ENTE BILATERALE ARTIGIANATO PIEMONTESE PRESTAZIONI SOSTEGNO AL REDDITO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ENTE BILATERALE ARTIGIANATO PIEMONTESE PRESTAZIONI SOSTEGNO AL REDDITO"

Transcript

1 ENTE BILATERALE ARTIGIANATO PIEMONTESE PRESTAZIONI SOSTEGNO AL REDDITO Relatore: Paolo MARCATO Torino, 15 ottobre 2014

2 Prestazioni Lavoratori CIG in Deroga Contratti di Solidarietà Sospensioni/riduzioni dell orario lavorativo Occupazione Lavoratori licenziati Eventi Atmosferici Sostegno alle famiglie Prestazioni Aziende Lavoratori - Sospensione/riduzione dell orario di lavoro Aziende - Ripristino dell attività lavorativa Acquisto macchinari, attrezzature e certificazioni Sostegno al Credito Occupazione Trasformazione rapporti di lavoro da TD a TI Rimborso 3% Addizionale INPS Formazione Lavoratori Ambiente Sicurezza 2014 Frequenza asili nido Studi universitari Testi scolastici (scuola media inferiore e superiore) per Dipendenti, titolari, soci e coadiuvanti Consultazione Sindacale

3 LAVORATORI SOSPENSIONE/RIDUZIONE DELL ORARIO LAVORATIVO per Crisi o difficoltà aziendale Ristrutturazione aziendale e processi d innovazione tecnologica interni all impresa Impossibilità del titolare ad esercitare l attività per giustificati motivi Massimo intervento: 624 ore anno solare Provvidenza: 40% della retribuzione non corrisposta Tempi e modalità: 1) Invio accordo di sospensione/riduzione a EBAP di Bacino entro 15 gg. da inizio evento 2) Invio richiesta contributo con consuntivo ore non lavorate a EBAP di Bacino entro 30 gg. fine evento Cadenza di erogazione: mensile

4 CONTRATTI DI SOLIDARIETA LAVORATORI Legge 236/93 art. 5 commi 5,6,7,8: ammortizzatore sociale per le imprese che non rientrano nel campo di applicazione del trattamento di integrazione salariale. Circolare Ministeriale n. 20 del 25/05/2004: fornisce istruzioni operative per l applicazione di questo ammortizzatore sociale per le imprese iscritte EBAP Provvidenza: 30% della retribuzione media oraria per tutta la durata del contratto di solidarietà Tempi e modalità: 1) Invio accordo di sospensione/riduzione a EBAP di Bacino almeno 10 gg. prima da inizio evento 2) Invio richiesta contributo con consuntivo ore non lavorate a EBAP di Bacino trimestralmente Erogazione: entro il mese successivo alla presentazione richiesta

5 OCCUPAZIONE LAVORATORI LICENZIATI Giustificato motivo oggettivo Dimissioni per giusta causa LAVORATORI Intervento: 800 Euro netti per un periodo di almeno due mesi di disoccupazione Tempi e modalità: richiesta entro il 10 marzo dell anno successivo a quello dell evento con apposito modulo Erogazione: mensile

6 LAVORATORI Erogazioni ai lavoratori anni suddivisione per tipologia, anno e percentuale ORDINARIE 94,2% 26,1% 8,8% 24,7% 53,3% OCCUPAZIONE 5,8% 73,9% 37,1% 66,7% 43,0% FAMIGLIE 0,0% 0,0% 54,1% 8,6% 3,7% 100,0% 100,0% 100,0% 100,0% 100,0% Negli ultimi 5 anni l EBAP ha erogato provvidenze a favore dei lavoratori per un totale di poco superiore a ,00 euro per un numero di lavoratori coinvolti pari a (1.131 nel 2013)

7 EVENTI ATMOSFERICI ED AMBIENTALI ECCEZIONALI, CALAMITA NATURALI, INTERRUZIONE EROGAZIONE FONTI ENERGETICHE LAVORATORI Sospensione/riduzione dell orario lavorativo Massimo intervento: 4 settimane anno solare Provvidenza: 80% della retribuzione non corrisposta Tempi e modalità: richiesta entro 4 mesi dall evento previo invio accordo sindacale Erogazione: mensile AZIENDE Contributo del 5% sul costo sostenuto per le spese di ripristino attività Contributo massimo Euro per anno solare Tempi e modalità: richiesta entro 4 mesi dall evento Erogazione: mensile

8 AZIENDE ACQUISTO MACCHINARI E ATTREZZATURE Acquisto macchinari ad alta tecnologia Certificazione di qualità, ambientale, di processo, di prodotto e SOA Soglia minima di investimento Euro singola fattura e singolo bene Acquisto macchinari, attrezzature ed automezzi per settore specifico Soglia minima di investimento definita per singolo settore o gruppi di settori

9 AZIENDE Contributo del 5% sul costo sostenuto (netto IVA) Massimali annui di erogazione per consistenza occupazionale da 1 a 3 dipendenti - Euro da 4 a 6 dipendenti - Euro da 7 a 10 dipendenti - Euro Superiore a 10 dipendenti - Euro E possibile cumulare i contributi fino a concorrenza del massimale annuo Le fasce occupazionali sono calcolate effettuando la media dipendenti sui versamenti dei 12 mesi precedenti l evento Tempi e modalità: richiesta entro il 90 giorni data fattura Erogazione: trimestrale (31/03 31/05 30/09 30/11)

10 AZIENDE OCCUPAZIONE TRASFORMAZIONE RAPPORTI DI LAVORO Contributo per la trasformazione del contratto dei dipendenti da tempo determinato a tempo indeterminato (con esclusione degli apprendisti) Contributo: 800 Euro riproporzionato in base all orario di lavoro per contratti part-time Tempi e modalità: richiesta dopo tre mesi dalla data di trasformazione e non oltre sei mesi Erogazione: mensile

11 SOSTEGNO AL CREDITO AZIENDE Abbattimento del costo sostenuto dall azienda per la garanzia dei Confidi artigiani su finanziamenti superiori a Euro Contributo: 200 Euro Tempi e modalità: richiesta a EBAP di Bacino Erogazione: mensile RIMBORSO 3% ADDIZIONALE INPS Rimborso dell addizionale INPS sulla CIG in deroga erogata ai dipendenti Tempi e modalità: richiesta a EBAP di Bacino entro il 31 gennaio dell anno successivo a quello di pagamento dell addizionale Erogazione: mensile

12 AZIENDE FORMAZIONE LAVORATORI Rimborso del costo orario sostenuto dalle imprese per la partecipazione dei dipendenti a corsi di formazione organizzate dal Fondo Artigianato Formazione (Fondartigianato) Contributo: 70% costo orario per formazione in normale orario di lavoro 30% costo orario per formazione fuori dal normale orario di lavoro Massimo 40 ore di formazione per dipendente Tempi e modalità: richiesta a EBAP di Bacino Erogazione: mensile

13 AZIENDE PROGETTO AMBIENTE SICUREZZA 2014 TIPOLOGIA 1 1) Adattamento di nuovi ambienti di lavoro nel caso di trasferimento dell unità produttiva in altro immobile 2) Ristrutturazione totale o parziale di immobili destinati all attività aziendale Soglia minima di investimento Euro TIPOLOGIA 2 1) Interventi su impianti 2) Interventi su macchinari e /o attrezzature Soglia minima di investimento Euro Gli interventi devono essere finalizzati all adeguamento alle normative ambientali e di sicurezza

14 AZIENDE Contributo del 5% sul costo sostenuto (netto IVA) Massimali annui di erogazione per consistenza occupazionale da 1 a 3 dipendenti - Euro da 4 a 6 dipendenti - Euro da 7 a 10 dipendenti - Euro Superiore a 10 dipendenti - Euro E possibile cumulare i contributi fino a concorrenza del massimale annuo Le fasce occupazionali sono calcolate effettuando la media dipendenti sui versamenti dei 12 mesi precedenti l evento Tempi e modalità: richiesta entro il 20 marzo 2015 Erogazione: trimestrale

15 AZIENDE Erogazioni alle imprese anni suddivisione per tipologia, anno e percentuale ORDINARIE 89,2% 35,8% 28,3% 28,3% 27,3% AMBIENTE SICUREZZA 0,0% 0,0% 0,0% 0,0% 12,2% SOSTEGNO AL CREDITO 0,0% 0,6% 2,8% 1,3% 0,5% OCCUPAZIONE TD-TI 4,2% 25,2% 48,4% 56,7% 44,8% RIMBORSO 3% 5,9% 37,9% 19,7% 12,7% 14,3% FORMAZIONE LAVORATORI 0,7% 0,5% 0,0% 0,4% 0,4% FAMIGLIE 0,0% 0,0% 0,7% 0,6% 0,4% 100,0% 100,0% 100,0% 100,0% 100,0%

16 AZIENDE Le prestazioni a favore di azienda maggiormente richieste sono: Occupazione trasformazioni dei rapporti di lavoro da tempo determinato a tempo indeterminato Acquisto macchinari ad alta tecnologia e automezzi Rimborso 3% addizionale INPS Progetto Ambiente Sicurezza Negli ultimi 5 anni le prestazioni totali a favore di azienda ammontano a poco più di ,00 euro con interventi (1.650 nell anno 2013)

17 SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE DIPENDENTI, TITOLARI, SOCI E COADIUVANTI Sussidio su spese scolastiche sostenute per A.A. A.S. 2013/2014 con ISEE non superiore a euro Contributo: Rette Asili nido sussidio fino a 400 euro Tasse universitarie (esclusi fuoricorso) sussidio fino a 300 euro Acquisto testi scolastici scuola media inferiore e superiore sussidio fino a 200 euro Tempi e modalità: richiesta a EBAP Regionale entro il 30 giugno 2014 Erogazione: semestrale

18 SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE Ripartizione interventi di sostegno alle famiglie complessivi su base annua per tipologia di richiesta effettuata 100,00% 80,00% 41,30% 38,60% 41,31% 60,00% 24,69% 17,87% 16,27% Testi Scolastici Tasse Università 40,00% Asili Nido 20,00% 34,00% 43,54% 42,42% 0,00%

19 CIG IN DEROGA CONSULTAZIONE SINDACALE CIG IN DEROGA Per le sole imprese iscritte all EBAP è possibile avviare la procedura di consultazione sindacale semplificata presso le sedi provinciali EBAP, utilizzando una specifica modulistica scaricabile dai siti EBAP e della Regione Piemonte. Causali della domanda di CIG in deroga: Situazioni aziendali dovute ad eventi transitori e non imputabili all imprenditore o ai lavoratori Situazioni aziendali determinate da situazioni temporanee di mercato Crisi aziendali Ristrutturazione o riorganizzazione (a partire dal 12 settembre 2014)

20 CIG IN DEROGA VERBALI CONSULTAZIONE SINDACALE CIGS/CIG IN DEROGA sottoscritti presso gli EBAP di Bacino BACINO Totali ALESSANDRIA ASTI BIELLA CUNEO NOVARA TORINO VERBANIA VERCELLI TOTALI

21 I NUMERI DEL SOSTEGNO AL REDDITO Dalla sua costituzione al 2013 l EBAP ha erogato prestazioni di sostegno al reddito: a più di lavoratori per un importo superiore a 13 milioni di euro per sospensione/riduzione dell attività lavorativa a aziende per un importo di 9 milioni e 500 mila euro per innovazione tecnologica ed eventi ambientali eccezionali Dal 2009 al 2013 sono state erogate per interventi mirati al superamento della situazione di crisi: 570 mila euro a circa 900 lavoratori che hanno perso il posto di lavoro 1 milione e 200 mila euro per più di stabilizzazioni di rapporti di lavoro da tempo determinato a tempo indeterminato 550 mila euro a fronte di richieste di rimborso addizionale 3% versata dalle imprese in CIG in deroga

22

23

in questo numero NUOVI INTERVENTI EBAP A SOSTEGNO DI IMPRESE E LAVORATORI ANNO XIV - N.41 OTTOBRE 2010

in questo numero NUOVI INTERVENTI EBAP A SOSTEGNO DI IMPRESE E LAVORATORI ANNO XIV - N.41 OTTOBRE 2010 in questo numero SOSTEGNO AL REDDITO Interventi di sostegno al CREDITO e di sostegno alle FAMIGLIE Moduli per la domanda di CONTRIBUTO PROGETTI STRAORDINARI GIÀ AVVIATI NUOVI INTERVENTI EBAP A SOSTEGNO

Dettagli

REGOLAMENTO EBAP ANNO 2014 ADESIONI E PRESTAZIONI RIMBORSO VERSAMENTI

REGOLAMENTO EBAP ANNO 2014 ADESIONI E PRESTAZIONI RIMBORSO VERSAMENTI REGOLAMENTO EBAP ANNO 2014 ADESIONI E PRESTAZIONI RIMBORSO VERSAMENTI RIMBORSO VERSAMENTI F24 CODICE EBNA I datori di lavoro che versano direttamente o tramite gli intermediari abilitati i contributi obbligatori

Dettagli

FSBA Fondo di solidarietà per l'artigianato

FSBA Fondo di solidarietà per l'artigianato Logo della società FSBA Fondo di solidarietà per l'artigianato Lunedì 16 Gennaio 2017 Hotel Su Baione Abbasanta Riforma del sistema degli ammortizzatori sociali Art.27 Fondi di solidarietà alternativi

Dettagli

FSBA Fondo di solidarietà per l'artigianato

FSBA Fondo di solidarietà per l'artigianato Logo della società FSBA Fondo di solidarietà per l'artigianato Mercoledì 23 Marzo 2016 Hotel Su Baione Abbasanta Riforma del sistema degli ammortizzatori sociali L.92/2012 - Riforma Fornero Tutele per

Dettagli

Ammortizzatori sociali. Ammortizzatori sociali 1

Ammortizzatori sociali. Ammortizzatori sociali 1 Ammortizzatori sociali Ammortizzatori sociali 1 SOSPENSIONE ATTIVITA LAVORATIVA per CRISI TEMPORANEA di MERCATO Cassa Integrazioni Guadagni Ordinaria CIG -Edilizia Sospensione > art.19 c.1/a L. 2/2009

Dettagli

LA BILATERALITÀ IN PIEMONTE. Relatore Carlo Napoli

LA BILATERALITÀ IN PIEMONTE. Relatore Carlo Napoli LA BILATERALITÀ IN PIEMONTE Relatore Carlo Napoli BILATERALITA Nel 1993, in applicazione degli Accordi interconfederali nazionali, è stato sottoscritto l Accordo interconfederale regionale che istituisce

Dettagli

Filcams-Cgil Emilia Romagna

Filcams-Cgil Emilia Romagna FIPE FEDERALBERGHI FIAVET FAITA CONFCOMMERCIO EMILIA ROMAGNA Filcams-Cgil Emilia Romagna Fisascat-Cisl Emilia Romagna Premessa Le Parti condividono l obiettivo di valorizzare e rafforzare la funzione del

Dettagli

AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA 2015 NELLA REGIONE MARCHE

AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA 2015 NELLA REGIONE MARCHE INPS Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione Regionale Marche AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA 2015 NELLA REGIONE MARCHE Seminari EBAM febbraio 2015 INPS Istituto Nazionale Previdenza Sociale Direzione

Dettagli

Bando FiXO: le assunzioni con contratto di apprendistato sono agevolate fino al

Bando FiXO: le assunzioni con contratto di apprendistato sono agevolate fino al Ai gentili clienti Loro sedi Bando FiXO: le assunzioni con contratto di apprendistato sono agevolate fino al 30.09.2016 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che è stato prorogato al

Dettagli

in questo numero SOSTEGNO AL REDDITO 2013 REGOLAMENTO EBAP E MODULISTICA ANNO XVI - N.51 GIUGNO 2013

in questo numero SOSTEGNO AL REDDITO 2013 REGOLAMENTO EBAP E MODULISTICA ANNO XVI - N.51 GIUGNO 2013 in questo numero SOSTEGNO AL REDDITO 2013 REGOLAMENTO EBAP E MODULISTICA Questo numero di EBAP Informazione è interamente dedicato al Sostegno al Reddito. Pubblichiamo il regolamento EBAP in vigore per

Dettagli

AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA

AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA VIA ANCONA 11 CAGLIARI TEL 07034901 FAX 070301492 EMAIL ustca@tiscali.it SITO WEB: www.cislcagliari.it AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA Il 22 dicembre 2011 è stato firmato presso la sede dell assessorato

Dettagli

PROTOCOLLO PER L EMERSIONE del 21 settembre Milano 6 Novembre 2008 COME CAMBIANO GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI. per gli.

PROTOCOLLO PER L EMERSIONE del 21 settembre Milano 6 Novembre 2008 COME CAMBIANO GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI. per gli. PROTOCOLLO PER L EMERSIONE del 21 settembre 2007 Milano 6 Novembre 2008 COME CAMBIANO GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI per gli operai agricoli PROTOCOLLO PER L EMERSIONE Legge 24/12/2007 n. 247 Riforma gli ammortizatori

Dettagli

ENTE BILATERALE DEL TERZIARIO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA. Fondo Sostegno al Reddito Regolamento 2009

ENTE BILATERALE DEL TERZIARIO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA. Fondo Sostegno al Reddito Regolamento 2009 ENTE BILATERALE DEL TERZIARIO DELLA PROVINCIA DI RAVENNA Regolamento 2009 Tipologia ed articolazione degli interventi a sostegno del reddito dei lavoratori Le tipologie degli interventi a sostegno del

Dettagli

CONTRIBUTI ELBA A FAVORE DELLE IMPRESE Provvidenze Elba con data evento anno Valide dal 1 gennaio 2013 al 31/12/2013

CONTRIBUTI ELBA A FAVORE DELLE IMPRESE Provvidenze Elba con data evento anno Valide dal 1 gennaio 2013 al 31/12/2013 CONTRIBUTI ELBA A FAVORE DELLE IMPRESE Provvidenze Elba con data evento anno 2013 - Valide dal 1 gennaio 2013 al 31/12/2013 PROVVIDENZE ELBA DATA IN CUI L AZIENDA DEVE ESSERE IN REGOLA CON I VERSAMENTI

Dettagli

Gianni Ciccomartino, funzionario INPS di Rieti

Gianni Ciccomartino, funzionario INPS di Rieti Gianni Ciccomartino, funzionario INPS di Rieti Rieti, 19 dicembre 2016 ore 14.30 Auditorium Camera di Commercio D.lgs 148 del 14 settembre 2015 (Jobs Act) In particolare: Art. 29. Fondo di integrazione

Dettagli

Al servizio delle imprese che applicano i contratti collettivi di lavoro dei settori Commercio, Terziario e Servizi e Turismo, Pubblici esercizi

Al servizio delle imprese che applicano i contratti collettivi di lavoro dei settori Commercio, Terziario e Servizi e Turismo, Pubblici esercizi EBIM Ente di Gestione della bilateralità del TERZIARIO, DISTRIBUZIONE E SERVIZI e CENTRO SERVIZI TURISMO E PUBBLICI ESERCIZI per la Provincia di MODENA Ebim associazione senza fine di lucro Cod.Fisc/P.Iva

Dettagli

ENTE BILATERALE PER IL TERZIARIO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA

ENTE BILATERALE PER IL TERZIARIO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA ENTE BILATERALE PER IL TERZIARIO DELLA PROVINCIA DI BOLOGNA Art.1- Aspetti generali REGOLAMENTO FONDO SOSTEGNO AL REDDITO (In attuazione dell Accordo Territoriale del 28/6/2016) Il presente Regolamento

Dettagli

LE INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI MILANESI EDIZIONE Presentazione 28 aprile 2010

LE INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI MILANESI EDIZIONE Presentazione 28 aprile 2010 LE INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI MILANESI EDIZIONE 2010 Presentazione 28 aprile 2010 INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO EDIZIONE 2010 Le iniziative a sostegno dell

Dettagli

PROVVIDENZE PER IMPRESE E DIPENDENTI

PROVVIDENZE PER IMPRESE E DIPENDENTI PROVVIDENZE PER IMPRESE E DIPENDENTI 2017 Milano, aprile 2017 Caro Artigiano, anche per il 2017 ELBA, l Ente Lombardo Bilaterale Artigianato, mette a disposizione tua e dei tuoi dipendenti numerose Provvidenze

Dettagli

Parte I Strumenti ordinari e la loro semplificazione

Parte I Strumenti ordinari e la loro semplificazione Indice Nota introduttiva... pag. III Premessa Riforma degli ammortizzatori sociali: un nodo storico...» XIII Parte I Strumenti ordinari e la loro semplificazione Sezione A Tutela del reddito in caso di

Dettagli

Ente Bilaterale Artigianato Pugliese LECCE -29 GENNAIO 2016

Ente Bilaterale Artigianato Pugliese LECCE -29 GENNAIO 2016 Ente Bilaterale Artigianato Pugliese LECCE -29 GENNAIO 2016 ASSOCIAZIONI ARTIGIANE ORGANIZZAZIONI SINDACALI Sistema mutualistico: raccogliere da molti per restituire a chi ha necessità di prestazioni DIPENDENTI

Dettagli

Occupazione in Piemonte. Un anno in cifre

Occupazione in Piemonte. Un anno in cifre Un anno in cifre Gli occupati sono stimati nel 2014 in 1.773.000 2.000 in più rispetto all anno precedente Industria 2013 2014 436 436 125 130 Servizi 2013 2014 513 511 648 644 Donne Uomini Agricoltura

Dettagli

Regolamento Fondo Sostegno al Reddito

Regolamento Fondo Sostegno al Reddito Regolamento Fondo Sostegno al Reddito a) Avranno diritto alle erogazioni a carico del Fondo Sostegno al Reddito i dipendenti delle aziende che risulteranno essere in regola con i versamenti dei contributi,

Dettagli

in Italia: utilità e inadeguatezze

in Italia: utilità e inadeguatezze Gli interventi di risposta alla crisi in Italia: utilità e inadeguatezze Stefano Sacchi Dipartimento di Studi del Lavoro e del Welfare, Università di Milano Unità di Ricerca sulla Governance Europea URGE,

Dettagli

Circolare N. 109 del 22 Luglio 2016

Circolare N. 109 del 22 Luglio 2016 Circolare N. 109 del 22 Luglio 2016 Stop alla Cassa in deroga: dal 01.07 si è passati ai Fondi di Solidarietà Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che a decorrere dallo scorso 01.07.2016

Dettagli

REGOLAMENTO EBAP ANNO 2014 (con integrazioni accordi Parti Sociali 2015) ADESIONI E PRESTAZIONI ADESIONI

REGOLAMENTO EBAP ANNO 2014 (con integrazioni accordi Parti Sociali 2015) ADESIONI E PRESTAZIONI ADESIONI REGOLAMENTO EBAP ANNO 2014 (con integrazioni accordi Parti Sociali 2015) ADESIONI E PRESTAZIONI ADESIONI AZIENDE CHE ADERISCONO ALLA BILATERALITA Con decorrenza dal 1 gennaio 2011 il versamento annuale

Dettagli

AIUTI ECONOMICI. del ARTIGIANATO PROVVIDENZE 2014 LOMBARDIA

AIUTI ECONOMICI. del ARTIGIANATO PROVVIDENZE 2014 LOMBARDIA PROVVIDENZE 2014 AIUTI ECONOMICI ALLE LAVORATrici e lavoratori del ARTIGIANATO LOMBARDO Anche per il 2014 abbiamo raggiunto un accordo per erogare tramite l E.L.B.A. provvidenze a favore delle lavoratrici

Dettagli

Mercato del Lavoro: incentivi, agevolazioni, formazione per la ricollocazione

Mercato del Lavoro: incentivi, agevolazioni, formazione per la ricollocazione Mercato del Lavoro: incentivi, agevolazioni, formazione per la ricollocazione Ordine dei Consulenti del Lavoro Click to edit Master subtitle style Consiglio Provinciale di Venezia Mestre, 22 marzo 2010

Dettagli

Fondo di integrazione salariale

Fondo di integrazione salariale Fondo di integrazione salariale Circ. INPS n. 176/2016, in attuazione dell art. 3, c. 19 della L. n. 92/2012 e con disposizioni del D.Lgs. n. 148/2015 Trattasi di un Fondo Residuale di integrazione salariale,

Dettagli

fondi strutturali e di investimento europei LE CRISI AZIENDALI UN MODELLO DI INTERVENTO Genova, 21 marzo 2017

fondi strutturali e di investimento europei LE CRISI AZIENDALI UN MODELLO DI INTERVENTO Genova, 21 marzo 2017 LE CRISI AZIENDALI UN MODELLO DI INTERVENTO REGIONALE Genova, 21 marzo 2017 IL CONTESTO Elevato numero di crisi aziendali e forti contrazioni dei livelli occupazionali, soprattutto nell industria manifatturiera,

Dettagli

Il Jobs Act: gli ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di lavoro

Il Jobs Act: gli ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di lavoro Il Jobs Act: gli ammortizzatori sociali in costanza di rapporto di lavoro lo schema di decreto legislativo A cura di Livia Ricciardi Dipartimento lavoro formazione contrattazione Gli strumenti Viene mantenuto

Dettagli

Incentivi alle Aziende

Incentivi alle Aziende Provincia di Pordenone Settore Politiche del Lavoro e Programmazione Sociale STRUMENTI Incentivi alle Aziende Pordenone 19 Marzo 2009 Legge Regionale 18/2005, articoli 30, 31, 32 e 33 D.P.REG. 0342/Pres

Dettagli

PREVIDENZA LEGGE REGIONALE 27 NOVEMBRE 1993, N. 19

PREVIDENZA LEGGE REGIONALE 27 NOVEMBRE 1993, N. 19 PREVIDENZA LEGGE REGIONALE 27 NOVEMBRE 1993, N. 19 Indennità regionale a favore dei lavoratori disoccupati inseriti nelle liste provinciali di mobilità e disposizioni in materia di previdenza integrativa

Dettagli

SOMMARIO. Presentazione... XIII Nota sull Autore... XV. Parte Prima INTEGRAZIONI SALARIALI PRE RIFORMA

SOMMARIO. Presentazione... XIII Nota sull Autore... XV. Parte Prima INTEGRAZIONI SALARIALI PRE RIFORMA SOMMARIO Presentazione... XIII Nota sull Autore... XV Parte Prima INTEGRAZIONI SALARIALI PRE RIFORMA Capitolo 1 - Cassa integrazione guadagni ordinaria 1. Nozione... 3 2 Fonti... 3 3. Presupposti e cause

Dettagli

REGOLAMENTO Guida ai servizi forniti dall EBRET - Ente Bilaterale dell Artigianato Toscano

REGOLAMENTO Guida ai servizi forniti dall EBRET - Ente Bilaterale dell Artigianato Toscano REGOLAMENTO Guida ai servizi forniti dall EBRET - Ente Bilaterale dell Artigianato Toscano Livello B: le norme generali Prestazioni di livello B Regionale Livello B1b: Contributo per acquisto di testi

Dettagli

IL MERCATO DEL LAVORO IN PIEMONTE: ALCUNI DATI SULLA CRISI

IL MERCATO DEL LAVORO IN PIEMONTE: ALCUNI DATI SULLA CRISI IL MERCATO DEL LAVORO IN PIEMONTE: ALCUNI DATI SULLA CRISI Sommario 1. Gli avviamenti al lavoro...5 2. Le cessazioni dei rapporti di lavoro... 13 3. Le trasformazioni dei rapporti di lavoro... 19 4. La

Dettagli

Diritto del Lavoro Novità e aggiornamenti

Diritto del Lavoro Novità e aggiornamenti C o n v e g n o 11 Luglio 2016 Diritto del Lavoro Novità e aggiornamenti Gli incentivi alle assunzioni Dott. Simone Sbrillo Studio Associato Barillari Lapolla Cavalleri Incentivi alle assunzioni Esonero

Dettagli

LA BILETARALITA CONTRATTUALE

LA BILETARALITA CONTRATTUALE LA BILETARALITA CONTRATTUALE LA NATURA EBITEMP è l ente bilaterale per il lavoro temporaneo ha una gestione condivisa, da: Associazioni imprenditoriali di categoria (Assolavoro e Assosomm) e organizzazioni

Dettagli

Fondo di solidarietà per la riconversione e riqualificazione professionale, per il sostegno dell occupazione e del reddito del personale del credito

Fondo di solidarietà per la riconversione e riqualificazione professionale, per il sostegno dell occupazione e del reddito del personale del credito Fondo di solidarietà per la riconversione e riqualificazione professionale, per il sostegno dell occupazione e del reddito del personale del credito PROPOSTA DI RIFORMA Roma, 4 ottobre 2010 INDICE Attuale

Dettagli

Camera di Commercio di Milano INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI MILANESI ANNO 2009

Camera di Commercio di Milano INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI MILANESI ANNO 2009 Camera di Commercio di Milano INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI MILANESI ANNO 2009 INIZIATIVE A SOSTEGNO DELL ACCESSO AL CREDITO DELLE PMI MILANESI ANNO 2009 2 milioni di euro per

Dettagli

INCENTIVI PER LE ASSUNZIONI F.A.Q.

INCENTIVI PER LE ASSUNZIONI F.A.Q. INCENTIVI PER LE ASSUNZIONI F.A.Q. 1 Cosa si intende per imprese aventi una sede operativa STABILE in Valle d Aosta? Se l incentivo economico può essere richiesto ai sensi del regolamento de minimis 1407/2013

Dettagli

Ente Bilaterale del Commercio e dei Servizi della provincia di Verona

Ente Bilaterale del Commercio e dei Servizi della provincia di Verona Ente Bilaterale del Commercio e dei Servizi della provincia di Verona Via Sommacampagna, 63h - 37137 Verona Tel. 045 8621836 - Fax 045 8625207 www.entebilaterale.vr.it commercio@entebilaterale.vr.it Chi

Dettagli

ACCORDO QUADRO PER GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA

ACCORDO QUADRO PER GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA ACCORDO QUADRO PER GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA 2009-2010 ai sensi di: art. 2 comma 36 della legge 22 dicembre 2008 n. 203 e successive modifiche e integrazioni; art. 19 del decreto legge 29 novembre

Dettagli

AMMORTIZZATORI SOCIALI PER IL 2016: MISURE IN DEROGA E FONDO DI INTEGRAZIONE SALARIALE

AMMORTIZZATORI SOCIALI PER IL 2016: MISURE IN DEROGA E FONDO DI INTEGRAZIONE SALARIALE Camera del Lavoro Territoriale di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308111 e-mail: alessandria@cgil.al.it - Sito Internet www.cgil.al.it AMMORTIZZATORI SOCIALI PER IL 2016: MISURE

Dettagli

ENTE BILATERALE TERZIARIO BELLUNO

ENTE BILATERALE TERZIARIO BELLUNO ENTE BILATERALE TERZIARIO BELLUNO titolari e dipendenti per la crescita del Terziario Ente Bilaterale del Commercio, Turismo e Servizi della Provincia di Belluno L'ENTE BILATERALE Perchè nasce Gli obiettivi

Dettagli

PREVIDENZA LEGGE REGIONALE 27 NOVEMBRE 1993, N. 19

PREVIDENZA LEGGE REGIONALE 27 NOVEMBRE 1993, N. 19 PREVIDENZA LEGGE REGIONALE 27 NOVEMBRE 1993, N. 19 Indennità regionale a favore dei lavoratori disoccupati inseriti nelle liste provinciali di mobilità e disposizioni in materia di previdenza integrativa

Dettagli

Stima Ires andamento occupazione-disoccupazione (vedi Nota) Forze di lavoro

Stima Ires andamento occupazione-disoccupazione (vedi Nota) Forze di lavoro Proposta 1 Estendere l indennità di disoccupazione ordinaria È un indennità che spetta ai lavoratori, assicurati contro la disoccupazione, che siano stati licenziati, o sospesi da aziende colpite da eventi

Dettagli

LA RIFORMA DEL LAVORO GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI. A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 07/03/2013

LA RIFORMA DEL LAVORO GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI. A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 07/03/2013 LA RIFORMA DEL LAVORO GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI A cura di Provincia di Torino Servizio Coordinamento Centri per l Impiego 07/03/2013 Fonti normative: RIFORMA DEL LAVORO: AMMORTIZZATORI SOCIALI Legge 28

Dettagli

Riordino degli Ammortizzatori Sociali

Riordino degli Ammortizzatori Sociali Riordino degli Ammortizzatori Sociali Speaker Laura Bernini - Referente Previdenza - Area Lavoro e Previdenza 12 ottobre 2015 Contribuzione Finanziamento Ammortizzatori Sociali CONTRIBUTO ORDINARIO CIGO:

Dettagli

INPS: ALIQUOTE CONTRIBUTIVE PER L ANNO 2015

INPS: ALIQUOTE CONTRIBUTIVE PER L ANNO 2015 INFORMATIVA N. 020 15 GENNAIO 2015 Previdenziale INPS: ALIQUOTE CONTRIBUTIVE PER L ANNO 2015 Nel presente Aggiornamento AP si forniscono le tabelle delle nuove aliquote contributive INPS, valevoli per

Dettagli

Al termine del periodo di effettivo utilizzo delle ore di sospensione (CIG) oppure

Al termine del periodo di effettivo utilizzo delle ore di sospensione (CIG) oppure PROVVIDENZE A FAVORE DELLE IMPRESE MANTENIMENTO OCCUPAZIONALE MAN DATA IN CUI L AZIENDA DEVE ESSERE IN REGOLA CON I VERSAMENTI ELBA (DATA EVENTO) data inizio CIG in deroga CONTRIBUTI ELBA ANNO 2014 validi

Dettagli

Le prestazioni a favore dei lavoratori in somministrazione

Le prestazioni a favore dei lavoratori in somministrazione Le prestazioni a favore dei lavoratori in somministrazione Sostegno Contributo una tantum per adozione Sostegno alla non autosufficienza Sostegno all istruzione Contributo per l asilo nido Sostegno alla

Dettagli

AMMORTIZZATORI IN DEROGA 2016

AMMORTIZZATORI IN DEROGA 2016 STABILITA 2016 AMMORTIZZATORI IN DEROGA 2016 DURATA MASSIMA COMPLESSIVA DEI TRATTAMENTI NEL QUINQUENNIO MOBILE CIGO CIGS CIGS PER CDS CIGO + CIGS CIGO+CDS CIGS + CDS CIGO EDILIZIA CIGO + CIGS EDILIZIA

Dettagli

circolare 12 OTTOBRE 2016

circolare 12 OTTOBRE 2016 circolare 12 OTTOBRE 2016 Milano, 12 ottobre 2016 Oggetto Fondo di integrazione salariale chiarimenti da parte dell Inps Con circolare n. 176 del 9 settembre 2016 l Inps riepiloga la disciplina del Fondo

Dettagli

Regolamento del Fondo di Solidarietà Bilaterale per l Artigianato - FSBA

Regolamento del Fondo di Solidarietà Bilaterale per l Artigianato - FSBA Regolamento del Fondo di Solidarietà Bilaterale per l Artigianato - FSBA Premessa Il presente Regolamento, in conformità agli Accordi Interconfederali ed alle disposizioni contenute nell Atto Costitutivo

Dettagli

A cura dell U.O. Lavoro e Previdenza Marzo 2011

A cura dell U.O. Lavoro e Previdenza Marzo 2011 La Cassa Integrazione Guadagni Ordinaria nella contrattazione collettiva dell edilizia A cura dell U.O. Lavoro e Previdenza Marzo 2011 1 Fonti contrattuali C.C.N.L. 18 giugno 2008, articoli 8, 9, 10 e

Dettagli

DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO

DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO DOCUMENTO DEGLI INTERVENTI DI POLITICA DEL LAVORO 2011 2013 II parte INTERVENTI testo approvato dalla Commissione provinciale per l impiego con deliberazione n. 373 del 26 luglio 2011 ed adottato dalla

Dettagli

Nota di commento ai dati sulle ore autorizzate di Cassa Integrazione Guadagni I trimestre 2017

Nota di commento ai dati sulle ore autorizzate di Cassa Integrazione Guadagni I trimestre 2017 Nota di commento ai dati sulle ore autorizzate di Cassa Integrazione Guadagni I trimestre 2017 Fonte: Inps Aggiornamento aprile 2017 La pluralità dei soggetti con cui l Inps entra in contatto fa dell Istituto

Dettagli

La bilateralità nel turismo: gli strumenti per lo sviluppo del settore in Toscana. II^ edizione Borsa Mercato Lavoro

La bilateralità nel turismo: gli strumenti per lo sviluppo del settore in Toscana. II^ edizione Borsa Mercato Lavoro La bilateralità nel turismo: gli strumenti per lo sviluppo del settore in Toscana. II^ edizione Borsa Mercato Lavoro 13 gennaio 2010 - Viareggio Attività e ruolo dell E.B.T.T. Ilaria Bigliazzi Ente Bilaterale

Dettagli

CASSA INTEGRAZIONE: UN PROBLEMA CRESCENTE

CASSA INTEGRAZIONE: UN PROBLEMA CRESCENTE 458 www.freenewsonline.it i dossier www.freefoundation.com CASSA INTEGRAZIONE: UN PROBLEMA CRESCENTE 17 giugno 2013 a cura di Renato Brunetta INDICE 2 Che cos è la CIG La quantificazione del fenomeno Le

Dettagli

EBER e la bilateralità per voi

EBER e la bilateralità per voi EBER e la bilateralità per voi INTERVENTI A FAVORE DELLE IMPRESE Linee di investimento Qualità Eventi di forza maggiore Formazione Astensione per maternità INTERVENTI A FAVORE DEI DIPENDENTI Assegno ordinario

Dettagli

L ufficio paghe informa: a cura della responsabile Consulente del lavoro Cristiana Viduli

L ufficio paghe informa: a cura della responsabile Consulente del lavoro Cristiana Viduli L ufficio paghe informa: a cura della responsabile Consulente del lavoro Cristiana Viduli Entro il 31 gennaio 2017 possibile la sottoscrizione di accordi di Cassa Integrazione Guadagni in Deroga di durata

Dettagli

Le prestazioni a favore dei lavoratori in somministrazione

Le prestazioni a favore dei lavoratori in somministrazione Le prestazioni a favore dei lavoratori in somministrazione Sostegno Contributo una tantum per adozione Sostegno alla non autosufficienza Sostegno all istruzione Contributo per l asilo nido Sostegno alla

Dettagli

Circolare n. 6/09 del 15 luglio 2009*

Circolare n. 6/09 del 15 luglio 2009* Circolare n. 6/09 del 15 luglio 2009* CIRCOLARE INFORMATIVA LA CASSA INTEGRAZIONE GUADAGNI ORDINARIA E STRAORDINARIA I recenti chiarimenti forniti dall INPS (cfr. messaggi n. 6990 e n. 7526, con riferimento

Dettagli

ACCORDO QUADRO. Per l erogazione degli Ammortizzatori Sociali in deroga per la Toscana per il 2013

ACCORDO QUADRO. Per l erogazione degli Ammortizzatori Sociali in deroga per la Toscana per il 2013 ACCORDO QUADRO Per l erogazione degli Ammortizzatori Sociali in deroga per la Toscana per il 2013 L anno 2012, il giorno 1 del mese di Dicembre, nella sede della Regione Toscana, Piazza Duomo 10, Firenze,

Dettagli

REGOLAMENTO Guida ai servizi forniti dall EBRET - Ente Bilaterale dell Artigianato Toscano

REGOLAMENTO Guida ai servizi forniti dall EBRET - Ente Bilaterale dell Artigianato Toscano REGOLAMENTO Guida ai servizi forniti dall EBRET - Ente Bilaterale dell Artigianato Toscano Livello B: le norme generali Prestazioni di livello B Regionale Livello B1b: Contributo per acquisto di testi

Dettagli

LE PREVISIONI DELLE AZIENDE PIEMONTESI PER IL I TRIMESTRE dicembre 2016

LE PREVISIONI DELLE AZIENDE PIEMONTESI PER IL I TRIMESTRE dicembre 2016 LE PREVISIONI DELLE AZIENDE PIEMONTESI PER IL I TRIMESTRE 2017 23 dicembre 2016 PREVISIONI ALL INSEGNA DELLA STABILITÀ Piemonte INDUSTRIA Previsioni IV trimestre 2016 I trimestre 2017 SALDO SALDO Occupazione

Dettagli

Contributo statistico per un analisi del lavoro regolare in Italia e nel Piemonte e dell attività di vigilanza svolta dagli uffici dell INPS

Contributo statistico per un analisi del lavoro regolare in Italia e nel Piemonte e dell attività di vigilanza svolta dagli uffici dell INPS COORDINAMENTO GENERALE STATISTICO ATTUARIALE DIREZIONE CENTRALE VIGILANZA SULLE ENTRATE ED ECONOMIA SOMMERSA Osservatorio regionale Piemonte sul lavoro nero Contributo statistico per un analisi del lavoro

Dettagli

Paghe. I contratti di solidarietà in busta paga

Paghe. I contratti di solidarietà in busta paga I contratti di solidarietà in busta paga Bartolomeo La Porta - Consulente del lavoro Massimo Mutti - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. Il D.Lgs. n. 148/2015, di riforma degli ammortizzatori sociali

Dettagli

INPS - Fondo di integrazione salariale Circolare INPS 9 settembre 2016

INPS - Fondo di integrazione salariale Circolare INPS 9 settembre 2016 INPS - Fondo di integrazione salariale Circolare INPS 9 settembre 2016 Con la circolare n. 176 del 9 settembre 2016, l INPS ha illustrato la disciplina del Fondo di integrazione salariale (FIS) di cui

Dettagli

Ticket sui licenziamenti anche per colf e badanti?

Ticket sui licenziamenti anche per colf e badanti? CIRCOLARE A.F. N. 29 del 14 Febbraio 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Ticket sui licenziamenti anche per colf e badanti? Premessa Come noto, la riforma del lavoro ha previsto l introduzione di tre contributi

Dettagli

L INDENNITÀ DI MOBILITÀ

L INDENNITÀ DI MOBILITÀ 1 é prestazione di disoccupazione riconosciuta ai lavoratori dipendenti di aziende appartenenti a particolari settori produttivi in possesso di determinati requisiti soggettivi ed oggettivi 2 INDUSTRIA

Dettagli

Art. 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Art. 1 (Finalità ed ambito di applicazione) L.R. 10 Agosto 2006, n. 9 Disposizioni in materia di formazione nell'apprendistato (1) SOMMARIO Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Definizione dei profili formativi Art. 3 Piano Formativo

Dettagli

GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI

GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI GLI AMMORTIZZATORI SOCIALI a cura di Corrado Pani COSA SI INTENDE PER AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA? Gli ammortizzatori sociali in deroga sono misure speciali, in deroga appunto alla normativa vigente,

Dettagli

Congiuntura economica

Congiuntura economica Congiuntura economica Mercato del lavoro Dati regionali III Trimestre 2016 2 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA 2016 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Presidenza Servizio della Statistica regionale Viale Trento,

Dettagli

Congiuntura economica

Congiuntura economica Congiuntura economica Mercato del lavoro Dati regionali II Trimestre 2017 2 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA 2017 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Presidenza Servizio della Statistica regionale Viale Trento,

Dettagli

TIPOLOGIE DI INCENTIVI LAVORATORI INTERESSATI

TIPOLOGIE DI INCENTIVI LAVORATORI INTERESSATI TIPOLOGIE DI INCENTIVI 4. ASSUNZIONI TIPOLOGIE DI INCENTIVI AGEVOLATE TIPOLOGIE DI INCENTIVI LAVORATORI INTERESSATI Previdenziali: il datore di lavoro ha diritto, per un certo periodo, a fruire di riduzioni

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Paragrafo A AZIONI STRAORDINARIE PER L OCCUPAZIONE Le parti firmatarie concordano sulla stabilizzazione, fino all adozione delle misure attuative della delega sugli ammortizzatori sociali, delle disposizioni

Dettagli

Disposizioni in materia di formazione nell apprendistato. Art. 1 (Finalità ed ambito di applicazione)

Disposizioni in materia di formazione nell apprendistato. Art. 1 (Finalità ed ambito di applicazione) Disposizioni in materia di formazione nell apprendistato Art. 1 (Finalità ed ambito di applicazione) 1. La presente legge, ai sensi del Titolo VI, Capo I del decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276

Dettagli

Area Politiche per l Occupazione e lo Sviluppo. Promozione e Utilizzo dei Voucher per il Lavoro Accessorio (LOA) Riforma Fornero L.

Area Politiche per l Occupazione e lo Sviluppo. Promozione e Utilizzo dei Voucher per il Lavoro Accessorio (LOA) Riforma Fornero L. Area Politiche per l Occupazione e lo Sviluppo Riforma Fornero L. 92/2012 Il Lavoro Occasionale Accessorio per prestazioni di lavoro occasionale accessorio si intendono attività lavorative di natura meramente

Dettagli

LA RIFORMA DEL COLLOCAMENTO

LA RIFORMA DEL COLLOCAMENTO LA RIFORMA DEL COLLOCAMENTO Aggiornamento al 15 ottobre 2004 NUOVE FONTI NORMATIVE: Decreto legislativo 19/12/2002 n. 297 che ha modificato il Decreto Legislativo 21/4/2000 n. 181 Legge 14 /2/2003 n. 30

Dettagli

Roma, Messaggio n. 4885

Roma, Messaggio n. 4885 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Entrate Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 02-12-2016 Messaggio

Dettagli

AIUTI ECONOMICI. dell ARTIGIANATO LOMBARDO. PROVVIDENZE E SANITà INTEGRATIVA 2015 LOMBARDIA

AIUTI ECONOMICI. dell ARTIGIANATO LOMBARDO. PROVVIDENZE E SANITà INTEGRATIVA 2015 LOMBARDIA 1 2 3 PROVVIDENZE E SANITà INTEGRATIVA 2015 AIUTI ECONOMICI ALLE LAVORATrici e lavoratori dell ARTIGIANATO LOMBARDO Anche per il 2015 abbiamo raggiunto un accordo per erogare tramite l E.L.B.A. provvidenze

Dettagli

ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO ANNO 2015: SGRAVIO CONTRIBUTIVO TRIENNALE

ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO ANNO 2015: SGRAVIO CONTRIBUTIVO TRIENNALE ASSUNZIONI A TEMPO INDETERMINATO ANNO 2015: SGRAVIO CONTRIBUTIVO TRIENNALE DATORI DI LAVORO BENEFICIARI ESONERO CONTRIBUTIVO REQUISITI DIPENDENTE Tutti i datori di lavoro privati (per i datori di lavoro

Dettagli

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 13/09/2016

Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 13/09/2016 Direzione Centrale Prestazioni a Sostegno del Reddito Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 13/09/2016 Circolare n. 177 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie

Dettagli

ENTE BILATERALE ARTIGIANATO PUGLIESE

ENTE BILATERALE ARTIGIANATO PUGLIESE ENTE BILATERALE ARTIGIANATO PUGLIESE Regolamento del Fondo di Solidarietà Bilaterale dell Artigianato - FSBA Sintesi a cura dell EBAPuglia IL CONTESTO NORMATIVO E LE TAPPE Art. 3, comma 14, l. n. 92/2012

Dettagli

Nota di commento ai dati sulle ore autorizzate di Cassa Integrazione Guadagni gennaio/ottobre 2016

Nota di commento ai dati sulle ore autorizzate di Cassa Integrazione Guadagni gennaio/ottobre 2016 Nota di commento ai dati sulle ore autorizzate di Cassa Integrazione Guadagni gennaio/ottobre 2016 Fonte: Inps L Osservatorio Cassa Integrazione Guadagni Ore autorizzate prevede l elaborazione dei dati

Dettagli

Piano straordinario per l'occupazione.

Piano straordinario per l'occupazione. Piano straordinario per l'occupazione. Il lavoro, il futuro. ASSI MISURA I.1 Più lavoro Incentivi all occupazione di giovani e adulti 16 Beneficiari Destinatari Fonte di finanziamento Promuovere l inserimento

Dettagli

Decreto n del 21/9/11

Decreto n del 21/9/11 Decreto n. 8435 del 21/9/11 Identificativo atto n.935 AUTORIZZAZIONE ALLA SEDE PROVINCIALE INPS DI VARESE AL TRATTAMENTO DI CIG IN DEROGA A VALERE SUI FONDI NAZIONALI, IN ATTUAZIONE DELL ACCORDO QUADRO

Dettagli

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA ANNO 2011

LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA ANNO 2011 LINEE GUIDA PER L APPLICAZIONE DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA ANNO 2011 CIG IN DEROGA Campo di applicazione Imprese industriali Aziende artigiane Imprese del commercio e del terziario Imprese cooperative

Dettagli

Ticket sui licenziamenti anche per colf e badanti?

Ticket sui licenziamenti anche per colf e badanti? Ticket sui licenziamenti anche per colf e badanti? Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che le nuove disposizioni in materia di ticket sui licenziamenti sembrerebbero applicarsi anche

Dettagli

Studio Zemella. Novità lavoro e previdenza legge di stabilità 2014

Studio Zemella. Novità lavoro e previdenza legge di stabilità 2014 Studio Zemella Novità lavoro e previdenza legge di stabilità 2014 1 PREMESSA Con la L. 27.12.2013 n. 147 è stata emanata la legge di stabilità per il 2014, entrata in vigore l 1.1.2014. 2 SINTESI DELLE

Dettagli

AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA

AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA VIA ANCONA 11 CAGLIARI TEL 07034901 FAX 070301492 EMAIL ustca@tiscali.it SITO WEB: www.cislcagliari.it AMMORTIZZATORI SOCIALI IN DEROGA (Nota sintetica a cura della Cisl di Cagliari) Cosa sono gli ammortizzatori

Dettagli

I principi della legge delega (L. 10

I principi della legge delega (L. 10 I principi della legge delega (L. 10 Dicembre 2014, n. 183) Revisione dei limiti di durata, individuazione di meccanismi di rotazione tra i lavoratori; Maggiore compartecipazione da parte di imprese effettivamente

Dettagli

FONDI DI SOLIDARIETÀ E ALTRE MISURE

FONDI DI SOLIDARIETÀ E ALTRE MISURE Camera del Lavoro Territoriale di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308111 e-mail: alessandria@cgil.al.it - Sito Internet www.cgil.al.it Il Decreto sugli AMMORTIZZATORI SOCIALI IN

Dettagli

Circolare n. 41 del OGGETTO: Contribuzioni INPS Aggiornamenti anno 2010.

Circolare n. 41 del OGGETTO: Contribuzioni INPS Aggiornamenti anno 2010. Circolare n. 41 del 2.3.2010 OGGETTO: Contribuzioni INPS Aggiornamenti anno 2010. A seguito della circolare Inps n.25 dello scorso 18 febbraio 2010, evidenziamo, di seguito, le variazioni intervenute,

Dettagli

I.N.P.S. - Direzione Metropolitana di Torino. A cura di Beniamino Gallo 03/03/2009 Pagina 1

I.N.P.S. - Direzione Metropolitana di Torino. A cura di Beniamino Gallo 03/03/2009 Pagina 1 TABELLA ALIQUOTE CONTRIBUTIVE assunzioni agevolate speciale L. 427/75 Industria in genere fino a 15 dipendenti (Csc 1.XX.XX Ca 1S e Csc 1.13.06-1.13.07-1.13.08 Ca 3N, 1S) Operai 40,07 32,35-24,63 19,19

Dettagli

REGOLAMENTO Guida ai servizi forniti dall EBRET - Ente Bilaterale dell Artigianato Toscano

REGOLAMENTO Guida ai servizi forniti dall EBRET - Ente Bilaterale dell Artigianato Toscano REGOLAMENTO Guida ai servizi forniti dall EBRET - Ente Bilaterale dell Artigianato Toscano Prestazioni di livello A Nazionale Livello A1: Contratti di solidarietà Livello A2: Sospensione per crisi aziendale/occupazionale

Dettagli

Crisi occupazionale e ammortizzatori sociali: La proposta della Cgil

Crisi occupazionale e ammortizzatori sociali: La proposta della Cgil convegno Crisi occupazionale e ammortizzatori sociali: La proposta della Cgil Giovanna Altieri (IRES-CGIL) Presentazione n. 02/2011 Roma, 15 marzo 2011 12 10 Tasso di disoccupazione per genere dati mensili

Dettagli

Tedeschi & C. s.r.l. consulenti d'impresa

Tedeschi & C. s.r.l. consulenti d'impresa Tedeschi & C. s.r.l. consulenti d'impresa Rag. Tedeschi Ugo Dott. Vergioli Riccardo Commercialista Consulente del Lavoro Commercialista Rag. Pini Fabiana Avv. Tedeschi Costanza Consulente del Lavoro Servizi

Dettagli