LE FORMICHE. Posizione sistematica e organizzazione sociale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE FORMICHE. Posizione sistematica e organizzazione sociale"

Transcript

1 Prof. PIERO CRAVEDI Direttore Istituto di Entomologia e Patologia vegetale Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano Membro del Comitato Scientifico di Vape Foundation LE FORMICHE Le formiche sono tra gli insetti più noti, diffusi e numerosi in natura. Alcune specie sono molto comuni anche negli ambienti urbani, sicché la loro frequente presenza desta attenzione e può causare un certo fastidio qualora siano interessati dal viavai di tali insetti anche gli interni delle nostre abitazioni. Entrano alla ricerca di cibo, rappresentato soprattutto da sostanze dolci, e in tal modo percorrono pavimenti, lavandini, pareti anche piastrellate e invadono credenze e dispense raggiungendo i substrati alimentari in cui riescono a intrufolarsi: contaminano lo zucchero, affogano in matrici alimentari liquide o fluide non ermeticamente sigillate. La loro dannosità è la contaminazione molto più che la sottrazione di alimento. Il nido può essere ubicato nell ambiente domestico stesso, ad esempio nel legno di un trave, nell intercapedine coibentata di un muro o di un soffitto, in una centralina elettrica, ecc., determinando ulteriori difficoltà nelle strategie da adottare per eliminarne la presenza. Le note seguenti aiutano a conoscere meglio le formiche che vivono a contatto con l uomo e forniscono suggerimenti per una razionale anche se spesso non facile prevenzione e difesa. Posizione sistematica e organizzazione sociale Le formiche appartengono alla famiglia dei Formicidi, un raggruppamento sistematico di Imenotteri Aculeati che comprende nel mondo circa specie dall aspetto piuttosto omogeneo e di straordinaria importanza per gli equilibri naturali. Una parte delle specie sono prive di aculeo, che è regredito, ma possiedono in ogni caso ghiandole velenifere e possono spruzzare il veleno (invece che inocularlo), se molestate, anche sulla nostra cute, causando irritazioni di varia entità. Le formiche sono anche dotate di robuste mandibole e sanno difendersi pure mordendo. Una caratteristica biologica fondamentale è quella di essere insetti sociali. Le formiche vivono in comunità organizzate di molti individui, dette colonie. Le società delle formiche hanno durata pluriennale, con una certa sospensione invernale (alle nostre latitudini) dell attività. I nidi sono variamente ubicati: nel terreno, nei muri, sotto pietre, nel legno ecc. Gli individui della colonia sono suddivisi in due caste: casta fertile e casta sterile. La casta sterile è costituita dalle operaie e dai soldati (questi ultimi sono individui con testa molto grande e mandibole molto robuste), tutte femmine non atte alla

2 riproduzione e generalmente molto o estremamente numerose: ad esse competono le varie attività necessarie al mantenimento, al sostentamento, alla difesa e all ampliamento della colonia, esclusa la riproduzione. Alla casta fertile, costituita dai cosiddetti reali, competono invece le mansioni riproduttive: la riproduzione è compito dei maschi (che non hanno altre funzioni se non quella di accoppiarsi, e dopo l accoppiamento muoiono) e delle femmine fertili, le regine. Di solito la fecondazione avviene durante la sciamatura, nel cosiddetto volo nuziale ; la femmina fecondata fonderà una nuova colonia o sarà adottata da operaie della colonia di partenza. Come tutti gli insetti sociali, le formiche di una colonia comunicano tra di loro anche mediante l emissione di sostanze odorose e generalmente volatili, i feromoni, che inducono in altri individui della colonia risposte fisiologiche o comportamentali prevedibili, stereotipate. Nelle formiche hanno importanza, tra gli altri, i feromoni traccia, poco volatili, che le operaie emettono ad esempio man mano che compiono l itinerario dal nido a una fonte alimentare, marcando la superficie percorsa e permettendo così ad altre operaie di raggiungere agevolmente, seguendo la traccia, la fonte alimentare individuata, e di ritornare poi al formicaio. Morfologia e riconoscimento Le potenziali future regine (femmine fertili) sono provviste generalmente di ali (almeno fino al volo nuziale, perché dopo la fecondazione, accingendosi a un regime di vita relegato in un nido e dedito alla ovideposizione, perdono le ali che sarebbero da allora in poi un inutile ingombro). Anche i maschi adulti sono alati. Le operaie e gli eventuali soldati sono costantemente privi di ali. Operaie e soldati all interno di una stessa specie possono presentare tra di loro ulteriori differenziazioni morfologiche (dimensionali). Generalmente le femmine fertili e i maschi sfarfallano annualmente nei nidi in modo sincrono ed escono dai nidi, compiendo sciamature nel corso delle quali, in volo, hanno luogo anche gli accoppiamenti. Maschi e femmine fertili sono comunemente chiamati formiche alate. Le formiche che con maggior frequenza incontriamo nei nostri ambienti, anche negli interni, sono però le operaie, dall aspetto inconfondibile: testa grande e liberamente mobile, con lunghe antenne genicolate e apparato boccale masticatore dotato di robuste mandibole; torace piccolo, con zampe lunghe e sottili atte alla corsa; addome ovoidale globoso, collegato al torace per mezzo di un peduncolo formato da uno (pezìolo) o due (pezìolo e postpezìolo) segmenti addominali molto piccoli, di aspetto nodoso o a scaglia. La lunghezza delle operaie nelle più comuni specie nostrane dell ambiente antropico e urbano è inferiore al centimetro o al massimo lo supera di poco, ad esempio nel genere Camponotus, le grosse formiche del legno (fig. 1). Il colore del corpo è piuttosto omogeneo, a seconda delle specie va dal giallognolo al ferrugineo ( formiche rosse ), al bruno chiaro o scuro, al nero, per lo più senza variazioni di colore da una regione all altra del corpo (una comune eccezione è la formica Cremastogaster scutellaris, nera lucente con testa rossastra, nidificante soprattutto nel legno degli alberi, ma talora anche nei muri, e diffusa anche nell ambiente antropico).

3 Fig. 1 Operaia del genere Camponotus su infiorescenza di edera I nidi I nidi delle formiche (formicai) spesso sono ubicati negli strati superficiali del terreno, talvolta si trovano sotto lastre di pavimentazione di cortili o marciapiedi, non di rado sono scavati anche in tronchi di piante vive o morte o in legno messo in opera (pali, travature, telai di porte e finestre in legno tenero, umido o già attaccato da altri insetti - in ogni caso le formiche non si nutrono mai di legno); talora sono ubicati negli anfratti di muri in pietra o in materiale laterizio, o in intercapedini coibentate con materiali nei quali le formiche agevolmente scavano celle e gallerie. I formicai possono avere anche più di un ingresso e si presentano come labirinti più o meno complessi di gallerie e camere destinate alle varie attività della colonia: ovideposizione, nursery per le larve da accudire, spazi per la fase pupale, locali per l immagazzinamento di provviste di cibo, o per la sosta all interno del nido delle operaie stesse nei periodi di inattività, ecc. Le principali specie dell ambiente antropico Alcune specie di formiche ben note per l ambiente antropico e le industrie alimentari sono le seguenti: Linepithema humile (formica argentina) Specie originaria del Sud-America, costituisce alle nostre latitudini formicai riuniti (in inverno) o dispersi. In luoghi riscaldati è attiva anche tutto l anno. Onnivora, sfrutta qualsiasi substrato alimentare (anche carni) ma è avida di prodotti zuccherini. È invasiva e aggressiva, anche su animali domestici. I nidi possono trovarsi negli interni o all esterno. Lunghezza dell operaia: 2,1-2,6 mm. Monomorium pharaonis (formica faraone) Specie di origine asiatica, ha abitudini notturne e nidifica anche in anfratti di pochi centimetri (crepe nelle pareti, legno ), costituendo colonie modeste. È onnivora e aggressiva. L operaia è lunga 1,9-2,4 mm. Tetramorium caespitum (formica dei pavimenti) - Notturna, onnivora, aggressiva, preda anche altri artropodi. Nidifica sotto pietre, lastre di marciapiedi, pavimenti. L operaia è lunga 3 mm circa (figg. 2, 3). Pheidole pallidula (formica testagrossa) - Presenta operaie di due tipi: con testa grande e con testa piccola. L operaia è lunga 1,6-2,6 mm.

4 Paratrechina longicornis (formica pazza) Specie di origine tropicale; più rara. Preferisce sostanze grasse e di origine animale, ma è attratta anche da sostanze ricche di carboidrati (pane, zucchero). L operaia è lunga 2,5-3 mm. Si può citare inoltre il diffuso genere Lasius, ricco di specie e talora nidificante nei muri, e il genere Camponotus, comprendente grosse formiche del legno, di colore scuro. Fig. 2 Operaia del genere Tetramorium vista dal dorso (A) e frontalmente (B) (foto al microscopio elettronico a scansione) Fig. 3 Operaia di Tetramorium: particolare della testa (foto al microscopio elettronico a scansione) Alimentazione e dannosità nell ambiente domestico Le larve delle formiche sono alimentate dalle operaie con sostanze sia zuccherine sia proteiche, queste ultime rappresentate ad esempio da altri insetti o da frammenti di carne; gli adulti di molte specie sono glicifagi e cercano sostanze zuccherine sulle piante, o proteggono afidi per ottenere i loro escrementi semiliquidi ricchi di zuccheri, la cosiddetta melata. Nelle abitazioni, così come nelle industrie alimentari, i danni sono dovuti però non tanto al consumo di derrate, quanto alla presenza di formiche vive o morte o di loro frammenti entro le diverse matrici alimentari e particolarmente quelle dolci come le melasse, i succhi di frutta, le marmellate, lo zucchero. Si possono trovare formiche

5 negli alimenti lasciati nelle cucine in attesa di essere cotti o consumati; non rara l improvvisa invasione di carni esposte all ambiente, non protette. La dannosità dei Formicidi è connessa anche alla possibile.veicolazione di microrganismi patogeni (Pseudomonas, Staphylococcus, Salmonella, Clostridium ecc.) sugli alimenti, evenienza temibile e dovuta al fatto che le formiche, perlustrando il terreno, i pavimenti e i materiali organici più disparati che incontrano sul loro cammino, possono raccogliere accidentalmente, con le zampe o le parti boccali, microrganismi e poi depositarli pure accidentalmente su substrati alimentari. Talora la presenza nelle case non è solo di operaie in cerca di cibo, ma anche di alati attratti da luci artificiali (con invasione di interni in ore serali) o sciamati direttamente negli interni, a partire da nidi nei pavimenti o nei muri o in travature in legno. Altri inconvenienti possono derivare anche dall ubicazione dei formicai in particolari siti e strutture degli edifici, quali le travature in legno, le centraline elettriche, le canaline, le intercapedini e le coibentazioni, i pavimenti, a causa della cronica espulsione dei materiali più svariati, sbriciolati, ridotti in granelli o semipolverizzati, da parte delle operaie nelle fasi di costruzione e di ampliamento del nido, di eliminazione dei bozzoli pupali già schiusi, ecc. Come prevenire e affrontare le emergenze Il controllo delle formiche è difficoltoso e più complesso della lotta contro altri insetti. Buoni risultati spesso richiedono tempi lunghi, esperienza degli operatori, riconoscimento delle specie, costanza nel mettere in atto le opportune pratiche preventive e di difesa. Nell ottica di una gestione integrata degli infestanti sono importanti la prevenzione, il monitoraggio e il controllo. Sul piano della prevenzione può essere necessario curare ad esempio l isolamento degli interni, con chiusura di interstizi nei muri, fessure ecc., e con posizionamento di zanzariere alle finestre (contro le formiche alate sciamanti e attratte di sera da luci artificiali negli interni). Il controllo mirato direttamente alle operaie che invadono gli interni, con trattamenti insetticidi ad effetto abbattente - individuando i percorsi preferenziali di passaggio o i punti di ingresso ha efficacia solo temporanea: l attività riproduttiva delle regine nei nidi ha amplissime potenzialità di compensazione delle perdite di forza-lavoro. Obiettivi precipui della lotta devono essere invece l individuazione e la distruzione dei nidi: distribuendo attorno al nido (che può essere localizzato anche in muri, fessure ecc.) o iniettando direttamente nel nido insetticidi ad azione persistente, e sigillandone poi l ingresso o gli ingressi. Si possono usare anche esche alimentari soprattutto zuccherine o adattate alla specie da colpire (a base di carne sono efficaci per Linepithema humile e Monomorium pharaonis) addizionate di insetticidi a lento effetto, ad es. IGR, o ad azione persistente, che trasportati al nido con particelle dell esca portano a distruzione la colonia, perché le formiche si scambiano sostanze alimentari tramite il passaggio del cibo di bocca in bocca (fenomeno detto trofallassi ): tale comportamento può essere sfruttato per diffondere insetticidi tra gli individui della colonia, regina o regine comprese.

GLI INSETTI. L apparato boccale può essere vario: adatto per masticare (cavallette), succhiare (farfalle), pungere (zanzare) ecc.

GLI INSETTI. L apparato boccale può essere vario: adatto per masticare (cavallette), succhiare (farfalle), pungere (zanzare) ecc. GLI INSETTI il corpo è suddiviso in tre zone denominate capo, torace e addome, su cui si inseriscono le antenne, le zampe e le ali. Sono ricoperti da uno scheletro esterno detto esoscheletro, formato da

Dettagli

Alessia BERZOLLA - Cristina REGUZZI. CPBC Università Cattolica del Sacro Cuore

Alessia BERZOLLA - Cristina REGUZZI. CPBC Università Cattolica del Sacro Cuore Alessia BERZOLLA - Cristina REGUZZI CPBC Università Cattolica del Sacro Cuore Il rischio di un attacco biologico da parte di insetti e microrganismi è comune a biblioteche, archivi e istituti museali

Dettagli

MA COME VIVE UN APE E QUALI SONO I SUOI COMPITI?

MA COME VIVE UN APE E QUALI SONO I SUOI COMPITI? MA COME VIVE UN APE E QUALI SONO I SUOI COMPITI? LE API VOLANDO DA UN FIORE ALL ALTRO RACCOLGONO IL NETTARE PRODOTTO DAI FIORI E LO UTILIZZANO PER FARE IL MIELE CHE SARA UNA PREZIOSA SCORTA DI CIBO PER

Dettagli

GUIDA PRATICA. Controllo delle formiche in Europa. Le soluzioni ai vostri problemi d infestazione.

GUIDA PRATICA. Controllo delle formiche in Europa. Le soluzioni ai vostri problemi d infestazione. Controllo delle formiche in Europa GUIDA PRATICA Le soluzioni ai vostri problemi d infestazione. 3435- BASF Ant Control Ital Guide.indd 1 12/09/2014 12:55:31 Formiche: una sfida europea Considerati tra

Dettagli

Classificazione degli insetti

Classificazione degli insetti Classificazione degli insetti Regno Phylum Classe Animalia Artropoda Insecta Ordine Famiglia Genere Specie Classificazione degli insetti A, un machilide sulla corteccia di un albero, dove può nutrirsi

Dettagli

API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI

API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI (vers. 1 del 03/05/2005) API, VESPE, CALABRONI ED IMENOTTERI PUNGENTI Dio fece le api, il diavolo le vespe (Proverbio nordico) 1. GENERALITÀ Occorre premettere che è da ritenere del tutto naturale l occasionale

Dettagli

Un nuovo insetto è apparso a Bovisio Masciago. La cimice dell olmo

Un nuovo insetto è apparso a Bovisio Masciago. La cimice dell olmo Comune di Bovisio Masciago Un nuovo insetto è apparso a Bovisio Masciago La cimice dell olmo (Arocatus melanocephalus) Da due anni circa, le abitazioni di via Bellini, adiacenti al Parco di via Superga,

Dettagli

LE INFESTAZIONI DI MOSCHE

LE INFESTAZIONI DI MOSCHE ISTITUTO DI ENTOMOLOGIA AGRARIA UNIVERSITÀ DEGLI STU DI DI MILAN O I - 20133 MILANO Via G. Celoria, 2 Tel. 02/50316754 Fax 02/50316748 E-mail: luciano.suss@unimi.it http://users.unimi.it/~agra/entol.html

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO. Il mondo della natura

ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO. Il mondo della natura ISTITUTO COMPRENSIVO T: ANARDI SCUOLA PRIMARIA S. MARIA DELLE GRAZIE ANNO SCOLASTICO 2013/2014 - CLASSE III D IPERTESTO Il mondo della natura Non viventi Viventi animali piante funghi invertebrati vertebrati

Dettagli

Dipartimento Sanità Pubblica - Cesena CALENDARIO 2015

Dipartimento Sanità Pubblica - Cesena CALENDARIO 2015 CALENDARIO 2015 gennaio 2015 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 Mus musculus domesticus È un piccolo roditore conosciuto come topo domestico. Presente in

Dettagli

L IMPATTO DEI PRINCIPALI INFESTANTI (MOSCHE, ZANZARE, BLATTE, RATTI) NEI CENTRI DI ACCOGLIENZA

L IMPATTO DEI PRINCIPALI INFESTANTI (MOSCHE, ZANZARE, BLATTE, RATTI) NEI CENTRI DI ACCOGLIENZA La gestione degli organismi infestanti in situazioni di emergenza: le aree terremotate dell Emilia Bologna 15 novembre 2012 L IMPATTO DEI PRINCIPALI INFESTANTI (MOSCHE, ZANZARE, BLATTE, RATTI) NEI CENTRI

Dettagli

ZANZARE CITTADINE. Laura Cassata. Titolo: Autore: Percorsi didattici associati: Moscerini sotto inchiesta AVVERTENZA:

ZANZARE CITTADINE. Laura Cassata. Titolo: Autore: Percorsi didattici associati: Moscerini sotto inchiesta AVVERTENZA: Titolo: ZANZARE CITTADINE Autore: Laura Cassata Percorsi didattici associati: Moscerini sotto inchiesta AVVERTENZA: Le domande che seguono si ispirano al percorso o ai percorsi indicati e hanno come obiettivo

Dettagli

La zanzara tigre (Aedes albopictus)

La zanzara tigre (Aedes albopictus) La zanzara tigre (Aedes albopictus) Introduzione In questo capitolo saranno descritte alcune caratteristiche della zanzara tigre al fine di capire meglio: perché la si cerca e combatte come riconoscerla

Dettagli

I.C. A. Manzoni di Ornago ARTROPODI A.S. 2010/2011 Eleonora Parenti & Giorgia Terranova

I.C. A. Manzoni di Ornago ARTROPODI A.S. 2010/2011 Eleonora Parenti & Giorgia Terranova LE LORO CARATTERISTICHE Gli artropodi sono forniti di un esoscheletro (cioe' uno scheletro esterno) composto da una proteina dura, la chitina. Anche se gli artropodi hanno un esoscheletro le altri parti

Dettagli

La specie infestante. pagina 1 di 9

La specie infestante. pagina 1 di 9 La specie infestante Dalle evidenze raccolte nel sopralluogo effettuato sul del sito in oggetto, si presuppone che la specie infestante possa essere identificata come Reticulitermes lucifugus Rossi, una

Dettagli

Perché un bollettino?

Perché un bollettino? Numero 00 M a r z o 2012 Anno 1 Perché un bollettino? Sommario: Il Pesce Rosso Carassius auratus 2 Arrivo a casa... 2 Pulizia 3 Terrari e Paludari 3 Attrezzatura indispensabile ed utile 3 Avete voglia

Dettagli

La Processionaria del Pino

La Processionaria del Pino La Processionaria del Pino Thaumetopoea pityocampa www.gruppoindaco.com Thaumetopoea pityocampa (Den. et Schiff.) Lepidoptera, Fam. Thaumetopoeidae Cos'è la Processionaria o a del pino La Processionaria

Dettagli

Lotta agli insetti. Dottor Zapi. del. Protezione dell ambiente domestico dagli insetti

Lotta agli insetti. Dottor Zapi. del. Protezione dell ambiente domestico dagli insetti Lotta agli insetti del Dottor Zapi Protezione dell ambiente domestico dagli insetti Lotta agli insetti del Dottor Zapi I consigli per vivere l ambiente domestico senza insetti e parassiti Quanto è piacevole

Dettagli

La biodiversità del suolo

La biodiversità del suolo Microfauna in fuga La biodiversità del suolo Il suolo è un prodotto biologico. Esso può essere di tre tipi : Secco, ricco di organismi aerobionti; Umido; Bagnato, ricco di organismi idrobionti. Aerobionti

Dettagli

Roma, 18 ottobre 2011 Classificazione e biologia di Apis mellifera

Roma, 18 ottobre 2011 Classificazione e biologia di Apis mellifera Roma, 18 ottobre 2011 Classificazione e biologia di Apis mellifera Dott.ssa Alessandra Giacomelli Istituto Zooprofilattico Sperimentale delle Regioni Lazio e Toscana Gli Apoidei (Apoidea Latreille, 1802)

Dettagli

L interpretazione dei segni I fori e la rosura dei tarli

L interpretazione dei segni I fori e la rosura dei tarli L interpretazione dei segni I fori e la rosura dei tarli La funzione dei fori di sfarfallamento I fori che si notano sulle travi e sui mobili, indipendentemente dalla specie infestante che li ha prodotti,

Dettagli

Aqua kill. Insetticida Acaricida NO GAS

Aqua kill. Insetticida Acaricida NO GAS Aqua kill Insetticida Acaricida NO GAS Insetticida acaricida per insetti striscianti e volanti. Presidio Medico Chirurgico Reg. n 19695 del Ministero della Salute Sicuro ed efficace Presidio Chirurgico

Dettagli

L ape è lunga dai 12 ai 20 mm e vive da 30 giorni a 5 anni. Come per gli altri insetti anche il corpo dell ape si suddivide in capo, torace e addome.

L ape è lunga dai 12 ai 20 mm e vive da 30 giorni a 5 anni. Come per gli altri insetti anche il corpo dell ape si suddivide in capo, torace e addome. L ape è lunga dai 12 ai 20 mm e vive da 30 giorni a 5 anni. Come per gli altri insetti anche il corpo dell ape si suddivide in capo, torace e addome. Sul capo ogni ape ha due antenne che le permettono

Dettagli

Comune di San Michele al Tagliamento

Comune di San Michele al Tagliamento Tutto quello che dobbiamo sapere per evitare la diffusione della zanzara tigre e difenderci meglio. Il ruolo che i Comuni svolgono è determinante ma, altrettanto determinante, è il contributo che possono

Dettagli

COLEOTTERI ANOBIDI (TARLI)

COLEOTTERI ANOBIDI (TARLI) COLEOTTERI ANOBIDI (TARLI) Stegobium paniceum (Coleptera, Anobiidae) (tarlo-anobio del pane) Larva Pupa Adulto Adulto L adulto di questa specie è lungo 1,5-3 mm, presenta una livrea di colore bruno scuro

Dettagli

Comune di Marciano della Chiana (Provincia di Arezzo) LOTTA ALLA

Comune di Marciano della Chiana (Provincia di Arezzo) LOTTA ALLA LOTTA ALLA ZANZARA TIGRE CAMPAGNA INFORMATIVA APRILE 2009 FENOMENOLOGIA ZANZARA TIGRE (Aedes albopictus) Chii èè? È un Dittero nematocero Aedes Albopictus, comunemente definita Zanzara tigre, originario

Dettagli

COMUNE DI LORETO. Provincia di Ancona AVVISO

COMUNE DI LORETO. Provincia di Ancona AVVISO COMUNE DI LORETO Provincia di Ancona AVVISO Il Comune provvede a distribuire gratuitamente, e fino ad esaurimento scorte, alle famiglie lauretane una fornitura di circa 20 compresse effervescenti di insetticida

Dettagli

Prima apparizione della coccinella asiatica in fruttetti dell Alto Adige

Prima apparizione della coccinella asiatica in fruttetti dell Alto Adige 1 Prima apparizione della coccinella asiatica in fruttetti dell Alto Adige La coccinella asiatica Harmonia axyridis fa parte del gruppo di specie invasive che stanno colonizzando paesi delle zone climatiche

Dettagli

Cimice dei letti. a cura di Marco Gusti Agrotecnico

Cimice dei letti. a cura di Marco Gusti Agrotecnico Cimice dei letti Novità Novitàper il il controllo controllo delle delle cimici cimici dei dei letti letti a cura di Marco Gusti Agrotecnico Consulente in Igiene ambientale, disinfestazione, derattizzazione,

Dettagli

CPBC Università Cattolica del Sacro Cuore. Istituto centrale per il restauro e la conservazione del patrimonio archivistico e librario

CPBC Università Cattolica del Sacro Cuore. Istituto centrale per il restauro e la conservazione del patrimonio archivistico e librario CPBC Università Cattolica del Sacro Cuore Istituto centrale per il restauro e la conservazione del patrimonio archivistico e librario Insetti e libri Perché gli insetti danneggiano carta e libri? Principalmente

Dettagli

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?»

«DOVE SI TROVANO I BATTERI?» 1 a STRATEGIA EVITARE LA CONTAMINAZIONE conoscere «DOVE SI TROVANO I BATTERI?» I batteri si trovano ovunque nell ambiente (aria, acqua, suolo ed esseri viventi): Sono presenti sulle materie prime, ad es.

Dettagli

Forti di una trentennale esperienza nel settore della disinfestazione e dell'igiene ambientale, da sempre attenti alle nuove proposte del mercato,

Forti di una trentennale esperienza nel settore della disinfestazione e dell'igiene ambientale, da sempre attenti alle nuove proposte del mercato, Forti di una trentennale esperienza nel settore della disinfestazione e dell'igiene ambientale, da sempre attenti alle nuove proposte del mercato, oggi più che mai migliorati anche dall'ausilio delle tecnologie

Dettagli

TAVOLO TECNICO FITOSANITARIO PIANTE FORESTALI

TAVOLO TECNICO FITOSANITARIO PIANTE FORESTALI TAVOLO TECNICO FITOSANITARIO PIANTE FORESTALI PROGRAMMA DI LOTTA AL PUNTERUOLO ROSSO DELLE PALME (Rhynchophorus ferrugineus) CAMPAGNA DI INFORMAZIONE VADEMECUM DEL CITTADINO COME RICONOSCERE UNA PALMA

Dettagli

VADEMECUM SULLA. Culex pipiens o zanzara comune

VADEMECUM SULLA. Culex pipiens o zanzara comune VADEMECUM SULLA ZANZARA TIGRE Reggio Emilia srl COME SI RICONOSCE LA ZANZARA TIGRE? 1. Aspetto (Fig.1): stesse dimensioni della zanzara comune (pochi millimetri), si distingue per la colorazione nera del

Dettagli

Così il succiacapre, specie notturna (per difesa sbadiglia mostrando il palato rosa dell'enorme bocca) (Foto Luigi Andena)

Così il succiacapre, specie notturna (per difesa sbadiglia mostrando il palato rosa dell'enorme bocca) (Foto Luigi Andena) ACCIDENTALI IN CITTA' Durante le migrazioni può capitare di tutto. Uccelli altamente mimetici nel sottobosco si fanno scoprire esausti sui marciapiedi o sui balconi, arrivati di notte o alle prime luci.

Dettagli

Un amico in più nella lotta alle zanzare!!!!!!!!!!!!!

Un amico in più nella lotta alle zanzare!!!!!!!!!!!!! COMUNE DI PISA Ufficio Ambiente e-mail: ambiente@comune.pisa.it Tel.050 910551 Fax 050910416 sito internet: www.comune.pisa.it ~ orario di apertura: martedì: 9.00 13.00 giovedì: 15.00 17.00 Palazzo Pretorio

Dettagli

Emergenze fitosanitarie: moscerino delle ciliegie(d. suzukii), difesa dalla Rhagoletis e

Emergenze fitosanitarie: moscerino delle ciliegie(d. suzukii), difesa dalla Rhagoletis e Pecetto To Emergenze fitosanitarie: moscerino delle ciliegie(d. suzukii), difesa dalla Rhagoletis e Francesco Gremo Settore Fitosanitario Regionale PECETTO 18 febbraio 2013 Drosophila suzukii Matsumura

Dettagli

Le dispense di ALPA Miele

Le dispense di ALPA Miele Le dispense di ALPA Miele Lezione: 01-febbraio-2013 20:00-23:00 Locali AVIS Via Famagosta,1 17100-Savona Etologia delle api: api e ambiente Biologia dell'ape mellifera Ligustica 1. DIVISIONE IN CASTE Esistono

Dettagli

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO ifesa delle oreste Dryocosmus kuriphilus Yat su matsu Hymenoptera Cynipidae Cos è il Cinipide galligeno del castagno? L imenottero cinipide Dryocosmus kuriphilus Yatsumatsu

Dettagli

LA BRICIOLA UNA DELICATA STORIA FRA AMBIENTE E LINGUAGGIO

LA BRICIOLA UNA DELICATA STORIA FRA AMBIENTE E LINGUAGGIO LA BRICIOLA UNA DELICATA STORIA FRA AMBIENTE E LINGUAGGIO ATTIVITA per TUTTO IL GRUPPO LA STORIA LA BRICIOLA Lettura e comprensione della storia. La narrazione richiederà più ripetizioni perché in rima

Dettagli

Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano

Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano Università di Padova Nuove emergenze fitosanitarie a carico di latifoglie arboree in ambiente urbano Massimo Faccoli Dipartimento DAFNAE Le latifoglie arboree in ambiente urbano presentano spesso stati

Dettagli

ACARI CLASSIFICAZIONE. Regno:Animalia Phylum:Arthropoda Classe: Aracnida CARATTERISTICHE GENERALI DEGLI ACARI

ACARI CLASSIFICAZIONE. Regno:Animalia Phylum:Arthropoda Classe: Aracnida CARATTERISTICHE GENERALI DEGLI ACARI I PRINCIPALI NEMICI DELLE NOSTRE PIANTE ACARI CLASSIFICAZIONE Regno:Animalia Phylum:Arthropoda Classe: Aracnida CARATTERISTICHE GENERALI DEGLI ACARI Gli Acari sono degli artropodi (dal greco "artros =

Dettagli

REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura Area Servizi Tecnici e Scientifici, Servizio Fitosanitario Regionale

REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura Area Servizi Tecnici e Scientifici, Servizio Fitosanitario Regionale REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura Area Servizi Tecnici e Scientifici, Servizio Fitosanitario Regionale Anopllophora spp Cerambiiciide o Tarllo asiiattiico Foto 1. Femmina di Anoplophora Gli

Dettagli

L ECOSISTEMA. Educazione ambientale

L ECOSISTEMA. Educazione ambientale L ECOSISTEMA Sai che cos è un ambiente? Il tuo ambiente, ad esempio, è il posto dove vivi ed è fatto dalla casa dove vivi, ma anche dalle persone, delle piante, degli animali che vi abitano. Un ambiente

Dettagli

VADEMECUM DEL CITTADINO

VADEMECUM DEL CITTADINO COMUNE DI ORISTANO Provincia dell Ogliastra Assessorato Agricoltura Attivitá Produttive e C.P.A e Politiche Forestali Assessorato Regionale alla Difesa All ambiente Servizio Tutela del Suolo REGIONE AUTÒNOMA

Dettagli

MISURE DI PREVENZIONE E CONTENIMENTO DELLA DIFFUSIONE DELLA ZANZARA TIGRE

MISURE DI PREVENZIONE E CONTENIMENTO DELLA DIFFUSIONE DELLA ZANZARA TIGRE DIREZIONE GENERALE SERVIZIO COMUNICAZIONE Viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.3838448 Fax 030.3838280 E-mail servizio.comunicazione@aslbrescia.it CONFERENZA STAMPA DEL 04/06/2010 MISURE

Dettagli

Clima e orsi polari Svolgimento della lezione

Clima e orsi polari Svolgimento della lezione Scheda per gli insegnanti Clima e neve WWF SVIZZERA www.wwf.ch/scuola L inverno per gli animali Clima e orsi polari Svolgimento della lezione - Ogni bambino riceve un biglietto con una caratteristica riguardante

Dettagli

Aqua kill. Insetticida Acaricida NO GAS. KILL-BookALERT.indd 1 26/07/11 11

Aqua kill. Insetticida Acaricida NO GAS. KILL-BookALERT.indd 1 26/07/11 11 Aqua kill Insetticida Acaricida NO GAS KILL-BookALERT.indd 1 26/07/11 11 Insetticida Acaricida contro insetti striscianti e volanti. PRESIDIO MEDICO CHIRURGICO Reg. N. 19695 del Ministero della Salute

Dettagli

Insetticidi. Rodenticidi PMC Concimi Erbicidi Fungicidi Insetticidi PAB PPO

Insetticidi. Rodenticidi PMC Concimi Erbicidi Fungicidi Insetticidi PAB PPO Rodenticidi PMC Concimi Erbicidi Fungicidi PAB PPO Calypso Protector SE Confidor 200 SL Decis Energy Confidor Oil Decis Jet Oliocin Reldan 22 Lumachicida Mesurol M Plus Insetticida acaricida Spaikil Team

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

VADEMECUM SULLA ZANZARA TIGRE

VADEMECUM SULLA ZANZARA TIGRE SERVIZIO DISINFEZIONE, DISINFESTAZIONE, DERATTIZZAZIONE Sede Reggio Emilia 0522/297664 fax 0522/297675 e-mail: ddd.re@gruppoiren.it VADEMECUM SULLA ZANZARA TIGRE 1. COME SI RICONOSCE LA ZANZARA TIGRE?

Dettagli

MA CHI ABITA NEL NOSTRO GIARDINO?

MA CHI ABITA NEL NOSTRO GIARDINO? ISTITUTO COMPRENSIVO PONTASSIEVE SCUOLA DELL INFANZIA LEO LIONNI GRUPPO 5 ANNI MA CHI ABITA NEL NOSTRO GIARDINO? ROSSANA GUERRI, CHIARA NOVELLI CARATTERISTICHE GENERALI DEL PROGETTO MOTIVAZIONI La scuola

Dettagli

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO difesa delle foreste Dryocosmus kuriphilus Yatsumatsu Hymenoptera Cynipidae Cos è il Cinipide galligeno del Castagno? L imenottero cinipide Dryocosmus kuriphilus Yatsumatsu

Dettagli

Comunicazione animale

Comunicazione animale Comunicazione animale Ci sono alcuni comportamenti con cui gli animali inviano un messaggio ai loro simili come facciamo noi quando, per farci capire, usiamo gesti o parole. Anche per gli animali è di

Dettagli

La zanzara tigre (Aedes albopictus)

La zanzara tigre (Aedes albopictus) La zanzara tigre (Aedes albopictus) La zanzara tigre (Aedes albopictus) è una zanzara originaria del sud-est asiatico. Inizialmente, infatti, viveva in un area che andava dal Giappone al Madagascar dove

Dettagli

LEPIDOTTERI. Ordine molto vasto (165.000 specie di cui più di 4500 in Italia) Ali ricoperte da squame

LEPIDOTTERI. Ordine molto vasto (165.000 specie di cui più di 4500 in Italia) Ali ricoperte da squame LEPIDOTTERI Ordine molto vasto (165.000 specie di cui più di 4500 in Italia) Ali ricoperte da squame Adulti con costumi diurni (farfalle) o notturni (falene). LEPIDOTTERI I bruchi (larve polipode) sono

Dettagli

IL CONTRIBUTO DELLA DISINFESTAZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DELLA QUALITÀ TOTALE NELL INDUSTRIA ALIMENTARE.

IL CONTRIBUTO DELLA DISINFESTAZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DELLA QUALITÀ TOTALE NELL INDUSTRIA ALIMENTARE. IL CONTRIBUTO DELLA DISINFESTAZIONE PER IL RAGGIUNGIMENTO DELLA QUALITÀ TOTALE NELL INDUSTRIA ALIMENTARE. 1. INTRODUZIONE In momenti di benessere economico come quello che stanno attraversando i paesi

Dettagli

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI. Standard tecnico ai sensi dell art. 49 comma 2 lettera c) del D.

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI. Standard tecnico ai sensi dell art. 49 comma 2 lettera c) del D. MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE, ALIMENTARI E FORESTALI Standard tecnico ai sensi dell art. 49 comma 2 lettera c) del D.lgs 214/2005 Criteri di monitoraggio e di gestione delle infestazioni dell organismo

Dettagli

Attenzione al Punteruolo rosso della palma

Attenzione al Punteruolo rosso della palma Attenzione al Punteruolo rosso della palma Punteruolo rosso della palma Il punteruolo rosso della palma, Rhynchophorus ferrugineus (Olivier), è un coleottero curculionide originario dell Asia meridionale

Dettagli

TEORIA DI LAMARCK O DELLA EREDITARIETA DEI CARATTERI ACQUISITI

TEORIA DI LAMARCK O DELLA EREDITARIETA DEI CARATTERI ACQUISITI L EVOLUZIONE IN PASSATO SI PENSAVA CHE LE SPECIE ANIMALI E VEGETALI CHE OGGI POPOLANO LA TERRA AVESSERO AVUTO SEMPRE LA FORMA ATTUALE. SI CREDEVA CIOE NELLA TEORIA DELCREAZIONISMO (NELLA CREAZIONE ORIGINALE)

Dettagli

METODI PER IL CONTROLLO DELLE INFESTANTI NEL MAGAZZINO. Dott. Agr. Sara Mercati Qualità delle produzioni Agricole Aboca spa Società Agricola

METODI PER IL CONTROLLO DELLE INFESTANTI NEL MAGAZZINO. Dott. Agr. Sara Mercati Qualità delle produzioni Agricole Aboca spa Società Agricola METODI PER IL CONTROLLO DELLE INFESTANTI NEL MAGAZZINO Dott. Agr. Sara Mercati Qualità delle produzioni Agricole Aboca spa Società Agricola Metodi per il controllo delle infestanti in magazzino Quali sono

Dettagli

GUIDA PASSO PASSO PER ELIMINARE LE ZANZARE DALLA CASA E DAL GIARDINO STEP 3 DISINFESTARE IL GIARDINO. Gli e-book di

GUIDA PASSO PASSO PER ELIMINARE LE ZANZARE DALLA CASA E DAL GIARDINO STEP 3 DISINFESTARE IL GIARDINO. Gli e-book di GUIDA PASSO PASSO PER ELIMINARE LE ZANZARE DALLA CASA E DAL GIARDINO STEP 3 DISINFESTARE IL GIARDINO Gli e-book di SOMMARIO ACQUA, OMBRA, CESPUGLI: COSA PUÓ CHIEDERE DI MEGLIO UNA ZANZARA? DI CHE TAGLIA

Dettagli

PROPOSTE DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E CULTURA ECOLOGICA

PROPOSTE DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E CULTURA ECOLOGICA SEZIONE DI ASTI SETTORE EDUCAZIONE AMBIENTALE PROPOSTE DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E CULTURA ECOLOGICA Provincia di Alessandria Provincia di Asti Comune di Asti UNA PENNA PER AMICO Ormai da diversi anni la

Dettagli

Gestione dell apiario: aspetti tecnici e sanitari. Montepulciano, 25/11/ 2011 Luciano Ricchiuti

Gestione dell apiario: aspetti tecnici e sanitari. Montepulciano, 25/11/ 2011 Luciano Ricchiuti Gestione dell apiario: aspetti tecnici e sanitari Montepulciano, 25/11/ 2011 Luciano Ricchiuti Introduzione Anche per gli apiari, come per tutte le aziende zootecniche, la corretta gestione dell allevamento

Dettagli

Soluzione Spot on per Cani e Gatti con FIPRONIL. Per il trattamento delle infestazioni da pulci e zecche

Soluzione Spot on per Cani e Gatti con FIPRONIL. Per il trattamento delle infestazioni da pulci e zecche Soluzione Spot on per Cani e Gatti con FIPRONIL Per il trattamento delle infestazioni da pulci e zecche Le PULCI possono rappresentare un vero disturbo per il tuo animale, tormentandolo senza tregua e

Dettagli

Giovanni Liotta SACRESTIA DELLA CHIESA DEI SANTI SEVERINO E SOSSIO NAPOLI. Situazione fitosanitaria degli arredi lignei

Giovanni Liotta SACRESTIA DELLA CHIESA DEI SANTI SEVERINO E SOSSIO NAPOLI. Situazione fitosanitaria degli arredi lignei Giovanni Liotta SACRESTIA DELLA CHIESA DEI SANTI SEVERINO E SOSSIO NAPOLI Situazione fitosanitaria degli arredi lignei Napoli, Aprile 2014 G. Liotta Sacrestia della Chiesa dei Santi Severino e Sossio Napoli

Dettagli

Tassonomia larvale di Myrmeleon (Neuroptera)

Tassonomia larvale di Myrmeleon (Neuroptera) Consorzio 21 Edificio 2- Polaris Programma Master and Back Loc. Piscina Manna 09010 Pula Programma di Tirocinio: Tassonomia larvale di Myrmeleon (Neuroptera) 1. Soggetto Proponente (Operante in Sardegna)

Dettagli

Cimici negli orti come difendersi?

Cimici negli orti come difendersi? Cimici negli orti come difendersi? Da alcuni anni sono stati notati danni negli orti causati da cimici Si è scoperto che si tratta di una nuova specie, la Halyomorpha halys, molto simile alle cimici dei

Dettagli

SWEET HOME MANGIATOIE E NIDI PER UCCELLI

SWEET HOME MANGIATOIE E NIDI PER UCCELLI HOME SWEET HOME MANGIATOIE E NIDI PER UCCELLI SCUOLA PRIMARIA «SANTORRE DI SANTAROSA» SAVIGLIANO CLASSE 2^C TEMPO PIENO a.s. 2014-2015 Insegnanti: Giordano Alessandra e Testa Tiziana LEGGIAMO INSIEME

Dettagli

LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae

LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae LA MOSCA DELLE OLIVE Bactroceraoleae 1 LA MOSCA DELLE OLIVE Principale parassita dell olivo Numerodigenerazionida2-3finoa4-7/anno Latitudine Altitudine Andamento climatico Permanenza di olive sulle piante

Dettagli

Gli acari delle rogne

Gli acari delle rogne Gli acari delle rogne Le rogne sono malattie parassitarie causate da ACARI Gli ACARI (parassiti permanenti) vivono e si nutrono Scavando gallerie (Sarcoptes) o nidi epidermici (Notoedres) Sulla superficie

Dettagli

Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare:

Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare: Aspetti generali Al fine di agevolare le attività di ristorazione e offrire ai consumatori prodotti igienicamente sicuri è necessario considerare: la progettazione dei locali e delle strutture l organizzazione

Dettagli

IL CONTROLLO DELLE ZANZARE UN PROGETTO IN COMUNE

IL CONTROLLO DELLE ZANZARE UN PROGETTO IN COMUNE IL CONTROLLO DELLE ZANZARE UN PROGETTO IN COMUNE Generalità Le zanzare sono Ditteri appartenenti alla famiglia CULICIDAE le cui femmine sono EMATOFAGHE, ovvero hanno bisogno di assumere un pasto di sangue

Dettagli

Extatosoma tiaratum. Generalità

Extatosoma tiaratum. Generalità Extatosoma tiaratum Tassonomia Dominio: Eukaryota Regno: Animalia Sottoregno: Eumetazoa Ramo: Bilateria Phylum: Arthropoda Subphylum: Tracheata Superclasse: Hexapoda Classe: Insecta Sottoclasse: Pterygota

Dettagli

RELAZIONE TECNICA SULL ATTIVITÀ DI MONITORAGGIO E LOTTA ALLA

RELAZIONE TECNICA SULL ATTIVITÀ DI MONITORAGGIO E LOTTA ALLA RELAZIONE TECNICA SULL ATTIVITÀ DI MONITORAGGIO E LOTTA ALLA ZANZARA TIGRE NEL TERRITORIO DELL COMUNE DI CASTELFRANCO VENETO ATTIVITÀ SVOLTA INFORMAZIONE E FORMAZIONE Nel corso dell anno è stato organizzato

Dettagli

Le aree verdi e la loro manutenzione. Muggia, 18 maggio 2015

Le aree verdi e la loro manutenzione. Muggia, 18 maggio 2015 Le aree verdi e la loro manutenzione Muggia, 18 maggio 2015 Piralide del Bosso Origine La piralide del bosso è una specie di origini asiatiche (Cina, Giappone, Corea e Russia asiatica) rinvenuta per la

Dettagli

Che cos è l agricoltura?

Che cos è l agricoltura? L agricoltura Che cos è l agricoltura? L agricoltura è la coltivazione del terreno. L agricoltura produce gli alimenti necessari agli uomini. L agricoltore semina e lavora la terra. Le piante crescono

Dettagli

AZIENDALE PRESENTAZIONE

AZIENDALE PRESENTAZIONE Servizi di igiene ambientale e disinfestazione www.lacristallina.it PRESENTAZIONE AZIENDALE Fondata a Messina nel 1983, La Cristallina nasce come impresa a conduzione familiare. L azienda si sviluppa rapidamente

Dettagli

L'ape fa il miele... L'ape. Lo sapevi che...? Unità 1:

L'ape fa il miele... L'ape. Lo sapevi che...? Unità 1: Unità 1: L'ape fa il miele... L'ape L ape è un insetto molto speciale, vola di fiore in fiore raccogliendo nettare che poi trasformerà in miele. Il nettare è il nutrimento dell ape adulta. Il miele è il

Dettagli

La zanzara tigre, conoscerla per difendersi meglio Origine

La zanzara tigre, conoscerla per difendersi meglio Origine La zanzara tigre, conoscerla per difendersi meglio dott.fulvio Zorzut Profilassi Malattie Infettive e Vaccinazioni Dipartimento di Prevenzione di Trieste Origine La zanzara tigre è stata importata nel

Dettagli

This material is Open Game Content, and is licensed for public use under the terms of the Open Game License v1.0a. MOSTRI (PARASSITI)

This material is Open Game Content, and is licensed for public use under the terms of the Open Game License v1.0a. MOSTRI (PARASSITI) This material is Open Game Content, and is licensed for public use under the terms of the Open Game License v1.0a. MOSTRI (PARASSITI) Questo capitolo fornisce statistiche e informazioni base per diversi

Dettagli

Città sostenibili. M. Bariselli

Città sostenibili. M. Bariselli I carabidi delle ombrellifere M. Bariselli La situazione in campagna Agricoltori Cittadini Il gestore del terreno nel quale sia accertata dai tecnici dell AUSL la presenza di colture collegabili all

Dettagli

Una vera Tigre. Comune di Anzola dell'emilia

Una vera Tigre. Comune di Anzola dell'emilia La Zanzara Tigre Importata nel mondo occidentale dall Asia, probabilmente grazie al commercio di copertoni usati, dove ha trovato una nicchia adatta alla propria diffusione, la Zanzara Tigre (Aedes albopictus)

Dettagli

AIRONE BIANCO MAGGIORE 90x150 cm. - Migratore, svernante. AIRONE CENERINO 95x185 cm. - Migratore, svernante, nidificante.

AIRONE BIANCO MAGGIORE 90x150 cm. - Migratore, svernante. AIRONE CENERINO 95x185 cm. - Migratore, svernante, nidificante. AIRONE BIANCOMAGGIORE 90x150 cm. - Migratore, svernante. Più grande degli altri ardeidi bianchi (dimensioni del cenerino) ha un caratteristico sopracciglio verdastro AIRONE CENERINO 95x185 cm. - Migratore,

Dettagli

Infestazioni di cavallette in Veneto scheda informativa

Infestazioni di cavallette in Veneto scheda informativa Provincia di Vicenza Settore Agricoltura Università degli Studi di Padova Dipartimento Dafnae Infestazioni di cavallette in Veneto scheda informativa Da qualche anno le esplosioni demografiche di cavallette

Dettagli

IMPORTANZA DELLA PROGRAMMAZIONE PER UN EFFICACE CONTROLLO DEGLI INFESTANTI NELL INDUSTRIA ALIMENTARE

IMPORTANZA DELLA PROGRAMMAZIONE PER UN EFFICACE CONTROLLO DEGLI INFESTANTI NELL INDUSTRIA ALIMENTARE IMPORTANZA DELLA PROGRAMMAZIONE PER UN EFFICACE CONTROLLO DEGLI INFESTANTI NELL INDUSTRIA ALIMENTARE PREMESSA Termini quali Lotta Integrata, Piano di Controllo Integrato degli Infestanti, sono oggi sulla

Dettagli

ENTOMOLOGIA SCIENZA CHE STUDIA GLI INSETTI REGNO ANIMALI PHYLUM (DIVISIONE) ARTROPODI (ZAMPE ARTICOLATE E SCHELETRO ESTERNO) CLASSE INSETTI

ENTOMOLOGIA SCIENZA CHE STUDIA GLI INSETTI REGNO ANIMALI PHYLUM (DIVISIONE) ARTROPODI (ZAMPE ARTICOLATE E SCHELETRO ESTERNO) CLASSE INSETTI ENTOMOLOGIA SCIENZA CHE STUDIA GLI INSETTI REGNO ANIMALI PHYLUM (DIVISIONE) ARTROPODI (ZAMPE ARTICOLATE E SCHELETRO ESTERNO) CLASSE INSETTI AGLI ARTROPODI APPARTENGONO ANCHE (TRA GLI ALTRI) PRINCIPALI

Dettagli

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO Comune di CORI (Lt) Assessorato all RACCOLTA DIFFERENZIATA PORTA A PORTA GUIDA AL COMPOSTAGGIO DOMESTICO pagina 1 SOMMARIO Premessa... 3 1 Principi generali: Cos è il Compostaggio... 4 2 Cosa mettere nella

Dettagli

POSTER GUIDA INSETTI

POSTER GUIDA INSETTI POSTER GUIDA INSETTI vuoi conoscere meglio gli insetti e allontanarli dai tuoi spazi? DA VEBI, LA NUOVA GUIDA PRATICA RICCA DI INFORMAZIONI E CONSIGLI UTILI POSTER GUIDA INSETTI Mi chiamo Gemma, ho scelto

Dettagli

Ricerca a cura della 3ª C

Ricerca a cura della 3ª C Ricerca a cura della 3ª C Insegnante Donatella Marra Anno scolastico 2009-2010 L'ape: come vive, com'è fatta Fra gli insetti che pungono le api sono le più temute dall'uomo. Le femmine hanno un pungiglione

Dettagli

Rifugi in crepe. INTERREG III B Linee guida per il risanamento QUESTIONARIO living space network di rifugi nelle Alpi

Rifugi in crepe. INTERREG III B Linee guida per il risanamento QUESTIONARIO living space network di rifugi nelle Alpi Rifugio [nome denominazione dati nel foglio base] Specie di chirottero [si prega di compilare per ogni specie] Tipo di rifugio Rifugi di riproduzione rifugio invernale rifugio intermedio rifugio di accoppiamento

Dettagli

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO

CONOSCERE IL PROPRIO CORPO CONOSCERE IL PROPRIO CORPO Gli esseri viventi sono fatti di parti che funzionano assieme in modo diverso. Hanno parti diverse che fanno cose diverse. Il tuo corpo è fatto di molte parti diverse. Alcune

Dettagli

REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura

REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura AREA SERVIZI TECNICI E SCIENTIFICI, SERVIZIO FITOSANITARIO REGIONALE Tuta absoluta (Meyrick) minatrice fogliare del pomodoro (tomato leaf miner) Lista ALLERT

Dettagli

Dr.ssa Chiara M. Dassi

Dr.ssa Chiara M. Dassi Topi e ratti in ambiente urbano Dr.ssa Chiara M. Dassi Un ombra segue l umanità: il topo G. Dassi, Un tesoro di Isole, Morgan Edizioni Tecniche I RODITORI TOPO SPECIE: Mus domesticus (topolino domestico)

Dettagli

I CONTAMINANTI DELLA MATERIA PRIMA LIEVITO.

I CONTAMINANTI DELLA MATERIA PRIMA LIEVITO. I CONTAMINANTI DELLA MATERIA PRIMA LIEVITO. A cura della Dott.ssa Simona Lauri: simona.lauri@nistriandrea.it Il discorso generico sui microrganismi contaminanti o utili, il loro sviluppo, i fattori che

Dettagli

BASTA POCO PER PRENDERSI CURA DELLA NOSTRA BOCCA. Ecco LE MOSSE VINCENTI

BASTA POCO PER PRENDERSI CURA DELLA NOSTRA BOCCA. Ecco LE MOSSE VINCENTI BASTA POCO PER PRENDERSI CURA DELLA NOSTRA BOCCA Ecco LE MOSSE VINCENTI LA BOCCA I punti nevralgici della masticazione La bocca è, in tutti gli animali, il luogo in cui avviene la prima parte della digestione,

Dettagli

Estate sicura Come vincere il caldo in gravidanza

Estate sicura Come vincere il caldo in gravidanza Estate sicura Come vincere il caldo in gravidanza Pochi e semplici consigli per un estate in salute per la futura mamma ed il suo bambino sapere che... In estate, il caldo può nuocere alla mamma che non

Dettagli

Formiche al lavoro Cosa sapere La cura delle formiche Questo Mini Mondo fantastico I giochi interattivi Le attività Studiamo una formica

Formiche al lavoro Cosa sapere La cura delle formiche Questo Mini Mondo fantastico I giochi interattivi Le attività Studiamo una formica HANDBOOK Ti ringraziamo per la preferenza accordataci nel diventare un nuovo Cliente di GLOBUS International e per avere acquistato ANTQUARIUM. Ci auguriamo che l utilizzo di questo prodotto ti diverta

Dettagli

ATTENZIONE AL PIDOCCHIO!!

ATTENZIONE AL PIDOCCHIO!! DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE Servizio di Igiene e Sanità Pubblica Viale Vellei, 16 63100 ASCOLI PICENO Tel. 0736358075 Fax 0736358061 ATTENZIONE AL PIDOCCHIO!! e... se c'è, togliamocelo dalla testa COSA

Dettagli