Effetti della pubblicità online sulle decisioni di acquisto in Internet. Indagine sulle opinioni dei giovani consumatori

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Effetti della pubblicità online sulle decisioni di acquisto in Internet. Indagine sulle opinioni dei giovani consumatori"

Transcript

1 Effetti della pubblicità online sulle decisioni di acquisto in Internet. Indagine sulle opinioni dei giovani consumatori FEDERICA BUFFA * Abstract Obiettivi del paper: Il lavoro si inserisce nel dibattito scientifico riguardo agli effetti della pubblicità online nelle decisioni di scelta e acquisto dei giovani consumatori. Obiettivo è rilevare le opinioni della fascia giovanile rispetto a media habits, comportamento adottato negli acquisti online, opportunità offerte da Internet ed effetti della pubblicità online sul comportamento di acquisto per ricostruirne il profilo comportamentale e gli atteggiamenti dichiarati. Metodologia: Ricerca esplorativa condotta su una popolazione di giovani utilizzatori di Internet. I dati sono elaboratori avvalendosi di strumenti di statistica descrittiva, cluster analysis e test di significatività. Risultati: La ricerca identifica due diversi profili. Il primo, si compone di utilizzatori che manifestano particolare interesse per le potenzialità offerte da Internet, ne riconoscono funzioni e ruoli che vanno oltre l utilizzo degli strumenti più tradizionali e sono più sensibili ai messaggi pubblicitari online (heavy users). All interno di questo profilo, vi sono giovani che dichiarano che la pubblicità online influenza il comportamento nelle fasi di scelta, acquisto e post-acquisto. Il secondo profilo è rappresentato da giovani che dedicano meno tempo alle attività online, fanno un utilizzo più tradizionale degli strumenti offerti da Internet e manifestano meno interesse per la pubblicità online (light users). Limiti della ricerca: La natura esplorativa della ricerca incontra dei limiti alla estendibilità dei risultati. Implicazioni pratiche: La ricerca sottolinea alcune implicazioni per le imprese riguardo all attività di comunicazione, in particolare per quanto concerne le campagne pubblicitarie e promozionali e l adozione degli strumenti della pubblicità online. Originalità del lavoro: Analisi del comportamento di consumo online e degli effetti della pubblicità online dei giovani consumatori in ambito nazionale. Parole chiave: comportamento online; pubblicità online; internet; segmento giovanile; heavy e light users Purposes of the paper: The research analyses the effects of online advertising in the purchasing process of the young consumers. The aim is to investigate their opinion about media habits, online shopping behaviour, internet opportunities and effects of online * Ricercatore di Economia e Gestione delle Imprese - Università degli Studi di Trento sinergie, rivista di studi e ricerche n. 88, Maggio-Agosto 2012, pp ISSN

2 160 EFFETTI DELLA PUBBLICITÀ ONLINE SULLE DECISIONI DI ACQUISTO IN INTERNET advertising on shopping behaviour and to reconstruct their behavioural profile and the attitudes stated. Methodology: Exploratory research carried out on a population composed by 16,000 young internet user. Data analysis is done by using tools of descriptive statistics, cluster analysis and tests of significance. Findings: The research identifies two different profiles. The first, consists of internet users showing particular interest in the potential offered by the Internet and recognizing to Internet functions and roles that go beyond the use of more traditional instruments. They are more sensitive to online advertising (heavy users). Within this profile, there are users influenced by online advertising in the phases of selection, purchase and post-purchase. The second profile is composed by young users spending less time on the web, using Internet and its tools in a more traditional way and less interested in online advertising (light users). Research limits: The explorative nature of the research limits the possibility of extending its results. Practical implications: The research highlights some implications for enterprises in relation to communication activities, particularly with regard to advertising and promotional campaigns and to the adoption of online advertising tools. Originality of the study: Analysis of online consumer behaviour and effect of online advertising of young consumers in the national context. Key words: online behaviour; online advertising; Internet; young consumers; heavy and light users 1. Introduzione Il tema del comportamento del consumatore è da sempre al centro dell interesse degli studiosi di marketing che nel corso degli anni hanno evidenziato e approfondito le fasi del processo decisionale, i fattori personali e sociali che influenzano gli atteggiamenti di consumo e gli strumenti a supporto delle scelte di acquisto (Fabris, 1970 e 2003; Fishbein e Ajzen, 1975; Engel et al., 1986; Shiffman e Kanuk, 1991; Dalli e Romano, 2004). Con il diffondersi dell utilizzo di Internet tali tematiche hanno alimentato ulteriormente l interesse della comunità scientifica che si è indirizzata a comprendere, da un lato, se e come gli strumenti offerti da Internet influenzano gli atteggiamenti e le intenzioni di acquisto del consumatore, dall altro, le implicazioni per le imprese in termini di politica di comunicazione e scelte orientate alla multicanalità (Chaffey et al., 2001; Collesei et al., 2000; Prandelli e Verona, 2001; Wind e Mahajan, 2001; Vicari, 2001; Ziliani, 2001; Rayport e Jaworsky, 2002; Windham e Orton, 2002; Ceccarelli, 2009; Finotto e Micelli, 2010). Questi temi divengono tanto più strategici alla luce del crescente interesse del consumatore a partecipare a community e forum online, alla creazione e progettazione di strumenti quali blog e wiki piuttosto che piattaforme per il social network e i crescenti investimenti delle imprese nella pubblicità online e nel web 2.0. Tali tendenze, che

3 FEDERICA BUFFA 161 hanno interessato per primi il mercato statunitense e anglosassone (Livraghi, 2006) 1, coinvolgono attivamente da una decina di anni anche il nostro Paese. I risultati diffusi da Nielsen su dati di dicembre 2010 evidenziano, dal lato della domanda, un maggior utilizzo della rete in termini di accessi e tempo trascorso in Internet 2 e dal lato dell offerta, una crescita di investimenti per l acquisto di spazi pubblicitari online (+20,1% rispetto al 2009) e un aumento di aziende inserzioniste (+21,7% rispetto al 2009) 3. Trend quest ultimo che si stima in crescita anche per il Questa tendenza trova conferma anche in precedenti ricerche di mercato condotte in ambito nazionale. Iab Italia, per esempio, stimava nel 2007 una crescita degli investimenti in pubblicità online di circa il 40% rispetto al e i dati di Nielsen riguardo al 2008 rafforzavano ulteriormente tale ipotesi 5. Dal punto di vista dell offerta, un altro aspetto riguarda la tipologia di strumenti pubblicitari online adottati dalle imprese. Sebbene anche in questo caso si riscontrino maggiori segnali di cambiamento nei mercati USA e UK, emerge quale tendenza generale la sostituzione e/o affiancamento dei primi strumenti pubblicitari, quali banner e pop-up, con forme più innovative che garantiscono maggiore efficienza e redditività 6. L interesse e gli investimenti delle imprese nella pubblicità online trova riscontro nella crescita di acquisti online. Sebbene in Italia permangano segnali di ritardo rispetto agli altri Paesi europei 7, il consorzio Netcomm rileva dati incoraggianti nelle vendite online che nel 2010 hanno fatto registrare una crescita del 14% rispetto al Si riscontrano inoltre anche nel nostro Paese alcune nuove tendenze come gli acquisti online che sfruttano modalità di accesso ad Internet con dispositivi mobile piuttosto che le nuove piattaforme televisive, così come la diffusione del Gioco online e degli acquisti di contenuti digitali (Politecnico di Milano, novembre 2010, p. 7) 8. Rispetto al 2009, lo stesso istituto di ricerca, evidenzia che i consumatori italiani hanno rivolto i loro acquisti online principalmente a prodotti di Si veda anche il comunicato stampa pubblicato da Nielsen il 28/01/2008 accessibile all indirizzo Il trend in crescita che si rileva nel contesto nazionale riguardo alla diffusione dell utilizzo di Internet e la frequenza di accesso è confermato anche dai dati disponibili in Nel 2010 i Top Spender sono stati Telecom Gruppo, Procter & Gamble, Vodafone Gruppo, Ferrero P&C, Wind Telecomunicazioni SpA (Nielsen, febbraio 2011, p. 7). Per un approfondimento sul tema si rinvia a Di Carlo (2000, cap. 4), Mandelli, Vescovi (2003, cap. 5), Garigliano (2008). Il ritardo dell Italia rispetto agli altri Paesi europei è riferito al rapporto tra le vendite online e le vendite retail. In Italia tale dato è pari all 1%, mentre in UK è del 10%, in Germania del 7% e in Francia del 5% (Politecnico di Milano, novembre 2010, p. 7). In relazione ai cambiamenti intercorsi nell utilizzo di Internet e nella diffusione della tv digitale si veda anche Nielsen (ottobre 2010).

4 162 EFFETTI DELLA PUBBLICITÀ ONLINE SULLE DECISIONI DI ACQUISTO IN INTERNET abbigliamento (comparto in cui gli acquisti online sono cresciuti di oltre il 40%), grocery (+19%), assicurazioni (+18%), turismo (+15%), editoria, musica e audiovisivi (+14%), informatica ed elettronica di consumo (+11%). In valore assoluto invece, i comparti che hanno contribuito maggiormente alla crescita del mercato business to consumer si confermano il settore dei viaggi e del turismo (in relazione soprattutto alla vendita di biglietti di viaggio) e dell abbigliamento 9. All interno dello scenario delineato, si colloca l interesse dei ricercatori e degli operatori del settore per lo studio di tali trend di mercato 10 e, in particolare, per l analisi di quanto la pubblicità online influenza il processo decisionale e di consumo del consumatore finale. Tali aspetti sono illustrati nel paragrafo che segue. 2. Comportamento del consumatore e pubblicità online: contesto teorico di riferimento e obiettivi della ricerca Le relazioni che intercorrono tra processo decisionale del consumatore, stimoli che provengono da Internet e influenze della pubblicità online sono oggetto di studio di numerose ricerche in ambito internazionale. L influenza di Internet sul comportamento online ed in particolare l incidenza di specifici fattori (identificati in letteratura come key factors piuttosto che situational factors 11 ) che caratterizzano gli acquisti online sono approfonditi negli studi di Cheung et al. (2003), Paek e Kim (2003), Smith e Rupp (2003), Wu (2003), Costantinides (2004), Bigné-Alcañiz et al. (2008) 12, così come sono evidenziati i fattori online e offline che influenzano l acquisto negli Internet shopping mall, ossia veri e propri centri commerciali accessibili dalla rete (Ahn et al., 2004; Lee et al., 2011). L impatto della pubblicità online sul comportamento di scelta e di acquisto dei consumatori è oggetto di attenzione nei contributi di Goldsmith e Lafferty (2002), Konkaonkar e Wolin (2002), Cho e Cheon (2004), Newman et al. (2004), Tsang e Tse (2005), McCoy et al. (2007). Tale tematica è approfondita sia in relazione al Con una crescita superiore a 440 milioni di euro il comparto del turismo rappresenta oltre il 50% del valore dell ecommerce in Italia. Le transazioni online che hanno interessato il settore dell abbigliamento nel 2010 hanno generato un valore di circa 150 milioni di euro. Nel 2010 la spesa media annua dei navigatori italiani è compresa tra 800 e 900 euro (Politecnico di Milano, novembre 2010, pp. 9-10). Oltre agli studi di Nielsen e Netcomm precedentemente citati, si vedano in particolare le ricerche NetObserver Europa, 2007a, 2007b, 2008 e 2009; Iab Europe, 2006a e 2006b; Iab Italia, Per un approfondimento sui key factors negli acquisti online si rinvia in particolare all Appendice in Constantinides (2004), pp ; per un approfondimento sui situational factors si rinvia a Hand et al. (2009). A sottolineare l interesse dimostrato dalla comunità scientifica per lo studio del comportamento del consumatore online e dei meccanismi che contraddistinguono gli acquisti online, si consideri che, come indicato in Cheung et al. (2003), nel solo 2001 sono stati pubblicati sul tema oltre 120 paper accademici di rilevante importanza.

5 FEDERICA BUFFA 163 tipo di strumento pubblicitario utilizzato, sia riguardo all influenza di fattori personali e sociali del consumatore. Rispetto al primo focus, attenzione è rivolta al confronto tra strumenti pubblicitari tradizionali e online in termini di percezione da parte del consumatore ed efficacia (Dáhlen et al., 2004; Tikkanen et al., 2009), all influenza dei banner (si vedano in particolare Newman et al., 2004; Manchanda et al., 2006; Brettel e Spilker-Attig, 2010 e i numerosi contributi ivi citati) e al diverso impatto di questi ultimi e dei pop-up (Diao e Sundar, 2004; McCoy et al., 2007). Attraverso l utilizzo di differenti metodologie di analisi, significativi sono gli studi che, oltre ad approfondire l influenza degli stili di vita rispetto agli acquisti online e alle intenzioni di riacquisto (si veda in particolare Ahmad et al., 2010 e la rassegna bibliografica ivi illustrata), si focalizzano sul ruolo di atteggiamenti, valori e cultura dei consumatori localizzati in mercati geografici distinti (in particolare USA e Cina, ma attenzione è rivolta anche ai Paesi europei) rispetto alla pubblicità online (Wang et al., 2009; Brettel e Spiler-Attig, 2010; Fu Wu, 2010; Wang e Sun, 2010). L impatto della pubblicità online sul comportamento di acquisto del consumatore è osservato anche in relazione ad uno specifico settore. Data l importanza evidenziata dalle ricerche di mercato (cfr par 1) si citano in particolare i contributi di Lin e Liao (2010) riguardo all influenza della pubblicità online nell acquisto di pacchetti turistici in Internet 13 e gli studi di Dahl et al. (2009) e Hernandez (2008) che indagano le connessioni tra pubblicità online, video games e giochi online. Dall analisi della letteratura emerge un elemento metodologico che accomuna i molteplici studi condotti sul campo, mentre si riscontrano alcune differenze riguardo ai risultati conseguiti. L aspetto che accomuna le ricerche sul comportamento di consumo online è l interesse per il segmento giovanile, spesso rappresentato da campioni di studenti universitari piuttosto che studenti frequentati master o college, al fine di cogliere atteggiamenti ricorrenti nelle fasi del processo decisionale piuttosto che modelli di consumo comuni (Goldsmith e Lafferty, 2002; Dáhlen et al., 2004; Diao e Sundar, 2004; Fusilier e Durlabhji, 2005; McCoy et al., 2007; Aslanbay et al., 2009; Ani, 2010; Calisir et al., 2010; Susskind e Stefanone, 2010). Le differenze sono riconducibili invece agli effetti della pubblicità online e degli strumenti utilizzati. Non vi è accordo, infatti, riguardo all opportunità di utilizzo di banner e pop-up da parte delle imprese (si vedano in particolare Goldsmith e Lafferty, 2002, p. 319; Diao e Sundar, 2004, pag.53; McCoy et al., 2007, pp ) e della maggiore efficacia della pubblicità online rispetto a quella tradizionale in termini di riacquisto del prodotto piuttosto che creazione e notorietà di marca (brand 13 Per un approfondimento sul più ampio tema delle potenzialità offerte dalle nuove tecnologie al settore turistico si rinvia ai contributi negli atti del convegno internazionale Enter organizzato annualmente dalla International Federation for Information Technologies in Travel and Tourism (IFITT) (www.ifitt.org).

6 164 EFFETTI DELLA PUBBLICITÀ ONLINE SULLE DECISIONI DI ACQUISTO IN INTERNET building e brand awareness) (Goldsmith e Lafferty, 2002) 14. Una chiave di lettura che permette di fare chiarezza nell interpretazione degli effetti della pubblicità online sul comportamento di consumo, si ritiene quella proposta nei contributi di Bruner e Kumar (2000), Korgaonkar e Wolin (2002); Dáhlen et al. (2004). Riconoscendo la complessità del processo decisionale del consumatore online e la difficoltà di identificare gli effetti della pubblicità rispetto a singoli fattori, gli Autori identificano profili distinti ovvero heavy users e light users 15. Essi si distinguono per tempo dedicato alla navigazione online e ai singoli siti web, frequenza all acquisto online ed entità della spesa, percezione del messaggio e giudizio sulla pubblicità online. Quest ultima influenza il comportamento degli utilizzatori heavy e light con un diverso livello di intensità sia per quanto concerne la propensione all acquisto, sia per quanto riguarda il ricordo del bene e/o servizio pubblicizzato. Alla luce dei trend di mercato evidenziati e dell attualità nel dibattito scientifico riguardo agli effetti della pubblicità online sul comportamento del consumatore, il presente lavoro illustra metodo, risultati e implicazioni di una ricerca esplorativa condotta nell estate L attenzione è rivolta all analisi del comportamento di acquisto online dei giovani utilizzatori di Internet e alla conoscenza, percezione e accettazione della pubblicità online. L indagine comprende due aree di interesse e approfondisce tre focus di ricerca. La prima area ricostruisce intenzioni e comportamenti dichiarati rispetto all utilizzo di Internet. La seconda, valuta l impatto della pubblicità online in termini di a) opinioni e giudizi sulla pubblicità online, b) disponibilità ad essere raggiunti da messaggi pubblicitari online, c) influenza sul processo di acquisto, d) ricordo dei beni e servizi pubblicizzati online. I focus di ricerca approfondiscono 1) se all interno della fascia giovanile si distinguono profili di utilizzatori riconducibili a heavy users e light users, 2) se heavy users esprimono opinioni sull utilizzo di Internet e adottano comportamenti online diversi dai light users, 3) se heavy users dichiarano effetti della pubblicità online diversi rispetto ai light users. Metodo, risultati e implicazioni della ricerca sono presentati nei paragrafi che seguono Per un approfondimento sul tema delle strategie di brand management della marca digitale si rinvia a Moon, Millison (2001), Busacca (2002). L identificazione di heavy e light users è oggetto anche di ricerche di marketing non direttamente legate al tema della pubblicità online. Per un approfondimento riguardo a metodi e variabili per identificare heavy e light users si veda Park e Wanskink (2000) e i riferimenti bibliografici ivi citati. Per un analisi del comportamento adottato da heavy e light users nella lettura dei giornali online si rinvia a Dunkar Kurtulus et al. (2008).

7 FEDERICA BUFFA Metodo della ricerca La ricerca di natura esplorativa si avvale di un campione non probabilistico di convenienza che coinvolge la popolazione di studenti iscritti all Università di Trento. Gli studenti contattati sono e i questionari raccolti L indagine rileva opinioni e tendenze dichiarate dai giovani utilizzatori di Internet che saranno testate e approfondite in step di ricerca successivi (cfr par. 6). Sebbene la ricerca non abbia carattere inferenziale, si ritiene che i grandi investimenti sostenuti dalla Provincia Autonoma di Trento per diffondere l utilizzo di Internet e facilitarne l accesso anche ai cittadini residenti nelle aree periferiche 16, permette di affermare che le caratteristiche dei giovani consumatori emerse dalla ricerca sono esplicative di una fascia giovanile inserita in un contesto favorevole all adozione di Internet e delle connesse attività online. 17 Il questionario online utilizzato per contattare gli studenti si compone per la maggior parte di domande a risposta chiusa basate su una scala Likert a 4 punti (modalità di risposta graduata da per nulla d accordo a molto d accordo) avente per oggetto: - Media habits: analisi di frequenza e tempo dedicato ai media (TV, radio, quotidiani, riviste e Internet) e, rispetto ad Internet, focus sui principali siti visitati e sul tempo dedicato ad una serie di attività online (cfr infra). - Comportamento negli acquisti online: analisi della frequenza di acquisto, della spesa sostenuta e dei prodotti acquistati. - Giudizi riguardo ad Internet e al comportamento online: analisi del livello di accordo rispetto ad una serie di affermazioni inerenti all utilizzo di Internet e agli strumenti e servizi online (accesso a TV, radio e documenti online, acquisti online, ascolto della musica in MP3, fotografia digitale ); rilevazione di eventuali esperienze online negative tra le quali ricezione di virus, mancata consegna del prodotto acquistato, violazione della privacy. - Giudizi riguardo alla pubblicità online e al suo impatto sul comportamento online: analisi del livello di accordo rispetto ad una serie di affermazioni riguardanti pubblicità online e strumenti pubblicitari; rilevazione di opinioni e giudizi su alcuni parametri della pubblicità online e alla loro influenza sulle abitudini di consumo. I dati sono elaborati seguendo due linee di analisi. La prima, si avvale di A titolo esemplificativo si considerino i progetti per la diffusione della banda larga (www.telecomunicazioni.provincia.tn.it/visione/linee_guida/) e della rete wifi (www.trentinonetwork.it/reti/le-reti-senza-fili). Per ulteriori informazioni si rinvia alla rassegna di notizie accessibile all indirizzo Considerazione confermata anche da una recente indagine svolta dall Università di Trento in collaborazione con la Fondazione Bruno Kessler sui media habits degli adolescenti in Trentino. La ricerca evidenzia un utilizzo quotidiano di Internet sia per attività di comunicazione che di socializzazione (per approfondimenti si veda e

8 166 EFFETTI DELLA PUBBLICITÀ ONLINE SULLE DECISIONI DI ACQUISTO IN INTERNET strumenti di statistica descrittiva e determina frequenze e percentuali di risposta a livello aggregato. Tale fase risponde alle due aree di interesse della ricerca. L analisi ricostruisce media habits e comportamento di acquisto online dei giovani utenti e rileva giudizi ed opinioni riguardo all utilizzo di Internet (area di interesse 1). Tali risultati sono descritti nei paragrafi 4.1, 4.2 e 4.3. L analisi dei giudizi e delle opinioni riguardo agli effetti della pubblicità online e alla sua influenza sul comportamento online (area di interesse 2) sono illustrati nel paragrafo 4.4. La seconda linea di analisi risponde ai tre focus della ricerca. Essa si avvale di strumenti di analisi statistica multivariata e verifica la presenza di utilizzatori riconducibili al profilo heavy users e light users come descritti in particolare da Korgaonkar e Wolin (2002). In relazione alla natura esplorativa della presente ricerca, non si considera il profilo medium users descritto dagli Autori, bensì dimensioni e variabili associabili agli utilizzatori di Internet che si caratterizzano per profili marcatamente diversi (heavy vs light users) rinviando a fasi successive della ricerca ulteriori approfondimenti. La ricerca identifica heavy e light users (focus 1) avvalendosi di una cluster analysis e ne descrive il profilo comportamentale considerando le distribuzioni di frequenza e gli esiti dei test di significatività. Tali risultati sono illustrati nel paragrafo 5.1. Le opinioni e i comportamenti online di heavy e light users (focus 2) e gli effetti della pubblicità online sul loro comportamento (focus 3) sono descritti rispettivamente nei paragrafi 5.2 e Comportamenti ed opinioni dei giovani utilizzatori di Internet: presentazione dei risultati aggregati della ricerca 4.1 Media habits I rispondenti all indagine sono in prevalenza italiani, equamente distribuiti tra maschi e femmine, provenienti da Trentino-Alto Adige (70%) e Veneto (21%). Coerentemente con le caratteristiche della popolazione osservata prevalgono i giovani tra 22 e 25 anni. Circa il 30% ha tra 18 e 21 anni e il 22% ne ha più di 25. Internet è utilizzato con maggiore frequenza di televisione, radio, quotidiani e riviste e ad esso è dedicato anche maggiore tempo: oltre l 85% dei rispondenti naviga online ogni giorno, il 40% vi dedica dalle due alle quattro ore e più del 20% oltre quattro ore. Tra i media tradizionali prevale l utilizzo della televisione (oltre il 60% ne fa un uso quotidiano), ma il tempo dedicato dalla maggior parte dei rispondenti è inferiore alle due ore. L utilizzo della posta elettronica è l attività online a cui è dedicato più tempo seguita, con differenze di pochi punti percentuali, dal download di materiale di studio e ricerca e da attività di documentazione. Diffuso è anche l utilizzo di sistemi di messaggistica: circa il 30% vi dedica abbastanza tempo e il 24% molto tempo. Il download di brani musicali coinvolge circa il 43% degli utenti (29% dedica abbastanza tempo e circa il 14% molto tempo ), valore che si conferma anche per la lettura di quotidiani online (30% dedica abbastanza tempo e circa il 13% molto tempo ).

9 FEDERICA BUFFA 167 Il download di video e filmati interessa diffusamente un numero ristretto di rispondenti: circa il 12% vi dedica molto tempo, il 34% non ve ne dedica affatto e il 30% circa vi dedica poco tempo. La partecipazione a chat e forum è maggiore dell adesione a comunità virtuali e a siti di social network: alle prime è interessato circa 1 rispondente su 4, alle seconde circa 1 rispondente su 7. Sebbene i dati a livello nazionale evidenzino un trend in crescita (cfr par. 1), la partecipazione a giochi online appare ancora limitata (vi dedica molto tempo meno del 4% dei rispondenti, abbastanza tempo circa il 10% e il 62% non dedica tempo ). Circoscritto appare anche il coinvolgimento a scommesse in rete (il 96% non dedica tempo ), alla vendita di prodotti online e alla partecipazione ad aste (circa l 80% non dedica tempo ). Considerazioni analoghe emergono dal tempo dedicato all ascolto della radio via web e alla visione dei programmi televisivi online. In entrambi i casi la maggior parte degli giovani non vi dedica tempo. Riguardo ai commenti o giudizi sull affidabilità e/o serietà dei siti o dello specifico prodotto disponibili in rete, emerge un maggiore interesse nella lettura delle recensioni rispetto al loro inserimento. 4.2 Comportamento negli acquisti online Oltre la metà dei rispondenti è poco d accordo nel considerare Internet il luogo ideale dove effettuare acquisti. Ciò nonostante, oltre il 70% ha comprato almeno una volta beni e/o servizi online. Di questi, la maggior parte fa acquisti occasionalmente (83%) e circa il 14% mensilmente. L analisi della spesa media per gli acquisti online evidenzia che il 40% spende tra i 20 e i 50 euro, circa il 30% sino a 100 euro e circa il 18% oltre 100 euro. Per quanto concerne la spesa massima, la classe modale è compresa tra i 50 e i 99 Euro (coinvolge circa il 17% degli utilizzatori) e il valore mediano è pari a 150 euro. Circa il 10% dei rispondenti, invece, dichiara una spesa massima superiore ai euro. La ricerca conferma alcune delle attuali tendenze di mercato. I biglietti di viaggio oltre ad essere il genere merceologico più acquistato è altresì quello comperato con maggiore frequenza. Ad essi seguono gli acquisti online di libri, prodotti elettronici, ricariche telefoniche, pacchetti vacanza e/o prenotazioni alberghiere, biglietti per sport, concerti ed eventi, abbigliamento e accessori, cd e dvd. Minore impatto sembrano avere, ad oggi, l acquisto di giochi, orologi, gioielli, bigiotteria e suonerie per i cellulari. 4.3 Giudizi riguardo a Internet e al comportamento online La maggior parte dei rispondenti è abbastanza d accordo nel ritenere Internet più conveniente e comodo rispetto agli altri canali d acquisto e nel considerarlo il luogo in cui trovare beni e servizi altrimenti non acquistabili. Diverse le opinioni riguardo al grado di novità e innovazione dei prodotti acquistati online; i giovani utilizzatori

10 168 EFFETTI DELLA PUBBLICITÀ ONLINE SULLE DECISIONI DI ACQUISTO IN INTERNET non rilevano marcate differenze tra quanto acquistato in Internet o attraverso i canali tradizionali. Tra i rispondenti si riscontra particolare accordo sull utilità di Internet per l acquisto di biglietti di viaggio, pacchetti vacanza e/o prenotazioni alberghiere. Tali opinioni suffragano le dichiarazioni evidenziate in precedenza riguardo alle abitudini di acquisto online e si confermano in linea con le tendenze del settore turistico. Notevole è l accordo tra i giovani nel ritenere che Internet abbia aumentato le informazioni a disposizione del consumatore; non altrettanto emerge invece in relazione alla qualità delle stesse. I rispondenti sono abbastanza d accordo riguardo all importanza di Internet per leggere i quotidiani e telefonare, mentre scarsa adesione si riscontra per l ascolto della radio e la visione di programmi televisivi. Notevole è invece l impatto dei servizi offerti da Internet rispetto alla musica e alla fotografia. Oltre il 60% dichiara di essere molto d accordo sul passaggio al MP3 e ad altri formati digitali e, rispetto alla fotografia, il passaggio al digitale trova adesioni superiori al 67%. Per la maggior parte dei giovani, pertanto, le potenzialità offerte da Internet non sono circoscritte alla ricerca di informazioni e alla comunicazione, ma si estendono ad attività ulteriori quali la musica e la fotografia, facendo emergere la pervasività del digitale e la crescente attenzione dei giovani per le applicazioni che condividono la medesima piattaforma. Le opinioni dei rispondenti non enfatizzano, invece, Internet quale luogo di divertimento, amicizia e socializzazione. I giudizi riguardo alla possibilità di trascorrere il tempo in rete per divertirsi e fare amicizia si concentrano sulla modalità poco d accordo. Se da un lato tali indicazioni possono apparire in controtendenza con gli attuali trend di mercato, dall altro, si confermano coerenti con l utilizzo limitato di giochi online e social network dichiarato dai rispondenti. Per quanto concerne la tutela del consumatore, la ricerca evidenzia tendenziale accordo nel ritenere le nuove procedure adeguate a garantire la sicurezza dei pagamenti online. Prevale un atteggiamento di sfiducia invece nei confronti della normativa a tutela dei dati sensibili. I giovani non lamentano esperienze particolarmente negative dall utilizzo di Internet. Gli episodi più spiacevoli sono associati al ricevimento di spam e virus. Non si riscontrano dichiarazioni negative riguardo a ritardi nella consegna dei prodotti acquistati online piuttosto che la mancata consegna o il ricevimento di un prodotto diverso da quello ordinato. Non emergono lamentele in merito alla violazione della privacy o al ricevimento di molestie o minacce e non si segnalano truffe dall utilizzo della carta di credito o smart card. 4.4 Giudizi riguardo alla pubblicità online e alla sua influenza sul comportamento in Internet Complessivamente i rispondenti non evidenziano un marcato interesse per la pubblicità online: rispetto alla pubblicità tradizionale non vi attribuiscono maggiore

11 FEDERICA BUFFA 169 attenzione, non la considerano più informativa e non ritengono che aiuti a prendere migliori decisioni di acquisto. Al di fuori dello specifico contesto online, tuttavia, tali evidenze sono riscontrabili anche nel mercato offline. Il consumatore, infatti, tende ad essere piuttosto critico nei confronti del potere persuasivo della pubblicità. Opinione prevalente, invece, è che la pubblicità online sia il prezzo da pagare per l esistenza del sito e che le imprese pubblicizzino i prodotti in Internet in modo diverso rispetto ai media tradizionali. Per alcuni prodotti si ritiene, inoltre, che essa sia più adeguata rispetto a quella offline e vi è tendenziale accordo nel ritenerla esplicitamente riconoscibile. Si osserva inoltre che, sebbene la maggior parte dei rispondenti percepisca la pubblicità online come disturbo o fonte di distrazione, una percentuale significativa di rispondenti non si dichiara infastidita (circa 1 su 4) e distratta (circa 1 su 2). Meno numerosi, invece, coloro che considerano la pubblicità online uno stimolo alla nascita di nuove idee per l acquisto di regali piuttosto che un rinforzo in termini di notorietà di marca. Per quanto attiene all impatto visivo della pubblicità online, circa il 40% si dichiara poco d accordo nel considerarla creativa, innovativa e tecnicamente apprezzabile, così come nel ritenere che essa occupi uno spazio equilibrato sullo schermo. Rispetto al comportamento adottato durante la navigazione online, i giovani dichiarano che i maggiori effetti della pubblicità online si riscontrano in termini di stimolo alla ricerca di informazioni online e/o offline su beni e servizi, e di disponibilità ad aderire a newsletter aziendali per ricevere informazioni. Minore entusiasmo emerge per siti di marche e aziende che propongono di partecipare a giochi, promozioni e concorsi e ricevere via sms informazioni pubblicitarie. A livello generale l analisi delle opinioni riguardo al comportamento online conferma una scarsa influenza della pubblicità sulle decisioni di acquisto e sul passaparola e rileva una bassa propensione ad utilizzare gli strumenti online più noti quali banner, pop-up e link pubblicitari. Rispetto all individuazione di pubblicità o promozioni menzognere le opinioni sono difformi. In ogni caso più della metà degli intervistati (51%) dichiara di avere incontrato questo problema durante la navigazione in Internet. 5. Identificazione di heavy e light users e analisi del comportamento online 5.1 Identificazione di heavy e light users La ricerca identifica heavy e light users attraverso una cluster analysis che considera il tempo dedicato alla navigazione in Internet e il tempo dedicato a specifiche attività online 18. In particolare si considerano le seguenti variabili: 18 Per l identificazione dei cluster non si considera la frequenza di utilizzo di Internet poiché la maggior parte dei rispondenti (oltre l 85%) ne fa un utilizzo quotidiano. La

12 170 EFFETTI DELLA PUBBLICITÀ ONLINE SULLE DECISIONI DI ACQUISTO IN INTERNET - tempo dedicato complessivamente alla navigazione in Internet: meno di due ore, da due a quattro ore, oltre quattro ore al giorno; - tempo dedicato ad attività informativa online: visione di programmi televisivi via web, ascolto della radio via web, lettura dei quotidiani online e dei commenti sull affidabilità/serietà dei siti/prodotti; - tempo dedicato ad attività di comunicazione online: utilizzo della posta elettronica e dei sistemi di messaggistica, partecipazione a chat, forum, comunità virtuali e siti di social network, inserimento di commenti sull affidabilità/serietà dei siti o dei prodotti; - tempo dedicato ad attività di download: riferita a materiale di studio e ricerca, brani musicali, video e filmati; - tempo dedicato ad attività ricreativa: giochi e scommesse online; - tempo dedicato ad attività commerciale: acquisto e vendita di prodotti online. A seguito dell individuazione dei due gruppi si sono condotti dei t-test (metodo di Satterthwaite, valore di pari a 0,01) che hanno permesso di verificare che i cluster di heavy e light users presentano valori medi delle variabili utilizzate significativamente differenti tra loro. Heavy users si differenziano per il tempo dedicato sia alla navigazione (il 46% naviga oltre due ore al giorno e circa il 30% oltre quattro ore; oltre il 70% dei light users naviga meno di due ore al giorno), sia alle singole attività online. L analisi identifica il gruppo di heavy users con 695 rispondenti e il gruppo di light users con i rimanenti 306. Contrariamente a quanto emerso negli studi di Korgaonkar e Wolin (2002) e Park e Wansink (2000), il profilo heavy si compone di un numero maggiore di utilizzatori di Internet. Una spiegazione di tale diversità può essere ricondotta, da un lato, alla maggiore diffusione e conoscenza degli strumenti online che coinvolge un maggior numero di utenti rispetto a quando sono condotte le ricerche citate; dall altro lato, alla diversa popolazione osservata, ovvero, studenti universitari che per le attività in cui sono impegnati dedicano maggiore tempo alla navigazione online rispetto a consumatori generici oggetto delle due ricerche richiamate. Tali considerazioni tuttavia saranno approfondite e verificate nelle successive fasi della ricerca (cfr par.6). Da un punto di vista anagrafico invece, i profili di giovani utilizzatori non si differenziano per età e per provenienza, ma per sesso. In linea con quanto emerge in Korgaonkar e Wolin (2002) il profilo light si contraddistingue per una maggiore presenza di donne (57,8% vs 48,6% del profilo heavy). La descrizione del profilo di heavy e light users si avvale del calcolo di distribuzioni di frequenza per rilevare differenze nelle opinioni dichiarate riguardo al comportamento online e agli effetti della pubblicità online. Le differenze tra i due profili sono analizzate anche con l ausilio di test di pura significatività (test tra concentrazione di risposte su un unica modalità non discrimina l identificazione dei due gruppi. Tale risultato è evidenziato anche dall esito dell analisi delle componenti principali.

13 FEDERICA BUFFA 171 proporzioni condotti con valori di seguono. pari a 0,01) e sono illustrate nei paragrafi che 5.2 Opinioni e comportamenti online di heavy e light users La ricerca conferma che heavy e light users si caratterizzano per opinioni e comportamenti distinti. In relazione alle opinioni espresse sull utilizzo di Internet e il comportamento online, le principali differenze tra i due profili (supportate anche dagli esiti dei test tra proporzioni) si riscontrano dal maggior livello di accordo di heavy users rispetto all importanza di Internet per: 19 - leggere quotidiani (32,2% heavy vs 20,3% light users) e periodici (19,6% heavy vs 10,1% light users); - telefonare (31,5% heavy vs 20,3% light users); - ascoltare la radio (9,6% heavy vs 1,6% light users); - acquistare alcune categorie di generi merceologici, in particolare biglietti di viaggio (43,7% heavy vs 33% light users), vacanze (30,6% heavy vs 18,3% light users), libri (28,5% heavy vs 12,4% light users), prodotti elettronici (27,2% heavy vs 10,5% light users), abbigliamento e accessori (8,3% heavy vs 1,3% light users). Differenze tra i due profili emergono anche dal livello di accordo dichiarato da heavy users riguardo a: - numero di acquisti online effettuati (l 80% degli heavy users ha fatto almeno una volta acquisti online vs 51% dei light users); - frequenza mensile di acquisti online (16,1% heavy vs 4,5% dei light users); - grado di novità/innovazione attribuita ai prodotti acquistati online (18,1% heavy vs 7,8% light users); - disponibilità (70,9% heavy vs 55,2% light users) e qualità delle informazioni (17,8% heavy vs 9,5% light users) a disposizione del consumatore; - considerazione di Internet quale strumento ideale per trascorre il tempo divertendosi (10,1% heavy vs 1,6% light users), fare amicizia e comunicare con altri (8,3% heavy vs 2,6% light users); - entusiasmo per le nuove procedure che rendono più sicuri i pagamenti online (14,2% heavy vs 4,2% light users); - problematiche associate agli acquisti online, quali mancato ricevimento del prodotto nei tempi previsti (36,5% heavy vs 13,4% light users), differenze tra prodotto acquistato e prodotto ordinato (16% heavy vs 8,5% light users), mancata consegna del prodotto acquistato online (10,1% heavy vs 5,6% light users), ricevimento di molestie o minacce (9,2% heavy vs 4,9% light users). Dall analisi delle opinioni riguardo ad Internet e al comportamento online emerge che il profilo heavy considera maggiormente l utilità e le potenzialità offerte da Internet, ne fa un utilizzo più vario e completo, riconoscendo ad esso funzioni e 19 Se non diversamente indicato i valori percentuali si riferiscono alla modalità di risposta molto d accordo.

14 172 EFFETTI DELLA PUBBLICITÀ ONLINE SULLE DECISIONI DI ACQUISTO IN INTERNET ruoli che vanno oltre l utilizzo degli strumenti più tradizionali. Tali evidenze si confermano anche nel maggiore utilizzo di Internet per la musica e la fotografia. La maggiore frequenza di accesso al web da parte dei heavy users trova riscontro con le caratteristiche evidenziate da Korgaonkar e Wolin (2002) in cui emerge la maggiore propensione dei heavy users a compiere acquisti online. L utilizzo più intenso e complesso della rete si ritiene possa essere una spiegazione plausibile delle maggiori problematiche incontrate da questi utilizzatori rispetto ai light users. 5.3 Effetti della pubblicità online sul comportamento di heavy e light users L analisi delle opinioni riguardo alla pubblicità online e alla sua influenza sul comportamento dei giovani utenti approfondisce il terzo focus di ricerca e conferma che heavy e light users dichiarano un diverso effetto della pubblicità online. Le maggiori differenze tra i due profili - avvallate anche in questo caso dagli esiti dei test tra proporzioni - si riscontrano in relazione al livello di accordo (modalità di risposta considerata abbastanza d accordo) sull influenza della pubblicità online: 20 - a scoprire nuovi beni e servizi (35,4% heavy vs 22,9% light users); - a trasmettere un immagine innovativa ai prodotti pubblicizzati (21,2% heavy vs 14,7% light users); - a lasciare un ricordo, una traccia dell azienda e del prodotto pubblicizzato (17,7% heavy vs 12,7% light users). Il relativo maggiore impatto della pubblicità online esercitato su heavy users emerge anche confrontando la modalità di risposta molto d accordo, ovvero paragonando le opinioni espresse da heavy e light users che manifestano maggiore convinzione nelle potenzialità di Internet e negli strumenti ad esso correlati. Sebbene circoscritta ad una quota minoritaria di utenti, anche da questa analisi prevalgono heavy users convinti che: - per certi prodotti la pubblicità online si adatta meglio di quella tradizionale (10,1% heavy vs 4,9 light users); - le aziende pubblicizzino i prodotti in Internet in modo diverso rispetto agli altri media (10,4% heavy vs 3,3% light users); - alcune imprese devono la loro notorietà alla pubblicità online (14,7% heavy vs 4,9% light users). Differenze tra i due profili emergono anche tra utilizzatori che esprimono accordo parziale o totale rispetto all influenza della pubblicità online su specifiche fasi del processo decisionale del consumatore. Nonostante tali indicazioni siano circoscritte ad una quota minoritaria di utenti (cfr Tabella 1), le differenze tra heavy e light users sono particolarmente significative e sono supportate per la maggior parte anche dagli esiti dei test tra proporzioni. In particolare esse riguardano: - la fase di ricerca di informazioni (heavy users ricercano ulteriori informazioni sui 20 Rispetto all impatto della pubblicità online sulla immagine dei prodotti e sulla notorietà di marca i test sono condotti con valore di pari a 0,05.

15 FEDERICA BUFFA 173 prodotti pubblicizzati in Internet, aderiscono a newsletter per ricevere informazioni dalle aziende a cui sono interessati, partecipano a giochi, promozioni e concorsi online); - la fase di acquisto (heavy users acquistano prodotti dopo averne visto la pubblicità su Internet); - la fase di post-acquisto/passaparola (heavy users consigliano l acquisto di beni e servizi dopo averne visto la pubblicità in Internet). Sebbene non emergano marcate differenze tra i due profili, la ricerca evidenzia maggiore accordo tra heavy users anche nell apprezzare la pubblicità online e nel ritenere che in Internet essa sia più interessante. Considerazioni analoghe sono estendibili alle opinioni di questo profilo riguardo al maggiore carattere informativo riconosciuto alla pubblicità online rispetto a quella tradizionale. Tab. 1: Grado di accordo di heavy e light users rispetto al comportamento online Aderisco a newsletter per ricevere informazioni dalle aziende che mi interessano Accedo a siti di marche e di aziende per partecipare a giochi, promozioni e concorsi Acquisto prodotti/servizi dopo aver visto la pubblicità su Internet Consiglio l acquisto di prodotti/servizi dopo aver visto la pubblicità su Internet Cerco ulteriori informazioni (online o offline) su prodotti/servizi dopo aver visto la pubblicità su Internet Per nulla HEAVY USERS Grado di accordo Poco Abbastanza Molto Per nulla LIGHT USERS Grado di accordo Poco Abbastanza Molto 43,7% 24,2% 25,9% 6,2% 57,8% 18,3% 20,3% 3,6% 62,2% 21,7% 13,8% 2,3% 74,5% 17,6% 7,2% 0,7% 64,0% 27,5% 7,5% 1,0% 80,4% 17,6% 1,6% 0,3% 71,1% 22,0% 5,9% 1,0% 85,3% 12,7% 1,6% 0,3% 43,9% 22,4% 23,2% 10,5% 61,1% 22,5% 12,1% 4,2% Fonte: ns. elaborazione La ricerca evidenzia dunque un diverso effetto della pubblicità online su heavy users rispetto a light users. Le differenze emergono soprattutto in corrispondenza degli utenti più convinti sull utilità della comunicazione online. L impatto della pubblicità in Internet è maggiore su heavy users in termini di conoscenza di nuovi prodotti, immagine e notorietà di marca, comportamento di acquisto e disponibilità ad attivare circoli virtuosi di passaparola. Heavy users dimostrano inoltre di accettare più di buon grado la pubblicità online ricercando talvolta anche un

16 174 EFFETTI DELLA PUBBLICITÀ ONLINE SULLE DECISIONI DI ACQUISTO IN INTERNET coinvolgimento diretto con le imprese che pubblicizzano i prodotti in Internet. Tali indicazioni trovano riscontro anche con il profilo di heavy users descritto in letteratura in relazione all atteggiamento manifestato nei confronti della pubblicità online (Korgaonkar e Wolin, 2002). 6. Conclusioni e indicazione dei prossimi step di ricerca I risultati della ricerca confermano alcune delle tendenze che interessano attualmente il mercato italiano e sono in linea con quanto evidenziato in indagini condotte in ambito internazionale. Dal lato della domanda, le evidenze empiriche contribuiscono a 1) ricostruire il comportamento online di un gruppo di giovani utilizzatori, 2) individuare profili distinti di consumatori in ragione del diverso utilizzo e tempo dedicato alle attività online, 3) verificare i diversi effetti della pubblicità online nelle fasi del processo decisionale. Il contributo della ricerca è interpretabile in relazione sia ai risultati metodologici raggiunti, sia alle evidenze empiriche emerse. In relazione ai risultati metodologici, la ricerca conferma la validità dell adozione di questionari online per la raccolta, in tempi relativamente brevi, di indicazioni riguardo ad opinioni dichiarate da popolazioni quantitativamente importanti. Sebbene tale analisi non permetta di colmare il gap informativo riguardo al comportamento di consumo online e all impatto della pubblicità, essa si presenta come step indispensabile per una migliore conoscenza del fenomeno. Come evidenziato nel corso del lavoro, si riconosce e sottolinea la natura esplorativa della ricerca che, se da un lato, incontra dei limiti alla estendibilità dei risultati, dall altro, porta a definire con maggiore precisione le domande di ricerca legate al comportamento di consumo online e all atteggiamento nei confronti della pubblicità online, confermandosi, pertanto, una fase propedeutica per le successive indagini di approfondimento. In relazione alle attuali tendenze di mercato, la ricerca conferma la diffusa frequenza di accesso ad Internet e la significativa disponibilità di tempo dedicato dai giovani. In particolare, si conferma l interesse per l acquisto online di servizi turistici, di prodotti di elettronica di consumo e libri. Limitata appare invece la partecipazione a community, forum, siti di social network e giochi online. Essa non appare ancora come comportamento generalizzato della fascia giovanile, quanto piuttosto come atteggiamento che coinvolge maggiormente i heavy users. In relazione ai contributi della comunità scientifica, la ricerca ricostruisce il profilo comportamentale dichiarato dagli utilizzatori e conferma alcune caratteristiche emerse in letteratura. Heavy e light users presentano elementi comuni a quanto evidenziato in particolare nei contributi di Korgaonkar e Wolin (2002) e Dáhlen et al. (2004) per quanto concerne alcuni elementi anagrafici, atteggiamenti adottati durante la navigazione e impatto della pubblicità online. La ricerca conferma che heavy users sono più convinti delle opportunità offerte da Internet e

17 FEDERICA BUFFA 175 riconoscono potere persuasivo alla pubblicità online riguardo alle decisioni di acquisto. Rimane da approfondire, tuttavia, se la pubblicità online ha maggiore impatto rispetto alla pubblicità tradizionale sul processo decisionale del consumatore, così come ulteriore attenzione richiede l analisi della relazione tra pubblicità online, creazione e notorietà di marca come sottolineato in Goldsmith e Lafferty (2002). L interesse della ricerca per il segmento giovanile nel contesto italiano si presenta come elemento di originalità del presente contributo. I maggiori contributi in ambito scientifico, infatti, considerano i giovani del mercato statunitense piuttosto che asiatico. Come evidenziato in apertura del lavoro, attenzione è rivolta anche al mercato europeo, ma limitate appaiono ad oggi le conoscenze riguardo al comportamento di consumo online e agli impatti della pubblicità online sulla fascia giovanile nazionale. Sottolineando nuovamente il carattere esplorativo della ricerca si ritiene tuttavia che tale indagine rappresenti uno step importante per cogliere alcune tendenze che saranno testate in fasi successive di analisi. Da un punto di vista manageriale, la ricerca sottolinea alcune implicazioni per le imprese in relazione all attività di comunicazione, in particolare per quanto concerne le campagne pubblicitarie e promozionali. I risultati evidenziano una parte del mercato attento ed interessato alla pubblicità online ed è proprio la fascia di consumatori che ha maturato maggiore esperienza negli acquisti in Internet. Se tali risultati venissero confermati, vi sarebbero le condizioni perché le imprese affianchino ai tradizionali strumenti del mix promozionale anche messaggi pubblicitari online e, in tal senso, gli investimenti che attualmente le imprese italiane stanno compiendo nella pubblicità online sembrerebbero coerenti con le richieste espresse da una parte del mercato. La ricerca suggerisce inoltre che i messaggi pubblicitari non dovrebbero avvalersi dei più noti strumenti della pubblicità online poiché, entrambi i profili dichiarano di non prestare particolare attenzione a banner, link e pop-up. A conclusione di tale analisi, si ritiene che i prossimi step di ricerca possano orientarsi verso tre specifici focus, ovvero: 1. analisi di popolazioni residenti in grandi centri urbani italiani per verificare se emergono differenti media habits, se heavy e light users si caratterizzano per medesimo profilo comportamentale e se le opinioni riguardo agli effetti della pubblicità online sul comportamento di consumo sono confermate; 2. estensione della popolazione oggetto di indagine a giovani utenti residenti in altri Paesi europei in cui il tasso di penetrazione di Internet è maggiore, al fine di verificare differenze e affinità rispetto al comportamento online e all influenza della pubblicità online sulle abitudini di consumo; 3. conduzione di test di laboratorio, grazie al supporto dei metodi dell economia sperimentale, per osservare il reale comportamento dei giovani e le loro reazioni rispetto ai messaggi pubblicitari incontrati durante la navigazione. Tale analisi consente di verificare il grado di assenso o disturbo della pubblicità online, l effettiva adesione a link, banner e pop-up, e la partecipazione a comunità virtuali e siti di social network, marche e/o aziende.

18 176 EFFETTI DELLA PUBBLICITÀ ONLINE SULLE DECISIONI DI ACQUISTO IN INTERNET Bibliografia AHMAD N., OMAR A., RAMAYAH T. (2010), Consumer lifestyles and online shopping continuance intention, Business Strategy Series, vol. 11, n. 4, pp AHN T., RYU S., HAN I. (2004), The impact of the online and offline features on the user acceptance of Internet shopping malls, Electronic Commerce Research and Applications, vol. 3, n. 4, pp ANI O.E. (2010), Internet access and use. A study of undergraduate students in three Nigerian universities, The Electronic Library, vol. 28, n. 4, pp ASLANBAY Y., ASLANBAY M., ÇOBANOĞLU E. (2009), Internet addiction among Turkish young consumers, Young Consumers, vol. 10, n. 1, pp BIGNÉ-ALCAÑIZ E., RUIZ-MAFÉ C., ALDÁS-MANZANO J., SANZ-BLAS S. (2008), Influence of online shopping information dependency and innovativeness on internet shopping adoption, Online Information Review, vol. 32, n. 5, pp BRETTEL M., SPILKER-ATTIG A. (2010), Online advertising effectiveness, Journal of Research in Interactive Marketing, vol. 4, n. 3, pp BRUNER G.C., KUMAR A. (2000), Web commercials and advertising hierarchy-ofeffects, Journal of Advertising Research, vol. 37, n. 2, pp BUSACCA B. (2002) (a cura di), Le marche digitali, Etas, Milano. CALISIR F., BAYRAKTAROĞLU A.E., GUMUSSOY C.A., TOPCU Y.I, MUTLU T. (2010), The relative importance of usability and functionality factors for online auction and shopping web sites, Online Information Review, vol. 34, n. 3, pp CECCARELLI P. (2006) (a cura di), Mass media e new media: nuove sfide per comunicare, distribuire, creare valore, Mercati e Competitività, n. 4, pp CECCARELLI P. (2009) (a cura di), Internet Marketing: Web 2.0 nella comunicazione integrata, Mercati e Competitività, n.1, pp CHAFFEY D., MAYER R., JOHNSTON K., ELLIS-CHADWICK F. (2001), Internet Marketing, Apogeo, Milano. CHEUNG C.M.K., ZHU L., KWONG T., CHAN G.W.W., LIMAYEM M. (2003), Online consumer behavior: a review and agenda for future research, Proceedings of the 16 th Bled ecommerce Conference, Bled, 9-11 June. CHO C.H., CHEON H.J. (2004), Why do people avoid advertising on the Internet?, Journal of Advertising, vol. 33, n. 4, pp COLLESEI U., CASARIN F., VESCOVI T. (2000), Internet e i cambiamenti nei comportamenti d acquisto del consumatore, Convegno Internazionale Le tendenze del marketing in Europa, Università Cà Foscari, Venezia, 24/11/2000, CONSTANTINIDES E. (2004), Influencing the online consumer s behaviour: the Web experience, Internet Research, vol. 14, n. 2, pp DALLI D., ROMANO S. (2004), Il comportamento del consumatore, Franco Angeli, Milano. DAHL S., EAGLE L., BÁEZ C. (2009), Analyzing advergames: active diversions or actually deception, Young Consumers, vol. 10, n. 1, pp DÁHLEN M., MURRY M., NORDENSTAM S. (2004), An empirical study of perceptions of implicit meanings in World Wide Web advertisements versus print advertisements, Journal of Marketing Communications, vol. 10, n. 1, pp DIAO F., SHYAM SUNDAR S. (2004), Orienting Response and Memory for Web Advertisements: Exploring Effects of Pop-Up Window and Animation, Communication Research, vol. 31, n. 5, pp

19 FEDERICA BUFFA 177 DI CARLO G. (2000), Internet marketing, Etas, Milano. DUNKAR KURTULUS S., KURTULUS K., BULUT D. (2008), Exploring the Difference between Heavy and Light Users of Internet News Websites, International Congress Marketing Trends, Università Cà Foscari, Venezia, 17 th -19 th January 2008, ENGEL J.F., BLACKWELL R.D., MINIARD P. (1986), Consumer Behaviour, Dryden Press, New York. FABRIS G. P. (1970), Il comportamento del consumatore, FrancoAngeli, Milano. FABRIS G.P. (2003), Il nuovo consumatore: verso il postmoderno, Franco Angeli, Milano. FISHBEIN M., AJZEN I. (1975), Belief, Attitude, Intention, and Behavior: An Introduction to Theory and Research, Addison-Wesley, Reading, MA. FINOTTO V., MICELLI S. (2010), Web e Made in Italy: la terra di mezzo della comunicazione d impresa, Mercati e Competitività, n. 4, pp FU C.-S., WU W.-Y., (2010), The means-end cognitions of web advertising: a cross-cultural comparison, Online Information Review, vol. 34, n. 5, pp FUSILIER M., DURLABHJI S. (2005), An exploration of student internet use in India, Campus-Wide Information Systems, vol. 22, n. 4, pp GARIGLIANO R. (2008), Advertisements on the web: evolution and present trends, seminario etourism, Facoltà di Economia, Università degli Studi di Trento, 02/04/2008, work in progress. GOLDSMITH R.E., LAFFERTY B.A. (2002), Consumer response to Web sites and their influence on advertising effectiveness, Internet Research: Electronic Networking Applications and Policy, vol. 12, n. 4, pp HAND C., DALL OLMO RILEY F., HARRIS P., SINGH J., RETTIE R. (2009), Online grocery shopping, European Journal of Marketing, vol. 43, n. 9/10, pp HARKER D. (2008), Regulating online advertising: the benefit of qualitative insights, Qualitative Market Research: An International Journal, vol. 11, n. 3, pp HERNANDEZ M. D. (2008), Determinants of children s attitudes towards advergames : the case of Mexico, Young Consumers, vol. 9, n. 2, pp KORGAONKAR P., WOLIN L.D. (2002), Web usage, advertising, and shopping: relationship patterns, Internet Research: Electronic Networking Applications and Policy, vol. 12, n. 2, pp LEE J., PARK D.H., HAN I. (2011), The Different Effects of Online Consumer Reviews on Consumers Purchase Intentions Depending on Trust in Online Shopping Mall, Internet Research, vol. 21, n. 2, pp LIN C.-F., LIAO Y.-H. (2010), Guiding the content of tourism web advertisements on a search engine results page, Online Information Review, vol. 34, n. 2, pp LIVRAGHI G. (2006), Investimenti in pubblicità nell internet, in Bassat L., Livraghi G. (a cura di), Il nuovo libro della pubblicità, Il Sole24Ore, Milano, allegato al cap.15, MANCHANDA P., DUBÉ J-P., GOH K.Y., CHINTAGUNTA P.K. (2006), The effect of Banner Advertising on Internet Purchasing, Journal of Marketing Research, vol. XLIII, February, pp MANDELLI A., VESCOVI T. (2003), Le nuove frontiere del marketing digitale, Etas, Milano. MCCOY S., EVERARD A., POLAK P., GALLETTA D.F. (2007), The effects of online advertising, Communications of the ACM, vol. 50, n. 3, pp MOON M., MILLISON D. (2001), Firebrands. La fedeltà al marchio nell era di Internet, McGraw-Hill, Milano.

20 178 EFFETTI DELLA PUBBLICITÀ ONLINE SULLE DECISIONI DI ACQUISTO IN INTERNET NEWMAN E., STEM D., SPROTT D. (2004), Banner advertisement and web site congruity effects on consumer web site perceptions, Industrial Management & Data Systems, vol. 105, n. 3, pp PAEK C-H., KIM Y-G. (2003), Identifying key factors affecting consumer purchase behavior in an online shopping context, International Journal of Retail & Distribution Management, vol. 31, n. 1, pp PARK S.B., WANSKINK B. (2000), Methods and Measures that Profile Heavy Users, Journal of Advertising Research, vol. 40, n. 4, pp PRANDELLI E., VERONA G. (2001), Marketing in rete, McGraw-Hill, Milano. RAYPORT J.F., JAWORSKY B.J. (2002), E-commerce, McGraw-Hill, Milano. SCHIFFMANN L.G., KANUK L.L. (1991), Consumer behavior, Prentice-Hall International, Englewood Cliffs. SMITH A.D., RUPP W.T. (2003), Strategic online customer decision making, Online Information Review, vol. 27, n. 6, pp SUSSKIND A.M., STEFANONE M.A. (2010), Internet apprehensiveness, Journal of Hospitality and Tourism Technology, vol. 1, n. 1, pp TIKKANEN H., HIETANEN J., HENTTONEN T., ROKKA J. (2009), Exploring virtual worlds, Management Decision, vol. 47, n. 8, pp TSANG P.M., TSE S. (2005), A hedonic model for effective web marketing, Industrial Management & Data Systems, vol. 105, n. 8, pp VICARI S. (2001) (a cura di), Il management nell era della connessione, Egea, Milano. WANG Y., SUN S. (2010), Examining the role of beliefs and attitudes in online advertising, International Marketing Review, vol. 27, n. 1, pp WANG Y., SUN S., LEI W., TONCAR M. (2009), Examining beliefs and attitudes toward online advertising among Chinese consumers, Direct Marketing: An International Journal, vol. 3, n. 1, pp WIND J., MAHAJAN V. (2001) (a cura di), Digital Marketing, Etas, Milano. WINDHAM L., ORTON K. (2002), Clienti e consumatori, Apogeo, Milano. WU S.-I. (2003), The relationship between consumer characteristics and attitude toward online shopping, Marketing Intelligence & Planning, vol. 21, n. 1, pp ZILIANI C. (2001), E-marketing. Direct, database e internet marketing, McGraw-Hill, Milano. Documenti consultati Iab Interactive Advertisting Bureau Europe (2006a), Digital Europe. Tracking the growth of online marketing spend. Digital Insight Report, February 2006, Iab Interactive Advertisting Bureau Europe (2006b), Digital Europe. Tracking the growth of online marketing spend. Digital Insight Report, June 2006, Iab Interactive Advertisting Bureau Italia (2006), Europe s Online Youth. An in-depth study into how the youth market interacts with online advertising,

Mariangela Franch Umberto Martini Federica Buffa

Mariangela Franch Umberto Martini Federica Buffa Mariangela Franch, Professore Ordinario di Marketing Università degli Studi di Trento Facoltà di Economia, Dipartimento di Informatica e Studi Aziendali (DISA) Gruppo di ricerca etourism Tel. +39 0461

Dettagli

Digital marketing: scenari

Digital marketing: scenari Università Degli Studi Di Napoli Federico II Dipartimento di Scienze Sociali - Corso di Laurea in Culture Digitali e Della Comunicazione Digital marketing: scenari Dall Internet Marketing a Digital Marketing.

Dettagli

European E-mail Marketing Consumer Report 2009

European E-mail Marketing Consumer Report 2009 ContactLab European E-mail Marketing Consumer Report 2009 Abitudini e comportamenti nell'uso di e-mail e newsletter: confronti tra Italia, Spagna, Francia, Germania e Regno Unito ContactLab E-mail & e-marketing

Dettagli

E-COMMERCE CONSUMER BEHAVIOUR REPORT 2012

E-COMMERCE CONSUMER BEHAVIOUR REPORT 2012 E-COMMERCE CONSUMER BEHAVIOUR REPORT 2012 PERCHÈ UNA RICERCA SULL E-COMMERCE? GLI OBIETTIVI DELL INDAGINE Perché gli utenti decidono di acquistare online? Che cosa acquistano? Attraverso quali canali?

Dettagli

E-Commerce. Commerce, vendere sul web. Stefano Mainetti Fondazione Politecnico di Milano. stefano.mainetti@polimi.it. Trento, 4 marzo 2010

E-Commerce. Commerce, vendere sul web. Stefano Mainetti Fondazione Politecnico di Milano. stefano.mainetti@polimi.it. Trento, 4 marzo 2010 E-Commerce Commerce, vendere sul web Stefano Mainetti Fondazione Politecnico di Milano stefano.mainetti@polimi.it Trento, 4 marzo 2010 E-Commerce Commerce: una definizione Il termine e-commerce indica

Dettagli

CARTE 2012 Roma - Palazzo dei Congressi 15/16 Novembre. Roberto liscia Presidente Netcomm

CARTE 2012 Roma - Palazzo dei Congressi 15/16 Novembre. Roberto liscia Presidente Netcomm CARTE 2012 Roma - Palazzo dei Congressi 15/16 Novembre Roberto liscia Presidente Netcomm Milano, 15/11/2012 SEGMENTI DI ACQUIRENTI ONLINE NELL UTENZA INTERNET AGGIORNAMENTO: OTTOBRE 2012 Totale campione

Dettagli

INTRODUZIONE. Research, April 1999. 1 B. Harvey, The expanded ARF model: bridge to the accountable advertising future, Journal of Advertising

INTRODUZIONE. Research, April 1999. 1 B. Harvey, The expanded ARF model: bridge to the accountable advertising future, Journal of Advertising INTRODUZIONE Negli ultimi anni l accesso alla Rete e l uso attivo di Internet da parte di aziende e famiglie si è notevolmente allargato; questo media relativamente nuovo si sta rapidamente avviando a

Dettagli

Rassegna Stampa Estratti dagli articoli più significativi

Rassegna Stampa Estratti dagli articoli più significativi Rassegna Stampa Estratti dagli articoli più significativi SMS A TUTTA FORZA Pubblicità: cresce quella sul cellulare. Perché una campagna sms è efficace, immediata ed economica. È l invenzione preferita

Dettagli

Nuovi scenari dai dati 2010 dell Osservatorio Contenuti Digitali

Nuovi scenari dai dati 2010 dell Osservatorio Contenuti Digitali Roma, 17 Novembre 2010 Nuovi scenari dai dati 2010 dell Osservatorio Contenuti Digitali Claudia Baroni: Targeting&Segmentation Manager Nielsen Italia Agenda I flussi della segmentazione della società italiana

Dettagli

CAPITOLO III. Utenti che hanno scaricato contenuti digitali da internet nell'ultimo anno a pagamento. (downloader pay)

CAPITOLO III. Utenti che hanno scaricato contenuti digitali da internet nell'ultimo anno a pagamento. (downloader pay) CAPITOLO III Utenti che hanno scaricato contenuti digitali da internet nell'ultimo anno a pagamento (downloader pay) I COMPORTAMENTI DI CONSUMO DI CONTENUTI DIGITALI IN ITALIA IL CASO DEL FILE SHARING

Dettagli

CAPITOLO I. Informazioni complessive sul campione

CAPITOLO I. Informazioni complessive sul campione CAPITOLO I Informazioni complessive sul campione I COMPORTAMENTI DI CONSUMO DI CONTENUTI DIGITALI IN ITALIA IL CASO DEL FILE SHARING Informazioni complessive sul campione 1. Descrizione In questa sezione

Dettagli

Rimettere le scarpe ai sogni

Rimettere le scarpe ai sogni www.pwc.com Rimettere le scarpe ai sogni 25 ottobre 2013 Erika Andreetta Retail & Consumer Goods Consulting Leader PwC Agenda Il contesto economico Gli scenari evolutivi del mondo Consumer & Retail: Global

Dettagli

Destinazioni e comunicazione dell'esperienza turistica

Destinazioni e comunicazione dell'esperienza turistica Destinazioni e comunicazione dell'esperienza turistica 1 INDICE Rilevanza del tema Domande di ricerca Metodologia di ricerca Risultati: l indagine sui portali turistici regionali europei (2011) Conclusioni

Dettagli

L'eCommerce B2c in Italia: le prime evidenze per il 2014

L'eCommerce B2c in Italia: le prime evidenze per il 2014 L'eCommerce B2c in Italia: le prime evidenze per il 2014 Osservatorio ecommerce B2c Netcomm - School of Management Politecnico di Milano 20 Maggio 2014 L Osservatorio ecommerce B2c L Osservatorio ecommerce

Dettagli

3.7 L affidabilità delle fonti

3.7 L affidabilità delle fonti 3.7 L affidabilità delle fonti Un altro aspetto indagato dal questionario riguarda i criteri con cui i giovani adulti valutano l affidabilità di una fonte informativa, in particolar modo quando riferita

Dettagli

Metodi, tecniche e strategie

Metodi, tecniche e strategie Slash / Digital Marketing Agency Servizi per la promozione e il marketing sui Mercati Internazionali attraverso il Web Metodi, tecniche e strategie Luglio 2012 L Agenzia SLASH in sintesi 2011 Copyright

Dettagli

L'utilizzo di strumenti di Social Network & Community in banca. Romano Stasi Segretario Generale ABI Lab

L'utilizzo di strumenti di Social Network & Community in banca. Romano Stasi Segretario Generale ABI Lab L'utilizzo di strumenti di Social Network & Community in banca Romano Stasi Segretario Generale ABI Lab Milano, 16 marzo 2010 Priorità ICT di investimento e indagine per le banche Italiane canali Fonte:ABI

Dettagli

PRIVACY & PERMISSION MARKETING REPORT 2011 - ITALIA

PRIVACY & PERMISSION MARKETING REPORT 2011 - ITALIA PRIVACY & PERMISSION MARKETING REPORT 2011 - ITALIA Ricerca realizzata in collaborazione con Human HigWay Settembre 2011 LA METODOLOGIA DELLA RICERCA Diennea MagNews ha commissionato a Human Highway nel

Dettagli

Media Monthly Report Gennaio 2010

Media Monthly Report Gennaio 2010 Media Monthly Report Gennaio 2010 Media Monthly Report Gennaio 2010 The Nielsen Company, Media Indicatori macroeconomici Andamento dei consumi Investimenti pubblicitari Audience tv e Internet Clicca qui

Dettagli

L INDUSTRIA DEI VIAGGI ALLA CONQUISTA DEL DIGITAL CONSUMER

L INDUSTRIA DEI VIAGGI ALLA CONQUISTA DEL DIGITAL CONSUMER L INDUSTRIA DEI VIAGGI ALLA CONQUISTA DEL DIGITAL CONSUMER Sabato 17 ottobre 2009 - TBOX, Padiglione C2. Ore 16.15 17.00 Relatori - Tim Gunstone, managing director Eyefortravel - Enrico Bertoldo, direttore

Dettagli

Come stanno rapidamente cambiando le preferenze sulle

Come stanno rapidamente cambiando le preferenze sulle WHITE PAPER MARZO 2013 Come stanno rapidamente cambiando le preferenze sulle modalità di contatto e interazione tra utente e azienda Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente

Dettagli

Simona Zanette Presidente IAB Italia CRESCE IL SOCIAL, VOLA IL DIGITALE

Simona Zanette Presidente IAB Italia CRESCE IL SOCIAL, VOLA IL DIGITALE Simona Zanette Presidente IAB Italia CRESCE IL SOCIAL, VOLA IL DIGITALE La rete è dinamica E GOVERNMENT BIGDATA PHOTO SHARING HEALTHCARE MOBILE STARTUP SOCIAL TV E INTERNET INTERNET OF THINGS GAMES GEOREFERENCE

Dettagli

Ecommerce, opportunità digitale per aziende e consumatori. Roberto liscia Presidente Netcomm

Ecommerce, opportunità digitale per aziende e consumatori. Roberto liscia Presidente Netcomm Ecommerce, opportunità digitale per aziende e consumatori Roberto liscia Presidente Netcomm 10-11 Ottobre 2012 SOCI Le attività del Consorzio Netcomm ATTIVITÀ DI LOBBYNG RICERCHE NETWORKING AREA BLOG WORKSHOP

Dettagli

Questo meraviglioso mondo chiamato. Ecommerce

Questo meraviglioso mondo chiamato. Ecommerce Questo meraviglioso mondo chiamato Ecommerce LO SCENARIO La clientela esiste? SHOPPING ONLINE: diamo i numeri - la crescita degli acquisti online in Italia Crescita acquisti online in Italia: anno 2011

Dettagli

Indagine sul Comportamento d Acquisto del Cliente Multicanale

Indagine sul Comportamento d Acquisto del Cliente Multicanale presenta Indagine sul Comportamento d Acquisto del Cliente Multicanale In collaborazione con Multichannel Commerce Forum 2011 Milano, 26 ottobre 2011 1 Obiettivi e metodologia COSA Fotografare gli attuali

Dettagli

Rapporto sulla pubblicità ambientale in Italia Sintesi a cura dell Osservatorio Comunicazione e Informazione Ambientale Iefe

Rapporto sulla pubblicità ambientale in Italia Sintesi a cura dell Osservatorio Comunicazione e Informazione Ambientale Iefe Research Report Series ISSN 2036 1785 Rapporto sulla pubblicità ambientale in Italia Sintesi a cura dell Osservatorio Comunicazione e Informazione Ambientale Iefe Research Report n. 10 March 2012 Studio

Dettagli

Milano, 18 settembre 2009

Milano, 18 settembre 2009 Milano, 18 settembre 2009 Il quadro di riferimento Gli assi di riferimento Cultura (+) Impatto sugli acquisti e sulle modalità di fruizione Tecnologia (-) Tecnologia (+) Cultura (-) Digital Divide in Italia

Dettagli

Media Monthly Report. Marzo 2009

Media Monthly Report. Marzo 2009 Media Monthly Report Marzo 2009 Media Monthly Report Marzo 2009 The Nielsen Company, Media Indicatori macroeconomici Andamento dei consumi Investimenti pubblicitari Audience, letture e contatti News dal

Dettagli

SCOPERTA UN ISOLA FELICE DI 5,5 MILIONI DI CONSUMATORI MULTICANALE. PER LE IMPRESE ORA INIZIA LA CACCIA AL TESORO

SCOPERTA UN ISOLA FELICE DI 5,5 MILIONI DI CONSUMATORI MULTICANALE. PER LE IMPRESE ORA INIZIA LA CACCIA AL TESORO SCOPERTA UN ISOLA FELICE DI 5,5 MILIONI DI CONSUMATORI MULTICANALE. PER LE IMPRESE ORA INIZIA LA CACCIA AL TESORO Nielsen, Nielsen Online, Connexia e la School of Management del Politecnico di Milano hanno

Dettagli

Riminifiera Sala Diotallevi 1 11 ottobre 2014

Riminifiera Sala Diotallevi 1 11 ottobre 2014 Riminifiera Sala Diotallevi 1 11 ottobre 2014 Il tema digital marketing l insieme di tecniche manageriali pensate ad hoc per comprendere ed affrontare con successo il mondo digitale. Alle 4 P tradizionali

Dettagli

Rapporto sulla pubblicità ambientale in Italia

Rapporto sulla pubblicità ambientale in Italia Rapporto sulla pubblicità ambientale in Italia Sintesi Osservatorio Comunicazione e Informazione Ambientale (CIA) in collaborazione con Introduzione L attenzione verso l ambiente non è mai stata così alta

Dettagli

Luigi Zingone La comunicazione aziendale nell era digitale

Luigi Zingone La comunicazione aziendale nell era digitale A13 Luigi Zingone La comunicazione aziendale nell era digitale Copyright MMXIV ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133/A B 00173 Roma (06) 93781065

Dettagli

SCOPERTA UN ISOLA FELICE DI 5,5 MILIONI DI CONSUMATORI MULTICANALE. PER LE IMPRESE ORA INIZIA LA CACCIA AL TESORO

SCOPERTA UN ISOLA FELICE DI 5,5 MILIONI DI CONSUMATORI MULTICANALE. PER LE IMPRESE ORA INIZIA LA CACCIA AL TESORO SCOPERTA UN ISOLA FELICE DI 5,5 MILIONI DI CONSUMATORI MULTICANALE. PER LE IMPRESE ORA INIZIA LA CACCIA AL TESORO Nielsen, Nielsen Online, Connexia e la School of Management del Politecnico di Milano hanno

Dettagli

(All) Digital Monitor

(All) Digital Monitor (All) Digital Monitor 1 Trend TV Digitale Il rilevamento del Digital Monitor effettuato fra Febbraio e Marzo del 2013 fotografa una fase ormai matura della digitalizzazione televisiva, con le ultime tappe

Dettagli

OSSERVATORIO IPSOS. per conto di

OSSERVATORIO IPSOS. per conto di OSSERVATORIO IPSOS per conto di DIFFUSIONE di COMPUTER e INTERNET tra le famiglie italiane Base: Totale famiglie Possesso di un computer Connessione a Internet TOTALE famiglie italiane 57 68 Famiglie monocomponente

Dettagli

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA

L IMMAGINE DEL MEZZOGIORNO D ITALIA Presso la Business Community e presso la popolazione di Brasile Ricerca di mercato condotta da: GPF&A e Ispo Ltd Per conto di: Ministero dell Economia e delle Finanze Dipartimento per le Politiche di Sviluppo

Dettagli

Perché adottare una strategia. di customer experience. e perché misurare la experience quality

Perché adottare una strategia. di customer experience. e perché misurare la experience quality Mettere in pratica una strategia di customer experience Michele Gorgoglione, Politecnico di Bari Phil Klaus, ESCEM School of Business and Management Le strategie di customer experience stanno rapidamente

Dettagli

Media Monthly Report. Marzo 2010

Media Monthly Report. Marzo 2010 Media Monthly Report Marzo 2010 Media Monthly Report Marzo 2010 The Nielsen Company, Media Indicatori macroeconomici Andamento dei consumi Investimenti pubblicitari Audience tv e Internet Clicca qui per

Dettagli

Cos è ICTv? ICTv è la nuova WebTv interamente dedicata alla tecnologia e all informatica.

Cos è ICTv? ICTv è la nuova WebTv interamente dedicata alla tecnologia e all informatica. Cos è ICTv? ICTv è la nuova WebTv interamente dedicata alla tecnologia e all informatica. Gratuita, ricca di contenuti e in italiano, la WebTv risponde alla domanda di contenuti multimediali dei navigatori

Dettagli

PROGETTO EDITORIALE INSIDE MARKETING - Pull information

PROGETTO EDITORIALE INSIDE MARKETING - Pull information PROGETTO EDITORIALE INSIDE MARKETING - Pull information Inside Marketing rappresenta il passo in avanti necessario per lavorare in un ambiente sempre più multitasking e sempre più ricco di stimoli. Il

Dettagli

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola

Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Indagine sull utilizzo di Internet a casa e a scuola Realizzata da: Commissionata da: 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 3 2. Genitori e Internet 2.1 L utilizzo del computer e di Internet in famiglia

Dettagli

Quotidiano on line di informazione su tecnologia e internet

Quotidiano on line di informazione su tecnologia e internet Quotidiano on line di informazione su tecnologia e internet Informazione ICT, prima di tutto Webnews è il giornale on line che racconta quotidianamente l attualità tecnologica. Originale. Credibile. Puntuale.

Dettagli

:: Curriculum accademico Laureata a pieni voti in Economia aziendale con specializzazione in Economia e gestione delle imprese

:: Curriculum accademico Laureata a pieni voti in Economia aziendale con specializzazione in Economia e gestione delle imprese Michelle Bonera :: Curriculum accademico Laureata a pieni voti in Economia aziendale con specializzazione in Economia e gestione delle imprese industriali presso l Università Commerciale Luigi Bocconi

Dettagli

Sistemi Web! per il turismo! - lezione 8 -

Sistemi Web! per il turismo! - lezione 8 - Sistemi Web! per il turismo! - lezione 8 - I siti Web per il turismo! Abbiamo visto che la tecnologia informatica mette a disposizione delle DMO numerosi strumenti per la creazione di un sito Web per promuovere

Dettagli

Roberta Minazzi. Dipartimento di Diritto, Economia e Culture Università degli Studi dell Insubria roberta.minazzi@uninsubria.it

Roberta Minazzi. Dipartimento di Diritto, Economia e Culture Università degli Studi dell Insubria roberta.minazzi@uninsubria.it Roberta Minazzi Dipartimento di Diritto, Economia e Culture Università degli Studi dell Insubria roberta.minazzi@uninsubria.it Quale direzione per lo sviluppo locale? 2 Quali saranno i consumatori del

Dettagli

Consumer Behaviour Report 2010: web, viaggi e vacanze

Consumer Behaviour Report 2010: web, viaggi e vacanze A seguito della ricerca sul comportamento d acquisto on-line (E-Commerce Consumer Behaviour Report 2010), la collaborazione fra Netcomm e ContactLab continua con un indagine mirata a studiare i comportamenti

Dettagli

Our Mobile Planet: Italia

Our Mobile Planet: Italia Our Mobile Planet: Italia Identikit dell utente smartphone Maggio 2013 1 Riepilogo Gli smartphone sono diventati indispensabili nella nostra vita quotidiana. La penetrazione degli smartphone è aumentata

Dettagli

Country of origin e buyer behavior. Una meta-analisi dalla letteratura internazionale

Country of origin e buyer behavior. Una meta-analisi dalla letteratura internazionale Country of origin e buyer behavior. Una meta-analisi dalla letteratura internazionale Alessandro De Nisco Università del Sannio II Convegno annuale della Società Italiana Marketing Trieste 2-32 3 dicembre

Dettagli

European E-mail Marketing Consumer Report 2009. Italiani e Internet: abitudini e comportamenti nell uso di e-mail e newsletter.

European E-mail Marketing Consumer Report 2009. Italiani e Internet: abitudini e comportamenti nell uso di e-mail e newsletter. ContactLab European E-mail Marketing Consumer Report 2009 Italiani e Internet: abitudini e comportamenti nell uso di e-mail e newsletter Estratto ContactLab E-mail & e-marketing evolution ContactLab è

Dettagli

Influenza e uso dei social network per il messaggio politico. alessandro scartezzini

Influenza e uso dei social network per il messaggio politico. alessandro scartezzini Influenza e uso dei social network per il messaggio politico alessandro scartezzini CHI SONO http://www.linkedin.com/pub/alessandro-scartezzini/0/393/721 alessandro@webperformance.it - Dal 2010 fondatore

Dettagli

Rete di computer mondiale e ad accesso pubblico. Attualmente rappresenta il principale mezzo di comunicazione di massa

Rete di computer mondiale e ad accesso pubblico. Attualmente rappresenta il principale mezzo di comunicazione di massa Sommario Indice 1 Internet 1 1.1 Reti di computer........................... 1 1.2 Mezzo di comunicazione di massa - Mass media.......... 2 1.3 Servizi presenti su Internet - Word Wide Web........... 3

Dettagli

Milano 23 giugno 2008

Milano 23 giugno 2008 Milano 23 giugno 2008 Cultura e Tecnologia in Italia: lo stato dell arte La dieta culturale degli italiani I contenuti preferiti Essenziale Importante Profilo per sesso/età Informazione Dati in percentuale

Dettagli

NEWSLETTER Format e strategie di comunicazione. Sara Maraschin. 11.10.2012, EDUCAFE, METID Politecnico di Milano

NEWSLETTER Format e strategie di comunicazione. Sara Maraschin. 11.10.2012, EDUCAFE, METID Politecnico di Milano NEWSLETTER Format e strategie di comunicazione Sara Maraschin 11.10.2012, EDUCAFE, METID Politecnico di Milano NEWSLETTER Notiziario scritto o per immagini diffuso periodicamente per posta elettronica

Dettagli

Il turismo in Lombardia: una lettura fra dati e tendenze

Il turismo in Lombardia: una lettura fra dati e tendenze Il turismo in Lombardia: una lettura fra dati e tendenze Magda Antonioli - Università Bocconi Stati generali in Lombardia 18 aprile 2011 AGENDA La lettura dei dati turistici per la definizione di obiettivi

Dettagli

Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy

Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy Dallo Stakeholder Engagement alla Multi-stakeholder Strategy I principali risultati della ricerca realizzata nell ambito del In collaborazione con Paolo Anselmi - Vice Presidente GfK-Eurisko Luglio 2015

Dettagli

Alla domanda Quali sono secondo te le Nuove Tecnologie?, le risposte degli intervistati si distribuiscono come evidenziato dal Grafico 1.

Alla domanda Quali sono secondo te le Nuove Tecnologie?, le risposte degli intervistati si distribuiscono come evidenziato dal Grafico 1. RISULTATI INTERVISTE INTERNET GENERATION Allo scopo di valutare l impatto delle KMT sui pre-adolescenti, rispetto alle dimensioni di naturalizzazione, interattività, empowerment e gap culturale, sono state

Dettagli

EDIZIONE N. 37 Aprile 2015 ECOMMERCE INDEX. Evoluzione degli acquisti online degli italiani. Una ricerca di Human Highway www.humanhighway.

EDIZIONE N. 37 Aprile 2015 ECOMMERCE INDEX. Evoluzione degli acquisti online degli italiani. Una ricerca di Human Highway www.humanhighway. EDIZIONE N. 37 Aprile 2015 ECOMMERCE INDEX Evoluzione degli acquisti online degli italiani Una ricerca di Human Highway www.humanhighway.it NET RETAIL Alcuni indicatori del fenomeno in Italia 16,9 milioni

Dettagli

Le applicazioni e i disabili: Osservatori su tecnologie e applicazioni

Le applicazioni e i disabili: Osservatori su tecnologie e applicazioni www.osservatori.net Le applicazioni e i disabili: Osservatori su tecnologie e applicazioni Raffaello Balocco Milano, 1 Dicembre 2006 La School of Management del Politecnico di Milano La School of Management

Dettagli

Marche, Il centro storico verso un nuovo modello di sviluppo integrato del territorio e dei borghi: Il progetto FERMO

Marche, Il centro storico verso un nuovo modello di sviluppo integrato del territorio e dei borghi: Il progetto FERMO Marche, Il centro storico verso un nuovo modello di sviluppo integrato del territorio e dei borghi: Il progetto FERMO L'evoluzione della domanda di turismo e le implicazioni per i modelli di offerta turistica

Dettagli

WEB MARKETING 2.0. La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0

WEB MARKETING 2.0. La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0 WEB MARKETING 2.0 La nuova proposta di implementazione di un progetto Marketing 2.0 È un stato di evoluzione del Web, caratterizzato da strumenti e piattaforme che enfatizzano la collaborazione e la condivisione

Dettagli

Laura Minestroni, La pubblicità nonostante i mass media. Verso una comunicazione integrata di marca, Mondadori Università, 2012.

Laura Minestroni, La pubblicità nonostante i mass media. Verso una comunicazione integrata di marca, Mondadori Università, 2012. Laura Minestroni, La pubblicità nonostante i mass media. Verso una comunicazione integrata di marca, Mondadori Università, 2012. Anni 50 Bill Bernbach mette art director e copywriter a lavorare insieme.

Dettagli

NET Retail: sono 200 milioni le transazioni online nel corso del 2014

NET Retail: sono 200 milioni le transazioni online nel corso del 2014 COMUNICATO STAMPA Il Net Retail cresce del 22% su base annuale, sono 11 milioni gli acquirenti online abituali (una volta al mese) e si colloca al 23,9% la quota di chi negli ultimi sei mesi ha fatto acquisti

Dettagli

OPPORTUNITÀ DI DIALOGO E VENDITA Il potere delle email transazionali

OPPORTUNITÀ DI DIALOGO E VENDITA Il potere delle email transazionali OPPORTUNITÀ DI DIALOGO E VENDITA Il potere delle email transazionali Lisa Molteni Digital Strategist lisa.molteni@contactlab.com 21 aprile 2015 @anikagenny @contactlab #ecommerceforum 1 CONTACTLAB IN BREVE

Dettagli

http://www.amphoraproject.net/

http://www.amphoraproject.net/ http://www.amphoraproject.net/ Il Progetto Europeo Amphora è finanziato dal Settimo Programma Quadro 7PQ 1 http://cordis.europa.eu/fp7/home_it.html, della Commissione Europea e coinvolge 33 organizzazioni

Dettagli

Servizi integrativi al

Servizi integrativi al Servizi integrativi al progetto Happy visibilità e promozioni web per Fornitori Primari Cartoleria tecnica e fantasia: Produttori Distributori esclusivi Importatori Franchisor Gruppi di acquisto All. 1

Dettagli

Reputazione online. Andrea Barchiesi, CEO Reputation Manager andrea.barchiesi@reputation-manager.it NEL CORSO DEL WEBINAR SCOPRIRAI:

Reputazione online. Andrea Barchiesi, CEO Reputation Manager andrea.barchiesi@reputation-manager.it NEL CORSO DEL WEBINAR SCOPRIRAI: Reputazione online NEL CORSO DEL WEBINAR SCOPRIRAI: FONDAMENTI DI COMUNICAZIONE DIGITALE: LE REGOLE DEL WEB NUOVI OBIETTIVI DI COMUNICAZIONE: DAL BRAND ALL IDENTITÀ DIGITALE DEFINIZIONE DI WEB REPUTATION

Dettagli

articolo http://www.helpconsumatori.it/acquisti/format-confcommercio-il-web-cambia-gli-acquistianche-quelli-tradizionali/85671

articolo http://www.helpconsumatori.it/acquisti/format-confcommercio-il-web-cambia-gli-acquistianche-quelli-tradizionali/85671 Format-Confcommercio: il web cambia gli acquisti, anche quelli tradizionali Il web chiama al cambiamento anche i negozi tradizionali, che dovranno imparare a coinvolgere i clienti creando una esperienza

Dettagli

European E-mail Marketing Consumer Report 2010 / Italia, Spagna, Francia, Germania, Regno Unito 1

European E-mail Marketing Consumer Report 2010 / Italia, Spagna, Francia, Germania, Regno Unito 1 European E-mail Marketing Consumer Report 2010 / Italia, Spagna, Francia, Germania, Regno Unito 1 ContactLab Chi siamo ContactLab è un azienda specializzata in soluzioni e consulenza di digital direct

Dettagli

Il Portale Web del Comune di Roma

Il Portale Web del Comune di Roma IL PORTALE WEB DEL COMUNE DI ROMA on line PREMESSA Le trasformazioni conseguenti alla diffusione delle tecnologie della comunicazione e dell'informazione (I.C.T.) contribuiscono in maniera sempre più determinante

Dettagli

Norton Online Living Report

Norton Online Living Report Norton Online Living Report 1 INDICE 1. Metodologia della ricerca Pag. 2 2. Norton Online Living Report Tendenze principali 2.1 Comunicare 2.2 Socializzare 2.3 Vivere 2.4 Conoscere 2.5 Comprare 2.6 Navigare

Dettagli

Osservatorio Multicanalità 2007 La multicanalità paga allo scaffale?

Osservatorio Multicanalità 2007 La multicanalità paga allo scaffale? Osservatorio Multicanalità 2007 Main Sponsor Associate Sponsor Media Partner Agenda Progetto multicanalità nel largo consumo Chi è il consumatore multicanale oggi Obiettivi Struttura del progetto Metodologie

Dettagli

Quali scenari dal Mobile Payment?

Quali scenari dal Mobile Payment? Quali scenari dal Mobile Payment? 9 Giugno 2011 Filippo Renga filippo.renga@polimi.it La dinamica del mercato dei Media in Italia: Non Digitali vs. Digitali 16.000 14.000 12.000 14.570 14.150-16% 11.910

Dettagli

Marketing nel commercio elettronico Parte 1

Marketing nel commercio elettronico Parte 1 Marketing nel commercio elettronico Parte 1 Dr. Stefano Burigat Dipartimento di Matematica e Informatica Università di Udine www.dimi.uniud.it/burigat stefano.burigat@uniud.it Marketing Marketing: insieme

Dettagli

E-Commerce Consumer Behaviour Report 2010

E-Commerce Consumer Behaviour Report 2010 E-Commerce Consumer Behaviour Report 2010 Milano, 18 maggio 2010 Perché un altra ricerca sull E-Commerce L 2010 è una ricerca effettuata da ContactLab in collaborazione con Netcomm, tramite questionario

Dettagli

Il turismo in Lombardia: una lettura

Il turismo in Lombardia: una lettura Il turismo in Lombardia: una lettura fra dati e tendenze Magda Antonioli - Università Bocconi Stati generali in Lombardia 18 aprile 2011 AGENDA 1 L andamento generale 2 Il turismo in Lombardia 3 Focus

Dettagli

Note su un sondaggio con utenti di Internet di sensibilità cattolica tradizionalista

Note su un sondaggio con utenti di Internet di sensibilità cattolica tradizionalista Note su un sondaggio con utenti di Internet di sensibilità cattolica tradizionalista PierLuigi Zoccatelli Brevi cenni sull indagine Nella settimana fra il 30 settembre e il 7 ottobre 2010 si è svolta un

Dettagli

Banca e cliente cavalcano l onda del Mobile

Banca e cliente cavalcano l onda del Mobile Saldo/lista movimenti c/c Ricarica cellulare Ricerca sportelli Bancomat/ATM più Ricerca filiali più vicine Bonifici e giroconti Saldo/lista movimenti conto Ricarica carta di credito prepagata Informazioni

Dettagli

E-COMMERCE CONSUMER BEHAVIOUR REPORT 2011 ABSTRACT

E-COMMERCE CONSUMER BEHAVIOUR REPORT 2011 ABSTRACT E-COMMERCE CONSUMER BEHAVIOUR REPORT 2011 ABSTRACT LA SECONDA EDIZIONE DELLA RICERCA Dalla collaborazione tra ContactLab e Netcomm, il Consorzio del Commercio Elettronico, nasce l'idea di indagare i comportamenti

Dettagli

Modello Pubblicitario

Modello Pubblicitario w w w. h a r r i s i n t e r a c t i v e. f r NetObserver Italia Autunno 2007 Modello Pubblicitario Sommario Presentazione dello studio Metodologia dello studio Fattori che influenzano la decisione d acquisto

Dettagli

Mobile Internet: il punto di vista del consumatore

Mobile Internet: il punto di vista del consumatore www.osservatori.net Mobile Internet: il punto di vista del consumatore Gennaio 2011 L impianto della ricerca DOXA Settembre 2010 STEP 1 Ottobre 2010 STEP 2 Indagine CAWI (panel Doxa) questionario via Web

Dettagli

AD COMUNICATIONS COMPANY PROFILE AD COMUNICATIONS

AD COMUNICATIONS COMPANY PROFILE AD COMUNICATIONS COMPANY PROFILE SCHEDA TECNICA Campagne mirate di e-mail marketing. L e-mail marketing è un mezzo che consente di ottenere in modo continuo nuovi flussi di contatti commerciali qualificati e mirati (ovvero

Dettagli

FOCUS. www.wikabu.com

FOCUS. www.wikabu.com FOCUS WIKABU: l innovativa app mobile che consente agli utenti di scoprire dove acquistare i prodotti visti in pubblicità (cartacea, cartellonistica e digitale). Il servizio mira a soddisfare sia il bisogno

Dettagli

E-COMMERCE SEMPRE PIU DIFFUSO, 3 UTENTI DI ALFEMMINILE.COM SU 4 COMPRANO ABITUALMENTE ONLINE

E-COMMERCE SEMPRE PIU DIFFUSO, 3 UTENTI DI ALFEMMINILE.COM SU 4 COMPRANO ABITUALMENTE ONLINE Comunicato Stampa Milano, 27 novembre 2012 E-COMMERCE SEMPRE PIU DIFFUSO, 3 UTENTI DI ALFEMMINILE.COM SU 4 COMPRANO ABITUALMENTE ONLINE Vantaggio economico e facilità nel reperire i prodotti i key driver

Dettagli

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari

Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Collaborazione: gli entusiasti ed i ritardatari Obiettivi di apprendimento Sono sempre di più le aziende interessate ad approfondire la conoscenza degli strumenti di collaborazione per migliorare la propria

Dettagli

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute)

A cura di Elena Barbera, Elisa Ferro, Claudio Tortone DoRS Regione Piemonte (Centro Regionale di Documentazione per la Promozione della Salute) PROGETTARE MATERIALE COMUNICATIVO EFFICACE DI EDUCAZIONE ALLA SALUTE: PRE-TEST SPERIMENTALE DI UNA BROCHURE BASATA SU TEORIE SPECIFICHE PER AUMENTARE LE CONOSCENZE J.R.D. Whittingham 1, R.A.C. Ruiter 1,

Dettagli

Progetto Happy. La partecipazione al progetto Happy consente di utilizzare le potenzialità del web per la promozione e lo sviluppo delle attività con:

Progetto Happy. La partecipazione al progetto Happy consente di utilizzare le potenzialità del web per la promozione e lo sviluppo delle attività con: Progetto Happy visibilità e promozioni web per sviluppare sul territorio la diffusione di prodotti e servizi specialistici di attività tradizionali idealmente riunite in percorsi tematici dei settori:

Dettagli

Workshop Web marketing a supporto dell'internazionalizzazione d'impresa. Reggio Emilia, 10 luglio 2014

Workshop Web marketing a supporto dell'internazionalizzazione d'impresa. Reggio Emilia, 10 luglio 2014 Workshop Web marketing a supporto dell'internazionalizzazione d'impresa Reggio Emilia, 10 luglio 2014 MAURIZIO MENNITI CLIENT MANAGER https://www.linkedin.com/in/mauriziomenniti AGENDA COMMERCIO ELETTRONICO

Dettagli

FocusReport3. KIBS: il percorso della conoscenza. EBiComLab. nella provincia di Treviso. agosto 2014. Centro studi sul terziario trevigiano

FocusReport3. KIBS: il percorso della conoscenza. EBiComLab. nella provincia di Treviso. agosto 2014. Centro studi sul terziario trevigiano FocusReport3 agosto 2014 KIBS: il percorso della conoscenza Filcams-CGIL Fisascat-CISL Uiltucs-UIL Secondo i dati forniti dall Ufficio Studi e Statistica della Camera di Commercio Industria Artigianato

Dettagli

Indagine NetComm GfK Eurisko 2009 Il consumatore e l e-commerce

Indagine NetComm GfK Eurisko 2009 Il consumatore e l e-commerce Indagine NetComm GfK Eurisko 2009 Il consumatore e l e-commerce Edmondo Lucchi Milano, 7 maggio 2009 1 Metodologia Due ricerche dedicate ai consumatori e al commercio elettronico: Scenario dell e-commerce

Dettagli

La politica sul web: linguaggi, strumenti e nuove frontiere del dibattito politico in Rete

La politica sul web: linguaggi, strumenti e nuove frontiere del dibattito politico in Rete Terzo Osservatorio Internet sul fenomeno dell Instant Messaging in Italia La politica sul web: linguaggi, strumenti e nuove frontiere del dibattito politico in Rete Focus I giovani e la politica: un indagine

Dettagli

IL FUTURO. DELLA DISTRIBUZIONE nel turismo. II Edizione

IL FUTURO. DELLA DISTRIBUZIONE nel turismo. II Edizione DELLA DISTRIBUZIONE nel turismo II Edizione 3 2 chi siamo p 3 l' INDAGINE p 4 SCENARIO p 6 LA VENDITA previsioni CONCLUSIONI p14 p20 p24 3 Chi siamo AIGO è una società di consulenza in marketing e comunicazione

Dettagli

Psicologia dei Nuovi Media. Andrea Farinet

Psicologia dei Nuovi Media. Andrea Farinet Psicologia dei Nuovi Media Andrea Farinet 1. Psicologia dei nuovi media: riferimenti teorici e oggetti di analisi 2. Comprendere i nuovi media: da Internet all embodiment 3. Applicare la psicologia dei

Dettagli

I pagamenti nell'e-commerce: innovazioni e tendenze

I pagamenti nell'e-commerce: innovazioni e tendenze I pagamenti nell'e-commerce: innovazioni e tendenze Roberto Liscia Presidente Consorzio Netcomm E-PAY NETCOMM FORUM 2012 I SOCI Le attività del Consorzio Netcomm ATTIVITA DI LOBBYNG RICERCHE IL SIGILLO

Dettagli

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO TECA DEL MEDITERRANEO

Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011. Speciale: I casi. Introduzione dell'area tematica IL CASO TECA DEL MEDITERRANEO Estratto dell'agenda dell'innovazione e del Trade Bari 2011 Speciale: I casi Introduzione dell'area tematica IL CASO TECA DEL MEDITERRANEO Cap.12 Raggiungere nuovi clienti attraverso il marketing digitale

Dettagli

L evoluzione del consumatore Multicanale in Italia Giorgio Ferrari Media, Entertainment and Durables Industry Manager, Nielsen

L evoluzione del consumatore Multicanale in Italia Giorgio Ferrari Media, Entertainment and Durables Industry Manager, Nielsen L evoluzione del consumatore Multicanale in Italia Giorgio Ferrari Media, Entertainment and Durables Industry Manager, Nielsen Key findings 2007 Il contesto di riferimento La ricerca svolta nel 2007 ha

Dettagli

Il giornale del futuro è senza pubblicità? Uno studio integrale dell Università di San Gallo su incarico di Publicitas

Il giornale del futuro è senza pubblicità? Uno studio integrale dell Università di San Gallo su incarico di Publicitas Il giornale del futuro è senza pubblicità? Uno studio integrale dell Università di San Gallo su incarico di Publicitas Corporate Communications Zurigo 13 Maggio 2014 Il giornale del futuro sarà senza pubblicità?

Dettagli

L E-commerce per le imprese umbre: Nuove opportunità di vendita in Italia e nel Mondo

L E-commerce per le imprese umbre: Nuove opportunità di vendita in Italia e nel Mondo L E-commerce per le imprese umbre: Nuove opportunità di vendita in Italia e nel Mondo Giulio Finzi Segretario Generale Netcomm Perugia- 15 Dicembre 2011 La nostra missione è contribuire allo sviluppo dell

Dettagli

Comunicazione e media

Comunicazione e media Comunicazione e media (pp. 519 571 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale Il futuro della rete, tra sicurezza delle transazioni e gratuità dei contenuti

Dettagli

Estratto dal paper: Il processo di adozione delle tecnologie informatiche nelle imprese artigiane di servizio: un analisi multivariata

Estratto dal paper: Il processo di adozione delle tecnologie informatiche nelle imprese artigiane di servizio: un analisi multivariata Estratto dal paper: Il processo di adozione delle tecnologie informatiche nelle imprese artigiane di servizio: un analisi multivariata Pinuccia Calia, Ignazio Drudi La diffusione e la penetrazione dell

Dettagli