 I riaddebiti e le rifatturazioni di servizi Copyright 2000 Studio Associato Acerbi 2 Nel corso delle attività commerciali svolte dalle imprese, costituisce prassi assai diffusa

Dettagli

SOMMARIO. Premessa...3

SOMMARIO. Premessa...3 CIRCOLARE N. 47/E Roma, 20 dicembre 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Questioni interpretative in merito all applicazione dell articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23, (c.d. cedolare

Dettagli

Condizioni generali di vendita Soap

Condizioni generali di vendita Soap Condizioni generali di vendita Soap A. Definizioni Soap si intende Soap di Marco Borsani, con sede in Corso Roma 122, Cesano Maderno MB, tel. +39 347 5087246, P.Iva 07815570960, società proprietaria del

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che qualunque fatto doloso o colposo che cagioni ad altri un danno ingiusto obbliga colui

Dettagli

Contratto-tipo di compravendita delle autocaravan Maggiori garanzie di trasparenza, correttezza e buona fede

Contratto-tipo di compravendita delle autocaravan Maggiori garanzie di trasparenza, correttezza e buona fede Contratto-tipo di compravendita delle autocaravan Maggiori garanzie di trasparenza, correttezza e buona fede Dal 2009 l Associazione Nazionale Coordinamento Camperisti ha deciso di monitorare con maggiore

Dettagli

CURIOSITÀ E DOMANDE PIÙ FREQUENTI VADEMECUM2012

CURIOSITÀ E DOMANDE PIÙ FREQUENTI VADEMECUM2012 CURIOSITÀ E DOMANDE PIÙ FREQUENTI VADEMECUM2012 CAMBI MERCE: QUANDO E OBBLIGATORIO CAMBIARE LA MERCE E QUANDO E OBBLIGATORIO, INVECE, RESTITUIRE IL PREZZO PAGATO? Preliminarmente il D.LGS. 206/05 (Codice

Dettagli

Termine e condizione per la vendita on line

Termine e condizione per la vendita on line Termine e condizione per la vendita on line L Acquirente dichiara espressamente di compiere l acquisto per fini estranei all attività commerciale o professionale esercitata. Identificazione del Fornitore

Dettagli

INDICE. Parte Prima INADEMPIMENTO E RESPONSABILITÀ NELL APPALTO IN GENERE CAPITOLO 1 VIZI E DIFFORMITÀ NELL APPALTO.

INDICE. Parte Prima INADEMPIMENTO E RESPONSABILITÀ NELL APPALTO IN GENERE CAPITOLO 1 VIZI E DIFFORMITÀ NELL APPALTO. INDICE Parte Prima INADEMPIMENTO E RESPONSABILITÀ NELL APPALTO IN GENERE CAPITOLO 1 VIZI E DIFFORMITÀ NELL APPALTO. ASPETTI GENERALI 3 1. L estensione della responsabilità dell appaltatore per i vizi e

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013

CIRCOLARE N. 34/E. Roma, 21 novembre 2013 CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Normativa Roma, 21 novembre 2013 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi erogati da amministrazioni pubbliche - Criteri generali per la definizione

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

La garanzia post vendita è legge.

La garanzia post vendita è legge. ******************* Vademecum del consumatore La garanzia post vendita è legge. Vademecum del consumatore Indice pagina 04 IL CODICE DEL CONSUMO TUTELA I TUOI ACQUISTI Lo sapevi che hai una garanzia legale

Dettagli

CONTRATTO DI ACQUISTO

CONTRATTO DI ACQUISTO CONTRATTO DI ACQUISTO L Acquirente dichiara espressamente di compiere l acquisto per fini estranei all attività commerciale o professionale esercitata. Identificazione del Fornitore I beni oggetto delle

Dettagli

CONTRATTO DI FORNITURA

CONTRATTO DI FORNITURA VIA DEL GAVARDELLO, 29 25018 MONTICHIARI (BS) TEL. 030 9962701 FAX. 030 9962564 info@furgokit.it www.furgokit.it CONTRATTO DI FORNITURA Tra la società Furgokit srl, con sede in Via del Gavardello n. 29,

Dettagli

COMUNE DI VIGONOVO - PROVINCIA DI VENEZIA

COMUNE DI VIGONOVO - PROVINCIA DI VENEZIA COMUNE DI VIGONOVO - PROVINCIA DI VENEZIA Area LL.PP.-Ambiente-P.M. - Via Veneto 2 - C.A.P. 30030 - Vigonovo (VE) Tel.: 049.9834903 fax: 049.9831911 area.tecnica@comune.vigonovo.ve.it - www.comune.vigonovo.ve.it

Dettagli

Termini e Condizioni di Vendita

Termini e Condizioni di Vendita Termini e Condizioni di Vendita Identificazione del Fornitore I beni oggetto delle presenti condizioni generali sono posti in vendita dalla PASTICCERIA MOSAICO S.A.S. con sede in Aquileia, Piazza Capitolo

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici

CAPITOLATO SPECIALE. Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici CAPITOLATO SPECIALE Fornitura ed installazione di Personal Computer ed attrezzature hardware per il VI settore del Comune di Portici ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO L appalto ammonta ad. 10250 oltre IVA al

Dettagli

RISOLUZIONE N. 225/E

RISOLUZIONE N. 225/E RISOLUZIONE N. 225/E Roma, 5 giugno 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 cessione di quote sociali - art. 11 Tariffa

Dettagli

Aspetti della vendita e delle garanzie dei beni di consumo

Aspetti della vendita e delle garanzie dei beni di consumo Aspetti della vendita e delle garanzie dei beni di consumo Guida al Decreto Legislativo 2 febbraio 2002, n. 24 (Attuazione della Direttiva CE n.44/1999) Premessa Il decreto legislativo 2 febbraio 2002,

Dettagli

Condizioni Generali. GARANZIA LIMITATA PER IL KOBO AURA ereader REGNO UNITO

Condizioni Generali. GARANZIA LIMITATA PER IL KOBO AURA ereader REGNO UNITO Condizioni Generali GARANZIA LIMITATA PER IL KOBO AURA ereader REGNO UNITO La presente Garanzia Limitata viene concessa da Kobo Inc. ("Kobo") e conferisce diritti specifici in relazione al Kobo ereader

Dettagli

ALLEGATO 5 Schema di Contratto

ALLEGATO 5 Schema di Contratto ALLEGATO 5 Schema di Contratto Allegato 5: Schema di contratto Pag. 1 SCHEMA DI CONTRATTO GARA A PROCEDURA APERTA, INDETTA AI SENSI DEL D. LGS. N. 163/06, PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI PROGETTAZIONE

Dettagli

S T U D I O M I S U R A C A, A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i S t u d i o l e g a l e / L a w F i r m

S T U D I O M I S U R A C A, A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i S t u d i o l e g a l e / L a w F i r m . REGNO UNITO TUTELA DEL CONSUMATORE NEL REGNO UNITO di Avv. Francesco Misuraca www.smaf-legal.com TUTELA DEL CONSUMATORE NEL REGNO UNITO Premessa Le fonti della normativa di riferimento cambiano a seconda

Dettagli

Contratto per la vendita on line di beni di consumo

Contratto per la vendita on line di beni di consumo Contratto per la vendita on line di beni di consumo L Acquirente dichiara espressamente di compiere l acquisto per fini estranei all attività commerciale o professionale esercitata. Identificazione del

Dettagli

Garanzia per lampade GREENLED Industry S.p.A.

Garanzia per lampade GREENLED Industry S.p.A. Garanzia per lampade GREENLED Industry S.p.A. La presente garanzia limitata è fornita dalla società GREENLED Industry SpA (definita di seguito anche semplicemente GREENLED o Venditore ) all Acquirente

Dettagli

Procedimento di controllo Commissione Contratti

Procedimento di controllo Commissione Contratti Procedimento di controllo Commissione Contratti PARERE RELATIVO ALLA PROPOSTA DI CONTRATTO E ALLE CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO PER IL RESTAURO DI BENI MOBILI Premessa: Visto l art. 35 del D.Lgs. 206/2005

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. Articolo 1 Definizioni

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. Articolo 1 Definizioni CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA Articolo 1 Definizioni Ai fini del presente contratto si intende per: "Venditore", la società BBang S.r.l. (P.IVA 02716060302), avente sede a Tavagnacco (fraz. Feletto Umberto)

Dettagli

2. I prezzi sono intesi al netto dell IVA in vigore il giorno della fatturazione.

2. I prezzi sono intesi al netto dell IVA in vigore il giorno della fatturazione. Condizioni generali di vendita (versione data 01.10.2010) 1 Ambito di validità Oggetto del contratto 1. Le nostre CGV valgono per la fornitura di cose mobili, conformemente alle disposizioni del contratto

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma,

Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione. Roma, Ministero dell'economia e delle Finanze Dipartimento del Tesoro Direzione V Il Capo della Direzione Roma, OGGETTO: Decreto legislativo 13 agosto 2010, n. 141, e successive modificazioni - Attività di segnalazione

Dettagli

Venezia, 9 gennaio 2015

Venezia, 9 gennaio 2015 Venezia, 9 gennaio 2015 Spett.le Compagnia assicurativa Sua Sede Trasmissione a mezzo e-mail Indennità di cessazione del rapporto dell agente Ho esaminato la previsione contrattuale dell accordo che regola

Dettagli

Istanza di interpello assegni corrisposti al coniuge in conseguenza di separazione legale art. 10, comma 1, lett. c) del Tuir.

Istanza di interpello assegni corrisposti al coniuge in conseguenza di separazione legale art. 10, comma 1, lett. c) del Tuir. RISOLUZIONE N. 153/E Roma, 11 giugno 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello assegni corrisposti al coniuge in conseguenza di separazione legale art. 10, comma 1,

Dettagli

Supponiamo che. La garanzia B2B: forniture di beni o servizi vendita e appalto. parere legale. parere legale garanzia b2b di Maurizio Iorio

Supponiamo che. La garanzia B2B: forniture di beni o servizi vendita e appalto. parere legale. parere legale garanzia b2b di Maurizio Iorio parere legale garanzia b2b di Maurizio Iorio parere legale La garanzia B2B: forniture di beni o servizi vendita e appalto Nel caso di fornitura B2B vi sono due tipi di garanzia: una legale, quasi totalmente

Dettagli

Le modalità di attuazione della nuova disciplina saranno stabilite da un apposito decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze.

Le modalità di attuazione della nuova disciplina saranno stabilite da un apposito decreto del Ministero dell Economia e delle Finanze. Circolare n. 35 del 4 dicembre 2014 L. 30.10.2014 n. 161 (legge europea 2013- bis) - Principali novità INDICE 1 Premessa 2 2 Tassazione dei soggetti non residenti - Estensione delle disposizioni previste

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE PROFESSIONALE

CONTRATTO DI PRESTAZIONE PROFESSIONALE CONTRATTO DI PRESTAZIONE PROFESSIONALE L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal Direttore del Dipartimento/Centro o Preside

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa)

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA DIVISIONE COLORI (Visa Colori spa) 1) Definizioni 1.1 Ai fini delle presenti condizioni generali di vendita (di seguito denominate Condizioni di Vendita ), i seguenti termini

Dettagli

COMUNIONE: LA RAPPRESENTANZA RECIPROCA CON LEGITTIMAZIONE SOSTITUTIVA Annotazione a Corte di appello di Roma, sezione quarta, sentenza del 13.2.2013.

COMUNIONE: LA RAPPRESENTANZA RECIPROCA CON LEGITTIMAZIONE SOSTITUTIVA Annotazione a Corte di appello di Roma, sezione quarta, sentenza del 13.2.2013. Rivista scientifica bimestrale di Diritto Processuale Civile ISSN 2281-8693 ----------------------------------------------- COMUNIONE: LA RAPPRESENTANZA RECIPROCA CON LEGITTIMAZIONE SOSTITUTIVA Annotazione

Dettagli

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dello sviluppo economico. di concerto con

Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. Il Ministro dello sviluppo economico. di concerto con Il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali di concerto con Il Ministro dello sviluppo economico VISTO l articolo 17 della Legge 23 agosto 1988, n. 400, recante Disciplina dell'attività

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA SATI S.r.l.

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA SATI S.r.l. CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA SATI S.r.l. 1. OGGETTO Le presenti condizioni generali di vendita regolano e disciplinano in via esclusiva i rapporti commerciali di compravendita tra SATI S.r.l. e i propri

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Disposizioni generali Le presenti Condizioni, oggetto di discussione e negoziazione tra le Parti riguardo ciascuna clausola, ove non derogate da condizioni particolari

Dettagli

RISOLUZIONE N. 375/E.. Roma 06 ottobre 2008

RISOLUZIONE N. 375/E.. Roma 06 ottobre 2008 RISOLUZIONE N. 375/E. Roma 06 ottobre 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Interpello Alfa S.r.l. - ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212 Trasformazione di azienda speciale in società

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Campo di applicazione Qualsiasi contratto stipulato tra Nossa Elettronica s.a.s (d ora in poi Nossa) per la fornitura dei propri Prodotti/Servizi (d ora in poi Prodotto)

Dettagli

SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO

SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO SCHEMA DI CONTRATTO-TIPO CONTRATTO DI APPALTO PRIVATO PER OPERE RELATIVE A IMMOBILI CIVILI Tra... d ora in avanti denominato il committente residente in. C.F... P. IVA - da una parte e.. d ora in avanti

Dettagli

S T U D I O M I S U R A C A, A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i S t u d i o l e g a l e / L a w F i r m

S T U D I O M I S U R A C A, A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i S t u d i o l e g a l e / L a w F i r m . REPUBBLICA CECA TUTELA DEL CONSUMATORE IN REPUBBLICA CECA di Avv. Francesco Misuraca www.smaf-legal.com Premessa La Repubblica Ceca adotta ogni 5 anni una Consumer Policy (l ultima è quella decorrente

Dettagli

IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE

IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE IL CONTRATTO DI LEASING IMMOBILIARE 1. Introduzione Il contratto di leasing costituisce un negozio a titolo oneroso concluso con la presenza di tre soggetti ognuno con un diverso interesse economico, ossia

Dettagli

RISOLUZIONE N. 110/E

RISOLUZIONE N. 110/E RISOLUZIONE N. 110/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 15 maggio 2003 Oggetto: Istanza di interpello. IVA. Lavori di costruzione, rifacimento o completamento di campi di calcio. Comune di.

Dettagli

- LA GARANZIA PER I VIZI NELLA COMPRAVENDITA E NELL APPALTO -

- LA GARANZIA PER I VIZI NELLA COMPRAVENDITA E NELL APPALTO - - LA GARANZIA PER I VIZI NELLA COMPRAVENDITA E NELL APPALTO - - Si tratta del sistema di tutele previsto in favore del compratore e del committente a fronte di ipotesi di inesatto adempimento da parte

Dettagli

CONTRATTO DI ORDINI PER ACQUISTO DI TITOLI ATTRAVERSO OPERAZIONI DI PRESTITO E RIPORTO

CONTRATTO DI ORDINI PER ACQUISTO DI TITOLI ATTRAVERSO OPERAZIONI DI PRESTITO E RIPORTO Spett.le CONTRATTO DI ORDINI PER ACQUISTO DI TITOLI ATTRAVERSO OPERAZIONI DI PRESTITO E RIPORTO Con la presente io/noi sottoscritto/i, nel dichiararvi che è mia/nostra esigenza ottenere in prestito

Dettagli

S T U D I O M I S U R A C A, A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i S t u d i o l e g a l e / L a w F i r m

S T U D I O M I S U R A C A, A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i S t u d i o l e g a l e / L a w F i r m . GERMANIA TUTELA DEL CONSUMATORE IN GERMANIA di Avv. Francesco Misuraca www.smaf-legal.com Premessa Le regole di tutela del consumatore, precedentemente contenute in distinte e autonome leggi, dal 1 gennaio

Dettagli

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y

S T U D I O L E G A L E M I S U R A C A - A v v o c a t i, F i s c a l i s t i & A s s o c i a t i L a w F i r m i n I t a l y SINGAPORE DISCIPLINA DEI CONTRATTI COMMERCIALI A SINGAPORE di Avv. Francesco Misuraca Fonti del diritto commerciale a Singapore La normativa sui contratti si ispira grandemente alla omologa normativa inglese

Dettagli

PER L IMPRENDITORE E ORA POSSIBILE ANCHE CEDERE L AZIENDA CON IL NUOVO PATTO DI FAMIGLIA

PER L IMPRENDITORE E ORA POSSIBILE ANCHE CEDERE L AZIENDA CON IL NUOVO PATTO DI FAMIGLIA PER L IMPRENDITORE E ORA POSSIBILE ANCHE CEDERE L AZIENDA CON IL NUOVO PATTO DI FAMIGLIA di Vincenzo D Andò PREMESSA La Legge 14.2.2006, n. 55 (pubblicata sulla G.U. n. 50 del 1.3.2006) ha introdotto nel

Dettagli

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE

LA CONFUSIONE DELLA SUPREMA CORTE IN TEMA DI MEDIAZIONE INFORMA. Circolare informativa - ottobre 2009 Materia Giuridica: Mediazione tipica e mediazione atipica: i nuovi profili di responsabilità delineati dalla pronuncia della Cassazione civile 14.07.2009 n.

Dettagli

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno SPP, si ritorna al principio sancito dal 626 28 agosto 2013 di Renzo Rivalta E giunto alla conclusione l iter di conversione

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA IPERBOOK. Gentile Cliente,

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA IPERBOOK. Gentile Cliente, Gentile Cliente, CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA IPERBOOK il servizio IperBook (di seguito IperBook ) è una nuova modalità di acquisto di libri dedicata ai titolari di Carta Vantaggi registrati al sito

Dettagli

Roma, 30 ottobre 2008

Roma, 30 ottobre 2008 RISOLUZIONE N. 405/E Roma, 30 ottobre 2008 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000. Immobili di tipo residenziale - Cessione

Dettagli

La responsabilità medica è extracontrattuale: ritorno al passato e best practices.

La responsabilità medica è extracontrattuale: ritorno al passato e best practices. La responsabilità medica è extracontrattuale: ritorno al passato e best practices. Dott.ssa Noemi Graceffo noemi.graceffo@ssalex.com I progressi in campo scientifico hanno determinato un miglioramento

Dettagli

Indice generale. Termini e condizioni contrattuali. Introduzione. Accettazione delle condizioni di vendita. Modalità di acquisto

Indice generale. Termini e condizioni contrattuali. Introduzione. Accettazione delle condizioni di vendita. Modalità di acquisto Indice generale Termini e condizioni contrattuali...1 Introduzione...1 Accettazione delle condizioni di vendita...1 Modalità di acquisto...1 Garanzie...2 Garanzia legale...2 Esclusione della garanzia...2

Dettagli

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario

CIRCOLARE N. 28/E. OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario CIRCOLARE N. 28/E Settore Fiscalità Generale e Indiretta Roma, 27 marzo 2008 OGGETTO: Imposta sulle successioni e donazioni - Vincoli di destinazione - Negozio fiduciario 2 1. Premessa 3 2. Il nuovo ambito

Dettagli

RISOLUZIONE N. 5/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 5/E QUESITO RISOLUZIONE N. 5/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 gennaio 2011 OGGETTO: Consulenza Giuridica - Rapporto di concessione Beni realizzati dalla società concedente e beni realizzati dalla società concessionaria

Dettagli

Tribunale di Udine. - sezione civile -

Tribunale di Udine. - sezione civile - Tribunale di Udine - sezione civile - Verbale d udienza Successivamente oggi, 13.1.2014, alle ore 12.00, davanti al giudice istruttore dott. Andrea Zuliani, nella causa iscritta al n 2998/12 R.A.C.C.,

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO LEVA SRL

CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO LEVA SRL CONDIZIONI GENERALI DI ACQUISTO LEVA SRL Le presenti Condizioni Generali di Acquisto rappresentano le Condizioni Generali di Acquisto della ditta Leva s.r.l. (di seguito indicata come Committente ). Esse

Dettagli