INTERNET-PATIA. Un rapporto sulla dipendenza dal web

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INTERNET-PATIA. Un rapporto sulla dipendenza dal web"

Transcript

1 INTERNET-PATIA Un rapporto sulla dipendenza dal web

2

3 SOMMARIO PREfAzIoNE federico Tonioni... Pag. 5 CAPIToLo PRIMo INTERNET E LA SUA EVOLUZIONE La solitudine della tastiera I social network I giochi, le scommesse, l azzardo I siti pornografici La pedofilia on line I siti violenti CAPIToLo SECoNDo INTERNET E LA DIPENDENZA Introduzione La letteratura scientifica sul tema: dai primi studi alle acquisizioni recenti Varie tipologie di dipendenza dalla Rete Dipendenza dalle relazioni virtuali Dipendenza dal sesso virtuale Dipendenza da cyber pornografia Dipendenza dal gioco in Rete: i videogame Dipendenza dal gioco in Rete: il gioco d azzardo patologico Dipendenza da commercio compulsivo in Rete: il trading online Dipendenza da commercio compulsivo in Rete: lo shopping e le aste online Dipendenza dal controllo delle Sovraccarico cognitivo: l Information overload Verso la dipendenza I soggetti a rischio

4 CAPIToLo TERzo LA PREVENZIONE E LA CURA... Pag I primi sintomi avvertiti dall internauta e dai familiari fattori psicofisici che inducono alla dipendenza fattori sociali e ambientali che favoriscono la dipendenza Comportamenti a rischio CAPIToLo QUARTo L AZIONE SOLIDALE DI CONTRASTO ALLA INTERNET-PATIA Il ruolo della famiglia La scuola e la media education Il ruolo della famiglia Il servizio sanitario nazionale e gli ambulatori per la cura della dipendenza Dipendenza da Internet e SSN L esperienza pilota nell area pistoiese a. L esperienza del Policlinico Gemelli di Roma b. L esperienza dell ospedale Villa Santa Giuliana di Verona c. L esperienza pilota nell area pistoiese d. L esperienza del Dipartimento Dipendenze Patologiche della ASL di Bari L iniziativa della Chiesa cattolica La formazione dei giovani attraverso i genitori e gli educatori 167 Il sistema dei media (web, televisioni e giornali) 174 CAPIToLo QUINTo ESPERIENZE DI INTERNET-PATIA E CASI DOCUMENTATI 177 4

5 PREFAZIONE di federico Tonioni Internet ha rivoluzionato la comunicazione dando vita, per la prima volta, ad una rete di contatti globale ed accessibile a tutti. Questo strumento interattivo consente di svolgere molte attività del quotidiano con un notevole risparmio di tempo e risorse. Costituisce una integrazione della nostra realtà, ma può divenirne un alternativa, un mondo parallelo. Questa nuova realtà rende possibile un esplorazione senza punti di riferimento né spaziali (si può navigare senza meta, senza scopo) né temporali. Il tempo, mentre navighiamo, non è più scandito dai parametri della vita reale. In quest ottica è inevitabile che venga sottratto tempo alle relazioni vissute in famiglia. È questa la prima fonte di preoccupazione per molti genitori che colgono in questo comportamento non una risorsa ma un segnale che indica la difficoltà di loro figlio ad avere relazioni in un mondo reale. Disorientati i genitori tendono a reagire imponendo restrizioni, punizioni o ricatti che si rivelano poco utili. Si può essere indotti a mettere in atto atteggiamenti di controllo, contribuendo ad aumentare la distanza dall adolescente che non accetta di buon grado compromessi o controlli sovraimposti, specie se a sua insaputa. 5

6 É utile relazionarsi rispettando lo spazio e l intimità dei ragazzi, domandando incuriositi cosa stia facendo o pensando ricevendo così risposte più o meno soddisfacenti le nostre aspettative. Ciò che non viene detto appartiene alla sfera dell intimità che ognuno di noi ha diritto a proteggere. I genitori, anche spinti dal desiderio di colmare la distanza, possono sorvegliare di nascosto i loro figli. L atto di spiare contiene in sé un pregiudizio di colpa, inducendo un alterata percezione e interpretazione di ciò che si osserva. Ciò può contribuire ad un ulteriore allontanamento dovuto ad un interpretazione distorta della realtà, frutto della posizione da cui si guarda. Spesso controllare è più dannoso per chi lo attiva piuttosto che per chi inconsapevolmente lo subisce. Così guardare di nascosto può dare l illusione di prestare le dovute attenzioni ai nostri figli, quando in realtà può contribuire ad un ulteriore perdita di intimità nei loro confronti. Di fatto si assiste, tramite lo sviluppo della rete virtuale, ad una moltiplicazione esponenziale delle relazioni con il gruppo dei pari a discapito della comunicazione con la generazione precedente, quella dei genitori. D altro canto, durante l adolescenza è comune sperimentare la sofferenza, il trasgredire le regole e il sentirsi incompresi, spesso il parere di un amico assume un valore superiore rispetto a quello di un famigliare. Relazionarsi con un adolescente significherà prima di tutto accettare che possa essere così distante e che non sempre è possibile attirare la sua attenzione. Come quando connesso a internet ci appare completamente impermeabile al resto del mondo, suscitando in chi lo osserva preoccupazione per una condizione che è, invece, vissuta come perfettamente normale dal ragazzo stesso. Spesso il tentativo di impedire o mettere limiti alle ore di connessione, in risposta magari al tempo sottratto allo studio, genererà una reazione di difesa aggressiva da parte dell adolescente. La rete ha indotto modificazioni nel modo di vivere e di pensare, favorendo una riduzione delle relazioni personali vissute vis à vis aumentando, di contro, quelle web mediate che assumono sembianze patologiche solo se non sono più in funzione della realtà ma tendono a sostituirla. Ciò che appare normale per chi è nato e cresciuto nell era digitale genera in noi prima diffidenza che curiosità, perché da sempre l ignoto desta allarme e preoccupazione. Porre l attenzione sul concetto di psicopatologia web mediata, nato all interno dell esperienza clinica svolta presso il Policlinico Gemelli di Roma, è servito a separare la dipendenza patologica comportamentale da quelle forme morbose espansive, caratterizzate da dinamiche disfunzionali complesse, che lasciano pensare ad acquisizioni di basi mentali diverse, quelle di bambini e adolescenti nativi digitali. 6

7 I cambiamenti evolutivi, generati dalla diffusione di internet, possono presentarsi come un paradosso. Come detto, si assiste ad un aumento delle possibilità di comunicare tra coetanei tramite la rete, ma si complicano le relazioni con i genitori. D altro canto per la prima volta nella storia dell evoluzione umana, il ruolo genitoriale, che propone l adulto come riferimento, è spesso inficiato dal fatto che si è meno competenti dei nostri figli nell ambito del cyber spazio. Per dirla con Nicholas Negroponte, fondatore e il direttore del Media Laboratory del Massachusetts Institute of Technology: io, come voi, appartengo ad una generazione che non è nata nel mondo globale, che conosce anche un prima del computer ed è cresciuta al di fuori di certi input nei quali sono invece immersi i nostri figli che rappresentano una nuova civiltà, descrivendo, una divisione assoluta tra chi è digitale e chi non lo è, quelli che io chiamo i senza tetto digitali sono molto intelligenti, molto bravi, di solito sono persone benestanti di quarant anni o più, ma hanno un problema: sono giunti in questo paese troppo presto. Queste persone imparano dai loro figli (Negroponte, 2010). Questa evoluzione ha ampliato la normale distanza generazionale, fondamentale per ogni adolescente per crescere e definire la propria identità, tale per cui il livello contro-transferale sembra essere caratterizzato non tanto, come era stato per noi, da vissuti di conflitto ma da sentimenti di vuoto o addirittura assenza. In questa nuova visione evolutiva, se il processo di crescita acquisisce caratteristiche patologiche, spesso si assiste al configurarsi di veri e propri stati di dissociazione emotiva. Essere nativi digitali significa vivere in un mondo dove i riferimenti spazio-temporali appaiono molto modificati. Il concetto di spazio si è rivoluzionato a tal punto che sembra invertirsi, per cui ciò che è concretamente distante può apparire vicino ed al contrario ciò che è potenzialmente vicino sembra lontanissimo. Il tempo digitale, a sua volta, risulta essere molto più intenso, tende a sovrapporsi: pensiamo al multitasking e quindi alla possibilità di fare più cose insieme. Tale caratteristica tende a favorire la compulsione proprio perché viene ridotta l attesa e di conseguenza anche la nostra capacità di attendere. È in questa nuova ottica che cerchiamo di comprendere i nostri pazienti, i quali presentano una dissociazione sia con il corpo inteso concretamente che a carico dell identità, e cerchiamo di capire il significato di quadri caratterizzati dal passare tutto il tempo disponibile su internet, nella maggior parte dei casi compromettendo l andamento scolastico o universitario. Spesso è presente un incremento dell ideazione paranoide e una difficoltà a riconoscere e gestire le emozioni che va ad inficiare le relazioni inter- 7

8 personali vis à vis fino ad arrivare ad un progressivo ritiro sociale. La maggior parte si presenta come ragazzi razionali e logici con una difficoltà specifica nel riconoscere e vivere le proprie emozioni: faticano a sentirle come proprie e a dargli un significato, un nome e, di conseguenza, valore. Vi è, come detto, un assenza di rapporto con il corpo e con le sue funzioni, tanto da rendere difficile il solo potersi immaginare in un attività sportiva o nella sessualità. L aggressività è spesso coartata o rimossa e tende ad esplodere solo se sentono minacciate le ore di connessione. Presentano spesso storie di separazioni e conflitti affettivi mai elaborati, a volte hanno anche subito atti di bullismo. Sono ragazzi che esprimono e ricercano nella rete il loro bisogno e la loro difficoltà di interagire con gli altri, evidenziando una tendenza all interattività, che li differenzia dagli adulti. Sembrano avere una famelica necessità di relazioni che può però al tempo stesso essere negata comportando il rischio del ritiro sociale. L adolescenza è per tutti coloro che la vivono un momento in cui il sentimento di solitudine è molto profondo e questo spinge chi lo vive a cercare di compensarlo all esterno, nel gruppo dei pari che in questa fase rappresenta il vero punto di riferimento fondamentale per la costruzione dell identità propria che si acquisisce al di fuori di regole ed esempi genitoriali che non possono essere accettati. Attraverso la comunicazione online, pensiamo ai social network o ai giochi di ruolo, le conferme e la necessità di rispecchiarsi, necessarie per la formazione di una propria identità, avvengono in un ambito più protetto rispetto alle relazioni dal vivo. Si possono avvertire in misura minore le naturali incertezze o difficoltà nel relazionarsi così da permettere ai ragazzi che si sentono inadeguati la possibilità di rendersi competenti oltrepassando le proprie insicurezze. È così che il monitor assume una funzione di barriera contro gli stimoli emotivi avvertiti come troppo forti. In questo senso la rete può funzionare da stampella e quindi essere funzionale alla crescita o come rifugio, in cui gli spunti emotivi non riescono a diventare esperienza e da una potenziale evoluzione si può regredire fino all instaurarsi di una condizione patologica. Di fatto le relazioni web-mediate sono parziali, non mettono in gioco la persona nella sua interezza, come avviene dal vivo, ma consentono di favorire l espressione di certi aspetti e di nascondere ciò che viene avvertito come non presentabile. Se l utilizzo di chat, social network o giochi online non possono essere inquadrate come dipendenze patologiche perché rappresentano un nuovo modo di comunicare tra aspetti parziali nostri con quelli altrui, ci si può però alienare dalla realtà o, come nelle psicosi, mettere in atto le uniche relazioni possibili. In questo 8

9 senso l hikikomori, una grave condotta di ritiro sociale sviluppatasi in Giappone, ci appare come la conseguenza di un fallimento nelle relazioni dal vivo in un particolare ambiente, che genera la necessità di isolarsi, nella propria stanza, e di comunicare con il mondo esterno solo tramite la rete in una condizione di alienazione mentale ed impoverimento affettivo. Tale fenomeno si è espanso, in forme attenuate, come possibile manifestazione di una difesa, ad eccezione delle condizioni psicotiche primarie, in cui la relazione con l altro non viene inficiata ma al contrario viene favorita, come se fosse un nuovo modo di stare al mondo. Il progressivo ritiro può nascere come risposta all impossibilità di tollerare gli stimoli emotivi che l interazione con la realtà comporta. Come detto, stati di tensione emotiva, come l aggressività, sono difficilmente tollerabili e vengono più spesso negati, vissuti come non propri e fonte di pericolo dal quale è necessario difendersi. Il ritiro sociale, in questo senso, ci appare funzionale a proteggere il ragazzo dal mondo esterno ma anche da se stesso. Ci troviamo di fronte a cambiamenti socioculturali tali per cui essere genitori oggi è un compito davvero arduo e la possibilità di considerare patologici i comportamenti dei nostri figli è spesso la conseguenza del fatto che questo nuovo modo di stare al mondo ci risulta incomprensibile. Inoltre, la capacità di avere fiducia e la conseguente possibilità di lasciare lo spazio vitale, necessario ad ognuno per crescere, spesso si avverte come sensazione di essere assenti nei loro confronti. Sarà allora importante non solo comprendere le paure dei nostri figli ma anche e soprattutto dare un posto dentro di noi ai loro pensieri e alle loro angosce. I giovani che manifestano un progressivo ritiro sociale, alla stessa stregua dei giovani che soccombono di fronte ad esperienze di umiliazione e vergogna, presentano una specifica difficoltà nella percezione e gestione delle emozioni, in particolare ad usare in modo costruttivo l aggressività che viene talmente tanto coartata da potersi esprimere solo attraverso esplosioni di rabbia. Una sana aggressività non solo ci fa sentire vivi e reali ma è anche necessaria per conquistare e difendere il nostro spazio nel mondo e per permetterci di esprimere il nostro punto di vita. Questa diventa rabbia se non ha tale possibilità. La rabbia può seguire due strade; può essere trattenuta e quindi determinare condizioni depressive e ritiro sociale o essere scaricata all esterno attraverso comportamenti antisociali. Da qui sembra trarre origine la possibilità di essere vittima o persecutore. Anche all interno della rete e quindi del mondo virtuale si è manifestato il fenomeno del bullismo detto appunto cyberbullismo. Si presenta 9

10 come in stretta continuità con il bullismo classicamente inteso ma con caratteristiche qualitativamente diverse e conseguenze spesso fuori controllo. L aggressività è esponenzialmente aumentata online; ciò che nella vita reale limita la manifestazione di istinti e quindi comportamenti è la presenza fisica dell altro, che nel mondo virtuale non è presente. Pensiamo alla facilità con cui alziamo i toni in un litigio telefonico rispetto ad un contrasto dal vivo. Inoltre l assenza del corpo permette una comunicazione che non tiene conto del linguaggio non verbale e di conseguenza tende a favorire la disinibizione, l incremento dell aggressività e la sessualizzazione nelle relazioni. Altra differenza è data dall assenza degli adulti che, insieme alla condizione di anonimato consentita da internet, favoriscono il manifestarsi di istinti senza provare sentimenti di colpa. Le conseguenze di questo fenomeno hanno un alto potenziale di condurre ad esiti drammatici anche perché la visibilità è senza confini. Se per esistere un atto di bullismo necessita sicuramente di vittima e di persecutore, la presenza degli spettatori è essenziale affinché questo si compia. E proprio chi assiste che può inconsapevolmente esacerbare la violenza anche tramite un osservazione silenziosa o può interrompere l atto tramite un intromissione diretta o più semplicemente voltando le spalle alla scena. Se un atto di bullismo, un insulto o un pettegolezzo, cioè tutto ciò che può rappresentare fonte di imbarazzo e vergogna per chi lo subisce, entra nel mondo virtuale diviene visibile a tutti. È questo un altro aspetto che la rete comporta, cioè l impossibilità di fuggire, quella possibilità che magari ci ha permesso di risolvere una brutta figura, andandocene. Appare evidente come questo non possa verificarsi nel mondo virtuale in cui un video caricato, una foto o un insulto scritto rimangono li, sempre visibili a tutti, generando nel malcapitato protagonista sentimenti di dolore profondo, incapacità di stare con gli altri e conseguenti dinamiche di ritiro sociale. Per un genitore, che osserva dall esterno, può capitare di confondere un normale litigio tra giovani con un episodio di bullismo. Sarà allora importante capire come nostro figlio ha vissuto tale evento; d altronde conoscere i nostri figli non significa sapere tutti i pensieri che essi fanno o nascondere il bisogno che abbiamo di compartecipare alla loro esistenza ma piuttosto consiste nell accettare che questo legame presenti delle distanze, necessarie alla crescita dei ragazzi, impegnati nell arduo compito di costruire la loro identità, e a noi, che per continuare a crescere, dobbiamo rinunciare all illusione di poter creare il mondo a nostra immagine e somiglianza. 10

11 CAPIToLo 1 INTERNET E LA SUA EVOLUZIONE di francesco Giacalone 1.1. La solitudine della tastiera La comunicazione sociale è oggi sostenuta da moderni strumenti che consentono di superare le barriere e i vincoli di tempo e di spazio e, fra i nuovi modi di comunicare, internet è certamente uno dei mezzi che offre maggiori opportunità. Tra atteggiamenti sociali di attrazione e diffidenza, il popolo di navigatori quotidiani è cresciuto e comprende ormai ogni razza ed ogni età e, grazie alla rete, i bambini trovano nuove opportunità di gioco e i giovani, gli adulti e perfino gli anziani si informano, comunicano, commerciano e sperimentano se stessi attraverso la cosiddetta comunicazione virtuale. Ma come tutti gli strumenti di comunicazione, anche la rete non è esente da cattivi usi e da abusi che, negli ultimi anni, hanno portato ad osservare nel campo della salute mentale, una moderna forma di dipendenza, definita internet-dipendenza. Nel 1995 infatti lo psichiatra americano Ivan Goldberg ha introdotto l espressione Internet Addiction Disorder (I.A.D.) prendendo come 11

12 modello di riferimento il gioco d azzardo patologico. Questi sono i principali sintomi da lui individuati come caratteristici dell I.A.D.: bisogno di trascorrere un tempo sempre maggiore in rete per ottenere soddisfazione; marcata riduzione di interesse per altre attività che non siano internet; sviluppo, di agitazione, depressione e pensieri ossessivi su cosa accade on-line; necessità di accedere alla rete per periodi più prolungati rispetto all intenzione iniziale; impossibilità di interrompere o tenere sotto controllo l uso di internet; dispendio di grande quantità di tempo in attività correlate alla rete; impossibilità di interrompere l uso di Internet di fronte a problemi sociali, fisici e lavorativi. A partire dall osservazione e dallo studio di casi clinici dalla lettura di storie autobiografiche narrate da internet-dipendenti e dai risultati di questionari specifici compilati da un utenza che avverte sintomi di dipendenza dalla rete, sono state descritte, come ricordato dalla psicologa Monica Monaco, esperta di patologie legate al web, tre categorie di elementi che contribuiscono all insorgere della sindrome da dipendenza da internet: le psicopatologie predisponenti, i comportamenti a rischio e le potenzialità psicopatologiche proprie della Rete. Relativamente alle psicopatologie predisponenti, va sottolineato che le dipendenze dalla rete rappresentano spesso un ulteriore tassello che configura il quadro clinico di persone che presentano una precaria stabilità emotiva o in cui sono già presenti altri disturbi psicologici quali, ad esempio, depressione, disturbi bipolari o anche ossessivi-compulsivi. In questi casi, infatti, il ricorso ad internet sembra strettamente collegato ad un tentativo di compensare le difficoltà relazionali reali, ricercando nella rete amici o relazioni sentimentali attraverso una via più veloce e che consente di superare delle insicurezze che, invece, sono amplificate dalle quotidiane relazioni faccia a faccia. Il contatto sociale attraverso chat, comunity ed , infatti, se utilizzato con prudenza, si configura come un utile strumento per superare le difficoltà di comunicazione, in quanto consente di mettersi in gioco mediante una graduale conoscenza che, tuttavia, non è esente da rischi connessi al cattivo uso e all abuso. Questa prima considerazione riguarda da vicino tutte le persone con 12

13 certi tipi di disagio psicologico, le quali dovrebbero moderare l utilizzo di Internet e riflettere (o essere guidate a riflettere) sui bisogni che la Rete talvolta crea l illusione di poter soddisfare (in questi casi, infatti, non mette in relazione, ma illude di essere in grado di relazionarsi) e sugli aspetti della propria personalità e sulle insicurezze che bisogna invece affrontare gradualmente, poiché la necessità di comunicare deve essere appagata imparando a farlo realmente, piuttosto che accontentandosi di compromessi. La rete, ricca di potenzialità e opportunità di informarsi, conoscere e confrontarsi, risponde molto bene ai bisogni anche di persone che non hanno mai avvertito alcun disturbo psicologico, le quali non sono esenti dalla possibilità di divenire vittime dei propri stessi bisogni, attraverso dei comportamenti rischiosi di eccessivo consumo, talvolta associati ad una complementare riduzione delle esperienze di vita e di relazione reali. L abuso nell utilizzo delle informazioni disponibili in rete, infatti, può portare ad un sovraccarico cognitivo che satura il cervello, riducendo l attenzione razionale; contemporaneamente il conseguente isolamento sociale sostiene il ricorso ad Internet per cercare occasioni di socializzazione virtuale che possono sconvolgere i delicati equilibri dell identità, creando la possibilità di sperimentare ruoli e parti del Sé altrimenti non sperimentabili nella vita reale che, tuttavia, accrescono il numero di ore trascorso on-line, con il risultato che si può finire incollati ad una sedia e ad un monitor per giornate intere, rinunciando a salutari e reali esperienze di vita. Alla base di un ricorso frequente alla Rete da parte di alcune persone che non mostrano segni psichiatrici è stata riscontrata spesso una tendenza comportamentale definita solipsismo telematico, ossia la propensione ad eleggere il web come luogo di rifugio in cui appartarsi per trovare sollievo da problemi quotidiani, secondo una modalità che potenzialmente potrebbe aumentare le possibilità che la Rete conquisti fette sempre più ampie del tempo delle proprie giornate. Si aggiunge a tutto questo che la Rete, in virtù delle sue enormi risorse, possiede delle cosiddette potenzialità psicopatologiche, quali la capacità di indurre sensazioni di onnipotenza, come vincere le distanze e il tempo, o cambiare perfino identità e personalità, si comprende come sia necessario utilizzare questo potente strumento rimanendo padroni di tutte le proprie capacità razionali di controllo del proprio comportamento. Al di là delle diverse componenti che possono contribuire ad originare i diversi casi di rete-dipendenza, la caratteristica costante che fa da sfondo ad ogni dipendenza da internet è la capacità della rete di ri- 13

14 spondere a molti bisogni umani, consentendo di sperimentare dei vissuti importanti per la costruzione del Sé e di vivere delle emozioni sentendosi, al contempo, protetti. Internet, infatti, annulla lo spazio e consente ciò che nella realtà non si può realizzare o che si può fare in molto tempo, viaggiando per ore ed interagendo più lentamente e spesso in strutture diadiche o in piccoli gruppi. Le chat, invece, abbattono le frontiere e consentono di parlare con gruppi numerosi in stanze che la realtà difficilmente rende disponibili, consentendo spesso discorsi paralleli, solo virtualmente possibili. Inoltre, le comunity più stabili creano, più o meno vere, sensazioni di appartenenza, rispondendo ad un grande bisogno umano e consentendo di esercitare quella che è stata definita la moratoria psico-sociale, ossia l allenamento ai ruoli e alle interazioni che sospende le conseguenze e quindi le responsabilità, le scelte e i vincoli definitivi. Nelle stanze virtuali si può sperimentare la propria identità in tutte le sue sfumature, cambiando l età, la professione e perfino il sesso di appartenenza, ascoltando le reazioni degli altri e maturando delle convinzioni, attraverso il confronto con altre personalità più o meno reali. La recita nel teatro on-line diventa perfino dichiarata. Il gioco di ruolo viene infatti esaltato ai limiti della fantasticheria e in cui, all ombra del personaggio che si interpreta, si possono tirare fuori, rimanendo al sicuro, perfino gli istinti più crudeli. I rischi sono quelli legati ad ogni situazione che consenta di far emergere e di soddisfare i bisogni più profondi e inconsapevoli: si sperimentano parti di sé che potrebbero sfuggire al controllo, soprattutto quando si dispone di uno strumento di comunicazione che consente di rimanere uomini e donne senza volto, una condizione che potenzialmente può favorire la comparsa di comportamenti guidati da una minima morale. Per i più giovani in età di sviluppo e per alcuni soggetti predisposti, il rischio è che l abuso della rete per comunicare crei confusione nella distinzione tra reale e virtuale (soprattutto nel senso di Sé), che non sia più facile comprendere cosa fa parte di Sé realmente e cosa è possibile sperimentare solo virtualmente, poiché ciò che è concesso in Rete non ha le stesse conseguenze che si produrrebbero nella realtà. In considerazione di ciò, soprattutto i bambini e i giovani dovrebbero limitare il tempo trascorso su Internet ed integrare delle esperienze di comunicazione reale, al fine di evitare di sviluppare delle abilità emotive e sociali prevalentemente attraverso questo strumento tecnologico che, in questo caso, risulterebbero estremamente limitate o deformate rispetto a quelle poi richieste per adattarsi nella vita reale. 14

15 Più recentemente per individuare e distinguere i segni di rete-dipendenza dal consumo non patologico di internet, si fa riferimento ad alcuni comportamenti, che rappresentano indicatori qualitativi o quantitativi di differenza tra normalità e patologia e che hanno permesso di distinguere 3 tappe nel percorso verso la forma più stabile della dipendenza patologica dalla rete i. La prima tappa verso la rete-dipendenza o fase iniziale è caratterizzata dall attenzione ossessiva e ideo-affettiva a temi e strumenti inerenti l uso della rete, che genera comportamenti quali controllo ripetuto della posta elettronica durante la stessa giornata, ricerca di programmi e strumenti di comunicazione particolari, prolungati periodi in chat. La seconda tappa o tossicofilia è caratterizzata dall aumento del tempo trascorso on-line, con un crescente senso di malessere, di agitazione, di mancanza di qualcosa o di basso livello di attivazione quando si è scollegati (una condizione paragonabile all astinenza). Inizialmente ciò era accompagnato anche da un notevole aumento delle spese, che spesso rappresentava un lieve fattore di inibizione della tossicofilia, oggi pressoché irrilevante, date le numerose possibilità di rimanere a lungo collegati a basso costo. Restano, tuttavia, importanti indicatori di tossicofilia il malessere soggettivo off-line e l abuso on-line, spesso anche nelle ore lavorative e nelle ore notturne, in cui si è disposti a rinunciare anche al sonno. La terza tappa o tossicomania è la fase in cui la rete-dipendenza agisce ad ampio raggio, danneggiando diverse aree di vita, quali quella lavorativa, delle relazioni reali e quella scolastico-lavorativa e in cui si rilevano problemi di scarso profitto, di assenteismo scolastico-lavorativo e di isolamento sociale anche totale. Dalla classificazione precedente, è facile intuire che più sono presenti comportamenti tossicomanici, che indicano la cronicizzazione e l aggravamento del disturbo, più difficile e lungo potrebbe risultare ripercorrere a ritroso la via della guarigione, tornando verso un utilizzo non patologico della Rete. Un altra importante distinzione che viene operata nella descrizione della sintomatologia associata alla rete-dipendenza concerne la differenziazione tra: condizioni on line e condizioni off line. Nella prima classe di sintomi si fanno rientrare in genere i comportamenti relativi all abuso del tempo in rete (in genere anche ore settimanali); nella seconda categoria si comprendono invece i sintomi di ansia e irrequietezza, nonché le predette problematiche relazionali, lavorative o scolastiche che permangono tra un collegamento ed un al- 15

16 tro, accompagnando il corteo sintomatologico che caratterizza la sindrome multimediale. Così come hanno fatto discutere i principi-guida adottati inizialmente per la diagnosi della retomania ii, sono state numerose anche le critiche ai cosiddetti gruppi di auto-aiuto on-line, uno dei primi metodi utilizzati, soprattutto in America, allo scopo di fornire un supporto per superare il problema della rete-dipendenza. Tale modalità di trattamento, infatti, è paragonabile al trattamento di un tossicodipendente con la sua stessa droga e sembra non aver avuto sempre successo, se non esclusivamente come momento iniziale per condividere insieme la presenza di un problema da affrontare con decisione, ma lontano da un computer e da un modem. Al contrario sono sempre più diffusi utili test e questionari on line di autovalutazione del proprio rapporto con la Rete, che possono rappresentare un punto di partenza per rendere consapevole il problema che spesso è vissuto a lungo in modo non disturbante. Il passo successivo dalla consapevolezza può essere un aiuto professionale individuale o una condivisione reale del problema con un gruppo omogeneo, anche attraverso delle riflessioni guidate sulla necessità di superare le eventuali insicurezze che possono essere alla radice del ricorso ad Internet per socializzare. Infine, la prevenzione rimane un utile strumento per tutti, con speciale attenzione ad alcune regole nell utilizzo di Internet da parte di chi già è coinvolto in un disagio psicologico. Pertanto, in quest ultimo caso, occorre ricordare: che occorre limitare la quantità di tempo trascorso quotidianamente on line (non più di una o due ore), possibilmente non instaurando un abitudine quotidiana che deve essere a tutti i costi rispettata e che è importante integrare le attività on line con simili attività reali (es. acquisti, svaghi o relazioni sociali), poiché in tal modo non si trasforma la Rete nello strumento privilegiato di relax, di evasione e di contatto con se stessi. Inoltre è bene ricordare che la socializzazione reale non deve mai essere totalmente sostituita da quella virtuale e che, nel caso in cui si avverta una necessità coatta e incontrollabile di collegarsi ad Internet, occorre chiedere un aiuto competente. Le modificazioni psicologiche prodotte nell individuo che diviene dipendente dalla rete sono: perdita delle relazioni interpersonali; modificazioni dell umore; alterazione del vissuto temporale; 16

17 cognitività completamente orientata all utilizzo compulsivo del mezzo; tendenza a sostituire il mondo reale con un oggetto artificioso con il quale si cerca di costruire un proprio mondo personale e in questo caso virtuale (feticismo tecnologico); oltre ai problemi di tipo psicologico si assiste in molti casi alla presenza di veri e propri sintomi fisici come tunnel carpale, dolori diffusi al collo e alla schiena, problemi alla vista ecc. I sintomi fisici sono una conseguenza del protrarsi di lunghi periodi di attività in rete in situazioni poco ergonomiche. La dipendenza da internet si sviluppa solitamente verso una specifica applicazione che funge da esca per il soggetto che sviluppa la dipendenza. La dipendenza da internet è un termine ampio che racchiude in sè una serie di comportamenti problematici che possiamo raggruppare in: Dipendenza da cybersesso Dipendenza cyber-relazionale (o da social network) Dipendenza da gioco d azzardo e shopping compulsivo Ricerca di informazioni Dipendenza da giochi on-line Chi soffre di dipendenza cybersessuale è solitamente impegnato in attività che prevedono la visione, il download e l acquisto di materiale pornografico online. I siti porno hanno conosciuto uno sviluppo enorme e ad oggi rappresentano la forma di commercio elettronico più redditizia. Proprio per questo l offerta di materiale è talmente varia e ampia che il dipendente può trovare in rete una inesauribile fonte di contenuti per la propria ricerca di soddisfacimento. Le persone affette da dipendenza cyber-relazionale trascorrono una grande quantità di tempo all interno di Chat Room, servizi di Instant Messaging o Social Network impegnandosi in relazioni online che molto spesso portano a veri e propri adulteri. Le conoscenze fatte su internet divengono presto più importanti di quelle offline e questo tipo di dipendenza (che colpisce maggiormente il genere femminile) porta spesso ad un deterioramento nei rapporti con amici e famiglia e problemi coniugali. Per Dipendenza da gioco d azzardo si intendono quei comportamenti compulsivi che portano le persone ad impegnarsi in attività nelle quali si trovano a spendere quantità eccessive di denaro come gioco d az- 17

18 zardo o trading on line. Le persone che hanno problemi con questo tipo di comportamento passano molto tempo in casinò virtuali e siti per scommettere. L abbondanza di dati disponibile sul web ha creato un nuovo tipo di comportamento compulsivo caratterizzato da eccessiva navigazione e ricerca all interno di database online. Le persone affette da questo tipo di problema spendono molto tempo in rete nel cercare e successivamente nell organizzare informazioni di vario genere. Se già dagli anni 80, giochi come campo minato o solitario iniziavano a costituire dei problemi per quelle organizzazioni i cui lavoratori passavano gran parte del tempo impegnati in questi giochi, lo sviluppo di giochi interattivi online e dei giochi di ruolo ha fatto aumentare esponenzialmente i fenomeno. Le persone caratterizzate da questa dipendenza conducono una vita parallela all interno del gioco assumendo una seconda identità. Caratteristica di questa dipendenza è il pensare costantemente a fatti avvenuti, a strategie e personaggi dei giochi anche quando si è offline. Internet rende più semplice e rapida la comunicazione, può divenire un luogo dove coltivare la propria passione e incontrare persone che la condividano, può aiutare a creare relazioni. oggi però per molti soggetti, il rischio è di farne l unico mezzo di legame con il mondo. La dipendenza da internet non coinvolge solo i ragazzi più giovani, ma si estende ad una popolazione molto più ampia, toccando gli adulti di tutte le età. Come abbiamo visto, la dipendenza da internet riguarda numerose tematiche diverse per età, sesso, interessi. La rete permette di cercare e di trovare esattamente ciò di cui si sente il bisogno: relazioni amicali, amorose, giochi di ruolo, scambi commerciali, forum e informazione giornalistica. Il rischio è che l infinita offerta della rete riesca da sola a saturare la domanda di riconoscimento dell essere umano, soddisfacendolo in ogni suo aspetto e non lasciandogli lo spazio per desiderare altro e altrove. Nei prossimi paragrafi saranno descritti nel dettaglio le varie forme di dipendenza associate all abuso di internet I social network L avvento di internet e l uso che le persone ne hanno fatto nel corso degli anni, lo hanno reso un compagno onnipresente nelle vite di gran parte di noi. La tecnologia oggi, più di ogni altra epoca storica, si adat- 18

19 ta e segue questo trend: non solo computer portatili sempre più maneggevoli, ma ora anche smartphone e tablet garantisco l accesso al web ovunque ci troviamo. È possibile usufruirne comodamente da casa o in ufficio o a scuola. Non c è più bisogno di andare in edicola a comprare il quotidiano per sapere cosa accade nel mondo o andare in biblioteca per fare una piccola ricerca. I social network permettono di comunicare in tempo reale a qualsiasi distanza ci si trovi e con qualunque parte del mondo. Così facendo si sono diminuite le distanze e le informazioni vengono scambiate istantaneamente e si può sempre essere aggiornati sui fatti di cronaca, su eventi culturali o anche semplicemente su come sta un nostro amico o parente che vive lontano. Più di un miliardo di persone nel mondo hanno un account e circa la metà comunicano regolarmente con Twitter. Il primo grande merito dei social network è indubbiamente quello di aver facilitato la comunicazione: basta avere la connessione a Internet per parlare in tempo reale con persone dall altra parte del globo e grazie alle webcam addirittura vederne il volto. I social network rappresentano un aggregatore di persone che cercano e vogliono mantenere contatti con vecchi e nuovi amici, condividendo foto, video e contenuti della propria vita. La dipendenza da social network è molto diffusa e, come avviene nelle altre dipendenze, è causa di alcuni problemi. Gli atteggiamenti di uso ed abuso di questi siti web ed il loro perpetrarsi, fino addirittura alla dipendenza, sono innescati e portati avanti da meccanismi psicologici e neurologici di piacere, soddisfazione, affettività ed autostima. A livello celebrale vengono rilasciate maggiori quantità di sostanze psicoattivanti e a livello mentale si creano meccanismi e schemi ricompensatori che portano al riutilizzo continuo e sempre maggiore iii. Inizialmente ad essere letteralmente rapiti dai social network sono i giovani: moltissimi ragazzi in Italia sono considerati a rischio di dipendenza da social network, visto che trascorrono da 2 a 3 ore al giorno sui vari profili disponibili in Internet. Secondo una recente ricerca otto adolescenti su dieci sono connessi a un social network e aggiornano continuamente il profilo. Nel 2008 la diffusione di facebook è stata così esponenziale da posizionare l Italia al primo posto della classifica mondiale dei paesi con maggiore percentuale di incremento utenti. In pochi anni facebook e divenuto uno dei dieci siti maggiormente cliccati e frequentati del web, acquisendo in breve tempo milioni e milioni di utenti in tutto il globo. Purtroppo però, accanto alle caratteristiche positive di visibili- 19

20 tà, aggregazione, condivisione, recupero di vecchie conoscenze ed amicizie e nascita di nuove, sono comparse anche delle note assai negative, in particolare legate a problemi e, sempre più spesso, veri e propri casi di dipendenza. I giovani, i quali trovandosi in una fase della vita in cui non hanno ancora delle certezze, né un identita definita, passano la maggior parte del loro tempo sul web perdendo così ogni contatto con la realtà ed anche la voglia di vivere i rapporti in maniera più concreta e umana. ora non solo gli adolescenti ma anche gli adulti sono a rischio di dipendenza da social network. Se sommiamo il tempo trascorso ogni giorno con il computer, internet, cellulari e tv arriviamo a una media di 8-9 ore al giorno passate con uno schermo. Rimane spesso poco tempo per dedicarci ad attività rilassanti e curare le relazioni personali. Il rischio di ammalarsi di videodipendenza e tecnostress è concreto. La dipendenza dai social network sembra essere dovuta al forte senso di sicurezza, di personalità e di socialità (in una società sempre meno connotata dai contatti sociali) che tale forma di siti sono in grado di fornire. L assuefazione dai social network potrebbe essere causata dalla fermezza e dalla socialità che questi siti sono appunto in grado di fornire grazie alle loro infinite applicazioni. Come le altre dipendenze, porta le proprie conseguenze e i propri problemi. Quelli più riscontrati a causa di questa patologia sono l emicrania (l effetto più diffuso), la tachicardia e una ipersudorazione. Purtroppo questa dipendenza si sta diffondendo a macchia d olio. Ansia, depressione, stress sono decisamente degli elementi gravissimi e da tenere in considerazione. Quando si attraversa un momento di difficoltà, il computer e le sue risorse illimitate possono ridurre notevolmente lo stato di disagio sperimentato, l ansia o il senso di solitudine, offrendo opportunità di svago e alleggerimento della mente (un veloce calmante che devia dal problema vissuto in quel dato momento). Si rischia in questo modo di instaurare un circuito vizioso per cui, ogni volta che si è in una situazione conflittuale, si preferisce tornare a distrarsi creando una dipendenza, non una soluzione al problema che invece permane ed, anzi, viene così alimentato. Un altro elemento può essere la preesistenza di un altra condizione di dipendenza (ad esempio alcol, droghe o gioco compulsivo; difficoltà relazionali; fobie o isolamento sociale). Certamente è molto difficile valutare se e quando un uso eccessivo del web si trasformi in un problema vero e proprio. Molti giovani e meno giovani passano ormai una quantità significativa di ore sul computer senza per questo sviluppare forme di dipendenza. Quello che diventa un 20

LA DIPENDENZA DA INTERNET Dalla comunicazione alla comunicazione virtuale

LA DIPENDENZA DA INTERNET Dalla comunicazione alla comunicazione virtuale LA DIPENDENZA DA INTERNET Dalla comunicazione alla comunicazione virtuale A cura della Dott.ssa Monica Monaco La comunicazione sociale è sostenuta oggi da moderni strumenti che consentono di superare le

Dettagli

DIPENDENZA DA INTERNET

DIPENDENZA DA INTERNET Ciclo di incontri Dipendenze...conoscerle per evitarle Venerdì 04 aprile 2014 DIPENDENZA DA INTERNET Gianluca Mantoani DIPENDENZE DA INTERNET l Negli anni '90 i primi studi l Termine coniato da Ivan Goldberg

Dettagli

Internet istruzioni per l uso. Marcallo, 29 Aprile 2015

Internet istruzioni per l uso. Marcallo, 29 Aprile 2015 Internet istruzioni per l uso Marcallo, 29 Aprile 2015 Conoscere per gestire il rischio La Rete, prima ancora di essere qualcosa da giudicare, è una realtà: un fatto con il quale bisogna confrontarsi Internet

Dettagli

EDUCARE = Significa soprattutto preparare alla vita, ed avviene non solo nelle ore scolastiche ma durante tutta la giornata dei ragazzi

EDUCARE = Significa soprattutto preparare alla vita, ed avviene non solo nelle ore scolastiche ma durante tutta la giornata dei ragazzi EDUCARE = Significa soprattutto preparare alla vita, ed avviene non solo nelle ore scolastiche ma durante tutta la giornata dei ragazzi AGENZIE EDUCATIVE: Famiglia Scuola Società COLLABORAZIONE ALCUNI

Dettagli

LE RELAZIONI DURANTE L ADOLESCENZA

LE RELAZIONI DURANTE L ADOLESCENZA ITC C. Deganutti Udine SPAZIO DEDICATO AI GENITORI SECONDO INCONTRO ESSERE GENITORI OGGI: AIUTARE I FIGLI NEL LORO PERCORSO DI CRESCITA Programma specifico FSE nr.. 13 Azione B SECONDO INCONTRO Istituto:

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi

Introduzione. A chi è destinato il programma? Obiettivi Introduzione Tina e Toni è un programma di prevenzione globale destinato alle strutture che accolgono bambini dai 4 ai 6 anni, come le scuole dell infanzia, le strutture d accoglienza e i centri che organizzano

Dettagli

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING

CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING CHE COS È E A COSA SERVE IL COUNSELLING Dal latino consilium: consiglio, parere. Counselling, deriva dal verbo inglese to counsel. L Oxford English Dictionary dà queste definizioni: 1. dare un parere a

Dettagli

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA

COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA COMUNICAZIONE E ASCOLTO NELLA COPPIA Comunicare vuol dire scambiare informazioni legate a fatti o ad emozioni personali con un'altra persona. La vera comunicazione avviene quando uno riceve il messaggio

Dettagli

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it

Favorire l autostima nel bambino. Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it Favorire l autostima nel bambino Mario Di Pietro www.educazione-emotiva.it segreteria@mariodipietro.it 1 Un senso di impotenza si sviluppa in seguito all incapacità di influenzare positivamente le proprie

Dettagli

PC-(DE)GENERATION Viaggio nel mondo del digitale responsabile. Giovedì 8 novembre 2012 Dott.ssa Cristina Mastronardi

PC-(DE)GENERATION Viaggio nel mondo del digitale responsabile. Giovedì 8 novembre 2012 Dott.ssa Cristina Mastronardi PC-(DE)GENERATION Viaggio nel mondo del digitale responsabile Giovedì 8 novembre 2012 Dott.ssa Cristina Mastronardi Il mondo dei NATIVI_DIGITALI in un universo digitale Dipendenza Dipendenza patologica

Dettagli

IRRINUNCIABILE PER I GIOVANI!!!

IRRINUNCIABILE PER I GIOVANI!!! LA DIPENDENZA DALLA RETE INTERNET IRRINUNCIABILE PER I GIOVANI!!! CHE COS E? La cosiddetta dipendenza da internet è una problematica ancora in via di definizione che si riferisce all uso eccessivo di internet

Dettagli

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012

Essere fratelli di. Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Essere fratelli di Supporto psicologico ai fratelli di persone con gravi disabilità EDIZIONE 2012 Contesto di riferimento e obiettivi generali La famiglia è senza dubbio il luogo più importante per la

Dettagli

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010

Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento. Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Strategie e indicazioni per favorire l apprendimento Dott.ssa Francesca Valori Pontedera, 15 maggio 2010 Obiettivo: Fornire conoscenze relative alla comunicazione tra istruttore e allievo e strategie funzionali

Dettagli

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza

La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza La depressione maggiore è un disturbo mentale che si manifesta con: uno stato d animo di profondo dolore o tristezza mancanza di energia e di voglia di fare le cose Materiale a cura di: L. Magliano, A.

Dettagli

Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente!

Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente! Il nostro Progetto La scelta? Essere indipendente!, in un ottica di prevenzione della salute, si è proposto di offrire ai ragazzi del secondo anno un occasione di discussione e di riflessione all interno

Dettagli

Associazione non profit La mela e il seme

Associazione non profit La mela e il seme Associazione non profit La mela e il seme per l educazione di bambini e ragazzi al ben-essere e per la prevenzione del disagio giovanile SONO UN GRANDE!!!! Progetto per l accrescimento dell autostima di

Dettagli

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria

Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria Presentazione dei Progetti e dei Corsi di formazione realizzati per la Scuola Secondaria RESPONSABILI DEI PROGETTI E DEI CORSI DI FORMAZIONE: dott.ssa Mena Caso (Psicologa, Psicoterapeuta) cell. 32081422223

Dettagli

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta

Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta Dott.ssa Federica Pricci Psicologa Psicoterapeuta La Comunicazione Cosa significa Comunicare? Trasmettere informazioni,conoscenze,pensieri tra due o piú soggetti. La comunicazione contiene elementi non

Dettagli

Formazione genitori. I percorsi

Formazione genitori. I percorsi Formazione genitori Sappiamo che spesso è difficile trovare un po di tempo per pensare a come siamo genitori e dedicarci alla nostra formazione di educatori, sappiamo però anche quanto sia importante ritagliarsi

Dettagli

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta

Vittime minori. LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Vittime minori LA VIOLENZA ASSISTITA vittime «minori» Dr.ssa Iria Barbiè, psicologa psicoterapeuta Migliaia di bambini assistono in casa a scene di violenza domestica: questa è una delle esperienze più

Dettagli

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo

Depressione e comportamento suicidario. Opuscolo informativo Depressione e comportamento suicidario Opuscolo informativo Depressione La vita a volte è difficile e sappiamo che fattori come problemi di reddito, la perdita del lavoro, problemi familiari, problemi

Dettagli

La rete siamo noi. Uso della rete internet e dei social network. Bologna, 19 maggio 2011

La rete siamo noi. Uso della rete internet e dei social network. Bologna, 19 maggio 2011 La rete siamo noi Uso della rete internet e dei social network Bologna, 19 maggio 2011 Il progetto La Rete Siamo Noi è un progetto nato dalla collaborazione tra il Difensore Civico e il CORECOM Emilia-Romagna.

Dettagli

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE

IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE IL GIOCO-FIABA ANIMATO NELLE CLASSI DI SCUOLA ELEMENTARE A cura del Dott. Maurizio Francesco Molteni (psicoterapeuta) e di Stefania Giovanna Maggetto (psicologa) Indice a-1) Che cos è il gioco-fiaba animato

Dettagli

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente).

QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO. La valutazione dovrà essere espressa in scala da 1 (per niente) a 5 (pienamente). QUESTIONARIO DI EFFICACIA DELL INCONTRO Gentile genitore, le sottoponiamo il presente questionario anonimo al termine dell incontro a cui ha partecipato. La valutazione da lei espressa ci aiuterà a capire

Dettagli

Il bambino con ADHD a scuola

Il bambino con ADHD a scuola Teramo 20-04-2010 Dott.ssa Adriana Sigismondi ADHD Caratteristiche DISATTENZIONE IMPULSIVITA IPERATTIVITA 1 1 ATTENZIONE I bambini con un disturbo di attenzione manifestano problemi in compiti che richiedono

Dettagli

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1

LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 LEADLAB LAVORO 1 e 2 Incontro 1 Sintesi per le partecipanti Laboratorio LAVORO 1 e 2 Progetto Leadership femminile aprile-giugno 2013 Elena Martini Francesca Maria Casini Vanessa Moi 1 LE ATTESE E LE MOTIVAZIONI

Dettagli

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI

Dott.ssa EMANUELA GARRITANI Dott.ssa EMANUELA GARRITANI L idea di trattare questo argomento è nata a seguito della prima esperienza di tirocinio, svoltasi presso la Residenza Sanitaria Assistenziale del Presidio Ospedaliero di Monfalcone,

Dettagli

Valeria Cavioni valeria.cavioni@unipv.it. Pietro Maffi mpietro@yahoo.com

Valeria Cavioni valeria.cavioni@unipv.it. Pietro Maffi mpietro@yahoo.com Valeria Cavioni valeria.cavioni@unipv.it Pietro Maffi mpietro@yahoo.com CYBERSPAZIO: spazio reale o fittizio? Riduzione dei vincoli spazio-temporali Separazione dal contesto della comunicazione Utilizzo

Dettagli

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare:

COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: PSICOTERAPIE COSA E LA PSICOTERAPIA? = un genere di INTERVENTO TERAPEUTICO su base PSICOLOGICA e RELAZIONALE il cui obiettivo consiste nell attenuare o eliminare: - una SINDROME CLINICA di tipo PSICOPATOLOGICO

Dettagli

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità

Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità VALORE DI RIFERIMENTO Istituto Comprensivo di Iseo a.s. 2014/20145 SCUOLA PRIMARIA Compito Esperto Classi Quinte TITOLO: educazione all'affettività e alla sessualità Democrazia, non violenza e pace (società):

Dettagli

LE DINAMICHE DELLA CRESCITA

LE DINAMICHE DELLA CRESCITA LE DINAMICHE DELLA CRESCITA 1. Viviamo in una situazione di disequilibrio educativo, a causa di: a) fattori strutturali, quali - ritmi di cambiamento sociale, - esposizione ripetuta e prolungata di immagini

Dettagli

PRIMA DOPO. Quando si rompe

PRIMA DOPO. Quando si rompe AUTOSTIMA PRIMA DOPO Quando si rompe I segni rimangono Cos è l AUTOSTIMA AUTOSTIMA VALUTAZIONE DI SE SENTIMENTI Cos è l AUTOSTIMA Sé PERCEPITO FEEDBACK dalla realtà Abilità Caratteristiche Qualità Presenti

Dettagli

L accompagnamento della famiglia affidataria. C. Di Guglielmo 2011

L accompagnamento della famiglia affidataria. C. Di Guglielmo 2011 L accompagnamento della famiglia affidataria Difficoltà delle FA Con il minore accolto Con i Servizi All interno della propria famiglia - difficoltà individuali - difficoltà di coppia - difficoltà con

Dettagli

Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare. Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata NADIA VANDI

Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare. Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata NADIA VANDI Istituto Scolastico comprensivo G. Lanfranco Gabicce Mare Educare nell era digitale ARGG! : un esperienza di didattica aumentata Perché la scuola si è occupata di tecnologie digitali Esperienza di didattica

Dettagli

Come uscire. dalle droghe

Come uscire. dalle droghe Come uscire dalle droghe Uscire dalle droghe è possibile in ogni Ho perso il controllo Un giovane può cadere facilmente nella trappola della droga, sia per curiosità, sia per una particolare situazione

Dettagli

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it

INDICATORI DI ABUSO SESSUALE E MALTRATTAMENTO. Rose Galante, Centro di Terapia Relazionale 095.221178 www.psicoterapiactr.it Indicatori fisici Lividi, ustioni, lacerazioni, fratture Ritardo o arresto della crescita Lesioni traumatiche dell apparato genitale ed anale Denutrizione Aspetto gravemente sofferente Abbigliamento inadeguato

Dettagli

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO

Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Scuola elementare Dante Alighieri - Isola PIANO EDUCATIVO Anno scolastico 2008/2009 INTRODUZIONE Il piano educativo fa parte del Piano dell offerta formativa dell Istituto ed è stato elaborato seguendo

Dettagli

IL GIOCO D AZZARDO: QUALI CONSEGUENZE SOCIALI?

IL GIOCO D AZZARDO: QUALI CONSEGUENZE SOCIALI? IL GIOCO D AZZARDO: QUALI CONSEGUENZE SOCIALI? LA FAMIGLIA LA RETE SOCIALE IL DENARO IL TUTORAGGIO ECONOMICO: INTERVENTO NECESSARIO PER LA CURA DEL GIOCATORE Arezzo, 10 Agosto 2006 Dott.ssa Donatella Frullano

Dettagli

Papà Missione Possibile

Papà Missione Possibile Papà Missione Possibile Emiliano De Santis PAPÀ MISSIONE POSSIBILE www.booksprintedizioni.it Copyright 2015 Emiliano De Santis Tutti i diritti riservati Non insegnate ai bambini la vostra morale è così

Dettagli

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico

La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD. Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico La gestione della sfera emotiva e delle relazioni sociali per i bambini e ragazzi con ADHD Dott.ssa Francesca Potena Pedagogista clinico Perché parlare di gestione emotiva? ADHD è un disturbo che colpisce

Dettagli

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication

Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication Blog, social network marketing virale: esserci sì, ma come? Relatore: Marco Magistri - Webmaster G&P communication G&P communication srl - Milano Dal web 1.0 al web 2.0 la grande rivoluzione web 1.0 Statico

Dettagli

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa

LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini. Premessa Convegno Nazionale La Mediazione familiare, una risorsa per genitori e bambini nella separazione Bologna, 1 e 2 dicembre 2006 LA SCUOLA COME RISORSA EDUCATIVA PER AFFRONTARE UN CAMBIAMENTO Patrizia Orsini

Dettagli

GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010

GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010 GIOCO D AZZARDO PATOLOGICO (GAP) Dott. Cesare Guerreschi Roma, 4 Novembre 2010 Definiamo il gioco d azzardo come un attività ludica che si caratterizza per il rischiare una più o meno ingente somma di

Dettagli

02 Io sono: il bambino e il suo mondo durante la vita intrauterina 10. 03 È nato. Crescita e sviluppo del bambino 14

02 Io sono: il bambino e il suo mondo durante la vita intrauterina 10. 03 È nato. Crescita e sviluppo del bambino 14 VI Sommario Parte prima Da bambino a preadolescente Chi è il bambino? Come cresce? Come impara a interagire con il mondo e a lasciare un segno nel suo ambiente di vita? La prima parte del volume cerca

Dettagli

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili

Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili Unità Didattica 4: Comunicazione e relazione con persone disabili In questa unità didattica sono indicate alcune modalità di comportamento con persone disabili, in modo da migliorare la conoscenza rispetto

Dettagli

ANTONELLO VANNI FIGLI NELLA TEMPESTA LA LORO SOFFERENZA NELLA SEPARAZIONE E NEL DIVORZIO SAN PAOLO EDIZIONI, 2015

ANTONELLO VANNI FIGLI NELLA TEMPESTA LA LORO SOFFERENZA NELLA SEPARAZIONE E NEL DIVORZIO SAN PAOLO EDIZIONI, 2015 ANTONELLO VANNI FIGLI NELLA TEMPESTA LA LORO SOFFERENZA NELLA SEPARAZIONE E NEL DIVORZIO SAN PAOLO EDIZIONI, 2015 INDICE Prefazione I La famiglia nella tempesta Family Breakdown: perché la famiglia è in

Dettagli

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine.

Le principali differenze psicologiche, comportamentali e di ruolo tra maschi e femmine. Dott.ssa Panaghia Facchinelli, Pedagogista clinica Tel 348-8742827 panaghia@email PERCORSO DI EDUCAZIONE ALL AFFETTIVITA E ALLA SESSUALITA Questo progetto di educazione all affettività e sessualità è rivolto

Dettagli

Separati ma ancora famiglia: la genitorialità continua. Dott.ssa Valentina Montuschi Dott.ssa Cristina Pucci Psicologhe Psicoterapeute familiari

Separati ma ancora famiglia: la genitorialità continua. Dott.ssa Valentina Montuschi Dott.ssa Cristina Pucci Psicologhe Psicoterapeute familiari Separati ma ancora famiglia: la genitorialità continua Dott.ssa Valentina Montuschi Dott.ssa Cristina Pucci Psicologhe Psicoterapeute familiari Ti sposerò perché Il matrimonio si fonda su un contratto

Dettagli

EDUCARE = Significa soprattutto preparare alla vita, ed avviene non solo nelle ore scolastiche ma durante tutta la giornata dei ragazzi

EDUCARE = Significa soprattutto preparare alla vita, ed avviene non solo nelle ore scolastiche ma durante tutta la giornata dei ragazzi EDUCARE = Significa soprattutto preparare alla vita, ed avviene non solo nelle ore scolastiche ma durante tutta la giornata dei ragazzi AGENZIE EDUCATIVE: Famiglia Scuola Società COLLABORAZIONE ALCUNI

Dettagli

Rifocalizzare il lavoro educativo con la disabilità l attenzione alla sociomorfogenesi

Rifocalizzare il lavoro educativo con la disabilità l attenzione alla sociomorfogenesi Rifocalizzare il lavoro educativo con la disabilità (abstract) Da LA FORMAZIONE COME STRATEGIA PER L EVOLUZIONE DEI SERVIZI PER I DISABILI Provincia di Milano 2004 A cura dello Studio Dedalo Rifocalizzare

Dettagli

Le nuove sfide dell educazione. Dott.ssa Sara Nappi Psicologa Psicoterapeuta 16 Aprile 2013

Le nuove sfide dell educazione. Dott.ssa Sara Nappi Psicologa Psicoterapeuta 16 Aprile 2013 Le nuove sfide dell educazione Dott.ssa Sara Nappi Psicologa Psicoterapeuta 16 Aprile 2013 Vivere le emozioni difficili La sofferenza nell età evolutiva Educare bambini e adolescenti al dolore emotivo

Dettagli

COME AIUTARE I NOSTRI FIGLI A CRESCERE BENE?

COME AIUTARE I NOSTRI FIGLI A CRESCERE BENE? COME AIUTARE I NOSTRI FIGLI A CRESCERE BENE? Ogni genitore desidera essere un buon educatore dei propri figli, realizzare il loro bene, ma non è sempre in armonia con le dinamiche affettive, i bisogni,

Dettagli

01 Il sistema nervoso centrale 2

01 Il sistema nervoso centrale 2 VI Sommario Parte prima La mente e le sue funzioni nel ciclo di vita Pensare, imparare, conoscere se stessi e gli altri, farsi un idea dell ambiente che ci circonda, reagire agli stimoli che continuamente

Dettagli

I gruppi di auto mutuo aiuto: risorsa della comunità

I gruppi di auto mutuo aiuto: risorsa della comunità Rovereto, 12 16 settembre 11 I gruppi di auto mutuo aiuto: risorsa della comunità Stefano Bertoldi - Ass.A.M.A, Università di Trento Corso di sensibilizzazione all approccio ecologicosociale alla promozione

Dettagli

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali

Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Agire per modificare la nostra autostima - Valori e regole personali Il vero viaggio di scoperta non consiste nel cercare nuove terre ma nell avere nuovi occhi M.Proust Per migliorare la propria autostima

Dettagli

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO

LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO LA DEPRESSIONE POST PARTUM: CAPIRE E CURARE I DISTURBI DELL UMORE CHE POSSONO INSORGERE DOPO LA NASCITA DI UN FIGLIO Se qualcuno è disposto ad ascoltare le lacrime di una madre, quello sarà il momento

Dettagli

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati

Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati Questionario Studenti Analisi e Commento dei dati 7 Area di indagine: Io e il fumo Analisi e commento dei dati All interno di questa prima area di indagine le asserzioni fra cui gli alunni erano chiamati

Dettagli

Milano 15/04/2014. Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico

Milano 15/04/2014. Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico 100 Como (CO) Milano 15/04/014 Alla cortese attenzione di: Prof.ssa Graziella Cotta Dirigente Scolastico Istituto Comprensivo Como Borgovico Oggetto: relazione finale progetto Pochi pesci nella rete A.S.

Dettagli

ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ

ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ ANTONELLO VANNI ADOLESCENTI AL BIVIO TRA DIPENDENZE E LIBERTÀ Manuale sulla prevenzione delle dipendenze per genitori, educatori e insegnanti INDICE Premessa: adolescenti al bivio, ma non più soli PARTE

Dettagli

GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016

GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016 GVV FORMAZIONE REGIONE PIEMONTE 2015 2016 L ASCOLTO Primo passo dell Accoglienza Padre GHERARDO ARMANI C. M. 1. La relazione di aiuto La relazione si fonda su un rapporto umano centrato sull incontro di

Dettagli

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo.

Il 65% dei pazienti seguiti dagli psichiatri italiani soffre di schizofrenia, il 29% di disturbo bipolare e il 5% di disturbo schizoaffettivo. Keeping Care Complete Psychiatrist Survey Focus sull Italia Background Obiettivo dell indagine Keeping Care Complete è comprendere - in relazione alle malattie mentali gravi - quale ruolo e quale influenza

Dettagli

INTIMITÀ DIGITALE Adolescenti, sesso e amore tra rischi e opportunità

INTIMITÀ DIGITALE Adolescenti, sesso e amore tra rischi e opportunità INTIMITÀ DIGITALE Adolescenti, sesso e amore tra rischi e opportunità Cosimo Marco Scarcelli Riccione 5 Giugno 2014 Seminario formativo W L AMORE! INTRODUZIONE Internet parte importante della vita quotidiana

Dettagli

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO:

DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO PSICHICO: «Salute di genere fra medicina e società» Ferrara 8 marzo 2014 DIFFERENZE DI GENERE E CURA DEL DISAGIO I SERVIZI DI SALUTE MENTALE FRA CRISI E NUOVI BISOGNI Luciana O. Vianello Maria Grazia Palmonari Nel

Dettagli

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio.

Mappa. Gli studi sull adolescenza. Adolescenza. Preadolescenza. Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio. Mappa Gli studi sull adolescenza Preadolescenza Adolescenza Pubertà Crisi di identità Gruppi formali ed informali Fattori di rischio Ma ecco che all improvviso diventi grande, maturo, responsabile; di

Dettagli

La RELAZIONE d AIUTO e la RICHIESTA di DONAZIONE

La RELAZIONE d AIUTO e la RICHIESTA di DONAZIONE IL PERCORSO DELLA DONAZIONE D ORGANI A. O. S. GIOVANNI ADDOLORATA Sala Folchi Roma, 7 dicembre 2012 La RELAZIONE d AIUTO e la RICHIESTA di DONAZIONE Dott.ssa Francesca Alfonsi La relazione di aiuto BASE

Dettagli

Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano

Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano Luca Milani C.Ri.d.e.e. & Unità di Ricerca in Psicologia Scolastica Università Cattolica di Milano 1. I tempi cambiano 2. I dati del questionario 3. Bisogni e rischi 4. Istruzioni per l uso? 5. Indicazioni

Dettagli

Progetto BABY ALCOOL

Progetto BABY ALCOOL COMUNE DI PAVIA Università degli Studi di Pavia Dipartimento di Psicologia CASA DEL GIOVANE PAVIA Progetto BABY ALCOOL RICERCA SUGLI STILI DI VITA e CONSUMO DI ALCOLICI DEGLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI PAVIA

Dettagli

Il Disturbo Oppositivo-Provocatorio (DOP) è un disturbo del comportamento, riguarda cioè il modo in cui il bambino agisce,

Il Disturbo Oppositivo-Provocatorio (DOP) è un disturbo del comportamento, riguarda cioè il modo in cui il bambino agisce, DISTURBO OPPOSITIVO PROVOCATORIO; Che cos'è e quali strategie adottare? Il Disturbo Oppositivo-Provocatorio (DOP) è un disturbo del comportamento, riguarda cioè il modo in cui il bambino agisce, il suo

Dettagli

Prima applicazione della metodologia relazionale

Prima applicazione della metodologia relazionale Prima applicazione della metodologia relazionale Ricerca Associazione per la Ricerca e l Intervento Sociale Nel 1984 è stata realizzata la prima ricerca che utilizzava la metodologia relazionale. L obiettivo

Dettagli

Indicazioni per la conduzione delle interviste

Indicazioni per la conduzione delle interviste Indicazioni per la conduzione delle interviste Condurre almeno due interviste sul tema della Relazione di coppia utilizzando lo schema di massima riportato di seguito. Dopo aver condotto le interviste

Dettagli

Le Dipendenze Patologiche. Dott. Vincenzo Balestra

Le Dipendenze Patologiche. Dott. Vincenzo Balestra Le Dipendenze Patologiche Dott. Vincenzo Balestra C è dipendenza e dipendenza L essere umano, per sua natura, è dipendente Esiste, pertanto, una dipendenza che è naturale, fisiologica Quando la dipendenza

Dettagli

Adolescenza: età dell oro o età di crisi? Prof.ssa Liliana Dozza

Adolescenza: età dell oro o età di crisi? Prof.ssa Liliana Dozza Adolescenza: età dell oro o età di crisi? Prof.ssa Liliana Dozza Bressanone, 9 aprile 2009 Adolescenza: definizioni e caratteristiche Periodo della vita che si colloca fra la preadolescenza ed i 17 anni;

Dettagli

La Polisportiva "INSIEME per SPORT La Società Polisportiva "Insieme per Sport" è nata nel maggio del 1995 all interno del Dipartimento di Salute Mentale dell ASL 3 Genovese, dall iniziativa di un piccolo

Dettagli

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio

Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Lezione del 7 novembre Prof.ssa De Stasio Indice della lezione: Traccia per lavoro in classe, intervista sulla relazione con l insegnante... 1 Approccio del sopravvivere e fiorire... 1 Integrazione...

Dettagli

UNA SCUOLA PER AMARE

UNA SCUOLA PER AMARE UNA SCUOLA PER AMARE L iniziativa UNA SCUOLA PER AMARE vuole essere una chiave d accesso per entrare nelle scuole, ma soprattutto nella sfera affettiva dei giovani, alla quale durante il percorso scolastico

Dettagli

LE STRATEGIE DI COPING

LE STRATEGIE DI COPING Il concetto di coping, che può essere tradotto con fronteggiamento, gestione attiva, risposta efficace, capacità di risolvere i problemi, indica l insieme di strategie mentali e comportamentali che sono

Dettagli

Nelle famiglie adottive l esperienza scolastica di un figlio riveste un ruolo molto importante ed è in alcuni casi fonte di preoccupazione.

Nelle famiglie adottive l esperienza scolastica di un figlio riveste un ruolo molto importante ed è in alcuni casi fonte di preoccupazione. SOS scuola Nelle famiglie adottive l esperienza scolastica di un figlio riveste un ruolo molto importante ed è in alcuni casi fonte di preoccupazione. Un aiuto per decidere quando inserirlo a scuola Il

Dettagli

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma

Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma Alessandro Ricci Psicologo Psicoterapeuta Università Salesiana di Roma LA COPPIA NON PUO FARE A MENO DI RICONOSCERE E ACCETTARE CHE L ALTRO E UN TU E COME TALE RAPPRESENTA NON UN OGGETTO DA MANIPOLARE

Dettagli

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati).

CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). CONSIGLI PER GIOVANI NAVIGANTI (anche già navigati). HEY! SONO QUI! (Ovvero come cerco l attenzione). Farsi notare su internet può essere il tuo modo di esprimerti. Essere apprezzati dagli altri è così

Dettagli

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto

La prevenzione delle droghe. prof.ssa Carla Buonaiuto La prevenzione delle droghe prof.ssa Carla Buonaiuto L adolescenza inizia con l ingresso alla scuola media inferiore e in questo periodo avvengono cambiamenti psicofisici e nelle relazioni con la famiglia,

Dettagli

Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi.

Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi. Ci sono tre tipi di sofferenze dei bambini e dei ragazzi. 1. C'è in primo luogo una sofferenza INDISPENSABILE: per crescere bisogna che i bambini imparino ad affrontare e a superare le sofferenze legate

Dettagli

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA

L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA L APPROCCIO POSITIVO DELLA PERSONA di Andrea Canevaro L Approccio positivo 1 si fonda su 3 valori fondamentali: 1. Fiducia: credere nella persona che presenta un deficit e nelle sue possibilità. Per aiutare

Dettagli

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE:

INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: INDAGINE LE DONNE AFFETTE DA LES E I MEDICI DI MEDICINA GENERALE: Il Lupus Eritematoso Sistemico: quale conoscenza, consapevolezza ed esperienza? Sintesi dei risultati di ricerca per Conferenza Stampa

Dettagli

Progetto Cittadini della rete,

Progetto Cittadini della rete, Progetto Cittadini della rete, IIS G. Galilei di Crema Scuole Medie Galmozzi di Crema Scuole Medie di Sergnano. Coinvolti: 471 ragazze /i Età: tra i 12 ed i 16 anni, Silvio Bettinelli, 14 novembre 2012

Dettagli

Internet Addiction Disorder : la terapia in tempi brevi

Internet Addiction Disorder : la terapia in tempi brevi Internet Addiction Disorder : la terapia in tempi brevi di Chiara Ratto Un ossessione vissuta alla sazietà si annulla nei suoi stessi eccessi. E. M. Cioran Al giorno d oggi, leggendo le riviste, i quotidiani,

Dettagli

PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie

PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie PROGETTO SOSTEGNO PSICOLOGICO scuola aquilana continua a volare. per le scuole primarie e secondarie Premessa Il trauma non cessa con il cessare della violenza esterna ma continua imperterrito nel mondo

Dettagli

GIOCO RESPONSABILE DISPENSA INFORMATIVA

GIOCO RESPONSABILE DISPENSA INFORMATIVA GIOCO RESPONSABILE DISPENSA INFORMATIVA via di Torre Rossa, 66-00165 Roma - tel. +39 06 66666 1 - fax +39 06 66410152 - www.betplus.it - info@betplus.it GIOCO RESPONSABILE 2/5 Lo scopo di questo breve

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI

ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI ISTITUTO COMPRENSIVO THIESI INFANZIA-PRIMARIA-SECONDARIA PROGETTO SPAZIO D ASCOLTO PSICOLOGICO PER ALLIEVI E FAMIGLIE E SUPPORTO ALLE DINAMICHE PONTE NEL CONTESTO SCOLASTICO Insegnante Valeria Sassu ISTITUTO

Dettagli

Servizi di psicologia per la famiglia, per i genitori e i figli

Servizi di psicologia per la famiglia, per i genitori e i figli www.centroap.it Servizi di psicologia per la famiglia, per i genitori e i figli TEST DI RIUSCITA SCOLASTICA PER LA SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO svolto sul sito del Centro AP www.orientastudenti.it

Dettagli

I Disturbi del Comportamento Alimentare fra Emozioni e Cibo. I Giorgi NS Bonfiglio

I Disturbi del Comportamento Alimentare fra Emozioni e Cibo. I Giorgi NS Bonfiglio I Disturbi del Comportamento Alimentare fra Emozioni e Cibo I Giorgi NS Bonfiglio Un equilibrio possibile? Evitare le emozioni, vivere le emozioni. (A. Ferro, 2007)...l evitamento delle emozioni è una

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE PER GENITORI

CORSO DI FORMAZIONE PER GENITORI CORSO DI FORMAZIONE PER GENITORI I I figli crescono Primo incontro 25.11.06 La scuola superiore: l adolescente l tra scuola e famiglia Secondo incontro17.02.07 La relazione tra genitori e figli adolescenti:

Dettagli

L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento

L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento L Età della vecchiaia: i fattori dell invecchiamento Agenzia Formativa del Comune di Gorgonzola CORSO A.S.A. 2009 Prof.ssa Chiara Bertonati 1 Il ciclo di vita: la vecchiaia Fasi evolutive (periodi): L

Dettagli

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini

Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Orientamenti pedagogico-didattici per una scuola di qualità Relazione a cura di Monica Barbolini Il processo didattico è un processo di natura relazionale, nel senso che mira a sostenere lo studente nella

Dettagli

ANNO SCOLASTICO 2011 2012. Via DeGasperi 3 27100 Pavia

ANNO SCOLASTICO 2011 2012. Via DeGasperi 3 27100 Pavia Comune di VOGHERA Provincia di Titolo del progetto (o, in alternativa, descrizione) Obiettivi PAVIA Progetto di Educazione alla legalità nelle scuole medie cittadine per l anno scolastico 2011-2012 Vedi

Dettagli

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato

2- Quando entrambi hanno una vita di coppia soddisfacente per cui si vive l amicizia in modo genuino e disinteressato L amicizia tra uomo e donna. Questo tipo di relazione può esistere? Che rischi comporta?quali sono invece i lati positivi? L amicizia tra uomini e donne è possibile solo in età giovanile o anche dopo?

Dettagli

LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA

LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA LA SFIDA EDUCATIVA I MASS MEDIA Tra Educazione e comunicazione c è uno stretto rapporto, un rapporto originario, poiché si educa comunicando. Al tempo stesso, ci si educa a comunicare. Comunicazione ed

Dettagli

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO

RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO C I R C O L O D I D A T T I C O D I S A N T A G A T A L I B A T T I A T I PROGETTO NO AL BULLISMO Percorso di prevenzione dei fenomeni di bullismo A.S. 2011-2012 RELAZIONE DESCRITTIVA DEL PROGETTO PREMESSA

Dettagli

Progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali PROGRAMMA DI EDUCAZIONE ALLA CONSAPEVOLEZZA GLOBALE Progetto finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Villaggio Globale, 25 Maggio 2015 Ai Docenti della Scuola dell Infanzia e del

Dettagli

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino

Programmazione 2014/2015. Elaborato da: Aiello Valentina. Scuola dell Infanzia. San Matteo. Nichelino Programmazione 2014/2015 Elaborato da: Aiello Valentina Scuola dell Infanzia San Matteo Nichelino Nella scuola dove siamo Quando in cerchio ci troviamo Si fa bella l esperienza Non possiamo farne senza!

Dettagli