Università degli Studi di Napoli Federico II

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Università degli Studi di Napoli Federico II"

Transcript

1 Università degli Studi di Napoli Federico II Scuola Politecnica e delle Scienze di Base Area Didattica Scienze MM.FF.NN. Corso di Laurea in Informatica Tesi sperimentale di Laurea Triennale Sviluppo di un Sistema di Cloud Computing Federato con supporto per la contestualizzazione Relatori Candidato Prof. Guido Russo Davide Michelino Dr. Silvio Pardi matr. 566/2723 Anno Accademico

2 Indice generale 1 Introduzione Virtualizzazione Cenni storici Le tecnologie di virtualizzazione KVM Il Cloud Computing I modelli implementativi I modelli di servizio Il paradigma IaaS La virtualizzazione della piattaforma PaaS Il concetto di Software as a Service SaaS Lo Storage nel modello IaaS L'object storage Il block storage Il File storage OpenStack OpenStack Compute (Nova) OpenStack Object Storage (Swift) OpenStack Image Service (Glance) OpenStack Identity (Keystone) OpenStack Networking (Nova-network) OpenStack Block Storage (Nova-volume)...32 Davide Michelino 566/2723 Pagina 2 di 108

3 4.7 OpenStack Dashboard (Horizon) Le Cloud Federate Il Problema della Contestualizzazione Implementazione di una strategia di contestualizzazione nelle cloud Federate L'ambiente di lavoro Implementazione di OpenStack Advanced Messaging Queuing protocol Il Keystone e le utenze Il Networking Interfacce OCCI Integrazione dell'infrastruttura IaaS nel sistema federato tramite KeyStone voms compatibile Design di una strategia di contestualizzazione tramite cloud-init La sintassi di cloud-config Testing Observium Preparazione dell'immagine Configurazione di Observium Il caso d'uso di contestualizzazione di Observium Appendice Configurazioni Nova Nova.conf (nova-controller01) nova-conf (cloud-computexx) api-paste.conf (cloud-controller01)...65 Davide Michelino 566/2723 Pagina 3 di 108

4 9.1.4 dns-masq.conf (nova-controller01) policy.json (nova-controller01) Configurazione Glance glance-api.conf (nova-controller01) glance-cache.conf glance-api-paste.ini (cloud-controller01) glance-registry.conf (cloud-controller01) glance-registry-paste.ini (cloud-controller01) policy.json (cloud-controller01) Configurazione Keystone default_catalog.templates (cloud-controller01) keystone.conf (cloud-controller01) policy.json (cloud-controller01) Horizon local_settings (cloud-controller01) nova-volume targets.conf (cloud-volume01) Keystone federato (supporto VOMS) httpd-keystone-voms.conf (apache) Bibliografia Link Davide Michelino 566/2723 Pagina 4 di 108

5 Indice delle illustrazioni Illustrazione 1: Full Virtualization Hypervisors...11 Illustrazione 2: Cloud Computing...14 Illustrazione 3: Modelli Implementativi...15 Illustrazione 4: Lo Storage nel modello IaaS...20 Illustrazione 5: Schema concettuale di OpenStack...24 Illustrazione 6: OpenStack Object Storage...25 Illustrazione 7: Architettura di Swift...26 Illustrazione 8: Uno scenario di utenza multi-tenant...28 Illustrazione 9: Autenticazione sul Keystone utilizzando una coppia usernamepassword...30 Illustrazione 10: Un'implementazione di nova-network (FlatDHCPManager)...31 Illustrazione 11: Un'implementazione di nova-network (VlanManager multi-tenant)...32 Illustrazione 12: OpenStack Dashboard (Lista Immagini)...36 Illustrazione 13: OpenStack Dashboard (Elenco Istanze)...37 Illustrazione 14: Esempio di Organizzazione Virtuale (VO)...38 Illustrazione 15: Schema logico dell'implementazione di OpenStack...43 Illustrazione 16: Un Server DELL PowerEdge U...43 Illustrazione 17: Un cestello Blade Dell PowerEdge 1955 con 10 server Blade...44 Illustrazione 18: Un server HP ProLiant DL100 G2 e un box da 12 hard disk...44 Illustrazione 19: Schema fisico dell'implementazione di OpenStack...45 Illustrazione 20: Come comunicano i servizi di OpenStack...52 Illustrazione 21: Schema dello scambio di un messaggio...52 Illustrazione 22: RabbitMQ: Direct Exchange...53 Illustrazione 23: RabbitMQ: Fanout Exchange...53 Davide Michelino 566/2723 Pagina 5 di 108

6 Illustrazione 24: RabbitMQ: Topic Exchange...53 Illustrazione 25: Schema di una chiamata rpc.call...54 Illustrazione 26: Schema di una chiamata rpc.cast...54 Illustrazione 27: Keystone: tenant-list...55 Illustrazione 28: Keystone: user-list...55 Illustrazione 29: Keystone: user-role-list...56 Illustrazione 30: Nova: network-list...56 Illustrazione 31: Schema del funzionamento delle OCCI...58 Illustrazione 32: Autenticazione sul Keystone utilizzando un certificato X Illustrazione 33: Observium in esecuzione durante il caso d'uso descritto...69 Davide Michelino 566/2723 Pagina 6 di 108

7 1 Introduzione L'obiettivo di questo lavoro di tesi è la valutazione di una piattaforma per la creazione di un'infrastruttura di Cloud Computing di tipo IaaS per l'utilizzo di risorse hardware e software distribuite e virtualizzate, che possa affiancare l'attuale struttura di Grid computing. Nello specifico si è sperimentato il middleware OpenStack inserendolo all'interno di un contesto di tipo Virtual Organization permettendo la condivisione e l'uso razionale di risorse tra diverse comunità scientifiche tramite un sistema di autenticazione federata. Inoltre sono state sperimentate tecniche di contestualizzazione per la generazione di macchine virtuali personalizzate in base alle specifiche esigenze, già pronte e configurate alla prima esecuzione. L'installazione di test è stata effettuata nel datacenter dell'infn di Napoli, utilizzando 12 macchine fisiche, delle quali 10 sono state dedicate al calcolo computazionale, una ai servizi di storage e l'ultima per l'esecuzione di tutti i servizi necessari alla gestione della piattaforma di cloud computing. Per la gestione delle risorse virtuali si è deciso di utilizzare l'hypervisor KVM per il bassissimo overhead generato e le sue alte prestazioni, che garantiscono un'ottima implementazione di una Full Virtualization. Il presente lavoro di tesi analizza tutte le tecnologie sulle quali si basa un'infrastruttura di cloud computing. Partendo dal concetto di virtualizzazione verrà fatta una panoramica di quali tecniche permettono l'astrazione di un pool risorse fisiche in risorse logiche, che possono poi essere raggruppate in macchine virtuali; verrà spiegato che ruolo assumono gli hypervisor in quest'ambito e quali sono le tecniche implementative per la loro realizzazione, con un particolare sguardo ai principali vantaggi e svantaggi delle varie architetture di hypervisor. Successivamente verrà chiarito il concetto di Cloud Computing e che ruolo assume nell'attuale panorama del calcolo parallelo e distribuito con i necessari paragoni al Davide Michelino 566/2723 Pagina 7 di 108

8 grid computing; verranno descritti i vari modelli implementativi di una piattaforma di cloud computing, chiarendo i concetti di Public, Private, Community e Hybrid Cloud. Verranno poi analizzati i differenti modelli di servizio approfondendo le astrazioni che mettono a disposizione e le relazioni che esistono tra i modelli Infrastructure as a Service, Platform as a Service e Software as a Service, con particolare attenzione al modello di più basso livello IaaS e come si affianca alle implementazioni di storage distribuito (Object, Block e File Storage). Chiariti i concetti basilari che stanno alla base di una infrastruttura di Cloud Computing, verrà descritta la piattaforma OpenStack, software per l'implementazione di un'infrastruttura di tipo IaaS, descrivendone le esigenze che hanno contribuito alla creazione di tale progetto e come è strutturato l'intero software; verranno poi descritti tutti i servizi principali che compongono OpenStack: Compute Service, Object Storage, Block Storage, Image Service, Identity Service e la Dashboard. Dopo aver illustrato come è strutturato OpenStack, verranno descritti quali sono gli obiettivi e le esigenze di un sistema di cloud computing federato, l'utilità di condividere le risorse nell'ambito di una Virtual Organization e verrà descritto il progetto che ha dato vita alla Federated Cloud Task Force, gruppo coordinato dall'european Grid Infrastructure con l'obiettivo di creare un sistema di Cloud Computing federato nell'ambito della comunità scientifica europea. Verrà chiarito cosa si intende quando si parla di contestualizzazione nell'ambito di una macchina virtuale e quali metodi esistono per implementare tale tecnica. Nella parte finale del lavoro di tesi verrà descritto come è stata implementata l'infrastruttura di cloud computing, quali software e hardware sono stati utilizzati e come si è arrivati a mettere su un'infrastruttura di tipo Infrastructure as a Service federata con il supporto della contestualizzazione; verrà analizzato come funziona un sistema IaaS implementato con OpenStack, dettagliando e descrivendo le scelte implementative, dalla scelta del software per la gestione delle code dei messaggi, alla descrizione della topologia di rete dell'intera infrastruttura. Verrà prestata Davide Michelino 566/2723 Pagina 8 di 108

9 particole attenzione ai moduli utilizzati per implementare l'autenticazione federata e i software utilizzati per realizzare la contestualizzazione. Nell'ambito di un'infrastruttura IaaS in un contesto federato verrà analizzata l'esigenza di strumenti interoperabili, ovvero che possano comunicare con qualsiasi tipo di infrastruttura IaaS, indipendentemente dai software utilizzati; a tale scopo verrà presentata l'interfaccia OCCI (Open Cloud Computing Interface), descrivendone le origini, le sue funzioni e la sua implementazione e integrazione in OpenStack. Infine verrà descritto un caso d'uso sviluppato al fine di testare le tecniche di contestualizzazione nell'infrastruttura IaaS, dettagliando tutti i passi necessari per creare da zero un'immagine di un disco virtuale adatta ad essere eseguita su OpenStack sfruttando tutte le peculiarità di una piattaforma di Cloud Computing. Davide Michelino 566/2723 Pagina 9 di 108

10 2 Virtualizzazione 2.1 Cenni storici Con l'avvento di nuove tecnologie e l'aumento di anno in anno della potenza computazionale a disposizione di singole CPU, sin dalla metà degli anni '60 si è sentita l'esigenza di sperimentare tecniche che permettessero l'utilizzo efficiente della potenza di calcolo a disposizione. La necessità, spesso per adempiere a misure di sicurezza, di eseguire una singola applicazione su un'intera macchina, ha come conseguenza il suo sottoutilizzo sprecando risorse anche in quantità rilevante. La virtualizzazione delle risorse di una macchina è una delle tecniche che ottimizza il suo utilizzo, permettendo l'esecuzione di più sistemi operativi su un singolo elaboratore, ciascuno in un ambiente altamente isolato. Uno dei primi sistemi nell'ambito mainframe ad implementare una completa virtualizzazione fu il CP-40 della IBM rilasciato nel 1967, il sistema era capace di eseguire più istanze in contemporanea del sistema operativo CP/CMS. Per i decenni successivi la virtualizzazione fu appannaggio di sistemi mainframe e di cpu costruite ad hoc per tale scopo, in quanto processori basati su architetture general purpose come quelle x86 non offrivano la possibilità di eseguire istruzioni virtualizzate e l'implementazione software di tali istruzioni risultava computazionalmente dispendiosa. Nel 1999 VMWare rilascia il primo software in grado di gestire la virtualizzazione effettuata via software su architetture x86 con un overhead accettabile; nel 2003 invece nasce Xen, uno dei più influenti progetti nell'ambito del Software Libero. A seguito del crescente aumento dell'attenzione nell'informatica rispetto alla virtualizzazione, Intel decide di estendere il set di istruzioni dei propri processori x86, includendo delle istruzioni dedicate alla virtualizzazione: nel 2005 integra Davide Michelino 566/2723 Pagina 10 di 108

11 l'estensione Intel Virtualization Technology (IVT) sulle architetture IA-32 e EM64T; parallelamente AMD sviluppa ed integra le proprie istruzioni dedicate alla virtualizzazione sui processori da essa prodotti, denominando l'estensione AMD Virtualization (AMD-V), disponibili sia su architetture a 32bit che a 64bit. 2.2 Le tecnologie di virtualizzazione L'obiettivo delle tecnologie di virtualizzazione è astrarre tutte le componenti hardware di una macchina fisica al fine di renderle disponibili come risorse logiche a diverse istanze di sistemi operativi eseguiti parallelamente. La gestione dell'hardware e quindi delle relative componenti virtualizzate è demandata ad uno strato software chiamato Hypervisor posizionato ad uno dei livelli più bassi della pila delle componenti che formano un sistema virtualizzato. L'Hypervisor viene eseguito su una macchina fisica denominata host e il suo ruolo principale è intercettare e tradurre le chiamate di sistema effettuate dai sistemi operativi ospiti (guest), affinché vengano correttamente eseguite dalla CPU anche nel caso in cui esistano più guest in esecuzione in maniera concorrente. Esistono differenti implementazioni degli hypervisor, categorizzate a seconda della tipologia di virtualizzazione che rispettivamente gestiscono: 1. Full Virtualization: è la tipologia di virtualizzazione che permette ai sistemi Davide Michelino 566/2723 Pagina 11 di 108

12 operativi guest di essere eseguiti senza essere a conoscenza di trovarsi, in realtà, in un ambiente virtualizzato. Con questa tipologia di virtualizzazione, qualunque sistema operativo che funzionerebbe sull'hardware host, funzionerà nell'ambiente virtualizzato e sarà compito dell'hypervisor gestire e allocare le risorse ai singoli guest, fornendo una rappresentazione logica di tutte le periferiche e le componenti hardware. Questa tipologia di hypervisor può essere implementata in due modalità differenti: a) Native, chiamata anche Type 1 è l'implementazione dell'hypervisor direttamente sull'hardware host; è l'implementazione che offre le migliori prestazioni in quanto, permette ai guest di trovarsi solo un livello sopra l'hypervisor. Esempi di questo hypervisor sono VMWare ESX, Xen e KVM. b) Hosted, chiamata anche Type 2 è l'implementazione dell'hypervisor su un sistema operativo preesistente. In questa implementazione l'hypervisor per funzionare si basa sulle risorse messe a disposizione dal sistema operativo in esecuzione. Esempi di questo hypervisor sono VirtualBox e VMWare Server. 2. Para Virtualization: è la tipologia di virtualizzazione che necessita che il sistema operativo guest sia modificato in maniera opportuna. In tale tipologia l'hypervisor mette a disposizione ai sistemi operativi guest un'interfaccia software con la quale le macchine virtuali comunicano, utilizzando specifiche chiamate di sistema. Grazie a questa tecnica le macchine virtuali possono delegare l'hypervisor a eseguire determinate operazioni direttamente sull'hardware, evitando di eseguirle in un contesto virtuale, computazionalmente più costoso. Un esempio di questo hypervisor è Xen. 3. Virtualizzazione a livello di Sistema Operativo: tipologia che si distacca molto dalla precedenti, nella quale non viene implementato un vero e proprio hypervisor, ma il kernel del Sistema Operativo offre la possibilità di generare contesti multipli in user-space, altamente isolati fra di loro. Questo tipo di Davide Michelino 566/2723 Pagina 12 di 108

13 virtualizzazione non crea quasi alcun overhead, non dovendo virtualizzare alcun componente; ma è poco flessibile, in quanto tutte le istanze gireranno utilizzando il medesimo kernel. Esempi di tale tipologia di virtualizzazione sono, il meccanismo Linux-V Server incluso nel kernel Linux e OpenVZ KVM La schematizzazione spiegata nel paragrafo precedente, permette di definire a grandi linee il funzionamento degli hypervisor, ma non sempre è possibile associare un determinato hypervisor entro i confini di una singola categoria. Un esempio pratico è rappresentato da KVM (Kernel-based Virtual Machine) che è nato come modulo del kernel Linux e quindi, per quanto sia implementato come un hypervisor Type 1 necessita di un sistema operativo Linux-based per essere utilizzato, entrando nei confini della categoria Type 2. Per funzionare KVM utilizza un set di istruzioni aggiuntivo delle CPU x86 ma esistono versioni modificate per fornire servizi di virtualizzazione anche su architetture differenti, come i processori ARM, utilizzando tecniche simili alla paravirtualizzazione di XEN. Esistono inoltre porting del modulo di Linux anche per altri kernel e sistemi operativi Unix-like come FreeBSD e illumos. Davide Michelino 566/2723 Pagina 13 di 108

14 3 Il Cloud Computing Il termine Cloud Computing indica un insieme di tecniche e tecnologie informatiche che permettono l'accesso, tramite una rete, a risorse computazionali, siano esse di calcolo o di archiviazione; in genere tali risorse fanno parte di una rete eterogenea distribuita e messe a disposizione tramite tecniche di virtualizzazione. Lo scopo ultimo del Cloud Computing è astrarre tutta l'infrastruttura, sia di rete che degli elaboratori, esponendo pubblicamente delle API (Application Programming Interface), che si occuperanno di comunicare con i servizi che effettivamente orchestrano e gestiscono il cloud. Davide Michelino 566/2723 Pagina 14 di 108

15 3.1 I modelli implementativi L'insieme di risorse che costituiscono l'infrastruttura di Cloud Computing, possono essere messe a disposizione a diverse tipologie di utilizzatori e secondo diverse modalità di utilizzo, a seconda di tali caratteristiche si possono stabilire quattro differenti modelli implementativi di Cloud Computing: quale le risorse (come ad esempio intere macchine virtuali) o i servizi offerti (come ad esempio dello spazio di archiviazione), vengono resi disponibili pubblicamente su una rete (in genere su Internet) e il provider decide se l'accesso a tali risorse deve essere gratuito o è necessaria una sottoscrizione a pagamento. 2. Private Cloud: in questa implementazione di Cloud Computing un'intera infrastruttura viene fornita ad una singola organizzazione, che utilizzerà le risorse a disposizione secondo le proprie necessità. L'hardware necessario può risiedere all'interno della struttura dell'organizzazione o presso un provider esterno. Davide Michelino 566/2723 Pagina 15 di 108

16 3. Community Cloud: in questa implementazione di Cloud Computing, un'intera infrastruttura viene fornita ad una comunità formata da diverse organizzazioni che condividono obbiettivi o progetti, potendo utilizzare ognuno le risorse a disposizioni del cloud a seconda delle necessità. In questa implementazione la gestione dell'infrastruttura può essere delegata ad una o più delle organizzazioni o un terzo che si fa carico della manutenzione. 4. Hybrid Cloud: E' la composizione di due o più delle implementazioni di public, private o community Cloud, aumenta la flessibilità dell'intera infrastruttura utilizzando le peculiarità di ognuna di esse. Un esempio potrebbe essere l'utilizzo di una private cloud per l'esecuzione di un'applicazione, con il supporto delle risorse di una public cloud quando servono risorse aggiuntive; o semplicemente l'utilizzo di due private cloud messe in comunicazione tra loro. Davide Michelino 566/2723 Pagina 16 di 108

17 3.2 I modelli di servizio A seconda del livello di astrazione e dagli obiettivi che si desidera raggiungere nell'implementazione dell'infrastruttura, sono stati definiti diversi modelli architetturali, denominati modelli di servizio (service models). I tre principali modelli di servizio sono Infrastrucure as a Service (Iaas), Platform as a Service (PaaS) e Software as a Service (SaaS), dove IaaS rappresenta il livello di base e i livelli più alti si fondano sulle astrazioni fornite dai livelli sottostanti Il paradigma IaaS E' il modello di servizio basilare di un'infrastruttura di Cloud Computing, secondo il paradigma IaaS una o più macchine fisiche forniscono risorse computazionali all'infrastruttura di Cloud, formando un pool di macchine virtualizzate. In genere il Davide Michelino 566/2723 Pagina 17 di 108

18 fornitore di Cloud, mette a disposizione le risorse utilizzando un middleware che che si occuperà di gestirle e orchestrarle; mentre l'utilizzatore tramite delle interfacce, usufruirà delle risorse di cui necessita, creando la propria infrastruttura. Le risorse messe a disposizione dal fornitore sono prevalentemente risorse computazionali (computing) e di archiviazione (storage). I componenti principali che in genere formano un middleware per il paradigma IaaS sono: 1. Un servizio di Computing, che poggiandosi su un hypervisor, gestisce le risorse computazionali (CPU e RAM) allocate. 2. Un servizio di Networking, che gestisce e crea le interfacce di rete sulle singole macchine virtuali, il routing, l'eventuale nat da effettuare sulle connessioni e le vlan per configurazioni di networking più avanzate. 3. Un servizio di Storage per la gestione dello spazio di archiviazione. 4. Un servizio di API che fornisce le interfacce con le quali si comunica e si impartiscono comandi a tutta l'infrastruttura di cloud computing, in genere queste API sono di tipo RESTful su protocollo http(s). 5. Un servizio di Authentication, accounting e authorization che gestisce le utenze e i sistemi di autenticazione, assegnando specifici privilegi a singoli utenti o gruppi di utenti; curando quindi le politiche di accesso alle risorse. 6. Un servizio di Message queue che si occupa della gestione della coda dei messaggi che i singoli servizi si inviano per comunicare tra loro. 7. Un servizio di Metadata che si occupa della gestione delle informazioni che il middleware utilizza per tenere traccia delle risorse assegnate. 8. Un servizio di Image che si occupa della gestione delle immagini dei sistemi operativi che possono essere eseguiti sull'infrastruttura di Cloud Computing. Davide Michelino 566/2723 Pagina 18 di 108

19 3.2.2 La virtualizzazione della piattaforma PaaS Il modello di servizio Platform as a Service si posiziona ad un livello più alto di IaaS: sfruttando le astrazioni che quest'ultimo modello mette a disposizione, rende invisibile all'utilizzatore tutto quello che si trova al livello più basso. Il fornitore di servizi PaaS, mette a disposizione la possibilità di eseguire sulla propria infrastruttura Sistemi Operativi con relativi ambienti di sviluppo o applicativi già pronti, sgravando l'onere all'utilizzatore di preoccuparsi di quante risorse la propria piattaforma necessita. Sarà compito infatti dei servizi a livello più basso scalare l'infrastruttura a seconda delle effettive risorse che necessita la piattaforma in esecuzione Il concetto di Software as a Service SaaS Il modello Software as a Service astrae ulteriormente tutto quello che si trova sotto il livello dell'applicazione: il fornitore del servizio offre un piccolo client che permette di accedere all'applicazione, in genere accessibile addirittura da un web browser. L'utilizzatore accederà all'applicazione senza sapere che piattaforma, sistema operativo o librerie sono necessarie per l'esecuzione del software, né dovrà tener conto delle risorse computazionali necessarie per far funzionare l'applicazione, in quanto spetterà ai livelli sottostanti gestire e allocare le piattaforme e le risorse necessarie alla sua corretta esecuzione. In questo modo, sarà così possibile accedere alla propria applicazione da qualunque client capace di comunicare con la piattaforma di Cloud Computing. Davide Michelino 566/2723 Pagina 19 di 108

20 3.3 Lo Storage nel modello IaaS L'archiviazione e l'accesso ai dati rappresenta uno degli elementi critici di un'architettura di Cloud Computing secondo il modello Infrastracure as a Serivice. A seconda delle necessità si utilizzano diverse tipologie di storage e implementazioni di accesso ai dati, che possono essere suddivise in tre categorie principale: l'object storage, il block storage e il file storage L'object storage L'object storage è uno delle implementazioni tipiche nell'ambito del Cloud Computing. E' un modello strutturato per riuscire ad creare un sistema di storage replicato, distribuito e duttile a partire da apparati di archiviazione a basso costo. Il layer software che gestisce un object storage implementa da una parte, la gestione di un pool di device in maniera tale che possa essere esteso in qualunque momento, mantenendo l'integrità della replicazione dei dati e la proporzionalità del livello di distribuzione; mentre dall'altra parte implementa un'interfaccia per l'accesso ai file che astrae completamente i file system e nasconde la complessità architetturale del sistema. Davide Michelino 566/2723 Pagina 20 di 108

21 Nella tipica implementazione di object storage, il software rappresenta ogni singolo file come un oggetto, esponendoli tramite un'interfaccia RESTful su protocollo http(s) e sfrutta un servizio di authentication, accounting e authorization per gestire le credenziali e i permessi degli utenti e dei singoli servizi che necessitano accedere allo storage. Grazie alle caratteristiche che presenta, l'object storage si presta particolarmente per l'archiviazione delle immagini delle macchine virtuali e per l'implementazione di servizi di cdn (Content Delivery Network) Il block storage Il block storage è l'implementazione che permette di creare dischi virtuali da legare alle singole macchine virtuali. Questa tipologia di storage permette di estendere la quantità di spazio di archiviazione che le macchine virtuali nell'infrastruttura di cloud computing hanno a disposizione, legando un numero arbitrario di dischi, secondo le specifiche necessità. Nelle classica implementazione di block storage, il software si occupa di creare un device logico a partire da risorse fisiche di storage a disposizione, che verrà visto dal sistema operativo come un classico dispositivo a blocchi e messo a disposizione utilizzando protocolli come iscsi o FibreChannel; sarà compito poi di chi amministra il sistema creare e gestire il file system del dispositivo a blocchi montato Il File storage Il file storage è il modello di uno storage di rete accessibile contemporaneamente da più postazioni; si può implementare sia utilizzando i classici file system distribuiti come NFS o CIFS, sia utilizzando software nati per lavorare in ambienti altamente distribuiti come GlusterFS. Davide Michelino 566/2723 Pagina 21 di 108

22 4 OpenStack OpenStack è un progetto che permette di implementare una infrastruttura di Cloud Computing secondo il modello di servizio Infrastracure as a Service. Il progetto è interamente rilasciato sotto i termini della licenza libera Apache License e viene attualmente mantenuto e supportato dalla OpenStack Foundation, un'entità no profit fondata nel settembre del Dalla nascita di OpenStack nel Luglio 2010 su iniziativa di Rackspace Hosting e della NASA, più di 150 aziende hanno contribuito al suo sviluppo, facendolo diventare uno dei progetti più influenti nel panorama del Cloud Computing. Il progetto viene concepito con il proposito di creare uno standard aperto a partire da una visione condivisa sulla filosofia circa le architetture di cloud computing e lo sviluppo comunitario e aperto. Tutto il software è sviluppato in Python seguendo un'architettura di tipo modulare, dove ogni componente è un software indipendente, sviluppato secondo le linee guida definite dalla OpenStack Foundation. Alcuni dei componenti erano software già esistenti precedentemente, che sono stati poi adattati e riscritti secondo le linee guide definite, per essere integrati in OpenStack. Tutti i moduli coprono i servizi principali che un'infrastruttura di tipo IaaS deve offrire, infatti attualmente l'intero progetto è formato da numerosi componenti che verranno dettagliati nei capitoli a seguire. Davide Michelino 566/2723 Pagina 22 di 108

23 Illustrazione 5: Schema concettuale di OpenStack 4.1 OpenStack Compute (Nova) OpenStack Compute è il servizio di OpenStack che permette di eseguire istanze multiple di macchine virtuali su tutti gli host che eseguono il servizio novacompute. Nova rappresenta uno dei servizi principali di un'architettura IaaS, e si occupa di allocare e di tener traccia delle risorse utilizzate e disponibili su tutta l'infrastruttura di cloud computing, indipendentemente dall'hypervisor che è in esecuzione al livello sottostante. Nella pratica quando nella coda dei messaggi arriva una richiesta di istanziazione di una macchina virtuale, nova si occuperà di comunicare con l'hypervisor, ordinandogli di allocare le risorse necessarie; analogamente funziona il meccanismo di rilascio delle risorse e la distruzione di una macchina virtuale. Nova nasce come progetto dei laboratori di ricerca della NASA, fu concepito con l'obiettivo di realizzare un software altamente scalabile, capace di supportare carichi di lavoro elevati, sviluppato seguendo un'architettura che fosse capace di continuare Davide Michelino 566/2723 Pagina 23 di 108

24 a funzionare in caso di errori e che seguisse un'implementazione conforme agli standard aperti, in modo che fosse interoperabile con differenti API. 4.2 OpenStack Object Storage (Swift) OpenStack Object Storage (Swift) è un servizio di OpenStack che fornisce una soluzione altamente scalabile e ridondante per l'archiviazione di file. Le componenti fondamentali di un'implementazione di Swift sono gli Object Server, ovvero le macchine che sono dedicate all'effettivo immagazzinamento dei dati, i quali verranno conservati in formato binario con dei metadati associati utilizzando gli attributi xattrs; questo necessita quindi l'utilizzo di un filesystem che supporta le estensioni xattrs, come ad esempio, ext3 o ext4. Ogni oggetto viene memorizzato utilizzando un path derivato dall'hash del file e dal timestamp dell'operazione, così da assicurare che verrà servita sempre l'ultima versione disponibile. Per assicurare Davide Michelino 566/2723 Pagina 24 di 108

Una rassegna dei sistemi operativi per il Cloud Computing

Una rassegna dei sistemi operativi per il Cloud Computing Alma Mater Studiorum Università di Bologna SCUOLA DI SCIENZE Corso di Laurea in Informatica Una rassegna dei sistemi operativi per il Cloud Computing Tesi di Laurea in Reti di Calcolatori Relatore: Chiar.mo

Dettagli

Virtualizzazione. Orazio Battaglia

Virtualizzazione. Orazio Battaglia Virtualizzazione Orazio Battaglia Definizione di virtualizzazione In informatica il termine virtualizzazione si riferisce alla possibilità di astrarre le componenti hardware, cioè fisiche, degli elaboratori

Dettagli

Cloud Computing e OpenStack. Daniela Loreti, Ph.D. Student Dipartimento di Informatica Scienze e Ingegneria (DISI) daniela.loreti@unibo.

Cloud Computing e OpenStack. Daniela Loreti, Ph.D. Student Dipartimento di Informatica Scienze e Ingegneria (DISI) daniela.loreti@unibo. Cloud Computing e OpenStack Daniela Loreti, Ph.D. Student Dipartimento di Informatica Scienze e Ingegneria (DISI) daniela.loreti@unibo.it 1 Cos è il Cloud Computing Paradigma computazionale che racchiude

Dettagli

Progetto per la realizzazione di una Cloud per l'area Padovana

Progetto per la realizzazione di una Cloud per l'area Padovana Progetto per la realizzazione di una Cloud per l'area Padovana Versione 0.3.2 14 Ottobre 2013 Introduzione Il modello di calcolo basato su paradigma GRID si e' rivelato di grande successo perche' ha permesso

Dettagli

Virtualizzazione con KVM. Reggio Emilia - Linux Day 2014 Stefano Strozzi KVM

Virtualizzazione con KVM. Reggio Emilia - Linux Day 2014 Stefano Strozzi KVM Virtualizzazione con KVM Considerazioni Legge di Gordon Moore (co-fondatore di Intel): «Le prestazioni dei processori, e il numero di transistor ad esso relativo, raddoppiano ogni 18 mesi.» http://it.wikipedia.org/wiki/legge_di_moore

Dettagli

Piattaforme di cloud computing open source: la proposta OpenStack

Piattaforme di cloud computing open source: la proposta OpenStack Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica Elaborato finale in Reti di Calcolatori Piattaforme di cloud computing open source: la proposta OpenStack Anno Accademico 2011/2012 Candidato:

Dettagli

MAGO CRESCO - SPI.2. Relazione finale sul Progetto MAGO. Consorzio Campano di Ricerca per l Informatica e l Automazione Industriale S.c.a.r.l.

MAGO CRESCO - SPI.2. Relazione finale sul Progetto MAGO. Consorzio Campano di Ricerca per l Informatica e l Automazione Industriale S.c.a.r.l. CRESCO - SPI.2 MAGO Relazione finale sul Progetto MAGO Relativo al contratto tra ENEA e CRIAI avente per oggetto: Analisi e Realizzazione di tool innovativi a supporto delle funzionalità GRID stipulato

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTÀ DI INGEGNERIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTÀ DI INGEGNERIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FIRENZE FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Sistemi Operativi Prof. Stefano Berretti SEMINARIO: VIRTUALIZZAZIONE DI INFRASTRUTTURE INFORMATICHE a cura di: Nicola Fusari A.A. 2012/2013

Dettagli

Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata

Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata Manuale Servizi di Virtualizzazione e Porta di Accesso Virtualizzata COD. PROD. D.6.3 1 Indice Considerazioni sulla virtualizzazione... 3 Vantaggi della virtualizzazione:... 3 Piattaforma di virtualizzazione...

Dettagli

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale

MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale MCloud.Gov l infrastruttura SaaS per la Pubblica Amministrazione locale 1. Livello infrastrutturale Il Cloud, inteso come un ampio insieme di risorse e servizi fruibili da Internet che possono essere dinamicamente

Dettagli

D2.1 Documento finale sull'analisi delle varie soluzioni che giustifichi la tipologia di Cloud scelta

D2.1 Documento finale sull'analisi delle varie soluzioni che giustifichi la tipologia di Cloud scelta D2.1 Documento finale sull'analisi delle varie soluzioni che giustifichi la tipologia di Cloud scelta CRS4 Indice Obiettivo del work package 3 Tecnologie di Cloud Computing 3 Ambiente Software as a Service

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

27/03/2013. Contenuti

27/03/2013. Contenuti Corso Sistemi Distribuiti 6 cfu Docente: Prof. Marcello Castellano Contenuti Virtualizzazione - 3 Macchina virtuale - 4 Architetture delle macchine virtuali - 6 Tipi di virtualizzazione - 7 Monitor della

Dettagli

Come Funziona. Virtualizzare con VMware

Come Funziona. Virtualizzare con VMware Virtualize IT Il Server? Virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente

Dettagli

3. PRODOTTI PER LA VIRTUALIZZAZIONE

3. PRODOTTI PER LA VIRTUALIZZAZIONE 3. PRODOTTI PER LA VIRTUALIZZAZIONE In questo capitolo verranno descritti alcuni dei prodotti commerciali e dei progetti opensource più noti; in particolare verrà presa in considerazione la soluzione SUN

Dettagli

Università degli Studi di Napoli Federico II

Università degli Studi di Napoli Federico II Università degli Studi di Napoli Federico II Scuola Politecnica e delle Scienze di Base Area Didattica Scienze MM.FF.NN. Corso di Laurea in Informatica Tesi sperimentale di Laurea Triennale Sviluppo di

Dettagli

"Registro Elettronico Nuvola" SETTEMBRE 2014. Case Study sul. di Madisoft

Registro Elettronico Nuvola SETTEMBRE 2014. Case Study sul. di Madisoft Seeweb srl Mail: info@seeweb.com Sito: www.seeweb.com Case Study sul "Registro Elettronico Nuvola" di Madisoft SETTEMBRE 2014 Uno scenario sull'infrastruttura in Cloud su cui è realizzata la scuola digitale.

Dettagli

2. VIRTUALIZZAZIONE MEDIANTE PARTIZIONAMENTO

2. VIRTUALIZZAZIONE MEDIANTE PARTIZIONAMENTO 2. VIRTUALIZZAZIONE MEDIANTE PARTIZIONAMENTO In questo capitolo verranno prese in considerazione le soluzioni tecnologiche e gli approcci implementativi della virtualizzazione basata su partizionamento

Dettagli

Virtualizzazione e Cloud Computing

Virtualizzazione e Cloud Computing Virtualizzazione e Cloud Computing 12 marzo 2015 Claudio Bizzarri claudio@bizzarri.net Ordine degli Ingegneri di Pistoia La virtualizzazione Macchine reali e macchine virtuali Vantaggi della virtualizzazione

Dettagli

CLOUD COMPUTING. Che cos è il Cloud

CLOUD COMPUTING. Che cos è il Cloud CLOUD COMPUTING Che cos è il Cloud Durante la rivoluzione industriale, le imprese che si affacciavano per la prima volta alla produzione dovevano costruirsi in casa l energia che, generata da grandi macchine

Dettagli

CA AppLogic Cloud Platform per applicazioni enterprise

CA AppLogic Cloud Platform per applicazioni enterprise SCHEDA PRODOTTO: CA AppLogic CA AppLogic Cloud Platform per applicazioni enterprise agility made possible CA AppLogic è una piattaforma di cloud computing chiavi in mano che consente ai clienti enterprise

Dettagli

FAMIGLIA EMC VPLEX. Continuous availability e data mobility all'interno e tra i data center

FAMIGLIA EMC VPLEX. Continuous availability e data mobility all'interno e tra i data center FAMIGLIA EMC VPLEX Continuous availability e data mobility all'interno e tra i data center CONTINUOUS AVAILABILITY E DATA MOBILITY PER APPLICAZIONI MISSION- CRITICAL L'infrastruttura di storage è in evoluzione

Dettagli

Indice generale. Introduzione...xiii. Perché la virtualizzazione...1. Virtualizzazione del desktop: VirtualBox e Player...27

Indice generale. Introduzione...xiii. Perché la virtualizzazione...1. Virtualizzazione del desktop: VirtualBox e Player...27 Indice generale Introduzione...xiii A chi è destinato questo libro... xiii Struttura del libro...xiv Capitolo 1 Capitolo 2 Perché la virtualizzazione...1 Il sistema operativo... 1 Caratteristiche generali

Dettagli

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 PROGETTO STRATEGIO PTA

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 PROGETTO STRATEGIO PTA Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 PROGETTO STRATEGIO PTA PIATTAFORMA TECNOLOGICA ALPINA: UNO STRUMENTO TRANSFRONTALIERO PER LA CONDIVISIONE DI INFRASTRUTTURE

Dettagli

CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY. Prima parte: Panoramica sugli attori

CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY. Prima parte: Panoramica sugli attori ANALISI 11 marzo 2012 CLOUD COMPUTING REFERENCE ARCHITECTURE: LE INDICAZIONI DEL NATIONAL INSTITUTE OF STANDARDS AND TECHNOLOGY Nella newsletter N 4 abbiamo già parlato di Cloud Computing, introducendone

Dettagli

Architetture software. Virtualizzazione

Architetture software. Virtualizzazione Sistemi Distribuiti Architetture software 1 Virtualizzazione 2 1 Virtualizzazione (motivazioni) Sullo stesso elaboratore possono essere eseguiti indipendentemente d t e simultaneamente t sistemi i operativi

Dettagli

Esperimenti di Cloud Computing in ENEA-GRID

Esperimenti di Cloud Computing in ENEA-GRID Conferenza GARR 2011 Bologna, 8-10 Novembre Esperimenti di Cloud Computing in ENEA-GRID Ing. Giovanni Ponti, Ph.D. ENEA C.R. Portici giovanni.ponti@enea.it Joint work with A. Secco, F. Ambrosino, G. Bracco,

Dettagli

Introduzione alle virtualizzazioni

Introduzione alle virtualizzazioni Introduzione alle virtualizzazioni La virtualizzazione consente di ospitare più macchine virtuali ad un server fisico, condividendo le risorse del singolo server attraverso differenti ambienti. I server

Dettagli

Programmabilità di rete con l'infrastruttura Cisco basata sulle applicazioni

Programmabilità di rete con l'infrastruttura Cisco basata sulle applicazioni White paper Programmabilità di rete con l'infrastruttura Cisco basata sulle applicazioni Panoramica Questo documento analizza il supporto alla programmabilità nell'infrastruttura ACI (Application Centric

Dettagli

Implementazione della Cloud dell area Padovana

Implementazione della Cloud dell area Padovana Implementazione della Cloud dell area Padovana Status Report Versione 1.3 (31 Marzo 2014) Implementazione della Cloud dell area Padovana Introduzione Definizione del layout della Cloud dell area Padovana

Dettagli

w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta

w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta w w w. n e w s o f t s r l. i t Soluzione Proposta Sommario 1. PREMESSA...3 2. NSPAY...4 2.1 FUNZIONI NSPAY... 5 2.1.1 Gestione degli addebiti... 5 2.1.2 Inibizione di un uso fraudolento... 5 2.1.3 Gestione

Dettagli

Un sistema per l'emulazione delle reti su cluster di macchine virtuali Anno Accademico 2007/2008

Un sistema per l'emulazione delle reti su cluster di macchine virtuali Anno Accademico 2007/2008 tesi di laurea Un sistema per l'emulazione delle reti su cluster di macchine virtuali Anno Accademico 2007/2008 relatore Ch.mo prof. Roberto Canonico correlatore ing. Pasquale Di Gennaro candidato Roberto

Dettagli

Single Sign On sul web

Single Sign On sul web Single Sign On sul web Abstract Un Sigle Sign On (SSO) è un sistema di autenticazione centralizzata che consente a un utente di fornire le proprie credenziali una sola volta e di accedere a molteplici

Dettagli

Applicazione: Piattaforma di Comunicazione Unificata

Applicazione: Piattaforma di Comunicazione Unificata Riusabilità del software - Catalogo delle applicazioni: Amministrativi/Contabile Applicazione: Piattaforma di Comunicazione Unificata Amministrazione: Regione Piemonte - Direzione Innovazione, Ricerca

Dettagli

Protezione del Kernel Tramite Macchine Virtuali

Protezione del Kernel Tramite Macchine Virtuali Protezione del Kernel Tramite Macchine Virtuali Fabio Campisi Daniele Sgandurra Università di Pisa 27 Novembre 2007 1/44 Protezione del Kernel Tramite Macchine Virtuali Università di Pisa Sommario della

Dettagli

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing

Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Ottimizzazione dell infrastruttura per la trasformazione dei data center verso il Cloud Computing Dopo anni di innovazioni nel settore dell Information Technology, è in atto una profonda trasformazione.

Dettagli

Virtualizzazione e Macchine Virtuali

Virtualizzazione e Macchine Virtuali Virtualizzazione e Macchine Virtuali Gabriele D Angelo, Ludovico Gardenghi {gda, garden}@cs.unibo.it http://www.cs.unibo.it/~gdangelo/ http://www.cs.unibo.it/~gardengl/ Università di Bologna Corso di Laurea

Dettagli

Virtualizzazione e Network management

Virtualizzazione e Network management Open Source per le infrastrutture IT aziendali Virtualizzazione e Network management Marco Vanino Spin S.r.l. Servizi IT aziendali File/Printer Server ERP CRM EMail Doc Mgmt Servizi IT aziendali File/Printer

Dettagli

CREARE UN AMBIENTE SMART STORAGE CLOUD CON IBM SMARTCLOUD STORAGE ACCESS

CREARE UN AMBIENTE SMART STORAGE CLOUD CON IBM SMARTCLOUD STORAGE ACCESS CREARE UN AMBIENTE SMART STORAGE CLOUD CON IBM SMARTCLOUD STORAGE ACCESS GENNAIO 2013 Molte organizzazioni ritengono che la propria grande rete di storage funzioni a compartimenti stagni o che sia dedicata

Dettagli

I nuovi modelli di delivery dell IT: un quadro di riferimento

I nuovi modelli di delivery dell IT: un quadro di riferimento I nuovi modelli di delivery dell IT: un quadro di riferimento Stefano Mainetti Fondazione Politecnico di Milano stefano.mainetti@polimi.it Milano, 25 Ottobre 2010 Cloud Computing: il punto d arrivo Trend

Dettagli

C Cloud computing Cloud storage. Prof. Maurizio Naldi

C Cloud computing Cloud storage. Prof. Maurizio Naldi C Cloud computing Cloud storage Prof. Maurizio Naldi Cos è il Cloud Computing? Con cloud computing si indica un insieme di tecnologie che permettono, tipicamente sotto forma di un servizio, di memorizzare/

Dettagli

I sistemi virtuali nella PA. Il caso della Biblioteca del Consiglio Regionale della Puglia

I sistemi virtuali nella PA. Il caso della Biblioteca del Consiglio Regionale della Puglia I sistemi virtuali nella PA Il caso della Biblioteca del Consiglio Regionale della Puglia Indice I sistemi virtuali Definizione di Cloud Computing Le tecnologie che li caratterizzano La virtualizzazione

Dettagli

ANALISI DELLE TECNOLOGIE INTEL-VT E AMD-V A SUPPORTO DELLA VIRTUALIZZAZIONE DELL'HARDWARE

ANALISI DELLE TECNOLOGIE INTEL-VT E AMD-V A SUPPORTO DELLA VIRTUALIZZAZIONE DELL'HARDWARE Tesi di laurea ANALISI DELLE TECNOLOGIE INTEL-VT E AMD-V A SUPPORTO DELLA VIRTUALIZZAZIONE DELL'HARDWARE Anno Accademico 2010/2011 Relatore Ch.mo prof. Marcello Cinque Candidato Guido Borriello Matr. 528/1336

Dettagli

2006-2011 maurizio pizzonia sicurezza dei sistemi informatici e delle reti. confinamento e virtualizzazione

2006-2011 maurizio pizzonia sicurezza dei sistemi informatici e delle reti. confinamento e virtualizzazione confinamento e virtualizzazione 1 oltre i permessi dei file... nei sistemi operativi standard il supporto per il confinamento è abbastanza flessibile per quanto riguarda i files scarso per quanto riguarda

Dettagli

Griglie computazionali LEZIONE N. 10. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno

Griglie computazionali LEZIONE N. 10. Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno Griglie computazionali Università degli Studi di Napoli Federico II Corso di Laurea Magistrale in Informatica I Anno LEZIONE N. 10 Tecnologie di Storage; DAS, NAS, SAN Esempio di SRM: StoRM 1 Introduzione

Dettagli

Macchine Virtuali in pratica

Macchine Virtuali in pratica Macchine Virtuali in pratica L o Autore Leonardo Paschino 1 Eseguire software non nativo Simulazione riscrittura, in tutto o in parte, delle routine del programma da simulare, in modo da renderlo comprensibile

Dettagli

Analisi di prestazioni di applicazioni web in ambiente virtualizzato

Analisi di prestazioni di applicazioni web in ambiente virtualizzato tesi di laurea Anno Accademico 2005/2006 relatore Ch.mo prof. Porfirio Tramontana correlatore Ing. Andrea Toigo in collaborazione con candidato Antonio Trapanese Matr. 534/1485 La virtualizzazione è un

Dettagli

confinamento e virtualizzazione 2006-2009 maurizio pizzonia sicurezza dei sistemi informatici e delle reti

confinamento e virtualizzazione 2006-2009 maurizio pizzonia sicurezza dei sistemi informatici e delle reti confinamento e virtualizzazione 1 oltre i permessi dei file... nei sistemi operativi standard il supporto per il confinamento è abbastanza flessibile per quanto riguarda i files scarso per quanto riguarda

Dettagli

L iniziativa Cloud DT

L iniziativa Cloud DT L iniziativa Cloud DT Francesco Castanò Dipartimento del Tesoro Ufficio per il Coordinamento Informatico Dipartimentale (UCID) Roma, Luglio 2011 Il Cloud Computing Alcune definizioni Il Cloud Computing

Dettagli

Sizing di un infrastruttura server con VMware

Sizing di un infrastruttura server con VMware Sizing di un infrastruttura server con VMware v1.1 Matteo Cappelli Vediamo una serie di best practices per progettare e dimensionare un infrastruttura di server virtuali con VMware vsphere 5.0. Innanzitutto

Dettagli

LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI CLOUD

LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI CLOUD Cloud Computing e ITaaS 2013 LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI CLOUD Gli ultimi anni hanno visto il proliferare di soluzioni informatiche per la protezione degli asset critici aziendali. Il panorama stesso della

Dettagli

Backup Exec 2012. Guida rapida all'installazione

Backup Exec 2012. Guida rapida all'installazione Backup Exec 2012 Guida rapida all'installazione Installazione Il documento contiene i seguenti argomenti: Requisiti di sistema Elenco di controllo pre-installazione di Backup Exec Esecuzione di un'installazione

Dettagli

Le strategie e le architetture

Le strategie e le architetture Storage 2013 HP Le strategie e le architetture La Converged Infrastructure Le soluzioni e le strategie di HP concorrono a definire la visione di una Converged Infrastructure, pensata per abilitare la realizzazione

Dettagli

Windows Azure. introduzione. 16 Maggio 2013. Gianni Rosa Gallina giannishub@hotmail.com. Fabrizio Accatino fhtino@gmail.com

Windows Azure. introduzione. 16 Maggio 2013. Gianni Rosa Gallina giannishub@hotmail.com. Fabrizio Accatino fhtino@gmail.com 16 Maggio 2013 Windows Azure introduzione Gianni Rosa Gallina giannishub@hotmail.com Twitter: @giannirg Blog: http://giannishub.cloudapp.net/it/ Fabrizio Accatino fhtino@gmail.com Twitter: @fhtino Sito

Dettagli

Allegato 1 Specifiche tecniche ambiente CNPADC. Giugno 2013

Allegato 1 Specifiche tecniche ambiente CNPADC. Giugno 2013 Allegato 1 Specifiche tecniche ambiente CNPADC Giugno 2013 Sommario 1 PREMESSA... 3 2 COMPONENTE TECNOLOGICA DEL SERVIZIO... 3 3 COMPONENTE APPLICATIVA DEL SERVIZIO... 5 3.1 Infrastruttura tecnologica,

Dettagli

Il protocollo FTP (1/3)

Il protocollo FTP (1/3) FTP Server e Client Il protocollo FTP (1/3) Il File Transfer Protocol (FTP) (protocollo di trasferimento file), è un Protocollo per la trasmissione di dati tra host basato su TCP. Un server FTP offre svariate

Dettagli

IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD

IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD IT ARCHITECTURE: COME PREPARARSI AL CLOUD Stefano Mainetti stefano.mainetti@polimi.it L ICT come Commodity L emergere del Cloud Computing e i nuovi modelli di delivery Trend n. 1 - ICT Commoditization

Dettagli

L architettura di rete FlexNetwork

L architettura di rete FlexNetwork HP L offerta di soluzioni e servizi per il networking di HP si inserisce nella strategia che concorre a definire la visione di una Converged Infrastructure, pensata per abilitare la realizzazione di data

Dettagli

Licenza di vcloud Suite

Licenza di vcloud Suite vcloud Suite 5.5 Questo documento supporta la versione di ogni prodotto elencato e di tutte le versioni successive finché non è sostituito da una nuova edizione. Per controllare se esistono versioni più

Dettagli

D3.1 Documento di analisi della visualizzazione 3D in ambiente Cloud e relative problematiche

D3.1 Documento di analisi della visualizzazione 3D in ambiente Cloud e relative problematiche D3.1 Documento di analisi della visualizzazione 3D in ambiente Cloud e relative problematiche Il Cloud Computing La visualizzazione nella Cloud Problematiche Virtualizzazione della GPU Front end Virtualization

Dettagli

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply

Abstract. Reply e il Cloud Computing: la potenza di internet e un modello di costi a consumo. Il Cloud Computing per Reply Abstract Nei nuovi scenari aperti dal Cloud Computing, Reply si pone come provider di servizi e tecnologie, nonché come abilitatore di soluzioni e servizi di integrazione, volti a supportare le aziende

Dettagli

PICCOLE E MEDIE IMPRESE, UNA SOLUZIONE AD HOC. Soluzioni per le PMI

PICCOLE E MEDIE IMPRESE, UNA SOLUZIONE AD HOC. Soluzioni per le PMI PICCOLE E MEDIE IMPRESE, UNA SOLUZIONE AD HOC Soluzioni per le PMI Windows Server 2012 e System Center 2012 Informazioni sul copyright 2012 Microsoft Corporation. Tutti i diritti sono riservati. Il presente

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA Dipartimento di Matematiche e Informatica Corso di Laurea in INFORMATICA Tesi di Laurea in RETI DEI CALCOLATORI L AUTENTICAZIONE NEL CLOUD COMPUTING Candidato: Francesco

Dettagli

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA CLOUD COMPUTING: ANALISI DEI MODELLI ARCHITETTURALI E DELLE TECNOLOGIE PER LO SVILUPPO DI APPLICAZIONI

ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA CLOUD COMPUTING: ANALISI DEI MODELLI ARCHITETTURALI E DELLE TECNOLOGIE PER LO SVILUPPO DI APPLICAZIONI ALMA MATER STUDIORUM UNIVERSITÀ DI BOLOGNA Seconda Facoltà di Ingegneria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica CLOUD COMPUTING: ANALISI DEI MODELLI ARCHITETTURALI E DELLE TECNOLOGIE PER LO SVILUPPO

Dettagli

Guida introduttiva di Symantec Protection Center 2.1

Guida introduttiva di Symantec Protection Center 2.1 Guida introduttiva di Symantec Protection Center 2.1 Guida introduttiva di Symantec Protection Center 2.1 Il software descritto in questo manuale è fornito nell'ambito di un contratto di licenza e può

Dettagli

Gartner Group definisce il Cloud

Gartner Group definisce il Cloud Cloud Computing Gartner Group definisce il Cloud o Cloud Computing is a style of computing in which elastic and scalable information technology - enabled capabilities are delivered as a Service. Gartner

Dettagli

Introduzione a Proxmox VE

Introduzione a Proxmox VE Introduzione a Proxmox VE Montebelluna, 23 febbraio 2011 Mirco Piccin Mirco Piccin Introduzione a Proxmox VE 23 feb 2011 - Montebelluna 1 Licenza d'utilizzo Copyright 2011, Mirco Piccin Questo documento

Dettagli

Cloud Computing: la prospettiva della Banca d Italia

Cloud Computing: la prospettiva della Banca d Italia Cloud Computing: la prospettiva della Banca d Italia Roma, 5 ottobre 2010 ing. Giovanni Peruggini Banca d Italia - Area Risorse Informatiche e Rilevazioni Statistiche La Banca d Italia Banca Centrale della

Dettagli

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 PROGETTO STRATEGIO PTA

Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 PROGETTO STRATEGIO PTA Programma Operativo di Cooperazione Transfrontaliera Italia Svizzera 2007-2013 PROGETTO STRATEGIO PTA PIATTAFORMA TECNOLOGICA ALPINA: UNO STRUMENTO TRANSFRONTALIERO PER LA CONDIVISIONE DI INFRASTRUTTURE

Dettagli

Virtualizzazione e Privacy

Virtualizzazione e Privacy Virtualizzazione e Privacy Outline Virtualizzazione Paravirtualizzazione e Xen Virtualizzazione e anonimato (Mix Network) Virtualizzazione e privacy Isolamento servizi utente Virtual Service Domains Virtualizzazione

Dettagli

STORAGE. 2015 Arka Service s.r.l.

STORAGE. 2015 Arka Service s.r.l. STORAGE STORAGE MEDIA indipendentemente dal modello di repository utilizzato i dati devono essere salvati su dei supporti (data storage media). I modelli utilizzati da Arka Service sono i comuni metodo

Dettagli

Virtualizzazione. Di tutti. Per tutti.

Virtualizzazione. Di tutti. Per tutti. Virtualizzazione. Di tutti. Per tutti. Autore: Claudio Cardinali Email: claudio@csolution.it 1 Agenda L.T.S.P. Linux Terminal Server Project Virtualizzazione K.V.M. Kernel Based Virtual Machine Deploy

Dettagli

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi

Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Esperti nella gestione dei sistemi informativi e tecnologie informatiche Sistemi avanzati di gestione dei Sistemi Informativi Docente: Email: Sito: Eduard Roccatello eduard@roccatello.it http://www.roccatello.it/teaching/gsi/

Dettagli

Laboratorio Virtuale per la Didattica

Laboratorio Virtuale per la Didattica UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Gruppo Tecnico Trasversale Laboratorio Virtuale per la Didattica G.B. Barone x, V. Boccia y, D. Bottalico z, L. Carracciuolo w. Maggio 2011 (BOZZA) x Università

Dettagli

La prossima ondata di innovazione aziendale introdotta da Open Network Environment

La prossima ondata di innovazione aziendale introdotta da Open Network Environment Panoramica della soluzione La prossima ondata di innovazione aziendale introdotta da Open Network Environment Panoramica La crescente importanza dei ruoli assunti da tecnologie come cloud, mobilità, social

Dettagli

Prospettive dei servizi cloud in ENEA-GRID

Prospettive dei servizi cloud in ENEA-GRID Workshop congiunto INFN CCR GARR 2012 Napoli, 14-17 Maggio Prospettive dei servizi cloud in ENEA-GRID Ing. Giovanni Ponti, Ph.D. ENEA C.R. Portici giovanni.ponti@enea.it Sommario Introduzione al Cloud

Dettagli

Licenze Windows per desktop virtuali

Licenze Windows per desktop virtuali Licenze Windows per desktop virtuali Scopo di questo documento è illustrare il modello di licensing per i desktop virtuali Windows e le modalità di calcolo del numero di licenze necessario in scenari di

Dettagli

VIRTUALIZZAZIONE LUG - CREMONA. Linux Day - 25 Ottobre 2008

VIRTUALIZZAZIONE LUG - CREMONA. Linux Day - 25 Ottobre 2008 VIRTUALIZZAZIONE LUG - CREMONA Linux Day - 25 Ottobre 2008 VIRTUALIZZAZIONE In informatica la virtualizzazione consiste nella creazione di una versione virtuale di una risorsa normalmente fornita fisicamente

Dettagli

La Unified Communication come servizio

La Unified Communication come servizio Unified Communication e Collaboration 2013 La Unified Communication come servizio di Riccardo Florio La Unified Communication (UC) è un tema complesso e articolato in cui le funzionalità sono andate a

Dettagli

Software Defined Networks di Riccardo Florio

Software Defined Networks di Riccardo Florio Software Defined Networks di Riccardo Florio Dopo anni di innovazioni tecnologiche, che si sono orientate fondamentalmente verso l'incremento di prestazioni prima e di funzionalità successivamente, i trend

Dettagli

vcloud Director Guida per gli amministratori

vcloud Director Guida per gli amministratori vcloud Director Guida per gli amministratori vcloud Director 1.5.0 Questo documento supporta la versione di ogni prodotto elencato e di tutte le versioni successive finché non è sostituito da una nuova

Dettagli

Introduzione alla realizzazione di un datacenter cloud-enabled Un case study

Introduzione alla realizzazione di un datacenter cloud-enabled Un case study Università degli Studi di Roma Tor Vergata Facoltà di Ingegneria Introduzione alla realizzazione di un datacenter cloud-enabled Un case study Corso di Sistemi Distribuiti e Cloud Computing Stefano Iannucci

Dettagli

VLAN+LDAP+...+XEN = Rete Dipartimentale

VLAN+LDAP+...+XEN = Rete Dipartimentale VLAN+LDAP+...+XEN = Rete Dipartimentale Uniamo varie tecnologie per creare una infrastruttura di rete,, facilmente controllabile ed estendibile. Useremo VLAN ( 802.1q), LDAP, XEN, Certificati digitali

Dettagli

VIRTUAL INFRASTRUCTURE DATABASE

VIRTUAL INFRASTRUCTURE DATABASE ALLEGATO B5.3 VIRTUAL INFRASTRUCTURE DATABASE Situazione alla data 30.6.2011 Pag. 1 di 6 AIX Logical Partitions Database L infrastruttura dell ambiente RISC/AIX viene utilizzata come Data Layer; fornisce

Dettagli

Vi presentiamo Arcserve Unified Data Protection

Vi presentiamo Arcserve Unified Data Protection Vi presentiamo Arcserve Unified Data Protection Arcserve UDP è basato su un'architettura unificata di nuova generazione per ambienti fisici e virtuali. La sua ampiezza di funzionalità senza paragoni, la

Dettagli

Offerta Cloud Computing TOL.IT

Offerta Cloud Computing TOL.IT Offerta Cloud Computing TOL.IT Il termine inglese Cloud Computing indica un insieme di tecnologie che permettono di memorizzare ed elaborare dati grazie all'utilizzo di risorse hardware e software distribuite

Dettagli

KASPERSKY SECURITY FOR BUSINESS

KASPERSKY SECURITY FOR BUSINESS SECURITY FOR BUSINESS Le nostre tecnologie perfettamente interoperabili Core Select Advanced Total Gestita tramite Security Center Disponibile in una soluzione mirata Firewall Controllo Controllo Dispositivi

Dettagli

Software per la gestione di musei di arte contemporanea1

Software per la gestione di musei di arte contemporanea1 Software per la gestione di musei di arte contemporanea1 Identificativo del progetto: CA Nome documento: System Design(SD) Identificativo del documento: 6 CA_SD_E1_R1 Data del documento: 21/05/2012 Prima

Dettagli

Valutazione del sistema di storage EMC CLARiiON AX4

Valutazione del sistema di storage EMC CLARiiON AX4 Valutazione del sistema di storage EMC CLARiiON AX4 Relazione preparata sotto contratto con EMC Introduzione EMC Corporation ha incaricato Demartek di eseguire una valutazione pratica del nuovo sistema

Dettagli

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows *

Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Guida GESTIONE SISTEMI www.novell.com Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft * Windows * Novell ZENworks Configuration Management in ambiente Microsoft Windows Indice: 2..... Benvenuti

Dettagli

Solution overview PROTEZIONE VMWARE CON EMC NETWORKER 8.5. White paper

Solution overview PROTEZIONE VMWARE CON EMC NETWORKER 8.5. White paper White paper PROTEZIONE VMWARE CON EMC NETWORKER 8.5 Solution overview Abstract Questo white paper descrive l'integrazione di EMC NetWorker con VMware vcenter, illustrando l'architettura di EMC NetWorker

Dettagli

D 2.3 Sviluppo di unità di test, report e documentazione per ogni modulo sviluppato

D 2.3 Sviluppo di unità di test, report e documentazione per ogni modulo sviluppato D 2.3 Sviluppo di unità di test, report e documentazione per ogni modulo sviluppato CRS4 Indice Obiettivo work package 2 Progetti Cloud Open Source a confronto 2 Principali progetti presi in considerazione

Dettagli

Virtualizzazione e installazione Linux

Virtualizzazione e installazione Linux Virtualizzazione e installazione Linux Federico De Meo, Davide Quaglia, Simone Bronuzzi Lo scopo di questa esercitazione è quello di introdurre il concetto di virtualizzazione, di creare un ambiente virtuale

Dettagli

Analisi del sistema di gestione di rete nella piattaforma di cloud computing OpenStack

Analisi del sistema di gestione di rete nella piattaforma di cloud computing OpenStack Facoltà di Ingegneria Corso di Studi in Ingegneria Informatica Elaborato finale in Reti di calcolatori I Analisi del sistema di gestione di rete nella piattaforma di cloud computing OpenStack Anno Accademico

Dettagli

Azienda-Online. La gestione dell azienda ora vola sulla cloud!

Azienda-Online. La gestione dell azienda ora vola sulla cloud! Azienda-Online La gestione dell azienda ora vola sulla cloud! Riduzione dei costi di acquisto, gestione e manutenzione Aumento e velocizzazione della comunicazione in azienda Accessibilità al sistema di

Dettagli

Symantec Backup Exec 2010. Guida rapida all'installazione

Symantec Backup Exec 2010. Guida rapida all'installazione Symantec Backup Exec 2010 Guida rapida all'installazione 20047221 Installazione di Backup Exec Il documento contiene i seguenti argomenti: Requisiti di sistema Prima dell'installazione Informazioni sull'account

Dettagli

Roberto Covati Roberto Alfieri

Roberto Covati Roberto Alfieri Roberto Covati Roberto Alfieri Vmware Server (in produzione dal 2004) VmWare ESX 3.0.1 (in produzione dal 2006) VmWare ESXi 3.5 update 3 (test 2008) VmWare ESX 3.5 update 3 (Sviluppi futuri) 2 Sommario

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI

SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI SISTEMI OPERATIVI DISTRIBUITI E FILE SYSTEM DISTRIBUITI 12.1 Sistemi Distribuiti Sistemi operativi di rete Sistemi operativi distribuiti Robustezza File system distribuiti Naming e Trasparenza Caching

Dettagli

IL PRIVATE CLOUD DELLA FRIENDS' POWER

IL PRIVATE CLOUD DELLA FRIENDS' POWER IL PRIVATE CLOUD DELLA FRIENDS' POWER Evoluzione al Cloud Computing Condivisione dei lavori Integrazione con Android & iphone Cos è il Cloud: le forme e i vantaggi Durante la rivoluzione industriale, le

Dettagli

Descrizione Tecnica Servizi di :

Descrizione Tecnica Servizi di : pagina 1 di 6 Descrizione Tecnica Servizi di : - BACKUP DATI - COPIE REPLICATE - DISASTER RECOVERY - FAX SERVER E-MAIL GATEWAY Indice 1 Sommario...2 2 DESCRIZIONE DEL SERVIZIO...2 2.1 Descrizione tecnica...2

Dettagli