Settembre Anno 10 - Numero 3 Periodico a cura dell Amministrazione comunale

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Settembre 2005 - Anno 10 - Numero 3 Periodico a cura dell Amministrazione comunale www.cerromaggiore.org"

Transcript

1 Settembre Anno 10 - Numero 3 Periodico a cura dell Amministrazione comunale

2 SOMMARIO 2 pag. 3 EDITORIALE - La semina e il raccolto pag. 4 INTERVISTA ALL ASSESSORE LEGNANI - Riflessioni a un anno di distanza del responsabile dei Servizi Sociali pag. 8 ASSOCIAZIONI - Storica promozione dell Aurora Cantalupo, Festa dei Nonni e Pranzo di Mezza Estate. pag. 10 NOI E IL SINDACO - Lettere dei cittadini con risposta pag. 11 CORSI PER IL TEMPO LIBERO - Le proposte del 2005/2006 pag. 12 SCUOLA - Le novità per il nuovo anno scolastico pag. 14 GRUPPI CONSILIARI - Opinioni a confronto fra maggioranza e opposizione pag. 16 SUONO SOLIDALE - Un grande evento musicale di musica Jazz e Blues in collaborazione con il comune di San Vittore Olona Periodico a cura dell Amministrazione comunale di Cerro Maggiore N 112 Reg. Tribunale del 16/3/77 Direttore editoriale: Claudio Rorato Direttore responsabile: Antonio Lazzati Impaginazione e grafica: Giordano Ceriani Fotolito e stampa: Ortolan - Opera - MI Orari uffici Ricevimento assessori Affari generali: da lunedì a venerdì dalle 9 alle 12.30, giovedì dalle 16 alle Finanziario: lunedì, mercoledì e venerdì dalle 9 alle 12.30, giovedì dalle 16 alle Culturale: lunedì, mercoledì e giovedì dalle 9 alle 12.30, giovedì dalle 16 alle Sociale: lunedì e giovedì dalle 9 alle 12.30, giovedì dalle 14 alle Demografico: da lunedì a venerdì dalle 9 alle 12.30, giovedì dalle 16 alle 18, sabato dalle 9 alle 12 Lavori pubblici, urbanistica, edilizia privata ed ecologia: lunedì, martedì, mercoledì e venerdì dalle alle Per l esame delle pratiche edilizio-urbanistiche di maggiore complessità, i tecnici ricevono su appuntamento il mercoledì dalle 9.15 alle e dalle alle Polizia Municipale: da lunedì a sabato dalle 9.15 alle 12.15, giovedì (solo per il settore commercio) dalle 17 alle 18 Biblioteca: da lunedì a venerdì dalle 15 alle 18.30, sabato dalle 10 alle Sede di Cantalupo: martedì dalle 9.30 alle Antonio Lazzati Sindaco Mantiene le deleghe a Polizia Locale, Sicurezza e Personale Martedì dalle 9.20 alle 11 (su appuntamento) Claudio Rorato vice Sindaco Assessore Istruzione, Cultura, Sport e Tempo Libero (su appuntamento) Calogero Mantellina Assessore Lavori Pubblici e Ecologia Martedì dalle 10 alle 12 Giovedì dalle 16 alle 18 (su appuntamento) Maria Cristina Legnani Assessore ai Serivizi Sociali (su appuntamento) Teresina Vittoria Rossetti Assessore a Bilancio, Programmazione e Affari Generali (su appuntamento) Giuseppe D Anna Assessore Industria, Commercio e Artigianato Mercoledì dalle alle 18 (su appuntamento) Grazia Ghirimoldi Assessore Urbanistica e Edilizia Privata Lunedì dalle 16 alle Giovedì dalle 9.30 alle (su appuntamento) Per appuntamenti: Tel (centralino)

3 3 TERZA PAGINA I Ibam forte via sacra (me ne andavo per caso per la via sacra)... Così inizia una famosa satira di Orazio. Anche a me, passeggiando una sera per Cerro, è successa una cosa simile al poeta: sono stato avvicinato da una vecchia conoscenza, che parlando del più e del meno mi chiede dove sono la caserma, le nuove strade e via dicendo; mi domanda di tutte le iniziative che ognuno vorrebbe vedere crescere e realizzare da una amministrazione, insomma il concretizzarsi dei programmi. Purtroppo le cose stanno diversamente dall immaginario collettivo. Finora abbiamo tracciato gli indirizzi, le direttive, la filosofia politica: lavoro non esprimibile in qualcosa di visibile, comunque uno sforzo enorme non evidenziabile (visibile) nell immediato. Per comprendere meglio ciò bisogna calarsi nella mentalità del contadino: arare, seminare, aspettare che il seme attecchisca; da lì nascerà la pianta che darà poi i suoi frutti. Così è il lavoro di chiunque progetta un opera proponendosi un fine: è così per qualsiasi lavoratore di ogni categoria, per ogni studente, per un genitore, per un amministratore. Il seme è l indirizzo politico cui accennavo sopra, appunto qualcosa che non si vede, ma di massima importanza; l ascoltare, il prendere in considerazione, il condividere, sono per l appunto impalpabili, invisibili, ma fondamentali. Si tratta della fase utopistica della germogliazione dell idea o dell indirizzo che dir si voglia. UNA BUONA SEMINA dà sempre un buon raccolto Sono stati dati gli indirizzi per la nuova caserma, per un centro integrato diurno, per il parco del cimitero, per la ristrutturazione dei campisanti, per la viabilità, la sicurezza, l edilizia convenzionata, per uno sviluppo armonico del paese partendo dalla valorizzazione del centro storico arrivando all espansione della periferia. La collaborazione con le amministrazioni limitrofe e con le strutture già esistenti nel nostro territorio nella ricerca di una comune strategia di sviluppo è stata avviata. Il solco è stato tracciato, il seme piantato. Questo lavoro (indirizzo) sta coinvolgendo anche la macchina comunale al suo interno rispettando e valorizzando la professionalità di ogni lavoratore in relazione alla propria attitudine e capacità. Questo logicamente è l impegno mio come sindaco; la fase operativa basa- ta sui contatti con le realtà pubbliche e private, è compito delle diverse aree dell amministrazione con il contributo dei rispettivi assessori. Qualcuno di questi semi trovando terreno fertile è già germogliato. livello della pubblica istruzione A segnalo, ad esempio, il trasferimento della direzione didattica con la creazione di nuovi spazi per la scuola dell infanzia. Per i servizi sociali ha avuto successo l istituzione del doposcuola e l individuazione del nostro comune, quale capofila per il N.I.L. (Nucleo Inserimento Lavorativo), in una rosa di dieci comuni comprendente anche Legnano. Sono a buon punto i contatti presi con l opera don Gnocchi per la realizzazione sul nostro territorio di una struttura riabilitativa per portatori di handicap. Per quanto riguarda la cultura abbiamo ottenuto un successo con le manifestazioni per il Giorno della Memoria e del Ricordo. Un messaggio esplicito è giunto da alcuni cittadini che hanno elogiato un maggior spessore culturale nelle manifestazioni finora svolte. Per Commercio e Cultura, la così detta Fiera del formaggio, nel nostro intento è destinata a divenire una manifestazione internazionale, nel disegno di portare il nostro paese ad un livello di più ampio respiro. Il Sindaco Antonio Lazzati

4 PRIMO PIANO 4 Prosegue con l intervista all Assessore ai Servizi Sociali Maria Cristina Legnani l impegno a rendere completa e dettagliata l informazione sull operato della Giunta. Assessore A Legnani, è trascorso più di un anno dal 13 giugno 2004: è possibile una riflessione su quanto sin qui fatto e, in particolar modo, rispetto a quanto esposto in campagna elettorale? In tutta sincerità posso affermare che molti dei punti esposti nel nostro programma sono già stati concretizzati ma, durante questo anno, una più approfondita analisi dei bisogni della cittadinanza, che scaturisce dal contatto costante e diretto col territorio, ha fatto emergere nuove problematiche alle quali si è cercato e, ove non è stato possibile farlo nell immediatezza, si cerca di dare una risposta concreta. SERVIZI SOCIALI e dintorni Riflessioni a un anno di distanza Vogliamo, in sintesi, riassumere quanto è stato compiuto? Possiamo certamente partire da ciò che riguarda l AREA DELLA COO- PERAZIONE INTERCOMUNALE, e nello specifico, dal Piano di Zona. Si è supportata l attività dell Ufficio di Piano partecipando al tavolo politico al fine di promuovere le iniziative programmate a livello distrettuale, nonchè all analisi dei bisogni per stendere il nuovo piano di zona e l eventuale costituzione di un ente per la gestione a livello distrettuale di alcuni servizi sociali. In concreto sono stati attivati e distribuiti i: BUONI SOCIALI, VOUCHER SOCIALI e BUONI NA- TALITA indirizzati alle categorie di persone più bisognose. Nell ambito delle leggi di settore è stato protratto il progetto MOSAI- CANDO di prevenzione al disagio minorile, che si realizza nella scuola media; è inoltre stato avviato il progetto AFFIDO che, conclusosi positivamente dopo un anno, ha dimostrato la necessità di essere protratto per altri due anni con una evoluzione in Sportello Affido, vista la elevata partecipazione e l interesse suscitato. Area Minori... Per quanto riguarda questo importante e delicato settore, posso affermare che molto è stato fatto, nonostante siamo perfettamente consapevoli che molto ancora ci sarà da fare. Brevemente, possiamo così riassumere. TUTELA MINORI: è stata allargata ai Comuni dell ambito territoriale del distretto n. 4 (con esclusione dei Comuni di Legnano e Nerviano), la convenzione precedentemente approvata con il Comune di Parabiago per la gestione del servizio di Tutela minori. Nel corso dell anno il servizio ha avuto in carico 18 minori. MICRONIDO: nel corso dell anno scolastico 2004/05 tutti i posti disponibili sono stati coperti. Si è modificato il regolamento di ammissione introducendo, nel caso di disponibiltà di posti e completa evasione delle domande giacenti, l ammissione di bambini non residenti. PROGETTO PEDAGOGIA: in seguito al mancato rinnovo della delega all ASL, si è garantita la prosecuzione delle attività con affidamento di incarico professionale a una pedagogista. L incarico si è concluso nel giugno Con decorrenza settembre 2004 è stato siglato un accordo con l Istituto Comprensivo Statale per la gestione delle attività pedagogiche. L accordo è stato rinnovato per l anno scolastico 2005/2006. SPORTELLO ASCOLTO: il servizio è stato garantito nell ambito del progetto Mosaicando. Le attività saranno finanziate con i fondi della L. 285/97 e proseguiranno fino al termine dell anno scolastico 2005/06. CENTRI ESTIVI: è stato attivato per tutto il mese di luglio il Centro estivo per i bambini dai 3 ai 6 anni presso la scuola dell infanzia W. Tobagi. Hanno frequentato in media 65 bambini per turno. Per i ragazzi dai 7 ai 14 anni, si è rinnovata la convenzione con i Centri Parrocchiali di Cerro e Cantalupo. I Centri hanno avviato la propria attività il 14/06/2005, che si è conclusa il 23 luglio per il capoluogo e il 30 luglio per la frazione. PROGETTO DOPOSCUOLA: iniziato nel 2005 con la finalità di seguire più da vicino bambini in difficoltà scolasti-

5 5 PRIMO PIANO ca, ha visto coinvolti educatori specializzati e insegnanti che si sono dedicati, per il momento, solo agli alunni della prima media. Passiamo a un altro fondamentale settore, quello dell AREA DEL DISAGIO. Anche qui, oltre ad alcune novità, abbiamo mantenuto ciò che avevamo promesso ai cittadini. Per quanto riguarda gli ASSEGNI E CONTRI- BUTI DA STATO E REGIONI, sono state raccolte, elaborate e trasmesse all INPS per la liquidazione, le domande di assegno di maternità e per il nucleo familiare numeroso (37). Le domande si sono raccolte, senza interruzioni, durante l intero corso dell anno. Si sono inoltre effettuati controlli sugli aventi diritto (43) ai contributi sul Fondo sostegno affitto 2003, con particolare riguardo sulle situazioni definite di grave disagio socio-economico e si è quindi proceduto alla liquidazione dei contributi. E stato altresì emanato il bando 2004 per il quale sono state presentate 56 domande. Sono state accolte le domande di buono sociale, elaborata la graduatoria degli aventi diritto ed erogato il contributo. Si è quindi avviato il sistema di monitoraggio sull acquisto dei buoni mediante la distribuzione domiciliare di un questionario ai beneficiari ed è stato avviato, a livello distrettuale, il lavoro di revisione del sistema di erogazione dei buoni. Rispetto all ASSISTENZA ECO- NOMICA, gli interventi di assistenza erogati ai nuclei familiari in difficoltà, sono stati più consistenti rispetto alle previsioni di inizio anno. Per quanto riguarda il PATRIMONIO DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUB- BLICA (ERP), in seguito all entrata in vigore del nuovo regolamento regionale per le assegnazioni degli alloggi ERP, è stato indetto un nuovo bando per la raccolta delle domande di alloggio con la stesura della relativa graduatoria. Vengono sempre mantenuti i rapporti con l ALER di Busto Arsizio per la gestione degli sportelli comunali di ERP e si è valutata la situazione economica degli utenti morosi. E stato aperto lo SPORTELLO AFFITTO su indicazione regionale, che avrà la funzione di rilevare le situazioni di disagio socio-economico, trasmettere le domande alla regione e liquidare i contributi regionali agli aventi diritto. EUROLAVORO: lo Sportello Lavoro ha mantenuto l apertura settimanale, su appuntamento, per la compilazione dei curricula di coloro che sono alla ricerca di una nuova occupazione. Dall agosto, è stato avviato il PRO- GETTO VOLONTARI del servizio civile che ha visto giovani ventenni, dopo essere stati formati e coordinati, svolgere la loro attività soprattutto nell ambito dell assistenza domiciliare agli anziani, ai disabili e ai minori in difficoltà. Il SOSTEGNO ECONOMICO AI NUCLEI FAMILIARI IN DIFFICOL- TA e ai singoli con reddito inferiore al minimo vitale, vede coinvolte le assistenti sociali che accolgono le istanze, verificano i requisiti e, in accordo e seguendo gli indirizzi della giunta comunale, concedono i contributi o le agevolazioni; vengono inoltre stesi progetti finalizzati come borse-lavoro per soggetti momentaneamente in difficoltà lavorative. A questo proposito è aperto al pubblico il servizio di segretariato sociale con colloqui su appuntamento con l assistente sociale. Area Disabili... Per quanto riguarda quest area, sono state rinnovate le convenzioni con i Servizi Formazioni all Autonomia (SFA) privati per la frequenza dei disabili medio gravi già inseriti e non sono effettuati nuovi inserimenti nell anno in corso. Sono state rinnovate le convenzioni per gli inserimenti in struttura protetta (RSH) di disabili gravi e gravissimi, privi di famiglia o con genitori incapaci di provvedere alle loro esigenze. Abbiamo potenziato il ser-

6 PRIMO PIANO 6 vizio dei trasporti con l acquisto di un nuovo automezzo per gli anziani di Cantalupo. Attualmente il Centro Anziani di Cerro effettua i trasporti verso le strutture ospedaliere della zona, mentre il servizio trasporti dei disabili, frequentanti i Centri Socio Educativi (CSE), i SFA o i servizi di fisioterapia, è gestito direttamente dall Ente locale. Per i trasporti dei malati cronici che necessitano di terapia a carattere continuativo in strutture relativamente distanti, ci si è avvalsi della collaborazione della Croce Azzurra di San Vittore Olona. NIL (Nuclei Inserimenti Lavorativi): sarebbe scaduta a fine anno la delega, ma l ASL ha dismesso in luglio improvvisamente il servizio. Il Tavolo Politico dell ambito distrettuale, essendo stato rinviato l avvio dell Ente strumentale, ha deciso di gestire il servizio in forma associativa, affidando al nostro comune il ruolo di capofila, che ospiterò la sede sul nostro territorio. CSE: anche in questo caso la delega all ASL per la gestione delle strutture è scaduta il 31/12/2004 e è stato ottenuto dall ASL un differimento della scadenza della delega al 31/05/2005. Veniamo ai nostri cari anziani. Già, i nostri vecchi... Sono stati mantenuti e incentivati, ove possibile, i seguenti servizi: servizio assistenza domiciliare, servizio pasti, trasporti, centro diurno anziani, assistenza allo svolgimento delle pratiche per l invalidità civile, progetti di inserimento in strutture protette per non autosufficienti. Usufruiscono dell assistenza domiciliare circa 50 persone mentre molto più numerosi sono coloro ai quali viene consegnato il pasto giornaliero dal lunedì al venerdì; sempre nell ambito del SAD, essendo stata rilevata una disponibilità di ore di servizio superiore alla richiesta che potrebbe essere legata all erogazione dei buoni sociali dei voucher, si è predisposto un piano di riorganizzazione del servizio stesso. E stata rinnovata la convenzione con il Coordinamento Anziani per la gestione annuale del Centro diurno e delle attività collegate. In conclusione, Assessore? C è da segnalare che da giugno 2005 è stata assunta con contratto libero professionale un altra assistente sociale con la finalità di occuparsi di tutti i servizi proposti dall Ufficio di Piano. Sin qui tutto quanto è già stato realizzato. In fieri vi sono ancora molti progetti, la cui ideazione dipende dall emergere di nuove problematiche la cui realizzazione richiede più tempo. Per esempio lo Sportello Immigrati, il potenziamento dello sportello lavoro in associazione alle ACLI del territorio, la costituzione della consulta del volontariato, il progetto educativo per arginare il disagio giovanile, un nuovo pulmino per il Coordinamento Anziani e la creazione di mini-alloggi per anziani con un centro diurno. Tutti questi progetti richiedono un notevole sforzo da parte degli operatori del settore comunale e un notevole impiego di risorse economiche; molti altri progetti potrebbero essere però iniziati se più persone di buona volontà partecipassero come volontari. A tale proposito infatti va il nostro grazie all associazione ACLI per l impegno e la serietà con le quali sta collaborando per potenziare lo sportello lavoro, nonchè agli anziani del Centro di Coordinamento Anziani che assicurano sempre il trasporto verso le strutture sanitarie di Legnano e dintorni ai coetanei meno fortunati, nonchè a tutte le associazioni di volontariato operanti sul nostro territorio (Caritas, S. Vincenzo, Anfas, Volontari Cottolenghini, Associazione per la Pace e Comitato accoglienza bambini di Cernobyl). Vorrei concludere con un appello ai miei concittadini affinchè mettano a disposizione della collettività le loro capacità e il loro tempo libero con generosità. Da parte nostra l impegno per gli anni a venire sarà sempre basato sull ascolto delle esigenze dei cittadini.

7 7 SERVIZI SOCIALI A Anche quest anno si sono svolti, durante l estate, i Centri Estivi. I bambini e i ragazzi che vi hanno preso parte sono stati numerosi: 550 circa i ragazzi che hanno partecipato ai Centri Parrocchiali mentre il Centro Estivo delle Scuole Materne ha visto la presenza di quasi 100 bambini. IL CENTRO L obiettivo del Centro Estivo è sempre stato quello di far divertire i bambini, creando un ambiente accogliente e stimolante nel rispetto della sicurezza e delle esigenze di tutti. Si è scelto quindi, come ogni anno, ESTIVO un tema da cui ideare attività educative, di apprendimento e ludiche. Quest anno è stato scelto Il Circo degli visto da noi Animali, utilizzando un personaggio fantastico: il pagliaccio Beniamino. Beniamino ha indicato, attraverso dei messaggi, le attività giornaliere giocando con la curiosità dei bambini che ogni giorno controllavano la posta, stupendo tutti presentandosi come figura reale durante lo spettacolo finale con canti, balli e giochi. Coordinatrice ed educatrici hanno programmato ogni singola attività sfruttando le capacità dei bambini gratificandoli con le opere realizzate. Molto gradite sono state anche le uscite, specialmente la gita allo Zoo Safari, durante la quale i bambini hanno potuto vedere gli animali liberi, il rettilario, l acquario, assistere a uno spettacolo di magia e fare un giro sulle giostre. Dopo quattro anni a Cerro la nostra maggiore gratificazione è la fiducia dei genitori che continuano a iscrivere i propri figli al Centro Estivo. Un ringraziamento anche al Comune che ci ha permesso, tramite il giornale, di parlare di noi. Le educatrici Coop. Stripes del Centro Estivo B uono sociale: consiste in una provvidenza economica mensile che può B essere erogata alle famiglie residenti per favorire il mantenimento a domicilio dei soggetti in condizioni di fragilità. Può presentare la domanda chi ha: - ISEE non superiore a ,00 euro - Invalidità al 100% (attestata da relativo verbale). Per informazioni rivolgersi all Ufficio Servizi Sociali nei giorni e negli orari di apertura. Progetto affido: in seguito alla realizzazione delle azioni previste nel progetto 2004 si è formato un gruppo di 40 persone disponibili all affido, che hanno già effettuato un percorso formativo. E stato inoltre predisposto e approvato un progetto finanziato con fondi L. 285/97 per l anno 2005, che è focalizzato su azioni di sistema nella costruzione di protocolli e procedure condivise di ambito in tema di affido, propedeutico all attivazione di un nucleo affidi che vedrà la sua operatività entro dicembre M Mosaicando: questo progetto si è concluso a giugno con ottimi in breve informazioni dal sociale risultati e è stato ripresentato per l anno scolastico 2005/06 e rifinanziato (sportello di ascolto) con fondi della L. 285/97. Le attività ripartiranno con l apertura dell anno scolastico alla scuola media. Bambini per crescere: l amministrazione ha aderito a un progetto sovradistrettuale rivolto ai bambini da 0 a 3 anni e alle loro famiglie, con l obiettivo di promuovere una genitorialità più consapevole e attiva attraverso la condivisione e l orientamento educativo. Lo spazio in cui programmare e realizzare le attività è il micronido comunale, che per l occasione sarà aperto nei prossimi mesi, a scadenze predeterminate, anche a coloro che non usufruiscono del servizio. P Percorsi interculturali per bambini stranieri: è un progetto di mediazione culturale finalizzato a facilitare l inserimento scolastico dei minori stranieri. Il progetto integrerà l attività già avviata e finanziata dall Amministrazione comunale nell ambito della scuola elementare. Progetto pedagogia: Anche per l anno scolastico 2005/06 è stato rinnovato l accordo con l Istituto A. Strobino per lo svolgimento delle attività pedagogiche. Il progetto pedagogia si pone come obiettivo quello di favorire l integrazione scolastica dei soggetti portatori di handicap o con difficoltà nell apprendimento attraverso l erogazione di prestazioni educative. S Selezione di un soggetto del terzo settore per la coprogettazione e gestione di un servizio socio-educativo per minori a rischio di emarginazione: l Amministrazione Comunale di Cerro Maggiore indice istruttoria pubblica per l individuazione di un soggetto del terzo settore disposto a coprogettare e successivamente gestire un servizio socio educativo sperimentale finalizzato a favorire l integrazione sociale dei minori a rischio di emarginazione. Il bando integrale è disponibile presso l Ufficio Servizi Sociali e pubblicato sul sito del comune

8 ASSOCIAZIONI 8 AURORA CANTALUPO storica promozione L Assessorato ai Servizi Sociali, la Parrocchia S.S. Cornelio e Cipriano, La Parrocchia San Bartolomeo e il Centro Anziani organizzano LA FESTA DEI NONNI C Carissimi Concittadini, finalmente ci siamo: sono passati poco più di due mesi dalla tanto sospirata ufficializzazione del passaggio in Prima Categoria, e già ci accingiamo più fiduciosi e stimolati che mai ad affrontare la nuova stagione. Prima di iniziare, è doveroso porgere un plauso e un sincero grazie a tutti i ragazzi che hanno contribuito attivamente a raggiungere la storica promozione, arrivata dopo ben 42 anni, e che continueranno altrove il proprio cammino sportivo: a loro un augurio di cuore. Tornando al presente, abbiamo svolto un vero e proprio tour de force per AFFRONTARE AL MEGLIO LA NUOVA AVVENTURA: vogliamo debuttare col vestito più bello! Per questo motivo la squadra è stata ulteriormente rafforzata e ringiovanita per continuare a toglierci molte soddisfazioni e assicurare divertimento puro a tutti i nostri affezionatissimi sostenitori. Abbiamo completato la rosa di tutte le rappresentative del settore giovanile, che diverrà sempre di più la nostra punta di diamante e una vera e propria fucina di giovani promesse per la prima squadra. Partendo dai più piccoli, è bellissimo pensare che bambini dell ultimo anno di asilo potranno iniziare a cimentarsi nei primi calci a questa magica palla tonda senza neppure attraversare la strada: passando semplicemente dalla palazzina dell asilo alla palestra! I più grandicelli calceranno ancora il campo da gioco dell Oratorio (rinnoviamo al Parroco il nostro ringraziamento), mentre, dagli Esordienti in poi, i nostri ragazzi si alleneranno nel Centro Sportivo di via IV Novembre, assistiti da collaboratori capaci e muniti di patentino. Le prime due settimane di ottobre, come da tradizione, si terrà il tesseramento soci in Piazza della Chiesa: vi aspettiamo sempre più numerosi sicuri di superare il record di iscritti che puntualmente ogni anno viene stracciato. Accanto all attività agonistica stiamo ideando una serie di iniziative volte a creare un vero e proprio cordone ombelicale tra la nostra Associazione Sportiva e tutta la Comunità. Oltre all iniziativa già partita in collaborazione col Podere dei Croci (a proposito, controllate ogni giorno la Vs. casella postale) e alle mailing indirizzate ai commercianti, quest anno pubblicheremo un mensile tutto nostro e Vs., il Giornalino dell Aurora con tantissime notizie, foto e... di tutto, di più! Insomma, Vi terremo sempre aggiornati. A tutti un augurio di un anno ricco di soddisfazioni calcistiche e non solo! Il Presidente Marino Ceriani Spettacoli di magia e rinfresco Venerdì 30 settembre 2005 alle ore Centro Parrocchiale Don Branca Cerro Maggiore Domenica 2 ottobre 2005 alle ore Parrocchiale Don G. Bosco Cantalupo Si ringrazia il Sig. Michele Castellano della DSA - prodotti dolciari di Villacortese, per aver offerto il rinfresco L URP a Cantalupo Da settembre lo sportello per i cittadini anche nella frazione L Ufficio per le Relazioni con il Pubblico, inaugurato dal Comune di Cerro Maggiore nello scorso mese di febbraio, dall 8 settembre sarà attivo anche presso la palazzina comunale di Cantalupo, in Piazza San Bartolomeo. Lo sportello sarà aperto al pubblico il giovedì dalle ore 9.00 alle ore Per informazioni è possibile contattare i numeri telefonici: (ufficio di Cerro Maggiore), (ufficio di Cantalupo) o inviare una mail all indirizzo

9 9 ASSOCIAZIONI SIPARIO SULLA SAGRA e già si pensa al futuro C onclusasi con i tradizionali fuochi d artificio, la Sagra di San Bartolomeo a Cantalupo ha visto, anche in questa edizione, una notevole partecipazione di pubblico, da sempre curioso e attirato dal programma proposto dal circolo culturale Il Campanile e dalla Parrocchia. A Gianni Croci, presidente del circolo che da 19 anni organizza gli eventi, abbiamo chiesto come è andata. Direi sicuramente bene, anche se sinceramente quest anno non eravamo poi così sicuri di ripeterci. In che senso? Voglio dire che non è mai semplice scegliere gli artisti e gli spettacoli da proporre, senza correre il rischio di essere scontati o banali. Le scelte questa volta avevano il sapore dell azzardo, ma diciamo pure che è andato tutto parecchio bene. Abbiamo avuto un riscontro di pubblico e di critica estremamente positivi: segno che l originalità paga comunque. Nel concreto? Puntando sulla qualità delle offerte, abbiamo proposto quattro mostre, tre delle quali di artisti tra loro eterogenei, saltando dall astrattismo estremo alla tecnica dell affresco fino a giungere all incisione pittorica su cuoio. La quarta era un omaggio alle tradizioni contadine del territorio (esistenti fino agli anni 60) sull allevamento dei bachi da seta. Per quanto riguarda le manifestazioni musicali, beh, anche qui, mettere in cartello rock, liscio, lirica e fusion non era certo come andare sul velluto. Devo dire che abbiamo assistito, a parte il mancato spettacolo di ballo liscio del sabato dovuto al mal tempo, a serate eccezionali. Pensare di coniugare la lirica con una festa di piazza poneva qualche legittima apprensione: ci ha pensato un fantastico e attento pubblico a toglierci ogni paura. Una serata stupenda. Così come quella di lunedì, con un gruppo di giovani musicisti molto preparati che ha proposto originali rivisitazioni di musica popolare di tutto il mondo. Siamo poi giunti alla 10^ edizione del Campanile d Oro che ha visto la partecipazione di 29 poeti con 61 opere dialettali di pregevole fattura che, quest anno, affrontavano anche temi di attualità solitamente inusuali per questo genere letterario. Qual è il segreto del successo? Nonostante l esiguità di risorse economiche e fisiche, la ricetta è semplice: la solidità di un piccolo gruppo di persone che, sacrificando tempo libero (rubandolo purtroppo qualche volta alle proprie famiglie) e a volte ferie, non ha mai mollato l obiettivo di tradurre in realtà i propri desideri, dare cioè alla gente divertimento, cultura e voglia di stare assieme. Tutto qui. Non c è nient altro? Si. C è anche il lavoro anonimo di tanti amici e sostenitori e, naturalmente, la fattiva collaborazione dell amministrazione comunale di Cerro Maggiore, dall ultimo operaio al primo cittadino. CENTRO ANZIANI pranzo di mezza estate I In occasione della festività di FERRA- GOSTO il Consiglio di Amministrazione della nostra Società ha deciso di organizzare un pranzo, aperto a tutta la popolazione comunale, presso il Ristorante LA VECCHIA CERRO. Hanno risposto all appello ben 118 cerresi. Abbiamo potuto incontrare anche persone che non hanno mai frequentato il nostro ambiente, e questo ci ha molto gratificato. Se ci fossimo fermati al solito pranzo presso la nostra sede, non avremmo certo riscontrato così numerosa adesione. Abbiamo persino avuto l occasione di fare quattro salti, dimenticando a casa tutti i nostri acciacchi! Con poca spesa, con tanta musica e moltissima allegria siamo tornati alle nostre case tutti contenti e soddisfatti... Erano presenti al banchetto anche ultranovantenni e molti ottantenni! Per questa riuscitissima iniziativa ci corre l obbligo di ringraziare anche i proprietari del Ristorante che hanno fatto l impossibile per rallegrare con squisiti piatti la nostra insaziabile fame! Altre iniziative del Coordinamento Anziani di Cerro Maggiore Sono stati organizzati i seguenti soggiorni: MARINA DI PIETRASANTA dal 4/9 al 18/ 9/2005 con 52 partecipanti SIRACUSA dal 18/9 al 2/10/2005 con 78 partecipanti LANZAROTE dal 3/10 al 17/10/2005 con 8 partecipanti FESTA DEI NONNI: il 30 settembre a Cerro Maggiore e il 2 ottobre a Cantalupo.

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013

Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Gruppo per la Collaborazione tra Scuola e Famiglie GENITORI RAPPRESENTANTI NELLA SCUOLA Incontri formativi novembre 2013 Breve saluto con tre slides. Chi siamo: fondamentalmente siamo genitori per genitori

Dettagli

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità

Settore Socio-Educativo. Assistenza domiciliare. Fattori della qualità. Competenza Professionalità degli operatori. Indicatori di qualità Settore Socio-Educativo Fattori della qualità Indicatori di qualità Competenza Professionalità degli operatori Grado di soddisfazione degli utenti: 70% di soddisfazione del campione esaminato. Monitoraggio

Dettagli

Comune di Cassina de Pecchi Provincia di Milano

Comune di Cassina de Pecchi Provincia di Milano Comune di Cassina de Pecchi Provincia di Milano Cari Concittadini, presentiamo questo opuscolo che ha lo scopo di fornire a tutti voi una semplice e migliore conoscenza di alcuni servizi che l Amministrazione

Dettagli

l ABBRACCIO Onlus Cooperativa Sociale a.r.l.

l ABBRACCIO Onlus Cooperativa Sociale a.r.l. MICRONIDO l ABBRACCIO VIA SAN CARLO 11 CASCINA POGLIANASCA ARLUNO (MILANO) CARTA DEI SERVIZI 2013/14 La Carta dei Servizi è un documento che evidenzia in tutta trasparenza le modalità di erogazione del

Dettagli

Marketing / Orientamento (Processo Principale) INDICE

Marketing / Orientamento (Processo Principale) INDICE INDICE 1 di 1 Istituto di Istruzione Superiore J.C. Maxwell Marketing / Orientamento (Processo Principale) Codice PQ 010 MARKETING / ORIENTAMENTO INDICE 1.1 OBIETTIVO 1.2 CAMPO D APPLICAZIONE 1.3 RESPONSABILITÀ

Dettagli

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012

Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Consegna dei diplomi DFA 22 giugno 2012 Intervento di Franco Gervasoni, direttore SUPSI SALUTO - Consigliere di Stato, Manuele Bertoli - Capodicastero Educazione, culto e partecipazioni comunali del Municipio

Dettagli

La Scuola Secondaria di Primo Grado

La Scuola Secondaria di Primo Grado La Scuola Secondaria di Primo Grado È un ambiente educativo sereno, nel quale i ragazzi imparano solide nozioni di base e un efficace metodo di studio, utilizzando le nuove tecnologie, la rete internet

Dettagli

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA

PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA PIANO DELL OFFERTA FORMATIVA Anno scolastico 2012 / 2013 Scuola Comunale dell infanzia Pollicinia Via Roma Potenza Tel. 0971 / 273041 DOVE SIAMO CHI SIAMO Potenza, capoluogo di regione, è la città della

Dettagli

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola.

1) MOTIVAZIONE SCOLASTICA: promuovere le risorse personali degli studenti per aiutarli a stare e andare bene a scuola. Passo dopo Passo Insieme supporta la motivazione scolastica dei preadolescenti, promuovendo percorsi che mettano al centro le risorse personali dei ragazzi e offrendo progetti di formazione e sensibilizzazione

Dettagli

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras

Sostegno a Distanza. Scuola San José Honduras Sostegno a Distanza Scuola San José Honduras COMUNICAZIONE GENERALE 2010 222 I.- INTRODUZIONE- Cari amici, con la presente comunicazione desideriamo raccontarvi le attività realizzate grazie al sostegno

Dettagli

Comune di Ponte San Nicolò

Comune di Ponte San Nicolò Comune di Ponte San Nicolò SERVIZIO PUBBLICA ISTRUZIONE E SPORT Il Servizio è finalizzato a rendere effettivo il diritto allo studio, alla promozione e valorizzazione delle attività sportive, motorie e

Dettagli

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO Castellanza, 10 novembre 2014 Signor Presidente, Magnifico Rettore, colleghi Studenti, Autorità

Dettagli

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO

PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE PROVINCIA DI PISTOIA PROGETTO DEL CENTRO SOCIO EDUCATIVO IL MELOGRANO Premessa La progettazione di un centro socio educativo sul territorio di Serravalle P.se nasce dall

Dettagli

COMUNE di VILLA DEL CONTE. Assessorato alle Politiche Sociali Assessorato all Istruzione. in collaborazione con. Anno Scolastico 2015-2016

COMUNE di VILLA DEL CONTE. Assessorato alle Politiche Sociali Assessorato all Istruzione. in collaborazione con. Anno Scolastico 2015-2016 COMUNE di VILLA DEL CONTE Assessorato alle Politiche Sociali Assessorato all Istruzione in collaborazione con Invita tutti i bambini delle SCUOLE ELEMENTARI di Villa del Conte e di Abbazia Pisani ed i

Dettagli

Progetto di cittadinanza attiva

Progetto di cittadinanza attiva Comune di Sant Antioco Progetto di cittadinanza attiva Il Consiglio Comunale dei ragazzi Il Consiglio Comunale dei ragazzi Nell'ambito del programma dell Amministrazione comunale di Sant Antioco, in particolar

Dettagli

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA

COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA COMUNE DI CHIGNOLO D ISOLA SETTORE SERVIZI SOCIALI REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Premessa 1. Il Comune di Chignolo d Isola con il presente regolamento intende disciplinare il servizio

Dettagli

bilancio sociale 2008-2012

bilancio sociale 2008-2012 ASSOCIAZIONEERCOLEPREMOLI bilancio sociale 2008-2012 dati raccolti al 4 novembre 2012 ercole premoli e l associazione Nata alla fine degli anni 90, l Associazione porta il nome di un volontario impegnato

Dettagli

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE

PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE PROGETTO: SPORTELLO DONNA CENTRO DI ORIENTAMENTO FORMAZIONE ED INTEGRAZIONE SOCIALE PER DONNE IMMIGRATE SOGGETTI PROPONENTI IL PROGETTO 1) Denominazione Cooperativa Servizi & Formazione Indirizzo Viale

Dettagli

Asilo nido Centro ricreativo Centro educativo. Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi

Asilo nido Centro ricreativo Centro educativo. Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi Progetto Educativo Asilo Piccoli Passi Asilo Asilo nido nido Centro Centro ricreativo ricreativo Centro Centro educativo educativo Indroduzione Il desiderio di aprire l Asilo Nido nasce da un istintivo

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO

ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 1 programmazionescinfdonmandirc14.15 ISTITUTO COMPRENSIVO LEONARDO DA VINCI LIMBIATE scuole dell infanzia don Milani e Andersen anno scolastico 2014-2015 ORGANIZZAZIONE DEL CURRICOLO 2 GIORNATA SCOLASTICA

Dettagli

I giovani del Medio Campidano

I giovani del Medio Campidano I giovani del Medio Campidano Indagine sulla condizione giovanile nella Provincia Ufficio Provinciale Giovani - Associazione Orientare Pagina 1 Il questionario è stato predisposto e realizzato dall Associazione

Dettagli

A più voci contro la dispersione scolastica

A più voci contro la dispersione scolastica A più voci contro la dispersione scolastica 1. Contesto dell intervento Abbandoni, interruzioni formalizzate, frequenze irregolari, ripetenze, ritardi : hanno nomi diversi le disfunzioni che caratterizzano

Dettagli

POMERIGGIO IN CENTRO! Un ambiente familiare e sereno per formare bambini e i ragazzi allo studio, e non solo, con creatività...

POMERIGGIO IN CENTRO! Un ambiente familiare e sereno per formare bambini e i ragazzi allo studio, e non solo, con creatività... IL PROGETTO POMERIGGIO IN CENTRO! Un ambiente familiare e sereno per formare bambini e i ragazzi allo studio, e non solo, con creatività... per bambini della scuola primaria (elementare) e per ragazzi

Dettagli

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI

CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI All. B10 REGIONE BASILICATA DIPARTIMENTO SICUREZZA E SOLIDARIETA SOCIALE R.Gio/CPA AMBITO ZONALE ALTO AGRI CENTRI DI PROMOZIONE GIOVANILE AUTOGESTITI Art.1 Definizione Il centro di aggregazione giovanile

Dettagli

PERIFERIA chiama! MILANO risponde?

PERIFERIA chiama! MILANO risponde? PERIFERIA chiama! MILANO risponde? CONSULTA PERIFERIE MILANO Associazione culturale San Materno-Figino PERIFERIA chiama! MILANO risponde? Martedì 25 gennaio 2011 Periferie: come stiamo? La parola agli

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Invecchiare con cura: tutelare la libertà di scelta dell anziano e dei familiari

Invecchiare con cura: tutelare la libertà di scelta dell anziano e dei familiari Nono Seminario regionale della Rete europea dei difensori civici Cardiff 22 24 giugno Seconda sessione: Promuovere i diritti di una popolazione che invecchia Invecchiare con cura: tutelare la libertà di

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA - ISTITUTO STATALE COMPRENSIVO DI SCUOLA PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO Francesco D Este MASSA LOMBARDA (RA) PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA Il PROTOCOLLO D ACCOGLIENZA è un documento che viene deliberato

Dettagli

Programma Amministrativo Alla gente di Ranica chiederemo sempre di partecipare e di esprimere le opinioni e le proposte di ciascuno sui vari problemi: sarà per noi il punto di partenza per risolverli.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI

ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI ISTITUTO COMPRENSIVO DI PIANELLO V.T. RILEVAZIONE BISOGNI FORMATIVI DEL TERRITORIO E SODDISFAZIONE DEI NOSTRI UTENTI Questionario studenti L'offerta formativa della scuola è tanto più efficace quanto più

Dettagli

CITTA-DIAMOCI. Descrizione progetti 1. La Casa dell accoglienza per senza dimora Archè a Merano

CITTA-DIAMOCI. Descrizione progetti 1. La Casa dell accoglienza per senza dimora Archè a Merano CITTA-DIAMOCI La Caritas di Bolzano-Bressanone offre ai giovani interessati al Servizio Civile Nazionale tre posti all interno di strutture che lavorano con persone senza dimora. Descrizione progetti 1.

Dettagli

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI

CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI CITTA DI PADERNO DUGNANO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEGLI ASILI NIDO COMUNALI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N 78 del 26 settembre 1997 e N 13 del 12 marzo 1998 TITOLO 1 Finalità

Dettagli

COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA

COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia Assessorato alla Scuola Gestione Servizi per l Infanzia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA Anno scolastico 2014/2015 COMUNICAZIONE PER

Dettagli

ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA

ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA ESSERE VICINI A CHI HA BISOGNO SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA FAMIGLIA Incentivare la realizzazione di corsi per la formazione continua del personale impegnato sul territorio a vario titolo. Incrementare

Dettagli

ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013.

ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013. ASSESSORATO ALL ISTRUZIONE RELAZIONE AL BILANCIO DI PREVISIONE DELL ESERCIZIO 2011 E BILANCIO PLURIENNALE 2011-2013. La scuola rappresenta un campo privilegiato per la formazione dei cittadini di domani.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO CHIAVARI 2. Anno Scolastico 2014/15 SCUOLA PRIMARIA

ISTITUTO COMPRENSIVO CHIAVARI 2. Anno Scolastico 2014/15 SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO CHIAVARI 2 Anno Scolastico 2014/15 SCUOLA PRIMARIA 2 3 DOVE SONO LE SCUOLE PRIMARIE 4 SCUOLA PRIMARIA DI CAPERANA Via Parma, 182 Chiavari Tel. 0185 382489 Orario: lun mer ven: ore

Dettagli

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI

REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI REGOLAMENTO DISTRETTUALE SULL AFFIDO FAMILIARE DI MINORI TITOLO I Finalità e soggetti Art.1 Normativa L affidamento familiare per minori è regolato

Dettagli

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini

Nota. Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca. On. Stefania Giannini Nota Incontro con il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca On. Stefania Giannini Roma, 28 maggio 2014 Premessa Come è noto le Province si occupano del funzionamento, della manutenzione

Dettagli

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA

LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA LINEE GUIDA PER L ACCOGLIENZA E INTEGRAZIONE DEGLI ALUNNI STRANIERI ISTITUTO COMPRENSIVO DELLA VALLE VERSA AREA AMMINISTRATIVA L ISCRIZIONE Le iscrizioni dei minori stranieri, indipendentemente dalla regolarità

Dettagli

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat

Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione di Barlassina (2008) Fonte: Istat Capitolo 4 Politiche sociali Servizi alla persona e alla famiglia Il contesto di Barlassina Composizione della popolazione per fasce di età Grafico 1 Suddivisione percentuale per fasce di età della popolazione

Dettagli

è con grande piacere che vi presentiamo la III edizione del concorso forma

è con grande piacere che vi presentiamo la III edizione del concorso forma Torino, 30 settembre 2013 Gentili Dirigenti Scolastici ed Insegnanti, è con grande piacere che vi presentiamo la III edizione del concorso forma il tuo Natale, promosso dalla Fondazione Ospedale Infantile

Dettagli

Silvia Gilioli, educatrice ed insegnante elementare, esperta dell organizzazione di attività di grande gruppo e animazione,

Silvia Gilioli, educatrice ed insegnante elementare, esperta dell organizzazione di attività di grande gruppo e animazione, L ASSOCIAZIONE. L Associazione culturale nasce nel 2005 per dare struttura istituzionale ad un esperienza lavorativa sviluppata fin dal 99 nell organizzazione di campi estivi. Il Direttivo è oggi composto

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

Questionario Informativo

Questionario Informativo Medicina del Dolore e Cure Palliative Questionario Informativo Gentile Signore, Gentile Signora, Le chiediamo solo pochi minuti del Suo tempo per compilare il presente questionario: poche domande che hanno

Dettagli

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016

Giochiamo al Teatro PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE. Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 PROGETTO LABORATORIO TEATRALE PER SCUOLE PRIMARIE Istituto Comprensivo San Gimignano ANNO ACCADEMICO 2015 2016 A cura di Associazione A.L.Y. e Associazione Teatro Riflesso Referenti Progetto : Ylenia Mazzoni

Dettagli

1. DESTINATARI 2. FINALITA GENERALI DEGLI INTERVENTI:

1. DESTINATARI 2. FINALITA GENERALI DEGLI INTERVENTI: BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI CONTRIBUTI PER I MIGLIORI PROGETTI PRESENTATI DALLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME FINALIZZATI AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE E DELLA SALUTE DELL INFANZIA ED ADOLESCENZA E

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV)

PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) PROGETTO EDUCATIVO DELLA SCUOLA DELL'INFANZIA ANGELO TOSO CASIER (TV) 1 1. LA NASCITA DELLA SCUOLA Durante la 1^ guerra mondiale Gino Toso figlio di Angelo Toso, aveva un cuore grande e generoso, per questo

Dettagli

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T.

Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. Città di Enna AREA 5 G.R.I.T. SEZIONE 1. DATI ANAGRAFICI DELL ORGANIZZAZIONE Denominazione dell Organizzazione Acronimo (Sigla) Indirizzo della sede Presso¹ CAP Telefono Comune Fax E-mail PEC Sito web

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

Prefazione... 1. Presentazione... 2 1. INTRODUZIONE... 2. 1.1. Che cos è la Carta dei Servizi... 2. 1.2. I principi generali... 2

Prefazione... 1. Presentazione... 2 1. INTRODUZIONE... 2. 1.1. Che cos è la Carta dei Servizi... 2. 1.2. I principi generali... 2 Edizione del Novembre 2015 Responsabile del servizio Dott.ssa Caterina PREVER LOIRI Prefazione... 1 Presentazione... 2 1. INTRODUZIONE... 2 1.1. Che cos è la... 2 1.2. I principi generali... 2 2. POLITICA

Dettagli

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA

COMUNE DI CISTERNA DI LATINA COMUNE DI CISTERNA DI LATINA MEDAGLIA D ARGENTO AL VALOR CIVILE REGOLAMENTO CENTRO DIURNO PER MINORI LA TARTARUGA INDICE CAP 1 - Principi generali Art. 1 Definizione del servizio Art. 2 Finalità e obiettivi

Dettagli

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000;

Richiamata la funzione attribuita alla Provincia nel campo delle politiche sociali prevista dalla legge n. 328 del 8 novembre 2000; PROTOCOLLO D INTESA PROGRAMMA DI ASSISTENZA SPECIALISTICA A SUPPORTO DELL INTEGRAZIONE SCOLASTICA E SOCIALE DEGLI ALUNNI SORDI DELLA PROVINCIA DI BRESCIA Richiamata la funzione attribuita alla Provincia

Dettagli

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI:

1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: 1044 PIAZZE PER I 40 ANNI DELLA LEGGE 1044 SUI NIDI PENSIERI DEI NOSTRI GENITORI: L Asilo nido è un servizio essenziale per noi genitori lavoratori, sarebbe impossibile concepire l assenza di un servizio

Dettagli

SCUOLA DI FORMAZIONE PER EDUCATORI DI ORATORIO

SCUOLA DI FORMAZIONE PER EDUCATORI DI ORATORIO SCUOLA DI FORMAZIONE PER EDUCATORI DI ORATORIO BANDO PER L ASSEGNAZINE DI UNA BORSA DI STUDIO anno pastorale 2013-2014 Presentazione Nell ambito della formazione degli educatori per l animazione oratoriale

Dettagli

Laboratorio Servizi nell area DISABILI

Laboratorio Servizi nell area DISABILI Laboratorio Servizi nell area DISABILI 1 Studio sui servizi alla persona disabile a Roma Luglio 2007 Nella legislazione italiana, la tutela assistenziale del cittadino disabile si è avuta: 1. Negli anni

Dettagli

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Il sistema di governo della programmazione Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Gli organismi coinvolti nel processo programmatorio Assemblea Distrettuale

Dettagli

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE

Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Lista Civica CAVALIER GORGO NAVOLE - OBIETTIVO COMUNE Programma Elettorale Elezioni Amministrative 25 Maggio 2014 1 Presentazione La lista civica OBIETTIVO COMUNE nasce dalla volontà di una numerosa squadra

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA

REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA ART. 1 - NATURA E FINALITA La Scuola comunale dell infanzia concorre, nell ambito del sistema scolastico, a promuovere la formazione integrale della personalità

Dettagli

Attività dell Urban Center

Attività dell Urban Center Attività dell Urban Center Report dell incontro con i rappresentanti di associazioni e cooperative 14 giugno 2012 www.rosignanofacentro.it info@rosignanofacentro.it Percorso di partecipazione promosso

Dettagli

AI GENITORI STRANIERI Com è oggi la scuola in Italia

AI GENITORI STRANIERI Com è oggi la scuola in Italia Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo A. Da Rosciate via Codussi, 7 414 Bergamo Tel 03543373 Fax: 0357033- www.darosciate.it e-mail: segreteria@darosciate.it -

Dettagli

lettura, manipolazione, pittura, travasi, gioco simbolico, collage, costruzioni, ecc.

lettura, manipolazione, pittura, travasi, gioco simbolico, collage, costruzioni, ecc. a.s. 2014/2015 Caratteristiche del Servizio È un servizio integrativo al nido, che intende garantire risposte flessibili e differenziate alle esigenze delle famiglie (genitori e nonni) e dei bambini. Risponde

Dettagli

PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020

PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020 PROGRAMMA ELETTORALE MOVIMENTO 5 STELLE 2015-2020 PUNTO (3) SANITA E SERVIZI SOCIALI 1 2 SANITA' E SERVIZI SOCIALI L indirizzo sociale, ovvero il cittadino al centro del progetto comunale, è un punto fondamentale

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA DI CASALGRASSO

SCUOLA DELL INFANZIA DI CASALGRASSO ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORETTA DI CASALGRASSO ANNO SCOLASTICO 2014/2015 MAMME E PAPÀ, questa è la prima SCUOLA che incontrate da genitori e sarà un esperienza nuova, per voi e per i vostri bambini. NON

Dettagli

Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia

Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia comunità Sostegno alla Genitorialità: Scuole dell Infanzia 01 Il Servizio prevede incontri di formazione rivolti ad insegnanti e genitori delle Scuole dell Infanzia di Caselle, Sommacampagna e Custoza.

Dettagli

Attività a Tema in Branca L/C

Attività a Tema in Branca L/C in Branca L/C Queste note fanno seguito al laboratorio sulle del 13 marzo 2013 a Roma e riprendono il sussidio, ormai introvabile, concepito nel 1973 e rivisto nel 1982. Le nascono nella Branca Lupetti

Dettagli

Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE

Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE Scuola dell Infanzia PAOLA DI ROSA Scuola Primaria SAN GIUSEPPE Scuola dell Infanzia Paola di Rosa Scuola Primaria San Giuseppe La vera educazione è apertura alla realtà nella sua ricchezza la scuola è

Dettagli

Montecassiano Bene Comune

Montecassiano Bene Comune Montecassiano Bene Comune Programma per l amministrazione comunale 2014-2019 non abbiamo bisogno di chissà quali grandi cose o chissà quali grandi uomini; abbiamo solo bisogno di più gente onesta (b.c.)

Dettagli

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI

IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI IL BISOGNO DI SERVIZI PER I BAMBINI DA ZERO A 3 ANNI 1. La rilevazione La rilevazione presso le famiglie con bambini da zero a 3 anni, residenti nei comuni dell Ambito territoriale dei servizi sociali

Dettagli

CENTRO MULTIFUNZIONALE PER L'INFANZIA

CENTRO MULTIFUNZIONALE PER L'INFANZIA Asilo nido Scuola materna Ludoteca - Doposcuola Via San Francesco, 71 Latina CENTRO MULTIFUNZIONALE PER L'INFANZIA Pensato e creato per bambini da zero a dieci anni, è il luogo in cui il bambino apprende

Dettagli

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come:

AREA MINORI. Gli interventi espletati comprendono attività come: AREA MINORI PREMESSA Nel Piano Regionale Socio Assistenziale l area dei minori viene definita anche Area dell età evolutiva e del disadattamento, dove l obiettivo primario è quello di fornire elementi

Dettagli

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO

QUESTIONARIO DI GRADIMENTO QUESTIONARIO DI GRADIMENTO Il BRUCO Asilo Nido e Scuola d Infanzia Via Case Basse San Vittore, 24 Pavia www.asiloilbruco.com Tel. 0382.1726.241 Tel. 393.900.6211 Cari Genitori, il questionario è stato

Dettagli

COMUNITA PASTORALE Beati Giovanni Mazzucconi e Luigi Monza San Giovanni - Rancio - Laorca FONDO SOLIDALE DELLA COMUNITA

COMUNITA PASTORALE Beati Giovanni Mazzucconi e Luigi Monza San Giovanni - Rancio - Laorca FONDO SOLIDALE DELLA COMUNITA COMUNITA PASTORALE Beati Giovanni Mazzucconi e Luigi Monza San Giovanni - Rancio - Laorca FONDO SOLIDALE DELLA COMUNITA R E G O L A M E N T O Premessa Facendo proprie le considerazioni dell arcivescovo

Dettagli

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità

1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità 1 Forum Internazionale sulla Regolazione dei Servizi Idrici e la Sostenibilità Roma, 21 Gennaio 2009 Palazzo Marini Sala delle Colonne Discorso di apertura, Luciano Baggiani Presidente ANEA Illustri ospiti,

Dettagli

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati

Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati Roberto Ghiretti Presidente Studio Ghiretti & Associati 1 Lo Sport come strumento educativo Lo sport per i bambini e ragazzi rappresenta una straordinaria opportunità di crescita. Grazie all attività motoria,

Dettagli

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività)

P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) P.A.I. (Piano Annuale dell Inclusività) I dati si riferiscono all anno scolastico 2014/2015 Approvato nel Collegio dei Docenti del 12 giugno 2015 Gli alunni certificati in base alla Legge 104/1992 Tabella

Dettagli

QUESTIONARIO PER LA RILEVAZIONE DELLE OPINIONI DEI GENITORI DEI BAMBINI CHE HANNO PARTECIPATO AL CENTRO ESTIVO A. ANALISI DI SFONDO: STRUTTURA FAMILIARE a) Da quante persone è composta la sua famiglia?

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA

REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA REGOLAMENTO CONSIGLIO COMUNALE DEI RAGAZZI DELLA CITTA DI LENDINARA Adottato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 74 del 29 Settembre 2006 Modificato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 66

Dettagli

Per rendere fruttuosa la riunione che faremo, preghiamo tutti di lavorare con la seguente modalità:

Per rendere fruttuosa la riunione che faremo, preghiamo tutti di lavorare con la seguente modalità: Tutti i gruppi delle parrocchie di S.Agnese e S.Andrea sono invitati a confrontarsi sulla seguente bozza di progetto educativo e a dare il proprio contributo nel corso dell incontro di venerdì 28 marzo

Dettagli

Anno scolastico 2013/2014

Anno scolastico 2013/2014 L Istituto Comprensivo ha la sua sede in AZZANO SAN PAOLO Via Don Gonella, 4 Tel.: 035/530078 Fax: 035/530791 e-mail: BGIC82300D@istruzione.it sito internet : www.azzanoscuole.it I. C. - AZZANO S. PAOLO

Dettagli

INTERVENTI VARI. Come si richiede? Presentendosi personalmente o inoltrando richiesta scritta indirizzata al Sindaco.

INTERVENTI VARI. Come si richiede? Presentendosi personalmente o inoltrando richiesta scritta indirizzata al Sindaco. INTERVENTI VARI SEGRETARIATO SOCIALE Che cos è? Il segretariato è un servizio che mette la professionalità degli assistenti sociali a disposizione dei cittadini, fornendo informazioni sulle risorse sociali

Dettagli

Titolo CARTA DEI SERVIZI CONTATTI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA MONUMENTO AI CADUTI ZERO BRANCO

Titolo CARTA DEI SERVIZI CONTATTI ANNO SCOLASTICO 2014/2015 SCUOLA DELL INFANZIA MONUMENTO AI CADUTI ZERO BRANCO CONTATTI Inseri re q ui il m essag gio. N on su per are le d ue o tr e fr asi. Scuola dell Infanzia Monumento ai caduti Via Trento Trieste 16 31059 ZERO BRANCO tel e fax 0422.97032 e-mail: scuolainfanziazero@libero.it

Dettagli

Fondazione Istituto di Formazione Culturale Sant Anna

Fondazione Istituto di Formazione Culturale Sant Anna Fondazione Istituto di Formazione Culturale Sant Anna Perugia Viale Roma, 15 tel. e fax 075 5724328 cell. 329 2933602 email: presidenza@istitutosantanna.com web: www.istitutosantanna.com Perugia, 23 marzo

Dettagli

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE

Un progetto per l autonomia l giovani: PERCHE Un progetto per l autonomia l dei giovani: PERCHE I giovani sono coinvolti da alcuni cambiamenti dovuti sia a fattori socio economici che culturali: Il prolungamento della gioventù Il ritardo nell accesso

Dettagli

LINEE D INDIRIZZO REGIONALE PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO - EDIZIONE 2011 -

LINEE D INDIRIZZO REGIONALE PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO - EDIZIONE 2011 - LINEE D INDIRIZZO REGIONALE PROGETTO ETA LIBERA INVECCHIAMENTO ATTIVO - EDIZIONE 2011 - 1. AZIONI DI PROTEZIONE delle persone anziane con fragilità fisiche e sociali: Azione 1.1 Consolidamento del Call

Dettagli

Protocollo per l accoglienza alle scuole dell infanzia dell I.C. di Bariano ( Criteri e punteggi per la compilazione delle liste d attesa )

Protocollo per l accoglienza alle scuole dell infanzia dell I.C. di Bariano ( Criteri e punteggi per la compilazione delle liste d attesa ) APPENDICE E Protocollo per l accoglienza alle scuole dell infanzia dell I.C. di Bariano ( Criteri e punteggi per la compilazione delle liste d attesa ) NORME GENERALI Le iscrizioni alle scuole dell infanzia

Dettagli

Contratto di Quartiere L. 662/96 L. 449/97. Quartiere Navile. Zona Pescarola Beverara

Contratto di Quartiere L. 662/96 L. 449/97. Quartiere Navile. Zona Pescarola Beverara Comune di Bologna Quartiere Navile Contratto di Quartiere L. 662/96 L. 449/97 Quartiere Navile Zona Pescarola Beverara La presenza di una elevata percentuale di anziani in età avanzata, di un numero sempre

Dettagli

VADEMECUM 2012-2013. Pagina 1 di 19

VADEMECUM 2012-2013. Pagina 1 di 19 VADEMECUM 2012-2013 Pagina 1 di 19 Da compilare e inviare alla Federazione BDS (Annuali) Iscrizione federazione BDS nuovo / rinnovo ( validità anno solare); Modulo adesione Donacibo (Convenzione) Modulo

Dettagli

Assessore alle politiche per il il Benessere dei Cittadini. Simona Benedetti

Assessore alle politiche per il il Benessere dei Cittadini. Simona Benedetti Assessore alle politiche per il il Benessere dei Cittadini Simona Benedetti Persone Persone assistite assistite In aumento anziani, famiglie e minori seguiti Anno 2007 2008 2009 2010 Anziani 1475 1718

Dettagli

FONDAZIONE ACCENDI LA SPERANZA

FONDAZIONE ACCENDI LA SPERANZA onlus FONDAZIONE ACCENDI LA SPERANZA La Fondazione Accendi la Speranza onlus è nata il 25 ottobre 2011, grazie al grande desiderio dei Fondatori di concretizzare la solidarietà e l aiuto verso chi non

Dettagli

CERNUSCO SUL NAVIGLIO

CERNUSCO SUL NAVIGLIO 1 Area: Servizi al Cittadino Settore: Servizi Sociali Ufficio: Piano di Zona FONDO SOCIALE REGIONALE 2014 - CRITERI DI RIPARTO APPROVATI CON DELIBERA DELL ASSEMBLEA DEI SINDACI DEL 01.10.2014. DOCUMENTO

Dettagli

COMUNE DI SCARPERIA E SAN PIERO Provincia di Firenze Settore I Servizi Amministrativi Ufficio Istruzione

COMUNE DI SCARPERIA E SAN PIERO Provincia di Firenze Settore I Servizi Amministrativi Ufficio Istruzione BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 36 POSTI NEI SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA (12 36 mesi) ANNO 2014/2015 IL RESPONSABILE DEL SETTORE I^ PREMESSO che: - con Legge Regionale 22 novembre 2013, n. 67

Dettagli

SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO

SCUOLE DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO MINISTERO ISTRUZIONE UNIVERSITÀ RICERCA DIREZIONE REGIONALE TOSCANA UFFICIO TERRITORIALE DI AREZZO ISTITUTO COMPRENSIVO DI SCUOLA MATERNA ELEMENTARE MEDIA DI CIVITELLA IN VAL DI CHIANA INFORMAZIONI ESSENZIALI

Dettagli

SALVAGUARDARE I SERVIZI SOCIALI

SALVAGUARDARE I SERVIZI SOCIALI Martedì 12 Aprile 2016 - ore 20.45 presso il Centro Sociale La Villa - Baricella Mandato Politico-Amministrativo 2014-2019 Obiettivo SALVAGUARDARE I SERVIZI SOCIALI Mantenimento dell attuale livello dei

Dettagli

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA

PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PROGETTO SCUOLA SPORT E DISABILITA UN OCCASIONE DI INCONTRO E CRESCITA PRESENTAZIONE Il presente progetto costituisce un iniziativa volta a promuovere un percorso di crescita dei ragazzi nel confronto,

Dettagli

Istituto Comprensivo "Alfredo Sassi" Scuola dell Infanzia

Istituto Comprensivo Alfredo Sassi Scuola dell Infanzia Istituto Comprensivo "Alfredo Sassi" Renate Veduggio - Briosco Scuola dell Infanzia Anno scolastico 2014/15 RACCONTO LA MIA SCUOLA PRESENTAZIONE La scuola dell infanzia dell Istituto Comprensivo di Renate

Dettagli

Progetto estate 2016 Per minori con disabilità

Progetto estate 2016 Per minori con disabilità Progetto estate 2016 Per minori con disabilità Fobap Onlus, forte della convinzione che il tempo libero rappresenti qualcosa di determinante nella vita quotidiana di ogni persona, propone per il terzo

Dettagli

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione

Carta dei Servizi. Chi Siamo. Che cosa facciamo. Cooperazione allo Sviluppo. Come Lavoriamo. Dove Siamo. Centro Studi e Formazione Carta dei Servizi Chi Siamo Che cosa facciamo Come Lavoriamo Dove Siamo Cooperazione allo Sviluppo Centro Studi e Formazione Adozione Internazionale Emissione Gennaio 2013 Sez.III - 1 /9 Indice Indice...

Dettagli