La pronuncia di inibitoria a tutela della concorrenza e sua efficacia nei confronti di terzi ed aventi causa.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La pronuncia di inibitoria a tutela della concorrenza e sua efficacia nei confronti di terzi ed aventi causa."

Transcript

1 La pronuncia di inibitoria a tutela della concorrenza e sua efficacia nei confronti di terzi ed aventi causa. SOMMARIO: 1. Premessa 2. La natura e la portata della pronuncia di inibitoria ai sensi dell art c.c. 3. I limiti oggettivi e soggettivi della sentenza di inibitoria 4. Conclusioni. 1. L art c.c. contiene una disposizione di particolare interesse ed utilità al fine di tutelare l impresa contro chiunque ponga in essere atti di concorrenza sleale a suo danno. Tale norma, invero, stabilisce che la sentenza che accerta atti di concorrenza sleale ne inibisce la continuazione e dà gli opportuni provvedimenti affinché ne vengano eliminati gli effetti. Si pensi, in concreto, ad una sentenza che accerti la responsabilità (extracontrattuale) di una delle parti litigiose per il compimento di atti di concorrenza sleale consistenti nell indebito utilizzo dell altrui know-how 1, condanni, di conseguenza, il responsabile al risarcimento dei danni ed altresì ordini al medesimo di astenersi dal compimento di ulteriori atti di concorrenza sleale nei confronti della parte vittoriosa. È tuttavia necessario precisare che le possibilità pratiche di utilizzazione di una pronuncia giudiziale di inibitoria resa ai sensi dell art c.c. non sono definite da alcuna disposizione normativa, né è dato riscontrare un orientamento giurisprudenziale sufficientemente consolidato che consenta di individuarle. In questa sede si cercherà di fornire alcuni elementi utili a tale riguardo, senza pretese di completezza, esaminando il panorama dottrinale e giurisprudenziale sulla portata 1 Il concetto di know-how è di evidente derivazione anglosassone e si riferisce, come ben precisato dalla dottrina, ad un complesso di informazioni e di dati che nel loro insieme e nella configurazione e combinazione reciproca degli elementi compositivi consentono un risultato vantaggioso precluso a chi non possieda le stesse informazioni nello stesso insieme o nella stessa combinazione così FLORIDIA, Le creazioni protette, in AA.VV., Diritto industriale, Torino, 2009, p L ordinamento italiano ha previsto per la prima volta una tutela espressa del know how con l introduzione dell art. 6-bis nella Legge Invenzioni, in sede di recepimento degli accordi internazionali cosiddetti TRIPs (accordi sugli aspetti della proprietà intellettuale relativi al commercio, allegati al GATT). Tale norma tutelava le informazioni aziendali tra cui per l appunto i know-how qualora esse fossero segrete e mantenute tali dalle imprese mediante l adozione di apposite misure di riservatezza, stabilendo che la loro rivelazione o utilizzazione in modo contrario alla correttezza professionale costituiva un atto di concorrenza sleale. In questo modo si compiva un richiamo all art n. 3 c.c., che sanziona come illecito extracontrattuale ogni atto non conforme alla correttezza professionale ed idoneo a danneggiare l altrui azienda. L art. 6-bis Legge Invenzioni è stato abrogato dal Codice della Proprietà Industriale (D.lgs. 10 febbraio 2005 n. 30), che peraltro ne ha trasfuso il contenuto agli artt In particolare, la riforma del 2005 ha istituito un vero e proprio diritto di proprietà intellettuale sui segreti aziendali, sancendo espressamente il divieto di rivelarli a terzi o utilizzarli indebitamente, a prescindere dalla condizione che tali condotte siano state poste in essere in modo contrario alla correttezza professionale. Va comunque precisato che è sempre fatta salva la tutela offerta dalla disciplina sulla concorrenza sleale di cui all art c.c., che andrà a concorrere con quella di cui al Codice della Proprietà Industriale, fornendo così ai segreti aziendali una tutela ancor più forte (su questo tema v. diffusamente FLORIDIA, op.cit., pp. 192 ss. e 346; ). Tuttavia in dottrina permangono dubbi sull effettiva esistenza di un ambito di operatività residuo dell art c. c. in materia di tutela dei segreti aziendali dopo l introduzione dell art. 99 c.p.i. v. GHIDINI, DE BENEDETTI, Codice della proprietà industriale, Milano, 2006, p. 257; SCUFFI, FRANZOSI, FITTANTE, Il codice della proprietà industriale, Padova, 2005, p

2 della norma di cui all art c.c. Si tratterà, in particolare, di verificare l eventuale valenza di titolo esecutivo della pronuncia in esame, nonché di valutarne i contenuti oggettivi e soggettivi. 2. Innanzitutto si rileva come già solo la natura di tale ordine di inibitoria sia molto controversa, sia in dottrina che in giurisprudenza. In particolare, oggetto di ampio dibattito è se l inibitoria possa legittimare o meno il ricorso all esecuzione forzata in forma specifica 2. In altri termini, se sia possibile procedere coattivamente alla distruzione di tutto quanto è stato realizzato mediante il compimento di accertati atti di concorrenza sleale. La giurisprudenza si attesta su posizioni decisamente negative: la Corte di Cassazione 3, infatti, afferma che la pronuncia di inibitoria abbia natura di mero accertamento e non di condanna; si nega, pertanto, che essa sia suscettibile di attuazione diretta nelle forme dell esecuzione forzata, e si ammette solamente che, nel caso in cui il soggetto inibito non ottemperi spontaneamente all obbligo di non fare, sia possibile adire nuovamente il giudice allo scopo di ottenere dei provvedimenti risarcitori. La Suprema Corte precisa, ad ogni modo, che la pronuncia di inibitoria, che secondo la suindicata interpretazione apparirebbe assumere un efficacia meramente morale, in realtà è dotata di una sua propria rilevanza giuridica, poiché serve per acquisire in un eventuale secondo giudizio di cognizione l accertamento, compiuto nel primo giudizio, dell illiceità dell atto di concorrenza sleale. In altre parole, secondo la giurisprudenza, il reale effetto pratico dell'inibitoria sarebbe quello di permettere di adire nuovamente il giudice, onde far accertare la violazione dell'obbligo di astensione contenuto nell'inibitoria ed ottenere, così, una nuova condanna 4. Il carattere essenziale dell'inibitoria sarebbe, dunque, quello di apprestare una tutela giurisdizionale preventiva, rivolta verso il futuro ed in vista di un nuovo eventuale giudizio. Diversamente, le opinioni della dottrina circa il contenuto dell'ordine di inibitoria sembrano più aperte o possibiliste. Alcuni autori 5 ritengono, infatti, che la sentenza contenente l inibitoria concorrenziale sia a tutti gli effetti una sentenza di condanna a non fare, in particolare a non continuare o a non ripetere, la cui esecuzione forzata si realizza attraverso 2 Cfr. VANZETTI DI CATALDO, Manuale di diritto industriale, Milano, 2000, p. 115; UBERTAZZI (a cura di), Commentario breve alle leggi su proprietà intellettuale e concorrenza, Padova, 2003, sub art c.c., p Cass. civ., sez. I, 25 luglio 1995, n. 8080, in Giust. Civ. Mass., 1995, p e in Dir. ind., 1996, p. 774, con nota di VANZ, L efficacia dell inibitoria. 4 V. App. Milano, 29 aprile 2006, in Giur. ann. dir. ind., 2006, p. 794 ss. spec. p Cfr. FRIGNANI, L injunction nella common law e l inibitoria nel diritto italiano, Milano, 1974, p. 549; RAPISARDA, TARUFFO, Inibitoria (azione), (dir. proc. civ.), in Enc. giur., XVII, Roma, 1989, p. 1; VANZ, op. cit., p. 777; GHIDINI, La concorrenza sleale, Torino, 2001, p. 351 ss. 134

3 l imposizione di obblighi di rimuovere quanto fatto in violazione dell obbligo di astensione 6. Altri 7 ritengono, invece, che la sentenza di inibitoria non abbia natura di condanna ma solo di accertamento, esprimendo una posizione non dissimile da quella fatta propria dalla giurisprudenza (v. supra). Nella specie, l inibitoria avrebbe il medesimo contenuto normativo dell accertamento dell illiceità del comportamento che si vieta di ripetere. In altre parole, solo con la sentenza che accerta l illiceità del comportamento anticoncorrenziale sorgerebbe l obbligo, per chi tale comportamento ha tenuto, di astenersi dal compierlo anche in futuro. L inibitoria non aggiungerebbe null altro al principio per cui solo dopo che un comportamento determinato sia stato accertato come illecito da un giudice è possibile obbligare qualcuno a non ripeterlo più in futuro. Ne consegue che non si potrebbe eseguire coattivamente la pronuncia di inibitoria ex art c.c. mediante la distruzione di quanto realizzato in violazione dell obbligo di astensione. A ciò si perviene considerando che l esecuzione specifica di obblighi di non fare riguarda non tanto l attuazione di un generale dovere di astensione, bensì l attuazione dell obbligo di ripristinare la situazione di fatto ad un momento antecedente il compimento degli atti accertati essere illeciti. E questo presuppone che sia accertato un comportamento illecito già compiuto, mentre l inibitoria di cui all art c.c. è tendenzialmente rivolta ad impedire la commissione di atti futuri 8. A prescindere dall'inquadramento dell'inibitoria fra le sentenze di condanna ovvero quelle di accertamento, i menzionati orientamenti dottrinali convengono nel ritenere che, per legittimare l esecuzione forzata, sarebbe quantomeno necessario che il giudice, nel pronunciare l inibitoria ex art c.c., indicasse anche le misure concrete da porre in essere per riportare la situazione di fatto a una condizione di pari concorrenzialità tra le parti della controversia. In caso contrario, e quindi in ipotesi di una condanna inibitoria generica, si attribuirebbe al giudice dell esecuzione il potere discrezionale di far eseguire forzosamente un obbligo anche al di fuori dei limiti posti dalla sentenza, oltre il contenuto della quale non si può legittimamente andare 9. Dall'esposizione che precede emerge che il punto in comune tra giurisprudenza e dottrina sembra quindi ridursi alla circostanza che il solo effetto pratico, certo e non contestato della sentenza di inibitoria è quello di consentire, attraverso il passaggio in giudicato della stessa, di rivolgersi nuovamente al giudice per far accertare la 6 È da segnalare anche una corrente dottrinale che, pur considerando la sentenza contenente una pronuncia di inibitoria concorrenziale come una sentenza di condanna, non la ritiene suscettibile di esecuzione forzata, partendo dal presupposto che quest ultima possa avere ad oggetto soltanto obblighi rivolti verso il passato e non verso il futuro, come generalmente viene ritenuto al riguardo dell inibitoria. In tal modo si cerca di sciogliere il tradizionale vincolo secondo il quale vi sarebbe stretta corrispondenza tra sentenze di condanna ed esecuzione forzata cfr. PROTO PISANI, Appunti sulla tutela di condanna, in Riv. trim. dir. proc. civ., 1978, p Cfr. MONTESANO, Condanna civile e tutela esecutiva, Napoli, 1965, p. 50; CHIARLONI, Misure coercitive e tutela dei diritti, Milano, 1980, pp. 154 e 231; SPOLIDORO, Le misure di prevenzione nel diritto industriale, Milano, 1982, p. 28 ss. 8 Cfr. SPOLIDORO, op.cit.,p. 59 ss. 9 Cfr. GHIDINI, op.cit., p.354; SPOLIDORO, op.cit., p

4 violazione dell obbligo di astensione proclamato nella sentenza ed ottenere così una nuova sentenza di condanna, questa sì eseguibile coattivamente. Nel caso prospettato, atteso il contenuto generico dell'ordine di inibitoria, ossia della mancanza di indicazione, da parte del Giudice, delle misure concrete in cui avrebbe dovuto tradursi l'obbligo di non fare, sembra ragionevole concludere, alla luce dell orientamento giurisprudenziale prevalente e delle specifiche indicazioni fornite dalla dottrina, che non sia possibile procedere all'esecuzione in forma specifica di un inibitoria generica, ma che sia piuttosto possibile utilizzare tale tutela offerta dal giudice per ottenere una nuova e diversa condanna, rispetto a comportamenti futuri che fossero posti in essere in violazione di siffatto ordine. 3. Approfondendo il caso esemplare in esame, si consideri che, successivamente alla commissione dei fatti integratori di responsabilità per concorrenza sleale, la parte responsabile abbia ceduto a terzi la propria azienda, con la conseguenza che ora questi terzi sono a conoscenza del know-how indebitamente utilizzato dal loro dante causa, come accertato dalla sentenza di inibitoria. Diviene, pertanto, legittimo chiedersi se l inibitoria estenda i propri effetti solo verso il diretto utilizzatore indebito o anche nei confronti dei terzi acquirenti. Per dare risposta a tale quesito, è da verificare il rispetto dei limiti del giudicato di cui alla sentenza che accerta il compimento di atti di concorrenza sleale. Ogni pronuncia giurisdizionale, infatti, in termini di efficacia incontra dei limiti c.d. soggettivi, ossia relativi ai soggetti investiti del provvedimento, nonché dei limiti c.d. oggettivi, relativi invece al contenuto dell'accertamento compiuto. Circa i limiti soggettivi del giudicato sulla pronuncia di inibitoria, è bene richiamarsi ai principi generali, con particolare riferimento all efficacia delle sentenze rese in un giudizio ordinario di cognizione. Dal punto di vista sostanziale, la sentenza è un provvedimento di per sé destinato a produrre l effetto di cosa giudicata, ossia, in base all art c.c., a rendere incontrovertibile ed immodificabile, al verificarsi di determinate condizioni, l accertamento in essa contenuto 10. A tal riguardo, si fa presente che la sentenza, una volta passata in giudicato, è efficace ( fa stato ) solo tra le parti ed i loro aventi causa Tradizionalmente la dottrina giuridica distingue tra cosa giudicata sostanziale e formale. Per cosa giudicata sostanziale (o giudicato sostanziale) si fa riferimento alla disposizione di cui all art c.c., ai sensi del quale l accertamento contenuto in una sentenza passata in giudicato è incontrovertibile tra le parti del giudizio ed i loro eredi ed aventi causa. Sotto il diverso aspetto formale, una sentenza passata in giudicato, a norma dell art. 324 c.p.c., non è più suscettibile di essere sottoposta a mezzi di impugnazione c.d. ordinari (regolamento di competenza, appello, ricorso per cassazione e revocazione ordinaria di cui all art. 395 nn. 4 e 5). Ovviamente i due fenomeni sono del tutto indistinguibili, dal momento che il passaggio in giudicato formale, conseguente alla decorrenza del termine per proporre impugnazione, produce altresì gli effetti del giudicato sostanziale di cui all art c.c. Ne deriva, a contrario, che la proposizione di uno dei mezzi di impugnazione summenzionati impedisce anche il passaggio in giudicato sostanziale, ossia l incontrovertibilità dell accertamento contenuto nel provvedimento gravato. Cfr. sull argomento, ex multis, MANDRIOLI, Diritto processuale civile, II, Torino, 2002, p. 367 ss.; MONTESANO, ARIETA, Trattato di diritto 136

5 Da un diverso punto di vista processuale, altro effetto di una sentenza è quello per cui essa, se contiene una statuizione di condanna, costituisce titolo esecutivo (idoneo cioè a fondare l esecuzione forzata sulla prestazione oggetto della condanna), ma ciò solo tra le parti del giudizio o i loro eredi, ai sensi dell art. 477 c.p.c. Sulla base del tenore letterale delle norme, pertanto, sembrerebbero esclusi gli aventi causa diversi dai successori mortis causa a titolo universale. In realtà la dottrina 12 generalmente ammette che un titolo esecutivo sia efficace anche nei confronti dei successori a titolo particolare inter vivos quali gli acquirenti, se la cessione è avvenuta prima dell inizio del processo esecutivo. Prima del passaggio in giudicato, evidentemente, la sentenza non contiene alcuna statuizione immodificabile: non ha, quindi, un efficacia sostanziale. Ha invece l efficacia (provvisoria) di titolo esecutivo la sentenza di cognizione di primo grado, ai sensi dell art. 282 c.p.c., ma solo tra le parti del giudizio. Nel caso oggetto del presente esame, il fatto che l azienda della parte soccombente in giudizio sia stata ceduta a terzi consente di ritenere che essi siano inquadrabili nella categoria degli aventi causa della parte del giudizio. Pertanto, sotto il profilo sostanziale, l accertamento di anticoncorrenzialità contenuto nella sentenza comporterà che anche tali terzi acquirenti saranno soggetti al divieto di porre in essere atti lesivi del diritto accertato dalla sentenza medesima, ed in particolare di produrre e commercializzare altri beni attraverso l illecito utilizzo del know-how appartenente alla parte vittoriosa. Inoltre, dal punto di vista dell efficacia di titolo esecutivo, qualora si aderisse alla tesi 13, oggi minoritaria e non condivisa dalla giurisprudenza, secondo la quale è possibile fondare un esecuzione forzata sulla base di un inibitoria ex art c.c., sarebbe possibile estendere l efficacia esecutiva della sentenza ai terzi acquirenti. Quanto al profilo oggettivo, è necessario delimitare il contenuto della sentenza di inibitoria, al fine di individuare quali sono i comportamenti potenzialmente illeciti, successivi al suo passaggio in giudicato, che possono fondare un nuovo giudizio di condanna a rimuovere l effetto illecito. Infatti, sarà possibile considerare illecito un comportamento, in quanto contrario all inibitoria contenuta in una sentenza, processuale civile, I/2, Padova, 2001, p ss.; SATTA, PUNZI, Diritto processuale civile, Padova, 2000, p. 427 ss.; ATTARDI, Diritto processuale civile, Padova, 1997, p. 427 ss. 11 Cfr. SPOLIDORO, op.cit., p. 83. Si sottolinea che l accertamento contenuto in una sentenza passata in giudicato può produrre degli effetti indiretti anche nei confronti di determinati terzi che non abbiano partecipato al relativo giudizio. Tuttavia, nonostante questa efficacia estesa, i terzi non potranno essere pregiudicati dal giudicato che li riguarda, anche solo indirettamente. L ordinamento invero appresta degli strumenti di tutela a favore di tali terzi come l opposizione di terzo di cui all art. 404 c. c., particolare mezzo di impugnazione svincolato da termini di decadenza e sul quale l eventuale giudicato non influisce. Cfr. in dottrina MONTESANO, ARIETA, op.cit., p Cfr. CONSOLO, LUISO (a cura di), Codice di procedura civile commentato, Milano, 2007, sub art. 477, p. 3551; SATTA, Commentario al codice di procedura civile, III, Milano, 1971, sub art. 477; BONSIGNORI, L esecuzione forzata, Torino, 1991; TOTA, Note sulla successione a titolo particolare nel processo esecutivo, in Riv. esec. forz., 2002, p Cfr. supra nota

6 solamente qualora esso rientri nell ambito oggettivo dell obbligo di astensione pronunciato dal giudice. Al riguardo in dottrina 14 si ritiene non necessaria una perfetta identità tra il comportamento inibito dal giudice nella prima sentenza e quello successivamente posto in essere in contrasto con l inibitoria. Vi sarebbe comunque il rispetto dei limiti oggettivi del giudicato se fra i due comportamenti vi fosse un rapporto di identità del tipo genere-specie, all interno della quale le eventuali diversità fenomeniche non possono escludere l operatività del provvedimento 15. Si sottolinea, tuttavia, che una sentenza di inibitoria dal contenuto totalmente generico pone in concreto il problema di definire se un comportamento successivo ecceda o meno i limiti oggettivi del giudicato formatosi sulla medesima sentenza di inibitoria. In altri termini, qualora il giudice non indicasse nemmeno un genere di atto inibito, l inibitoria non potrebbe esplicare validamente i propri effetti rispetto a tutte le varianti di comportamento adottabili allo stesso fine 16. Alla luce di queste osservazioni, nel caso in discussione si potrebbe quindi obiettare che la pronuncia di inibitoria del giudice è eccessivamente generica per consentire di individuare una tipologia di atti di concorrenza sleale vietati alla parte soccombente. Ad ogni modo, ammettendo che l oggetto dell inibitoria qui consista nel divieto per il soggetto condannato di compiere ulteriori atti del medesimo tenore di quelli accertati nel corso del giudizio, ovverosia di sfruttare il know-how indebitamente utilizzato a fini produttivi e commerciali, per addebitare un illecito anticoncorrenziale al terzo acquirente sarà necessario accertare che i prodotti da esso commercializzati sono tutti diretti derivati del know-how oggetto della sentenza di inibitoria. Qualora, invece, si trattasse di prodotti realizzati con know-how che sono in realtà molto diversi da quelli accertati dal giudice, la pronuncia di inibitoria diverrebbe del tutto inutile, poiché non vi sarebbe più alcun comportamento illecito da inibire a tutela del know-how della parte vittoriosa. 4. Da quanto sopra brevemente illustrato, si evince come il tema dell azione inibitoria concorrenziale prevista all art c.c. sia caratterizzato da ampi dibattiti nella dottrina giuridica italiana, sia sotto il profilo della natura della sentenza che la dispone, sia sotto il profilo della sua portata e dei suoi effetti, con particolare riferimento ai limiti soggettivi ed oggettivi del giudicato. 14 Cfr. GHIDINI, op. cit., p. 353, per cui le eventuali e pur utili esemplificazioni di atti ricompresi nell inibitoria, operate dal giudice, non potrebbero che possedere appunto valore esemplificativo e proprio in ragione di siffatta estensione dell inibitoria la sua emanazione possiede un significato pratico che va oltre il semplice divieto di ripetere o continuare un accertato atto illecito. 15 Cfr. GHIDINI, ibidem; sulla stessa linea Cass. civ., sez. I, 25 luglio 1995, n. 8080, cit. 16 LIBERTINI, Azioni e sanzioni nella disciplina della concorrenza sleale, in La concorrenza e i consorzi, in GALGANO (a cura di) Trattato di dir. comm. e dir. pubblico dell economia, IV, Padova, 1981, p. 245; SPOLIDORO, op.cit., p. 88 ss., pone il problema dell operatività in concreto del criterio dell identità genere-specie proposto da GHIDINI, giungendo alla conclusione che si tratta quasi sempre di un operazione logica del tutto arbitraria, temperata dall individuazione di criteri di razionalizzazione quale quello dell equivalenza delle attività anticoncorrenziali, ovvero della delineazione di un nucleo della violazione concreta (mutuato dal diritto tedesco). 138

7 D altro canto, la giurisprudenza non ha sino ad ora offerto se non poche pronunce, segno anche della scarsa applicazione pratica che la norma ha avuto. Si può comunque ragionevolmente concludere che, alla luce dell orientamento favorito dalla Cassazione, difficilmente una sentenza contenente un inibitoria concorrenziale sarà reputata avere efficacia di titolo esecutivo, ancor meno se il giudice si limita laconicamente a riportare il dettato della norma, enunciando un mero ordine di non ripetere gli atti accertati come anticoncorrenziali e non fornendo alcuna specificazione circa le misure concrete da adottare per evitare la ripetizione degli illeciti. In conclusione, vale sottolineare comunque come parte della dottrina 17 ritenga che il mancato rispetto di una statuizione di inibitoria concorrenziale possa venire represso attraverso l applicazione della fattispecie delittuosa di cui all art. 388 c.p., rubricato Mancata esecuzione dolosa di un provvedimento del giudice. Questa norma, in particolare, punisce con la reclusione fino a tre anni o con una multa che va da 103,00 a 1.032,00 chiunque, per sottrarsi all adempimento degli obblighi nascenti da un provvedimento dell autorità giudiziaria, o dei quali è in corso l accertamento dinanzi all autorità giudiziaria stessa, compie, sui propri o sugli altrui beni, atti simulati o fraudolenti, o commette allo stesso scopo altri fatti fraudolenti. Secondo tale teoria, pur in assenza di un provvedimento di natura condannatoria, il compimento di atti idonei ad integrare una violazione dell obbligo sancito dal giudice con l inibitoria configurerebbe una mancata esecuzione di un provvedimento dell autorità giudiziaria. Un breve accenno in chiusura merita, infine, il nuovo articolo 614-bis c.p.c. introdotto con la riforma di cui alla L. 18 giugno 2009, n. 69, in base al quale con il provvedimento di condanna il giudice, salvo che ciò sia manifestamente iniquo, fissa, su richiesta di parte, la somma di denaro dovuta dall obbligato per ogni violazione o inosservanza successiva, ovvero per ogni ritardo nell esecuzione del provvedimento. Il provvedimento di condanna costituisce titolo esecutivo per il pagamento delle somme dovute per ogni violazione o inosservanza. Questa norma, sulla scia dei provvedimenti di astreinte del diritto francese, prevede delle sanzioni pecuniarie, che il giudice determina in via preventiva, come conseguenza della mancata ottemperanza da parte dell obbligato all esecuzione di determinati doveri. La collocazione della norma subito dopo le disposizioni che disciplinano l esecuzione forzata in forma specifica di obblighi di fare o non fare consente di interpretarla come finalizzata ad evitare il ricorso all esecuzione forzata in forma specifica attraverso la previsione di una sanzione pecuniaria in caso di mancato adempimento spontaneo all ordine del giudice di fare o non fare, quindi con effetto deterrente. Essa, quindi, garantisce una tutela rafforzata alle posizioni creditorie per le quali l esecuzione forzata è di più difficile realizzazione, perché trattasi di obbligazioni per natura incoercibili Cfr. VANZETTI, DI CATALDO, op.cit., p Cfr. CONSOLO, DE CRISTOFARO (cura di), Codice di procedura civile commentato. La riforma del 2009, sub art. 614bis, Milano, 2009, p. 276 ss. 139

8 Orbene, se si aderisse alla tesi che vede nell inibitoria concorrenziale una pronuncia di condanna, si dovrebbe concordare sul fatto che la nuova disposizione sanzionatoria di cui all art. 614-bis c.p.c. di recente introduzione diverrebbe un utile strumento addizionale atto a rafforzare la tutela dell imprenditore beneficiato da una sentenza che accerta atti di concorrenza sleale a suo danno. Invero, il provvedimento inibitorio come provvedimento di condanna, dotato quindi di efficacia esecutiva, comporterebbe per il condannato un obbligo di facere (ad esempio la distruzione delle cose realizzate mediante il comportamento giudicato come anticoncorrenziale) o di non facere (quale, ad esempio, il divieto di continuare a commercializzare i prodotti abusivamente realizzati), esecutabili coattivamente proprio attraverso il procedimento di esecuzione in forma specifica. Pertanto, se la sentenza in esame contenesse anche la previsione di una sanzione pecuniaria a norma dell art. 614-bis c.p.c., senza dubbio il timore della sanzione pecuniaria indurrebbe con maggiore probabilità il condannato a dare esecuzione all obbligo contenuto nell inibitoria. Tanto più alla luce del fatto che non sarebbe necessario un nuovo provvedimento per agire coattivamente sui beni del condannato al fine di soddisfare il credito alla suddetta sanzione pecuniaria: infatti, la stessa sentenza che, pronunciando sull inibitoria, prevedesse anche una sanzione per la violazione dell atto inibito, costituirebbe direttamente un valido titolo esecutivo per fondare tale esecuzione forzata. 140

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011

Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Corte di Cassazione, Sezioni Unite civili, sentenza n. 12898 del 13 giugno 2011 Presidente: dott. Paolo Vittoria; Relatore Consigliere: dott.ssa Roberta Vivaldi IL TERMINE BREVE PER IMPUGNARE DECORRE SOLO

Dettagli

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c.

Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. Le opposizioni ex artt. 615, 617 e 618 c.p.c. La riforma del processo esecutivo ha modificato sensibilmente la fase eventuale delle opposizioni siano esse all esecuzione, agli atti esecutivi o di terzi

Dettagli

Clausole limitative della circolazione delle azioni

Clausole limitative della circolazione delle azioni Clausole limitative della circolazione delle azioni * * * Purché contenuta entro il limite di cinque anni, è legittima una clausola statutaria che preveda qualsiasi forma di limitazione alla circolazione

Dettagli

Diritto Civile Contemporaneo

Diritto Civile Contemporaneo Diritto Civile Contemporaneo Rivista trimestrale online ad accesso gratuito ISSN 2384-8537 Anno I, numero II, luglio/settembre 2014 Le Sezioni Unite sul rapporto tra azione di rivendica ed azione di restituzione

Dettagli

LeggeMania ~ Quos ego

LeggeMania ~ Quos ego LeggeMania ~ Quos ego L AZIONE RISARCITORIA NEL PROCESSO AMMINISTRATIVO Il codice del processo amministrativo ha inciso in modo consistente sull azione di condanna al risarcimento del danno. Prima dell

Dettagli

CIRCOLARE N. 8/2007. DESTINATARI: Direzioni Centrali, Direzioni Regionali, Uffici Provinciali CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE: nessuna

CIRCOLARE N. 8/2007. DESTINATARI: Direzioni Centrali, Direzioni Regionali, Uffici Provinciali CIRCOLARI DELL ENTE MODIFICATE: nessuna CIRCOLARE N. 8/2007 PROT. n. 49031 ENTE EMITTENTE: Direzione Agenzia del Territorio. OGGETTO: Contenzioso tributario - Riassunzione del giudizio a seguito di sentenze della Corte di Cassazione - Effetti

Dettagli

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati

Roma, 15 febbraio 2013. Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati Roma, 15 febbraio 2013 Spett.le A.N.M. Associazione Nazionale Magistrati - Oggetto: sulla possibilità di intraprendere azioni legali in merito alle trattenute operate sull indennità giudiziaria in caso

Dettagli

Documento di studio e approfondimento.

Documento di studio e approfondimento. Documento di studio e approfondimento. Insufficiente versamento del saldo dovuto con riferimento alla dichiarazione dei redditi; ravvedimento parziale, conseguenze 1. La fattispecie 1.1 Premessa Le disposizioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato

La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato La connessione obiettiva di un illecito amministrativo ambientale con un reato A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 24 della legge 24 novembre 1981, n. 689 disciplina la connessione obiettiva

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila)

Sezione Lavoro. Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006. (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) Studio Legale Celotti www.studiolegalecelotti.it CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE Sezione Lavoro Sentenza n. 21833 del 12 ottobre 2006 (Presidente S. Mattone Relatore V. Di Nubila) SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Dettagli

Ufficio Legislativo. Prot. n.741 Roma,16/01/2009

Ufficio Legislativo. Prot. n.741 Roma,16/01/2009 Ufficio Legislativo Prot. n.741 Roma,16/01/2009 Alla Direzione Generale per la qualità e la tutela del paesaggio, l architettura e l arte contemporanee e per conoscenza al Segretariato Generale Oggetto:

Dettagli

Subappalto necessario e soccorso istruttorio alla luce del d.l. n.90/2014 1.

Subappalto necessario e soccorso istruttorio alla luce del d.l. n.90/2014 1. Subappalto necessario e soccorso istruttorio alla luce del d.l. n.90/2014 1. di Arrigo Varlaro Sinisi 2 Alla luce della recente novità normativa 3 in tema di soccorso istruttorio, c è da domandarsi se

Dettagli

DIRITTI CIVILI E POLITICI

DIRITTI CIVILI E POLITICI Diritti umani e diritto internazionale, vol. 3 n. 3 2009 DIRITTI CIVILI E POLITICI Ancora sui rapporti tra ONU e CE in materia di lotta al terrorismo e tutela dei diritti fondamentali: la sentenza del

Dettagli

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO

Cassazione Penale Sez. II, 27 febbraio 2013 n. 9220 - Pres. Petti, Est. Gentile RITENUTO IN FATTO DETENZIONE PER FINI DI COMMERCIALIZZAZIONE DI SUPPORTI AUDIOVISIVI ABUSIVAMENTE RIPRODOTTI E RICETTAZIONE: LA LEX MITIOR SI APPLICA ANCHE SE SUCCESSIVAMENTE VIENE MODIFICATA IN SENSO PEGGIORATIVO Cassazione

Dettagli

Il riconoscimento e l esecuzione delle decisioni giudiziarie straniere

Il riconoscimento e l esecuzione delle decisioni giudiziarie straniere Il riconoscimento e l esecuzione delle decisioni giudiziarie straniere Nell ambito di un giudizio svoltosi in Belgio, Tizio ottiene l annullamento di un titolo di credito emesso in favore di Caio, suo

Dettagli

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita

La correttezza dell assunto pronunciato dal Gup di Milano, viene ribadita 1 La Cassazione chiarisce le conseguenze penali della sottrazione agli obblighi di mantenimento (cd. assegno) e l'ambito di applicazione dell'art. 3 della legge n. 54/2006. Corte di Cassazione, Sezione

Dettagli

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA?

LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI DEL COMMERCIO: COME SI APPLICA? La cosidetta LIBERALIZZAZIONE DEGLI ORARI delle attività di commercio al dettaglio e di somministrazione, ulteriormente confermata dal decreto

Dettagli

Testo Unico Ambientale: La disciplina transitoria sulla bonifica dei siti contaminati. Approfondimento. Diverse interpretazioni possibili

Testo Unico Ambientale: La disciplina transitoria sulla bonifica dei siti contaminati. Approfondimento. Diverse interpretazioni possibili Testo Unico Ambientale: La disciplina transitoria sulla bonifica dei siti contaminati. Approfondimento. Diverse interpretazioni possibili Federico Vanetti In un precedente commento sulle disposizioni transitorie

Dettagli

RISOLUZIONE N. 195/E

RISOLUZIONE N. 195/E RISOLUZIONE N. 195/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 16 maggio 2008 OGGETTO: Istanza di interpello - ART.11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Modalità di esercizio delle variazioni IVA in

Dettagli

Lidia Undiemi GIURETA. Vol. VIII 2010. Rivista di Diritto dell Economia, dei Trasporti e dell Ambiente

Lidia Undiemi GIURETA. Vol. VIII 2010. Rivista di Diritto dell Economia, dei Trasporti e dell Ambiente BREVE COMMENTO A MARGINE DELLA SENTENZA SULLA ESTERNALIZZAZIONE EUTELIA-AGILE-OMEGA. IL RUOLO DEI COLLEGAMENTI SOCIETARI NELLA VALUTAZIONE DELLA ANTISINDACALITA DELLA CONDOTTA NELL AMBITO DEL TRASFERIMENTO

Dettagli

L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d.

L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d. L iscrizione di un ipoteca su un immobile a seguito di somme non pagate relative a sanzioni amministrative per violazioni al C.d.S- problemi procedurali Come è noto l ipoteca è un diritto reale di garanzia

Dettagli

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita.

Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. PILLOLE DI GIURISPRUDENZA Colaci.it Si richiama l attenzione sulle seguenti sentenze del Consiglio di Stato,relative a questioni inerenti i concorsi pubblici e gli esami di maturita. Sentenza n.1740 del

Dettagli

Il dovere di fedeltà del lavoratore dipendente

Il dovere di fedeltà del lavoratore dipendente Il dovere di fedeltà del lavoratore dipendente L obbligo di fedeltà del prestatore di lavoro ha come fonte principale la norma contenuta nell art. 2105 c.c. che così recita: il prestatore di lavoro non

Dettagli

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale di Francesco Mingiardi e Luigi Patricelli Sommario: 1. La Giurisdizione - 2. La

Dettagli

RISOLUZIONE N. 41/E. Roma, 23 aprile 2015

RISOLUZIONE N. 41/E. Roma, 23 aprile 2015 RISOLUZIONE N. 41/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 23 aprile 2015 OGGETTO: Piani urbanistici particolareggiati - Art. 33, comma 3, della legge n. 388 del 2000 Applicabilità regime

Dettagli

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO

LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 107 ARGOMENTO LA DISCIPLINA DEL CONDOMINIO MINIMO 1. Traccia Tizio e Caio sono comproprietari di un edificio in località Mentana. Il primo, dopo avere di propria iniziativa provveduto ad alcune spese per

Dettagli

OGGETTO:Sanzioni amministrative non tributarie irrogate da AAMS Devoluzione al giudice tributario - Istruzioni operative.

OGGETTO:Sanzioni amministrative non tributarie irrogate da AAMS Devoluzione al giudice tributario - Istruzioni operative. Agli Uffici regionali AAMS Loro Sedi Prot. 198/Strategie/UPN e, p.c. Al Direttore della Direzione per i Giochi c.a. Dott. Antonio Tagliaferri Al Direttore della Direzione per le Accise c.a. Dott. Diego

Dettagli

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo

Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Il credito al consumo ed il mutuo di scopo Nota a : Cassazione Civile, 16 Febbraio 2010, n. 3589, sez. III. A cura del Dott. Matteo Smacchi, LL.M. 1 La sentenza della Corte di Cassazione Civile n. 3589

Dettagli

Gli arbitrati commerciali. L arbitrato societario: alcuni aspetti problematici

Gli arbitrati commerciali. L arbitrato societario: alcuni aspetti problematici L arbitrato societario: alcuni aspetti problematici Fondazione Forense Modenese Modena 5 ottobre 2012 venerdi 5 ottobre 2012 1 Premessa L arbitrato societario è disciplinato dagli artt. 34 ss. del d. lgs.

Dettagli

La revoca del licenziamento

La revoca del licenziamento La revoca del licenziamento di Irene Corso L art. 5 del d.lgs. n. 23/2015 disciplina gli effetti della revoca disposta dal datore di lavoro rispetto ad un licenziamento cui, se illegittimo, troverebbero

Dettagli

Commissione Tributaria Provinciale di Milano, Sez. 46, sent. n. Massima E illegittima l iscrizione a ruolo eseguita da un Ufficio

Commissione Tributaria Provinciale di Milano, Sez. 46, sent. n. Massima E illegittima l iscrizione a ruolo eseguita da un Ufficio Commissione Tributaria Provinciale di Milano, Sez. 46, sent. n. 149 del 17.4.2009, dep. il 21.5.2009. Massima E illegittima l iscrizione a ruolo eseguita da un Ufficio dell Agenzia delle Entrate territorialmente

Dettagli

Il principio di buona fede nei contratti di franchising

Il principio di buona fede nei contratti di franchising Il principio di buona fede nei contratti di franchising In questo articolo verrà analizzato il principio di buona fede applicato ai contratti di franchising, anche grazie all analisi della giurisprudenza

Dettagli

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione

Avv. Alberto Pojaghi. Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione NOVEMBRE 2008 Titoli generici ma distintivi. Tra marchio e concorrenza sleale Avv. Alberto Pojaghi Con sentenza n. 24036 del 24 settembre 2008 la Corte di Cassazione ha ritenuto che un'espressione generica

Dettagli

Trasferimenti in sede di separazione e divorzio. Domande Frequenti

Trasferimenti in sede di separazione e divorzio. Domande Frequenti CORSO DI AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE DI INTERESSE NOTARILE ALTRE AGEVOLAZIONI DI INTERESSE NOTARILE Trasferimenti in sede di separazione e divorzio Domande Frequenti Sommario 1. Prima dell introduzione dell

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 44 del 24 Marzo 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Soci amministratori unici con tutela assicurativa INAIL Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Lavoro, Previdenza Sociale

SENATO DELLA REPUBBLICA. Commissione Lavoro, Previdenza Sociale SENATO DELLA REPUBBLICA Commissione Lavoro, Previdenza Sociale Indagine conoscitiva sullo stato di attuazione della disciplina in materia di diritto al lavoro delle persone disabili Audizione Associazione

Dettagli

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società

Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società CIRCOLARE N. 2 DEL 29 GENNAIO 2010 DIRITTO SOCIETARIO Le indicazioni obbligatorie negli atti, nella corrispondenza e nei siti web delle società www.assonime.it ABSTRACT Questa circolare illustra le novità

Dettagli

Know-how e patto di non concorrenza dei dipendenti: istruzioni per l usol

Know-how e patto di non concorrenza dei dipendenti: istruzioni per l usol Know-how e patto di non concorrenza dei dipendenti: istruzioni per l usol Avv. Barbara Sartori 24/09/2012 Il know-how aziendale Normativa comunitaria (Reg. CE 772/2004 art. 1, par. 1, lett. i) Il know

Dettagli

Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata

Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata 1 Danno morale: categoria autonoma o componente del danno biologico? Con riferimento alle diverse tipologie di risarcimento riconoscibili in favore della persona danneggiata si è consolidato, nel corso

Dettagli

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due

Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci. occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due Il tema principale che giustifica il provvedimento che quest oggi ci occupa verte sulla possibilità di confusione fra le denominazioni di due società, regolamentata dell art. 2564 c.c., che prevede l integrazione

Dettagli

ANTICIPATA VIA FAX. All Avvocatura Regionale SEDE. All Assessore alle Politiche dei Lavori Pubblici e Sport Massimo Giorgetti SEDE

ANTICIPATA VIA FAX. All Avvocatura Regionale SEDE. All Assessore alle Politiche dei Lavori Pubblici e Sport Massimo Giorgetti SEDE Ministero delle infrastrutture e dei trasporti Circolare 5 agosto 2009 (in G.U. n. 187 del 13 agosto 2009) Nuove norme tecniche per le costruzioni approvate con decreto del Ministro delle infrastrutture

Dettagli

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE

PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE 1 PRESUPPOSTO IMPOSITIVO DELL IMPOSTA DI REGISTRO E DELLE ALTRE IMPOSTE INDIRETTE DPR 131/86 1 Prassi C.M. 11.7.91 n. 37; Circ. Agenzia delle Entrate 22.1.2008 n. 3 Giurisprudenza Cass. 5.2.90 n. 1963

Dettagli

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO

IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO IL PROCEDIMENTO GIUDIZIALE SPECIFICO: IL CD. RITO FORNERO La Riforma Fornero (L. n. 92/2012) introduce importanti novità in tema di licenziamenti e del processo del lavoro, delineando all art. 1 commi

Dettagli

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni.

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. QUADRO NORMATIVO ( Stralcio in Allegato n.1): L art. 23 della L.62/2005 (Comunitaria 2004) ha

Dettagli

Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto

Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto Crisi d impresa e disciplina degli obblighi di mantenimento del patrimonio netto (1) La causa di scioglimento della s.p.a. e della s.r.l. di cui all art. 2484 n. 4) c.c. non opera allorché, in presenza

Dettagli

La bonifica delle aree di ridotte dimensioni D.lgs. n. 152/06- Testo Unico Ambientale Federico Vanetti

La bonifica delle aree di ridotte dimensioni D.lgs. n. 152/06- Testo Unico Ambientale Federico Vanetti La bonifica delle aree di ridotte dimensioni D.lgs. n. 152/06- Testo Unico Ambientale Federico Vanetti Tra le innovazioni introdotte dal D.Lgs. n. 152/06, merita di essere approfondita la nuova disciplina

Dettagli

Diritto e processo.com. Cassazione, sez. Unite Civili, 1 febbraio 2012, n. 1418. (Estratto da Diritto e Processo formazione n.4/2012) QUESTIO IURIS

Diritto e processo.com. Cassazione, sez. Unite Civili, 1 febbraio 2012, n. 1418. (Estratto da Diritto e Processo formazione n.4/2012) QUESTIO IURIS Il ritiro della notifica è atto processuale? E se coincide con il sabato è prorogato al primo giorno seguente non festivo? notifica e compiuta giacenza di Elena Loghà Diritto e processo.com Cassazione,

Dettagli

RISOLUZIONE N. 119 /E

RISOLUZIONE N. 119 /E RISOLUZIONE N. 119 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 31 dicembre 2014 OGGETTO: Interpello ordinario, art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Tassazione decreto ingiuntivo con enunciazione di fideiussione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 46/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 46/E QUESITO RISOLUZIONE N. 46/E Direzione Centrale Normativa Roma, 5 luglio 2013 OGGETTO: Consulenza giuridica Uffici dell Amministrazione finanziaria. Imposta di registro. Determinazione della base imponibile degli

Dettagli

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA

TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA TAR TOSCANA: NON SEM PRE BASTA LA SOA di Massimo Gentile Il caso di specie Oggetto del presente approfondimento è una recentissima pronuncia del Tribunale Amministrativo Regionale per la Toscana (sentenza

Dettagli

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI di Viviana Cavarra Avvocato in Milano Il quadro normativo

Dettagli

RISOLUZIONE N. 234/E

RISOLUZIONE N. 234/E RISOLUZIONE N. 234/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 24 agosto 2009 provinciali OGGETTO:Istanza di interpello - trasmissione delazione ereditaria obbligo di presentazione della dichiarazione

Dettagli

A) OPPOSIZIONI CARTELLE ESATTORIALI

A) OPPOSIZIONI CARTELLE ESATTORIALI Contributo unificato, diritti di copia, indennità ex art. 30 t.u. spese di giustizia e imposta di registro nei procedimenti, in materia di sanzioni amministrative, di opposizione alle cartelle esattoriali,

Dettagli

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile

Fiscal News N. 117. Finanziamento soci postergato. La circolare di aggiornamento professionale 08.04.2015. Premessa. Codice civile Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 117 08.04.2015 Finanziamento soci postergato Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Nonostante l entrata in vigore della riforma

Dettagli

Circolare Informativa n 21/2013

Circolare Informativa n 21/2013 Circolare Informativa n 21/2013 DURC negativo ed intervento sostitutivo della stazione appaltante e-mail: info@cafassoefigli.it - www.cafassoefigli.it Pagina 1 di 6 INDICE Premessa pag.3 1) Intervento

Dettagli

Direzione Centrale Normativa

Direzione Centrale Normativa RISOLUZIONE N. 75/E Roma, 26 luglio 2010 OGGETTO: Istanza di interpello - Articolo 11 della legge n. 212 del 2000 Esenzione dall imposta sulle successioni e donazioni dei trasferimenti di quote sociali

Dettagli

IL COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CARATELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

IL COLLEGIO DI ROMA. Membro designato dalla Banca d'italia. (RM) CARATELLI Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari IL COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) MARZIALE (RM) DE CAROLIS (RM) LEPROUX Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) CARATELLI Membro designato

Dettagli

LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO

LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO PROF. ANGELO SCALA Indice 1 LE SINGOLE AZIONI CIVILI: L AZIONE DI ACCERTAMENTO ---------------------------------------------- 3 Per il proficuo studio

Dettagli

Il fondo comune d investimento. Patrimonio separato e soggettività. 14/07/2014. Annunziata & Conso

Il fondo comune d investimento. Patrimonio separato e soggettività. 14/07/2014. Annunziata & Conso Il fondo comune d investimento. Patrimonio separato e soggettività. 14/07/2014 Annunziata & Conso La recente sentenza del Tribunale di Roma del 20 maggio 2014, n. 11384, offre l occasione per fare il punto

Dettagli

IL KNOW-HOW NEL DIRITTO INDUSTRIALE

IL KNOW-HOW NEL DIRITTO INDUSTRIALE SOMMARIO Prefazione di Umberto Scotti... I collaboratori... V XVII PARTE PRIMA IL KNOW-HOW NEL DIRITTO INDUSTRIALE CAPITOLO 1 KNOW-HOW E SEGRETO NELL EVOLUZIONE DELLE FONTI di ALBERTO CAMUSSO 1. Introduzione...

Dettagli

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo

Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo 476 Atto n. 23 Comparsa di costituzione e risposta. Cessione del credito Concordato preventivo di Claudia Mariani Traccia La società Alfa s.r.l., in data 10 novembre 2014, ha ceduto alla Gamma s.r.l. il

Dettagli

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore.

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore. Pagina 1 di 6 SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 31 marzo 2011 (*) «Inadempimento di uno Stato Ambiente Direttiva 2008/1/CE Prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento Condizioni di autorizzazione

Dettagli

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori

Scelte gestionali e diligenza degli amministratori 7/2009 Il Caso Scelte gestionali e diligenza degli amministratori IN BREVE Una recentissima sentenza della Cassazione conferma il sistema della responsabilità degli amministratori di società delineato

Dettagli

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

CIRCOLARE N. 19/E. OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso CIRCOLARE N. 19/E Roma, 09 maggio 2005 OGGETTO: Aumento dell aliquota dell imposta sostitutiva sui finanziamenti di cui al decreto legge 12 luglio 2004, n. 168.

Dettagli

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO

DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO L 110/30 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 1.5.2009 DIRETTIVE DIRETTIVA 2009/22/CE DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO del 23 aprile 2009 relativa a provvedimenti inibitori a tutela degli interessi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 90 /E

RISOLUZIONE N. 90 /E RISOLUZIONE N. 90 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 17 ottobre 2014 OGGETTO: Interpello Acquisto per usucapione di beni immobili Applicabilità delle agevolazioni prima casa. Con l interpello in esame,

Dettagli

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che

LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA. Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che LA RESPONSABILITÀ DEL PROFESSIONISTA Responsabilità civile: cenni generali. - L art 2043 del codice civile dispone che qualunque fatto doloso o colposo che cagioni ad altri un danno ingiusto obbliga colui

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO I PARERI SULLA GIURISPRUDENZA DEL LAVORO PARERE N. 7 TERMINE PER IRROGARE LA SANZIONE DISCIPLINARE IL QUESITO Si chiede di precisare quali sono gli effetti delle

Dettagli

LA NUOVA COMPENSAZIONE IVA LE NUOVE REGOLE DA ADOTTARE DAL 2010

LA NUOVA COMPENSAZIONE IVA LE NUOVE REGOLE DA ADOTTARE DAL 2010 LA NUOVA COMPENSAZIONE IVA LE NUOVE REGOLE DA ADOTTARE DAL 2010 Le altre novità dell articolo 10 del D.L.78/2009 Numerose le modifiche tributarie introdotte dall articolo 10 del D.L.78/2009 che interessano

Dettagli

Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua.

Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua. Tribunale di Torino 1 febbraio 2008 Pres. Vigone, Est. Di Capua. Società di persone Efficacia verso i soci del titolo esecutivo ottenuto nei confronti della società Iscrizione di ipoteca nei confronti

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Le clausole successorie: tra libertà testamentaria e il divieto di patti successori A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Regime legale della successione mortis causa della partecipazione liquidare

Dettagli

Soci amministratori unici con tutela assicurativa INAIL

Soci amministratori unici con tutela assicurativa INAIL Ai gentili clienti Loro sedi Soci amministratori unici con tutela assicurativa INAIL Premessa L INAIL, con una nota, in risposta ad un quesito dell Ordine dei Consulenti del lavoro (prot. n. 60010 del

Dettagli

CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI. La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari

CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI. La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari CONFEDERAZIONE C.E.S.A. CENTRO EUROPEO SERVIZI ASSOCIATI Iscritta nel registro Prefettizio del Governo al n. 166 codice fiscale: 91102990404 La disciplina legislativa dei contratti di conto corrente bancari

Dettagli

NORMA DI COMPORTAMENTO N. 185

NORMA DI COMPORTAMENTO N. 185 ASSOCIAZIONE ITALIANA DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI SEZIONE DI MILANO COMMISSIONE NORME DI COMPORTAMENTO E DI COMUNE INTERPRETAZIONE IN MATERIA TRIBUTARIA *** *** *** NORMA DI COMPORTAMENTO

Dettagli

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014)

di Sandro De Gotzen (in corso di pubblicazione in Le Regioni, 2014) Discontinuità argomentativa nei giudizi su norme regionali di reinquadramento del personale di enti di diritto privato e di diritto pubblico regionali (nota a sent. 202 del 2014) di Sandro De Gotzen (in

Dettagli

La responsabilità da illeciti tributari

La responsabilità da illeciti tributari La responsabilità da illeciti tributari La disciplina della responsabilità amministrativa nei casi di violazioni che abbiano inciso sulla determinazione o sul pagamento del tributo è differente a seconda

Dettagli

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014

NEwSLETTER. Del 17 marzo 2014 NEwSLETTER Del 17 marzo 2014 La giurisprudenza a seguito delle novità Introdotte con il d.l. 150/2012 (c.d. decreto balduzzi), convertito con modificazioni dalla l. 189/2012 In considerazione delle problematiche

Dettagli

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO

DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA. di NICOLA LOFRANCO DEROGHE ALL ORDINARIO REGIME DI RESPONSABILITÀ DEL PROVIDER, E DUBBI ALLA LUCE DELL ORIENTAMENTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA di NICOLA LOFRANCO Con la sentenza n. 29/2015 del 7 gennaio 2015 la Corte d Appello

Dettagli

I reati Tributari. 2. La tesi contraria all inclusione dei reati tributari

I reati Tributari. 2. La tesi contraria all inclusione dei reati tributari Newsletter 231 n. 3/2014 I reati Tributari 1. Premessa I reati Tributari di cui al D.lgs 10 marzo 2000, n. 74 non sono ancora - contemplati tra i reati presupposto della responsabilità amministrativa degli

Dettagli

Piccolo imprenditore

Piccolo imprenditore Piccolo imprenditore Art. 2083 c.c.: «Sono piccoli imprenditori i coltivatori diretti del fondo, gli artigiani, i piccoli commercianti e coloro che esercitano un attività professionale organizzata prevalentemente

Dettagli

RISOLUZIONE N. 1/2008

RISOLUZIONE N. 1/2008 PROT. n. 29463 ENTE EMITTENTE: OGGETTO: DESTINATARI: RISOLUZIONE N. 1/2008 Direzione dell Agenzia Mutui posti in essere da Enti, istituti, fondi e casse previdenziali nei confronti di propri dipendenti

Dettagli

Trust: imposta di donazione immediata. Cassazione, ordinanze n. 3735, 3737 e 3866

Trust: imposta di donazione immediata. Cassazione, ordinanze n. 3735, 3737 e 3866 Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 102 24.03.2015 Trust: imposta di donazione immediata Cassazione, ordinanze n. 3735, 3737 e 3866 Categoria: Enti commerciali/non commerciali Sottocategoria:

Dettagli

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno SPP, si ritorna al principio sancito dal 626 28 agosto 2013 di Renzo Rivalta E giunto alla conclusione l iter di conversione

Dettagli

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo

Diritto Industriale e del Commercio Internazionale. aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo Diritto Industriale e del Commercio Internazionale aa. 2008/2009 Docente: Alessandra Zanardo CONCORRENZA SLEALE art. 2598 e ss. c.c. (primo intervento normativo statale specifico) atti di concorrenza sleale

Dettagli

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda

Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Modifica delle condizioni stabilite nella sentenza di divorzio La modifica decorre dal momento della proposizione della domanda Cassazione Sentenza n. 3922/2012 commento e testo Studio legale law In materia

Dettagli

CORRISPONDENZA TRA QUOTE DI QUALIFICAZIONE, DI PARTECIPAZIONE E QUOTE DI ESECUZIONE NEGLI APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE

CORRISPONDENZA TRA QUOTE DI QUALIFICAZIONE, DI PARTECIPAZIONE E QUOTE DI ESECUZIONE NEGLI APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE 1. NULLITÀ DELLA CLAUSOLA DEL BANDO CHE IMPONE LA CORRISPONDENZA TRA QUOTE DI QUALIFICAZIONE, DI PARTECIPAZIONE E QUOTE DI ESECUZIONE NEGLI APPALTI DI SERVIZI E FORNITURE 2. VERIFICA DI ANOMALIA E UTILE

Dettagli

NEWSLETTER DI DIRITTO DEI CONSUMATORI E CONTENZIOSO n. 3 del 26 settembre2014

NEWSLETTER DI DIRITTO DEI CONSUMATORI E CONTENZIOSO n. 3 del 26 settembre2014 NEWSLETTER DI DIRITTO DEI CONSUMATORI E CONTENZIOSO n. 3 del 26 settembre2014 : I DIRITTI DEI PASSEGGERI NELL ESPERIENZA ITALIANA SOMMARIO (I) Premessa... 1 (II) Il giudice competente per territorio...

Dettagli

Guardie volontarie e funzioni di PG: nota alla circolare del 15 ottobre 2005 del Ministero dell Interno

Guardie volontarie e funzioni di PG: nota alla circolare del 15 ottobre 2005 del Ministero dell Interno Guardie volontarie e funzioni di PG: nota alla circolare del 15 ottobre 2005 del Ministero dell Interno a cura dell Avv. Valentina Stefutti Il Ministero dell Interno, con nota circolare prot. 1795 del

Dettagli

Parere n. 55/2010 Vincolo convenzionale del prezzo di cessione di alloggi di edilizia economica popolare. Caducazione

Parere n. 55/2010 Vincolo convenzionale del prezzo di cessione di alloggi di edilizia economica popolare. Caducazione Parere n. 55/2010 Vincolo convenzionale del prezzo di cessione di alloggi di edilizia economica popolare. Caducazione Vengono posti al Servizio scrivente diversi quesiti in ordine alla caducazione del

Dettagli

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO)

COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) COMUNE DI OULX (PROVINCIA DI TORINO) VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 122 OGGETTO: Illecito amministrativo n. 42/05/RD del 14 febbraio 2005 (obiettivo % di raccolta differenziata rifiuti

Dettagli

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE

Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE Nota a Cassazione, sez. lavoro, n. 9925 del 5 maggio 2011 Pres. Lamorgese; Rel. Stile; Pm (conforme) Destro. LA GENERICA MOTIVAZIONE DEL RECESSO EQUIVALE ALLA MATERIALE OMISSIONE DELLA COMUNICAZIONE DEI

Dettagli

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186

CAPITOLO 1. Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 CAPITOLO 1 Legge 15 Dicembre 2014 n. 186 Art 3. Modifica al codice penale in materia di riciclaggio 1. All Art. 648 bis, primo comma, del codice penale, che disciplina il diritto di riciclaggio le parole

Dettagli

L ILLEGITTIMITA DEL DINIEGO DI AUTOTUTELA NON COMPROMETTE LA PRETESA FISCALE

L ILLEGITTIMITA DEL DINIEGO DI AUTOTUTELA NON COMPROMETTE LA PRETESA FISCALE L ILLEGITTIMITA DEL DINIEGO DI AUTOTUTELA NON COMPROMETTE LA PRETESA FISCALE Flavio Ficara (Estratto da Diritto e Processo formazione n. 4/2011 ) QUAESTIO IURIS Nella sentenza del 29 dicembre 2010, n.

Dettagli

PARERE IN MERITO AL CONDONO TARSU DEL COMUNE DI LECCE

PARERE IN MERITO AL CONDONO TARSU DEL COMUNE DI LECCE PARERE IN MERITO AL CONDONO TARSU DEL COMUNE DI LECCE A) PREMESSA Il Consiglio Comunale di Lecce con la deliberazione n. 56 del 01 agosto 2012 ha approvato il regolamento per la definizione agevolata della

Dettagli

INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO

INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO INDAGINI DIFENSIVE e GIUDIZIO ABBREVIATO La Corte costituzionale riaffronta il tema delle indagini difensive nel rito abbreviato. Con l ordinanza n. 245 del 2005 la Corte aveva dichiarato manifestamente

Dettagli

DOSSIER DI APPROFONDIMENTO GIURIDICO

DOSSIER DI APPROFONDIMENTO GIURIDICO IX LEGISLATURA AREA GIURIDICO-LEGISLATIVA Servizio per l'assistenza giuridico-legislativa in materia di attività economico produttive e di territorio e ambiente DOSSIER DI APPROFONDIMENTO GIURIDICO Argomento:

Dettagli