Olio Extravergine di Oliva CARBON FOOT PRINT EXTERNAL REPORT

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Olio Extravergine di Oliva CARBON FOOT PRINT EXTERNAL REPORT"

Transcript

1 Olio Extravergine di Oliva CARBON FOOT PRINT EXTERNAL REPORT

2 INDICE ed INFORMAZIONI 1. OLITALIA: L AZIENDA IL PRODOTTO LO STUDIO L UNITÀ FUNZIONALE ASPETTI COGENTI L ORIGINE DEL PRODOTTO LO STABILIMENTO DI CONFEZIONAMENTO CONTROLLO E QUALITÀ I CONFINI DELLO STUDIO INVENTARIO E QUALITÀ DEI DATI INTERPRETAZIONE E VALUTAZIONE DELL IMPATTO Riferimenti e contatti inerenti il presente report e studio OLITALIA S.r.l. Via A. Meucci 22/a Forlì (FC) Italy Referente: Dott.ssa SILVIA MINGIONE Tel Mail: Con la consulenza tecnico-specialistica della società EQO S.r.l. Via Barontini 18\ Bologna (BO) Italy Il presente studio è stato realizzato anche con il contributo e nell ambito del: Programma Nazionale per la Valutazione dell Impronta Ambientale Progetto co-finanziato dal Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Pagina 2 di 32 Rev. 4 del 20 Aprile 2017

3 1. OLITALIA: L AZIENDA OLITALIA Srl è un azienda guidata dalla Famiglia Cremonini, un nome che vanta oltre 50 anni di esperienza nel settore alimentare. La Famiglia Cremonini è simbolo di tradizione e qualità della gastronomia italiana in tutto il mondo, grazie all esperienza imprenditoriale ed alla grande conoscenza maturata nei più diversi settori alimentari: dalla carne all acqua minerale, dalla pizza surgelata ai fast food, dagli oli agli aceti. In quanto azienda interamente italiana, Olitalia incarna tutte le qualità positive dello stile e della cultura italiani: le relazioni tra le persone, uno stile di vita equilibrato e, soprattutto, una dieta sana e di buon gusto. I due più importanti elementi gastronomici che incarnano questi valori italiani nel mondo sono l olio extravergine di oliva e l aceto balsamico di Modena. Essendo uno dei maggiori esperti nella produzione di questi oli e aceti, Olitalia spesso agisce come ambasciatore del gusto italiano nel mondo. POSIZIONAMENTO DELL AZIENDA MERCATO ITALIA Olitalia è leader nel settore Food Service e ha realizzato una sufficiente diffusione nel mercato del largo consumo. Si impegna costantemente a diventare immagine di marca a livello nazionale sui consumatori e possiede già un identità forte a livello regionale ed interregionale. MERCATO ESTERO Olitalia è percepita come autentica azienda italiana, flessibile, innovativa, competitiva e quindi potenzialmente forte anche nel mercato delle Private Label; il marchio Olitalia rappresenta per sua natura un fattore di successo che enfatizza l italianità della compagnia, e gode di una buona diffusione nei canali del Largo Consumo, Food Service e del TV Shopping. Pagina 3 di 32 Rev. 4 del 20 Aprile 2017

4 VOCAZIONE INTERNAZIONALE I nostri prodotti sono ampiamente distribuiti in tutto il mondo. Per lavorare bene nei diversi mercati, è necessaria un approfondita conoscenza degli standard di qualità alimentare richiesta paese per paese, compresi il rispetto delle leggi e la conformità ai requisiti. Tutto ciò porta ad offrire prodotti sempre personalizzati a seconda del mercato finale. DISTRIBUZIONE IN PIU DI 120 PAESI RICERCA E SVILUPPO Ogni anno investiamo molto in innovazione: creazione di nuovi prodotti, evoluzione tecnologica delle nostre strutture, abbattimento dei consumi e dell impatto ambientale. L impegno in ricerca e sviluppo è il nostro pane quotidiano, perché crediamo sia non solo l energia innovativa che ci permette di migliorare il nostro lavoro ma anche l energia positiva che ci spinge ad essere sempre più vicini ai clienti di tutto il mondo - la vera grande famiglia OLITALIA - con soluzioni alimentari all altezza delle loro aspettative: tante, buone, di qualità e sicure. Ad oggi l azienda non è in possesso di una certificazione ISO per quanto riguarda il sistema di gestione ambientale che potrà essere un obiettivo per il prossimo futuro (2018). Pagina 4 di 32 Rev. 4 del 20 Aprile 2017

5 UNO SGUARDO RIVOLTO VERSO IL PIANETA, PARTENDO DAI DETTAGLI. La sostenibilità è un valore da vivere in modo profondo: può essere realizzata su diversi piani e a vari livelli ma la passione per la vita è il filo conduttore che anima ogni singola azione. È una responsabilità che investe ogni decisione interna all azienda, fino a diventare un valore fondante: quello di rispettare e preservare il Pianeta. L attenzione verso l ambiente e la salute dell uomo è parte del nostro modo di lavorare, ed è naturale ritrovarla nelle strategie più importanti, come nei gesti più semplici di cui ognuno di noi è protagonista. DIREZIONE INNOVAZIONE In OLITALIA, crediamo nell innovazione a 360 gradi: l innovazione nella linea di prodotti: stiamo costantemente cercando di migliorare il valore nutrizionale dei nostri prodotti, di aumentare la loro utilità nell utilizzo professionale con l impegno alla costante elaborazione di nuove linee di prodotti; l innovazione tecnologica: OLITALIA investe costantemente in miglioramento tecnologico e innovazione per aumentare la produttività e la qualità; l innovazione nei processi produttivi, per una maggiore efficienza e migliori prodotti; l innovazione nel modo di approcciare al mercato, uscendo dai soliti modelli di vendita del prodotto, per promuovere invece un programma di partnership multicanale. Questo è il modo di OLITALIA di guardare al futuro per mantenere il proprio vantaggio competitivo, tenere il passo con le tendenze del mercato e soddisfare e anticipare le esigenze dei suoi consumatori. 2. IL PRODOTTO OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA IL TRADIZIONALE Olio ottenuto dal frutto di ulivo (Olea Europea) unicamente mediante processi meccanici o altri procedimenti fisici in condizioni che non implichino alterazioni dell olio e che non abbia subito nessun trattamento diverso dalla decantazione, dalla centrifugazione e dalla filtrazione. Pagina 5 di 32 Rev. 4 del 20 Aprile 2017

6 L olio extra vergine di oliva IL TRADIZIONALE è ottenuto da olive coltivate in Spagna e Grecia. Le tipologie di imballaggio oggetto dello studio sono le seguenti: Bottiglia in vetro verde da 1 litro sigillata con capsula in alluminio dotata di salvagoccia Bottiglia in PET da 1 litro con capsula in PE OLITALIA si presenta sugli scaffali della grande distribuzione con una nuova bottiglia che contiene tre novità: il vetro scuro della bottiglia protegge l olio dalla luce e mantiene intatte tutte le sue qualità e proprietà nutrizionali; è stato studiato uno speciale design per assicurare una più facile presa e prevenire ogni rischio di scivolamento; è una soluzione amica dell ambiente: la bottiglia è realizzata con vetro riciclato dal 55% al 90%. La forma innovativa della bottiglia in PET e la sua impugnatura ergonomica assicurano praticità e la sicurezza di non sprecare nemmeno una goccia. L olio extra vergine di oliva OLITALIA è un ingrediente fondamentale per cucinare ogni giorno, sia per ricette semplici che elaborate. Un must in ogni cucina, un classico su ogni tavola. Suggerimenti in cucina L olio extra vergine di oliva OLITALIA è protagonista in cucina, compagno insostituibile nelle più diverse preparazioni, perfetto sia a crudo per insalate e maionese, sia cotto, per fritture, pietanze alla griglia e al forno, aggiunge armonia al gusto di sughi, salse, arrosti e contorni. Consigli d'uso Pagina 6 di 32 Rev. 4 del 20 Aprile 2017

7 INFORMAZIONI NUTRIZIONALI(Valori medi per 100 ml di prodotto) ENERGIA kj3367 AC. GRASSI MONOINSATURI g69 Fibre g0 kcal 819 AC. GRASSI POLINSATURI g9 Proteine g0 GRASSI g91 CARBOIDRATI g0 Sale g0 DI CUI DI CUI AC. GRASSI SATURI g13 ZUCCHERI g0 Caratteristiche chimico-fisiche Limiti secondo Regolamento CEE n.2568/91 e successive modifiche ed integrazioni Valore limite interno Panel test mediana del difetto 0 0 Panel test mediana del fruttato >0 2,5-4,5 Acidità libera (%acido oleico) Max0,8 Max0,5 Numero di perossidi (meqo2/kg olio) Max20 Max15 al confezionamento Spettrofotometria K232 Max2,50 Max2,30 al confezionamento K270 Max0,22 Max0,18 al confezionamento DK Max0,01 Max0,005 al confezionamento Composizione in acidi grassi (%) acido miristico=c14:0 (%) Max0,03 Max0,03 acido palmitico=c16:0 (%) 7,50-20,00 7,50-20,00 acidopalmitoleico=c16:1 (%) 0,30-3,50 0,30-3,50 acidoeptadecanoico=c17:0 (%) Max 0,30 Max 0,30 acidoeptadecenoico=c17:1 (%) Max0,30 Max0,30 acido stearico=c18:0 (%) 0,50-5,00 0,50-5,00 acido oleico=c18:1 (%) 55,00-83,00 55,00-83,00 acido linoleico=c18:2 (%) 3,50-21,00 3,50-21,00 acido linolenico=c18:3 (%) Max 1,00 Max 1,00 acidoarachico=c20:0 (%) Max0,60 Max0,60 acidoeicosenoico=c20:1 (%) Max0,40 Max0,40 acidobeenico=c22:0 (%) Max0,20 Max0,20 acidolignocerico=c24:0 (%) Max0,20 Max0,20 C18:1 trans (%) Max0,05 Max0,05 C18:2+C18:3 trans (%) Max0,05 Max0,05 composizione in steroli e contenuto colesterolo (%) Max0,5 Max0,5 brassicasterolo (%) Max0,1 Max0,1 campesterolo (%) Max 4,0 Max 4,0 stigmasterolo (%) <camp. <camp. beta-sitosterolo tot. (%) min93,0 min93,0 delta-7-stigmastenolo (%) Max0,5 Max0,5 steroli totali (mg/kg) min1000 min1000 eritrodiolo e uvaolo (%) Max 4,5 Max 4,5 Differenza teorico-pratica dell'ecn42 I0,2I I0,2I Cere (mg/kg) (C42+C44+C46) Max 150 Max 150 stigmastadieni (mg/kg) Max0,05 Max0,05 etilesteri (mg/kg): max20al confezionamento EEAG ( campagna ) Max 40 EEAG ( campagna ) Max 35 EEAG ( campagne successive) Max 30 Pagina 7 di 32 Rev. 4 del 20 Aprile 2017

8 2.1. Lo Studio Obiettivo del presente studio è il calcolo della CARBON FOOT PRINT (o impronta del carbonio) la quale misura il contributo specifico di un prodotto in termini di emissione di CO2eqe del relativo impatto che tali emissioni hanno sui cambiamenti climatici di origine antropica. Pertanto, lo studio eseguito si è basato sulla metodologia dell analisi del ciclo di vita, disciplinata dalle norme ISO e ISO 14044,la quale rappresenta un procedimento oggettivo di valutazione dei carichi ambientali (dalla culla alla tomba)che prevede anche la possibilità di effettuare approssimazioni, assunzioni ed esclusioni per parti di limitata significatività (cut off). Nel nostro caso la valutazione dei carichi ambientali si è limitata alle sole emissioni di gas serra (GHG) riferibili all impatto: riscaldamento globale. Nello specifico caso siamo partiti dalla piantumazione delle piante, alla produzione delle olive nelle aziende agricole fino all imbottigliamento in OLITALIA dell olio prodotto nei frantoi ed alla sua distribuzione sul mercato per concludersi con la fase di smaltimento ed eventuale recupero degli imballi. Il suddetto studio, è stato alla base della quantificazione dell impatto sul riscaldamento globale che rappresenta, come detto, il nostro scopo finale ed ha come output il presente documento quale report rivolto al consumatore al fine di informarlo sull impronta del carbonio ovvero portare alla quantificazione della CO2(anidride carbonica)emessa nel ciclo di vita del nostro prodotto espressa in kg di CO2eq. Il presente documento Carbon Foot Print External Report è stato redatto in conformità ai dettati della ISO/TS 14067:2013 prendendo a riferimento la PCR 2010:07 Virgin olive oils and its fractions L Unità Funzionale L unità funzionale è rappresentata dal sistema prodotto da utilizzare come unità di riferimento. Nell ambito di uno studio sul ciclo di vita di un prodotto ed in particolare, nel nostro caso, del suo impatto sul riscaldamento globale in termini di kg di CO2eqemessa per la sua realizzazione, utilizzo e gestione del fine vita la chiara individuazione dell unità funzionale ci permette di identificare un riferimento a cui rapportare i dati in ingresso e di uscita riferendoli nel nostro caso ad un litro di olio imballato. Per l olio extravergine di oliva è stata considerata una densità pari a 0,916 kg\litro. L unità funzionale, ovvero l unità di riferimento, utile a quantificare tutti i suddetti flussi in entrata ed in uscita dai confini del sistema è costituita nella prima ipotesi di valutazione da: Una bottiglia conformata in PET e, in una seconda ipotesi, di una bottiglia in vetro della capacità di un litro di olio extravergine d oliva identificato internamente come TRADIZIONALE ottenuto tramite una miscela di oli provenienti da Spagna e Grecia. Pagina 8 di 32 Rev. 4 del 20 Aprile 2017

9 2.3. Aspetti cogenti Di seguito si riportano i principali dettati cogenti a cui OLITALIA Srl fa riferimento in merito al prodotto oggetto dello studio: Regolamento CEE n.2568/91 e smi (caratteristiche merceologiche) Regolamento CE n.396/05 e smi (limiti previsti sui fitofarmaci) Regolamento CE n.1881/06 e smi (limiti previsti sui contaminanti) Inoltre. OLITALIA Srl, rispetta tutte le normative Comunitarie, Nazionali e locali inerenti aspetti correlati all Ambiente, alla Sicurezza Alimentare e del Lavoro oltre a quanto riferibile all uso dell Energia L origine del prodotto In merito alle aree di provenienza della materia prima ovvero dell olio extravergine di oliva da confezionare nell ambito dello studio abbiamo considerato una miscela standard denominata internamente TRADIZIONALE composta da prodotto proveniente dalla Spagna e dalla Grecia. Tale mix nell ambito dei vari lotti di produzione, di cui se ne garantisce la totale rintracciabilità, può variare di qualche punto percentuale a favore di uno o dell altro Paese ma in termini tali da non influire sui risultati di calcolo finali. Pagina 9 di 32 Rev. 4 del 20 Aprile 2017

10 3. LO STABILIMENTO di confezionamento ALCUNE CIFRE MQ totali; 7 linee di produzione; bottiglie / ora: la capacità produttiva totale; Ogni tipologia di contenitore (latta, plastica, vetro); Qualsiasi formato (0, litri). Grazie alle più recenti novità ed investimenti strutturali (reparto filtrazione, cisterne coibentate), quello di OLITALIA è oggi uno degli stabilimenti produttivi più moderni e competitivi di tutto il comparto oleario. I PUNTI DI FORZA DELLO STABILIMENTO: Stoccaggio cisterne coibentate: va a vantaggio della qualità del prodotto, in quanto ne vengono preservate tutte le proprietà organolettiche e nutrizionali. Filtrazione: oltre alle notevoli dimensioni ed alla maggiore capacità oraria (da a L/h), consiste nel fatto che il processo avviene a temperatura controllata e in uscita è in grado di analizzare il tasso di umidità dell olio, per garantire uno standard qualitativo elevato e costante. Laboratorio analisi: le analisi che vengono effettuate sull olio durante tutto il processo produttivo (dalla fase di scarico fino all imbottigliamento) sono quelle previste dalla normativa europea. Tra queste alcune determinano la genuinità dell olio quali acidi grassi, steroli, idrocarburi, differenza teorico/pratica; mentre altre analisi come acidità, perossidi, spettrofotometria, alchil esteri e panel test ne determinano la qualità e freschezza. Linee di produzione: 7 linee di produzione, dotate di sistemi di controllo automatizzati, 3 linee vetro, 3 linee pet, 1 linea latta Stoccaggio prodotto finito: oltre posti pallet, suddivisi in posti drive-in e scansie mobili compattabili. Pagina 10 di 32 Rev. 4 del 20 Aprile 2017

11 3.1. Controllo e Qualità Per OLITALIA, QUALITÀ si scrive con la MAIUSCOLA. Ci assicuriamo che tutta la nostra produzione soddisfi solo i più alti standard di qualità in ogni fase del cammino, come dimostra la nostra adozione di certificazioni di qualità più affidabili e importanti del mondo, tra cui: BRC, Global Standard for Food Safety IFS, International Food Standard UNI EN ISO 9001:2008, Quality Management System KOSHER FOOD CERTIFICATION, garantisce la conformità alle regole religiose ebraiche BIOEUROPA, certificazione di qualità biologica HALAL FOOD CERTIFICATION, garantisce la coerenza della lavorazione alla legge islamic. 4. I CONFINI dello Studio Per la definizione dei confini dello studio è stata presa a riferimento quale linea guida la PCR 2010:07 relativa al ciclo di vita dell Olio Extra Vergine di Oliva. In particolare, abbiamo suddiviso nelle fasi di Upstream, Core e Downstream i processi gestiti dallo studio garantendo la presa in carico almeno del 99% degli stessi e dei correlati impatti. CREAZIONE E COLTIVAZIONE DELL'OLIVETO TRASPORTO DEGLI INPUT ESTRAZIONE E USO DELL ACQUA MATERIALI AUSILIARI PER LA RACCOLTA COMBUSTIBILI E DELL ENERGIA ELETTRICA UTILIZZATI GESTIONE DEI RIFUTI. UPSTREAM CORE ESTRAZIONE DELL OLIO DALLE OLIVE GESTIONE DEI RIFUTI. CONSERVAZIONE DELL OLIO. TRASPORTO ALL IMPIANTO DI CONFEZIONAMENTO. CONFEZIONAMENTO DELL OLIO. PRODUZIONE DEGLI IMBALLAGGI. TRASPORTO DELLE MATERIE PRIME E INPUT ENERGETICI TRASPORTO DALLA PRODUZIONE FINALE/SITO DI STOCCAGGIO AD UNA PIATTAFORMA DI DISTRIBUZIONE GESTIONE DEI RIFIUTI USO DEL PRODOTTO (ESCLUSO) GESTIONE DEI RIFUTI DI IMBALLAGGIO/MATERIALI DOPO L USO DOWNSTREAM Pagina 11 di 32 Rev. 4 del 20 Aprile 2017

12 FASE AGRICOLA (PRODUZIONE DELLE OLIVE) Nell ambito dei processi upstream le valutazioni sono state fatte considerando un oliveto di 5 anni di età in piena produzione e si è assunta una durata massima della coltura di 30 anni. In tale fase l unità di riferimento assunta è relativa alla quantità di olive raccolte e pronte per essere trasportate al frantoio necessarie per la resa di un litro di olio extravergine di oliva. In particolare, sono state valutate le attività connesse con la preparazione del terreno, l impianto dell oliveto, le pratiche agronomiche della fase non produttiva, le attività necessarie per la conduzione dell oliveto (distribuzione di fertilizzanti e fitofarmaci, esecuzione delle potature, irrigazione, lavorazione del terreno per contenere le infestanti), infine la raccolta delle olive mediante scuotitore ed utilizzo di reti con conseguente preparazione per il trasporto al frantoio. Nell ambito dello studio, per la tipologia del prodotto di riferimento e delle relative coltivazioni d origine, non risulta necessario effettuare il calcolo delle emissioni di CO2 correlate al potenziale cambio d uso del suolo. FASE DI FRANTOIO (PRODUZIONE DELL OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA) La fase in oggetto ha visto indagare i seguenti processi: INPUT PROCESSI OUTPUT MATERIE PRIME OLIVE ACQUA ENERGIA ELETTRICA CARBURANTE (DIESEL) DETERGENTI DEFOGLIAZIONE E LAVAGGIO; MOLITURA E FRANGITURA; GRAMOLAZIONE; ESTRAZIONE; SEPARAZIONE CENTRIFUGA; TRAVASO E STOCCAGGIO. EMISSIONI ATMOSFERA (DA MEZZI DI TRASPORTO) SCARICHI IDRICI (LAVAGGI ED ACQUE DI VEGETAZIONE) RIFIUTI (FOGLIAME) SOTTOPRODOTTI (SANSA E NOCCIOLI) In dettaglio i processi sopra riportati vengono di seguito descritti. Nell ambito della descrizione non si riportano volutamente dati di quantificazione degli aspetti di interesse in quanto gli stessi sono riepilogati in specifiche tabelle all interno dell Inventario. CONFERIMENTO MATERIA PRIMA (TRASPORTO OLIVE) Il trasporto delle olive comprende le operazioni che seguono il distacco dei frutti dalla pianta: la loro sistemazione in appositi contenitori, previa o meno separazione da foglie e rametti e il conferimento al frantoio. Tale trasporto nei nostri casi è svolto con camion e trattori alimentati a gasolio. Per ottenere un olio di alta qualità è opportuno trasformare le olive immediatamente dopo la raccolta, ma spesso la capacità lavorativa del frantoio non lo consente e risulta necessario stoccarle. Lo stoccaggio delle olive in frantoio è effettuato in una zona fresca, ventilata, opportunamente ombreggiata, è lontano da fonti di cattivo odore. Pagina 12 di 32 Rev. 4 del 20 Aprile 2017

13 DEFOGLIAZIONE E LAVAGGIO Le due operazioni di defogliazione e lavaggio si effettuano in genere con la stessa macchina, che dapprima libera le olive da foglie, rametti e altri corpi estranei e successivamente provvede al lavaggio delle olive stesse. Se la defogliazione è stata effettuata in campo si procede al semplice lavaggio delle olive eliminando eventuali residui di terreno ed assicura il completo allontanamento dei fitofarmaci. L acqua nell ambito del processo di lavaggio rientra in un ciclo di quasi totale riuso/riciclo con aggiunta costante in percentuale al peso delle olive lavorate. MOLITURA E FRANGITURA La molitura è un operazione realizzata con frangitori metallici. La molitura e la frangitura influenzano in modo diverso il contenuto di sostanze fenoliche e le caratteristiche organolettiche dell olio. A parità di condizioni, la molitura con le macine di granito dà un olio meno ricco di sostanze fenoliche, quindi meno amaro e piccante e più armonico ed equilibrato, la frangitura invece, specie con il frangitore a martelli fissi, dà origine ad un olio più ricco di sostanze fenoliche e quindi più amaro e piccante, più stabile nel tempo. GRAMOLAZIONE La gramolazione della pasta di olive è un operazione necessaria per incrementare la resa di estrazione dell olio. Quando si riporta in etichetta che l olio è estratto a freddo, la temperatura di gramolazione non può superare i 27 C. Condizioni ottimali di gramolazione sono comunque tempi compresi tra 30 e 60 minuti, ad una temperatura di circa 30 C, in base alle caratteristiche delle olive lavorate. ESTRAZIONE La separazione delle fasi liquide (olio e acqua di vegetazione) e di quella solida (sansa), che costituiscono la pasta di olive, sono effettuate con i sistemi della centrifugazione. La centrifugazione è stata preferita al fine di ottenere oli con caratteristiche qualitative elevate. I moderni impianti di centrifugazione oggi disponibili consentono di modulare opportunamente le variabili tecnologiche del processo di estrazione per ottenere oli extra vergine con il contenuto di sostanze fenoliche e il profilo sensoriale desiderati, in funzione delle caratteristiche della materia prima di partenza. SEPARAZIONE CENTRIFUGA La separazione dell olio dal mosto oleoso, mediante il separatore centrifugo verticale si effettua per liberare l olio dall acqua di vegetazione e dai micro-frammenti vegetali che lo accompagnano. TRAVASO Per assicurare una buona conservazione all olio extra vergine di oliva è necessario provvedere al tempestivo allontanamento dei fondami (morchie) che si separano per decantazione nel corso della conservazione. I travasi risultano agevolati dall impiego di contenitori dotati di fondo conico che facilitano la sedimentazione del materiale in sospensione e sono muniti di apposita apertura inferiore per l allontanamento dei fondami. Pagina 13 di 32 Rev. 4 del 20 Aprile 2017

14 STOCCAGGIO Tale aspetto è valido sia per la fase di frantoio che per quella industriale interna oltre che per il trasporto dell olio presso OLITALIA Srl. L olio prodotto dai frantoi viene stoccato in appositi silos ed esportato tra cui in OLITALIA Srl per essere imbottigliato e confezionato all interno della stessa azienda, per poi venir distribuito. L olio è conservato a temperature tali da evitare sia il riscaldamento che il congelamento. FASE DI PRODUZIONE DELLE PREFORME IN PET La fase in oggetto ha visto indagare i seguenti processi: INPUT PROCESSI OUTPUT MATERIE PRIME (PET) ENERGIA ELETTRICA DISTACCANTI PER STAMPI SGRASSANTE ED ALCOOL ETILICO ACQUA RAFFREDDAMENTO ARIA COMPRESSA TRASPORTO PET; SCARICO E STOCCAGGIO PET; ESSICAZIONE PET; PLASTIFICAZIONE PET; RAFFREDDAMENTO E MOVIMENTAZIONE PREFORME; IMBALLAGGIO E SPEDIZIONE. PREFORME EMISSIONI ATMOSFERA POLVERI RIFIUTI SCARTI I processi sopra riportati vengono di seguito descritti sinteticamente. Nell ambito della descrizione non si riportano volutamente dati di quantificazione degli aspetti di interesse in quanto gli stessi sono riepilogati in specifiche tabelle all interno dell Inventario. In particolare, vengono analizzati i processi che riguardano la produzione esterna presso fornitore delle preforme acquistate da OLITALIA Srl per la realizzazione della bottiglia in PET conformata da 1 litro. La preforma in PET, meglio conosciuta come preforma, si realizza attraverso un processo di stampaggio. Il PET fuso è iniettato in uno stampo da cui si genera la preforma la quale, attraverso un ulteriore fase di lavorazione (soffiaggio), prende le sembianze della bottiglia destinata a contenere liquidi ad uso alimentare (olio). Una preforma è costituita da un finish, (o collo della bottiglia), che non viene modificato in fase di soffiaggio. Diametro e tipologia di filetto del finish sono gli elementi caratterizzanti della preforma, determinano la possibilità di avvitamento ad un tipo di tappo e l'impiego della bottiglia. Il polimero di PET, impiegato per la produzione di preforme non ha una colorazione propria è pressoché trasparente. Pagina 14 di 32 Rev. 4 del 20 Aprile 2017

15 I macro-processi relativi alla suddetta produzione sono: TRASPORTO, SCARICO E STOCCAGGIO Il Polimero viene trasportato in autocisterne o in Big Bags..Il Materiale, una volta entrato in stabilimento, viene convogliato in Silos di stoccaggio da cui viene prelevato in funzione delle esigenze produttive. ESSICAZIONE Il PET per sua natura assorbe umidità dall'atmosfera, pertanto per poter essere lavorato in modo da dare un prodotto perfetto deve subire un processo di essiccazione e di deumidificazione. Il processo consiste nel mantenere nei silo di stoccaggio collegati alla bocca di alimentazione della macchina il PET per un determinato periodo di tempo durante il quale viene riscaldato con un getto di aria calda. PLASTIFICAZIONE DEL PET Una volta essicato il PET viene convogliato attraverso una vite nella camera di iniezione. Durante questa fase il PET viene riscaldato ad una temperatura di circa 285 e subisce la fase di plastificazione passando dallo stato solido (granuli) allo stato liquido. STAMPAGGIO AD INIEZIONE Il PET viene convogliato dalla rotazione della vite in una camera di iniezione in quantità tale da riempire il totale delle cavità montate sullo stampo. Quando lo stampo si chiude, il PET fuso viene iniettato all'interno delle cavità dove entra a contatto con la matrice da cui prenderà forma solidificando. Le cavità dei punzoni si trovano a temperature notevolmente inferiori grazie a un sistema di raffreddamento che permette al PET di solidificare prima di essere espulso dallo stampo attraverso un sistema di estrattori. RAFFREDDAMENTO E MOVIMENTAZIONE DELLE PREFORME Le preforme espulse dallo stampo vengono prelevate da una mano di presa automatizzata anche essa raffreddata per completare il processo di solidificazione IMBALLAGGIO Vi è un unica tipologia di imballo, non avendo, pertanto, differenze per dimensioni e capacità, le preforme sono quindi conferite all interno di OCTABIN vengono prelevati da un sistema automatizzato di navette e stoccate in magazzino pronte per essere spedite, un sistema dinamico efficace che garantisce il pieno rispetto delle norme igieniche previste nella lavorazione di trasformazione. Attraverso un sistema automatico si provvede alla chiusura degli octabin ed a porre la relativa etichetta contenente tutti i dati del prodotto in esse contenuto. Pagina 15 di 32 Rev. 4 del 20 Aprile 2017

16 FASE INDUSTRIALE INTERNA (CONFEZIONAMENTO DELL OLIO) Per quanto riguarda le attività che vengono svolte presso lo stabilimento di OLITALIA Srl sono riportate nel seguente paragrafo le descrizioni dettagliate dei singoli processi svolti per la realizzazione finale del prodotto e la sua distribuzione. Nella seguente figura viene riportato lo schema a blocchi relativo ai processi che riguardano la produzione interna da preforme acquistate della bottiglia in PET conformata da 1 litro della miscela TRADIZIONALE. NOTA: La bottiglia in vetro da 1 litro viene invece acquistata fa fornitori esterni. Il soffiaggio ed il confezionamento delle bottiglie in PET viene condotto su 2 linee automatiche le cui fasi sono: Pagina 16 di 32 Rev. 4 del 20 Aprile 2017

17 ALIMENTAZIONE PREFORME Le preforme sono caricate sulle linee all interno di apposite tramogge e vengono avviate, attraverso appositi sistemi di trasporto, verso la macchina soffiatrice. SOFFIAGGIO PREFORME Le preforme entrano nel vano di soffiatura, dove vengono riscaldate ad opera di lampade elettriche e, successivamente, soffiate con aria compressa preventivamente filtrata, ad una pressione di 32 bar che genera una dilatazione delle stesse bloccata da uno stampo avente pareti fredde (5 C) che conferisce loro la forma definitiva. ISPEZIONE Prima di procedere alla fase di riempimento, gli imballi vengono osservati con una specifica telecamera, allo scopo di evidenziare la presenza sul fondo di eventuali ed accidentali corpi estranei e rilevarne difettosità di formatura. RIEMPIMENTO E CHIUSURA Nota: da questa fase sono introdotte anche le bottiglie in vetro. Le bottiglie entrano nella giostra di riempimento, che è stata precedentemente tarata in base alla capacità richiesta. In questa fase viene apposto il tappo in plastica (PE) per le bottiglie in PET, mentre quello per il vetro il tappo è in alluminio. Inoltre, nella bottiglia in vetro è presente salvagoccia in PE. I tappi sono contenuti in appositi contenitori e prelevati automaticamente dalla macchina. Per ridurre a livelli accettabili la possibile presenza di corpi estranei nell olio è presente un filtro a calza sostituito periodicamente come definito in apposita istruzione per la manutenzione. ETICHETTATURA Dopo la chiusura (inserimento del tappo) le bottiglie sono convogliate verso la sleeveratrice (bottiglia PET) nella quale viene applicato lo sleever di seguito termo-retratto tramite passaggio in forno, con l ausilio di vapore acqueo (110 C). Nel caso del vetro viene apposta l etichetta e successivamente tramite un marcatore a getto d inchiostro, sono stampati sull etichetta stessa il lotto e la scadenza del prodotto. Infine viene inserita la termocapsula in PVC quale finitura estetica. Pagina 17 di 32 Rev. 4 del 20 Aprile 2017

18 IMBALLAGGIO E PALLETTIZZAZIONE (IMBALLO SECONDARIO E TERZIARIO). Le bottiglie vengono separate e posizionate in vassoi di cartone contenenti le bottiglie di vetro poi confezionate con termopack oppure in wrap di cartone in quantità di 12 per confezione. Il PET è confezionato solamente in wrap di cartone. Successivamente viene applicata sulle scatole e termopack un etichetta adesiva che riporta la descrizione del prodotto contenuto ed i codici a barre che lo identificano per la rintracciabilità. I pacchi usciti dalle rispettive confezionatrici, attraverso nastri trasportatori arrivano al pallettizzatore, dove vengono ordinati, posizionati ed impilati su un bancale in legno. Dal pallettizzatore i bancali arrivano all avvolgitore, nel quale, attraverso un braccio meccanico, vengono avvolti da una pellicola di film trasparente estensibile al fine di compattare e proteggere il prodotto dagli urti e dalla polvere. Infine, viene applicata sul bancale finito un etichetta adesiva che riporta la descrizione del prodotto contenuto ed i codici a barre che lo identificano per la rintracciabilità mediante radiofrequenze. Il prodotto così confezionato viene stoccato in magazzino Inventario e qualità dei dati L analisi di inventario è il momento più importante nel quale si procede alla costruzione di un modello della realtà in grado di rappresentare nella maniera più fedele possibile tutte le interazioni tra l ambiente e le singole operazioni appartenenti ai processi produttivi di riferimento. L'analisi d'inventario comprende la raccolta dei dati ed i procedimenti di calcolo che consentono di quantificare i flussi in entrata e in uscita di un sistema di prodotto. Questi flussi in entrata e in uscita possono comprendere l'utilizzo di risorse e i rilasci nell'aria, nell'acqua e nel terreno associati al sistema. Partendo da questi dati, si possono ricavare delle interpretazioni, in relazione agli obiettivi e al campo di applicazione. L obiettivo della fase d inventario è quello di raccogliere i flussi, elementari e non, che in seguito, nella fase di valutazione dell impatto e di interpretazione, saranno tradotti prima in emissioni di gas serra e poi interpretati alla luce degli obiettivi che ci si è posti, nel nostro caso il calcolo della CFP. I dati si dividono in primari, quelli raccolti direttamente sul campo e secondari, ovvero quelli non raccolti direttamente, ma rappresentavi del settore ed ottenuti consultando testi di letteratura o banche dati. Nello studio per la composizione dei processi si è preferito utilizzare ove possibile dati primari raccolti tramite questionari da parte di OLITALIA Srl direttamente presso i produttori che operano in campo, mentre per le fasi industriali interne i dati sono stati raccolti mediante interrogazioni dei sistemi informativi interni o mediante sopralluoghi, stime calcoli e al fine di raggiungere la miglior identificazione degli aspetti per il prodotto. In seconda battuta abbiamo verificato, in caso di necessità, il dato primario tramite confronto con dati secondari ovvero prelevati da letteratura disponibile (The Extra-Virgin Olive Oil Handbook Claudio Peri Università di Milano edizione 2014) oppure da banche dati (EcoInventv3 ed EcoInventv2.2) o da studi eseguiti su prodotti analoghi o similari (Oli LCA - Evaluación de la huella de carbono de aceite de oliva). Trattandosi di dati variabili di anno in anno si è presa a riferimento la campagna olearia 2013/2014. Pagina 18 di 32 Rev. 4 del 20 Aprile 2017

19 I dati relativi alle distanze prese a riferimento per i trasporti sono stati comunicati dai produttori per le fasi di upstream e core e calcolati con il calcolatore Google Maps ed il sito per il calcolo delle distanze via mare. I dati raccolti sono stati modellizzati tramite il codice/software SimaPro (V_8.01). ANALISI DI SENSITIVITÀ DEI DATI Le principali incertezze inerenti lo studio sono riferibili alla qualità di alcuni dati alla base dei calcoli effettuati. In particolare non è stato possibili raccogliere dati primari relativamente a: Fase agricola; Produzione degli imballaggi; Tra i possibili miglioramenti è possibile identificare la raccolta dei dati presso produttori agricoli e fabbricanti di imballi primari oltre ad un affinamento di aspetti indiretti relativi ai frantoi di produzione dell olio (es. utilizzo delle biomasse, ecc.). INVENTARIO FASE AGRICOLA Pagina 19 di 32 Rev. 4 del 20 Aprile 2017

20 Aspetti per il processo di coltivazione dell'oliveto Dati su base annua (periodo ) relativi all'aspetto considerato FU = 1 ha di oliveto resa media T 8 Quantità U.M. Info Distanza trasporto Mezzo utilizzato Inputs Fertilizzanti Totale Kg/ha Km 30 Articolato T Concimazione organica all'impianto (comprende le operazioni complessive per ettaro) 333,3 Kg/ha Si interviene durante la lavorazione di preparazione (aratura) per l'impianto dell'oliveto, distribuendo circa T/ha 10 di letame proveniente da allevamenti situati nell'arco di 30 chilometri FASE DI ALLEVAMENTO dal primo al quinto anno a cadenze mensili, da marzo ad agosto, si tende a dare piccole quantità di fertilizzante a base di azoto assieme all'acqua di irrigazione per una quantità annua per ha di circa Kg 50 di azoto, Kg 20 di P2O5 e Kg 30 di K2O). Nitrato di ammonio, come N 8,8 Kg/ha Perfosfato triplo 3,3 Kg/ha Nitrato di potassio, come K2O 5,0 Kg/ha FASE PRODUTTIVA in condizioni di coltivazione standard con produzione di T/ha 6-10, solitamente sono apportati circa: Kg/ha 120 di N; Kg/ha 70 di P2O5; Kg/ha 120 di K2O. Con il ricorso anche alla concimazione organica si distribuiscono circa Kg 3,5 di letame per pianta e pertanto la dose di fertilizzante azotato di origine minerale si riduce del 30%. Nitrato di ammonio, come N 70,0 Kg/ha Perfosfato triplo 58,3 Kg/ha Nitrato di potassio, come K2O 100,0 Kg/ha Fertilizzazione organica (fertilizzante di origine animale) Irrigazione Kg/ha Si interviene alla fine del periodo invernale; la distribuzione avviene con spandiconcime centrifugo portato ed il tempo impiegato è circa di 2 ore per ettaro. Con la concimazione organica si distribuiscono circa T/ha 10 di letame. Totale m3/ha Acqua pozzo m 3 /ha Volume di adacquamento: per i primi due anni sono distribuiti circa 2 l/pianta/die nel periodo maggio - ottobre (circa 90 m3/anno in 150 gg) con turni settimanali della durata di sei giorni) (m3/ha/stagione) 3162, circa 10 litri per pianta al giorno), per la fase di produzione, distribuito nel periodo maggio-ottobre con turni settimanali della durata di sei giorni). Pagina 20 di 32 Rev. 4 del 20 Aprile 2017

21 Trattamenti fitosanitari Totale 53,1 Kg/ha Erbicidi 2,3 l/ha Per la difesa dell'oliveto vengono impiegati: prodotti anticrittogamici a base di rame Fungicidi 19,7 Kg/ha contro le malattie fungine (occhio di Olio bianco 25,8 l/ha pavone, lebbra) e gli attacchi batterici (rogna); interventi effettuati nel periodo novembre-marzo ed in fase di invaiatura; generalmente in numero di tre/anno olio bianco contro la cocciniglia insetticidi organofosforici per il controllo dei Organofosforici 5,3 Kg/ha principali insetti (mosca, tignola); sono effettuati al massimo due interventi all'anno; anche impiego di esche proteiche attivate. I trattamenti consistono in irrorazioni che impiegano sempre l'acqua come mezzo che veicola i principi attivi, con volume medio distribuito di hl 15/ha. Energia Totale Km 30 Van <3,5T Lavorazione profonda per preparazione del terreno (solo per la fase di impianto) 0,033 ha Piantumazione 0,033 ha Erpicatura 0,033 ha Utilizzo di spandiconcime centrifugo Utilizzo atomizzatore (utilizzo 6 passaggi l'anno) 1 ha 6 ha Trinciatura residui di potatura 1 ha Si effettua una lavorazione profonda dopo la rimozione degli apparati radicali delle vecchie piante e per l'interramento del letame. Impatto distribuito sull'intero ciclo di vita dell'oliveto Predisposizione delle buche per la messa a dimora delle piante Lavoro di affinamento del terreno dopo l'aratura profonda, prima della piantumazione Utilizzo per la distribuzione del concime su un ha di superficie; include consumo gasolio Utilizzo per l'irrorazione dei fitofarmaci su un ettaro di superficie; include il consumo di gasolio Operazione di trinciatura ed interramento dei residui di potatura lasciati in campo. Per quanto riguarda l'energia ed il contenuto di CO2 legato alla biomassa si considera che rimanendo in campo i residui vengano decomposti entro un breve periodo di tempo. La variazione del contenuto di sostanza organica nel terreno è trascurabile e si assume che rimanga costante nel tempo. Se i residui non venissero interrati verrebbero bruciati rilasciando CO2 e pertanto tali emissioni sarebbero da considerare. Con una potatura ordinaria annuale sono asportati circa Kg 8-10 di legno e fogliame (s.s. circa 50%) per pianta. Include il consumo di gasolio Pagina 21 di 32 Rev. 4 del 20 Aprile 2017

22 Prodotti Totale Outputs Olive 8,00 T Valutazioni fatte considerando un oliveto di 12 anni di età in piena produzione; il ciclo produttivo previsto è di 30 anni. L oliveto inizia a produrre dal quinto anno ed entra in piena produzione dal settimo anno. Resa media per tutta la durata dell'oliveto Km 50 Articolato T Rifiuti/Sottoprodotti Totale 39,0 Contenitori di fitofarmaci 39 Kg Emissioni Totale 2,32 Emissioni di NH3 dalla fertilizzazione Emissioni di N2O dalla fertilizzazione 1,53 Kg 0,79 Kg Emissioni in atm provenienti dalla fertilizzazione annuale dell'agrumeto in piena produzione, calcolate in funzione del contenuto in N dei vari prodotti impiegati per le rispettive quantità/ha Emissioni in atm provenienti dalla fertilizzazione annuale dell'agrumeto in piena produzione, calcolate in funzione del contenuto in N dei vari prodotti impiegati per le rispettive quantità/ha Pagina 22 di 32 Rev. 4 del 20 Aprile 2017

23 INVENTARIO FASE FRANTOIO L inventario per la fase frantoio è stato realizzato elaborando le evidenze raccolte attraverso i questionari relativi ai paesi da cui OLITALIA Srl si rifornisce. Di seguito è indicata la tabella con tali evidenze. PAESE SPAGNA GRECIA NOTE ENERGIA ELETTRICA Fonte Rete elettrica nazionale Rete elettrica nazionale kwh/litro extravergine 0,12 0,10 ACQUA Fonte Fornitura acqua pubblica Pozzo m 3 /litro extravergine 0,002 0,001 TRASPORTO Mezzi Mezzi commerciali a gasolio (camion e trattori) MJEQ 0,774 0,124 Tipologia Sgrassante Acqua calda / vapore/ soda MATERIALI E SOSTANZE Quantità (kg) 847 / Quantità /litro olio (kg/litro) 0,0001 / Descrizione Fogliame e biomasse Trattamento Compost Concimazione Quantità (kg/litro extravergine) 0,43 0,10 Descrizione Nocciolo ed altri scarti Quantità (kg/litro olio) 0,45 Sono considerati come sottoprodotti e venduti sul mercato (non è stata fatta alcuna allocazione visto il poco significativo valore) Descrizione Acque di lavaggio RIFIUTI Trattamento Laguna Evaporativa Suolo (fertirrigazione) Quantità per litro (m 3 /litro) 0,001 0,001 Descrizione Acque di vegetazione Trattamento Laguna Evaporativa Suolo (fertirrigazione) Quantità per litro (m 3 /litro) 0,001 0,001 Trasporto (MJEQ) 0,69 0,05 Per la Spagna è stato considerato il trasporto con camion al centro di smaltimento e per la Grecia è stato considerato il trasporto con trattore agli oliveti Pagina 23 di 32 Rev. 4 del 20 Aprile 2017

24 INVENTARIO FASE INDUSTRIALE Nell ambito dell inventario della presente fase si riportano i principali materiali e sostanze utilizzate. Energia Confezionamento PET-CARTONE kwh MJ 0,0321 Electricity, medium voltage + Import 0,0036 Da autoproduzione impianto fotovoltaico 0,022 Produzione vapore caldaia a metano Energia Confezionamento VETRO - TERMOPACK Energia Confezionamento VETRO - CARTONE kwh kwh 0,016 Electricity, medium voltage + Import 0,0018 Da autoproduzione impianto fotovoltaico 0,010 Electricity, medium voltage + Import 0,001 Da autoproduzione impianto fotovoltaico Materiale per bottiglia PET Extra vergine Valore UM 1 Litro olio extra 0,916 kg 1 bottiglia PET 0,033 kg 1 tappo 0,004 kg 1 Sleever 0,005 kg Cartone imballaggio secondario 0,02 kg TOTALE 0,978 kg Materiale per bottiglia Vetro Extra vergine in cartone Valore UM 1 Litro olio extra 0,916 kg 1 bottiglia vetro 0,46 kg 1 tappo 0,005 kg 1 termocapsula 0,008 kg 1 Etichetta 0,004 kg Cartone imballaggio secondario 0,02 kg Vassoio cartone 0,01 kg TOTALE 1,423 kg Materiale per bottiglia Vetro Extra vergine in Termopack Valore UM 1 Litro olio extra 0,916 kg 1 bottiglia vetro 0,46 kg 1 tappo 0,005 kg 1 termocapsula 0,008 kg 1 Etichetta 0,004 kg Film per termo pacco (o prendiamo il cartone o questo) 0,004 kg Vassoio cartone 0,01 kg TOTALE 1,407 kg Pagina 24 di 32 Rev. 4 del 20 Aprile 2017

25 TIPOLOGIA MATERIALE U.M. QUANTITÀ Acqua lavaggio (linea VETRO) Acqua lavaggio (linea PET) Acqua da rete pubblica kg 0,0042 Acqua da rete pubblica kg 0,002 PROCESSO DI PRE-LINEA Oil from Greece (Extra) Trasporto MJEQ 0,308 Oil from Spain (Extra) Trasporto MJEQ 1,25 Trasporto effettuato con autocisterne per i tratti su gomma associati a percorsi in nave per i tratti marittimi. Energia Elettrica Electricity, medium voltage + Import Electricity, production mix photovoltaic kwh 0,0063 0,0007 \ DISTRIBUZIONE La distribuzione del prodotto oggetto dello studio avviene sia in Italia sia in paesi esteri anche extra UE. In base ai dati relativi alla distribuzione nei vari paesi forniti da OLITALIA Srl, è stata calcolata la distanza media dalla sede alla rispettiva capitale pesandola in base alle quantità distribuite nel biennio Da questa analisi è risultata una distanza media pesata pari a 2925 km. Da uno studio effettuato a campione su alcuni trasporti effettuati risulta che tali distanze vengono coperte mediamente per il 45 % da trasporto via nave ed il restante 55 % su gomma (camion). Il peso dell Olio di extravergine di oliva e dell imballaggio è pari a 1,407 kg (imballo in termopack) per quanto riguarda quello contenuto nella bottiglia di vetro e 0,978 kg per quanto riguarda il PET. Per quanto riguarda i pesi del prodotto trasportato in riferimento alla nostra unità funzionale (1 litro di Olio Extra vergine in bottiglia) suddivisa per PET e VETRO abbiamo inserito i materiali sotto riportati i restanti sono stati considerati irrilevanti per il loro peso rapportato all unità funzionale. DISTRIBUZIONE BOTTIGLIA VETRO MJEQ 6,55 DISTRIBUZIONE BOTTIGLIA PET MJEQ 4,55 Trasporto effettuato con camion per i tratti su gomma associati a percorsi in nave per i tratti marittimi. Pagina 25 di 32 Rev. 4 del 20 Aprile 2017

26 FASE D USO E FINE VITA La fase d uso dell Olio Extravergine di Oliva è stata esclusa dalla valutazione come indicato nella PCR di riferimento, mentre è stata considerata quella relativa al fine vita dell imballaggio che conteneva il prodotto. Nello studio si è supposto che l olio venga consumato crudo e che il residuo presente nella bottiglia sia in misura irrilevante rispetto alla quantità totale del prodotto. Per poter valutare la gestione del rifiuto sono stati analizzati i documenti relativi alla Gestione dei rifiuti dell ISPRA ed altre pubblicazioni del settore per poter individuare delle percentuali di riciclaggio per le varie tipologie di imballaggio; non avendo a disposizione tali dati anche per gli altri paesi extra-eu sono stati utilizzati questi valori per quanto riguarda gli imballaggi. Nella seguente immagine viene riepilogato lo scenario di smaltimento considerato (banca dati Ecoinvent 3 dell Unione Europea - EU 27). La rimanente parte è stata destinata allo smaltimento in discarica (65,3 %) ed incenerimento (34,7%). I processi di smaltimento dei rifiuti in discarica e di incenerimento sono stati ricavati dalla banca dati Ecoinvent 3 ed Ecoinvent 2.2 e sono specifici per il materiale; per il processo di riciclo si è considerato il trasporto via gomma fino al centro di riciclaggio. Aspetto Ambientale - Energia U.M. FINE VITA (BOTTIGLIA VETRO) 0,209 MJeq. FINE VITA (BOTTIGLIA PET) 0,007 MJeq. Pagina 26 di 32 Rev. 4 del 20 Aprile 2017

27 4.2. INTERPRETAZIONE E VALUTAZIONE DELL IMPATTO I risultati della valutazione dell impatto del ciclo di vita sono stati calcolati considerando dati raccolti internamente mediante sopralluoghi e basandosi sulla produzione dal 2012 al Per il raggiungimento dell obiettivo dello studio si è presa a riferimento la norma ISO\TS e la PCR 2010:07 (Olio Extra Vergine di Oliva). Il metodo di caratterizzazione degli impatti delle sostanze ad effetto serra si basa su quanto dichiarato da Intergovernmental Panelon Climate Change (IPCC 2007) che utilizza come indicatore d impatto i kg di CO2Eq rispetto ad un orizzonte temporale di 100 anni (GWP 100 years, Global Warming Potential). Il GWP è basato su una scala relativa che confronta il gas considerato con un uguale massa di CO2, il cui GWP è per definizione paria 1. La CO2 di origine biogenica presenta valori trascurabili. La gestione e l aggiornamento dei dati ambientali riguardanti i prodotti certificati sono regolamentati da apposita procedura aziendale. Fase AGRICOLA Dal calcolo del modello descritto nell apposito studio dedicato (a cui si rimanda) a tale fase l impatto relativo al Global Warming è pari a Kg CO2eq 0,390 per chilogrammo di olive coltivato. Conoscendo la resa media per singolo paese di origine delle olive in merito alla produzione di olio a completamento dello studio LCA per la fase agricola è stato possibile calcolare l impatto relativo al Global Warming della fase agricola per litro di olio successivamente prodotto. Paese Impatto in Kg di CO2 Eq. per litro di olio prodotto Spagna 0,390*4,9 = 1,911 Grecia 0,390*5,9 = 2,301 Pagina 27 di 32 Rev. 4 del 20 Aprile 2017

28 Fase FRANTOIO I risultati della valutazione dell impatto del ciclo di vita sono stati calcolati considerando valori medi per ogni produttore suddiviso per area di provenienza e pesato in base alla percentuale del fornito approvvigionata dal paese di riferimento il tutto correlato all unità funzionale identificata (1 litro di olio extravergine di oliva). Di seguito si riporta il calcolo del contributo della fase di produzione dell olio in frantoio partendo dalla lavorazione delle olive, comprensiva dei relativi trasporti, suddividendolo per i singoli paesi di produzione. Impatto in Kg di CO2 Eq.per litro di olio prodotto Paese Trasporti (Oliveto frantoio) Frantoio Totale Spagna 0,077 0,069 0,146 Grecia 0,028 0,103 0,131 Fase Trasporto da oleificio ad OLITALIA Di seguito si riporta il calcolo del contributo della fase di approvvigionamento dell olio da parte di OLITALIA Srl considerando un mix di trasporto sia su gomma che via mare ovviamente ad eccezione dell olio italiano proveniente dalla Puglia. Paese Impatto in Kg di CO2 Eq.per litro di olio prodotto Spagna 0,112 Grecia 0,064 Pagina 28 di 32 Rev. 4 del 20 Aprile 2017

29 Fase INDUSTRIALE interna Di seguito riportiamo i dati inerenti al contributo della fase di imbottigliamento svolta in OLITALIA suddividendo il dato finale in singoli contributi per i differenti materiali e componenti richiamati nell inventario. In particolare, per l energia elettrica è stato considerato un mix energetico italiano comprensivo della quota import da Paesi produttori limitrofi. Ove il contributo è risultato di valore tale a seguito di approssimazione al terzo decimale risultava pari a zero è stato definito come trascurabile. Impact category Unit Global warming kg CO2Eeq Bottiglia PET Sagomata 0,252 Bottiglia Vetro 460 g in TERMOPACK 0,739 Bottiglia Vetro 460 g in CARTONE 0,602 Impatto per differente tipologia di packaging 0,8000 0,7000 0,6000 0,74 0,60 0,5000 0,4000 0,25 0,3000 0,2000 0,1000 0,0000 VETRO TERMOPACK VETRO CARTONE PET CARTONE Pagina 29 di 32 Rev. 4 del 20 Aprile 2017

30 Fase Trasporto per Distribuzione Per il calcolo del contributo della presente fase sono stati utilizzati i calcoli eseguiti con il contributo dell Università di Bologna prendendo a riferimento il periodo considerando che il 55% dei trasporti è effettuato via gomma ed il 45% via mare. Prodotto Impatto in Kg di CO2 Eq. 1 Litro olio extravergine di oliva in bottiglia PET 0,285 1 Litro olio extravergine di oliva in bottiglia VETRO in cartone 0,413 1 Litro olio extravergine di oliva in bottiglia VETRO in Termopack 0,409 Fase di Fine Vita Secondo il documento Gestione dei rifiuti dell ISPRA in Europa gli imballaggi di plastica e di vetro sono riciclati per una percentuale superiore al 65%; non avendo dati a disposizione è stato utilizzato anche per gli altri paesi extra-eu questo valore per quanto riguarda gli imballaggi. La rimanente parte destinata allo smaltimento è stata valutata in parte come smaltita in discarica (54%) e la rimanente destinata ad incenerimento (46%). Di seguito vengono riportati i risultati del fine vita. Prodotto Impatto in Kg di CO2 Eq. 1 Litro olio extravergine di oliva in bottiglia PET 0,023 1 Litro olio extravergine di oliva in bottiglia VETRO in cartone 0,022 1 Litro olio extravergine di oliva in bottiglia VETRO in Termopack 0,024 Pagina 30 di 32 Rev. 4 del 20 Aprile 2017

Introduzione. 02» Prodotto oggetto del report e unità funzionale

Introduzione. 02» Prodotto oggetto del report e unità funzionale » Peperoni Falde I Grigliati 01» Introduzione Questo documento è un estratto del Report relativo al calcolo dell impronta di carbonio (Carbon Footprint) di 8 prodotti orticoli surgelati a marchio Orogel,

Dettagli

Introduzione. 02» Prodotto oggetto del report e unità funzionale

Introduzione. 02» Prodotto oggetto del report e unità funzionale » Piselli Primo Fiore Finissimi 01» Introduzione Questo documento è un estratto del Report relativo al calcolo dell impronta di carbonio (Carbon Footprint) di 8 prodotti orticoli surgelati a marchio Orogel,

Dettagli

Introduzione. 02» Prodotto oggetto del report e unità funzionale

Introduzione. 02» Prodotto oggetto del report e unità funzionale » Carciofi TantoCuore in Spicchi 01» Introduzione Questo documento è un estratto del Report relativo al calcolo dell impronta di carbonio (Carbon Footprint) di 8 prodotti orticoli surgelati a marchio Orogel,

Dettagli

Introduzione. 02» Prodotto oggetto del report e unità funzionale

Introduzione. 02» Prodotto oggetto del report e unità funzionale » Cipolla Le Erbe Aromatiche 01» Introduzione Questo documento è un estratto del Report relativo al calcolo dell impronta di carbonio (Carbon Footprint) di 8 prodotti orticoli surgelati a marchio Orogel,

Dettagli

CALCOLO DELL IMPRONTA DI CARBONIO DEI VINI CANTINA DI VICOBARONE REPORT PER LA COMUNICAZIONE ESTERNA - GUTTURNIO FRIZZANTE DOC

CALCOLO DELL IMPRONTA DI CARBONIO DEI VINI CANTINA DI VICOBARONE REPORT PER LA COMUNICAZIONE ESTERNA - GUTTURNIO FRIZZANTE DOC CALCOLO DELL IMPRONTA DI CARBONIO DEI VINI PRODOTTI DALLA SOCIETÀ COOPERATIVA AGRICOLA CANTINA DI VICOBARONE - GUTTURNIO FRIZZANTE DOC - MALVASIA SECCO FRIZZANTE DOC COLLI PIACENTINI REPORT PER LA COMUNICAZIONE

Dettagli

FUNGHI DELLA URBANI TARTUFI srl FUNGHI PORCINI INTERI CONGELATI. (Boletus edulis e relativo gruppo) Fungo porcino intero congelato 500 g F60068UT

FUNGHI DELLA URBANI TARTUFI srl FUNGHI PORCINI INTERI CONGELATI. (Boletus edulis e relativo gruppo) Fungo porcino intero congelato 500 g F60068UT FUNGHI DELLA REVISIONE 03 del 07/01/2016 Pag 1 di 6 1.1 DESCRIZIONE 1.2 T.M.C. 1 CARATTERISTICHE E REQUISITI GENERALI DEL PRODOTTO Prodotto costituito da funghi appartenenti alla specie Boletus edulis

Dettagli

CARATTERISTICHE GENERALI

CARATTERISTICHE GENERALI DENOMINAZIONE DI VENDITA Olio extra vergine di oliva(miscela di oli di oliva originari dell Unione Europea - MARCHIO Big Chef - COD. INTERNO OLIOETRA10/100BIG - UNITA' DI VENDITA: Dispenser da 100 monodosi

Dettagli

Alimentarsi meglio per vivere in un mondo migliore. Carmine Correale

Alimentarsi meglio per vivere in un mondo migliore. Carmine Correale Alimentarsi meglio per vivere in un mondo migliore Carmine Correale Impatto ambientale degli alimenti La stima degli impatti ambientali associati a ogni singolo alimento è stata condotta con l analisi

Dettagli

OLITALIA SRL VIA ANTONIO MEUCCI, 22/A - FORLÌ

OLITALIA SRL VIA ANTONIO MEUCCI, 22/A - FORLÌ OLITALIA SRL VIA ANTONIO MEUCCI, 22/A - FORLÌ DICHIARAZIONE DI VERIFICA (ISO 14064-3) 30 agosto 2016 Emesso da Ufficio: Copia controllata del presente documento è solamente quella elettronica disponibile

Dettagli

INDICE ed INFORMAZIONI

INDICE ed INFORMAZIONI INDICE ed INFORMAZIONI 1. OLITALIA: L AZIENDA... 3 1.1. POSIZIONAMENTO DELL AZIENDA...3 1.2. IL PRODOTTO...5 1.3. LE CARATTERISTICHE...7 2. LO STUDIO... 7 2.1. L UNITÀ FUNZIONALE...8 2.2. ASPETTI COGENTI...8

Dettagli

2.2 Fasi della filiera olivicola

2.2 Fasi della filiera olivicola 2.2 Fasi della filiera olivicola La filiera olivicola può essere scomposta in quattro processi principali: COLTIVAZIONE GESTIONE AGRONOMICA DELL OLIVETO RACCOLTA TRASPORTO AL FRANTOIO CONSERVAZIONE OLIVE

Dettagli

OLIO EXTRA VERGINE D OLIVA D.O.P. UMBRIA prodotto da Monini S.P.A. CFP EXTERNAL COMMUNICATION REPORT in conformità alla ISO/TS 14067:13

OLIO EXTRA VERGINE D OLIVA D.O.P. UMBRIA prodotto da Monini S.P.A. CFP EXTERNAL COMMUNICATION REPORT in conformità alla ISO/TS 14067:13 CALCOLO DELLA CARBON FOOTPRINT DELL OLIO EXTRA VERGINE D OLIVA D.O.P. UMBRIA PROGRAMMA NAZIONALE PER LA VALUTAZIONE DELL IMPRONTA AMBIENTALE Progetto co-finanziato dal Ministero dell Ambiente e della Tutela

Dettagli

Olio Extravergine di Oliva CARBON FOOT PRINT EXTERNAL REPORT

Olio Extravergine di Oliva CARBON FOOT PRINT EXTERNAL REPORT Olio Extravergine di Oliva CARBON FOOT PRINT EXTERNAL REPORT INDICE ed INFORMAZIONI 1. OLITALIA: L AZIENDA... 3 2. IL PRODOTTO... 5 2.1. LO STUDIO... 8 2.2. L UNITÀ FUNZIONALE... 8 2.3. ASPETTI COGENTI...

Dettagli

OLITALIA SRL VIA ANTONIO MEUCCI, 22/A - FORLÌ

OLITALIA SRL VIA ANTONIO MEUCCI, 22/A - FORLÌ OLITALIA SRL VIA ANTONIO MEUCCI, 22/A - FORLÌ DICHIARAZIONE DI VERIFICA (ISO 14064-3) 23 febbraio 2015 Copia controllata del presente documento è solamente quella elettronica disponibile on-line sulla

Dettagli

SEMINARIO LIFE CYCLE ASSESSMENT APPLICATO ALLA PRODUZIONE SALUMI. Sedi e stabilimenti

SEMINARIO LIFE CYCLE ASSESSMENT APPLICATO ALLA PRODUZIONE SALUMI. Sedi e stabilimenti VENERDÌ 21 OTTOBRE 2011 ORE 15.00 18.00 SEMINARIO La certificazione ambientale e l etichettatura di prodotto come strumento di valorizzazione delle produzioni locali e opportunità di sviluppo professionale

Dettagli

Etichettatura dell Olio Extra Vergine di Oliva

Etichettatura dell Olio Extra Vergine di Oliva Etichettatura dell Olio Extra Vergine di Oliva PRESCRIZIONI GENERALI INDICAZIONI OBBLIGATORIE OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA (1) mediante procedimenti meccanici (2) ITALIANO oppure TOSCANO IGP oppure SEGGIANO

Dettagli

R L Y. Valori Nutrizionali. Energia (kl/kcal) ohne Nachiommastelle. Grassi (g) 1 Nachiommastelle. Grassi (g) polinsaturi 1 Nachiommastelle

R L Y. Valori Nutrizionali. Energia (kl/kcal) ohne Nachiommastelle. Grassi (g) 1 Nachiommastelle. Grassi (g) polinsaturi 1 Nachiommastelle art. E001 Denominazione art. E 001 Bottiglia: Silvia 0,25 lt "RYL" con tappo piatto in legno Olio extra vergine di oliva Italiano da Agricoltura Biologica. Aspetto e Profilo Organolettico: Colore: giallo

Dettagli

ETICHETTATURA DELL OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA DOP DEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI VITERBO

ETICHETTATURA DELL OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA DOP DEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI VITERBO ETICHETTATURA DELL OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA DOP DEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI VITERBO PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI IN MATERIA DI ETICHETTATURA DEGLI OLII DI OLIVA Regolamento UE 1308/2013, relativo

Dettagli

Progetto LIFE+ Climate ChangE-R. Buone pratiche per la riduzione dell impronta di carbonio nel settore vegetale

Progetto LIFE+ Climate ChangE-R. Buone pratiche per la riduzione dell impronta di carbonio nel settore vegetale Progetto LIFE+ Climate ChangE-R Buone pratiche per la riduzione dell impronta di carbonio nel settore vegetale Claudio Selmi, Renato Canestrale - CRPV Bologna, 15 Aprile 2016 Stima delle emissioni di gas

Dettagli

Valdigrano: una scelta naturale

Valdigrano: una scelta naturale Valdigrano: una scelta naturale Pasta biologica e biologica integrale 1 Valdigrano Valdigrano di Flavio Pagani nasce nel 1997 a Rovato, in Franciacorta, come azienda a conduzione familiare, proseguendo

Dettagli

ETICHETTATURA DELL OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA DOP DEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI VITERBO

ETICHETTATURA DELL OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA DOP DEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI VITERBO ETICHETTATURA DELL OLIO EXTRAVERGINE DI OLIVA DOP DEL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI VITERBO PRINCIPALI RIFERIMENTI NORMATIVI IN MATERIA DI ETICHETTATURA DEGLI OLII DI OLIVA Regolamento UE 1308/2013, relativo

Dettagli

SCHEDA TECNICA PRODOTTO LIMONATA Vetro Cl. 27,5 Antica Ricetta Siciliana

SCHEDA TECNICA PRODOTTO LIMONATA Vetro Cl. 27,5 Antica Ricetta Siciliana 1. DESCRIZIONE PRODOTTO 1.1 Definizione prodotto Bibita gassata analcolica con zucchero 2. CARATTERISTICHE TECNICHE 2.1 Quantità nominale 27,5 cl 2.2 Composizione: ingredienti e loro percentuale IN ETICHETTA:

Dettagli

Antica tradizione italiana. Linea Professionale

Antica tradizione italiana. Linea Professionale Antica tradizione italiana Linea Professionale 2 I Formaggi Nobili: una storia Italiana lunga 50 anni. Il nostro Caseificio nasce nel 1966 come realtà familiare, e fin dagli inizi si distingue per la forte

Dettagli

PRODOTTI DI QUALITA REGIME DI QUALITA RICONOSCIUTO DALLA REGIONE PUGLIA CON DGR N DEL 09/12/2015 AI SENSI DEL REG. (CE) N.

PRODOTTI DI QUALITA REGIME DI QUALITA RICONOSCIUTO DALLA REGIONE PUGLIA CON DGR N DEL 09/12/2015 AI SENSI DEL REG. (CE) N. PRODOTTI DI QUALITA REGIME DI QUALITA RICONOSCIUTO DALLA REGIONE PUGLIA CON DGR N. 2210 DEL 09/12/2015 AI SENSI DEL REG. (CE) N. 1305/2013 DISCIPLINARE DI PRODUZIONE Pasta 1. CAMPO DI APPLICAZIONE Il presente

Dettagli

Life CONCLUSIONI. Cycle Analisys per la valutazione economica della sostenibilità ambientale della filiera del biogas in Lombardia

Life CONCLUSIONI. Cycle Analisys per la valutazione economica della sostenibilità ambientale della filiera del biogas in Lombardia Life Cycle Analisys per la valutazione economica della sostenibilità ambientale della filiera del biogas in Lombardia COSA impatto dell intero ciclo di produzione di biogas COME quantificazione della emissioni

Dettagli

Un analisi del contributo del settore agro-alimentare alle emissioni di gas-serra

Un analisi del contributo del settore agro-alimentare alle emissioni di gas-serra Un analisi del contributo del settore agro-alimentare alle emissioni di gas-serra Parma 13 Maggio 2010 Prof. Riccardo Valentini Rete Rurale Nazionale Università degli Studi della Tuscia RIK@UNITUS.IT Gas

Dettagli

PINOLI SGUSCIATI CONFEZIONATI Lavati / sterilizzati / selezionati

PINOLI SGUSCIATI CONFEZIONATI Lavati / sterilizzati / selezionati SCHEDA PRODOTTO * Rev. 2 del 27/08/2015 Sostituisce ed annulla la revisione precedente 1. DEFINIZIONE DEL PRODOTTO Categoria: Frutta secca Nome scientifico: Pinus Gerardiana Ingredienti: 100% pinoli PINOLI

Dettagli

PRODOTTI DI QUALITA. REGIME DI QUALITA RICONOSCIUTO DALLA REGIONE PUGLIA CON DGR N del 09/12/2015 AI SENSI DEL REG. (CE) N.

PRODOTTI DI QUALITA. REGIME DI QUALITA RICONOSCIUTO DALLA REGIONE PUGLIA CON DGR N del 09/12/2015 AI SENSI DEL REG. (CE) N. PRODOTTI DI QUALITA REGIME DI QUALITA RICONOSCIUTO DALLA REGIONE PUGLIA CON DGR N. 2210 del 09/12/2015 AI SENSI DEL REG. (CE) N. 1305/2013 DISCIPLINARE DI PRODUZIONE PRODOTTI DOLCI, SALATI E BEVANDE A

Dettagli

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA

REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA REPERTORIO DELLE QUALIFICAZIONI PROFESSIONALI DELLA REGIONE CAMPANIA SETTORE ECONOMICO PROFESSIONALE 1 PRODUZIONI ALIMENTARI Processo Trasformazione e produzione di prodotti vegetali Sequenza di processo

Dettagli

2. DESCRIZIONE DELL ATTIVITA ESERCITATA

2. DESCRIZIONE DELL ATTIVITA ESERCITATA 2. DESCRIZIONE DELL ATTIVITA ESERCITATA 2.1 Descrizione del processo produttivo Per descrivere con accuratezza il processo produttivo dalla fase primaria a quella di trasformazione occorre individuare

Dettagli

BROCCOLI ROSETTE SURGELATI BIOLOGICI 4 x 2,5 Kg

BROCCOLI ROSETTE SURGELATI BIOLOGICI 4 x 2,5 Kg 1 di 4 BROCCOLI ROSETTE SURGELATI BIOLOGICI 4 x 2,5 Kg O.R.T.O. Verde S.c.a.p.a. 60019 Strada della Bruciata, 16 - Cesano di Senigallia (AN) - Italia Tel +390716608200 Fax +390716608222 www.ortoverde.eu

Dettagli

L impronta carbonica del latte e della carne bovina: uno studio per le filiere dell Emilia-Romagna

L impronta carbonica del latte e della carne bovina: uno studio per le filiere dell Emilia-Romagna CONVEGNO ambientale dei prodotti: stato dell arte e prospettive 6 Novembre 2015 Sala Tiglio 1 latte e della : uno studio per le filiere dell Emilia-Romagna Laura Valli, Aldo Dal Prà, Teresa Pacchioli,

Dettagli

Foglio1 SCHEDA TECNICA DI PRODOTTO: CONDIMENTO PER PASTA CON SARDE

Foglio1 SCHEDA TECNICA DI PRODOTTO: CONDIMENTO PER PASTA CON SARDE DESCRIZIONE Filetti di sardine deliscate in salsa verde costituita da finocchietti selvatici tritati, soffritto di cipolla, passolina e pasta di sarde salate. INGREDIENTI (in ordine decrescente per quantità)

Dettagli

6 Dichiarazione degli allergeni (se presenti anche quelli che derivano da contaminazione crociata): contiene glutine - uova

6 Dichiarazione degli allergeni (se presenti anche quelli che derivano da contaminazione crociata): contiene glutine - uova SCHEDA TECNICA Data di emissione: 07/01/2017 Rev. 0 Pag. 1 di 3 1 Denominazione di vendita: NOCCIOLINI Nocciolini neutri sing.: Sacchetto trasparente 100 gr inserito in astuccio Codice articolo: DA DEFINIRE

Dettagli

Bruno Notarnicola. Dipartimento Jonico in Sistemi giuridici ed economici del Mediterraneo Società, Ambiente, Culture Università degli Studi di Bari

Bruno Notarnicola. Dipartimento Jonico in Sistemi giuridici ed economici del Mediterraneo Società, Ambiente, Culture Università degli Studi di Bari Bruno Notarnicola Dipartimento Jonico in Sistemi giuridici ed economici del Mediterraneo Società, Ambiente, Culture Università degli Studi di Bari Iniziative per la sostenibilità delle filiere agroindustriali

Dettagli

AGRICULTURA. Il mondo vegetale alimenta l uomo. l arte alimenta l uomo

AGRICULTURA. Il mondo vegetale alimenta l uomo. l arte alimenta l uomo NUTRImentum l arte alimenta l uomo 23 aprile 2013 Marco Fabbri Presidente Ordine dei dottori agronomi e dei dottori forestali di Milano AGRICULTURA Il mondo vegetale alimenta l uomo La pianta, un sistema

Dettagli

I_O---'g;;zjg;z..e_t_to D_e_s_cr_i_z_io_n_e 1_C_o_d_i_c-,e_,----- Succo d'oliva 5 Litri PET

I_O---'g;;zjg;z..e_t_to D_e_s_cr_i_z_io_n_e 1_C_o_d_i_c-,e_,----- Succo d'oliva 5 Litri PET SPECIFICHE PRODOTTO FINITO 252 S. PF. Succo d'oliva 51t PET Rev. O 13/01/2008 Pa ina l di l I_O---'g;;zjg;z..e_t_to D_e_s_cr_i_z_io_n_e 1_C_o_d_i_c-,e_,----- I Marchio Succo d'oliva 5 Litri PET Shelflife

Dettagli

Un frantoio di tipo classico dove la pietra sposa le olive, garantisce, ancora oggi, la migliore qualità dell olio di oliva.

Un frantoio di tipo classico dove la pietra sposa le olive, garantisce, ancora oggi, la migliore qualità dell olio di oliva. Un frantoio di tipo classico dove la pietra sposa le olive, garantisce, ancora oggi, la migliore qualità dell olio di oliva. La molitura, esclusivamente a freddo di olive appena raccolte e la spremitura

Dettagli

ASPETTI AMBIENTALI DEL CICLO DI VITA DI PRODOTTI VEGETALI SURGELATI. Francesca Falconi

ASPETTI AMBIENTALI DEL CICLO DI VITA DI PRODOTTI VEGETALI SURGELATI. Francesca Falconi ASPETTI AMBIENTALI DEL CICLO DI VITA DI PRODOTTI VEGETALI SURGELATI Francesca Falconi ANALISI DEL CICLO DI VITA STUDIO DELL INTERAZIONE TRA IL CICLO DI VITA DI UN SISTEMA DI PROCESSO E L AMBIENTE PRODOTTI

Dettagli

MAIS. Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti Norme Tecniche di Coltura.

MAIS. Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti Norme Tecniche di Coltura. MAIS Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti Norme Tecniche di Coltura. SCELTA VARIETALE E MATERIALE DI MOLTIPLICAZIONE Non è

Dettagli

l antico uliveto TENUTA 100 TORRI

l antico uliveto TENUTA 100 TORRI The Accent on Taste l antico uliveto TENUTA 100 TORRI A 400 metri sul livello del mare, lungo i pendii delle dolci colline marchigiane, milletrecento ulivi producono da oltre trent'anni un Olio Extra Vergine

Dettagli

SORGO. Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti Norme Tecniche di Coltura.

SORGO. Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti Norme Tecniche di Coltura. SORGO Le indicazioni contenute nelle Norme Generali devono essere considerate preliminarmente alla lettura delle presenti Norme Tecniche di Coltura. SCELTA VARIETALE E MATERIALE DI MOLTIPLICAZIONE Non

Dettagli

Acetifici Italiani Modena. Aceto di Vino Bianco 6% Acidità

Acetifici Italiani Modena. Aceto di Vino Bianco 6% Acidità Ingredienti : Vino, antiossidante: solfiti. Caratteristiche delle materie prime: Aceto da vino proveniente da selezionate cantine italiane. Caratteristiche organolettiche del prodotto finito: Aspetto:

Dettagli

La qualità dell olio d oliva

La qualità dell olio d oliva IL MIO OLIO 20/11/2015 La qualità dell olio d oliva Gli aspetti principali che caratterizzano la qualità dell olio di oliva sono i caratteri organolettici, la stabilità all ossidazione, l assenza di contaminanti

Dettagli

Indicatori agro ecologici: bilancio dell azoto. Mattia Fumagalli

Indicatori agro ecologici: bilancio dell azoto. Mattia Fumagalli Indicatori agro ecologici: bilancio dell azoto Mattia Fumagalli Bilancio dell azoto Valutare la gestione dell azoto di una realtà aziendale Capire come l attività agricola inserita in un determinato contesto

Dettagli

La filtrazione con cartone e la qualità degli oli

La filtrazione con cartone e la qualità degli oli La filtrazione con cartone e la qualità degli oli Martina Fortini PromoFirenze, Azienda Speciale della CCIAA di Firenze IVO CAMPIONI DI OLIO DELLA CAMPAGNA OLEARIA 2013 CONFRONTO OLIO MOSTO OLIO FILTRATO

Dettagli

Corso per Tecnico Frantoiano: Contenuti e Competenze acquisite

Corso per Tecnico Frantoiano: Contenuti e Competenze acquisite Corso per Tecnico Frantoiano: Contenuti e Competenze acquisite Lezione 1: La qualità della materia prima e lo stoccaggio Presentazione Prima Giornata: Durante la prima giornata verrà introdotto dai docenti

Dettagli

Stabilizzazione, filtrazione e shelf life dell olio extra vergine di oliva

Stabilizzazione, filtrazione e shelf life dell olio extra vergine di oliva Stabilizzazione, filtrazione e shelf life dell olio extra vergine di oliva Prof. A. Parenti e Dr. L. Guerrini Università di Firenze Castelmuzio 22 ottobre 2016 Si parte dalle olive La vita TABELLA NUTRIZIONALE

Dettagli

TORINO, 5 OTTOBRE 2011

TORINO, 5 OTTOBRE 2011 TORINO, 5 OTTOBRE 2011 Gestire i rischi ambientali dalla sorgente.. alla nostra tavola Fonti di Vinadio SPA Responsabile Qualità Silvia Parola 1 Acqua sant anna: presentazione dell azienda Azienda nata

Dettagli

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti non legislativi) REGOLAMENTI

Gazzetta ufficiale dell'unione europea. (Atti non legislativi) REGOLAMENTI 1.12.2016 IT L 326/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) 2016/2095 DELLA COMMISSIONE del 26 settembre 2016 recante modifica del regolamento (CEE) n. 2568/91 relativo alle caratteristiche

Dettagli

Nome dell Azienda. Codice Unico di Azienda Agricola (CUAA) o Codice fiscale della persona fisica o della società o ente che conduce l azienda

Nome dell Azienda. Codice Unico di Azienda Agricola (CUAA) o Codice fiscale della persona fisica o della società o ente che conduce l azienda Concorso enologico internazionale La Selezione del Sindaco 2014 Premio Cifo/Città del Vino Impronte d eccellenza. Tecniche agronomiche sostenibili per una viticoltura di valore QUESTIONARIO PER LA VALUTAZIONE

Dettagli

Innovazione tecnica ed organizzativa nella filiera agroalimentare prestazionale, ambientale e di mercato. Obiettivi del progetto: Fasi del progetto:

Innovazione tecnica ed organizzativa nella filiera agroalimentare prestazionale, ambientale e di mercato. Obiettivi del progetto: Fasi del progetto: Innovazione tecnica ed organizzativa nella filiera agroalimentare per l eccellenza l prestazionale, ambientale e di mercato Obiettivi del progetto: Innovazione di prodotto per packaging Innovazione di

Dettagli

Una grande flotta. Per garantire tutta la bontà dei prodotti Nostromo dal mare alla tavola.

Una grande flotta. Per garantire tutta la bontà dei prodotti Nostromo dal mare alla tavola. PRODOTTI 2013 Una grande flotta. Per garantire tutta la bontà dei prodotti Nostromo dal mare alla tavola. Il pesce è un elemento irrinunciabile all interno di una dieta equilibrata: poche calorie, pochi

Dettagli

IL CICLO DI VITA E LA SOSTENIBILITA DELLE MATERIE PLASTICHE. Gian Luca Baldo Life Cycle Engineering Torino

IL CICLO DI VITA E LA SOSTENIBILITA DELLE MATERIE PLASTICHE. Gian Luca Baldo Life Cycle Engineering Torino IL CICLO DI VITA E LA SOSTENIBILITA DELLE MATERIE PLASTICHE Gian Luca Baldo Life Cycle Engineering Torino Baldo@studiolce.it FERRARA, 6 GENNAIO 006 Chi siamo Lo Studio Associato Life Cycle Engineering

Dettagli

SCHEDA TECNICA PRODOTTO MELOGRANO Vetro Cl. 27,5 Antica Ricetta Siciliana

SCHEDA TECNICA PRODOTTO MELOGRANO Vetro Cl. 27,5 Antica Ricetta Siciliana 1. DESCRIZIONE PRODOTTO 1.1 Definizione prodotto Bibita assata con zucchero 2. CARATTERISTICHE TECNICHE 2.1 Quantità nominale (peso o volume netto, socciolato) 27,5 cl 2.2 Composizione: inredienti e loro

Dettagli

NORMA UNI EN 295 FEBBRAIO 2013 COSA C È DI NUOVO?

NORMA UNI EN 295 FEBBRAIO 2013 COSA C È DI NUOVO? NORMA UNI EN 295 FEBBRAIO 2013 COSA C È DI NUOVO? Ing. Vincenzo D Angelo Servizio tecnico Società del Gres Cagliari 9 ottobre 2014 NORMA UNI EN 295 FEBBRAIO 2013 UNI EN 295 Parte 1: 1992 Specificazioni

Dettagli

COMUNICAZIONE DI INIZIO ATTIVITA TEMPORANEA O STAGIONALE DI FRANTOIO. Al Comune di. Il/La sottoscritto/a

COMUNICAZIONE DI INIZIO ATTIVITA TEMPORANEA O STAGIONALE DI FRANTOIO. Al Comune di. Il/La sottoscritto/a Al Responsabile SUAP Via della Pineta 117 00040 Rocca Priora RM COMUNICAZIONE DI INIZIO ATTIVITA TEMPORANEA O STAGIONALE DI FRANTOIO Al Comune di Il/La sottoscritto/a nato/a a ( ), il residente in ( )

Dettagli

REGOLAMENTO (UE) N. 493/2012 DELLA COMMISSIONE

REGOLAMENTO (UE) N. 493/2012 DELLA COMMISSIONE 12.6.2012 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 151/9 REGOLAMENTO (UE) N. 493/2012 DELLA COMMISSIONE dell'11 giugno 2012 che, a norma della direttiva 2006/66/CE del Parlamento europeo e del Consiglio,

Dettagli

Il mercato spagnolo dell olio

Il mercato spagnolo dell olio Il mercato spagnolo dell olio CONTESTO GENERALE L olio d oliva rappresenta uno dei prodotti emblematici e prestigiosi di tutto il macrosettore agroalimentare spagnolo. Inoltre la Spagna rappresenta il

Dettagli

Innovazione tecnica ed organizzativa nella filiera agroalimentare prestazionale, ambientale e di mercato. Obiettivi del progetto: Fasi del progetto:

Innovazione tecnica ed organizzativa nella filiera agroalimentare prestazionale, ambientale e di mercato. Obiettivi del progetto: Fasi del progetto: Innovazione tecnica ed organizzativa nella filiera agroalimentare per l eccellenza l prestazionale, ambientale e di mercato Obiettivi del progetto: Innovazione di prodotto per packaging Innovazione di

Dettagli

Farina di mais a basso impatto ambientale: la riduzione degli input nella filiera produttiva. Dario Sacco, Barbara Moretti, Simone Contu

Farina di mais a basso impatto ambientale: la riduzione degli input nella filiera produttiva. Dario Sacco, Barbara Moretti, Simone Contu Farina di mais a basso impatto ambientale: la riduzione degli input nella filiera produttiva. Dario Sacco, Barbara Moretti, Simone Contu Un esempio applicativo L idea Costruzione di una filiera per la

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VD11U ATTIVITÀ 10.41.10 PRODUZIONE DI OLIO DI OLIVA DA OLIVE PREVALENTEMENTE NON DI PRODUZIONE PROPRIA ATTIVITÀ 10.41.20 PRODUZIONE DI OLIO RAFFINATO O GREZZO DA SEMI OLEOSI O FRUTTI

Dettagli

UNIFICA - A.S.P.Energia STRUMENTI NORMATIVI PER LA GESTIONE SOSTENIBILE DEI PROCESSI EDILIZI

UNIFICA - A.S.P.Energia STRUMENTI NORMATIVI PER LA GESTIONE SOSTENIBILE DEI PROCESSI EDILIZI Convegno / colloquio informativo con il Management e gli Associati a cura di UNIFICA - A.S.P.Energia STRUMENTI NORMATIVI PER LA GESTIONE SOSTENIBILE DEI PROCESSI EDILIZI Maurizio Biolcati Rinaldi Dipartimento

Dettagli

Sostenibilità e prevenzione: packaging, impresa, società. Piero Perron Presidente CONAI. Milano, 21 ottobre 2010

Sostenibilità e prevenzione: packaging, impresa, società. Piero Perron Presidente CONAI. Milano, 21 ottobre 2010 Sostenibilità e prevenzione: packaging, impresa, società Piero Perron Presidente CONAI Milano, 21 ottobre 2010 1 Chi siamo L attività di prevenzione 2 Chi siamo ONAI E UN SISTEMA PRIVATO, ISTITUITO PER

Dettagli

Un azienda solida proiettata verso il futuro

Un azienda solida proiettata verso il futuro Un azienda solida proiettata verso il futuro Nata negli anni 60 dall intuito e dalla passione di Giulio Valota, l azienda ha attraversato da protagonista l evoluzione tecnica del settore, con tutte le

Dettagli

SKID PER LA COLORAZIONE DELLA BARBOTTINA

SKID PER LA COLORAZIONE DELLA BARBOTTINA PRESENTA: SKID PER LA COLORAZIONE DELLA BARBOTTINA SCHEDA TECNICA 1.1 DESCRIZIONE TECNICA Lo SKID per la colorazione a umido della barbottina è una macchina automatica, modulare, computerizzata, per il

Dettagli

Salumificio Vitali S.p.A.

Salumificio Vitali S.p.A. Salumificio Vitali S.p.A. Report di Comunicazione Esterna, Prosciutto Crudo DOP di Modena Rev. 01 Data: 06/04/2017 1 Introduzione Il Salumificio Vitali S.p.A. è un azienda nata nel 1981, con sede operativa

Dettagli

LCA (Life Cycle Assessment Analisi LCA in allevamenti suinicoli da ingrasso

LCA (Life Cycle Assessment Analisi LCA in allevamenti suinicoli da ingrasso Allevamento suinicolo sostenibile Seminario tecnico LCA (Life Cycle Assessment Analisi LCA in allevamenti suinicoli da ingrasso Laura Valli, Stefano Pignedoli (CRPA Spa) LCA Tipologia di allevamenti Azienda

Dettagli

Cosmesi sostenibile e Packaging. Il caso Giflex. 24 settembre 2015

Cosmesi sostenibile e Packaging. Il caso Giflex. 24 settembre 2015 24 settembre 2015 SOMMARIO L associazione Giflex Packaging flessibile e Sostenibilità Packaging monostrato / multistrato L efficienza delle risorse inizia dalla prevenzione Packaging flessibile nel settore

Dettagli

L ITALIA SOSTENIBILE IDEE E AZIONI PER IL FUTURO

L ITALIA SOSTENIBILE IDEE E AZIONI PER IL FUTURO L ITALIA SOSTENIBILE IDEE E AZIONI PER IL FUTURO BOLOGNA 20-21 MAGGIO 2016 C.N.R. AREA DELLA RICERCA DI BOLOGNA Agricoltura e cambiamenti climatici: l esperienza del Life+ Climate ChangE-R ROBERTA CHIARINI

Dettagli

LIFE CYCLE ASSESSMENT:

LIFE CYCLE ASSESSMENT: LIFE CYCLE ASSESSMENT: strumento che permette di valutare gli impatti ambientali associati al CICLO DI VITA di un prodotto, processo o attività, attraverso l identificazione e la quantificazione dei consumi

Dettagli

La linea di Legumi Bio Valfrutta comprende:

La linea di Legumi Bio Valfrutta comprende: ALIMENTI > FRUTTA E VERDURA 23 Marzo 2016 17:32 Valfrutta amplia la gamma bio con fagioli, ceci e lenticchie Con la nuova gamma di fagioli borlotti, ceci, lenticchie e fagioli cannellini, Valfrutta entra

Dettagli

SERVIZI PER L ECOLOGIA LE MIGLIORI SOLUZIONI PER L ECOLOGIA RACCOLTA E RECUPERO DEI MATERIALI

SERVIZI PER L ECOLOGIA LE MIGLIORI SOLUZIONI PER L ECOLOGIA RACCOLTA E RECUPERO DEI MATERIALI OSSON SERVIZI PER L ECOLOGIA LE MIGLIORI SOLUZIONI PER L ECOLOGIA RACCOLTA E RECUPERO DEI MATERIALI SERVIZIO A 360 OSSON SERVIZI PER L ECOLOGIA Gestione completa del ciclo dei rifiuti Consulenza e soluzioni

Dettagli

Mirella Di Stefano. Politiche ambientali. GRANAROLO S.p.A.

Mirella Di Stefano. Politiche ambientali. GRANAROLO S.p.A. L esperienza Granarolo La Water Footprint Roma 17 luglio 2013 Mirella Di Stefano Politiche ambientali GRANAROLO S.p.A. Agenda Granarolo in breve La sostenibilità ambientale Gli strumenti 2 Il Gruppoin

Dettagli

Manuale «Metodi di campionamento dei fertilizzanti» Parte III Esperienza aziendale Campionamento dei concimi liquidi

Manuale «Metodi di campionamento dei fertilizzanti» Parte III Esperienza aziendale Campionamento dei concimi liquidi Manuale «Metodi di campionamento dei fertilizzanti» Parte III Esperienza aziendale Campionamento dei concimi liquidi Sergio Tripodi Green Has Italia S.p.A. Laboratorio Chimico Catania 03/12/2015 1 GREEN

Dettagli

Mercoledì 3 luglio 2013

Mercoledì 3 luglio 2013 Acque Reflue di Vegetazione: situazione attuale e prospettive future Progetto RES MAR Azione di sistema H, strumenti innovativi per la governance territoriale della sostenibilità nell ambito dei cluster

Dettagli

LO SCHEMA DI VERIFICA PLASTICA SECONDA VITA

LO SCHEMA DI VERIFICA PLASTICA SECONDA VITA LO SCHEMA DI VERIFICA PLASTICA SECONDA VITA Il processo di certificazione Convegno La Certificazione della Plastica Seconda Vita: opportunità e potenzialità alla luce del Collegato Ambientale Milano, 10

Dettagli

La riduzione della produzione dei rifiuti: l esperienza di CONAI. Roberto Magnaghi Responsabile Settore Tecnico Modena, 22 novembre 2005

La riduzione della produzione dei rifiuti: l esperienza di CONAI. Roberto Magnaghi Responsabile Settore Tecnico Modena, 22 novembre 2005 La riduzione della produzione dei rifiuti: l esperienza di CONAI Roberto Magnaghi Responsabile Settore Tecnico Modena, 22 novembre 2005 La prevenzione secondo la normativa europea Le Direttive europee

Dettagli

METTIAMO TUTTO IL NOSTRO IMPEGNO PER AIUTARE IL MONDO A RISTABILIRE L EQUILIBRIO TRA L UMANITà e la natura

METTIAMO TUTTO IL NOSTRO IMPEGNO PER AIUTARE IL MONDO A RISTABILIRE L EQUILIBRIO TRA L UMANITà e la natura METTIAMO TUTTO IL NOSTRO IMPEGNO PER AIUTARE IL MONDO A RISTABILIRE L EQUILIBRIO TRA L UMANITà e la natura LAVORIAMO SULL innovazione per migliorare la vita delle persone rendendo il mondo un posto migliore

Dettagli

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE CON IL MARCHIO PSV PLASTICA SECONDA VITA

REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE CON IL MARCHIO PSV PLASTICA SECONDA VITA Pag. 1 / 7 REGOLE PARTICOLARI PER LA CERTIFICAZIONE CON IL MARCHIO PSV PLASTICA SECONDA VITA ISTITUTO ITALIANO DEI PLASTICI S.r.l. via M.U. Traiano 7 20149 Milano tel.: 02 3456021 fax: 02 3314930 e-mail:

Dettagli

Esperto in biotecnologie dei prodotti alimentari

Esperto in biotecnologie dei prodotti alimentari identificativo scheda: 34-001 stato scheda: Validata Descrizione sintetica La figura professionale ha competenze nel campo della produzione, della conservazione, del controllo di qualità, nonché della

Dettagli

CORDATO PROSCIUTTO COTTO DI ALTA QUALITÀ

CORDATO PROSCIUTTO COTTO DI ALTA QUALITÀ CORDATO PROSCIUTTO COTTO DI ALTA QUALITÀ CORDATO PROSCIUTTO COTTO DI ALTA QUALITÀ Tecniche di produzione: Per la realizzazione di un buon prosciutto cotto di alta qualità è necessario selezionare un'ottima

Dettagli

OUR POWER, YOUR SATISFACTION SETTORE OLEARIO

OUR POWER, YOUR SATISFACTION SETTORE OLEARIO OUR POWER, YOUR SATISFACTION SETTORE OLEARIO SETTORE OLEARIO L olio d oliva è uno dei prodotti a noi più familiari e di comune utilizzo posto alla base della cucina mediterranea. Le tecniche di coltivazione

Dettagli

Le biomasse nel Aldo Abenavoli. Consigliere Itabia Roma 26 Maggio 2009

Le biomasse nel Aldo Abenavoli. Consigliere Itabia Roma 26 Maggio 2009 Le biomasse nel 2020 Aldo Abenavoli Consigliere Itabia Roma 26 Maggio 2009 Position Paper 2007 Energia Primaria da biomasse al 2020: 16,5 Mtep (secondo stime di Itabia, sulla base della direttiva FER il

Dettagli

La tecnologia alimentare è la disciplina che studia i processi di conservazione e trasformazione dei prodotti alimentari

La tecnologia alimentare è la disciplina che studia i processi di conservazione e trasformazione dei prodotti alimentari Insegnamento di OPERAZIONI UNITARIE DELLA TECNOLOGIA ALIMENTARE Corso di Laurea in Scienze e Tecnologie Alimentari Lezione 1 -Introduzione La tecnologia alimentare è la disciplina che studia i processi

Dettagli

L IMPORTANZA DEL CONTROLLO DI FILIERA NEL LATTE ALIMENTARE

L IMPORTANZA DEL CONTROLLO DI FILIERA NEL LATTE ALIMENTARE L IMPORTANZA DEL CONTROLLO DI FILIERA NEL LATTE ALIMENTARE Dott. Olindo Mazzotti Centrale del Latte di Torino & C. S.p.A. Unità Operativa CLR Latte Tigullio GENOVA PALAZZO DUCALE, 5 NOVEMBRE 2014 IL LATTE

Dettagli

L OLIO D OLIVA. Andrea Domenichini Classe V A Chimica Anno scolastico 2006/2007. Istituto d Istruzione d G.Ferraris F.Brunelleschi

L OLIO D OLIVA. Andrea Domenichini Classe V A Chimica Anno scolastico 2006/2007. Istituto d Istruzione d G.Ferraris F.Brunelleschi L OLIO D OLIVA Istituto d Istruzione d Superiore G.Ferraris F.Brunelleschi Andrea Domenichini Classe V A Chimica Anno scolastico 2006/2007 Storia dell olio d olivad 8000 anni fa l ulivo l veniva già coltivato

Dettagli

La Nef s.p.a Via Edison, Osimo (An) Tel Fax

La Nef s.p.a Via Edison, Osimo (An) Tel Fax Nome del Prodotto RITAGLI DI SALMONE AFFUMICATO (SALMO SALAR) SOTTOVUOTO 500gr Marca / Nome Peso IN CUCINA RITAGLI 500 gr (packaging escluso) Paese di origine Norvegia Durata del prodotto 46 GIORNI Temperatura

Dettagli

STUDIO DI SETTORE SD11U ATTIVITÀ FABBRICAZIONE DI OLIO DI OLIVA GREZZO ATTIVITÀ FABBRICAZIONE DI OLI DA SEMI OLEOSI

STUDIO DI SETTORE SD11U ATTIVITÀ FABBRICAZIONE DI OLIO DI OLIVA GREZZO ATTIVITÀ FABBRICAZIONE DI OLI DA SEMI OLEOSI STUDIO DI SETTORE SD11U ATTIVITÀ 15.41.1 - FABBRICAZIONE DI OLIO DI OLIVA GREZZO ATTIVITÀ 15.41.2 - FABBRICAZIONE DI OLI DA SEMI OLEOSI GREZZI ATTIVITÀ 15.42.1 - FABBRICAZIONE DI OLIO DI OLIVA RAFFINATO

Dettagli

CONSORZIO DI TUTELA DELL OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA VENETO D.O.P.

CONSORZIO DI TUTELA DELL OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA VENETO D.O.P. CONSORZIO DI TUTELA DELL OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA VENETO D.O.P. OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA Reg. CE 510/06 VENETO VALPOLICELLA VENETO EUGANEI E BERICI VENETO DEL GRAPPA OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA VENETO

Dettagli

Gli oli extra vergini toscano, umbro e ligure rappresentano meno del 3% della produzione. La differenza tra provenienza e imbottigliamento

Gli oli extra vergini toscano, umbro e ligure rappresentano meno del 3% della produzione. La differenza tra provenienza e imbottigliamento DA: IL FATTO ALIMENTARE 27 maggio 2013 Gli oli extra vergini toscano, umbro e ligure rappresentano meno del 3% della produzione. La differenza tra provenienza e imbottigliamento Il 90% dell extra vergine

Dettagli

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA DELLA COMUNITÀ EUROPEA

OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA DELLA COMUNITÀ EUROPEA OLIO EXTRA VERGINE DI OLIVA DELLA COMUNITÀ EUROPEA DESCRIZIONE Olio di oliva di categoria superiore ottenuto direttamente dalle olive e unicamente mediante procedimenti meccanici. (Rif. Reg. UE N. 29/2012).

Dettagli

OLIO VERGINE D OLIVA. Le sostanze fenoliche. Punti fondamentali legati all'ottenimento di un prodotto di alta qualità sono i seguenti:

OLIO VERGINE D OLIVA. Le sostanze fenoliche. Punti fondamentali legati all'ottenimento di un prodotto di alta qualità sono i seguenti: ASSESSORATO REGIONALE AGRICOLTURA E FORESTE DISTRETTO ETNA Giuseppe Pennino Unità Operativa 44 - Catania OLIO VERGINE D OLIVA L influenza della tecnologia di lavorazione delle olive sulle caratteristiche

Dettagli

IL CONTRIBUTO DELLA PRODUZIONE INTEGRATA ALLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS CLIMALTERANTI IN EMILIA-ROMAGNA

IL CONTRIBUTO DELLA PRODUZIONE INTEGRATA ALLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS CLIMALTERANTI IN EMILIA-ROMAGNA IL CONTRIBUTO DELLA PRODUZIONE INTEGRATA ALLA RIDUZIONE DELLE EMISSIONI DI GAS CLIMALTERANTI IN EMILIA-ROMAGNA Carlo Malavolta & Teresa Schipani DG Agricoltura - Reg.Emilia-Romagna Convegno L agricoltura

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DEGLI OLI CLASSIFICAZIONE DEGLI OLI

CLASSIFICAZIONE DEGLI OLI CLASSIFICAZIONE DEGLI OLI 1 Campagna finanziata con il contributo della Comunità Europea e dell Italia REG. CE 867/08 1220/11 CLASSIFICAZIONE DEGLI OLI CLASSIFICAZIONE DEGLI OLI 1. OLIO DI OLIVA VERGINI 1. Olio extra vergine di

Dettagli

Le emissioni di gas serra nell industria agroalimentare

Le emissioni di gas serra nell industria agroalimentare FIERAGRICOLA VERONA BIOENERGY EXPO 4 febbraio 2010 ENERGIA RINNOVABILE ED EMISSIONI: CERTIFICARE PER UN AMBIENTE MIGLIORE Le emissioni di gas serra nell industria agroalimentare Ing. Francesco Zepparelli

Dettagli

Linee guida per l etichettatura dei prodotti biologici

Linee guida per l etichettatura dei prodotti biologici Linee guida per l etichettatura dei prodotti biologici 01 Introduzione Il presente documento costituisce una linea guida sintetica sull etichettatura e l indicazione del metodo di produzione biologico

Dettagli

Non bisogna lasciarsi ingannare dalle raffigurazioni riportate in etichetta.

Non bisogna lasciarsi ingannare dalle raffigurazioni riportate in etichetta. L ETICHETTA L insieme delle informazioni dell etichettatura sono riportate non solo sull etichettatura apposta sul prodotto, ma anche sull imballaggio o sul dispositivo di chiusura. Tutte le indicazioni

Dettagli

Acetifici Italiani Modena. Crema con Aceto Balsamico di Modena IGP (39%)

Acetifici Italiani Modena. Crema con Aceto Balsamico di Modena IGP (39%) COMPOSIZIONE Ingredienti : Mosto d'uva cotto, ''Aceto Balsamico di Modena IGP'' 39% (Aceto di Vino, mosto d'uva concentrato, mosto d'uva cotto, colorante caramello E 150d), Aceto di vino, Addensanti: Gomma

Dettagli

Comunicare le qualità dell olio extravergine di oliva attraverso l etichetta. Roma 28 settembre 2016

Comunicare le qualità dell olio extravergine di oliva attraverso l etichetta. Roma 28 settembre 2016 Comunicare le qualità dell olio extravergine di oliva attraverso l etichetta Roma 28 settembre 2016 1 Il concetto di qualità ha varie declinazioni: Qualità è la tutela dell origine del prodotto Qualità

Dettagli