GÉNOVA, ENCRUCIJADA DE GENTES MUSULMANAS DURANTE LOS SIGLOS XV-XVII

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GÉNOVA, ENCRUCIJADA DE GENTES MUSULMANAS DURANTE LOS SIGLOS XV-XVII"

Transcript

1 Recibido: 4 de junio de 2009 /Aceptado: 27 de septiembre de 2009 GÉNOVA, ENCRUCIJADA DE GENTES MUSULMANAS DURANTE LOS SIGLOS XV-XVII Graziella Galliano Universidad de Génova RESUMEN En estos últimos tiempos se ha encendido el debate sobre la construcción de una nueva mezquita en Génova, donde la inmigración musulmana ha asumido dimensiones destacadas. Se propone reconstruir algunos momentos de las relaciones entre genoveses y musulmanes durante los siglos caracterizados por intensos intercambios. Palabras clave: Génova, mezquita, relaciones genoveses y musulmanes. GENOA, CROSSROADS OF MOSLEM PEOPLES DURING THE CENTURIES XV-XVII ABSTRACT In the last years heated argument on the building new mosque in Genoa, because the Muslim immigration has assumed big proportion. The goal of this article is to re-visit the period of the intense changes between Genoese and Muslims. Key words: Genoa, mosque, changes between Genoese and Muslims. Revista de Estudios Colombinos. Junio de 2010 (nº 6), pp

2 26 G r a z i e l l a G a l l i a n o INTRODUCCIÓN Génova, como probablemente indica su origen etimológico (Ianua es decir «puerta»), se jacta de una larga tradición multicultural y multireligiosa, como lo atestiguan las diversas sedes de culto de varias confesiones religiosas construidas en la enmarañada red urbana de la ciudad, que remontan a su favorable posición geográfica y a su rica historia, siendo una ciudad abierta al mar y por lo tanto siempre propensa al encuentro con otras realidades. En estos últimos tiempos se ha encendido enormemente el debate sobre la construcción de una nueva mezquita en el territorio del Municipio de Génova, porque se trata de una ciudad tradicionalmente sedienta de espacios por su particular configuración morfológica, pero como en muchas otras ciudades europeas la inmigración musulmana ha asumido dimensiones destacadas, tanto que el Islam ya es la segunda religión en Italia por el número de miembros y por lo tanto necesita nuevos lugares de culto urgentemente. En esta sede se propone reconstruir algunos momentos de las relaciones entre genoveses y musulmanes, señalando los documentos relativos a lugares de culto musulmanes durante los siglos caracterizados por intensos intercambios, a modo de conclusión del Año Europeo del Diálogo Intercultural (2008), que además fue animado por diversas manifestaciones aprobadas en la capital ligur. REPRESENTACIONES ENTRE ARTE Y GEOGRAFÍA La construcción de una nueva mezquita en Génova ha despertado un gran interés entre quienes han sostenido la importancia sociocultural, más allá de la función religiosa, y quienes en cambio se han opuesto firmemente aduciendo las observaciones usuales para limitar la islamización del territorio, sobre todo por el temor a movimientos terroristas. En el imaginario colectivo, durante julio del 2008 despertó gran curiosidad la señalización de la existencia de un edificio para el culto musulmán en el puerto de Génova, documentada por un cuadro del seiscientos de autor anónimo perteneciente a un desconocido coleccionista genovés. En el diseño la imagen dominante es la dársena de las galeras, custodiada en el adyacente espacio marino de forma cuadrada, hoy todavía utilizado por las embarcaciones; sobre el lado del mar está representado un edificio dominado por una cúpula de forma redondeada, dotado de un pequeño balcón con una persona que se asoma sobre la plaza de abajo. El Prof. Alireza Nazer Eslami, docente de arte y arquitectura musulmana en la Facultad de Arquitectura del Ateneo genovés, reconoce un alminar con su almuédano y una mezquita, y en el edificio cercano con torre los conocidos baños para las necesidades higiénicas de los practicantes; además, los pequeños grupos de dos o tres personas que animan el cuadro vestirían trajes de tipo oriental 1. Ya en el 2000, el Prof. Alireza Nazer Eslami insertó una bellísima reproducción del cuadro en la cubierta de su volumen Génova y el Mediterráneo. Los reflejos de ultramar sobre la cultura artística y la arquitectura del espacio urbano XII-XVII 2, reproducidos al lado en un trozo de un carta topográfica anónima conservada en el archivo de Estado de Génova, referente al topónimo «Moschea» (Mezquita) 3. El cuadro anónimo del seiscientos ha sido utilizado para ilustrar otras cubiertas de libros 4 y sin duda merece particular atención por su originalidad, puesto que la producción iconográfica de la ciudad de Génova, aún siendo suficientemente rica a partir del siglo XIV en adelante, presenta diversos aspectos repetitivos y descuida, al estado actual de los conocimientos, este ángulo del muelle de la dársena. El diseño tan detallado no resultaría en otras obras del seiscientos y representa un momento bastante significativo de las numerosas intervenciones cumplidas en el puerto de Génova 1 Una reproducción del cuadro y una entrevista al Prof. Alireza Naser Eslami fueron publicadas en el periódico «La República», Génova, 24 de diciembre de 2008, p. II. 2 Con el prefacio de Maurice Cerasi, para los ejemplares de De Ferrari editor en Génova. 3 La primera constituye la parte superior de la ilustración VIII, la parte inferior una ampliación focalizada sobre el «muezzin». Igualmente, la reproducción de la planimetría constituye la parte superior de la ilustración VII, la parte inferior una ampliación dell detalle con el topónimo «Moschea» (Mezquita). 4 Como por ejemplo el de Luisa Piccinno, citado en la bibliografía.

3 para mejorar su capacidad receptiva, como se precisará en esta sede. GÉNOVA ENCRUCIJADA DE GENTES En la obra citada precedentemente Alireza Naser Eslami ha reconstruido los espacios y los lugares de los «sarracenos» y de los «orientales» en Génova, partiendo del análisis de Michel Balard: «i genovesi riuscirono ad estendere le proprie rotte dal Mar Nero all Atlantico, dal Maghreb alle acque inglesi; altresì, essi riuscirono a trovare, attraverso l intervento nella creazione di città come Famagosta, Pera, Caffa, Chio, di quartieri di Siviglia, Cordova, Granada, Malaga, il modo di riprodurre in ogni parte di quel mondo medievale e successivo molte piccole «città di Genova». Senza dubbio questo fu possibile in parte anche grazie alla presenza di numerose etnie, provenienti proprio da queste aree geografiche, che proprio in Genova conducevano la loro vita quotidiana, i loro affari, o i loro soggiorni provvisori. Pur consapevoli dei problemi che potevano esserci, con questa situazione la città ospita stranieri e forestieri di ogni sorta: conquista in questo modo il titolo di città cosmopolita e multietnica, caratteristica indispensabile e causa prima dell apertura internazionale che consentì ai genovesi di espandersi per il mondo. Questo carattere particolare della quotidianità genovese, portò conseguentemente, ad entrare in stretto e costante rapporto con la lingua, i costumi e le abitudini di popoli stranieri» (NASER ESLAMI, pp ). El docente iraní continúa: «In quanto punto d incontro fra diverse vie di comunicazione e rotte commerciali, sia terrestri che marittime, risulta costante e radicato da molto tempo nella città, non solo l afflusso di merci ed i conseguenti capitali, ma anche di uomini, di forestieri, diversificati nei loro ruoli sociali: commercianti, bancari, esuli, schiavi, artigiani, artisti, etc.. Questa affluenza straniera è senza dubbio favorita dalla più volte rimarcata posizione favorevole di Genova, strategica sia via terra (ottimo ponte fra essa, la pianura padana e l Oriente), sia in virtù di un porto efficientissimo: questo articolava eccellentemente i movimenti e l intensità degli scambi, non solo economici, ma anche politici, intellettuali e culturali, sviluppando relativi spazi d incontro. La città risulta perciò, sotto il profilo produttivo, un perfetto «habitat» anche per i gruppi etnici contraddistinti da un carattere religioso particolarmente problematico. È noto che, per il loro spirito di tolleranza religiosa ed apertura, i Genovesi favorissero l afflusso dì minoranze quali i mussulmani, gli ebrei, gli armeni o gli albigesi».«questa vasta tipologia risulta infine un intricato e complesso punto d incontro nella città, che solo determinati accordi politici riescono a controllare efficientemente. Se mercanti e banchieri costituiscono l aspetto più evidente ed importante del successo genovese, all afflusso di merci e capitali in Genova è da attribuirsi anche tutta un altra realtà apparentemente minima. In relazione alle migrazioni di forestieri, bisogna infatti non trascurare tutta quella fittissima rete di attività minori, ma indispensabili all economia genovese, che costituiscono gli insostituibili anelli della catena di distribuzione dei prodotti, soprattutto nel campo artigianale» (Ibidem, pp ). Alireza Naser Islami precisa por lo tanto que «Fra le varie «materie» di scambio, quella degli schiavi era senza dubbio molto importante. A tal punto, che proprio in questi traffici possiamo ritrovare la causa di una forte e costante presenza a Genova di stranieri, fino al loro frequente radicamento. La mano d opera servile aveva infatti un utilizzo diffuso e differenziato, coprendo le esigenze in molti campi e livelli sociali. Questa serviva per le attività artigianali, per le coltivazioni degli orti e delle ville, ma anche nelle abitazioni, per faccende domestiche o per conferire autorità e prestigio nelle famiglie altolocate e nobiliari» (Ibidem, p. 90). LA ESTRUCTURA DEL PUERTO ANTIGUO En un volumen cuya cubierta presenta una bellísima reproducción del cuadro mencionado, con un precioso ángulo mayor de la visual, la estudiosa Laura Piccinno después de haber lamentado la fragmentación de la historiografía relativa a los puertos del Mediterráneo, pone en evidencia «Ricostruzioni urbanistiche, iconografie, descrizioni letterarie, permettono di seguire passo per passo la trasformazione del bacino che, da protetta insenatura naturale, diventa una struttura relativamente moderna ed efficiente, e capace quindi di accogliere al suo interno, nella prima metà del Seicento, circa millecinquecento navi all anno aventi una portata compresa tra 12 e 71,5 tonnellate». «I primi progressi di costruzione del molo vecchio risalgono al 1133, ma notizie certe sulla sua esistenza si hanno solo a partire dal 1138, quando venne istituita una tassa per ripararlo dai danni 27 Génova encrucijada de gentes musulmanas durante los siglos XV-XVII

4 28 G r a z i e l l a G a l l i a n o subiti durante una tempesta. Sulla sua sommità si erge un faro chiamato torre dei Greci, che perde però gran parte della sua importanza quando nel 1321 sul prolungamento del molo viene eretto il Lanternino». «Intorno agli anni , viene costruita inoltre, sotto la direzione dell architetto Marino Boccanegra, una piccola Darsena con torre per aumentare la poca disponibilità di acque calme che sino ad allora si aveva solo nella zona del Mandracchio. Nel 1306 la darsena viene suddivisa in due settori ben distinti tra loro che prendono i nomi di Darsena delle barche o del vino (utilizzata per l approdo del commercio di cabotaggio) e Darsena della galere (rifugio delle navi mercantili e da guerra). Oltre a queste, esisteva anche un arsenale (o Darsenale), intendendo con questo termine un insieme di calate, scali, magazzini, officine e ogni altro edificio necessario alla costruzione, riparazione e armamento delle navi» (PICCINNO, pp ). Sucesivamente el desarrollo topográfico de Génova está contraseñado por nuevos cinturones de muros mientras las estructuras portuarias padecen continuos cambios. Y así Piccinno prosigue: «Agli inizi del secolo xv la forma e la funzionalità del porto di Genova appaiono ormai nettamente definite, all altezza dei traffici e della potenza economica della Repubblica». «Taride da carico dallo scafo tozzo, navi dalla struttura imponente, galee veloci, quando comparivano all orizzonte venivano avvistate dalla Loggetta dei Greci, alla base del Molo, e della torre di Capo di Faro su lato opposto dell arco portuale, ove dal 1326 bruciava fissa una lampada ad olio come segnale ai naviganti. Superate le formalità di riconoscimento, i bastimenti si avviavano ai rispettivi ponti di approdo, predisposti ciascuno per ogni diversa mercanzia» (Ibidem, p. 22). «Oltre ai ponti e agli scali adibiti alle operazioni di carico e scarico delle merci, il porto di Genova forniva anche spazi per il rattoppo delle carene e per la costruzione di nuove imbarcazioni In particolare «Il Ponte dei Calvi.risale al Dopo essere stato rifatto in muratura, viene costruita sulla sua cima una casetta per i collettori della gabella della legna; subisce diversi restauri nel 1597, 1608, 1626, 1646, 1680, 1703, 1739» (PICCINNO, p. 27). Como confirmación del control desarrollado por las autoridades sobre el movimiento comercial, entre el muro de la Dársena y el puente Calvi (situado al este), en el primer cuarto del Seiscientos se construye un camino de ronda, después llamado de las Murallas, insertado a lo largo de todo el arco portuario (Ibidem, p. 32). De la comparación de la planimetría del siglo XVII relativa a la Dársena de las cárceles que llevaban el topónimo «Mezquita» resultaría una ubicación más hacia la costa. Entre esta ubicación y el lugar de culto musulmán del cuadro, uno de los mayores estudiosos de la historia urbana de Génova, Ennio Poleggi, coloca una mezquita, en la reconstrucción de los asentamientos de extranjeros. INTERCAMBIO DE CULTURAS Y DE MERCANCÍA HUMANA Un importante documento relativo a la existencia de una o más mezquitas en Génova, fue citado en uno de los estudios más rigurosos sobre la esclavitud y el rescate de los Lígures en el Seiscientos, de Enrica Lucchini, que en el párrafo dedicado a Los magrebinos en Liguria: un problema de reciprocidad, observa «La cattura sul mare rientra nel quotidiano e si è visto come, date le condizioni di vita in schiavitù, essa sia una possibilità funesta; occorre considerare, però, un ulteriore aspetto del problema: non ci sono soltanto gli schiavi cristiani in Nordafrica, ma esistono anche i maghrebini tenuti prigionieri nel mondo cristiano. E come a Genova arrivano le querele dei sudditi della Repubblica in cattività, così a Tunisi, Algeri, Biserta giungono le proteste di musulmani maltrattati dai padroni liguri. I rispettivi governi non possono ignorare tali voci ed ecco che si intrecciano proteste ufficiali, minacce di ritorsioni, proposte di accordo. Vengono fatte concessioni agli schiavi: attraverso lettere di genovesi si sa, ad esempio, che in Tunisi e Algeri era consentito ai prigionieri di andare elemosinando per le vie della città, che alcuni avevano potuto aprire taverne; a Genova i maghrebini potevano smerciare formaggi sulla calata del porto e altri prodotti in qualità di venditori ambulanti, bussando di porta in porta. Sono comunque accordi non stabili, soggetti al mercato degli schiavi, agli interessi del momento, talvolta all umore dei governanti». «È già stato osservato che il timore di rappresaglie aveva portato a una certa tolleranza e, di conseguenza, erano state accettate da entrambe le parti «certe norme per il trattamento degli schiavi che mitigavano, in qualche misura, la durezza della condizione servile ed anche aprivano agli schiavi qualche possibilità di conquistarsi, essi stessi, il riscatto» «La cattura sul mare rientra nel quotidiano e si è visto come, date le condizioni di vita in

5 schiavitù, essa sia una possibilità funesta; occorre considerare, però, un ulteriore aspetto del problema: non ci sono soltanto gli schiavi cristiani in Nordafrica, ma esistono anche i maghrebini tenuti prigionieri nel mondo cristiano. E come a Genova arrivano le querele dei sudditi della Repubblica in cattività, così a Tunisi, Algeri, Biserta giungono le proteste di musulmani maltrattati dai padroni liguri. I rispettivi governi non possono ignorare tali voci ed ecco che si intrecciano proteste ufficiali, minacce di ritorsioni, proposte di accordo. Vengono fatte concessioni agli schiavi: attraverso lettere di genovesi si sa, ad esempio, che in Tunisi e Algeri era consentito ai prigionieri di andare elemosinando per le vie della città, che alcuni avevano potuto aprire taverne; a Genova i maghrebini potevano smerciare formaggi sulla calata del porto e altri prodotti in qualità di venditori ambulanti, bussando di porta in porta. Sono comunque accordi non stabili, soggetti al mercato degli schiavi, agli interessi del momento, talvolta all umore dei governanti». CONCLUSIÓN La heterogeneidad de los argumentos tratados demuestra el enfoque hacia una temática interdisciplinaria, que suscita múltiples intereses no sólo en el ámbito genovés sino también en varias ciudades a ambos lados del Mediterráneo, a causa de la intensificación de los movimientos migratorios. De modo diverso a otras ciudades portuarias mediterráneas, Génova no cuenta con un vasto lugar público, la característica plaza del gran mercado, en otros términos de una amplia plaza al centro del poblado, contorneada por pórticos. El puerto, alma comercial de la ciudad, con frecuencia ha desarrollado la función de la plaza de barrio donde se reúnen los habitantes, como las pequeñas plazas frente a las iglesias de las zonas internas. Los estudios arqueológicos sobre los restos relativos a la antigua, o mejor a las dos antiguas mezquitas, documentan la existencia de una columna marmórea conservada en los locales de la actual biblioteca de la Facultad de Economía de Génova. Las improntas religiosas, como así también los intensos intercambios comerciales entre el mundo cristiano y el musulmán, son evidentes y bien documentados. Pero, como ya lo he destacado en reiteradas oportunidades, los procesos de integración presuponen un conocimiento recíproco que todavía está en alto y las noticias sobreindicadas pueden constituir la base para una profundización sistemática de los seculares problemas ligados a la convivencia, primero aún que a la integración. BIBLIOGRAFÍA BONO, Salvatore (1981), Schiavi musulmani sulle galere e nei bagni d Italia dal XIV al XIX secolo, en Le genti del Mare Mediterraneo, Napoli, vol. II. BONO, Salvatore (2008), Un altro Mediterraneo. Una storia comune fra scontri e integrazioni, Napoli, ed. Salerno. GALLIANO, Graziella (2006), Religioni e immigrazioni. Una lettura geografica, Genova, Le Mani Università. LUCCHINI, Enrica (1990), La merce umana. Schiavitù e riscatto dei liguri nel Seicento, Roma, Bonacci. NASER ESLAMI, Alireza (2000), Genova e il Mediterraneo. I riflessi d oltremare sulla cultura artistica e l architettura dello spazio urbano XII-XVII secolo, Genova, De Ferrari. PICCINNO, Luisa (2000), Economia marittima e operatività portuale. Genova, secc. XVII-XIX, en «Atti della Società Ligure di Storia Patria», Genova, n. s., vol. XL. 29 Génova encrucijada de gentes musulmanas durante los siglos XV-XVII

Nuovi orizzonti, nuovi mondi LE GRANDI SCOPERTE GEOGRAFICHE DEGLI EUROPEI NEL XV SECOLO

Nuovi orizzonti, nuovi mondi LE GRANDI SCOPERTE GEOGRAFICHE DEGLI EUROPEI NEL XV SECOLO Nuovi orizzonti, nuovi mondi LE GRANDI SCOPERTE GEOGRAFICHE DEGLI EUROPEI NEL XV SECOLO La rappresentazione del mondo nel MEDIOEVEO Qui a lato vediamo alcune mappe medievali dette «a T- O», che si diffondono

Dettagli

MARZO. Programma visite anno Sabato 11 marzo Galata Museo del Mare Genova. Sabato 25 marzo Palermo Centro Storico e monumenti

MARZO. Programma visite anno Sabato 11 marzo Galata Museo del Mare Genova. Sabato 25 marzo Palermo Centro Storico e monumenti Programma visite anno 2017 MARZO Sabato 11 marzo Galata Museo del Mare Genova Il Galata attualmente è il più grande museo marittimo del Mediterraneo. Ha sede nel più antico edificio della vecchia Darsena,

Dettagli

116 Capitolo 7 Europa carolingia La rinascita dell impero

116 Capitolo 7 Europa carolingia La rinascita dell impero XIII Premessa 3 SNODO I MILLE ANNI DI STORIA 4 Capitolo 1 L idea di medioevo e le sue interpretazioni 4 1.1 Un età di decadenza 5 1.2 Un periodo della storia 7 1.3 La rivalutazione di un epoca 8 1.4 Il

Dettagli

Gli abitanti d Europa

Gli abitanti d Europa Gli abitanti d Europa La popolazione POPOLO E POPOLAZIONE Un popolo è un gruppo di persone caratterizzate da: stesso modo di vivere stessa lingua e cultura. La popolazione è l insieme degli abitanti che

Dettagli

Progetto NECOBELAC. Risultati della ricerca in sanità pubblica: processo editoriale e open access

Progetto NECOBELAC. Risultati della ricerca in sanità pubblica: processo editoriale e open access Progetto NECOBELAC Risultati della ricerca in sanità pubblica: processo editoriale e open access ESPERIENZE DI COLLABORAZIONE SCIENTIFICA NEL SETTORE DELLA PREVENZIONE DELLA PATOLOGIA DA AMIANTO Pietro

Dettagli

I GENOVESI ED ALTRI NEL MAR NERO

I GENOVESI ED ALTRI NEL MAR NERO www.storia-riferimenti.org note storiche relative anche al romanzo: La Tana..direzione Mar Nero I GENOVESI ED ALTRI NEL MAR NERO Nel periodo in cui i crociati iniziarono ad avere difficoltà in Terrasanta

Dettagli

IV JORNADAS INTERNACIONALES SOBRE INVESTIGACIÓN EN ARQUITECTURA Y URBANISMO 4 TH INTERNATIONAL MEETING ON ARCHITECTURAL AND URBANISM RESEARCH

IV JORNADAS INTERNACIONALES SOBRE INVESTIGACIÓN EN ARQUITECTURA Y URBANISMO 4 TH INTERNATIONAL MEETING ON ARCHITECTURAL AND URBANISM RESEARCH 1 La Escuela nacional de Doctorado en Italia Emma Mandelli Director de la Escuela nacional de Doctorado en Ciencias de la Representación y del Levantamiento (Scuola Nazionale di Dottorato in Scienza della

Dettagli

PREMESSA OBIETTIVI DELLO STUDIO SIMULAZIONI ESEGUITE...4

PREMESSA OBIETTIVI DELLO STUDIO SIMULAZIONI ESEGUITE...4 INDICE 1. PREMESSA...2 2. OBIETTIVI DELLO STUDIO...3 3. SIMULAZIONI ESEGUITE...4 5. CONSIDERAZIONI SULL AGIBILITA NAUTICA NELLA SITUAZIONE DI PROGETTO...5 6. ANALISI CRITICA DEI RISULTATI E CONCLUSIONI...8

Dettagli

Autorità Portuale di Napoli IL PORTO DI NAPOLI AUTORITÀ PORTUALE DI NAPOLI

Autorità Portuale di Napoli IL PORTO DI NAPOLI AUTORITÀ PORTUALE DI NAPOLI Autorità Portuale di Napoli IL PORTO DI NAPOLI La circoscrizione dell Autorit Autorità Portuale di Napoli Il porto di Napoli Alcune informazioni generali sul porto di Napoli Porto di Napoli Posizione:

Dettagli

Configurazione della bocca di porto di Malamocco con le opere di difesa. In giallo, i cantieri in corso, in arancione, quelli ultimati.

Configurazione della bocca di porto di Malamocco con le opere di difesa. In giallo, i cantieri in corso, in arancione, quelli ultimati. BOCCA DI PORTO DI MALAMOCCO Configurazione della bocca di porto di Malamocco con le opere di difesa. In giallo, i cantieri in corso, in arancione, quelli ultimati. INTERVENTI IN CORSO: CONCA DI NAVIGAZIONE

Dettagli

ENTREVISTA A ROSSANA CAMPO 1. Pablo García Valdés 2

ENTREVISTA A ROSSANA CAMPO 1. Pablo García Valdés 2 ENTREVISTA A ROSSANA CAMPO 1 Pablo García Valdés 2 Rossana Campo nació en Génova, en 1963, en el seno de una familia napolitana que emigra al norte en los años del boom económico. Estudió Letras en la

Dettagli

Ecuador femina2016 Racconta

Ecuador femina2016 Racconta Ecuador femina2016 Racconta Tra gli importanti progetti nazionali e internazionali di educazione allo sviluppo coordinati e diretti da, è utile fornire qualche breve accenno della mostra Ecuador femina

Dettagli

INDICE PREFAZIONE 11 INTRODUZIONE 17

INDICE PREFAZIONE 11 INTRODUZIONE 17 INDICE PREFAZIONE 11 INTRODUZIONE 17 PRESENTAZIONE E STUDIO CRITICO DELLE FONTI MANOSCRITTE 27 1. Il catasto 27 2. Gli atti notarili 30 3. Altre fonti 31 PRIMA PARTE SESTRI: «RIVIERA» GENOVESE I. IL PESO

Dettagli

L educazione interculturale nella scuola dell infanzia

L educazione interculturale nella scuola dell infanzia Serena Sani L educazione interculturale nella scuola dell infanzia Fondamenti teorici, orientamenti formativi e itinerari didattici eum x formazione eum x formazione Serena Sani L educazione interculturale

Dettagli

IL PUNTO DI INTERSEZIONE

IL PUNTO DI INTERSEZIONE IL PUNTO DI INTERSEZIONE DI DUE IMPERI ISTANBUL Senem Y. 3B UNA CITTÀ PIENA DI STORIA Costantinopoli, oppure contemporaneamente İstanbul è stata la capitale di diversi imperi durante la storia: L Impero

Dettagli

classe IV sezione D E. C., V. C., G. S., F. S.

classe IV sezione D E. C., V. C., G. S., F. S. classe IV sezione D E. C., V. C., G. S., F. S. I Romani posero ogni cura in tre cose soprattutto, che furono dai Greci neglette, cioè nell aprire le strade, nel costruire acquedotti e nel disporre nel

Dettagli

LA TIPICA CITTÀ SUMERA

LA TIPICA CITTÀ SUMERA LA TIPICA CITTÀ SUMERA OSSERVA BENE QUESTA IMMAGINE, POI LEGGI/ASCOLTA IL TESTO. ALLA FINE RISPONDI ALLE DOMANDE DI COMPRENSIONE (Fonte: maestramary.altervista.org/storia/una-citta-sumera.pdf) LE CITTÀ

Dettagli

Darsena/Navigli. Via Magolfa 1/3. Residenza la Nuova Darsena. Milano.

Darsena/Navigli. Via Magolfa 1/3. Residenza la Nuova Darsena. Milano. Darsena/Navigli 1/3 Residenza la Nuova Darsena Via Magolfa Milano Commercializzato da Commercializzato da www.filcasaagency.it Via Magolfa La storia dei Navigli e della Darsena è lunga e ricca di eventi;

Dettagli

Mediterraneo d Occidente / Occidente mediterraneo PROGRAMMA

Mediterraneo d Occidente / Occidente mediterraneo PROGRAMMA L impresa culturale nel Mediterraneo XII Edizione Mediterraneo d Occidente / Occidente mediterraneo PROCIDA, CONSERVATORIO DELLE ORFANE, 25-29 SETTEMBRE 2017 PROGRAMMA 25 settembre 2017 ore 16.00 inaugurazione

Dettagli

PROGRAMMA DEL PERCORSODI STUDIO DEL PROGETTO DI DOPPIO TITOLO

PROGRAMMA DEL PERCORSODI STUDIO DEL PROGETTO DI DOPPIO TITOLO Università degli Studi di Ferrara PROGRAMMA DEL PERCORSODI STUDIO DEL PROGETTO DI DOPPIO TITOLO Lo studente dell Università degli Studi di Ferrara che intende iscriversi alla laurea magistrale in Lingue

Dettagli

PROGRAMMAZIONE GEOGRAFIA SETTORE ECONOMICO CLASSI PRIME

PROGRAMMAZIONE GEOGRAFIA SETTORE ECONOMICO CLASSI PRIME Sezione 1 L ABC della geografia Unità 1 Gli strumenti della geografia saper individuare le relazioni tra uomo e ambiente. Saper usare dati, tabelle e grafici. Saper leggere carte fisico-politiche e tematiche.

Dettagli

Casa Sicura Eventi Sismici 12 Maggio maggio 2017 Camera di Commercio di Ravenna

Casa Sicura Eventi Sismici 12 Maggio maggio 2017 Camera di Commercio di Ravenna Fotografia dal satellite del 2016 Fotografia aerea del 1954 Carta Geologica della Regione Emilia-Romagna scala 1:250.000 Carta Geologica della Regione Emilia-Romagna scala 1:100.000 In epoca pre-etrusca

Dettagli

I Fenici. Mondadori Education

I Fenici. Mondadori Education I Fenici La civiltà fenicia si sviluppò sulle coste orientali del Mar Mediterraneo, in un territorio stretto e montuoso affacciato sul mare. Dalle foreste che lo ricoprivano i Fenici ricavavano molto legname

Dettagli

Calderas Compactas Agua

Calderas Compactas Agua Calderas Compactas Agua by Unión Calor S.L. C/Llull No.62-64 08005, Barcelona. Tel.: 933 007 191 www.unioncalor.com I info@unioncalor.com Caldaie Compatte - mod. 15 Potenza termica globale (max-min) kw

Dettagli

Le stazioni del Trammino

Le stazioni del Trammino Fabio Vasarelli Riccardo Cerasa Le stazioni del Trammino Edizioni ETS Le stazioni del Trammino 5 La ferrovia elettrica Pisa-Tirrenia-Livorno di Fabio Vasarelli Un convoglio a forte composizione in partenza

Dettagli

Numero Speciale Giornate CUIA in Argentina. C o n s o r z i o I n t e r u n i v e r s i t a r i o I t a l i a n o p e r l A r g e n t i n a

Numero Speciale Giornate CUIA in Argentina. C o n s o r z i o I n t e r u n i v e r s i t a r i o I t a l i a n o p e r l A r g e n t i n a Edición BILINGUE CUIA NEWSN http://www.cuia.net Giornate del CUIA in Argentina Buenos Aires, 17-28 aprile 2010 Aprile 2010 LUN MAR MER GIO VEN SAB DO 1 2 3 4 Nell ambito delle manifestazioni per il Bicentenario

Dettagli

III PARTE Movimento e migrazioni a scala mondiale EUROPA E IMMIGRAZIONE: UN ANALISI DIACRONICA

III PARTE Movimento e migrazioni a scala mondiale EUROPA E IMMIGRAZIONE: UN ANALISI DIACRONICA III PARTE Movimento e migrazioni a scala mondiale EUROPA E IMMIGRAZIONE: UN ANALISI DIACRONICA 1 Contesto europeo Situazione attuale prossimità geografica Albania Italia Croazia/Serbia Austria/Germania

Dettagli

Indice. Prefazione alla nuova edizione... L editore ringrazia... Un approccio visuale. Com è organizzato un capitolo di Geografia Umana?...

Indice. Prefazione alla nuova edizione... L editore ringrazia... Un approccio visuale. Com è organizzato un capitolo di Geografia Umana?... Indice V Indice Prefazione alla nuova edizione... L editore ringrazia... Un approccio visuale. Com è organizzato un capitolo di Geografia Umana?.... XII XV XVI CAPITOLO 1 CHE COS È LA GEOGRAFIA UMANA?...

Dettagli

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ISTRUZIONE E FORMAZIONE ESPERIENZA LAVORATIVA ALBERTO AUSÍN CIRUELOS

CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI ISTRUZIONE E FORMAZIONE ESPERIENZA LAVORATIVA ALBERTO AUSÍN CIRUELOS CURRICULUM VITAE INFORMAZIONI PERSONALI Nome Data e luogo di nascita ALBERTO AUSÍN CIRUELOS 05/03/1979, Burgos (Spagna) ISTRUZIONE E FORMAZIONE 2015, maggio PhD. in Humanidades (Scienze Umanistiche) presso

Dettagli

Stefania Ferrari a.s. 2003/2004. Stefania Ferrari, Scuola Media di Bomporto,

Stefania Ferrari a.s. 2003/2004. Stefania Ferrari, Scuola Media di Bomporto, Stefania Ferrari a.s. 2003/2004 1 1 - GLI ELEMENTI NATURALI La geografia studia gli elementi naturali, cioè le cose della natura. I fiumi, i mari, le montagne e le pianure sono elementi naturali. Anche

Dettagli

ESTRATTO DALLA RASSEGNA STAMPA

ESTRATTO DALLA RASSEGNA STAMPA ESTRATTO DALLA RASSEGNA STAMPA Piazzale Europa N u m e r o 1 1 - G i u g n o 2 0 0 3 Periodico quadrimestrale sped. in A.P. - 70% - DC - TS Diffusione Gratuita T A X E P E R C U E T A S S A R I S C O

Dettagli

DE LA FRONTERA-SEVILLA

DE LA FRONTERA-SEVILLA Partenza VENERDì O SABATO Partenza da Malaga 1º giorno MALAGA 2º giorno MALAGA-RONDA-JEREZ DE LA FRONTERA-SEVILLA moschea principale. In conclusione la Plaza de Toros, un meraviglioso esempio del Settecento.

Dettagli

Proposte per gruppi scolastici A richiesta preventivi specifici per altre destinazioni.

Proposte per gruppi scolastici A richiesta preventivi specifici per altre destinazioni. Whale Watching Avvistamento cetacei San Fruttuoso e Portofino Giro del porto di genova Proposte per gruppi scolastici 2014-2015 A richiesta preventivi specifici per altre destinazioni. Whale Watching Avvistamento

Dettagli

L MOLO ITALIA: ANALISI MERCEOL

L MOLO ITALIA: ANALISI MERCEOL MASTERPLAN DELLA LOGISTICA DEL MOLO ITALIA: ANALISI MERCEOLOGICA E MODULO 1 - CORRIDOIO GENOVA ROTTERDAM - Rapporto finale - Roma, Ottobre 2005 INDICE Considerazioni di sintesi Pag. 1 Parte prima ANALISI

Dettagli

TRIANGOLO D ORO Partenza da Madrid

TRIANGOLO D ORO Partenza da Madrid TRIANGOLO D ORO Partenza da Madrid DATE DI PARTENZA 2017 giugno: 23, 30 luglio: 6, 13, 20, 27 agosto: 3, 10, 17, 24, 31 settembre: 8, 15, 22 PROGRAMMA DI VIAGGIO: 1 GIORNO: MADRID Arrivo in albergo, incontro

Dettagli

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA AURELIO SAFFI

ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA AURELIO SAFFI ISTITUTO PROFESSIONALE DI STATO PER I SERVIZI PER L ENOGASTRONOMIA E L OSPITALITA ALBERGHIERA AURELIO SAFFI Via del Mezzetta, 15-50135 FIRENZE - tel. 055-666383 - 677142 - fax 055-670597 email: istitutoalberghierosaffi@virgilio.it

Dettagli

Relazione sul progetto Escuelas de Mariposas

Relazione sul progetto Escuelas de Mariposas Oxfam Italia Via C. Concini, 19 52100 Arezzo - Italia T +39 0575 182481 F +39 0575 1824872 CF 92006700519 www.oxfamitalia.org Relazione sul progetto Escuelas de Mariposas Il progetto Ecuelas de Mariposas

Dettagli

IL DOCUMENTO D INDIRIZZO PER LA REDAZIONE DEI PIANI DI RACCOLTA E GESTIONE DEI RIFIUTI NEI PORTI DI

IL DOCUMENTO D INDIRIZZO PER LA REDAZIONE DEI PIANI DI RACCOLTA E GESTIONE DEI RIFIUTI NEI PORTI DI ARPAC Agenzia Regionale Protezione Ambientale Campania IL DOCUMENTO D INDIRIZZO PER LA REDAZIONE DEI PIANI DI RACCOLTA E GESTIONE DEI RIFIUTI NEI PORTI DI COMPETENZA DELLA REGIONE CAMPANIA Ai sensi dall

Dettagli

Nella disabilità il tema dell autonomia con le implicazioni fisiche, affettive e sociali, è fondamentale.

Nella disabilità il tema dell autonomia con le implicazioni fisiche, affettive e sociali, è fondamentale. Case Famiglia per diversamente abili: luogo ideale per favorire il processo di autonomia e di crescita Recensione curata dalla Dr.ssa Angela Gismondi, Supervisore e formatore delle Case Famiglia della

Dettagli

Più del 70 per cento della popolazione europea vive nei centri urbani (città). Dal latino urbs : città

Più del 70 per cento della popolazione europea vive nei centri urbani (città). Dal latino urbs : città Più del 70 per cento della popolazione europea vive nei centri urbani (città). Dal latino urbs : città L'ORIGINE DELLE CITTA' - Sorsero in Medio Oriente circa 10.000 anni fa - Circa 5000 anni fa sorsero

Dettagli

Massimo Pennesi. Concerto in Re maggiore per 2 violini e archi

Massimo Pennesi. Concerto in Re maggiore per 2 violini e archi Massimo Pennesi Concerto in Re maggiore er 2 violini e archi Antonio Canal "Canaletto": Piazza San Marco verso sud-est, con la asilica e il Palazzo Ducale. 1735-40. Olio su tela. The National Gallery o

Dettagli

Operatore indipendente del settore / Operador empresarial independiente. Autorità emittente / Autoridad expedidora

Operatore indipendente del settore / Operador empresarial independiente. Autorità emittente / Autoridad expedidora CONTRATTO DI ACQUISTO per la vendita di una macchina usata CONTRATO DE COMPRA para la venta de una máquina usada 1. VENDITORE / VENDEDOR Privato / Privado Azienda / Empresa Operatore indipendente del settore

Dettagli

Dal 23 aprile al 4 maggio 2008

Dal 23 aprile al 4 maggio 2008 Trofeo Accademia Navale e Città di Livorno interventi 2 Maggio 2008 ore 17 - Sala Consiliare del Palazzo Comunale In occasione della 25 edizione del TAN, come segno di riconoscimento e gratitudine per

Dettagli

Cercare negli articoli della Costituzione Italiana le parole ricorrenti trovate. CAPITOLO 1 IL POPOLO, LO STATO E LA SOVRANITA

Cercare negli articoli della Costituzione Italiana le parole ricorrenti trovate. CAPITOLO 1 IL POPOLO, LO STATO E LA SOVRANITA Philippines Romania Sry Lanka Ritagliare gli articoli delle diverse Costituzioni. Dividere gli studenti in gruppetti di 2/3 studenti e consegnare ad ogni gruppo un set con gli articoli delle costituzioni.

Dettagli

EL DISEÑO COMO ESTRATEGIA DE COLABORACIÒN ENTRE ITALIA Y ARGENTINA. Giuliano Simonelli

EL DISEÑO COMO ESTRATEGIA DE COLABORACIÒN ENTRE ITALIA Y ARGENTINA. Giuliano Simonelli EL DISEÑO COMO ESTRATEGIA DE COLABORACIÒN ENTRE ITALIA Y ARGENTINA Giuliano Simonelli 26 10 2010 1 Diseño como estrategia de convergencia para la innovación 2 Diseño. Algunos conceptos de referencia El

Dettagli

EX MAGAZZINI DEL SALE DISAMPIERDARENA

EX MAGAZZINI DEL SALE DISAMPIERDARENA PROGRAMMA DI VALORIZZAZIONE EX MAGAZZINI DEL SALE DISAMPIERDARENA Attività relative al Programma di valorizzazione ex art. 5, comma 5 del D.Lgs.85/2010 Aprile 2016 Direzione Patrimonio, Demanio, Impiantistica

Dettagli

Tav. I Fratte di Salerno. Pianta catastale con l ubicazione dei rinvenimenti relativi all abitato e alle necropoli.

Tav. I Fratte di Salerno. Pianta catastale con l ubicazione dei rinvenimenti relativi all abitato e alle necropoli. TAVOLE A COLORI Tav. I Fratte di Salerno. Pianta catastale con l ubicazione dei rinvenimenti relativi all abitato e alle necropoli. Tav. II Piattaforma GIS Poggio Imperiale. a: Piani di informazione incrociati

Dettagli

Visitateci sul nostro sito Internet:

Visitateci sul nostro sito Internet: I lettori che desiderano informazioni sui volumi pubblicati dalla casa editrice possono rivolgersi direttamente a: Carocci editore Corso Vittorio Emanuele ii, 229 00186 Roma telefono 06 42 81 84 17 fax

Dettagli

Forte San Felice https://www.facebook.com/fortesanfelice

Forte San Felice https://www.facebook.com/fortesanfelice Forte San Felice Per informazioni: Comitato per il Forte San Felice https://www.facebook.com/fortesanfelice www.comitatofortesanfelice.it info@comitatofortesanfelice.it erminiobibi@hotmail.com Originariamente

Dettagli

Intensivo de Italiano Básico Nivel Oficial del Consejo Europeo A1-A2

Intensivo de Italiano Básico Nivel Oficial del Consejo Europeo A1-A2 Intensivo de Italiano Básico Nivel Oficial del Consejo Europeo A1-A2 Modalidad Online Horario Flexible Descuento Alumnos Duración 180 horas Nivel Superior Subvención Empresas Descripción Detallada Este

Dettagli

09/11/2016 L ISLAM 1. I. La penisola arabica 2

09/11/2016 L ISLAM 1. I. La penisola arabica 2 L ISLAM 1 I. La penisola arabica 2 1. La penisola arabica nel VII secolo 3 Prima di parlare della nascita dell Islam è importante collocare ifatti nello spazio: la penisola arabica. Un area molto vasta,

Dettagli

AFRICA SETTENTRIONALE. Continente Africano

AFRICA SETTENTRIONALE. Continente Africano AFRICA SETTENTRIONALE Continente Africano DOVE SIAMO IN AFRICA Tra i 12 Stati che la compongono, ricordiamo per esempio: MAROCCO ALGERIA TUNISIA LIBIA EGITTO NIGER SUDAN La zona più a nord è delimitata

Dettagli

LA SPAGNA GEOGRAFIA: La Spagna ha quasi 40 milioni di abitanti.

LA SPAGNA GEOGRAFIA: La Spagna ha quasi 40 milioni di abitanti. LA SPAGNA GEOGRAFIA: La Spagna ha quasi 40 milioni di abitanti. La capitale è Madrid. In Spagna la maggior parte degli abitanti vive vicino al mare o in città, dove è più facile trovare lavoro. La lingua

Dettagli

CURRICOLO DI GEOGRAFIA DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA

CURRICOLO DI GEOGRAFIA DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI GEOGRAFIA DELLA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA Competenza 1- Riconoscere ed utilizzare organizzazioni spaziali Competenza 2 - Conoscere ed analizzare elementi dello spazio vissuto Competenza

Dettagli

ARCHEOLOGIA MEDIEVALE CLAUDIO NEGRELLI. ARCHEOLOGIA URBANA e città tra tarda antichità ed altomedioevo

ARCHEOLOGIA MEDIEVALE CLAUDIO NEGRELLI. ARCHEOLOGIA URBANA e città tra tarda antichità ed altomedioevo ARCHEOLOGIA MEDIEVALE 2014-2015 CLAUDIO NEGRELLI ARCHEOLOGIA URBANA e città tra tarda antichità ed altomedioevo La definizione di città tra tarda antichità e altomedioevo Cosa distingue la città come elemento

Dettagli

RiMe. Rivista dell Istituto di Storia dell Europa Mediterranea. Focus. Tunisia, terra del gelsomino. a cura di Antonella Emina

RiMe. Rivista dell Istituto di Storia dell Europa Mediterranea. Focus. Tunisia, terra del gelsomino. a cura di Antonella Emina RiMe Rivista dell Istituto di Storia dell Europa Mediterranea ISSN 2035-794X numero 6, giugno 2011 Focus Tunisia, terra del gelsomino a cura di Antonella Emina Istituto di Storia dell Europa Mediterranea

Dettagli

Aprile 31 Ottobre 2017 TOUR INDIVIDUALE. 10 giorni / 9 notti. 1 GIORNO: Italia / Madrid

Aprile 31 Ottobre 2017 TOUR INDIVIDUALE. 10 giorni / 9 notti. 1 GIORNO: Italia / Madrid TOUR INDIVIDUALE 01 Aprile 31 Ottobre 2017 10 giorni / 9 notti 1 GIORNO: Italia / Madrid Partenza con volo di linea, arrivo e ritiro dell auto a noleggio in aeroporto di MADRID, proseguimento in hotel.

Dettagli

LE GRANDI SCOPERTE GEOGRAFICHE ED I PRIMI IMPERI COLONIALI

LE GRANDI SCOPERTE GEOGRAFICHE ED I PRIMI IMPERI COLONIALI LE GRANDI SCOPERTE GEOGRAFICHE ED I PRIMI IMPERI COLONIALI Cause delle scoperte geografiche e nuove vie marittime per l occidente 1. La caduta di Costantinopoli nelle mani dei Turchi che provoca difficoltà

Dettagli

FONDAMENTI DI URBANISTICA

FONDAMENTI DI URBANISTICA Corso di FONDAMENTI DI URBANISTICA Prof. Valter Fabietti Arch. Michele Manigrasso DOCENTE ASSISTENTE http://urbanistica1fabietti.jimdo.com Contenuti della presentazione Temi del corso Struttura del corso

Dettagli

Classe V Alunno/a n PROVA DI VERIFICA

Classe V Alunno/a n PROVA DI VERIFICA Scuola Classe V Alunno/a n Data PROVA DI VERIFICA La scuola vuole organizzare per la tua classe un uscita didattica a Pavia. Il tuo compito sarà quello di preparare un avviso per i genitori. Tieni presente

Dettagli

L UOMO. Istituto Primario Primo Grado F.D

L UOMO. Istituto Primario Primo Grado F.D L UOMO Istituto Primario Primo Grado F.D Terra degli uomini I primi uomini vivevano di caccia, di pesca e della raccolta di frutti spontanei Successivamente impararono a coltivare alcuni cereali Il primo

Dettagli

INDICE APERTURA DEI LAVORI RELAZIONE INTRODUTTIVA PRINCIPI E CODICI

INDICE APERTURA DEI LAVORI RELAZIONE INTRODUTTIVA PRINCIPI E CODICI INDICE Ordine dei lavori... Pag. VII APERTURA DEI LAVORI Interventi di saluto RICCARDO CARDILLI...» 3 CARLA MASI DORIA...» 9 RELAZIONE INTRODUTTIVA PIETRO RESCIGNO...» 13 PRINCIPI E CODICI RICARDO LUIS

Dettagli

LE CAUSE ECONOMICHE CAUSE ECONOMICHE INSUFFICIENZA DI POSTI DI LAVORO DIFFERENZE TRA SALARI PERCEPITI CONDIZIONE DI SOTTOSVILUPPO DEI PAESI DI

LE CAUSE ECONOMICHE CAUSE ECONOMICHE INSUFFICIENZA DI POSTI DI LAVORO DIFFERENZE TRA SALARI PERCEPITI CONDIZIONE DI SOTTOSVILUPPO DEI PAESI DI LE CAUSE ECONOMICHE INSUFFICIENZA DI POSTI DI LAVORO CAUSE ECONOMICHE DIFFERENZE TRA SALARI PERCEPITI NEI PAESI DI PROVENIENZA E SALARI PERCEPITI ALL ESTERO CONDIZIONE DI SOTTOSVILUPPO DEI PAESI DI ORIGINE

Dettagli

Analisi delle fasi di evoluzione politico-sociale da Aristocrazia a Democrazia e loro collocazione sull asse cronologico:

Analisi delle fasi di evoluzione politico-sociale da Aristocrazia a Democrazia e loro collocazione sull asse cronologico: DEMOCRAZIA - ATENE OBIETTIVI COGNITIVI Abilità: 1) Analisi delle fasi di evoluzione politico-sociale da Aristocrazia a Democrazia e loro collocazione sull asse cronologico: a) Aristocrazia (proprietari

Dettagli

UNITARIETA DEL SAPERE ATTRAVERSO L INTERDISCIPLINARITA

UNITARIETA DEL SAPERE ATTRAVERSO L INTERDISCIPLINARITA UNITARIETA DEL SAPERE ATTRAVERSO L INTERDISCIPLINARITA I docenti, in quanto educatori, hanno il dovere di fornire ai discenti, attraverso le scienze, la storia, la filosofia, la letteratura, e tutte le

Dettagli

Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Traguardi per lo sviluppo delle competenze 1 Utilizza i punti cardinali e coordinate geografiche per orientarsi nello spazio circostante e sulle carte geografiche. 2 Analizza fatti e fenomeni locali e globali, interpretando carte geografiche a

Dettagli

PUBBLICAZIONI ISTITUTO PER LA STORIA E L ARCHEOLOGIA DELLA MAGNA GRECIA ATTI DEI CONVEGNI DI STUDI SULLA MAGNA GRECIA. anno titolo euro 60,00

PUBBLICAZIONI ISTITUTO PER LA STORIA E L ARCHEOLOGIA DELLA MAGNA GRECIA ATTI DEI CONVEGNI DI STUDI SULLA MAGNA GRECIA. anno titolo euro 60,00 PUBBLICAZIONI ISTITUTO PER LA STORIA E L ARCHEOLOGIA DELLA MAGNA GRECIA ATTI DEI CONVEGNI DI STUDI SULLA MAGNA GRECIA anno titolo euro I 1961 Greci e Italici in Magna Grecia Vol. 1, pp. 315. 60,00 II 1962

Dettagli

I BARBARI. Chi erano?

I BARBARI. Chi erano? I BARBARI Chi erano? Chiamati così dai Greci per indicare chi balbettava, cioè non parlava il greco. Alla fine del IV secolo occupavano un vastissimo territorio Profilo Facebook del barbaro - RESIDENZA:

Dettagli

L'immigrazione che intraprende.

L'immigrazione che intraprende. L'immigrazione che intraprende. Nuovi attori economici in provincia di Torino Eleonora Castagnone - Fedora Gasparetti La ricerca Ricerca condotta da FIERI per la Camera di commercio di Torino nel 2007

Dettagli

GRAN TOUR ANDALUSIA partenza da Siviglia

GRAN TOUR ANDALUSIA partenza da Siviglia GRAN TOUR ANDALUSIA partenza da Siviglia PARTENZE 2017: SABATO/DOMENICA aprile: 2, 9, 16, 23, 30 luglio: 1, 8, 15, 22,29 ottobre: 8, 15, 22,29 maggio: 7,14, 21, 28 agosto: 5, 12, 19, 26 novembre: 5, 12,

Dettagli

GRAN TOUR ANDALUSIA partenza da Malaga

GRAN TOUR ANDALUSIA partenza da Malaga GRAN TOUR ANDALUSIA partenza da Malaga PARTENZE 2017 LUNEDÌ aprile: 24 luglio: 3, 10, 17, 24, 31 ottobre: 2, 9 maggio: 1, 8, 15, 22, 29 agosto: 7, 14, 21, 28 giugno: 5, 12, 19, 26 settembre: 4, 11, 18,

Dettagli

ATTI DEI CONVEGNI DI STUDI SULLA MAGNA GRECIA

ATTI DEI CONVEGNI DI STUDI SULLA MAGNA GRECIA ARBOR SAPIENTIAE Editor e e Dist ri but o re spec i a l i zz a to in Scienze Umanistiche Sede Le gale: Vi a Berna rd o Barbiellini Amidei, 80 0 0 1 6 8 R o m a S t u d i o E d i t o r i a l e : V i a E

Dettagli

Protocollo d intesa LA SCUOLA VA A BORDO

Protocollo d intesa LA SCUOLA VA A BORDO Comune di Napoli USR Campania Ministero Infrastrutture e Trasporti Direzione Marittima della Campania Autorità Portuale di Napoli CNR ISSM, ICB, IAMC Istituto Italiano di Navigazione Stazione Zoologica

Dettagli

IPV41 Sensore a raggi infrarossi passivi

IPV41 Sensore a raggi infrarossi passivi PREVENZIONE FURTO INCENDIO GAS BPT Spa Centro direzionale e Sede legale Via Cornia, 1/b 33079 Sesto al Reghena (PN) - Italia http://www.bpt.it mailto:info@bpt.it IPV41 Sensore a raggi infrarossi passivi

Dettagli

IL TRAMONTO DELL'EUROPA FEUDALE

IL TRAMONTO DELL'EUROPA FEUDALE IL TRAMONTO DELL'EUROPA FEUDALE PREREQUISITI: i caratteri fondamentali del mondo feudale TEMI: 1) La ripresa economica: l'agricoltura ed i commerci 2) La città medievale: i caratteri generali; i Comuni

Dettagli

DIDATTICA DELLA LINGUA SPAGNOLA Docente: Prof. Matteo Lefevre

DIDATTICA DELLA LINGUA SPAGNOLA Docente: Prof. Matteo Lefevre PROGRAMMA A/445 A/446 SPAGNOLO DIDATTICA DELLA LINGUA SPAGNOLA Docente: Prof. Matteo Lefevre A445 (Lingua spagnola) 18 horas académicas Título del curso Lengua española. Diacronía y sincronía Inicio clases:

Dettagli

Scuola in Conservazione e Produzione dei Beni Culturali Anno accademico 2016/2017

Scuola in Conservazione e Produzione dei Beni Culturali Anno accademico 2016/2017 Scuola in Conservazione e Produzione dei Beni Culturali Anno accademico 2016/2017 Studente: Diplomato in: Presso L Accademia di Belle Arti di: Voto di laurea: Dichiara di aver conseguito il seguente numero

Dettagli

GRAN TOUR ANDALUSIA partenza da Malaga

GRAN TOUR ANDALUSIA partenza da Malaga GRAN TOUR ANDALUSIA partenza da Malaga PARTENZE 2017 VENERDÌ O SABATO aprile: 1,8, 15, 22, 29 luglio: 7, 14, 21, 28 ottobre: 7,1 4, 21, 28 maggio: 6, 13, 20, 27 agosto: 4, 11, 18, 25 novembre: 4, 11,18,

Dettagli

L AQUILA, RICOSTRUIRE IN CENTRO: CONSLIDAMENTO E NUOVE ATTIVITA CIVICHE NEL COMPLESSO DI SAN FILIPPO NERI

L AQUILA, RICOSTRUIRE IN CENTRO: CONSLIDAMENTO E NUOVE ATTIVITA CIVICHE NEL COMPLESSO DI SAN FILIPPO NERI di Arianna Loris POLITECNICO DI MILANO Scuola di Architettura Civile Corso di Laurea Magistrale in Architettura L AQUILA, RICOSTRUIRE IN CENTRO: CONSLIDAMENTO E NUOVE ATTIVITA CIVICHE NEL COMPLESSO DI

Dettagli

Stage Linguistico Spagna a.s. 2014/2015. Cádiz Dal l 1-2 settembre al 12-13 settembre 2015

Stage Linguistico Spagna a.s. 2014/2015. Cádiz Dal l 1-2 settembre al 12-13 settembre 2015 Stage Linguistico Spagna a.s. 2014/2015 Cádiz Dal l 1-2 settembre al 12-13 settembre 2015 Cádiz: Andalusia Cádiz e la sua provincia La provincia di Cadice fa parte delle otto province della Comunità Autonoma

Dettagli

5 Il project financing

5 Il project financing 5 Il project financing 110 La realizzazione dei loft accanto al Museo del Mare, Porto Antico, Genova Building the lofts near the Sea Museum, Porto Antico Genoa La construction des lofts près du Musée de

Dettagli

Popolazioni in movimento: le dinamiche migratorie

Popolazioni in movimento: le dinamiche migratorie Geografia Università per Stranieri di Siena Corso di laurea in mediazione Corso di laurea in lingua e cultura italiana Lezione 5 Popolazioni in movimento: le dinamiche migratorie Prof.ssa Antonella Rondinone

Dettagli

Le prime formulazioni di scritturazioni contabili nell epoca delle repubbliche marinare. Benedetta Siboni Alma Mater Studiorum Università di Bologna

Le prime formulazioni di scritturazioni contabili nell epoca delle repubbliche marinare. Benedetta Siboni Alma Mater Studiorum Università di Bologna Le prime formulazioni di scritturazioni contabili nell epoca delle repubbliche marinare Benedetta Siboni Alma Mater Studiorum Università di Bologna Le rilevazioni contabili Sono annotazioni scritte dei

Dettagli

GLI IMMIGRATI IN FRANCIA

GLI IMMIGRATI IN FRANCIA GLI IMMIGRATI IN FRANCIA - Chi sono? - Da dove provengono? - Da quando è iniziato il flusso migratorio in quel paese? - Che tipo di lavoro svolgono? - Come si sono integrati? - Quali sono le loro condizioni

Dettagli

Accoglienza Unidad 0. visione di un episodio del video online;

Accoglienza Unidad 0. visione di un episodio del video online; TITOLO: Bienvenidos U.A. N. _0 CL. 1 SEZ E DISCIPLINA/AMBITO Lingua spagnola RIFERITA A Settembre riconducibili al Livello A1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento per le lingue del attività che richiedono

Dettagli

L Italia degli stati regionali

L Italia degli stati regionali L Italia degli stati regionali Nel XIII secolo in Italia si consolidarono i comuni, soprattutto nell Italia centro-settentrionale, mentre nel centro c era lo Stato della Chiesa e nel sud il Regno di Napoli.

Dettagli

Punti di riferimento: LUOGHI DI INTERESSE COMUNE

Punti di riferimento: LUOGHI DI INTERESSE COMUNE Analisi del territorio e degli insediamenti - C Prof. Arch. Valeria Lingua L OGGETTO DELL ANALISI 4. LEGGERE LA CITTA : L ANALISI PERCETTIVA Firenze A.A. 2013-20142014 Culla Casa Vicinanze Quartiere Città

Dettagli

Piano terreno: L entrata principale, ora zona ricevimento della Casa delle Spezie, guarda la via Kiponda, una delle

Piano terreno: L entrata principale, ora zona ricevimento della Casa delle Spezie, guarda la via Kiponda, una delle La casa delle spezie era una delle piu notevoli Case di Zanizbar Stone Town appartenuta ad una antica famiglia di commercianti di spezie. Le spezie dalle isole di Zanzibar e Pemba arrivavano alla casa

Dettagli

UNIVERSITÀ BABEŞ-BOLYAI CLUJ-NAPOCA FACOLTÀ DI STORIA - FILOSOFIA

UNIVERSITÀ BABEŞ-BOLYAI CLUJ-NAPOCA FACOLTÀ DI STORIA - FILOSOFIA UNIVERSITÀ BABEŞ-BOLYAI CLUJ-NAPOCA FACOLTÀ DI STORIA - FILOSOFIA Dissertazione di dottorato Lampade ad olio cristiane - nord-africane ( secoli IV-VI d.c.) e la loro diffusione nelle provincie balcaniche

Dettagli

Gas Natural Vendita Italia per l autotrazione:

Gas Natural Vendita Italia per l autotrazione: 1 Gas Natural Vendita Italia per l autotrazione: un partner per la tua stazione a metano Ing. Giovanni Papagni Gestione e sviluppo servizi energetici Gas Natural Vendita Italia Spa OIL&NONOIL 13 Ottobre

Dettagli

Città e comunicazioni

Città e comunicazioni Città e comunicazioni L ambiente urbano I villaggi sono centri abitati che hanno dai 1.000 ai 2.000 abitanti, o addirittura solo qualche centinaio. Nei paesi, invece, il numero degli abitanti è superiore.

Dettagli

L arte paleocristiana

L arte paleocristiana Storia dell Arte docente : Prof.ssa Addolorata RICCO L arte paleocristiana I mosaici bizantini di Rvenna RAVENNA - storia Costantino nel 324 costruisce sull area dell antica Bisanzio la nuova Roma, ribattezzata

Dettagli

Le pietre e i cittadini

Le pietre e i cittadini SCHEDA STORICO-DESCRITTIVA DI UN AMBITO URBANO azionale per la tutela del Patrimonio Storico, Artistico e Naturale della Nazione Progetto nazionale per l Educazione al Patrimonio Le pietre e i cittadini

Dettagli

Camargue. Il delta del Rodano nella regione della Camargue

Camargue. Il delta del Rodano nella regione della Camargue Camargue Il delta del Rodano nella regione della Camargue La Camargue è la zona umida a sud di Arles, in Francia, fra il Mar Mediterraneo e i due bracci del delta del Rodano. Il braccio orientale si chiama

Dettagli

F O R M A T O E U R O P E O

F O R M A T O E U R O P E O F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome PESCOSOLIDO GUIDO Indirizzo VIA FILIPPO FIORENTINI, 106 00159 ROMA ITALIA Telefono Fax E-mail Guido.pescosolido@uniroma1.it

Dettagli

PROGRAMMAZIONE RELIGIONE CLASSI PRIME, SECONDE, TERZE, QUARTE, ANNO SCOLASTICO 2015/2016

PROGRAMMAZIONE RELIGIONE CLASSI PRIME, SECONDE, TERZE, QUARTE, ANNO SCOLASTICO 2015/2016 PROGRAMMAZIONE RELIGIONE CLASSI PRIME, SECONDE, TERZE, QUARTE, ANNO SCOLASTICO 2015/2016 INDICATORI CLASSI PRIME, SECONDE, TERZE, QUARTE, QUINTE. Conoscere espressioni, documenti, in particolare la Bibbia

Dettagli

IT ES THE ART OF COVERINGS THE ART OF COVERINGS MOSAIC MOSAIC

IT ES THE ART OF COVERINGS THE ART OF COVERINGS MOSAIC MOSAIC IT ES L a da sempre lavora con materiali compositi per applicazioni hi-tech con l obiettivo di creare prodotti sempre più innovativi nel campo dell edilizia tradizionale e prefabbricata. Il sistema pannello

Dettagli

Ordenadores de buceo Archimede I y II

Ordenadores de buceo Archimede I y II Rev 01/05 1 Ordenadores de buceo Archimede I y II Archimede II KS 764110 Casquete Amarillo Cod. KZ 764181 Rev 01/05 2 Ordenadores de buceo Archimede I y II ATENCIÒN N! Este manual es para ser utilizado

Dettagli

Rapporto Economia Provinciale Porto

Rapporto Economia Provinciale Porto Rapporto Economia Provinciale 2009 205 Porto Porto 207 Quadro generale Nel corso del 2009 Genova si riconferma il principale porto italiano per movimentazione merci; Trieste conferma la seconda posizione

Dettagli

IL RESTAURO STILISTICO IN ITALIA _ NAPOLI

IL RESTAURO STILISTICO IN ITALIA _ NAPOLI Seconda Università degli studi di Napoli Facoltà di Architettura Luigi Vanvitelli CORSO DI TEORIA E STORIA DEL RESTAURO ANNO ACCADEMICO 2010-2011 PROF. ARCH. G. FIENGO IL RESTAURO STILISTICO IN ITALIA

Dettagli