GÉNOVA, ENCRUCIJADA DE GENTES MUSULMANAS DURANTE LOS SIGLOS XV-XVII

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "GÉNOVA, ENCRUCIJADA DE GENTES MUSULMANAS DURANTE LOS SIGLOS XV-XVII"

Transcript

1 Recibido: 4 de junio de 2009 /Aceptado: 27 de septiembre de 2009 GÉNOVA, ENCRUCIJADA DE GENTES MUSULMANAS DURANTE LOS SIGLOS XV-XVII Graziella Galliano Universidad de Génova RESUMEN En estos últimos tiempos se ha encendido el debate sobre la construcción de una nueva mezquita en Génova, donde la inmigración musulmana ha asumido dimensiones destacadas. Se propone reconstruir algunos momentos de las relaciones entre genoveses y musulmanes durante los siglos caracterizados por intensos intercambios. Palabras clave: Génova, mezquita, relaciones genoveses y musulmanes. GENOA, CROSSROADS OF MOSLEM PEOPLES DURING THE CENTURIES XV-XVII ABSTRACT In the last years heated argument on the building new mosque in Genoa, because the Muslim immigration has assumed big proportion. The goal of this article is to re-visit the period of the intense changes between Genoese and Muslims. Key words: Genoa, mosque, changes between Genoese and Muslims. Revista de Estudios Colombinos. Junio de 2010 (nº 6), pp

2 26 G r a z i e l l a G a l l i a n o INTRODUCCIÓN Génova, como probablemente indica su origen etimológico (Ianua es decir «puerta»), se jacta de una larga tradición multicultural y multireligiosa, como lo atestiguan las diversas sedes de culto de varias confesiones religiosas construidas en la enmarañada red urbana de la ciudad, que remontan a su favorable posición geográfica y a su rica historia, siendo una ciudad abierta al mar y por lo tanto siempre propensa al encuentro con otras realidades. En estos últimos tiempos se ha encendido enormemente el debate sobre la construcción de una nueva mezquita en el territorio del Municipio de Génova, porque se trata de una ciudad tradicionalmente sedienta de espacios por su particular configuración morfológica, pero como en muchas otras ciudades europeas la inmigración musulmana ha asumido dimensiones destacadas, tanto que el Islam ya es la segunda religión en Italia por el número de miembros y por lo tanto necesita nuevos lugares de culto urgentemente. En esta sede se propone reconstruir algunos momentos de las relaciones entre genoveses y musulmanes, señalando los documentos relativos a lugares de culto musulmanes durante los siglos caracterizados por intensos intercambios, a modo de conclusión del Año Europeo del Diálogo Intercultural (2008), que además fue animado por diversas manifestaciones aprobadas en la capital ligur. REPRESENTACIONES ENTRE ARTE Y GEOGRAFÍA La construcción de una nueva mezquita en Génova ha despertado un gran interés entre quienes han sostenido la importancia sociocultural, más allá de la función religiosa, y quienes en cambio se han opuesto firmemente aduciendo las observaciones usuales para limitar la islamización del territorio, sobre todo por el temor a movimientos terroristas. En el imaginario colectivo, durante julio del 2008 despertó gran curiosidad la señalización de la existencia de un edificio para el culto musulmán en el puerto de Génova, documentada por un cuadro del seiscientos de autor anónimo perteneciente a un desconocido coleccionista genovés. En el diseño la imagen dominante es la dársena de las galeras, custodiada en el adyacente espacio marino de forma cuadrada, hoy todavía utilizado por las embarcaciones; sobre el lado del mar está representado un edificio dominado por una cúpula de forma redondeada, dotado de un pequeño balcón con una persona que se asoma sobre la plaza de abajo. El Prof. Alireza Nazer Eslami, docente de arte y arquitectura musulmana en la Facultad de Arquitectura del Ateneo genovés, reconoce un alminar con su almuédano y una mezquita, y en el edificio cercano con torre los conocidos baños para las necesidades higiénicas de los practicantes; además, los pequeños grupos de dos o tres personas que animan el cuadro vestirían trajes de tipo oriental 1. Ya en el 2000, el Prof. Alireza Nazer Eslami insertó una bellísima reproducción del cuadro en la cubierta de su volumen Génova y el Mediterráneo. Los reflejos de ultramar sobre la cultura artística y la arquitectura del espacio urbano XII-XVII 2, reproducidos al lado en un trozo de un carta topográfica anónima conservada en el archivo de Estado de Génova, referente al topónimo «Moschea» (Mezquita) 3. El cuadro anónimo del seiscientos ha sido utilizado para ilustrar otras cubiertas de libros 4 y sin duda merece particular atención por su originalidad, puesto que la producción iconográfica de la ciudad de Génova, aún siendo suficientemente rica a partir del siglo XIV en adelante, presenta diversos aspectos repetitivos y descuida, al estado actual de los conocimientos, este ángulo del muelle de la dársena. El diseño tan detallado no resultaría en otras obras del seiscientos y representa un momento bastante significativo de las numerosas intervenciones cumplidas en el puerto de Génova 1 Una reproducción del cuadro y una entrevista al Prof. Alireza Naser Eslami fueron publicadas en el periódico «La República», Génova, 24 de diciembre de 2008, p. II. 2 Con el prefacio de Maurice Cerasi, para los ejemplares de De Ferrari editor en Génova. 3 La primera constituye la parte superior de la ilustración VIII, la parte inferior una ampliación focalizada sobre el «muezzin». Igualmente, la reproducción de la planimetría constituye la parte superior de la ilustración VII, la parte inferior una ampliación dell detalle con el topónimo «Moschea» (Mezquita). 4 Como por ejemplo el de Luisa Piccinno, citado en la bibliografía.

3 para mejorar su capacidad receptiva, como se precisará en esta sede. GÉNOVA ENCRUCIJADA DE GENTES En la obra citada precedentemente Alireza Naser Eslami ha reconstruido los espacios y los lugares de los «sarracenos» y de los «orientales» en Génova, partiendo del análisis de Michel Balard: «i genovesi riuscirono ad estendere le proprie rotte dal Mar Nero all Atlantico, dal Maghreb alle acque inglesi; altresì, essi riuscirono a trovare, attraverso l intervento nella creazione di città come Famagosta, Pera, Caffa, Chio, di quartieri di Siviglia, Cordova, Granada, Malaga, il modo di riprodurre in ogni parte di quel mondo medievale e successivo molte piccole «città di Genova». Senza dubbio questo fu possibile in parte anche grazie alla presenza di numerose etnie, provenienti proprio da queste aree geografiche, che proprio in Genova conducevano la loro vita quotidiana, i loro affari, o i loro soggiorni provvisori. Pur consapevoli dei problemi che potevano esserci, con questa situazione la città ospita stranieri e forestieri di ogni sorta: conquista in questo modo il titolo di città cosmopolita e multietnica, caratteristica indispensabile e causa prima dell apertura internazionale che consentì ai genovesi di espandersi per il mondo. Questo carattere particolare della quotidianità genovese, portò conseguentemente, ad entrare in stretto e costante rapporto con la lingua, i costumi e le abitudini di popoli stranieri» (NASER ESLAMI, pp ). El docente iraní continúa: «In quanto punto d incontro fra diverse vie di comunicazione e rotte commerciali, sia terrestri che marittime, risulta costante e radicato da molto tempo nella città, non solo l afflusso di merci ed i conseguenti capitali, ma anche di uomini, di forestieri, diversificati nei loro ruoli sociali: commercianti, bancari, esuli, schiavi, artigiani, artisti, etc.. Questa affluenza straniera è senza dubbio favorita dalla più volte rimarcata posizione favorevole di Genova, strategica sia via terra (ottimo ponte fra essa, la pianura padana e l Oriente), sia in virtù di un porto efficientissimo: questo articolava eccellentemente i movimenti e l intensità degli scambi, non solo economici, ma anche politici, intellettuali e culturali, sviluppando relativi spazi d incontro. La città risulta perciò, sotto il profilo produttivo, un perfetto «habitat» anche per i gruppi etnici contraddistinti da un carattere religioso particolarmente problematico. È noto che, per il loro spirito di tolleranza religiosa ed apertura, i Genovesi favorissero l afflusso dì minoranze quali i mussulmani, gli ebrei, gli armeni o gli albigesi».«questa vasta tipologia risulta infine un intricato e complesso punto d incontro nella città, che solo determinati accordi politici riescono a controllare efficientemente. Se mercanti e banchieri costituiscono l aspetto più evidente ed importante del successo genovese, all afflusso di merci e capitali in Genova è da attribuirsi anche tutta un altra realtà apparentemente minima. In relazione alle migrazioni di forestieri, bisogna infatti non trascurare tutta quella fittissima rete di attività minori, ma indispensabili all economia genovese, che costituiscono gli insostituibili anelli della catena di distribuzione dei prodotti, soprattutto nel campo artigianale» (Ibidem, pp ). Alireza Naser Islami precisa por lo tanto que «Fra le varie «materie» di scambio, quella degli schiavi era senza dubbio molto importante. A tal punto, che proprio in questi traffici possiamo ritrovare la causa di una forte e costante presenza a Genova di stranieri, fino al loro frequente radicamento. La mano d opera servile aveva infatti un utilizzo diffuso e differenziato, coprendo le esigenze in molti campi e livelli sociali. Questa serviva per le attività artigianali, per le coltivazioni degli orti e delle ville, ma anche nelle abitazioni, per faccende domestiche o per conferire autorità e prestigio nelle famiglie altolocate e nobiliari» (Ibidem, p. 90). LA ESTRUCTURA DEL PUERTO ANTIGUO En un volumen cuya cubierta presenta una bellísima reproducción del cuadro mencionado, con un precioso ángulo mayor de la visual, la estudiosa Laura Piccinno después de haber lamentado la fragmentación de la historiografía relativa a los puertos del Mediterráneo, pone en evidencia «Ricostruzioni urbanistiche, iconografie, descrizioni letterarie, permettono di seguire passo per passo la trasformazione del bacino che, da protetta insenatura naturale, diventa una struttura relativamente moderna ed efficiente, e capace quindi di accogliere al suo interno, nella prima metà del Seicento, circa millecinquecento navi all anno aventi una portata compresa tra 12 e 71,5 tonnellate». «I primi progressi di costruzione del molo vecchio risalgono al 1133, ma notizie certe sulla sua esistenza si hanno solo a partire dal 1138, quando venne istituita una tassa per ripararlo dai danni 27 Génova encrucijada de gentes musulmanas durante los siglos XV-XVII

4 28 G r a z i e l l a G a l l i a n o subiti durante una tempesta. Sulla sua sommità si erge un faro chiamato torre dei Greci, che perde però gran parte della sua importanza quando nel 1321 sul prolungamento del molo viene eretto il Lanternino». «Intorno agli anni , viene costruita inoltre, sotto la direzione dell architetto Marino Boccanegra, una piccola Darsena con torre per aumentare la poca disponibilità di acque calme che sino ad allora si aveva solo nella zona del Mandracchio. Nel 1306 la darsena viene suddivisa in due settori ben distinti tra loro che prendono i nomi di Darsena delle barche o del vino (utilizzata per l approdo del commercio di cabotaggio) e Darsena della galere (rifugio delle navi mercantili e da guerra). Oltre a queste, esisteva anche un arsenale (o Darsenale), intendendo con questo termine un insieme di calate, scali, magazzini, officine e ogni altro edificio necessario alla costruzione, riparazione e armamento delle navi» (PICCINNO, pp ). Sucesivamente el desarrollo topográfico de Génova está contraseñado por nuevos cinturones de muros mientras las estructuras portuarias padecen continuos cambios. Y así Piccinno prosigue: «Agli inizi del secolo xv la forma e la funzionalità del porto di Genova appaiono ormai nettamente definite, all altezza dei traffici e della potenza economica della Repubblica». «Taride da carico dallo scafo tozzo, navi dalla struttura imponente, galee veloci, quando comparivano all orizzonte venivano avvistate dalla Loggetta dei Greci, alla base del Molo, e della torre di Capo di Faro su lato opposto dell arco portuale, ove dal 1326 bruciava fissa una lampada ad olio come segnale ai naviganti. Superate le formalità di riconoscimento, i bastimenti si avviavano ai rispettivi ponti di approdo, predisposti ciascuno per ogni diversa mercanzia» (Ibidem, p. 22). «Oltre ai ponti e agli scali adibiti alle operazioni di carico e scarico delle merci, il porto di Genova forniva anche spazi per il rattoppo delle carene e per la costruzione di nuove imbarcazioni In particolare «Il Ponte dei Calvi.risale al Dopo essere stato rifatto in muratura, viene costruita sulla sua cima una casetta per i collettori della gabella della legna; subisce diversi restauri nel 1597, 1608, 1626, 1646, 1680, 1703, 1739» (PICCINNO, p. 27). Como confirmación del control desarrollado por las autoridades sobre el movimiento comercial, entre el muro de la Dársena y el puente Calvi (situado al este), en el primer cuarto del Seiscientos se construye un camino de ronda, después llamado de las Murallas, insertado a lo largo de todo el arco portuario (Ibidem, p. 32). De la comparación de la planimetría del siglo XVII relativa a la Dársena de las cárceles que llevaban el topónimo «Mezquita» resultaría una ubicación más hacia la costa. Entre esta ubicación y el lugar de culto musulmán del cuadro, uno de los mayores estudiosos de la historia urbana de Génova, Ennio Poleggi, coloca una mezquita, en la reconstrucción de los asentamientos de extranjeros. INTERCAMBIO DE CULTURAS Y DE MERCANCÍA HUMANA Un importante documento relativo a la existencia de una o más mezquitas en Génova, fue citado en uno de los estudios más rigurosos sobre la esclavitud y el rescate de los Lígures en el Seiscientos, de Enrica Lucchini, que en el párrafo dedicado a Los magrebinos en Liguria: un problema de reciprocidad, observa «La cattura sul mare rientra nel quotidiano e si è visto come, date le condizioni di vita in schiavitù, essa sia una possibilità funesta; occorre considerare, però, un ulteriore aspetto del problema: non ci sono soltanto gli schiavi cristiani in Nordafrica, ma esistono anche i maghrebini tenuti prigionieri nel mondo cristiano. E come a Genova arrivano le querele dei sudditi della Repubblica in cattività, così a Tunisi, Algeri, Biserta giungono le proteste di musulmani maltrattati dai padroni liguri. I rispettivi governi non possono ignorare tali voci ed ecco che si intrecciano proteste ufficiali, minacce di ritorsioni, proposte di accordo. Vengono fatte concessioni agli schiavi: attraverso lettere di genovesi si sa, ad esempio, che in Tunisi e Algeri era consentito ai prigionieri di andare elemosinando per le vie della città, che alcuni avevano potuto aprire taverne; a Genova i maghrebini potevano smerciare formaggi sulla calata del porto e altri prodotti in qualità di venditori ambulanti, bussando di porta in porta. Sono comunque accordi non stabili, soggetti al mercato degli schiavi, agli interessi del momento, talvolta all umore dei governanti». «È già stato osservato che il timore di rappresaglie aveva portato a una certa tolleranza e, di conseguenza, erano state accettate da entrambe le parti «certe norme per il trattamento degli schiavi che mitigavano, in qualche misura, la durezza della condizione servile ed anche aprivano agli schiavi qualche possibilità di conquistarsi, essi stessi, il riscatto» «La cattura sul mare rientra nel quotidiano e si è visto come, date le condizioni di vita in

5 schiavitù, essa sia una possibilità funesta; occorre considerare, però, un ulteriore aspetto del problema: non ci sono soltanto gli schiavi cristiani in Nordafrica, ma esistono anche i maghrebini tenuti prigionieri nel mondo cristiano. E come a Genova arrivano le querele dei sudditi della Repubblica in cattività, così a Tunisi, Algeri, Biserta giungono le proteste di musulmani maltrattati dai padroni liguri. I rispettivi governi non possono ignorare tali voci ed ecco che si intrecciano proteste ufficiali, minacce di ritorsioni, proposte di accordo. Vengono fatte concessioni agli schiavi: attraverso lettere di genovesi si sa, ad esempio, che in Tunisi e Algeri era consentito ai prigionieri di andare elemosinando per le vie della città, che alcuni avevano potuto aprire taverne; a Genova i maghrebini potevano smerciare formaggi sulla calata del porto e altri prodotti in qualità di venditori ambulanti, bussando di porta in porta. Sono comunque accordi non stabili, soggetti al mercato degli schiavi, agli interessi del momento, talvolta all umore dei governanti». CONCLUSIÓN La heterogeneidad de los argumentos tratados demuestra el enfoque hacia una temática interdisciplinaria, que suscita múltiples intereses no sólo en el ámbito genovés sino también en varias ciudades a ambos lados del Mediterráneo, a causa de la intensificación de los movimientos migratorios. De modo diverso a otras ciudades portuarias mediterráneas, Génova no cuenta con un vasto lugar público, la característica plaza del gran mercado, en otros términos de una amplia plaza al centro del poblado, contorneada por pórticos. El puerto, alma comercial de la ciudad, con frecuencia ha desarrollado la función de la plaza de barrio donde se reúnen los habitantes, como las pequeñas plazas frente a las iglesias de las zonas internas. Los estudios arqueológicos sobre los restos relativos a la antigua, o mejor a las dos antiguas mezquitas, documentan la existencia de una columna marmórea conservada en los locales de la actual biblioteca de la Facultad de Economía de Génova. Las improntas religiosas, como así también los intensos intercambios comerciales entre el mundo cristiano y el musulmán, son evidentes y bien documentados. Pero, como ya lo he destacado en reiteradas oportunidades, los procesos de integración presuponen un conocimiento recíproco que todavía está en alto y las noticias sobreindicadas pueden constituir la base para una profundización sistemática de los seculares problemas ligados a la convivencia, primero aún que a la integración. BIBLIOGRAFÍA BONO, Salvatore (1981), Schiavi musulmani sulle galere e nei bagni d Italia dal XIV al XIX secolo, en Le genti del Mare Mediterraneo, Napoli, vol. II. BONO, Salvatore (2008), Un altro Mediterraneo. Una storia comune fra scontri e integrazioni, Napoli, ed. Salerno. GALLIANO, Graziella (2006), Religioni e immigrazioni. Una lettura geografica, Genova, Le Mani Università. LUCCHINI, Enrica (1990), La merce umana. Schiavitù e riscatto dei liguri nel Seicento, Roma, Bonacci. NASER ESLAMI, Alireza (2000), Genova e il Mediterraneo. I riflessi d oltremare sulla cultura artistica e l architettura dello spazio urbano XII-XVII secolo, Genova, De Ferrari. PICCINNO, Luisa (2000), Economia marittima e operatività portuale. Genova, secc. XVII-XIX, en «Atti della Società Ligure di Storia Patria», Genova, n. s., vol. XL. 29 Génova encrucijada de gentes musulmanas durante los siglos XV-XVII

LE GRANDI SCOPERTE GEOGRAFICHE ED I PRIMI IMPERI COLONIALI

LE GRANDI SCOPERTE GEOGRAFICHE ED I PRIMI IMPERI COLONIALI LE GRANDI SCOPERTE GEOGRAFICHE ED I PRIMI IMPERI COLONIALI Cause delle scoperte geografiche e nuove vie marittime per l occidente 1. La caduta di Costantinopoli nelle mani dei Turchi che provoca difficoltà

Dettagli

Geografia descrizione della terra scienza spazi terrestri uomini

Geografia descrizione della terra scienza spazi terrestri uomini Geografia Parola di origine greca che significa "descrizione della terra", indica la scienza che descrive gli spazi terrestri, studiando in modo particolare come gli uomini li hanno organizzati. Lo studio

Dettagli

GLI IMMIGRATI IN FRANCIA

GLI IMMIGRATI IN FRANCIA GLI IMMIGRATI IN FRANCIA - Chi sono? - Da dove provengono? - Da quando è iniziato il flusso migratorio in quel paese? - Che tipo di lavoro svolgono? - Come si sono integrati? - Quali sono le loro condizioni

Dettagli

SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE SETTORE MARITTIMO

SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE SETTORE MARITTIMO SCIENZE E TECNOLOGIE APPLICATE SETTORE MARITTIMO MODULO : UNO UNITA : TRE SCAFI IN ACCIAIO La necessità di costruire navi sempre più grandi e con una certa rapidità, ha portato ad abbandonare il legno

Dettagli

Rotary Club Sarzana Lerici

Rotary Club Sarzana Lerici rotarinf rma Rotary Club Sarzana Lerici ANNO DI FONDAZIONE 1978 Governatore Distretto 2032 F. Rossello Presidente Club P. Fiorini Giornale n. 59 - GENNAIO 2014 G. L. Forcieri Auguri 2013 G. Modugno Auguri

Dettagli

2. Le piante. Le piante verdi hanno bisogno della luce del sole per crescere. Esse trasformano l energia della luce solare in energia alimentare.

2. Le piante. Le piante verdi hanno bisogno della luce del sole per crescere. Esse trasformano l energia della luce solare in energia alimentare. 2. Le piante Sembra che le piante siano dappertutto. C i sono piante all aperto e al chiuso, a scuola e intorno alle case. Sai pensare a posti diversi in cui hai visto delle piante? Le piante sono simili

Dettagli

Indice. Prefazione alla nuova edizione... L editore ringrazia... Un approccio visuale. Com è organizzato un capitolo di Geografia Umana?...

Indice. Prefazione alla nuova edizione... L editore ringrazia... Un approccio visuale. Com è organizzato un capitolo di Geografia Umana?... Indice V Indice Prefazione alla nuova edizione... L editore ringrazia... Un approccio visuale. Com è organizzato un capitolo di Geografia Umana?.... XII XV XVI CAPITOLO 1 CHE COS È LA GEOGRAFIA UMANA?...

Dettagli

I primi strumenti e il fuoco

I primi strumenti e il fuoco Di Alessia Caprio I primi strumenti e il fuoco Nellapreistoria, le tappe della storia della tecnologia hanno coinciso con quelle dell evoluzione del genere umano e sono state al servizio delle attività

Dettagli

tra intercultura ed interreligiosità aprile>settembre 2013

tra intercultura ed interreligiosità aprile>settembre 2013 Costantino tra intercultura ed interreligiosità aprile>settembre 2013 La mostra e il progetto La mostra Costantino ha celebrato l anniversario dell eccezionale manifesto di tolleranza religiosa diffuso

Dettagli

LEGGI O ASCOLTA IL TESTO POI ORGANIZZA IL CONTENUTO NELLA MAPPA IL LAGO E UNA GRANDE MASSA D'ACQUA DOLCE, RACCOLTA IN UNA CAVITÀ

LEGGI O ASCOLTA IL TESTO POI ORGANIZZA IL CONTENUTO NELLA MAPPA IL LAGO E UNA GRANDE MASSA D'ACQUA DOLCE, RACCOLTA IN UNA CAVITÀ LEGGI O ASCOLTA IL TESTO POI ORGANIZZA IL CONTENUTO NELLA MAPPA IL LAGO E UNA GRANDE MASSA D'ACQUA DOLCE, RACCOLTA IN UNA CAVITÀ DELLA TERRA. E ALIMENTATO DA FIUMI CHIAMATI IMMISSARI, DA SORGENTI, DA GHIACCIAI

Dettagli

Certo chi si avventurava per le vie delle grandi città-stato

Certo chi si avventurava per le vie delle grandi città-stato I palazzi e i templi nelle città stato mesopotamiche Certo chi si avventurava per le vie delle grandi città-stato di Lagash o di Uruk non poteva godere di un grande spettacolo. La mancanza di pietra da

Dettagli

Cominciamo con il confrontare le zone sismiche e la disposizione dei vulcani subaerei nel mondo

Cominciamo con il confrontare le zone sismiche e la disposizione dei vulcani subaerei nel mondo Cominciamo con il confrontare le zone sismiche e la disposizione dei vulcani subaerei nel mondo Qui sopra è stata riportata la cartina dove sono rappresentate le zone sismiche sulla terra. Esse corrispondono

Dettagli

Economia del Lavoro 2010

Economia del Lavoro 2010 Economia del Lavoro 2010 Capitolo 4 L equilibrio del mercato del lavoro - 1 Abbiamo visto le conseguenze dell equilibrio in un unico mercato del lavoro concorrenziale (es. efficienza). Ma una economia

Dettagli

Prof.ssa Laura Salvagno

Prof.ssa Laura Salvagno Prof.ssa Laura Salvagno Nella vita di tutti i giorni abbiamo spesso a che fare con il concetto di rapporto, partiamo perciò da alcuni esempi per introdurre l argomento. Consideriamo tutte le gare combattute

Dettagli

Introduzione alle macchine a stati (non definitivo)

Introduzione alle macchine a stati (non definitivo) Introduzione alle macchine a stati (non definitivo) - Introduzione Il modo migliore per affrontare un problema di automazione industriale (anche non particolarmente complesso) consiste nel dividerlo in

Dettagli

L'EMIGRAZIONE CLASSE V SCHEDE DI LAVORO STORIA LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE. Scheda 9. Dall'unità d'italia ad oggi vi sono stati grandi movimenti

L'EMIGRAZIONE CLASSE V SCHEDE DI LAVORO STORIA LA RIVOLUZIONE INDUSTRIALE. Scheda 9. Dall'unità d'italia ad oggi vi sono stati grandi movimenti L'EMIGRAZIONE Dall'unità d'italia ad oggi vi sono stati grandi movimenti migratori, cioè grossi spostamenti di popolazione da una zona all'altra. Nella tabella a fianco è riportato il numero degli italiani

Dettagli

Camargue. Il delta del Rodano nella regione della Camargue

Camargue. Il delta del Rodano nella regione della Camargue Camargue Il delta del Rodano nella regione della Camargue La Camargue è la zona umida a sud di Arles, in Francia, fra il Mar Mediterraneo e i due bracci del delta del Rodano. Il braccio orientale si chiama

Dettagli

Introduzione ai Diritti Umani. Scuole medie

Introduzione ai Diritti Umani. Scuole medie Introduzione ai Diritti Umani Scuole medie Inventiamo le regole per il mondo Carta delle Nazioni Unite (1945) Dichiarazione dei diritti dell uomo (1948) Patti sui diritti (1966) civili e politici economici,

Dettagli

IV JORNADAS INTERNACIONALES SOBRE INVESTIGACIÓN EN ARQUITECTURA Y URBANISMO 4 TH INTERNATIONAL MEETING ON ARCHITECTURAL AND URBANISM RESEARCH

IV JORNADAS INTERNACIONALES SOBRE INVESTIGACIÓN EN ARQUITECTURA Y URBANISMO 4 TH INTERNATIONAL MEETING ON ARCHITECTURAL AND URBANISM RESEARCH 1 La Escuela nacional de Doctorado en Italia Emma Mandelli Director de la Escuela nacional de Doctorado en Ciencias de la Representación y del Levantamiento (Scuola Nazionale di Dottorato in Scienza della

Dettagli

L.T. FLUVIO-LOGISTIC

L.T. FLUVIO-LOGISTIC Luca Papi Business Plan per il Concorso di idee: L Idrovia Ferrarese diventa impresa Titolo del Business Plan: L.T. FLUVIO-LOGISTIC Impresa di Servizio Logistico per le PMI *Il mondo in cui viviamo *La

Dettagli

IVREA. Arch. Enrico Giacopelli. Grafica Giorgia Feraudo per Studio Giacopelli Architetti

IVREA. Arch. Enrico Giacopelli. Grafica Giorgia Feraudo per Studio Giacopelli Architetti Progetto di salvaguardia e valorizzazione dell architettura moderna IVREA Arch. Enrico Giacopelli Grafica Giorgia Feraudo per Studio Giacopelli Architetti Parte 1: Ivrea e Olivetti Parte 2: Il MaAm Parte

Dettagli

Il Metodo Cinematico lineare, comunemente anche detto Metodo della Corrivazione, si basa su alcune considerazioni:

Il Metodo Cinematico lineare, comunemente anche detto Metodo della Corrivazione, si basa su alcune considerazioni: Teoria del metodo Cinematico Il Metodo Cinematico lineare, comunemente anche detto Metodo della Corrivazione, si basa su alcune considerazioni: - gocce di pioggia cadute contemporaneamente in punti diversi

Dettagli

Carlo Magno, il Sacro romano impero e il feudalesimo

Carlo Magno, il Sacro romano impero e il feudalesimo la nostra proposta didattica del mese Unità di apprendimento semplificata con glossario, schemi ed esercizi che facilitano l apprendimento A cura di Emma Mapelli Carlo Magno, il Sacro romano impero e il

Dettagli

L Italia degli stati regionali

L Italia degli stati regionali L Italia degli stati regionali Nel XIII secolo in Italia si consolidarono i comuni, soprattutto nell Italia centro-settentrionale, mentre nel centro c era lo Stato della Chiesa e nel sud il Regno di Napoli.

Dettagli

STORIA E GEOGRAFIA LINEE GENERALI E COMPETENZE. Storia. Geografia

STORIA E GEOGRAFIA LINEE GENERALI E COMPETENZE. Storia. Geografia STORIA E GEOGRAFIA LINEE GENERALI E COMPETENZE Al termine del corso di studi lo studente dovrà conoscere i principali eventi della storia di Europa e dell Italia dall antichità al XIII secolo, esser consapevole

Dettagli

PROTEZIONE CONTRO I FULMINI (CEI 81-10) RELATORE: Dr. Nicola CARRIERO Dr. Carmineraffaele ROSELLI

PROTEZIONE CONTRO I FULMINI (CEI 81-10) RELATORE: Dr. Nicola CARRIERO Dr. Carmineraffaele ROSELLI PROTEZIONE CONTRO I FULMINI (CEI 81-10) RELATORE: Dr. Nicola CARRIERO Dr. Carmineraffaele ROSELLI LE MODIFICHE INTRODOTTE DALLA VARIANTE V1 ALLA NORMA CEI 8I-10 Come noto, 81-10 è la classificazione CEI

Dettagli

Il Ministero dello Sviluppo Economico

Il Ministero dello Sviluppo Economico DECRETO MINISTERIALE 108/09 DEL 23/07/2009 PER LA MODERNIZZAZIONE E L ADEGUAMENTO AGLI STANDARD DI SICUREZZA ANCHE PER GLI ASCENSORI ENTRATI IN FUNZIONE PRIMA DEL 1999. Il Ministero dello Sviluppo Economico

Dettagli

Illuminismo. scaricato da

Illuminismo. scaricato da 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Orizzontali 4. Quello di alcuni sovrani europei era "illuminato" 7. Raccolta sistematica del sapere moderno 10. L' si batte per la felicità e per l'... Verticali 1. Sostiene che i

Dettagli

Documento non definitivo

Documento non definitivo STUDIO DI SETTORE VG52U ATTIVITÀ 82.92.10 IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO DI GENERI ALIMENTARI ATTIVITÀ 82.92.20 IMBALLAGGIO E CONFEZIONAMENTO DI GENERI NON ALIMENTARI Luglio 2012 Documento non definitivo

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA RONZO-CHIENIS

SCUOLA PRIMARIA RONZO-CHIENIS ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI Via Giovanni XXIII, n. 64-38065 MORI Cod. Fisc. 94024510227 - Tel. 0464-918669 Fax 0464-911029 www.icmori.it e-mail: segr.ic.mori@scuole.provincia.tn.it REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

DE LA FRONTERA-SEVILLA

DE LA FRONTERA-SEVILLA Partenza VENERDì O SABATO Partenza da Malaga 1º giorno MALAGA 2º giorno MALAGA-RONDA-JEREZ DE LA FRONTERA-SEVILLA moschea principale. In conclusione la Plaza de Toros, un meraviglioso esempio del Settecento.

Dettagli

Progetto di cartografia per conoscere il paesaggio. Direzione didattica Sassuolo 2 circolo

Progetto di cartografia per conoscere il paesaggio. Direzione didattica Sassuolo 2 circolo Progetto di cartografia per conoscere il paesaggio Direzione didattica Sassuolo 2 circolo Anno scolastico 2011/12 Insegnante referente: Ferrari Elisa SASSUOLO E LA CARTOGRAFIA Presentazione del progetto

Dettagli

CURRICOLO DI GEOGRAFIA

CURRICOLO DI GEOGRAFIA CURRICOLO DI GEOGRAFIA CLASSE PRIMA OBIETTIVO GENERALE: orientarsi nello spazio vissuto Sa rappresentare lo spazio vissuto Sa tracciare percorsi Sa esplorare e riconoscere gli spazi vissuti Sa individuare

Dettagli

ECONOMIA AZIENDALE E RAGIONERIA GENERALE. Prof. Marco Papa. Anno Accademico: I Lezione. Prof. Marco Papa

ECONOMIA AZIENDALE E RAGIONERIA GENERALE. Prof. Marco Papa. Anno Accademico: I Lezione. Prof. Marco Papa ECONOMIA AZIENDALE E RAGIONERIA GENERALE Anno Accademico: 2015-2016 I Lezione 1 q L orario delle lezioni Martedì: 15.00 18.20 Mercoledì: 9.50 13.10 q Il ricevimento Mercoledì dopo la lezione e-mail: marco.papa@uniba.it

Dettagli

CURRICOLO DISCIPLINARE DI GEOGRAFIA

CURRICOLO DISCIPLINARE DI GEOGRAFIA A.S. 2014/2015 MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA Istituto Comprensivo Palena-Torricella Peligna Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria di 1 grado Palena (CH) SCUOLA SECONDARIA

Dettagli

5. Modelli gestionali: ipotesi di confronto e soluzioni ottimali

5. Modelli gestionali: ipotesi di confronto e soluzioni ottimali IN LIQUIDAZIONE Progetto Sperimentale ex art. 3 dell Ordinanza Commissariale n. 151 del 14.11.2011 ANALISI DEI SERVIZI DI IGIENE URBANA : 5. Modelli gestionali: ipotesi di confronto e soluzioni ottimali

Dettagli

IL LAVORO DEI CITTADINI STRANIERI

IL LAVORO DEI CITTADINI STRANIERI IL LAVORO DEI CITTADINI STRANIERI Roma e provincia nel 2014 Indice I numeri più significativi... 2 Le conseguenze della Crisi economica... 3 Il contesto nazionale... 3 I numeri di Roma: la condizione occupazionale...

Dettagli

Raccolta differenziata nel Comune di Pesaro. Pesaro, 1 settembre 2009

Raccolta differenziata nel Comune di Pesaro. Pesaro, 1 settembre 2009 Raccolta differenziata La nel Raccolta Comune Differenziata di Pesaro nel Comune di Pesaro Pesaro, 1 settembre 2009 Nuovi servizi di Raccolta Differenziata avviati dal 2005 In seguito all approvazione

Dettagli

NORD. Mare del Nord. Regione. germanica. Regione. Regione. italiana. Mar Mediterraneo SUD

NORD. Mare del Nord. Regione. germanica. Regione. Regione. italiana. Mar Mediterraneo SUD Le Regioni europee NORD nordica OCEANO ATLANTICO OVEST britannica Mare del Nord russa EST francese germanica centro- orientale iberica italiana balcanica Mar Nero Mar Mediterraneo L Europa è formata da

Dettagli

Carta di servizi per Servizio di supporto tecnico informatico (PST) Anno 2013

Carta di servizi per Servizio di supporto tecnico informatico (PST) Anno 2013 Carta di servizi per Servizio di supporto tecnico informatico (PST) Anno 2013 Indice ARTICOLO 1 - SCOPO DELLA CARTA DI SERVIZI... 2 ARTICOLO 2 - SERVIZI A CURA DELL ASI... 2 SERVIZI DI SUPPORTO... 2 GESTIONE

Dettagli

PIOMBINO 2015 PROGETTO CITTA FUTURA

PIOMBINO 2015 PROGETTO CITTA FUTURA Quali scenari per il Polo tecnologico di Piombino? European Awareness Scenario Workshop EASW Piombino, 19-20 novembre 2010 PIOMBINO 2015 PROGETTO CITTA FUTURA L area di Piombino citta futura Di proprietà

Dettagli

SEMINARIO PRODOTTI ITTICI

SEMINARIO PRODOTTI ITTICI SEMINARIO PRODOTTI ITTICI La legislazione applicata alla commercializzazione dei prodotti della pesca Salvatore Baglieri Servizio Veterinario Igiene degli Alimenti di O. A. - AUSL 7, Ragusa Comiso 05 Marzo

Dettagli

Sicurezza antincendio e rischi di incidenti rilevanti

Sicurezza antincendio e rischi di incidenti rilevanti Workshop Aggiornamento delle Linee guida per la redazione dei piani regolatori portuali 16 dicembre 2014 Roma Sicurezza antincendio e rischi di incidenti rilevanti Salvatore Fiadini Premessa: - tutte le

Dettagli

Roma Castelli Romani Villa in vendita a Frascati sui Castelli Romani ville in vendita

Roma Castelli Romani Villa in vendita a Frascati sui Castelli Romani ville in vendita Ville@Casali Real Estate s.r.l. Telefono: 800 984 481 Email: info@villeecasalinetwork.com Roma Castelli Romani Villa in vendita a Frascati sui Castelli Romani ville in vendita Frascati, IT Descrizione

Dettagli

1. La toponomastica e la cartografia britannica. giungere a considerare la storia del territorio di un area rurale del Nord-

1. La toponomastica e la cartografia britannica. giungere a considerare la storia del territorio di un area rurale del Nord- 1. La toponomastica e la cartografia britannica Lo scopo che mi sono prefissata con questa ricerca è quello di giungere a considerare la storia del territorio di un area rurale del Nord- Est dell Inghilterra,

Dettagli

REPORT COMMERCIALE E DI MARKETING. Istruzioni per l uso

REPORT COMMERCIALE E DI MARKETING. Istruzioni per l uso REPORT COMMERCIALE E DI MARKETING Istruzioni per l uso L analisi dei dati commerciali interni L analisi dei dati nel concreto Struttura del Report L analisi dei dati commerciali interni Indicazioni per

Dettagli

12 Il mercato del lavoro dei politici

12 Il mercato del lavoro dei politici INTroDUzIoNE La figura del politico e quella dell elettore sono alla base del concetto di democrazia rappresentativa. Ma chi è il politico? Ed è giusto considerare quella del politico una professione come

Dettagli

SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE

SERVIZIO DI DISTRIBUZIONE DEL GAS NATURALE SERVIZIO PRESTAZIONI ACCESSORIE AL SERVIZIO PRINCIPALE Versione valida dal 01/04/2014 INDICE 1 OGGETTO 3 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 3 3 MODALITA OPERATIVE 3 4 VALIDITA E VARIAZIONI DEI PREZZI 3 5 ELENCO DELLE

Dettagli

Via Bricherasio APPARTAMENTO - CROCETTA - TORINO

Via Bricherasio APPARTAMENTO - CROCETTA - TORINO IL QUARTIERE E L ISOLA PEDONALE Il quartiere Crocetta è storicamente una delle zone residenziali di maggiore prestigio. Cominciò a svilupparsi a partire dal XVII secolo intorno all omonima chiesa della

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE PER COMPETENZE DISCIPLINARI. Scuola Secondaria di Primo Grado - RELIGIONE CATTOLICA- Classe Prima

CURRICOLO VERTICALE PER COMPETENZE DISCIPLINARI. Scuola Secondaria di Primo Grado - RELIGIONE CATTOLICA- Classe Prima CURRICOLO VERTICALE PER COMPETENZE DISCIPLINARI Scuola Secondaria di Primo Grado - RELIGIONE CATTOLICA- Classe Prima COMPETENZE CHIAVE EUROPEE: CONSAPEVOLEZZA ED ESPRESSIONE CULTURALE COMPETENZE SOCIALI

Dettagli

ark english ark english Inglese per Architettura ed Edilizia in 280 parole. Descrizione Índice

ark english ark english Inglese per Architettura ed Edilizia in 280 parole. Descrizione Índice ark english english for architecture and construction ark english Inglese per Architettura ed Edilizia in 280 parole. Descrizione Índice 1. Che cos è ark english? 2. Come funziona? 3. Chi siamo? 4. Quanto

Dettagli

IL CORPO FORESTALE E LA NUOVA LEGGE SUI TARTUFI

IL CORPO FORESTALE E LA NUOVA LEGGE SUI TARTUFI IL CORPO FORESTALE E LA NUOVA LEGGE SUI TARTUFI V.Questore a.f. Dott.For. CARLO CONSOLE CORPO FORESTALE DELLO STATO Comando Provinciale L AQUILA Il quadro normativo I primi riferimenti normativi sulla

Dettagli

VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sul regime fiscale (ed. 11/14)

VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sul regime fiscale (ed. 11/14) VALORE PENSIONE Piano individuale pensionistico di tipo assicurativo Fondo Pensione Documento sul regime fiscale (ed. 11/14) Pagina 2 di 6 - Pagina Documento bianca sul regime fiscale Edizione 11.2014

Dettagli

Incarichi attualmente ricoperti Dirigente del Settore Pianificazione e Sviluppo del Territorio, Patrimonio, Espropri

Incarichi attualmente ricoperti Dirigente del Settore Pianificazione e Sviluppo del Territorio, Patrimonio, Espropri Curriculum Dirigente settore VII Nome Cognome MASSIMO DE SANCTIS Data di nascita 27.08.1956 Luogo di nascita c.f. titoli di studio BORGOROSE (RI) DSNMSM56M27B008C LAUREA IN ARCHITETTURA esperienze professionali

Dettagli

L IMMIGRAZIONE IN SVIZZERA. Chi sono? Che lavoro svolgono? Come sono integrati? Da dove provengono?

L IMMIGRAZIONE IN SVIZZERA. Chi sono? Che lavoro svolgono? Come sono integrati? Da dove provengono? L IMMIGRAZIONE IN SVIZZERA Chi sono? Che lavoro svolgono? Come sono integrati? Da dove provengono? CHI SONO? Dalla fine degli anni Ottanta,l immigrazione ha continuato a oscillare, secondo le fasi congiunturali

Dettagli

FRANCIA: MENTONE, Costa Azzurra (Settembre 2013)

FRANCIA: MENTONE, Costa Azzurra (Settembre 2013) FRANCIA: MENTONE, Costa Azzurra (Settembre 2013) Mentone (Menton), escursione di un giorno PAGINA DELLA FRANCIA Mare e centro storico Gita del 10 SETTEMBRE 2013 Insieme a Morgana ho visitato la città di

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA VELE D EPOCA

ASSOCIAZIONE ITALIANA VELE D EPOCA ASSOCIAZIONE ITALIANA VELE D EPOCA 34 Anno dalla fondazione REGATA SOCIALE (Open) 10-11 giugno 2016 Bando di Regata PORTOVENERE ISOLA DI CAPRAIA 1) Organizzazione L Associazione Italiana Vele d Epoca con

Dettagli

CARTA DI CRACOVIA 2000

CARTA DI CRACOVIA 2000 CARTA DI CRACOVIA 2000 Legislazione dei Beni Culturali Lorenzo Cattaneo Davide D'ugo Gilberto Di Virgilio A CHI SONO RIVOLTI I PRINCIPI ENUNCIATI NELLA CARTA DI CRACOVIA? Ai responsabili del patrimonio

Dettagli

Indagine conoscitiva DONNE E OMEOPATIA

Indagine conoscitiva DONNE E OMEOPATIA Indagine conoscitiva DONNE E OMEOPATIA Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa Milano, 29 ottobre 2013 A cura di Metodologia e campione di ricerca Campione: Sono state intervistate 1.000

Dettagli

La carta dei paesaggi italiani Colora la cartina dei grandi paesaggi italiani, seguendo le indicazioni della legenda.

La carta dei paesaggi italiani Colora la cartina dei grandi paesaggi italiani, seguendo le indicazioni della legenda. La carta dei paesaggi italiani Colora la cartina dei grandi paesaggi italiani, seguendo le indicazioni della legenda. paesaggio alpino = verde paesaggio appenninico = rosso paesaggio padano = giallo paesaggio

Dettagli

ESERCITAZIONI TATTICHE PER LA SCUOLA CALCIO DALL 1>1 AL 4>2+1

ESERCITAZIONI TATTICHE PER LA SCUOLA CALCIO DALL 1>1 AL 4>2+1 SCUOLA CALCIO Maurizio Bruni- Allenatore Giovani Calciatori - Allenatore di Base UEFA B - SAURORISPESCIA Istruttore CONI ESERCITAZIONI TATTICHE PER LA SCUOLA CALCIO DALL 1>1 AL 4>2+1 In considerazione

Dettagli

VIAGGIO VIRTUALE IN GIRO TRA I CASTELLI

VIAGGIO VIRTUALE IN GIRO TRA I CASTELLI VIAGGIO VIRTUALE IN GIRO TRA I CASTELLI Forte di Bard Il Forte sorge in una posizioni strategica poiché si erge su un promontorio roccioso che domina una stretta gola attraversata dalla Dora Baltea. Da

Dettagli

Erickson. Cosa studia la geografia, gli spazi terrestri e gli spazi acquatici. Scuola primaria. Carlo Scataglini. Collana diretta da Dario Ianes

Erickson. Cosa studia la geografia, gli spazi terrestri e gli spazi acquatici. Scuola primaria. Carlo Scataglini. Collana diretta da Dario Ianes Strumenti per la didattica, l educazione, la riabilitazione, il recupero e il sostegno Collana diretta da Dario Ianes Carlo Scataglini GEOGRAFIA facile per la classe TERZA Cosa studia la geografia, gli

Dettagli

IL PORTO DI LE HAVRE

IL PORTO DI LE HAVRE PORTI LE HAVRE IL PORTO DI LE HAVRE Situato all estuario della Senna, è lo scalo marittimo di Parigi e rappresenta un caso significativo di porto intercontinentale, che dopo un lungo periodo di stasi si

Dettagli

UNA PROPOSTA DI SEDUTA D ALLENAMENTO CON POSSESSI PALLA E PARTITELLE A TEMA

UNA PROPOSTA DI SEDUTA D ALLENAMENTO CON POSSESSI PALLA E PARTITELLE A TEMA UNA PROPOSTA DI SEDUTA D ALLENAMENTO CON POSSESSI PALLA E PARTITELLE A TEMA di Simone Benecchi Quella che andrò a dettagliare non è nulla da me inventato, ma solo una progressione di esercitazioni conosciute

Dettagli

Relazione sul progetto Escuelas de Mariposas

Relazione sul progetto Escuelas de Mariposas Oxfam Italia Via C. Concini, 19 52100 Arezzo - Italia T +39 0575 182481 F +39 0575 1824872 CF 92006700519 www.oxfamitalia.org Relazione sul progetto Escuelas de Mariposas Il progetto Ecuelas de Mariposas

Dettagli

MERCATO IMMOBILIARE: COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE

MERCATO IMMOBILIARE: COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE 23 Giugno 2014 IV trimestre 2013 MERCATO IMMOBILIARE: COMPRAVENDITE E MUTUI DI FONTE NOTARILE Nel quarto trimestre 2013, sono 160.525 le convenzioni notarili per trasferimenti di proprietà di unità immobiliari.

Dettagli

Energia: risorsa preziosa

Energia: risorsa preziosa Energia: risorsa preziosa Luigi Bruzzi Dipartimento di Fisica - Università di Bologna Workshop 1. ENERGIA E SVILUPPO L ENERGIA: RISORSA PREZIOSA PER LO SVILUPPO Dalla metà del 1800 a oggi la disponibilità

Dettagli

ELLISSE AL VOSTRO FIANCO PER LA SICUREZZA

ELLISSE AL VOSTRO FIANCO PER LA SICUREZZA Organismo Abilitato Il primo organismo abilitato dal Ministero delle Attività Produttive ad effettuare le verifiche di legge degli impianti ai sensi del DPR 462/01 AL VOSTRO FIANCO PER LA SICUREZZA Abilitazione

Dettagli

Cosa si intende per EXPO

Cosa si intende per EXPO Cosa si intende per EXPO L Expo è un Esposizione Universale di natura non commerciale, una vetrina che, a prescindere dal suo titolo, ha come scopo principale l'educazione del pubblico. Esso può presentare

Dettagli

Vescom: un introduzione. rivestimenti murali tessuti d arredamento tessuti per tende e tendaggi

Vescom: un introduzione. rivestimenti murali tessuti d arredamento tessuti per tende e tendaggi Vescom: un introduzione rivestimenti murali tessuti d arredamento tessuti per tende e tendaggi Vescom, una scelta ovvia! adatti al contract disegni esclusivi funzionali duraturi resistenti al fuoco e sicuri

Dettagli

L AMBIENTE E GLI ECOSISTEMI

L AMBIENTE E GLI ECOSISTEMI L AMBIENTE E GLI ECOSISTEMI Ci sono moltissimi esseri viventi come le piante, gli animali e gli uomini, che abitano insieme. Questi organismi vivono in luoghi diversi che si chiamano ambienti. I pesci

Dettagli

Programmazione di Geografia Scuola Secondaria di I grado. Classe prima

Programmazione di Geografia Scuola Secondaria di I grado. Classe prima Programmazione di Geografia Scuola Secondaria di I grado Classe prima Indicatori di COMPETENZA OBIETTIVI\ABILITÁ CONOSCENZE 1.1 Riconoscere le caratteristiche dell'ambiente studiato Orientamento 1.2 Distinguere

Dettagli

Pianificazione Urbanistica Partecipata

Pianificazione Urbanistica Partecipata Pianificazione Urbanistica Partecipata L Amministrazione comunale di Mattinata ha avviato le procedure per la formazione del Piano Urbanistico Generale (PUG) che, ai sensi della Legge Regionale n 20/2001,

Dettagli

Istituto Franciscanum Luzzago

Istituto Franciscanum Luzzago Istituto Franciscanum Luzzago FORTI IN MATERIA. FORTI NELLO SPIRITO. LICEO SCIENTIFICO PARITARIO LEGALMENTE RICONOSCIUTO SEDE D ESAMI Via Callegari, 11 25121 Brescia Tel. 030/37271 Fax 030/47295 http://www.luzzago.it

Dettagli

Taiwan. Nota settoriale Abbigliamento e accessori

Taiwan. Nota settoriale Abbigliamento e accessori Istituto nazionale per il Commercio Estero Taiwan Nota settoriale Abbigliamento e accessori Istituto nazionale per il Commercio Estero I.C.E. Italian Trade Commission I.C.E. Ufficio di Taipei Suite 1912,

Dettagli

ETICA E POLITICA E IMPOSSIBILE DISTINGUERE IN PLATONE MA NEL PENSIERO GRECO IN GENERALE LA POLITICA DALL ETICA VITA SOCIALE VITA PRIVATA

ETICA E POLITICA E IMPOSSIBILE DISTINGUERE IN PLATONE MA NEL PENSIERO GRECO IN GENERALE LA POLITICA DALL ETICA VITA SOCIALE VITA PRIVATA PLATONE LA POLITICA ETICA E POLITICA E IMPOSSIBILE DISTINGUERE IN PLATONE MA NEL PENSIERO GRECO IN GENERALE LA POLITICA VITA SOCIALE DALL ETICA VITA PRIVATA LA REPUBBLICA O POLITÉIA (insieme dei cittadini)

Dettagli

di Redazione Ecampania.it - 04 Marzo 2016

di Redazione Ecampania.it - 04 Marzo 2016 San Giorgio a Cremano. Naturalmente giocando con "Il giorno del gioco Rassegna dedicata al mondo dei bambini giunta alla sua XI edizione. Presente anche il sindaco Zinno di Redazione Ecampania.it - 04

Dettagli

Che cos è la Psicologia sociale? Dott.ssa Daniela Cipollone

Che cos è la Psicologia sociale? Dott.ssa Daniela Cipollone Che cos è la Psicologia sociale? Dott.ssa Daniela Cipollone Difficoltà ad identificare una definizione sufficientemente articolata e sintetica: - complessità del campo di pertinenza della psicologia sociale;

Dettagli

COMUNE di SAURIS PROVINCIA DI UDINE

COMUNE di SAURIS PROVINCIA DI UDINE COMUNE di SAURIS PROVINCIA DI UDINE e-mail: protocollo@com-sauris.regione.fvg.it web: www.comune.sauris.ud.it PEC: comune.sauris@certgov.fvg.it Tel. 0433/86245 Fax 0433/86025 AVVISO PUBBLICO PER L ALIENAZIONE

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI CONTRATTUALI, DI VENDITA E DI CONSEGNA DELLA SOLDINI-SUDACCIAI SA

CONDIZIONI GENERALI CONTRATTUALI, DI VENDITA E DI CONSEGNA DELLA SOLDINI-SUDACCIAI SA CONDIZIONI GENERALI CONTRATTUALI, DI VENDITA E DI CONSEGNA DELLA SOLDINI-SUDACCIAI SA Condizioni generali contrattuali (CGC) 1. Accettazione Attraverso la sua ordinazione l acquirente accetta tutti i punti

Dettagli

SCIENZE. La formazione delle rocce metamorfiche. Tipi di metamorfismo. il testo:

SCIENZE. La formazione delle rocce metamorfiche. Tipi di metamorfismo. il testo: 01 Ad alte temperature e/o alte pressioni le rocce possono cambiare: la loro struttura (cioè come sono messi i minerali all interno delle rocce); la loro composizione mineralogica (cioè il tipo di minerali

Dettagli

CHIOSTRO CAPITOLARE INDAGINI PRELIMINARI

CHIOSTRO CAPITOLARE INDAGINI PRELIMINARI CHIOSTRO CAPITOLARE INDAGINI PRELIMINARI I resti dell archeggiatura del lato orientale del chiostro, ancora imprigionati in un muro di recinzione, in una foto dei primi del Novecento. L area del chiostro,

Dettagli

GUERRA CINESE. Numero giocatori Due squadre con un numero uguale di componenti, almeno

GUERRA CINESE. Numero giocatori Due squadre con un numero uguale di componenti, almeno GUERRA CINESE Numero giocatori Due squadre con un numero uguale di componenti, almeno sette. Preparazione del gioco Le due squadre si riuniscono nelle rispettive basi, ovvero due zone alle due estremità

Dettagli

Art. 2 (Denominazione) Il periodico e denominato ArcolaTinforma. Tale dicitura dovra essere riportata anche su ciascuna edizione del giornale, con ind

Art. 2 (Denominazione) Il periodico e denominato ArcolaTinforma. Tale dicitura dovra essere riportata anche su ciascuna edizione del giornale, con ind Regolamentoperiodicocomunale.perCC/periodicocomunale/docuementi APPROVATO CON DELIBERA DI CONSIGLIO COMUNALE N. 68 DEL 26 OTTOBRE 2006 COMUNE DI ARCOLA Provincia della Spezia REGOLAMENTO DEL PERIODICO

Dettagli

Spunti per l intervento dell On. Sandro Gozi. Badanti. Martedì 24 luglio 2007 Cesena

Spunti per l intervento dell On. Sandro Gozi. Badanti. Martedì 24 luglio 2007 Cesena Spunti per l intervento dell On. Sandro Gozi Badanti Martedì 24 luglio 2007 Cesena VORREI PARTIRE DALLA PAROLA CON CUI DEFINIAMO LE PERSONE CHE SI PRENDONO CURA DEI NOSTRI CARI. BADANTI. UNA PAROLA CHE

Dettagli

CASTELLO MEDIEVALE IN VENDITA NEL MONFERRATO PIEMONTE

CASTELLO MEDIEVALE IN VENDITA NEL MONFERRATO PIEMONTE Rif 553 - CASTELLO MONFERRATO Trattative Riservate CASTELLO MEDIEVALE IN VENDITA NEL MONFERRATO PIEMONTE Alessandria - Alessandria - Piemonte www.romolini.com/it/553 Superficie: 5962 mq Terreno: 19 ettari

Dettagli

L'etnia è un raggruppamento umano che condivide

L'etnia è un raggruppamento umano che condivide Le etnie in Europa (p. 252) L'etnia è un raggruppamento umano che condivide 1. territorio 2. vicende storiche 3. lingua 4. cultura (modo di vivere, tradizioni, espressioni artistiche e letterarie) 5. religione

Dettagli

FINGERPRINTING DI PIANTE E FIORI: UTILE STRUMENTO PER LA CERTIFICAZIONE GENETICA DEL MATERIALE PROPAGATO DAI VIVAISTI

FINGERPRINTING DI PIANTE E FIORI: UTILE STRUMENTO PER LA CERTIFICAZIONE GENETICA DEL MATERIALE PROPAGATO DAI VIVAISTI FINGERPRINTING DI PIANTE E FIORI: UTILE STRUMENTO PER LA CERTIFICAZIONE GENETICA DEL MATERIALE PROPAGATO DAI VIVAISTI Il termine fingerprinting (impronta genetica) viene correntemente utilizzato per indicare

Dettagli

FOCUS IL MERCATO IMMOBILIARE: DIVERSIFICARE PER SPECIALIZZARE. Mercoledì 2 dicembre 2015 NAPOLI Tiempo Business Center

FOCUS IL MERCATO IMMOBILIARE: DIVERSIFICARE PER SPECIALIZZARE. Mercoledì 2 dicembre 2015 NAPOLI Tiempo Business Center FOCUS IL MERCATO IMMOBILIARE: DIVERSIFICARE PER SPECIALIZZARE Mercoledì 2 dicembre 2015 NAPOLI Tiempo Business Center Parliamo di MLS Il Multiple Listing Service (MLS) è un metodo operativo attivo fra

Dettagli

Un piano strategico per la riduzione del randagismo canino. degli assalti ai greggi e le seconde che difendono il diritto di sopravvivenza

Un piano strategico per la riduzione del randagismo canino. degli assalti ai greggi e le seconde che difendono il diritto di sopravvivenza ORDINE DEL GIORNO L OMV DI GROSSETO E I PROGETTI LIFE IBRIWOLF E MEDWOLF Un piano strategico per la riduzione del randagismo canino La sinergia tra Ordine ed enti istituzionali valorizza il ruolo dei liberi

Dettagli

Presepe vivente 2007. Scritto da Nicola Borgia Venerdì 11 Gennaio 2008 01:00

Presepe vivente 2007. Scritto da Nicola Borgia Venerdì 11 Gennaio 2008 01:00 Tutti i link dell'evento: Reportage incontro croati con amministratori locali (Toni Assogna) Presepe: vince l idea croata (da MontenerOnLine) Il video trasmesso dalla tv croata (da MontenerOnLine) Il materiale

Dettagli

Nuovi orizzonti di Storia delle Istituzioni

Nuovi orizzonti di Storia delle Istituzioni Società per gli studi di storia delle istituzioni MaTriX. Laboratorio di Storia, Sociologia e Scienza delle Istituzioni Nuovi orizzonti di Storia delle Istituzioni Venerdì 18 dicembre 2015 presso l Aula

Dettagli

Calderas Compactas Agua

Calderas Compactas Agua Calderas Compactas Agua by Unión Calor S.L. C/Llull No.62-64 08005, Barcelona. Tel.: 933 007 191 www.unioncalor.com I info@unioncalor.com Caldaie Compatte - mod. 15 Potenza termica globale (max-min) kw

Dettagli

COMUNE di SAURIS PROVINCIA DI UDINE

COMUNE di SAURIS PROVINCIA DI UDINE COMUNE di SAURIS PROVINCIA DI UDINE e-mail: protocollo@com-sauris.regione.fvg.it web: www.comune.sauris.ud.it PEC: comune.sauris@certgov.fvg.it Tel. 0433/86245 Fax 0433/86025 PER L ALIENAZIONE DI FABBRICATO

Dettagli

I terremoti in Italia

I terremoti in Italia I TERREMOTI I terremoti in Italia Data Intensità (scala Mercalli) Magnitudo Regione Note 8 settembre 1905 X 6.8 Calabria 557 vittime, 300.000 senzatetto 28 dicembre 1908 XI 7.1 Calabro-Messinese Circa

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO

ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO ISTITUTO COMPRENSIVO SASSOFERRATO CURRICOLO DI RELIGIONE CATTOLICA elaborato dai docenti di scuola primaria Coordinatore Ins. Laura Montecchiani Classe I creatore e Padre Scoprire che per la religione

Dettagli

Corso di Economia ed estimo ambientale

Corso di Economia ed estimo ambientale Università degli Studi di Salerno Corso di Economia ed estimo ambientale a.a.2009 2010 Prof. Ing. De Mare Valore di mercato di un appartamento sito in Fisciano Materiale didattico INDICE 1. QUESITO DI

Dettagli

STUDIO DI SETTORE TM21B ATTIVITÀ ATTIVITÀ COMMERCIO ALL INGROSSO DI ALTRE COMMERCIO ALL INGROSSO DI BEVANDE ALCOLICHE BEVANDE

STUDIO DI SETTORE TM21B ATTIVITÀ ATTIVITÀ COMMERCIO ALL INGROSSO DI ALTRE COMMERCIO ALL INGROSSO DI BEVANDE ALCOLICHE BEVANDE STUDIO DI SETTORE TM21B ATTIVITÀ 51.34.1 COMMERCIO ALL INGROSSO DI BEVANDE ALCOLICHE ATTIVITÀ 51.34.2 COMMERCIO ALL INGROSSO DI ALTRE BEVANDE Maggio 2005 PREMESSA L evoluzione dello Studio di Settore SM21B

Dettagli

CLASSI SECONDE LA PROGRAMMAZIONE. - Potenziare il possesso di una lingua sempre più ricca lessicalmente nella molteplicità delle sue espressioni

CLASSI SECONDE LA PROGRAMMAZIONE. - Potenziare il possesso di una lingua sempre più ricca lessicalmente nella molteplicità delle sue espressioni CLASSI SECONDE LA PROGRAMMAZIONE ITALIANO - Potenziare il possesso di una lingua sempre più ricca lessicalmente nella molteplicità delle sue espressioni - Potenziare l ascolto reciproco, il rispetto e

Dettagli