UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE SEDE DI MILANO TESI DI LAUREA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE SEDE DI MILANO TESI DI LAUREA"

Transcript

1 UNIVERSITÀ CATTOLICA DEL SACRO CUORE SEDE DI MILANO FACOLTÀ DI Scienze linguistiche e letterature straniere CORSO DI LAUREA IN Scienze linguistiche TESI DI LAUREA LA COMUNICAZIONE AZIENDALE NELL ERA DELLO STORYTELLING: LA NARRATOLOGIA COME NUOVO STRUMENTO DI MANAGEMENT Relatore: Ch.ma Prof.ssa Rossella Chiara Gambetti Correlatore: Ch.mo Prof. Edoardo Teodoro Brioschi Candidata: Cristina Fona Matricola N ANNO ACCADEMICO 2010/2011

2 A mio nonno Pietro, che porto sempre con me

3 Non è mai troppo tardi, o nel mio caso, troppo presto, per essere quel che vuoi essere. Non c è limite di tempo, comincia quando vuoi, puoi cambiare o rimanere come sei, non esiste una regola in questo,possiamo vivere ogni cosa al meglio o al peggio. Spero che tu viva tutto al meglio, spero che tu possa vedere cose sorprendenti, spero che tu possa avere emozioni sempre nuove, spero che tu possa incontrare gente con punti di vista diversi, spero che tu possa essere orgogliosa della tua vita, e se ti accorgi di non esserlo, spero che tu trovi la forza di ricominciare da zero. Dal film Il curioso caso di Benjamin Button Angela, perché la vita si riduce a così poco? E dov è la clemenza? Dov è il rumore del cuore di mia madre? Dov è il rumore di tutti i cuori che ho amato? Dammi un cesto figlia mia, il cestino con cui andavi all asilo. Voglio metterci dentro, come lucciole nel buio, i bagliori che hanno attraversato la mia vita. Non ti muovere Margaret Mazzantini Bisogna avere ancora il caos dentro di sé per partorire una stella danzante. Friedrich Nietzsche

4 INDICE INDICE 1 RINGRAZIAMENTI 5 INTRODUZIONE 7 1. LA COMUNICAZIONE D IMPRESA ISTRUZIONI PER L USO: UNA RIFLESSIONE MULTIDISCIPLINARE LA CORPORATE COMMUNICATION: FRA MODELLI E NUOVE REALTÀ I TRE PILASTRI DELLA CORPORATE COMMUNICATION La Corporate Image La Corporate Identity La Corporate Reputation I CAMPI D ESPRESSIONE E GLI STRUMENTI DELLA C.C Dalla comunicazione di crisi alla B to B: i campi d espressione della C.C Dalla comunicazione eventi alla pubblicità: tecniche e strumenti della C.C IL NUOVO CONTESTO MEDIATICO WEB 2.0: NUOVE PRATICHE COMUNICATIVE L IDENTITÁ AZIENDALE IL CONCETTO D IDENTITÀ: UNA BREVE INTRODUZIONE LA CORPORATE IDENTITY: MODELLI E FUNZIONI LE IDENTITÀ DELL AZIENDA: FRA STORIA, CULTURA E PERSONALITÀ Corporate identity ed organizational identity Identità, cultura e sottoculture Fra storia e biografia in azienda La strategia d impresa: mission e vision CORPORATE IDENTITY MANAGEMENT Il Corporate identity policy planning: Van Riel Identity formation, maturation and dissemination: Melewar Il Soul Searching: Brioschi e l ottica della comunicazione 90 1

5 2.5 IL METRO DELLA CORPORATE IDENTITY E DEL CIM IL CORPORATE STORYTELLING COMUNICAZIONE NARRATIVA E NARRATOLOGIA: I FONDAMENTI LA MODERNITÀ DELLA FIABA: LE TEORIE DELLA NARRATIVITÀ Propp e la scuola russa ( ) Greimas e la scuola francese ( ) Chatman ed Eco: passeggiando fra Storia e discorso e Lector in fabula La psicologia cognitiva e narrativa: il pensiero di Bruner Vogler e gli american studios: il viaggio dell eroe Il nostro finale: una breve sintesi delle puntate precedenti STORYTELLING E IMPRESA: STUDI ITALIANI ED ESTERI La rinascita dello storytelling: the narrative turn Corporate storytelling: da Denning a Fontana fra ricercatori e guru IL RACCONTO NEL WEB 2.0: CORPORATE DIGITAL STORYTELLING E TRANSMEDIA STORYTELLING L ORGANIZZAZIONE SI RACCONTA I CAMPI D INTERVENTO NELLA COMUNICAZIONE D IMPRESA RACCONTARE L IDENTITÀ AZIENDALE: STORYTELLING E C.I Cees Van Riel: the Sustainable Corporate Story Andrea Fontana: Fabula impresa e storytelling experience IMPRESA REGISTA DI SAPERI: CRITICITÀ E PROBLEMATICHE STORY-FACTORY: I CASI D ANALISI UN MODELLO DI IMPRESA NARRANTE: LA APPLE DI JOBS MONTE DEI PASCHI DI SIENA: UNA STORIA ITALIANA Una banca italiana: Monte dei Paschi di Siena Una storia italiana- La nostra Italia E l Italia a rendere unica la nostra storia MULINO BIANCO: IL MULINO CHE VORREI E LE SORPRESINE Dal Mulino Bianco al Mulino che Vorrei 187 2

6 5.3.2 Nel Mulino che Vorrei e il blog delle sorpresine: una storia che vive con noi Un brand partecipativo, una marca che si racconta nel tempo GRUPPO AMATORI: VIAGGIARE TERRA E MARE Un Tour Operator made in Italy Viaggiare Terra e Mare: una storia fra mondi diversi Una storia per viaggiare anche con la fantasia COME UNA STORIA PUÒ CAMBIARE LA SOCIETÀ LA COMUNICAZIONE E L IMPRESA OGGI OLTRE LA CRISI ACCOMPAGNARE L ORGANIZZAZIONE, NARRANDOLA IL FILO DI ARIANNA: BEYOND THE TALE 206 ALLEGATI 209 BIBLIOGRAFIA 211 ARTICOLI CONSULTATI 213 SITI E DOCUMENTI 216 INDICE DELLE IMMAGINI 221 3

7 4

8 RINGRAZIAMENTI Nei due anni che hanno scandito il mio percorso universitario, ho avuto la fortuna di avere al mio fianco persone che hanno saputo consigliarmi, guidarmi e darmi conforto nelle difficoltà. A tutte queste persone rivolgo un ringraziamento particolare, per essere stati capaci di vedere in me la luce anche nei momenti più bui. In modo particolare vorrei ringraziare: i miei genitori per aver accettato e sostenuto le mie scelte, per la loro presenza costante capace di superare ogni distanza; mio fratello, che mi aiuta sempre, il mio migliore amico e il primo lettore ufficiale della tesi; gli zii Domenico e Margherita con i quali sono cresciuta e che mi sono stati vicini in ogni momento della mia vita; mia zia Mina, per i consigli, l ospitalità, l affetto e tutte le attenzioni che mi dedica; gli zii Giuseppe e Marì, per la fiducia che hanno sempre riposto nelle mie capacità; tutti la mia grande famiglia, zii e cugini, perché negli anni ti rendi conto che il calore di una famiglia bella e unita è un qualcosa di insostituibile; il mio ragazzo, per aver capito le mie scelte e aver trovato sempre un po di tempo per ascoltarmi e consigliarmi nonostante il lavoro, l università e la distanza; ma soprattutto grazie per avermi aspettata; le amiche di sempre Dolores e Sara e le mie compagne di liceo Giulia, Silvia, Rosi, Irene e Zalea perché ritrovarsi con loro è come sentirsi finalmente a casa; gli amici e colleghi dell università di Brescia, per l amicizia che dura da ormai cinque anni e che ci tiene legati malgrado le distanze; grazie a Marta, Eleonora, Monica, Anna, Marco, Roberto, Andrea, Giulia, Mariagiovanna, Chiara le mie amiche e compagne universitarie Melania e Giulia, per avermi sopportata durante questi due anni universitari a Milano e per la bella amicizia che ci unisce; le mie coinquiline Claudia, Laura e Tania, per le amorevoli cure e perché con le loro parole riescono sempre a farmi ritrovare il sorriso; Angelo, per gli spunti nella redazione della tesi; 5

9 le coinquiline di Parigi con le quali ho condiviso emozioni meravigliose ed un anno intero da rivivere; grazie a Monica, Elena e Daniela; i professori dell Università Cattolica di Brescia e di Milano per quanto mi hanno insegnato in questi anni, non soltanto dal punto di vista accademico ma anche a livello umano. In particolare ringrazio la professoressa Chiara Molinari per avermi aiutata e supportata durante il periodo d erasmus in Francia e la professoressa Marisa Verna per i grandi insegnamenti; la mia relatrice, la professoressa Rossella Gambetti, per avermi insegnato le basi della comunicazione aziendale, facendomi appassionare attraverso le sue lezioni a questo campo di studi; gli insegnanti dell università Sorbonne Paris IV-CELSA e tutte le persone che ho conosciuto a Parigi, perché mi hanno lasciato davvero tanto; il dott. Gabriele Qualizza per la disponibilità nel rispondere alle mie domande e per gli spunti forniti durante l elaborazione della tesi ed il dott. Michele Luconi per la sua testimonianza ed i consigli; gli insegnanti, le coordinatrici e i compagni del Master dell Università Cattolica di Media Relations, perché in questi mesi con loro sono cresciuta e mi sono divertita, imparando molto della vita e della professione. A tutte queste persone e a quelle che sicuramente ho dimenticato di menzionare ma conservo nel cuore, auguro una buona vita! La gioia di vivere mi hanno insegnato i miei genitori e maestri non dipende dal successo, ma dal fatto di occupare il proprio posto nel mondo, nella fedeltà a quello che siamo chiamati a essere e fare, sulla base dei nostri talenti e dei nostri limiti ( ). Ciascuno di noi è la propria vocazione, la propria chiamata, il proprio compito. Sul tempio di Apollo a Delfi c era scritto «Conosci te stesso». Da lì prese le mosse il pensiero occidentale ed è lì che bisogna guardare per questa crisi che è prima ancora che economica, una crisi di senso e di identità (A. D Avenia) 6

10 INTRODUZIONE Il lavoro occuperà gran parte della vostra vita e per essere veramente soddisfatti dovete fare qualcosa di veramente buono. E per fare qualcosa di veramente buono dovete amare quello che fate. Se non l'avete ancora trovato, continuate a cercare. Non accontentatevi. Come capita sempre nelle faccende di cuore, quando avrete trovato ciò che amate ve ne accorgerete immediatamente. E come capita nei rapporti profondi, le cose col passare degli anni non fanno che migliorare. Quindi continuate a cercare finché non troverete quello che cercate. Non accontentatevi. 1 Q (Steve Jobs) uesta storia è una storia di ricerca, la mia. Ma è anche l incontro di tante altre storie di uomini che ogni giorno costruiscono la realtà che ci circonda, la storia delle loro imprese, grandi e piccole e delle persone che ne fanno parte. Imprese intese come atti eroici, ed imprese intese come organizzazioni, collettività, gente che lavora, che crea ogni giorno con le sue mani un pezzo di mondo: dal dirigente di Fiat, all operaia di Barilla, dal ricercatore di medicina, alla cassiera della Coop. Ogni individuo partecipa della vita di comunità ed organismi e dà valore con il suo piccolo a ciò di cui si occupa e con le sue scelte, i prodotti che consuma, i programmi che guarda in tv, che ascolta alla radio costruisce un universo di senso, una sua identità. La mia ricerca prende spunto dalle parole pronunciate da Steve Jobs agli studenti dell università di Stanford prima della consegna dei diplomi. Questo frammento è un piccolo stralcio di una parabola di vita, un esempio magistrale di storytelling, ma anche un insegnamento di indubbio valore morale fatto da un personaggio che ha rivoluzionato il mondo della tecnologia e dell animazione. La sua filosofia è diventata la filosofia di un azienda e dei suoi prodotti. Il suo spirito ci accompagnerà lungo il percorso del mio lavoro di ricerca, ma segnerà anche i passi di una mia ricerca personale e formativa. Le pagine che stringete tra le mani, vogliono essere una sintesi del mio percorso universitario e del lavoro portato avanti negli ultimi due anni fra esperienze all estero e professionali. L idea nasce da interessi maturati nel corso del tempo e dal bisogno di approfondire tematiche oggi estremamente attuali: l importanza rivestita dalla comunicazione in contesto 1 7

11 aziendale, il ruolo del giornalismo d impresa e delle relazioni pubbliche, il concetto di identità aziendale e le modalità attraverso cui veicolare tale concetto. All interno di questo campo ho trovato numerosi spunti di riflessione che hanno contribuito a risvegliare il mio spirito critico e a mutare il mio sguardo nei confronti dei processi che coinvolgono una società in continua evoluzione. La mia scelta si sviluppa al bivio tra due esperienze: l attività accademica in Italia che ha fatto sì che mi avvicinassi in poco tempo all ambito della comunicazione e il mio anno di studio a Parigi, corredato da uno stage svolto in un agenzia di comunicazione nel polo di Corporate communication, in cui ho avuto la possibilità di applicare quanto visto in teoria. Quando ho cominciato a pensare a questo lavoro, non avrei mai immaginato di trovarmi di fronte tante idee, tante personalità, tanti ostacoli. Nel momento di mettere nero su bianco quanto raccolto, mi sono accorta di aver molta materia fra le mani, senza sapere esattamente come l avrei formata. Mano mano il progetto si è fatto più chiaro e come Raffaello era solito fare con le sue opere, ho cominciato a limare, a togliere materia, a dare una parvenza di linearità al racconto. Ho deciso in quel momento che avrei intrapreso l avventura di questa tesi con uno spirito diverso, e con una prospettiva più ampia rispetto ai tradizionali studi di comunicazione aziendale. In queste pagine ho voluto mettere in gioco me stessa e la mia esperienza professionale e di vita, facendo di tante storie un unica storia e di una ricerca la mia ricerca. La mia sfida vuole essere quella di fornire al lettore un approccio multi prospettico della comunicazione, come una chiave capace di aprire molte porte. Per farlo mi son mossa nell ambito della comunicazione narrativa, esplorando le capacità originarie dell essere umano e le potenzialità del racconto. Ma avere la chiave non significa poter aprire qualsiasi porta; si tratta di trovare la giusta combinazione, la giusta formula capace di muovere le cose. Così funziona anche per i racconti: ci sono storie scritte bene, altre male, alcune ci appartengono altre ci sfiorano a malapena. L utilizzo di questo mezzo per comunicare valori, identità, emozioni appartiene a ciascuno di noi: ci si racconta con parole, gesti, comportamenti, fotografie, video, messaggi. Ancora più interessante è pensare a come una collettività possa sfruttare tale strumento per parlare di sé: è il caso delle organizzazioni, di cui ci occuperemo in questa tesi, una moltitudine di storie che si incontrano per formarne una sola, un identità apparentemente condivisa sotto un unica firma, ma a volte contestata, altre osannata 8

12 Dove sta il connubio tra comunicazione e racconto? Come possiamo utilizzarlo al meglio senza forzare troppo la mano? In un era di crisi in cui l individuo cerca dei valori stabili, dei punti di riferimento, delle ancore a cui aggrapparsi, quello che vorrei sottolineare è un cambiamento nelle modalità di creazione del capitale economico, cambiamento dei grandi organismi che si muovono oggi consci delle responsabilità che ricoprono nei confronti dei singoli. La loro attività non si situa solo nell ambito della produzione ma anche nella necessità di un riconoscimento da parte della società, grazie al quale conferire valore al proprio operato. Queste in breve le linee guida che ci accompagneranno lungo questo percorso alla scoperta della narrazione d azienda e del racconto che è insito in ciascuno di noi. Nei prossimi capitoli vedremo innanzitutto cos è la comunicazione ed in particolare come si configura la comunicazione d impresa, sviluppando i concetti di identità aziendale, immagine, reputazione e cultura. Nell ultima parte del primo capitolo delineeremo anche la situazione della comunicazione nel panorama mediatico attuale e le possibilità offerte dal mondo digitale e dal web 2.0. Successivamente il secondo capitolo si impegnerà a definire i principi su cui si basa la comunicazione narrativa dalla sua fondazione sino alle recenti applicazioni nei diversi campi del sapere dal teatro sino al marketing e alla pubblicità. Vedremo poi come la pratica dello storytelling possa essere sfruttata in ambito aziendale, quale sia l efficacia dell analisi narrativa e quali i campi d intervento, per arrivare poi a presentare dei quadri aziendali che facciano uso della narrazione come strumento di management al fine di mantenere salda la propria identità e veder riconosciuto il proprio operato all interno del contesto politico e sociale. Nella parte conclusiva tireremo le fila del discorso, proponendo uno sguardo attento sugli scenari futuri, scenari che vedranno molto probabilmente la comunicazione diventare uno strumento di indiscutibile rilevanza all interno della sfera manageriale politicoeconomica. Prima di lasciarvi alla lettura, mi piacerebbe concludere quest introduzione così come l ho iniziata, con le parole finali del discorso di Steve Jobs, un augurio ai ragazzi di ieri e a quelli di oggi, che lascio come tesoro ai lettori di questa tesi: 9

13 Eravamo verso la metà degli anni Settanta e avevo la vostra età. Sul retro della rivista c'era la foto di una strada di campagna alle prime luci dell'alba, il tipo di strada che potreste vedere anche voi se foste così avventurosi da alzarvi presto per fare l'autostop. Sotto la foto la didascalia diceva: "Continuate ad aver fame. Continuate ad essere folli". Era il loro messaggio di addio. Continuate ad aver fame. Continuate a essere folli. È un augurio che ho sempre fatto a me stesso. Ed è lo stesso augurio che faccio a voi nel giorno della laurea. (Steve Jobs) 10

14 1. LA COMUNICAZIONE D IMPRESA Nessuno che impari a pensare può tornare ad obbedire come faceva prima, non per spirito ribelle, ma per l abitudine ormai acquisita di mettere in dubbio ed esaminare ogni cosa. (H. Arendt) 1.1 Istruzioni per l uso: una riflessione multidisciplinare C he cos è la comunicazione d impresa? Quale ruolo svolge all interno della nostra società? Vorrei partire da questi interrogativi apparentemente semplici per cercare di far luce su un tema molto importante, che permea il nostro vivere quotidiano, tema che riguarda da un lato l atto primo d esistenza dell uomo, l atto del relazionarsi con, e dall altro l utilizzo dello stesso da parte di soggetti molteplici e diversificati quali le aziende. Esistono oggi numerosi tentativi di dare delle definizioni più o meno precise di questo processo tanto che spesso esse vengono a sovrapporsi o ad integrarsi a vicenda sino a trovare ampliamenti e nuove applicazioni all interno di recenti ambiti di ricerca. Malgrado ciò è impossibile esimersi da questo compito, il quale risulta essere fondamento per la nostra discussione e per le pagine a venire. A tal proposito mi piacerebbe portare l attenzione del lettore su due concetti chiave: il termine comunicazione e il termine impresa. Il concetto di comunicazione gravita intorno ad un innumerevole spettro di significati nutriti dal sapere delle scienze che nel corso del tempo se ne sono occupate: dalla sociologia alla linguistica, dalla filosofia alle scienze dell informazione, dalla psicologia alla politica. Ogni punto di vista diverso sull argomento ha una sua ragion d essere ben precisa che non abbiamo al momento tempo sufficiente per analizzare in profondità. Ci limiteremo in questa sede a raccogliere alcuni dati di fondo che ci permettano di mettere in evidenza le chiavi di volta su cui la comunicazione si fonda. Per questo motivo mi rifaccio all introduzione del libro Lezioni di filosofia della comunicazione 1 del professor Ugo Volli, semiologo ed esperto di comunicazione, il quale afferma che l uomo è un animale che parla, vive nel linguaggio. Si 1 VOLLI U., Lezioni di filosofia della comunicazione, Editori Laterza, 2008, Roma 11

15 tratta di un pensiero che ci riporta indietro nel tempo, un intuizione che vanta nomi quali Platone ed Aristotele sino alla più moderna ideologia Heideggeriana. Oggi quest idea si è evoluta e lo studio del linguaggio e della relazione esistente tra uomo e parola viene analizzata sotto il profilo di una nuova categoria, la comunicazione. E con uno sguardo rivolto all evoluzione di un concetto così profondo che la constatazione: La comunicazione ci circonda, risulta quasi banale. La natura comunicativa infatti è insita nell uomo, ed è presente in esso secondo tre livelli di coinvolgimento comunicativo: come cerchio che ci circonda sempre, come rete che ci unisce agli altri, come sguardo che interroga ed interpreta il mondo. La relazione che il soggetto instaura con l altro da sé è quindi uno dei primi pilastri che definisce il verbo comunicare 1. A questa accezione è necessario aggiungere un altro elemento molto importante su cui si fonda tale relazione, ovvero l esperienza. L entrata in contatto con l altro si manifesta sempre attraverso un frame di sapere condivisi e la costruzione di conoscenze nuove, maturate nell arco dello scambio comunicativo come interazione. A tal proposito mi sembra rilevante la definizione data da un altro grande esperto di comunicazione, Gianfranco Bettetini: Comunicare significa mettere in comune beni simbolici 2. Con ciò egli intende specificare la natura profondamente partecipativa del processo comunicativo nel quale gli interlocutori hanno lo stesso peso e i destinatari possono agire come emittenti 3. Abbiamo in poche righe delineato un quadro abbastanza completo del fenomeno: la comunicazione è un processo che implica il relazionarsi di un soggetto con l altro, é uno scambio comunicativo di beni simbolici caratterizzato da una struttura circolare basata sul feedback, ovvero sulla dinamica della risposta. A questo quadro dobbiamo aggiungere un elemento che ci verrà molto utile in seguito. E importante sottolineare infatti come ogni atto comunicativo sia di per sé manipolatorio. Ovvero, la comunicazione è sempre intrisa di retorica, una retorica naturale come la definisce Lausberg in opposizione alla retorica scolastica 4. Il soggetto attraverso il proprio atto, la propria, parola mira a produrre degli 1 Per ulteriori approfondimenti si consiglia la lettura di PETROSINO SILVANO L esperienza della parola. Testo, moralità e scrittura, Vita e Pensiero, 2008, Milano 2 BETTETINI G., op. cit. p Ibid. p PETROSINO S., op. cit. pp

16 effetti, ad ottenere delle risposte, o meglio, a modificare la situazione attuale. Per farlo attualizza volontariamente delle forme retoriche nel suo discorso. Sintetizzando possiamo quindi affermare che ogni atto comunicativo è per sua natura manipolatorio, nel senso che tende a mutare la circostanza presente. Oltre a questo nodo molto importante della questione non vanno dimenticati alcuni modelli di riferimento sui quali si fondano le precedenti riflessioni, in particolar modo il modello di trasmissione delle informazioni di Shannon Weaver poi rivisitato da Roman Jakobson alla luce delle sei funzioni del linguaggio da lui individuate. Tale schema può essere riassunto come segue 1 : Figura 1.1 Schema generale della comunicazione elaborato da Roman Jakobson In questo modello è chiaro come un processo comunicativo funzioni seguendo la logica della retroazione o feedback a cui sono soggetti sia l emittente, colui che invia, che il destinatario, colui che riceve un messaggio X, attraverso un dato canale, in un contesto determinato. E necessario prendere nota di questo sistema in quanto esso risulta essere alla base di ogni processo comunicativo: dalla notizia che abbiamo sentito al telegiornale, al comunicato 1 La figura 1.a è tratta dalla presentazione online di Lorenza Rossini La Corporate communication /2006 %20concetti%20base.pdf 13

17 stampa di una data azienda, al semplice rimprovero che abbiamo fatto a nostro figlio. Ad esso va aggiunto che ogni atto di comunicazione non sempre va a buon fine e questo determina un incomprensione oppure un lack d informazione che deve essere colmato. Sebbene tali gap dovrebbero essere evitati, in alcuni casi possono essere sfruttati in vista di un benefit ulteriore. E bene sottolineare inoltre che non serve un progetto preciso o una strategia per mettere in moto lo schema visto in precedenza: ogni individuo, azienda, ente o gruppo sociale comunica per il semplice fatto di esistere. Questo è uno dei principi fondamentali su cui si basano le teorie della comunicazione, principio che ci rimanda al primo concetto da noi affrontato all inizio del capitolo e già elaborato dalla filosofia antica, ovvero l idea che l uomo sia un animale razionale che comunica. Quindi se è troppo facile e semplicistico affermare che tutto è comunicazione, si può però tranquillamente dire che ogni azione comporta una componente comunicativa: così come l indirizzo di studi pragmatici ci porta a considerare che ogni dire è anche un fare 1, affermazione che non può che coadiuvare la riflessione precedente. Date le premesse per una maggiore comprensione del fenomeno comunicativo, passiamo ora a parlare dell impresa quale soggetto implicato in tale processo. Innanzitutto con il termine impresa intendiamo indicare non soltanto le aziende cosiddette profit, ma anche tutte le organizzazioni con o senza scopo di lucro, pubbliche o private. Per comodità nel corso del testo troverete il termine organizzazione ricorrere insieme ad altri quali azienda o impresa utilizzati come sinonimi, questo solo in vista di una migliore resa linguistica e nell ottica di evitare delle ripetizioni. Fatto questa rapido appunto, entriamo ora nel vivo della questione. Al fine di concepire l azienda come soggetto parlante è necessario immaginarla come un organismo tendente all unità. Si tratta evidentemente di un intento utopistico, in quanto ogni organizzazione è formata da una pluralità di individui differenziati e di compartimenti distinti a seconda delle mansioni e secondo una gerarchia ben precisa. Tuttavia la concezione sistemica dell azienda, fondata sulla teoria generale dei sistemi 2 di Ludvig Von Bertalannfy, risulta utile per comprendere l attività comunicativa svolta dall azienda stessa. Tale teoria 1 BETTETINI G., op cit. p. 44 In riferimento agli studi di linguistica pragmatica si veda AUSTIN J. L., How to do things with words, Harvard University Press, Per maggiori approfondimenti si veda 14

18 definisce le organizzazioni come degli insiemi complessi di parti interdipendenti che interagiscono per adattarsi ad un ambiente in continuo cambiamento al fine di raggiungere i loro obiettivi 1. Questo punto di vista risulta molto interessante soprattutto per l idea di individuare l organizzazione come un sistema composto da sottosistemi (dipartimenti, gruppi, individui), che si relazionano con dei sovra sistemi (mercati, pubblici esterni, politiche statali) nei quali si trovano inseriti, in un continuo passaggio di input ed output che condiziona le parti trasformandole e facendole evolvere. In tal senso l organizzazione non è statica ma si comporta da agente dinamico presente nella società come soggetto in crescita continua. Come tale, essa è centro vitale di costrutti socio-economici e porta con sé un frame di valori simbolici dall elevato valore cognitivo, entro i cui confini si autodefinisce. Questa considerazione anticipa il concetto di cultura aziendale che svilupperemo nel seguito del nostro lavoro, ma è utile in questa prima fase per definire cosa un azienda è e come si configura nel panorama odierno. Definiti i due concetti base è ora giunto il momento di trovare la giusta correlazione che spieghi le nostre premure nella contestualizzazione iniziale: qual è il rapporto fra impresa e comunicazione? Da quanto detto in precedenza è facile comprendere che le aziende comunicano sempre: esse si esprimono non solo attraverso ciò che dicono intenzionalmente (ad esempio, le proprie campagne pubblicitarie), ma anche attraverso quello che mostrano (ad esempio il design dei prodotti, la forma degli edifici, la disposizione degli uffici) e quello che fanno (il comportamento dei loro membri) 2. Il punto successivo su cui vogliamo soffermarci è il seguente: cosa comunica di norma un impresa? In prima istanza possiamo dire che il contenuto dei suoi messaggi è teso ad affermare gli elementi finali della sua attività e a mettere in luce il loro valore, la loro efficacia, l utilità e il rendimento. Si tratta del lavoro portato avanti dall apparato pubblicitario, da intendersi non soltanto a livello referenziale ma anche valoriale: il prodotto e il servizio si trasformano in discorsi, spesso storie, che, per quanto ancorate alla concretezza dei loro presupposti di origine, se ne possono allontanare, avviando una produzione di senso sempre più libera, sempre meno materializzata, sempre più orientata in una prospettiva simbolica 3. Ad un 1 BETTETINI G., op. cit. p Ibid. p Ibid. p

19 secondo livello troviamo il discorso di marca, quel valore aggiunto che si unisce al prodotto e lo rende unico nell immaginario del consumatore. Infine il terzo livello di messaggi che l impresa porta in auge è costituito dalla sua entità, il suo essere soggetto partecipe della vita sociale sotto forma di identità aziendale o corporate identity, pensiero che svilupperemo adeguatamente nel corso del nostro lavoro. Applicando ora lo schema comunicativo individuato da Jakobson al caso specifico della comunicazione aziendale otterremo quanto segue 1 : Figura 1.2 La comunicazione nell organizzazione aziendale SISTEMA VALORIALE DI RIFERIMENTO: ETICA DELLA COMUNICAZIONE * MESSAGGIO: - emotivo - referenziale - conativo - poetico - fàtico MESSAGGIO IMPRESA O ORGANIZZAZIONE MESSAGGIO MESSAGGIO RICETTORE INTERNO O ESTERNO CULTURA DELL IMPRESA O DELL ORGANIZZAZIONE Dal quadro è evidente come il sistema comunicativo si adegui al contesto aziendale facendo emergere un nuovo elemento che per ora ci siamo limitati ad accennare: il ricettore. I destinatari del messaggio che il nostro ente invia si distinguono in due grandi tipologie: utenza esterna ed interna. Oggi questa suddivisione si fa più sfumata ed i vari pubblici 1 BETTETINI G., op. cit. figura p

20 vengono divisi secondo precisi ambiti d influenza: ambito finanziario, commerciale, istituzionale e gestionale. Il modello 1 sottostante sintetizza in breve quanto detto in relazione ai destinatari della comunicazione d impresa: Figura 1.3 I pubblici di riferimento della comunicazione aziendale A conclusione di questo capitolo introduttivo non ci resta che dirimere un ultimo quesito: quale obiettivo ci si pone nella gestione del processo comunicativo all interno di un organizzazione o di un impresa? La risposta a questa domanda non è così immediata quanto sembra. Ci limiteremo perciò ad una prima riflessione in merito, con il proposito di giungere in fase conclusiva ad una spiegazione più esauriente. La finalità che si pone l azienda e che ne definisce le condizioni di esistenza è anzitutto quella di continuare ad esistere attraverso la creazione di valore economico che le consenta di autogenerarsi nel tempo. L idea di creazione di valore in questo contesto va intesa come atto che consenta di accrescere il capitale economico. Ciò significa che uno delle funzioni principali della comunicazione è quella di diffondere questo valore, di canalizzarlo, in modo tale da generare un messaggio efficace, incrementare il patrimonio intangibile dell impresa rendendolo visibile nell ambiente economico e sociale in cui l azienda opera e andando ad aumentare a sua volta il vantaggio competitivo dell azienda stessa. 1 La figura 1.c è tratta dalla presentazione online di Lorenza Rossini La Corporate communication /2006 %20concetti%20base.pdf 17

MENU SERVIZI. marketing esperienziale

MENU SERVIZI. marketing esperienziale MENU SERVIZI marketing esperienziale Le ultime tendenze e studi nel mondo del marketing e della comunie hanno decretati una sempre maggiore diffusione del Marketing Esperienziale. Un esperienza ricca di

Dettagli

Comunicazione d impresa

Comunicazione d impresa Comunicazione d impresa Lorenza Rossini Anno 2005-2006 Programma I concetti fondamentali Le aree della comunicazione d impresa Gli strumenti e i mezzi della comunicazione Il piano di comunicazione Alcuni

Dettagli

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti.

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. Come sto andando in... analisi grammaticale Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. NON HO FATTO ERRORI IN... ARTICOLO

Dettagli

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB?

COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Registro 1 COME AVERE SUCCESSO SUL WEB? Guida pratica per muovere con successo i primi passi nel web INTRODUZIONE INDEX 3 6 9 L importanza di avere un dominio e gli obiettivi di quest opera Come è cambiato

Dettagli

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives

COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI. Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives COME SPIEGARE AI PICCOLI LE COSE DEI GRANDI Action 1 - Youth for Europe Sub-Action 1.2 - Youth Initiatives Prefazione Se mi fosse chiesto di indicare il senso di Fiabe giuridiche, lo rintraccerei nelle

Dettagli

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA!

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! I piccoli reporter della Guglielmo Marconi intervistano la dott.ssa Laura Bottini, psicologa che collabora con il nostro istituto. A cura del gruppo 4 dei Piccoli Reporter Quando

Dettagli

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO

IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO IL COUNSELING NELLE PROFESSIONI D AIUTO Obiettivi: Conoscere le peculiarità del counseling nelle professioni d aiuto Individuare le abilità del counseling necessarie per svolgere la relazione d aiuto Analizzare

Dettagli

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO

QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO QUESTIONARIO SUGLI STILI DI APPRENDIMENTO Le seguenti affermazioni descrivono alcune abitudini di studio e modi di imparare. Decidi in quale misura ogni affermazione si applica nel tuo caso: metti una

Dettagli

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai:

Livello A2. Unità 6. Ricerca del lavoro. In questa unità imparerai: Livello A2 Unità 6 Ricerca del lavoro In questa unità imparerai: a leggere un testo informativo su un servizio per il lavoro offerto dalla Provincia di Firenze nuove parole del campo del lavoro l uso dei

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA

AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA AMA TE STESSO PUOI GUARIRE LA TUA VITA HEAL YOUR LIFE WORKSHOP 4/5 OTTOBRE 2014 PRESSO CENTRO ESTETICO ERIKA TEMPIO D IGEA 1 E il corso dei due giorni ideato negli anni 80 da Louise Hay per insegnare il

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

l intervento, la ricerca che si sta progettando)

l intervento, la ricerca che si sta progettando) Definizione delle motivazioni che richiedono l attuazione del progetto (contesto e target) Il motivo è quello di lasciare a tutti un pensiero sull essere felici. Definizione chiara e coerente degli obiettivi

Dettagli

Il fumetto tra i banchi di scuola

Il fumetto tra i banchi di scuola Il fumetto tra i banchi di scuola Claudio Masciopinto IL FUMETTO TRA I BANCHI DI SCUOLA saggio A Pupa e Angelo Tutte le immagini sono Copyright dei loro autori, dei loro rappresentanti o di chi comunque

Dettagli

Comunicazione di massa

Comunicazione di massa Persuadere per prevenire: tecniche di comunicazione nelle campagne di prevenzione. Fiorenzo Ranieri 1 Le campagne di prevenzione in Italia sono fortemente condizionate dalla impostazione legislativa. Le

Dettagli

volontario e lo puoi fare bene».

volontario e lo puoi fare bene». «Ho imparato che puoi fare il volontario e lo puoi fare bene». Int. 8 grandi eventi e partecipazione attiva Una fotografia dei volontari a EXPO 2015 Dott.sa Antonella MORGANO Dip. di Filosofia, Pedagogia,

Dettagli

Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung

Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung La Comunicazione una premessa. Impara tutto quello che puoi sulla teoria, ma quando sei di fronte all altro dimentica il manuale. C.G. Jung La Teoria (Dalla scuola di Palo Alto Watzlawic) Lo studio della

Dettagli

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network

Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Esperienza possibile Progettare un intervento pastorale su Social Network Elaborazione di un esperienza pastorale utilizzando come mezzo di comunicazione un Social Network. I punti di partenza sono: Proposta

Dettagli

Tecniche di mediazione: introduzione alla comunicazione nuova figura professionale costruzione di una buona relazione tra le parti

Tecniche di mediazione: introduzione alla comunicazione nuova figura professionale costruzione di una buona relazione tra le parti Il procedimento di mediazione, oggi disciplinato dal DLgs n 28/2010, introduce nel nostro sistema una nuova figura professionale, quella appunto del mediatore che deve necessariamente possedere competenze

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G.

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS. Maria Luisa Cosso. Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007. Via G. UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI TORINO LECTIO DOCTORALIS Maria Luisa Cosso Aula Magna del Rettorato 24 luglio 2007 Via G. Verdi, 8 - Torino Magnifico Rettore, Signor Preside, Professor Conti, Signore e Signori,

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni)

IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Per prepararci all evento finale IDEE PER LA DOCUMENTAZIONE (estratto dalle precedenti edizioni) Mentre le attività scolastiche e quelle delle ACS stanno svolgendosi ancora a pieno ritmo, cominciamo a

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

Come scrivere una lettera di presentazione?

Come scrivere una lettera di presentazione? Come scrivere una lettera di presentazione? Dividerla in tre sezioni: 1. Perché sto scrivendo e chi sono: Se state rispondendo ad un annuncio, inserzione, sui giornali, siti-web ecc allora potete esordire

Dettagli

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE

LAUREA DI PRIMO LIVELLO: GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE SCUOLA DI ECONOMIA E STATISTICA CORSI DI LAUREA IN ECONOMIA DOCUMENTO DI INDIRIZZO PER LA PREPARAZIONE DELL ELABORATO FINALE LAUREA TRIENNALE - LAUREA SPECIALISTICA - LAUREA MAGISTRALE La Scuola di Economia

Dettagli

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica.

PREMESSA. L idea è che a studiare si impara. E nessuno lo insegna. Non si insegna a scuola e non si può imparare da soli, nemmeno con grande fatica. PREMESSA I libri e i corsi di 123imparoastudiare nascono da un esperienza e un idea. L esperienza è quella di decenni di insegnamento, al liceo e all università, miei e dei miei collaboratori. Esperienza

Dettagli

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP).

Intervista a Gabriela Stellutti, studentessa di italiano presso la Facoltà di Lettere dell Università di São Paulo (FFLCH USP). In questa lezione abbiamo ricevuto Gabriella Stellutti che ci ha parlato delle difficoltà di uno studente brasiliano che studia l italiano in Brasile. Vi consiglio di seguire l intervista senza le didascalie

Dettagli

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting

La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro. Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro Corso a cura di Agape Consulting La comunicazione per il successo nella vita e nel lavoro La capacità di comunicare e di negoziare è il principale

Dettagli

Marketing e Comunicazione del settore bancario Il caso italiano dell Unicredit

Marketing e Comunicazione del settore bancario Il caso italiano dell Unicredit ALMA MATER STUDIORUM - UNIVERSITA' DI BOLOGNA SCUOLA DI LETTERE E BENI CULTURALI Corso di laurea magistrale in Scienze della comunicazione pubblica e sociale Marketing e Comunicazione del settore bancario

Dettagli

Roberto Farnè Università di Bologna

Roberto Farnè Università di Bologna Roberto Farnè Università di Bologna Ora l apertura della parte scientifica a questi lavori, per capire innanzitutto il senso di questo appuntamento. Non abbiamo bisogno, nessuno di noi credo abbia bisogno

Dettagli

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO

PROGETTO EDUCATIVO ISTITUTO PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO ANNO SCOLASTICO 2012/2013 Pag. 1 di 6 PROGETTO EDUCATIVO DI ISTITUTO (PEI) 2012/2013 Come saprete il nostro istituto opera da oltre 40 anni, ed è l unico LICEO paritario

Dettagli

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I)

Istituto Paritario Minerva. Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) Istituto Paritario Minerva Progetto Educativo di Istituto (P.E.I) ANNO SCOLASTICO 2014-2015 PREMESSA La legge 62 del 10 Marzo 2000, recante Norme sulla parità scolastica e disposizioni sul diritto allo

Dettagli

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo

Lavorare in gruppo. Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Lavorare in gruppo Corso di formazione per i dipendenti dell Università di Palermo Premessa La conoscenza del gruppo e delle sue dinamiche, così come la competenza nella gestione dei gruppi, deve prevedere

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell informazione, della comunicazione e dell editoria TESI DI LAUREA IN Sociologia della

Dettagli

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6

Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 Learning News Giugno 2012, anno VI - N. 6 A che ruolo giochiamo? Il teatro al servizio della formazione di Francesco Marino Una premessa: di che cosa parliamo quando parliamo di Parleremo di teatro (che

Dettagli

INTRODUZIONE. Research, April 1999. 1 B. Harvey, The expanded ARF model: bridge to the accountable advertising future, Journal of Advertising

INTRODUZIONE. Research, April 1999. 1 B. Harvey, The expanded ARF model: bridge to the accountable advertising future, Journal of Advertising INTRODUZIONE Negli ultimi anni l accesso alla Rete e l uso attivo di Internet da parte di aziende e famiglie si è notevolmente allargato; questo media relativamente nuovo si sta rapidamente avviando a

Dettagli

La sponsorizzazione e la sua pianificazione strategica. Abstract

La sponsorizzazione e la sua pianificazione strategica. Abstract Abstract L attuale ricerca di sempre nuove opportunità di comunicazione da parte delle imprese e la crescente richiesta di sponsorizzazione da parte delle organizzazioni sponsee rendono necessarie procedure

Dettagli

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono:

Gli obiettivi specifici di questa edizione sono: Presentazione La ricerca è parte integrante del ruolo e della responsabilità dell infermiere. Il suo coinvolgimento nella ricerca spazia a diversi livelli, dalla progettazione e conduzione di uno studio

Dettagli

L USCITA DIDATTICA COME EDUCAZIONE ALLA GEOGRAFIA, ALLA STORIA E AL TURISMO

L USCITA DIDATTICA COME EDUCAZIONE ALLA GEOGRAFIA, ALLA STORIA E AL TURISMO L USCITA DIDATTICA COME EDUCAZIONE ALLA GEOGRAFIA, ALLA STORIA E AL TURISMO Spunti di riflessione teorici e pratici a cura di Thomas Gilardi e Paolo Molinari Valori didattici, formativi e sociali dell

Dettagli

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan)

Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) PROGETTO: Una vita, tante storie Possa tu costruire la scala che conduce alle stelle e percorrerne ogni gradino (Bob Dylan) Introduzione: Il racconto della propria vita è il racconto di ciò che si pensa

Dettagli

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore

AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network. Prof. Giuseppe Riva. Università Cattolica del Sacro Cuore AMICI VIRTUALI E AMICI REALI: Aspetti Psicosociali dei Social Network Prof. Giuseppe Riva Università Cattolica del Sacro Cuore www.isocialnetwork.info 1-1 Indice I social network sono una moda? SN come

Dettagli

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi

Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi Pure Performance Una direzione chiara per raggiungere i nostri obiettivi 2 Pure Performance La nostra Cultura Alfa Laval è un azienda focalizzata sul cliente e quindi sul prodotto con una forte cultura

Dettagli

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa

Progetto 5 anni. Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco. Premessa Progetto 5 anni Premessa Alla scoperta degli elementi della vita: Acqua, Aria, Terra, Fuoco L esplorazione di questi elementi così diversi tra loro rappresenta un occasione per stimolare l immaginazione

Dettagli

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena

prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena prof. Andrea Messeri docente Università degli Studi di Siena UNIVERSITÀ, SCUOLE E ORIENTAMENTO IN ITALIA intervento al convegno Essenzialità dell Orientamento per il Futuro dei Giovani, Orvieto 9 11 dicembre

Dettagli

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE

LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE periodico di idee, informazione, cultura a cura dell Associazione Infermieristica Sammarinese LINEA DIRETTA CON IL PRESIDENTE Mi accingo a presiedere l AIS nel suo secondo triennio di vita. Mi ritengo

Dettagli

LE ESPERIENZE ALUMNI MABA LE ESPERIENZE ALUMNI MABA

LE ESPERIENZE ALUMNI MABA LE ESPERIENZE ALUMNI MABA Penso che l obiettivo di un Master debba essere quello di saper coniugare al meglio la fase teorica con quella pratica, introducendo lo studente al mondo del lavoro. Il Master MABA riesce in questo e aiuta

Dettagli

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO

INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO INAUGURAZIONE ANNO ACCADEMICO 2014/15 INTERVENTO DEL RAPPRESENTANTE DEGLI STUDENTI NEL CDA SIMONE MAGNANO Castellanza, 10 novembre 2014 Signor Presidente, Magnifico Rettore, colleghi Studenti, Autorità

Dettagli

Curricolo Scuola Infanzia

Curricolo Scuola Infanzia Curricolo Scuola Infanzia CHIAVE COMPETENZA SOCIALE E CIVICA Riconosce ed esprime le proprie emozioni, è consapevole di desideri e paure, avverte gli stati d animo propri e altrui. Acquisire consapevolezza

Dettagli

I social network, come sfruttarli al meglio per comunicare tra i colleghi

I social network, come sfruttarli al meglio per comunicare tra i colleghi I social network, come sfruttarli al meglio per comunicare tra i colleghi www.aioroma.it Intervista a Maurizio Patitucci A cura di Michelangelo Marino Buongiorno Maurizio, sono ormai diversi anni che insieme

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere

Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale. Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere Comunicazione e Marketing Organizzazione Aziendale Industria & ICT Energia Consumer Hi-Tech Cosmesi Turismo & Benessere MultiPiani si occupa dal 1994 di Comunicazione e Marketing strategico, rivolgendosi

Dettagli

Educare ai videogiochi

Educare ai videogiochi Educare ai videogiochi Damiano Felini Università degli Studi di Parma Insegnare i videogiochi ai ragazzini, che li sanno già usare perfettamente, può sembrare un obiettivo strano: non lo è, se si pensa

Dettagli

CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA

CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA CI SONO SCELTE CHE FANNO LA DIFFERENZA ISTITUTO PARITARIO D.M. 15.02.2014 Liceo Internazionale Quadriennale IL NUOVO MODO DI FARE SCUOLA. WWW.LICEOINTERNAZIONALE.ORG Liceo Internazionale Quadriennale In

Dettagli

AFTER X 2015. B(eat)

AFTER X 2015. B(eat) 1 AFTER X 2015 B(eat) Be eat, beat, to beat Il progetto After X 2015 del Centro Didattico produzione Musica Europe per Onlus Robur Solidale in collaborazione con l Istituto Comprensivo di Verdellino e

Dettagli

APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA

APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA APPROFONDIMENTI DI TEORIA E PROGETTAZIONE EDUCATIVA Tiziana Monticone 1 Tiziana Monticone l emergere di un sé e di un identità professionale è il risultato di un rapporto complesso tra: la formazione la

Dettagli

Realizzare la valutazione inclusiva

Realizzare la valutazione inclusiva LA VALUTAZIONE NELLE CLASSI COMUNI IT Realizzare la valutazione inclusiva La fase conclusiva del progetto La valutazione nelle classi comuni dell Agenzia ha visto un dibattito e una spiegazione del concetto

Dettagli

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3

Capitolo 1 Capitolo 2 Capitolo 3 Prefazione Come mai le imprese multibusiness continuano, nonostante tutto, a esistere? Come mai hanno resistito alla crisi finanziaria scoppiata nel 2007, e hanno, in ogni caso, resistito meglio rispetto

Dettagli

La ringrazio per l interessamento dimostrato al Marketing se sta pensando di svolgere con me la tesi di laurea.

La ringrazio per l interessamento dimostrato al Marketing se sta pensando di svolgere con me la tesi di laurea. Gentile Studentessa/te La ringrazio per l interessamento dimostrato al Marketing se sta pensando di svolgere con me la tesi di laurea. Al fine di facilitare la produzione del suo elaborato riporto di seguito

Dettagli

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda

Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda Pubblichiamo il documento contenente gli indicatori approvati dal Collegio dei Docenti del nostro Istituto Comprensivo che sarà allegato alla scheda di valutazione delle classi di Scuola Primaria C. Goldoni

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

Modello formativo interculturale e autobiografico. A cura di Ambra Gasparetto

Modello formativo interculturale e autobiografico. A cura di Ambra Gasparetto Modello formativo interculturale e autobiografico A cura di Ambra Gasparetto Attività interculturale Livello cognitivo Informazione - conoscenza Livello affettivo Rappresentazioni reciproche ed emozioni

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa

Materiale didattico del corso di Marketing e Comunicazione d Impresa Il processo di comunicazione Generalmente si ritiene che nel processo di comunicazione avvenga il semplice trasferimento di un messaggio già dotato di determinati significati. Comunicare Informare Il termine

Dettagli

Belowthebiz idee in rete

Belowthebiz idee in rete Strategia? La parola strategia è una di quelle che oggi si sentono più spesso sulla bocca di tutti, managers, consulenti, guru, ecc. Oggi è necessario avere una strategia, per essere più competitivi, per

Dettagli

servizio civile volontario

servizio civile volontario c r i s t i n a Mi chiamo Cristina e ho svolto servizio presso una cooperativa SERVIZIO CIVILE NAZIONALE che ha sede a Ivrea, che mi ha selezionato per un progetto di supporto educativo ai minori per evitare

Dettagli

Consigli utili per migliorare la tua vita

Consigli utili per migliorare la tua vita Consigli utili per migliorare la tua vita Le cose non cambiano, siamo noi che cambiamo A volte si ha la sensazione che qualcosa nella nostra vita non stia che, diciamo la verità, qualche piccola difficoltà

Dettagli

Esame lingua d interpretariato

Esame lingua d interpretariato Certificato INTERPRET d interprete interculturale: Test modello Gennaio 2014 Esame lingua d interpretariato Contenuto Introduzione pagina 2 Composizione dell esame pagina 3 Parte 1 dell esame: colloquio

Dettagli

Approccio alla professione di insegnante nel Cantone dei Grigioni. Un contributo dell Ufficio per la Scuola Popolare e lo Sport dei Grigioni

Approccio alla professione di insegnante nel Cantone dei Grigioni. Un contributo dell Ufficio per la Scuola Popolare e lo Sport dei Grigioni Approccio alla professione di insegnante nel Cantone dei Grigioni Un contributo dell Ufficio per la Scuola Popolare e lo Sport dei Grigioni Care colleghe e cari colleghi Accedendo all insegnamento Lei

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE «PANTINI PUDENTE» VASTO (CH) IL MAGGIO DEI LIBRI nella SCUOLA

Dettagli

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO

CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO CAMPO DI ESPERIENZA: IL SE E L ALTRO I. Il bambino gioca in modo costruttivo e creativo con gli altri, sa argomentare, confrontarsi, sostenere le proprie ragioni con adulti e bambini. I I. Sviluppa il

Dettagli

7mas ti aiuta a entrare nel mondo della grafica PASSO DOPO PASSO!

7mas ti aiuta a entrare nel mondo della grafica PASSO DOPO PASSO! MONDO GRAFICA 7mas ti aiuta a entrare nel mondo della grafica PASSO DOPO PASSO! IL MATTONE di ogni comunicazione Grafica La pubblicità è quella forma di comunicazione che raggruppa la diffusione di messaggi

Dettagli

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson

Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola. Pagine di diario di chi ci crede ancora. Erickson Tullio De Mauro e Dario Ianes (a cura di) Giorni di scuola Pagine di diario di chi ci crede ancora Erickson Lo sguardo dei bambini 39 Capitolo quinto Lo sguardo dei bambini di Camillo Bortolato Quando

Dettagli

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno?

ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano. Perché le aziende fanno fatica a trovare i talenti professionali di cui hanno bisogno? Lo sviluppo dei Talenti per la crescita. Un confronto tra aziende e istituzioni ExpoTraining 2013-17 ottobre 2013 - Milano L Italia cerca talenti. Sembra incredibile, ma in uno scenario di crisi del mercato

Dettagli

Storytelling cross-mediale. Alcune risposte, molte piu' domande. Presentazione a cura di Giovanni Spitale

Storytelling cross-mediale. Alcune risposte, molte piu' domande. Presentazione a cura di Giovanni Spitale Storytelling cross-mediale Alcune risposte, molte piu' domande Presentazione a cura di Giovanni Spitale 1. raccontare storie Perché raccontiamo storie? In quale modo le raccontiamo? Quanto tempo hanno

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.

Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino. Giuseppe Riva L come libro, T come tablet. Come si studia meglio? Il Mulino Anno LXIII, Numero 475, Pagine 790-794 http://www.rivistailmulino.it/ L approvazione della legge n. 128/2013 consente da quest

Dettagli

ABSTRACT. Gli obbiettivi di questo elaborato sono:

ABSTRACT. Gli obbiettivi di questo elaborato sono: ABSTRACT Dal titolo del presente elaborato, già si può intuire che l argomento di cui si andrà a trattare è l analisi degli aspetti che ruotano intorno alla maternità multiculturale. Viene presa in considerazione

Dettagli

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri

diocesi di il giorno in cui è iniziato il viaggio data luogo persone significative emozioni pensieri LA VITA SI RACCONTA Primo momento della mattinata: in gruppo il coordinatore spiega brevemente il lavoro da svolgere personalmente, cosa si farà dopo e dà i tempi. Ogni partecipante si allontana, cercando

Dettagli

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci

nostre «certezze» sul fatto che senza di lui non potremo mai più essere felici, che durano fino a una nuova... relazione!) continueremo a infilarci Pensieri. Perché? Cara dottoressa, credo di avere un problema. O forse sono io il problema... La mia storia? Stavo con un ragazzo che due settimane fa mi ha lasciata per la terza volta, solo pochi mesi

Dettagli

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE

INTERVISTA ALLA SCRITTRICE Tratto da: M. Cecconi, La morte raccontata ai bambini: il ciclo della vita. Intervista ad Angela Nanetti, Il Pepeverde n. 10, 2001, pp. 10 11. Copyright INTERVISTA ALLA SCRITTRICE ANGELA NANETTI LA MORTE

Dettagli

Copyright 2015 #STORYSELLING!

Copyright 2015 #STORYSELLING! 1 di 112 - Tutti i diritti riservati - Ogni diritto sui contenuti di questo prodotto è riservato ai sensi della normativa vigente. La riproduzione, la pubblicazione e la distribuzione, totale o parziale,

Dettagli

Guida didattica all unità 15 Un compleanno importante

Guida didattica all unità 15 Un compleanno importante Guida didattica all unità 15 Un compleanno importante 1. Proposta di articolazione dell unità Presentiamo qui di seguito un ipotesi di articolazione dell unità 15, indicando una possibile scansione delle

Dettagli

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella

Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella Nel preparare il mio intervento, ho riflettuto sulla mia esperienza di discente nella formazione in generale e sulla mia esperienza pratica nella formazione infermieristica e mi sono avvalsa di ricerche

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451

Via Belzoni 80 Via Belzoni 80 35121 Padova 35121 Padova tel +39 049 8278464 tel +39 049 8278458 fax +39 049 8278451 fax +39 049 8278451 La.R.I.O.S. Laboratorio di Ricerca ed Intervento per l Orientamento alle Scelte DPSS Dipartimento di Psicologia dello Sviluppo e della Socializzazione Centro di Ateneo di Servizi e Ricerca per la Disabilità,

Dettagli

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO

OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI SCUOLA DELL INFANZIA SCUOLA PRIMARIA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO 10 OBIETTIVI EDUCATIVI TRASVERSALI AUTOCONTROLLO ATTENZIONE E PARTECIPAZIONE ATTEGGIAMENTO E COMPORTAMENTO

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1

Indice. Giuseppe Galli Presentazione... 1 Indice Presentazione... 1 Livelli di realtà... 5 1. Realtà fisica e realtà fenomenica... 5 2. Annullamento dell identità numerica tra oggetto fisico e oggetto fenomenico... 8 3. Individualità degli oggetti

Dettagli

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA

LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA CLASSE PRIMA LINGUA INGLESE SCUOLA PRIMARIA 1 RICEZIONE ORALE 1. Familiarizzare coi primi suoni della lingua inglese 2. Comprendere semplici espressioni di uso quotidiano, pronunciate chiaramente. 3. Comprendere,

Dettagli

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ

Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Progetto Exploring Houses N 509987-LLP-1-2010-1-TR GRUNDTVIG-GMP WP 7 Knowledge Base. Metodologia dell intervista. FAQ Introduzione Le attività previste dal WP 7 Knowledge Base, permettono al progetto

Dettagli

Master in marketing e comunicazione

Master in marketing e comunicazione Master in marketing e comunicazione Il Master intende fornire i fondamenti metodologici per operare in un settore in continua evoluzione come quello del marketing. Oggi la saturazione dei mercati impone

Dettagli

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo

Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo Solo chi ha un apertura visiva diversa vede il mondo in un altro modo B. Munari inside INSIDE è specializzata nella trasformazione organizzativa, nello sviluppo e nella valorizzazione del capitale umano

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM Biblioteca Interculturale Mobile Nei libri il mondo Classe I - II A docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti

Dettagli

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL

1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL 1. I VOLONTARI DELLA CRI: UNA COMUNITÀ PER IL BENE COMUNE Una comunità di oltre 139 mila soci impegnati, nel quotidiano come nelle emergenze, in attività sociali e sanitarie di aiuto alle persone in difficoltà

Dettagli

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma

A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma A CASA CON SOSTEGNO Un progetto rivolto alle famiglie con figli e figlie con deficit (in età 0 14) realizzato nella città di Parma ( ) Per affrontare i problemi sociali non possiamo fare a meno di ascoltare

Dettagli

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication G&P communication srl - Milano Dal web 1.0 al web 2.0 la grande rivoluzione web 1.0 Statico

Dettagli

CAPIRE E COMUNICARE CON PARTI IN CONFLITTO

CAPIRE E COMUNICARE CON PARTI IN CONFLITTO ASPETTI DA VALUTARE CAPIRE E COMUNICARE CON PARTI IN CONFLITTO LE PERSONE Gli interessi in gioco I vantaggi Introduzione agli aspetti comportamentali per la gestione dei negoziati e delle controversie

Dettagli

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati.

Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE CONOSCENZE ABILITÀ METODOLOGIA/ STRATEGIE COMUNI. Lessico approfondito relativo agli argomenti trattati. ISTITUTO COMPRENSIVO 3 VICENZA DIPARTIMENTO DI LINGUA STRANIERA CURRICOLO DI INGLESE SCUOLA SECONDARIA COMPETENZE CHIAVE EUROPEE Comunicazione in lingua straniera Fine classe terza COMPETENZE SPECIFICHE

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli