di Franco Casadidio (agg. febbraio 2013)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "di Franco Casadidio (agg. febbraio 2013)"

Transcript

1 L'ARIA DI TERNI IL PM10 E LA NOSTRA SALUTE di Franco Casadidio (agg. febbraio 2013)

2 PREMESSA Da diversi anni il mio interesse si è concentrato sui temi che riguardano la relazione causa-effetto tra inquinamento atmosferico e salute, con particolare riguardo ai danni causati all'organismo umano dall'inalazione delle polveri fini e ultrafini. La letteratura medico-scientifica a riguardo è vastissima e concorde nel sottolineare la stretta correlazione tra elevati valori di inquinamento e danni alla salute, danni che spaziano da problemi all'apparato respiratorio (BPCO, bronchiti, allergie, tumori) a quelli a carico del sistema cardio-vascolare. Diversi studi hanno anche dimostrato, senza ombra di dubbio, che la causa principale di inquinamento da particolato nei centri urbani è il traffico veicolare (Agenzia Europea per l'ambiente). A livello cittadino questa tesi è stata confermata dall'ufficio ambiente della Provincia di Terni che in uno studio condotto ha evidenziato come il 52,9% di tutto il PM10 emesso giornalmente a Terni sia causato dal traffico e di questo, ben il 98% (!) sia dovuto alle emissioni di autovetture e veicoli commerciali. Recentemente l'università di Milano Bicocca, rendendo noti i risultati degli studi condotti nel mese di gennaio 2009 a Terni, ha messo in risalto come, in mancanza di condizioni meteo favorevoli alla loro dispersione, le sostanze inquinanti prodotte dal traffico restino confinate al suolo, con gravi ed evidenti rischi per soggetti deboli quali i bambini che, per natura, si trovano alla cosidetta "altezza scappamento". Più recentemente Legambiente (rapporto Mal aria 2011) indica il traffico come responsabile del 35% delle emissioni di PM10 contro il 18,7% del riscaldamento mentre ARPA Lombardia (2001) valuta percentuali pari al 70% per le polveri prodotte dal traffico a fronte di un 12% derivante dagli impianti di riscaldamento. Se ci spostiamo in ambito europeo la musica non cambia, con uno studio del 2006 dell Agenzia Europea per l Ambiente che quantifica in tonnellate le polveri emesse in Italia dal traffico a fronte di causate dal riscaldamento. Dall'autunno 2005 la Regione Umbria insieme ad altri organi istituzionali e a vari EE.LL. ha approntato un protocollo per la riduzione degli agenti inquinanti in atmosfera, evidenziando la criticità di alcune zone della regione, tra le quali rientra a pieno titolo la nostra città. I provvedimenti riguardano essenzialmente il blocco parziale del traffico, provvedimento meglio conosciuto come "targhe alterne". Con l'istituzione delle targhe alterne si vuole limitare il contributo che il traffico veicolare da all'aumento delle concentrazioni di PM10 nell'aria umbra in generale e ternana in particolare. CONOSCIAMO MEGLIO IL PROTOCOLLO La parte fondamentale del protocollo è quella relativa ai provvedimenti da adottare in materia di traffico, provvedimenti divisibili sostanzialmente in due parti: una riguardante le misure da adottare indipendentemente dalle condizioni di inquinamento e da quelle meteorologiche, l'altra le misure da prendere nei casi più gravi. In riferimento al primo punto il protocollo relativo al 2009 così recita: "Provvedimenti da attivare in modo programmato e permanente dalla data di sottoscrizione del presente Protocollo al 31/03/2009 nei Comuni di Perugia e Terni: a) interdizione della circolazione privata per non meno di due giorni lavorativi nelle aree urbane dei veicoli pre-euro ad accensione comandata (benzina) e ad accensione spontanea (diesel) e dei ciclomotori e dei motocicli a due tempi pre-euro negli orari dalle alle o 19.30; b) inoltre, quale ulteriore misura in aggiunta a quanto previsto al punto precedente e da assumersi in considerazione di particolari situazioni meteoclimatiche, le Amministrazioni Comunali possono procedere ad ulteriori limitazioni del traffico applicando il criterio delle targhe alterne, secondo le modalità indicate all art. 6, comma 2.". Nel caso, invece, di ripetuti sforamenti dei limiti di legge e di condizioni meteo favorevoli al ristagno degli inquinanti, il protocollo prevede che "qualora le concentrazioni di PM10, calcolato per almeno un punto di rilevamento, risulti superiore al valore di 50 μg /m 3 per tre giorni consecutivi, e le previsioni a 72 ore sulle concentrazioni di PM10, eseguite dal Servizio di ARPA, facciano prevedere condizioni sfavorevoli alla dispersione degli inquinanti per i tre giorni succesivi il Sindaco adotta provvedimenti di emergenza sulla base delle specifiche esigenze locali". Questi, in sintesi, gli elementi più importanti del Protocollo d'intesa ma a Terni cosa succede? IL PROTOCOLLO A TERNI Il primo protocollo viene stipulato nel mese di novembre del 2005 e si propone di ridurre l'inquinamento nel corso della stagione invernale 2005/2006. I firmatari sono la Regione Umbria,

3 l'arpa Umbria, le Provincie ed i Comuni di Terni e Perugia nonché il Comune di Spoleto. I sottoscrittori si impegnano a mettere in atto una serie di misure tra le quali la circolazione a targhe alterne che nella nostra città ha inizio il 19 gennaio 2006 nonostante nel protocollo sia indicato il 15 novembre 2005 quale data di avvio dei provvedimenti. L'anno successivo, con il protocollo firmato in data 17 novembre 2006, si chiede agli EE.LL. di prendere le misure indicate nel documento a partire dal 30 novembre; a Terni, nonostante i 21 sforamenti novembrini ed i 20 di dicembre, le targhe alterne hanno inizio solamente l'11 gennaio, suscitando i mugugni di molti operatori commerciali che rimproverano l'amministrazione per non aver tenuto conto che in quegli stessi giorni inizia la stagione dei saldi ma anche con altre motivazioni che sfiorano spesso il ridicolo, come quella riportata nell'articolo de Il Messaggero Terni del 5 gennaio 2007 nel quale si critica la scelta dei giorni prescelti per le targhe alterne (giovedì e venerdì) "perchè le pescherie si vedono diminuire i clienti in uno dei due soli giorni di vendita" (sic!). Sempre nello stesso articolo, l'assessore al traffico dell'epoca, Gianfranco Salvati, con una dichiarazione quanto mai chiara, invita i commercianti a non lamentarsi perché "...la proposta di Confcommercio è stata valutata... abbiamo scelto di non far partire il provvedimento delle targhe alterne durante le festività natalizie... non a caso il via è stato fissato per l'11 gennaio". Parole illuminanti su come venga affrontato un problema di salute pubblica; ma del resto già a metà dicembre, quando era chiaro che nulla sarebbe stato fatto in periodo di shopping pre-natalizio, il TG di Teleterni del 16 dicembre 2006 aveva messo in risalto la gioia di qualcuno per il non decisionismo del Comune, nonostante valori di PM10 da brivido registrati dalle centraline ternane: 9 sforamenti su 12 misurazioni a Le Grazie (nel periodo 1-16 dicembre) con punte di 154 microgr/mcubo, il triplo del valore massimo consentito per legge. Il ritardo del Comune nell'emanazione del provvedimento di targhe alterne causa nel periodo 1 dicembre - 11 gennaio, 24 sforamenti su 31 misurazioni con ben 10 sforamenti consecutivi di cui 5 oltre i 100 microgr/mcubo. C'è bisogno di aggiungere altro?. Nel 2007/08, forse memori delle polemiche degli anni precedenti, si decide di tagliare la testa al toro, stipulando il protocollo direttamente dopo le feste natalizie, il 16 gennaio Per attuare le targhe alterne, però, il Comune di Terni pensa bene di aspettare un altro mese, indicando la data dell'11 febbraio come quella giusta per limitare la circolazione automobilistica dei ternani, evitando qualsiasi polemica per motivi commerciali, visto che i saldi sono ormai partiti da oltre un mese. Nel 2008/09, infine, il protocollo, sottoscritto il 23 gennaio 2009 (sempre più tardi!), non viene attuato. Dopo ripetute richieste, il Comune di Terni chiarisce con una il perché; "nell inverno 2009 non sono stati adottati provvedimenti limitativi del traffico, dal momento che nel periodo non si sono verificati fenomeni acuti di inquinamento atmosferico, soprattutto se paragonati agli anni precedenti. grazie alle condizioni meteo del periodo straordinariamente piovoso e quindi decisamente favorevole alla dispersione degli inquinanti": è bene notare, però, che a Perugia, con le stesse "favorevoli" condizioni meteo, il Comune non esita a mettere in atto, quanto previsto dal protocollo e che a Terni le tanto decantate "favorevoli" condizioni meteo hanno causato comunque 20 sforamenti tra novembre e dicembre Nel 2010 il protocollo non è stato sottoscritto e l'ordinanza sulle targhe alterne, benché firmata dal sindaco ad inizio anno, non è mai entrata in vigore. Il 2011 comincia con una sequenza di sforamenti da brivido: 15 in 17 giorni. Il 20 gennaio il Movimento Terni 5 Stelle denuncia, attraverso un comunicato stampa, la situazione di estrema gravità, sollevando un putiferio e costringendo dopo pochi giorni il sindaco a firmare l'ordinanza per le targhe alterne a partire dal 31 gennaio. Nonostante questo quadro sconfortante, ancora il 20 gennaio con una dichiarazione apparsa sul Corriere dell'umbria, l'assessore Bencivenga sostiene: "Al momento non sono all ordine del giorno (le targhe alterne n.d.r.). Siamo ancora sotto al limite, dichiarazione a dir poco avventata perché l'assessore sa, o dovrebbe sapere, che la legge lascia ampia discrezionalità alle amministrazioni locali in materia di misure anti-inquinamento per non superare i limiti imposti dalla legge. E se qualcosa deve essere fatto per non sforare i limiti, va da se che deve essere fatto quando si è ancora sotto al limite, perché farlo dopo non avrebbe senso: sarebbe come chiudere

4 la stalla dopo che sono scappati i buoi!. La stagione invernale 2011/12 inizia sotto i peggiori auspici, complice il meteo non favorevole alla dispersione degli inquinanti. Novembre registra 21 sforamenti di cui 18 consecutivi, portando il totale annuo a 60. Il giorno 25 novembre il Movimento Terni 5 Stelle indice una conferenza stampa per denunciare la situazione e informare i media e i cittadini dell'iniziativa intrapresa: una richiesta di intervento indirizzata a Comune, Provincia, Circoscrizione Sud e ARPA per arginare l'inquinamento. Nel documento si propongono anche una serie di misure in materia di traffico e si precisa anche che, in assenza di sviluppi, il Movimento valuterà la possibilità di presentare un esposto alla Magistratura. Qualche giorno dopo il Comune di Terni emette l'ordinanza per la circolazione a targhe alterne a partire dal 1 dicembre fino al 31 marzo Il 2011 si conclude con 69 sforamenti, la soglia dei 100 microgrammi superata per ben 7 volte con un tetto massimo di 158 microgrammi raggiunto a capodanno e 20 giorni, tra il 13 novembre e il 2 dicembre, di superamenti continui del limite massimo imposto dalla legge. A maggio 2012 il M5S Terni presenta un esposto alla magistratura sulle elevate concentrazioni di PM10 nell aria negli ultimi anni. Ad agosto 2012 il M5S Terni inoltra all azienda ospedaliera S. Maria una richiesta di accesso agli atti relativa agli accessi al pronto soccorso dell ospedale a causa di malattie respiratorie e cardiovascolari, patologie tipicamente legate agli alti livelli di inquinamento. Al 23 febbraio 2013, nessuna delle due iniziative ha avuto risposta. Intanto nel 2012 siamo arrivati a registrare 69 sforamenti di cui 17, pari al 24,64%, nel periodo primavera-estate, in barba a quanti sostengono che gli sforamenti del PM10 sono causati dagli impianti di riscaldamento e non dal traffico e, per questo motivo, limitati solamente al periodo invernale, con 13 sforamenti consecutivi nel periodo 7-19 gennaio (max. 117 microgr/mcubo e media 76 microgr/mcubo) Il 10 gennaio 2013 il comune di Terni emetter l ordinanza per la circolazione a targhe alterne a partire dal 15 gennaio. Fino al 26 febbraio l ordinanza è stata sospesa per 3 volte (6 giorni) mentre al 18 febbraio gli sforamenti registrati sono stati 21. UNO SGUARDO ALLA LEGGE La Direttiva Europea 2008/50/CE del 21 maggio 2008 recepita in Italia con il D.L. 155/2010 del 13 agosto 2010 (fuori tempo massimo visto che il limite temporale per il recepimento sarebbe stato l'11 giugno 2010) prevede i seguenti limiti per il PM10: 1) 50 microgr/mcubo da non superare per più di 35 volte in un anno 2) 40 microgr/mcubo come valore annuale medio Per quanto riguarda il PM2,5 i limiti scatteranno solamente a partire dal 1 gennaio 2015 mentre fino a quella data c'è solamente un valore annuo consigliato da non superare, stimato in 20 microgr/mcubo. Nel nostro Paese la tutela della salute è addirittura materia costituzionale. All'art. 32 della Costituzione si sostiene infatti che "La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell'individuo e interesse della collettività...". Secondo quanto si evince dagli artt. 6 e 7 del D. Lgs. 285/92 "il Sindaco ha il potere di limitare e sospendere la circolazione per tutelare la salute pubblica", concetto ribadito anche dall'art. 3 del D.Lgs. 413/97 che recita : "Il Sindaco ha il potere di limitare la circolazione per prevenire l'inquinamento atmosferico". Dunque, come appare evidente, la responsabilità maggiore nella tutela della salute pubblica ricade sulle spalle del Sindaco che ha tutti gli strumenti di legge per far valere questa prerogativa: a patto di volerlo veramente però!. E se il Sindaco non fa nulla?. Beh c'è sempre l'art. 328 c.c. che al comma 1 così recita: "Il pubblico ufficiale o l incaricato di pubblico servizio che indebitamente rifiuta un atto del suo ufficio che, per ragioni di giustizia o di sicurezza pubblica, o di ordine pubblico o di igiene e sanità, deve essere compiuto senza ritardo, è punito con la reclusione da sei mesi a due anni"; in parole povere è il reato meglio conosciuto come omissione d'atti di ufficio. La VI sezione penale della cassazione nella sentenza 10497/98 ha ribadito come il rifiuto da parte del pubblico ufficiale o dell incaricato di pubblico servizio di compiere un atto

5 d ufficio è integrata non solo quando vi sia stata una sollecitazione soggettiva concretatasi in una richiesta o un ordine e il comportamento del soggetto attivo si ponga come risposta negativa ad essi, esplicita od implicita, ma anche, indipendentemente da una richiesta o da un ordine, quando sussista un urgenza sostanziale, impositiva dell atto, resa evidente dai fatti oggettivi posti all attenzione del soggetto obbligato ad intervenire, dimodoché l inerzia soggettiva del medesimo assuma valenza di rifiuto Purtroppo tutto è demandato alle amministrazioni locali anche a causa della mancanza di un piano nazionale anti-inquinamento, piano che la UE ci chiede insistentemente da anni e la cui mancanza ci costerà, dopo l'apertura della procedura d'infrazione avviata in sede comunitaria lo scorso dicembre, da un minimo di 1 miliardo e mezzo di euro (stima del Ministro dell'ambiente Prestigiacomo) a 4 miliardi di euro (secondo i calcoli della maggior parte delle associazioni ambientaliste): in ogni caso una tombola e a pagare saranno gli italiani!. Pur mancando un piano nazionale, però, è da notare come il D.L. 155/2010 non abbia dimenticato di "salvare" l'ilva di Taranto, beneficiandola di una proroga sui limiti alle emissioni di diossina, limiti che la precedente legge sanciva come improrogabili a partire dal 1999 e prorogati incredibilmente al 2012, con grande "gioia" dei tarantini tutti (in modo particolare del gruppo Riva proprietario delle acciaierie che, per sdebitarsi di tanta grazia, si è sacrificato investendo un pacco di milioni di euro nel salvataggio di Alitalia!). PARTICOLATO E SALUTE UMANA Come ricordato all'inizio, i danni causati dal particolato sono riconosciuti ormai da tutta la comunità medico-scientifica mondiale. Di seguito vengono riportati alcuni dei principali studi effettuati. Linee guida sulla qualità dell aria OMS L'Organizzazione Mondiale della Sanità stima che per ogni 10 microgr/mcubo di aumento del PM10 si verifichino effetti acuti quali un incremento dello 0,7% della mortalità giornaliera e del 3% delle patologie inerenti le basse vie respiratorie. Gli effetti cronici (a lungo termine) evidenziano invece un aumento del 29% delle bronchiti e una diminuzione della capacità respiratoria dei bambini pari all'1,2%. OMS - L'OMS ha stimato che nel periodo nelle 13 maggiori città italiane i decessi causati dagli elevati valori di PM10 siano stati 8.220/anno di cui 742/anno per cancro al polmone. Nello stesso intervallo temporale i morti sul lavoro sono stati 1478 (2002), 1445 (2003) e 1328 (2004) (fonte: INAIL), mentre quelli dovuto ad incidenti stradali rispettivamente 6739 (2002) 6015 (2003) e 5625 (2004) (fonte: ACI - ISTAT) Lancet Dec 11-17; 364 (9451): & European Journal of Cancer 2006 Sep;42(13): Nel periodo aumento dell'1,2% dei tumori infantili e del 2% per quelli adolescenziali (con incremento più sensibile per neoplasie rare come i sarcomi dei tessuti molli e per i tumori cerebrali e i linfomi non Hodgkin). J Epidemiol Community Health 2005; 59:755 60/ 2006; 60; L'epidemiologo inglese Ernest Knox ha dimostrato come il rischio di contrarre neoplasie aumenti in modo significativo non solo per i bambini nati e cresciuti vicino a strade trafficate, pompe di benzina e stazioni di autobus, ma soprattutto per i figli di donne residenti in tali aree nel periodo della gravidanza Mc Hale CM et al; Prenatal origin of chromosomal translocation in acute childhood leukaemia: implications and future directions; Am J Hematol 2004; 75: Da questo studio è emerso che i bambini avendo una maggior speranza di vita rispetto all adulto, hanno più tempo per sviluppare patologie croniche/degenerative che possono impiegare anche decenni prima di manifestarsi. Da una accurata analisi retrospettiva che si è avvalsa della disponibilità del sangue da cordone ombelicale, è risultato che alcune traslocazioni cromosomiche tipiche delle leucemie erano già presenti alla nascita in bambini in cui la malattia si manifestava anche 10 anni dopo Enrico Lombardi, Centro di Allergologia e Broncopneumologia Pediatrica, Azienda Ospedaliera Meyer Firenze -... la maggior parte degli studi dimostra un associazione fra inquinanti atmosferici e malattie del tratto respiratorio inferiore quali bronchiti acute e polmoniti...e stata anche trovata un associazione fra l esposizione cronica agli inquinanti atmosferici e l aumento di sintomi

6 respiratori quali tosse e produzione di muco in età pediatrica... Prof. Fiocchi del Fatebenefratelli di Milano - L aumento del PM10 determina nei bambini entro il primo anno di vita un aumento del 22% della mortalità a causa di malattie respiratorie; inoltre sempre più bambini dopo 2 o 3 mesi di tosse presentano lesioni del polmone identiche a quelle dei fumatori. Harvard School of Public Health - A causa dell inquinamento, un bambino su sei presenterebbe danni documentabili al sistema nervoso e problemi funzionali e comportamentali che vanno dal deficit intellettivo, alla sindrome da iperattività, all'autismo. Naturalmente quella proposta è solo una sintesi di tutto il materiale reperibile in rete sul tema. Una sintesi che, però, serve ad inquadrare nella giusta dimensione un problema di salute pubblica che interessa tutti noi, i nostri figli, i nostri nipoti. Per concludere, vengono riportati nella tabella seguente i dati riepilogativi realtivi al monitoraggio del PM10 a Terni negli ultimi anni.

inquinamento salute ambiente Di cosa parliamo quando parliamo di

inquinamento salute ambiente Di cosa parliamo quando parliamo di Di cosa parliamo quando parliamo di inquinamento salute ambiente A cura di Andrea Colombo, Coordinatore Commissione Ambiente e Mobilità del Quartiere San Vitale Di cosa parliamo quando parliamo di inquinamento

Dettagli

LEGAMBIENTE. 2 gennaio 2016 Comunicato stampa DOSSIER LEGAMBIENTE CONSUNTIVO SMOG 2015

LEGAMBIENTE. 2 gennaio 2016 Comunicato stampa DOSSIER LEGAMBIENTE CONSUNTIVO SMOG 2015 LEGAMBIENTE 2 gennaio 2016 Comunicato stampa DOSSIER LEGAMBIENTE CONSUNTIVO SMOG 2015 LEGAMBIENTE: MEDIA ANNUALE DEL PM10. DA NOVE ANNI PADOVA MAI COSI INQUINATA 1) POLVERI SOTTILI Partiamo dal dato più

Dettagli

Inquinamento urbano e salute in Italia e in Europa

Inquinamento urbano e salute in Italia e in Europa Inquinamento urbano e salute in Italia e in Europa Dall'evidenza dei dati all'urgenza delle politiche. Uno studio del Centro Europeo Ambiente e Salute dell'oms mette in evidenza l'impatto sulla salute

Dettagli

TRAFFICO E INQUINAMENTO: I DANNI PER LA SALUTE DELL UOMO E I COSTI SOCIALI

TRAFFICO E INQUINAMENTO: I DANNI PER LA SALUTE DELL UOMO E I COSTI SOCIALI IRPET Istituto Regionale Programmazione Economica Toscana TRAFFICO E INQUINAMENTO: I DANNI PER LA SALUTE DELL UOMO E I COSTI SOCIALI Patrizia Lattarulo IL PERCHÉ DELLA VALUTAZIONE ECONOMICA Esternalità

Dettagli

TRAFFICO E INQUINAMENTO: I DANNI PER LA SALUTE DELL UOMO E I COSTI SOCIALI

TRAFFICO E INQUINAMENTO: I DANNI PER LA SALUTE DELL UOMO E I COSTI SOCIALI IRPET Istituto Regionale Programmazione Economica Toscana ARS Agenzia Regionale Sanità TRAFFICO E INQUINAMENTO: I DANNI PER LA SALUTE DELL UOMO E I COSTI SOCIALI Patrizia Lattarulo,, Cesare Cislaghi e

Dettagli

INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE. N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007

INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE. N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007 INQUINAMENTO ATMOSFERICO E MALATTIE RESPIRATORIE N. Marcobruni U.O. Pneumologia, Spedali Civili di Brescia 24 Novembre 2007 PRINCIPALI FONTI DI INQUINAMENTO traffico veicolare sistemi di produzione di

Dettagli

Dalla parte della Salute: informazioni e riflessioni sull inquinamento da traffico

Dalla parte della Salute: informazioni e riflessioni sull inquinamento da traffico L Associazione INSIEME per PARMA e l Associazione BICINSIEME FIAB-PARMA aderenti al Forum delle Associazioni culturali parmensi Dalla parte della Salute: informazioni e riflessioni sull inquinamento da

Dettagli

3. Invito agli esercizi commerciali di chiusura delle porte di accesso ai propri locali;

3. Invito agli esercizi commerciali di chiusura delle porte di accesso ai propri locali; PROTOCOLLO DI COLLABORAZIONE TRA PROVINCIA DI MILANO E COMUNI RICADENTI NEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA: AZIONI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA QUALITÀ DELL ARIA ED IL CONTRASTO ALL INQUINAMENTO ATMOSFERICO

Dettagli

ORDINANZA N 450 DEL 18-12-2015

ORDINANZA N 450 DEL 18-12-2015 ORDINANZA N 450 DEL 18-12-2015 Oggetto: DISPOSIZIONI PER IL CONTENIMENTO DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO NEL COMUNE DI LEGNANO IN ACCORDO CON I COMUNI DELLA CITTÀ METROPOLITANA DI MILANO IL SINDACO Considerato

Dettagli

Inquinamento da traffico a Palagiano. Valutazioni ad uso delle autorità politiche e dei cittadini di Palagiano. Dott.ssa Annamaria Moschetti

Inquinamento da traffico a Palagiano. Valutazioni ad uso delle autorità politiche e dei cittadini di Palagiano. Dott.ssa Annamaria Moschetti Inquinamento da traffico a Palagiano Valutazioni ad uso delle autorità politiche e dei cittadini di Palagiano. Dott.ssa Annamaria Moschetti Sito Piazza Vittorio Emanuele Valori di Polveri sottili riscontrati

Dettagli

IN CITTÀ TIRA ANCORA UNA PESSIMA ARIA Gli ultimi dati sul rapporto tra inquinamento atmosferico e salute in Italia

IN CITTÀ TIRA ANCORA UNA PESSIMA ARIA Gli ultimi dati sul rapporto tra inquinamento atmosferico e salute in Italia IN CITTÀ TIRA ANCORA UNA PESSIMA ARIA Gli ultimi dati sul rapporto tra inquinamento atmosferico e salute in Italia Il 25 novembre 2009 presso l Auditorium Biagio d Alba Ministero del Lavoro, della salute

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 9 MAGGIO 2007)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 9 MAGGIO 2007) Protocollo RC n. 10608/07 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA COMUNALE (SEDUTA DEL 9 MAGGIO 2007) L anno duemilasette, il giorno di mercoledì nove del mese di maggio, alle ore 14,20,

Dettagli

VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DEGLI EFFETTI SULLA SALUTE DEI SOGGETTI RESIDENTI INTORNO ALL INCENERITORE PER RIFIUTI SOLIDI URBANI DI VERCELLI

VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DEGLI EFFETTI SULLA SALUTE DEI SOGGETTI RESIDENTI INTORNO ALL INCENERITORE PER RIFIUTI SOLIDI URBANI DI VERCELLI VALUTAZIONE EPIDEMIOLOGICA DEGLI EFFETTI SULLA SALUTE DEI SOGGETTI RESIDENTI INTORNO ALL INCENERITORE PER RIFIUTI SOLIDI URBANI DI VERCELLI ARPA Piemonte Dip.Epidemiologia e Salute Ambientale Enti coinvolti:

Dettagli

LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI Sezione Provinciale di LECCE

LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI Sezione Provinciale di LECCE LEGA ITALIANA PER LA LOTTA CONTRO I TUMORI Sezione Provinciale di LECCE La Qualità di Vita e il Benessere individuale e collettivo si misurano oggi non più sul Prodotto Interno Lordo (un indicatore che,

Dettagli

L Insidia alla Salute delle Polveri Sottili. Cinzia Di Novi +

L Insidia alla Salute delle Polveri Sottili. Cinzia Di Novi + L Insidia alla Salute delle Polveri Sottili Cinzia Di Novi + Il particolato atmosferico (PM) è uno degli inquinanti a maggiore impatto ambientale. E costituito da un insieme di particelle solide e liquide

Dettagli

COMUNE DI BAREGGIO ORDINANZA ORDINANZA DEL SINDACO. N. 4 del 3 febbraio 2016

COMUNE DI BAREGGIO ORDINANZA ORDINANZA DEL SINDACO. N. 4 del 3 febbraio 2016 COMUNE DI BAREGGIO ORDINANZA ORDINANZA DEL SINDACO N. 4 del 3 febbraio 2016 OGGETTO: DISPOSIZIONI PER IL CONTENIMENTO DELL'INQUINAMENTO ATMOSFERICO IN ACCORDO CON I COMUNI DELLA CITTÀ METROPOLITANA DI

Dettagli

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DELLA CITTA DI PIACENZA 23-24 Con il Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 23-24

Dettagli

PIANO STRALCIO DI INTERVENTO OPERATIVO PER LA GESTIONE DEGLI EPISODI ACUTI DI INQUINAMENTO ATMOSFERICO NELLA ZONA A

PIANO STRALCIO DI INTERVENTO OPERATIVO PER LA GESTIONE DEGLI EPISODI ACUTI DI INQUINAMENTO ATMOSFERICO NELLA ZONA A PIANO STRALCIO DI INTERVENTO OPERATIVO PER LA GESTIONE DEGLI EPISODI ACUTI DI INQUINAMENTO ATMOSFERICO NELLA ZONA A Pagina 1 di 16 INDICE INTRODUZIONE ED INQUADRAMENTO NORMATIVO...3 LO STATO DI ATTENZIONE...4

Dettagli

Le malattie fumo correlate. Dott. Paolo Monte

Le malattie fumo correlate. Dott. Paolo Monte Le malattie fumo correlate Dott. Paolo Monte Fumo come fattore di rischio di malattia Il fumo costituisce il principale fattore di rischio evitabile per le principali malattie causa di mortalità ed invalidità

Dettagli

COMUNE DI TERNI DIREZIONE AMBIENTE

COMUNE DI TERNI DIREZIONE AMBIENTE COMUNE DI TERNI DIREZIONE AMBIENTE OGGETTO: Piano di azione per prevenire fenomeni acuti di inquinamento atmosferico da PM10 provvedimenti limitativi del traffico da adottare in modo programmato e permanente

Dettagli

Italiano PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD 2012 BACHILLERATO FORMACIÓN PROFESIONAL CICLOS FORMATIVOS DE GRADO SUPERIOR. Examen

Italiano PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD 2012 BACHILLERATO FORMACIÓN PROFESIONAL CICLOS FORMATIVOS DE GRADO SUPERIOR. Examen PRUEBA DE ACCESO A LA 2012 Italiano BACHILLERATO FORMACIÓN PROFESIONAL CICLOS FORMATIVOS DE GRADO SUPERIOR Examen Criterios de Corrección y Calificación Quest'esame ha due opzioni. Deve rispondere solo

Dettagli

COMUNE DI NOCETO PROVINCIA DI PARMA

COMUNE DI NOCETO PROVINCIA DI PARMA Prot. n. 17389 DEL 29.09.08 Ordinanza n 255 Oggetto: ORDINANZA DI LIMITAZIONE PARZIALE DELLA CIRCOLAZIONE E DIVIETO TOTALE DI CIRCOLAZIONE AI SENSI DI QUANTO DISPOSTO DALLA CONFERENZA DEI SINDACI PER L

Dettagli

COMUNE DI MARANELLO Provincia di Modena

COMUNE DI MARANELLO Provincia di Modena COMUNE DI MARANELLO Provincia di Modena Prot. n. ORDINANZA N. 5203 / 2010 OGGETTO : LIMITAZIONI ALLA CIRCOLAZIONE VEICOLARE PREVISTE DALL'ACCORDO REGIONALE SUGLI INTERVENTI PER LA QUALITÀ DELL'ARIA. IL

Dettagli

Dossier sullo smog e proposte per un Piano straordinario in Italia e a Roma

Dossier sullo smog e proposte per un Piano straordinario in Italia e a Roma Al Ministro dell'ambiente Gian Luca Galletti Al Commissario Straordinario di Roma Francesco Paolo Tronca Dossier sullo smog e proposte per un Piano straordinario in Italia e a Roma Dossier a cura di Angelo

Dettagli

Bambini e ragazzi affetti da tumore

Bambini e ragazzi affetti da tumore Bambini e ragazzi affetti da tumore Firenze, 29 maggio 2014 Gianfranco Manneschi U.O. Epidemiologia clinica e descrittiva ISPO Istituto per lo Studio e la Prevenzione Oncologica introduzione La patologia

Dettagli

Comune di Limena ORDINANZA TEMPORANEA PER LA DISCIPLINA DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE

Comune di Limena ORDINANZA TEMPORANEA PER LA DISCIPLINA DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE Comune di Limena Provincia di Padova Servizio Tecnico Lavori Pubbliciubblici Via Roma 44 35010 Limena c.f. 00327150280 0498844344 fax 0498840426 www.comune.limena.pd.it lavori.pubblici@comune.limena.pd.it

Dettagli

Valutazioni e analisi di microinquinanti

Valutazioni e analisi di microinquinanti Valutazioni e analisi di microinquinanti LA RETE DI MONITORAGGIO CON STAZIONI FISSE SUL TERRITORIO REGIONALE 25 STAZIONI FISSE suddivise in 14 URBANE 9 INDUSTRIALI 2 RURALI ~ 150 parametri misurati Superamenti

Dettagli

COMUNE DI PISA SERVIZIO MOBILITA E QUALITA DELLA CITTA IDENTIFICATIVO N. 107493. Ordinanza n. 2 E/PS DEL 9.01.2004 IL SINDACO

COMUNE DI PISA SERVIZIO MOBILITA E QUALITA DELLA CITTA IDENTIFICATIVO N. 107493. Ordinanza n. 2 E/PS DEL 9.01.2004 IL SINDACO COMUNE DI PISA SERVIZIO MOBILITA E QUALITA DELLA CITTA IDENTIFICATIVO N. 107493 Ordinanza n. 2 E/PS DEL 9.01.2004 Oggetto: APPLICAZIONE IN SEDE LOCALE DELL ACCORDO DI PROGRAMMA STIPULATO IN DATA 10.10.2003

Dettagli

PROGRESS: UN CODICE PER IL CALCOLO DELLE EMISSIONI DA VEICOLI STRADALI IN AMBITO URBANO

PROGRESS: UN CODICE PER IL CALCOLO DELLE EMISSIONI DA VEICOLI STRADALI IN AMBITO URBANO VIII Incontro EXPERT PANEL EMISSIONI DA TRASPORTO STRADALE Roma, 5 novembre 2003 PROGRESS: UN CODICE PER IL CALCOLO DELLE EMISSIONI DA VEICOLI STRADALI IN AMBITO URBANO Massimo Capobianco, Giorgio Zamboni

Dettagli

COMUNE DI GENOVA ESTRATTO DAI VERBALI DEI PROVVEDIMENTI DEL SINDACO

COMUNE DI GENOVA ESTRATTO DAI VERBALI DEI PROVVEDIMENTI DEL SINDACO N. 440 Data 28.12.2006 Oggetto: LIMITAZIONE DELLA CIRCOLAZIONE NELL AMBITO DEL TERRITORIO COMUNALE PER ALCUNE TIPOLOGIE DI AUTOVEICOLI AL FINE DI PREVENIRE E RIDURRE L INQUINAMENTO ATMOSFERICO, A TUTELA

Dettagli

Principali inquinanti presenti nell aria

Principali inquinanti presenti nell aria Principali inquinanti presenti nell aria Polveri: sostanze cancerogene, irritanti, tossiche e allergizzanti Ossidi di azoto (NOx) sono gas irritanti Ossido di carbonio (CO) impedisce il trasporto dell

Dettagli

Ministero della Salute

Ministero della Salute Ministero della Salute SCHEDA I NUMERI DEL TABAGISMO Il tabacco provoca più decessi di alcol, aids, droghe, incidenti stradali, omicidi e suicidi messi insieme. L epidemia del tabacco è una delle più grandi

Dettagli

Effetti a breve e a lungo termine dell inquinamento atmosferico sulla salute umana

Effetti a breve e a lungo termine dell inquinamento atmosferico sulla salute umana Effetti a breve e a lungo termine dell inquinamento atmosferico sulla salute umana Paolo Crosignani Unità di Epidemiologia Ambientale e Registro Tumori Istituto Nazionale per lo studio e la cura dei Tumori,

Dettagli

Il lungo ed insospettabile cammino delle sostanze inquinanti

Il lungo ed insospettabile cammino delle sostanze inquinanti Il lungo ed insospettabile cammino delle sostanze inquinanti Le sostanze inquinanti emesse da una ciminiera si allontanano fino a migliaia di chilometri dal punto di emissione mandando in fumo il concetto

Dettagli

La guerra (taciuta) dell aria

La guerra (taciuta) dell aria La guerra (taciuta) dell aria Ogni anno 67.921 morti invisibili per lo Stato Ogni anno 43 miliardi di euro l anno di costi L inquinamento ci costa 2.5 punti di PIL Lo studio sulla qualità dell aria e la

Dettagli

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI

IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI IL CLIMA DEL PARCO VILLE OTTOLENGHI Indice 1. Introduzione... 2 2. Metodologia... 3 3. Temperatura... 3 4. Vento... 10 5. Installazione stazione portatile e campagna di misura... 11 6. Elaborazione dati

Dettagli

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia

Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Conferenza stampa per la presentazione della Indagine sull uso di alcol e di tabacco tra gli studenti delle scuole secondarie di secondo grado di Brescia Partecipano: Dr. Carmelo Scarcella Direttore Generale

Dettagli

GIORNATA MONDIALE SENZA TABACCO VIII CONVEGNO NAZIONALE TABAGISMO E SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

GIORNATA MONDIALE SENZA TABACCO VIII CONVEGNO NAZIONALE TABAGISMO E SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE GIORNATA MONDIALE SENZA TABACCO VIII CONVEGNO NAZIONALE TABAGISMO E SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE IMPEGNO NAZIONALE ED INTERNAZIONALE DEL MINISTERO DELLA SALUTE Daniela Galeone ISS OSSFAD: ROMA 31 MAGGIO

Dettagli

COMUNE DI PISA DIREZIONE 22 - MOBILITÀ. ORDINANZA n 82 Direz. 22 del 27 settembre 2010 - Identificativo n 663894

COMUNE DI PISA DIREZIONE 22 - MOBILITÀ. ORDINANZA n 82 Direz. 22 del 27 settembre 2010 - Identificativo n 663894 COMUNE DI PISA DIREZIONE 22 - MOBILITÀ ORDINANZA n 82 Direz. 22 del 27 settembre 2010 - Identificativo n 663894 Oggetto: Nuove limitazioni alla circolazione di particolari categorie di mezzi IL DIRIGENTE

Dettagli

RICOVERI OSPEDALIERI PER ASMA DEI BAMBINI RESIDENTI NEL COMUNE DI FALCONARA MARITTIMA

RICOVERI OSPEDALIERI PER ASMA DEI BAMBINI RESIDENTI NEL COMUNE DI FALCONARA MARITTIMA Dipartimento di Ancona Servizio Epidemiologia Ambientale Via C. Colombo, 106-60127 Ancona - Tel. 07128732760 - Fax 07128732761 e-mail: Epidemiologia.AmbientaleAN@ambiente.marche.it RICOVERI OSPEDALIERI

Dettagli

IL SONNO DELLA RAGIONE

IL SONNO DELLA RAGIONE IL SONNO DELLA RAGIONE 3 Febbraio 1989 10 medici denunciano pubblicamente l inquinamento dell aria della città di Bolzano MALATTIE RESPIRATORIE: riniti e faringolaringiti croniche, bronchiti, broncopolmoniti,

Dettagli

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria

Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Campagna di Monitoraggio della Qualità dell'aria Comune di Noale Via S. Andrea e via Cerva Periodo di attuazione: 11 gennaio 11 febbraio 2014 13 febbraio 16 marzo 2014 RELAZIONE TECNICA INDICE 1. Introduzione

Dettagli

Premesso che: tenuto conto che:

Premesso che: tenuto conto che: Premesso che: Interrogazione In 13 a Commissione Al Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti Al Ministro dello sviluppo economico

Dettagli

SCHEDA. ECOPASS. DATA DI PARTENZA DEL PROVVEDIMENTO Mercoledì 2 gennaio 2008. Provvedimento sperimentale per 1 anno.

SCHEDA. ECOPASS. DATA DI PARTENZA DEL PROVVEDIMENTO Mercoledì 2 gennaio 2008. Provvedimento sperimentale per 1 anno. SCHEDA. ECOPASS DATA DI PARTENZA DEL PROVVEDIMENTO Mercoledì 2 gennaio 2008. Provvedimento sperimentale per 1 anno. GIORNI E ORARI APPLICAZIONE DEL PROVVEDIMENTO Dopo il 15 aprile è previsto il nuovo orario

Dettagli

Salute e ambiente: l esperienza del Dipartimento Sanità Pubblica. Sezione ARPA di Ferrara

Salute e ambiente: l esperienza del Dipartimento Sanità Pubblica. Sezione ARPA di Ferrara Dipartimento Sanità Pubblica Salute e ambiente: l esperienza del Dipartimento Sanità Pubblica e della Sezione ARPA di Ferrara Mantova, 19 marzo 2004 Giovanni Garasto Servizio Sistemi ambientali Sezione

Dettagli

Comune di Falconara Marittima

Comune di Falconara Marittima Ordinanza N. 12 del 20/02/2014 IL SINDACO TENUTO CONTO che in tutto il territorio comunale sono stati rilevati, più volte, superamenti dei valori limite previsti dalle direttive CEE in materia di qualità

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

BANDO PER SOSTITUZIONE E TRASFORMAZIONE VEICOLI INQUINANTI

BANDO PER SOSTITUZIONE E TRASFORMAZIONE VEICOLI INQUINANTI La Giunta regionale ha varato un "pacchetto" di undici provvedimenti per la qualità dell'aria che comprende uno stanziamento complessivo di 50 milioni di euro ("una cifra veramente significativa", come

Dettagli

L approccio preventivo nella BPCO

L approccio preventivo nella BPCO IV Giornata Mondiale BPCO Prevenzione e Controllo della BPCO Roma 16 novembre 2005 L approccio preventivo nella BPCO Annamaria de Martino Ministero della Salute Direzione Generale Prevenzione Sanitaria

Dettagli

LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE ABSTRACT ANIA. Fondazione per la Sicurezza Stradale

LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE ABSTRACT ANIA. Fondazione per la Sicurezza Stradale LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE ABSTRACT ANIA Fondazione per la Sicurezza Stradale LA SICUREZZA STRADALE SULLE 2 RUOTE UN ANALISI STATISTICA PER AZIONI CONCRETE

Dettagli

Informazioni Statistiche N 2/2013

Informazioni Statistiche N 2/2013 Città di Palermo Ufficio Statistica Osservatorio Ambientale Istat sulle città: i risultati di Palermo e delle grandi città Anno 2012 Girolamo D Anneo Informazioni Statistiche N 2/2013 SETTEMBRE 2013 Sindaco:

Dettagli

L impatto del settore trasporti sui cambiamenti climatici ed il ruolo della Regione Emilia-Romagna a favore della mobilità sostenibile

L impatto del settore trasporti sui cambiamenti climatici ed il ruolo della Regione Emilia-Romagna a favore della mobilità sostenibile Direzione Generale Reti infrastrutturali, Logistica e Sistemi di mobilità L impatto del settore trasporti sui cambiamenti climatici ed il ruolo della Regione Emilia-Romagna a favore della mobilità sostenibile

Dettagli

1 RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DI LECCO E PROVINCIA ANNO

1 RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DI LECCO E PROVINCIA ANNO Foto 1 RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DI LECCO E PROVINCIA ANNO 2001 Arpa Lombardia Regione Lombardia Indice 1 - Caratterizzazione del contesto Pag.1 territoriale 1.1 Caratterizzazione del Pag.1 contesto

Dettagli

Rapporto Osservasalute Aree metropolitane 2010

Rapporto Osservasalute Aree metropolitane 2010 Rapporto Osservasalute Aree metropolitane 2010 Atlante della salute nelle province metropolitane Migliore e peggiore performance provincia per provincia Torino: la provincia con i tassi di dimissione ospedaliera

Dettagli

Roma I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 2.617.175 3.997.465. Superficie (km 2 ) 1.307,7 5.381,0 Densità (ab. per km 2 ) 2.

Roma I NUMERI DEL TERRITORIO. Abitanti al 9.10.2011 2.617.175 3.997.465. Superficie (km 2 ) 1.307,7 5.381,0 Densità (ab. per km 2 ) 2. I NUMERI DEL TERRITORIO Capoluogo Provincia Abitanti al 9.1.211 2.617.175 3.997.465 Superficie (km 2 ) 1.37,7 5.381, Densità (ab. per km 2 ) 2.1,3 742,9 a cura dell Ufficio di Statistica e Censimento Marketing

Dettagli

Sezione Provinciale di Bologna Via F. Rocchi, 19 40138 Bologna Tel. 051 396211 Fax 051 342642 PEC: aoobo@cert.arpa.emr.it e-mail: sezbo@arpa.emr.

Sezione Provinciale di Bologna Via F. Rocchi, 19 40138 Bologna Tel. 051 396211 Fax 051 342642 PEC: aoobo@cert.arpa.emr.it e-mail: sezbo@arpa.emr. Sezione Provinciale di Bologna Via F. Rocchi, 19 40138 Bologna Tel. 051 396211 Fax 051 342642 PEC: aoobo@cert.arpa.emr.it e-mail: sezbo@arpa.emr.it Servizio Sistemi Ambientali Bologna Area Monitoraggio

Dettagli

Piano d Azione Comunale (PAC)

Piano d Azione Comunale (PAC) Piano d Azione Comunale (PAC) dei Comuni di Cordenons, Porcia e Pordenone, elaborato ai sensi del Piano d azione per il contenimento e la prevenzione degli episodi acuti di inquinamento atmosferico 01/03/2005

Dettagli

CITTÀ DI CARMAGNOLA PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 299

CITTÀ DI CARMAGNOLA PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 299 COPIA CITTÀ DI CARMAGNOLA PROVINCIA DI TORINO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 299 OGGETTO: Piano d azione provinciale per il miglioramento della qualità dell aria - Nuove limitazioni del

Dettagli

Nuove limitazioni alla circolazione dei veicoli non ecologici sul territorio della Città di Ivrea, in vigore dal 25 gennaio 2010 IL SINDACO

Nuove limitazioni alla circolazione dei veicoli non ecologici sul territorio della Città di Ivrea, in vigore dal 25 gennaio 2010 IL SINDACO Ordinanza n 5292 /2010 Nuove limitazioni alla circolazione dei veicoli non ecologici sul territorio della Città di Ivrea, in vigore dal 25 gennaio 2010 IL SINDACO Visto il Decreto Legislativo 4 agosto

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DI LECCO E PROVINCIA ANNO 2002 (Aggiornamento al 31/03/2003)

RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DI LECCO E PROVINCIA ANNO 2002 (Aggiornamento al 31/03/2003) RAPPORTO SULLA QUALITA DELL ARIA DI LECCO E PROVINCIA ANNO 2002 (Aggiornamento al 31/03/2003) 1 Autore dei testi ed elaborazioni Anna De Martini Dipartimento di Lecco ARPA Lombardia Tecnico della rete

Dettagli

Perché siamo contrari alla realizzazione di una centrale a biomasse legnose a Crespellano

Perché siamo contrari alla realizzazione di una centrale a biomasse legnose a Crespellano Perché siamo contrari alla realizzazione di una centrale a biomasse legnose a Crespellano L inquinamento in Europa (PM 10 ) Grafico tratto da Air Quality 2014 - Agenzia Europea per l ambiente L inquinamento

Dettagli

Settore Corona Maschi Femmine Totale B < 1,5 - Tumore polmone (n=5) SMR = 115,5

Settore Corona Maschi Femmine Totale B < 1,5 - Tumore polmone (n=5) SMR = 115,5 506 TABELLA D1.3 Sintesi dei risultati conseguiti: SMR rispetto alla Provincia di Firenze (numero di casi). Eccessi privi di significatività statistica (SMR >110 e n di casi >=3) nei settori e nelle corone

Dettagli

Comunicato Stampa NAPOLI: IL TRENO VERDE DI LEGAMBIENTE E FS ITALIANE PRESENTA I RISULTATI DI 72 ORE DI MONITORAGGIO IN CITTÀ

Comunicato Stampa NAPOLI: IL TRENO VERDE DI LEGAMBIENTE E FS ITALIANE PRESENTA I RISULTATI DI 72 ORE DI MONITORAGGIO IN CITTÀ Comunicato Stampa NAPOLI: IL TRENO VERDE DI LEGAMBIENTE E FS ITALIANE PRESENTA I RISULTATI DI 72 ORE DI MONITORAGGIO IN CITTÀ il vento spazza via le polveri sottili, ma l attenzione resta alta per la città

Dettagli

COMUNE DI QUARRATA. Provincia di Pistoia UFFICIO DEL SINDACO

COMUNE DI QUARRATA. Provincia di Pistoia UFFICIO DEL SINDACO COMUNE DI QUARRATA Provincia di Pistoia UFFICIO DEL SINDACO ORDINANZA N. 15 del 08-02-2016 OGGETTO: L.R. N. 9/2010, DGRT N. 1182/2015 RIDUZIONE DEL RISCHIO DI SUPERAMENTO DEI VALORI LIMITE PER IL PARAMETRO

Dettagli

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione

Articoli 6 e 8 dello Statuto; articoli 2, 3 e 4 del Regolamento per gli istituti di partecipazione Proposta di delibera di iniziativa popolare per la per l'avvio di un processo di partecipazione dei cittadini romani al fine di progettare un sistema sostenibile di mobilità incentrato sull'utilizzo del

Dettagli

Inquinamento Atmosferico e Salute Umana. Dott.ssa Meri Scaringi Dott. Paolo Lauriola ARPAE Centro Tematico Ambiente e Salute

Inquinamento Atmosferico e Salute Umana. Dott.ssa Meri Scaringi Dott. Paolo Lauriola ARPAE Centro Tematico Ambiente e Salute Inquinamento Atmosferico e Salute Umana Dott.ssa Meri Scaringi Dott. Paolo Lauriola ARPAE Centro Tematico Ambiente e Salute Cosa intendiamo per ambiente? Definizione restrittiva: AMBIENTE = ARIA + ACQUA

Dettagli

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011

STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 STRATEGIA PER UNA MOBILITA SOSTENIBILE A MILANO 2006 2011 1) IL PIANO DELLA MOBILITA SOSTENIBILE: IL CONTESTO. 2) LA MOBILITA A MILANO: TRASPORTI E INQUINAMENTO. 3) LA COLLABORAZIONE CON ISTITUZIONI E

Dettagli

CAPITOLO 11: Mobilità

CAPITOLO 11: Mobilità CAPITOLO 11: Mobilità 197 11.1: Tecnologia ed efficienza Presentazione: I trasporti ormai da tempo rappresentano un settore dolente delle politiche ambientali dell Unione Europea ed un elemento di criticità

Dettagli

IL SINDACO. COMUNE DI TERNI Direzione Ambiente Mobilità e Trasporti. Corso del Popolo,30 05100 Terni

IL SINDACO. COMUNE DI TERNI Direzione Ambiente Mobilità e Trasporti. Corso del Popolo,30 05100 Terni COMUNE DI TERNI Direzione Ambiente Mobilità e Trasporti Corso del Popolo,30 05100 Terni Tel. +39 0747.549.825 Fax +39 0744.549.868 direzione.ambiente@comune.terni.it comune.terni@postacert.umbria.it OGGETTO:

Dettagli

VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: COSA È NECESSARIO CONOSCERE. Martino. Giancarla. Milena. Ivano

VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: COSA È NECESSARIO CONOSCERE. Martino. Giancarla. Milena. Ivano Clementina, 82 anni VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE: Martino COSA È NECESSARIO Giancarla CONOSCERE Milena Ivano Vaccinazione antinfluenzale cosa è necessario conoscere. 2 La vaccinazione antinfluenzale è il

Dettagli

Il piano di zonizzazione acustica salvi la reggina Decibel sempre fuori legge e manca un piano di intervento efficace

Il piano di zonizzazione acustica salvi la reggina Decibel sempre fuori legge e manca un piano di intervento efficace Reggio Calabria, 6 marzo 2008 Comunicato stampa Presentati oggi i dati del monitoraggio ambientale del Treno Verde di Legambiente e Ferrovie dello Stato Il piano di zonizzazione acustica salvi la reggina

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità. Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 2003-2004

Comune di Piacenza Settore Territorio Servizio Ambiente e Viabilità. Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 2003-2004 Rapporto sulla qualità dell aria della città di Piacenza 23-24 Comune di Piacenza Quadro evolutivo PTS NO 2 CO O 3 Giordani, Giordani, Stazioni considerate Passeggio, Medaglie d Oro, Medaglie d Oro, Roma

Dettagli

Esperienze di sicurezza ambientale

Esperienze di sicurezza ambientale Esperienze di sicurezza ambientale Progetto Analisi statistica dell inquinamento atmosferico Istituto Tecnico Settore Tecnologico Marie Curie - Napoli Allievi Relatori: Francesco Capasso, Roberta Avolio,

Dettagli

N Protocollo n. Milano, 29 gennaio 2010

N Protocollo n. Milano, 29 gennaio 2010 Atti del Comune Settore Attuazione Mobilità e Trasporti Servizio Viabilità, Infrastrutture e Reti N Protocollo n. Milano, 29 gennaio 2010 Oggetto: DISPOSIZIONI PER IL CONTENIMENTO DELL INQUINAMENTO ATMOSFERICO

Dettagli

Proiezione del rinnovo del parco circolante nel periodo 2010-2020 in Lombardia ed emissioni in atmosfera

Proiezione del rinnovo del parco circolante nel periodo 2010-2020 in Lombardia ed emissioni in atmosfera EXPERT PANEL EMISSIONI DA TRASPORTI 20-21 GIUGNO 2011, Milano Proiezione del rinnovo del parco circolante nel periodo 2010-2020 in Lombardia ed emissioni in atmosfera Stefano Caserini ARPA Lombardia, Settore

Dettagli

L aria è la miscela dei gas che costituiscono l atmosfera. La sua composizione naturale può essere alterata dall immissione di altre sostanze dando

L aria è la miscela dei gas che costituiscono l atmosfera. La sua composizione naturale può essere alterata dall immissione di altre sostanze dando L aria è la miscela dei gas che costituiscono l atmosfera. La sua composizione naturale può essere alterata dall immissione di altre sostanze dando in questo modo origine al fenomeno dell inquinamento

Dettagli

Perché in un parco nazionale, zona sismica, a rischio vulcanico e con una densità abitativa da metropoli?

Perché in un parco nazionale, zona sismica, a rischio vulcanico e con una densità abitativa da metropoli? Perché in un parco nazionale, zona sismica, a rischio vulcanico e con una densità abitativa da metropoli? A queste condizioni ostative di pura logica, si aggiunge il fatto che fosse vietato aprire discariche

Dettagli

Capitolo 5. Gli Impatti

Capitolo 5. Gli Impatti Relazione sullo Stato dell Ambiente 2004 della Provincia di Pistoia Capitolo 5 Gli Impatti Legenda Con il termine impatto si fa riferimento all effetto dello stato ambientale sulla salute umana e sulla

Dettagli

Attività di monitoraggio della qualità dell aria effettuato da ARPA FVG nel Comune di Cormons Gennaio Aprile 2014

Attività di monitoraggio della qualità dell aria effettuato da ARPA FVG nel Comune di Cormons Gennaio Aprile 2014 Attività di monitoraggio della qualità dell aria effettuato da ARPA FVG nel Comune di Cormons Gennaio Aprile 2014 Cormons, 27 marzo 2015 La normativa sulla qualità dell ambiente Decreto legislativo. n.

Dettagli

Valutazione di Impatto Sanitario dell impianto di incenerimentotermovalorizzazione. Castenaso e Granarolo dell Emilia

Valutazione di Impatto Sanitario dell impianto di incenerimentotermovalorizzazione. Castenaso e Granarolo dell Emilia Valutazione di Impatto Sanitario dell impianto di incenerimentotermovalorizzazione ubicato nei comuni di Castenaso e Granarolo dell Emilia Il contributo dell Azienda USL di Bologna Dr. Paolo Pandolfi Dipartimento

Dettagli

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs.

PARERE. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale. Articolo 15, comma 1, d.lgs. DIREZIONE CENTRALE AMBIENTE E LAVORI PUBBLICI Servizio valutazione impatto ambientale Articolo 15, comma 1, d.lgs. 152/2006 Valutazione ambientale strategica del Piano regionale di miglioramento della

Dettagli

LE FONTI DI EMISSIONE DI POLVERI SOTTILI Abstract dell'intervento al XVII Convegno Tecnico

LE FONTI DI EMISSIONE DI POLVERI SOTTILI Abstract dell'intervento al XVII Convegno Tecnico LE FONTI DI EMISSIONE DI POLVERI SOTTILI Abstract dell'intervento al XVII Convegno Tecnico Ing. Luigi Di Matteo - AUTOMOBILE CLUB D'ITALIA Il PM10, materiale particolato di diametro aerodinamico 1 inferiore

Dettagli

Approfondimento: VIS strumento di sanità pubblica

Approfondimento: VIS strumento di sanità pubblica Approfondimento: VIS strumento di sanità pubblica Francesco Cipriani, Simone Bartolacci Agenzia regionale di sanità della Toscana francesco.cipriani@ars.toscana.it Workshop VIS: la valutazione di impatto

Dettagli

OGGETTO: DISPOSIZIONI PER IL CONTENIMENTO DELL'INQUINAMENTO ATMOSFERICO IN ACCORDO CON I COMUNI DELLA PROVINCIA DI MILANO

OGGETTO: DISPOSIZIONI PER IL CONTENIMENTO DELL'INQUINAMENTO ATMOSFERICO IN ACCORDO CON I COMUNI DELLA PROVINCIA DI MILANO CORPO POLIZIA LOCALE Servizio Segnaletica Stradale OGGETTO: DISPOSIZIONI PER IL CONTENIMENTO DELL'INQUINAMENTO ATMOSFERICO IN ACCORDO CON I COMUNI DELLA PROVINCIA DI MILANO IL SINDACO Considerato che il

Dettagli

IL SINDACO. Ordinanza n. 01_A3s del 09.01.2007. C I T T À di BIELLA. Palazzo Pella Via Tripoli, 48 Biella - C.A.P. 13900. Telefono: +39 015 3507413

IL SINDACO. Ordinanza n. 01_A3s del 09.01.2007. C I T T À di BIELLA. Palazzo Pella Via Tripoli, 48 Biella - C.A.P. 13900. Telefono: +39 015 3507413 Ordinanza n. 01_A3s del 09.01.2007 C I T T À IL SINDACO Visto il D.P.R. 24 maggio 1988, n 203 che all'art. 4 attribuiva alle Regioni la competenza per la formulazione dei piani di rilevamento, prevenzione,

Dettagli

Un analisi di dettaglio della qualità dell aria in provincia di Torino

Un analisi di dettaglio della qualità dell aria in provincia di Torino Un analisi di dettaglio della qualità dell aria in provincia di Torino Antonella Pannocchia Arpa Piemonte La provincia di Torino nel contesto territoriale della pianura padana La provincia di Torino è

Dettagli

Protocollo dello studio

Protocollo dello studio Protocollo dello studio Indagine su disturbi e malattie respiratorie e fattori ad essi correlati nella popolazione infantile residente nell area di S. Polo e nel resto del comune di Brescia Premessa A

Dettagli

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico

Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Follow up in pazienti guariti da tumore pediatrico Eleonora Biasin - Oncoematologia Pediatrica Ospedale Infantile Regina Margherita di Torino, Responsabile GIC Tossicità Tardiva e Secondi Tumori; Franca

Dettagli

Progetto SESPIR - Sorveglianza epidemiologica sullo stato di salute della popolazione residente intorno agli impianti di trattamento rifiuti

Progetto SESPIR - Sorveglianza epidemiologica sullo stato di salute della popolazione residente intorno agli impianti di trattamento rifiuti Progetto SESPIR - Sorveglianza epidemiologica sullo stato di salute della popolazione residente intorno agli impianti di trattamento rifiuti ALLEGATO 9 Descrizione attività svolte dal Dipartimento di Epidemiologia

Dettagli

Il Comune di Napoli, con sede legale in Napoli, Piazza Municipio, 64, qui rappresentato dal Sindaco

Il Comune di Napoli, con sede legale in Napoli, Piazza Municipio, 64, qui rappresentato dal Sindaco PROTOCOLLO D INTENTI TRA IL COMUNE DI NAPOLI E LA FONDAZIONE ANIA PER LA SICUREZZA STRADALE FINALIZZATO ALLO SVILUPPO DI ATTIVITA CONDIVISE IN MATERIA DI PREVENZIONE DELL INCIDENTALITA E DI PROMOZIONE

Dettagli

Morbosità oncologica ed inquinamento atmosferico. Dr. Fabrizio Limonta Direttore Dipartimento PAC ASL Lecco

Morbosità oncologica ed inquinamento atmosferico. Dr. Fabrizio Limonta Direttore Dipartimento PAC ASL Lecco Morbosità oncologica ed inquinamento atmosferico Dr. Fabrizio Limonta Direttore Dipartimento PAC ASL Lecco Premessa storica The Great Smog - Londra, Dicembre 1952 Inverno rigido ( consumo carbone) + inversione

Dettagli

CONSIGLIO COMUNALE DEL 27.03.2015 Interventi Sigg. consiglieri Mozione in ordine alla istituzione di un registro dei tumori nel nostro territorio.

CONSIGLIO COMUNALE DEL 27.03.2015 Interventi Sigg. consiglieri Mozione in ordine alla istituzione di un registro dei tumori nel nostro territorio. CONSIGLIO COMUNALE DEL 27.03.2015 Interventi Sigg. consiglieri Mozione in ordine alla istituzione di un registro dei tumori nel nostro territorio. Ultimo punto: Mozione in ordine alla istituzione dei tumori

Dettagli

Il ruolo dell igiene pubblica nella tutela dell aria

Il ruolo dell igiene pubblica nella tutela dell aria DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE SERVIZIO IGIENE E SANITA PUBBLICA Il ruolo dell igiene pubblica nella tutela dell aria Dott. Stefano Marzani Dott. Francesco Lisena Dott.ssa Michela Barni Aula Angelo Celli

Dettagli

XIII Giornata Mondiale BPCO Associazione Italiana Pazienti BPCO Conferenza Nazionale: BPCO e Comorbidità

XIII Giornata Mondiale BPCO Associazione Italiana Pazienti BPCO Conferenza Nazionale: BPCO e Comorbidità XIII Giornata Mondiale BPCO Associazione Italiana Pazienti BPCO Conferenza Nazionale: BPCO e Comorbidità Paolo D Argenio Roma, 19 novembre 2014 Salvator Mundi International Hospital Peso socio-economico

Dettagli

C O M U N E D I C A S T E L B O L O G N E S E Medaglia d Argento al Merito Civile Provincia di Ravenna

C O M U N E D I C A S T E L B O L O G N E S E Medaglia d Argento al Merito Civile Provincia di Ravenna C O M U N E D I C A S T E L B O L O G N E S E Medaglia d Argento al Merito Civile Provincia di Ravenna SETTORE GESTIONE TERRITORIO ORDINANZA SINDACALE n. 14 / 2015 del 01/10/2015 OGGETTO: DISPOSIZIONI

Dettagli

Comune di Cavezzo Provincia di Modena

Comune di Cavezzo Provincia di Modena OGGETTO Provvedimenti per il contenimento dell'inquinamento dell'aria - Convenzione con la per incentivare la conversione di autoveicoli all'impiego di combustibili meno inquinanti-approvazione LA GIUNTA

Dettagli

Verona. I numeri del comune. Abitanti* 259.966 921.717 Superficie (km 2 ) 198,92 3.096,39 Densità (ab. per km 2 ) 1.306,91 297,67

Verona. I numeri del comune. Abitanti* 259.966 921.717 Superficie (km 2 ) 198,92 3.096,39 Densità (ab. per km 2 ) 1.306,91 297,67 Rapporto Urbes 1 Il benessere equo e sostenibile nelle città Verona I numeri del comune Capoluogo Abitanti* 9.9 91.717 Superficie (km ) 19,9.9,9 Densità (ab. per km ) 1.,91 97,7 * al 1.1.1 Numero Addetti

Dettagli

Inventari delle emissioni e valutazione degli effetti di alcuni interventi per la riduzione delle emissioni da traffico

Inventari delle emissioni e valutazione degli effetti di alcuni interventi per la riduzione delle emissioni da traffico Inventari delle emissioni e valutazione degli effetti di alcuni interventi per la riduzione delle emissioni da traffico ARPA Ingegneria Ambientale Cristina Regazzi, Simonetta Tugnoli, Veronica Rumberti

Dettagli