Veri e falsi problemi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Veri e falsi problemi"

Transcript

1 Veri e falsi problemi Stefano Severoni Ai nostri giorni molti problemi assillano l'umanità: le guerre, la violenza, la disoccupazione, l'incomunicabilità, la mancanza di una abitazione, la tossicodipendenza, l'alcoolismo, lo sfruttamento del lavoro minorile, la teledipendenza, l'analfabetismo o mancanza di istruzione adeguata e tanti altri tra i quali non ultimi, quello della fame e quello dell'obesità. Potremmo quasi affermare che l'umanità si divide in due parti. Da un lato c'è chi soffre la fame a causa di un'alimentazione insufficiente a soddisfare il fabbisogno quotidiano in nutrienti essenziali a garanzia della salute vitale, insufficienza più che altro qualitativa, in special modo nei paesi del Terzo Mondo. Dall'altro, e ciò si registra in specie nella nostra società occidentale, esiste il problema dell'obesità, ovvero del sovrappeso corporeo, che tormenta molte persone. Questo è causato dall'accumulo di grasso corporeo, dovuto ad un eccesso di entrate in alimenti, rispetto al dispendio energetico prodotto dalle attività quotidiane, sommato al metabolismo basale. L'alimentazione diviene evvessiva anche in quanto vi è uno scarso esercizio fisico. L'alimentazione è viziata anche poiché si introducono alimenti "morti", ovvero cotti, denaturati, sottoposti a conservazione con tecniche inopportune, consumati a distanza eccessiva dalla raccolta e quindi impoveriti di energia quantificata in Angstron (sappiamo che un frutto mangiato a distanza di 10 giorni dal momento in cui è stato raccolto, viene a possedere solo il 10% circa dell'energia originaria), trattati con concimi chimici e antiparassitari, eccessivamente manipolati prima del consumo (spezzettati, lavati eccessivamente, preparati molto tempo prima della consumazione, eccetera), oppure acidificanti quali quelli di provenienza animale. In alcune popolazioni si riscontra inoltre una magrezza che gli occidentali reputano eccessiva e patologica. La classe medica stabilisce delle tabelle sul rapporto altezza-peso e ritiene dato positivo l'accrescimento verificatosi nel ventesimo secolo dell'aumento della statura, incremento che viene reputato dovuto all'aumento del consumo di carne, ma che l'organizzazione Mondiale della Sanità stessa ha in parte rivisto. Si è così rivalutata nell'opinione di alcuni studiosi la considerazione sulla validità delle tabelle rapporto peso-altezza in vigore. All'accusa che viene rivolta ad alcuni individui di essere troppo magri, si può rispondere che sovente proprio il fatto di essere magri consente di essere in salute e di garantire lo svolgimento di numerose attività nel corso della giornata. Se la magrezza divenisse eccessiva tale da mettere in pericolo la stessa vita dell'individuo, il corpo stesso si preoccuperebbe di far sorgere la fame, quella autentica. L'uomo possiede l'istinto degli altri animali, quello che gli necessita lo cerca. Prima di cadere in uno stato di prostrazione, lo spirito di conservazione lo spinge a ricercare cosa a lui occorra per assicurargli l'integrità della propria salute. Il giornale d'italia del 31 marzo 1995, ci informa che in Cina il 12 marzo 1995 era deceduto all'età di 147 anni il signor Gong Laita, forse l'uomo più vecchio del mondo che era alto 1 metro e 40 centimetri e pesava 30 Kg. L'alimentazione che seguiva era vegetaliana, non consumava alcolici, viveva in un ambiente di campagna e praticava molto moto. Si possono ricordare i piccoli e magri vietcong, i quali fronteggiarono vittoriosamente gli obesi americani ed i francesi; il filosofo inglese vegetariano B. Russel il quale si produsse in una marcia di protesta contro la guerra del Vietnam, a passo sostenuto, pesando 43 chilogrammi; il popolo degli Hunza, gente molto magra e che ignora la malattia, vive per la maggior parte del tempo all'aperto e durante il periodo stagionale della primavera si sottopone ad un semidigiuno a causa della penuria

2 di cibo e nonostante tutto conserva una vitalità ed efficienza notevoli; i corridori negri, in special modo etiopi e keniani, i quali devono i loro successi anche alla loro struttura esile, dovuta in gran parte alla notevole attività fisica praticata sin dalla giovane età; si cita a questo riguardo il fatto che essi vanno a scuola di corsa sin da piccoli. Si può menzionare la maratoneta Alba Milano che vinse la terza edizione del campionato italiano di maratona a Verona pesando attorno ai 40 chilogrammi. Sappiamo che nella corsa il dispendio energetico è dato dal prodotto tra distanza percorsa e peso dell'atleta per 0,90 circa, per cui chi è magro avrà un dispendio inferiore. Perciò in special modo i corridori di lunghe distanze e tra questi i maratoneti saranno agevolati dal non doversi portar dietro chili in sovrappiù. C'è chi sostiene che un po di tessuti di riserva siano necessari. Ma a ciò si può obbiettare che l'uomo non deve attraversare deserti e rimanere senza cibo per un tempo lungo ed essere perciò costretto ad attingere dalle proprie riserve come avviene a cammelli e dromedari, e agli animali che vanno in letargo. L'uomo invece per lo più si alimenta con cibi durante l'intero periodo annuale e non deve sopportare per necessità digiuni forzati. Gli stessi anoressici cioè i malati di anoressia mentale, si alimentano, ma poi non essendo gradita a loro la propria figura corporea, espellono il cibo attraverso vomito o diarree. La santa patrona d'italia Santa Caterina da Siena è nota anche per essere morta di anoressia mentale. In realtà la sua morte prematura fu causata dalle eccessive penitenze cui si sottoponeva, quali restrizioni di sonno, il portare cilici, eccetera. Anche lei si alimentava, ma poi espelleva il cibo con il vomito prima della santa comunione per il timore che il suo stomaco non avesse sufficiente spazio per ricevere l'ostia. Quando da giovane intenzionata a ritirarsi da sola partì da casa con un solo panetto, ne fece ritorno il giorno successivo poiché affamata. Le tabelle esistenti sul rapporto altezza-peso dovrebbero essere riviste e anzi potremmo affermare che esse comunque non possiedono una loro validità concreta, poiché sono formule, mentre ogni individuo possiede delle caratteristiche proprie e la sua conformazione è dovuta anche allo stile di vita che conduce. La vita dell'uomo è legata sostanzialmente all'atto respiratorio per cui una cura attenta, intelligente della respirazione garantisce una maggiore resistenza alle disparate malattie che lo tormentano; ma l'uomo con il processo di civilizzazione si è venuto ad allontanare dalla natura. La salute viene spesso ricercata attraverso sistemi costosi, complicati, elaborati, inidonei, mentre in realtà la semplicità delle cure è sempre la cosa più opportuna, e la guarigione sovente si ottiene con le attività spontanee. La qualità dell'alimentazione non è legata al numero di calorie che si introducono, ma piuttosto alla qualità biologica dei suoi componenti: è sufficiente una quantità minima di una vitamina affinché questa esplichi la sua azione enzimatica in tutti i processi vitali. Nutrendosi con alimenti "vivi" e ciò si verificherà soprattutto se essi sono biologici, cioè privi di trattamenti chimici, le cui piante di provenienza sono state sottoposte alla rotazione colturale, non si farà ricorso a cibi "morti", come lo zucchero privo di principi nutritivi, pur essendo ricco di energia. Si consiglia quindi un'alimentazione che apporti cibi vegetali in larga misura, quali frutti, verdure, legumi, cereali integrali e solo in misura ridotta o addirittura nulla, di natura animale quali il latte e derivati, uova, il che è anche a vantaggio di un discorso etico, in quanto non si viene a sfruttare la vita animale. L'alimentazione con il cibo è sì importante ma poi sullo stato di salute della persona incidono numerosi altri fattori, e la stessa malattia è spesso un rifugio, anche se inconscio. Ricordo la testimonianza di un medico che in una conferenza a cui partecipai affermò che una paziente da lui curata, pur alimentandosi a suo parere in modo pressoché quasi perfetto, lamentava numerosi problemi. A testimonianza della infondatezza dell'opinione della necessità di avere tessuti di riserva si ricorda che la durata del digiuno, usanza tra l'altro poco praticata ai nostri giorni, mentre in passato più seguita (Gesù stesso digiunò 40 giorni prima di intraprendere la sua predicazione), digiuno che non è inanizione, ma astensione dal cibo attraverso il quale si realizza l'autolisi, cioè la distruzione dei tessuti patologici all'interno dell'organismo, è in relazione alle riserve contenute anche nel midollo osso, alle vitamine nelle ghiandole, alle proteine e sostanze contenute nel sangue e nella linfa, al glicogeno racchiuso del fegato, oltre a quelle di grasso.

3 Se Feuerbach affermava che l'uomo è ciò che mangia, potremmo sostenere che l'uomo è principalmente un essere raziocinante, pensante, per cui lo stato psichico è fondamentale per la sua salute, che non si restringe alla quantità e qualità degli alimenti che introduce. L'esistenza dell'individuo è legata perciò oltre che agli alimenti di cui si sostenta, anche all'acqua, all'aria, al sole, all'ambiente in cui vive, alla pulizia, al calore, al sonno, al rilassamento nervoso, alla compagnia, al coraggio, agli esercizi fisici, al riposo, all'amore e altro ancora. Vi sono stati personaggi straordinari e figure sante, che si sono alimentati con poco cibo, quali San Francesco d'assisi, il quale come sostiene Ruggero Leonardi, se fosse stato visto da un medico questo gli avrebbe prescritto riposo, cibo e medicine oppure San Francecsco di Paola, soprannominato dai suoi "mangiatore di radici", morto all'età di 91 anni, che dopo notti di preghiera, giornate di lavoro ed operato verso i fratelli, consumava un unico pasto serale con una minestra di legumi, od ancora gli anacoreti, i padri del deserto tra cui Antonio l'egiziano, che si nutrivano di un solo panetto al giorno, od altri; ma questi sono esempi particolari in quanto personalità ridondanti di una spiritualità non comune e che si alimentavano in primo luogo con il cibo spirituale, la Parola di Dio, il cibo che non perisce mai. Ai nostri giorni alimentandosi con cibi vegetali in primo luogo, in quantità abbondante, cibi "vivi", rinunciando ad intingoli, sughi e condimenti grassi, spezie senza ricorrere ad inutili integratori, si può stare in buona salute. Certo ciò va seguito non un giorno ma sempre, il che presuppone costanza e convinzione in tale operato. Introdurre cibi naturali dovrebbe garantire una salute soddisfacente anche perché chi si abitua ad attingere oligoelementi da pastiglie, gocce o fiale, quando sospende tale pratica l'assimilazione dei nutrimenti dai cibi risulta rallentata. La convinzione diffusa che un'alimentazione per essere completa debba essere il più varia possibile, rappresenta un errore di valutazione in quanto se osserviamo il comportamento delle scimmie, queste si alimentano con un cibo alla volta e notiamo altresì che popoli che si nutrono con pochi tipi di cibo possiedono una salute confortevole. Si consideri che infatti nutrirsi di alimenti di poche qualità diverse, non comporta l'intergerenza della digestione delle combinazioni alimentari. Nutrendosi in un pasto, per esempio con sola frutta acida, come arance, limoni, kiwi, mandarini, si ha una digestione semplice e garanzia dell'apporto di principi nutritivi validi e completi, gustosi, senza ricorrere a condimenti innaturali. Anche il problema dell'introduzione di un notevole apporto proteico, opinione invalsa in passato, è stato rivito e le tabelle sono state modificate. Si pensi altresì a quanto espresso dall'ingegnere Andrè Simoneton secondo cui l'utilizzazione netta proteica è data dal prodotto della quantità di proteine dell'alimento per la digeribilità delle proteine (NPU=PxD), per cui meno proteine possiede l'alimento più l'apporto è soddisfacente. Ancora una volta si constata che i cibi vegetali i quali possiedono anch'essi una quantità di proteine anche se esigua, sono pregevoli. Il corpo umano non cerca le proteine come tali, ma gli aminoacidi e 2/3 del fabbisogno corporeo di aminoacidi viene riciclato dalle scorie attraverso la pinocitosi e la fagocitosi, mentre il rimanente terzo deve provenire dalle fonti alimentari esterne. L'anguria possiede il 7% di proteine, quantità che è il doppio del contenutto in proteine del latte materno. Nel mondo sono numerosi i frugivori che non lamentano deficienze proteiche, godono di ottima salute e sono lontani dalle malattie. Sovente ciò che viene considerato buona salute in realtà è sinonimo di malattia. Si pensi ad una madre in cinta la quale ingrassa 5, 10 chili oltre il necessario e perciò durante il parto soffrirà in maniera notevole. Una madre grassa sarà maggiormente soggetta a soffrire di una magra, più incline

4 alla formazione di infiammazioni, ed i bambini aventi una testa voluminosa causeranno un parto difficile e lungo, mentre un bimbo non dovrebbe avere alla nascita un peso superiore ai 3 kg e mezzo perciò affinché un bambino nasca non in sovrappeso, è necessario che la madre mantenga costante e non elevato il proprio valore ponderale, il che si ottiene attraverso un'alimentazione oculata ed esercizio fisico quotidiano. Se guardiamo i bambini in crescita, possiamo asserire che il grasso eccessivo ritenuto indice di salute è invece segno di malessere in quanto muscoli, reni, fegato, cuore ed altri organi, se grassi producono un arresto dell'accrescimento. Quando il bambino è invece pelle ed ossa, può crescere come i piccoli delle altre specie, ed il suo corpo ed i suoi arti si allungano. Gli animali appena nascono sono "pelle ed ossa", e non ingrassano mai nella fase di sviluppo e della crescita e quando ingrassano da giovani arrestano la loro crescita e non si sviluppano in modo armonico. Si ricorda che l'allevatore di cavalli da corsa elimina il grasso dai propri cavalli prima di farli correre. Per quanto concerne gli esempi pratici da stimare, si possono citare oltre agli Hunza, il popolo dei Vilacamba che segue una dieta spartana attorno alle 1200 calorie giornaliere e vive a lungo anche sino all'età di anni godendo ottima salute. O ancora gli indigeni del Monte Hagen della Nuova Guinea che si alimentano con cibi crudi quali germogli, canna da zucchero, banane, noci varie, verdure, cuore di palme, oltre alle patate cotte, introducendo secondo studi 9,92 grammi di proteine giornaliere, godono anch'essi ottima salute e compiono notevoli sforzi fisici. I Carani Guarani dell'america del Sud, mangiano molta frutta, masticando lentamente ogni boccone, in assoluto silenzio e vivono con gioia e letizia. Questi popoli hanno in comune un'esistenza all'aria aperta, aria pura, un'intensa atticità fisica in natura, sufficienti ore di sonno, un'alimentazione frugale povera in calorie, proteine o grassi con largo consumo di frutta e verdure crude e cibi integrali, non assumono farmaci e non beneficano di assistenza sanitaria, non soffrono stress particolari, sono lontani dai conflitti psichici della civiltà moderna più economicamente ed industrialmente evoluta quale quella occidentale o americana che lamentano invece numerosi problemi legati al progresso e tra questi per l'appunto quello dell'obesità, oltre a quello noto dell'incomunicabilità: sovente il cibo viene a colmare un vuoto. Se da un lato è fondamentale al fine di avere buona salute e una figura corporea dignitosa, esaminare cosa si introduce con l'alimentazione tramite i cibi, è altresì importante valutare quello che si consuma con le attività quotidiane. Ovviamente chi si sottopone ad una notevole attività fisica avrà un consumo giornaliero maggiore rispetto a chi conduce una vita sedentaria. In particolar modo lo sportivo avrà un dispendio maggiore e in special modo chi si sottopone a sforzi di durata, impieghi aerobici quali la corsa. Si calcola che il grasso consumato in grammi è dato dal prodotto dei chilometri percorsi per il peso corporeo in chilogrammi diviso 20, e al termine di una seduta di allenamento si verifica un calo di peso immediato, che è dato dalla somma del sudore prodotto, del consumo di glicogeno dei muscoli e del fegato e del grasso bruciato contenuto nelle cellule specifiche definite adipociti. La componente più importante che si ricava dopo l'allenamento, quella che va tenuta in considerazione ai fini del "vero dimagramento", è quella del grasso consumato, mentre le perdite dell'acqua, dei sali del sudore, e le perdite del glicogeno dei muscoli e del fegato, non costituiscono il vero dimagramento. Le persone sedentarie avranno invece una necessità inferiore di alimenti. Si calcola che per esse, l'80% dell'energia consumata quotidiana è dovuta al processo digestivo.

5 Il calcolo della superficie corporea si ricava dalla formula sc=71,84 x p0,425 x s0,729 dove p=peso e s=statura, per cui anche in questo caso aumentando il peso si accrescerà la superficie corporea. Aumentando la superficie corporea si eleverà anche la dispersione di calore da parte dell'organismo e quindi si avrà una maggiore sudorazione ed in parallelo una più consistente dispersione di sali minerali, che specie in chi fa sport determina un decremento prestativo. Ciò che va preso in grande considerazione al fine di alimentarsi in maniera corretta, è di saper comprendere quale sia la "vera fame", che non è come comunemente viene reputato una sensazione dolorosa e penosa, ma piuttosto un'espressione del normale funzionamento dell'organismo, e come le altre funzioni produce piacere. La "falsa fame" scompare se al suo stimolo si attende un po' prima di assecondarla, mentre la "vera fame" persiste se si aspetta. La fame acuta si associa, invece, ad una sensazione di venir meno, di svenimento, di sprofondamento nei casi di denutrizione accentuata, e non permette di svolgere le normali attività quali lavorare, camminare, scrivere, prima di averla assecondata. La "vera fame" non si manifesta necessariamente all'ora consueta dei pasti, ma le contazioni ritmiche dello stomaco prodotte regolarmente all'ora dei pasti, fanno erroneamente credere che si tatti di fame, mentre in realtà è una "fame falsa". In definitiva per distinguere la "vera fame" basta attendere un'ora quando compare: la vera fame persiste, mentre quella falsa scompare assieme a tutti i sintomi ingannatori quali mal di testa, borborigmi, debolezza, dolori addominali, nausea, bocca secca, pastosa, cattiva, sensazioni di vuoto allo stomaco, la scelta del cibo è dettata da un capriccio per un gusto, salsa, odore, condimento, la mente è depressa, fiacca, mentre i sintomi della vera fame sono la salivazione, la percezione nella bocca e nella gola, lo stimolo non proviene dalla vista o dall'odore di condimenti, salse, sale, intingoli, la mente è lucida, ottimista, gioiosa, la scelta del cibo non è difficoltosa e pretenziosa, ed il cibo sempre viene a soddisfare appieno le necessità dell'organismo, senza il ricorso a condimento e preparazione: la fame autentica si esprime con il desiderio autentico di mangiare, facendoci sentire a nostro agio, senza lamentare malesseri e sofferenze. Spesso si cerca di risolvere i propri problemi ingannati dai mass media, dalla pubblicità, dai persuasori occulti, il prodotto cioè degli erronei dettami della società attuale, di produzione, guadagno, successo, ricchezza, edonismo, piacere, denaro, invece di porre al primo posto i veri valori quali la condivisione, la fratellanza, l'amore, l'ascolto, la carità, il lavoro, la famiglia, la religione. Mentre il rimedio naturale, la percezione di cosa richieda il proprio corpo e la propria psiche, l'ascolto dell'esperienza dell'anziano, a torto relegato ai margini della società occidentale, sarebbe più proficuo. Si assiste allo spopolamento delle campagne da parte dei contadini, dei sorveglianti di corsi d'acqua e sistemazioni idraulico agrarie; nelle aziende a conduzione chimica di grandi dimensioni, generalmente si sviluppano monoculture vegetali o/e allevamenti intensivi e ciò crea inquinamento ed un impatto ambientale devastante, a causa dell'aumento dell'utilizzazione dei pesticidi e impoverimento in fertilità del terreno ed un ancor più massiccio ricorso ai concimi chimici che vengono ad inquinare mari e fiumi. Viene a ridursi la sostanza organica del terreno, il che determina un abbassamento delle rese, la presenza di residui tossici nei prodotti vegetali e animali, abbassamento della capacità di autodifesa delle piante dalle infestazioni, e nell'ambiente si verifica inquinamento chimico del terreno e dei corsi d'acqua, ruscellamento, compattazione del terreno, erosione. Si rende perciò necessario il ricorso ad un'azienda agricola "biologica", in cui si realizzi l'eliminazione di concimi azotati e fitofarmaci che generano le infestazioni, si ricostituisca la fertilità del terreno attraverso letamazioni, sovesci e composti con residui vegetali; vengano controllate attraverso le consociazioni le fitopatologie; le rotazioni, le false semine vengano a controllare le infestanti; l'irrigazione con l'acqua avvenga in modo oculato e non eccessivo. Il tutto concorra a salvaguardare l'ambiente e a fornire un cibo più pulito sulle nostre tavole. Ciò che preme sottolineare è che grande peso sui problemi del nostro tempo esercita la concezione antropocentrica del mondo in cui l'uomo è, a torto, al centro dell'universo dominatore incontrastato.

6 L'uomo è sì la prima creatura dell'universo, ma accanto ad esso vi sono le altre creature, gli animali ed un ambiente naturale da rispettare, proteggere e salvaguardare al fine di garantire il rispetto della natura. Così si concepisce che gli animali non debbano essere oltremodo sfruttati, ma rispettati, non uccisi per alimentarsi, vestirsi, adornarsi, proteggersi o abbellirsi, dando invece priorità all'essere della persona e non all'apparire. I sentimenti di semplicità, rispetto, umiltà, di impronta morale, debbono essere collocati al primo posto e condurre alla ricerca di provvedere alla risoluzione del problema della fame che attanaglia il Terzo Mondo, dove il lavoro non riesce ad assicurare un fabbisogno di alimenti necessari al sostentamento quotidiano. Ciò che per noi è superfluo, in abbondanza, per altri invece è indispensabile e può garantire il soddisfacimento dell'utile quotidiano; la nostra rinuncia può essere preziosa a molti che sono in situazioni disagiate loro malgrado. Si registra ogni anno la condanna dell'egoismo umano a centinaia di milioni di animali, a servire come cappotto alle signore, per "adornare" il loro corpo, altrimenti in egual modo conformemente rivestibile. Per confezionare una pelliccia di Breitschwanz, viene sventrata la madre gravida, ed i suoi cuccioli spellati vivi ancora legali al cordone ombelicale: ne occorrono 26 per ottenerne una. Per produrre una pelliccia di visone si consumano 3300 kg di derrate alimentari sottratte ai paesi del Terzo Mondo, quindi in altro modo più correttamente ed opportunamente utilizzabili. Cito solo due tra i dati più eclatanti, lampanti, terrificanti, negativi. Ogni violenza ha molteplici ripercussioni, ed alimenta la creazione di un modello femminile che aspira a crearsi una immagine "esteriore" anche a costo della vita di tante creature innocenti, e non un abito interno rifulgente di sentimento e di amore. La peculiarità vegetariana, sia la dieta più larga che prevede il consumo di uova, latte e derivati, miele, sia quella più rigida fruttariana di sola frutta, fu abbracciata da molte persone di ogni tempo, cito Cicerone, Gandhi, Ippocrate, Freud, Leonardo, Virgilio, Einstein, Paganini, Pitagora, Schwitzer, ma la fila di nomi è molto lunga. Vegetarismo quindi, come uno dei punti di approdo della sensibilità del rispetto morale per la vita sia propria che degli altri esseri viventi, quindi discorso etico, che non si restringe solamente a quello alimentare. Anche gli estremismi vegetariani come il fruttarismo, non sono poi così esclusivisti come potrebbe apparire se si pensa che nella categoria alimentare definita "frutta", sono compresi cibi che comunemente vengono classificati diversamente, come il pomodoro, la zucchina, il peperone, la zucca. La composizione chimica della frutta è molto vicina a quella del latte materno e sappiamo che il bambino dalla nascita sino al sesto mese di vita raddoppia il proprio peso nutrendosi esclusivamente di esso. La frutta come altri vegetali contiene circa l'80% di acqua. Nutrendosi quotidianamente di 2Kg di questa, si arriva anche a corpire quella quantità di liquidi raccomandata agli adulti da molti medici e studiosi. L'uomo occidentale si vanta di essere all'avanguardia, superiore agli altri popoli, e non s'accorge che si crea di frequente falsi problemi, come quello del "peso inferiore": ma inferiore a che cosa? Quale dovrebbe essere il normotipo e quindi il normopeso? Le tabelle e i parametri lasciano il tempo che trovano. In fondo sovente, proprio chi è più privilegiato e dispone di tanto, soprattutto, di tanto "superfluo" da eccessiva considerazione a problemi di secondo ordine, e non ad altri ben più sostanziali. Dietro l'affanno a risolvere problemi presunti si nasconde la rinuncia a trovare la soluzione a quelli più profondi che affondano dentro di noi. "Procuratevi non il cibo che perisce, ma quello che dura per la vita eterna e che il figlio dell'uomo vi da" (Gv 6,27), dovrebbe essere il nostro monito, il pungolo a spronarci ad agire e su cui improntare la nostra condotta esistenziale. La Parola di Dio è un cibo che non perisce mai, non ingrassa il nostro corpo di adipe, ma alimenta il nostro Spirito! Gesù Cristo è stato l'annunziatore e il realizzatore del regno di Dio simbolo riassuntivo delle attese salvifiche messianiche della tradizione di Israele. Gesù è l'uomo per gli altri e il "Liberatore", che

7 impiega le sue energie per la venuta del regno. Tutta l'esistenza storica di Gesù ha una portata salvifica anche i suoi momenti più umili, ordinari, i suoi silenzi. Gesù si è reso aperto, solidale, servo degli uomini suoi fratelli. Lui che è stato SERVO, un Dio che si mette al servizio dell'uomo, PASTORE verso gli uomini sue pecore, LUCE che porta a vita, illumina la strada, FRATELLO che ha assunto una natura umana come la nostra facendo l'esperienza della precarietà dell'esistenza, provando tutte le difficoltà umane quali l'amicizia, la delusione, il giudizio, l'inganno. Gesù andava in cerca di coloro che nella società del suo tempo erano ritenute persone da disprezzare e da evitare: i non osservanti della Legge, gli stranieri, i lebbrosi. La sua bontà verso gli altri doveva essere concepita quale segno e venuta dell'amore perdonante ed accogliente di Dio, Padre suo e di tutti gli uomini. L'Eucarestia costituisce la presenza di quella vita innocente offerta a chi necessita di pace e dialogo con Dio, inizio della conversione per produrre l'opera di riconciliazione di Dio con le sue creature. Anche nella tribolazione della Passione e morte in croce, egli perdona e promette gioia e vita a coloro che hanno fede in Lui. Dobbiamo avvicinarci a Lui, sopportando il peso delle croci quotidiane, lungo un cammino esistenziale che deve essere gioia. Le sofferenze più pesanti di Gesù sono di sentirsi tradito, solo, abbandonato dai suoi discepoli in primo luogo, il che gli crea angoscia. Egli rivolge al Padre un grido di dolore a causa della sua solitudine, che rappresenta le angosce e le solitudini dei martiri che soffrono pur avendo compiuto il bene e sono circondati da offese, calunnie, incredulità, violenza. Nonostante il dolore Gesù porta avanti la sua missione e celebra con i suoi la cena della Pasqua, l'ultima cena, nella quale nello spezzare il pane e benedire il vino, manifesta la sua presenza, dolcezza, accompagno. Nella società contemporanea purtroppo si registra la degradazione all'interno della famiglia dei valori fondamentali quali il rapporto di autorità tra genitori e figli, una distorta concezione dell'indipendenza dei coniugi tra di loro, la mancanza stessa all'interno della famiglia della trasmissione dei valori, il ricorso al divorzio, all'aborto, alla sterilizzazione, alla pratica contraccettiva. Lo stesso concetto di libertà è mal interpretato: deve condurre al realizzazione della verità del progetto di Dio, non all'affermazione personale per la propria egoistica prosperità. Uomini e donne debbono svolgere il proprio lavoro prolungando l'opera del Creatore per il benessere dei fratelli, al fine di concorrere al concepimento del disegno divino nella storia. La Santa Famiglia di Nazaret rappresenta il prototipo di tutte le famiglie cristiane, una famiglia in cui è vissuto nascosto il Figlio di Dio in un piccolo paese della Palestina, e che ha sofferto le persecuzioni, la povertà, l'esilio, la condanna ingiusta, ma ha donato gioia, luce, serenità, candore, fortezza, in cui Giuseppe è il padre, l'uomo giusto, lavoratore, unito a Maria, la madre della chiesa domestica. In questo mondo nessuno è privo della famiglia, poiché la Chiesa è casa e famiglia per tutti. Per risolvere i problemi ci possono essere di aiuto le attività spontanee, e tra queste anche la preghiera che è un dialogo, un colloquio con Dio, che si compie principalmente attraverso l'ascolto della Sacra Scrittura, la quale ci consegna la conoscenza di Gesù, il rivelatore del Padre. Gesù stesso come ci attestano i vangeli era un uomo di preghiera, un assiduo e fervido orante, il cui destinatario era il Padre, il Dio del regno. Attraverso la preghiera egli viveva in sommo grado la sua relazione filiale con il Padre, lui che orante esprimeva la rivelazione che offriva agli uomini sia della propria persona come Figlio, sia del volto del suo Dio, da lui chiamato "Padre mio" ma che annunciava agli uomini affinché lo pregassero come "Padre nostro".

8 La preghiera dell'uomo è la strada maestra per comprendere l'esistenza in senso cristiano, l'apertura al rinnovamento e alla conversione, per incamminarsi sulla strada di una formazione umana, al fine di pervenire alla salvezza e alla personale santità, in quanto come afferma Sant'Agostino "la fede, la speranza e la carità conducono a Dio colui che prega". "Il pregare consiste nel bussare alla porta di Dio e invocarlo con insistente e devoto ardore del cuore". "In interiore hominis stat veritas".

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI

L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI L ESSERE OPERATORE CARITAS MI AIUTA A VIVERE CON E PER CRISTO? DOTT.SSA LAURA SALVO PSICOLOGA-PSICOTERAPEUTA DOCENTE ISSR RICERCATRICE ITCI VIVERE CON E PER CRISTO Evangelizzare significa: Convertire Portare

Dettagli

L educazione alimentare

L educazione alimentare L educazione alimentare Educazione alimentare: alimenti e nutrienti Sono ALIMENTI tutte le sostanze che l organismo può utilizzare per l accrescimento, il mantenimento e il funzionamento delle strutture

Dettagli

l metabolismo è l'insieme dei processi biochimici ed energetici che si svolgono all'interno del nostro organismo; tali reazioni hanno lo scopo di

l metabolismo è l'insieme dei processi biochimici ed energetici che si svolgono all'interno del nostro organismo; tali reazioni hanno lo scopo di Il metabolismo Metabolismo basale Il metabolismo basale rappresenta la quantità di energia impiegata in condizioni di neutralità termica, dal soggetto sveglio, ma in uno stato di totale rilassamento fisico

Dettagli

Alimentazione e sport

Alimentazione e sport Dietista Silvia Bernardi Trento, 5 Marzo 2010 Il movimento spontaneo e l attività fisica, se iniziati precocemente, rappresentano la misura più efficace di terapia e prevenzione delle patologie del benessere.

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Traguardi Obiettivi di apprendimento Contenuti RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA Scoprire nell'ambiente i segni che richiamano ai cristiani e a tanti credenti la presenza di Dio Creatore e Padre Descrivere l'ambiente di vita di Gesù nei suoi aspetti

Dettagli

COMITATO PALIO di SANTA GIUSTINA 47 palio anno 2015. PANE e PAROLA

COMITATO PALIO di SANTA GIUSTINA 47 palio anno 2015. PANE e PAROLA PANE e PAROLA Il tema scelto per l edizione 2015 dei carri biblici fiorati è Cibo e Parola, con esplicito riferimento al tema proposto dall Expo. Si vuole però approfondire come il cibo venga presentato

Dettagli

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre

Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre Come programmare il tuo benessere fisico e mantenerlo per sempre L obesità è una patologia causata (laddove non sia attribuibile ad altri motivi) da comportamenti ed abitudini di vita scorretti: contrastarla

Dettagli

Addome piatto per sempre e energia per tutto il giorno

Addome piatto per sempre e energia per tutto il giorno Addome piatto per sempre e energia per tutto il giorno Avvertenze Le informazioni racchiuse in questo documento non sono da intendere come indicazioni mediche, ma sono a fini educativi e di intrattenimento.

Dettagli

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr.

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr. I Quaresima B Padre buono, ti ringraziamo per aver nuovamente condotto la tua Chiesa nel deserto di questa Quaresima: donale di poterla vivere come un tempo privilegiato di conversione e di incontro con

Dettagli

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA

L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA L EDUCAZIONE ALIMENTARE COME PERCORSO MATURATIVO DELLA RELAZIONE CON LO SPECIALISTA La dieta nel diabete Come deve essere la dieta del paziente diabetico? Tutti gli alimenti vanno consumati con misura

Dettagli

COME CALCOLARE LE CALORIE

COME CALCOLARE LE CALORIE Vol.2 COME CALCOLARE LE CALORIE PER DIMAGRIRE Guida per calcolare le calorie e dimagrire Consigli per dimagrire contando le calorie! Esistono tanti modi differenti per perdere peso e dimagrire in modo

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE

APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE APPROFONDIMENTI MODULO 7: ALIMENTAZIONE LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA - REVISIONE 1997 ISTITUTO NAZIONALE DELLA NUTRIZIONE 1) CONTROLLA IL PESO E MANTIENITI ATTIVO Pesarsi almeno una

Dettagli

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA

VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA VERO O FALSO? FALSI MITI E VERE AFFERMAZIONI DELLA NOSTRA TAVOLA Questo opuscolo è stato creato per dare delle reali risposte ai tipici luoghi comuni riguardanti l' alimentazione e le possibili cause dell'

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici

Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti inorganici organici Prof. Carlo Carrisi Gli Alimenti Classificazione degli alimenti Alimenti semplici o principi alimentari o principi nutritivi o nutrienti: servono a nutrire l organismo, derivano dalla digestione, vengono

Dettagli

7 Minutes Project Manager

7 Minutes Project Manager 7 Minutes Project Manager Alimentazione 7 regole d oro per un alimentazione corretta Un alimentazione corretta è la base per far si che tutta l attività motoria svolta da un soggetto si traduca in reali

Dettagli

Che cos'è la preghiera? Quando pregava Gesù? Qual è la via della nostra preghiera? Quali momenti sono più indicati per la preghiera?

Che cos'è la preghiera? Quando pregava Gesù? Qual è la via della nostra preghiera? Quali momenti sono più indicati per la preghiera? Catechismo della Chiesa Cattolica Pregare oggi e perché Che cos'è la preghiera? Quando pregava Gesù? Qual è la via della nostra preghiera? Quali momenti sono più indicati per la preghiera? Quali sono le

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA PROGRAMMAZIONE ANNUALE RELIGIONE CATTOLICA DIREZIONE DIDATTICA II CIRCOLO - MONDOVI Insegnanti: CRAVERO ELENA FIORENTINO STEFANIA SALVAGNO MARIA ANNO SCOLASTICO 20-20 Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI

MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI MESSAGGIO DEL SANTO PADRE BENEDETTO XVI PER LA XLVI GIORNATA MONDIALE DELLE COMUNICAZIONI SOCIALI Silenzio e Parola: cammino di evangelizzazione Cari fratelli e sorelle, all avvicinarsi della Giornata

Dettagli

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario)

VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA. chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) VI INCONTRO IL CRISTIANO ADULTO E LA COSCIENZA Cerchiamo il significato delle due parole: ADULTO CRISTIANO chi ha raggiunto il completo sviluppo fisico e psichico (def.dizionario) colui che ha deciso di:

Dettagli

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio

Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Carta di Fondazione, Statuto e Direttorio Associazione Comunità Papa Giovanni XXIII CARTA di FONDAZIONE Testo approvato dal Pontificio Consiglio per i Laici il 25 marzo 2004 1) Il carisma della Comunità

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni

LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA. Giorgio Pasetto. Mauro Bertoni LINEE GUIDA PER L ALIMENTAZIONE DEL GOLFISTA Giorgio Pasetto (dottore in scienze motorie e osteopata) Mauro Bertoni (preparatore atletico) Con la consulenza scientifica del Prof. Ottavio Bosello (docente

Dettagli

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso

Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Norme d igiene per proteggere il sistema nervoso Colora il quadratino posto accanto alle indicazioni corrette. Per mantenere il nostro sistema nervoso sano ed efficiente è opportuno... ALLA SALUTE respirare

Dettagli

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani

8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani 8 Febbraio 2013 Festa di S. Giuseppina Bakhita: Incontro di Preghiera per eliminare la Tratta di Esseri Umani Introduzione: Oggi, nella festa di Santa Giuseppina Bakhita, ci uniamo in solidarietà con tutte

Dettagli

L'Alimentazione (principi alimentari e consigli) Una Sana Alimentazione Ogni essere vivente introduce cibo nell'organismo: questo processo prende il nome di ALIMENTAZIONE. Introdurre cibo nel nostro corpo

Dettagli

La nutrizione nello sport

La nutrizione nello sport La nutrizione nello sport Una corretta alimentazione deve coprire in modo ottimale il fabbisogno energetico e plastico di un individuo, tenendo conto della fase di accrescimento, dell attività muscolare

Dettagli

L'alimentazione nel giovane sportivo

L'alimentazione nel giovane sportivo L'alimentazione nel giovane sportivo Dr.ssa Sara Perrotta Biologa Nutrizionista Le abitudini alimentari sono in grado di influenzare in maniera significativa la capacità individuale di realizzare una determinata

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA

RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA ELABORATO DAI DOCENTI DELLA SCUOLA PRIMARIA DIREZIONE DIDATTICA 5 CIRCOLO anno scolastico 2012-2013 RELIGIONE CATTOLICA CLASSE PRIMA TRAGUARDI DI COMPETENZA DA SVILUPPARE AL TERMINE DELLA CLASSE PRIMA

Dettagli

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare

7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 7 buone ragioni per (ri)mettersi a pregare 1. Io non so pregare! È una obiezione comune; tuttavia, se vuoi, puoi sempre imparare; la preghiera è un bene importante perché chi impara a pregare impara a

Dettagli

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana

CORSA E ALIMENTAZIONE. Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana CORSA E ALIMENTAZIONE Dott.ssa Sara Campagna Specialista in Medicina dello Sport Master in Nutrizione Umana Un alimentazione corretta in chi pratica attività sportiva permette di: - ottimizzare il rendimento

Dettagli

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino Una proposta di itinerario per... sposi in cammino dedicato a tutti gli sposi che hanno il desiderio di interrogarsi sul significato del loro matrimonio Sposi in cammino FAMIGLIA SORGENTE DI COMUNIONE

Dettagli

Le proteine. Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi.

Le proteine. Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi. Le proteine Le proteine sono i mattoncini che costituiscono gli organismi viventi. Per avere un idea più precisa, basti pensare che tutti i muscoli del nostro corpo sono composti da filamenti di proteine

Dettagli

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA

CURRICULUM SCUOLA PRIMARIA RELIGIONE CATTOLICA Ministero dell istruzione, dell università e della ricerca Istituto Comprensivo Giulio Bevilacqua Via Cardinale Giulio Bevilacqua n 8 25046 Cazzago San Martino (Bs) telefono 030 / 72.50.53 - fax 030 /

Dettagli

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013

Attività fisica e. Per guadagnare salute 09/05/2013 Attività fisica e Alimentazione Per guadagnare salute 09/05/2013 ? QUANTA ENERGIA ENERGIA SERVE AL PODISTA AMATORE? 09/05/2013 FABBISOGNO ENERGETICO Metabolismo basale (60-75%): età, sesso, massa corporea

Dettagli

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^

CURRICOLO RELIGIONE CLASSE 1^ CLASSE 1^ Dio e l uomo Classe 1^ Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore. Gesù di Nazareth. La Bibbia e le, leggere e saper riferire circa alcune pagine bibliche fondamentali i segni cristiani

Dettagli

Programmazione Didattica Scuola Primaria

Programmazione Didattica Scuola Primaria DIREZIONE DIDATTICA DI NAPOLI 5 E. MONTALE Viale della Resistenza 11K-80145 NAPOLI tel. e fax 081/5430772 Codice fiscale: 94023840633 Cod. Mecc. : NAEE005006 E-MAIL: naee005006@istruzione.it Web:www.5circolo.it

Dettagli

UNITà 7 Alimentazione e salute

UNITà 7 Alimentazione e salute unità Alimentazione e salute I termini e i concetti fondamentali 1 l organismo e l energia Per stabilire i fabbisogni nutrizionali dell organismo umano, bisogna conoscerne la composizione chimica. L organismo

Dettagli

Viaggio delle sostanze nutritive

Viaggio delle sostanze nutritive Viaggio delle sostanze nutritive Il cibo che assumiamo contiene sostanze nutritive per la produzione di nuove cellule Gli alimenti però devono essere ridotti in molecole Esistono 4 fasi fondamentali 1)

Dettagli

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI

1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI 1. GIORNO - PREGHIAMO PER I VEGGENTI Gesù disse ai suoi discepoli: Sono queste le parole che vi dicevo quando ero ancora con voi: bisogna che si compiano tutte le cose scritte su di me nella Legge di Mosè,

Dettagli

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V

Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Istituto Comprensivo G Pascoli - Gozzano Anno scolastico 2013/2014 Programmazione annuale RELIGIONE CATTOLICA CLASSI I II III IV V Obiettivi di apprendimento al termine della classe terza della scuola

Dettagli

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una

Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una Monica nacque a Tagaste nell odierna Algeria del nord, nell anno 331, da genitori cristiani, ma che non erano eccessivamente preoccupati di dare una seria educazione cristiana ai figli. Agostino fu educato

Dettagli

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO

NUTRIZIONE ed EQULIBRIO NUTRIZIONE ed EQULIBRIO Lo sapevi che Una corretta alimentazione è importante per il nostro benessere psico-fisico ed è uno dei modi più sicuri per prevenire diverse malattie. Sono diffuse cattive abitudini

Dettagli

RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015

RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015 Organizzazione non lucrativa di utilità sociale- Onlus sita in Demonte (CN) via Colle dell Ortica n 21-12014 Cod. Fisc. 96081720045 Tel.017195218 RELAZIONE MISSIONE DEL 17/01/2015 OBIETTIVO Migliorare

Dettagli

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista

ALIMENTAZIONE E SALUTE. Dott.ssa Ersilia Palombi. Medico Nutrizionista ALIMENTAZIONE E SALUTE Dott.ssa Ersilia Palombi Medico Nutrizionista Alimentarsi bene e nutrirsi bene: non sempre i due comportamenti corrispondono, infatti il segnale fisiologico dell appetito da solo

Dettagli

PERCHE ESISTE LA FAME NEL MONDO?

PERCHE ESISTE LA FAME NEL MONDO? L ALIMENTAZIONE COSA SIGNIFICA? L'alimentazione consiste nell'assunzione da parte di un organismo, degli alimenti indispensabili al suo metabolismo e alle sue funzioni vitali quotidiane e prende in considerazione

Dettagli

Carboidrati circa 55-60% dell'introito calorico giornaliero

Carboidrati circa 55-60% dell'introito calorico giornaliero Qualunque cibo introdotto nel corpo umano viene trasformato, tramite reazioni chimiche, nei suoi costituenti elementari che sono proteine, lipidi, carboidrati, vitamine, minerali e acqua, perché è solo

Dettagli

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia

La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia 8. Varia spesso le tue scelte a tavola 58 La dieta deve assicurare al nostro organismo, oltre alle proteine, i grassi, i carboidrati e l energia da essi apportata, anche altri nutrienti indispensabili,

Dettagli

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE

LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE LE BASI DELL ALIMENTAZIONE INTRODUZIONE Lo scopo di questa guida alimentare è prevalentemente quello di informare con chiarezza e orientare il proprio stile di vita alimentare, modulando le scelte alimentari

Dettagli

FALSI MITI E FALSE DIETE: CONSIGLI PRATICI PER DIMAGRIRE IN SALUTE. http://www.dietagratis.com

FALSI MITI E FALSE DIETE: CONSIGLI PRATICI PER DIMAGRIRE IN SALUTE. http://www.dietagratis.com FALSI MITI E FALSE DIETE: CONSIGLI PRATICI PER DIMAGRIRE IN SALUTE 1. Introduzione 2. Test: scopri se sei in sovrappeso 3. Peso corporeo e metabolismo: come funzionano 4. I falsi miti da sfatare 5. Le

Dettagli

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari

Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari È una iniziativa Diversity & Inclusion Sandoz Stili di vita e alimentazione nelle patologie cardiovascolari Introduzione: Le malattie cardiovascolari

Dettagli

Sani si diventa. Dall infanzia alla maturità, il felice equilibrio tra corpo e mente

Sani si diventa. Dall infanzia alla maturità, il felice equilibrio tra corpo e mente Sani si diventa. Dall infanzia alla maturità, il felice equilibrio tra corpo e mente Mente sana in un corpo sano. Come sempre, la saggezza antica non commette errori: camminare, andare in bicicletta, passeggiare,

Dettagli

(Decreto del Presidente della Repubblica n. 204 del 08 maggio 1987)

(Decreto del Presidente della Repubblica n. 204 del 08 maggio 1987) Specifiche e autonome attività d'insegnamento della Religione Cattolica nelle Scuole Pubbliche Elementari (Decreto del Presidente della Repubblica n. 204 del 08 maggio 1987) 1. Natura e finalità. 1. L'insegnamento

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I

Curricolo di religione cattolica scuola primaria CLASSE I NUCLEI FONDANTI Dio e l uomo 1. Scoprire che per la religione cristiana Dio è Creatore e Padre e che fin dalle origini ha voluto stabilire un alleanza con l uomo. 2. Conoscere Gesù di Nazareth, Emmanuele

Dettagli

Depressione e speranza cristiana. Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011

Depressione e speranza cristiana. Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011 Depressione e speranza cristiana Convegno Dal buio alla luce Marconia 26 Maggio 2011 Premessa Il mio punto di vista non sarà certo quello del medico, dello psicanalista, o del sociologo. (gli interventi)

Dettagli

Intenzioni per l Apostolato della Preghiera 2014

Intenzioni per l Apostolato della Preghiera 2014 Intenzioni per l Apostolato della Preghiera 2014 GENNAIO 2014 Perché venga promosso un autentico sviluppo economico, rispettoso della dignità di tutti gli uomini e di tutti i popoli. Perché i cristiani

Dettagli

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO

PREGHIERA DI SAN GIROLAMO SUPPLICA A SAN GIROLAMO P. Nel nome del Padre. Amen. P. Rivolgiamoci al Signore Gesù con la preghiera di san Girolamo, per ottenere la conversione del cuore, fonte di riconciliazione e di pace con Dio

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO

2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO 2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO 1. RITO ORDINARIO RITI INIZIALI 60. Il ministro, entrando dal malato, rivolge a lui e a tutti i presenti un fraterno saluto.

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA

SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: RELIGIONE CATTOLICA TRAGUARDI PER LO SVILUPPO DELLE COMPETENZE ALLA FINE DELLA SCUOLA PRIMARIA 1) L alunno riconosce che Dio si è rivelato attraverso Gesù, stabilendo con l

Dettagli

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico

Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Come e perché si aumenta di peso: il bilancio energetico Intorno al concetto del giusto peso si sono formulate tante teorie, a volte vere, altre assolutamente prive di valenza scientifica. Nella grande

Dettagli

TOSSINE E SOSTANZE NOCIVE: nemici per la nostra salute.

TOSSINE E SOSTANZE NOCIVE: nemici per la nostra salute. TOSSINE E SOSTANZE NOCIVE: nemici per la nostra salute. Le nuove scoperte avvenute nel campo scientifico e medico hanno notevolmente aumentato la qualità della vita. Contemporaneamente, l inquinamento,

Dettagli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli

Liturgia. Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli Liturgia Colui che scruta i segreti più intimi, conosce l anelito dello Spirito e lo raccoglie ( Rm 8,27) Fiorenza Pestelli C è un piacere nel credere e del credere insieme La fede non è solo un offerta

Dettagli

EUCARESTIA E SANTA MESSA

EUCARESTIA E SANTA MESSA EUCARESTIA E SANTA MESSA Cari figli, Gesù, così come è nei Cieli, è anche qui sulla Terra, presente nell Eucarestia. Gesù è presente nell Eucarestia per fortificare lo spirito di ognuno di voi. Rendete

Dettagli

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria

RELIGIONE CATTOLICA. Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria RELIGIONE CATTOLICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sui dati fondamentali della vita di Gesù e sa collegare i contenuti

Dettagli

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO. una corretta informazione per un benessere psicofisico

ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO. una corretta informazione per un benessere psicofisico ALIMENTAZIONE DEL BAMBINO una corretta informazione per un benessere psicofisico Mangiare o nutrirsi? Mangiare è un atto ricco di significati che va ben oltre il semplice soddisfacimento fisiologico Nutrirsi

Dettagli

SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale

SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale SANTO NATALE 2015 (Omelia all ospedale) E nato per noi un bambino, un figlio ci è stato donato (antifona). Pochi giorni dopo l'apertura della porta Santa che ci ha visti accorrere numerosi per vivere la

Dettagli

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine!

Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! ..\..\Leggi+Articoli rist + logo+immag\loghi AIC\Loghi AFC\AFC definitivobis.pdf Consigli per l'alimentazione degli sportivi: sani, in forma e senza glutine! Alimentazione sana ed equilibrata Migliora

Dettagli

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE

PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE Parrocchia S. Biagio in Ravenna Anni: 2014-2015 e 2015-2016 PROGETTO CATECHISTICO PARROCCHIALE PER L INIZIAZIONE CRISTIANA Che cos è l iniziazione cristiana? È l introduzione

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

DA MADRE. Èla madre che -

DA MADRE. Èla madre che - DA MADRE a figlio 2 Èla madre che - durante la gravidanza e l allattamento - dona al figlio tutto il calcio necessario a formare lo scheletro. Durante la gravidanza, soprattutto nel terzo trimestre, il

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011

ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 ANNO SCOLASTI CO 2010/ 2011 FINALITA OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO CONTENUTI Acquisire atteggiamenti di stima e sicurezza di se e degli altri Scoprire attraverso i racconti

Dettagli

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC

Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC Istituto Comprensivo I. Nievo di San Donà di Piave(VE) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA -CLASSI PARALLELE- SCUOLA PRIMARIA IRC A.S. 2008-2009 IRC (Insegnamento della Religione Cattolica) PREMESSA Il percorso didattico

Dettagli

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE

SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE SCHEMA ALIMENTARE SKY LINE Il nuoto è una disciplina sportiva di tipo aerobico-anaerobico misto in cui sono coinvolti principalmente i CARBOIDRATI per soddisfare il fabbisogno energetico. Devono essere

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 ISTITUTO COMPRENSIVO CARLO DEL PRETE DI CASSOLNOVO VIA TORNURA 1 27023 CASSOLNOVO (PAVIA) PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE ANNO SCOLASTICO 2015/ 2016 SCUOLA PRIMARIA DI CASSOLNOVO:Fossati, Gavazzi e

Dettagli

(Catechismo della Chiesa cattolica Compendio, 561).

(Catechismo della Chiesa cattolica Compendio, 561). PREGARE PER VIVERE IN PIENEZZA di Fr. Renato D Andrea O. P. La preghiera ci consente di metterci in comunione con Dio-Amore da cui si impara l amore. Solo imparando l amore e di conseguenza amando, si

Dettagli

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità

Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia. Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità Arcidiocesi di Udine Ufficio Diocesano per la Pastorale della Famiglia Pregare nell assemblea liturgica con le famiglie nell anno della Carità IN PREGHIERA PER TUTTE LE FAMIGLIE NELLA FESTA DELLA SANTA

Dettagli

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri

IL CREATO DONO DI DIO. Dio Padre ha pensato a me come dono per gli altri IL CREATO DONO DI DIO I bambini sono abituati a vedere gli elementi del creato come oggetti usuali in quanto facenti parte del loro universo percettivo, per questo è importante che possano scoprire il

Dettagli

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale

ALIMENTAZIONE dell ATLETA. Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale ALIMENTAZIONE dell ATLETA Sergio Crescenzi Gianfranco Colombo Antonio De Pascale A CHE SERVE MANGIARE? Gli alimenti ci forniscono l energia per muoverci, per respirare,per il battito cardiaco, per il funzionamento

Dettagli

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI

I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI I CINQUE GRUPPI DI ALIMENTI Le Linee guida per una sana alimentazione italiana dell Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN) pubblicate nel 2003 propongono dieci direttive

Dettagli

Opere di misericordia 1

Opere di misericordia 1 Percorso di riscoperta delle Opere di misericordia 1 DAR DA MANGIARE AGLI AFFAMATI INSEGNARE AGLI IGNORANTI Spunti di riflessione per un dibattito sull Opera di misericordia corporale Dar da mangiare agli

Dettagli

L ALIMENTAZIONE NATURALE DEL GATTO

L ALIMENTAZIONE NATURALE DEL GATTO L ALIMENTAZIONE NATURALE DEL GATTO COME NUTRIRE IL GATTO CON ALIMENTI SANI E NUTRIENTI RISPETTANDO LA SUA NATURA. Allevamento di Devon Rex I Folletti di Nerone - Allevamento di Maine Coon della Perla Blu.

Dettagli

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO

CENACOLO DELLE MADRI. 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO CENACOLO DELLE MADRI 13 Dicembre 2012 III INCONTRO DI PREGHIERA Anno liturgico 2012-2013 MARIA, LA VERGINE DELL ASCOLTO Dicembre è il mese del compleanno di Gesù: sembra che anche molti cristiani se lo

Dettagli

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA

Una corretta alimentazione nello sport. Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA Una corretta alimentazione nello sport Dott.ssa Jessica Giardini BIOLOGA NUTRIZIONISTA CARBOIDRATI Sono alla base dell alimentazione costituiscono circa il 50% delle calorie che occorrono ogni giorno POSSIAMO

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA

PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ISTITUTO COMPRENSIVO MAFFI PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA Ins. Marina Striolo Marianna Chieppa Cinzia Di Folco ANNO SCOLASTICO 2015/2016 L IRC, come le altre discipline scolastiche della

Dettagli

UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16. Paternità di Dio. Provvidenza

UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16. Paternità di Dio. Provvidenza UN SOLO SIGNORE, UNA SOLA FEDE, UN SOLO BATTESIMO Il cammino dell'ami cap. 1-3-8-16 Paternità di Dio Provvidenza San Giovanni Calabria, prendendo alla lettera il vangelo, ha vissuto e ci ha trasmesso uno

Dettagli

Dieta alimentare: donna 30 anni, 1,70 m. 60 kg impiegata e praticante arti marziali.

Dieta alimentare: donna 30 anni, 1,70 m. 60 kg impiegata e praticante arti marziali. Dieta alimentare: donna 30 anni, 1,70 m. 60 kg impiegata e praticante arti marziali. Prima di affrontare un'attività sportiva, viene da chiedersi cosa e quanto è meglio mangiare. Ma quello che si può consumare

Dettagli

Vangelo senza confini

Vangelo senza confini Diocesi di Bergamo Centro Missionario Diocesano Ottobre Missionario 2009 Rosario Missionario Vangelo senza confini Nel nome del Padre. Con Maria percorriamo le strade del mondo; come Maria portiamo Gesù;

Dettagli

Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale

Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale Il fabbisogno di energia di un individuo dipende dal suo dispendio energetico totale L energia introdotta con gli alimenti è utilizzata dall organismo e restituita all ambiente sotto forma di calore (soprattutto)

Dettagli

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi

vivo noi tra VERSIONE MISTA strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti Digitali integrativi Gruppo Scuola Nuova Percorsi facilitati per lo sviluppo e la valutazione della competenza religiosa è vivo tra noi strumenti per una didattica inclusiva Scarica gratis il libro digitale con i Contenuti

Dettagli

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana

ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana G.Gatti - Evangelizzare il Battesimo - 199 ogni figlio di dio: una promessa di vita cristiana UNO SGUARDO ALL AVVENIRE L amore vero guarda lontano Chi ama, guarda sempre lontano, al futuro. L amore, infatti,

Dettagli

Istituto Comprensivo Perugia 9

Istituto Comprensivo Perugia 9 Istituto Comprensivo Perugia 9 Anno scolastico 2015/2016 Programmazione delle attività educativo didattiche SCUOLA PRIMARIA Disciplina RELIGIONE CLASSE: PRIMA L'alunno: - Riflette sul significato dell

Dettagli

PROGRAMMA NUTRIZIONALE

PROGRAMMA NUTRIZIONALE PROGRAMMA ProgrammaNutrizionale NUTRIZIONALE per una duratura riduzione del grasso in eccesso ed il riequilibrio dell alimentazione Benvenuti in LineaMed Risultati positivi che durano nel tempo senza fame

Dettagli

Insieme per sconfiggere la fame

Insieme per sconfiggere la fame WFP: Combatte la fame nel mondo Insieme per sconfiggere la fame Un miliardo di affamati Circa 1 miliardo di persone al mondo deve lottare per trovare il cibo necessario a condurre una vita sana e produttiva.

Dettagli

-assicurare il fabbisogno plastico necessario alla riparazione protezione e ricambio dei tessuti.

-assicurare il fabbisogno plastico necessario alla riparazione protezione e ricambio dei tessuti. Il principali compiti derivanti dall assunzione periodica di cibo sono: -assicurare il giusto fabbisogno energetico necessario alla vita ed all attività muscolare (tenendo conto che entrate ed uscite devono

Dettagli