Loriana Manfredi Paola Paoletti

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Loriana Manfredi Paola Paoletti"

Transcript

1 Loriana Manfredi Paola Paoletti Uomo Salute Malattia Proposte di assistenza

2 QUANDO quando non mi meraviglierò più del sole del vento di un volto e non vibrerò nell'incrociar lo sguardo di chi mi passa accanto allora sarò vecchio sepolto. (da Frammenti di Silvia Bernardi)

3 Le innovazioni apportate in questa nuova edizione non riguardano soltanto l aggiornamento dei contenuti, ma anche la loro modalità di presentazione nelle u.d. e la loro organizzazione nei moduli. In particolare la revisione è stata mirata a: - aggiornare largamente le informazioni; - semplificare il linguaggio rendendo fluida e scorrevole la lettura e limitando alcune trattazioni ai concetti fondamentali; - arricchire l iconografia per renderla sempre efficace: figure disposte in successione per evidenziarne i particolari e con un ampia didascalia che permette di approfondire i concetti. Per favorire l apprendimento dell anatomia, ad esempio, la nuova proposta è quella di invitare l alunno all osservazione delle tavole anatomiche, di guidarlo nel commento e, poi, di fare riferimento al testo; - riunire in un unico modulo la problematica della disabilità infantile e della senescenza con un arricchimento di casi e di patologie per ampliare la possibilità di scelta del docente in relazione alle esperienze di stage degli allievi; - favorire la messa a punto di un metodo di studio e verificare l apprendimento dei concetti. Complessivamente l aggiornamento ha interessato più del 40% dell opera. Copyright 1997 CLITT srl Tutti i diritti letterari ed artistici sono riservati. Nessuna parte può essere riprodotta, in alcun modo, senza specifica autorizzazione scritta dell Editore. CLITT srl Via Appiano, Roma Tel. 06/ fax 06/ Impaginazione: Daniele Ghiazza (Clitt) Progettazione copertina: Giovanna Mancini (Clitt) Tavole anatomiche: Daniela Caretti L Editore ha cercato di reperire tutte le fonti delle illustrazioni ed è comunque a disposizione di eventuali aventi diritto nell ambito delle leggi internazionali. La complessa redazione di un testo richiede ripetuti controlli, ma per quanto attenti essi siano, è praticamente impossibile evitare errori. Fin d ora ringraziamo chi vorrà segnalarceli per una loro correzione in occasione di prossime ristampe o nuove edizioni. Le riproduzioni effettuate per finalità di carattere professionale, economico o commerciale o comunque per uso diverso da quello personale possono essere effettuate a seguito di specifica autorizzazione rilaciata da AIDRO, Corso di Porta Romana n. 108, Milano 20122, e sito web Il Sistema di Qualità CLITT è certificato UNI EN ISO 9001:2000

4 Loriana Manfredi Paola Paoletti Uomo Salute Malattia Proposte di assistenza

5 PRESENTAZIONE I programmi ministeriali non sono cambiati in questi ultimi anni, ma i giovani che frequentano la scuola avvertono sempre più l esigenza di una comunicazione particolarmente attenta alle immagini e proposta con un linguaggio diretto e semplice. Ed è anche per corrispondere a questa richiesta che è nata la nuova edizione del testo. L opera è suddiviso in moduli, ognuno dei quali è articolato in unità didattiche. Il primo modulo, dedicato al corpo umano è finalizzato all acquisizione di una visione globale dell organismo, alla consapevolezza dell interfunzionalità e dell interdipendenza dei sistemi; gli inserti permettono di conoscere a grandi linee le più frequenti patologie a carico degli organi. In questo modulo sono state totalmente riformulate molte unità didattiche. Il secondo modulo dedicato all Igiene, che si sviluppa in due unità didattiche Epidemiologia e profilassi, Igiene degli alimenti permette di acquisire, grazie alla conoscenza dei fattori che influenzano lo stato di salute, gli strumenti per attuare la prevenzione e i comportamenti per conservare il benessere psico-fisico anche attraverso un corretto comportamento alimentare. Il terzo modulo, dedicato al bambino prima e dopo la nascita, permette di conoscere come si forma e cresce il bambino dal concepimento alla seconda infanzia, i fattori positivi e negativi che possono agire nelle diverse fasi e gli interventi preventivi da attuarsi a livello individuale e sociale. Il modulo è stato interamente reimpostato, per renderne più agevole la comprensione; i temi sono stati affrontati nelle linee essenziali con un linguaggio sempre semplice e chiaro. Il quarto modulo, dedicato alla disabilità, si articola in 5 unità didattiche: la prima rappresenta una premessa con i concetti generali su assistenza, bisogni, problemi, interventi e riabilitazione; le altre sono dedicate alla disabilità e alle principali patologie del bambino e dell anziano. La presentazione delle patologie sottoforma di casi ha l obiettivo di rendere attivo l apprendimento in quanto lo studente è guidato ad estrapolare le conoscenze e ad organizzarle; viene così favorita la memorizzazione e le capacità di analisi e di rielaborazione. Le autrici ritengono che il testo possa essere considerato uno strumento di consultazione, agile e pratico, per tutti coloro che si pongono il problema dell assistenza e della competenza nell assistenza; quindi non soltanto per gli studenti del terzo anno dell I.P.S.S., ma anche per tutti coloro che, dopo il conseguimento del diploma, proseguono gli studi in ambito assistenziale. le autrici 5

6 INDICE Indice MODULO 1 IL CORPO COME UN UNITÀ FUNZIONANTE Il corpo umano: piani di orientamento e regioni del corpo Tavole anatomiche: Tavola 1 Sistema muscolare e scheletrico Tavola 2 Visione d insieme dei sistemi Tavola 3 Cavità toracica ed addominale viste posteriormente Tavola 4 Cavità toracica ed addominale viste di fronte LIVELLI DI ORGANIZZAZIONE U.d. 1 Dall atomo al sistema Atomi e molecole Le macromolecole biologiche Glucidi o zuccheri o carboidrati (C,H,O) Lipidi (C,H,O) Protidi (C,H,O,N) Enzimi Acidi Nucleici ATP Acqua e sali minerali Un aiuto al ripasso La cellula Struttura della cellula Funzioni cellulari Il metabolismo La comunicazione cellulare Il movimento delle sostanze attraverso le membrane cellulari L attività di sintesi La divisione delle cellule somatiche: la mitosi La divisione delle cellule sessuali: la meiosi

7 Indice La cellula si specializza La cellula muta La cellula muore Un aiuto allo studio Per fissare i concetti Al lavoro: indaga mettiti alla prova spunti per una ricerca Tessuto Organo Sistema COMUNICAZIONE CONTROLLO INTEGRAZIONE U.d. 2 Sistema Nervoso Il tessuto nervoso Il neurone: struttura, eccitabilità, propagazione dell impulso Sistema nervoso centrale Le strutture di protezione e di nutrizione del SNC Circolazione cerebrale Organi e funzioni dell encefalo Telencefalo Diencefalo Il cervelletto Tronco encefalico Midollo spinale Sistema nervoso periferico Nervi cranici Nervi spinali Sistema nervoso autonomo Inserto Cenni sulle vie motrici somatiche Inserto Cenni su alcuni disturbi a carico del sistema nervoso: Patologia del sistema della motricità Disturbi delle funzioni simboliche o delle attività nervose superiori Un aiuto allo studio Per fissare i concetti Al lavoro: mettiti alla prova spunti per una ricerca U.d. 3 Organi speciali di senso Premessa I recettori sensitivi Gli organi speciali di senso Occhio Organi accessori Il globo oculare Mezzi di rifrazione dell occhio Il meccanismo della visione Inserto Cenni su alcune patologie

8 Indice Orecchio Struttura Funzioni: udito, equilibrio Inserto Cenni su alcune delle più comuni alterazioni Un aiuto allo studio Per fissare i concetti Al lavoro: mettiti alla prova spunti per una ricerca U.d. 4 Sistema endocrino Premessa: gli ormoni Natura chimica degli ormoni Meccanismo d azione e controllo Rapporti tra l unità secernente e il bersaglio Principali ghiandole endocrine Ipofisi Tiroide Le paratiroidi Le surrenali: corteccia surrenale, midollare surrenali Pancreas endocrino Le gonadi: testicolo, ovaio Inserto Alcune patologie endocrine Un aiuto allo studio Per fissare i concetti Al lavoro: mettiti alla prova spunti per una ricerca TRASPORTO DI MATERIALI E IL COLLEGAMENTO TRA LE CELLULE U.d. 5 Sistema Cardiocircolatorio Il sangue I componenti del sangue Le cellule del sangue Gli antigeni dei globuli rossi (gruppi sanguigni) Emostasi Un aiuto allo studio Inserto Anemia Per fissare i concetti Al lavoro: mettiti alla prova Cuore e circolazione: posizione, forma, involucri, vascolarizzazione, struttura Fisiologia cardiaca: rivoluzione o ciclo cardiaco Automatismo del cuore e controllo della frequenza cardiaca I vasi e la circolazione sanguigna, il microcircolo Pressione sanguigna, omeostasi della pressione sanguigna Inserto Cenni su situazioni patologiche dei vasi e sulle loro conseguenze sulla circolazione, sul cuore (angina, infarto) e sul s.n.c. (attacco ischemico transitorio, ictus)

9 Indice Un aiuto allo studio Per fissare i concetti Al lavoro: mettiti alla prova U.d. 6 Sistema Linfatico La linfa e i vasi linfatici Organi linfatici Linfonodi Milza Timo Un aiuto allo studio Per fissare i concetti Al lavoro: mettiti alla prova APPORTO ENERGETICO ED ELIMINAZIONE DEI RIFIUTI U.d. 7 Sistema Respiratorio Organi e funzioni Meccanica dell atto respiratorio Scambi gassosi negli alveoli e nei tessuti Un aiuto allo studio Per fissare i concetti Al lavoro: indaga mettiti alla prova U.d. 8 Sistema Digerente Gli organi della digestione Ghiandole annesse al sistema digerente Fegato Pancreas Fisiologia del canale digerente Digestione orale Digestione gastrica Digestione intestinale Assorbimento Defecazione Un aiuto allo studio Per fissare i concetti Al lavoro: indaga mettiti alla prova U.d. 9 Sistema Urinario Organi del sistema urinario Funzioni: formazione dell urina e sue caratteristiche Per fissare i concetti Un aiuto allo studio Al lavoro: mettiti alla prova spunti per una ricerca

10 Indice PROTEZIONE, SOSTEGNO E MOVIMENTO U.d. 10 Sistema Tegumentario Struttura e funzioni dei costituenti del sistema tegumentario Un aiuto allo studio Per fissare i concetti Al lavoro: indaga mettiti alla prova spunti per una ricerca U.d. 11 Sistema Scheletrico L osso: organo del sistema scheletrico Lo scheletro Articolazione Un aiuto allo studio Per fissare i concetti Al lavoro: indaga mettiti alla prova U.d. 12 Sistema Muscolare Il tessuto muscolare Cellule muscolari scheletriche Muscoli scheletrici La contrazione muscolare Fonti di energia per la contrazione muscolare Tono muscolare e postura Un aiuto allo studio Per fissare i concetti Al lavoro: mettiti alla prova DIFESA E ADATTAMENTO U.d. 13 Sistema Integrato di Difesa Difese aspecifiche Difese specifiche La risposta del sistema immunitario Antigeni ed anticorpi La risposta umorale e cellulare Un aiuto allo studio Per fissare i concetti Al lavoro: mettiti alla prova spunti per una ricerca U.d. 14 Sistema di termoregolazione Temperatura e febbre Meccanismi di produzione e di perdita del calore Omeostasi della temperatura corporea Controllo nervoso ed umorale della temperatura Febbre, rilevazione della temperatura, interventi

11 Indice Un aiuto allo studio: obiettivi cognitivi Per fissare i concetti Al lavoro: mettiti alla prova RIPRODUZIONE DELLA SPECIE U.d. 15 Sistema Riproduttore Morfologia e struttura Gli organi maschili Gli organi femminili Le funzioni dell apparato riproduttore Produzione di gameti Funzione endocrina: estrogeni, progestinici, androgeni Cicli sessuali femminili Organi accessori: le ghiandole mammarie Un aiuto allo studio Per fissare i concetti Al lavoro: mettiti alla prova spunti per una ricerca MODULO 2 IGIENE U.d 1 Epidemiologia e prevenzione delle malattie Nozioni di igiene Malattie infettive Nozioni di epidemiologia Nozioni di profilassi Vaccinazione Inserto Agenti eziologici delle malattie infettive: batteri, virus Inserto Il bambino con malattie infettive: malattie esantematiche, infezioni delle prime vie aeree, il bambino con AIDS Malattie cronico-degenerative Epidemiologia Prevenzione Inserto Il fumo di tabacco Un aiuto allo studio Per fissare i concetti Al lavoro: mettiti alla prova spunti per una ricerca U.d. 2 Igiene degli alimenti Gli alimenti: funzioni e costituenti Il fabbisogno energetico Le regole del mangiar bene Un aiuto allo studio Per fissare i concetti Al lavoro: indaga mettiti alla prova spunti per una ricerca

12 Indice MODULO 3 PUERICULTURA U.d. 1 Il bambino prima di nascere Il concepimento e lo sviluppo embriofetale Le fasi dello sviluppo embrio-fetale: Fase dello zigote Fase dell embrione Fase del feto Gli annessi fetali: placenta, liquido amniotico amnios, cordone ombelicale La prevenzione Prevenzione preconcezionale Prevenzione prenatale Controlli medici e di laboratorio Gravidanza a rischio e diagnosi prenatale Al lavoro: mettiti alla prova U.d. 2 Il bambino dopo la nascita La nascita L ora della nascita Il parto e le sue cause Assistenza e prevenzione Il periodo neonatale Adattamento alla vita extrauterina Assistenza e prevenzione Cure igieniche del neonato e del lattante Fenomeni fisiologici e patologici neonatali Al lavoro: mettiti alla prova proposta di approfondimento La crescita e lo sviluppo Alimentazione nell età evolutiva Allattamento Divezzamento Alimentazione del bambino Modificazioni degli organi e degli apparati durante lo sviluppo Pediatria preventiva Screening e bilanci di salute Profilassi delle malattie infettive Al lavoro: proposte di approfondimento MODULO 4 DISABILITÀ U.d. 1 Menomazione disabilità handicap Definizioni Al lavoro L assistenza Bisogni - problemi - obiettivi - interventi Riabilitazione: finalità, obiettivi, aree d intervento

13 Indice U.d. 2 La disabilità nel bambino: cause bisogni interventi Le cause della disabilità Alterazioni da cause genetiche Alterazioni da cause esogene Bisogni interventi Riabilitazione in età evolutiva Al lavoro U.d. 3 Principali patologie del bambino Paralisi cerebrali infantili: P.C.I. di tipo atetosico, P.C.I. di tipo atassico, Paraplegia, Tetraplegia Il bambino con emiplegia spastica: Il caso Al lavoro Epilessie Il bambino con grande male epilettico Il caso Al lavoro Piano di assistenza per bambino/ragazzo con crisi di grande male Il bambino con piccolo male puro Il caso Al lavoro Bambini con problemi nella sfera intellettiva Il bambino Down Il caso Al lavoro Il bambino con fenilchetonuria Il caso Al lavoro Distrofia muscolare Il bambino con distrofia muscolare di Duchenne Il caso Al lavoro Piano di assistenza per il bambino distrofico Il bambino con nanismo da insufficienza ormonale: I casi Al lavoro Il bambino con diabete insulino dipendente (ID) Il caso Al lavoro Il bambino con fibrosi cistica Il caso Al lavoro Piano di assistenza per bambino con fibrosi cistica

14 Indice Il bambino celiaco Il caso Al lavoro Il bambino con anemia mediterranea Il caso Al lavoro Il bambino emofilico Il caso Al lavoro Bambini con problemi nella sfera sensoriale: problemi visivi, problemi uditivi Al lavoro Bambini con problemi di linguaggio U.d. 4 La disabilità nell anziano: cause bisogni interventi Modificazioni fisiologiche età-correlate L anziano fragile La malattia come fattore di rischio per invalidità e dipendenza Interventi in età geriatria Valutazione multidimensionale Terapia farmacologia Riabilitazione Problemi interventi Al lavoro: spunti per una ricerca U.d. 5 Principali patologie dell anziano L anziano con problemi neurologici Morbo di Parkinson Il caso Piano di assistenza per il paziente parkinsoniano Al lavoro Demenza Demenza aterosclerotica (multi-infartuale) L anziano con demenza di Alzheimer Il caso Al lavoro Piano di assistenza per il paziente con demenza L anziano emiplegico Il caso Al lavoro Piano di assistenza per il paziente emiplegico L anziano con diabete Il caso Al lavoro Piano di assistenza per il paziente diabetico

15 Indice L anziano infartuato Il caso Al lavoro L anziano con problemi respiratori L anziano con disturbi della minzione e dell alvo: - Incontinenza Ritenzione urinaria L alvo degli anziani L anziano con problemi osteoarticolari: - Osteoporosi Artrite reumatoide Artrosi L anziano con problemi nella sfera sensoriale: problemi di udito, problemi alla vista L anziano fratturato L anziano con sindrome da immobilizzazione Al lavoro L anziano con lesioni da pressione Glossario

16 Indice CD INDICE CD Nella maggior parte delle pagine, sono presenti esercizi, siti internet da consultare e inviti alla lettura TAVOLE ANATOMICHE Visione d insieme dei visceri e degli organi della testa, anteriore e posteriore ATOMI E MOLECOLE Le radiazioni CELLULA E TESSUTI Respirazione e fotosintesi Cellule staminali Apoptosi SISTEMA NERVOSO Valutazione neurologica Afasia Memoria Sonno e veglia Sistema extrapiramidale Diventare mamma con l epilessia ORGANI DI SENSO Problemi della vista Problemi dell udito Equilibrio SISTEMA ENDOCRINO Stress Diabete Diventare mamma con il diabete SISTEMA CARDIOCIRCOLATORIO Pressione del sangue Globuli rossi veicoli di farmaci Malattie delle coronarie Tecniche salvacuore SISTEMA RESPIRATORIO Malattie da raffeddamento Riabilitazione respirazione e drenaggio posturale SISTEMA DIGERENTE Stipsi Esami per il tubo digerente Accertamenti clinici per il fegato SISTEMA URINARIO Continenza urinaria- Enuresi Insufficienza renale- Dialisi SISTEMA TEGUMENTARIO La pelle al sole Autoesame della pelle SISTEMA LOCOMOTORE Fratture e riparazioni Articolazioni e modelli meccanici SISTEMA RIPRODUTTORE Contraccezione Sterilità e Fecondazione artificiale IMMUNITÀ SALUTE MALATTIA Reazione da ipersensibilità Allergia al polline Batteri e virus a confronto Epatite B-C AIDS Malattie rare Vaccini Fumo Tumore - Tumore alla mammella BAMBINO SANO E CON PROBLEMI Vita intrauterina Geni architetto Indagini prenatali delle aneuploidie Convulsioni da febbre Deficit visivo Distrofia muscolare Fenilchetonuria Malattia celiaca Malattie infettive dell infanzia Malattie soggette a vaccinazione obbligatoria Malformazioni - Deformazioni Spina bifida ANZIANO CON PROBLEMI Broncopneumopatia cronica ostruttiva Cadute fratture Denutrizione 16

17 Disidratazione Emiplegia Posture M. di Parkinson Piaghe da decubito Sindrome da immobilizzazione Osservazione dell anziano durante lo stage Strutture Socio-Sanitarie ATTIVITÀ DI VITA (problemi, complicanze, interventi) Respirazione/ eliminazione/ alimentazione riposo e sonno/ temperatura/ mobilizzazione comunicazione/ igiene personale/ Come riconoscere il personale medico sanitario ALIMENTAZIONE Alcool/ Colesterolo/ Fibre/ Radicali liberi e antiossidanti Minaccie alla salubrità degli alimenti Anoressia e Bulimia BIOTECNOLOGIE Ingegneria genetica Clonazione Organismi geneticamente modificati DOLORE Dolore e Eutanasia DONAZIONE E TRAPIANTI Donazione del sangue Sangue dal cordone ombelicale Donazione e trapianto di midollo osseo Trapianto di rene ESAMI STRUMENTALI Biopsia/ ecografia/ elettromiografia/ mammografia M.O.C./ paptest/ RMN/ Scintigrafia/ Termografia/ TAC/ Tomografia ad emissione di positroni esami per funzionalità cardiocircolatoria/ tubo digerente/ valutazione neurologica/ valutazione dell udito FARMACI Automedicazione e farmaci da banco Impariamo ad usarli come leggere le istruzioni per l uso Glossario Farmaci nell età senile PRIMO SOCCORSO TEMPERATURA E FEBBRE Omeostasi della temperatura febbre Rilevazione della temperatura corporea Come intervenire in caso di febbre 17

18 IL CORPO UMANO COME UNITÀ FUNZIONANTE 1 La complessità strutturale e funzionale del corpo umano raggiunge il massimo nella scala evolutiva. Per esigenze didattiche l organismo è diviso in sistemi raggruppati sulla base delle funzioni che esplicano, ma è necessario ricordare che ogni essere è un unità inscindibile, nel quale tutti gli organi concorrono, con un efficiente estrinsecazione delle loro funzioni, a soddisfare le necessità della vita. La mancata o ridotta partecipazione di uno o più sistemi al complesso unitario altera la qualità della vita o l annulla. fig Materiale genetico: le informazione della vita. In alto i cromosomi come si vedono al microscopio; con l ingrandimento i bracci del cromosoma mettono in evidenzia la loro struttura: sono formati da un numero enorme di spire raggomitolate, a loro volta le spire sono il risultato di un processo di avvolgimento della lunghissima molecola di DNA a forma di doppia elica attorcigliata. Durante la vita cellulare (interfase) il DNA forma la cromatina la cui lunghezza si riduce a pochi micrometri, grazie alla presenza di particolari proteine, gli istoni, attorno alle quali il filamento di DNA si avvolge (processo di addensamento). La scoperta che il DNA contiene le informazioni genetiche è dovuta all inglese Avery e risale al La molecola del DNA è una sequenza di geni, ogni gene, formato da circa nucleotidi, codifica una determinata catena polipetidica; due o più polipetidi costituiscono una molecola proteica avente funzione strutturale o enzimatica. Al termine del modulo dovrai: conoscere i sistemi dal punto di vista anatomico e funzionale, conoscere a grandi linee le principali patologie a carico dei sistemi, avere una visione globale del corpo umano, essere consapevole dell interfunzionalità e dell interdipendenza dei sistemi, essere consapevole che un adeguato stile di vita può prevenire diverse patologie. 19

19 1 Il corpo umano come unità funzionante PIANI DI ORIENTAMENTO E REGIONI DEL CORPO fig Nella descrizione della struttura esterna del corpo umano si distingue una superficie anteriore (ventrale o frontale), una posteriore (dorsale) e i lati destro e sinistro. Esternamente, il corpo è divisibile in due parti tra loro simmetriche, internamente, però, gli organi non sono disposti in modo simmetrico, differiscono per posizione, forma e numero. Agli organi pari, come i polmoni, i reni, le ovaie, si contrappongono quelli impari, cioè presenti in un unico esemplare (cuore, fegato, milza, ecc...) e disposti nella parte destra, sinistra o mediana del corpo. La conoscenza anatomica del corpo, dei suoi componenti, è possibile solo se lo si seziona. Sono stati individuati e convenzionalmente accettati dei piani di taglio: piano sagittale divide il corpo nella parte destra e sinistra, attraversandolo in senso antero-posteriore; piano mediano è un piano sagittale che passa attraverso la linea mediana del corpo dividendolo nella metà destra e in quella sinistra; piano frontale è perpendicolare a quello sagittale, decorre da destra a sinistra dando origine ad una parte anteriore e ad una posteriore, piano trasversale o orizzontale divide il corpo in una parte superiore o cefalica e inferiore o caudale. prossimale distale parte laterale parte cefalica o superiore piano trasversale piano frontale piano sagittale parte caudale o inferiore tab Il corpo non è una struttura compatta, ma presenta al suo interno due grandi cavità (ventrale e dorsale), ulteriormente suddivisibili, che contengono gli organi. La cavità toracica presenta nella parte mediana il mediastino e lateralmente le cavità pleuriche. La cavità addominopelvica è suddivisa in cavità addominale, posta superiormente, e in cavità pelvica situata nella parte inferiore. La cavità dorsale comprende quella cranica e il canale vertebrale. CAVITÀ ORGANI cav ità pleurica destra, sinistra - polmone destro e sinistro CAVITÀ VENTRALE cavità toracica m e d i a s t i n o - trachea, bronchi, polmoni - timo, linfonodi, dotto toracico - cuore - arco aortico, aorta toracica, vene cave - esofago cavità addominopelvica c avità a d d o mi n al e cavità pelvica - fegato, colecisti - stomaco, intestino - pancreas, milza - parte terminale intestino - reni, ureteri, vescica - organi genitali cavità cranica - encefalo CAVITÀ DORSALE cavità vertebrale - midollo spinale 20

20 Il corpo umano come unità funzionante 1 fig Per localizzare gli organi addominali, l anatomia suddivide l addome in regioni. fig Regioni specifiche del corpo. È prossimale la parte dell arto più vicina al punto di attacco al tronco; è distale quella più lontana. cranio testa faccia testa collo collo ascella spalla torace dorso braccio mammella arto superiore gomito avambraccio tronco olecrano ombelico polso addome anca lombare palmo pelvi mano dita palmare coscia superficie dorsale della mano ginocchio pube arto inferiore gamba gamba caviglia piede dorso del piede pianta del piede 21

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE

PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE PREVENZIONE E SALUTE GLOBALE SI PARTE DALLA VITAMINA D Relatore dr Donata Soppelsa Medico di medicina generale Associato alla Società Italiana di Nutriceutica Quali domande? E sufficiente l integrazione

Dettagli

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA

ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA ELENCO DRG AD ALTO RISCHIO DI NON APPROPRIATEZZA IN REGIME DI DEGENZA ORDINARIA Codice Descrizione DRG 006 Decompressione tunnel carpale Allegato 6 A 008 INTERVENTI SU NERVI PERIFERICI E CRANICI E ALTRI

Dettagli

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura

IL SISTEMA NERVOSO. Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO Organizzazione e struttura IL SISTEMA NERVOSO. è costituito due tipi cellulari: il neurone (cellula nervosa vera e propria) e le cellule gliali (di supporto, di riempimento: astrociti,

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA

Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA 3 dicembre 2014 Anno 2012 LE PRINCIPALI CAUSE DI MORTE IN ITALIA Nel 2012 vi sono stati in Italia 613.520 con un standardizzato di mortalità di 92,2 individui per diecimila residenti. La tendenza recente

Dettagli

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA

INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA INTERVENTO DI ARTROPROTESI D ANCA Particolare dell incisione chirurgica Componenti di protesi d anca 2 Immagine di atrosi dell anca Sostituzione mediante artroprotesi La protesizzazione dell anca (PTA)

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona.

Glossario. Allogeniche Indica le cellule ottenute da un donatore e idonee per l'infusione in un'altra persona. Glossario Il seguente glossario è stato concordato da numerose nazioni europee coinvolte nel progetto Eurocet con l intento di armonizzare la terminologia utilizzata nel settore della donazione e del trapianto

Dettagli

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano

Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Le cellule staminali pluripotenti (embrionali) Prof. Fulvio Gandolfi Università degli Studi di Milano Facoltà di Medicina Veterinaria Embriologia e Terapia Genica e Cellulare Le cellule staminali adulte:

Dettagli

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE

L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE L ESAME RADIOLOGICO DEL BACINO E DELLE ANCHE PROIEZIONE STANDARD ANTERO- POSTERIORE Indicazioni: traumatologia, neoplasie, alterazioni flogistiche e degenerative delle articolazioni. Posizione del paziente:

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI

LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI LA MALNUTRIZIONE NELL ANZIANO E LE SINDROMI CARENZIALI Daniela Livadiotti Società Italiana di Medicina di Prevenzione e degli Stili di Vita INVECCHIAMENTO L invecchiamento può essere definito come la regressione

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso

Il sistema endocrino Il sistema endocrino sistema ormonale ghiandole cellule proteiche lipidiche organismo umano sistema nervoso Il sistema endocrino Il sistema endocrino o sistema ormonale è rappresentato da un insieme di ghiandole e cellule (dette ghiandole endocrine e cellule endocrine) le quali secernono delle sostanze proteiche

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA

PROGRAMMAZIONE. Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA PROGRAMMAZIONE Anno Scolastico 2009-10 IGIENE ED EDUCAZIONE SANITARIA Classe: 4^ LTS/A - SALUTE Insegnante: Claudio Furioso Ore preventivo: 132 SCANSIONE MODULI N TITOLO MODULO set ott nov dic gen feb

Dettagli

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause

Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Il desiderio insoddisfatto di un figlio: le cause Si parla di "sterilità" quando dopo un anno di rapporti sessuali regolari non è ancora intervenuta una gravidanza. Le cause di una mancanza di figli non

Dettagli

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica)

Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Diabete e nefropatia cronica (o malattia renale cronica) Cos è il diabete? Il diabete mellito, meglio noto come diabete, è una malattia che compare quando l organismo non produce insulina a sufficienza

Dettagli

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza

Con la vaccinazione l influenza si allontana. La prevenzione dell influenza Con la vaccinazione l influenza si allontana La prevenzione dell influenza La vaccinazione antinfluenzale è il mezzo più efficace di protezione dalla malattia e di riduzione delle sue complicanze per le

Dettagli

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE

ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE ANEURISMA AORTA TORACICA ASCENDENTE Definizione Dilatazione segmentaria o diffusa dell aorta toracica ascendente, avente un diametro eccedente di almeno il 50% rispetto a quello normale. Cause L esatta

Dettagli

COS E LA BRONCOSCOPIA

COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA COS E LA BRONCOSCOPIA La broncoscopia è un esame con cui è possibile osservare direttamente le vie aeree, cioè laringe, trachea e bronchi, attraverso uno strumento, detto fibrobroncoscopio,

Dettagli

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche -

Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - UNIVERSITÀ DI ROMA LA SAPIENZA I FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA I SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN NEUROLOGIA Anatomia della Memoria - Struttura delle funzioni mnesiche - TESINA DI ANATOMIA DOCENTE Prof.

Dettagli

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale?

Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Il cervello ha bisogno di zucchero. e il cuore pure, ma quale? Questo vecchio slogan pubblicitario riconduce ad una parziale verità scientifica, oggi più che attuale. E risaputo che parlare di zucchero

Dettagli

scaricato da www.sunhope.it

scaricato da www.sunhope.it SECONDA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI I CLINICA NEUROLOGICA Direttore:Prof. R. Cotrufo Fisiopatologia dei disordini della sensibilità, con particolare riguardo al dolore neuropatico 2009 Organizzazione

Dettagli

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E

V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E V I C T O R I A A G E N C Y S E R V I C E Assistenza sanitaria e sociale a domicilio Servizio medico specialistico: Cardiologi, Chirurghi, Dermatologi Ematologi, Nefrologi, Neurologi Pneumologi, Ortopedici,

Dettagli

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO

ESENZIONI PER MOTIVI DI ETA' e/o REDDITO Il nucleo familiare è composto da : - Il richiedente l esenzione - il coniuge (non legalmente ed effettivamente separato) indipendentemente dalla sua situazione reddituale - dai familiari a carico fiscalmente

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE

Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE Dispensa di ANATOMIA DENTALE a uso delle classi prime di indirizzo odontotecnico CAVITÀ ORALE La bocca o cavità orale (Fig. 1) è il primo tratto dell apparato digerente. È un organo cavo, di forma ovoide

Dettagli

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS

I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS I DEFICIT COGNITIVI NELL ICTUS Manuale informativo per il paziente e la sua famiglia INTRODUZIONE L'ictus colpisce in Italia 194.000 soggetti ogni anno e di questi 80% sono primi episodi ed il 20% recidive.

Dettagli

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide?

SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO. Che cosa è la tiroide? SILVIA SAVASTANO ANNA MARIA COLAO CAPITOLO 7 LA TIROIDE CHE SI AMMALA DI PIÙ È FEMMINILE 147 Che cosa è la tiroide? La tiroide è una ghiandola endocrina posta alla base del collo. Secerne due tipi di ormoni,

Dettagli

LESIONI APPARATO SCHELETRICO CRANIO TIPOLOGIA DI LESIONE FRATTURA OSSO FRONTALE O OCCIPITALE O PARIETALE O

LESIONI APPARATO SCHELETRICO CRANIO TIPOLOGIA DI LESIONE FRATTURA OSSO FRONTALE O OCCIPITALE O PARIETALE O Allegato A) LESIONI APPARATO SCHELETRICO CRANIO FRATTURA OSSO FRONTALE O OCCIPITALE O PARIETALE O 7,00% TEMPORALE O LINEE DI FRATTURA INTERESSANTI TRA LORO TALI OSSA FRATTURA SFENOIDE FRATTURA OSSO ZIGOMATICO

Dettagli

COMUNICAZIONE E IMMAGINE

COMUNICAZIONE E IMMAGINE COMUNICAZIONE BLZ E IMMAGINE La Neurofisiologia Elettromiografia Elettroencefalogramma Potenziali Evocati m IRCCS MultiMedica m1 1 2 Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico Via Milanese, 300

Dettagli

L esercizio fisico come farmaco

L esercizio fisico come farmaco L esercizio fisico come farmaco L attività motoria come strumento di prevenzione e di terapia In questo breve manuale si fa riferimento a tipo, intensità, durata e frequenza dell attività fisica da soministrare

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015

Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 Istituto SuperioreD'istruzione-Liceo Sportivo C. Piaggia di Viareggio. Prof. Alessandro Guglielmo Cucurnia. Anno scolastico 2014/2015 MATERIA: Scienze Motorie classe : V A SIA dell'istituto Superiore D'istruzione

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore

Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Terapia con pompa da contropulsazione Per aiutare il tuo cuore Per pazienti con determinate condizioni cardiache, l impiego di una pompa

Dettagli

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata

1. Manifestano la loro azione negativa solo in età adulta avanzata Perché invecchiamo? La selezione naturale opera in maniera da consentire agli organismi con i migliori assetti genotipici di tramandare i propri geni alla prole attraverso la riproduzione. Come si intuisce

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura

Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Capitolo 11 Gli anni di vita persi per morte prematura Introduzione Gli indicatori calcolati sugli anni di vita persi per morte prematura (PYLLs) combinano insieme le informazioni relative alla numerosità

Dettagli

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA)

SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) SUPERAVVOLGIMENTO DEL DNA (ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA) ORGANIZZAZIONE TERZIARIA DEL DNA Il DNA cellulare contiene porzioni geniche e intergeniche, entrambe necessarie per le funzioni vitali della

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio?

4. Quali possono essere le complicazioni dell influenza e quali sono le persone a rischio? Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Malattie trasmissibili Stato al 05.10.2010 FAQ Influenza stagionale 1. Cos è l influenza? 2. Come si trasmette l influenza?

Dettagli

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie

La nefropatia cronica. Una guida per i pazienti e le famiglie La nefropatia cronica Una guida per i pazienti e le famiglie Iniziativa NKF-KDOQI (Kidney Disease Outcomes Quality Initiative) della National Kidney Foundation L'iniziativa Kidney Disease Outcomes Quality

Dettagli

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE

CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Lega Friulana per il Cuore CHE COS E L IPERTENSIONE ARTERIOSA E COME SI PUO CURARE Materiale predisposto dal dott. Diego Vanuzzo, Centro di Prevenzione Cardiovascolare, Udine a nome del Comitato Tecnico-Scientifico

Dettagli

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D)

VADEMECUM PER MISURA DELLA VITAMINA D (25-idrossivitamina D e 1,25-diidrossivitamina D) DAI Diagnostica di Laboratorio - Laboratorio Generale - Direttore Dr. Gianni Messeri Gentile Collega, negli ultimi anni abbiamo assistito ad un incremento delle richieste di dosaggio di vitamina D (25-

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità

LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità LA REFERTAZIONE DELLA PET-TC ONCOLOGICA con 18F-FDG: istruzioni pratiche per un referto standardizzato e di qualità Maria Lucia Calcagni, Paola Castaldi, Alessandro Giordano Università Cattolica del S.

Dettagli

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA

PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA PREPARAZIONE PER GLI ESAMI DI RADIODIAGNOSTICA Per prenotare ed eseguire un esame è necessario: 1. Il paziente deve avere una richiesta medica completa che comprenda cognome e nome, data di nascita, numero

Dettagli

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2

SISTEMA CIRCOLATORIO. Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2. , sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 SISTEMA CIRCOLATORIO Permette, attraverso il sangue, il trasporto di O 2, sostanze nutritizie ed ormoni ai tessuti e la rimozione di CO 2 e cataboliti, per mantenere costante la composizione del liquido

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

Infortunio sul lavoro:

Infortunio sul lavoro: Infortunio sul lavoro: evento che determina un danno alla persona, che si verifica per causa violenta in occasione di lavoro nell ambiente di lavoro, in un breve periodo di tempo (< 8 ore lavorative) Malattia

Dettagli

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA

INSUFFICIENZA RESPIRATORIA INCAPACITA VENTILATORIA (flussi e/o volumi alterati alle PFR) INSUFFICIENZA RESPIRATORIA (compromissione dello scambio gassoso e/o della ventilazione alveolare) Lung failure (ipoossiemia) Pump failure

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico

Liponax Sol. Innovativa formulazione LIQUIDA. ad elevata biodisponibilità. Acido R (+) a-lipoico Innovativa formulazione LIQUIDA ad elevata biodisponibilità L acido a lipoico è una sostanza naturale che ricopre un ruolo chiave nel metabolismo energetico cellulare L acido a lipoico mostra un effetto

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011

Campus Universitario di Savona Via Magliotto, 2 Savona 3-4 Dicembre 2011 PROGRAMMA DEL CORSO: L'OCCHIO VEDE CIO' CHE L'OCCHIO CONOSCE: DAL NORMALE AL PATOLOGICO NELL'APPARATO LOCOMOTORE - APPLICAZIONE CLINICA DELLA DIAGNOSTICA PER IMMAGINI DOCENTE : Dott. Nicola Gandolfo RESPONSABILE

Dettagli

Indicazioni per la certificazione

Indicazioni per la certificazione Il nuovo modello per la certificazione delle cause di morte: peculiarità e indicazioni per una corretta certificazione Indicazioni per la certificazione Stefano Brocco Coordinamento del Sistema Epidemiologico

Dettagli

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori

10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori L ergonomia al microscopio 10 consigli per la salute e il benessere degli addetti ai lavori 1 Regolare correttamente l altezza della sedia. Per lavorare in maniera confortevole è importante adattare gli

Dettagli

So.M.I.Par. Italiana di Paraplegia

So.M.I.Par. Italiana di Paraplegia CLASSIFICAZIONE NEUROLOGICA STANDARD NEI TRAUMI MIDOLLARI Maurizio D Andrea VARIETA DEL QUADRO CLINICO GRAVITA SEDE STRUTTURE concussione cervicale toracica lombare midollo cauda radici lesione incompleta

Dettagli

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario

Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Test di ergonomia Valutazione del carico posturale nel lavoro sedentario Il lavoro sedentario può essere all origine di vari disturbi, soprattutto se il posto di lavoro è concepito secondo criteri non

Dettagli

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di

esami sono stati eseguiti ed interpretati con una tecnica di studio ecografico non perfettamente idonea. Scopo di questa presentazione è quello di L ecografia delle anche: una review Giuseppe Atti Centro Marino Ortolani per la diagnosi e la terapia precoce della Lussazione Congenita delle Anche Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara email:

Dettagli

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE

INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE INTERVENTO DI RICOSTRUZIONE DELLA CUFFIA DEI ROTATORI DELLA SPALLA E TRATTAMENTO DEL CONFLITTO SOTTOACROMIALE Acromioplastica a cielo aperto Lesione della cuffia dei rotatori Sutura della cuffia dei rotatori

Dettagli

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE!

SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! SMETTI DI FUMARE: COMINCIA A VOLERTI BENE! Perché si inizia a fumare Tutti sanno che fumare fa male. Eppure, milioni di persone nel mondo accendono, in ogni istante, una sigaretta! Non se ne conoscono

Dettagli

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio

Conoscere la malattia renale per curarsi meglio Conoscere la malattia renale per curarsi meglio A cura di Carmelo Libetta Unità Operativa di Nefrologia, Dialisi e Trapianto IRCCS Policlinico San Matteo - Università di Pavia Indice La malattia renale:

Dettagli

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio -

Gli Omega-3 e la Vitamina D contro l Alzheimer - Le nuove prospettive per il terzo millennio - nutrizione & composizione corporea fisioterapia & recupero funzionale medicina d alta quota piani di allenamento articoli, studi, ricerche dal mondo della Nutrizione, delle Terapie Fisiche, delle Neuroscienze

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG

Vitamina D: passato, presente e futuro. Dott. Giuliano Bucciardini MMG Vitamina D: passato, presente e futuro Dott. Giuliano Bucciardini MMG Un po' di storia Nel 1650 l'inglese Francis Glisson descrive accuratamente il rachitismo (peraltro noto sin dall'antichità) in De rachitade.

Dettagli

REaD REtina and Diabetes

REaD REtina and Diabetes Progetto ECM di formazione scientifico-pratico sulla retinopatia diabetica REaD REtina and Diabetes S.p.A. Via G. Spadolini 7 Iscrizione al Registro delle 20141 Milano - Italia Imprese di Milano n. 2000629

Dettagli

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE

INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE INTERVENTI DI CHIRURGIA DEL PIEDE CORREZIONE DELL ALLUCE VALGO 5 METATARSO VARO CON OSTEOTOMIA PERCUTANEA DISTALE Intervento Si ottiene eseguendo una osteotomia (taglio) del primo metatarso o del 5 metatarso

Dettagli

LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche

LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche LAPAROSCOPIA IN GINECOLOGIA. COSA È E QUALI SONO LE INDICAZIONI. Collana tecniche Dott. PAOLO CRISTOFORONI Medico Chirurgo Nato a Genova il 06/02/1965. Laurea con lode in Medicina e Chirurgia presso l

Dettagli

Il sistema nervoso è costituito da un insieme di organi preposti a:

Il sistema nervoso è costituito da un insieme di organi preposti a: Sistema nervoso Il sistema nervoso è costituito da un insieme di organi preposti a: Raccolta degli stimoli esterni ed interni Memorizzare i dati della sensibilità Coordinare e sviluppare le attività psichiche

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet

Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation. Sindrome di Behçet Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Sindrome di Behçet Che cos è? La sindrome di Behçet (BS), o malattia di Behçet, è una vasculite sistemica (infiammazione dei vasi sanguigni) la

Dettagli

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono

Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono Nel moderno allevamento intensivo di specie ittiche, nutrizione e salute del pesce allevato sono due fattori intimamente connessi, da un lato devono essere soddisfatti i fabbisogni di nutrienti necessari

Dettagli

Diversità tra i viventi

Diversità tra i viventi Diversità tra i viventi PROPRIETÀ della VITA La CELLULA CLASSIFICAZIONE dei VIVENTI Presentazione sintetica Alunni OIRM Torino Tutti i viventi possiedono delle caratteristiche comuni Ciascun vivente nasce,

Dettagli

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine.

DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. Vinci il muro dell indifferenza, dai più senso alla Tua vita: DIVENTA DONATORE di Sangue, Plasma e Piastrine. INTERCOMUNALE SAN PIETRO Via Cassia 600-00189 Roma Uff. Amm.: Telefax 06 33582700 - Segreteria:

Dettagli

IPOTALAMO-FUNZIONI. Termoregolazione. Scaricato da www.sunhope.it

IPOTALAMO-FUNZIONI. Termoregolazione. Scaricato da www.sunhope.it IPOTALAMO-FUNZIONI Termoregolazione Nel corpo, il calore viene prodotto dalla contrazione muscolare, dall assimilazione degli alimenti e da tutti i processi vitali che contribuiscono al metabolismo basale.

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento)

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN SEDE DI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI E ATTITUDINALI (pena l esclusione dal reclutamento) 1. Tutti i convocati (uomini e donne) dovranno presentarsi con: - originale o copia

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

ALLENARE GLI ADDOMINALI

ALLENARE GLI ADDOMINALI ALLENARE GLI ADDOMINALI La teoria di allenamento degli addominali spesso non è ben compresa; molte persone si limitano ad eseguire centinaia di crunch senza però capire come funzionano i muscoli addominali

Dettagli

UIL Scuola Molise - IRASE Sezione Provinciale CAMPOBASSO - Corso preparazione L handicap nella scuola, quali strategie MAR/APR 2007

UIL Scuola Molise - IRASE Sezione Provinciale CAMPOBASSO - Corso preparazione L handicap nella scuola, quali strategie MAR/APR 2007 L handicap nella scuola, quali strategie INTEGRAZIONE DELL ALUNNO HANDICAPPATO: IL RUOLO DEL PERSONALE ATA CIO CHE CONOSCO MI FA MENO PAURA CORSO DI FORMAZIONE per Collaboratori scolastici su Ciò che conosco

Dettagli

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio

Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Vitamina D, PTH ed omeostasi del calcio Funzioni principali della vit D Stimolazione dell'assorbimento del calcio e del fosforo a livello intestinale; Regolazione, in sinergia con l'ormone paratiroideo,

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

Che cos è l ergonomia

Che cos è l ergonomia norme ergonomiche per le attrezzature di lavoro, il posto di lavoro e l ambiente di lavoro. Che cos è l ergonomia La parola ergonomia deriva dal greco ergo, che significa lavoro, e nomos che significa

Dettagli

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità

La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità La Cartella Infermieristica quale strumento operativo di miglioramento della qualità Dott. Mag. Nicola Torina Coordinatore infermieristico Unità Terapia Intensiva di Rianimazione Metodologie operative

Dettagli

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO

EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO EFFETTI FISIOPATOLOGICI DELLA CORRENTE ELETTRICA SUL CORPO UMANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d

Dettagli

Edizione 2004 PSICOPEDAGOGIA. Lo sviluppo, le funzioni organiche e la motricità Le fasi dello sviluppo Biologico Psicologico Cognitivo Socio affettivo

Edizione 2004 PSICOPEDAGOGIA. Lo sviluppo, le funzioni organiche e la motricità Le fasi dello sviluppo Biologico Psicologico Cognitivo Socio affettivo PSICOPEDAGOGIA FEDERAZIONE ITALIANA NUOTO COMITATO REGIONALE EMILIA ROMAGNA Lo sviluppo, le funzioni organiche e la motricità Le fasi dello sviluppo Biologico Psicologico Cognitivo Socio affettivo Le fasi

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta

VITAMINA D : Nuove evidenze per una vitamina poco conosciuta - WELKOME FITNESS 2013 Evoluzione e ricerca nel mondo degli integratori Vitamina D3: aggiornamenti e nuove applicazioni Dott Marco Neri: Comitato Tecnico Nazionale FIPCF/CONI Comitato scientifico Federazione

Dettagli

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI

ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI ORGANIZZAZIONE SANITARIA E CERTIFICAZIONI MEDICHE D'IDONEITÀ P E R IL CONSEGUIMENTO DELLE LICENZE E DEGLI ATTESTATI AERONAUTICI Edizione n. 2 del 24 febbraio 2014 Edizione 2 Pagina 26 di 43 SEZIONE V CERTIFICAZIONI

Dettagli

Lo screening cervicale.

Lo screening cervicale. Lo screening cervicale. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire e gli esercizi di riabilitazione)

Dettagli