Cosa cambia. per noi. Atlanticus

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Cosa cambia. per noi. Atlanticus"

Transcript

1 Cosa cambia per noi Bush e Kerry sono portatori di visioni diverse dell America e di come gli Stati Uniti possano recitare il ruolo di unica superpotenza mondiale. Ma la realtà è che chiunque venga eletto presidente la politica della futura amministrazione partirà condizionata da fattori che Washington non controlla. Fra questi, l atteggiamento dell Europa. Al di là del minimo comune denominatore europeo e atlantico, l Italia può fare affidamento (se lo vorrà) sulla continuità nel rapporto bilaterale con gli Stati Uniti, vinca l uno o l altro candidato alla Casa Bianca. Atlanticus Bush e Kerry sono entrambi in buona fede quando promettono una politica estera diversa (l uno dall altro), ed è una novità in America, dove la bipartisanship di fondo ha accompagnato le relazioni internazionali di Washington da Pearl Harbor alla fine del XX secolo 1. Hanno quindi apparentemente ragione quanti, in Europa e in Italia, si attendono politiche estere americane distinte a seconda che vi sia o meno un cambio di guardia alla Casa Bianca; il tifo estero rispettivamente per Kerry o (in misura molto minore) per Bush è perfettamente comprensibile. Non vi è dubbio che l elezione dell uno o dell altro faccia differenza, e notevole, per l America. Quanto la possa fare anche per il mondo è più aleatorio. Dipenderà da quanto il futuro presidente sarà libero di prendere le iniziative e perseguire le politiche più consone alla propria visione e alle priorità enunciate in campagna elettorale. In realtà, chiunque vinca sarà fortemente condizionato dalle circostanze, dalle crisi in atto o all orizzonte, dai vincoli interni ed esterni e dalle risposte e reazioni degli europei ( vecchi e nuovi ), degli altri principali partner e/o controparti e dei regimi ostili (Iran, Siria, Corea del Nord). Sia il rieletto presidente Bush che il neopresidente Kerry esordirebbero con un agenda già fitta di problemi e di scadenze,

2 con un dispositivo militare di superiorità indiscussa ma overstretched. Quattro anni fa, quando Bush entrò alla Casa Bianca per il primo mandato, la situazione internazionale (e degli Stati Uniti) era completamente differente dall attuale. Non c era un Iraq invaso, non una guerra al terrorismo in corso, non una Corea del Nord dichiaratamente nucleare, e così via. Nel gennaio 2005 è invece caratterizzata da un groviglio di nodi, alcuni dei quali potrebbero venire al pettine molto rapidamente, entro mesi piuttosto che anni; altrove fermentano situazioni difficili, dal Caucaso al Venezuela petrolifero di Chavez, che in qualsiasi momento possono varcare la soglia della crisi. Quali che siano le rispettive priorità, il futuro presidente dovrà adattarle, aggiustarle e talvolta rinviarle. Si troverà spesso a reagire o a continuare iniziative già intraprese (leggi Iraq, Afghanistan) piuttosto che a prenderne di nuove. Le piattaforme elettorali dei due candidati forniscono un indicazione parziale e molto approssimativa di quale potrà essere la loro politica estera effettiva; più illuminanti semmai sono le rispettive personalità e i collaboratori o le idee cui fanno riferimento. Sia per Bush che per Kerry si possono immaginare in teoria due scenari, con l avvertenza che la pratica se ne discosterà comunque. Anche perché uno dei fattori determinanti della futura politica estera americana è un incognita: la prossima crisi inattesa. L incognita iniziale. Il contesto attuale è particolarmente denso di crisi in corso (in primis Iraq) o in agguato, ma ancora più dirompente per una nuova amministrazione (quindi più per Kerry che per Bush 2 ) è lo scenario di una crisi inattesa. Per definizione, può prodursi o meno. Vi sono tuttavia buoni motivi perché avvenga: il cambio della guardia spinge i rivali a mettere alla prova la nuova gestione, dal canto suo più vulnerabile a distrazioni. Quando avviene, lascia il segno. I precedenti abbondano: la Baia dei Porci per Kennedy, l invasione dell Iraq per Bush padre, Mogadiscio per Clinton, l 11 settembre per Bush figlio 3. Non è tanto la gravità della crisi che conta quanto l impreparazione dell amministrazione a gestirla. È un contropiede. La risposta potrà anche essere una rivincita (guerra del Golfo) o un recupero (Kennedy), ma in un primo momento l effetto è negativo, spesso amplificato rispetto alla causa. Il fallimento in Somalia, operazione iniziata dalla presidenza Bush, condizionò pesantemente Clinton e fece del nation building un anatema politico; si può arguire che ritardò il coinvolgimento americano nei Balcani di due anni, fino a che non divenne moralmente più che politicamente inevitabile: senza Mogadiscio, forse non vi sarebbe stata Srebrenica (e il genocidio del Ruanda avrebbe potuto prendere una piega diversa). Più della crisi in sé, sono questo tipo di conseguenze che ne fanno un defining factor di una nuova presidenza. Prima e dopo non è più la stessa. Più specificamente (e questo vale in parte anche per un amministrazione rieletta) la crisi, non essendo fra quelle previste e messe in conto, non trova una risposta già pronta. La presidenza, 55

3 ancora all esordio, è costretta a discostarsi dal programma e dalle priorità con cui era partita, scopre nuovi nemici e nuovi amici, mette alla prova gli alleati, verifica rapporti già collaudati. E si domanda cosa fare nelle nuove circostanze. In pratica, è quello che è avvenuto drammaticamente con l 11 settembre. L 11 settembre è sperabilmente irripetibile. Ma il tratto comune delle crisi incognite nel primo anno di presidenza è che danno un impronta e una piega spesso decisiva alla politica estera dell amministrazione. L effetto finale può anche essere positivo, di una frustata salutare o di un campanello d allarme. 56 Bush 2: continuità unilateralista o internazionalismo prudente? Teoricamente il solco della politica estera del secondo mandato è tracciata dal primo. Quindi, continuità 4. Ma a quale Bush fare riferimento per la continuità in politica estera nel secondo mandato: a quello del marzo 2003 (intervento in Iraq senza curarsi del Consiglio di Sicurezza) o a quello del giugno 2004 (risoluzione 1546 dello stesso Consiglio, G8 di Sea Island, vertice NATO di Istanbul, trasferimento di sovranità al governo interinale iracheno sotto gli auspici più o meno dell inviato speciale dell ONU, Brahimi)? L uno o l altro prospettano due approcci alle relazioni internazionali non antitetici, ma profondamente diversi. Bush non ne rinnegherà mai alcuno (il riconoscere cambiamenti di rotta non fa parte del suo vocabolario), ma le scelte del prossimo Gabinetto (specie i posti chiave) diranno implicitamente in che direzione vuole andare. Descriverle schematicamente è abbastanza semplice. Prima ipotesi: conversione al (molto) relativo multilateralismo degli ultimi mesi. Come ha già fatto in Iraq, Bush è costretto, in generale, a prendere atto che l America, da sola, non ce la fa a gestire le crisi, specialmente nella fase post conflitto, come del resto gli vanno ripetendo vari repubblicani doc, come i collaboratori del padre 5. Inoltre, con centomila e più uomini bloccati nel triangolo sunnita e dintorni manca-

4 no le forze militari per altre invasioni. La dottrina della guerra preventiva va messa (temporaneamente?) in naftalina, fatta eccezione per eventuali campagne aeree e/o interventi chirurgici. Fatta di necessità virtù, la seconda amministrazione Bush raddoppia gli sforzi nella controproliferazione (Iran, Corea del Nord) sia attraverso le istituzioni multilaterali classiche (AIEA, Consiglio di Sicurezza), sia attraverso formule à la carte (Proliferation Security Initiative; terzetto franco-tedesco-britannico per dialogare con Teheran; six-party talks con Pyongyang); comunque senza più agire unilateralmente, se non di fronte a un emergenza nazionale 6. Questo implica più Nazioni Unite, ma anche più NATO, e più convintamente; più Powell (che in tale contesto potrebbe anche rimanere) e molto meno Rumsfeld (che con ogni probabilità lascerà, troppo corroso dagli insuccessi della pianificazione in Iraq e dall onda lunga di Abu Ghraib). A Washington, un sano conservatorismo internazionalista e realista subentra così alle illusioni utopiche dei neoconservatori. Probabilità: 40%. La seconda alternativa è che la rielezione dimostri (a Bush) di aver avuto ragione : perché cambiare l impostazione ideologica della politica estera? Negli ambienti lealisti che circondano il presidente, la risposta ovvia (perché non funziona) non è affatto pacifica. E soprattutto, quali sono le alternative? Per Bush il bilancio dello scorcio multilateralista degli ultimi mesi non è molto soddisfacente. La risoluzione 1546 non ha portato alcun beneficio in termini di truppe per l Iraq; l ONU non è nemmeno riuscita ad arruolare una forza di protezione. Dalla NATO, Bush ha ottenuto solo l impegno all addestramento delle forze armate irachene, con continue difficoltà frapposte da Parigi e Berlino. Ancora peggio, gli europei non riescono a mettere in campo gli uomini e i mezzi necessari in Afghanistan. Che conclusione trarne, ai fini di questo presidente, se non che l approccio non funziona? Giunto al secondo mandato, un presidente non ha più bisogno di fare concessioni o compromessi. Può seguire i propri istinti e quelli di Bush sono inequivocabilmente unilaterali. Non negozio con me stesso è la sua famosa definizione di come affron- 57

5 58 tare interlocutori discordi, mentre offrire di incontrarli a metà strada è l essenza del multilateralismo. Questo secondo Bush unilaterale non sarebbe identico al primo. Limitato dall overstretching militare, (forse) reso più saggio dall esperienza irachena che ha dimostrato la fallacia dell utopia neoconservatrice pura, favorito dal ricambio di personale, che gli permette di varare una squadra più pragmatica 7, il presidente propenderà per un unilateralismo più realistico e più prudente nell intraprendere nuove avventure (niente Siria, a meno di esserci tirato per i capelli da Assad, o da Sharon...). La guerra al terrorismo rimarrà la priorità numero uno e gli alleati e partner saranno misurati in base alla loro capacità e volontà di contribuirvi. Probabilità: 60%. Per gli europei e per la NATO il test di come regolarsi con la rieletta amministrazione repubblicana sarà innanzitutto l Afghanistan. Passi l Iraq, dove è ormai chiaro che la spaccatura non si rimargina, ma sull Afghanistan non ci sono divergenze politiche profonde. Può l Alleanza dimostrare di essere ancora lo strumento d elezione della solidarietà transatlantica? La partita si gioca a Kabul, a Kandahar e a Mazar-i-Sharif. Più a lungo termine, gli europei dovranno decidere come regolarsi con la seconda amministrazione Bush. Tedeschi e francesi, e le opinioni pubbliche continentali (compresa quella britannica), hanno fatto apertamente il tifo per Kerry. A giugno, Chirac e Schröder 8 si sono limitati alle minime concessioni possibili per salvare le apparenze di una ritrovata solidarietà euro-americana. Dopo novembre verrà il momento di scoprire le carte. Collaborazione o contrappeso? Il corso della seconda amministrazione Bush che non ha interesse ad antagonizzare l Europa 9, né vecchia né nuova (altro errore di Rumsfeld che il nuovo team eviterà di ripetere) dipenderà in buona parte dalle scelte dei governi europei e di Bruxelles, dove pure, senza tanta pubblicità, il cambio della guardia da Prodi a Barroso contiene un mutamento profondo di atteggiamento. Kerry 1: cosa promette e cosa otterrà. A poche settimane dal voto 10, la politica estera del candidato democratico resta un incognita. Ovvero, su tutte le questioni spinose, a cominciare dall Iraq, si limita a dire che farebbe meglio di Bush. Sul come riuscirci è sempre piuttosto vago. Un punto fermo, sia nella critica che nel farsi propositivo, è il recupero di friends and allies e dell immagine dell America nel mondo. Kerry ne ha fatto un tema costante di campagna elettorale, toccando evidentemente qualche corda sensibile nel pubblico. L antiamericanismo dilagante, non solo in Europa 11, ma in Asia, in America latina, per non parlare del mondo arabo, colpisce nel vivo dell immaginario collettivo anche in una nazione che si ritiene al di sopra di tutte le altre. A nessuno piace non piacere. Kerry ha nel contempo: a) accusato l amministrazione Bush di aver gettato alle ortiche oltre mezzo secolo di politica estera (bipartisan) ancorata saldamente alle istituzioni

6 multilaterali (l ONU è una creazione americana, per non parlare delle istituzioni di Bretton Woods) e poggiante su solide e durature alleanze, NATO in primo luogo, Giappone e Corea del Sud in Estremo Oriente; b) promesso di tornarvi. Musica per le orecchie dei governi e dei parlamenti a Berlino e a Seul. Senonché il senatore del Massachusetts ha anche promesso (agli elettori) che così facendo riuscirà a ottenere dai friends and allies quello che oggi negano a Bush, cioè truppe per l Iraq e per altre eventuali crisi e appoggio politico per le iniziative di Washington. Il primo problema che si porrà al neoeletto presidente Kerry sarà di darvi seguito, il che non dipenderà dalla sua buona volontà, ma da quella di Chirac, Zapatero, e così via. E il nuovo presidente americano non avrà molto tempo per dimostrare di non aver parlato a vuoto. Non vi è il minimo dubbio che Kerry intenda rilanciare immediatamente l immagine di un America atlantica e multilateralista. Né che godrà di una luna di miele iniziale con quanti, in Europa e altrove, nasconderanno a malapena il sollievo per essersi liberati di Bush. Vi sarà un marcato cambiamento di tono e di atmosfera, forse iniziative di visibilità del nuovo presidente a New York, dove le Nazioni Unite celebreranno il 60 anniversario, e nei confronti dei leader europei. Ma poi? I due scenari che si possono tracciare per la politica estera di un amministrazione democratica derivano dall accettazione o rigetto che le aperture di Kerry troveranno in Europa e altrove. Paradossalmente, più dalle risposte delle grandi capitali europee, di Bruxelles, di Pechino, dagli equilibri in Consiglio di Sicurezza, che dalla stessa Washington, almeno nella prima fase (anno) del mandato. Kerry costringerà gli europei che si sono opposti a Bush, Francia in prima fila, a venire allo scoperto: è stata un opposizione tattica, contro l unilateralismo della presente amministrazione, o è un opposizione strutturale, in cui si esprime la volontà di imbrigliare l hyperpuissance americana in una tela multipolare? E lo scopo ultimo dell Unione Europea è di essere partner o contrappeso (e, magari in futuro, concorrente)? Quanto sono disposti, i friends and allies, ad aiutare non il candidato Kerry, ma il presidente Kerry, che avrà bisogno non di parole, ma di fatti? Tenuto conto che, a differenza di Bush, non esiste un metro di paragone, ecco, in estrema sintesi, i due corsi di politica estera che si aprono a una futura amministrazione democratica. Primo scenario. L approccio di Kerry funziona, l America torna a un multilateralismo perseguito da posizioni di forza, che ricorda più la diplomazia muscolare di Holbrooke e Albright che non quella negoziatoria di Christopher (al Qaeda e Kim Il Sung non consentono né distrazioni né temporeggiamenti), con l Europa si ristabilisce un rapporto di fiducia (che ora è incrinato e viceversa) fondato sulla percezione di essere sulla stessa barca e che le divergenze sono tattiche (e superabili), non strategiche. È un rinnovato atlantismo, fondato sulla realtà degli interessi e minacce comuni più che sulla retorica dei valori condivisi. In campo democratico, ci si rende conto del divario fra le promesse di Kerry e l ef- 59

7 60 fettiva disponibilità degli europei ad andargli incontro. I segnali dalle capitali chiave, Parigi e Berlino, non sono molto incoraggianti, specie sull Iraq, specie sull eventuale burden sharing militare 12. Idem per un accresciuto ruolo della NATO, in Iraq e in Afghanistan: può fare di più in modo incrementale (come potrebbe fare per un rieletto Bush), ma difficilmente si avrà un salto di qualità e di quantità. Speculativamente, il banco di prova e la migliore opportunità per una ritrovata unità d intenti e d azione fra Europa e Stati Uniti è la questione nucleare iraniana. L Iran è con ogni probabilità il prossimo grosso show-down. Washington non può accettare un Iran nucleare 13. Se europei e americani maturano un approccio congiunto e coerente, che riesca partendo dalle pressioni diplomatiche fino a giungere all estremo di contemplare (ove tutto il resto, vale a dire AIEA, Consiglio di Sicurezza, sanzioni economiche, fallisca) l intervento militare (quanto più possibile chirurgico) nell ardua impresa di fermare il programma atomico iraniano 14, allora verrebbero gettate le basi di una nuova grande intesa transatlantica. Su questo terreno, a differenza di Bush, Kerry ha la credibilità per mettere tutte le carte sul tavolo degli europei 15. Disinnescando insieme la principale minaccia al regime di non proliferazione, Stati Uniti ed Europa dimostrerebbero che l Alleanza c è ancora e che funziona. Secondo scenario. Kerry è accolto con belle parole e col tappeto rosso, ma a parte i complimenti non ottiene molto di più di Bush. Gli USA e gli altri paesi della forza multinazionale rimangono soli in Iraq; le pressioni su Teheran e Pyongyang prendono tempo e i due regimi continuano ad avanzare sulla strada dell atomica; in Afghanistan, l ISAF rimane sotto i livelli minimi necessari per sostenere efficacemente l eletto governo Karzai in tutto il paese; i veti incrociati alle Nazioni Unite impediscono un efficace intervento in Sudan e il Darfur diventa teatro di un continuato genocidio. Cosa rimane da fare per Kerry? Da candidato non ha offerto una strategia alternativa. Tutte le speranze di far meglio di Bush sono legate all internazionalizzazione delle responsabilità e al maggior burden sharing con gli alleati. L America ha naturalmente i mezzi e le capacità per andare avanti in relativo isolamento. Respinta, farà da sola quello che può fare (che è sempre molto) e cercherà gli alleati ad hoc a seconda delle necessità. Non sarebbe esattamente un confluire nell unilateralismo arrogante del primo Bush e dei neoconservatori, quanto un multilateralismo tradito, e pertanto più pericoloso e instabile 16. Ancora più insidiose sarebbero le conseguenze dell atlantismo tradito. Fra l altro, stanti le varie pendenze del contenzioso economico-commerciale transatlantico (gestite piuttosto bene dall amministrazione Bush), le controversie all orizzonte e le pulsioni protezionistiche in campo democratico, le ferite di un dissenso politico esacerberebbero i rapporti con l UE in un campo fondamentale per le rispettive economie e per l economia mondiale. Gli effetti sarebbero devastanti, e su scala mondiale. Se neppure il filoeuropeo e francofono Kerry riesce a riannodare le fila del rapporto

8 Europa-Stati Uniti, alla fine non rimarrebbe che stilare l atto di morte dell atlantismo come lo conosciamo. Sopravvivrebbero le istituzioni, la NATO rimarrebbe utile per l interoperabilità militare, per la stabilità in Europa, per il dialogo con la Russia. Ma lo spirito atlantico, che ha animato due generazioni politiche su entrambe le sponde, che ha tenuto nella guerra fredda e che ha dimostrato una residua vitalità nella transizione post sovietica e post jugoslava degli anni Novanta, sarebbe giunto al capolinea. L Europa starà a guardare? Fino all election day non può fare altro. Gli istinti di simpatia sono inevitabili, ma i tentativi di aiutare l un candidato o l altro sono futili, se non controproducenti 17. Tuttavia, se le quattro ipotesi sopra delineate vanno ritenute fondate (ben sapendo che sono schemi astratti e che il reale ha un irresistibile tendenza a non conformarsi al razionale), le prospettive della futura politica americana (specie) nei confronti dell Europa dipendono anche... dall Europa. It takes two to tango. Con Bush rieletto le opzioni europee saranno più limitate, ma è chiaro che la direzione che la Casa Bianca prenderà fra i due estremi, unilateralismo ravvivato o multilateralismo condizionale, più che da una prevenzione ideologica sarà dettata da un calcolo pragmatico di convenienza: cosa vi sia da perdere e da guadagnare nel rapporto con la NATO, con l UE e con le Nazioni Unite. È un quesito cui Washington non può rispondere da sola; l input deve venire d oltre Atlantico, specie da Parigi, Berlino e Bruxelles. In caso di vittoria democratica, la risposta europea può addirittura fare la differenza fra la riconquista della solidarietà atlantica e la deriva reciproca verso una frattura d intenti e dispersione di energie e risorse dalle imprevedibili conseguenze. C è chi, in Europa, si augura (a mezza voce) che la fine dell atlantismo segni il decollo dell europeismo, affrancato dalla tutela americana. Che, per essere unita, l Europa debba differenziarsi dagli Stati Uniti (se non contrastarli). Può darsi, ma per ora non è stato certo così. La prospettiva opposta è che la spaccatura fra le due sponde dell Atlantico si ripercuota in un Europa allargata, frantumando in concorrenze (se non rivalità) nazionali la spinta unitaria di mezzo secolo. Lungi dal consolidare la coesione europeistica le tensioni con gli Stati Uniti dividono gli europei: così è stato nel L accordo sul Trattato costituzionale conforta (illude?) gli euro-ottimisti, ma il fuoco cova sotto le ceneri. Da parte americana, la miopia di puntare sulla disaggregazione dell Europa rischia di coltivare divisioni che inevitabilmente producono instabilità in un continente dove vi sono ancora almeno tre processi di assestamento in corso: Balcani; area ex sovietica (Ucraina, Bielorussia, più conflitti congelati della Moldova e del Caucaso); la risorgente Russia di Putin. La storia non insegna mai niente? Da parte europea, il disegno grandioso di un Europa unita che faccia da contraltare e ridimensioni la superpotenza americana ha un richiamo potente, ma è una Gran- 61

9 62 de Illusione. Per un motivo molto semplice: una grossa fetta di Stati, governi e opinioni pubbliche europee, non ci stanno. E naturalmente gli americani lo contrasterebbero (e hanno mezzi e influenza per farlo): perché mai non dovrebbero opporsi a un progetto che va dichiaratamente contro i loro interessi? Il time out pre-elettorale è l occasione buona per riflettere a mente fredda sugli errori degli ultimi due anni e sulla piega disastrosa cui potrebbero condurre. Con la nuova amministrazione verrà il momento di porvi rimedio o di subirne definitivamente le conseguenze. Il secondo Bush non sarà necessariamente uguale al primo. Con Kerry i giochi sono aperti, purché gli europei non si attendano un presidente europeo. Per diverso che sia (e lo è) l uomo Kerry, la politica estera del presidente Kerry sarà sempre più vicina a quella del predecessore che non a quella favorita da qualsiasi leader europeo (continentale e non). Sta parimenti agli europei decidere dove vogliono andare: se con l America o per la propria autonoma strada. Troppo spesso l Europa cede alla facile tentazione di criticare Washington quando fa troppo (Iraq, Kosovo) e quando fa troppo poco (Sudan, Liberia, Bosnia pre 1995). Damned if you do, damned if you don t. La partnership atlantica comporta un prezzo che al momento non tutti gli alleati stanno pagando. Dopo il voto di novembre, chiunque vinca, gli europei dovranno decidere se vogliono fornire o meno il loro contributo e a quanto ammonta. E se farlo in blocco, come UE e come partner nella NATO, oppure singolarmente e divisi, come sta avvenendo adesso. Dovranno decidere se, al di là delle dichiarazioni, la loro percezione delle minacce (terrorismo, proliferazione) e delle sfide globali (HIV/AIDS, lotta alla povertà, narcotraffico, diritti umani) coincida, e quanto coincida, con quella americana. Quanto consenta di lavorare insieme. Quanto accettino lo status quo (per esempio, nel Grande Medio Oriente) oppure convengano sulla necessità di trasformarlo. Scelte difficili, ma andranno fatte se l Europa vuole contare nel rapporto con l amministrazione americana e vuole influire anziché subire la politica estera del nuovo presidente. E l Italia? Paradossalmente (ma è un paradosso solo apparente), le scelte dell Italia sono più semplici e relativamente lineari. L attuale rapporto privilegiato bilaterale Washington-Roma viene spesso identificato con quello, pure eccellente, Bush-Berlusconi. E non vi è dubbio che, dato lo stile del 43 presidente americano, l empatia personale abbia un grosso peso nel dialogo (o non dialogo) che Bush intrattiene con i principali leader mondiali. Tuttavia il vero asset dell Italia a Washington non si chiama Silvio Berlusconi: si chiama Nassirya, ISAF e Enduring Freedom. Kerry, in cerca di aiuto dagli alleati europei, ne avrà altrettanto bisogno quanto Bush. Egli non potrà certo permettersi di perdere gli italiani, per correre dietro a un fantomatico aiuto francese in Iraq. Fattore perso-

10 nale a parte (superabile), anche con un presidente diverso, Roma parte con una rendita di posizione. Una rendita, fra l altro, costruita non ieri, ma nell arco di dieci anni con una continuità bipartisan (il diniego della stessa da parte di governo e opposizione italiana è altrettanto bipartisan) di politica estera e d impegno politico-militare: Bosnia, Albania, Kosovo, Timor Est, Afghanistan, Iraq. L Italia si è conquistata credibilità: dato storico e politico che non sfuggirà a qualunque futura amministrazione. La vittoria dell uno o dell altro candidato, e i quattro scenari ipotizzati sopra, comportano d altra parte conseguenze anche per l Italia. Roma non può non risentire del clima generale dei rapporti transatlantici. Il timore che, con Kerry presidente, l Italia faccia le spese di un rapprochement americano con Parigi e Berlino, ad esempio sulla vexata quæstio dell allargamento del Consiglio di Sicurezza, non è campato per aria, ma non è neppure una profezia destinata da avverarsi 18. Lo status dell Italia in una Washington democratica dipenderà da come Roma giocherà le sue carte (non trascurabili) con la nuova amministrazione. Sarà forse una partita più difficile che non con una seconda amministrazione Bush, ma l Italia parte ugualmente in vantaggio su molti altri alleati, atlantici e non. L attuale fase di rinazionalizzazione delle politiche estere delle maggiori capitali europee, acceleratasi dopo l 11 settembre, impermeabile al Trattato costituzionale e, probabilmente, alle incipienti figure istituzionali (ministro degli Esteri, Servizio diplomatico europeo), comporta per Roma i consueti rischi di esclusione o di marginalizzazione. Comporta, a monte, la necessità di un più incisivo apprezzamento e di una chiara visione degli interessi nazionali, sia pure all interno delle cerchie regionali e internazionali cui l Italia appartiene. Parlare di interessi nazionali non significa evocarli in conflitto con i più ampi interessi europei e atlantici del paese. Al contrario, tradizionalmente, obiettivo precipuo per l Italia è sempre stato di evitare che la dimensione atlantico/mediterranea collida con quella continentale 19. Resta il fatto che il riferimento a Comunità (oggi Unione) europea e Alleanza atlantica, che ha soccorso cinquanta e più governi italiani del dopoguerra, non basta più. Le Nazioni Unite, sempre più spesso invocate per difetto d altra ispirazione, sono la somma e il compromesso ove raggiungibile delle individualità (e delle rivalità) di oltre 190 Stati. Nell acrobatico contesto mondiale di questo inizio secolo, il rapporto bilaterale e atlantico con Washington è per l Italia una risorsa preziosa e un ancoraggio stabile. E rimarrà tale se Roma lo vorrà (Zapatero insegna cosa non fare e, soprattutto, come non farla ) sia con Bush o che con Kerry. 63 Ne vale la pena? Gli italiani si domandano cosa abbia ottenuto l Italia di Berlusconi dall aver legato così strettamente le proprie sorti all America di Bush, specie in

11 64 Iraq 20. È giusto chiederselo, anche se sembra spesso che chi si pone l interrogativo conosca già la risposta. Chi ritiene che la scelta di seguire gli americani in Iraq sia stata un errore è già convinto che il bilancio sia negativo comunque e viceversa. Per pregiudicare il meno possibile le conclusioni, la questione va scomposta. Primo, è troppo presto per tracciare un bilancio. Iraq, Afghanistan, guerra (che gli italiani preferiscono chiamere lotta ) al terrorismo sono processi in corso. Secondo, non è l America di Bush ; è, in buona misura, l America tout court. Con Kerry potrà cambiare la politica estera, non cambieranno gli interessi nazionali americani. Infine, prima dell utilaristico cosa abbiamo guadagnato da Bush (reminiscente di pagine poco felici della storia nazionale), gli italiani potrebbero domandarsi perchè siamo stati (e siamo) con Bush. Scartate come troppo ingenue le risposte alla Blair (la tesi del primo ministro inglese, malgrado il clamoroso buco nell acqua delle armi di distruzione di massa, è che era ed è la cosa giusta da fare: quando c è un cancro va estirpato e dopo l operazione bisogna continuare la cura e non abbandonare il paziente), rimane la fedeltà all alleanza in quanto tale. È un argomento realistico e politicamente valido. Gli amici si vedono nel momento del bisogno e l America aveva bisogno dell Italia. A buon rendere... (o meglio, era il nostro turno di rendere qualcosa dopo i sacrifici americani per l Europa: tre guerre, due calde e una fredda nello spazio di settant anni). L Italia lo ha pagato sul lato dell Europa? Sì, se l Europa è la Francia, la Germania, il Belgio; no, se l Europa è la Polonia, l Olanda, la Gran Bretagna (la Spagna è a puntate). Di fronte alla prima grave crisi del XXI secolo l Europa si è rivelata un coacervo di politiche e reazioni nazionali. Da una parte Berlino, Parigi (e Mosca); dall altra Washington, Londra, Copenaghen, inizialmente Madrid. L Italia non aveva un alternativa europea. La rinazionalizzazione delle politiche estere è avvenuta prima dell Iraq. È scattata dopo l 11 settembre (il che significa che era nell aria prima). Roma si è trovata improvvisamente a combattere contro l eterna sindrome dell esclusione 21 dai gruppi ristretti e, trattandosi di riunioni fra europei, senza poter far affidamento sulla sponda americana 22. Per l Italia questo oggi è un problema latente 23. Che fare di fronte a un Europa che non esiste come politica estera 24 e a capitali europee che si chiudono a riccio? mantenere il rapporto privilegiato con gli USA non sarà il toccasana per tutti i mali, ma almeno copre le spalle geopolitiche dell Italia. Non si può continuare a guardare all età dell oro dell integrazione europea (paesi fondatori, comunità a Sei o a Nove/Dieci, contesto di guerra fredda) come metro di misura del peso e del ruolo dell Italia in Europa. È quanto meno dubbio che senza il cordone ombelicale atlantico l Italia conterebbe di più o sarebbe più ascoltata a Parigi o Bruxelles. A parte le belle parole delle cancellerie e la popolarità nelle opinioni pubbliche, cosa ha guadagnato in Europa la Spagna di Zapatero rispetto a quella di Aznar? O è avvenuto il contrario?

12 È vero che sul piano strettamente utilitaristico dei ritorni il governo Berlusconi non ha ancora incassato molto dall amicizia speciale con Washington. Ma se la relazione bilaterale privilegiata si vuole valutare anche alla stregua di un investimento in affari internazionali, allora è ancora presto per tracciare bilanci. In settori come l industria della difesa, la cooperazione scientifica e l alta tecnologia, i ritorni si misurano nel medio-lungo periodo, non nell arco di due-tre anni. Certo, scarseggiano i contratti e le forniture per la ricostruzione dell Iraq. Ma scarseggia anche la ricostruzione dell Iraq e, per saggio riflesso, l entusiasmo delle ditte italiane per la Mesopotamia. Non sono in molti gli operatori a volerci andare... a meno di chiamarsi Bechtel o Halliburton. 1 È stata l attuale Presidenza a dare intenzionalmente un segnale di rottura col predecessore. Fin dal inizio, George W. Bush ha voluto caratterizzare la propria politica estera come diversa da quella di Clinton. Anything but Clinton è stato lo slogan, non tanto del dipartimento di Stato, ma della Casa Bianca e del Pentagono. L 11 settembre lo ha rafforzato. In Europa sono stati notati Kyoto, il Tribunale penale internazionale ecc., ma il caso più significativo è stato il cambiamento radicale nell approcio alla crisi israelo-palestinese dove Washington (con notevole aiuto da parte di Arafat) ha abbandonato il ruolo di honest broker per quello di avvocato difensore di Israele (e di Sharon). Al contrario, Clinton nel 1992 aveva sottolineato fortemente la continuità in politica estera. Il precedente più assimilabile di rottura col passato è rappresentato dalla presidenza Reagan nel 1980, ma si trattò più di una differenza (non trascurabile e tutt altro che priva di effetti, in America e nel mondo) di tono e di visione più che non di sostanza. I pilastri (come la NATO) rimasero immutati, per certi versi rafforzati. D altro canto alcuni aspetti della politica reaganiana (come il forte aumento delle spese militari) non fecero che continuare e adattare iniziative già avviate dall ultimo Carter. 2 Ma anche una seconda amministrazione repubblicana si presenterà con importanti cambiamenti di personale, specie nel foreign policy team, che comprende tradizionalmente segretario di Stato, segretario della Difesa, National Security Advisor, nonchè direttore della CIA. 3 Analoga sorte non ha risparmiato molti governi italiani: Albania per Prodi, Ocalan per D Alema, Genova per Berlusconi. 4 Almeno di partenza. La realtà è che in otto anni i presidenti si trasformano (o si adattano alle trasformazioni della scena internazionale): basti pensare a Reagan che esordì con l Impero del Male e finì il secondo mandato passeggiando sulla Piazza Rossa con Gorbaciov. E, di nuovo, non solo in America: pochi ricordano che, prima dell attuale politica di contrappeso agli USA, Chirac iniziò con l obiettivo di far rientrare la Francia nella struttura militare della NATO. 5 Scowcroft, Baker; Lugar e Hagel in Senato; all interno dell amministrazione Powell e Armitage forse non lo dicono, ma certamente lo pensano. 6 Che la sicurezza nazionale non possa essere delegata a nessuna istanza multilaterale è un assioma bipartitico della politica estera americana (ci si può domandare se solo degli Stati Uniti). Kerry lo ha esplicitamente confermato. In caso di clear and present danger Washington, sotto qualsiasi presidente, non attenderebbe le deliberazioni del Consiglio di Sicurezza, ma agirebbe autonomamente per la protezione dei propri interessi vitali. 7 Sarà la vera cartina di tornasole delle intenzioni di Bush. La probabile uscita di scena di Rumsfeld, Powell (e Armitage), Ashcroft segnerebbe la fine di quella che i critici chiamano un amministrazione disfunzionale : disciplinata sì, ma profondamente divisa. Una permanenza di Wolfowitz starebbe a indicare che la posizione neoconservatrice mantiene una forte influenza. 8 Nei confronti del quale, si invertono i ruoli. Adesso sarà Washington che può puntare sulla sua sconfitta da opera dei cristiano-sociali. 9 Oltre che in Afghanistan, Washington ha bisogno degli europei per confrontare l Iran sulla proliferazione nucleare (vedi di seguito) e su altri teatri, come il Darfur, dove non può agire da sola; Bush ha già manifestato esplicitamente l importanza che la candidatura di Ankara all UE non subisca ulteriori rinvii (altro tema bipartisan: da Kerry ci sono da attendersi forse un approccio più sottile, ma altrettante pressioni pro turche; l aggancio della Turchia all Unione è nell ottica americana un passaggio strategico nel- 65

13 66 la geopolitica regionale (Caucaso, Mar Nero, Asia centrale e, soprattutto, Grande Medio Oriente ) e nel contenimento del fondamentalismo islamico). 10 Salvo colpi di scena in Iraq o altrove che costringano Kerry a prendere posizioni più nette, in campo democratico non si prevedono piani o nuove strategie internazionali. 11 Eloquente il sondaggio annuale delle opinioni pubbliche europee e americane condotto dal German Marshall Fund, che quest anno comprende anche dati per la Turchia dove si scopre con certa sorpresa che l impopolarità americana tocca punte elevate non di meno da quelle registrate nei paesi UE. Basta pensare ai frequenti fischi che hanno accolto gli atleti americani (e le loro vittorie) alle Olimpiadi Atene: la superpotenza sportiva non gode di maggiore popolarità di quella militare (né fa nulla per guadagnarsela...). 12 Qualcosa di più Kerry potrebbe dare (contratti per la ricostruzione e ottenere in altri campi, ad esempio sulla remissione del debito, ma ai fini della visibilità per il pubblico americano contano i boots on the ground. 13 Anche perché, se non lo si previene (con le buone o con le cattive), interverrebbero gli israeliani (con le cattive) con conseguenze regionali imprevedibili. Il recente caso Franklin, funzionario del Pentagono sotto investigazioni dell FBI per supposto spionaggio a favore di Israele, proprio per aver fornito intelligence sull Iran, conferma che l incubo strategico israeliano è una Teheran nucleare. Del resto gli israeliani lo dicono apertamente. 14 Che, fra l altro, gode di ampio consenso interno anche fra gli oppositori al regime teocratico. Agli iraniani, in genere, piace l idea di diventare potenza atomica (visto che lo sono Pakistan, India e Israele, perché non noi?) 15 A questo punto, l interrogativo è se anche tutte le principali capitali europee condividano la conclusione americana (e israeliana) che pur di evitare un Iran nucleare bisogna fare di tutto, compreso l intervento militare, sia pure ricorrendovi solo come ultima ratio. 16 Precedenti assimilabili possono essere ricercati: nella presidenza Carter afflitta da una serie di insuccessi (invasione sovietica dell Afghanistan, caduta dello Shah e crisi degli ostaggi in Iraq) che ne determinarono una sorta di chiusura in sé stessa e, in definitiva, l aver aperto la via alla rivoluzione reaganiana ; nei primi due-tre anni di Clinton (Somalia, rottura con gli europei sulla Bosnia fino all inversione di rotta del settembre 1995). 17 Basta pensare all opposto, ossia a un presidente americano che si schieri in un elezione europea. In qualsiasi elettorato la reazione prevalente non può che essere d insofferenza nazionale all ingerenza esterna. 18 È discutibile, e da verificare, che una futura amministrazione democratica sia disposta a pagare a Berlino il prezzo dell appoggio per un seggio permanente in Consiglio di Sicurezza. In che circostanze e a che condizioni? E, oltre Berlino, Tokyo, New Delhi, Brasilia e Pretoria? 19 Valga per tutti Marco Rimanelli, Italy between Europe and the Mediterranean. Diplomacy and naval strategy from unification to NATO, 1800s-2000, Peter Lang, New York La questione è trattata diffusamente da Enzo Finardi, Quello che possiamo chiedere a Bush, pubblicato su Limes, 2/2004 (L Impero Senza Impero). 21 Vedi, per esempio, in Richard J. Samuels, Machiavelli s children, leaders & their legacies in Italy & in Japan, Cornell University Press, 2003, che traccia la linea diretta fra il complesso di essere l ultima delle grandi potenze, l obiettivo di entrare nel concerto europeo e la conquista dell ingresso nel G8. 22 Decisiva per l ingresso nel Gruppo di Contatto sulla ex Jugoslavia nel 1996, ma non senza aver prima patito la bruciante esclusione da Dayton nell autunno del Riunioni a tre in Europa, terzetto franco-tedesco-britannico sul negoziato nucleare con Teheran, incontro Putin-Chirac-Schröder del agosto scorsi... Per non menzionare l appoggio di Londra e Parigi al seggio permanente della Germania in Consiglio di Sicurezza. Su quest ultimo tema, gli americani sono contrari a nuovi seggi permanenti il che li rende obiettivamente alleati dell Italia. 24 Prova ne sia l impossibilità di far decollare il seggio europeo in Consiglio di Sicurezza ONU, malgrado i ripetuti tentativi italiani e di altri partner comunitari e il favore con cui verrebbe accolto dagli Stati Uniti e dai gruppi regionali del Terzo Mondo, ai quali ultimi spianerebbe la strada per una presenza istituzionale in Consiglio.

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY

TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY TRANSATLANTIC TRENDS - ITALY D.1 Per il futuro dell Italia Lei ritiene che sia meglio partecipare attivamente agli affari internazionali o rimanerne fuori? - Partecipare attivamente - Rimanerne fuori D.2

Dettagli

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE

SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE 544 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com SIRIA, UNA CRISI SENZA FINE Le reazioni degli attori internazionali 25 luglio 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Le reazioni degli attori

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti VIII. 1979-1984. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti VIII. 1979-1984 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino Nota sulla Polonia Il caso polacco ha valore storico, nel senso che pone per tutti, e non solo per

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI GUGLIELMO MARCONI FACOLTA DI SCIENZE POLITICHE CORSO DI LAUREA IN SCIENZE POLITICHE L Europa secondo De Gasperi: proposte istituzionali e prospettive teoriche negli anni della ricostruzione

Dettagli

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo:

STORIA. La guerra fredda. L Europa divisa. Gli Stati Uniti. il testo: 01 L Europa divisa La seconda guerra mondiale provoca (fa) grandi danni. Le vittime (i morti) sono quasi 50 milioni. L Unione Sovietica è il Paese con più morti (20 milioni). La guerra con i bombardamenti

Dettagli

Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012)

Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012) Articoli apparsi sulla stampa serba in occasione della visita in Italia del Presidente della Repubblica di Serbia, Tomislav Nikolic (9 ottobre 2012) POLITIKA Napolitano e Nikolic, Non si devono porre nuove

Dettagli

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e

Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e Parlamento della Padania Sarego, 4 febbraio 2012 On. Maurizio Fugatti Grazie, buongiorno a tutti. Tratterò un argomento che riguarda, in questo momento particolare, il rapporto delle piccole e medie imprese

Dettagli

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA

PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA PRESENTAZIONE DELLA NUOVA FIAT PANDA Intervento dell Amministratore Delegato della Fiat, Sergio Marchionne Pomigliano d Arco (NA) - 14 dicembre 2011 h 9:00 Signore e signori, buongiorno a tutti. E un piacere

Dettagli

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea

Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea C A R T A D E L L E O N G D I S V I L U P P O Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto Umanitario dell Unione Europea 1 CARTA DELLE ONG DI SVILUPPO Principi base delle ONG di Sviluppo e di Aiuto

Dettagli

Ministro per l Innovazione e le Tecnologie

Ministro per l Innovazione e le Tecnologie Ministro per l Innovazione e le Tecnologie Tavolo di consultazione con la Società civile per la preparazione della seconda fase del VERTICE MONDIALE SULLA SOCIETÀ DELL INFORMAZIONE Tunisi 2005 Roma, martedì

Dettagli

I beni a doppio uso. presentazione del Ministero Sviluppo Economico

I beni a doppio uso. presentazione del Ministero Sviluppo Economico I beni a doppio uso 1 Compiti dello Stato In materia di controllo all esportazione, i prodotti strategici vengono sottoposti a verifica sin dal dopoguerra, a causa della suddivisione politica delle superpotenze

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE

LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE LA PRIMA GUERRA MONDIALE LE CAUSE DELLA PRIMA GUERRA MONDIALE ALLA FINE DEL XIX SECOLO I RAPPORTI FRA GLI STATI DIVENTANO SEMPRE PIÙ TESI CAUSE COMPETIZIONE ECONOMICA RIVALITA COLONIALI POLITICHE NAZIONALISTICHE

Dettagli

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002

LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Convegno LA GESTIONE DEL PORTAFOGLIO CREDITI 2002 Finanziamenti alle Imprese: nuove politiche di prezzo e nuove strategie commerciali delle Banche Perché la disciplina sul capitale di vigilanza delle banche

Dettagli

TEAM BUILDING BENESSERE ORGANIZZATIVO. Faenza, 12 dicembre 2012

TEAM BUILDING BENESSERE ORGANIZZATIVO. Faenza, 12 dicembre 2012 TEAM BUILDING e BENESSERE ORGANIZZATIVO Faenza, 12 dicembre 2012 Ravenna, 24 gennaio 2013 Lugo, 30 gennaio 2013 Bandini Barbara benessere organizzativo secondo la normativa italiana l insieme dei nuclei

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri

La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Alberto Majocchi La cooperazione per lo sviluppo sociale e economico sostenibile delle comunità locali nei Paesi poveri Dato che sono del tutto incompetente sul tema oggetto dell incontro odierno, sono

Dettagli

Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità

Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità Comunicare la RSI in tempi di crisi: criticità e opportunità di Rossella Sobrero presidente di Koinètica Come cambia la comunicazione in tempo di crisi Le imprese socialmente responsabili sanno affrontare

Dettagli

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50

CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 CARTA DI CLAN Clan Sand Creek AGESCI Genova 50 COS'È IL CLAN Il Clan è una comunità dove si possono imparare nuove cose in un clima disteso che offre un opportunità che solo esso ci può dare. E importante

Dettagli

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*)

La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) La nuova organizzazione del Ministero dell Interno a livello centrale e sul territorio (*) Claudio SCAJOLA È la prima volta che ho l occasione di incontrare tutti i Prefetti della Repubblica e ritengo

Dettagli

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE

PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PER UNA RESPONSABILITA SOCIALE D IMPRESA CHE SIA ELEMENTO STRUTTURALE DELLO SVILUPPO SOSTENIBILE PREMESSA Per la prima volta quest anno la responsabilità sociale in Italia diventa un tema diffuso di dibattito

Dettagli

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO

LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO LA VINCOLATA LIBERTA DEL VOLONTARIO di Lorenzo Sartini 1. Quali necessità nell azione del volontario? Ciò che contraddistingue le associazioni di volontariato fra le altre organizzazioni che agiscono per

Dettagli

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Come salvare il vostro matrimonio. Come un avvocato divorzista può aiutare un matrimonio

Come salvare il vostro matrimonio. Come un avvocato divorzista può aiutare un matrimonio Flash** Come salvare il vostro matrimonio. Come un avvocato divorzista può aiutare un matrimonio di Laurie Israel* Uno degli aspetti più interessanti e soddisfacenti del mio lavoro è assistere le persone

Dettagli

La Dichiarazione di Pechino

La Dichiarazione di Pechino La Dichiarazione di Pechino CAPITOLO I OBIETTIVI 1. Noi, Governi partecipanti alla quarta Conferenza mondiale sulle donne, 2. Riuniti qui a Pechino nel settembre del 1995, nel cinquantesimo anniversario

Dettagli

Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente

Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente Capitolo primo L Apocalisse dell Occidente In un bel libro di qualche anno fa Cormac McCarthy immagina un uomo e un bambino, padre e figlio, che spingono un carrello, pieno del poco che è rimasto, lungo

Dettagli

Smantellata con la II guerra mondiale

Smantellata con la II guerra mondiale Europa dopoguerra I organismo di cooperazione Devastata, sminuito il ruolo centrale del potere economico e politico Nasce a Ginevra, 10/01/1920 Inizialmente scarsi risultati politici Società delle Nazioni

Dettagli

LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI

LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI Convegno LA REGOLAZIONE TARIFFARIA DEGLI INVESTIMENTI NEI SERVIZI PUBBLICI Esperienze a confronto e prospettive per i servizi idrici 14 dicembre 2011 Intervento di Luciano Baggiani, Presidente dell ANEA

Dettagli

Esplorazione dello spazio: il ruolo dell Europa. Bozza provvisoria

Esplorazione dello spazio: il ruolo dell Europa. Bozza provvisoria Bozza provvisoria UMBERTO GUIDONI, Deputato al Parlamento europeo. Intanto ringrazio rapidamente il ministro, il presidente e tutto il gruppo del VAST, che ha avuto la sensibilità di organizzare questo

Dettagli

Cosa succede all uomo?

Cosa succede all uomo? Cosa succede all uomo? (utilizzo uomo o uomini in minuscolo, intendendo i maschietti e Uomo o Uomini intendendo il genere umano) Recentemente, mi sono trovato in discorsi dove donne lamentavano di un atteggiamento

Dettagli

INSIEME PER IL VOLONTARIATO

INSIEME PER IL VOLONTARIATO INSIEME PER IL VOLONTARIATO FARE SISTEMA AL SERVIZIO DELLA COMUNITÀ BERGAMASCA Bergamo, 24 gennaio 2013 Intervento di Carlo Vimercati Presidente Comitato di Gestione Fondi Speciali Lombardia Il convegno

Dettagli

LA CASA BIANCA Ufficio stampa. PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN

LA CASA BIANCA Ufficio stampa. PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN LA CASA BIANCA Ufficio stampa PER PUBBLICAZIONE IMMEDIATA 1 dicembre 2009 FOGLIO INFORMATIVO: IL CAMMINO FUTURO IN AFGHANISTAN E PAKISTAN LA NOSTRA MISSIONE Il discorso del Presidente riafferma l obiettivo

Dettagli

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra

BG Ingénieurs Conseil, Ginevra BG Ingénieurs Conseil, Ginevra Diego Salamon, datore di lavoro Su incarico dell AI la Cadschool, istituto di formazione per la pianificazione e l illustrazione informatica, ci ha chiesto se potevamo assumere

Dettagli

Economic and Social Council ECOSOC. United Nations

Economic and Social Council ECOSOC. United Nations Economic and Social Council ECOSOC United Nations 2010 Coordination segment New York, 6 July Address by Antonio MARZANO, President of AICESIS International Association of Economic and Social Councils and

Dettagli

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane

Dichiarazione di Atene sulle Città Sane Dichiarazione di Atene sulle Città Sane (Athens Declaration for Healthy Cities) Atene, Grecia, 23 giugno 1998 Mondiale della Sanità possono sostenere le azioni su cui si fonda la salute per tutti a livello

Dettagli

Il quadro strategico delle azioni Nato

Il quadro strategico delle azioni Nato Il quadro strategico delle azioni Nato Visita della delegazione Fondazione Alcide De Gasperi, Associazione La Democrazia e dello IASEM Istituto Alti Studi Euro Mediterranei presso il segretariato generale

Dettagli

L OSSERVATORIO. 3 Febbraio 2014 CATEGORIA: POLITICA LA CRISI CHE INFRANGE IL SOGNO EUROPEO

L OSSERVATORIO. 3 Febbraio 2014 CATEGORIA: POLITICA LA CRISI CHE INFRANGE IL SOGNO EUROPEO L OSSERVATORIO 3 Febbraio 2014 CATEGORIA: POLITICA LA CRISI CHE INFRANGE IL SOGNO EUROPEO LA CRISI CHE INFRANGE IL SOGNO EUROPEO 3 Febbraio 2014 E un Europa sospesa tra l essere minaccia e rappresentare

Dettagli

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto:

www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: www.servizisocialionline.it Sezione Articoli L auto/mutuo aiuto e il conflitto: Spunti di riflessione per operatori sociali e facilitatori di gruppi di auto/mutuo aiuto. di Silvia Clementi* Le dinamiche

Dettagli

La Manipolazione Mentale

La Manipolazione Mentale La Manipolazione Mentale Argomento vasto e complesso per le tante sfaccettature che può presentare. Innanzitutto poniamoci una domanda: cosa si intende per manipolazione mentale? Vuol dire semplicemente

Dettagli

CREARE UN ONU ADATTA AL 21 SECOLO

CREARE UN ONU ADATTA AL 21 SECOLO CREARE UN ONU ADATTA AL 21 SECOLO Il Vertice Mondiale 2005 dibatterà le proposte che potrebbero dar vita alla ristrutturazione di maggiore portata che le Nazioni Unite abbiano mai conosciuto nei sessanta

Dettagli

Scheda didattica LA BANCA MONDIALE

Scheda didattica LA BANCA MONDIALE Scheda didattica LA BANCA MONDIALE La Banca Internazionale per la Ricostruzione e lo Sviluppo, conosciuta anche come Banca Mondiale (World Bank), è un istituzione che si occupa di dare assistenza ai Paesi

Dettagli

CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA. Documento

CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA. Documento CNEL Consiglio Nazionale dell Economia e del Lavoro INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA Documento Assemblea 27 marzo 2003 INDICI DI INSERIMENTO DEGLI IMMIGRATI IN ITALIA II Rapporto a cura

Dettagli

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione?

INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007. 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? INTERVISTA a Simona Ciobanu di TERRA MIA 17/12/2007 1. Da quale insieme di esperienze e di motivazioni nasce la vostra associazione? Nasce nel 1997 per volontà di cittadini stranieri e italiani, come associazione

Dettagli

Lo scoppio della guerra fredda

Lo scoppio della guerra fredda Lo scoppio della guerra fredda 1) 1945: muta la percezione americana dell URSS da alleato ad avversario e nemico 2) 1946: ambio dibattito interno all amministrazione Truman sulla svolta in politica estera

Dettagli

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO

1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1 PARTE CARATTERISTICHE DEL SOGGETTO CONSULTATO 1. Sesso maschile femminile 2. Età anni 14-17 18-25 26-35 36-60 più di 60 3. In quale settore/i svolgi prioritariamente la tua attività? Ricerca Pubblica

Dettagli

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino

Mario Albertini. Tutti gli scritti IV. 1962-1964. a cura di Nicoletta Mosconi. Società editrice il Mulino Mario Albertini Tutti gli scritti IV. 1962-1964 a cura di Nicoletta Mosconi Società editrice il Mulino 822 Anno 1964 A Bernard Lesfargues Caro Bernard, Pavia, 28 novembre 1964 dato che non verrò a Lione

Dettagli

Dispense di Filosofia del Linguaggio

Dispense di Filosofia del Linguaggio Dispense di Filosofia del Linguaggio Vittorio Morato II settimana Gottlob Frege (1848 1925), un matematico e filosofo tedesco, è unanimemente considerato come il padre della filosofia del linguaggio contemporanea.

Dettagli

17 maggio 2013 Roberto Russo

17 maggio 2013 Roberto Russo Comprare Italia! 17 maggio 2013 Roberto Russo www.assitecasim.it Una delle massime di Warren Buffett, riferita agli investitori, recita: Guarda avanti e non attraverso lo specchietto retrovisore. Tale

Dettagli

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009

Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Bologna - Tel. & fax 051 543101 e-mail: e.communication@fastwebnet.it www.excellencecommunication.it Gestire le Risorse Umane - Costruire Fiducia Sospiro (Cremona) 19 giugno 2009 Docente: Antonella Ferrari

Dettagli

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE

PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE PROGETTO DI ARTICOLI SULLA RESPONSABILITÀ DELLO STATO DELLA COMMISSIONE DEL DIRITTO INTERNAZIONALE (2001) PARTE I L ATTO INTERNAZIONALMENTE ILLECITO DI UNO STATO CAPITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo 1

Dettagli

INDICE. Parte I LA PRASSI DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA E LA SUA LOGICA. Capitolo I PROFILI INTRODUTTIVI

INDICE. Parte I LA PRASSI DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA E LA SUA LOGICA. Capitolo I PROFILI INTRODUTTIVI INDICE Presentazione... Abbreviazioni... Premessa... vii xv xix Parte I LA PRASSI DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA E LA SUA LOGICA Capitolo I PROFILI INTRODUTTIVI 1. Posizione del problema e piano dell indagine........

Dettagli

Storia contemporanea

Storia contemporanea Storia contemporanea Prof. Roberto Chiarini http://rchiarinisc.ariel.ctu.unimi.it Anno Accademico 2008/2009 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

AUDIZIONE VM PISTELLI MARTEDÌ 22 LUGLIO 2014, BRUXELLES (COHAFA)

AUDIZIONE VM PISTELLI MARTEDÌ 22 LUGLIO 2014, BRUXELLES (COHAFA) AUDIZIONE VM PISTELLI MARTEDÌ 22 LUGLIO 2014, BRUXELLES PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA PER IL SEMESTRE DI PRESIDENZA ITALIANA DEL GRUPPO DI LAVORO SULL AIUTO UMANITARIO (COHAFA) Spunti di intervento 1 INTRODUZIONE

Dettagli

Lo scenario economico pro attività e atteggiamento 8 Ottobre 2012

Lo scenario economico pro attività e atteggiamento 8 Ottobre 2012 Lo scenario economico pro attività e atteggiamento 8 Ottobre 2012 CORSO DATE OBIETTIVO DESCRIZIONE INTRODUZIONE Lunedì 8 Ottobre 9,30-13,30 Dare avvio al programma formativo, descrivendo il percorso e

Dettagli

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare.

INTRODUZIONE. Unipol Gruppo Finanziario ha invece scelto di ascoltare tutti, offrendo a tutti l opportunità di partecipare. CARTADEIVALORI INTRODUZIONE Questa Carta dei Valori rappresenta in se stessa un Valore perché è il frutto di un grande impegno collettivo. Alla sua stesura hanno concorso migliaia di persone: i dipendenti

Dettagli

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO

DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO DICHIARAZIONE RELATIVA AI PRINCIPI DI DIRITTO INTERNAZIONALE, CONCERNENTI LE RELAZIONI AMICHEVOLI E LA COOPERAZIONE FRA GLI STATI, IN CONFORMITÀ CON LA CARTA DELLE NAZIONI UNITE Risoluzione dell Assemblea

Dettagli

Fattori r O r O g r ani n co M us u c s olari r : Fattori r a na n gra r fi f ci s t s ru r t u tur u a r li

Fattori r O r O g r ani n co M us u c s olari r : Fattori r a na n gra r fi f ci s t s ru r t u tur u a r li Il Coaching nei Giochi Sportivi Perché un atleta si allena? Per far in modo che nell organismo avvengano dei cambiamenti tali da determinare un miglioramento della prestazione. Dr. Fabrizio Perroni, Ph.D.

Dettagli

Anche Lenza, come Grosso, è un grande appassionato di Finanza Derivata e tempo fa è venuto a sapere della sua intenzione di ampliare il business

Anche Lenza, come Grosso, è un grande appassionato di Finanza Derivata e tempo fa è venuto a sapere della sua intenzione di ampliare il business SW2 - Le Controparti nello Swap Anche Lenza, come Grosso, è un grande appassionato di Finanza Derivata e tempo fa è venuto a sapere della sua intenzione di ampliare il business Come certamente ricorderete,

Dettagli

SETTORE TECNICO F.I.G.C.

SETTORE TECNICO F.I.G.C. SETTORE TECNICO F.I.G.C. CORSO MASTER 200-2005 TESI CARATTERISTICHE DEI TRE CENTROCAMPISTI IN UN CENTROCAMPO A TRE Relatore: Prof. Franco FERRARI Candidato: Massimiliano ALLEGRI Coverciano 7 luglio 2005

Dettagli

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER DOCENTI di SCIENZE MOTORIE/ EDUCAZIONE FISICA

CORSO DI AGGIORNAMENTO PER DOCENTI di SCIENZE MOTORIE/ EDUCAZIONE FISICA CORSO DI AGGIORNAMENTO PER DOCENTI di SCIENZE MOTORIE/ EDUCAZIONE FISICA Programma PARTE PRIMA (tre ore) I N P A L E S T R A QUATTRO GIOCHI CON LA PALLA PER ARRIVARE AL BASEBALL/SOFTBALL 1. TIRA E CORRI

Dettagli

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA

GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA GUIDA DI APPROFONDIMENTO LA SCELTA DEI FORNITORI A CURA DEL BIC SARDEGNA SPA 1 SOMMARIO PREMESSA... 3 LE CONSIDERAZIONI STRATEGICHE DA FARE SUI FORNITORI... 4 CONCENTRARSI SUGLI OBIETTIVI... 4 RIDURRE

Dettagli

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1

Lo stile di comando. teoria degli stili comportamentali. teoria contingente. teorie di processo. Corso di E. A. 1 Lo stile di comando teoria degli stili comportamentali teoria contingente teorie di processo Corso di E. A. 1 Lo stile di comando La leadership può essere definita come il processo attraverso il quale

Dettagli

Convegno Rapporti dall Europa

Convegno Rapporti dall Europa Spunti per l intervento dell On. Sandro Gozi Premio Grinzane Cavour Convegno Rapporti dall Europa Saluto augurale dell On. Sandro Gozi Giovedì 27 settembre 2007 Torino 1 Nel marzo scorso, l Europa ha festeggiato

Dettagli

L INVESTMENT BAROMETER DI J.P. MORGAN PRIVATE BANK RIVELA LE OPINIONI DEGLI INVESTITORI HIGH NET WORTH E LE MINACCE PIÙ TEMUTE NEL 2015

L INVESTMENT BAROMETER DI J.P. MORGAN PRIVATE BANK RIVELA LE OPINIONI DEGLI INVESTITORI HIGH NET WORTH E LE MINACCE PIÙ TEMUTE NEL 2015 COMUNICATO STAMPA L INVESTMENT BAROMETER DI J.P. MORGAN PRIVATE BANK RIVELA LE OPINIONI DEGLI INVESTITORI HIGH NET WORTH E LE MINACCE PIÙ TEMUTE NEL 2015 Le azioni mantengono la fiducia degli investitori

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013

Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 VALORI % Sintesi dell Osservatorio Risparmi delle Famiglie 2013 Abbiamo alle spalle ancora un anno difficile per le famiglie La propensione al risparmio delle famiglie italiane ha evidenziato un ulteriore

Dettagli

Basi del Processo Decisionale con il Consenso

Basi del Processo Decisionale con il Consenso Basi del Processo Decisionale con il Consenso Questo documento è pensato per servire come introduzione al processo decisionale basato sul consenso per le comunità che stanno provando sul campo le proposte

Dettagli

4. Il movimento comunista: Ho Chi Minh... 85

4. Il movimento comunista: Ho Chi Minh... 85 Indice Prefazione... 1 1. Vietnam e Cina nella storia... 5 1.1. Origini della civiltà vietnamita... 5 1.2. Il Vietnam nel sistema sinocentrico... 9 1.3. La civiltà cinese in Vietnam e i primi tentativi

Dettagli

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari

PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PROGETTO DI SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DEI RAGAZZI SEGUITI DALLA FONDAZIONE AMILCARE Richiesta per 2 operatori al 50% come consulenti famigliari PREMESSA/RIFLESSIONI Da diversi anni, all interno della Fondazione

Dettagli

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini

Storia. n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Storia contemporanea n. 8 La seconda guerra mondiale (A) Prof. Roberto Chiarini Anno Accademico 2011/2012 1 9. La seconda guerra mondiale Le origini e le responsabilità: A provocare il conflitto è la politica

Dettagli

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO

IL PARTITO DEVE ESSERE UN LUOGO La vittoria della coalizione del centrosinistra alle elezioni Comunali di Milano di quest anno ha aperto uno scenario inedito che deve essere affrontato con lungimiranza e visione per riuscire a trovare

Dettagli

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008

Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering. Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Discorso del Presidente del Parlamento Europeo, Prof. Dr. Hans-Gert Poettering Palazzo del Quirinale Roma, 24 Giugno 2008 Signor Presidente della Repubblica italiana Giorgio Napolitano, Signor Presidente

Dettagli

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali

LAVORO DI GRUPPO. Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali LAVORO DI GRUPPO Caratteristiche dei gruppi di lavoro transnazionali Esistono molti manuali e teorie sulla costituzione di gruppi e sull efficacia del lavoro di gruppo. Un coordinatore dovrebbe tenere

Dettagli

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO

OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO OLIMPIA ARMANI JEANS MILANO HEAD COACH ATTILIO CAJA DIFESA SUL PICK AND ROLL Nell analizzare le tendenze offensive delle squadre avversarie ci siamo resi conto di come una grandissima percentuale degli

Dettagli

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese

SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese SPECIALE RIENTRO NELLA SCENA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI Il Presidente di Forza Italia alla scuola di formazione politica Forza Futuro, a Calvagese della Riviera. L intervento del nostro leader in 20

Dettagli

Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann

Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann Questionario stili di comunicazione/negoziazione questionario Thomas Kilmann Obiettivo del questionario è rendere consapevole una persona della propria tendenza ad assumere in una conversazione uno o più

Dettagli

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE

LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE LEGAMBIENTE NEI CAMPI, I CAMPI PER LEGAMBIENTE Volume VIII manuali campi volontariato Il fare e il dire di Legambiente nei campi Dal 1991 ad oggi sono stati oltre 3.000 i campi di volontariato che Legambiente

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

Eccesso di una cosa buona

Eccesso di una cosa buona 1 Qualità autentiche Le qualità autentiche sono gli attributi che formano l essenza (il nucleo) di una persona; le persone sono impregnate da queste qualità, che pongono in una determinata luce tutte le

Dettagli

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE

CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI URBINO Carlo Bo FACOLTA' DI ECONOMIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN ECONOMIA AZIENDALE CAPITOLO 11 G. Pellicelli INTEGRAZIONE VERTICALE E INTEGRAZIONE ORIZZONTALE Alessandro

Dettagli

La prima guerra mondiale

La prima guerra mondiale La prima guerra mondiale CAUSE POLITICHE 1. Le cause Contrasti Francia Germania per l Alsazia Lorena Contrasto Italia Impero Austro Ungarico per Trento e Trieste Espansionismo di Austria, Russia e Italia

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration)

Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Dichiarazione di Copenaghen (The Copenhagen Declaration) Conferenza Europea sulle Politiche sanitarie: opportunità per il futuro Copenaghen, Danimarca, 5-9 dicembre 1994. La Conferenza ha concordato di

Dettagli

2014 : Fondi o Etf? Mono o multimarca?

2014 : Fondi o Etf? Mono o multimarca? 2014 : Fondi o Etf? Mono o multimarca? Venerdì 29 novembre 2013 In questo Diario di Bordo parliamo in sintesi: MERCATO OBBLIGAZIONARIO. MEGLIO FONDI O ETF? MEGLIO OPERARE CON UNA SOLA SOCIETA DI GESTIONE

Dettagli

INTERVENTO DI APERTURA DELL ON.LE SIG. MINISTRO ALLA CONFERENZA G8 SUI FATTORI DESTABILIZZANTI E SULLE MINACCE TRANSNAZIONALI (Roma, 23 aprile 2009)

INTERVENTO DI APERTURA DELL ON.LE SIG. MINISTRO ALLA CONFERENZA G8 SUI FATTORI DESTABILIZZANTI E SULLE MINACCE TRANSNAZIONALI (Roma, 23 aprile 2009) INTERVENTO DI APERTURA DELL ON.LE SIG. MINISTRO ALLA CONFERENZA G8 SUI FATTORI DESTABILIZZANTI E SULLE MINACCE TRANSNAZIONALI (Roma, 23 aprile 2009) Cari colleghi, autorità, gentili ospiti, voglio darvi

Dettagli

LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA

LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA LA BILATERALITA NEL TERZIARIO: UN MODELLO DI RESPONSABILITA CONDIVISE PER UNA NUOVA STAGIONE DI CRESCITA Intervento del Direttore Generale Francesco Rivolta Roma, 20 ottobre 2011 Condividere per crescere.

Dettagli

III SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI LOCALI

III SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI LOCALI III SESSIONE - 19 GENNAIO 2005 IDEE A CONFRONTO: PROTAGONISTI LOCALI Alessandro PROFUMO: Sarebbe stato un grande piacere essere qui con voi questa mattina, ma il Comitato esecutivo dell ABI mi ha impegnato

Dettagli

Da Il tutto è falso di G. Gaber

Da Il tutto è falso di G. Gaber ma noi siamo talmente toccati da chi sta soffrendo, ci fanno orrore la fame, la guerra e le ingiustizie nel mondo. Com è bello occuparsi dei dolori di tanta, tanta gente, dal momento che in fondo non ce

Dettagli

Pensando a questa domanda certamente a ognuno di noi verrà in mente una definizione per la parola "salute".

Pensando a questa domanda certamente a ognuno di noi verrà in mente una definizione per la parola salute. Bianca Rita Cannavò Pensando a questa domanda certamente a ognuno di noi verrà in mente una definizione per la parola "salute". Le nostre risposte sono condizionate: dalla nostra cultura, dall'educazione

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

Iniziativa parlamentare Divorzio su azione di un coniuge. Periodo di separazione

Iniziativa parlamentare Divorzio su azione di un coniuge. Periodo di separazione ad 01.408 Iniziativa parlamentare Divorzio su azione di un coniuge. Periodo di separazione Rapporto della Commissione degli affari giuridici del Consiglio nazionale del 29 aprile 2003 Parere del Consiglio

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

Rischi 1. Definizione di rischio nello sviluppo del software Analisi dei rischi Gestione dei rischi

Rischi 1. Definizione di rischio nello sviluppo del software Analisi dei rischi Gestione dei rischi Rischi 1 Definizione di rischio nello sviluppo del software Analisi dei rischi Gestione dei rischi Un ingegnere del software viene coinvolto direttamente nel processo di identificazione delle aree potenziali

Dettagli

Il Partito Democratico del Trentino.

Il Partito Democratico del Trentino. Il Partito Democratico del Trentino. Le idee del candidato alla segreteria Roberto Pinter Più che da dove vieni conta chi sei e dove vai. La nascita del PD è anche questo, è un progetto che guarda avanti,

Dettagli

La Leadership efficace

La Leadership efficace La Leadership efficace 1 La Leadership: definizione e principi 3 2 Le pre-condizioni della Leadership 3 3 Le qualità del Leader 4 3.1 Comunicazione... 4 3.1.1 Visione... 4 3.1.2 Relazione... 4 pagina 2

Dettagli

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973

Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Il sistema monetario internazionale, 1870 1973 Obiettivi delle politiche macroeconomiche Gold standard Gli anni tra le due guerre Il sistema di Bretton Woods Il crollo del sistema di Bretton Woods Effetti

Dettagli

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011

Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Assemblea Plenaria COCER- COIR- COBAR Roma, 25 ottobre 2011 Indirizzo di saluto del Comandante Generale Porgo il mio saluto cordiale a tutti i delegati della Rappresentanza qui convenuti. Gli incontri

Dettagli

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali a cura del Gruppo Parlamentare della Camera dei Deputati Forza Italia Berlusconi Presidente Il Popolo della Libertà 864 QUANTITATIVE EASING I principali commenti delle testate internazionali e nazionali

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una

Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi. pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Poi, vediamo l ordine del giorno. Qui mi pare che qualcuno voleva cambiare. Briante, avevi chiesto una modifica dell ordine del giorno? (Voci confuse). Io direi che per logica

Dettagli

INDICE. INTRODUZIONE. PIANO DELL INDAGINE pag. 1 PARTE PRIMA CAPITOLO I L INGERENZA UMANITARIA UNILATERALE TRA LA DOTTRINA E LA PRASSI

INDICE. INTRODUZIONE. PIANO DELL INDAGINE pag. 1 PARTE PRIMA CAPITOLO I L INGERENZA UMANITARIA UNILATERALE TRA LA DOTTRINA E LA PRASSI INDICE INTRODUZIONE. PIANO DELL INDAGINE pag. 1 PARTE PRIMA CAPITOLO I L INGERENZA UMANITARIA UNILATERALE TRA LA DOTTRINA E LA PRASSI 1. Il significato giuridico di ingerenza umanitaria pag. 9 2. Grozio:

Dettagli