Quale rete ottimale per la distribuzione carburanti in Italia. Davide Tabarelli presidente NE Nomisma Energia

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Quale rete ottimale per la distribuzione carburanti in Italia. Davide Tabarelli presidente NE Nomisma Energia"

Transcript

1 Quale rete ottimale per la distribuzione carburanti in Italia Davide Tabarelli presidente NE Nomisma Energia Roma, 02 Aprile 2014

2 02 Aprile Agenda Crisi economica e crollo dei consumi L impennata dei prezzi alla pompa Le reti di distribuzione carburante in Europa a confronto Specificità del Commercio al dettaglio in Italia Un modello per la razionalizzazione della rete italiana Benefici di prezzo attesi dalla ottimizzazione

3 Crisi economica e crollo dei consumi 02 Aprile

4 02 Aprile La crisi economica in Italia Andamento del del PIL PIL in Italia! in Italia (mld. 2000) mld. 2000! 1.600! 1.400! caso alto! 1.200! caso basso! 1.000! 800! 600! 400! 200! 1960! 1962! 1964! 1966! 1968! 1970! 1972! 1974! 1976! 1978! 1980! 1982! 1984! 1986! 1988! 1990! 1992! 1994! 1996! 1998! 2000! 2002! 2004! 2006! 2008! 2010! 2012! 2014! 2016! 2018! 2020! Elaborazioni e previsioni NE Nomisma Energia su dati MEF La caduta della crescita economica e della ricchezza in Italia è di proporzioni mai viste dal dopoguerra ad oggi.

5 02 Aprile I consumi di energia nel settore trasporti Consumi Domanda di di energia energia nel del settore trasporti trasporti in Italia (mln. tep) (Mil.tep) 50! Previsioni! 45! 40! 35! 30! 25! 20! 15! 10! 5! 0! 1970! 1980! 1990! 2000! 2010! 2020! 2030! Biocarb.! Gas! Solidi! En. Elettr.! Altri! Benzine! Gasolio! Elaborazioni e previsioni NE Nomisma Energia su dati MSE

6 02 Aprile I consumi di energia nel settore trasporti 50! 45! 40! 35! 30! 25! 20! 15! 10! Consumi Domanda di di energia energia nel del settore trasporti trasporti in Italia (mln. tep) (Mil.tep) 5! Di cui vendite rete carburanti! Previsioni! 0! 1970! 1980! 1990! 2000! 2010! 2020! 2030! Biocarb.! Gas! Solidi! En. Elettr.! Altri! Benzine! Gasolio! Elaborazioni e previsioni NE Nomisma Energia su dati MSE

7 02 Aprile L impatto della crisi sul parco autovetture in Italia Parco Evoluzione autovetture e previsioni circolante del in parco Italia! autovetture circolante in Italia (mln. veicoli) mln.vetture! 60! trend storico! 50! caso alto! 40! 30! Benzina, gasolio e GPL!! previsioni! caso basso! 20! 10! 0! veicoli alternativi! (metano, ibridi, elettrici)! previsioni! 1960! 1962! 1964! 1966! 1968! 1970! 1972! 1974! 1976! 1978! 1980! 1982! 1984! 1986! 1988! 1990! 1992! 1994! 1996! 1998! 2000! 2002! 2004! 2006! 2008! 2010! 2012! 2014! 2016! 2018! 2020! 2022! 2024! 2026! 2028! 2030! Elaborazioni e previsioni NE Nomisma Energia su dati ACI Forte rallentamento del parco auto, ma rimane lo strumento fondamentale della mobilità delle persone in Italia.

8 02 Aprile L impatto della crisi sui consumi di carburante Consumi Consumi di di carburante carburante in in Italia! Italia (mld.litri) mld.litri, benzina, gasolio e GPL! 60! 50! trend storico! 40! 30!! caso alto! 20! previsioni! caso basso! 10! 0! 1960! 1962! 1964! 1966! 1968! 1970! 1972! 1974! 1976! 1978! 1980! 1982! 1984! 1986! 1988! 1990! 1992! 1994! 1996! 1998! 2000! 2002! 2004! 2006! 2008! 2010! 2012! 2014! 2016! 2018! 2020! 2022! 2024! 2026! 2028! 2030! I consumi di carburante sono crollati a valori di 25 anni prima. Elaborazioni e previsioni NE Nomisma Energia su dati MSE

9 02 Aprile L esasperazione della rete autostradale (1) Erogato di benzina e gasolio in autostrada! mld.litri! Consumi di benzina e gasolio in Autostrada in Italia (mld.litri) 5,0! 4,5! 4,0! 3,5! 3,0! 2,5! 2,0! 1,5! 1,0! 0,5! stime NE Nomisma Energia! fine anni '70! 2003! 4,4 mld.lt! 2013! -56%! 1,9 mld.lt! 0,0! 1960! 1962! 1964! 1966! 1968! 1970! 1972! 1974! 1976! 1978! 1980! 1982! 1984! 1986! 1988! 1990! 1992! 1994! 1996! 1998! 2000! 2002! 2004! 2006! 2008! 2010! 2012! Elaborazioni e stime NE Nomisma Energia su dati MSE ed UP Ancora più profonda la caduta delle vendite sulle autostrade, dove la gente non compra e dove guida meno.

10 L impennata dei prezzi alla pompa 02 Aprile

11 02 Aprile Crescita dei prezzi alla pompa senza precedenti Prezzi Prezzi alla alla pompa pompa in Italia, in prezzi Italia correnti! ( cent/litro, tasse incluse, medie annuali, prezzi cents/litro, tasse incluse, medie annuali! correnti) 200! 180! 160! 140! 120! 100! 80! 60! 40! Benzina! Gasolio! 20! 0! 1970! 1972! 1974! 1976! 1978! 1980! 1982! 1984! 1986! 1988! 1990! 1992! 1994! 1996! 1998! 2000! 2002! 2004! 2006! 2008! 2010! 2012! 2014! Nota: benzina super fino al 2001, poi benzina senza piombo! Elaborazioni e previsioni NE Nomisma Energia su dati MSE

12 02 Aprile I mercati internazionali sostengono prezzi alti Prezzi del petrolio e dei prodotti petroliferi sui mercati internazionali Prezzi del petrolio e dei carburanti! $/bbl! 160! 140! Greggio ($/bbl, scala sinistra)! ! impennata dei prezzi! /lt! 0,8! 0,7! 120! Carburanti ( /litro, scala destra)! 0,6! 100! 0,5! 80! ! 20 anni di relativa stabilità a 20 $/bbl! 0,4! 60! 40! 2 shock petrolifero! controshock petrolifero! guerra# del golfo! 0,3! 0,2! 20! 1 shock petrolifero! 0,1! 0! 1970! 1971! 1972! 1973! 1974! 1975! 1976! 1977! 1978! 1979! 1980! 1981! 1982! 1983! 1984! 1985! 1986! 1987! 1988! 1989! 1990! 1991! 1992! 1993! 1994! 1995! 1996! 1997! 1998! 1999! 2000! 2001! 2002! 2003! 2004! 2005! 2006! 2007! 2008! 2009! 2010! 2011! 2012! 2013! 2014! 0,0! Elaborazioni NE Nomisma Energia su dati Platts, Banca d Italia e MSE La prima ragione dell impennata dei prezzi alla pompa è il forte incremento della materia prima, il petrolio, le cui dinamiche sono al di fuori del sistema Italia.

13 02 Aprile La fiscalità ha contribuito in modo determinante Accise Andamento sui carburanti delle accise in Italia! sui carburanti in Italia ( cent/litro) cent/lt! 80! 70! 60! Benzina! Gasolio! primi anni ' ! 20 anni di relativa stabilità delle accise! ! +29%! 50! 40! 30! 20! +46%! ! 10! 0! 1970! 1972! 1974! 1976! 1978! 1980! 1982! 1984! 1986! 1988! 1990! 1992! 1994! 1996! 1998! 2000! 2002! 2004! 2006! 2008! 2010! 2012! 2014! Elaborazioni NE Nomisma Energia su dati MSE Tutta italiana è la seconda ragione: il forte incremento delle accise in Italia a partire dal 2011.

14 02 Aprile L Italia ha fatto un ricorso anomalo alla fiscalità Andamento delle accise sulla benzina! /litro, IVA inclusa! 1,0! Andamento delle accise sul gasolio! /litro, IVA inclusa! 1,0! Italia! 0,9! 0,8! 0,7! 0,9! 0,8! 0,7! Francia! Germania! Regno Unito! 0,6! 0,5! 0,4! Italia! Francia! Germania! Regno Unito! 0,6! 0,5! 0,4! 0,3! gen-08! apr-08! lug-08! ott-08! gen-09! apr-09! lug-09! ott-09! gen-10! apr-10! lug-10! ott-10! gen-11! apr-11! lug-11! ott-11! gen-12! apr-12! lug-12! ott-12! gen-13! apr-13! lug-13! ott-13! gen-14! 0,3! gen-08! apr-08! lug-08! ott-08! gen-09! apr-09! lug-09! ott-09! gen-10! apr-10! lug-10! ott-10! gen-11! apr-11! lug-11! ott-11! gen-12! apr-12! lug-12! ott-12! gen-13! apr-13! lug-13! ott-13! gen-14! Elaborazioni NE Nomisma Energia su dati Eurostat e Commissione Europea Le tasse più alte in Europa.

15 02 Aprile Elasticità dei consumi ai prezzi dei carburanti Variazione di di prezzo prezzo e di e consumi dei consumi di carburante di carburante in Italia! in Italia (var.% media annua, variazione ponderata % su anno fra benzina precedente, e media gasolio) ponderata a confronto fra benzina con e gasolio! PIL pro-capite k /ab.! 23! 22! 21! 20! 19! 18! 17! 1991! 1992! 1993! ! p. +5%" d. +2%! PIL pro-capite! (1.000 /ab, scala destra)! 1994! 1995! 1996! 1997! 1998! ! ! p. +5%" d. +1%! 1999! 2000! 2001! p. -2%" d. +2%! Bassa elasticità! 2002! 2003! 2004! 2005! ! 2006! p. +3%" d. -1%! Prezzi carburanti" ( /litro, scala destra)! 2007! 2008! 2009! 2010! ! p. +10%" d. -5%! Alta elasticità! 2011! 2012! 2013! /litro! 1,8! 1,7! 1,6! 1,5! 1,4! 1,3! 1,2! 1,1! 1,0! 0,9! 0,8! 0,7! 0,6! Elaborazioni NE Nomisma Energia su dati MSE Forte incremento dell elasticità negli ultimi anni, con caduta domanda.

16 02 Aprile L andamento dello stacco con l Europa Andamento dello dello stacco stacco di prezzo di prezzo netto industriale tasse tra Italia tra Italia ed EuroZona! ed Eurozona ( cent/litro, cent /litro, e % su prezzo e incidenza alla % sul pompa) prezzo alla pompa! 5! 4! Stacco benzina! Stacco medio! Stacco gasolio! Incidenza media sul prezzo alla pompa! 6%! 5%! 3! 2! 1! 4%! 3%! 2%! 1%! 0! 1995! 1996! 1997! 1998! 1999! 2000! 2001! 2002! 2003! 2004! 2005! 2006! 2007! 2008! 2009! 2010! 2011! 2012! 2013! 0%! -1! Nota metodologica: il grafico riporta la differenza tra il prezzo medio, ponderato per i volumi erogati di benzina e gasolio, in Italia e nell'eurozona.! -1%! Elaborazioni e stime NE Nomisma Energia su dati MSE ed Eurostat Cala lo stacco con l Europa al netto di tasse: 1% del prezzo finale. Lo stacco delle accise è del 10%.

17 02 Aprile La contrazione dei margini lordi per Punto Vendita Andamento Margine lordo del margine per punto lordo vendita complessivo in Italia per (1.000 punto /PV) vendita! /punto vendita! ! ! 250! +9% media annua! -1,3% media annua! 200! 150! I margini oil sono tornati# ai livelli del 2000! -10%! ! 100! Margini oil! 50! 0! Le vendite non-oil non sono mai decollate! Margini non-oil! 1986! 1987! 1988! 1989! 1990! 1991! 1992! 1993! 1994! 1995! 1996! 1997! 1998! 1999! 2000! 2001! 2002! 2003! 2004! 2005! 2006! 2007! 2008! 2009! 2010! 2011! 2012! 2013! Crollo dei ricavi sulle vendite tipiche, con le non-oil che non contano molto. Elaborazioni e stime NE Nomisma Energia su dati Platts, MSE e Banca d Italia

18 Le reti di distribuzione carburante in Europa a confronto 02 Aprile

19 02 Aprile La numerosità delle reti in Europa Numero di punti vendita in Europa! Numero di punti vendita nei principali Paesi europei ! ! ! Italia! Germania! Francia! Regno Unito! ! ! ! ! 5.000! 0! 1990! 1991! 1992! 1993! 1994! 1995! 1996! 1997! 1998! 1999! 2000! 2001! 2002! 2003! 2004! 2005! 2006! 2007! 2008! 2009! 2010! 2011! 2012! 2013! In tutta Europa rallenta ma prosegue il processo di ristrutturazione, in Italia si inverte. Elaborazioni e stime NE Nomisma Energia su dati UP

20 02 Aprile L erogato medio per PV in Europa Erogato medio dei punti vendita in Europa! Erogato medio dei PV in Europa (mln.litri/pv) t/pv! 5,0! 4,5! 4,0! 3,5! 3,0! 2,5! 2,0! 1,5! 1,0! 0,5! 0,0! 1996! 1997! 1998! 1999! 2000! 2001! 2002! 2003! 2004! Italia! Germania! Francia! Regno Unito! 2005! 2006! 2007! 2008! 2009! 2010! 2011! 2012! Elaborazioni e stime NE Nomisma Energia su dati UP, MSE, Datamonitor ed Eurostat In completa controtendenza con il resto d Europa, cala in Italia l erogato medio.

21 02 Aprile La diversa morfologia del territorio Com posizione A ltim etrica dei m aggiori paesi dell'europa Occidentale Composizione altimetrica dei maggiori Paesi dell Europa Occidentale (%) % 90 Pianura Collina Montagna Totale Collina e Montagna Italia Germania Francia Gran Bretagna Elaborazioni e stime NE Nomisma Energia su dati Istat

22 02 Aprile Urbanizzazione in Europa Tasso di urbanizzazione dei m aggiori paesi dell'europa Occidentale Tasso di urbanizzazione dei maggiori Paesi dell Europa Occidentale (%) % 90 (In parentesi valori 2012): 85 Francia (86,3%) Germania (74,1%) Italia (68,6%) Gran Bretagna (79,8%) Elaborazioni e stime NE Nomisma Energia su dati Banca Mondiale Bassa urbanizzazione in Italia, comporta molta gente nei piccoli paesi che ha bisogno di punti vendita.

23 02 Aprile Parco circolante in Europa Parco Circolante nei m aggiori paesi dell'europa Occidentale Parco circolante nei maggiori Paesi dell Europa Occidentale, 2011 (mln.veicoli) mln. 60 Veicoli Commerciali e Industriali Motocicli Auto Totale Veicoli Circolanti Italia Germania Francia Gran Bretagna Elaborazioni e stime NE Nomisma Energia su dati ACI ed Anfia L Italia al primo posto per veicoli a motore: ne segue alta domanda di stazioni di servizio.

24 02 Aprile Cilindrata media delle autovetture in Europa Cilindrata m edia auto vendute Cilindrata media delle auto vendute (cm 3 ) cm 3 Francia Germania Italia Gran Bretagna Elaborazioni e stime NE Nomisma Energia su dati Acea La bassa cilindrata delle auto, comporta rifornimenti più frequenti e un maggior numero di punti vendita.

25 Specificità del Commercio al dettaglio in Italia 02 Aprile

26 02 Aprile Le dinamiche del commercio al dettaglio in Italia (1) Punti Numero vendita punti vendita al commercio in Italia in Italia per tipologia di vendita Punti vendita dettaglio (scala sinistra) Punti vendita carburante (scala destra) Grande distribuzione (scala destra) Elaborazioni e previsioni NE Nomisma Energia su dati Osservatorio Nazionale del Commercio Tutto il commercio in Italia è segnato da alta numerosità dei punti vendita al dettaglio.

27 02 Aprile Le dinamiche del commercio al dettaglio in Italia (2) Numero di esercizi commerciali attivi per mille abitanti nel 2010 in Europa! Numero di esercizi commerciali al dettaglio attivi per mille abitanti nei Numero principali per mille Paesi abitanti! europei, ! 10! 8! Livello medio europeo = 7,6! 6! 4! 2! 0! Italia! Francia! Germania! Gran Bretagna! Elaborazioni e previsioni NE Nomisma Energia su dati Eurostat Altissimo numero di negozi al dettaglio in Italia.

28 02 Aprile Le dinamiche del commercio al dettaglio in Italia (3) Operazioni pro-capite con strumenti di pagamento elettronici, 2009 Operazioni pro capite con strumenti di pagamento elettronici, anno 2009! 300! 250! 255! 200! Area Euro: 180! 200! 205! 150! 100! 50! 70! 0! Italia! Germania! Francia! Gran Bretagna! Elaborazioni e previsioni NE Nomisma Energia su dati Banca d Italia e BCE In Italia si usano poco il bancomat e la carta di credito. Anche nei punti vendita carburanti, si usa molto contante, che facilita operazioni poco chiare.

29 Un modello per la razionalizzazione della rete italiana 02 Aprile

30 02 Aprile Benchmark per la creazione di un modello Numero di PV per kmq per regione! 0,15! Numero di PV per migliaia di abitanti per regione! 0,8! Valle d'aosta! Media nazionale! Sicilia! Calabria! 0,12! Piemonte! 0,09! Sardegna! 0,06! Valle d'aosta! Liguria! Lombardia! Media nazionale! Calabria! 0,6! Piemonte! Sardegna! 0,5! Sicilia! 0,3! Liguria! Lombardia! Basilicata! 0,03! Trentino Alto Adige! Basilicata! 0,2! Trentino Alto Adige! Puglia! 0,00! Veneto! Puglia! 0,0! Veneto! Friuli Venezia Giulia! Campania! Friuli Venezia Giulia! Campania! Abruzzo! Molise! Umbria! Marche! Toscana! Emilia Romagna! Abruzzo! Molise! Lazio! Umbria! Marche! Emilia Romagna! Toscana! Lazio! Numero di PV per km di strade per regione! 0,10! Numero di PV per migl.ton di erogato per regione! 2,0! Media nazionale! Puglia! 0,08! Piemonte! Lombardia! 0,06! Valle d'aosta! Sicilia! Liguria! Sardegna! 0,04! Calabria! 0,02! Trentino Alto Adige! Basilicata! 0,00! Veneto! Valle d'aosta! 1,6! Media nazionale! Piemonte! Sardegna! Sicilia! 1,2! Liguria! Calabria! 0,8! Lombardia! Basilicata! Puglia! 0,4! 0,0! Trentino Alto Adige! Veneto! Campania! Abruzzo! Molise! Umbria! Marche! Emilia Romagna! Toscana! Friuli Venezia Giulia! Campania! Abruzzo! Molise! Lazio! Umbria! Friuli Venezia Giulia! Emilia Romagna! Toscana! Marche! Lazio! Elaborazioni e stime NE Nomisma Energia su dati UP, Aiscat, Istat, MSE, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, SITEB, Autorità Garante per la Concorrenza e il Mercato

31 02 Aprile Il confronto col benchmark europeo Numero di PV per kmq in EU! 0,15! Numero di PV per migliaia di abitanti in EU! 0,8! 0,12! 0,6! Media nazionale! 0,09! 0,06! Benchmark europeo! Media nazionale! 0,5! 0,3! Benchmark europeo! 0,03! 0,2! 0,00! 0,0! Numero di PV per km di strade in EU! 0,10! Numero di PV per migl.ton di erogato in EU! 1,5! 0,08! Media nazionale! 1,2! Media nazionale! 0,06! 0,04! Benchmark europeo! 0,9! 0,6! Benchmark europeo! 0,02! 0,3! 0,00! 0,0! Elaborazioni e stime NE Nomisma Energia su dati UP, Aiscat, Istat, MSE, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, SITEB, Autorità Garante per la Concorrenza e il Mercato, Istat, US Government, Banca Mondiale, fonti varie

32 02 Aprile Il modello di ottimizzazione della rete carburanti Composizione del numero totale di PV per grandezza considerata nel modello! Ottimizzazione della rete carburanti in Italia e soglia minima di Numero razionalizzazione di PV! nel confronto con l Europa ! Percorso di razionalizzazione" della rete italiana! ! ! ! 5.000! ! ! ! ! 0! Numero attuale di PV! Soglia di avvio dei! benefici del processo! di razionalizzazione! Obiettivo di! ottimizzazione! della rete! Benchmark europeo! La forte riduzione non può essere ai livelli europei. Elaborazioni NE Nomisma Energia su dati NE Nomisma Energia su dati UP, Aiscat, Istat, MSE, Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, SITEB, Autorità Garante per la Concorrenza e il Mercato e Istat

33 02 Aprile Impatto dell ottimizzazione sulla rete carburanti Obiettivo di razionalizzazione della distribuzione carburanti in Italia Evoluzione PV in Italia! ! ! ! ! trend storico! ! ! ! business as usual (*)! obiettivo! ! 5.000! 0! 1960! 1962! 1964! 1966! 1968! 1970! 1972! 1974! 1976! 1978! 1980! 1982! 1984! 1986! 1988! 1990! 1992! 1994! 1996! 1998! 2000! 2002! 2004! 2006! 2008! 2010! 2012! 2014! 2016! 2018! 2020! 2022! 2024! 2026! 2028! 2030! (*) elaborazione statistica su un trend storico di breve periodo, che prescinde dalla valutazione delle attuali condizioni di mercato Elaborazioni e previsioni NE Nomisma Energia su dati UP e MSE Inevitabile una sensibile contrazione.

34 02 Aprile Impatto dell ottimizzazione sull erogato medio Erogato Incremento medio per dell erogato punto vendita medio in Italia! in caso di razionalizzazione della rete mln.t/pv! distributiva (mln.litri/pv) 2,5! 2,0! 1,5! 1,0! trend! storico! obiettivo! business as usual! 0,5! 0,0! 1960! 1962! 1964! 1966! 1968! 1970! 1972! 1974! 1976! 1978! 1980! 1982! 1984! 1986! 1988! 1990! 1992! 1994! 1996! 1998! 2000! 2002! 2004! 2006! 2008! 2010! 2012! 2014! 2016! 2018! 2020! 2022! 2024! 2026! 2028! 2030! (*) elaborazione statistica su un trend storico di breve periodo, che prescinde dalla valutazione delle attuali condizioni di mercato Elaborazioni e previsioni NE Nomisma Energia su dati UP e MSE Deve aumentare l erogato medio per ridare redditività al settore, condizioni indispensabile perché il settore carburanti possa continuare a svolgere il ruolo principale a copertura della domanda di mobilità.

35 02 Aprile Erogato medio a confronto in caso di ottimizzazione Erogato medio dei punti vendita in Europa! Confronto con i Paesi Europei dell erogato medio italiano in caso di mln.litri/pv! razionalizzazione della rete distributiva (mln.litri/pv) 5,0! 4,5! 4,0! 3,5! 3,0! 2,5! Regno Unito! Germania! Francia! Italia! 2,0! 1,5! 1,0! obiettivo! business as usual (*)! 0,5! 0,0! 1996! 1997! 1998! 1999! 2000! 2001! 2002! 2003! 2004! 2005! 2006! 2007! 2008! 2009! 2010! 2011! 2012! 2013! 2014! 2015! 2016! 2017! 2018! 2019! 2020! 2021! 2022! 2023! 2024! 2025! 2026! 2027! 2028! 2029! 2030! (*) elaborazione statistica su un trend storico di breve periodo, che prescinde dalla valutazione delle attuali condizioni di mercato Elaborazioni e previsioni NE Nomisma Energia su dati UP e MSE Gli obiettivi indicati sono il minimo per riportare su un trend positivo l erogato medio.

36 Benefici di prezzo attesi dalla ottimizzazione 02 Aprile

37 1! 02 Aprile ! I prezzi e margini della benzina al 2013 Prezzo Benzina alla Pompa! cent/litro, 2013! 200! 180! 160! 140! 120! 100! 80! 60! 40! 20! 0! Tasse: 59%! Prezzo industriale: 41%! 56,5! 14,8! benzina! 72,8! 174,8!! 30,6! Iva! Accisa! Margine lordo a copertura altri costi! Prezzo internazionale! Scomposizione del margine lordo della benzina! cent/lt, 2013! 18! 16! 14! 12! 10! 8! 6! 4! 2! 0! -2! 14,8! 4,4! 2,5! 4,4! 0,5! 0,1! 1,8! 1,1! Remunerazione lorda capitale investito! Manutenzioni! Promozioni, carte, pubblicità! Tasse e canoni! Investimenti punto vendita e costi di struttura! Costi distribuzione, logistica, scorte e biocarburanti! Margine gestore! Elaborazioni e stime NE Nomisma Energia su dati Platts, MSE e Banca d Italia Il margine lordo di circa 15 centesimi deve coprire tutti i costi di distribuzione in Italia.

38 1! 02 Aprile ! I prezzi e margini del gasolio al 2013 Prezzo Gasolio alla Pompa! cent/litro, 2013! 200! 180! 160! 140! 120! 100! 80! 60! 40! 20! 0! Tasse: 55%! Prezzo industriale: 45%! 60,0! 15,0! gasolio! 61,7! 165,8!! 29,1! Iva! Accisa! Margine lordo a copertura altri costi! Prezzo internazionale! Scomposizione del margine lordo del gasolio! cent/lt, 2013! 18! 16! 14! 12! 10! 8! 6! 4! 2! 0! -2! 15,0! 4,4! 2,5! 4,4! 0,5! 0,2! 1,8! 1,1! Remunerazione lorda capitale investito! Manutenzioni! Promozioni, carte, pubblicità! Tasse e canoni! Investimenti punto vendita e costi di struttura! Costi distribuzione, logistica, scorte e biocarburanti! Margine gestore! Elaborazioni e stime NE Nomisma Energia su dati Platts, MSE e Banca d Italia

39 1! 02 Aprile ! Simulazione dell impatto dell ottimizzazione sui margini lordi riferiti ad un PV teorico Scomposizione del margine lordo della benzina! cent/lt, 2013 in caso di ottimizzazione a 15mila PV! 18! Scomposizione del margine lordo del gasolio! cent/lt, 2013 in caso di ottimizzazione a 15mila PV! 18! 16! 16! 14! 12! 10! 8! 6! 4! 2! 0! -2! 13,7! 4,3! -1,1! 2,3! 3,4! 1,4! 0,4!0,9! 1,0! Remunerazione lorda capitale investito! Manutenzioni! Promozioni, carte, pubblicità! Tasse e canoni! Investimenti punto vendita e costi di struttura! Costi distribuzione, logistica, scorte e biocarburanti! Margine gestore! Riduzione prezzi! 14! 12! 10! 8! 6! 4! 2! 0! -2! 13,9! -1,1! 4,3! 2,3! 3,4! 1,4! 0,4!1,0! 1,0! Remunerazione lorda capitale investito! Manutenzioni! Promozioni, carte, pubblicità! Tasse e canoni! Investimenti punto vendita e costi di struttura! Costi distribuzione, logistica, scorte e biocarburanti! Margine gestore! Riduzione prezzi! Elaborazioni e stime NE Nomisma Energia La ristrutturazione porta ad un aumento dell efficienza dell impianto con benefici sulla sua redditività e sui prezzi al consumo, di cui si è simulata un ipotesi.

40 02 Aprile Impatto dell ottimizzazione sui prezzi alla pompa Prezzi dei carburanti in Italia in caso di ottimizzazione a 15mila PV! cent/litro, 2013, media ponderata benzina/gasolio! Variazione dei prezzi dei carburanti in caso di ottimizzazione a 15mila PV ( cent/litro, media ponderata per benzina e gasolio) 180! 170! 160! 150! 140! 130! 120! 110! 100! 90! 80! 70! 60! 50! 40! 30! 20! 10! 0! 168,2! -1,3! 166,8! 10,5! 4,4! 9,5! 4,3! 59,1! 59,1! 29,5! 29,2! 64,7! 64,7! 2013! con 23mila PV! 2013! con 15mila PV! Margine compagnia! Margine gestore! Platts! IVA! Accisa! Elaborazioni e stime NE Nomisma Energia su dati MSE, Platts e Banca d Italia L impatto sui prezzi alla pompa, comprensivo di IVA, sarebbe limitato a 1,3 centesimi.

41 02 Aprile Impatto sullo stacco con l Europa Riduzione dello stacco Italia-Eurozona in caso di ottimizzazione della rete a 15mila PV ( cent/litro, netto tasse, 2013, media ponderata benzina/gasolio) Elaborazioni e previsioni NE Nomisma Energia su dati MSE ed Eurostat Ne deriverebbe un ulteriore calo dello stacco con l Eurozona.

42 Conclusioni La rete carburanti in Italia rimane centrale per la mobilità. Forte crollo dei consumi per caduta reddito e aumento prezzi. La ristrutturazione si è bloccata e cala l erogato: urgente ristrutturare. L Italia necessità di un più alto numero di punti vendita. Il commercio in Italia è tutto caratterizzato da alta numerosità. L analisi indica un obiettivo ottimale di 15 mila, con un avvio dei benefici da 19 mila, rispetto ai 23 mila attuali. Nella simulazione l impatto suoi prezzi sarà limitato a 1,3 cent/litro, ma indispensabile. 02 Aprile

43 NE Nomisma Energia Via Marconi, Bologna (Italy) Tel Fax

FAIB - Confesercenti DOSSIER LA RETE DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI ITALIANA ED EUROPEA A RAFFRONTO

FAIB - Confesercenti DOSSIER LA RETE DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI ITALIANA ED EUROPEA A RAFFRONTO FAIB - Confesercenti DOSSIER LA RETE DI DISTRIBUZIONE CARBURANTI ITALIANA ED EUROPEA A RAFFRONTO 6 Giugno 2007 I NUMERI DELLA DISTRIBUZIONE CARBURANTI IN ITALIA LA RETE DISTRIBUTIVA: 23.800 impianti di

Dettagli

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi

I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi I confidi e il credito alle piccole imprese durante la crisi Valerio Vacca (Banca d Italia, ricerca economica Bari) Il laboratorio del credito, Napoli, 15 marzo 2012 La struttura del mercato in Cr (2010):

Dettagli

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it

COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it COMUNICATO STAMPA presente sul sito: www.unrae.it unione nazionale r a p p r e s e n t a n t i autoveicoli esteri Analisi UNRAE delle immatricolazioni 2008 AUMENTA DI OLTRE 3 PUNTI LA QUOTA DI CITY CAR

Dettagli

Luca Paolazzi - Direttore Centro Studi Confindustria

Luca Paolazzi - Direttore Centro Studi Confindustria Frenata globale e premesse per la ripresa Luca Paolazzi Direttore Centro Studi Confindustria La convergenza delle previsioni 2008 2009 CSC (giugno) 0,1 0,6 Prometeia (settembre) 0,1 0,6 OCSE (settembre)

Dettagli

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA)

TOTALE DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) DEI RISULTATI DEL CONTO ENERGIA (PRIMO, SECONDO, TERZO, QUARTO E QUINTO CONTO ENERGIA) (aggiornamento al 31 DICEMBRE 2014) REGIONE PUGLIA 11.310 31.758 22.145 168.396 2.866 208.465 1.819 1.566.140 55 172.237

Dettagli

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2015. Il mercato delle case per vacanza

OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2015. Il mercato delle case per vacanza OSSERVATORIO NAZIONALE IMMOBILIARE TURISTICO 2015 Il mercato delle case per vacanza Roma, 29 luglio 2015 Previsioni di crescita del PIL (variazioni %) 2013 2014 2015 2016 Mondo 3,3 3,3 3,1 3,8 STATI UNITI

Dettagli

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE

RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE RIEPILOGO REGIONALE PER SPECIALIZZAZIONE ESERCIZI SPECIALIZZATI. AL 31/12/2013 PIEMONTE Altri prodotti 19 41.235 113 168 281 0 2 3 Articoli igienico-sanitari/materiali da 1 2.493 2 0 2 0 0 0 Articoli sportivi/attrezzatura campeggi 9 25.694 119

Dettagli

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO

Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi. Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Il ruolo delle Banche di Credito Cooperativo nei mercati locali del credito durante la crisi Convegno REGIONI E SISTEMA CREDITIZIO Roma 2 dicembre 2014 AGENDA 1. INTRODUZIONE: IL CONTESTO 2. LE CARATTERISTICHE

Dettagli

La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base regionale

La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base regionale VI Workshop UniCredit RegiosS Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali. I fattori di competitività territoriale La competitività del sistema imprenditoriale italiano: un analisi su base

Dettagli

FILLING STATIONS & COMPRESSORS. Dante Natali Presidente Federmetano

FILLING STATIONS & COMPRESSORS. Dante Natali Presidente Federmetano FILLING STATIONS & COMPRESSORS Dante Natali Presidente Federmetano CHI È FEDERMETANO Nata nel 1948, è la principale associazione dei distributori e trasportatori di metano per auto in Italia. Si caratterizza

Dettagli

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013

L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA TERRITORIALE NEL 2013 CONVEGNO LABORATORIO FARMACIA LA GESTIONE DELLA CRISI D IMPRESA NEL SETTORE DELLA DISTRIBUZIONE DEL FARMACO: STRATEGIE E STRUMENTI DI RISANAMENTO Pisa, 9 ottobre 2014 L ANDAMENTO DELLA SPESA FARMACEUTICA

Dettagli

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p.

Indice. p. 1. Introduzione. p. 2. Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2. Il costo del gas con la tariffa di Maggior Tutela dell AEEG p. Gas: le Regioni Italiane con il maggior numero di consumi e quelle con il risparmio più alto ottenibile Indice: Indice. p. 1 Introduzione. p. 2 Il consumo medio annuo pro capite di gas. p. 2 Il costo del

Dettagli

Dante Natali Presidente

Dante Natali Presidente Il contributo della rete distributiva allo sviluppo di una mobilità sostenibile Dante Natali Presidente CHI È FEDERMETANO Nata nel 1948, è la principale associazione dei distributori e trasportatori di

Dettagli

Metti la benzina nel carrello

Metti la benzina nel carrello Metti la benzina nel carrello A cura di: Eleonora Nefertiti Esentato Stefano Mottarelli Serena Pannone Alessandro Pastorino Workshop SAFE Safe Roma 16 Roma Maggio 28 maggio 2011, g 2010 Camera Palazzo

Dettagli

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B)

Calcolo a preventivo della spesa annua escluse le imposte AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) (B) AMBITO TARIFFARIO: CENTRALE (Toscana, Umbria e Marche) ()/Bx100 120 113,93 109,46 +4,47 +4,09% 480 295,84 277,95 +17,89 +6,44% 700 401,94 375,85 +26,09 +6,94% 1.400 739,55 687,37 +52,18 +7,59% 2.000 1.026,99

Dettagli

A. Consistenze e caratteristiche generali della rete

A. Consistenze e caratteristiche generali della rete REPORT SULLA DISTRIBUZIONE DEI CARBURANTI IN ITALIA SETTEMBRE 2013 1 A. Consistenze e caratteristiche generali della rete Tav.1 Evoluzione della rete di distribuzione carburanti 2000 2005 2010 2011 Autostradali

Dettagli

RIGASSIFICAZIONE DI GNL IN STAZIONI DI SERVIZIO PER AUTOTRAZIONE

RIGASSIFICAZIONE DI GNL IN STAZIONI DI SERVIZIO PER AUTOTRAZIONE RIGASSIFICAZIONE DI GNL IN STAZIONI DI SERVIZIO PER AUTOTRAZIONE Dante Natali Presidente GNL: opportunità e nuovi utilizzi SSC e AIEE Milano, 17 novembre 2014 CHI È FEDERMETANO Nata nel 1948, è la principale

Dettagli

TRASPORTO PESANTE E METANO: DAL GNL AL DUAL-FUEL. Venerdì 22 maggio 2015

TRASPORTO PESANTE E METANO: DAL GNL AL DUAL-FUEL. Venerdì 22 maggio 2015 TRASPORTO PESANTE E METANO: DAL GNL AL DUAL-FUEL Venerdì 22 maggio 2015 RETE DISTRIBUTIVA DEL METANO PER AUTOTRAZIONE e LA SFIDA DEL TRASPORTO PESANTE Dante Natali Presidente Federmetano CHI È FEDERMETANO

Dettagli

IMMATRICOLAZIONI IN ITALIA (1950-2013) - Centro Studi Auto Aziendali -

IMMATRICOLAZIONI IN ITALIA (1950-2013) - Centro Studi Auto Aziendali - 1 IMMATRICOLAZIONI IN ITALIA (1950-2013) 3.000.000 2.500.000 2.490.570 2.159.465 2.000.000 1.749.740 1.500.000 1.304.345 1.000.000 2007-2013 calo 47,7 % 500.000 0 1950 1951 1952 1953 1954 1955 1956 1957

Dettagli

Francesca Belinghieri. Novara, 11 giugno 2014

Francesca Belinghieri. Novara, 11 giugno 2014 Novara, 11 giugno 2014 "Il Nuovo SET (Servizio Emergenze Trasporti), uno strumento operativo per la gestione delle emergenze a supporto delle Autorità Pubbliche e delle Imprese". Francesca Belinghieri

Dettagli

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato

N.9. EDI.CO.LA.NEWS Edilizia e Costruzioni nel Lazio. Dati&Mercato EDI.CO.LA.NEWS Dati&Mercato N.9 EDILIZIA RESIDENZIALE: IL RINNOVO SI FERMA E PROSEGUE IL CALO DELLE NUOVE COSTRUZIONI Il valore di un mercato è determinato dalla consistenza degli investimenti che vi affluiscono.

Dettagli

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Strettamente riservato Roma, 10 novembre 2015 Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Valerio De Molli 2015 The European House - Ambrosetti S.p.A. TUTTI I DIRITT I RISERVAT I. Questo documento

Dettagli

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche

Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive. Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Il turismo incoming: situazione attuale e prospettive Fabrizio Guelpa Direzione Studi e Ricerche Milano, 10 febbraio 2016 Turismo incoming in crescita progressiva Arrivi di turisti negli esercizi ricettivi

Dettagli

La rete cambia verso? Dal GPL/Metano alle colonnine elettriche, nuova energia per I distributori di benzina

La rete cambia verso? Dal GPL/Metano alle colonnine elettriche, nuova energia per I distributori di benzina La rete cambia verso? Dal GPL/Metano alle colonnine elettriche, nuova energia per I distributori di benzina La rete nazionale di distribuzione del metano per autotrazione di domani: vincoli strutturali

Dettagli

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA

IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA N 4/2011 I trim. 2011 Direzione Affari Economici e Centro Studi IL CREDITO NEL SETTORE NELLE COSTRUZIONI IN ITALIA INDICE I MUTUI PER NUOVI INVESTIMENTI IN COSTRUZIONI --------------------------------------------------------

Dettagli

L attività dei confidi

L attività dei confidi L attività dei confidi Un analisi sui dati della Centrale dei rischi Valerio Vacca Banca d Italia febbraio 214 1 Di cosa parleremo Il contributo dei confidi ail accesso al credito delle pmi La struttura

Dettagli

Reddito e diseguaglianza in Piemonte Santino Piazza Ires Piemonte 11 aprile 2013 Scaletta Reddito e diseguaglianza: prime, e incerte, verifiche sull impatto della crisi? Diseguaglianza dei redditi nelle

Dettagli

PREZZI, QUANDO I DATI SMENTISCONO MISTER PREZZI E GLI ADDETTI AL PREZZIFICIO PREZZI RILEVATI IL 20 DICEMBRE 2010

PREZZI, QUANDO I DATI SMENTISCONO MISTER PREZZI E GLI ADDETTI AL PREZZIFICIO PREZZI RILEVATI IL 20 DICEMBRE 2010 PREZZI, QUANDO I DATI SMENTISCONO MISTER PREZZI E GLI ADDETTI AL PREZZIFICIO I prezzi rilevati nella settimana del 20 dicembre, del 3 gennaio e del 10 gennaio manca quella del 27 dicembre perché non rilevata

Dettagli

I dati della ricerca

I dati della ricerca Relazioni con i Media Tel. 02/8515.5288/5224 Comunicati www.mi.camcom.it I dati della ricerca Il mercato fotovoltaico in Europa e nel mondo. È l Europa il mercato di sbocco principale per il fotovoltaico,

Dettagli

L AUTORIPARAZIONE ED I SUOI PROTAGONISTI

L AUTORIPARAZIONE ED I SUOI PROTAGONISTI Homo faber fortunae suae 25ª Biennale Internazionale delle Attrezzature e dell Aftermarket Automobilistico L AUTORIPARAZIONE ED I SUOI PROTAGONISTI Osservatorio Permanente sul Mercato 2013 Sesta edizione

Dettagli

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE

EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE EDILIZIA, LA CRISI DIMEZZA I PERMESSI DI COSTRUIRE Scendono del 50% le richieste per l edilizia residenziale, -30% per quella non residenziale. Tengono gli immobili destinati all agricoltura (-12,9%),

Dettagli

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI

CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Direzione Affari Economici e centro studi CONTINUA LA STRETTA DEL CREDITO PER LE IMPRESE DI COSTRUZIONI Dopo sei anni di continui cali nelle erogazioni per finanziamenti per investimenti in edilizia, anche

Dettagli

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia-

imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- DANIELE NICOLAI 1 Focus Introduzione imprese, sta attraversando una fase di lunga ed intensa recessione che si protrae da anni. La crisi si inserisce ovvia- e di recessione in Europa ma il nostro Paese

Dettagli

LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE

LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE LE CARTE REVOLVING E IL CREDITO ALLE FAMIGLIE Carte Diem Roma, Relatore: Alessandro Messina LO SCENARIO DEL CREDITO IN ITALIA A giugno 2008 lo stock di impieghi era pari a 1.543 MLD Di questi, rivolti

Dettagli

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie

Stock del credito al consumo sui consumi delle famiglie CREDITO AL CONSUMO: GLI EFFETTI DELLA CRISI Da uno studio della Banca d Italia 1, che valuta gli effetti della crisi sul mercato del credito al consumo in Italia, emerge una situazione attuale diversa

Dettagli

Osservatorio Assofin sul credito al consumo Electronic Library A

Osservatorio Assofin sul credito al consumo Electronic Library A Osservatorio Assofin sul credito al consumo Electronic Library A Anno 20xx ASSOFIN CORSO ITALIA, 17-20122 MILANO TEL. 02 865437 r.a. - FAX 02 865727 mailbox@assofin.it - www.assofin.it INDICE COMMENTO

Dettagli

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni

Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni Istituto per la Ricerca Sociale Quanto donano le imprese. Dati e proiezioni La ricerca presentata oggi è stata realizzata dall Istituto per la Ricerca Sociale per conto del Summit della Solidarietà, nell

Dettagli

L incidentalità sulla rete viaria principale Anno 2014 e Focus Abruzzo

L incidentalità sulla rete viaria principale Anno 2014 e Focus Abruzzo L incidentalità sulla rete viaria principale Anno 2014 e Focus Abruzzo Lucia Pennisi Automobile Club d Italia Pescara, 19 novembre 2015 Incidentalità su rete viaria principale Incidenti 37.092 (- 0,89%)

Dettagli

distribuzione carburanti: un settore maturo in evoluzione

distribuzione carburanti: un settore maturo in evoluzione napoli 26 settembre 2011 fiera Oil&nonoil - Stoccaggio e Trasporto Carburanti Sud distribuzione carburanti: un settore maturo in evoluzione conoscere il mercato per decidere il prezzo Alessandra Lanza

Dettagli

La competitività dei territori italiani nel mercato globale

La competitività dei territori italiani nel mercato globale La competitività dei territori italiani nel mercato globale Zeno Rotondi, Responsabile Ufficio Studi Italia Bologna, aprile 2011 Indice Quadro congiunturale La competitività dei territori e il ritorno

Dettagli

Individuazione gruppi omogenei. Selezione del campione di regressione. Determinazione delle funzioni di ricavo

Individuazione gruppi omogenei. Selezione del campione di regressione. Determinazione delle funzioni di ricavo CONVEGNO FARMACIA E FISCO LO STUDIO DI SETTORE PER LE FARMACIE: - EVOLUZIONE E MODALITÀ APPLICATIVE - PRIME ANALISI STATISTICHE SU ANNO DI IMPOSTA 2009 - VALUTAZIONI DI TREND ECONOMICO DI SETTORE Milano,

Dettagli

McDONALD S E L ITALIA

McDONALD S E L ITALIA McDONALD S E L ITALIA Da una ricerca di SDA Bocconi sull impatto occupazionale di McDonald s Italia 2012-2015 1.24 McDONALD S E L ITALIA: IL NOSTRO PRESENTE Questo rapporto, frutto di una ricerca condotta

Dettagli

DISPONI- BILITÀ COPERTURA TEMPORALE DATI

DISPONI- BILITÀ COPERTURA TEMPORALE DATI 1.1 Energia La dinamica dei consumi energetici è strettamente connessa all andamento della produzione e dei consumi del sistema regionale. Dalla metà degli anni 90 il consumo di energia da parte della

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO DICEMBRE 2001 NUMERO UNDICI CON DATI AGGIORNATI AL 30 GIUGNO 2001 5 Il presente Rapporto nasce da una collaborazione ASSOFIN - CRIF - PROMETEIA

Dettagli

UNRAE. Conferenza Stampa. Milano, 15 dicembre 2011

UNRAE. Conferenza Stampa. Milano, 15 dicembre 2011 UNRAE Conferenza Stampa Milano, 15 dicembre 2011 Mercato italiano delle autovetture 2011/2010 1.961.472 1.750.000 2010 2011 * - 10,8% Elaborazioni Centro Studi UNRAE * stime Mercato europeo delle autovetture

Dettagli

Obiettivi dello studio

Obiettivi dello studio La riforma della finanza decentrata in Italia: prospettive attuali e future. L IRAP. Maria Pia Monteduro Se.C.I.T. Obiettivi dello studio Analisi della situazione attuale Osservazioni sul disegno di legge

Dettagli

La Liguria all interno del contesto nazionale

La Liguria all interno del contesto nazionale La Liguria all interno del contesto nazionale François de Brabant Between 24 Novembre 2009 La banda: tra l uovo e la gallina sistema paese infrastrutture servizi mercato 2 Il cruscotto regionale della

Dettagli

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali

Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Cod. ISTAT INT 00023 AREA: Amministrazioni pubbliche e Servizi sociali Settore di interesse: Istituzioni Pubbliche e Private Trasferimenti erariali correnti agli Enti Locali Titolare: Dipartimento per

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Produzione: crescono le rinnovabili (+11,1%), si conferma primato del gas nella produzione termica (67,1%)

Produzione: crescono le rinnovabili (+11,1%), si conferma primato del gas nella produzione termica (67,1%) Nota di sintesi Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2010 CRESCE LA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2010: +3,2% E il valore di crescita più alto del decennio 2001-2010, eguagliato l incremento

Dettagli

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007

Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi dei Depositi Bancari in Italia nel Decennio 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Maggio 2008 Questa pubblicazione

Dettagli

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007

Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Le Segnalazioni di Sofferenze Bancarie in Italia negli anni 1998-2007 Analisi statistica a cura di: Tidona Comunicazione Dipartimento Ricerche Responsabile del Progetto: Sandra Galletti Luglio 2008 Questa

Dettagli

Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5%

Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5% Dati statistici sull energia elettrica in Italia - 2014 Nota di sintesi CALO DELLA DOMANDA DI ELETTRICITA NEL 2014: -2,5% I dati definitivi sul bilancio elettrico del 2014 fanno registrare una riduzione

Dettagli

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia

Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Euler Hermes Italia Analisi condotta sulle regioni e sui settori del Made in Italy a cura di Euler Hermes Italia Aggiornamento 3 Trimestre 2013 Il Report si basa sul monitoraggio giornaliero dei pagamenti

Dettagli

IV edizione del Workshop Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali

IV edizione del Workshop Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali IV edizione del Workshop Le regioni italiane: ciclo economico e dati strutturali Il capitale territoriale: una leva per lo sviluppo? Bologna, 17 aprile 2012 Il ruolo delle infrastrutture nei processi di

Dettagli

ASSOFIN LIBRARY C - CREDITO IMMOBILIARE EROGATO ALLE FAMIGLIE CONSUMATRICI

ASSOFIN LIBRARY C - CREDITO IMMOBILIARE EROGATO ALLE FAMIGLIE CONSUMATRICI ASSOFIN LIBRARY C - CREDITO IMMOBILIARE EROGATO ALLE FAMIGLIE CONSUMATRICI VOLUMI ATTIVITA' Volumi x 000 1.1 Consistenze (al lordo della cartolarizzazione) 1.2 Credito cartolarizzato credito in essere

Dettagli

280 aziende associate

280 aziende associate Convegno Centro Studi Promotor Università di Bologna L auto a metà del guado nell anno orribile 2009 Guido Rossignoli Roma, 28 Maggio 2009 ANFIA e la Filiera Automotive ANFIA, Associazione Nazionale Filiera

Dettagli

Nota metodologica a cura del Dipartimento finanze fornita su richiesta Copaff.

Nota metodologica a cura del Dipartimento finanze fornita su richiesta Copaff. Nota metodologica a cura del Dipartimento finanze fornita su richiesta Copaff. - Nel prospetto 1 compartecipazioni sono stati riportati i valori di un punto di compartecipazione Irpef e di un punto di

Dettagli

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane

L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Studi e ricerche sull economia dell immigrazione L Irpef pagata dagli stranieri nelle regioni italiane Anno 2011 per l anno di imposta 2010 Avvertenze metodologiche p. 2 I principali risultati dello studio

Dettagli

Conferenza Stampa. Gianni Filipponi Direttore Generale. Milano, 16 dicembre 2010. Milano, 16 dicembre 2010. Analisi e previsioni di mercato

Conferenza Stampa. Gianni Filipponi Direttore Generale. Milano, 16 dicembre 2010. Milano, 16 dicembre 2010. Analisi e previsioni di mercato Conferenza Stampa Milano, 16 dicembre 2010 Analisi e previsioni di mercato Gianni Filipponi Direttore Generale Milano, 16 dicembre 2010 Agenda Il mercato 2010 Le previsioni UNRAE per il mercato 2011 L

Dettagli

La determinazione del prezzo al consumo dei carburanti

La determinazione del prezzo al consumo dei carburanti La determinazione del prezzo al consumo dei carburanti Rotary Club Messina, Royal Palace Hotel 23 ottobre 2012 Massimiliano Giannocco Nel mondo circolano un sacco di menzogne e il peggio è che molte di

Dettagli

MERCATO MUTUI: CRESCE DEL 21,2% IL MERCATO DEI MUTUI IN PIEMONTE

MERCATO MUTUI: CRESCE DEL 21,2% IL MERCATO DEI MUTUI IN PIEMONTE MERCATO MUTUI: CRESCE DEL 21,2% IL MERCATO DEI MUTUI IN PIEMONTE E quanto rilevato dall Osservatorio Mutui Casa alle Famiglie di Banca per la Casa Milano, febbraio 2007 - Il novimestre 2006 conferma la

Dettagli

PRIMA NOTA SULLE FONTI RINNOVABILI IN TOSCANA

PRIMA NOTA SULLE FONTI RINNOVABILI IN TOSCANA PRIMA NOTA SULLE FONTI RINNOVABILI IN TOSCANA Luglio 2009 A cura del Centro Studi Ance Toscana/Confindustria Toscana (Sara Pucci e Anna Taorchini) I confronti internazionali Negli ultimi anni le fonti

Dettagli

TARIFFE RC AUTO IN CALO IN TUTTA ITALIA, SOPRATTUTTO IN CAMPANIA, CALABRIA E PUGLIA PER SEGUGIO.IT

TARIFFE RC AUTO IN CALO IN TUTTA ITALIA, SOPRATTUTTO IN CAMPANIA, CALABRIA E PUGLIA PER SEGUGIO.IT COMUNICATO STAMPA TARIFFE RC AUTO IN CALO IN TUTTA ITALIA, SOPRATTUTTO IN CAMPANIA, CALABRIA E PUGLIA PER SEGUGIO.IT L Osservatorio Assicurazioni Auto del comparatore online del Gruppo MutuiOnline, registra

Dettagli

L ENERGIA: QUANTI E QUALI FALSI MITI DA SFATARE Non è vero che il fotovoltaico costa troppo

L ENERGIA: QUANTI E QUALI FALSI MITI DA SFATARE Non è vero che il fotovoltaico costa troppo Festival della Soft Economy - Symbola Università degli Studi di Camerino 25 Giugno 2014 L ENERGIA: QUANTI E QUALI FALSI MITI DA SFATARE Non è vero che il fotovoltaico costa troppo Andrea Zaghi Responsabile

Dettagli

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE

OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE 1/2 3,6k 1k 1,5k OSSERVATORIO SUI PROTESTI E I PAGAMENTI DELLE IMPRESE DICEMBRE #17 (2 a+2b) 12,5% 75,5% 1.41421356237 2 RITARDI AI MINIMI E PROTESTI IN FORTE CALO NEL TERZO TRIMESTRE SINTESI DEI RISULTATI

Dettagli

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia

Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Italia Incidenza, mortalità e prevalenza per tumore del polmone in Sintesi L incidenza e la mortalità per il tumore del polmone stimate in nel periodo 197-215 mostrano andamenti differenti tra uomini e donne:

Dettagli

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato

autosnodato auto-treno con rimorchio totale incidenti trattore stradale o motrice auto-articolato Tab. IS.9.1a - Incidenti per tipo di e - Anni 2001-2013 a) Valori assoluti Anno 2001 o a altri Piemonte 16.953 23.818 19 77 167 146 80 67 1.942 123 254 153 50 59 824 1.920 1.037 653 50 4 23 0 112 31.578

Dettagli

Regione Lombardia: un esempio virtuoso di sviluppo della rete metano per autotrazione. Paolo Mora Direttore Generale D.G. Commercio, Fiere e Mercati

Regione Lombardia: un esempio virtuoso di sviluppo della rete metano per autotrazione. Paolo Mora Direttore Generale D.G. Commercio, Fiere e Mercati Regione Lombardia: un esempio virtuoso di sviluppo della rete metano per autotrazione Paolo Mora Direttore Generale D.G. Commercio, Fiere e Mercati Intervento a Metano e Trasporti per il governo della

Dettagli

LIBRARY C. Osservatorio Assofin sul credito immobiliare alle famiglie consumatrici. Anno 20xx

LIBRARY C. Osservatorio Assofin sul credito immobiliare alle famiglie consumatrici. Anno 20xx LIBRARY C Osservatorio Assofin sul credito immobiliare alle famiglie consumatrici Anno 20xx ASSOFIN CORSO ITALIA, 17-20122 MILANO TEL. 02 865437 r.a. - FAX 02 865727 mailbox@assofin.it - www.assofin.it

Dettagli

SINTESI DEI RISULTATI

SINTESI DEI RISULTATI 2000 2001 2002 2003 2004 2005 2006 2007 2008 2009 2010 2011 2012 2013 2014 SINTESI DEI RISULTATI In questo primo capitolo sono racchiusi gli aspetti principali degli argomenti che verranno trattati nei

Dettagli

Nel periodo ottobre 2011-ottobre

Nel periodo ottobre 2011-ottobre I PREZZI DEI CARBURANTI Un anno difficile per i consumatori di Orietta Maizza e Giancarlo Fiorito Nel periodo ottobre 2011-ottobre 2012 i cittadini italiani hanno assistito a rincari rilevanti dei dei

Dettagli

Trend e driver dei consumi energetici dei trasporti su gomma a livello territoriale: prime evidenze Dario Musolino, Niccolo Pieri, Oliviero Baccelli

Trend e driver dei consumi energetici dei trasporti su gomma a livello territoriale: prime evidenze Dario Musolino, Niccolo Pieri, Oliviero Baccelli Trend e driver dei consumi energetici dei trasporti su gomma a livello territoriale: prime evidenze Dario Musolino, Niccolo Pieri, Oliviero Baccelli (CERTeT - Bocconi) SIET, Università Bocconi, 30/06/2015

Dettagli

Energia e trasporti: il ruolo del metano

Energia e trasporti: il ruolo del metano Metano e trasporti per il governo della mobilità Energia e trasporti: il ruolo del metano di Edgardo Curcio Presidente AIEE Parma, 16 marzo 2010 Centro Congressi Paganini Indice della presentazione 1.

Dettagli

Il leasing immobiliare: nel 2004 ancora in fase espansiva

Il leasing immobiliare: nel 2004 ancora in fase espansiva Un panorama del mercato del leasing in Italia realizzato in collaborazione con LOCAT Leasing e redatto dall Ufficio Studi FIMAA Milano su elaborazioni Nomisma su dati Assilea. Il leasing immobiliare: nel

Dettagli

BOOM DI MINI-JOBS ==================

BOOM DI MINI-JOBS ================== BOOM DI MINI-JOBS Nel 2014 la CGIA prevede una vendita di oltre 71.600.000 ore di lavoro: interessato un milione di persone. Commercio, ristorazione/turismo e servizi i settori più interessati ==================

Dettagli

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto

EUROPA 2020. Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva. Eurosportello-Unioncamere. del Veneto EUROPA 2020 Una strategia per una crescita Intelligente Sostenibile Inclusiva Eurosportello-Unioncamere del Veneto Cos è è? Una comunicazione della Commissione Europea (Com. 2020 del 3 marzo 2010), adottata

Dettagli

Mobilità, trasporti e vettore idrogeno

Mobilità, trasporti e vettore idrogeno Mobilità, trasporti e vettore idrogeno Angelo Tartaglia 21-2-2009 Centro Studi Sereno Regis 1 Fabbisogno energetico crescente + 1,95% all anno in 25 anni 21-2-2009 Centro Studi Sereno Regis 2 Mobilità:

Dettagli

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri

Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro. Adelina Brusco, Daniela Gallieri Gli assicurati e gli infortuni sul lavoro Adelina Brusco, Daniela Gallieri Ancona, 9 giugno 2009 Assicurati e Infortuni sul lavoro sono rilevati tramite il codice fiscale che individua il Paese di nascita

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER LE PICCOLE E MEDIE IMPRESE E GLI ENTI COOPERATIVI OSSERVATORIO MPMI REGIONI LE MICRO, PICCOLE

Dettagli

LO SVILUPPO DELL ECONOMIA DIGITALE: ALCUNE CONSIDERAZIONI PER OPPORTUNITA DI SVILUPPO

LO SVILUPPO DELL ECONOMIA DIGITALE: ALCUNE CONSIDERAZIONI PER OPPORTUNITA DI SVILUPPO LO SVILUPPO DELL ECONOMIA DIGITALE: ALCUNE CONSIDERAZIONI PER OPPORTUNITA DI SVILUPPO 1 Applicando questa metodologia, nel 2009 il valore a livello mondiale dell internet economy poteva essere stimato,

Dettagli

IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI

IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI IX Rapporto Sanità Università di Roma Tor Vergata Crisi economica e Sanità: come cambiare le politiche pubbliche TAVOLE PRINCIPALI 1. Gap PIL pro-capite Italia vs. altri Paesi europei Valori %, anni 2000-2012

Dettagli

LA PUBBLICITA IN SICILIA

LA PUBBLICITA IN SICILIA LA PUBBLICITA IN SICILIA Quadro produttivo, articolazione della spesa e strategie di sviluppo Paolo Cortese Responsabile Osservatori Economici Istituto G. Tagliacarne Settembr e 2014 Gli obiettivi del

Dettagli

Il peso del turismo nell economia Toscana

Il peso del turismo nell economia Toscana Turismo & Toscana Il turismo in Toscana: un modello export led alla prova della crisi Enrico Conti Firenze, 13 giugno 2014 Il peso del turismo nell economia Toscana Nel 2013 oltre 43 milioni di presenze

Dettagli

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA

UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA UN LAVORATORE AUTONOMO SU QUATTRO A RISCHIO POVERTA Le famiglie con un reddito principale da lavoro autonomo presentano un rischio povertà quasi doppio rispetto a quello delle famiglie di lavoratori dipendenti.

Dettagli

LE REGOLE DELLA LIBERALIZZAZIONE

LE REGOLE DELLA LIBERALIZZAZIONE LE REGOLE DELLA LIBERALIZZAZIONE Prof. Massimo Beccarello Autorità per l energia elettrica e il gas Direzione Strategie, Studi e Documentazione 22 dicembre 2004 Questa presentazione non è un documento

Dettagli

La Raccolta Differenziata in Italia

La Raccolta Differenziata in Italia 120 Da una prima quantificazione dei dati relativi all anno 2002, la raccolta differenziata si attesta intorno ai,7 milioni di tonnellate che, in termini percentuali, rappresentano il 19,1% della produzione

Dettagli

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE

LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE 11 settembre 201 II Trimestre 201 LE ESPORTAZIONI DELLE REGIONI ITALIANE Nel secondo trimestre del 201, rispetto ai tre mesi precedenti, le vendite di beni sui mercati esteri sono in forte aumento per

Dettagli

ABBIGLIAMENTO, CALZATURE, ACCESSORI,PELLETTERIE, REP TESSILE PER LA CASA ED ARTICOLI SPORTIVI

ABBIGLIAMENTO, CALZATURE, ACCESSORI,PELLETTERIE, REP TESSILE PER LA CASA ED ARTICOLI SPORTIVI SETTORE MODA,, ABBIIGLIIAMENTO,, CALZATURE,, ACCESSORII,,PELLETTERIIE,, TESSIILE PER LA CASA ED ARTIICOLII SPORTIIVII Con laa l ccol llaaborraazzi ionee di:: Fashion REPORT INDICE Pag. 1. 2. 3. 4. CONSUMI

Dettagli

Gli incentivi alle imprese per l innovazione

Gli incentivi alle imprese per l innovazione BANCA D ITALIA E U R O S I S T E M A Gli incentivi alle imprese per l innovazione Raffaello Bronzini Banca d Italia DPS Invitalia - Incontro su: Il ruolo degli strumenti nelle smart specializzation strategy

Dettagli

La situazione delle energie rinnovabili. Il bilancio del Conto Energia. MEF (Ministero dell Economia e delle Finanze)

La situazione delle energie rinnovabili. Il bilancio del Conto Energia. MEF (Ministero dell Economia e delle Finanze) Il gruppo GSE MSE (Ministero dello Sviluppo Economico) Direttive MEF (Ministero dell Economia e delle Finanze) Proprietà 100% AEEG (Autorità per l Energial Elettrica ed il Gas ) Delibere Fiera di Verona,

Dettagli

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO

OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO OSSERVATORIO SUL CREDITO AL DETTAGLIO NUMERO G I U G N O 2003 QUATTORDICI INDICE PREMESSA pag.5 TEMI DEL RAPPORTO 7 CAPITOLO 1 LO SCENARIO MACROECONOMICO 11 CAPITOLO 2 L ANALISI DEL MERCATO DEL CREDITO

Dettagli

Scheda di confrontabilità per clienti finali domestici di gas naturale

Scheda di confrontabilità per clienti finali domestici di gas naturale FC-VECA.A-I_SW_DOM_ DOM_DUAL - All.8 Sconta prezzo gas sul valore della componente commercializzazione all'ingrosso (componente relativa alla materia prima Materia Prima Gas (CCI) /Smc 0,414734 L offerta

Dettagli

2.1 ENERGIA. Roberto Primerano

2.1 ENERGIA. Roberto Primerano 2.1 ENERGIA Roberto Primerano 45 Introduzione Gli indicatori proposti sono ripresi dal rapporto Energy and Environment in the European Union redatto dall Agenzia Europea dell Ambiente con la finalità di

Dettagli

Senato della Repubblica. Audizione del Garante per la sorveglianza dei prezzi La dinamica dei prezzi dei carburanti

Senato della Repubblica. Audizione del Garante per la sorveglianza dei prezzi La dinamica dei prezzi dei carburanti Senato della Repubblica Audizione del Garante per la sorveglianza dei prezzi La dinamica dei prezzi dei carburanti 6 ottobre 2009 Sommario Prezzi al consumo e peso della componente fiscale dei carburanti

Dettagli

L ENERGIA E I SUOI NUMERI

L ENERGIA E I SUOI NUMERI ENTE PER LE NUOVE TECNOLOGIE, L ENERGIA E L AMBIENTE L ENERGIA E I SUOI NUMERI ITALIA 2000 Funzione Centrale Studi Maggio 2001 Il presente opuscolo è stato realizzato da M. Teresa Chironi e da Gemma Casadei

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012)

Le biblioteche degli enti territoriali. (anno 2012) Le biblioteche degli enti territoriali (anno 2012) Roma, 11 luglio 2013 L indagine Promossa dal Centro per il Libro e la Lettura e dall Associazione Italiana Biblioteche, in collaborazione con ANCI e ISTAT,

Dettagli

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene.

su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Fare banca per bene. EDIZIONE osservatorio UBI Banca su Finanza e Terzo Settore Indagine sui fabbisogni finanziari della cooperazione sociale in Italia Executive Summary Gennaio 2012 con il contributo scientifico di Fare banca

Dettagli

L attrazione di investimenti nei servizi di CRM: l assistenza di Sviluppo Italia nel caso Transcom

L attrazione di investimenti nei servizi di CRM: l assistenza di Sviluppo Italia nel caso Transcom L attrazione di investimenti nei servizi di CRM: l assistenza di Sviluppo Italia nel caso Transcom Roma, 23 aprile 2004 Michele Resta Area Attrazione Investimenti Sviluppo Italia: una mission, tre linee

Dettagli