COMUNE DI AZZATE. Provincia di Varese REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI AZZATE. Provincia di Varese REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA"

Transcript

1 COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA Approvato con delib. C.C. n. 18 del Pubblicato all albo pretorio dal per 15 gg. consecutivi Ripubblicato all albo pretorio dal al Esecutivo in data

2 INDICE DEGLI ARGOMENTI art. 1 - Campo di applicazione art. 2 - Proprietà dei canali di fognatura Capo 1 - NUOVI TRONCHI DI FOGNATURA PUBBLICA art. 3 - Progetto di nuovi tronchi di fognatura art. 4 - Caratteristiche tecniche dei nuovi tronchi di fognatura art. 5 - Ripristini relativi ad estensioni della rete fognaria. Capo 2 - ALLACCIAMENTI ED IMMISSIONI NELLE FOGNATURE art. 6 - Immissioni nelle fognature ed obbligo di allacciamento art. 7 - Allacciamenti in casi particolari art. 8 - Allacciamenti di fabbricati aventi scariche di acque luride a quota inferiore al piano scorrimento della fognatura art. 9 - Avviso per l allacciamento alla pubblica fognatura art Termine per l allacciamento di fabbricati preesistenti art Opere di allacciamento e di riparazione in sede stradale art Allacciamento da parte degli interessati art Prescrizioni tecniche per allacciamenti art Modifiche agli allacciamenti art Immissioni provvisorie art Soppressioni di tombinature esistenti e loro sostituzione con canali di fognatura art Doccioni di facciata art Manufatti di raccolta per le acque meteoriche art Limiti dell autorizzazione di allacciamento art Scarichi da insediamenti produttivi art Scarichi da autofficine, depositi carburanti, autolavaggi e lavanderie art Scarichi ed opere vietate. Capo 3 - FOGNATURA INTERNA DEGLI STABILI art Domanda di allacciamento ed elaborati di progetto art Prescrizioni tecniche art Separazione degli impianti interni art Scarichi sotterranei art Visite dell Ufficio Capo 4 - DISPOSIZIONI FINALI art Sanzioni art Appartenenza al CONSORZIO PROVINCIALE PER LA TUTELA E LA SALVAGUARDIA DEL LAGO DI VARESE art. 30 Entrata in vigore

3 DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Capo di applicazione. Con Legge , n. 319 e successive modificazioni e con L.R , n. 62 e successive modificazioni sono stati disciplinati gli scarichi di qualsiasi tipo, pubblici e privati, diretti ed indiretti in tutte le acque superficiali e sotterranee, sia pubbliche che private, nonchè in fognatura, sul suolo e nel sottosuolo. Con le presenti norme si intendono disciplinare i lavori interessanti la rete di fognatura, (nuovi tronchi, estensioni, allacciamenti, ecc...), corrente nel territorio comunale: Per quanto qui non previsto si richiamano le norme contemplate nelle citate leggi, quelle contenute nei vigenti regolamenti comunali in quanto compatibili, nonchè quelle successive emanande in materia. Rimane inteso che sono fatte salve le competenze del Genio Civile sulle acque superficiali e sotterranee, sia per quanto concerne la proprietà dell acqua che per i regimi idraulici, ed i poteri attribuiti dall art. 43 del DPR 15 giugno 1955 n. 987 ai Presidenti delle Giunte Provinciali per quanto concerne la tutela della pesca e degli inquinamenti. Art. 2 - Proprietà dei canali di fognatura. Sono di proprietà comunale tutti i canali di fognatura costruiti a cura dell Amministrazione Comunale senza o con il contributo di terzi. Sono altresì di proprietà comunale, semprechè realizzate a perfetta regola d arte ed in conformità a progetti debitamente approvati, anche le fognature costruite da privati con contribuzione, sotto qualsiasi forma, del Comune, nonchè quelle costruite in assolvimento degli oneri di urbanizzazione. La proprietà dei canali di fognatura viene determinata esclusivamente da quanto sopra, indipendentemente che i medesimi siano posati sotto strade comunali, vicinali o private e sotto aree private. Quando i canali di fognatura sono collocati sotto aree private, qualsiasi tipo di costruzione che venisse eretta su dette aree dovrà osservare una distanza non minore di n misurati dalla verticale dell asse del canale alla parte più sporgente dell edificio. CAPO I NUOVI TRONCHI DI FOGNATURA PUBBLICA Art. 3 - Progetto di nuovi tronchi di fognatura Le nuove opere di fognatura, comunque realizzate da terzi, dovranno essere espressamente autorizzate dall Amministrazione Comunale previa presentazione di apposita domanda corredata da progetto costituito da: planimetria nella scala 1:200 o 1:500, profilo longitudinale nella scala 1:200 o 1: 500 e dettagli costruttivi dei manufatti nella scala 1:20. L inosservanza delle prescrizioni che l Amministrazione Comunale avesse a dare comporta la sospensione dei lavori ed anche la revoca dell autorizzazione con obbligo, per il contravventore di ridurre in pristino le canalizzazioni ed il suolo manomesso, salva l esecuzione d ufficio con spese a carico del contravventore medesimo. Art. 4 - Caratteristiche tecniche dei nuovi tronchi di fognatura.

4 I nuovi tronchi di fognatura, costruiti da privati, in conformità all articolo precedente dovranno avere le stesse caratteristiche tecniche delle fognature costruite direttamente dal Comune e corrispondere alle particolari prescrizioni che verranno di volta in volta impartite dal competente Ufficio. Art. 5 - Ripristini relativi ad estensioni della rete fognaria. Il titolare dell autorizzazione ad eseguire i lavori per l estensione della rete fognaria in sede stradale dovrà eseguire anche il relativo ripristino provvedendo: a) al riempimento dello scavo, con sabbia mista naturale e di cava stabilizzata granulometricamente e costipata meccanicamente a strati di cm. 30 di spessore; b) alla posa in opera di uno strato di cm. 12 compressi di conglomerato bituminoso costituito da bitume e mista di sabbia e ghiaia o pietrisco (tout-venant bitumato); c) al completamento della pavimentazione costituito da cm. 2 compressi di tappetino di usura in conglomerato bituminoso di tipo chiuso perfettamente riquadrato mediante taglio del vecchio bituminato sui fianchi dello scavo nonchè eventuali altri lavori che si rendessero necessari per completare il ripristino della pavimentazione a perfetta regola d arte. Il ripristino della segnaletica stradale orizzontale e verticale, eventualmente manomessa, verrà eseguito esclusivamente dalla Ditta appaltatrice di detti lavori per il Comune di Azzate, a spese del titolare dell autorizzazione, La larghezza del tappetino di usura verrà stabilita insindacabilmente caso per caso dall Ufficio Tecnico Comunale in relazione alla necessità di assicurare a regola d arte l esecuzione del ripristino. CAPO 2 ALLACCIAMENTI ED IMMISSIONI NELLE FOGNATURE Art. 6 - Immissione nelle fognature ed obbligo di allacciamento Il territorio comunale ha zone servite da fognatura separata e zone servite da fognatura mista. Le acque pluviali e tutte le acque di rifiuto degli acquai, bagni, lavatoi, orinatoi e latrine, ed in genere tutti gli scarichi liquidi provenienti da proprietà, di qualsiasi specie, fronteggianti anche solo in parte spazi percorsi da un canale di fognatura comunale o che si trovano nel raggio di 100 (cento) metri dal canale di fognatura più vicino, devono essere condotti con tubazione al canale stesso, secondo le prescrizioni del presente regolamento. Gli stabili interessati risultano dalla perimetrazione zone servite da pubblica fognatura ai sensi dell art. 2, comma 4 della L.R. 27 maggio 1985 n. 62. Ove esistano fognature separate, le acque pluviali provenienti da tetti, terrazze, cortili od altri spazi scoperti devono essere convogliate nella conduttura comunale per acque bianche, mentre tutte le altre acque e gli scarichi di rifiuto devono essere convogliati nella conduttura comunale per acque nere. Ove esistono fognature miste, in esse dovranno immettersi tutte le acque e gli scarichi di cui sopra. Tali immissioni, ove richieste dall Ufficio Comunale, dovranno effettuarsi con canalizzazioni separate rispettivamente per le acque bianche e per tutte le altre acque e gli scarichi di rifiuto. Gli esistenti impianti interni di fognatura per acque miste dovranno essere separati quando

5 l Amministrazione provvederà a sdoppiare le esistenti reti di fognatura per acque miste. Tali lavori dovranno essere eseguiti a cura e spese dei proprietari interessati. E sempre consentito recapitare negli strati superficiali del sottosuolo scarichi di fognature convoglianti esclusivamente acque bianche. Art. 7 - Allacciamenti in casi particolari. Quando una proprietà non abbia fronte diretta neppure in piccola parte su spazi percorsi da un canale di fognatura comunale, ma trovarsi nel raggio di 100 mt. dal canale di fognatura più vicino, il collegamento dei suoi scarichi alla fognatura comunale potrà essere effettuato anche indirettamente attraverso la canalizzazione delle proprietà confinanti, previo accordo con le medesime ed autorizzazione rilasciata dall Amministrazione Comunale. Art. 8 - Allacciamenti di fabbricati aventi scarichi di acque luride a quota inferiore al piano di scorrimento della fognatura. Quando non sia possibile provvedere all allacciamento delle acque luride, per caduta naturale. è fatto obbligo al proprietario di provvedervi mediante idoneo impianto di sollevamento. Detto obbligo sussiste anche nel caso in cui lo stabile sia solo parzialmente a quota inferiore al piano di scorrimento dei canali di fognatura e sia possibile allacciare una parte degli scarichi stessi alla fognatura per caduta naturale. L immissione delle acque luride nella fognatura comunale dovrà comunque avvenire per caduta naturale. Art. 9 - Avviso per l allacciamento alla pubblica fognatura. A seguito di entrata in esercizio di nuovi canali di fognatura, ivi compresi quelli realizzando in luogo delle fognature miste, il Sindaco darà avviso per scritto ai proprietari di tutti gli stabili che dovranno provvedere all allacciamento ai canali medesimi a tenore degli artt. 5 e 7. Art Termine per l allacciamento di fabbricati preesistenti. I proprietari degli stabili preesistenti a nuovi canali di fognatura dovranno, entro il termine di tre mesi dalla notifica dell avviso di cui all art. precedente, aver provveduto a loro cura e spese all espurgo completo ed alla soppressione di pozzi nei e cisterne, alla sistemazione, per condotti separati, della canalizzazione interna ed all allacciamento della stessa alla fognatura comunale, il tutto in conformità alle disposizioni contenute nel presente regolamento. Il Sindaco potrà però imporre detti allacciamenti in termini più brevi quando per il cattivo stato dei pozzi neri o per altra ragione di igiene lo giudicasse necessario. Art.11 - Opere di allacciamento e di riparazione in sede stradale. Le opere in sede stradale di costruzione e di riparazione eventuale degli allacciamenti degli scarichi di uno stabile alla fognatura comunale vengono, di norma, eseguiti direttamente dal proprietario, salvo le eccezioni espressamente autorizzate.

6 Nei casi d urgenza, le riparazioni per danni causati ai condotti di allacciamento esistenti in sede stradale saranno eseguite direttamente dal Comune con spese a carico di coloro che hanno provocato i danni medesimi. la liquidazione di spesa viene fatta dall Ufficio Tecnico Comunale. Art Caratteristiche dei ripristini. I ripristini dovranno essere eseguiti con le caratteristiche di cui all art. 5. Tali opere dovranno essere eseguite a perfetta regola d arte conformemente a quanto prescritto in proposito dal presente regolamento, sotto la vigilanza dell Ufficio Tecnico Comunale ed in ossequio alle prescrizioni da esso impartite e/o contenute in un progetto debitamente approvato. L inosservanza delle prescrizioni di cui sopra potrà comportare la sospensione dei lavori, ed anche la revoca della autorizzazione, con obbligo, per il contravventore, di ridurre in pristino le canalizzazioni ed il suolo manomesso, salva la esecuzione di ufficio con spese a carico del contravventore medesimo. Art Prescrizioni tecniche per allacciamenti. Le tubazioni di ogni singolo stabile dovranno, in ogni caso, essere condotte direttamente e ciascuna separatamente verso il canale di fognatura, salvo casi particolari da autorizzarsi espressamente di volta in volta. I tubi di scarico per acque nere o miste prima della uscita dalla proprietà dovranno essere muniti di una bocca d ispezione del tronco proseguente in sede stradale o comunque verso il canale principale di fognatura e di un sifone intercettatore. Detti pezzi speciali dovranno, di regola, essere collocati o nei locali sotterranei dell immobile o in apposita cameretta in misura munita di passo d uomo o comunque in luogo ove sia facilmente possibile il loro accesso da parte del personale addetto alla manutenzione e vigilanza. La posizione dovrà essere la più vicina possibile al canale di fognatura comunale. Il materiale impiegato per tali pezzi speciali, come pure per le tubazioni situate a valle di essi, dovrà essere conforme alle normative vigenti. Il diametro minimo ammesso è di cm. 12 misurato internamente. Il diametro massimo sarà invece determinato di volta in volta dall Ufficio Tecnico Comunale tenendo conto dell entità dell immobile da allacciare e degli eventuali imbocchi già predisposti sul canale principale di fognatura. I tubi di scarico per le sole acque meteoriche, se allacciati ad una fognatura per sole acque bianche, prima della uscita dalla proprietà potranno invece essere muniti di una semplice bocca d ispezione collocata nel modo sopra descritto: Il materiale usato per le tubazioni per acque bianche sarà di regola il cemento ma potranno essere ammessi e prescritti anche altri materiali in relazione a particolari condizioni dell allacciamento. Le tubazioni, in sede stradale, non potranno essere costruite longitudinalmente al fronte dello stabile o della proprietà. Art Modificazioni agli allacciamenti. Qualora per volontà del proprietario dello stabile, e con il consenso dell Amministrazione Comunale, si dovessero introdurre modificazioni agli scarichi di cui sopra, esse saranno eseguite a spese del proprietario stesso. Anche queste opere verranno eseguite e liquidate nei modi prescritti dagli art. 11 e 12. Art Immissioni provvisorie.

7 Ad evitare l inquinamento del suolo sul quale si voglia innalzare uno stabile, l Amministrazione Comunale potrà prescrivere la costruzione di uno o più allacciamenti nei canali di fognatura stradale, a scarico provvisorio delle latrine per gli operai addetti alla costruzione. I condotti per tali scarichi provvisori dovranno essere scelti, a cura del proprietario dello stabile, tra quelli destinati a servire in modo definitivo il fabbricato e verranno eseguiti secondo le modalità di cui ai precedenti artt. 11 e 12. Per la scelta degli scarichi il proprietario dello stabile dovrà fornire in tempo utile all Ufficio Tecnico Comunale le necessarie indicazioni. L autorizzazione ad eseguire l immissione provvisoria non esonera, in nessun caso, il proprietario dello stabile a richiedere l autorizzazione per l allacciamento definitivo dello stabile stesso. Art Soppressione di tombinature esistenti e loro sostituzione con canali di fognature. Nel caso di soppressione di una tombinatura comunale e della sua trasformazione in canale di fognatura o nel caso di sistemazione di una strada, il Comune provvederà all esecuzione immediata, a spese degli interessati, delle opere in sede stradale per la costruzione, il riordino o il rifacimento degli scarichi privati secondo le prescrizioni regolamentari. A tale scopo, a richiesta dell Ufficio Tecnico Comunale, i proprietari dovranno fornire, entro 30 giorni dal ricevimento della richiesta, tutte le indicazioni relative agli scarichi esistenti, nonchè quelle necessarie per predisporne di nuovi in relazione alle canalizzazioni interne dei loro stabili. Solo di tali scarichi così predisposti i proprietari potranno usufruire nel definitivo assetto della fognatura degli stabili stessi. Il rifiuto o l omissione di fornire le indicazioni di cui sopra, oltre a rendere applicabile la sanzione pecuniaria stabilita dall art. 28, daranno al Comune la facoltà di provvedere d ufficio agli accertamenti necessari, ponendo a carico dei proprietari ogni maggior spesa che il Comune incontrerà. Sono invece a carico del Comune le opere in sede stradale per lo scarico nelle condotte comunali di fognatura dei doccioni delle facciate degli stabili prospicienti la via pubblica qualora tali doccioni fossero preesistenti alla fognatura stessa, servissero esclusivamente allo scarico delle acque pluviali e si trovassero precedentemente allacciati al tombino stradale. In caso diverso i proprietari degli immobili dovranno rimborsare la spesa secondo quanto previsto all art. 11. Art Doccioni di facciata. I doccioni delle fronti degli stabili prospicienti strade munite di canali di fognatura per acque bianche o miste, devono, di regola essere allacciati direttamente alla fognatura stradale con interposto sifone. I doccioni dovranno essere di sezione sufficiente, ma di diametro interno non maggiore di cm. 12 ed in numero non inferiore ad uno per ogni 60 mq. di tetto misurato in proiezione orizzontale. Fermo quanto disposto dal Regolamento Edilizio vigente, i doccioni anzidetti non dovranno sporgere dalla linea di confine con la proprietà comunale, oltre cm. 12: In caso contrario, per un altezza di m. 4,10 al di sopra e per una profondità di m. 1,00 al di sotto del piano stradale, dovranno essere incassati nel muro. Art Manufatti di raccolta per le acque meteoriche.

8 I manufatti di raccolta delle acque meteoriche, per i cortili od altri spazi scoperti, dovranno essere muniti di sifone prima del loro allacciamento alla fognatura interna, od alla canalizzazione comunale se a questa direttamente allacciati. In ogni caso per la raccolta e l allontanamento delle acque meteoriche si dovranno predisporre tutti gli accorgimenti necessari ad impedire che sabbia, ghiaia ed altri materiali solidi vengano trascinati nei canali di fognatura. Art Limiti dell autorizzazione di allacciamento. L autorizzazione di allacciamento, sia diretto che indiretto, alla fognatura comunale, è riferita alla consistenza della rete di fognatura interna di uno stabile, nonchè alla consistenza dello stabile stesso, quali risultano dagli atti presentati e depositati presso il competente Ufficio comunale. Non potranno quindi allacciarsi scarichi provenienti da parti diverse dello stabile o da altri stabili contigui ancorchè della stessa proprietà, senza preventiva autorizzazione comunale. Tutti gli allacciamenti eseguiti sia direttamente o indirettamente alla rete comunale senza autorizzazione od eseguiti in maniera difforme dal progetto autorizzato saranno considerati allacciamenti abusivi e come tali perseguibili. Art Scarichi da insediamenti produttivi. Per l immissione nella fognatura comunale delle acque usate per qualsiasi lavorazione industriale ed artigianale, deve richiedersi speciale permesso, che l Autorità Comunale rilascerà in seguito a domanda scritta del proprietario dello stabile o dell esercente l Attività produttiva, quando questi non si identifichi nella stessa persona, e con l obbligo di osservare sempre per tali immissioni le prescrizioni e condizioni seguenti, oltre quelle che l Autorità Comunale stabilirà caso per caso: a) le acque provenienti da processi produttivi, autolavaggi, lavanderie, ecc. o che comunque abbiano caratteristiche diverse da quelle provenienti da insediamenti abitativi, dovranno avere apposite canalizzazioni distinte da quelle delle acque pluviali, domestiche o locali dello stabile, sino a che non abbiano subito un processo di depurazione, come descritto al seguente paragrafo b. Le acque di cui sopra, in ogni caso, anche quando non si renda necessario alcun trattamento di depurazione in luogo, dovranno prima della loro immissione nelle tubazioni per le altre acque di rifiuto, sia esse private che pubbliche, passare in una cameretta atta a consentire il prelievo di campioni per l analisi e costruita in zona di libero accesso in modo da permettere in qualsiasi momento, ai preposti alla vigilanza, il prelievo dei campioni; b) le acque dovranno, prima dello scarico, essere sottoposte ad un trattamento atto a ridurle innocue ai canali di fognatura. Tali acque dovranno altresì avere le caratteristiche di accettabilità che saranno indicate dal CONSORZIO PROVINCIALE PER LA TUTELA E LA SALVAGUARDIA DELLE ACQUE DEL LAGO DI VARESE. In mancanza di tali indicazioni, le acque usate dovranno rientrare nei limiti di accettabilità di cui alla Legge n. 319 e successive modificazioni, alla Legge della Regione Lombardia n. 62 del e comunque nei limiti che saranno in vigore al momento del rilascio dell autorizzazione: c) la disciplina degli scarichi provenienti da insediamenti produttivi e ad essi assimilati è regolamentata dalla Legge n. 319 e successive modificazioni e della legge Regionale n. 62 e da quelle che potranno essere successivamente emanate in materia.

9 In caso di constatata inosservanza alle suesposte prescrizioni e condizioni, il Sindaco ordinerà la soppressione immediata degli scarichi e, in casi di inadempimento, potrà procedere d ufficio alla chiusura degli stessi, senza nessuna responsabilità per le conseguenze e ponendo a carico del proprietario le spese relative oltre l integrale risarcimento dei danni eventualmente arrecati. Art Scarichi da autofficine, depositi carburanti, autolavaggi e lavanderie. E vietato lo scarico diretto nei canali di fognatura delle acque provenienti da autofficine, da luoghi adibiti a lavaggio di automezzi, da depositi di carburanti, lavanderie e simili che non abbiano subito un pre-trattamento. Tutte le acque di rifiuto sopra indicate sono assimilate agli scarichi da insediamenti produttivi e per esse, pertanto, valgono le disposizioni di cui al precedente articolo. Art. 22 Scarichi ed opere vietate. E assolutamente vietato immettere nei condotti comunali o nelle fognature ad essi collegati i sotto-elencati reflui: 1. benzina, benzene, nafta, olio combustibile o qualsivoglia altro liquido, solido o gas infiammabile od esplosivo; 2. sostanze tossiche o venefiche che possano costituire pericolo per l incolumità degli uomini e degli animali, creare pubblico disagio, nuocere alle acque del recipiente finale od all impianto di trattamento. Salvo specifica autorizzazione comunale è vietata l immissione nei condotti comunali o nelle fognature ad essi collegati di scarichi contenenti sostanze tossiche o nocive, elencate in allegato al D.P.R. 915/82 e non previste nei limiti di accettabilità del CONSORZIO PER LA TUTELA E LA SALVAGUARDIA DELLE ACQUE DEL LAGO DI VARESE o dalla tabella C della Legge 319/76 e successive modificazioni; 3. qualsiasi sostanza che comunque presenti proprietà corrosive tali da danneggiare i manufatti o nuocere al personale addetto alla manutenzione; 4. sostanze solide, viscose o polimerizzanti in quantità o dimensioni tali da causare ostruzioni nelle condotte o produrre interferenze con l appropriato funzionamento di tutto il sistema di fognatura come ad esempio: ceneri, sabbie, fango, paglia, trucioli, metalli, vetro, stracci, piume, bitume, resine e materie plastiche, legno, spazzature, sangue intero, viscere, peli e carnicci, stoviglie di cartone, contenitori di latte, etc..., sia interi che sminuzzati a mezzo di trituratori per rifiuti solidi; 5. qualsiasi fluido con temperatura superiore a 40 C.; 6. olii ed emulsioni lubrorefrigeranti; 7. melme, sabbie, fanghi e torbide derivanti dalla pulizia di pozzi neri, fosse biologiche, tombini stradali e vasche di decantazione. Le spese per eventuali riparazioni o sostituzioni dei condotti conseguenti alla trasgressione della presente disposizione saranno poste a carico del contravventore, Ente Pubblico o privato, senza pregiudizio dell azione penale. CAPO III FOGNATURA INTERNA DEGLI STABILI Art. 23 Domanda di allacciamento ed elaborati di progetto.

10 Per l esecuzione della rete di canalizzazione interna di uno stabile si deve presentare apposita domanda di autorizzazione corredata da progetto firmato, oltre che dal proprietario, da un tecnico abilitato, così costituito: a) planimetria generale dell intera proprietà in scala 1:200 o nella scala di almeno 1:500, nel caso che la medesima abbia superficie maggiore di un ettaro; b) pianta in scala 1:100 o 1:200 del piano del fabbricato, ove sono poste le condutture orizzontali con la indicazione della rete di distribuzione della quale risultino i diametri dei tubi, la loro pendenza, le bocche, i pozzetti di ispezione, i sifoni ed i dettagli relativi all immissione nelle canalizzazioni stradali, nonchè quanto altro può interessare il regolare funzionamento delle condotte; c) estratto di mappa e rilievo aero-fotogrammetrico della zona interessata dai lavori di fognatura, nel quale siano individuate le proprietà, le aree confinanti e le più vicine sedi stradali. Art. 24 Prescrizione tecniche. Gli scarichi in fognatura comunale degli insediamenti civili dovranno avvenire direttamente senza trattamenti preliminari derivanti da insediamenti di fosse biologiche, settiche o simili. Impianti di trattamento esistenti dovranno essere disattivati entro sei mesi dall entrata in vigore del presente regolamento. Nella costruzione delle condutture interne di uno stabile si devono adottare tutti i provvedimenti atti ad avviare eventuali inconvenienti derivati da eccessi di pressione nelle tubazioni. Le condutture dovranno essere costruite con tubi levigati internamente ed impermeabili, conformi alle normative. Sono ammesse anche tubazioni in polietilene ad alta densità, cloruro di polivinile del tipo pesante ed acciaio; per condutture interrate da servire per le sole acque bianche saranno ammesse anche le tubazioni in cemento. I tubi dovranno essere disposti sotto regolari livellette con giunti a perfetta tenuta e capaci di resistere con sicurezza e senza perdite alle pressioni alle quali saranno soggetti per effetto del funzionamento della fognatura. Nei sotterranei le tubazioni saranno mantenute possibilmente al di sopra del pavimento. Tutte le tubazioni dovranno essere munite di ispezioni facilmente accessibili. Gli apparecchi per le evacuazioni delle acque di rifiuto collegati alla rete di fognatura, dovranno essere provvisti di chiusura idraulica a sifone. L immersione del sifone non dovrà essere minore di cm. 3. Le tubazioni interrate nei cortili, giardini ed altri spazi privati annessi allo stabile dovranno essere poste in opera su sottofondo e con rinfianco in calcestruzzo, secondo perfetti allineamenti e livellette, e munite di idonei pozzetti d ispezione. I tubi principali di scarico prima dell uscita della proprietà dovranno essere muniti di una bocca d ispezione del tronco proseguente e di un sifone intercettatore. Per le caratteristiche e la collaborazione di tale gruppo di pezzi speciali come pure per le tubazioni situate a valle di esso si rimanda a quanto prescritto all articolo 13. Quando, per il collegamento ai canali di fognatura sia necessario ricorrere al sollevamento delle acque mediante pompaggio, la condotta di mandata in pressione non potrà immettersi direttamente nei canali di fognatura, ma prima scaricare in un pozzetto ispezionabile e da lì raggiungere, per caduta naturale, la pubblica fognatura. I tubi di caduta delle latrine e degli acquai ed i condotti della rete di fognatura interna, dovranno essere prolungati al di sopra del tetto con tubazioni di pari diametro per consentire le esalazioni ed una conveniente aereazione. Art. 25 Separazione degli impianti interni.

11 Indipendentemente dal tipo di fognatura esistente in sede stradale, l impianto interno dovrà essere eseguito con canalizzazioni separate per acque bianche e nere. Art. 26 Scarichi sotterranei. Nessuno degli apparecchi di scarico della fognatura domestica dovrà, di norma, avere la bocca ad un livello inferiore al piano stradale. A richiesta dei proprietari dello stabile, il Comune potrà concedere l uso degli scarichi a livello inferiore al piano stradale purchè vengano prese tutte le cautele opportune ad evitare rigurgiti. Per effetto della richiesta fatta, incomberà esclusivamente al proprietario stesso ogni e qualsiasi responsabilità per danni che da questi scarichi potessero derivare al suo stabile ed a terzi, per rigurgiti od altrimenti. Art. 27 Visite dell ufficio. L Autorità Comunale potrà, a richiesta degli interessati e d ufficio, ed a mezzo di suoi incaricati muniti di idoneo documento di riconoscimento, procedere alla visita della fognatura interna degli stabili in qualsiasi tempo, e ciò sia per constatarne lo stato di manutenzione ed il funzionamento nei riguardi dell igiene, sia per accertare la sussistenza dei presupposti e delle condizioni di fatto in base ai quali fu autorizzato l allacciamento della stessa alla rete comunale. Art. 28 Sanzioni. CAPO IV DISPOSIZIONI FINALI Chiunque contravvenga alle disposizioni previste nel presente Regolamento sarà punibile con una sanzione pecuniaria da L = a L =, senza pregiudizio per le sanzioni previste in materia della Legge 17 agosto 1942, n e successive modificazioni, dalla Legge , n. 319, e successive modificazioni e dalla Legge Regionale n. 62 e successive modificazioni. Art. 29 Appartenenza al consorzio provinciale per la tutela e la salvaguardia del Lago di Varese. Il Comune di Azzate partecipa al CONSORZIO PROVINCIALE PER LA TUTELA E LA SALVAGUARDIA DEL LAGO DI VARESE. Le disposizioni regolamentari adottate dal CONSORZIO ed in particolare le DISPOSIZIONI TRANSITORIE PER GLI SCARICHI DIRETTI ED INDIRETTI NEI COLLETTORI CONSORZIALI sono da ritenere parte integrante del presente regolamento. Art. 30 Entrata in vigore. Il presente Regolamento entrerà in vigore dopo che sia stato superiormente approvato e pubblicato per 15 giorni all albo pretorio.

REGOLAMENTO DI FOGNATURA COMUNALE: PROCEDURE PER L ALLACCIAMENTO E LO SCARICO

REGOLAMENTO DI FOGNATURA COMUNALE: PROCEDURE PER L ALLACCIAMENTO E LO SCARICO COMUNE DI LONATE POZZOLO Provincia di Varese REGOLAMENTO DI FOGNATURA COMUNALE: PROCEDURE PER L ALLACCIAMENTO E LO SCARICO Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 28 del 30.04.1999 1 CAPO

Dettagli

COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE

COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE Art. 1 - PREMESSA Gli articoli che compongono il presente regolamento, ancorchè prevedano oneri a carico degli utenti del servizio

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ALLACCI E SCARICHI IN PUBBLICA FOGNATURA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ALLACCI E SCARICHI IN PUBBLICA FOGNATURA COMUNE DI POMEZIA (Provincia di ROMA) SEZIONE TUTELA DELL AMBIENTE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ALLACCI E SCARICHI IN PUBBLICA FOGNATURA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 94

Dettagli

Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura. Scarichi Acque Reflue Domestiche

Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura. Scarichi Acque Reflue Domestiche Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura Scarichi Acque Reflue Domestiche 1- Informazioni per le opere di allacciamento alla pubblica fognatura 2- Procedura Edifici

Dettagli

Via Umberto I, 4 C.F. 00069960706 -Tel. 0874/878131 Fax 0874/878380 E-mail: info@comunedisalcito.it

Via Umberto I, 4 C.F. 00069960706 -Tel. 0874/878131 Fax 0874/878380 E-mail: info@comunedisalcito.it C OMUNE DI S ALCITO P R O V I N C I A D I C A M P O B A S S O Via Umberto I, 4 C.F. 00069960706 -Tel. 0874/878131 Fax 0874/878380 E-mail: info@comunedisalcito.it Regolamento locale per il servizio della

Dettagli

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Presentazione del progetto ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Contestualmente alla domanda il richiedente è tenuto a presentare in DUPLICE copia e su supporto informatico la seguente documentazione,

Dettagli

ALLACCIAMENTO ALLA PUBBLICA FOGNATURA ACQUE NERE DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE - INFORMAZIONI

ALLACCIAMENTO ALLA PUBBLICA FOGNATURA ACQUE NERE DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE - INFORMAZIONI NULLAOSTA ALLO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE DOMESTICHE ALLEGATO INFORMATIVO Area territoriale Saccisica ALLACCIAMENTO ALLA PUBBLICA FOGNATURA ACQUE NERE DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE - INFORMAZIONI 1 RIFERIMENTI

Dettagli

COMUNE DI TERRAGNOLO Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE. per il servizio di fognatura

COMUNE DI TERRAGNOLO Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE. per il servizio di fognatura COMUNE DI TERRAGNOLO Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE per il servizio di fognatura Approvato con deliberazione consiliare n. 74 dd. 25.09.1981 Modificato con deliberazione consiliare n. 7 dd. 12.03.2007

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTENZA DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DI DEPURAZIONE

REGOLAMENTO PER L UTENZA DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DI DEPURAZIONE REGOLAMENTO PER L UTENZA DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DI DEPURAZIONE (APPROVATO DALL ASSEMBLEA CONSORZIALE CON ATTO N. 34 DEL 12/07/1987) 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

FOGNATURA NERA SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA PLANIMETRIE E SEZIONI. Futuro sostenibile. ELABORATO: File: schemi_allaccio2007.

FOGNATURA NERA SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA PLANIMETRIE E SEZIONI. Futuro sostenibile. ELABORATO: File: schemi_allaccio2007. Futuro sostenibile SCHEMA TIPO PER ALLACCIO ALLA PUBBLICA FOGNATURA NERA PLANIMETRIE E SEZIONI ELABORATO: File: schemi_allaccio2007.dwg 1 24 Settembre 2014 Rev Data 301.17 E.T.R.A. S.p.A. - 36061 BASSANO

Dettagli

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SEZIONE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione Approvato dall'assemblea

Dettagli

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1)

DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) DOMANDA ALLACCIO CIVICA FOGNATURA ACQUE BIANCHE E NERE PER INSEDIAMENTO: CIVILE - PRODUTTIVO - INDUSTRIALE (1) Marca da bollo 16,00 Spazio riservato al Protocollo Al Comune di Albenga P.zza San Michele,

Dettagli

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SEZIONE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione Approvato dall'assemblea

Dettagli

progetto per la regolamentazione per il servizio di fognatura intercomunale.

progetto per la regolamentazione per il servizio di fognatura intercomunale. C O M U N E D I S T A R A N Z A N O (Provincia di Gorizia) progetto per la regolamentazione per il servizio di fognatura intercomunale. CAPO I - SCARICI DOMESTICI E METEORICI Art. 1 - ALLACCIAMENTI ALLA

Dettagli

C H I E D E. di allacciare lo scarico delle acque reflue provenienti dal suddetto insediamento. nella fognatura pubblica di Via n.

C H I E D E. di allacciare lo scarico delle acque reflue provenienti dal suddetto insediamento. nella fognatura pubblica di Via n. MARCA DA BOLLO DA 14,62 SPETT. LE COMUNE DI CALUSCO D ADDA (BG) - Settore Tecnico OGGETTO: Richiesta di Autorizzazione all allacciamento alla fognatura pubblica D.Lgs n. 152 del 03.04.2006 e s.m.i. Regolamenti

Dettagli

C O M U N E D I N U S

C O M U N E D I N U S C O M U N E D I N U S R E G I O N E A U T O N O M A V A L L E D A O S T A REGOLAMENTO COMUNALE PER LE OPERE DI FOGNATURA E LO SCARICO DI REFLUI IDRICI NEI COLLETTORI DELLA FOGNATURA, NEL SOTTOSUOLO E NEI

Dettagli

Allegato A SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE

Allegato A SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE COMUNE DI VIADANA REGOLAMENTO DI FOGNATURA Allegato A SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE 1. Domanda di concessione del permesso di allacciamento alla fognatura 1.1 La domanda di concessione del permesso

Dettagli

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Presentazione del progetto ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Contestualmente alla domanda il richiedente è tenuto a presentare in DUPLICE copia e su supporto informatico la seguente documentazione,

Dettagli

Il sottoscritto.., nato a. il, residente a... Via/Piazza.. n., Telefono:., Telefax:., Codice Fiscale:...,

Il sottoscritto.., nato a. il, residente a... Via/Piazza.. n., Telefono:., Telefax:., Codice Fiscale:..., Riservato ad AMSC S.p.A. Marca da Bollo 14,62 Al Presidente del CONSORZIO PROVINCIALE PER LA TUTELA E LA SALVAGUARDIA DELLE ACQUE DEL LAGO DI VARESE E LAGO DI COMABBIO Piazza Libertà n 1 21100 VARESE Tramite

Dettagli

Ufficio d Ambito di Brescia Pagina 1 di 6

Ufficio d Ambito di Brescia Pagina 1 di 6 RACCOMANDATA A.R. Al Gestore del servizio di Fognatura e Depurazione Via OGGETTO: Domanda di ammissione allo scarico di acque reflue assimilate alle domestiche in pubblica fognatura Il/La sottoscritto/a

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Allegato alla delibera del C.d.A n.16 dell 11/07/2008 REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DEGLI ONERI DI ALLACCIAMENTO AI SERVIZI PUBBLICI DI ACQUEDOTTO E FOGNATURA Art. 1 Obiettivi e campo di applicazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA COMUNE DI CARANO PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA Approvato con deliberazione C.C. nr. 23 dd. 31.03.1987, prot. G.P. Trento nr.4377/2-r dd. 17.06.1987. Modificato con

Dettagli

Regolamento per gli scarichi di acque in fognatura di tipo bianca e di acque reflue domestiche non in fognatura. Allegato 2 Norme Tecniche

Regolamento per gli scarichi di acque in fognatura di tipo bianca e di acque reflue domestiche non in fognatura. Allegato 2 Norme Tecniche Regolamento per gli scarichi di acque in fognatura di tipo bianca e di acque reflue domestiche non in fognatura Allegato 2 Norme Tecniche 1 1. Allacciamenti 3 1.1. Modalità di esecuzione 3 2. Impianti

Dettagli

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001.

- K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE STANDARD PROGETTO SP - TEA - 001. - K - PRESCRIZIONI TECNICHE PER LA PROGETTAZIONE E REALIZZAZIONE DELLE RETI FOGNARIE (revisione 04) Pagina 1 di 11 INDICE Pag. PARTE K RETI FOGNARIE K.1 3 REQUISITI DEI PROGETTI DI FOGNATURE PER NUOVE

Dettagli

FIGISC Sindacato Gestori carburanti

FIGISC Sindacato Gestori carburanti FIGISC Sindacato Gestori carburanti Sindacato Provinciale Gestori Impianti Stradali Carburanti FIGISC Corso Venezia 51 20121 Milano tel. 02/7750274 fax 02/7750697 e-mail: figisc.anisa@unione.milano.it

Dettagli

REGOLAMENTO UTENZA DELLA PUBBLICA FOGNATURA. Castano Primo, luglio 1993

REGOLAMENTO UTENZA DELLA PUBBLICA FOGNATURA. Castano Primo, luglio 1993 REGOLAMENTO DI UTENZA DELLA PUBBLICA FOGNATURA Castano Primo, luglio 1993 1 INDICE CAPITOLO 1 - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 - Regolamento Art. 2 - Obbligo di immissione nella pubblica fognatura Art. 3

Dettagli

BOZZA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUSTO ARSIZIO E IL COMUNE DI SAMARATE

BOZZA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUSTO ARSIZIO E IL COMUNE DI SAMARATE BOZZA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUSTO ARSIZIO E IL COMUNE DI SAMARATE Accordo per il conferimento dei reflui fognari provenienti dal comune di Samarate e confluenti nel collettore esistente di via

Dettagli

della ditta (1).. C H I E D E

della ditta (1).. C H I E D E .Data aggiornamento 16.02.09 rev. 5 DOMANDA PER L OTTENIMENTO DELL AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA/COLLETTORE INTERCOMUNALE DI ACQUE REFLUE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI INDUSTRIALI O DA

Dettagli

Comune di FILETTINO REGOLAMENTO COMUNALE. PER IL SERVIZIO DELLE FOGNATURE (allegato alla Delibera di Consiglio Comunale N. 015 del 28/06/2010)

Comune di FILETTINO REGOLAMENTO COMUNALE. PER IL SERVIZIO DELLE FOGNATURE (allegato alla Delibera di Consiglio Comunale N. 015 del 28/06/2010) REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DELLE FOGNATURE. Pagina 1 TABELLA C) - Diritti di sopralluogo per controlli ed ispezioni delle fognature interne (Artt. 28-30-34) Quando al sopralluogo alle fognature

Dettagli

Il sottoscritto nato a il C.F. residente in prov. c.a.p. via nella qualità di

Il sottoscritto nato a il C.F. residente in prov. c.a.p. via nella qualità di RICHIESTA DI ALLACCIAMENTO ALLA PUBBLICA FOGNATURA PER INSEDIAMENTI DI TIPO RESIDENZIALE, SERVIZI, ATTIVITA COMMERCIALI O DI PRODUZIONE DI BENI DAI QUALI DERIVINO ACQUE REFLUE DOMESTICHE DA METABOLISMO

Dettagli

.Sottoscritt.. nato a... il. residente a... Via n..

.Sottoscritt.. nato a... il. residente a... Via n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE ASSIMILATE ALLE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO

Dettagli

COMUNE DI MESAGNE Provincia di Brindisi

COMUNE DI MESAGNE Provincia di Brindisi COMUNE DI MESAGNE Provincia di Brindisi SERVIZI AMBIENTALI ED ENERGETICI ELENCO PREZZI Appalto per l affidamento del servizio di manutenzione degli impianti fognanti, delle fontanine pubbliche e della

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO. Approvato dal Lod. Dipartimento dell'interno in data 13 giugno 1986. Regolamento Edilizio pag. 1

REGOLAMENTO EDILIZIO. Approvato dal Lod. Dipartimento dell'interno in data 13 giugno 1986. Regolamento Edilizio pag. 1 REGOLAMENTO EDILIZIO Approvato dal Lod. Dipartimento dell'interno in data 13 giugno 1986 Regolamento Edilizio pag. 1 I N D I C E Art. 1 Generalità Art. 2 Domande di costruzione Art. 3 Locali Art. 3 bis

Dettagli

Il sottoscritto. nato a il. residente a in via n. del fabbricato ad uso civile abitazione e/o laboratorio, sito in. via n. chiede

Il sottoscritto. nato a il. residente a in via n. del fabbricato ad uso civile abitazione e/o laboratorio, sito in. via n. chiede Marca da bollo Euro 10,33 AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS OGGETTO: Tutela delle acque dall inquinamento. D.Lgs. 11.05.1999, n. 152. Richiesta di autorizzazione allo scarico di

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE ASSIMILATE ALLE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO IN RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO DIVERSO DAL RESIDENZIALE (La domanda dovrà essere compilata

Dettagli

RINNOVO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO NELLE RETI CONSORTILI

RINNOVO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO NELLE RETI CONSORTILI RINNOVO DELLE AUTORIZZAZIONI ALLO SCARICO NELLE RETI CONSORTILI INCONTRO TECNICO CON LE IMPRESE Venerdì 20 Aprile 2012, ore 17:00 Piano Primo Autorizzazione allo scarico nelle Reti Fognarie Consortili

Dettagli

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO

SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SERVIZIO IDRICO INTEGRATO NOTE TECNICHE RELATIVE ALL EROGAZIONE DEL SERVIZIO Tea acque srl assume ogni responsabilità per le attività e conduzione degli impianti oggetto del servizio. CONDUZIONE: intesa

Dettagli

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Domanda di autorizzazione allo scarico in corpo ricettore diverso dalla fognatura. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE CHE NON RECAPITANO NELLA RETE FOGNARIA (La domanda dovrà essere compilata su carta legale o resa legale). Al Signor Sindaco del Comune

Dettagli

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN COMUNE PER L ESECUZIONE DI ATTRAVERSAMENTI STRADALI STRADA COMUNALE

DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN COMUNE PER L ESECUZIONE DI ATTRAVERSAMENTI STRADALI STRADA COMUNALE DOCUMENTAZIONE DA PRESENTARE IN COMUNE PER L ESECUZIONE DI ATTRAVERSAMENTI STRADALI STRADA COMUNALE 1. Verificare che la strada non sia stata asfaltata da meno di un anno dalla data di presentazione della

Dettagli

Domanda di autorizzazione all allacciamento di acque reflue assimilate alle domestiche nella rete fognaria.

Domanda di autorizzazione all allacciamento di acque reflue assimilate alle domestiche nella rete fognaria. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO NELLA RETE FOGNARIA DI ACQUE REFLUE ASSIMILATE ALLE DOMESTICHE PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO DIVERSO DAL RESIDENZIALE Tipo di autorizzazione: nuova rinnovo

Dettagli

CHIEDE 14,62 AL COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO UFFICIO TECNICO

CHIEDE 14,62 AL COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO UFFICIO TECNICO Spazio riservato per il protocollo Spazio riservato alla marca da bollo 14,62 AL COMUNE DI SAN GIORGIO DI NOGARO UFFICIO TECNICO OGGETTO: autorizzazione allo scarico di ACQUE REFLUE DOMESTICHE in corpo

Dettagli

della ditta (1).. C H I E D E

della ditta (1).. C H I E D E DOMANDA PER L OTTENIMENTO DELL AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA/COLLETTORE INTERCOMUNALE DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI INDUSTRIALI/COMMERCIALI Documentazione da

Dettagli

AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS

AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS Marca da bollo da euro 14,62 AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS OGGETTO: Tutela delle acque dall inquinamento. D.Lgs. 11.05.1999, n. 152. Richiesta di autorizzazione allo scarico

Dettagli

CONSORZIO VOLONTARIO PER LA TUTELA, IL RISANAMENTO E LA SALVAGUARDIA DEI BACINI DELLA SPONDA ORIENTALE DEL VERBANO

CONSORZIO VOLONTARIO PER LA TUTELA, IL RISANAMENTO E LA SALVAGUARDIA DEI BACINI DELLA SPONDA ORIENTALE DEL VERBANO CONSORZIO VOLONTARIO PER LA TUTELA, IL RISANAMENTO E LA SALVAGUARDIA DEI BACINI DELLA SPONDA ORIENTALE DEL VERBANO REGOLAMENTO DI UTENZA PER GLI SCARICHI DIRETTI ED INDIRETTI NEI COLLETTORI CONSORTILI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI. (Artt. 22, 26 e 27 del Codice della Strada Art. 46 del relativo Regolamento di esecuzione)

REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI. (Artt. 22, 26 e 27 del Codice della Strada Art. 46 del relativo Regolamento di esecuzione) REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI (Artt. 22, 26 e 27 del Codice della Strada Art. 46 del relativo Regolamento di esecuzione) Testo Approvato con Deliberazione C.C. n. 151 del 18/12/2004 Modificato

Dettagli

COMUNE DI PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA

COMUNE DI PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA COMUNE DI PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 97 di data 26/10/1986 Entrato in vigore 21/11/1986 (Seduta G.P. del 21/11/1986

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE ART. 1 Il Servizio della distribuzione dell acqua potabile, nelle zone di Aquileia ove tale servizio è in funzione, è assunto in privativa dall Amministrazione

Dettagli

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo Sportello Unico Attività Produttive (SUAP) per ampliamento attività industriale / artigianale ditta CORTI MARMI & GRANITI S.r.l., via Villaggio Sereno n

Dettagli

14,62 ALL UNIONE DEI COMUNI CENTRO ECONOMICO DELLA BASSA FRIULANA Servizio Urbanistica, Ambiente e Territorio

14,62 ALL UNIONE DEI COMUNI CENTRO ECONOMICO DELLA BASSA FRIULANA Servizio Urbanistica, Ambiente e Territorio Spazio riservato per il protocollo Spazio riservato alla marca da bollo 14,62 ALL UNIONE DEI COMUNI CENTRO ECONOMICO DELLA BASSA FRIULANA Servizio Urbanistica, Ambiente e Territorio OGGETTO: autorizzazione

Dettagli

COMUNE DI CANEVA PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI CANEVA PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI CANEVA PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA Approvato con D.C. n. 305 del 28/12/1980 ARTICOLO 1 Tutti gli scoli delle acque piovane e degli acquai, bagni,

Dettagli

I sistemi di trattamento delle acque meteoriche - Normativa

I sistemi di trattamento delle acque meteoriche - Normativa I sistemi di trattamento delle acque meteoriche - Normativa La normativa che disciplina la necessità di sottoporre a trattamento le acque reflue di origine meteorica è il D. Lgs. 152/06 (Testo Unico Ambientale)

Dettagli

Variazione delle opere fognarie interne già allacciate alla rete fognaria. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n..

Variazione delle opere fognarie interne già allacciate alla rete fognaria. .Sottoscritt.. nato a... il. residente/ con sede a... Via.. n.. DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

DOMANDA PER NULLA OSTA

DOMANDA PER NULLA OSTA REVISIONE 05 - del 03.01.2012 Spettabile ACQUE NORD s.r.l. Via San Bernardino n. 50 28922 VERBANIA Alla cortese attenzione del Presidente DOMANDA PER NULLA OSTA NUOVO ALLACCIAMENTO di scarichi civili alla

Dettagli

Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA

Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA Progettazione Costruzioni ed Impianti IMPIANTI TECNOLOGICI CAP. II IMPIANTO IDRICO : IMPIANTO DI DISTRIBUZIONE INTERNA E FOGNATURA Rete di distribuzione interna - Schemi Colonne verticali di grossa sezione

Dettagli

ALLEGATO N. 1 Spett. Gestione Acqua SpA Sede Operativa Acos SpA C.so Italia 49 15067 Novi Ligure

ALLEGATO N. 1 Spett. Gestione Acqua SpA Sede Operativa Acos SpA C.so Italia 49 15067 Novi Ligure ALLEGATO N. 1 Spett. Gestione Acqua SpA Sede Operativa Acos SpA C.so Italia 49 15067 Novi Ligure Oggetto : Domanda di autorizzazione all allacciamento in pubblica fognatura Il/la sottoscritto/a nato/a

Dettagli

Oggetto : Domanda di autorizzazione all allacciamento in pubblica fognatura

Oggetto : Domanda di autorizzazione all allacciamento in pubblica fognatura Spett.le A.M.A.G. Via Damiano Chiesa n.18 15100 Alessandria Oggetto : Domanda di autorizzazione all allacciamento in pubblica fognatura Il/la sottoscritto/a C.F. nato/a il residente in Via N Tel: nella

Dettagli

FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE

FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE Corso di Costruzioni idrauliche (E.A.) A.A. 2010/2011 FOGNATURE: DEFINIZIONI, NORMATIVA DI RIFERIMENTO E ORGANIZZAZIONE (Appunti tratti dalla lezione del 8/45/2011, non rivisti dal docente) Riferimenti

Dettagli

Comune di Baranzate -Provincia di Milano - Ufficio Ecologia

Comune di Baranzate -Provincia di Milano - Ufficio Ecologia Nota per la compilazione: La dichiarazione andrà redatta in 4 copie ripotando solo le voci e le parti che interessano. DICHIARAZIONE DI SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE E/O DI ASSIMILABILITA' DEGLI SCARICHI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA IN ATTUAZIONE DEL PIANO PROVINCIALE DI RISANAMENTO DELLE ACQUE

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA IN ATTUAZIONE DEL PIANO PROVINCIALE DI RISANAMENTO DELLE ACQUE COMUNE DI PREDAZZO PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA IN ATTUAZIONE DEL PIANO PROVINCIALE DI RISANAMENTO DELLE ACQUE - Approvato con delibera Consiglio Comunale n. 12

Dettagli

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE

RELAZIONE SULLE INTERFERENZE RELAZIONE SULLE INTERFERENZE 1. PREMESSA Il tipo di lavorazione prevalente, prevista nel presente progetto, consiste nella posa di tubazioni in ghisa o acciaio, di diversi diametri, fino al DN150, su strade

Dettagli

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006.

RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. RELAZIONE TECNICA ALLEGATA ALLA DOMANDA D AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO D ACQUE DOMESTICHE D ORIGINE ABITATIVA. D.Lgs n 152 del 3 aprile 2006. Immobile sito nella frazione di, via, n, Censito in Catasto

Dettagli

COMUNE DI MERCALLO PROVINCIA DI VARESE. Via Bagaglio, 171 - C.A.P. 21020 - tel. 0331/968104

COMUNE DI MERCALLO PROVINCIA DI VARESE. Via Bagaglio, 171 - C.A.P. 21020 - tel. 0331/968104 COMUNE DI MERCALLO No bollo PROVINCIA DI VARESE Via Bagaglio, 171 - C.A.P. 21020 - tel. 0331/968104 Cod.fisc.: 83003793570 - E-mail: ed.pubblica@comune.mercallo.va.it Spettabile COMUNE DI MERCALLO Via

Dettagli

Osservatorio regionale sui rapporti tra pubbliche amministrazioni e imprese

Osservatorio regionale sui rapporti tra pubbliche amministrazioni e imprese OSSERVATORIO REGIONALE SUI RAPPORTI PUBBLICA AMMINISTRAZIONE E IMPRESE DELLA REGIONE SCHEDE TECNICHE 5.9 AUTORIZZAZIONE AGLI SCARICHI IDRICI 1 1. Ambito di applicazione Il D.Lgs. 152/99, modificato e integrato

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI INTERVENTI NEL SOTTOSUOLO DI PROPRIETA COMUNALE ALLEGATI. Comune di Follonica

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI INTERVENTI NEL SOTTOSUOLO DI PROPRIETA COMUNALE ALLEGATI. Comune di Follonica REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI INTERVENTI NEL SOTTOSUOLO DI PROPRIETA COMUNALE Deliberazione del Consiglio Comunale n. 44 dell 8 maggio 2000 ALLEGATI Comune di Follonica Al Sig. Sindaco del Comune di

Dettagli

IMPIANTO di DEPURAZIONE (Vasca Imhoff, pozzo assorbente)

IMPIANTO di DEPURAZIONE (Vasca Imhoff, pozzo assorbente) IMPIANTO di DEPURAZIONE (Vasca Imhoff, pozzo assorbente) oggetto Descrizione tecnica dell impianto di smaltimento delle acque nere tramite fossa tipo Imhoff, previo trattamento di Grigliaggio (facoltativo),

Dettagli

Scheda tecnica e documentazione elencata al punto 7) della stessa dovranno essere presentate in duplice copia.

Scheda tecnica e documentazione elencata al punto 7) della stessa dovranno essere presentate in duplice copia. SCHEDA N. 4 Documentazione tecnica da produrre per il rilascio dell autorizzazione all allacciamento alla rete fognaria e dell autorizzazione allo scarico di acque reflue industriali che recapitano in

Dettagli

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria

Domanda di autorizzazione all'allacciamento e allo scarico di acque reflue domestiche nella rete fognaria DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALL'ALLACCIAMENTO ED AMMISSIONE AL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE PER SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE NELLA RETE FOGNARIA PROVENIENTI DA UN INSEDIAMENTO RESIDENZIALE (La

Dettagli

7.4 ELEMENTI PER LA PROGETTAZIONE FOGNA

7.4 ELEMENTI PER LA PROGETTAZIONE FOGNA 7.4.1 GENERALITA La rete di fognatura è un complesso di canalizzazioni disposte per la raccolta e l allontanamento dai complessi urbani delle acque superficiali (meteoriche, di lavaggio, ecc.) e di quelle

Dettagli

Allegato 2 Prescrizioni tecniche per la realizzazione degli allacciamenti alla pubblica fognatura

Allegato 2 Prescrizioni tecniche per la realizzazione degli allacciamenti alla pubblica fognatura REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SEZIONE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE Allegato 2 Prescrizioni tecniche per la realizzazione degli allacciamenti alla pubblica fognatura Approvato dall'assemblea

Dettagli

COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA

COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA MARCA DA BOLLO COMUNE DI BUCCIANO PROVINCIA DI BENEVENTO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA Riservato all Ufficio ESTREMI DI RIFERIMENTO ARCHIVIAZIONE: Pratica Edilizia: n. Prot. gen. del / / RICHIESTA DI

Dettagli

Comune di Castelfiorentino

Comune di Castelfiorentino Regolamento comunale degli scarichi di acque reflue domestiche ed assimilate alle domestiche In aree non servite da pubblica fognatura (approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 14 del 31/03/2004)

Dettagli

AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE PER LO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI

AUTORIZZAZIONE UNICA AMBIENTALE PER LO SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA DI ACQUE REFLUE INDUSTRIALI Allegare all istanza di Autorizzazione Unica Ambientale AUA (DPR 13 marzo 2013, n. 59) da presentare allo Sportello Unico per le Attività Produttive - SUAP territorialmente competente Mod. A ALLEGATO ALL

Dettagli

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9

RELAZIONE TECNICA STAZIONE DI CAPODIMONTE IMPIANTO FOGNARIO Cod. commessa C-TAN-CAP. Pagina 1 di 9 Pagina 1 di 9 IMPIANTO DI TRATAMENTO E RECAPITO PER SCARICHI DA INSEDIAMENTO CIVILE E ASSIMILABILI AI DOMESTICI MODALITA ESECUTIVE, CALCOLO, MATERIALI E MANUFATTI D ALLACCIAMENTO DELLA RETE FOGNARIA ACQUE

Dettagli

Ufficio d Ambito di Brescia Pagina 1 di 5

Ufficio d Ambito di Brescia Pagina 1 di 5 RACCOMANDATA A.R. Al Gestore del servizio di Fognatura e Depurazione Via OGGETTO: Domanda di ammissione allo scarico di acque reflue domestiche in pubblica fognatura e/o allacciamento alla rete Il/La sottoscritto/a

Dettagli

54031 Avenza Carrara (MS) - SETTORE FOGNATURE BIANCHE - Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALL ALLACCIO ALLA PUBBLICA FOGNATURA PER ACQUE PIOVANE.

54031 Avenza Carrara (MS) - SETTORE FOGNATURE BIANCHE - Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALL ALLACCIO ALLA PUBBLICA FOGNATURA PER ACQUE PIOVANE. Spett. le Amia spa 54031 Avenza Carrara (MS) - SETTORE FOGNATURE BIANCHE - Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALL ALLACCIO ALLA PUBBLICA FOGNATURA PER ACQUE PIOVANE. Il sottoscritto nato il / / a Prov.

Dettagli

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE

LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE Pagina 1 di 7 LINEE GUIDA PER ESTENSIONI DI RETE SOMMARIO 1. SCOPO...2 2. VALIDITÀ E CAMPO DI APPLICAZIONE...2 3. INDICAZIONI DI CARATTERE GENERALE...2 4. FOGNATURA...2 4.1.1 Materiali da utilizzare e

Dettagli

COMUNE DI BAGNARA DI ROMAGNA PROVINCIA DI RAVENNA

COMUNE DI BAGNARA DI ROMAGNA PROVINCIA DI RAVENNA COMUNE DI BAGNARA DI ROMAGNA PROVINCIA DI RAVENNA REGOLAMENTO FOGNARIO DI DEPURAZIONE E DEGLI SCARICHI MAGGIO 2001. TITOLO I...4 FINALITA DEL REGOLAMENTO...4 ART.1 Oggetto del regolamento...4 ART. 2 Ambito

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DELLA FOGNATURA COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DELLA FOGNATURA COMUNALE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DELLA FOGNATURA COMUNALE I N D I C E CAPO I - PREMESSE Art. 1 - Generalità Art. 2 - Sistemi di fognatura Art. 3 - Fognatura mista (sistema unitario) Art. 4 - Fognatura nera

Dettagli

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE

DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE Marca da bollo DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE (D.Lgs. 152/99 - D.Lgs. 258/00 - Delibera RER n.1053/03 - Regolamento Comunale per il Servizio di Fognatura) AL SINDACO

Dettagli

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI ALLACCIAMENTO A PUBBLICA FOGNATURA DI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE

GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI ALLACCIAMENTO A PUBBLICA FOGNATURA DI SCARICHI DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE 1 AMMINISTRAZIONE COMUNALE DI ARCOLA UFFICIO AMBIENTE 1 sito internet: www.comune.arcola.sp.it e.mail: sportelloscarichi@comune.arcola.sp.it GUIDA ALLA PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI ALLACCIAMENTO A PUBBLICA

Dettagli

PROVINCIA DI MASSA-CARRARA

PROVINCIA DI MASSA-CARRARA PROVINCIA DI MASSA-CARRARA SETTORE/STAFF Settore 3: Viabilità - Programmazione Territoriale - TPL/trasporti - Ambiente - Protezione civile DETERMINAZIONE n. 972 DEL 01/06/2016 OGGETTO: Sp.19 Olivola località

Dettagli

Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali alla rete fognaria urbana.

Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali alla rete fognaria urbana. ATTIVITA, ARTIGIANALI, Spett.le ACQUE DEL CHIAMPO SpA Servizio Clienti Via Ferraretta, 20 36071 ARZIGNANO Oggetto: Richiesta Permesso di Allacciamento di acque reflue Domestiche e/o Assimilabili ed Industriali

Dettagli

Le opere di difesa. Le opere di derivazione delle acque superficiali. Le opere di immissione nelle acque superficiali

Le opere di difesa. Le opere di derivazione delle acque superficiali. Le opere di immissione nelle acque superficiali Le opere di difesa Le opere di derivazione delle acque superficiali Le opere di immissione nelle acque superficiali I corsi d acqua ricevono svariati apporti liquidi derivanti dalle attività antropiche,

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA IGIENICO-SANITARIA DEL SERVIZIO PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI 2 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2 ART.

REGOLAMENTO PER LA TUTELA IGIENICO-SANITARIA DEL SERVIZIO PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI 2 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2 ART. REGOLAMENTO PER LA TUTELA IGIENICO-SANITARIA DEL SERVIZIO PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI 2 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2 ART. 2 - TUTELA SANITARIA DEL PERSONALE ADDETTO AL SERVIZIO 2 ART. 3 - DISINFEZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE COMUNE DI MONTESPERTOLI (PROVINCIA DI FIRENZE) REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELLE STRADE VICINALI DI USO PUBBLICO Approvato con deliberazione C.C. n. 36 del 21.05.2012 Pagina 1 di 8 PREMESSA Il presente

Dettagli

&2081(',9,*(9$12 5(7,',7(/(&2081,&$=,21, $SSURYDWRFRQGHOLEHUD]LRQHGL&&QGHO

&2081(',9,*(9$12 5(7,',7(/(&2081,&$=,21, $SSURYDWRFRQGHOLEHUD]LRQHGL&&QGHO &2081(',9,*(9$12 5(*2/$0(1723(5/$&21&(66,21('(/62772682/23(5/$&26758=,21(', 5(7,',7(/(&2081,&$=,21, $SSURYDWRFRQGHOLEHUD]LRQHGL&&QGHO (Finalità) 1. Il presente regolamento disciplina la realizzazione di

Dettagli

Disposizioni Tecniche

Disposizioni Tecniche Disposizioni Tecniche Revisione n.05 del 30/12/2011 Approvate dall A.A.T.O. n.1 Toscana Nord con deliberazione n.20 del 06/12/2011 In vigore dal 1 gennaio 2012 Pagina 1 di 24 INDICE SCHEMI DI INDIVIDUAZIONE

Dettagli

COMUNE DI CINTE TESINO PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI CINTE TESINO PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI CINTE TESINO PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA CAMINI ISTITUZIONE DEL SERVIZIO Art. 1 Agli effetti della regolare manutenzione delle canne fumarie e conseguente prevenzione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI

REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI REGOLAMENTO COMUNALE DEI PASSI CARRABILI Approvato con delibera di consiglio del Commissario Straordinario n. 17 del 18.03.2004 1 INDICE Art. 1 - Contenuto del Regolamento. Art. 2 - Definizione di passo

Dettagli

Oggetto del regolamento

Oggetto del regolamento Regolamento dei criteri procedurali e sanzionatori volti al rispetto dell obbligo di allacciamento fognario degli edifici insistenti nelle aree servite dalla pubblica fognatura generatori di scarichi di

Dettagli

COMMISSARIO DELEGATO PER L EMERGENZA CONCERNENTE GLI ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI DEL 26 SETTEMBRE 2007

COMMISSARIO DELEGATO PER L EMERGENZA CONCERNENTE GLI ECCEZIONALI EVENTI METEOROLOGICI DEL 26 SETTEMBRE 2007 ORDINANZA N. 3 DEL 22.01.08 Oggetto: O.P.C.M. n. 3621 del 18.10.2007. Interventi urgenti di protezione civile diretti a fronteggiare i danni conseguenti agli eccezionali eventi meteorologici che hanno

Dettagli

REGOLAMENTO DI FOGNATURA

REGOLAMENTO DI FOGNATURA Approvato con deliberazione di C.C. n. 22 del 20.05.1997 REGOLAMENTO DI FOGNATURA NOTA: Gli articoli a carattere sottolineato dipendono dalla normativa nazionale e regionale e sono correlati con il regolamento

Dettagli

COMUNE DI PODENZANA. Provincia di Massa Carrara UFFICIO TECNICO. Regolamento comunale degli scarichi di acque reflue domestiche

COMUNE DI PODENZANA. Provincia di Massa Carrara UFFICIO TECNICO. Regolamento comunale degli scarichi di acque reflue domestiche COMUNE DI PODENZANA Provincia di Massa Carrara UFFICIO TECNICO Regolamento comunale degli scarichi di acque reflue domestiche In aree non servite da pubblica fognatura Approvato dal Consiglio Comunale

Dettagli

Insediamenti in cui viene svolta attività di gestione rifiuti.

Insediamenti in cui viene svolta attività di gestione rifiuti. INDICAZIONI PROGETTUALI PER DOMANDE DI AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO DI ACQUE METEORICHE PROVENIENTI DA INSEDIAMENTI IN CUI VENGONO SVOLTE ATTIVITÀ DI GESTIONE RIFIUTI. Insediamenti in cui viene svolta attività

Dettagli

REGOLAMENTO TUTELA IGIENICO-SANITARIA SERVIZIO SMALTIMENTO RIFIUTI

REGOLAMENTO TUTELA IGIENICO-SANITARIA SERVIZIO SMALTIMENTO RIFIUTI REGOLAMENTO TUTELA IGIENICO-SANITARIA SERVIZIO SMALTIMENTO RIFIUTI Approvato con delibera di C.C. n.28 del 12/09/1983 Art.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento ha per oggetto la tutela igienico-sanitaria

Dettagli

16,00 del Comune di CUNEO Settore Ambiente e Territorio

16,00 del Comune di CUNEO Settore Ambiente e Territorio Marca da bollo Preg.mo Sig. SINDACO 16,00 del Comune di CUNEO Settore Ambiente e Territorio OGGETTO: ART. 15 L.R. 26/03/1990 N. 13, L.R. 48/93, L.R. 37/96, D.Lvo 152//06 e s.m.i., L.R. 6/03. Domanda di

Dettagli

REGOLAMENTO DI FOGNATURA CAPO I DEFINIZIONI E DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO DI FOGNATURA CAPO I DEFINIZIONI E DISPOSIZIONI GENERALI CAPO I DEFINIZIONI E DISPOSIZIONI GENERALI Art.1. Finalità del regolamento 1. Il presente regolamento ha lo scopo di disciplinare, nell ambito del territorio consortile, la raccolta, il convogliamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE

REGOLAMENTO PER LO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE REGOLAMENTO PER LO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE C a p o I Premesse - Classificazione dei sistemi di smaltimento in fognatura - Classificazione delle acque reflue e degli insediamenti Art. 1 - Premesse. Il

Dettagli

CITTÀ DI VENARIA REALE Provincia di Torino

CITTÀ DI VENARIA REALE Provincia di Torino CITTÀ DI VENARIA REALE Provincia di Torino REGOLAMENTO PER IMMISSIONI NELLE FOGNATURE COMUNALI Aggiornato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. del - adottato dal Consiglio Comunale nella seduta

Dettagli

OGGETTO: Domanda di allaccio e scarico nella pubblica rete fognaria: scarichi di acque reflue industriali.

OGGETTO: Domanda di allaccio e scarico nella pubblica rete fognaria: scarichi di acque reflue industriali. Spett.le Comune di OGGETTO: Domanda di allaccio e scarico nella pubblica rete fognaria: scarichi di acque reflue industriali. Il sottoscritto (Cognome e Nome) (Codice Fiscale) Nato a (Comune o Stato Estero)

Dettagli