Le assicurazioni private svizzere. Guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni LAINF

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le assicurazioni private svizzere. Guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni LAINF"

Transcript

1 Le assicurazioni private svizzere Guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni LAINF 3 a edizione completamente rielaborata Giugno 2004

2 Sigla editoriale Guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni LAINF 3 a edizione completamente rielaborata Giugno 2004 Indirizzo per le ordinazioni/editore Associazione Svizzera d Assicurazioni ASA C.F.Meyer-Strasse 14 Casella postale 8022 Zurigo Telefono Fax Associazione Svizzera d Assicurazioni Titolo francese: Guide de l assurance-accidents obligatoire LAA Titolo tedesco: Wegleitung zur obligatorischen Unfallversicherung UVG

3 Le assicurazioni private svizzere Guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni LAINF 3 a edizione completamente rielaborata Giugno 2004 Si è tenuto conto della legislazione / giurisprudenza fino al 1/1/2004 compreso

4 2

5 3 Prefazione, Indice analitico, Abbreviazioni Spiegazioni Testi di legge e delle ordinanze Indice alfabetico

6 4

7 5 Prefazione, Indice analitico, Abbreviazioni Spiegazioni Testi di legge e delle ordinanze Indice alfabetico

8 6

9 7 Prefazione Sono lieto di potervi presentare già la nuova edizione della guida degli assicuratori privati all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni (LAINF). La guida è stata ancora una volta completamente rielaborata e adattata allo stato attuale della legislazione. Nel 1984 con la LAINF l obbligatorietà dell assicurazione contro gli infortuni è stata estesa a tutti i lavoratori in Svizzera. Gli assicuratori privati, in questi 20 anni, hanno dimostrato di essere perfettamente in grado di gestire con successo questo ramo assicurativo e di soddisfare le esigenze specifiche delle assicurazioni sociali. La presente guida si rivolge soprattutto ai professionisti del ramo incaricati della concreta messa in atto dell assicurazione contro gli infortuni secondo la LAINF. Ne fanno parte non solo gli impiegati delle compagnie di assicurazioni ma anche i datori di lavoro e i lavoratori, le autorità, il personale medico, gli avvocati e, non da ultimi, i produttori di media. La guida non si propone di sostituire alcun commento giuridico, bensì di fornire informazioni integrative rispetto al contratto di assicurazione, ai fogli informativi, alla legge e alle ordinanze, utili per una concreta messa in atto della LAINF. Ci siamo pertanto sforzati di redigere le spiegazioni in una lingua comprensibile ai più. Martin Bründler Presidente della Commissione Malattie/Infortuni della Associazione Svizzera d Assicurazioni

10 8

11 9 Indice analitico Prefazione, Indice analitico, Abbreviazioni Prefazione 7 Indice analitico 9 Abbreviazioni 10 Spiegazioni 0 Introduzione 15 1 Persone assicurate 18 2 Obblighi del datore di lavoro 25 3 Assicuratori e stipulazione del contratto nell assicurazione obbligatoria contro gli infortuni 29 4 Inizio, sospensione e fine della copertura assicurativa 31 5 Rischi assicurati 33 6 Prestazioni assicurative 38 7 Comportamento in caso d infortunio 71 8 Calcolo dei premi e riscossione dei premi 74 9 Assicurati all estero Prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali Posizione giuridica dei datori di lavoro e degli assicurati Conseguenze giuridiche dell inosservanza degli obblighi legali Privilegio di rivalsa e responsabilità del datore di lavoro e di altre persone responsabili di infortunio Assicurazione facoltativa L assicurazione complementare LAINF 94 Testi di legge e delle ordinanze 97 Indice alfabetico 287

12 10 Abbreviazioni Accordi bilaterali AI AVS INP IP IPG LADI LAF LAI LAINF LAM LAMal LAVS LL LPD LPGA LPP OAID OAINF OAMal OAVS OMAINF Accordo tra la Svizzera e la UE sulla libera circolazione delle persone (le altre parti dell accordo non riguardano l assicurazione contro gli infortuni) Assicurazione per l invalidità Assicurazione vecchiaia e superstiti Infortuni non professionali Infortuni e malattie professionali Indennità per perdita di guadagno Legge federale su l'assicurazione obbligatoria contro la disoccupazione e l'indennità per insolvenza Legge federale sugli assegni familiari nell'agricoltura Legge federale sull'assicurazione per l'invalidità Legge federale sull'assicurazione contro gli infortuni Legge federale sull'assicurazione militare Legge federale sull'assicurazione malattie Legge federale su l'assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti Legge federale sul lavoro nell'industria, nell'artigianato e nel commercio (Legge sul lavoro) Legge federale sulla protezione dei dati Legge federale sulla parte generale del diritto delle assicurazioni sociali Legge federale sulla previdenza professionale per la vecchiaia,i superstiti e l'invalidità Ordinanza sull assicurazione contro gli infortuni per disoccupati Ordinanza sull'assicurazione contro gli infortuni Ordinanza sull'assicurazione malattie Ordinanza sull'assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti Ordinanza sulla consegna di mezzi ausiliari da parte dell'assicurazione contro gli infortuni

13 11 OPI OPGA PA UFAS Ordinanza sulla prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali Ordinanza sulla parte generale del diritto delle assicurazioni sociali Legge federale del sulla procedura amministrativa Ufficio federale delle assicurazioni sociali

14 12

15 13 Prefazione, Indice analitico, Abbreviazioni Spiegazioni Testi di legge e delle ordinanze Indice alfabetico

16 14 Spiegazioni

17 Spiegazioni 15 0 INTRODUZIONE 0.1 Legge federale sulla parte generale del diritto delle assicurazioni sociali (LPGA) Dopo lungo dibattimento parlamentare il Consiglio Federale in data 1 gennaio 2003 ha messo in vigore la legge federale sulla parte generale del diritto delle assicurazioni sociali. Con questa legge vengono uniformati, per quanto possibile e necessario, concetti generalmente validi del diritto delle assicurazioni sociali come il concetto di infortunio, di malattia, di inabilità al lavoro e di incapacità di guadagnare, di invalidità, di assegno per grandi invalidi nonché diverse questioni procedurali per tutte le assicurazioni sociali. Nei casi in cui la LPGA ha effetti sull assicurazione contro gli infortuni secondo quanto previsto dalla LAINF nel testo esplicativo seguente se ne tiene conto. 0.2 Accordi bilaterali Il 1 giugno 2002, nell ambito degli accordi bilaterali tra la Svizzera e la UE, è entrato in vigore l accordo sulla libera circolazione delle persone. Nello stesso momento è entrata in vigore la convenzione EFTA rivista con la quale l accordo sulla libera circolazione delle persone è stato esteso anche ai Paesi EFTA, Norvegia, Islanda e Liechtenstein (nel testo seguente questi Paesi ed i loro appartenenti vengono parificati ai Paesi UE ed agli appartenenti ad un Paese UE). Gli accordi bilaterali regolano inoltre l assoggettamento delle persone interessate dall accordo ai sistemi di assicurazione sociale di un Paese. L accordo ha in tal modo effetti anche sull assicurazione ai sensi della LAINF. Come principio generale vale che una persona, d ora in poi, viene registrata in un solo Paese e assoggettata ai sistemi di assicurazione sociale di tale Paese. Interessati dall accordo sono tutti gli appartenenti di un Paese UE, nonché tutti i cittadini svizzeri, che svolgono un attività lucrativa in Svizzera e/o nella UE.

18 16 Spiegazioni Per tutte le altre persone che svolgono un attività lucrativa nella UE o in Svizzera (appartenenti a Paesi non-ue come ad esempio la Ex-Jugoslavia, l Africa, l Asia, gli USA, il Canada e il Sudamerica) gli accordi bilaterali non hanno alcun effetto Principio fondamentale L accordo si fonda sul principio del luogo in cui viene svolta l attività lucrativa. Ciò significa che i lavoratori che rientrano nell accordo, dal punto di vista della normativa relativa alle assicurazioni sociali, sono assoggettati alle disposizioni dello Stato in cui lavorano. Gli appartenenti ad uno Stato UE e gli svizzeri che svolgono un attività lucrativa esclusivamente in Svizzera, sono quindi assoggettati al sistema di assicurazioni sociali svizzero. Gli appartenenti ad uno Stato UE e gli svizzeri, che svolgono un attività lucrativa esclusivamente in uno Stato UE, sono assoggettati al sistema di assicurazioni sociali dello Stato UE in cui lavorano Eccezioni Nel caso di più attività lavorative dipendenti contemporanee in diversi Stati (ad es. In Svizzera ma anche in Germania e, in parte, in Francia) valgono le norme dello Stato di residenza, a condizione che parte dell attività lavorativa sia svolta in quello Stato Effetti degli accordi bilaterali sull assicurazione contro gli infortuni ai sensi della LAINF Per i lavoratori con residenza e luogo di lavoro in Svizzera non cambia nulla per quanto riguarda l assoggettamento alla LAINF. E la situazione in cui si trovano con ogni probabilità la gran parte degli occupati in Svizzera. Tuttavia un lavoratore che abita all estero e svolge un attività lucrativa sia in Svizzera che l estero, è assicurato per entrambe le attività secondo il diritto straniero, anche per gli infortuni che si verifichino in un azienda svizzera.

19 Spiegazioni 17 Chi invece, abita in Svizzera e svolge un attività lucrativa sia in Svizzera che all estero, deve essere assicurato anche per l attività svolta all estero secondo le norme previste dalla LAINF.

20 18 Spiegazioni 1 PERSONE ASSICURATE 1.1 In generale LAINF 1a Quanto esposto qui di seguito vale solo a condizione che non abbia luogo l assoggettamento dell assicurato all assicurazione sociale di un altra nazione sualla base degli accordi bilaterali (vedi punto 0.2). Ricadono sotto l'assicurazione obbligatoria tutti i lavoratori occupati in Svizzera, compresi i lavoratori a domicilio, gli apprendisti, i praticanti, i volontari e le persone che lavorano nei laboratori d'apprendistato e nei laboratori protetti. Viene considerato lavoratore ai sensi di legge chi, in base alla Legge federale sull'assicurazione per la vecchiaia e superstiti (AVS), esercita un'attività lucrativa dipendente ricevendo, per il lavoro esercitato, un salario stabilito in anticipo o quando l'attività viene esercitata per scopi formativi. Il salario non deve obbligatoriamente essere versato sotto forma di somma di denaro. Anche una remunerazione sotto forma di prestazioni in natura può far ipotizzare l'esistenza di un rapporto di lavoro dipendente. Viene, ad esempio, considerato salario in natura il cibo e l'alloggio gratuito, I'utilizzo gratuito di un servizio offerto dal datore di lavoro come, ad esempio, la possibilità di cavalcare cavalli, la cessione di buoni, etc. Aiuti occasionali o prestazioni d'assistenza spontanee non configurano una condizione di lavoratore dipendente anche quando l'interessato riceve in cambio un compenso in una qualsiasi forma. Datori di lavoro e lavoratori autonomi non ricadono nell'assicurazione obbligatoria ai sensi della legislazione AVS. Possono però aderirvi su base volontaria ai sensi della LAINF (cfr. pagina 91).

21 Spiegazioni Casi speciali Estensioni dell obbligatorietà Il Consiglio federale ha esteso l'assicurazione obbligatoria ai seguenti gruppi di persone: OAINF 1a I OAINF 1a II OAINF 1a III OAINF 1a IV persone esercitanti un'attività presso un datore di lavoro al fine di prepararsi alla scelta di una professione (i cosiddetti stagisti); Ie persone detenute in un istituto penitenziario o d'internamento oppure collocate in case di educazione al lavoro o di rieducazione, che siano occupate e retribuite da terzi al di fuori dell istituto o della casa; i membri di comunità religiose che svolgano un attività retribuita al di fuori della comunità (es. attività di insegnamento presso scuole pubbliche, servizi infermieristici ecc.); Per le Ie persone detenute in un istituto penitenziario o d'internamento oppure collocate in case di educazione al lavoro o di rieducazione nonché per i membri di comunità religiose gli infortuni occorsi sul tragitto per recarsi al lavoro o sulla via del ritorno sono considerati alla stregua di infortuni professionali Limitazioni riguardanti la cerchia delle persone assicurate obbligatoriamente Le persone, rispettivamente i gruppi di persone, indicati qui di seguito, non rientrano nel criterio dell'obbligo assicurativo. Per loro esiste la possibilità di stipulare un assicurazione contro gli infortuni adeguata alle loro specifiche necessità presso una compagnia d assicurazione privata, al di fuori dell assicurazione contro gli infortuni disciplinata dallo stato: OAINF 2 I a OAINF 2 I a I familiari del datore di lavoro, che collaborano nell'azienda senza ricevere un salario in contanti e che non versano contributi all'assicurazione per la vecchiaia e i superstiti (AVS). Familiari, che collaborano in un'azienda agricola e che in base alla legge federale sugli assegni familiari nell'agricoltura sono parificati agli agricoltori indipendenti. Si tratta in particolare:

22 20 Spiegazioni della moglie dell'agricoltore; del genero risp. della nuora dell'agricoltore quando è probabile che rileverà in futuro l'azienda per gestirla in proprio; dei parenti dell'agricoltore in linea ascendente e discendente e delle loro mogli. OAINF 2 I f OAINF 2 I g OAINF 2 I h Membri dei consigli d'amministrazione non sono attivi nell'azienda. Se un consigliere d'amministrazione è assicurato nell'ambito della LAINF in forza di un'attività lavorativa svolta in un'altra azienda e grazie a quel contratto beneficia anche della copertura per gli infortuni non professionali, questa copertura si estende anche agli infortuni che potrebbe subire durante l'esercizio del mandato di consigliere d'amministrazione presso l'azienda in cui non è attivo. Le persone che vivono in concubinato e che in quanto tali hanno l obbligo di versare i contributi AVS. Secondo la giurisprudenza una persona che vive in concubinato è tenuta a versare i contributi AVS relativi ad una attività lucrativa dipendente per la propria partner, se quenst ultima di occupa dell economia domestica comune e riceve in cambio vitto e alloggio gratuiti. La partner convivente viene quindi considerata al contrario della casalinga coniugata una lavoratrice ai sensi dell AVS. Per evitare però che le partner conviventi beneficiassero al contrario delle casalinghe coniugate della protezione assicurativa obbligatoria, queste persone sono state esplicitamente escluse dalla copertura assicurativa. (Nota della redazione: per la descrizione della situazione si è stata utilizzata la ripartizione dei ruoli classica. Ovviamente quanto esposto vale anche in caso di ruoli "scambiati.) Persone che esercitano un'attività di interesse pubblico, a condizione che non sussista un contratto di lavoro, come, ad esempio, membri di Parlamenti, autorità e commissioni. Queste persone, o dispongono già di una sufficiente copertura assicurativa loro derivante da un'attività lucrativa indipendente o, in forza di un'altra attività lavorativa da loro esercitata, sono comunque assicurate nell'ambito dell'obbligatorietà assicurativa conformemente a quanto previsto

23 Spiegazioni 21 dalla LAINF. Con questa esclusione si evita così un assoggettamento plurimo di numerose persone. OAINF 2 II Persone che esercitano un'attività accessoria o svolgono una funzione accessoria. L'eccezione dell'obbligo assicurativo si limita a quelle persone che esercitano un'attività principale come dipendenti o come lavoratori autonomi e che, per l'attività accessoria o la funzione accessoria esercitata, ricevono solo una remunerazione modesta, attualmente inferiore a Fr. 2'000. per anno e datore di lavoro. La rinuncia all'assicurazione in conformità alla LAINF va presentata anticipatamente al competente assicuratore e necessita del consenso del datore di lavoro. Se non esiste nessun assicuratore, perché al di fuori della persona in questione non è occupato alcun altro dipendente soggetto all'obbligo assicurativo, la rinuncia va presentata, a seconda del tipo d'azienda, alla cassa suppletiva o alla SUVA (ex INSAI). La possibilità di rinunciare alla corresponsione dei contributi AVS per un attività accessoria o una funzione accessoria con una remunerazione modesta è limitata alle persone che svolgono, oltre a questa attività, anche un'attività principale retribuita. Questo significa che per gli studenti e i pensionati che non svolgono contemporaneamente alcuna altra attività sia come dipendenti che come lavoratori autonomi, non è possibile l'esenzione dei contributi. Queste persone rientrano perciò sempre nell'obbligo assicurativo se svolgono un'attività lucrativa come aiuto temporaneo, anche se il reddito che percepiscono da questa attività è inferiore a Fr Chi provvede, completamente o parzialmente, al suo sostentamento con compensi derivanti da attività lavorative accessorie (diverse occupazioni ad ore per diversi datori di lavoro), ricade quindi nell'obbligo assicurativo, indipendentemente dall'entità del compenso nel singolo caso. Al contrario, la gestione dell economia familiare viene considerata ai sensi della AVS un attività principale e per questo le donne e gli uomini che svolgono tale attività ed una attività lucrativa accessoria retribuita possono rinunciare all assicurazione specifica per questa attività a condizione che la retribuzione non superi i 2'000. franchi per anno e per datore di lavoro.

24 22 Spiegazioni OAINF 2 I e OAINF 3 Dipendenti della Confederazione assoggettati all assicurazione militare secondo quanto previsto dall art. 1 par. 1 lit b della Legge federale sull assicurazione militare (LAM). Si tratta, in particolare, di membri del Corpo degli istruttori dell'esercito e della protezione civile, membri del Corpo della guardia delle fortificazioni e della squadra di vigilanza, controllori d'armi, custodi e capi di una piazza d'armi, al servizio della Confederazione. Persone che godono di privilegi secondo il diritto internazionale. Non sono assicurati i membri del personale diplomatico delle missioni diplomatiche in Svizzera e delle missioni permanenti presso le organizzazioni internazionali con sede in Svizzera, i funzionari consolari di carriera in Svizzera e i familiari di queste persone. Il personale amministrativo, tecnico e di servizio delle missioni diplomatiche o delle sedi consolari può, se lo desidera, essere assicurato solo se le persone da assicurare sono cittadini svizzeri o domiciliati in Svizzera. A questo scopo va presentata una richiesta all'ufficio federale delle assicurazioni sociali Lavoratori mandati all'estero OAINF 4 Se un lavoratore assicurato in conformità a questa legge viene mandato all'estero e se resta vincolato da un rapporto di lavoro ad un datore di lavoro con sede in Svizzera, il rapporto assicurativo non viene interrotto. Resta valido anche durante il soggiorno all'estero, e precisamente per la durata di due anni. Se la permanenza all'estero si protrae oltre i due anni, la protezione assicurativa può essere prolungata fino ad un massimo di sei anni. A questo scopo, il datore di lavoro deve presentare una corrispondente domanda alla sua compagnia d'assicurazione prima che la normale copertura assicurativa di due anni sia scaduta. Restano riservate disposizioni derogatorie previste da eventuali accordi bilaterali o convenzioni tra stati in tema di assicurazioni sociali (cfr. pagina 79).

25 Spiegazioni 23 OAINF 5 La regolamentazione precedente non vale per persone assunte all'estero e che vengono impiegate in una agenzia o filiale estera di un datore di lavoro con sede in Svizzera, a meno che il datore di lavoro non sia un'amministrazione pubblica svizzera (ambasciata, consolato, ecc.) o una centrale svizzera per la promozione del commercio o del turismo. Il personale di questi enti è sempre assicurato in conformità a questa legge a condizione che l'assunzione sia avvenuta secondo il diritto svizzero Dipendenti di datori di lavoro con sede all'estero OAINF 6 Se un datore di lavoro con sede all'estero impiega dipendenti in Svizzera, questi vanno assicurati conformemente alla LAINF. Non è determinante a questo proposito se i dipendenti riscuotono il salario in Svizzera o all'estero. Se però un siffatto datore di lavoro invia dei suoi collaboratori in Svizzera dalla sua sede estera, queste persone, nel primo anno, non sono assicurate conformemente a questa legge. Questo termine di un anno può essere protratto per un massimo di sei anni se sussiste una protezione assicurativa di altra natura. A tale scopo è necessario presentare domanda di proroga presso la Cassa Supplettiva LAINF (Casella postale 4889, 8022 Zurigo) prima della scadenza del termine di un anno. Restano riservate le disposizioni derogatorie di eventuali accordi bilaterali o intergovernativi sulle assicurazioni sociali (cfr. pagina 79). Contrariamente a quanto previsto dalli'art. 4 della OAINF, per i lavoratori inviati in Svizzera da datori di lavoro con sede all esterohier viene mantenuto il termine di un anno perché vi possono essere dei casi in cui i dipendenti inviati in Svizzera non dispongono di alcuna protezione assicurativa. Queste persone non devono quindi attendere due anni ma soltanto un anno per ricadere nell'obbligo assicurativo Disoccupati LADI 22a Le persone disoccupate che hanno diritto ad un'indennità di disoccupazione sono assicurate obbligatoriamente conformemente a quanto previsto dalla LAINF. Dal 1 gennaio 1996, queste persone sono automaticamente assicurate presso la SUVA. Questo vale anche quando la persona interessata era attiva, prima dell'entrata in disoccupazione, presso un datore di lavo-

26 24 Spiegazioni ro che non aveva assicurato il suo personale presso la SUVA ma presso un altro assicuratore in conformità all'art. 68 della LAINF. OAID 2 Le prestazioni assicurative sono regolate dalla LAINF; casi particolari sono disciplinati dall'ordinanza sull'assicurazione contro gli infortuni dei disoccupati (OADI). Per eventuali informazioni rivolgersi direttamente alla SUVA.

27 Spiegazioni 25 2 OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO 2.1 Obbligo assicurativo LAINF 1a Un datore di lavoro che occupa dei dipendenti deve assicurarli LAINF 59 II con riserva delle disposizioni di eventuali accordi bilaterali LAINF 69 secondo quanto previsto dalla LAINF. I dipendenti hanno diritto di partecipare alla scelta dell'assicuratore. 2.2 Registrazione dei salari Il datore di lavoro deve registrare, separatamente per uomini e donne, i salari soggetti all'avs di tutti i dipendenti assicurati obbligatoriamente. Deve inoltre registrare separatamente le seguenti categorie di dipendenti: Persone con salari superiori all'importo massimo del guadagno assicurato (attualmente Fr. 106'800.--) Persone che lavorano meno di 8 ore per settimana. Persone che esercitano un'attività accessoria e che hanno rinunciato all'assicurazione secondo quanto previsto dalla LAINF. Va considerato che i salari di persone che, in base ad accordi bilaterali, non sono soggette al diritto svizzero delle assicurazioni sociali e quindi nemmeno alla LAINF non devono essere dichiarati. Quali salari sono da registrare e come debbano essere suddivisi è spiegato al punto 8.7. LAINF 93 OAINF 116 I Unitamente alla registrazione dei salari vanno anche riportati costantemente il tipo di occupazione/la funzione di ogni assicurato i suoi giorni lavorativi e le rispettive date il suo tempo di lavoro per ogni giorno lavorativo (vale soprattutto per coloro che lavorano a tempo parziale o con paga oraria) Questi documenti vanno conservati per un periodo di 5 anni.

28 26 Spiegazioni 2.3 Pagamento dei premi LAINF 91 Il datore di lavoro deve all'assicuratore la totalità dei premi, siano essi dovuti per infortuni professionali o per infortuni non professionali. Può però dedurre, completamente o parzialmente, i premi per gli infortuni non professionali dal salario del dipendente. 2.4 Informazioni ai dipendenti OAINF 72 Il datore di lavoro ha l obbligo di informare adeguatamente i propri dipendenti in merito alle questioni assicurative che li riguardano. Al momento dell'assunzione, e successivamente su richiesta o in caso di necessità, il dipendente deve essere informato del fatto che è assicurato contro gli infortuni professionali, ed eventualmente non professionali. Deve inoltre essere ragguagliato in merito alle protezioni assicurative che può attendersi e sul modo in cui procedere qualora dovesse subire un infortunio. Il modo più idoneo per fornire tali informazioni è quello di consegnare o esporre in bacheca il foglio d'istruzioni rilasciato dall'assicuratore al datore di lavoro. L'informazione dovrebbe essere estesa anche ad eventuali assicurazioni complementari affinché l'assicurato possa disporre di un quadro d'assieme completo della sua protezione assicurativa. Per i dipendenti che lavorano meno di 8 ore settimanali va evidenziato che sono assicurati solo per gli infortuni professionali (inclusi gli infortuni lungo il tragitto casa luogo di lavoro e viceversa). Quando cessa il rapporto di lavoro (a seguito di licenziamento, pensionamento o invalidità) o se il lavoro viene interrotto per un periodo superiore ai 30 giorni senza pagamento continuato del salario (ferie non retribuite), il datore di lavoro è tenuto ad informare il dipendente che l'assicurazione rimarrà valida per 30 giorni, e a richiamare la sua attenzione sulla possibilità di far continuare l'assicurazione contro gli infortuni non professionali stipulando un'assicurazione mediante convenzione per

29 Spiegazioni 27 un periodo massimo di 6 mesi. A tale scopo va consegnato al dipendente l'apposito formulario. 2.5 Cooperazione in caso di infortunio LAINF 45 OAINF 56 LAINF 49 Il datore di lavoro è tenuto ad avvisare tempestivamente l'assicuratore quando un suo dipendente è vittima di un infortunio o contrae una malattia professionale. L'assicuratore gli metterà a disposizione gli appositi formulari, in formato cartaceo o elettronico, con le spiegazioni per la loro compilazione. Il datore di lavoro deve inoltre dare all'assicuratore tutte le informazioni necessarie atte a chiarire le circostanze dell'infortunio e permettere ai suoi incaricati il libero accesso all'azienda. Dopo aver ricevuto l'autorizzazione dell'assicuratore, il datore di lavoro versa le indennità giornaliere per conto dell'assicuratore. Il datore di lavoro può però richiedere che il versamento delle indennità venga effettuato direttamente alla persona infortunata. 2.6 Cooperazione nella prevenzione degli infortuni LAINF 82 La prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali è un importante compito del datore di lavoro. Egli deve sollecitare i dipendenti a collaborare attivamente nell'opera di prevenzione. Gli equipaggiamenti di protezione e di sicurezza devono essere utilizzati e non devono essere modificati o alterati per nessuna ragione. L'Ordinanza sulla prevenzione degli infortuni e delle malattie professionali (OPI) regola nei dettagli la materia. 2.7 Cambiamenti nelle condizioni aziendali LAINF 92 IV Dal momento che i tassi dei premi dipendono dal tipo d'azienda, il datore di lavoro è obbligato a segnalare ali'assicuratore, entro un periodo di 14 giorni, eventuali cambiamenti nelle condizioni aziendali che possono influenzare la classe d'attribuzione (inizio/cessazione della fabbricazione, introduzione/eliminazione di linee di prodotti le cui caratteristiche divergono notevolmente dai rimanenti).

30 28 Spiegazioni 2.8 Cessazione dell attività/cessione dell azienda OAINF 97 La cessazione dell'attività o la cessione dell'azienda ad un altro proprietario va comunicata all'assicuratore entro 14 giorni

31 Spiegazioni 29 3 ASSICURATORI E STIPULAZIONE DEL CONTRATTO NELL ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA CONTRO GLI INFORTUNI 3.1 Assicuratori LAINF 58 Soggetti giuridici dell'assicurazione obbligatoria contro gli infortuni secondo la LAINF come pure dell'assicurazione facoltativa secondo le disposizioni della LAINF sono: Compagnie private d'assicurazione Casse malati Casse d'assicurazione pubbliche contro gli infortuni SUVA, Schweizerische Unfallversicherungsanstalt (ex INSAI) LAINF 66 OAINF Il campo d'attività della SUVA è disciplinato in modo definitivo dall art. 66 LAINF. LAINF 66 Le aziende che non rientrano in quanto previsto dall'art. 66 LAINF 68 della LAINF sono tenute ad assicurarsi presso una compagnia d'assicurazione privata o una Cassa malati. Queste sono iscritte nel registro tenuto dail'ufficio federale delle assicurazioni sociali. LAINF 70 II OAINF 88 LAINF 72 Le Casse malati possono praticare direttamente l'assicurazione per la cura medica, ivi compresi i danni materiali, le spese di viaggio, di trasporto e di salvataggio, come pure per l'indennità giornaliera. Per l assicurazione delle restanti prestazioni sono tenute a stipulare un accordo di cooperazione reciproca con un assicuratore privato. Per la scelta del soggetto competente è determinante l azienda principale. Le aziende accessorie e ausiliarie seguono l'azienda principale. Le aziende accessorie e ausiliarie sono aziende, o parti d'aziende, oggettivamente connesse all'azienda principale e ad essa collegate dal punto di vista dell'ubicazione e/o del personale. Attuando quanto previsto dalla legge le compagnie di assicurazioni private e le Casse malati hanno istituito congiuntamente la Cassa suppletiva sotto forma di fondazione.

32 30 Spiegazioni LAINF 73 La Cassa suppletiva versa le prestazioni assicurative legali ai lavoratori infortunati la cui assicurazione esula dalle competenze della SUVA (ex INSAI) e che non sono stati assicurati dal loro datore di lavoro. 3.2 Disdetta LAINF 59 Il contratto assicurativo può essere disdetto dopo una durata contrattuale fissata nella polizza. Se non viene disdetto, esso si intende tacitamente rinnovato. Il termine di disdetta è di tre mesi. Se un contratto assicurativo viene rescisso mediante disdetta, il datore di lavoro che continua ad impiegare dipendenti deve garantire l assoluta continuità della protezione assicurativa completa stipulando un nuovo contratto presso un altro assicuratore LAINF. 3.3 Assicurazioni complementari Le compagnie d'assicurazione private offrono, oltre alla LAINF, delle assicurazioni complementari contro gli infortuni mediante le quali possono essere assicurate specifiche esigenze che eccedono le prestazioni previste dalla LAINF. L'assicurazione complementare LAINF flessibile permette, in caso d'infortunio, di convertire I'assicurazione LAINF unificata in una previdenza personalizzata per il personale (cfr. pagina 94).

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti

Qual è la mia copertura assicurativa? Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti Piccola guida all assicurazione obbligatoria contro gli infortuni per i lavoratori dipendenti 2 Questo opuscolo La informa sulla Sua situazione assicurativa spiegandole se e in che misura Lei è coperto

Dettagli

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere

Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere 2.09 Contributi Statuto dei lavoratori indipendenti nelle assicurazioni sociali svizzere Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Questo promemoria fornisce informazioni sui contributi che i lavoratori indipendenti

Dettagli

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità

6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità 6.02 Prestazioni dell'ipg (servizio e maternità) Indennità in caso di maternità Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le donne che esercitano un attività lucrativa hanno diritto all indennità di maternità

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs 3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l'età ordinaria

Dettagli

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/

Previdenza professionale. Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale Informazioni utili sul 2 pilastro/ Previdenza professionale obbligatoria (LPP) in Svizzera Stato gennaio 2015 Sommario Il 2 pilastro nel sistema previdenziale svizzero 3 Obbligo

Dettagli

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia

Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Assicurazione d indennità giornaliera in complemento alla Sua assicurazione malattia Informazione sul prodotto e condizioni contrattuali Edizione 2010 La vostra sicurezza ci sta a cuore. 2 Informazione

Dettagli

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS)

DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE CURE MEDICO-SANITARIE Studenti / stagiaires (DI PROVENIENZA DA UN PAESE NON CE/AELS) CANTONE TICINO DIPARTIMENTO DELLA SANITÀ E DELLA SOCIALITÀ Istituto delle assicurazioni sociali TEL: 0041 / (0)91 821 92 92 FAX: 0041 / (0)91 821 93 99 DOMANDA DI ESENZIONE DALL OBBLIGO ASSICURATIVO DELLE

Dettagli

5.01 Prestazioni complementari Prestazioni complementari all'avs e all'ai

5.01 Prestazioni complementari Prestazioni complementari all'avs e all'ai 5.01 Prestazioni complementari Prestazioni complementari all'avs e all'ai Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Le prestazioni complementari (PC) all'avs e all'ai sono d'ausilio quando le rendite e gli altri

Dettagli

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità

Indennità di perdita di guadagno. Persone aventi diritto alle indennità 6.01 Stato al 1 gennaio 2009 perdita di guadagno Persone aventi diritto alle indennità 1 Hanno diritto alle indennità di perdita di guadagno (IPG) le persone domiciliate in Svizzera o all estero che: prestano

Dettagli

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI)

4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) 4.01 Prestazioni dell AI Prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Tutte le persone che abitano o esercitano un attività lucrativa in Svizzera sono per principio

Dettagli

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai

Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Assicurazione invalidità: fatti e cifre 2014 Lotta efficace agli abusi assicurativi nell'ai Nel 2014 l'ai ha avviato indagini in 2200 casi per sospetto abuso assicurativo e ne ha concluse 2310. In 540

Dettagli

Risposte alle domande più frequenti concernenti la partecipazione ai costi «Frequently Asked Questions» (FAQ)

Risposte alle domande più frequenti concernenti la partecipazione ai costi «Frequently Asked Questions» (FAQ) Dipartimento federale dell interno DFI Ufficio federale della sanità pubblica UFSP Unità di direzione assicurazione malattia e infortunio Risposte alle domande più frequenti concernenti la partecipazione

Dettagli

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014

Regolamento FAR. Valido dal 1.1.2014 Regolamento FAR Regolamento concernente le prestazioni e i contributi della Fondazione per il pensionamento anticipato nel settore dell edilizia principale (Fondazione FAR) Valido dal 1.1.2014 STIFTUNG

Dettagli

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI

PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI PROGRAMMA OGGI PER IL DOMANI COS E A CHI E RIVOLTA COSA OFFRE RC PROFESSIONALE È un programma assicurativo studiato per offrire una copertura completa e personalizzabile in base alle specifiche esigenze. Sono previste garanzie in

Dettagli

Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S)

Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S) Istruzioni sull attestazione dei giorni di corso per i corsi per la formazione dei quadri di Gioventù+Sport (G+S) 318.703 i 01.15 2 di 11 Indice 1. Scopo del questionario... 3 2. Compiti degli organizzatori(trici)

Dettagli

1.03 Stato al 1 gennaio 2012

1.03 Stato al 1 gennaio 2012 1.03 Stato al 1 gennaio 2012 Accrediti per compiti assistenziali Base legale 1 Le disposizioni legali prevedono che, per il calcolo delle rendite, possano essere conteggiati anche accrediti per compiti

Dettagli

Informazioni sull assicurazione malattia per persone titolari di una pensione svizzera che si trasferiscono in uno stato dell UE o dell AELS

Informazioni sull assicurazione malattia per persone titolari di una pensione svizzera che si trasferiscono in uno stato dell UE o dell AELS Informazioni sull assicurazione malattia per persone titolari di una pensione svizzera che si trasferiscono in uno stato dell UE o dell AELS Gettiamo dei ponti Istituzione comune LAMal Gibelinstrasse 25

Dettagli

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte?

2. Quali persone sono assoggettate all imposta alla fonte? 3. Quali prestazioni sono assoggettate all imposta alla fonte? Kanton Zürich Finanzdirektion Scheda informativa per i dipendenti assoggettati all imposta alla fonte nel Cantone di Zurigo Valida dal 1 gennaio 2015 Kantonales Steueramt Dienstabteilung Quellensteuer

Dettagli

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it

COLF E BADANTI. Via Abruzzi, 3-00187 Roma tel. 06/8440761 - fax 06/42085830 caaf.nazionale@cisl.it www.caafcisl.it COLF E BADANTI Lo sportello Colf e Badanti del Caf Cisl nasce per fornire alle famiglie tutta l assistenza necessaria per la gestione del rapporto di lavoro di colf, assistenti familiari, baby sitter,

Dettagli

3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento

3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento 3.04 Prestazioni dell AVS Età flessibile di pensionamento Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l età ordinaria di pensionamento. Gli

Dettagli

Capire il certificato di previdenza

Capire il certificato di previdenza Previdenza professionale Capire il certificato di previdenza Questo foglio informativo illustra la struttura del certificato di previdenza. Fornisce spiegazioni e contiene informazioni utili su temi importanti.

Dettagli

1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015

1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015 1.2015 Generalità Cambiamenti a partire dal 1 gennaio 2015 Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Il presente promemoria informa su quanto cambia in merito a contributi e prestazioni a partire dal 1 gennaio

Dettagli

Promemoria 21. Maggiore età

Promemoria 21. Maggiore età Promemoria 21 Molte persone in formazione compiono 18 anni durante la formazione professionale di base, diventando quindi maggiorenni. Questo comporta diversi cambiamenti a livello giuridico, sia per le

Dettagli

Accrediti per compiti educativi

Accrediti per compiti educativi 1.07 Generalità Accrediti per compiti educativi Valido dal 1 gennaio 2015 1 Panoramica introduttiva Le disposizioni legali prevedono che, nel calcolo delle rendite, si possano eventualmente conteggiare

Dettagli

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA

L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INFORTUNIO SUL LAVORO, IN ITINERE, LA MALATTIA PROFESSIONALE E L ASSISTENZA L INAIL, IL DATORE DI LAVORO, IL LAVORATORE, COSA DEVONO FARE COSA DEVE SAPERE IL LAVORATORE QUANDO SUBISCE UN INFORTUNIO O

Dettagli

Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo. Atto di fondazione. (Fondazione) Entrata in vigore: 1 dicembre 2011

Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo. Atto di fondazione. (Fondazione) Entrata in vigore: 1 dicembre 2011 Swiss Life SA, General-Guisan-Quai 40, Casella postale, 8022 Zurigo Fondazione collettiva Swiss Life Invest, Zurigo (Fondazione) Atto di fondazione Entrata in vigore: 1 dicembre 2011 web1486 / 04.2012

Dettagli

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO

D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO D.P.R. 30 maggio 1955, n. 797. Testo unico delle norme concernenti gli assegni familiari (G.U. 7-9-1955, n. 206 - S.O.) STRALCIO TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE PRESTAZIONI E DEI CONTRIBUTI CAPO I -

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016

SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO. C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 SINTESI DEL CONTRATTO DI LAVORO DOMESTICO C.C.N.L. con validità dal 01/07/2013 al 31/12/2016 MINIMI RETRIBUTIVI FISSATI DALLA COMMISSIONE NAZIONALE DECORRENZA 1 GENNAIO 2014 CONVIVENTI DI CUI ART. 15-2

Dettagli

Legge federale su l assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti

Legge federale su l assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti Legge federale su l assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti (LAVS) 1 831.10 del 20 dicembre 1946 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 34

Dettagli

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81)

DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53, d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18, comma 1, lettera r, d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Mod. 4 bis - Prest. DENUNCIA/COMUNICAZIONE DI INFORTUNIO (art. 53 d.p.r. 30/06/1965 n. 1124 - art. 18 comma 1 lettera r d.lgs. 09/04/2008 n. 81) Alla Sede INAIL INAIL TIMBRO DI ARRIVO Data di spedizione

Dettagli

Collaborazione tra medici specialisti in psichiatria e psicoterapia e case manager degli assicuratori privati

Collaborazione tra medici specialisti in psichiatria e psicoterapia e case manager degli assicuratori privati Collaborazione tra medici specialisti in psichiatria e psicoterapia e case manager degli assicuratori privati Per facilitare la lettura del testo, si è scelto di non utilizzare esplicitamente la formulazione

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro

Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro 2.05 Contributi Retribuzioni versate al termine del rapporto di lavoro Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Per principio, qualsiasi attività derivante da un'attività dipendente viene considerata come salario

Dettagli

Contratto normale di lavoro per il personale di vendita al dettaglio (di seguito CNLV)

Contratto normale di lavoro per il personale di vendita al dettaglio (di seguito CNLV) 1 Estratto dal Foglio ufficiale n. 50 del 22 giugno 2001 e no. 27 del 4 aprile 2003 (Testo unico aggiornato al 1. gennaio 2015, FU 101/2014 del 19.12.2014) Contratto normale di lavoro per il personale

Dettagli

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati

Aiuto alle vittime in caso di reati all estero. secondo la legge federale del 23 marzo 2007 concernente l aiuto alle vittime di reati Dipartimento federale di giustizia e polizia DFGP Ufficio federale di giustizia UFG Ambito direzionale Diritto pubblico Settore di competenza Progetti e metodologia legislativi 1 gennaio 2015 Aiuto alle

Dettagli

L Operatore Locale di Progetto OLP

L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto OLP L Operatore Locale di Progetto CHI E? Qualcuno piu esperto del volontario, con il quale stabilisce un rapporto da apprendista a maestro, dal quale imparera, sara seguito,

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

CONTRIBUTI FIGURATIVI

CONTRIBUTI FIGURATIVI I CONTRIBUTI COSA SONO: I contributi determinano il diritto e l'importo della pensione. SI SUDDIVIDONO IN: - mensili - settimanali - giornalieri Un anno, composto di 12 mesi, comporterà 12 contributi mensili

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

www.integration.zh.ch

www.integration.zh.ch Cantone di Zurigo Dipartimento della giustizia e degli interni Ufficio cantonale per l integrazione Informazioni per i nuovi arrivati dall estero www.integration.zh.ch Indice 03 Immigrazione e diritto

Dettagli

Contributi all assicurazione contro la disoccupazione

Contributi all assicurazione contro la disoccupazione 2.08 Contributi Contributi all assicurazione contro la disoccupazione Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve L assicurazione contro la disoccupazione (AD) è un assicurazione sociale svizzera obbligatoria come

Dettagli

Safin Revisioni. Safin Revisioni e Fiduciaria s.a. Corso Elvezia 16 CP 3320 6901 Lugano, Svizzera. e Fiduciaria s.a.

Safin Revisioni. Safin Revisioni e Fiduciaria s.a. Corso Elvezia 16 CP 3320 6901 Lugano, Svizzera. e Fiduciaria s.a. FAQ SUL DIRITTO DEL LAVORO Le seguenti risposte si riferiscono ai rapporti di lavoro basati su un contratto di diritto privato e non si applicano, o solo entro certi limiti, ai rapporti di lavoro di diritto

Dettagli

Certificazione dei redditi - 1/6

Certificazione dei redditi - 1/6 PR O TOC OL L O Mod. RED - COD. AP15 Certificazione dei redditi - 1/6 ALL UFFICIO INPS DI COGNOME NOME CODICE FISCALE NATO/A IL GG/MM/AAAA A PROV. STATO RESIDENTE IN PROV. STATO INDIRIZZO CAP TELEFONO

Dettagli

HELP 03 RIMBORSI SPESE

HELP 03 RIMBORSI SPESE a cura di Flavio Chistè RIMBORSI SPESE RIMBORSI SPESE Nella gestione ordinaria degli enti non commerciali accade spesso che vengano erogate delle somme ai collaboratori, ai professionisti e ai dipendenti

Dettagli

Nome e cognome. Cittadinanza: Residenza permanente: Località, indirizzo e numero civico. CAP Località Comune. CAP Località Comune

Nome e cognome. Cittadinanza: Residenza permanente: Località, indirizzo e numero civico. CAP Località Comune. CAP Località Comune IV/ MINISTERO DEL LAVORO, DELLA FAMIGLIA E DEGLI AFFARI SOCIALI Centro di assistenza sociale I dati vanno scritti con lettere maiuscole. Prima di compilare il modulo leggere attentamente le istruzioni

Dettagli

l inabilità temporanea, l invalidità permanente

l inabilità temporanea, l invalidità permanente Inabilità temporanea e invalidità permanente Quali sono le tutele che intervengono in questi casi? Ecco il primo articolo di approfondimento sul tema degli eventi da esorcizzare Con questo primo articolo

Dettagli

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF

L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF L ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE - ANF E L ASSEGNO FAMILIARE - AF A cura di Adelmo Mattioli Direttore regionale Inca-Cgil Emilia Romagna Silverio Ghetti Segretario regionale Spi-Cgil Romagna L ASSEGNO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Assicurazione invalidità 6 a revisione AI, secondo pacchetto di misure (revisione. Rapporto esplicativo

Assicurazione invalidità 6 a revisione AI, secondo pacchetto di misure (revisione. Rapporto esplicativo Assicurazione invalidità 6 a revisione AI, secondo pacchetto di misure (revisione 6b) Rapporto esplicativo 2010 0162 1 Compendio La 5 a revisione dell'ai è entrata in vigore all'inizio del 2008. Grazie

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

Procedura di conteggio semplificata per i datori di lavoro

Procedura di conteggio semplificata per i datori di lavoro 2.07 Contributi Procedura di conteggio semplificata per i datori di lavoro Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve La procedura di conteggio semplificata rientra nel quadro della legge federale concernente

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL.

VERBALE DI RIUNIONE. si sono incontrate in ordine al rinnovo della Contrattazione Integrativa Aziendale ai sensi dell'art 21 del vigente CCNL. VERBALE DI RIUNIONE II giorno 18 febbraio 2005 la Banca di Roma S.p.A. e la Rappresentanza Sindacale Aziendale UGL Credito dell'unità Produttiva Riscossione Tributi della Provincia di Frosinone si sono

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale)

CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI. Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) CODICE DI COMPORTAMENTO DEI DIPENDENTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI Art. 1 (Disposizioni di carattere generale) 1. I princìpi e i contenuti del presente codice costituiscono specificazioni esemplificative

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato

Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato Tipo di assenza e fonti A) Ferie Art. 13 CCNL 2007. B) Festività soppr. artt.14 ccnl 2007 e art.1, lett.b, L.937/77 Principali tipi di assenza docenti con contratto di lavoro a tempo indeterminato Durata

Dettagli

I VERSAMENTI VOLONTARI

I VERSAMENTI VOLONTARI I VERSAMENTI VOLONTARI Le Guide Inps Direttore Annalisa Guidotti Capo Redattore Iride di Palma Testi Daniela Cerrocchi Fulvio Maiella Antonio Silvestri Progetto grafico Peliti Associati Impaginazione Aldo

Dettagli

Informazione per persone che hanno la loro dimora abituale in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS.

Informazione per persone che hanno la loro dimora abituale in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS. Informazione per persone che hanno la loro dimora abituale in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS. Gettiamo dei ponti Istituzione comune LAMal Gibelinstrasse 25 casella

Dettagli

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori

ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori ASpI, Mini ASpI, Una Tantum per cocopro Tutte le novità sul sostegno al reddito dei lavoratori Giugno 2014 La legge di riforma del mercato del lavoro approvata il 28 Giugno 2012 (L.92/2012) ha introdotto

Dettagli

Struttura giuridica e sede del Tribunale

Struttura giuridica e sede del Tribunale Bundesgericht Tribunal fédéral Benvenuti! Visita del Tribunale federale Tribunale federale Tribunal federal Vista della facciata frontale, Tribunale federale Losanna Foto: Philippe Dudouit L organizzazione

Dettagli

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME

ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME ORARI E GIORNI VISITE FISCALI 2014-2015. CAMBIA TUTTO PER I LAVORATORI DIPENDENTI - ECCO COME Gli Orari Visite Fiscali 2014 2015 INPS lavoratori assenti per malattia dipendenti pubblici, insegnanti, privati,

Dettagli

Informazione per persone che soggiornano temporaneamente in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS.

Informazione per persone che soggiornano temporaneamente in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS. Informazione per persone che soggiornano temporaneamente in Svizzera e che sono assicurate in forma pubblica in uno stato UE o AELS. Gettiamo dei ponti Istituzione comune LAMal Gibelinstrasse 25 casella

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07

DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 DICHIARAZIONE DEI REDDITI 730/2015 Campagna Fiscale dal 15/04 al 05/07 Bonus IRPEF 80 euro Nel nuovo modello 730/2015 trova spazio il bonus IRPEF 80 euro ricevuto nel 2014, essendo previsto l obbligo di

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life

Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life Regolamento per depositi azionisti di Swiss Life 3 Indice 1. Autorizzazione e valori depositati 4 2. Apertura di un deposito 4 3. Autorizzazione di iscrizione

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice

MATERNITA E CONGEDI PARENTALI. Indice MATERNITA E CONGEDI PARENTALI Indice Interdizione.pag. 2 Interruzione della gravidanza.pag. 3 Astensione obbligatoria..pag. 4 Astensione obbligatoria della madre....pag. 4 Astensione obbligatoria del padre....pag.

Dettagli

La guida del pensionato

La guida del pensionato La guida del pensionato Vuole sapere in che giorno del mese le viene pagata la pensione? Se ci sono aumenti periodici? Se le viene inviato un avviso di pagamento mensile? Cosa deve fare se ha persone a

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione Con questa Guida la COVIP intende illustrarti, con un linguaggio semplice e l aiuto di alcuni esempi,

Dettagli

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come

Il nominativo dell RLS riguarda il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (R.L.S.), e non, come Breve riassunto operativo per la notifica: 1. La comunicazione all INAIL riguarda gli RLS in carica alla data del 31/12/2008. 2. Se non vi sono RLS in carica in tale data, non va effettuata alcuna comunicazione.

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti

Congedo parentale Domanda per i lavoratori dipendenti Domanda per i lavoratori dipendenti Per ottenere il congedo parentale, oltre a possedere i requisiti di legge, è necessario compilare il modulo in tutte le sue parti e consegnarlo sia al datore di lavoro

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI

BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI BENEFICI A FAVORE DI DIPENDENTI, AMMINISTRATORI Si esamina il trattamento dei benefici concessi a dipendenti, collaboratori e amministratori - collaboratori. I fringe benefits costituiscono la parte della

Dettagli

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1)

Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) 1) 1.6.1.1 Legge sulla protezione dei dati personali (LPDP) (del 9 marzo 1987) IL GRAN CONSIGLIO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visto il messaggio 2 ottobre 1985 n. 2975 del Consiglio di Stato, decreta:

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI

COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Istituto Nazionale Previdenza Sociale COLLABORATORI DOMESTICI STRANIERI Regolazione del rapporto di lavoro A cura di Coordinamento e Supporto alle attività connesse al Fenomeno Migratorio Marzo 2007 INDICE

Dettagli

4.03 Stato al 1 gennaio 2013

4.03 Stato al 1 gennaio 2013 4.03 Stato al 1 gennaio 2013 Mezzi ausiliari dell AI Professione e vita quotidiana 1 Gli assicurati dell AI hanno diritto, nei limiti fissati in un elenco allestito dal Consiglio federale, ai mezzi ausiliari

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

Rimborso delle spese di viaggio nell AI

Rimborso delle spese di viaggio nell AI 4.05 Stato al 1 gennaio 2008 Rimborso delle spese di viaggio nell AI In generale 1 L assicurazione invalidità (AI) rimborsa le spese di viaggio giudicate appropriate e necessarie all attuazione dei provvedimenti

Dettagli

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE

IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE CICLO DI LEZIONI SPERIMENTALI PER GLI STUDENTI DEGLI ITC IL COSTO DEL LAVORO DIPENDENTE A cura del prof. Santino Furlan Castellanza, 2 marzo 2001 Il costo del lavoro dipendente Le voci che compongono il

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

guida introduttiva alla previdenza complementare

guida introduttiva alla previdenza complementare 1 COVIP Commissione di Vigilanza sui Fondi Pensione guida introduttiva alla previdenza complementare www.covip.it 3 Questa Guida è stata realizzata dalla COVIP Indice grafica e illustrazioni Studio Marabotto

Dettagli

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti

Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Documento Regolamento sulla formazione professionale continua degli iscritti all'ordine dei giornalisti Art.1 Scopo del Regolamento 1) Scopo di questo Regolamento e disciplinare l attivita di formazione

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N.

REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. REGOLAMENTO SUL PART TIME PER IL PERSONALE DEL COMPARTO DEL S.S.N. ART.1 Finalità L Azienda U.L.S.S. 20, alla luce delle nuove disposizioni legislative e contrattuali, con il presente regolamento supera

Dettagli

Vivere e lavorare in Europa

Vivere e lavorare in Europa Italienische Fassung Vivere e lavorare in Europa > Il diritto dell Unione europea > Lavorare in diversi Stati membri > Pagamento delle pensioni Größe: 100 % (bei A5 > 71%) Lavoro senza confini L Europa

Dettagli

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI

OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 1 CARTA DEI SERVIZI OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 19 OPUSCOLO 21-11-2007 15:35 Pagina 2 Prefazione IL CAMMINO DELLA QUALITÀ Inps, come le altre pubbliche Amministrazioni

Dettagli