Disturbi in gravidanza: tutti i rimedi!

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Disturbi in gravidanza: tutti i rimedi!"

Transcript

1 N 0 MAGGIO 2014 la rivista COPIA OMAGGIO NASCERE E RINASCERE... IL SEGRETO PER PREVENIRE LA CARIE IN CUCINA CON I BIMBI PRIME PAPPE. QUANDO INIZIARE? Disturbi in gravidanza: tutti i rimedi! Disturbi in gravidanza: tutti i rimedi!

2 indice Il saluto di Anita Molino e di Giorgia Cozza 3 gravidanza Nove mesi di benessere 4 nascita Nascere e... rinascere L accoglienza al nuovo nato 8 10 bambino Un tocco amorevole che regala sollievo Allattamento e pappe famiglia Bambino iperattivo, un aiuto dai fiori La carie e le nostre (ignote) capacità di prevenirla e curarla da soli Portare i piccoli, un gesto d amore! cucina natura natura Ciambella rustica Ammorbidente minerale alla lavanda Le mani nella Terra bimbi libri autori novità e anticipazioni Gioca, Indovina, Colora Appuntamento con i nostri libri Appuntamento con gli autori I nostri libri per mamma e papà I nostri libri per bambini Redazione Giorgia Cozza, Anita Molino Il leone verde edizioni Via della Consolata, TORINO Direttore responsabile Testi e collaboratori Foto Progetto grafico e impaginazione: Giorgia Cozza Maria Francesca Agnelli, Elena Balsamo, Nicoletta Bressan, Beatrice Castelli, Sarah Cinquini, Margherita Chiappini, Andrea Di Chiara, Maura Gancitano, Annalisa Malerba, Paola Negri, Sara Notarantonio, Emanuela Rocca, Daria Voltazza. Archivio web: Carla Leni (Rubrica Natura)/ Mamma Francesca e la piccola Valentina (Nascere) / Mamma Rachele e la piccola Emilia Maria, Mamma Barbara e il piccolo Tommaso (Portare) Barbara Vaccariello n 0 Maggio Il Bambino Naturale Segui il Bambino Naturale su + SPAZIO PUBBLICITARIO per informazioni contattare Il leone verde Edizioni Via della Consolata Torino Tel: Fax: P.IVA

3 il Saluto dell editore Anita Molino Cari amici, è con grande soddisfazione che saluto questo primo numero di una rivista a lungo sognata e desiderata. Una rivista per mamme e papà ispirata alle medesime idee e convinzioni alla base della collana Il bambino naturale. Un altro piccolo tassello, ma sempre dalla parte della famiglia, dei bambini e di madri e padri. Una lettura che possa stimolare la riflessione e l approfondimento su comportamenti, stili relazionali, su modalità di accudimento ed educazione, sempre in una prospettiva lontana da interessi commerciali e industriali. Per questo assicuriamo l assoluta indipendenza di contenuti, vale a dire la garanzia che sarà pubblicato soltanto ciò in cui crediamo e non per altri motivi. Anche la pubblicità, fonte irrinunciabile di finanziamento, sarà frutto di un attenta selezione. Viviamo in tempi assai insidiosi per la famiglia. Non passa giorno senza una qualche notizia deprimente che rivela come il bersaglio più preso di mira sia proprio la cellula fondamentale della società. Le strategie messe in campo sono varie e molteplici, e vanno a colpire e disgregare tutti i valori da cui può scaturire una possibilità di ordine naturale nella vita individuale e collettiva. E chi ci rimette sempre sono i più piccoli, i più vulnerabili. Non facciamoci trarre in inganno. Questa è una società che dietro alle belle espressioni di attenzione e rispetto verso i bambini, promuove nei fatti modalità e stili che manifestano una grave indifferenza, quando non disprezzo, nei loro confronti. Le necessità fisiche e psichiche dei bambini sono costantemente trascurate, ridicolizzate e negate, o addirittura strumentalizzate, se fa comodo. Ma i bambini sono, molto semplicemente, il futuro. Che tipo di futuro stiamo preparando? Non ha senso fare in questo momento degli esempi, sarebbero di gran lunga troppi, ma poniamo attenzione solo a questo dato: è stato calcolato che il bambino che guarda la televisione (cioè quasi tutti) a dieci anni ha già visto decine di migliaia di scene aggressive e violente (torture, stupri) e migliaia di omicidi e sparatorie. Molti bambini rimangono traumatizzati e presentano disturbi del sonno. Altri vengono desensibilizzati a tal punto da ritenere la violenza come un comportamento positivo ed emulabile. Non è certo questa la sede per sviluppare questo tema, che è vastissimo. Eppure solo da questo aspetto appare evidente che in troppi non si rendono conto dell ingiustizia e del male perpetrato sulla pelle dei bambini. In sintesi, con questa rivista ci proponiamo di offrire qualche strumento in più a genitori, educatori e in definitiva chiunque abbia responsabilità di accudimento verso i minori. Per sentirsi meno soli, ma più forti e consapevoli nella relazione più ricca e genuina che possiamo sperimentare: quella con i bambini. il direttore Giorgia Cozza È con grande emozione che vi presentiamo il numero zero della rivista del bambino naturale. Una rivista tutta nuova, nata per affrontare e approfondire ulteriormente le tematiche sviluppate nei nostri libri per i genitori e negli articoli pubblicati sul sito. E infatti le firme che troverete scorrendo le pagine della rivista sono quelle forse a voi già care, degli autori e dei collaboratori del bambino naturale. A loro è stato affidato l incarico di parlare di gravidanza, nascita, benessere della futura mamma e del neonato, accoglienza e accudimento del bambino nei primi mesi e anni di vita. Ma non è tutto. Alle informazioni scientifiche offerte dai nostri esperti si accompagnano gli spunti pratici, i suggerimenti utili come quelli contenuti nelle rubriche di cucina, natura, fai da te. E, in una rivista che si rivolge alle famiglie, non poteva mancare una pagina dedicata ai più piccini, con giochi e disegni da colorare. Che dire... noi ci abbiamo messo mente e cuore, queste pagine sono state pensate con tanta passione ma ora... la parola a voi lettori e lettrici! Aiutateci a far crescere la nostra e vostra rivista, con proposte, segnalazioni, suggerimenti... Potete scriverci all indirizzo Noi vi aspettiamo, e intanto vi auguriamo buona lettura! n 0 Maggio Il Bambino Naturale

4 gravidanza Emanuela Rocca, ostetrica libera professionista a Genova e mamma di tre figli, è autrice del libro Travaglio e parto senza paura, (Il leone verde, 2013). Sara Notarantonio è un ostetrica libera professionista a Milano, esperta in rimedi naturali. di Emanuela Rocca e Sara Notarantonio Nove mesi di benessere I disturbi della gravidanza e come risolverli! L attesa è un momento magico, nove mesi in cui il nostro corpo si trasforma per accogliere e far crescere il bimbo fino a quando sarà pronto per affrontare la vita fuori dall utero. I visceri si spostano per fare spazio all utero che aumenta di volume, le articolazioni si allentano per aumentare lo spazio a disposizione all interno del bacino, la postura si modifica per bilanciare il peso del pancione, muscoli e ossa vengono sollecitati sempre di più e tutto il corpo si adatta ai cambiamenti legati a questa nuova vita che si fa spazio in noi! L ormone principale che accompagna la gravidanza, ne permette l evoluzione e fa da regista a tali cambiamenti e adattamenti è il progesterone: la parola stessa ne indica la funzione pro-gestazione! Il progesterone, infatti, rilassa il muscolo uterino, permettendone il graduale aumento di volume durante i nove mesi. In assenza di tale azione miorilassante, l utero si contrarrebbe spasmodicamente per ostacolare tale distensione! Ma il progesterone agisce a 360, influenzando anche altre funzioni, quali ad esempio la motilità intestinale e la digestione che rallentano, la maggior sensibilità della pelle ai raggi solari, la ritenzione di liquidi, la lassità legamentosa. Tanti cambiamenti possono, però, comportare alcuni disagi per la futura mamma. Vediamo insieme quali sono i principali e più comuni disturbi legati alla gravidanza e come possiamo alleviarli in modo naturale nel rispetto della salute di mamma e bambino! STIPSI Il progesterone, per la sua azione rallentante, rende la motilità intestinale meno efficace, così che molte future mamme soffrono di stitichezza fin dalle prime settimane di gravidanza. La frequenza delle evacuazioni diminuisce, le feci possono essere quindi più difficili da espellere e la futura mamma potrebbe faticare ad andare in bagno, situazione che potrebbe, talvolta, provocare contrattilità uterina, irritabilità e coliche intestinali e favorire l insorgere di ragadi anali (piccoli taglietti a livello anale), prurito o bruciore ed emorroidi. Cosa fare I primi consigli riguardano l alimentazione! Occorre aumentare il consumo di cibi ricchi di fibre insolubili, in grado di trattenere l acqua aumentando e rendendo più soffice la massa fecale, accelerandone il transito intestinale e riducendo i tempi di contatto con sostanze potenzialmente nocive e tossiche. I cereali integrali e la verdura sono ricchi di fibre insolu- n 0 Maggio Il Bambino Naturale

5 bili: prediligete le verdure verdi cotte. Prugne e mele cotte, kiwi maturi, favoriscono la motilità intestinale, mentre patate, carote, banane la rallentano. Occorre poi ricordarsi di bere acqua lontano dai pasti e di dedicarsi al movimento fisico con regolarità: camminare, nuotare, fare acquagym specifica per gestanti, sono alcune delle attività alle quali ci si può dedicare durante la gravidanza fisiologica. Un aiuto dalla natura Ecco infine un intervento fitoterapico validissimo: è la manna, una corteccia che ha proprietà blandamente lassative grazie all alto contenuto di mucillagini che stimolano l attività dell intestino. Assunta nella misura di 20 grammi in acqua, durante la giornata si possono bere alcuni bicchieri di decotto di foglie di Malva. NAUSEA E VOMITO È il disturbo più comune tra le future mamme nel primo trimestre, ma talvolta si protrae anche nei mesi successivi. Cosa fare Occorre anzitutto intervenire sulla dieta. Uno dei principali accorgimenti per prevenire e/o alleviare la nausea è quello di non rimanere mai a stomaco vuoto, si consiglia quindi di effettuare pasti leggeri e frequenti, prediligendo cibi secchi e facili da digerire (talvolta possono aiutare i cibi salati e quelli che contengono lo zenzero). Lo stesso discorso vale per i liquidi, è opportuno bere spesso a piccoli sorsi. Un aiuto dalla natura L assunzione di zenzero polverizzato in un dito di acqua ha una notevole attività antiemetica. Si possono poi integrare nell alimentazione 3-4 cucchiaini al giorno di miele di rosmarino o di acacia che facilita la digestione, favorendo l attività biliare, ed è lenitivo della mucosa gastrica. ACIDITÀ DI STOMACO E REFLUSSO Anche lo svuotamento gastrico risente dell influsso del progesterone. La digestione rallenta e la valvola che collega lo stomaco all esofago, il cardias, può diventare leggermente incontinente e lasciar risalire i succhi gastrici dallo stomaco, causando quella sensazione di bruciore allo sterno che alcune future mamme avvertono in gravidanza. Nel primo trimestre il principale responsabile è il progesterone, mentre nel terzo trimestre si aggiunge la compressione che l utero, cresciuto fino ad arrivare sotto l arcata costale, provoca sullo stomaco verso l alto, impedendone il completo riempimento e provocando quella tipica sensazione di pienezza molto familiare alle future mamme verso l avvicinarsi della nascita! È una sensazione molto sgradevole e talvolta debilitante che in una buona parte dei casi si può alleviare adottando alcune semplici misure. Cosa fare Non coricatevi immediatamente dopo il pasto, ma se potete aspettate almeno un paio d ore e se l orario della giornata e la stagione lo permettono fate una bella passeggiata! Sostenetevi con uno o più cuscini per dormire, la posizione semicoricata impedirà, almeno in parte, la risalita dei succhi gastrici dallo stomaco. Noterete che coricarvi sul fianco sinistro allevierà immediatamente tale sensazione. Fate in modo che non passino troppe ore tra un pasto e l altro, l aumento dei succhi gastrici nello stomaco che ne consegue, può favorire o peggiorare l insorgenza del reflusso acido dallo stomaco. Evitare intervalli di molte ore tra i pasti impedirà n 0 Maggio Il Bambino Naturale

6 gravidanza anche di arrivare al pasto eccessivamente affamate, prevenendo le abbuffate e quella sensazione di pienezza e difficoltà respiratoria che ne conseguono, essendo diminuita la capacità dello stomaco, soprattutto a fine gravidanza. Non trascurate quindi l importanza di uno spuntino a metà mattina e a metà pomeriggio, possibilmente a base di crackers, fette biscottate o grissini, in grado di assorbire e contrastare l acidità gastrica. Evitate quanto più possibile di bere bevande gassate, thè o caffè e di mangiare cibi fritti o molto conditi; anche il pomodoro andrebbe assunto con moderazione. Un aiuto dalla natura Suggeriamo l assunzione di una tisana che protegga la mucosa gastrica a base di malva e calendula. Basta far bollire queste due piante in mezzo litro di acqua per 10 minuti, lasciare riposare, filtrare e berne 2-3 tazzine durante la giornata. Eventualmente se necessario aggiungere un antiacido naturale come l argilla. Un cucchiaio stemperato in un bicchiere di acqua e lasciato riposare per due ore. RITENZIONE IDRICA E CELLULITE Per proteggere il bambino nell utero da eccessivi sbalzi termici e per prepararsi al parto, l organismo della futura mamma assorbe nel tessuto connettivo quantità aumentate di liquidi, che insieme all azione della relaxina, ormone che ha la funzione di ammorbidire tutti i tessuti per creare spazio al bambino nell organismo materno e facilitarne il successivo passaggio nel canale del parto, sono responsabili del rilassamento di tale tessuto e del ristagno idrico che si manifesta soprattutto agli arti inferiori (piedi e caviglie gonfie) e dell aumento della ritenzione idrica e della pelle a buccia d arancia. Cosa fare Il primo consiglio riguarda l attività fisica: è essenziale non solo per il fisico, ma anche per la mente! La gravidanza non è una malattia, ma una condizione fisiologica verso la quale il corpo femminile è naturalmente predisposto, perciò in assenza di sopraggiunte controindicazioni da parte dell ostetrica che vi segue, dedicatevi con regolarità e costanza al movimento, scegliendo un attività fisica dolce e mirata e spostandovi a piedi ogni qual volta i vostri tempi e le condizioni meteorologiche ve lo consentano. L attività in piscina è particolarmente adatta, poiché l immersione in acqua richiama i liquidi di ristagno nel torrente circolatorio, aumentando il volume circolante, la filtrazione renale e l eliminazione delle scorie e diminuendo il ristagno, quindi gli edemi e la ritenzione idrica nel tessuto connettivale. Anche l alimentazione gioca un ruolo molto importante: evitate cibi grassi e fritti, limitate il consumo di dolci e idratatevi abbondantemente! SMAGLIATURE Si presentano come sottili strie dapprima arrossate, più o meno estese e profonde, che poi nel tempo tendono ad assumere una colorazione madreperlacea stabile e irreversibile. La causa è l infiammazione del tessuto elastico del derma nei momenti della vita in cui viene maggiormente sottoposto a trazione: quando si aumenta rapidamente di peso, quando si cresce velocemente (bambini e adolescenti) e in gravidanza, momento in cui le variazioni ormonali, hanno un effetto diretto sulla formazione della smagliatura sia per la trazione alla quale viene sottoposta la cute mano a mano che seni e addome aumentano di volume, sia per l eccessivo rilascio di sostanze, come la relaxina, che alterano il tono del tessuto elastico cutaneo. cosa fare Si possono fare dei leggeri massaggi sulle zone a rischio o dove esiste la smagliatura con olio di mandorle oppure olio di germe di grano, e si può applicare tutte le mattine o tutte le sere una crema all equiseto. Questa crema migliora l elasticità cutanea e rassoda i tessuti. FRAGILITÀ CAPILLARE, VENE VARICOSE, EMORROIDI In gravidanza i vasi sanguigni si modificano grazie all influenza degli ormoni e la resistenza vascolare periferica si riduce, con conseguente dilatazione dei vasi, soprattutto delle gambe, e maggior rischio di insorgenza di varici ed emorroidi. Cosa fare L attività sportiva e il movimento eseguito con costanza e regolarità, rinforzano le pareti dei vasi sanguigni con conseguente miglioramento del ritorno n 0 Maggio Il Bambino Naturale

7 Fitoterapia no al fai da te Per chi ama i rimedi naturali è importante, in gravidanza, non ricorrere al fai da te. Naturale, infatti, non è sinonimo di innocuo e non tutti i rimedi fitoterapici possono essere utilizzati nell attesa. Per ricorrere alle cure verdi è quindi opportuno consultare sempre una figura esperta (ostetrica e/o medico) in rimedi fitoterapici. venoso e quindi prevengono tali disturbi. Un aiuto dalla natura Applicare localmente una crema all ippocastano oppure assumerlo in forma di gocce. L ippocastano ha un effetto di protezione vascolare ed è antinfiammatorio. Se ne sconsiglia l assunzione sotto forma di semi o corteccia. MACCHIE CUTANEE Il progesterone influisce sulla maggior secrezione della melanina, ormone responsabile della pigmentazione cutanea, capace di reagire con la luce. I capezzoli e l areola si scuriscono e nell ultimo trimestre compare una linea scura sull addome, tra l ombelico e il pube (linea alba), in corrispondenza della congiunzione tra i due muscoli retti dell addome. Cosa fare In gravidanza la pelle diventa più sensibile ai raggi solari, pertanto occorre fare maggior attenzione esponendosi al sole, evitando le ore centrali della giornata ed avendo cura di adoperare una crema ad alta protezione per evitare la comparsa di macchie scure sul viso, in particolare sulle guance e intorno agli occhi. Tali macchie e la colorazione più scura di capezzoli e addome tenderanno a scomparire gradualmente dopo qualche mese dalla nascita del bambino. Un aiuto dalla natura È possibile fare dei lavaggi giornalieri con un decotto di radice di genziana che viene usata per schiarire le efelidi. PRURITO CUTANEO Il prurito della pelle, specialmente a livello dell addome, è un fenomeno locale davvero frequente e che difficilmente trova giovamento con i farmaci. Un aiuto dalla natura Assumere una tintura madre al Tarassaco può essere di aiuto per eliminare le scorie metaboliche e aumenta la diuresi. Se ne possono assumere 30 gocce 3 volte al giorno prima dei pasti. Inoltre si può preparare una tisana a base di tarassaco, semi di cardo mariano e radice di bardana, 30 grammi di ogni pianta in una tazza di acqua bollente, si fa riposare per 15 minuti, si filtra e si beve. Questa tisana ha un effetto depurativo e protegge il fegato. CRAMPI I crampi possono insorgere di notte o durante l arco della giornata in particolari posizioni. Le cause possono essere circolatorie o dovute a carenza di magnesio. Cosa fare Se la donna non vuole assumere integratori si può bilanciare la carenza di magnesio con un alimentazione ricca di legumi, frutta e verdura verde. Un aiuto dalla natura Si possono fare dei massaggi locali con olio d oliva dentro il quale si aggiungono delle gocce di olio essenziale di rosmarino. Ne bastano 3 gocce per 100 gr di olio di oliva. La mamma nativa americana, appena scopre di essere incinta, inizia a raccontare storie al bambino dentro al suo grembo e canta per lui. A volte il papà usa un sonaglio o un tamburo per accompagnare la narrazione, nella consapevolezza che il suono e la musica aiutano l embrione a crescere. Sono qui con te, E. Balsamo n 0 Maggio Il Bambino Naturale

8 nascita Elena Balsamo, pediatra, specialista in puericultura, esperta conoscitrice delle pratiche di maternage di altre culture, è l autrice del best-seller Sono qui con te, di Libertà e amore e Nato prima del tempo. È autrice anche di libri illustrati per bambini. di Elena Balsamo Nascere e... rinascere PER DARE IL BENVENUTO AL PRIMO NUMERO DELLA RIVISTA DEL BAMBINO NATURALE COME NON PARLARE DI NASCITA? VORREI FARLO, COME È MIA ABITUDINE, VEDENDOLA DALLA PARTE DEL BAMBINO, CERCANDO DI FARMI INTERPRETE DEL SUO VISSUTO E DEL SUO SENTIRE. PERCHÉ LUI È TROPPO PICCOLO PER RAC- CONTARE CHE COSA SIGNIFICA NASCERE, VENIRE AL MONDO PER UN BAMBINO? CERCHIAMO DI SCOPRIRLO INSIEME. Innanzitutto un bambino per nascere deve volerlo. Più di qualsiasi altra cosa al mondo. Ad ogni costo. Con tutto se stesso, senza tentennamento alcuno. Non c è posto per i dubbi, non c è spazio per la paura. Deve volerlo con ogni fibra del suo corpo. Ogni sua cellula deve essere imbevuta della voglia di venire al mondo. La decisione dev essere totale, assoluta, senza ripensamenti. Solo così si apre il varco. Solo così la porta si spalanca e il bambino può nascere alla vita. Solo così l anima si desta. Sì, perché lungo e impegnativo è il viaggio per l atterraggio. Ognuno lo vive a modo suo: c è chi parte lancia in resta con la curiosità di vedere cosa succederà, chi invece ha bisogno di una spintarella perché tentenna e trema sull orlo, chi cerca di posticipare l evento a tutti i costi e chi invece ha fretta di venire al mondo o addirittura scappa da una condizione che si è fatta invivibile Chi oppone resistenza e mette avanti i piedi, chi ha un ripensamento e si sabota arrotolandosi il cordone intorno al collo C è poi chi nel viaggio si blocca all inizio e sbatte la testa contro il muro della cervice che pare non aprirsi mai, chi si ferma a metà perché non si sente sostenuto, chi si incastra proprio nella tappa finale quando il traguardo è ormai vicino La modalità del processo di nascita si imprimerà nella memoria cellulare e condizionerà poi il resto della vita: c è chi continuerà a partire con entusiasmo nei progetti per poi fermarsi a metà strada, chi faticherà a incominciarli, a prendere una decisione, chi si bloccherà proprio alla fine quando la meta è a portata di mano Dimmi come sei nato e ti dirò chi sei : in questa affermazione c è più verità di quanto si possa immaginare Non sempre il tragitto si presenta facile: ci sono tanti ostacoli da superare, a volte sembra di non trovare via d uscita e allora arriva lo scoraggiamento o addirittura la disperazione. Bisogna provare e riprovare tante strade, bisogna insistere, non darsi mai per vinti anche quando il viaggio sembra non avere fine A volte poi ci sono eventi imprevisti: qualcuno ha sbagliato i calcoli, il collo dell utero non si dilata e il par- n 0 Maggio Il Bambino Naturale

9 La voce dei genitori è prima di tutto la voce dell amore. E il bambino ha bisogno di quell amore, ne ha bisogno per sopravvivere e adattarsi a questo mondo nuovo e sconosciuto. Per mesi si sazierà di latte e di amore. A un neonato serve davvero poco altro. Contatto, vicinanza, voce. Me lo leggi, G.Cozza to viene indotto ma il piccolo in realtà non è ancora pronto per nascere. Viene spinto fuori con la forza quando lui vorrebbe stare ancora un poco lì al calduccio Quando crescerà sarà un bambino che non tollererà imposizioni dagli adulti e reagirà con rabbia a chi cerca di fargli fretta Altre volte all improvviso manca il respiro, scatta la paura, il liquido si tinge ed ecco l intervento: il bambino viene estratto dall utero materno con un taglio cesareo o una ventosa. Non è certo un bel modo di nascere Specie nel caso di un anestesia della mamma che toglie al bambino la sensazione del contatto con lei e lo stordisce facendogli mancare tutto d un colpo ogni punto di riferimento. Energeticamente per il bambino la mamma non esiste più, come fosse morta o scomparsa Anche di questo rimarrà il ricordo. Impresso nel corpo, nella mente e nell anima. Se qualcuno non si è ricordato di spiegare al piccolo viaggiatore cosa sta succedendo, se non gli ha detto che c è un po di turbolenza in volo ma che può star tranquillo perché sarà sicuro l atterraggio e mamma dorme solo ma è lì con lui e presto lui sarà tra le sue braccia. Ora finalmente è fuori, ce l ha fatta! Arriva in genere piangendo, a volte di rabbia se l atterraggio è stato doloroso: serrati i pugni, gli occhi strizzati A volte invece le sue lacrime sono di tristezza per ciò che sente di aver lasciato Ma se appena sgusciato viene poggiato sul ventre morbido e caldo della mamma ecco che trova terra e forse sorride Quando arriva in questa landa sconosciuta, il bambino deve trovare un volto che lo accoglie, deve trovare un sorriso negli occhi di qualcuno. Un bambino quando viene al mondo ha bisogno di trovare una madre innamorata. Innamorata della vita, innamorata di lui, perdutamente. Una mamma che lo osserva piena di stupore e commozione e nei suoi occhi si immerge e lì si perde. Solo così anche lui può innamorarsi della vita. Il bambino viene accolto prima di tutto dallo sguardo della madre, o del padre, che gli fa da specchio: vorrebbe trovarvi ciò che cerca Sarà così per sempre nella vita: si può nascere e rinascere solo quando si decide di farlo, con determinazione assoluta, quando la scelta diventa priorità, al di là di tutto il resto. Costi quel che costi. Anche correndo il rischio di non trovare un sorriso negli occhi di qualcuno n 0 Maggio Il Bambino Naturale

10 nascita Nicoletta Bressan è psicopedagogista, educatrice perinatale e insegnante di massaggio infantile AIMI. Da anni lavora accanto alle donne e alle famiglie accompagnandole dolcemente durante la maternità e la prima infanzia. Attualmente opera nelle province di Monza e Brianza, Milano, Lecco e Bergamo; è curatrice dei siti: e fasciaportabebe.altervista.org e ideatrice della pagina di Fb Amrita nutrire la vita. Per il Bambino Naturale cura la rubrica Massaggiare il bambino e la mamma. di Nicoletta Bressan L accoglienza al nuovo nato L ambiente è sereno, caldo, accogliente. La luce è diffusa e non diretta o, meglio ancora, la stanza è in penombra. Dopo il terremoto di pochi istanti prima, dopo sudore, fatica, dopo l ultimo urlo liberatorio, ora c è il silenzio a celebrare la magia di quest attimo. Una nuova vita si è affacciata al mondo e la sua mamma la tiene a sé e la controlla, contando tutte le ditina. Questo esserino così piccolo ha già grandi competenze: dal ventre della mamma, dove l avevamo lasciato, inizia a dare calcetti strisciando lentamente fino al seno. Per facilitare questo processo, le manine non sono state asciugate dal liquido amniotico, che ha un odore simile a quello del capezzolo materno. La linea alba, scuritasi negli ultimi mesi della gravidanza, fa da guida nel viaggio e l areola, anch essa più scura e visibile, evidenzia la meta. Dando calcetti alla Che sia un vagito ad annunciare il suo arrivo, oppure solo uno sbadiglio, questo essere respira ora la nostra stessa aria e condivide con noi lo spazio di vita, appropriandosi già di molto di più di quello che fisicamente occupa. La sua nascita è stata graduale, come d altronde lo sviluppo nei nove mesi in utero: spinta dopo spinta, respiro dopo respiro, senza fretta o orari da rispettare, senza messaggi ormonali chimicamente indotti. Dopo la nascita è stata asciugato e posto sul ventre materno. Il cordone ombelicale è rimasto integro finché ha spontaneamente smesso di pulsare e ciò ha permesso che anche i suoi primi respiri fossero graduali: non una grande boccata d aria che brucia i polmoni, causata dall apnea, ma un equilibrio tra il sistema che forniva ossigeno in utero e quello che, d ora in poi, fornirà aria sulla terraferma. Il sangue della placenta ha infatti continuato a fluire attraverso il cordone garantendo l apporto non solo dell ossigeno, ma anche del ferro, dando al bebé la dotazione ottimale per agevolare l adattamento al nuovo ambiente. pancia della mamma, strizzando i capezzoli con le manine e infine succhiando, il bebé stimola il rilascio di ossitocina nel corpo materno, favorendo il distacco della placenta e rendendo più dolce il secondamento. Attaccandosi al seno, il bebé riceve il colostro, liquido ricco di proteine e importantissimo perché fornisce anticorpi e cellule immunitarie. Il piccolo arriva autonomamente al seno e può attaccarvisi da solo: questo aiuterà nella futura gestione dell allattamento, dando maggiori possibilità di un attacco corretto ed efficace e maggiore motivazione nella prosecuzione. Il cocktail di ormoni aiuta moltissimo anche la formazione di memorie positive e l instaurarsi del primo legame fra due esseri che, per la prima volta, final- n 0 Maggio Il Bambino Naturale

11 La Kangaroo Care Consiste nel tenere un neonato pelle a pelle sul torace del genitore: è una tecnica che sfrutta il riscaldamento dell area toracica in connessione al rilascio di ossitocina andando a creare un luogo caldo e accogliente dove il bimbo può accoccolarsi. Sviluppatasi in Colombia come mezzo povero per aiutare i bambini prematuri, si è rivelato talmente efficacie da diffondersi nei contesti tecnologizzati. Le ricerche supportano la KC a partire dalla nascita come la norma e vedono la separazione madre-bambino immediatamente dopo il parto come una violazione dei diritti delle madri e dei neonati, con possibili cambiamenti maladattivi nella stabilità fisiologica e nella co-regolazione dello stress. Secondo le ricerche, dovrebbe quindi diventare uno standard di cura per tutti i neonati, sani o vulnerabili. mente, si ritrovano occhi negli occhi. Dopo il secondamento e a seguito dei controlli di routine, il neonato resterà continuativamente con la mamma, la quale imparerà a far fronte alle necessità del bebé supportata dagli operatori e accompagnata dal compagno, sempre presente in tutto il percorso nascita qualora lo voglia. Ad ogni modo, mai sola. Questa dovrebbe essere l accoglienza normale al neonato nei parti fisiologici (cioè circa nel 90% dei casi). Purtroppo ogni giorno ci troviamo di fronte a una realtà molto differente da questo quadro di pace. Sono decenni che ripetiamo che la maggior parte dei cesarei è ingiustificata, che il taglietto non dev essere una manovra di routine e che la spinta sulla pancia dovrebbe essere vietata, come lo è in altre parti d Europa. Eppure le percentuali continuano ad aumentare e i genitori continuano a delegare le decisioni al personale ospedaliero, non sentendo di possedere il sapere necessario per prendersi responsabilità. Alla nascita d un bimbo, il mondo non è mai pronto 1 : questa è la frase che mi viene sempre in mente quando tento di spiegarmi quello che accade in una comunissima sala parto. Nessun essere umano è 1 Szymborska W. (1998), Un racconto iniziato preparato alla sacralità della nascita, al silenzio senza tempo dell attesa del primo vagito. Quell istante in cui un essere appena venuto tiene tutti appesi a un filo, sospesi tra la vita e la morte. Non siamo più abituati a incontrare il mistero e a rimanere in silenzio in attesa che si riveli. La cultura dell agire, del fare, ci è ormai penetrata nel midollo e la medicina lo mostra in modo lampante: deve sapere tutto e gestire ogni situazione, demistificando ed escludendo ogni sentimentalismo, agendo secondo schemi preconfezionati per circoscrivere il rischio. Si crea così un assistenza da mercato delle vacche 2 : un assistenza pre, durante e post natale in cui il tecnicismo, le tempistiche e i protocolli diventano leggi in cui inquadrare ogni parto, ogni nascita, ogni donna e ogni bambino, per rendere tutte le situazioni linde, palesi, asettiche. Alice Miller 3 sosteneva che l affaccendarsi intorno al parto non è che un modo per tentare di sfuggire alla sensazione di paura che ci portiamo dentro. Una paura creatasi con la nostra nascita e poi negli anni 2 Kitzinger S. (1989), Una nuova libertà, introduzione a: Odent M. (1989), Ecologia della nascita., Red edizioni 3 Miller A. (1999), L infanzia rimossa. Dal bambino maltrattato all adulto distruttivo nel silenzio della società, Garzanti editore, Milano n 0 Maggio Il Bambino Naturale

12 nascita dell infanzia, ogni volta che il bambino ha dovuto metter da parte il suo sentire e ha visto i suoi bisogni frustrati per sottostare al volere degli adulti (gli unici che possono legittimare il bambino in ciò che egli può e deve sentire). Questo maltrattamento perdurante porta il bimbo a interiorizzare il potere subito e la paura, i quali si vanno a inscrivere nell inconscio: una volta divenuto adulto, egli eserciterà a sua volta il potere sui più indifesi. La medicalizzazione del parto, per la Miller, servirebbe quindi solo agli operatori che assistono per difendersi dalle paure e sofferenze (rimosse) subite durante la propria nascita e dal ricordo che ne potrebbe emergere. Lascio a voi decidere se questa tesi sia valida, ma è certo che l abuso della tecnica in medicina e la separazione di mamma e bambino continuano a creare ferite tanto visibili quanto incolmabili nei protagonisti della nascita. A un osservatore esterno può sembrare che ogni singola manovra, dal taglio del cordone precoce alla pulizia immediata, dalla prima pacca per scatenare il vagito alla separazione di mamma e bebé per compiere procedure di routine, sia un azione necessaria alla sopravvivenza del neonato. Da decenni, invece, le evidenze scientifiche dimostrano che non è così e che anzi non c è miglior cosa, per un neonato sano come per uno in difficoltà, che stare in contatto con il corpo del genitore, possibilmente proprio sul torace della mamma, per tutto il tempo necessario. Se il tempo sfugge, sappiate che questo è tempo di qualità, che più si consuma e più si crea. Dopo nove mesi passati a prepararsi alla nascita, è un peccato sprecare l oc- casione di viverla. Per alcune donne sarà il primo e ultimo parto. Per tutti i bambini è l unico e personale inizio di vita. Per noi tutti è, ad ogni nascita, una nuova occasione di portare pace, pronta per essere colta. n 0 Maggio Il Bambino Naturale

13

14 bambino Maria Beatrice Nava è psicologa, insegnante di massaggio infantile, ideatrice del corso di Massaggio Sollievo ed esperta in psicologia e educazione prenatale. È fondatrice e referente unica di Progetto Educazione Consapevole. di Maria Beatrice Nava Un tocco amorevole... che regala sollievo! Bimbo di una settimana raffreddato: come faccio a liberare il naso? Il mio bimbo non si scarica bene! Clisterino o sondino? Sono in panico! Il mio bimbo è malato ed è molto nervoso. Ha la febbre, non riesce a rilassarsi e vuole stare sempre in braccio, appena lo appoggio nel lettino è una tragedia... Come lo aiuto? Il rituale pre-nanna per me è una tortura. Ma ora abbiamo trovato... i massaggi! L unico neo è che io non so proprio farli. Avete qualcosa da consigliarmi? Domande di mamme su dentizione, coliche, stipsi, difficoltà ad addormentarsi e rilassarsi, raffreddore, tosse, febbre, dolori di crescita: per alcuni bambini si tratta di serie difficoltà e i loro genitori, spesso, non sospettano di poter intervenire in modo del tutto naturale, senza controindicazioni e senza abusare di farmaci. Eppure questa possibilità è a portata di mano e si chiama Massaggio Sollievo. Tutti conosciamo il Massaggio Infantile nella versione originale, insegnata nei corsi (4/5 incontri) per famiglie con bimbi che ancora non gattonano. Un esperienza meravigliosa e utile che permette di ottenere numerosi e provati benefici di salute legati alla stimolazione, al rilassamento, al sollievo e alla promozione di un interazione e amorevole tra chi massaggia ed il bambino massaggiato. L esperienza del massaggio così intesa, però, non sempre è alla portata di tutti coloro che ne avrebbero bisogno; a volte i bimbi sono troppo grandi, oppure i corsi sono troppo costosi, o ancora faticosi da frequentare perchè spostarsi più volte da casa con un bimbo piccino può non essere facile. Il rischio è, allora, quello di perdere un occasione im portante e di rinunciare a un vero e proprio investimento per la salute dei propri figli. Ecco perchè è nata la proposta del Massaggio Sollievo : per tutti quei genitori che hanno bimbi che già gattonano, fino all età prescolare. Ma anche per quei genitori che non conoscono il Massaggio Infantile e che vogliono saperne di più ed assaggiarne alcuni contenuti. E, ancora, per i genitori in dolce attesa che si preparano ad accogliere un neonato che potrà avere bisogno e largamente beneficiare di un contatto amorevole e consapevole. n 0 Maggio Il Bambino Naturale

15 Massaggio sollievo Il Massaggio Sollievo si propone come un esperienza teorico-pratica in cui apprendere e sperimentare alcuni movimenti scelti dalla sequenza del Massaggio Infantile così come lo insegnano i CIMI (Certified Infant Massage Instructor) formati in Italia da AIMI (Associazione Italiana Massaggio Infantile). Il Massaggio Sollievo non si sostituisce in alcun modo al Massaggio Infantile completo: ne è una derivazione studiata per ottimizzare la possibilità di offrire sollievo ai bambini attraverso il tocco amorevole e responsabile di chi si prende cura di loro. Per informazioni sul Massaggio Sollievo e sul Massaggio Infantile visitate il Blog Massaggio per i dolori da dentizione n 0 Maggio Il Bambino Naturale L ideale per apprendere il Massaggio Sollievo sarebbe frequentare il relativo corso, ma di seguito proveremo ad offrirvi alcuni suggerimenti che possono essere d aiuto per prendere confidenza con questa pratica. In particolare, ecco le indicazioni, in sintesi, per alleviare i dolori da dentizione del bambino. Mettiti seduta comoda e sdraia il tuo bambino di fronte a te (se non vuole stare sdraiato lascia che stia seduto o in piedi, come preferisce) Ungi le tue mani con olio vegetale, ad esempio olio di mandorle dolci spremuto a freddo (possibilmente biologico) Scalda bene le mani, sfregandole energicamente l una contro l altra finchè non le senti formicolare. Chiedi al tuo bambino il permesso di toccarlo e cerca di comprendere la sua risposta. Se fosse un no, rispettalo e non massaggiarlo in quel momento Se ti dà il permesso, parlagli e spiegagli che lo massaggerai intorno alle labbra per farlo sentire meglio, perchè hai capito che la bocca gli dà fastidio (pizzica, prude). Con i tuoi pollici, disegna il contorno del labbro superiore, dalla fossetta sotto il naso agli angoli della bocca, premendo delicatamente al fine di massaggiare la gengiva sottostante (non mettere le mani nella bocca del tuo bambino). Disegna poi il contorno del labbro inferiore, allo stesso modo. Ripeti questi movimenti finchè il tuo bambino mostra di gradirli Massaggia il muscolo massetere; lo puoi facilmente trovare anche sul tuo viso serrando la mandibola e toccandoti in prossimità della zona sotto l orecchio. Massaggialo con alcuni movimenti circolari e poi trascina le dita delle mani fino al mento.

16 bambino Paola Negri, consulente professionale IBCLC ed educatrice perinatale, presidente di IBFAN Italia, si occupa di allattamento da oltre 15 anni. Il suo libro Tutte le mamme hanno il latte, di cui è uscita tre anni fa la seconda edizione, ha aiutato moltissime mamme a realizzare il desiderio di nutrire al seno i loro piccini. Sapore di mamma offre risposta ai dubbi delle madri che allattano dopo i primi mesi. di Paola Negri Allattamento e pappe Qual è il momento giusto per iniziare? Ancora oggi sono diffusi pregiudizi infondati sull argomento allattamento e introduzione di cibi complementari, ad esempio si pensa che sia necessario introdurre cibi solidi prima dei sei mesi, o che se non si restringe l accesso al seno al bambino, questo non mangerà di propria volontà i cibi veri, preferendo il latte della mamma, o ancora che questo ad un certo punto non sia più nutriente, ovvero che perda di sostanza con il passare dei mesi. Ma è vero il contrario! duttrici di alimenti per l infanzia continuano, violando il Codice Internazionale per la Commercializzazione dei sostituti del latte materno, a presentare e promuovere i loro cibi dal IV mese, contribuendo a confondere le mamme. Ricordiamo che tuttavia l opinione dell Espghan non è stata considerata sufficiente per modificare le linee guida ufficiali, ed inoltre non Nonostante le linee guida dell OMS (vedi riquadro L OMS dice: allattamento esclusivo fino a 6 mesi ) alcuni studi sostengono che occorra iniziare a proporre cibi solidi fra la 17esima settimana di vita e non oltre la 24esima. Queste indicazioni si trovano in un articolo pubblicato nel 2008 e rappresentano la posizione dell ESPGHAN, Società Europea di Gastroenterologia, Epatologia e Nutrizione Pediatriche 1. Molti pediatri, basandosi su questo articolo, consigliano alle mamme di iniziare al IV o al V mese (ma purtroppo qualche volta anche al III), completamente incuranti di valutare lo sviluppo psicomotorio del bambino e il suo atteggiamento verso i cibi solidi. Questo fa sì che a molti bambini venga proposta l alimentazione complementare quando non sono minimamente interessati! Ovviamente le industrie pro- 1 Complementary feeding: A commentary by the ESPGHAN Committee on Nutrition Medical Position Paper, Journal of Pediatric Gastroenterology and Nutrition 46: è esente da critiche che riguardano non soltanto la qualità e la quantità degli studi usati come base per tali raccomandazioni, ma anche i conflitti di interesse sia degli autori dell articolo che dell Espghan stessa, per via di ripetute collaborazioni con le più note e grandi ditte produttrici di alimenti per l infanzia 2. PRIMI ASSAGGI: QUANDO? Allora, quando iniziare? Quello che a mio avviso ogni genitore e operatore dovrebbe tenere presente è che l alimentazione complementare è prima di tutto una 2 ESPGHAN s 2008 recommendation for early introduction of complementary foods: how good is the evidence? Adriano Cattaneo, Carol Williams, Carmen Rosa Pallás-Alonso, Maria Teresa Hernández-Aguilar, Juan José Lasarte-Velillas, Leonardo Landa-Rivera, Elien Rouw, Mónica Pina, Alessandro Volta, Anne Marie Oudesluys-Murphy. Maternal and Child Nutrition 2011, 7, ; ibfanitalia.org/le-raccomandazioni-espghan-del-2008-sullintroduzione-precoce-di-alimenti-complementari-quanto-sono-valide-le-evidenze/ n 0 Maggio Il Bambino Naturale

17 Il latte materno non perde sostanza con il tempo. Perché dovrebbe? Le ghiandole mammarie non si guastano dopo i primi mesi di allattamento. (da Allattare è facile! di G.Cozza e MF.Agnelli, Il leone verde) tappa fisiologica dello sviluppo di ogni bambino e questo significa che: Non può avvenire con tempi e modalità identiche per tutti i bambini, e anzi ci possono essere notevoli differenze, proprio come avviene per altre tappe dello sviluppo psicomotorio come camminare, parlare, giocare. È mai esistito che un pediatra consigli ad una mamma di abituare il bambino a camminare cercando di insegnarglielo? Come avviene per tutti gli altri mammiferi, anche il bebè è programmato geneticamente per il passaggio ad una alimentazione diversa dal latte. In altre parole, seppure con modalità e tempi diversi, ogni bambino, totalmente incurante delle linee guida e dei più o meno legittimi dibattiti fra esperti, manifesterà chiaramente di essere pronto per assaggiare cibi diversi dal latte, di solito fra i 5 e gli 8-9 mesi e lo farà afferrando il cibo dalle mani o dai piatti dei genitori e portandolo alla bocca, oppure osservando i grandi mangiare e manifestando la voglia di fare altrettanto. Le mamme che ci sono già passate sanno che i bambini anche se non parlano si fanno capire in modo inequivocabile. Ci sono bambini che hanno iniziato a mangiare a 7 mesi, altri a 5 mesi e mezzo, altri ancora a 10 o persino ad 11 mesi, qualcuno ha iniziato a 4 mesi e mezzo tutti diversi! Se ai bambini viene data la possibilità, sanno regolarsi perfettamente su quando e quanto latte assumere e quanti e quali cibi solidi mangiare. Piano piano, senza dover forzare, i genitori vedranno che diminuiranno le poppate a favore di porzioni crescenti di cibo. Si è sempre fatto così, tranne che negli ultimi anni in cui si pensa di dover fare qualcosa per convincere o costringere i bambini a mangiare... Quale mammifero produce un latte che con il passare del tempo perde di sostanza??? Nessuno, tanto meno noi umani! Il latte di mamma continua ad essere il gold standard per il cucciolo d uomo: proteine specie-specifiche di cui una buona parte rappresentata da anticorpi ed altri fattori immunitari, preziosi acidi grassi essenziali, vitamine, ormoni è normale che l organismo del bambino ad un certo punto necessiti anche di altro, e che prima o poi ogni bambino concluda l allattamento, ma il latte non è mai acqua! UN PERCORSO GRADUALE Coerentemente con l esperienza e le evidenze scientifiche, quando il bambino inizia a mostrare interesse per cibi solidi ci vorrà un po di tempo prima che questo diventi un modo di saziarsi, per qualche mese l assaggiare cibi diversi dal latte sarà principalmente un gioco. Questo passaggio graduale potrà avvenire senza forzature, in modo spontaneo, solo se si continua ad allattare esattamente come prima mentre si offrono in più dei cibi solidi. Per la maggior parte dei bambini, il latte materno continua ad essere l alimento e la bevanda principale per tutto il primo anno di vita, e può continuare anche dopo a costituire n 0 Maggio Il Bambino Naturale

18 bambino una parte importante della dieta. È sano e nutriente, dissetante e contiene calorie, vitamine e proteine di qualità. Questa modalità favorisce una maggiore autonomia del bambino, che potrà affrontare la tappa della diversificazione della dieta con tranquillità e imparando naturalmente ad auto-regolarsi, continuando a fidarsi dei messaggi del proprio corpo. A PICCOLI PASSI È normale, come in altri aspetti della crescita, che il passaggio da una alimentazione interamente lattea a un alimentazione a base prevalentemente di cibi solidi avvenga per piccoli passi, con soste e anche alcuni ripensamenti. Può accadere infatti che un bambino di 8-9 mesi, ma anche di 1-2 anni, richieda all improvviso pochissimo cibo e aumenti la richiesta di latte materno. Solitamente i bambini che vengono allattati a richiesta anche durante la fase dell introduzione dei cibi solidi, anche se inizialmente potrebbero mangiare di meno, alla lunga potrebbero diventare più intraprendenti nell assaggiare cibi nuovi, autonomi nel mangiare da soli, e soprattutto sia loro che i genitori vivranno senza ansia il percorso di diversificazione della dieta E non sono forse questi gli obiettivi veramente importanti da raggiungere, specialmente alla luce dei sempre più diffusi e gravi problemi legati a disordini alimentari già fin dall infanzia? L OMS dice: L OMS dice: allattamento esclusivo fino a 6 mesi compiuti Secondo l Organizzazione Mondiale della Salute, non è necessario e potrebbe essere rischioso proporre al bambino cibi diversi dal latte materno prima dei sei mesi. Questa raccomandazione è stata diffusa nel 2001, dopo che gli esperti dell OMS hanno esaminato oltre 3000 studi scientifici in merito, ed è stata confermata nella Risoluzione dell Assemblea Mondiale della Salute del 2002, ovvero la Strategia Globale per l Alimentazione dei lattanti e dei bambini piccoli. Infatti, secondo l OMS, il latte materno da solo, costituisce tutto ciò di cui il bambino ha bisogno nei primi sei mesi di vita. E sempre l OMS raccomanda che i neonati vengano allattati in modo esclusivo per i primi sei mesi per conseguire crescita, sviluppo e salute ottimali. Dopo ciò, i lattanti dovrebbero ricevere cibi complementari sicuri e nutrizionalmente adeguati, mentre l allattamento prosegue fino a due anni o più 1. Ed è ovvio: il latte materno è fatto apposta per rispondere ai bisogni di fame e sete del bambino perché contiene le giuste sostanze nelle proporzioni più fisiologiche e nella forma più assimilabile per il bambino. Contiene importanti ormoni e fattori di crescita necessari per il suo sviluppo e per il corretto funzionamento del suo metabolismo, continua ad offrire fattori immunitari che proteggono il bambino dalle malattie. Iniziare prima del tempo con i cibi solidi significa sostituire, anche se in parte, un cibo ideale da ogni punto di vista con uno più scadente, e potrebbe esporre il bambino ad un maggiore rischio di infezioni. Anche una recente meta-analisi mostra che i bambini che interrompono prima l allattamento esclusivo risultano più soggetti ad infezioni gastro-intestinali e respiratorie 2. Tali raccomandazioni sono confermate dal nostro Ministero della Salute che riconosce: l allattamento al seno costituisce il modo di alimentazione naturale e normale nella prima infanzia. Il latte materno fornisce tutti i nutrienti di cui il lattante ha bisogno nei primi sei mesi di vita. In seguito, con un adeguata alimentazione complementare, il latte materno dà un importante contributo alla nutrizione, alla salute ed allo sviluppo del bambino 3. Occorre ricordare che si tratta di raccomandazioni di salute pubblica, ovvero sono valide in generale per la popolazione ma vanno poi adattate al singolo bambino Kramer MS1, Kakuma R. Optimal duration of exclusive breastfeeding Cochrane Database Syst Rev Aug 15 pubmed/ n 0 Maggio Il Bambino Naturale

19 pannolini lavabili prodotti in UE... ideali per il bambino: I materiali naturali e traspiranti e favoriscono la naturale postura dei neonati con le anche divaricate. Grazie all utilizzo del pannolino lavabile, il bambino non perde la naturale sensazione della minzione e riesce a dire addio al pannolino in tempi più brevi rispetto ai pannolini usa e getta.... ideali per i genitori: I materiali più moderni e un design funzionale rendono il cambio dei pannolini POPOLINI molto semplice. I pannolini non devono essere lavati separatamente, né devono essere stirati.... ideali per l ambiente: Nei primi anni di vita un solo bambino consuma più di 4000 pannolini usa e getta, che corrispondono ad una montagna di rifiuti di 1000 Kg ovvero al 10% dei rifiuti totali finiti in discarica. I pannolini lavabili rispettano l ambiente e danno un contributo decisivo alla riduzione dei rifiuti.... ideali per l economia familiare: Rispetto ai pannolini usa e getta, i pannolini lavabili permettono un risparmio del 70% dei costi totali. Come funziona: Velo monouso ( es. PoPLi, Rotolo): raccoglifeci Pannolino assorbente Mutandina impermeabile Coppette assorbilatte monouso biodegradabili Da materie prime naturali (cellulosa e PLA*) *acido polilattico, derivato da amido di mais biodegradabili al 98% e sono - igieniche - traspiranti - effeto stay-dry - ottimi assorbenti - con una striscia di adesivo - seguono la forma di capezzolo SWISS MADE

20 famiglia Beatrice Castelli è laureata in Scienze e Tecniche psicologiche e naturopata. Gestisce il sito Per il sito del bambino naturale cura la rubrica Fiori di Bach per la salute dei bambini. di Beatrice Castelli Bambino iperattivo, un aiuto dai fiori L ADHD, Attention Deficit Hyperactivity Disorder, in italiano DDAI, Disturbo da Deficit di Attenzione e Iperattività è un etichetta diagnostica utilizzata per descrivere un disturbo evolutivo dell autoregolazione del comportamento che si manifesta soprattutto con difficoltà di mantenimento dell attenzione, del controllo motorio e delle risposte impulsive. Nella maggior parte dei casi, si presenta associato ad altre problematiche e pone notevoli difficoltà non solo al bambino, ma anche alle persone che si relazionano con lui: genitori, insegnanti e coetanei. Nonostante la definizione della sindrome sia consolidata già dagli anni Ottanta, gli aspetti diagnostici continuano ad essere controversi. Nella Consensus Conference promossa nel 1998 dal National Institute of Health, i principali punti oggetto di discussione riguardavano l effettiva esistenza del disturbo, come esso potesse essere diagnosticato con certezza e quali trattamenti fossero più efficaci. In particolare, era considerata del tutto arbitraria la distinzione tra comportamenti normali e patologici. Tuttora, non esiste un test o un esame specifico per valutare l ADHD, la diagnosi è di tipo clinico: in base alle informazioni raccolte, il professionista decide se il bambino presenta o meno il disturbo. Onde evitare conclusioni affrettate e superficiali, è importante sottolineare che sono necessarie almeno 7-10 ore di valutazione per delineare un quadro completo della situazione. In ogni caso, al di là dell esistenza o meno dell ADHD e della complessità della diagnosi, purtroppo, il bambino che presenta difficoltà precoci nelle aree dell attenzione, impulsività e iperattività sperimenta un effettivo disagio e ha un altissima probabilità di sviluppare disturbi dell apprendimento e problemi di relazione con i coetanei. Lo Studio Milwaukee sugli Esiti dei Giovani Adulti evidenzia che bambini cha avevano avuto diagnosi di ADHD nell infanzia, a anni presentano le seguenti conseguenze accademiche: una maggior frequenza di bocciatura (25-45% vs 13%), maggiore sospensione da scuola (40-60 % vs. 19%), un tasso di abbandono scolastico più alto (30 40 % vs. 0) e un minor numero di iscritti all università (22% vs. 77%). È ormai accertato che la terapia più efficace sia di tipo multimodale, deve cioè prevedere interventi di tipo psicosociale, ambientale ed educativo che coinvolgano genitori, bambini e insegnanti e, nei casi più gravi, la medicina convenzionale include il ricorso alla n 0 Maggio Il Bambino Naturale

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori

ALLATTAMENTO AL SENO Elementi informativi per gli operatori a cura del Comitato nazionale multisettoriale per l allattamento materno 1. Tutte le mamme hanno il latte Allattare al seno è un gesto naturale. Fin dall inizio del mondo, attraverso il proprio latte le

Dettagli

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo

le MINIGUIDE di ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo 3 IN ALLATTAMENTO Sempre con te, passo dopo passo sezione 1 L ALIMENTAZIONE Latte e coccole... Il latte materno costituisce l alimento più adatto ai bisogni del neonato e non solo dal punto di vista nutrizionale:

Dettagli

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti

Zuccheri. Zuccheri, dolci e bevande. zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 4. Zuccheri, dolci e bevande zuccherate: nei giusti limiti 36 1. ZUCCHERI E SAPORE DOLCE Tutti gli zuccheri sono fonti di energia e non

Dettagli

Routine per l Ora della Nanna

Routine per l Ora della Nanna SCHEDA Routine per l Ora della Nanna Non voglio andare a letto! Ho sete! Devo andare al bagno! Ho paura del buio! Se hai mai sentito il tuo bambino ripetere queste frasi notte dopo notte, con ogni probabilità

Dettagli

IL BENESSERE DELLE GAMBE

IL BENESSERE DELLE GAMBE IL BENESSERE DELLE GAMBE Se la circolazione venosa non funziona come dovrebbe, il normale ritorno del sangue dalle zone periferiche del corpo al cuore risulta difficoltoso. Il flusso sanguigno infatti,

Dettagli

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza

acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. acqua Bevi ogni giorno in abbondanza 5. Bevi ogni giorno acqua in abbondanza Nell organismo umano l acqua rappresenta un costituente essenziale per il mantenimento della vita, ed è anche quello presente

Dettagli

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO

TALK SHOW. Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 IL SORRISO VIEN MANGIANDO Una Hotel - Via Muratori Milano Giovedí, 26 Marzo 2015 TALK SHOW IL SORRISO VIEN MANGIANDO D.ssa Clelia Iacoviello Consulente Nutrizionale Nutraceutico Agenda Chi sono I problemi di oggi - Fame di Testa

Dettagli

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti

Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Il fabbisogno alimentare e il ruolo dei nutrienti Le necessità del nostro corpo Cibo e bevande sono i mezzi con cui il nostro organismo si procura le sostanze di cui ha bisogno per le sue attività vitali.

Dettagli

4. Conoscere il proprio corpo

4. Conoscere il proprio corpo 4. Conoscere il proprio corpo Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

Introduzione. Alessandro Centi

Introduzione. Alessandro Centi Introduzione La PEDIATRICA SPECIALIST nasce nel 2012 e si avvale dell esperienza e del know-how formulativo di Pediatrica, consolidata azienda del settore parafarmaceutico da sempre orientata ai bisogni

Dettagli

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele

vien... Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata Dipartimento di Prevenzione a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele ERVIZIO ANITARIO REGIONALE A Azienda ervizi anitari N 1 triestina la vien... alute angiando M Alcune indicazioni pratiche per un alimentazione equilibrata a cura di Tiziana Longo e Roberta Fedele Dipartimento

Dettagli

INFLUENZA. Che cos è

INFLUENZA. Che cos è INFLUENZA Che cos è L influenza è una malattia infettiva provocata da virus del genere Othomixovirus che colpiscono le vie aeree come naso, gola e polmoni. I soggetti colpiti nel nostro Paese vanno dai

Dettagli

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua.

La DIGESTIONE. I principi nutritivi sono: le proteine, i glucidi, i lipidi, le vitamine, i sali minerali e l acqua. La DIGESTIONE Perché è necessario nutrirsi? Il corpo umano consuma energia per muoversi, pensare, mantenere la temperatura costante, ma anche solo per riposarsi. Il consumo minimo di energia è detto metabolismo

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI

VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI VAD O VED POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI 1 Questo schema di cura impiega i seguenti farmaci: vincristina, doxorubicina (adriamicina) o epidoxorubicina, cortisone. Le informazioni contenute in questo modello

Dettagli

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute)

Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) Progetto MA.RI.SA. (MAngio e RIsparmio in SAlute) La ristorazione collettiva ed in particolare quella scolastica è stata individuata come un ambito prioritario di intervento relativamente al Progetto MA.RI.SA.

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42

Cos è il diabete? Qual è effettivamente il problema? Parliamo di diabete N. 42 Parliamo di diabete N. 42 Revisione agosto 2010 Cos è il diabete? What is diabetes? - Italian Diabete è il nome dato a un gruppo di diverse malattie in cui vi è troppo glucosio nel sangue. Il pancreas

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere!

Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Anna La Prova Bambini oppositivi e provocatori 9 regole per sopravvivere! Chi sono i bambini Oppositivi e Provocatori? Sono bambini o ragazzi che sfidano l autorità, che sembrano provare piacere nel far

Dettagli

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro

Apparato scheletrico. Le funzioni dello scheletro Apparato scheletrico Le funzioni dello scheletro Lo scheletro ha la funzione molto importante di sostenere l organismo e di dargli una forma; con l aiuto dei muscoli, a cui offre un attacco, permette al

Dettagli

Dai tuoi primi mesi ai suoi primi passi

Dai tuoi primi mesi ai suoi primi passi Weleda nel mondo Presente in più di 60 paesi, in 5 continenti Più di 1700 impiegati Possiede esclusivi centri SPA a New York, Giappone e Parigi Distribuisce in farmacia, parafarmacia, erboristeria e in

Dettagli

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis

Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Stadio della socializzazione, identità e immaginazione (3-6 anni) Dott.ssa Maria Cristina Theis Obiettivo dell incontro - Descrivere la fase evolutiva del bambino (fase 3-6 anni). - Attivare un confronto

Dettagli

BORTEZOMIB (Velcade)

BORTEZOMIB (Velcade) BORTEZOMIB (Velcade) POTENZIALI EFFETTI COLLATERALI Le informazioni contenute in questo modello sono fornite in collaborazione con la Associazione Italiana Malati di Cancro, parenti ed amici ; per maggiori

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO

1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO 1 LEZIONE CHE COS E L ALLENAMENTO Sono molte le definizioni di allenamento: Definizione generale: E un processo che produce nell organismo un cambiamento di stato che può essere fisico, motorio, psicologico.

Dettagli

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae

La natura restituisce...cio che il tempo sottrae Benessere olistico del viso 100% natura sulla pelle 100% trattamento olistico 100% benessere del viso La natura restituisce......cio che il tempo sottrae BiO-REVITAL il Benessere Olistico del Viso La Natura

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto

Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Associazione per la Ricerca sulla Depressione C.so G. Marconi 2 10125 Torino Tel. 011-6699584 Sito: www.depressione-ansia.it Depressione e adolescenza di S. Di Salvo, S. Cavalitto e A. Martinetto Nella

Dettagli

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani

Antibiotici. quandosì quandono. Lavarsi le mani Antibiotici quandosì quandono Lavarsi le mani semplice ma efficace Lavarsi le mani è il modo migliore per arrestare la diffusione delle infezioni respiratorie. L 80% delle più comuni infezioni si diffonde

Dettagli

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità

Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Scopri qual è il tuo potenziale di salute e longevità Passo numero 1: TESTA LA TUA DIGESTIONE Questo primo breve test ti serve per capire com è adesso la tua digestione, se è ancora buona ed efficiente

Dettagli

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO

TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO TEORIA DEL SÉ E CICLO DEL CONTATTO di Sergio Mazzei Direttore dell Istituto Gestalt e Body Work TEORIA DEL SÉ Per organismo nella psicoterapia della Gestalt si intende l individuo che è in relazione con

Dettagli

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa

L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA. Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L ALIMENTAZIONE ANTINFIAMMATORIA PER IL PODISTA Dott.ssa Elisa Seghetti Biologa Nutrizionista - Neurobiologa L atleta moderno ha bisogno di un maggior numero di adattamenti metabolici all esercizio fisico.

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica

IDI IRCCS Roma. CRESCERE con l EB. Elisabetta Andreoli. Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica IDI IRCCS Roma CRESCERE con l EB Elisabetta Andreoli Servizio di Psicologia Clinica e Psicoterapia Psicosomatica EB: patologia organica che interessa l ambito fisico e solo indirettamente quello psicologico

Dettagli

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie?

Le profilassi del lattante: la vitamina D, la vitamina K e la carie? L allattamento al seno esclusivo è il nutrimento ideale per il bambino, sufficiente per garantire un adeguata crescita per i primi 6 mesi; il latte materno è unanimemente considerato il gold standard in

Dettagli

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV)

Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Altre informazioni sul papilloma virus (HPV) Questo è un documento di approfondimento sull HPV. Prima di leggerlo guardate le informazioni di base contenute in Alcune informazioni sull esame per il papilloma

Dettagli

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO?

CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? CHE COS È LO SCOMPENSO CARDIACO? Il cuore è un organo che ha la funzione di pompare il sangue nell organismo. La parte destra del cuore pompa il sangue ai polmoni, dove viene depurato dall anidride carbonica

Dettagli

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore.

rancore Vita libera, abbastanza libera, e quindi restituita, nostra unica occasione finalmente afferrata. Una vita libera dal rancore. Commozione Si commuove il corpo. A sorpresa, prima che l opportunità, la ragionevolezza, la buona educazione, la paura, la fretta, il decoro, la dignità, l egoismo possano alzare il muro. Si commuove a

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata

FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE. Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata FIACCHEZZA, STANCHEZZA, MALESSERE MORALE Carenza di ferro molto diffusa e spesso sottovalutata Cari pazienti! Vi sentite spesso fiacchi, stanchi, esauriti o giù di morale? Soffrite facilmente il freddo?

Dettagli

Parts of my Pop-in... 7 8a

Parts of my Pop-in... 7 8a A C 5 B Parts of my Pop-in... 5 6 0 D 9 7 8a 8b IT IMPORTANTE! CONSERVARE LE ISTRUZIONI PER CONSULTAZIONI FUTURE Come usare i Pop-in Precauzioni d uso Non usare ammorbidenti con i vostri Pop-in. Non usare

Dettagli

Unità VI Gli alimenti

Unità VI Gli alimenti Unità VI Gli alimenti Contenuti - Gusti - Preferenze - Provenienza Attività AREA ANTROPOLOGICA 1. Cosa piace all Orsoroberto L Orsoroberto racconta ai bambini quali sono i cibi che lui ama e che mangia

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD)

Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Deficit di Mevalonato Chinasi (MKD) (o Sindrome da Iper-IgD) Che cos è? Il deficit di mevalonato chinasi è una malattia genetica. E un errore congenito

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS)

Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) Pædiatric Rheumatology InterNational Trials Organisation Che cos é? Sindrome di Blau/Sarcoidosi ad esordio precoce (EOS) La sindrome di Blau è una malattia genetica. I pazienti affetti presentano rash

Dettagli

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott.

OSTEOPOROSI. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI. *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* Resp. Dott. C. I. D. I. M. U. CENTRO PREVENZIONE DIAGNOSI e TERAPIA DELL OSTEOPOROSI Resp. Dott. Antonio Vercelli OSTEOPOROSI *Come prevenirla* *Come curarla* *Consigli pratici* *Cos è l osteoporosi?* L osteoporosi

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Flauto Polmonare/Lung Flute

Flauto Polmonare/Lung Flute Flauto Polmonare/Lung Flute Modello per TERAPIA, DOMICILIO, IGIENE BRONCHIALE Manuale di istruzioni per il paziente: Il Flauto Polmonare è generalmente indicato per una terapia a pressione respiratoria

Dettagli

L analisi dei villi coriali

L analisi dei villi coriali 12 L analisi dei villi coriali Testo modificato dagli opuscoli prodotti dal Royal College of Obstetricians and Gynaecologists dell Ospedale Guy s and St Thomas di Londra. www.rcog.org.uk/index.asp?pageid=625

Dettagli

Cosa sono le vitamine?

Cosa sono le vitamine? Cosa sono le vitamine? Le vitamine sono sostanze di natura organica indispensabili per la vita e per l accrescimento. Queste molecole non forniscono energia all organismo umano ma sono indispensabili in

Dettagli

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale

Yoga Nidra Yoga Nidra è una forma di riposo psichico e psicologico più efficace del sonno normale Quant è difficile rilassarsi veramente e profondamente anche quando siamo sdraiati e apparentemente immobili e distesi, le tensioni mentali, le preoccupazioni della giornata e le impressioni psichiche

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

qualità uniche, ma è anche molto di più.

qualità uniche, ma è anche molto di più. 1 Care mamme, cari papà, è a voi pr ima di tutto c he è r ivolta questa piccola guida, che accompagnerà la campagna per l allattamento al s e n o promossa dal Ministero della Salute. Lo slogan scelto è:

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato

Giacinto Bonanome. Scuola dell Infanzia Asilo Nido Integrato Centro d Infanzia Giacinto Bonanome Via San Marco 217 37050 Isola Rizza (Vr) Asilo Nido Integrato Progetto psicopedagogico DELLA SEZIONE API Anno scolastico 2013/2014 Centro d Infanzia Giacinto Bonanome

Dettagli

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA

IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA IL BENESSERE VIEN M ANGIANDO L ALIMENTA ZIONE NELL A PRIM A INFANZIA ALIMENTAZIONE ANTICANCRO L alimentazione è un bisogno essenziale dell uomo: per funzionare, un individuo deve introdurre una certa quantità

Dettagli

Claudia Aiello: «Di notte il respiro si interrompeva ogni tre minuti.»

Claudia Aiello: «Di notte il respiro si interrompeva ogni tre minuti.» E di z i o ne //// 1/ 2 0 14 Claudia Aiello: «Di notte il respiro si interrompeva ogni tre minuti.» Fatti riguardanti l apnea da sonno In Svizzera circa 150 000 persone soffrono di apnea da sonno. I sintomi

Dettagli

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Gioco d Azzardo Patologico (GAP): anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di gioco d azzardo patologico Testo redatto sulla

Dettagli

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI

ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI DIPARTIMENTO CHIRURGICO SPECIALISTICO Unità Operativa di Oculistica Direttore: Prof. Paolo Perri ESSERE OPERATI ALLE VIE LACRIMALI OPUSCOLO INFORMATIVO PER I PAZIENTI Gentile Signora/e, questo opuscolo

Dettagli

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo

Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo Alimentazione e salute dell intestino: siamo quello che mangiamo La dieta, il microbiota intestinale e la salute digestiva sono intrecciati fra loro. Questi legami e il potenziale benefico dei probiotici

Dettagli

Etichettatura degli alimenti

Etichettatura degli alimenti Ministero della Salute Direzione generale per l igiene e la sicurezza degli alimenti e la nutrizione Etichettatura degli alimenti Cosa dobbiamo sapere La scelta di alimenti e bevande condiziona la nostra

Dettagli

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA

Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore ARTRITI DA Dipartimento Medicina Interna e Specialità Mediche Reumatologia Dott. Carlo Salvarani - Direttore LA GOTTA ED ALTRE ARTRITI DA CRISTALLI REGGIO EMILIA,, APRILE 2007 La Gotta ed altre Artriti da Cristalli

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Che cosa provoca una commozione cerebrale?

Che cosa provoca una commozione cerebrale? INFORMAZIONI SULLE COMMOZIONI CEREBRALI Una commozione cerebrale è un trauma cranico. Tutte le commozioni cerebrali sono serie. Le commozioni cerebrali possono verificarsi senza la perdita di conoscenza.

Dettagli

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE

I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO SPORTELLO D ASCOLTO PSICOLOGICO UNO SPAZIO PER PENSARE, PER ESSERE, PER DIVENTARE ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di Sc. Materna Elementare e Media LENTINI 85045 LAURIA (PZ) Cod. Scuola: PZIC848008 Codice Fisc.: 91002150760 Via Roma, 102 - e FAX: 0973823292 I. C. LENTINI LAURIA PROGETTO

Dettagli

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là,

Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, Un uomo che dorme Non appena chiudi gli occhi comincia l avventura del sonno. Al posto della solita penombra nella stanza, volume oscuro che si interrompe qua e là, dove la memoria identifica senza sforzo

Dettagli

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA

DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA ANNARITA RUBERTO http://scientificando.splinder.com DIECI ESPERIMENTI SULL ARIA per i piccoli Straws akimbo by Darwin Bell http://www.flickr.com/photos/darwinbell/313220327/ 1 http://scientificando.splinder.com

Dettagli

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA

LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA . LINEE GUIDA PER UNA SANA ALIMENTAZIONE ITALIANA Gruppo di esperti costituito presso l Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione (INRAN)

Dettagli

Castrazione e sterilizzazione

Castrazione e sterilizzazione Centro veterinario alla Ressiga Castrazione e sterilizzazione Indicazioni, controindicazioni, effetti collaterali ed alternative Dr. Roberto Mossi, medico veterinario 2 Castrazione e sterilizzazione Castrazione

Dettagli

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore

Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Esser Genitori dei Bambini Indaco e Cristallo: Crescerli col Cuore Crescere un bambino Indaco o Cristallo è un privilegio speciale in questo momento di turbolenze e cambiamenti. Come genitori, state contribuendo

Dettagli

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16

Diabete di tipo 2 ed Obesità. Serie N.16 Diabete di tipo 2 ed Obesità Serie N.16 Guida per il paziente Livello: facile Diabete di tipo 2 ed Obesità - Serie 16 (Revisionato Agosto 2006) Questo opuscolo è stato prodotto dal dott. Fernando Vera,

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

PER LA GESTIONE INFORMATIVO

PER LA GESTIONE INFORMATIVO Dipartimento Cardio-Toraco-Vascolare e di Area Critica Direttore Dott. L. Zucchi UNITA DI TERAPIA SEMINTENSIVA RESPIRATORIA (UTSIR) OPUSCOLO INFORMATIVO PER LA GESTIONE A DOMICILIO DELLA TRACHEOSTOMIA

Dettagli

dell ALLATTAMENTO al SENO

dell ALLATTAMENTO al SENO ABC dell ALLATTAMENTO al SENO Ogni Ospedale del Trentino dovrebbe avere come punti di riferimento i 10 passi proposti dall UNICEF per essere un Ospedale Amico del bambino : 1 avere un protocollo scritto

Dettagli

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI

ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI ADOZIONE DA PARTE DI COPPIE OMOSESSUALI L argomento che tratterò è molto discusso in tutto il mondo. Per introdurlo meglio inizio a darvi alcune informazioni sul matrimonio omosessuale, il quale ha sempre

Dettagli

Il canale protettivo del Kundalini Yoga

Il canale protettivo del Kundalini Yoga Il canale protettivo del Kundalini Yoga PER COMINCIARE E consigliabile avere un ora ed un luogo determinati dedicati allo yoga. Tempo e spazio sono le coordinate della relatività della nostra esistenza

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI

CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI CODICE DEL DIRITTO DEL MINORE ALLA SALUTE E AI SERVIZI SANITARI PREMESSO CHE Nel 2001 è stata adottata in Italia la prima Carta dei diritti dei bambini in ospedale. Tale Carta era già ispirata alle norme

Dettagli

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale

LE SCALE M U S I C A PER LA TUA SALUTE CALORIE AUTOSTIMA LONGEVITÀ EFFICIENZA. Aumenti la tua salute, se sali le scale. Perdi peso, se sali le scale SALUTE Aumenti la tua salute, CALORIE Perdi peso, AUTOSTIMA Accresci la tua autostima, LONGEVITÀ Allunghi la tua vita, EFFICIENZA Potenzi i tuoi muscoli e migliori il tuo equilibrio, LE SCALE M U S I C

Dettagli

Prevenzione dell allergia ad inalanti

Prevenzione dell allergia ad inalanti Prevenzione dell allergia ad inalanti La patologia allergica respiratoria è molto frequente nella popolazione generale: la sua prevalenza si aggira in media intorno al 10-15%. Inoltre, negli ultimi 20

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia

Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE. Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Istituto Comprensivo di Pero a.s. 2014-2015 COMPLET@MENTE Progetto di sperimentazione delle Indicazioni Nazionali- Scienze Tecnologia Nella prima parte dell anno scolastico 2014-2015 alcune classi del

Dettagli

Cos è un analisi genetica (test genetico)?

Cos è un analisi genetica (test genetico)? 12 Cos è un analisi genetica (test genetico)? Testo modificato dagli opuscoli prodotti dall ospedale Guy s and St Thomas di Londra Luglio 2008 Questo lavoro è sponsorizzato dal Consorzio EU-FP6 EuroGentest,

Dettagli

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì

pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 1 Quand'ero piccolo mi ammalai: mi sentivo sempre stanco, volevo sempre bere e fare pipì pag. 2 La mamma diceva che ero dimagrito e così mi portò dal medico. Il dottore guardò le urine, trovò dello

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011

I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO. Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 I FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Chivasso, Ciriè, Ivrea 2011 FABBISOGNI NUTRIZIONALI NELL ANZIANO Proteine: 1-1,2 g/kg/die; Calorie: 20-30/kg/die Es.: anziano di 60 kg 60-72 g di proteine; 1200-1800

Dettagli

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11

AL SUPERMERCATO UNITÁ 11 AL SUPERMERCATO Che cosa ci serve questa settimana? Un po di tutto; per cominciare il pane. Sì, prendiamo due chili di pane. Ci serve anche il formaggio. Sì, anche il burro. Prendiamo 3 etti di formaggio

Dettagli

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico.

La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. La Salute dei denti e della bocca nel paziente oncologico. Per migliorare il grado di informazione dei pazienti su alcuni importanti argomenti (quali ad esempio le terapie svolte, l alimentazione da seguire

Dettagli

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi

milieu sul luogo professionnel: Qualche suggerimento per i colleghi Problèmes Problemi con d alcool l alcol en milieu sul luogo professionnel: di lavoro Qualche suggerimento per i colleghi Edizione: Dipendenze Svizzera, 2011 Grafica: raschle & kranz, Berna Stampa: Jost

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13

Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO. Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 Gira gira il mestolo NIDO INFANZIA POLLICINO Documentazione Progetto per lo Sviluppo e l Apprendimento a/s 2012/13 INDICE Le tante facce della documentazione Pag.3 Il progetto per lo sviluppo e l apprendimento

Dettagli