ISTITUTO COMPRENSIVO DI LERCARA FRIDDI-CASTRONOVO-VICARI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ISTITUTO COMPRENSIVO DI LERCARA FRIDDI-CASTRONOVO-VICARI"

Transcript

1 ISTITUTO COMPRENSIVO DI LERCARA FRIDDI-CASTRONOVO-VICARI ANALISI DELLE PROVE INVALSI 2014 E RIFLESSIONE DIDATTICA SUI RISULTATI SCUOLA PRIMARIA CLASSE SECONDA GRUPPO DI ITALIANO Quesiti relativi ai processi Media%Classi Percentuale delle risposte corrette date da ciascuna classe Processo prevalente Difficoltà rilevate Suggerimenti didattici TESTO NARRATIVO A2. A3. _ 39,1 43,8 _ 26,1 _ 47,4 _ -Riconoscere e comprendere il significato di espressioni in base al contesto. -Comprendere il significato di espressioni usate in senso figurato. -Attività ludiche per guidare gli alunni alla comprensione del significato di espressioni figurate.

2 A5. 43,8 -Individuare informazioni date esplicitamente nel testo. -Individuare un informazione specifica esplicitamente presente nel testo. -Esercizi finalizzati all individuazione di informazioni date nel testo. A7. A9. 40,0/43,5 34,8 43,8 -Riconoscere i significati di parole ed espressioni in base al contesto. -Intuire il significato di un lessema la cui comprensione è facilitata dal contesto. -Ricerca di significati di parole in rapporto al contesto. A11. _ 26,1 _ -Ricavare un informazione implicita da una o più informazioni date nel testo. -Operare inferenze. -Utilizzo di strategie e tecniche di miglioramento dell efficacia della lettura (pause, intonazione,sottolineatura). A12. 43,8 -Individuare informazioni date esplicitamente nel testo. -Individuare fra più informazioni concorrenti quella pertinente alla domanda specifica. -Attività didattiche fondate sul fare, sul costruire, sul ricercare, da svolgersi con il metodo cooperative learning. A13. _ 47,8 _ -Comprendere il significato di parole in base al contesto. -Capire il significato di un lessema la cui comprensione è facilitata dal contesto. -Ricerca di significati di parole in rapporto al contesto.

3 A15 _ 39,1 31,6 -Rielaborare il testo. -Integrare informazioni tratte dall enciclopedia personale del lettore. -Interventi didattici finalizzati a ricostruire il significato di una parte del testo, integrando più informazioni e concetti. A16. 30,0/17,4 _ 47,4/6,3 -Rielaborare il testo. -Individuare l espressione che completa una frase data. -Manipolazione di testi. A18. _ 31,6 _ -Ricavare implicite. informazioni -Fare un inferenza diretta, ricavando un informazione implicita da informazioni date nel testo. -Interventi didattici che sviluppino la capacità di ricavare informazioni da un testo. A19. 37,5 -Comprendere il significato di parole in base al contesto. -Riconoscere e comprendere il significato letterale e figurato di parole ed espressioni. -Riflessione sul senso figurato che una parola o un espressione può assumere. ESERCIZI LINGUISTICI B1. _ 47,4 _ -Individuare relazioni di significato tra parole. -Stabilire relazioni tra le parole sul piano dei significati. -Esercizi e giochi per: ricerca di vocaboli; scoperta del significato; ricerca di sinonimi e contrari.

4 CLASSE QUINTA Quesiti relativi ai processi Media%Classi Percentuale delle risposte corrette date da ciascuna classe Processo prevalente Difficoltà rilevate Suggerimenti didattici TESTO NARRATIVO A4. _ 0,0 -Individuare informazioni contenute nel testo. -Fare un inferenza diretta,ricavando un informazione implicita da una o più informazioni date nel testo. -Utilizzo di strategie e tecniche di miglioramento dell efficacia della lettura(pause, intonazione,sottolineatura). A5. _ 0,0/0,0 _ 28,6 _ -Riconoscere e comprendere il significato letterale di parole. -Capire il significato di un lessema la cui comprensione è facilitata dal contesto. -Esercizi e giochi per: ricerca di vocaboli; scoperta del significato. A6. _ 22,7/13,3 _ -Interpretare il testo, a partire dal suo contenuto, andando al di là della comprensione letterale. -Cogliere le intenzioni dell autore. -Lettura attenta e approfondita del testo, con la richiesta ben mirata di individuare l intenzione dell autore. A8. _ 30,8 -Ricostruire il significato -Integrare informazioni -Lettura attenta e approfondita

5 del testo, integrando più informazioni. presenti in una parte del testo in modo da riconoscere le motivazioni implicite del comportamento del protagonista. mirata all individuazione di informazioni implicite ed esplicite contenute nel testo. A10. 28,6/38,5 -Comprendere il significato di espressioni attraverso le informazioni date nel testo -Cogliere informazioni esplicite contenute nel testo A11. _ 38,5 -Individuare informazioni date esplicitamente nel testo A13. 42,9/46,2 -Riconoscere e comprendere il significato figurato di espressioni. -Cogliere il significato del linguaggio figurato. -Approfondimenti sulla comunicazione nei suoi diversi aspetti. A14. 6,7/11,1/42,9/7,7 -Individuare informazioni date esplicitamente nel testo. -Cercare informazioni nel testo per uno scopo preciso. -Attività didattiche fondate sul ricercare informazioni per uno scopo preciso. A15. _ 46,2 -Riconoscere il significato di un vocabolo in base al contesto. -Sostituire un lessema con uno di significato analogo. -Ricerca di significati di parole in rapporto al contesto.

6 A16. 28,6/38,5 -Interpretare un testo, a partire dal suo contenuto, andando al di là di una comprensione letterale. -Saper cogliere in un testo valori morali impliciti -Riflessione sull insegnamento morale di un testo. A17. 35,7/15,4 -Ricostruire il significato di una parte del testo, integrando più informazioni e concetti. -Ricostruire la successione temporale degli eventi. -Esercizi di rinforzo sulla coesione e coerenza testuale. A18. 42,9/38,5 -Cogliere le intenzioni implicite dell autore. -Intuire il finale di una storia e le intenzioni implicite dell autore. -Lettura mirata alla comprensione dell intenzione dell autore. A19. _ 35,7/30,8 _ 31,8/0,0 -Ricostruire il significato globale del testo. -Identificare l argomento principale di un testo. -Interventi didattici finalizzati a cogliere il significato globale del testo. TESTO ESPOSITIVO B1. _ 23,1 -Sviluppare un interpretazione del -Cogliere lo scopo per cui il testo è stato scritto. -Interventi didattici finalizzati a cogliere lo scopo per cui il

7 testo, a partire dalla sua forma, andando al di là di una comprensione letterale. testo è stato scritto. B5. 13,6 _ 28,6/46,2 -Individuare inferenze implicite. -Estrapolare semplici informazioni da un testo -Attività didattiche finalizzate sul fare, sul costruire, sul ricercare informazioni specifiche. B6. 35,7/38,5 -Individuare informazioni date implicitamente nel testo -Cogliere il significato di un testo letto B7. _ 38,5 -Individuare informazioni date esplicitamente nel testo -Individuare nel testo un informazione relativa a una categoria B8. 43,8/40,9/0,0 _ 28,6/30,8 -Individuare informazioni date esplicitamente nel testo. -Estrapolare semplici informazioni da un testo. B9. _ 46,2 -Individuare informazioni implicite. -Ricavare un informazione implicita da una informazione data nel testo.

8 B11. 0,0/27,8 _ 23,1 -Individuare informazioni date esplicitamente nel testo -Estrapolare semplici informazioni da un testo B12. 18,8 _ 0,0 _ 35,7/38,5 -Cogliere le relazioni di coesione. -Riconoscere il significato e la funzione dei segni d interpunzione. -Riflessione sul rapporto tra punteggiatura e significato. B13. _ 45,5 _ 33,3 _ 38,5 -Valutare la forma del testo alla luce delle esperienze personali. -Estrapolare informazioni da un linguaggio iconico. -Riflessione su come elementi iconografici contribuiscono alla comprensione del testo. -Lettura di un immagine per ricavarne informazioni. B14. GRAMMATICA 37,5 _ -Cogliere l argomento principale di uno o più testi. -Riconoscere le relazioni di contenuto fra più testi.. -Lettura comparata di testi. C1. 37,5 27,8 _ 30,8 - correttamente la punteggiatura. -Riconoscere la funzione dei segni di punteggiatura e saperli usare correttamente. -Riflessione sul rapporto tra punteggiatura e significato. C2. 35,7/38,5 -Riconoscere rapporti di sinonimia. -Individuare tra un gruppo di parole i sinonimi. -Esercitazioni motivanti e diversificate per cogliere i rapporti di identità/opposizione lessicale.

9 C3. _ 38,9 -Individuare semplici regole ortografiche. -Riconoscere gli errori ortografici. -Consolidamento delle principali regole ortografiche. C4. C5. _ 38,9 0,0 _ 13,3/5,6/42,9/15,4 -Riconoscere le parti del discorso. -Riconoscere le parti del discorso. -Riconoscere in una frase i verbi. -Distinzione tra nome e verbo. -Esercitazioni motivanti e diversificate per consolidare la conoscenza delle categorie lessicali. C6. 42,9/38,5 -Conoscere alfabetico. l ordine -Scrivere parole in ordine alfabetico. -Giochi di parole in ordine alfabetico, per facilitare la loro ricerca nel vocabolario. C8. _ 31,8 42,8 _ -Riconoscere i principali meccanismi di alterazione e il loro valore semantico. -Individuare i nomi alterati. -Riflessione sul meccanismo di alterazione delle parole. Alterazione di nomi con l uso di suffissi dati. C9. _38,5 -Riconoscere le forme verbali. -Denominare le forme verbali in contesti dati. -Riflessione sulla categoria temporale del verbo. C10. _ 0,0/42,9/0,0 -Riconoscere le sottocategorie lessicali(i pronomi relativi). - correttamente i pronomi relativi. -Analisi della funzione del pronome relativo.

10 GRUPPO DI MATEMATICA CLASSE SECONDA Quesiti relativi ai processi NUMERI MEDIA % CLASSI Percentuale delle risposte corrette date da ciascuna classe Processo prevalente Difficoltà rilevate Suggerimenti didattici D3_a D3_b 31,3 12,5 -Individuare in una sequenza di numeri la metà e il doppio. -Potenziamento attraverso il gioco. D6_a D6_b _ 13,6 37,5 12,5 Interpretare -Comprendere il testo di un problema presentato con diverse forme di rappresentazione dei dati. -Presentazione di problemi il cui testo sia accompagnato da immagini, tabelle, grafici, ecc.

11 D11_a D11_b D11_c _ 26,3 31,6 / 6,3 _ 21,1/31,3 -Trovare cifre nascoste in addizioni e sottrazioni in riga. -Attività di individuazione della cifra nascosta di uno dei due termini di un operazione di cui si conosce il risultato. D14_a D14_b 37,5 12,5 interpretare e -Individuare nel testo di un problema il dato nascosto. --Comprendere il testo di un problema presentato con diverse forme di rappresentazione dei dati. -Attività di potenziamento sulla ricerca di dati nascosti. -Presentazione di problemi il cui testo sia accompagnato da immagini, fumetti, tabelle, grafici, ecc. D15 _ 42,1 /6,3 -Completare il testo di un problema partendo da una serie di dati, di cui uno superfluo. -Modalità di presentazione dei problemi con impostazione meno tradizionale (es.: partire da un elenco di dati, di cui uno superfluo, per completare il testo).

12 D18 12,5 -Eseguire uguaglianze tra operazioni. -Potenziamento delle strategie di calcolo veloce, al fine di verificare l uguaglianza tra due o più operazioni. D20 43,8 Interpretare -Comprendere un problema presentato con diverse forme di rappresentazione di dati. -Presentazione di problemi il cui testo sia accompagnato da tabelle, grafici, ecc. ; presentare più problemi con la sottrazione come differenza, secondo modalità diverse. SPAZIO E FIGURE D5 31,3 Interpretare -Riconoscere figure piane (quadrato/rombo). -Costruzione tecnica e osservazione delle principali figure piane per scoprire le caratteristiche fondamentali che le distinguono (soprattutto quadrato/rombo); presentare le figure in posizioni diverse. D10 _ 13,6 _ 31,6 / 12,5 Interpretare -Riconoscere in una rappresentazione piana punti di vista diversi. -Giochi, attività esperienziali ed esercitazioni su schede al

13 fine di individuare immagini riflesse, posizioni e punti di vista in una rappresentazione piana. D13 6,3 -Eseguire il conteggio dei quadratini che costituiscono il perimetro di una figura su un piano quadrettato. -Proporre strategie pratiche (es.: segnare con la matita il punto di partenza, oppure tutti gli elementi via via contati). D16_b 25,0 -Riconoscere figure uguali con differenti posizioni sul piano. -Esercizi pratici, sottoforma di gioco, con i pezzi del tangram. D19_b 25,0 -Riconoscere in una rappresentazione piana punti di vista diversi. -Attività pratiche su immagini riflesse, posizioni e punti di vista. DATI PREVISIONI D4_a D4_b E 37,5 31,3 Interpretare -Leggere un istogramma posizionato in orizzontale con dati in successione numerica per 2: difficoltà a individuare il dato intermedio tra un numero e l altro (es. tra 6 e 8, 7 ). -Organizzazione di dati su istogrammi a colonna e in riga (verticale-orizzontale) con diverse scale numeriche (X 2 X 3 ).

14 D8_b _ 22,7 _ Interpretare - informazioni date dal testo e da un istogramma per trovare il dato mancante e rappresentarlo. -Lettura di istogrammi con dati mancanti; ricerca delle informazioni necessarie tra i dati presenti, sia nell istogramma che nel testo. CLASSE QUINTA Quesiti relativi ai processi MEDIA % CLASSI Percentuale delle risposte corrette date da ciascuna classe Processo prevalente Difficoltà rilevate Suggerimenti didattici NUMERI D4 D6 6,3 / 9,1 42,9 / 46,2 _ 40,9 _ 41,2 _ 38,5 -Confrontare numeri. -Ordinare sulla linea numerica numeri decimali. -Potenziamento di sequenze numeriche e numeri decimali. D11 _ 40,9 _ 38,5 -Associare un numero in lettere ai suoi diversi modi di scrittura. -Presentazione contemporanea dei numeri nelle diverse forme di scrittura; particolare attenzione alla

15 scrittura polinomiale. D12 0,0/ 18,2 / 0,0 / 0,0 _ 7,7 -Riconoscere frazioni equivalenti rappresentate con figure. -Rappresentazione di frazioni equivalenti attraverso figure uguali, in cui le parti frazionarie sono rappresentate in modi diversi. D19 _ 18,2 _ 23,5 / 28,6/ 15,4 -Confrontare frazionarie. unità -Esercitazioni pratiche relative al frazionamento di un intero e di quantità numeriche. D21 43,8 / 27,3 / 0,0 30,8 -Eseguire moltiplicazioni in riga applicando le proprietà. -Potenziamento delle strategie di calcolo veloce. D25 _ 13,6 _ 47,1/ 42,9/ 15,4 Interpretare -Risolvere problemi con dati nascosti. -Potenziamento di problemi i cui dati sono sottintesi. D26 _ 40,9 _ 35,3 _ 38,5 Formulare -Stimare una misura per metterla in corrispondenza con la più plausibile tra tante altre. -Attività di misurazione di oggetti, mobili, aule, corridoi, ; presentazione di quesiti in cui bisogna formulare ipotesi di possibile corrispondenza tra lunghezze,

16 distanze,ecc.(es m possono corrispondere a: l altezza di un palazzo di 10 piani o la quota di volo di un aereo?) RELAZIONI FUNZIONI D9 E 0,0 / 9,1 / 6,7 / 17,6 _ 23,1 -Individuare in una sequenza numerica la regola per trovare numeri mancanti. -Ricerca di regolarità in sequenze di numeri, figure simboli e parole. D13_a _ 31,8 _ 38,5 -Classificare numeri in base a una o più proprietà. -Consolidamento delle proprietà dei numeri naturali; uso di tabelle a doppia entrata per classificare numeri (paridispari, multiplisottomultipli, ). D16 25,0 / 36,4 /0,0 / 47,1/ 21,4/ 38,5 -Eseguire equivalenze. -Potenziamento attraverso attività pratiche. D15 _ 22,7 42,9 / 23,1 Interpretare -Ricercare dati utili e incognite. -Soluzione di situazioni problematiche, riflessione sui dati utili e sulle incognite.

17 D18-b2 31,3/ 27,3 _ 30,8 Formulare -Individuare relazioni. -Rappresentazione di relazioni e dati per ricavarne informazioni e formulare giudizi. DATI E PREVISIONI D23 _ 13,6 _ 17,6 / 7,1/ 15,4 -Calcolare la media aritmetica in un insieme di dati statistici numerici. -Calcolo della media aritmetica attraverso l uso di indagini statistiche che attirino l attenzione degli alunni. D28 _ 40,9/ 33,3 38,5 Interpretare -Leggere e interpretare i dati di una tabella. -Costruzione di tabelle per inserirvi dati statistici e successiva lettura. D5 _ 31,8 _ 41,2 _ 15,4 Formulare -Individuare probabilità di eventi. la -Esperienze dirette: giochi con i dadi, le carte, sorteggi, ecc. e registrazione in tabella della frequenza con cui si ripete uno stesso evento ; giochi interattivi. D8_a D8_ b1 _ 38,5 25,0 _ 0,0 _ 42,9/ 46,2 Interpretare -Leggere grafici. -Costruzione e lettura di diverse tipologie di grafici. D8_b4 37,5 35,3 _ 23,1

18 D8 b5 _ 31,8 35,7/38,5

19 SINTESI DEI DATI DELLE PROVE INVALSI Dall analisi delle Prove Invalsi 2014 e dalla successiva riflessione didattica sui risultati delle classi II e V, emerge che, per quanto riguarda l italiano, gli alunni incontrano le maggiori difficoltà a : individuare e integrare informazioni date esplicitamente nel testo; individuare i nessi e le informazioni implicite; formulare inferenze; cogliere il significato globale del testo, l intenzione comunicativa dell autore e lo scopo per cui il testo è stato scritto; individuare il significato figurato delle parole; cogliere le relazioni di coesione e coerenza testuale; riconoscere il significato e la funzione dei segni d interpunzione; riconoscere rapporti di sinonimia/antonimia tra parole. Pertanto, per intervenire sulle difficoltà, i docenti coinvolti nei dipartimenti hanno suggerito degli interventi didattici che mettono in primo piano la capacità di cercare informazioni, di formulare ipotesi, di lavorare sui testi, per elaborarne la comprensione e l interpretazione. Per avviare processi di miglioramento sul versante didattico e organizzativo, i docenti hanno proposto alcune indicazioni di lavoro: allenamento costante a una lettura non superficiale dei testi; utilizzo di varie strategie e tecniche di miglioramento dell efficacia della lettura ed esercitazioni di rinforzo sulla coesione e coerenza testuale; approfondimenti sulla comunicazione nei suoi diversi aspetti; potenziamento della competenza morfologica e semantico - lessicale attraverso un attenta riflessione linguistica; sfruttare tutte le opportunità di sviluppare il bagaglio lessicale degli alunni, con esercitazioni motivanti e diversificate.

20 Per quanto riguarda la matematica le difficoltà rilevate riguardano soprattutto i quesiti per i quali gli alunni devono: confrontare e ordinare numeri naturali, frazioni e numeri decimali; riconoscere un numero presentato nei suoi diversi modi di scrittura; conoscere e padroneggiare le proprietà dei numeri e delle operazioni; eseguire equivalenze; operare con le frazioni e riconoscere frazioni equivalenti; risolvere problemi utilizzando gli strumenti della matematica (individuare e collegare i dati utili, confrontare strategie di soluzione, individuare la sequenza di operazioni,esporre il procedimento); interpretare problemi con tabelle e grafici; calcolare la media aritmetica in un insieme di dati statistici numerici; leggere e interpretare i dati di tabelle e grafici; individuare la probabilità di eventi; ricercare la regolarità in sequenze di numeri, figure, simboli e parole; riconoscere in una rappresentazione piana punti di vista diversi; riprodurre una figura in base a una descrizione; identificare assi di simmetria; confrontare e misurare angoli. Al fine di stimolare lo sviluppo dei processi cognitivi coinvolti nel lavoro matematico e nella risoluzione di problemi, è necessario che i docenti, accanto alla prassi didattica tradizionale, seguano anche le seguenti modalità d intervento: utilizzare fin dai primi anni il linguaggio specifico della disciplina; formare i concetti matematici fondandoli su esperienze manipolative; stimolare la ricerca, invece di dare soluzioni già pronte; presentare problemi il cui testo sia accompagnato da immagini, fumetti, tabelle e grafici; potenziare l uso di strumenti opportuni (software interattivi, carta a quadretti, squadre, riga, compasso, goniometro, ).

COMPETENZE SPECIFICHE ABILITA

COMPETENZE SPECIFICHE ABILITA CURRICOLO PROVVISORIO SETTEMBRE 2015 AMBITO DISCIPLINARE: MATEMATICA CLASSE: PRIMA PRIMARIA COMPETENZE SPECIFICHE 1. OPERARE CON I NUMERI NEL CALCOLO SCRITTO E MENTALE 2. RICONOSCERE, ANLIZZARE ED OPERARE

Dettagli

Classe Prima. Concetti topologici. Confronti Classificazioni Grafici. Confronti, ordinamenti e grandezze misurabili

Classe Prima. Concetti topologici. Confronti Classificazioni Grafici. Confronti, ordinamenti e grandezze misurabili apprendimento ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE Classe Prima ABILITA' Leggere e scrivere i numeri, usarli per contare ed eseguire semplici operazioni di addizione e sottrazione I numeri naturali nel loro aspetto

Dettagli

CURRICOLO di MATEMATICA classe terza

CURRICOLO di MATEMATICA classe terza CURRICOLO di MATEMATICA classe terza 1 TERZA NUCLEO DISCIPLINARE: A - NUMERI OBIETTIVO GENERALE: A1 - Operare con i numeri oralmente e per scritto LA QUANTITA NUMERICA 1. Costruire la serie numerica raggiungendo

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA ISTITUTO COMPRENSIVO F. D'ASSISI TEZZE SUL BRENTA (VI) PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DI MATEMATICA CLASSE 3^ OBIETTIVI FORMATIVI: I NUMERI CONOSCENZE ABILITA COMPETENZE Leggere, rappresentare e utilizzare i

Dettagli

Scuola Statale Italiana di Madrid Anno scolastico 2014-2015. PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE DI MATEMATICA Classe quarta B Insegnante: Adriano Adamo

Scuola Statale Italiana di Madrid Anno scolastico 2014-2015. PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE DI MATEMATICA Classe quarta B Insegnante: Adriano Adamo Scuola Statale Italiana di Madrid Anno scolastico 2014-2015 PROGRAMMAZIONE CURRICOLARE DI MATEMATICA Classe quarta B Insegnante: Adriano Adamo INDICATORI OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (Conoscenze

Dettagli

LINGUA ITALIANA L.E.1 ASCOLTARE, COMPRENDERE E COMUNICARE ORALMENTE. L.E.2 LEGGERE E COMPRENDERE TESTI DI VARIO TIPO.

LINGUA ITALIANA L.E.1 ASCOLTARE, COMPRENDERE E COMUNICARE ORALMENTE. L.E.2 LEGGERE E COMPRENDERE TESTI DI VARIO TIPO. LINGUA ITALIANA L.E.1 ASCOLTARE, COMPRENDERE E COMUNICARE ORALMENTE. 1a. Prestare attenzione e dimostrare di aver capito i discorsi dei coetanei e degli adulti. 1b. Saper ascoltare ciò che viene letto

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA (Classe 1ª)

SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA (Classe 1ª) SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA (Classe 1ª) Operare con i numeri nel calcolo scritto e mentale Leggere e scrivere numeri naturali in cifre e lettere. Contare in senso progressivo e regressivo. Raggruppare,

Dettagli

UNITA D APPRENDIMENTO. Lo spazio e le figure

UNITA D APPRENDIMENTO. Lo spazio e le figure Lo spazio e le figure Utilizzare il piano cartesiano per rappresentare punti mediante le coordinate Effettuare trasformazioni topologiche rilevando le invarianti (guanto di gomma) Individuare e riconoscere

Dettagli

LA CONOSCENZA DEL MONDO. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni

LA CONOSCENZA DEL MONDO. OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni SCUOLA DELL INFANZIA INDICATORI LA CONOSCENZA DEL MONDO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO 3 anni 4 anni 5 anni Riconoscere la quantità. Ordinare piccole quantità. Riconoscere la quantità. Operare e ordinare piccole

Dettagli

Scuola Primaria Salvo D Acquisto Curricolo di Matematica Classe II e III

Scuola Primaria Salvo D Acquisto Curricolo di Matematica Classe II e III Scuola Primaria Salvo D Acquisto Curricolo di Matematica Classe II e III 1 CURRICOLO DI MATEMATICA OSA : Obiettivi Specifici di Apprendimento Classe 2 o I numeri naturali fino al cento o Apprendere un

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA - MORI

SCUOLA PRIMARIA - MORI ISTITUTO COMPRENSIVO DI MORI Via Giovanni XXIII, n. 64-38065 MORI Cod. Fisc. 94024510227 - Tel. 0464-918669 Fax 0464-911029 www.icmori.it e-mail: segr.ic.mori@scuole.provincia.tn.it REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

UN METODO PER SCRIVERE I CURRICOLI DI SCUOLA: DISCIPLINE, UNITÀ DI TRANSIZIONE, VALUTAZIONE E COMPETENZE

UN METODO PER SCRIVERE I CURRICOLI DI SCUOLA: DISCIPLINE, UNITÀ DI TRANSIZIONE, VALUTAZIONE E COMPETENZE Relazione Maurizio Gentile UN METODO PER SCRIVERE I CURRICOLI DI SCUOLA: DISCIPLINE, UNITÀ DI TRANSIZIONE, VALUTAZIONE E COMPETENZE Domande di ricerca. Come rendere semanticamente più semplici i traguardi

Dettagli

SCRIVERE Costruire l interesse per la scrittura autonoma. Scrivere autonomamente un breve testo su un esperienza motivante.

SCRIVERE Costruire l interesse per la scrittura autonoma. Scrivere autonomamente un breve testo su un esperienza motivante. CURRICOLO DI LINGUA CLASSI 1 Ascoltare e parlare Avvio alla costruzione del Sé e alla percezione delle emozioni Ascoltare e comprendere una semplice consegna organizzativa e didattica Narrare un esperienza

Dettagli

Matematica - Classe Prima

Matematica - Classe Prima Matematica - Classe Prima NUCLEI FONDANTI COMPETENZE DA SVILUPPARE CONTENUTI NUMERI e QUANTITÁ Saper riconoscere ed utilizzare i numeri naturali in diversi contesti. Saper comprendere ed utilizzare addizioni

Dettagli

CURRICOLO VERTICALE MATEMATICA RELAZIONI/ DATI E PREVISIONI/ MISURA

CURRICOLO VERTICALE MATEMATICA RELAZIONI/ DATI E PREVISIONI/ MISURA CURRICOLO VERTICALE MATEMATICA / DATI E PREVISIONI/ MISURA SCUOLA PRIMARIA CONOSCENZE (Concetti) ABILITA Classe 1^ - Classificazione - in situazioni concrete, classificare persone, oggetti, figure, numeri

Dettagli

COMPETENZE EUROPEE CONTENUTI E ATTIVITA APPRENDIMENTO. Classe terza Scuola Primaria matematica -

COMPETENZE EUROPEE CONTENUTI E ATTIVITA APPRENDIMENTO. Classe terza Scuola Primaria matematica - matematica - Comunicazione nella madrelingua 1.Descrive e denomina figure. 1.a. Comunicare la posizione di oggetti nello spazio fisico, sia rispetto al soggetto, sia rispetto ad altre persone o oggetti,

Dettagli

MATEMATICA CLASSE PRIMA: NUMERI TRAGUARDI IN USCITA:

MATEMATICA CLASSE PRIMA: NUMERI TRAGUARDI IN USCITA: MATEMATICA CLASSE PRIMA: NUMERI Sviluppa un atteggiamento positivo rispetto alla matematica, attraverso esperienze significative, che gli hanno fatto intuire come gli strumenti matematici che ha imparato

Dettagli

CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE 5^ I.C. "PAESI RETICI" COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ METODI

CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE 5^ I.C. PAESI RETICI COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ METODI CURRICOLO DI MATEMATICA CLASSE 5^ I.C. "PAESI RETICI" COMPETENZE CONOSCENZE ABILITÀ METODI NUMERI L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali e sa valutare l opportunità

Dettagli

Istituto Comprensivo di Pralboino Curricolo Verticale

Istituto Comprensivo di Pralboino Curricolo Verticale MATEMATICA CLASSE SECONDA SECONDARIA INDICATORE NUMERI TRAGUARDI OBIETTIVI di APPRENDIMENTO CONTENUTI L alunno si muove con sicurezza nel calcolo anche con i numeri razionali, ne padroneggia le diverse

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MATEMATICA CLASSI 1^ - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S.2010/11

PROGRAMMAZIONE MATEMATICA CLASSI 1^ - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S.2010/11 PROGRAMMAZIONE MATEMATICA CLASSI 1^ - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO A.S.2010/11 AMBITI ABILITA E CONOSCENZE (O.S.A.) LIV. METODI STRUMENTI Conosce la differenza tra cifra e numero Conosce le caratteristiche

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ALLENDE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ALLENDE Paderno Dugnano

ISTITUTO COMPRENSIVO ALLENDE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ALLENDE Paderno Dugnano ISTITUTO COMPRENSIVO ALLENDE SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO ALLENDE Paderno Dugnano Linee progettuali disciplinari a.s. 2014/2015 classe 1^ AREA DISCIPLINARE : MATEMATICO TECNICO - SCIENTIFICA materia:

Dettagli

SCUOLA STATALE SECONDARIA DI PRIMO GRADO C. COLOMBO (TA) RELAZIONE SUI RISULTATI DELLE PROVE INVALSI DI ITALIANO E MATEMATICA A. S.

SCUOLA STATALE SECONDARIA DI PRIMO GRADO C. COLOMBO (TA) RELAZIONE SUI RISULTATI DELLE PROVE INVALSI DI ITALIANO E MATEMATICA A. S. SCUOLA STATALE SECONDARIA DI PRIMO GRADO C. COLOMBO (TA) RELAZIONE SUI RISULTATI DELLE PROVE INVALSI DI ITALIANO E MATEMATICA A. S. 2013-14 CLASSI TERZE A cura della Funzione Strumentale Area 4: Prof.ssa

Dettagli

FRANCESE - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Classe 1 a

FRANCESE - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Classe 1 a FRANCESE - SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO Classe 1 a Competenze Conoscenze Abilità Tecniche di lettura espressiva: intonazione, pause, punteggiatura. Applicare diverse strategie di lettura: lettura espressiva

Dettagli

MATEMATICA CLASSE QUARTA

MATEMATICA CLASSE QUARTA MATEMATICA CLASSE QUARTA a) I NUMERI NATURALI E LE 4 OPERAZIONI U.D.A. : 1 I NUMERI NATURALI 1. Conoscere l evoluzione dei sistemi di numerazione nella storia dell uomo. 2. Conoscere e utilizzare la numerazione

Dettagli

Matematica CONOSCENZE

Matematica CONOSCENZE Classe 2^ Scuola Primaria COMPETENZA DI RIFERIMENTO Utilizzare con sicurezza le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico e algebrico, scritto e mentale, anche con riferimento a contesti reali OBIETTIVI

Dettagli

Matematica CONOSCENZE. I numeri naturali fino a 1000. Rappresentazione dei numeri naturali in base dieci: il valore posizionale delle cifre.

Matematica CONOSCENZE. I numeri naturali fino a 1000. Rappresentazione dei numeri naturali in base dieci: il valore posizionale delle cifre. Classe 3^ Scuola Primaria COMPETENZA DI RIFERIMENTO Utilizzare con sicurezza le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico e algebrico, scritto e mentale, anche con riferimento a contesti reali OBIETTIVI

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO VOLPI Cisterna di Latina. ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Piano di Lavoro per classi parallele Scuola Primaria MATEMATICA

ISTITUTO COMPRENSIVO VOLPI Cisterna di Latina. ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Piano di Lavoro per classi parallele Scuola Primaria MATEMATICA ISTITUTO COMPRENSIVO VOLPI Cisterna di Latina ANNO SCOLASTICO 2012-2013 Piano di Lavoro per classi parallele Scuola Primaria PROGRAMMAZIONE CLASSI SECONDE MATEMATICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze

Dettagli

MATEMATICA classe PRIMA

MATEMATICA classe PRIMA MATEMATICA classe PRIMA OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO MATEMATICA Classe PRIMA SECONDARIA A 1.1.1. Riconoscere,rappresentare e operare correttamente con gli insiemi matematici. A 1.1.2. Scrivere, leggere,

Dettagli

DISCIPLINA: MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA

DISCIPLINA: MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA DISCIPLINA: MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA Finalità: Dare strumenti per la descrizione scientifica del mondo per affrontare problemi utili nella vita quotidiana. Imparare a raccogliere dati ed interpretarli.

Dettagli

DISCIPLINA: MATEMATICA. COMPETENZA n 1 TITOLO: IL NUMERO SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA CONOSCERE E OPERARE CON I NUMERI NATURALI E NON

DISCIPLINA: MATEMATICA. COMPETENZA n 1 TITOLO: IL NUMERO SCUOLA INFANZIA SCUOLA PRIMARIA CONOSCERE E OPERARE CON I NUMERI NATURALI E NON Titolo: Competenze disciplinari dal Dipartimento di matematica Classi:infanzia, primaria triennio e secondo biennio e secondaria di I grado Docenti implicati: Matematica COMPETENZA n 1 TITOLO: IL NUMERO

Dettagli

PROGETTAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA classe 2^

PROGETTAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA classe 2^ PROGETTAZIONE DISCIPLINARE MATEMATICA classe 2^ PER RICONOSCERE, RAPPRESENTARE E RISOLVERE PROBLEMI I. Q. II. Q. CONTENUTI / ATTIVITA 1 bim. 2 bim. 3 bim. 4 bim. 1a) Individuazione di situazioni problematiche

Dettagli

PIANO DELLE UNITÀ DI APPRENDIMENTO

PIANO DELLE UNITÀ DI APPRENDIMENTO PIANO DELLE UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola Primaria di Vestreno Classe IV a.s. 2014/15 Insegnante:Sabrina Rabbiosi DISCIPLINA : Italiano TITOLO ASCOLTO E RACCONTO UDA 1 Comprendere e produrre testi orali

Dettagli

PROGRAMMAZIONI MATEMATICA a.s. 2011 / 2012

PROGRAMMAZIONI MATEMATICA a.s. 2011 / 2012 PROGRAMMAZIONI MATEMATICA a.s. 2011 / 2012 MATEMATICA CLASSE I I PROBLEMI O.G.: Riconoscere, rappresentare, risolvere problemi Individuare situazioni problematiche nell ambito di esperienze quotidiane

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. DIMONOPOLI A.S. 2015/2016 CLASSE 1ALL MATERIA: MATEMATICA

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. DIMONOPOLI A.S. 2015/2016 CLASSE 1ALL MATERIA: MATEMATICA PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. DIMONOPOLI A.S. 2015/2016 CLASSE 1ALL MATERIA: MATEMATICA Modulo n. 1: metodo di studio Collocazione temporale: tutto l anno Strategie didattiche: Per abituare gli allievi

Dettagli

GRIGLIA DI CORREZIONE 2013 Matematica Classe I Scuola secondaria di primo grado FASCICOLO 1

GRIGLIA DI CORREZIONE 2013 Matematica Classe I Scuola secondaria di primo grado FASCICOLO 1 GRIGLIA DI CORREZIONE 2013 Matematica Classe I Scuola secondaria di primo grado FASCICOLO 1 LEGENDA AMBITI: NU (Numeri), SF (Spazio e figure), DP (Dati e previsioni) LEGENDA PROCESSI: 1. Conoscere e padroneggiare

Dettagli

- Spiega il procedimento seguito, anche in forma scritta, mantenendo il controllo sia sul processo risolutivo, sia sui risultati.

- Spiega il procedimento seguito, anche in forma scritta, mantenendo il controllo sia sul processo risolutivo, sia sui risultati. SCUOLA SECONDARIA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE MATEMATICA - L alunno si muove con sicurezza nel calcolo anche con i numeri razionali, ne padroneggia le diverse rappresentazioni e stima la grandezza

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2009/10

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2009/10 Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2009/10 Scheda di correzione Prova di Matematica Classe Seconda Scuola Primaria Domanda D1. B Numero Ricerca di regolarità Ordinamento D2. 31 Numero D3. C D4. C Numero

Dettagli

OBIETTIVI MINIMI PRIMARIA ITALIANO

OBIETTIVI MINIMI PRIMARIA ITALIANO OBIETTIVI MINIMI PRIMARIA ITALIANO Classe 1^ Classe 2^ Classe 3^ Ascoltare e parlare Ascoltare e comprendere semplici consegne operative. Comprendere l essenziale di una semplice spiegazione. Riferire

Dettagli

OBIETTIVI di APPRENDIMENTO INDICAZIONI (dalle indicazioni Nazionali)

OBIETTIVI di APPRENDIMENTO INDICAZIONI (dalle indicazioni Nazionali) Curricolo di Matematica - Classe seconda CURRICOLO DI MATEMATICA - SCUOLA SECONDARIA classe seconda TRAGUARDI delle COMPETENZE (dalle indicazioni Nazionali) NUCLEI TEMATICI OBIETTIVI di APPRENDIMENTO INDICAZIONI

Dettagli

INDICATORI PER IL REGISTRO CLASSI PRIME 2015 2016

INDICATORI PER IL REGISTRO CLASSI PRIME 2015 2016 INDICATORI PER IL REGISTRO CLASSI PRIME 2015 2016 Nell ordine: Italiano, Matematica, Scienze, Tecnologia, Storia, Geografia, Inglese, Arte ed Immagine, Musica e Motoria. ITALIANO ASCOLTO E PARLATO 1)a

Dettagli

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE ENRICO DE NICOLA PROGRAMMAZIONE DI MATERIA. SEZIONE A : SINTESI

ISTITUTO ISTRUZIONE SUPERIORE ENRICO DE NICOLA PROGRAMMAZIONE DI MATERIA. SEZIONE A : SINTESI PROGRAMMAZIONE DI. SEZIONE A : SINTESI INSEGNANTE: CLASSE CLASSE 1CM COMPETENZE ATTESE AL TERMINE DEL PERCORSO DEL PRIMO BIENNIO DI STUDIO DELLA DISCIPLINA Padroneggiare gli strumenti espressivi ed argomentativi

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2009/10 ( a cura di Franca Ferri, Rossella Garuti, Aurelia Orlandoni)

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2009/10 ( a cura di Franca Ferri, Rossella Garuti, Aurelia Orlandoni) I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2009/10 ( a cura di Franca Ferri, Rossella Garuti, Aurelia Orlandoni) Guida alla lettura Prova

Dettagli

PROGETTAZIONE DISCIPLINARE

PROGETTAZIONE DISCIPLINARE PROGETTAZIONE DISCIPLINARE ITALIANO classe 3^ PER ASCOLTARE, COMPRENDERE E COMUNICARE ORALMENTE I Q. II Q. CONTENUTI /ATTIVITA 1a) Ascolto e comprensione di ciò che l insegnante e i compagni comunicano

Dettagli

La porta di ishtar e altri racconti

La porta di ishtar e altri racconti Introduzione La porta di ishtar e altri racconti Le attività legate al testo, contenute sia nel volume di narrativa sia nella Guida, si articolano in tre sezioni principali. 1., in cui si sviluppano abilità

Dettagli

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE

PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE PIANO DI LAVORO INDIVIDUALE Anno scolastico: 2015/2016 Prof. Ceporina Francesco Disciplina: Matematica Classe: 1ª F 1 Livelli di partenza rilevati Livello numero alunni A ottimo B- Discreto / Buono 7 C

Dettagli

MATEMATICA. Curricolo verticale. Istituto Comprensivo Lorenzo Lotto Jesi. Traguardi per lo sviluppo delle competenze. Obiettivi di apprendimento

MATEMATICA. Curricolo verticale. Istituto Comprensivo Lorenzo Lotto Jesi. Traguardi per lo sviluppo delle competenze. Obiettivi di apprendimento Curricolo verticale MATEMATICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze Obiettivi di apprendimento Competenze in uscita Istituto Comprensivo Lorenzo Lotto Jesi Scuola primaria TRAGUARDI PER LO SVILUPPO

Dettagli

Laboratorio di matematica creativa

Laboratorio di matematica creativa Laboratorio di matematica creativa Obiettivi Individuare e riconoscere i segni alfanumerici in diversi contesti Distinguere le cifre dalle lettere e da altri simboli Intuire che il numero può avere significati

Dettagli

NUCLEO FONDANTE CONOSCENZE ABILITA' COMPETENZE

NUCLEO FONDANTE CONOSCENZE ABILITA' COMPETENZE CURRICOLO DI LINGUA ITALIANA - CLASSE QUINTA NUCLEO FONDANTE CONOSCENZE ABILITA' COMPETENZE ASCOLTO E PARLATO Strategie essenziali dell ascolto finalizzato e dell ascolto attivo e relativi processi di

Dettagli

Numeri naturali ed operazioni con essi

Numeri naturali ed operazioni con essi Liceo B. Russell VIA IV NOVEMBRE 35, 38023 CLES Indirizzo: Liceo Linguistico CLASSI Programmazione Didattica 1 e Disciplina: MATEMATICA Ore annue: 110 MODULO 1 TEORIA DEGLI INSIEMI E INSIEMI NUMERICI settembre

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA

SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA SCUOLA PRIMARIA I.C. di CRESPELLANO PROGRAMMAZIONE ANNUALE MATEMATICA ANNO SCOLASTICO:2015/2016 INSEGNANTI: Borghi M.Teresa, Tamburino Rosanna, Zangari Vincenzina TRAGUARDI DELLE COMPETENZE AL TERMINE

Dettagli

ARITMETICA. Scomposizione dei numeri in relazione al calcolo. Possibili agganci calcolo mentale. Ciclo. Titolo e data Contenuto Scopo N.o pag.

ARITMETICA. Scomposizione dei numeri in relazione al calcolo. Possibili agganci calcolo mentale. Ciclo. Titolo e data Contenuto Scopo N.o pag. ARITMETICA Scomposizione dei numeri in relazione al calcolo Titolo e data Contenuto Scopo N.o pag. Carte - comporre un numero - riflettere sulle relazioni 1) 10 dato in tre modi diversi e tra i tre o i

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. DIMONOPOLI A.S. 2013/2014 CLASSE 1ALS MATERIA: MATEMATICA

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. DIMONOPOLI A.S. 2013/2014 CLASSE 1ALS MATERIA: MATEMATICA PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. DIMONOPOLI A.S. 2013/2014 CLASSE 1ALS MATERIA: MATEMATICA Modulo n. 1: metodo di studio Collocazione temporale: settembre Strategie didattiche: Per abituare gli allievi

Dettagli

CIRCOLO DIDATTICO DI CALUSO PROGRAMMAZIONE PER CLASSI. Classe Microcompetenze specifiche Metodologia Contenuti Verifica

CIRCOLO DIDATTICO DI CALUSO PROGRAMMAZIONE PER CLASSI. Classe Microcompetenze specifiche Metodologia Contenuti Verifica CIRCOLO DIDATTICO DI CALUSO PROGRAMMAZIONE PER CLASSI ASSE CULTURALE: MATEMATICO DISCIPLINA: MATEMATICA TEMATICA PORTANTE: NUMERO Classe Microcompetenze specifiche Metodologia Contenuti Verifica Classe

Dettagli

algebra: insiemi numerici N e Q +, proprietà operazioni e calcolo linguaggio degli insiemi

algebra: insiemi numerici N e Q +, proprietà operazioni e calcolo linguaggio degli insiemi Liceo B. Russell VIA IV NOVEMBRE 35, 3803 CLES Indirizzo: Scienze umane CLASSE Programmazione Didattica a. s. 00/0 UB Disciplina: Matematica Prof. Ore effettuate 08 + 6 recupero Carlo Bellio PROGRAMMA

Dettagli

GRIGLIA DI CORREZIONE 2012 Matematica Classe II Scuola Primaria

GRIGLIA DI CORREZIONE 2012 Matematica Classe II Scuola Primaria GRIGLIA DI CORREZIONE 2012 Matematica Classe II Scuola Primaria LEGENDA AMBITI: NU (Numeri), SF (Spazio e figure), DP (Dati e previsioni) LEGENDA PROCESSI: 1. Conoscere e padroneggiare i contenuti specifici

Dettagli

L EFFICACIA COMUNICATIVA CLASSI COMPETENZE DA SVILUPPARE CONTENUTI

L EFFICACIA COMUNICATIVA CLASSI COMPETENZE DA SVILUPPARE CONTENUTI L EFFICACIA COMUNICATIVA CLASSI COMPETENZE DA SVILUPPARE CONTENUTI PRIMA 1. Partecipare a scambi comunicativi con adulti e coetanei, utilizzando messaggi semplici e chiari. 2. Comprendere ed eseguire semplici

Dettagli

PIANO DELLE UNITÀ DI APPRENDIMENTO

PIANO DELLE UNITÀ DI APPRENDIMENTO PIANO DELLE UNITÀ DI APPRENDIMENTO Scuola Primaria di BELLANO Classi 4^A e4^b a.s. 2014/2015 Insegnante: Busi Mara DISCIPLINA: ITALIANO TITOLO ATTIVITA MODALITA DI VERIFICA E UN MONDO DI CODICI Comunicare

Dettagli

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2015-2016 I.T.S. '' C. E. GADDA FORNOVO TARO MATERIA DI INSEGNAMENTO: ITALIANO ANDREA CORSINI

PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2015-2016 I.T.S. '' C. E. GADDA FORNOVO TARO MATERIA DI INSEGNAMENTO: ITALIANO ANDREA CORSINI PIANO DI LAVORO ANNO SCOLASTICO 2015-2016 I.T.S. '' C. E. GADDA FORNOVO TARO MATERIA DI INSEGNAMENTO: ITALIANO PROF. ANDREA CORSINI CLASSE 2A INFORMATICO n alunni 17 LIVELLI DI PARTENZA STRUMENTI UTILIZZATI

Dettagli

II ISTITUTO COMPRENSIVO DI PADOVA SCUOLA PRIMARIA STATALE LUZZATTO DINA CLASSE SECONDA

II ISTITUTO COMPRENSIVO DI PADOVA SCUOLA PRIMARIA STATALE LUZZATTO DINA CLASSE SECONDA II ISTITUTO COMPRENSIVO DI PADOVA SCUOLA PRIMARIA STATALE LUZZATTO DINA CLASSE SECONDA 1 Scuola Elementare Statale Luzzatto Dina Programmazione annuale di matematica Anno Scolastico 2012/13 Insegnante:

Dettagli

ITALIANO NOVEMBRE Traguardi per lo sviluppo delle competenze. Raccordi interdisciplinari

ITALIANO NOVEMBRE Traguardi per lo sviluppo delle competenze. Raccordi interdisciplinari ITALIANO NOVEMBRE Traguardi per lo sviluppo delle competenze Obiettivi di apprendimento Contenuti e attività Raccordi interdisciplinari ASCOLTARE E PARLARE Comprende e rielabora testi ascoltati, intervenendo

Dettagli

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2009/10 (a cura di Franca Ferri, Rossella Garuti, Aurelia Orlandoni)

Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2009/10 (a cura di Franca Ferri, Rossella Garuti, Aurelia Orlandoni) I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente: Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2009/10 (a cura di Franca Ferri, Rossella Garuti, Aurelia Orlandoni) Guida alla lettura Prova

Dettagli

AUTOAGGIORNAMENTO GIUGNO 2006 REVISIONE PROGRAMMAZIONE DI CIRCOLO INDIVIDUAZIONE PUNTI NODALI COSTRUZIONE MAPPE CONCETTUALI PUNTI NODALI

AUTOAGGIORNAMENTO GIUGNO 2006 REVISIONE PROGRAMMAZIONE DI CIRCOLO INDIVIDUAZIONE PUNTI NODALI COSTRUZIONE MAPPE CONCETTUALI PUNTI NODALI AUTOAGGIORNAMENTO GIUGNO 2006 REVISIONE PROGRAMMAZIONE DI CIRCOLO INDIVIDUAZIONE PUNTI NODALI COSTRUZIONE MAPPE CONCETTUALI Durante il lavoro di autoaggiornamento, il gruppo di matematica ha preso in esame

Dettagli

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI MATEMATICA

Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI MATEMATICA Istituto Comprensivo statale Girolamo Fracastoro Cavaion Veronese SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DI MATEMATICA Competenze chiave Competenze al termine della scuola primaria Obiettivi di apprendimento Classe

Dettagli

l alunno riconosce e risolve problemi in contesti diversi valutando le informazioni e la loro coerenza.

l alunno riconosce e risolve problemi in contesti diversi valutando le informazioni e la loro coerenza. Studio collettivo delle Indicazioni Nazionali per il curricolo della Sc. dell Infanzia e del 1 ciclo dell istruzione. Sviluppo delle competenze al termine della scuola secondaria di 1 grado. ARGOMENTO

Dettagli

Per tutte le discipline. nella Scuola Primaria. 1 a -2 a -3 a -4 a -5 a. Classi. Guida didattica in versione mista con CD-Rom

Per tutte le discipline. nella Scuola Primaria. 1 a -2 a -3 a -4 a -5 a. Classi. Guida didattica in versione mista con CD-Rom Per tutte le discipline nella Scuola Primaria ead Classi 1 a -2 a -3 a -4 a -5 a Guida didattica in versione mista con CD-Rom Insegnare.lim Per tutte le classi e tutte le discipline SOLO IN CLASSE PRIMA

Dettagli

CURRICOLO DI LETTERE

CURRICOLO DI LETTERE Triennio scuola media TRAGUARDI DI COMPETENZA: ascoltare Classe 1ª media Ascolto funzionale a se stesso 1. Acquisire il piacere dell ascolto fine a se stesso Ascolto funzionale alle conoscenze 1. Ascolta

Dettagli

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. DIMONOPOLI A.S. 2015/2016 CLASSE 1ALS MATERIA: MATEMATICA

PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. DIMONOPOLI A.S. 2015/2016 CLASSE 1ALS MATERIA: MATEMATICA PIANO DI LAVORO DEL DOCENTE prof. DIMONOPOLI A.S. 2015/2016 CLASSE 1ALS MATERIA: MATEMATICA Modulo n. 1: metodo di studio Collocazione temporale: tutto l anno Strategie didattiche: Per abituare gli allievi

Dettagli

PROVE PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE PRIMO CICLO. Scuola Primaria A= primo quadrimestre ------- B= secondo quadrimestre

PROVE PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE PRIMO CICLO. Scuola Primaria A= primo quadrimestre ------- B= secondo quadrimestre ITALIANO - COMPETENZE LINGUISTICHE PROVE PER LA VALUTAZIONE DELLE COMPETENZE LINGUISTICHE PRIMO CICLO Scuola Primaria A= primo quadrimestre ------- B= secondo quadrimestre 13 = 2013 --- 14=2014 (esempio

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per la Sardegna ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE BUCCARI MARCONI Indirizzi: Trasporti Marittimi / Apparati ed Impianti

Dettagli

GRIGLIA DI CORREZIONE 2012 Matematica Classe V Scuola Primaria

GRIGLIA DI CORREZIONE 2012 Matematica Classe V Scuola Primaria GRIGLIA DI CORREZIONE 2012 Matematica Classe V Scuola Primaria LEGENDA AMBITI: NU (Numeri), SF (Spazio e figure), DP (Dati e previsioni), RF (Relazioni e funzioni) LEGENDA PROCESSI: 1. Conoscere e padroneggiare

Dettagli

MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA MATEMATICA CONCORRENTI DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: MATEMATICA COMPETENZA DISCIPLINE tutte

MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA MATEMATICA CONCORRENTI DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: MATEMATICA COMPETENZA DISCIPLINE tutte MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA MATEMATICA CONCORRENTI DISCIPLINA DI RIFERIMENTO: MATEMATICA COMPETENZA DISCIPLINE tutte MATEMATICA CLASSE PRIMA COMPETENZE ABILITÀ CONOSCENZE Utilizzare

Dettagli

CLASSI TERZE LA PROGRAMMAZIONE

CLASSI TERZE LA PROGRAMMAZIONE Obiettivi generali del processo formativo CLASSI TERZE LA PROGRAMMAZIONE La comunicazione nella madrelingua: la capacità di esprimere e interpretare concetti, pensieri, sentimenti, fatti e opinioni in

Dettagli

PROGETTAZIONE CURRICOLARE

PROGETTAZIONE CURRICOLARE ISTITUTO COMPRENSIVO MARTIRI DELLA LIBERTÀ Piazza Martiri, 61-41059 ZOCCA (MO) - e-mail: iczocca@ic-zocca.it Tel. 059 /985790 - Fax.059 /985779 PROGETTAZIONE CURRICOLARE Scuola Secondaria di 1 grado di

Dettagli

OGGETTO: Progetto continuità Scuola Primaria Scuola Secondaria 1 grado

OGGETTO: Progetto continuità Scuola Primaria Scuola Secondaria 1 grado Circ. n. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Comprensivo Statale di Rivanazzano Terme Via XX Settembre n. 45-27055 - Rivanazzano Terme - Pavia Tel/fax. 0383-92381 www.istitutocomprensivorivanazzano.gov.it

Dettagli

CURRICOLO MATEMATICA

CURRICOLO MATEMATICA CURRICOLO MATEMATICA COMPETENZA CHIAVE EUROPEA: COMPETENZA MATEMATICA E COMPETENZE DI BASE IN SCIENZA E TECNOLOGIA. Fonti di legittimazione: Raccomandazione del Parlamento Europeo e del Consiglio. d istruzione

Dettagli

GRIGLIA DI CORREZIONE 2013 Matematica Classe I Scuola secondaria di secondo grado FASCICOLO 1

GRIGLIA DI CORREZIONE 2013 Matematica Classe I Scuola secondaria di secondo grado FASCICOLO 1 GRIGLIA DI CORREZIONE 2013 Matematica Classe I Scuola secondaria di secondo grado FASCICOLO 1 LEGENDA AMBITI: NU (Numeri), SF (Spazio e figure), DP (Dati e previsioni) LEGENDA PROCESSI: 1. Conoscere e

Dettagli

Indicatori Obiettivi di apprendimento Contenuti e attività Competenze

Indicatori Obiettivi di apprendimento Contenuti e attività Competenze MATEMATICA CLASSE I SCUOLA PRIMARIA ISTITUTO COMPRENSIVO EUGENIO MONTALE I NUMERI 1 i numeri negli aspetti ordinali e cardinali; il concetto di operazione come relazione tra i numeri; le strategie risolutive

Dettagli

Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione

Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione SCUOLA PRIMARIA INGLESE Competenza: 1. Comunicazione efficace Indicatore: 1.1 Comprensione Descrittori Classe 1 Descrittori Classe 2 Descrittori Classe 3 Descrittori Classe 4 Descrittori Classe 5 comprendere

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE INGLESE

SCUOLA PRIMARIA TRAGUARDI DI SVILUPPO DELLE COMPETENZE INGLESE - L alunno comprende brevi messaggi e semplici istruzioni orali legati alla sua esperienza. - Interagisce nel gioco utilizzando il lessico appreso. - Esegue compiti secondo le indicazioni date in lingua

Dettagli

Programmazione annuale STORIA CLASSE 4ªA

Programmazione annuale STORIA CLASSE 4ªA Programmazione annuale Disciplina: Storia I. C. San Donato Plesso Caniga Competenze trasversali STORIA CLASSE 4ªA Imparare ad imparare Collaborare e partecipare Acquisire e interpretare l informazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSI QUINTE SEZIONI A e B MATEMATICA. Anno scolastico 2012/2013 Insegnante Cacco loredana

PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSI QUINTE SEZIONI A e B MATEMATICA. Anno scolastico 2012/2013 Insegnante Cacco loredana PROGRAMMAZIONE ANNUALE CLASSI QUINTE SEZIONI A e B MATEMATICA Anno scolastico 2012/2013 Insegnante Cacco loredana Obiettivi specifici di apprendimento Conoscere il valore del numero intero e decimale sia

Dettagli

GRIGLIA DI CORREZIONE Matematica Classe I Scuola secondaria di I grado

GRIGLIA DI CORREZIONE Matematica Classe I Scuola secondaria di I grado GRIGLIA DI CORREZIONE Matematica Classe I Scuola secondaria di I grado LEGENDA AMBITI: NU (Numeri), SF (Spazio e figure), DP (Dati e previsioni), RF (Relazioni e funzioni) LEGENDA PROCESSI: 1. Conoscere

Dettagli

DISCIPLINA: MATEMATICA NODO: I NUMERI

DISCIPLINA: MATEMATICA NODO: I NUMERI COMPETENZA SPECIFICA PADRONANZA DELLE TECNICHE DI CALCOLO DISCIPLINA: MATEMATICA NODO: I NUMERI ABILITA CONOSCENZE ABILITA CONOSCENZE ABILITA CONOSCENZE Gli insiemi numerici: Rappresentare i L insieme

Dettagli

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA CRITERI DI VALUTAZIONE

DIPARTIMENTO DI MATEMATICA CRITERI DI VALUTAZIONE DIPARTIMENTO DI MATEMATICA CRITERI DI VALUTAZIONE 1. SCUOLA DELL INFANZIA Nella scuola dell Infanzia vengono adottati alcuni descrittori generali riguardanti i seguenti campi: a. Autonomia b. Socializzazione

Dettagli

PROGRAMMAZIONE MATEMATICA CLASSE IA LES 2013/2014

PROGRAMMAZIONE MATEMATICA CLASSE IA LES 2013/2014 PROGRAMMAZIONE MATEMATICA CLASSE IA LES 2013/2014 La classe IA è composta da venti alunni di cui uno diversamente abile. E una classe eterogenea, diversi, infatti, sono i loro livelli di preparazione,

Dettagli

PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA - MATEMATICA NUMERO

PROGRAMMAZIONE CLASSE QUINTA - MATEMATICA NUMERO PROGRMMZIONE CLSSE QUINT - MTEMTIC NUMERO.1. Leggere e scrivere numeri consolidando la consapevolezza del valore posizionale delle cifre. MPLIRE LE CONOSCENZE RELTIVE I NUMERI NTURLI E DECIMLI Leggere,

Dettagli

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA PRIMARIA

IL CURRICOLO DELLA SCUOLA PRIMARIA Istituto Comprensivo di Mazzano IL CURRICOLO DELLA SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto

Dettagli

PROGRAMMAZIONI DI MATEMATICA

PROGRAMMAZIONI DI MATEMATICA Istituto Comprensivo E. Q. Visconti - Roma Scuola Secondaria di Grado Anno Scolastico 2015-2016 PROGRAMMAZIONI DI MATEMATICA CLASSI PRIME, SECONDE E TERZE Obiettivi specifici di apprendimento Rafforzare

Dettagli

TRAGUARDI PER LO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPETENZE TRASVERSALI ASCOLTO E PARLATO ESSERE AUTONOMI E RESPONSABILI COMUNICARE

TRAGUARDI PER LO OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO COMPETENZE TRASVERSALI ASCOLTO E PARLATO ESSERE AUTONOMI E RESPONSABILI COMUNICARE CURRICOLO D ISTITUTO a. s. 2012 / 2013 CLASSE I SCUOLA SECONDARIA I GRADO COMUNICAZIONE NELLA MADRELINGUA FONTI DI SVILUPPO DELLE OBIETTIVI DI ASCOLTO E PARLATO 1. L allievo interagisce in diverse situazioni

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DI TECNOLOGIA CLASSE PRIMA

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA ANNUALE DI TECNOLOGIA CLASSE PRIMA CLASSE PRIMA competenze al termine della classe I L'alunno esplora il mondo fatto dall'uomo. Realizza oggetti seguendo una metodologia progettuale. Conosce e utilizza strumenti di gioco e/o di uso comune.

Dettagli

CLASSE Seconda COMPETENZE TRASVERSALI IN RIFERIMENTO ALLE INDICAZIONI NAZIONALI E AL POF

CLASSE Seconda COMPETENZE TRASVERSALI IN RIFERIMENTO ALLE INDICAZIONI NAZIONALI E AL POF CLASSE Seconda U.A. 1 TITOLO : IL NUMERO DISCIPLINA Matematica Insieme dei numeri razionali assoluti I numeri irrazionali assoluti TRAGUARDI DI COMPETENZE DISCIPLINARI IN RIFERIMENTO ALLE INDICAZIONI NAZIONALI

Dettagli

Workshop tematico: Metodologie e strategie che favoriscono l apprendimento

Workshop tematico: Metodologie e strategie che favoriscono l apprendimento Workshop tematico: Metodologie e strategie che favoriscono l apprendimento degli alunni con DISCALCULIA EVOLUTIVA Relatrice: dottoressa Mary Farruggia L ACQUISIZIONE DELLA COMPETENZA NUMERICA nei bambini

Dettagli

Matematica CONOSCENZE

Matematica CONOSCENZE Classe 2^ Scuola Secondaria COMPETENZA DI RIFERIMENTO Utilizzare con sicurezza le tecniche e le procedure del calcolo aritmetico e algebrico, scritto e mentale, anche con riferimento a contesti reali OBIETTIVI

Dettagli

MATEMATICA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA

MATEMATICA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA MATEMATICA CLASSE PRIMA DELLA SCUOLA PRIMARIA Nel corso della prima classe della scuola primaria si utilizza un approccio prevalentemente ludico. Attraverso la manipolazione di materiale non strutturato,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di MATEMATICA 2 QUADRIMESTRE CLASSE PRIMA

ISTITUTO COMPRENSIVO ORZINUOVI ANNO SCOLASTICO 2012-2013 PROGRAMMAZIONE di MATEMATICA 2 QUADRIMESTRE CLASSE PRIMA PROGRAMMAZIONE di MATEMATICA 2 QUADRIMESTRE CLASSE PRIMA COMPETENZE OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO ATTIVITÀ NUMERI 1. Opera con i numeri 1a. Contare in senso progressivo o regressivo fino a 20 1b. Leggere

Dettagli

1. I NUMERI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO IRRINUNCIABILI ATTIVITÀ E CONTENUTI GENERALI DA SVILUPPARE COMPETENZE

1. I NUMERI OBIETTIVI DI APPRENDIMENTO IRRINUNCIABILI ATTIVITÀ E CONTENUTI GENERALI DA SVILUPPARE COMPETENZE CURRICOLO MATEMATICA SCUOLA SECONDARIA PRIMO In tutti i nuclei tematici sviluppati, trasversalmente si perseguono questi traguardi per lo sviluppo di competenze: 1. L alunno ha rafforzato un atteggiamento

Dettagli

MATEMATICA Numeri; spazio e figure; dati, relazioni CLASSE PRIMA Scuola Primaria Competenze Specifiche Abilità Conoscenze

MATEMATICA Numeri; spazio e figure; dati, relazioni CLASSE PRIMA Scuola Primaria Competenze Specifiche Abilità Conoscenze MATEMATICA Numeri; spazio e figure; dati, relazioni CLASSE PRIMA Scuola Primaria L alunno si muove con sicurezza nel calcolo scritto e mentale con i numeri naturali entro il 20. Riconosce e rappresenta

Dettagli

I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente

I quesiti sono distribuiti negli ambiti secondo la tabella seguente Servizio Nazionale di Valutazione a.s. 2010/11 Guida alla lettura Prova di Matematica Classe seconda Scuola secondaria primaria ( a cura di Franca Ferri, Rossella Garuti, Aurelia Orlandoni) I quesiti sono

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO SCIENZE DELIBERATO ANNO SCOL. 2015/2016

SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO SCIENZE DELIBERATO ANNO SCOL. 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA CURRICOLO DELIBERATO ANNO SCOL. 2015/2016 SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA COMPETENZA DI Mettere in relazione il pensare con il fare. Affrontare situazioni problematiche ipotizzando soluzioni,

Dettagli

COMPETENZE DI ITALIANO

COMPETENZE DI ITALIANO ASCOLTARE PARLARE CLASSE I COMPETENZE DI ITALIANO Sa ascoltare testi presentati e comunicazioni orali, ne riconosce le caratteristiche rielaborandoli in modo autonomo e personale, li sa riferire con proprietà

Dettagli