PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE Norme per il prelievo venatorio e per la protezione della fauna selvatica omeoterma. Art. 1 Finalità

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE Norme per il prelievo venatorio e per la protezione della fauna selvatica omeoterma. Art. 1 Finalità"

Transcript

1 Gruppo Consiliare Forza Italia Consiglio regionale della Toscana Proposta di Legge n. 210 Prot. n /2.6 del PROPOSTA DI LEGGE REGIONALE Norme per il prelievo venatorio e per la protezione della fauna selvatica omeoterma Art. 1 Finalità 1. La presente legge ha il fine di applicare il prelievo in deroga dello storno (Sturnus vulgaris), ai sensi dell art.9, comma 1, lettera a) della direttiva 79/409/CEE del Consiglio, del 2 aprile 1979, concernente la conservazione degli uccelli selvatici, e successive modificazioni e delle legge 11 febbraio 1992, n. 157 (Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio) così come modificata dalla legge 3 ottobre 2002, n La presente legge ha anche il fine di disciplinare il prelievo in deroga della specie fringuello (Fringilla coelebs). 3. La presente legge vuole estendere la cacciabilità della specie combattente (Philomachus pugnax). Art.2 Apertura anticipata 1. La Giunta Regionale può consentire, sulla base delle scelte effettuate nei piani faunistici-venatori provinciali, su richiesta delle province, l apertura anticipata nel primo giorno utile di caccia del mese di settembre e nella prima domenica successiva, solo da appostamento, alle seguenti specie: storno, tortora, colombaccio, corvidi, merlo, germano, marzaiola, alzavola. Art.3 Condizioni per il prelievo in deroga dello storno Via Cavour, FIRENZE Tel /510 int Fax

2 1. Per fare fronte alle esigenze di salvaguardia delle produzioni agricole, in presenza delle condizioni di cui all art. 9, comma 1, lettera a) della dir. 79/409/CEE, è consentito il prelievo della specie storno, con le modalità di cui all art.3 e nei periodi indicati all art.4, ritenuto che sia prioritario ridurre la presenza dello storno sul territorio della Toscana. Art.4 Modalità del prelievo in deroga dello storno 1. Per la tutela delle produzioni agricole, è consentito il prelievo della specie storno nel periodo compreso tra la prima giornata utile di caccia e l ultimo giorno utile della stagione venatoria. 2. Il prelievo è consentito esclusivamente ai cacciatori residenti in Toscana per un massimo di 20 capi giornalieri e 200 capi complessivi per cacciatore con l uso di fucile con canna ad anima liscia fino a due colpi o a ripetizione semiautomatica, con caricatore contenente non più di due cartucce di calibro non superiore a dodici. 3. I capi abbattuti dal cacciatore devono essere segnati sul tesserino venatorio regionale negli appositi spazi presenti in ogni pagina. 4. Gli storni provenienti da allevamento sono utilizzabili come richiami per gli abbattimenti. Art.5 Tempi del prelievo in deroga 1. Il prelievo dello storno è consentito dalla prima giornata utile di caccia fino all ultimo giorno utile della stagione venatoria. Art.6 Ambito di applicazione della deroga al prelievo della specie fringuello 1. Sul territorio regionale è consentito il prelievo a carico della specie fringuello (Fringilla coelebs) nel periodo compreso fra il 1 ottobre ed il 31 dicembre di ogni anno. 2. Il prelievo del fringuello è consentito, con i mezzi di cui all art. 31 della L.R. 3/94, esclusivamente da appostamento, ai cacciatori autorizzati, residenti in Toscana, nell ATC di residenza venatoria, per non più di tre giornate settimanali, per un massimo di 5 capi giornalieri e di 30 capi complessivi per cacciatore per l intero periodo. 3. L autorizzazione al prelievo viene rilasciata automaticamente dal sistema regionale di teleprenotazione del numero massimo di autorizzazioni 2

3 rilasciabili. Il numero di autorizzazione deve essere conservato dal cacciatore ed esibito agli organi di vigilanza. 4. I capi abbattuti dal cacciatore devono essere annotati sul tesserino regionale nell apposita pagina. 5. Al fine di verificare la compatibilità delle conseguenze dell applicazione della deroga con la direttiva 79/409/CEE, la competente struttura della Giunta Regionale procederà a trasmettere al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministro per gli Affari Regionali, al Ministro per le Politiche Agricole e Forestali, al Ministro per l Ambiente, al Ministro per le Politiche Comunitarie, alle competenti Commissioni del Senato e della Camera e all INFS una relazione sulle misure adottate in ordine al prelievo a carico della specie fringuello. Art.7 Estensione del periodo di prelievo della specie combattente 1. Sul territorio regionale è consentito il prelievo, con le modalità attualmente in vigore, della specie combattente (Philomachus pugnax) dalla terza domenica di settembre fino al 31 dicembre di ogni anno. Art.8 Controlli 1. La vigilanza sull applicazione della presente legge è affidata agli agenti ed alle guardie di cui cui all art. 51 della L.R. 3/ Alle violazioni della presente legge si applicano le sanzioni previste dalla L.157/1992 e dalla L.R. 3/ La Giunta Regionale, per verificare la compatibilità delle conseguenze dell applicazione delle deroghe con le disposizioni della dir. 79/409/CEE, procederà a trasmettere al Presidente del Consiglio dei Ministri, al Ministro per gli Affari Regionali e Autonomie Locali, al Ministro dell Ambiente e tutela del territorio e del mare, al Ministro delle Politiche agricole, alimentari e forestali, al Ministro per le politiche europee, all INFS ed alle competenti commissioni parlamentari una relazione sulle misure adottate in ordine al prelievo in deroga delle specie di cui sopra. 3

4 Art.9 Sospensione del prelievo 1. La Giunta Regionale, anche su richiesta dell INFS o dei soggetti di cui all art. 2, comma 3 della L.R. 3/1994, può sospendere il prelievo quando vi siano accertate riduzioni di numero o in presenza di comprovate situazioni di pericolo per la specie oggetto del prelievo medesimo. Art.10 Impianti per la cattura dei richiami vivi 1. La Regione provvede ad autorizzare il rilascio delle licenze per gli impianti di cattura di uccelli a scopo di richiamo ai sensi del D.P.G.R. 13/2004, ex titolo IV artt In via definitiva, l autorizzazione in oggetto viene rilasciata entro e non oltre il 1 ottobre di ogni anno. Maurizio Dinelli Piero Pizzi Rossella Angiolini Alessandro Antichi Paolo Bartolozzi Anna Maria Celesti Stefania Fustagni Paolo Marcheschi Alberto Magnolfi Angelo Pollina 4

5 RELAZIONE INTRODUTTIVA Il presente disegno di legge si propone di semplificare il prelievo in deroga della specie storno, di permettere il prelievo in deroga del fringuello, richiamando la P.d.L. 147, Attuazione dell articolo 9 della direttiva 79/409/CEE del Consiglio, del 2 aprile 1979, concernente la conservazione degli uccelli selvatici e di estendere il periodo per il prelievo della specie combattente. Nel rispetto dell art. 9 della direttiva comunitaria 79/409, concernente la conservazione degli uccelli selvatici, e nel rispetto della legge 11 febbraio 1992, n. 157 (Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio), e della legge regionale 12 gennaio 1994, n. 3 (Recepimento della legge 11 febbraio 1992, n. 157 Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio), si vuole semplificare e rendere possibile il prelievo delle succitate specie, al fine da un lato di salvaguardare le colture messe a rischio dallo storno e dall altro di rispettare le tradizioni venatorie toscane consentendo il prelievo del fringuello in un ottica di tutela e conservazione della specie stessa, osservando, quindi, tutte le modalità e i divieti del caso, ma anche salvaguardando i cacciatori che sono sempre stati parte attiva per la tutela del territorio regionale e che sono invece ostacolati da norme sempre più severe e complesse, nonché costretti a cacciare in spazi sempre più ridotti che assomigliano a vere e proprie riserve indiane. 5

APPLICAZIONE DELLA LEGGE SULLE DEROGHE REGIONE PER REGIONE

APPLICAZIONE DELLA LEGGE SULLE DEROGHE REGIONE PER REGIONE APPLICAZIONE DELLA LEGGE SULLE DEROGHE REGIONE PER REGIONE ABRUZZO: Inserito nel Calendario Venatorio al Capo L) Caccia in deroga allo Storno In conformità dell art. 59, della l.r. 10/04 è consentita la

Dettagli

REGIONE TOSCANA. LEGGE REGIONALE 10 giugno 2002, n Bollettino Ufficiale della Regione Toscana - n. 13

REGIONE TOSCANA. LEGGE REGIONALE 10 giugno 2002, n Bollettino Ufficiale della Regione Toscana - n. 13 REGIONE TOSCANA LEGGE REGIONALE 10 giugno 2002, n. 20 19.6.2002 Bollettino Ufficiale della Regione Toscana - n. 13 Modificata con L.R. n. 45 del 20 dicembre 2002 Avviso di rettifica B.U. 5 luglio 2002,

Dettagli

REGIONE TOSCANA CALENDARIO VENATORIO REGIONALE STAGIONE VENATORIA (L.R.T. N 20/2002) Capo I. Art. 1 Stagione venatoria e giornate di caccia

REGIONE TOSCANA CALENDARIO VENATORIO REGIONALE STAGIONE VENATORIA (L.R.T. N 20/2002) Capo I. Art. 1 Stagione venatoria e giornate di caccia REGIONE TOSCANA CALENDARIO VENATORIO REGIONALE (L.R.T. N 20/2002) Capo I STAGIONE VENATORIA Art. 1 Stagione venatoria e giornate di caccia 1. La stagione venatoria ha inizio la terza domenica di settembre

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 14 DEL 3-08-2005 REGIONE LOMBARDIA

LEGGE REGIONALE N. 14 DEL 3-08-2005 REGIONE LOMBARDIA LEGGE REGIONALE N. 14 DEL 3-08-2005 REGIONE LOMBARDIA DISCIPLINA DEL REGIME DI DEROGA PREVISTO DALL'ARTICOLO 9 DELLA DIRETTIVA 79/409/CEE DEL CONSIGLIO, DEL 2 APRILE 1979, RELATIVA ALLA CONSERVAZIONE DEGLI

Dettagli

Il Consiglio regionale ha approvato Il Presidente della Giunta regionale. promulga. la seguente legge regionale:

Il Consiglio regionale ha approvato Il Presidente della Giunta regionale. promulga. la seguente legge regionale: 46 LEGGE REGIONALE 13 agosto 2004, n. 17 1979 concernente la conservazione degli uccelli selvatici, in attuazione della legge 3 ottobre 2002, n. 221 Integrazioni alla legge 11 febbraio 1992, n. 157, in

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO VIII LEGISLATURA 7ª Seduta pubblica Venerdì 29 luglio 2005 prot. n. 8168 OGGETTO: PROGETTO DI LEGGE RELATIVO A DISCIPLINA DEL REGIME DI DEROGA PREVISTO DALL ARTICOLO 9 DELLA

Dettagli

MILANO - GIOVEDÌ, 5 AGOSTO Sommario. [5.4.0] Calendario venatorio regionale... 3 Legge regionale 2 agosto n. 18

MILANO - GIOVEDÌ, 5 AGOSTO Sommario. [5.4.0] Calendario venatorio regionale... 3 Legge regionale 2 agosto n. 18 REPUBBLICA ITALIANA BOLLETTINO UFFICIALE MILANO - GIOVEDÌ, 5 AGOSTO 2004 1º SUPPLEMENTO ORDINARIO Sommario Anno XXXIV - N. 183 - Poste Italiane - Spedizione in abb. postale - 45% - art. 2, comma 20/b -

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 29-08-2011 (punto N 16 ) Delibera N 734 del 29-08-2011 Proponente GIANNI SALVADORI DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE

Dettagli

REGIONE UMBRIA Servizio Caccia e Pesca

REGIONE UMBRIA Servizio Caccia e Pesca La normativa di riferimento della Regione Umbria per gli interventi in deroga è contenuta nel titolo V bis della Legge Regionale 17 maggio 1994 n. 14 Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma

Dettagli

DECRETO N Del 28/09/2017

DECRETO N Del 28/09/2017 DECRETO N. 11727 Del 28/09/2017 Identificativo Atto n. 507 DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA Oggetto CALENDARIO VENATORIO REGIONALE 2017-2018: GIORNATE INTEGRATIVE SETTIMANALI DI CACCIA DA APPOSTAMENTO FISSO

Dettagli

CAPO I CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2016/2017. Articolo 1 (Caccia programmata)

CAPO I CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2016/2017. Articolo 1 (Caccia programmata) CAPO I CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2016/2017 Articolo 1 (Caccia programmata) 1. Ai fini della razionale gestione delle risorse faunistiche sull intero territorio della Liguria si applica

Dettagli

L esercizio venatorio nella stagione 2014/2015, è consentito con le seguenti modalità:

L esercizio venatorio nella stagione 2014/2015, è consentito con le seguenti modalità: ALLEGATO A CALENDARIO VENATORIO PER LA STAGIONE 2014/2015 L esercizio venatorio nella stagione 2014/2015, è consentito con le seguenti modalità: 1) SPECIE E PERIODI DI ATTIVITA' VENATORIA 1.1. Ai fini

Dettagli

REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE Mod. B Atto che non comporta impegno di spesa Seduta del 02-09-2014 DELIBERAZIONE N. 416 OGGETTO: DGR 411/2014 "CALENDARIO E REGOLAMENTO PER LA STAGIONE VENATORIA 2014/2015".

Dettagli

CAPO I. CALENDARIO VENATORIO PER LE STAGIONI VENATORIE 2008/2009, 2009/2010 e 2010/2011. Articolo 1 (Caccia programmata)

CAPO I. CALENDARIO VENATORIO PER LE STAGIONI VENATORIE 2008/2009, 2009/2010 e 2010/2011. Articolo 1 (Caccia programmata) LEGGE REGIONALE 6 GIUGNO 2008 N. 12 Calendario venatorio regionale triennale e modifiche alla legge regionale 1 luglio 1994, n. 29 (norme regionali per la protezione della fauna omeoterma e per il prelievo

Dettagli

DECRETO N Del 27/09/2016

DECRETO N Del 27/09/2016 DECRETO N. 9417 Del 27/09/2016 Identificativo Atto n. 473 DIREZIONE GENERALE AGRICOLTURA Oggetto CALENDARIO VENATORIO REGIONALE 2016-2017: GIORNATE INTEGRATIVE SETTIMANALI DI CACCIA DA APPOSTAMENTO FISSO

Dettagli

CAPO I CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2013/2014

CAPO I CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2013/2014 CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2013/2014. ARTICOLO 34, COMMA 4, LEGGE REGIONALE 1 LUGLIO 1994, N. 29 (NORME REGIONALI PER LA PROTEZIONE DELLA FAUNA OMEOTERMA E PER IL PRELIEVO VENATORIO)

Dettagli

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento agricoltura, turismo, formazione e lavoro Politiche della montagna e della fauna selvatica - Settore

REGIONE LIGURIA - Giunta Regionale Dipartimento agricoltura, turismo, formazione e lavoro Politiche della montagna e della fauna selvatica - Settore CAPO I CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2017/2018 Articolo 1 (Caccia programmata) 1. Ai fini della razionale gestione delle risorse faunistiche sull intero territorio della Liguria si applica

Dettagli

51 - legge re alla legge regionale 10 giugno 2002, n. 20 Calendario

51 - legge re alla legge regionale 10 giugno 2002, n. 20 Calendario domenica di settembre e 1 febbraio - 15 marzo il prelievo è consentito per cinque giorni la settimana escluso il martedì e il venerdì.. della Regione. E fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e

Dettagli

Relazione illustrativa

Relazione illustrativa Allegato B Relazione illustrativa Il riordino istituzionale, con il quale la Regione ha riassunto a livello centrale tutte le funzioni amministrative in materia di caccia, prima attribuite alle province,

Dettagli

Regione Autonoma della Sardegna

Regione Autonoma della Sardegna Decreto n 15 / V Regione Autonoma della Sardegna L Assessore della Difesa dell Ambiente Oggetto: Calendario venatorio 2003/04. VISTO lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione;

Dettagli

CAPO I CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2014/2015. Articolo 1 (Caccia programmata)

CAPO I CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2014/2015. Articolo 1 (Caccia programmata) Anno XLV - N. 16 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte II 16.04.2014 - pag. 32 CAPO I CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2014/2015 Articolo 1 (Caccia programmata) 1. Ai fini della

Dettagli

PROVINCIA DI MASSA-CARRARA SETTORE AGRICOLTURA E FORESTE SERVIZIO CACCIA E PESCA

PROVINCIA DI MASSA-CARRARA SETTORE AGRICOLTURA E FORESTE SERVIZIO CACCIA E PESCA Dec. di Medaglia d oro al V.M. PROVINCIA DI MASSA-CARRARA SETTORE AGRICOLTURA E FORESTE SERVIZIO CACCIA E PESCA DPGR n 13/R del 25/02/2004 modificato ex DPGR n 48/r del 29/07/2005 ed art. 28 comma 3 lett.

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 32 attualmente il Fondo Coopertoscana è gestito direttamente dalla Regione Toscana;

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 32 attualmente il Fondo Coopertoscana è gestito direttamente dalla Regione Toscana; 82 8.8.2007 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 32 attualmente il Fondo Coopertoscana è gestito direttamente dalla Regione Toscana; Ravvisata la necessità di modificare quanto previsto al

Dettagli

da appostamento fisso nei laghi artificiali e nelle superfici allagate artificialmente, alzavola, germano reale e marzaiola in Provincia di Pistoia;

da appostamento fisso nei laghi artificiali e nelle superfici allagate artificialmente, alzavola, germano reale e marzaiola in Provincia di Pistoia; 16 2.9.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 35 dell art. 18, comma 2 della legge 157/1992 e dell art. 30 della legge regionale 3/1994; Viste le specifiche richieste inviate dalle province

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 21-06-2016 (punto N 41 ) Delibera N 602 del 21-06-2016 Proponente MARCO REMASCHI DIREZIONE AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE Pubblicita

Dettagli

CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2002/2003

CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2002/2003 ALLEGATO 1 ALLEGATO A CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2002/2003 Articolo 1. (Caccia programmata). 1. Ai fini della razionale gestione delle risorse faunistiche sull intero territorio della

Dettagli

L esercizio venatorio, nella stagione 2013/2014, è consentito con le seguenti modalità:

L esercizio venatorio, nella stagione 2013/2014, è consentito con le seguenti modalità: ALLEGATO A La Giunta regionale Vista la legge 11 febbraio 1992, n. 157 Visto l art. 11- quaterdecies della legge 2 dicembre 2005, n. 248 Visto l art. 40 della l.r. 4 maggio 2012, n. 5 Vista la D.G.R. n.

Dettagli

SETTORE ATTIVITA' FAUNISTICO VENATORIA, PESCA DILETTANTISTICA E PESCA IN MARE

SETTORE ATTIVITA' FAUNISTICO VENATORIA, PESCA DILETTANTISTICA E PESCA IN MARE REGIONE TOSCANA DIREZIONE AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE SETTORE ATTIVITA' FAUNISTICO VENATORIA, PESCA DILETTANTISTICA E PESCA IN MARE Responsabile di settore: BANTI PAOLO Decreto non soggetto a controllo

Dettagli

CALENDARIO VENATORIO REGIONALE

CALENDARIO VENATORIO REGIONALE REGIONE BASILICATA CALENDARIO VENATORIO REGIONALE 2010-2011 D.P.G.R. n. 211 del 30.07.2010 IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE DECRETA CALENDARIO VENATORIO REGIONALE 2010-2011 VISTO l art. 18 della Legge

Dettagli

Provincia di Benevento Regolamento Provinciale per la Gestione Faunistico Venatoria del Cinghiale - BOZZA -

Provincia di Benevento Regolamento Provinciale per la Gestione Faunistico Venatoria del Cinghiale - BOZZA - Provincia di Benevento Regolamento Provinciale per la Gestione Faunistico Venatoria del Cinghiale - BOZZA - Titolo I - Parte generale Art. 1 - Finalità Il presente regolamento disciplina la gestione faunistica

Dettagli

PROVINCIA DI SIENA Area POLITICHE DELL AMBIENTE SERVIZIO RISORSE FAUNISTICHE E RISERVE NATURALI

PROVINCIA DI SIENA Area POLITICHE DELL AMBIENTE SERVIZIO RISORSE FAUNISTICHE E RISERVE NATURALI PROVINCIA DI SIENA Area POLITICHE DELL AMBIENTE SERVIZIO RISORSE FAUNISTICHE E RISERVE NATURALI REGOLAMENTO PROVINCIALE PER LA GESTIONE FAUNISTICA E VENATORIA DI CERVIDI E BOVIDI TITOLO I PRINCIPI GENERALI

Dettagli

REGIONE TOSCANA UFFICI REGIONALI GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA UFFICI REGIONALI GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA UFFICI REGIONALI GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 12-06-2017 (punto N 19 ) Delibera N 623 del 12-06-2017 Proponente MARCO REMASCHI DIREZIONE AGRICOLTURA E SVILUPPO

Dettagli

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga CAPO I

Il Consiglio regionale Assemblea legislativa della Liguria ha approvato. IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA promulga CAPO I REGIONE LIGURIA ----------- LEGGE REGIONALE 1 GIUGNO 2011 N. 12 CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LE STAGIONI 2011/2012, 2012/2013 E 2013/2014. MODIFICHE AGLI ARTICOLI 6 E 34 DELLA LEGGE REGIONALE 1 LUGLIO

Dettagli

LEGGE REGIONALE 01 Giugno 2011 n. 12

LEGGE REGIONALE 01 Giugno 2011 n. 12 LEGGE REGIONALE 01 Giugno 2011 n. 12 BOLLETTINO UFFICIALE REGIONALE 01/06/2011 n. 9 LEGGE N.12 del 2011 - Calendario venatorio regionale per le stagioni 2011/2012, 2012/2013 e 2013/2014. Modifiche agli

Dettagli

DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO SVILUPPO RURALE

DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO SVILUPPO RURALE REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE E SVILUPPO DELLE COMPETENZE AREA DI COORDINAMENTO SVILUPPO RURALE SETTORE ATTIVITA' FAUNISTICA-VENATORIA, PESCA DILETTANTISTICA,

Dettagli

SETTORE ATTIVITA' FAUNISTICO VENATORIA, PESCA DILETTANTISTICA E PESCA IN MARE

SETTORE ATTIVITA' FAUNISTICO VENATORIA, PESCA DILETTANTISTICA E PESCA IN MARE REGIONE TOSCANA DIREZIONE AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE SETTORE ATTIVITA' FAUNISTICO VENATORIA, PESCA DILETTANTISTICA E PESCA IN MARE Responsabile di settore: BANTI PAOLO Decreto non soggetto a controllo

Dettagli

PROVINCIA DI LUCCA Il Presidente della Giunta Provinciale

PROVINCIA DI LUCCA Il Presidente della Giunta Provinciale PROVINCIA DI LUCCA Il Presidente della Giunta Provinciale VISTA LA LEGGE 11 FEBBRAIO 1992 N. 157, NORME PER LA PROTEZIONE DELLA FAUNA SELVATICA OMEOTERMA E PER IL PRELIEVO VENATORIO; VISTA LA LEGGE REGIONALE

Dettagli

SETTORE ATTIVITA' FAUNISTICO VENATORIA, PESCA DILETTANTISTICA E PESCA IN MARE

SETTORE ATTIVITA' FAUNISTICO VENATORIA, PESCA DILETTANTISTICA E PESCA IN MARE REGIONE TOSCANA DIREZIONE AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE SETTORE ATTIVITA' FAUNISTICO VENATORIA, PESCA DILETTANTISTICA E PESCA IN MARE Responsabile di settore: BANTI PAOLO Decreto soggetto a controllo di

Dettagli

CALENDARIO VENATORIO REGIONE TOSCANA. Settore Attività Faunistico Venatorie 2017/2018

CALENDARIO VENATORIO REGIONE TOSCANA. Settore Attività Faunistico Venatorie 2017/2018 REGIONE TOSCANA Settore Attività Faunistico Venatorie 2017 2018 2017/2018 2017/2018 2017/2018 2017/2018 MASSA CARRARA - LUCCA - PISTOIA 2017 2018 ALLEGATO A) ALLA DELIBERA DI GIUNTA REGIONALE N. 711 DEL

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI VERONA

IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI VERONA IL PRESIDENTE DELLA PROVINCIA DI VERONA Vista la legge 11 febbraio 1992, n. 157, ed in particolare gli articoli 9 e 18 in ordine, rispettivamente, alle competenze della Provincia di materia di prelievo

Dettagli

Decreto Presidenziale

Decreto Presidenziale Istituzione dei Comuni per il governo dell area vasta Scuole, Strade e Sistemi di trasporto, Territorio e Ambiente Gestione associata di servizi e assistenza ai Comuni SERV POLITICHE RURALI Decreto Presidenziale

Dettagli

Art Stagione venatoria e giornate di caccia

Art Stagione venatoria e giornate di caccia Legge Regionale 10 giugno 2002, n. 20 Calendario venatorio e modifiche alla legge regionale 12 gennaio 1994, n. 3 (Recepimento della Legge 11 febbraio 1992, n. 157 "Norme per la protezione della fauna

Dettagli

Art.1) - L attività venatoria in Sardegna per la stagione 2010/11 è consentita secondo le disposizioni contenute nel presente decreto.

Art.1) - L attività venatoria in Sardegna per la stagione 2010/11 è consentita secondo le disposizioni contenute nel presente decreto. D E C R E T A Art.1) - L attività venatoria in Sardegna per la stagione 2010/11 è consentita secondo le disposizioni contenute nel presente decreto. Art.2) - I titolari di porto d arma per uso di caccia

Dettagli

R E G I O N E C A L A B R I A

R E G I O N E C A L A B R I A R E G I O N E C A L A B R I A ASSESSORATO AGRICOLTURA FORESTE FORESTAZIONE IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE VISTA la L.R. n 9/96; VISTA la L.R. n 1 del 11/01/2006 che all art. 12 comma 1 modifica la

Dettagli

R E G I O N E C A L A B R I A

R E G I O N E C A L A B R I A R E G I O N E C A L A B R I A ASSESSORATO AGRICOLTURA FORESTE FORESTAZIONE IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE VISTA la L.R. n 9/96; VISTA la L.R. n 1 del 11/01/2006 che all art. 12 comma 1 modifica la

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DELLA LIGURIA

CONSIGLIO REGIONALE DELLA LIGURIA CONSIGLIO REGIONALE DELLA LIGURIA PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA DEI CONSIGLIERI REGIONALI: Franco ORSI Francesco BRUZZONE Gabriele SALDO Franco ROCCA Matteo MARCENARO Giovanni MACCHIAVELLO Alessio SASO

Dettagli

ASSESSORATO DELLA DIFESA DELL AMBIENTE. D E C R E T O N 29968/DecA/44 del

ASSESSORATO DELLA DIFESA DELL AMBIENTE. D E C R E T O N 29968/DecA/44 del L Assessore D E C R E T O N 29968/DecA/44 del 23.12.2011 Oggetto: prosecuzione attività venatoria gennaio 2012. Visto Vista Vista Visto lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione;

Dettagli

Cosa cambia: cultura della sicurezza pianificazione e programmazione regionale faunistico-venatoria nuovi organismi informativi e consultivi

Cosa cambia: cultura della sicurezza pianificazione e programmazione regionale faunistico-venatoria nuovi organismi informativi e consultivi 1 Cosa cambia: cultura della sicurezza pianificazione e programmazione regionale faunistico-venatoria nuovi organismi informativi e consultivi governance regionale istituti faunistici e faunistico-venatori

Dettagli

IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROMULGA la seguente legge:

IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROMULGA la seguente legge: Leggi Regionali n 000020 del 10/06/2002 (Boll. n 13 del 19/06/2002, parte Prima, SEZIONE I ) Calendario venatorio e modifiche alla legge regionale 12 gennaio 1994, n. 3 (Recepimento della Legge 11 febbraio

Dettagli

REGIONE TOSCANA UFFICI REGIONALI GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA UFFICI REGIONALI GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA UFFICI REGIONALI GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 27-12-2017 (punto N 35 ) Delibera N 1503 del 27-12-2017 Proponente MARCO REMASCHI DIREZIONE AGRICOLTURA E SVILUPPO

Dettagli

SETTORE ATTIVITÀ FAUNISTICO VENATORIA, PESCA DILETTANTISTICA, PESCA IN MARE

SETTORE ATTIVITÀ FAUNISTICO VENATORIA, PESCA DILETTANTISTICA, PESCA IN MARE REGIONE TOSCANA DIREZIONE AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE SETTORE ATTIVITÀ FAUNISTICO VENATORIA, PESCA DILETTANTISTICA, PESCA IN MARE Il Dirigente Responsabile: BANTI PAOLO Decreto non soggetto a controllo

Dettagli

dossier CACCIA IN DEROGA normativa e giurisprudenza comunitaria statale e regionale CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO QUARTA COMMISSIONE CONSILIARE

dossier CACCIA IN DEROGA normativa e giurisprudenza comunitaria statale e regionale CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO QUARTA COMMISSIONE CONSILIARE dossier CACCIA IN DEROGA normativa e giurisprudenza comunitaria statale e regionale CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO QUARTA COMMISSIONE CONSILIARE redatto a cura della segreteria della quarta commissione

Dettagli

Caccia in deroga: le modifiche a Legge 157/92 in vigore dal 4 settembre

Caccia in deroga: le modifiche a Legge 157/92 in vigore dal 4 settembre Caccia in deroga: le modifiche a Legge 157/92 in vigore dal 4 settembre Caccia in deroga: le modifiche al Legge 157/92, in vigore già dal prossimo 4 settembre 2013, in adempimento alla normativa comunitaria.

Dettagli

CALENDARIO VENATORIO RELATIVO ALL INTERO TERRITORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2016/2017

CALENDARIO VENATORIO RELATIVO ALL INTERO TERRITORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2016/2017 ALLEGATO A CALENDARIO VENATORIO RELATIVO ALL INTERO TERRITORIO REGIONALE PER LA STAGIONE 2016/2017 L esercizio venatorio nella stagione 2016/2017, è consentito con le seguenti modalità: 1) SPECIE E PERIODI

Dettagli

A voti unanimi DELIBERA

A voti unanimi DELIBERA 32 3.9.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 35 migratoria da appostamento o per la caccia agli ungulati secondo la normativa vigente e utilizzando il sistema regionale di prenotazione

Dettagli

R E G I O N E B A S I L I C A T A

R E G I O N E B A S I L I C A T A R E G I O N E B A S I L I C A T A CALENDARIO VENATORIO REGIONALE 2007-2008 D.P.G.R. n. _168_ IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE VISTO l art. 18 della Legge n. 157 dell 11.02.1992; VISTO l art. 30 della

Dettagli

APPOSTAMENTI. Descrizione Violazione Legge e Articoli Violati Sanzioni Sequestro (Art. 60) art. 58 lettera q. L. R.T.n. 3/94. art.

APPOSTAMENTI. Descrizione Violazione Legge e Articoli Violati Sanzioni Sequestro (Art. 60) art. 58 lettera q. L. R.T.n. 3/94. art. APPOSTAMENTI Descrizione Violazione Legge e Articoli Violati Sanzioni Sequestro (Art. 60) Competenze Utilizzare, per la costruzione di L.R.T. n.20 del L. R. T. 3/94 app. temporanei, materiale 10/6/02 art.3

Dettagli

REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE

REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE REGIONE MOLISE GIUNTA REGIONALE Mod. B Atto che non comporta impegno dispesa Seduta del 20-09-2014 DELIBERAZIONE N. 447 OGGETTO: CALENDARIO E REGOLAMENTO PER LA STAGIONE VENATORIA 2014/2015. MODIFICA ARTICOLO

Dettagli

CALENDARIO VENATORIO REGIONALE L.R.

CALENDARIO VENATORIO REGIONALE L.R. CALENDARIO VENATORIO REGIONALE L.R. 10 giugno 2002 n.20 (da ultimo modificata con L R.T. del 18 giugno 2012 n. 29) Capo I - STAGIONE VENATORIA Art. 01 - Stagione venatoria e giornate di caccia 1. La stagione

Dettagli

DECRETO N Del 23/11/2016

DECRETO N Del 23/11/2016 DECRETO N. 12088 Del 23/11/2016 Identificativo Atto n. 6847 PRESIDENZA Oggetto DETERMINAZIONE IN ORDINE ALLE DISPOSIZIONI INTEGRATIVE AL CALENDARIO VENATORIO REGIONALE PER LA STAGIONE VENATORIA 2016/2017

Dettagli

OGGETTO: CALENDARIO VENATORIO INTEGRATIVO PROVINCIALE L.R. N. 26 DEL E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI.

OGGETTO: CALENDARIO VENATORIO INTEGRATIVO PROVINCIALE L.R. N. 26 DEL E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI. PROVINCIA DI VARESE integrazione CALENDARIO VENATORIO 2010-2011 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE Prot. n. 74573/12.4.1 P.V. N. 335 OGGETTO: CALENDARIO VENATORIO INTEGRATIVO PROVINCIALE 2010-2011.

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 31 08 2009 (punto N. 7 )

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 31 08 2009 (punto N. 7 ) REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 31 08 2009 (punto N. 7 ) Delibera N.727 del 31 08 2009 Proponente CLAUDIO MARTINI DIREZIONE GENERALE SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

CALENDARIO VENATORIO

CALENDARIO VENATORIO CALENDARIO VENATORIO 2010-2011 MODIFICATO in seguito all'ordinanza TAR Calabria Sezione II, 5/11/2010, n. 774. ************************************************ R E G I O N E C A L A B R I A ASSESSORATO

Dettagli

------------------------------------------------------------- LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

------------------------------------------------------------- LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Prot. n. (ABF/03/20662) ------------------------------------------------------------- LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Richiamata la Legge 11 febbraio 1992, n. 157 "Norme per la protezione della

Dettagli

AGENZIA DI STAMPA PROGETTO DI LEGGE N. 0105

AGENZIA DI STAMPA PROGETTO DI LEGGE N. 0105 AGENZIA DI STAMPA WWW.GEAPRESS.ORG - info@geapress.org REGIONE LOMBARDIA IX LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE ATTI 4856 PROGETTO DI LEGGE N. 0105 di iniziativa dei Consiglieri regionali: Pedretti, Marelli,

Dettagli

RACCOLTA DEGLI EMENDAMENTI D AULA DISEGNO DI LEGGE N. 179

RACCOLTA DEGLI EMENDAMENTI D AULA DISEGNO DI LEGGE N. 179 RACCOLTA DEGLI EMENDAMENTI D AULA al DISEGNO DI LEGGE N. 179

Dettagli

R E G I O N E C A L A B R I A

R E G I O N E C A L A B R I A R E G I O N E C A L A B R I A ASSESSORATO AGRICOLTURA FORESTE FORESTAZIONE IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE VISTA la L. n 157/92; VISTA la L.R. n 9/96; VISTA la L.R. n 1 del 11/01/2006 che all art.

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO OTTAVA LEGISLATURA PROGETTO DI LEGGE N. 5 PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa dei Consiglieri Donazzan, Coppola, Cortelazzo, Giorgetti, Teso e Zanon DISCIPLINA DEL REGIME DI DEROGA

Dettagli

Atto Dirigenziale N del 05/08/2011

Atto Dirigenziale N del 05/08/2011 Atto Dirigenziale N. 3092 del 05/08/2011 Classifica: 011.02.01 Anno 2011 (3936678) Oggetto ARTICOLO 37 L.R. 3/94- INTERVENTI DI CONTROLLO SULLA SPECIE CONIGLIO SELVATICO (ORYCTOLACUS CUNICULUS) Ufficio

Dettagli

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento della caccia al cinghiale

PROVINCIA DI ROMA. Regolamento della caccia al cinghiale PROVINCIA DI ROMA Regolamento della caccia al cinghiale Adottato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 41 del 13/09/2010 1 REGOLAMENTO DELLA CACCIA AL CINGHIALE NELLA PROVINCIA DI ROMA Art. 34

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 25-08-2015 (punto N 18 ) Delibera N 837 del 25-08-2015 Proponente MARCO REMASCHI DIREZIONE AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE Pubblicita

Dettagli

29.6.2016 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 26 DELIBERAZIONE 21 giugno 2016, n. 602

29.6.2016 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 26 DELIBERAZIONE 21 giugno 2016, n. 602 DELIBERAZIONE 21 giugno 2016, n. 602 Stagione venatoria 2016/2017. Prelievo in deroga della specie storno (Sturnus vulgaris). LA GIUNTA REGIONALE Vista la direttiva comunitaria n. 2009/147/CE del Parlamento

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 26-08-2013 (punto N 15 ) Delibera N 711 del 26-08-2013 Proponente GIANNI SALVADORI DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE

Dettagli

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO CACCIA E PESCA

REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO CACCIA E PESCA REGIONE PIEMONTE ASSESSORATO CACCIA E PESCA DISPOSIZIONI IN ORDINE ALL IMPIANTO E ALL ESERCIZIO DEGLI ALLEVAMENTI DI FAUNA SELVATICA A SCOPO DI RIPOPOLAMENTO O A SCOPO ALIMENTARE. (ART. 22 L.R. 4 SETTEMBRE

Dettagli

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO NONA LEGISLATURA

CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO NONA LEGISLATURA CONSIGLIO REGIONALE DEL VENETO NONA LEGISLATURA PROGETTO DI LEGGE N. PROPOSTA DI LEGGE d'iniziativa dei Consiglieri Caner, Stival, Cenci, Ciambetti, Baggio, Bassi, Bozza, Cappon, Conte, Corazzari, Finco,

Dettagli

10.2.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N.

10.2.2010 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. domenica di settembre e 1 febbraio - 15 marzo il prelievo è consentito per cinque giorni la settimana escluso il martedì e il venerdì.. La presente legge è pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione.

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA DIFESA DELL AMBIENTE. D E C R E T O N 9 del 03.07.2007

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA DIFESA DELL AMBIENTE. D E C R E T O N 9 del 03.07.2007 L Assessore D E C R E T O N 9 del 03.07.2007 Oggetto: Calendario venatorio 2007/08. Visto lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; Vista la legge regionale 7/1/1977, n.1 art.14;

Dettagli

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA

LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Prot. n. (ABF/08/119268) LA GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Viste: - la Legge n. 157/1992, Norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio, ed in particolare l art.

Dettagli

Decreto Deliberativo del Presidente IL PRESIDENTE. N. 102 del 18 Giugno 2015

Decreto Deliberativo del Presidente IL PRESIDENTE. N. 102 del 18 Giugno 2015 Decreto Deliberativo del Presidente N. 102 del 18 Giugno 2015 Oggetto: Modifiche al D.D.P. n. 91 del 29.05.2015 Caccia in selezione al cinghiale in provincia di Siena per la stagione venatoria 2015-2016

Dettagli

Allegato A) CALENDARI O VENATORI O

Allegato A) CALENDARI O VENATORI O Allegato A) CALENDARI O VENATORI O Annata 2015/2016 Vista la L.R. n 27 del 13.08.1998 e s.m.i.; Vista la L.R. n 12 del 29.07.2004; Visto il Decreto legge n. 7 del 31.01.2005; Visto il Piano Faunistico

Dettagli

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A

S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A S E NA T O D EL L A R EP U B B LI C A X I I I L E G I S L A T U R A N. 4262 D I S E G N O D I L E G G E d iniziativa del senatore CAMPUS COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 12 OTTOBRE 1999 Modifiche alla legge

Dettagli

ALLEGATO B ISTRUZIONI OPERATIVE SUPPLEMENTARI 1) TESSERINO REGIONALE

ALLEGATO B ISTRUZIONI OPERATIVE SUPPLEMENTARI 1) TESSERINO REGIONALE ALLEGATO B ISTRUZIONI OPERATIVE SUPPLEMENTARI 1) TESSERINO REGIONALE 1.1. I titolari di licenza di porto di fucile per uso caccia (compresi quelli residenti all estero) devono essere muniti di apposito

Dettagli

Dott.ssa Maria Cristina Benassi Servizio Territorio Rurale, Organizzazione degli Ambiti Territoriali riali di Caccia e caccia programmata

Dott.ssa Maria Cristina Benassi Servizio Territorio Rurale, Organizzazione degli Ambiti Territoriali riali di Caccia e caccia programmata LEGGE REGIONALE N. 1/2009 Calendario venatorio regionale - LR 1/09 Legge triennale: 2009/10, 2010/11, 2011/12 TRIENNALI PIACENZA PARMA 1 Calendario venatorio regionale - LR 1/09 Rapporti tra Province e

Dettagli

A relazione dell'assessore Ferrero:

A relazione dell'assessore Ferrero: REGIONE PIEMONTE BU32 11/08/2016 Deliberazione della Giunta Regionale 4 agosto 2016, n. 97-3835 Ordinanza del TAR Piemonte n. 280 del 27/07/2016. Adeguamento della DGR n. 21-3140 dell'11/04/2016 di approvazione

Dettagli

VENATORIO CALENDARIO. Per la caccia da appostamento fisso. Sintesi Normativa 1. ADDESTRAMENTO E ALLENAMENTO DEI CANI ASSESSORATO ALLA CACCIA

VENATORIO CALENDARIO. Per la caccia da appostamento fisso. Sintesi Normativa 1. ADDESTRAMENTO E ALLENAMENTO DEI CANI ASSESSORATO ALLA CACCIA CALENDARIO VENATORIO 2010-2011 Per la caccia da appostamento fisso ASSESSORATO ALLA CACCIA Sintesi Normativa L esercizio della caccia nel territorio provinciale è disciplinato dalla normativa vigente ed

Dettagli

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA DIFESA DELL AMBIENTE. D E C R E T O N 16858/DecA/47 del

REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ASSESSORATO DELLA DIFESA DELL AMBIENTE. D E C R E T O N 16858/DecA/47 del D E C R E T O N 16858/DecA/47 del 27.06.2008 Oggetto: Calendario venatorio 2008/09. Visto lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la legge regionale 7/1/1977, n.1 art.14;

Dettagli

AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE, CACCIA E PESCA POLITICHE DI PREVENZ. E CONSERVAZ. FAUNA SELVATICA DETERMINAZIONE. Estensore PETRUCCI BRUNO

AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE, CACCIA E PESCA POLITICHE DI PREVENZ. E CONSERVAZ. FAUNA SELVATICA DETERMINAZIONE. Estensore PETRUCCI BRUNO REGIONE LAZIO Direzione Regionale: Area: AGRICOLTURA E SVILUPPO RURALE, CACCIA E PESCA POLITICHE DI PREVENZ. E CONSERVAZ. FAUNA SELVATICA DETERMINAZIONE N. G09028 del 05/08/2016 Proposta n. 11874 del 04/08/2016

Dettagli

D E C R E T O N /DecA/ 18 del D E C R E T A

D E C R E T O N /DecA/ 18 del D E C R E T A L Assessore D E C R E T O N 15327 /DecA/ 18 del 30.06.2010 Oggetto: Calendario venatorio 2010/11. Visto lo Statuto Speciale per la Sardegna e le relative norme di attuazione; la legge regionale 7/1/1977,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CACCIA E LA PESCA NELL AREA CONTIGUA ALLA RISERVA NATURALE PROVINCIALE PADULE DI FUCECCHIO

REGOLAMENTO PER LA CACCIA E LA PESCA NELL AREA CONTIGUA ALLA RISERVA NATURALE PROVINCIALE PADULE DI FUCECCHIO REGOLAMENTO PER LA CACCIA E LA PESCA NELL AREA CONTIGUA ALLA RISERVA NATURALE PROVINCIALE PADULE DI FUCECCHIO Testo approvato dalla Consulta per la Riserva Naturale il 17/07/2006 Nell Area Contigua alla

Dettagli

CALENDARIO VENATORIO

CALENDARIO VENATORIO CALENDARIO VENATORIO Annata 2016/2017 Vista la L.R. n 27 del 13.08.1998 e s.m.i.; Vista la L.R. n 12 del 29.07.2004; Visto il Decreto legge n. 7 del 31.01.2005; Visto il Piano Faunistico Venatorio Regionale

Dettagli

DECRETO N Del 29/09/2016

DECRETO N Del 29/09/2016 DECRETO N. 9541 Del 29/09/2016 Identificativo Atto n. 5334 PRESIDENZA Oggetto AUTORIZZAZIONE AL PRELIEVO DI AVIFAUNA TIPICA ALPINA NEI COMPRENSORI ALPINI DI BRESCIA BRESCIA CA1 PONTE DI LEGNO, CA2 EDOLO,

Dettagli

Annata 2010/2011 ART.1. Stagione venatoria

Annata 2010/2011 ART.1. Stagione venatoria CALENDARIO VENATORIO Annata 2010/2011 Vista la L.R. n 27 del 13.08.1998; Vista la L.R. n 12 del 29.07.2004; Visto il Decreto legge n. 7 del 31.01.2005; Visto il Piano Faunistico Venatorio Regionale 2009/2014

Dettagli

PROVINCIA DI PISA. Cinghiale. Premessa

PROVINCIA DI PISA. Cinghiale. Premessa PROVINCIA DI PISA Documento sulle linee applicative del Protocollo Tecnico tra la Provincia di Pisa e l'istituto Nazionale per la Fauna Selvatica relativamente ad alcune specifiche azioni di controllo

Dettagli

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL REGIONE PUGLIA

LEGGE REGIONALE N. 20 DEL REGIONE PUGLIA LEGGE REGIONALE N. 20 DEL 15-06-1994 REGIONE PUGLIA " Norme provvisorie per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio". Fonte: BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE PUGLIA

Dettagli

APPOSTAMENTI E RICHIAMI VIVI. 6 L.R. 54/80 Recupero tassa evasa da parte della Regione

APPOSTAMENTI E RICHIAMI VIVI. 6 L.R. 54/80 Recupero tassa evasa da parte della Regione Caccia da appostamento fisso non autorizzato 59 Mancato pagamento della tassa di concessione regionale dell app.to 6 L.R. 54/80 Recupero tassa evasa da parte della Regione Accesso all app.to fisso con

Dettagli

IL DIRIGENTE DELL AREA AMBIENTE E CONSERVAZIONE DELLA NATURA RENDE NOTO

IL DIRIGENTE DELL AREA AMBIENTE E CONSERVAZIONE DELLA NATURA RENDE NOTO IL DIRIGENTE DELL AREA AMBIENTE E CONSERVAZIONE DELLA NATURA Vista la legge 11/02/1992 n. 157 recante norme per la protezione della fauna selvatica omeoterma e per il prelievo venatorio e successive modifiche

Dettagli

CALENDARI O VENATORI O

CALENDARI O VENATORI O A l l e g a t o A ) CALENDARI O VENATORI O Annata 2012/2013 Vista la L.R. n 27 del 13.08.1998 e s.m.i.; Vista la L.R. n 12 del 29.07.2004; Visto il Decreto legge n. 7 del 31.01.2005; Visto il Piano Faunistico

Dettagli

Annata 2009/2010. ART.1 Stagione venatoria

Annata 2009/2010. ART.1 Stagione venatoria A L L E G A T O A ) CALENDARIO VENATORIO Annata 2009/2010 Vista la L.R. n 27 del 13.08.1998; Vista la L.R. n 12 del 29.07.2004; Visto il Decreto legge n. 7 del 31.01.2005; Visto il Piano Faunistico Venatorio

Dettagli

Servizio Servizio Gabinetto del Presidente. Corpo di Polizia Provinciale. Protezione civile. Tutela faunistica ********* DETERMINAZIONE

Servizio Servizio Gabinetto del Presidente. Corpo di Polizia Provinciale. Protezione civile. Tutela faunistica ********* DETERMINAZIONE Servizio Servizio Gabinetto del Presidente. Corpo di Polizia Provinciale. Protezione civile. Tutela faunistica ********* DETERMINAZIONE Proposta n. SRPOLPRO 3188/2014 Determ. n. 2725 del 23/12/2014 Oggetto:

Dettagli

FORME DI CACCIA ED APPOSTAMENTI VENATORI

FORME DI CACCIA ED APPOSTAMENTI VENATORI Associazione per la difesa e la promozione della Cultura Rurale - Onlus FORME DI CACCIA ED APPOSTAMENTI VENATORI Grazie Sergio Berlato per aver risolto in via definitiva il problema degli Appostamenti

Dettagli