Via Umberto I, 4 C.F Tel. 0874/ Fax 0874/

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Via Umberto I, 4 C.F. 00069960706 -Tel. 0874/878131 Fax 0874/878380 E-mail: info@comunedisalcito.it"

Transcript

1 C OMUNE DI S ALCITO P R O V I N C I A D I C A M P O B A S S O Via Umberto I, 4 C.F Tel. 0874/ Fax 0874/ Regolamento locale per il servizio della fognatura approvato con Delibera del Consiglio Comunale n. 38 in data 14 ottobre L anno millenovecentocinquantaquattro il giorno quattordici del mese di ottobre, alle ore 19:00 con la continuazione, in questa Casa Comunale, nella solita sala delle adunanze, aperta al pubblico, con allegato l ordine del giorno, recapitato in tempo utile, a tutti i Consiglieri e previa comunicazione al Sig. Prefetto della Provincia, si è riunito il Consiglio Comunale in sessione ordinaria ed in prima convocazione sotto la presidenza del Sindaco, Dott. Aurelio Fonzo. Assiste alla seduta il Segretario Comunale. Fatto l appello nominale, su 15 Consiglieri assegnati al Comune, risultano 9 presenti e 4 assenti. Il Signor Presidente, riconosciuta legale l adunanza, apre le seduta e, in conformità di quanto riportato nel citato ordine del giorno, invita il Consiglio a deliberare in merito all affare segnato in oggetto. IL CONSIGLIO Visto che in questo Comune stanno per essere portati a termine i lavori di completamento della fognatura, in conformità del progetto in data 10 febbraio 1953 approvato con D.M. n del 13/08/1953, e con i benefici previsti dalla Legge 3/8/1949, n. 589; Considerato che pertanto necessita l emanazione di un Regolamento per la disciplina del servizio delle fognature; Visto al riguardo lo schema di regolamento allestito dall ufficio di segreteria composto di n. 28 articoli; Esaminato e discusso lo schema predetto, articolo per articolo e ritenutolo meritevole di approvazione; Visto l art. 131 della Legge Comunale e Provinciale T.U. 4 febbraio n. 148; Con votazione palese per alzata e seduta : presenti n. 10 votanti n. 10 voti favorevoli n. 10 voti contrari n. == - astenuti n. == ; DELIBERA Di approvare in ogni sua parte il regolamento per il servizio della fognatura di questo Comune nel testo allegato che fa parte integrante della presente deliberazione. CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 OBBLIGO DI IMMISSIONE IN FOGNA secondo Tutti gli scoli delle acque piovane e degli acquai, bagni, lavatoi, orinatoi e latrine, in genere tutte le acque di rifiuto, le materie fecali provenienti dagli stabili di qualunque specie, fronteggiati, anche solo in parte, da

2 una via o spazio pubblico, percorso da un canale di fognatura, appena questo sia attivato, devono essere condotti con tubazione al canale stesso le prescrizioni del presente regolamento, con divieto di usare pozzi neri e di effettuare qualsiasi immissione lorda in altri canali pubblici o privati. Art. 2 IMMISSIONI SPECIALI Quando sia constatata l impossibilità di scaricare nella fognatura potrà la Giunta Municipale permettere che le sue acque lorde e le materie fecali vengano provvisoriamente immesse, possibilmente, in altri canali pubblici o privati, se esistenti. Art. 3 ALLACCIAMENTI PER INTERO. Ogni stabile dovrà essere allacciato possibilmente per intero. Art. 4 POZZI NERI. Quando i condotti sono lontani o troppo alti l Amministrazione potrà anche ammettere, a fognatura attivata, pozzi neri con le modalità che saranno stabilite dal tecnico dell Amministrazione medesima. Art. 5 PRECARIETA DEGLI SCARICHI PROVVISORI. Gli speciali permessi, di cui all artt. 2 e 4, s intendono sempre del tutto precari e revocabili a giudizio esclusivo ed insindacabile dell Amministrazione Comunale. Essi poi cadranno di pieno diritto non appena verranno a cessare le condizioni che li determinarono, col rendersi possibile altro mezzo definitivo di scarico, che dovrà dai proprietari essere posto in atto. Art. 6 AVVISO PER L ALLACCIAMENTO ALLA FOGNATURA. A misura che entreranno in servizio i nuovi canali di fognatura, il Sindaco ne darà avviso per iscritto ai proprietari di tutti gli stabili che dovranno esservi allacciati a tenore dell art. I. L avviso verrà notificato singolarmente per ogni stabile a mezzo del messo comunale. Art. 7 TERMINE PER L ALLACCIAMENTO ALLA FOGNATURA. I proprietari degli stabili dovranno, entro il termine di un anno dalla notifica dell avviso di cui all art. 6, provvedere a loro cura e spese all espurgo ed alla disinfezione e soppressione dei pozzi neri, ove esistessero, all allacciamento della canalizzazione interna con la fognatura stradale ed alla sistemazione di queste canalizzazioni interna ai sensi del presente regolamento. Il Sindaco potrà tuttavia imporre un termine più breve quando per il cattivo stato dei pozzi neri o per altre ragioni di igiene, lo giudicasse necessario. Art. 8 ESECUZIONE D UFFICIO. Quando siano trascorsi i termini fissati per l allacciamento alla nuova fognatura, il Comune potrà provvedere d ufficio a spese dei proprietari inadempienti, alla compilazione del progetto di cui all art. 21 del presente regolamento e provvederà, quando lo ritenga opportuno alla esecuzione dei lavori a spese pure di essi proprietari anche, ove d uopo, per le canalizzazioni interne degli edifici e con la eventuale applicazione della penalità stabilita dall art. 106 e seguenti della Legge Comunale e Provinciale T.U. 3/3/1934, n. 383 modificato con l art. 9 della Legge 9/6/1947 n Art. 9 OPERE DI ALLACCIAMENTO IN SEDE STRADALE. Nessuno, all infuori del Comune, può manomettere il suolo pubblico e le condotte sotterranee. Le opere in sede stradale per l allacciamento ai condotti comunali verranno eseguite, previa formale domanda scritta, da parte del proprietario dello stabile stesso ed a cura e spese proprie. Art. 10 RIPARAZIONI DEI CONDOTTI DI ALLACCIAMENTO.

3 Le riparazioni a tutte le tubazioni esistenti in sede stradale sono eseguite direttamente dal Comune a proprie spese, dietro domanda scritta del proprietario dello stabile da esse allacciato. Ove però in tali tubazioni si constatassero rotture o ingombri cagionati da manomissioni, trascuranza o trasgressione ai regolamenti per parte degli utenti saranno a carico del proprietario dello stabile tutte le spese occorrenti per riparazioni, nonché i compensi di visita tecnica. Art. 11 LIQUIDAZIONI E PAGAMENTI DELLE RIPARAZIONI A CARICO DEGLI UTENTI. La liquidazione delle spese e compensi di visita, nel caso in cui siano dovuti dal proprietario a termine dell articolo precedente, viene fatta dal Sindaco, sentito il tecnico comunale, in base ai prezzi correnti all uopo approvati dal Sindaco stesso con l intervento dell interessato ove questi ne faccia prima richiesta in tempo utile. La liquidazione viene notificata all interessato per iscritto. L interessato potrà entro il termine perentorio di giorni 15 dalla notifica della liquidazione, far presente per iscritto al Comune le sue osservazioni od eccezioni in proposito. Trascorso tale termine senza che siano pervenute eccezioni, la liquidazione diventerò definitiva e dovrà farsene il pagamento al Comune. La Giunta Municipale deciderà inappellabilmente sulle controversie. Il proprietario dello stabile, prima che le opere siano iniziate, dovrà versare al Comune la somma che da questo gli verrà richiesta a titolo di anticipo della spesa che presumibilmente potrà risultare a di lui carico, salvo liquidazione finale come sopra. Art. 12 PROPRIETA DELLE TUBAZIONI. Le tubazioni in sede stradale, che servono all allacciamento della canalizzazione degli stabili restano di esclusiva proprietà del Comune. Art. 13 PRESCRIZIONI TECNICHE PER GLI ALLACCIAMENTI. Per le immissioni nelle fogne stradali si dovrà approfittare solamente degli imbocchi predisposti durante la costruzione della fognatura e la tubazione privata non dovrà eccedere i diametri degli imbocchi medesimi. A tale uopo, a richiesta, il tecnico comunale fornirà tutte le indicazioni necessarie perché il progetto di fognatura dello stabile potrà essere coordinato alle condizioni della fognatura esistente. Le tubazioni private di scarico di ogni singolo stabile dovranno essere condotte direttamente e ciascuna separatamente ( non essendo permessi allacciamenti fra loro in sede stradale ) al canale di fognatura, salvo casi speciali da determinarsi dall Amministrazione Comunale. Le tubazioni non potranno in sede stradale essere costruite longitudinalmente alla fonte dello stabile. Art. 14 ANTICIPAZIONI DELLE OPERE DI ALLACCIAMENTO. Nel caso di soppressione di una cabaletta esistente in sede stradale e già funzionante come fognatura o della sua trasformazione in canale di fognatura o, nel caso ancora, di sistemazione di una strada, il Comune potrà provvedere alla esecuzione immediata delle opere in sede stradale per la costruzione, il riordino ed il rifacimento degli scarichi privati, secondo le prescrizioni regolamentari. A richiesta del tecnico comunale i proprietari dovranno fornire le indicazioni relative a tutti gli scarichi esistenti, nonché quelle necessarie per predisporne i nuovi in relazione alla futura canalizzazione interna dei loro stabili. Solo di tali scarichi così predisposti i proprietari potranno approfittare nel definitivo assetto della fognatura negli stabili stessi. Il rifiuto o l omissione di fornire le indicazioni di cui sopra, oltre a rendere applicabili le penalità stabilite nell art. 26 del presente regolamento daranno al comune la facoltà di provvedere d ufficio alle opere di allacciamento degli scarichi ponendo a carico dei proprietari, che dovranno rimborsargliela, ogni spesa che il Comune farà a causa della mancanza di dette indicazioni.

4 Art. 15 TUBI PLUVIALI DI FACCIATE. I tubi pluviali delle fronti delle case verso la pubblica via devono di regola essere allacciati direttamente alla fogna stradale senza sifone. Il sifone è però prescritto quando al di sopra della grondaia vi siano abitazioni. Il numero e la sezione dei tubi pluviali saranno determinati caso per caso dal tecnico comunale in relazione alla loro portata. E vietato introdurre in questi tubi alcun altro scarico all infuori dell acqua di pioggia proveniente dal tetto. Art. 16 TUBI PLUVIALI INTERNI. Nelle condotte pluviali interne potranno essere immessi gli scarichi dei bagni e degli acquai, solo quando esse siano costituite da tubi di gres o di ghisa o di cemento e amianto ed abbiano levigatezza ed impermeabilità e siano allacciate direttamente alla canalizzazione principale, senza l intermezzo di pozzetti di deposito e quando al di sopra della grondaia non vi siano finestre di abitazione. Art. 17 SCARICHI VIETATI. E assolutamente vietato immettere nella fogna spazzature, ceneri e corpi solidi, acque o liquidi in genere che in qualsiasi modo possano danneggiare i manufatti. Il proprietario dello stabile è responsabile verso il Comune dei danni causati dalla trasgressione al presente disposto ed è tenuto al rimborso delle spese di riparazione a tenore degli artt. 10 ed 11 del presente regolamento. Art. 18 SCARICHI INDUSTRIALI. E vietato immettere nella fogna stradale scoli provenienti da locali ove si esercitano industrie, se non in via precaria, e dietro speciale permesso che l Amministrazione Comunale potrà rilasciare, in seguito a domanda scritta del proprietario dello stabile e con l obbligo di osservare sempre per tali immissioni le prescrizioni e condizioni che l Amministrazione Comunale stessa crederà opportuno stabilire caso per caso. Art. 19 STRADE PRIVATE. Alle disposizioni del presente regolamento sono soggetti gli stabili lungo strade private e queste verranno considerate come cortili comuni agli stabili stessi.i proprietari degli stabili fronteggianti le strade stesse dovranno quindi provvedere, nei termini stabiliti dall art.7 alla fognatura della strada privata. Ove i proprietari interessati non vi provvedano nei termini prescritti, sarà in facoltà del Comune di provvedere alla esecuzione dell opera, ponendo a carico dei proprietari degli stabili, in tutto o in parte prospicienti la strada stessa tutte le spese relative comprese quelle per le visite e le spese per la direzione dei lavori in proporzioni delle rispettive fronti. Queste spese dovranno essere rimborsate con le stesse norme di cui all art. 11 del presente regolamento. CAPO II - DISPOSIZIONI PER LA FOGNATURA INTERNA DEGLI STABILI Art. 20 PRESCRIZIONI EDILIZIE. Le opere per la canalizzazione interna di uno stabile si considerano opere igienico-edilizie, soggette alle disposizioni dei regolamenti comunali di igiene e di edilizia. Art. 21 PROGETTO E PRESCRIZIONI TECNICHE. Le eventuali richieste di canalizzazione interne di uno stabile dovranno eseguirsi con le prescrizioni e modalità suggerite dal tecnico dell Amministrazione per quanto riguarda il progetto di canalizzazioni, la costruzione e la costituzione delle condutture (tubi di gres o di cemento e amianto) la forma e la disposizione dei tubi, nonché l uso di essi e la collocazione delle tubazioni. Art. 22 SCARICHI SOTTERRANEI.

5 Nessuno degli apparecchi di scarico della fognatura domestica dovrà avere di regola la bocca ad un livello inferiore al piano stradale. A richiesta però del proprietario dello stabile potrà il Comune concedere l uso di scarichi a livello inferiore al piano stradale, purché vengano prese tutte le cautele opportune atte ad evitare rigurgiti. Per effetto della richiesta fatta incomberà elusivamente al proprietario stesso ogni e qualsiasi responsabilità per i danni che da questi scarichi potessero derivare al suo stabile ed ai terzi per rigurgiti od altrimenti. Art. 23 VISITA TECNICA DI REGOLARE ESECUZIONE. Per gli stabili di nuova costruzione, la canalizzazione interna dovrà essere ultimata e constatata regolare dal tecnico comunale prima della occupazione. Per la canalizzazione di fabbricati già esistenti, si dovrà fare speciale domanda scritta al Sindaco entro 30 giorni dalla ultimazione delle opere relative, per ottenere la visita di verifica. Alla visita dovrà presenziare il proprietario od il suo tecnico col personale operaio necessario, i quali dovranno prestarsi in tutto quanto occorre per la verifica a richiesta del funzionario municipale incaricato. La visita si limita alla constatazione della regolare esecuzione delle opere in relazione al presente regolamento, alla loro conformità, al progetto approvato nonché alla presunzione di buon funzionamento senza che ciò possa costituire un collaudo ed addossare al Comune alcuna responsabilità. In ogni caso, mancando la domanda speciale, si procederà a visita d ufficio per la verifica delle opere che erano da eseguire. Quando la visita avesse dato luogo ad ingiunzioni per l esecuzione di opere occorrenti alla regolarità della canalizzazione, oppure non avesse potuto avere effetto per cause imputabili al proprietario, andranno considerate come visite tecniche straordinarie tutte quelle da farsi successivamente alla prima per la constatazione delle opere stesse ed il proprietario dovrà pagare 0,52 per ciascuna visita successiva alla prima a titolo di rimborso delle relative spese. Art. 24 VISITE D UFFICIO. L Amministrazione Comunale potrà a mezzo dei suoi incaricati muniti di speciale autorizzazione scritta procedere alla visita della fognatura interna degli stabili in qualsiasi tempo, per constatarne la manutenzione ed il funzionamento nei riguardi dell igiene. La visita si effettuerà con l osservanza delle norme di cui all articolo precedente. Art. 25 LIMITE ALLA CONCESSIONE DI SCARICO. La concessione di scaricare nella fognatura pubblica si limita allo stabile e per quella consistenza che venne richiesta. Non potranno quindi allacciarsi altre parti degli stabili stessi e tanto meno di stabili contigui ancorché della stessa proprietà, senza aver prima ottenuto speciale permesso dalla Giunta Municipale. CAPO III - DISPOSIZIONI VARIE Art. 26 PENALITA. Le contravvenzioni alle disposizioni contenute nel presente regolamento sono disciplinate dagli art. 106 e seguenti della Legge comunale e Provinciale 3 marzo 1934 n. 383 modificato con l art. 9 della Legge 9 giugno 1947 n. 530, salvo al Comune il diritto alla rivalsa dei danni e della spese determinate dalle contravvenzioni stesse. Art. 27 SOSPENSIONE DI IMMISSIONI. Qualora si verificasse, per qualsiasi causa, nelle condutture qualche inconveniente che richiedesse temporanee sospensioni di immissioni private od altri provvedimenti, il Comune addiverrà il più sollecitamente possibile alle riparazioni necessarie, ma in ogni caso non potrà mai avere molestie per nessun motivo o richiesta di risarcimento di danni. Art. 28 DISPOSIZIONI PRECEDENTI.

6 Son abrogate tutte le disposizioni municipali non conformi a quelle contenute nel presente regolamento le quali sono applicabili anche ai canali di fognatura da tempo preesistenti.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ALLACCI E SCARICHI IN PUBBLICA FOGNATURA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ALLACCI E SCARICHI IN PUBBLICA FOGNATURA COMUNE DI POMEZIA (Provincia di ROMA) SEZIONE TUTELA DELL AMBIENTE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ALLACCI E SCARICHI IN PUBBLICA FOGNATURA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 94

Dettagli

C O M U N E D I N U S

C O M U N E D I N U S C O M U N E D I N U S R E G I O N E A U T O N O M A V A L L E D A O S T A REGOLAMENTO COMUNALE PER LE OPERE DI FOGNATURA E LO SCARICO DI REFLUI IDRICI NEI COLLETTORI DELLA FOGNATURA, NEL SOTTOSUOLO E NEI

Dettagli

COMUNE DI CANEVA PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO COMUNALE

COMUNE DI CANEVA PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO COMUNALE COMUNE DI CANEVA PROVINCIA DI PORDENONE REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA Approvato con D.C. n. 305 del 28/12/1980 ARTICOLO 1 Tutti gli scoli delle acque piovane e degli acquai, bagni,

Dettagli

Comune di FILETTINO REGOLAMENTO COMUNALE. PER IL SERVIZIO DELLE FOGNATURE (allegato alla Delibera di Consiglio Comunale N. 015 del 28/06/2010)

Comune di FILETTINO REGOLAMENTO COMUNALE. PER IL SERVIZIO DELLE FOGNATURE (allegato alla Delibera di Consiglio Comunale N. 015 del 28/06/2010) REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DELLE FOGNATURE. Pagina 1 TABELLA C) - Diritti di sopralluogo per controlli ed ispezioni delle fognature interne (Artt. 28-30-34) Quando al sopralluogo alle fognature

Dettagli

COMUNE DI MILANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DELLA FOGNATURA NEL COMUNE DI MILANO. (in vigore dal 1 luglio 1920)

COMUNE DI MILANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DELLA FOGNATURA NEL COMUNE DI MILANO. (in vigore dal 1 luglio 1920) COMUNE DI MILANO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DELLA FOGNATURA NEL COMUNE DI MILANO (in vigore dal 1 luglio 1920) LEGGE 20 MARZO 1941, N. 366 REGOLAMENTO E TARIFFA DEL COMUNE DI MILANO REGOLAMENTO PER IL

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA FORNITURA DI ACQUA POTABILE ART. 1 Il Servizio della distribuzione dell acqua potabile, nelle zone di Aquileia ove tale servizio è in funzione, è assunto in privativa dall Amministrazione

Dettagli

REGOLAMENTO FOGNATURA

REGOLAMENTO FOGNATURA REGOLAMENTO FOGNATURA Adottato con delibera C.C. n. 132 del 17.10.1975 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Immissioni nei canali della fognatura. Tutti gli scoli delle acque di qualsiasi natura e delle

Dettagli

COMUNE DI TERRAGNOLO Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE. per il servizio di fognatura

COMUNE DI TERRAGNOLO Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE. per il servizio di fognatura COMUNE DI TERRAGNOLO Provincia di Trento REGOLAMENTO COMUNALE per il servizio di fognatura Approvato con deliberazione consiliare n. 74 dd. 25.09.1981 Modificato con deliberazione consiliare n. 7 dd. 12.03.2007

Dettagli

REGOLAMENTO PER L UTENZA DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DI DEPURAZIONE

REGOLAMENTO PER L UTENZA DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DI DEPURAZIONE REGOLAMENTO PER L UTENZA DEI SERVIZI DI FOGNATURA E DI DEPURAZIONE (APPROVATO DALL ASSEMBLEA CONSORZIALE CON ATTO N. 34 DEL 12/07/1987) 1 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA

REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA COMUNE DI CARANO PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA Approvato con deliberazione C.C. nr. 23 dd. 31.03.1987, prot. G.P. Trento nr.4377/2-r dd. 17.06.1987. Modificato con

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DELLA FOGNATURA COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DELLA FOGNATURA COMUNALE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DELLA FOGNATURA COMUNALE I N D I C E CAPO I - PREMESSE Art. 1 - Generalità Art. 2 - Sistemi di fognatura Art. 3 - Fognatura mista (sistema unitario) Art. 4 - Fognatura nera

Dettagli

Regolamento per gli scarichi di acque in fognatura di tipo bianca e di acque reflue domestiche non in fognatura. Allegato 2 Norme Tecniche

Regolamento per gli scarichi di acque in fognatura di tipo bianca e di acque reflue domestiche non in fognatura. Allegato 2 Norme Tecniche Regolamento per gli scarichi di acque in fognatura di tipo bianca e di acque reflue domestiche non in fognatura Allegato 2 Norme Tecniche 1 1. Allacciamenti 3 1.1. Modalità di esecuzione 3 2. Impianti

Dettagli

ALLACCIAMENTO ALLA PUBBLICA FOGNATURA ACQUE NERE DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE - INFORMAZIONI

ALLACCIAMENTO ALLA PUBBLICA FOGNATURA ACQUE NERE DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE - INFORMAZIONI NULLAOSTA ALLO SCARICO DELLE ACQUE REFLUE DOMESTICHE ALLEGATO INFORMATIVO Area territoriale Saccisica ALLACCIAMENTO ALLA PUBBLICA FOGNATURA ACQUE NERE DI ACQUE REFLUE DOMESTICHE - INFORMAZIONI 1 RIFERIMENTI

Dettagli

progetto per la regolamentazione per il servizio di fognatura intercomunale.

progetto per la regolamentazione per il servizio di fognatura intercomunale. C O M U N E D I S T A R A N Z A N O (Provincia di Gorizia) progetto per la regolamentazione per il servizio di fognatura intercomunale. CAPO I - SCARICI DOMESTICI E METEORICI Art. 1 - ALLACCIAMENTI ALLA

Dettagli

Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura. Scarichi Acque Reflue Domestiche

Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura. Scarichi Acque Reflue Domestiche Libretto di informazioni Per realizzare l allacciamento alla pubblica fognatura Scarichi Acque Reflue Domestiche 1- Informazioni per le opere di allacciamento alla pubblica fognatura 2- Procedura Edifici

Dettagli

COMUNE DI PORDENONE UFFICIO TUTELA ACQUE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE

COMUNE DI PORDENONE UFFICIO TUTELA ACQUE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE COMUNE DI PORDENONE UFFICIO TUTELA ACQUE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA E DEPURAZIONE Regolamento approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 504 del 16.07.1985, ravvisata immune da

Dettagli

CITTÀ DI VENARIA REALE Provincia di Torino

CITTÀ DI VENARIA REALE Provincia di Torino CITTÀ DI VENARIA REALE Provincia di Torino REGOLAMENTO PER IMMISSIONI NELLE FOGNATURE COMUNALI Aggiornato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. del - adottato dal Consiglio Comunale nella seduta

Dettagli

Regolamento per il servizio delle fognature. [Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 396 del 6/10/1977]

Regolamento per il servizio delle fognature. [Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 396 del 6/10/1977] Regolamento per il servizio delle fognature [Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 396 del 6/10/1977] CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art.1 Obbligo di immissione in fogna Tutti gli scoli delle

Dettagli

COMUNE DI AZZATE. Provincia di Varese REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA

COMUNE DI AZZATE. Provincia di Varese REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA COMUNE DI AZZATE Provincia di Varese REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA Approvato con delib. C.C. n. 18 del 28.02.94 Pubblicato all albo pretorio dal 23.3.94 per 15 gg. consecutivi Ripubblicato all

Dettagli

54031 Avenza Carrara (MS) - SETTORE FOGNATURE BIANCHE - Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALL ALLACCIO ALLA PUBBLICA FOGNATURA PER ACQUE PIOVANE.

54031 Avenza Carrara (MS) - SETTORE FOGNATURE BIANCHE - Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALL ALLACCIO ALLA PUBBLICA FOGNATURA PER ACQUE PIOVANE. Spett. le Amia spa 54031 Avenza Carrara (MS) - SETTORE FOGNATURE BIANCHE - Oggetto: RICHIESTA DI AUTORIZZAZIONE ALL ALLACCIO ALLA PUBBLICA FOGNATURA PER ACQUE PIOVANE. Il sottoscritto nato il / / a Prov.

Dettagli

a) strumenti musicali e loro accessori destinati alla didattica ordinaria e alle produzioni;

a) strumenti musicali e loro accessori destinati alla didattica ordinaria e alle produzioni; REGOLAMENTO INTERNO PER LA GESTIONE DEGLI STRUMENTI E DELLE APPARECCHIATURE MUSICALI DI PROPRIETA DEL CONSERVATORIO DI MUSICA G. PIERLUIGI DA PALESTRINA DI CAGLIARI, (art. 14, comma 4 del D.P.R. 28 febbraio

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 61 del 17/03/2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CONCESSIONE DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER POSA DI POZZETTI SIFONATI E RELATIVE TUBAZIONI

Dettagli

BOZZA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUSTO ARSIZIO E IL COMUNE DI SAMARATE

BOZZA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUSTO ARSIZIO E IL COMUNE DI SAMARATE BOZZA DI CONVENZIONE TRA IL COMUNE DI BUSTO ARSIZIO E IL COMUNE DI SAMARATE Accordo per il conferimento dei reflui fognari provenienti dal comune di Samarate e confluenti nel collettore esistente di via

Dettagli

COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE

COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE COMUNE DI COMABBIO Provincia di Varese REGOLAMENTO FOGNATURA COMUNALE Art. 1 - PREMESSA Gli articoli che compongono il presente regolamento, ancorchè prevedano oneri a carico degli utenti del servizio

Dettagli

Presiede la seduta il sig. Avv. Marco CAVICCHIOLI nella sua qualità di Sindaco e sono presenti i seguenti sigg.ri:

Presiede la seduta il sig. Avv. Marco CAVICCHIOLI nella sua qualità di Sindaco e sono presenti i seguenti sigg.ri: C I T T À DI B I E L L A ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 323 DEL 28.09.2015 OGGETTO: PATRIMONIO - CONCESSIONE PRECARIA ALLA PREFETTURA DI BIELLA DELLO STABILE DENOMINATO EX SCUOLA ELEMENTARE

Dettagli

COMUNE DI ALATRI. Provincia di Frosinone REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DELLE FOGNATURE

COMUNE DI ALATRI. Provincia di Frosinone REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DELLE FOGNATURE COMUNE DI ALATRI Provincia di Frosinone REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DELLE FOGNATURE CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto e scopo del regolamento 1. Il presente regolamento disciplina lo

Dettagli

Regolamento per la fognatura degli edifici privati

Regolamento per la fognatura degli edifici privati Regolamento per la fognatura degli edifici privati (Deliberazione del Podestà del 9 agosto 1941, n. 1990; Modificato ed integrato con deliberazione della Giunta Municipale N. 131 del 4 giugno 1973) CAPITOLO

Dettagli

COMUNE DI MASCALUCIA (PROVINCIA DI CATANIA)

COMUNE DI MASCALUCIA (PROVINCIA DI CATANIA) COMUNE DI MASCALUCIA (PROVINCIA DI CATANIA) Piazza L. Da Vinci n. 1 cap. 95030 Tel. 095754211 fax 0957542219 Numero verde: 800253352 AREA SERVIZI TECNICO OPERATIVI E PRODUTTIVI Prot. n. 30011 del 06/11/2015

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE N. _289_ del 21/12/2006 Pubblicata all albo pretorio il 28/12/2006 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: APPROVAZIONE DEGLI INDIRIZZI IN MERITO ALLA ATTIVITA DI VERIFICA

Dettagli

Art. 26 Art. 27 Art. 28 Art. 29 Art. 30 Capitolo VIII Disposizioni diverse Art. 31 Art. 32 CAPITOLO I NORME GENERALI

Art. 26 Art. 27 Art. 28 Art. 29 Art. 30 Capitolo VIII Disposizioni diverse Art. 31 Art. 32 CAPITOLO I NORME GENERALI COMUNE DI NAPOLI Regolamento per la fognatura degli edifici privati (Il presente Regolamento completa, nei riguardi della fognatura della città, le disposizioni dei regolamenti municipali vigenti, edilizio,

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI

CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI CONTRATTO DI LOCAZIONE IMMOBILE ADIBITO AD USO DIVERSO DA QUELLO DI ABITAZIONE POSTI AUTO SITI IN REGISTRO SCRITTURE PRIVATE N REP. N. L anno duemila, il giorno del mese di, in Novate Milanese presso e

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE

REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE REGOLAMENTO PER L USO DELLA PALESTRA COMUNALE Art. 1. PRINCIPI GENERALI E FINALITA 1) Il presente regolamento ha lo scopo di salvaguardare le strutture e identificare chiaramente le modalità per l utilizzo

Dettagli

DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA DEGLI SPECCHI E DELLA SALA CONSILIARE DEL PALAZZO DI CITTA.

DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA DEGLI SPECCHI E DELLA SALA CONSILIARE DEL PALAZZO DI CITTA. DISCIPLINARE PER LA CONCESSIONE IN USO DELLA SALA DEGLI SPECCHI E DELLA SALA CONSILIARE DEL PALAZZO DI CITTA. Art. 1 Oggetto del Disciplinare Il presente disciplinare regola l uso dei locali di proprietà

Dettagli

C O M U N E D I C A S T E N A S O Provincia di Bologna VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O M U N E D I C A S T E N A S O Provincia di Bologna VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O M U N E D I C A S T E N A S O Provincia di Bologna VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE ATTO n. 34 del 25/02/2010 OGGETTO: LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE ESTERNA DELLE FACCIATE CON CAPPOTTO TERMICO

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA PROVINCIA DI CAGLIARI DISCIPLINARE CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DI LOCALI COMUNALI

COMUNE DI CAPOTERRA PROVINCIA DI CAGLIARI DISCIPLINARE CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DI LOCALI COMUNALI COMUNE DI CAPOTERRA PROVINCIA DI CAGLIARI DISCIPLINARE CONCESSIONE IN USO TEMPORANEO DI LOCALI COMUNALI 1 INDICE GENERALE: Art. 1 OGGETTO DEL DISCIPLINARE Art. 2 STRUTTURE Art. 3 SOGGETTI Art. 4 RICHIESTA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA TUTELA IGIENICO-SANITARIA DEL SERVIZIO PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI 2 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2 ART.

REGOLAMENTO PER LA TUTELA IGIENICO-SANITARIA DEL SERVIZIO PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI 2 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2 ART. REGOLAMENTO PER LA TUTELA IGIENICO-SANITARIA DEL SERVIZIO PER LO SMALTIMENTO DEI RIFIUTI 2 ART. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2 ART. 2 - TUTELA SANITARIA DEL PERSONALE ADDETTO AL SERVIZIO 2 ART. 3 - DISINFEZIONE

Dettagli

COMUNE DI PANCHIA Provincia di Trento REGOLAMENTO SERVIZIO DI SPAZZACAMINO

COMUNE DI PANCHIA Provincia di Trento REGOLAMENTO SERVIZIO DI SPAZZACAMINO COMUNE DI PANCHIA Provincia di Trento REGOLAMENTO SERVIZIO DI SPAZZACAMINO Adottato con deliberazione consiliare nr. 290 del 25.01.1985 Modificato con deliberazione consiliare nr. 113 dd. 21.10.2004, nr.

Dettagli

COMUNE DI SAN SALVO. Provincia di Chieti VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE

COMUNE DI SAN SALVO. Provincia di Chieti VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE COMUNE DI SAN SALVO Provincia di Chieti UNO DEI 100 COMUNI DELLA PICCOLA GRANDE ITALIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE Data 13/01/2014 N. 2 OGGETTO: INCENTIVI PER LA RISTRUTTURAZIONE DELLE

Dettagli

COMUNE DI SALUGGIA ************************ VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 85 *********************************

COMUNE DI SALUGGIA ************************ VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 85 ********************************* COMUNE DI SALUGGIA ************************ VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 85 ********************************* OGGETTO: Saluggia Social Card Determinazioni per la concessione dei prestiti

Dettagli

Statuto BSI SA BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873. Indice. I. Ragione sociale, sede e scopo della società 1. II. Capitale azionario, azioni 1

Statuto BSI SA BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873. Indice. I. Ragione sociale, sede e scopo della società 1. II. Capitale azionario, azioni 1 BANCHIERI SVIZZERI DAL 1873 Statuto BSI SA 19 aprile 2012 Indice I. Ragione sociale, sede e scopo della società 1 II. Capitale azionario, azioni 1 III. Organi della società 2 IV. Conti annuali, riserve

Dettagli

Art. 2 Strumenti destinati alla didattica e alle produzioni.

Art. 2 Strumenti destinati alla didattica e alle produzioni. REGOLAMENTO INTERNO PER LA GESTIONE DEGLI STRUMENTI MUSICALI, DELLE APPARECCHIATURE TECNOLOGICHE E DELLA DOTAZIONE DELLE AULE DEL CONSERVATORIO DI MUSICA G. VERDI DI COMO. (art. 14, comma 4 del D.P.R.

Dettagli

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991)

REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) REGOLAMENTO CONSIGLIO NAZIONALE CONSULENTI LAVORO (In vigore dal 1 febbraio 1991) CAPO I DELLA COSTITUZIONE E DEL FUNZIONAMENTO DEL CONSIGLIO NAZIONALE ART. 1 Insediamento del Consiglio - Entrata in carica

Dettagli

REGOLAMENTO EDILIZIO. Approvato dal Lod. Dipartimento dell'interno in data 13 giugno 1986. Regolamento Edilizio pag. 1

REGOLAMENTO EDILIZIO. Approvato dal Lod. Dipartimento dell'interno in data 13 giugno 1986. Regolamento Edilizio pag. 1 REGOLAMENTO EDILIZIO Approvato dal Lod. Dipartimento dell'interno in data 13 giugno 1986 Regolamento Edilizio pag. 1 I N D I C E Art. 1 Generalità Art. 2 Domande di costruzione Art. 3 Locali Art. 3 bis

Dettagli

COMUNE DI CARMIANO PROVINCIA DI LECCE

COMUNE DI CARMIANO PROVINCIA DI LECCE N. 47 COMUNE DI CARMIANO PROVINCIA DI LECCE DELIBERAZIONE ORIGINALE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Deliberazione della Giunta Regionale 22 ottobre 2012, n. 2077. Concessione finanziamento regionale relativo

Dettagli

N. 24 REGISTRO DELIBERAZIONI COMUNE DI CASTELL ARQUATO Provincia di Piacenza ... ADUNANZA URGENTE DI PRIMA CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA

N. 24 REGISTRO DELIBERAZIONI COMUNE DI CASTELL ARQUATO Provincia di Piacenza ... ADUNANZA URGENTE DI PRIMA CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA N. 24 REGISTRO DELIBERAZIONI COMUNE DI CASTELL ARQUATO Provincia di Piacenza ADUNANZA URGENTE DI PRIMA CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE... OGGETTO: OPERAZIONE

Dettagli

COMUNE DI MESE Provincia di Sondrio

COMUNE DI MESE Provincia di Sondrio COPIA COMUNE DI MESE Provincia di Sondrio N 38 registro delibere DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Oggetto: Servizio di segreteria comunale. Approvazione del nuovo schema di Convenzione fra i Comuni

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 71 DEL 07.10.2014. Comodato d uso locali dell ambulatorio medico comunale. Approvazione.

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 71 DEL 07.10.2014. Comodato d uso locali dell ambulatorio medico comunale. Approvazione. Comune di San Nazzaro Sesia Provincia di Novara ORIGINALE/COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 71 DEL 07.10.2014 OGGETTO: Comodato d uso locali dell ambulatorio medico comunale. Approvazione.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI INTERVENTI NEL SOTTOSUOLO DI PROPRIETA COMUNALE ALLEGATI. Comune di Follonica

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI INTERVENTI NEL SOTTOSUOLO DI PROPRIETA COMUNALE ALLEGATI. Comune di Follonica REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DI INTERVENTI NEL SOTTOSUOLO DI PROPRIETA COMUNALE Deliberazione del Consiglio Comunale n. 44 dell 8 maggio 2000 ALLEGATI Comune di Follonica Al Sig. Sindaco del Comune di

Dettagli

REGOLAMENTO TUTELA IGIENICO-SANITARIA SERVIZIO SMALTIMENTO RIFIUTI

REGOLAMENTO TUTELA IGIENICO-SANITARIA SERVIZIO SMALTIMENTO RIFIUTI REGOLAMENTO TUTELA IGIENICO-SANITARIA SERVIZIO SMALTIMENTO RIFIUTI Approvato con delibera di C.C. n.28 del 12/09/1983 Art.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente regolamento ha per oggetto la tutela igienico-sanitaria

Dettagli

REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART.

REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART. REGOLAMENTO TIPO PER L AUTOGESTIONE DEI SERVIZI ACCESSORI E DEGLI SPAZI COMUNI RELATIVI AGLI ALLOGGI DI EDILIZIA RESIDENZIALE PUBBLICA ART.1 ( Oggetto dell autogestione ) Gli assegnatari in locazione semplice

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO CITTÀ DI MOGLIANO VENETO Provincia di Treviso R E G O L A M E N T O PER LA SOMMINISTRAZIONE DEL GAS (Approvato con deliberazione di C.C. n. 69/1986) 1 ART. 1) ENTE GESTORE - NORME PER LA FORNITURA - SISTEMA

Dettagli

Regolamento comunale acqua potabile

Regolamento comunale acqua potabile Regolamento comunale acqua potabile I. Disposizioni generali Art. 1 - Scopo del regolamento Il presente regolamento disciplina la costruzione, l esercizio, la manutenzione e il finanziamento delle installazioni

Dettagli

2. Bilancio al 31 dicembre 2014, relazioni del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale; deliberazioni relative -

2. Bilancio al 31 dicembre 2014, relazioni del Consiglio di Amministrazione e del Collegio Sindacale; deliberazioni relative - Assemblea ordinaria 24 aprile 2015 prima convocazione 27 aprile 2015 seconda convocazione Relazione del Consiglio di Amministrazione sulle materie all ordine del giorno redatta ai sensi dell art. 125-ter

Dettagli

COMUNE DI LONDA (Provincia di Firenze)

COMUNE DI LONDA (Provincia di Firenze) 1 COMUNE DI LONDA (Provincia di Firenze) Regolamento per l utilizzo di autoveicoli e macchine operatrici Approvato con atto consiliare n 86 del 30.11.2006 1 2 ART. 1 Norma di carattere generale La gestione

Dettagli

CITTÀ DI VITTORIO VENETO MEDAGLIA D ORO AL V.M.

CITTÀ DI VITTORIO VENETO MEDAGLIA D ORO AL V.M. COPIA Imp./Acc. 315 del 16/04/2015 N. 69 reg. Delib. CITTÀ DI VITTORIO VENETO MEDAGLIA D ORO AL V.M. Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: ASSEGNAZIONE AREA PER COSTRUZIONE CAPPELLA DI

Dettagli

COMUNE DI CINTE TESINO PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI CINTE TESINO PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI CINTE TESINO PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI PULIZIA CAMINI ISTITUZIONE DEL SERVIZIO Art. 1 Agli effetti della regolare manutenzione delle canne fumarie e conseguente prevenzione

Dettagli

COMUNE DI ACCETTURA Provincia di Matera

COMUNE DI ACCETTURA Provincia di Matera COMUNE DI ACCETTURA Provincia di Matera REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEGLI AUTOMEZZI COMUNALI (Approvato con delibera di C.C. n.34 del 37/11/2009 ) ARTICOLO 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1. Il presente Regolamento

Dettagli

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE

ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Presentazione del progetto ALLACCIO ALLA FOGNATURA ESECUZIONE UTENTE Contestualmente alla domanda il richiedente è tenuto a presentare in DUPLICE copia e su supporto informatico la seguente documentazione,

Dettagli

COMUNE DI ALTOPASCIO

COMUNE DI ALTOPASCIO COMUNE DI ALTOPASCIO PROVINCIA DI LUCCA C.A.P. 55011 tel. 0583 / 216455 c.f. 00197110463 CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO per affidamento incarico del servizio di brokeraggio assicurativo 1 INDICE ART.1 Oggetto

Dettagli

AGESCI Regione Lombardia REGOLAMENTO DELL ASSEMBLEA REGIONALE PER DELEGATI

AGESCI Regione Lombardia REGOLAMENTO DELL ASSEMBLEA REGIONALE PER DELEGATI AGESCI Regione Lombardia REGOLAMENTO DELL ASSEMBLEA REGIONALE PER DELEGATI Aprile 2006 Premessa L Assemblea Regionale delegata è attualmente disciplinata dall art.39 dello Statuto AGESCI e a livello regionale

Dettagli

C O MUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani

C O MUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani C O MUNE DI PANTELLERIA Provincia di Trapani COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 142 del Reg. DATA: 21/11/2012 OGGETTO: Estinzione anticipata mutui contratti con la cassa depositi e prestiti.

Dettagli

Comune di Vetto Prov. di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE

Comune di Vetto Prov. di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE Comune di Vetto Prov. di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA NEI CIMITERI DEL COMUNE Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 40 del 30/11/2010 I N D I C

Dettagli

Allegato 2 Prescrizioni tecniche per la realizzazione degli allacciamenti alla pubblica fognatura

Allegato 2 Prescrizioni tecniche per la realizzazione degli allacciamenti alla pubblica fognatura REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SEZIONE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE Allegato 2 Prescrizioni tecniche per la realizzazione degli allacciamenti alla pubblica fognatura Approvato dall'assemblea

Dettagli

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SEZIONE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione Approvato dall'assemblea

Dettagli

COMUNE DI CANICATTINI BAGNI Provincia di Siracusa

COMUNE DI CANICATTINI BAGNI Provincia di Siracusa COMUNE DI CANICATTINI BAGNI Provincia di Siracusa COPIA ORDINANZA DEL SINDACO N. 8 DEL 16-10-2014 - Registro Generale n. 43 Ufficio proponente: SETT. 3^ - UFFICIO TECNICO Oggetto: ORDINANZA RELATIVA AL

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEI CIMITERI COMUNALI Approvato con Deliberazione C.C. n. 21 del 9/6/2011 In vigore dal 3 luglio 2011 1 I N D I C E Art. 1 - Oggetto

Dettagli

COMUNE DI OLCENENGO. Provincia di Vercelli. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 12 del 26/05/2015

COMUNE DI OLCENENGO. Provincia di Vercelli. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 12 del 26/05/2015 COPIA COMUNE DI OLCENENGO Provincia di Vercelli VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 12 del 26/05/2015 OGGETTO: RINEGOZIAZIONE MUTUI CASSA DEPOSITI E PRESTITI L anno DUEMILAQUINDICI addì

Dettagli

COMUNE DI CASALNOCETO Provincia di Alessandria DELIBERAZIONE N. 21 *********** COPIA

COMUNE DI CASALNOCETO Provincia di Alessandria DELIBERAZIONE N. 21 *********** COPIA COMUNE DI CASALNOCETO Provincia di Alessandria DELIBERAZIONE N. 21 *********** COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE del giorno 27 Agosto 2014 OGGETTO: INCARICO LEGALE PER RECUPERO CREDITI

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. (stipulato ai sensi dell art.2, comma 1, L.9 dicembre 1998, n.431)

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. (stipulato ai sensi dell art.2, comma 1, L.9 dicembre 1998, n.431) CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO (stipulato ai sensi dell art.2, comma 1, L.9 dicembre 1998, n.431) TRA: la Signora ROSSI MARIA nata a ROMA (RM) il 03/08/1966 domiciliata in ROMA (RM), VIA DELLE

Dettagli

COMUNE DI GIAGLIONE PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SALONE POLIVALENTE IN FRAZ. SAN GIUSEPPE N.115

COMUNE DI GIAGLIONE PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SALONE POLIVALENTE IN FRAZ. SAN GIUSEPPE N.115 COMUNE DI GIAGLIONE PROVINCIA DI TORINO REGOLAMENTO PER L UTILIZZO DEL SALONE POLIVALENTE IN FRAZ. SAN GIUSEPPE N.115 Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. del 1 ART. 1 Oggetto 1.1. II presente

Dettagli

FERA DI USEI CANZO(CO) REGOLAMENTO GENERALE

FERA DI USEI CANZO(CO) REGOLAMENTO GENERALE FERA DI USEI CANZO(CO) REGOLAMENTO GENERALE ART. 1 - Manifestazione Fera di Usei La F.I.D.C. sezione di Canzo, nel rispetto e fatto salvo quanto previsto dalla normativa in materia di commercio, col presente

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI CALOLZIOCORTE Provincia di Lecco Codice Ente 10046 N.65 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Registro Deliberazioni OGGETTO: CONCESSIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE VOTIVA DEI CIMITERI

Dettagli

COMUNE DI COLOGNO AL SERIO Provincia di Bergamo

COMUNE DI COLOGNO AL SERIO Provincia di Bergamo COMUNE DI COLOGNO AL SERIO Provincia di Bergamo Deliberazione n. 102 del 25.09.2007 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: CORSI DI EDUCAZIONE PERMANENTE DEGLI ADULTI ANNO SCOLASTICO 2007/08

Dettagli

INDICE TITOLO I SI FA RINVIO AL VIGENTE REGOLAMENTO DELL AUTORITA D AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE ALTO VENETO TITOLO II

INDICE TITOLO I SI FA RINVIO AL VIGENTE REGOLAMENTO DELL AUTORITA D AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE ALTO VENETO TITOLO II INDICE TITOLO I SI FA RINVIO AL VIGENTE REGOLAMENTO DELL AUTORITA D AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE ALTO VENETO TITOLO II SI FA RINVIO AL VIGENTE REGOLAMENTO DELL AUTORITA D AMBITO TERRITORIALE OTTIMALE ALTO

Dettagli

COMUNE DI CASTEL SAN PIETRO TERME Provincia di Bologna

COMUNE DI CASTEL SAN PIETRO TERME Provincia di Bologna COMUNE DI CASTEL SAN PIETRO TERME Provincia di Bologna Deliberazione n. 129 COPIA Cat. 4 Cl. 9 Fasc. 2 Prot. n. 0020288 del 25/10/2013 / Cg VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: CONVENZIONE

Dettagli

COMUNE DI PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA

COMUNE DI PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA COMUNE DI PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI FOGNATURA Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 97 di data 26/10/1986 Entrato in vigore 21/11/1986 (Seduta G.P. del 21/11/1986

Dettagli

BANDO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE DEI SOGGETTI PRIVATI

BANDO PER L'EROGAZIONE DI CONTRIBUTI A FAVORE DEI SOGGETTI PRIVATI Area V - Gestione del territorio Servizio Politiche Ambientali Via A. Costa n. 12 40062 Molinella (Bo) Tel. 051/690.68.62-77 Fax 051/690.03.46 ambiente@comune.molinella.bo.it Indice ART. 1 (FINALITÀ)..........

Dettagli

REGOLAMENTO INTERNO PER LA GESTIONE DEGLI STRUMENTI AD ARCO DI PREGIATA LIUTERIA DI PROPRIETA DEL CONSERVATORIO DIMUSICA G.

REGOLAMENTO INTERNO PER LA GESTIONE DEGLI STRUMENTI AD ARCO DI PREGIATA LIUTERIA DI PROPRIETA DEL CONSERVATORIO DIMUSICA G. REGOLAMENTO INTERNO PER LA GESTIONE DEGLI STRUMENTI AD ARCO DI PREGIATA LIUTERIA DI PROPRIETA DEL CONSERVATORIO DIMUSICA G. VERDI DI COMO (art. 14, comma 4 del D.P.R. 28 febbraio 2003, n. 132) Testo proposto

Dettagli

SCHEMA ACCORDO PER LA CONCESSIONE DI DIRITTI DI USO SU INFRASTRUTTURE FRA. Il Comune di Ponte di Piave di seguito denominato Comune, con

SCHEMA ACCORDO PER LA CONCESSIONE DI DIRITTI DI USO SU INFRASTRUTTURE FRA. Il Comune di Ponte di Piave di seguito denominato Comune, con SCHEMA ACCORDO PER LA CONCESSIONE DI DIRITTI DI USO SU INFRASTRUTTURE FRA Il Comune di Ponte di Piave di seguito denominato Comune, con sede in Ponte di Piave Piazza G. Garibaldi n 1, C.F. 80011510262

Dettagli

COMUNE DI PAGNO PROVINCIA DI CUNEO REGIONE PIEMONTE

COMUNE DI PAGNO PROVINCIA DI CUNEO REGIONE PIEMONTE COMUNE DI PAGNO PROVINCIA DI CUNEO REGIONE PIEMONTE Regolamento per la concessione in uso dei locali comunali - Approvato con deliberazione del Consiglio comunale n.3 in data 17 febbraio 2009, divenuta

Dettagli

COMUNE DI PORDENONE DIRETTIVA PER IL SERVIZIO ISPETTIVO CONTROLLO IMPIANTI SPORTIVI DI PROPRIETA COMUNALE MODALITA ATTUAZIONE SERVIZIO

COMUNE DI PORDENONE DIRETTIVA PER IL SERVIZIO ISPETTIVO CONTROLLO IMPIANTI SPORTIVI DI PROPRIETA COMUNALE MODALITA ATTUAZIONE SERVIZIO COMUNE DI PORDENONE DIRETTIVA PER IL SERVIZIO ISPETTIVO CONTROLLO IMPIANTI SPORTIVI DI PROPRIETA COMUNALE MODALITA ATTUAZIONE SERVIZIO Direttiva approvata con deliberazione della Giunta comunale n. 381

Dettagli

PROVINCIA DI MASSA-CARRARA

PROVINCIA DI MASSA-CARRARA PROVINCIA DI MASSA-CARRARA SETTORE/STAFF Settore 3: Viabilità - Programmazione Territoriale - TPL/trasporti - Ambiente - Protezione civile DETERMINAZIONE n. 972 DEL 01/06/2016 OGGETTO: Sp.19 Olivola località

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI POSA LAPIDE MORTUARIA CON CONTORNI TOMBA Ai sensi dell art. 36 del Regolamento di Polizia Mortuaria

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI POSA LAPIDE MORTUARIA CON CONTORNI TOMBA Ai sensi dell art. 36 del Regolamento di Polizia Mortuaria li / /20 MARCA DA BOLLO 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI CLES COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI POSA LAPIDE MORTUARIA CON CONTORNI TOMBA Ai sensi dell art. 36 del Regolamento di Polizia Mortuaria Il/La

Dettagli

C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE

C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE C.C. n.15 del 9.06.2008: REGOLAMENTO COMUNALE DI ILLUMINAZIONE VOTIVA APPROVAZIONE. IL CONSIGLIO COMUNALE Attesa la necessità di approvare un nuovo testo del Regolamento Comunale di Illuminazione Votiva,

Dettagli

Convenzione di privativa

Convenzione di privativa Convenzione di privativa per la distribuzione di energia elettrica fra il Comune di Verdabbio e la Azienda elettrica del comune di Cama in seguito denominata Azienda elettrica comunale Cama abbreviato:

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE PER IMMOBILI AD USO DIVERSO DALL ABITAZIONE

CONTRATTO DI LOCAZIONE PER IMMOBILI AD USO DIVERSO DALL ABITAZIONE CONTRATTO DI LOCAZIONE PER IMMOBILI AD USO DIVERSO DALL ABITAZIONE Art. 1 Con la presente scrittura privata da valersi ad ogni effetto di legge tra le parti, la ditta individuale xxxx di xxxxx Claudia,

Dettagli

2 - Il carattere della mobilità dell attrezzatura non è escluso dalla circostanza che la medesima sia collegata al suolo in modo non precario.

2 - Il carattere della mobilità dell attrezzatura non è escluso dalla circostanza che la medesima sia collegata al suolo in modo non precario. 1 Regolamento per la concessione delle aree disponibili per l installazione dei Circhi, delle Attività dello spettacolo viaggiante e dei Parchi di divertimento. ART. 1 - SCOPO DEL REGOLAMENTO 1- Il presente

Dettagli

Presiede la seduta il sig. Avv. Marco CAVICCHIOLI nella sua qualità di Sindaco e sono presenti i seguenti sigg.ri:

Presiede la seduta il sig. Avv. Marco CAVICCHIOLI nella sua qualità di Sindaco e sono presenti i seguenti sigg.ri: C I T T À DI B I E L L A ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 340 DEL 12.10.2015 OGGETTO: PATRIMONIO - CONCESSIONE IN COMODATO, AL CONSORZIO INTERCOMUNALE SERVIZI SOCIO ASSISTENZIALI (IRIS)

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI LOCULI CIMITERIALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI LOCULI CIMITERIALI REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI LOCULI CIMITERIALI Adottato con Delibera di Consiglio Comunale N 60 del 30 luglio 2008 Articolo 1 Oggetto del Regolamento Il presente Regolamento disciplina i

Dettagli

Provincia di Modena. Deliberazione della Giunta Comunale

Provincia di Modena. Deliberazione della Giunta Comunale COMUNE DI SAVIGNANO SUL PANARO Provincia di Modena Deliberazione della Giunta Comunale N. 71 del 07/05/2014 OGGETTO: CAMPAGNA DI CENSIMENTO DEGLI ELEMENTI EDILIZI CONTENENTI AMIANTO. PROVVEDIMENTI FINALIZZATI

Dettagli

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI circoscrizione del Tribunale di Catania CATANIA

ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI circoscrizione del Tribunale di Catania CATANIA REGOLAMENTO PER LA RISCOSSIONE DEI CONTRIBUTI ANNUALI DI ISCRIZIONE ALL ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DI CATANIA PREMESSA Il presente Regolamento si propone di normare la

Dettagli

N. 100 CITTA' DI TORINO SERVIZIO CENTRALE CONSIGLIO COMUNALE RACCOLTA DEI REGOLAMENTI MUNICIPALI REGOLAMENTO PER LE IMMISSIONI NELLE FOGNE (CANALI

N. 100 CITTA' DI TORINO SERVIZIO CENTRALE CONSIGLIO COMUNALE RACCOLTA DEI REGOLAMENTI MUNICIPALI REGOLAMENTO PER LE IMMISSIONI NELLE FOGNE (CANALI N. 100 CITTA' DI TORINO SERVIZIO CENTRALE CONSIGLIO COMUNALE RACCOLTA DEI REGOLAMENTI MUNICIPALI REGOLAMENTO PER LE IMMISSIONI NELLE FOGNE (CANALI NERI) E NEGLI ACQUEDOTTI SOTTERRANEI (CANALI BIANCHI)

Dettagli

REGOLAMENTO ASSEMBLEARE DELLA BANCA POPOLARE FRIULADRIA S.P.A. CAPO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI. Art. 1 Ambito di applicazione

REGOLAMENTO ASSEMBLEARE DELLA BANCA POPOLARE FRIULADRIA S.P.A. CAPO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI. Art. 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO ASSEMBLEARE DELLA BANCA POPOLARE FRIULADRIA S.P.A. CAPO I DISPOSIZIONI PRELIMINARI Art. 1 Ambito di applicazione 1. Lo svolgimento dell assemblea ordinaria e straordinaria dei soci della Banca

Dettagli

CONTRATTO 1. DISPOSIZIONI GENERALI

CONTRATTO 1. DISPOSIZIONI GENERALI CONTRATTO tra il Sig... codice fiscale... residente in... proprietario di (*)...di cui dispone dei libero uso, sito in... e il Sig... residente in... nella qualifica di... dell impresa... codice fiscale...

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l istituzione della. CONSULTA PROVINCIALE delle Associazioni di VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE

PROVINCIA DI LECCE. Regolamento per l istituzione della. CONSULTA PROVINCIALE delle Associazioni di VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE PROVINCIA DI LECCE Regolamento per l istituzione della CONSULTA PROVINCIALE delle Associazioni di VOLONTARIATO DI PROTEZIONE CIVILE Regolamento Consulta Provinciale delle Associazioni di Volontariato di

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA Provincia di Verona VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 47 O G G E T T O ISTITUZIONE DEL REGISTRO COMUNALE PER LA CREMAZIONE AI SENSI DELL ART. 48 DELLA LEGGE

Dettagli

COMUNE DI VILLAREGGIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI VILLAREGGIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA ALBO COMUNE DI VILLAREGGIA Provincia di Torino VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 9 OGGETTO : AUTORIZZAZIONE ALLA REALIZZAZIONE DEGLI INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA E REALIZZAZIONE

Dettagli

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione

Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione REGOLAMENTO DEL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO SEZIONE C SERVIZI FOGNATURA E DEPURAZIONE Allegato 1 Moduli richiesta allacciamento ed esonero da pagamento degli oneri di fognatura e depurazione Approvato dall'assemblea

Dettagli

COMUNE DI CARNAGO. (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di distribuzione di gas. naturale per uso domestico e civile

COMUNE DI CARNAGO. (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di distribuzione di gas. naturale per uso domestico e civile COMUNE DI CARNAGO (Provincia di Varese) Regolamento per il servizio di distribuzione di gas naturale per uso domestico e civile Approvato con deliberazione di C.C. n. 15 del 12.03.1982 COMUNE DI CARNAGO

Dettagli

Comune di Castelfidardo

Comune di Castelfidardo Comune di Castelfidardo REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DEL SERVIZIO DI ILLUMINAZIONE LAMPADE VOTIVE NEL CIMITERO DEL COMUNE DI CASTELFIDARDO - Delibera Consiglio Comunale n 22 del 23/03/2004 - Indice:

Dettagli