APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO SALE DA GIOCO E GIOCHI LECITI. Il Presidente Guerello Giorgio Il Vice Segretario Generale Vicario De Nitto Graziella

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO SALE DA GIOCO E GIOCHI LECITI. Il Presidente Guerello Giorgio Il Vice Segretario Generale Vicario De Nitto Graziella"

Transcript

1 DELIBERAZIONE APPROVATA DAL CONSIGLIO COMUNALE NELLA SEDUTA PUBBLICA DI PRIMA CONVOCAZIONE DEL 30/04/2013 DCC APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO SALE DA GIOCO E GIOCHI LECITI Presiede: Assiste: Il Presidente Guerello Giorgio Il Vice Segretario Generale Vicario De Nitto Graziella Al momento della deliberazione risultano presenti (P) ed assenti (A) i Signori: 1 Guerello Giorgio Presidente P 2 Doria Marco Sindaco P 3 Anzalone Stefano Consigliere A 4 Balleari Stefano Consigliere P 5 Baroni Mario Consigliere P 6 Bartolini Maddalena Consigliere P 7 Boccaccio Andrea Consigliere P 8 Brasesco Pier Claudio Consigliere A 9 Bruno Antonio Carmelo Consigliere P 10 Burlando Emanuela Consigliere P 11 Campora Matteo Consigliere P 12 Canepa Nadia Consigliere P 13 Caratozzolo Salvatore Consigliere A 14 Chessa Leonardo Consigliere P 15 De Benedictis Francesco Consigliere P 16 De Pietro Stefano Consigliere P 17 Farello Simone Consigliere P 18 Gioia Alfonso Consigliere P 19 Gozzi Paolo Consigliere P 20 Grillo Guido Consigliere P 21 Lauro Lilli Consigliere P 22 Lodi Cristina Consigliere P 23 Malatesta Gianpaolo Consigliere P 24 Mazzei Salvatore Consigliere A 25 Muscara' Mauro Consigliere P 26 Musso Enrico Consigliere P 27 Musso Vittoria Emilia Consigliere A 28 Nicolella Clizia Consigliere P 29 Padovani Lucio Valerio Consigliere P 30 Pandolfo Alberto Consigliere P

2 31 Pastorino Gian Piero Consigliere P 32 Pederzolli Marianna Consigliere P 33 Pignone Enrico Consigliere P 34 Putti Paolo Consigliere P 35 Repetto Paolo Pietro Consigliere A 36 Rixi Edoardo Consigliere P 37 Russo Monica Consigliere P 38 Salemi Pietro Consigliere P 39 Vassallo Giovanni Consigliere P 40 Veardo Paolo Consigliere A 41 Villa Claudio Consigliere P E pertanto complessivamente presenti n. 34 componenti del Consiglio. Sono presenti alla seduta, oltre il Sindaco, gli Assessori: 1 Bernini Stefano 2 Boero Pino 3 Crivello Giovanni Antonio 4 Dagnino Anna Maria 5 Fiorini Elena 6 Garotta Valeria 7 Oddone Francesco 8 Sibilla Carla

3 DIREZIONE SVILUPPO ECONOMICO Proposta di Deliberazione N DL-80 del 22/03/2013 APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO SALE DA GIOCO E GIOCHI LECITI Il Presidente pone in discussione la proposta della Giunta al Consiglio n. 11 del (omissis) Il Presidente, ricordato che la pratica è già stata oggetto di trattazione in sede di Commissione, comunica che sono pervenute modifiche proposte dalla Giunta, di seguito riportate: Nota prot.n del09/04/2013: Con riferimento alla deliberazione in oggetto si richiedono le seguenti modifiche relative al testo dell allegato Regolamento Sale da Gioco e Giochi Leciti. Al fine di rendere coerenti le definizioni e semplificare le verifiche di competenza, è opportuno adeguare l elenco dei luoghi sensibili, di cui all art.7 punti 5) e 6) del presente Regolamento, alle definizioni indicate nel Sistema dei Servizi Pubblici (SIS.S) del P.U.C. adottato con D.C.C. n.92/2011 apportando le seguenti modifiche: All art. 7 LOCALIZZAZIONI E REQUISITI DEI LOCALI (pag. 6.) i punti: 5) stabilimenti balneari 6) parchi comunali con verde attrezzato Sono sostituiti dai seguenti: 5) attrezzature balneari e spiagge 6) giardini, parchi e spazi pubblici attrezzati Per maggiore chiarezza è modificato il comma 3, in quanto il regolamento intende regolamentare l ubicazione delle sale giochi e non quella degli sportelli bancari o postali. Il nuovo comma 3 è pertanto formulato come segue: 3. Al fine di tutela della salute pubblica, per evitare che la disponibilità immediata di denaro contante costituisca incentivo al gioco, all interno del locale non potranno essere presenti sportelli bancari, postali o bancomat e non potranno essere aperte sale nel raggio di 100 metri da sportelli bancari, postali o bancomat. Al fine di semplificare l applicazione della norma anche in vista di future modifiche delle realtà commerciali: 1

4 All art.7 comma 6 l ultimo capoverso -nei chioschi su suolo pubblico oggetto di Concessione rilasciata per rivendita di giornali e riviste o somministrazione. E sostituito dal seguente: -nei chioschi su suolo pubblico Per rendere più coerente il testo Il comma 8 dell art.7 viene eliminato e spostato all art.19. Di conseguenza il comma 9 diventa comma 8, il comma 10 diventa comma 9, il comma 11 diventa comma 10. Al fine di dare coerenza e uniformità al testo el regolamento All art.7 comma 9 (ex comma 10) le ultime due voci -i regolamenti locali di Polizia Urbana e i regolamenti edilizi; -le norme del Piano Urbanistico Comunale (PUC) Sono sostituite dalle seguenti: - i regolamenti locali di Polizia Urbana; -la normativa urbanistica edilizia vigente Al fine di estendere a tutte le attività possibili su suolo pubblico il divieto di cui all art.19 NEW SLOT, il comma 4: 4. Gli apparecchi e congegni di cui al presente articolo non possono, in alcun caso, essere installati negli esercizi pubblici, qualora gli stessi si trovino all interno di ospedali, luoghi di cura, scuole od istituti scolastici ovvero all interno delle pertinenze di luoghi di culto; nei locali di proprietà della Civica Amministrazione e delle società partecipate, anche se concessi o locati a terzi; in esercizi insistenti su area pubblica rilasciata in concessione per rivendita di giornali e riviste o dehor. E sostituito dal seguente: 4.Gli apparecchi e congegni di cui al presente articolo non possono, in alcun caso, essere installati negli esercizi pubblici, qualora gli stessi si trovino all interno di ospedali, luoghi di cura, scuole od istituti scolastici ovvero all interno delle pertinenze di luoghi di culto; nei locali di proprietà della Civica Amministrazione e delle società partecipate, anche se concessi o locati a terzi; in esercizi insistenti su area pubblica rilasciata in concessione, compresi i dehor. Al fine di rendere coerente il testo, al comma 6 dell art.19 segue il comma 7 sotto riportato: 7. Al titolare di somministrazione che detiene giochi all interno del proprio locale non sono rilasciate concessioni di occupazione suolo pubblico. Al fine di esplicitare con maggiore chiarezza l arco di tempo in cui non devono essere utilizzati gli apparecchi da gioco, all art. 20 PRESCRIZIONI GENERALI il Comma 7: - Dopo le ore 21 gli apparecchi da gioco devono essere disattivati. E sostituito dal seguente: Dopo le ore 21 e fino alle ore 9,00 gli apparecchi da gioco devono essere disattivati. Al fine di correggere un errore materiale di battitura all ART.25 SANZIONI il comma 2: 2.Le violazioni delle disposizioni della legge regionale n.17 sono come previsto dall art.3 della stessa legge. E sostituito dal seguente: 2

5 2.Le violazioni delle disposizioni della legge regionale n.17 sono punite come previsto dall art.3 della stessa legge. All art. 25 comma terzo sono espunte le parole fatta salva la facoltà della Giunta Comunale di rideterminarlo in modo inferiore successivamente con atto non regolamentare. Nota prot.n del11/04/2013: Con riferimento alla deliberazione in oggetto e ad integrazione della ns. precedente nota prot del , a seguito del recepimento delle osservazioni dei Municipi, si richiedono le seguenti modifiche relative al testo dell allegato Regolamento Sale da Gioco e Giochi Leciti. All art. 2 FINALITA E PRINCIPI GENERALI : al comma 1 aggiungere: nonché la dequalificazione territoriale e del valore degli immobili. al comma 3 punto b2. aggiungere: con particolare riferimento alla necessità di contenere i rischi derivanti dal fenomeno della sindrome da gioco patologico e dall effetto che questi potrebbero avere nel contesto familiare; All art.6 DEFINIZIONE DI SALA PUBBLICA DA GIOCO Il comma 1: 1. Si intende per sala pubblica da gioco, in seguito denominata anche sala giochi, un esercizio composto da uno o più locali, in cui siano messi a disposizione della clientela una gamma di giochi leciti (biliardo, apparecchi automatici o semiautomatici da gioco di vario tipo, bowling ecc.) e/o altre apparecchiature per intrattenimento,(ad esclusione di quelle che possano configurarsi quale forma di spettacolo) quali, a titolo esemplificativo ma non esaustivo: sale dedicate alle VLT, sale scommesse, sale bingo negozi dedicati al gioco. Va sostituito con il seguente: 1. Si intende per sala pubblica da gioco, in seguito denominata anche sala giochi, un esercizio composto da uno o più locali, la cui attività prevalente sia mettere a disposizione della clientela una gamma di giochi leciti (biliardo, apparecchi automatici o semiautomatici da gioco di vario tipo, bowling ecc.) e altre apparecchiature per intrattenimento,(ad esclusione di quelle che possano configurarsi quale forma di spettacolo) quali, a titolo esemplificativo ma non esaustivo: sale dedicate alle VLT, sale scommesse, sale bingo negozi dedicati al gioco. All art.7 7 LOCALIZZAZIONI E REQUISITI DEI LOCALI Al comma 1, punto 1 va aggiunto: sedi e strutture universitarie Il comma 2: 3

6 2. I luoghi di cui ai numeri 5) e 6) del comma precedente sono espressamente individuati dal presente regolamento del Comune di Genova come luoghi sensibili ai sensi dell art. 2 comma 2 della Legge Regionale 30 aprile 2012 n. 17. Va sostituito con il seguente: 2. I luoghi di cui ai numeri 1) sedi e strutture universitarie, 5) e 6) del comma precedente sono espressamente individuati dal presente regolamento del Comune di Genova come luoghi sensibili ai sensi dell art. 2 comma 2 della Legge Regionale 30 aprile 2012 n. 17. All art.9 Prescrizioni di esercizio e divieti Il comma 7: Per la sostituzione di un apparecchio da gioco nell ambito della stessa tipologia è sufficiente inviare al SUAP il Nulla Osta dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e la loro matricola identificativa. E sostituito dal seguente: 7. Il titolare dell esercizio commerciale, del locale ovvero del punto di offerta del gioco con vincite in denaro identifica i minori di età mediante richiesta di esibizione di un documento di identità, tranne nei casi in cui la maggiore età sia manifesta. Di conseguenza il vecchio comma 7 si mantiene e diventa comma 8 e la numerazione dei commi scorre progressivamente. Al comma 14 va aggiunto: Sono inoltre vietate le esposizioni esterne al locale di cartelli, manoscritti e/o proiezioni che pubblicizzano vincite temporali appena accadute o storiche. All art.16 UTILIZZO DEGLI APPARECCHI:PRESCRIZIONI E DIVIETI All art.1 vengono eliminate: la lettera b), la lettera f) e la lettera g) All art.17 INFORMAZIONE AL PUBBLICO Il comma 5: 5.I cartelli dovranno avere le dimensioni minime del formato A4 (mm.210x297 secondo lo standard ISO 216) e dovranno essere scritti in italiano e inglese in caratteri chiaramente leggibili; E sostituito dal seguente: 5.I cartelli dovranno avere le dimensioni minime del formato A4 (mm.210x297 secondo lo standard ISO 216) e dovranno essere scritti in italiano, inglese, francese, spagnolo, albanese, rumeno, arabo e cinese in caratteri chiaramente leggibili; 4

7 All art.19 NEW SLOT Il comma 4: 4.Gli apparecchi e congegni di cui al presente articolo non possono, in alcun caso, essere installati negli esercizi pubblici, qualora gli stessi si trovino all interno di ospedali, luoghi di cura, scuole od istituti scolastici, ovvero all interno delle pertinenze di luoghi di culto; nei locali di proprietà della Civica Amministrazione e delle società partecipate, anche se concessi o locati a terzi; in esercizi insistenti su area pubblica rilasciata in concessione, compresi i dehor E sostituito dal seguente: 4.Gli apparecchi e congegni di cui al presente articolo non possono, in alcun caso, essere installati negli esercizi pubblici, qualora gli stessi si trovino all interno di ospedali, luoghi di cura, scuole od istituti scolastici, sedi e strutture universitarie, ovvero all interno delle pertinenze di luoghi di culto; nei locali di proprietà della Civica Amministrazione e delle società partecipate, anche se concessi o locati a terzi; in esercizi insistenti su area pubblica rilasciata in concessione, compresi i dehor. Inoltre non possono essere installati all interno di circoli privati, sedi di associazioni, Società di Mutuo Soccorso e Pubbliche assistenze, non autorizzati alla somministrazione ai sensi dell art.86 del TULPS. Nota prot.n del22/04/2013 Con riferimento alla deliberazione in oggetto e ad integrazione delle ns. precedenti note prot del e prot dell , si chiede di introdurre nel testo della deliberazione prima del dispositivo e dopo il capoverso che inizia con le parole: ravvisata l opportunità di un terzo capoverso del seguente tenore: Dato atto che sono stati acquisiti i pareri favorevoli dei Municipi i quali hanno inoltre formulato richieste di integrazione e/o modifica riassunte nell allegato schema che forma parte integrante e sostanziale del presente provvedimento, nel quale sono inoltre evidenziate le richieste accolte e le motivazioni che impediscono il recepimento delle restanti. Nella frase Dato atto altresì che la proposta di regolamento è stata illustrata ai componenti della Consulta permanente sul Gioco con premi in denaro in data 18 marzo 2013; per mero errore materiale è stato scritto 18 marzo 2013 anziché 19 marzo 2013, pertanto si chiede modificare con la data corretta. Si chiedono inoltre le seguenti modifiche relative al testo dell allegato Regolamento Sale da Gioco e Giochi Leciti. Modifica all art. 18: viene introdotta una modifica volta a precisare che gli orari di apertura e chiusura delle sale giochi sono stabiliti con Ordinanza Sindacale, ma che gli orari fissati nel Regolamento sono vincolanti solo per le sale da gioco nelle quali sono posti a disposizione del pubblico apparecchi automatici che consentono vincite in denaro. Pertanto la formulazione definitiva dell art. 18 è la seguente: Art.18 ORARI 5

8 1. L orario di attività delle sale pubbliche da gioco è fissato dal Sindaco con apposita ordinanza. Per le sale da gioco ove sono messi a disposizione del pubblico giochi o scommesse che consentono vincite in denaro, nei limiti delle seguenti fasce orarie: a) apertura non prima delle ore antimeridiane; b) chiusura non oltre le ore Nell ambito di tali limiti il titolare della licenza ha facoltà di scegliere il proprio orario di apertura e di chiusura dandone comunicazione scritta al Servizio Attività Produttive del Comune. 3. La chiusura infrasettimanale e festiva sono facoltative, se non diversamente disciplinate dall Ordinanza del Sindaco. 4. L orario adottato dovrà essere reso noto al pubblico con l esposizione di apposito cartello nel quale dovranno anche essere riportati gli estremi della comunicazione inoltrata al Comune 5. Fatta salva l applicazione delle norme del Codice penale, del Codice civile ed in materia di inquinamento acustico, in caso di necessità, connessa al ricorrente e comprovato disturbo alla quiete pubblica ed inquinamento acustico e nelle altre ipotesi previste dall articolo 54, comma 3 del D.lgs. 18 agosto 2000 n. 267, il Sindaco dispone, anche per singole attività, la riduzione dell orario di chiusura serale delle sale pubbliche da gioco e/o il divieto di utilizzo di apparecchi da gioco rumorosi in particolari orari della giornata. 6. La riduzione dell orario di cui al comma precedente è disposta dal Sindaco per un periodo: a) di giorni sette, per la prima volta in cui viene accertato il disturbo alla quiete pubblica; b) di giorni quindici, in caso di secondo accertamento di disturbo alla quiete pubblica commesso nello stesso anno; c) di mesi tre, per ogni successivo accertamento al secondo del disturbo alla quiete pubblica, indipendentemente dall arco temporale di tale accertamento rispetto al precedente. Modifica all art. 19: Al comma 3 lettera a) vengono soppresse le parole stabilimenti balneari in quanto, ai sensi dell art. 7, sono luoghi sensibili nei quali non è ammessa l installazione di giochi con vincite in denaro. Al comma 5 viene aggiunto, dopo le parole dall art. 7, la frase comma 1 perché non si intende conformare completamente la disciplina delle sale giochi e quella dei giochi esercitati all interno di altri esercizi commerciali. In particolare a questa seconda fattispecie non si applica la distanza dai bancomat. Sono aggiunti due commi a partire dal n. 6 e conseguentemente rinumerati quelli successivi. Si tratta di disposizioni già presenti nell art. 20 e qui spostati per migliore disciplina della materia. Pertanto la formulazione dell art. 19 è la seguente: ART.19 NEW SLOT 1. Il presente articolo disciplina gli apparecchi previsti dall art. 110 comma 6 lettera a) del TULPS comunemente detti new slot. 2. Detti apparecchi, dotati di attestato di conformità alle disposizioni vigenti rilasciato dal Ministero dell economia e delle finanze - Amministrazione autonoma dei Monopoli di Stato e obbligatoriamente collegati alla rete telematica di cui all articolo 14-bis, comma 4, del decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 640, e successive modificazioni, si attivano con l introduzione di moneta metallica ovvero con appositi strumenti di pagamento elettronico definiti con provvedimenti del Ministero dell economia e delle finanze - Amministrazione autonoma dei 6

9 monopoli di Stato, nei quali insieme con l elemento aleatorio sono presenti anche elementi di abilità, che consentono al giocatore la possibilità di scegliere, all avvio o nel corso della partita, la propria strategia, selezionando appositamente le opzioni di gara ritenute più favorevoli tra quelle proposte dal gioco, il costo della partita non supera 1 euro, la durata minima della partita è di quattro secondi e che distribuiscono vincite in denaro, ciascuna comunque di valore non superiore a 100 euro, erogate dalla macchina. Le vincite, computate dall apparecchio in modo non predeterminabile su un ciclo complessivo di non più di partite, devono risultare non inferiori al 75 per cento delle somme giocate. In ogni caso tali apparecchi non possono riprodurre il gioco del poker o comunque le sue regole fondamentali. 3. Relativamente agli apparecchi e congegni automatici, semiautomatici ed elettronici di cui al comma precedente è necessaria l autorizzazione prevista dall art. 86 TULPS secondo le modalità previste dall articolo 1 comma secondo della L.R n. 17: a) per l installazione negli esercizi già autorizzati ai sensi dell art.86 del TULPS per la somministrazione di alimenti e bevande, alberghi. b) per l installazione in esercizi commerciali, artigianali, rivendite di tabacchi, edicole, c) per l installazione in internet point, phone center, anche se già autorizzati ai sensi dell art.88 del TULPS. 4.Gli apparecchi e congegni di cui al presente articolo non possono, in alcun caso, essere installati negli esercizi pubblici, qualora gli stessi si trovino all interno di ospedali, luoghi di cura, scuole od istituti scolastici, sedi e strutture universitarie, ovvero all interno delle pertinenze di luoghi di culto; nei locali di proprietà della Civica Amministrazione e delle società partecipate, anche se concessi o locati a terzi; in esercizi insistenti su area pubblica rilasciata in concessione, compresi i dehor. Inoltre non possono essere installati all interno di circoli privati, sedi di associazioni, Società di Mutuo Soccorso e Pubbliche assistenze, non autorizzati alla somministrazione ai sensi dell art.86 del TULPS. 5. L autorizzazione, ai sensi dell art.2 della L.R. 17/12, non viene concessa nel caso di ubicazione non conforme a quanto previsto dall art.7, comma Non possono installarsi apparecchi di trattenimento e svago, come definiti dall art. 110 T.U.L.P.S. ai commi 6 e 7 in aree appositamente destinate e allestite individuate all interno dei locali di somministrazione. 7. Nei circoli privati l area in cui vengono installati gli apparecchi di cui sopra deve essere funzionalmente separata da quella di somministrazione. 8. E facoltà del SUAP predisporre ogni altro accertamento e richiedere eventuale altra documentazione integrativa che ritenesse necessaria ai fini della sicurezza, dell ordine pubblico, della quiete della collettività e per motivi igienico-sanitari. 9. Al titolare di somministrazione che detiene giochi all interno del proprio locale non sono rilasciate concessioni di occupazione suolo pubblico. Modifica all art. 20: viene riformulato come segue per maggior aderenza al disposto della normativa nazionale. ART. 20 PRESCRIZIONI GENERALI 1. In nessun caso è consentita l installazione degli apparecchi da gioco all esterno dei locali ad eccezione dei giochi riservati esclusivamente ai bambini. 2. Dopo le ore e fino alle ore 9,00 gli apparecchi da gioco che consentono vincite in denaro, non possono essere lasciati a disposizione del pubblico. 7

10 Modifica all art.21: al comma 7 è introdotto un chiarimento rispetto alla durata dell autorizzazione del seguente tenore: fermo restando quanto previsto in materia di rinnovo dal successivo articolo 22. Modifica all art. 23: al titolo e alla fine del comma 1 viene aggiunta la voce biliardi e al comma 2 dopo L installazione viene aggiunto: di uno o più biliardi e. Conseguentemente l esatta formulazione dell art.23 è la seguente: ART.23 APPARECCHI DA DIVERTIMENTO SENZA VINCITA IN DENARO E BILIARDI 1.apparecchi di cui all art. 110, comma 7 lett. a) del TULPS: apparecchi e congegni per il gioco lecito di tipo elettromeccanico, privi di monitor attraverso i quali il giocatore esprime la sua abilità fisica, mentale o strategica, attivabili unicamente con l'introduzione di monete metalliche, di valore complessivo non superiore, per ciascuna partita, a 1,00, che distribuiscono, direttamente e immediatamente dopo la conclusione della partita, premi consistenti in prodotti di piccola oggettistica, non convertibili in denaro o scambiabili con premi di diversa specie. In tal caso il valore complessivo di ogni premio non è superiore a venti volte il costo della partita; detti apparecchi non possono riprodurre il gioco del poker o, comunque, anche in parte, le sue regole fondamentali; apparecchi di cui all art. 110, comma 7 lett. c) del TULPS: apparecchi e congegni per il gioco lecito basati sulla sola abilità fisica, mentale o strategica, che non distribuiscono premi, per i quali la durata della partita può variare in relazione all'abilità del giocatore e il costo della singola partita può essere superiore a 0,50; detti apparecchi non possono riprodurre il gioco del poker o, comunque, anche in parte, le sue regole fondamentali. Apparecchi di cui all art.110, comma 7 lett.c-bis) del TULPS: quelli, meccanici ed elettromeccanici differenti dagli apparecchi di cui alle lettere a) e c), attivabili con moneta, con gettone ovvero con altri strumenti elettronici di pagamento e che possono distribuire tagliandi direttamente e immediatamente dopo la conclusione della partita. Apparecchi di cui all art.110, comma 7 lett.c-ter) del TULPS: quelli, meccanici ed elettromeccanici, per i quali l accesso al gioco è regolato senza introduzione di denaro ma con utilizzo a tempo o a scopo Biliardi 2.L installazione di uno o più biliardi e degli apparecchi di cui al presente articolo è soggetta alla presentazione di Segnalazione Certificata Inizio Attività, con la finalità di prendere atto della volontà dell esercizio del gioco e consentire al comune di avere dati aggiornati. La SCIA va inoltrata in via esclusivamente telematica al SUAP, corredata di tutti i documenti indicati sul modello. Tutta la corrispondenza verrà inviata dal SUAP via posta elettronica certificata (PEC) all indirizzo PEC del soggetto che ha provveduto all invio telematico della pratica. (omessa la discussione) A questo punto il Presidente pone in votazione gli emendamenti nn proposti dal consigliere Rixi (L.N.L.) di seguito riportati: Emendamento n. 4: 8

11 Art. 14 Revoca, Decadenza, Sospensione dell autorizzazione - Comma 4: modificare il punto b) con le parole: 30 giorni nel secondo caso di abuso. Emendamento n. 5: Art. 14 Revoca, Decadenza, Sospensione dell autorizzazione : Modificare l ordine dei commi 4 e 5. Emendamento n. 6: Art. 14 Revoca, Decadenza, Sospensione dell autorizzazione Comma 2: Aggiungere punto c) quando al titolare per due volte nell arco di 12 mesi viene assegnata la sospensione di cui al comma 4. Al momento della votazione sono presenti, oltre al Sindaco Doria, i consiglieri: Balleari, Baroni, Bartolini, Boccaccio, Bruno, Burlando, Campora, Canepa, Chessa, De Benedictis, De Pietro, Farello, Gioia, Gozzi, Guerello, Lauro, Lodi, Malatesta, Muscarà, Musso E., Nicolella, Padovani, Pandolfo, Pastorino, Pederzolli, Pignone, Putti, Rixi, Russo, Salemi, Vassallo, Villa, in numero di 33. Esito della votazione sugli emendamenti, fatta mediante l utilizzo del sistema elettronico di rilevazione dei voti e con l assistenza dei consiglieri Malatesta, Muscarà, Salemi: approvati all unanimità. (omissis) A questo punto il Presidente pone in votazione gli emendamenti nn proposti dal consigliere Rixi (L.N.L.) di seguito riportati: Emendamento n. 9: Art Informazione al pubblico Comma 4: dopo le parole se non accompagnati aggiungere le parole da un familiare o altro parente maggiorenne. Emendamento n. 10: Art. 18 Orari. Modificare il comma 1b) nel seguente modo: chiusura non oltre le ore Emendamento n. 11: Art Prescrizioni generali: Modificare il comma 2 nel seguente modo: Dopo le ore Al momento della votazione sono presenti, oltre al Sindaco Doria, i consiglieri: Balleari, Baroni, Bartolini, Boccaccio, Bruno, Burlando, Campora, Canepa, Chessa, De Benedictis, De Pietro, Farello, Gioia, Gozzi, Guerello, Lauro, Lodi, Malatesta, Muscarà, Musso E., Nicolella, Padovani, Pandolfo, Pastorino, Pederzolli, Pignone, Putti, Rixi, Russo, Salemi, Vassallo, Villa, in numero di 33. Esito della votazione sugli emendamenti, fatta mediante l utilizzo del sistema elettronico di rilevazione dei voti e con l assistenza dei consiglieri Malatesta, Muscarà, Salemi: approvati all unanimità. (omissis) 9

12 A questo punto il Presidente pone in votazione l emendamento n. 14 proposto dai consiglieri Burlando, De Pietro, Putti, Muscarà, Boccaccio (Movimento 5 Stelle) di seguito riportato: Nell art. 7, comma 1, numero 6) aggiungere dopo parchi comunali con verde attrezzato e altri spazi verdi pubblici attrezzati. Al momento della votazione sono presenti, oltre al Sindaco Doria, i consiglieri: Balleari, Baroni, Bartolini, Boccaccio, Bruno, Burlando, Campora, Canepa, Chessa, De Benedictis, De Pietro, Farello, Gioia, Gozzi, Guerello, Lauro, Lodi, Malatesta, Muscarà, Musso E., Nicolella, Padovani, Pandolfo, Pastorino, Pederzolli, Pignone, Putti, Rixi, Russo, Salemi, in numero di 31. Esito della votazione sull emendamento, fatta mediante l utilizzo del sistema elettronico di rilevazione dei voti e con l assistenza dei consiglieri Malatesta, Muscarà, Salemi: approvato all unanimità. (omissis) A questo punto il Presidente pone in votazione l emendamento n. 18 proposto dai consiglieri Burlando, De Pietro, Putti, Muscarà, Boccaccio (Movimento 5 Stelle) di seguito riportato: Aggiungere all art. 17 il seguente comma 10: All esterno del locale ove esistessero indicazioni di vincite effettuate, devono essere riportati anche gli importi totali delle giocate relative a quella vincita. Al momento della votazione sono presenti, oltre al Sindaco Doria, i consiglieri: Balleari, Baroni, Bartolini, Boccaccio, Bruno, Burlando, Campora, Canepa, Chessa, De Benedictis, De Pietro, Farello, Gioia, Gozzi, Guerello, Lauro, Lodi, Malatesta, Muscarà, Musso E., Nicolella, Padovani, Pandolfo, Pastorino, Pederzolli, Pignone, Russo, Salemi, Villa, in numero di 30. Esito della votazione sull emendamento, fatta mediante l utilizzo del sistema elettronico di rilevazione dei voti e con l assistenza dei consiglieri Malatesta, Muscarà, Salemi: approvato all unanimità. A questo punto il Presidente pone in votazione l emendamento n. 19 (parte art. 14, art. 17, art. 22) proposto dai consiglieri Russo, Lodi, Pandolfo, Canepa, Gozzi, Villa, Vassallo, Farello (P.D.) di seguito riportato: Articolo 14 Nuova formulazione del comma 1 alla lett h), dopo titolare aggiungere: per recidiva e reiterazione si intende l inosservanza per due volte alla medesima disposizione. Nuova formulazione del comma 1 alla lett i), dopo titolare aggiungere: per recidiva e reiterazione si intende l inosservanza per due volte ad una medesima disposizione. Nuova formulazione del comma 1 alla lett j), dopo titolare aggiungere: per reiterazione si intendono almeno due accertamenti dei competenti organi di controllo. 10

13 Aggiungere al comma 2 lett B) dopo pubblico interesse: quali a titolo esemplificativo sicurezza urbana, quiete pubblica, viabilità (così come previsto dall art. 1 L.R.17/2012). Sostituire al comma 5: a) 7 giorni con 15 giorni b) 30 giorni con 60 giorni Articolo 17 Si propone di aggiungere il seguente comma quale comma 11 Gli esercenti sono tenuti altresì ad esporre in modo chiaramente visibile la percentuale di probabilità di vincita che il soggetto ha nel singolo gioco. Qualora la stessa percentuale non sia definibile, è indicata la percentuale storica per giochi similari. I cartelli devono avere dimensioni ed essere in numero tale da poter risultare facilmente visibili alla generalità dei giocatori. Articolo 22 Si propone di aggiungere al comma 1 dopo medesima legge: Tale termine varrà anche nel caso di trasferimento della proprietà o della gestione dell esercizio detentore di giochi. Al momento della votazione sono presenti i consiglieri: Balleari, Baroni, Bartolini, Boccaccio, Bruno, Burlando, Campora, Canepa, Chessa, De Benedictis, De Pietro, Farello, Gozzi, Lauro, Lodi, Malatesta, Muscarà, Musso E., Nicolella, Padovani, Pandolfo, Pastorino, Pederzolli, Pignone, Putti, Rixi, Russo, Salemi, Villa, in numero di 29. Esito della votazione sull emendamento, fatta mediante l utilizzo del sistema elettronico di rilevazione dei voti e con l assistenza dei consiglieri Malatesta, Muscarà, Salemi: approvato all unanimità. (omissis) A questo punto il Presidente pone in votazione l emendamento n. 21 proposto dal consigliere Pignone (Lista Doria) di seguito riportato: Art. 15 CARATTERISTICHE DEI GIOCHI. Al comma 3 dopo apparecchi telematici aggiungere la frase senza vincita in denaro. Eliminare il comma 4. Al momento della votazione sono presenti, oltre al Sindaco Doria, i consiglieri: Balleari, Baroni, Bartolini, Boccaccio, Bruno, Burlando, Campora, Canepa, Chessa, De Benedictis, De Pietro, Gioia, Gozzi, Guerello, Lauro, Lodi, Malatesta, Muscarà, Musso E., Nicolella, Padovani, Pandolfo, Pastorino, Pederzolli, Pignone, Rixi, Russo, Salemi, Villa, in numero di 30. Esito della votazione sull emendamento, fatta mediante l utilizzo del sistema elettronico di rilevazione dei voti e con l assistenza dei consiglieri Malatesta, Muscarà, Salemi: approvato con 27 voti favorevoli; 3 astenuti (P.D.L.: Balleari, Campora, Lauro). (omissis) 11

14 A questo punto il Presidente pone in votazione l emendamento n. 24 proposto dalla consigliera Lauro (P.D.L.) di seguito riportato: Articolo 7, comma 3: Dopo le parole sportelli postali o bancari aggiungere: né Agenzie di prestiti di pegno o attività in cui si eserciti l acquisto di oro, argento od oggetti preziosi. Al momento della votazione sono presenti, oltre al Sindaco Doria, i consiglieri: Balleari, Baroni, Bartolini, Boccaccio, Bruno, Burlando, Canepa, Chessa, De Pietro, Farello, Gozzi, Grillo, Guerello, Lauro, Lodi, Malatesta, Muscarà, Musso E., Nicolella, Padovani, Pandolfo, Pastorino, Pederzolli, Pignone, Putti, Rixi, Russo, Salemi, Vassallo, Villa, in numero di 31. Esito della votazione sull emendamento, fatta mediante l utilizzo del sistema elettronico di rilevazione dei voti e con l assistenza dei consiglieri Malatesta, Muscarà, Salemi: approvato all unanimità. (omissis) Il Presidente pone quindi in votazione la proposta della Giunta nel testo con gli allegati parte integrante, di seguito riportato, comprensivo degli emendamenti come sopra approvati, sui quali sono stati espressi i competenti pareri, e delle modifiche di Giunta come su indicate. L Assessore allo Sviluppo Economico Francesco Oddone di concerto con l Assessore alla Legalità e Diritti Elena Fiorini propone l adozione della seguente proposta al Consiglio: Premesso: - che il gioco con premi in denaro si sta diffondendo a livello capillare, non solo nel nostro Paese (soffrono di ludopatia circa un milione e mezzo di adulti) ma anche nella nostra città, confi - gurandosi come una piaga sociale capace di distruggere le vite dei giovani e delle famiglie che si indebitano finendo nel lastrico e talvolta nel giro dell usura, come è stato anche segnalato dalla Fondazione Antiusura nel corso dell audizione nella 5^ Commissione Consiliare del ; - che tra il 2005 e il 2010 si è osservato a livello nazionale un aumento del 165% delle istanze di accesso al fondo di solidarietà presentata dalle vittime di usura; - che ai sensi dell articolo 721 del Codice Penale sono giochi d azzardo quelli nei quali ricorre il fine di lucro e la vincita o la perdita è quasi interamente aleatoria ; l Amministrazione Autonoma dei Monopoli di Stato regola e controlla 22 tipologie di giochi autorizzati che rientrano nelle categorie del lotto, dei giochi numerici e di abilità, delle lotterie, del Bingo, degli apparecchi new slot, dei giochi a base sportiva e ippica; secondo Eurispes il gioco pubblico rappresenta la terza industria italiana; - che un indagine predisposta da Nomisma ha rilevato una larga diffusione del gioco con premi in denaro nel mondo giovanile: il 68% dei studenti intervistati ha dichiarato di aver avuto almeno un occasione di gioco, tra i minori di età tra i 15 e 19 anni la crescente diffusione del gio - co costituisce un grave rischio di dipendenza; 12

15 - che dal 2008 al 2009 la percentuale di studenti giocatori è aumentata dal 40 al 47 %; l aumento maggiore è tra le ragazze, passate dal 29 al 36 %, i maschi passano invece dal 53 al 57% (ricerca di Ifc-Cnr del 2009); tra questi, nonostante il divieto di legge, circa sono i minorenni corrispondenti al 43% dei giovani scolarizzati; - che il soggetto affetto da ludopatia perde il controllo della propria persona e la percezione della realtà, contrae debiti e per risanare la situazione debitoria accede a prestiti bancari cadendo talvolta nelle reti della criminalità; - che, in un momento di grave crisi economica, il gioco si sta configurando come una dipendenza che colpisce tutti ma soprattutto mette a rischio le fasce più deboli dai giovani, ai pensionati, ai disoccupati, alle casalinghe, come ha messo in evidenza recentemente il Censis; - che nel 2010 gli italiani hanno speso per giochi d azzardo e scommesse più di 61 miliardi di euro con un incremento del 13% rispetto all anno precedente e per il 2011 si stima che la spesa raggiungerà gli 80 miliardi; - che per quanto riguarda la città di Genova, secondo i dati del 2011, sono presenti più di 2000 esercizi con new slot e 70 sale con video lottery; - che la cultura del gioco e del facile guadagno, indotta abilmente dai mass media, condiziona gli stili di vita soprattutto nei giovani, influisce sullo sviluppo economico in quanto convoglia sul gioco e non, per esempio, sul commercio le risorse delle famiglie; - che in molti Comuni italiani si sono promosse iniziative contro la diffusione del gioco con premi in denaro, finalizzate in particolare alla prevenzione e alla definizione di limiti; Ravvisata la necessità di introdurre una disciplina regolamentare volta a contenere la diffusione del fenomeno del gioco con premi in denaro con tutte le conseguenze dal punto di vista sociale; Dato atto che: - gli esercizi dedicati al gioco con apparecchi denominati Videolottery (VLT), di cui all art.9 del decreto del Ministro dell Economia e delle finanze del , sono soggetti al regime autorizzatorio previsto dall art.88 del T.U.L.P.S. di competenza del Questore; - le sale gioco di cui alla art.86 del T.U.L.P.S. sono soggette al regime autorizzatorio del comune; - il P.U.C. adottato con deliberazione di Consiglio Comunale n.92 del pone dei vincoli all insediamento di sale da gioco polivalenti, sale scommesse e sale bingo e simili, escludendo in alcuni ambiti del territorio urbano la possibilità di insediamento di tali attività e statuendo, ove l insediamento è consentito, requisiti specifici, quali superficie minima, dotazione di idonei servizi igienici, la disponibilità di un posto auto ogni 20 mq di superficie; - la Regione Liguria ha emanato la legge n.17 Disciplina delle sale da gioco, nell ambito delle competenze spettanti alla regione in materia di tutela della salute e di politi- 13

16 che sociali, le cui finalità sono dirette a prevenire il vizio del gioco, anche se lecito, a tutelare determinate categorie di persone, oltrechè a contenere l impatto delle attività connesse all esercizio di sale da gioco sulla sicurezza urbana, sulla viabilità, sull inquinamento acustico e sulla quiete pubblica; - vige il Regolamento per il rilascio della licenza di Sala Giochi approvato con D.C.C. n.76 del , che disciplina il rilascio delle licenze di sala giochi, ai sensi dell art.86 del T.U.L.P.S. approvato con R.D n.773; - la legge regionale 17/2012 all art.1 comma 2 subordina l esercizio delle sale da gioco e il gioco lecito nei locali aperti al pubblico all autorizzazione del Sindaco del comune territorialmente competente; Considerato che: - una continua e non regolata apertura di locali da gioco non offre alcuna opportunità di arricchimento e di crescita per la porzione di territorio in cui l attività si insedia, provocando talvolta tensioni con i cittadini residenti; - la mancata regolamentazione delle sale da gioco nella loro totalità rischia di innescare sul territorio fenomeni di conflittualità trai cittadini con possibilità di attivare, tra gli stessi, meccanismi di intolleranza, facendo altresì venire meno i presupposti per avviare dei processi di integrazione e di convivenza civile, oggi così necessari per restituire maggiore serenità ai quartieri e ai loro abitanti; - è impegno di questa Civica Amministrazione tutelare l interesse collettivo, la legittima aspirazione di ogni individuo a vivere in un ambiente decoroso, scongiurare che il disagio dei cittadini e il degrado dell ambiente portino a episodi conflittuali che in taluni casi possono anche sfociare nel turbamento dell ordine pubblico; Ritenuto necessario adottare un nuovo Regolamento che disciplini la materia del gioco nel suo complesso e sostanzialmente preveda: - una distinzione tra i giochi con vincita in denaro, di cui all art.110 comma 6 lett.a) e b) del TULPS, per l esercizio dei quali è sempre previsto il rilascio dell autorizzazione comunale, anche quando sia già stata rilasciata la licenza del Questore prevista dall art.88 TULPS, e quelli che non erogano vincite in denaro di cui al comma 7 del su citato art.110 TULPS, che vengono assoggettati ad una semplice Segnalazione Certificata di Inizio Attività. - il rilascio dell autorizzazione in caso di nuova apertura e trasferimento, subordinata al rispetto della distanza di 300 mt dai luoghi sensibili, quali istituti scolastici di qualsiasi grado, luoghi di culto, impianti sportivi e centri giovanili o altri istituti frequentati principalmente da giovani o strutture residenziali o semiresidenziali operanti in ambito sanitario o socio-assistenziale, strutture ricettive, ed inoltre strutture ricettive per categorie protette. 14

17 - il locale individuato quale sito di sale da gioco o sale dedicate VLT, oltre al rispetto di quanto sopra indicato, deve trovarsi in un ambito in cui il PUC adottato preveda la funzione richiesta; deve avere una superficie minima di mq.100, essere dotato di servizi igienici e avere una dotazione di parcheggi per la clientela pari a un posto auto ogni 20 mq. di superficie. - anche l installazione di giochi di cui all art.110 comma 6 lett.a TULPS, ovvero le cosiddette new slot, all interno degli esercizi di somministrazione e delle altre attività commerciali è subordinata all ottenimento dell autorizzazione comunale. Dato atto altresì che la proposta di regolamento è stata illustrata ai componenti della Consulta permanente sul Gioco con premi in denaro in data 19 marzo 2013; Ritenuto necessario approvare il Regolamento Sale da Gioco e Giochi Leciti per il Comune di Genova; Visto l allegato parere in ordine alla regolarità tecnica espresso dal Responsabile del servizio competente ed il parere di legittimità del Segretario Generale; Atteso che la presente deliberazione non comporta alcuna assunzione di spesa e introito a carico del bilancio comunale né alcun riscontro contabile ex articolo 49, comma 1, della Legge 267/2000, né attestazione di copertura finanziaria ex art. 153, comma 5, della Legge 267/2000 e pertanto non è stata trasmessa per il visto di regolarità; 1. di dare mandato alla Giunta circa la necessità di acquisire il parere dei Municipi ed entro quale termine; 2. di approvare il Regolamento Sale da Gioco e Giochi Leciti, allegato e parte integrante del presente provvedimento (all. 1) 3. di mandare alla Direzione Sviluppo Economico per l applicazione e per la diffusione dello stesso Regolamento attraverso le Associazioni di Categoria interessate. Tutto quanto sopra premesso La Giunta - visto l art. 59 lett. c) del vigente Regolamento per il Decentramento e la Partecipazione Municipale ai sensi del quale il Consiglio Municipale, con propria deliberazione, esprime parere a richiesta della Giunta sui regolamenti comunali ; 15

18 - ravvisata l opportunità di acquisire il parere dei Municipi assegnando il termine ridotto di dieci giorni, ai sensi dell art. 60 co. 1 del sopra citato Regolamento, considerato quanto espresso in sede di premesse nella presente proposta che si intendono integralmente richiamate a motivazione dell urgenza; - dato atto che sono stati acquisiti i pareri favorevoli dei Municipi i quali hanno inoltre formulato richieste di integrazione e/o modifica riassunte nell allegato schema che forma parte integrante e sostanziale del presente provvedimento, nel quale sono inoltre evidenziate le richieste accolte e le motivazioni che impediscono il recepimento delle restanti. PROPONE al Consiglio Comunale 1. di approvare il Regolamento Sale da Gioco e Giochi Leciti, allegato e parte integrante del presente provvedimento (all. 1) 2. di mandare alla Direzione Sviluppo Economico per l applicazione e per la diffusione dello stesso Regolamento attraverso le Associazioni di Categoria interessate. La votazione, fatta mediante l utilizzo del sistema elettronico di rilevazione dei voti e con l assistenza dei consiglieri Malatesta, Muscarà, Salemi, dà il seguente risultato: Presenti in aula n. 34 consiglieri Votanti n. 24 Voti favorevoli n. 24 Voti contrari n. - Astenuti n. 6 (Gruppo Misto: Baroni, De Benedictis; U.D.C.: Gioia; Lista Musso: Musso E., Salemi; L.N.L.: Rixi) Presenti non votanti n. 4 (P.D.L.: Balleari, Campora, Grillo G., Lauro) Visto l esito della votazione il Presidente dichiara approvata dal Consiglio la proposta della Giunta. le. Il Presidente propone di dichiarare il presente provvedimento immediatamente eseguibi- Al momento della votazione sono presenti, oltre al Sindaco Doria, i consiglieri: Balleari, Baroni, Bartolini, Boccaccio, Bruno, Burlando, Campora, Canepa, Chessa, De Benedictis, De Pietro, Farello, Gioia, Gozzi, Grillo G., Guerello, Lauro, Lodi, Malatesta, Muscarà, Musso E., Nicolella, Padovani, Pandolfo, Pastorino, Pederzolli, Pignone, Putti, Russo, Salemi, Vassallo, Villa, in numero di

19 La dichiarazione di immediata eseguibilità della deliberazione in questione, mediante regolare votazione, fatta con l utilizzo del sistema elettronico di rilevazione dei voti e con l assistenza dei consiglieri Malatesta, Muscarà, Salemi, viene approvata con 24 voti favorevoli; 4 astenuti (Gruppo Misto: Baroni, De Benedictis; Lista Musso: Musso E., Salemi); 5 presenti non votanti (U.D.C.: Gioia; P.D.L.: Balleari, Campora, Grillo, Lauro). Il Presidente Avv. Giorgio Guerello Il Vice Segretario Generale Vicario Avv. Graziella De Nitto 17

20 CODICE UFFICIO: Proposta di Deliberazione N DL-80 DEL 22/03/2013 OGGETTO: APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO SALE DA GIOCO E GIOCHI LECITI ELENCO ALLEGATI PARTE INTEGRANTE 1) Regolamento sale da gioco e giochi leciti 2) Prospetto pareri Municipi Il Dirigente [Dott.ssa Luisa Gallo]

All Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato Ufficio Regionale del (1) /Sede distaccata di

All Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato Ufficio Regionale del (1) /Sede distaccata di ALLEGATO A Apparecchi meccanici o elettromeccanici Dichiarazione di liquidazione dell imposta sugli intrattenimenti (Da compilarsi a cura del gestore) All Amministrazione autonoma dei monopoli di Stato

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO COMUNE DI SOCCHIEVE Prov. Udine REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ATTIVITA DI ALLIETAMENTO, DI TRATTENIMENTO E DI PUBBLICO SPETTACOLO Approvato con deliberazione Del C.C. n 29 del 24/8/2007 REGOLAMENTO

Dettagli

dei cosiddetti ambienti dedicati

dei cosiddetti ambienti dedicati In risposta ad una richiesta di Sapar e con una propria circolare del 7 settembre l Amministrazione ha chiarito i vari dubbi interpretativi sugli ambienti dedicati introdotti dal Decreto del 22 gennaio

Dettagli

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI

SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI CITTÀ DI BARLETTA COMANDO POLIZIA MUNICIPALE SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE IN PUBBLICI ESERCIZI E CIRCOLI PRIVATI Descrizione : L apertura e il trasferimento di sede degli esercizi di somministrazione

Dettagli

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali

VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati. Le garanzie costituzionali VADEMECUM SUI CIRCOLI PRIVATI La disciplina della somministrazione nei circoli privati I circoli privati rappresentano, da sempre, un problema nella gestione delle attività di controllo sul territorio

Dettagli

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773.

SCIA valida anche ai fini dell art. 86 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, approvato con R.D. 18/6/1931, n. 773. Modulo di segnalazione certificata di inizio attività per la somministrazione di alimenti e bevande all' interno dei circoli privati da presentare in carta libera Spazio per apporre il timbro di protocollo

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

FAQ SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE - L.R. 38/2006 - DGR 85-13268/2010

FAQ SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE - L.R. 38/2006 - DGR 85-13268/2010 FAQ SOMMINISTRAZIONE ALIMENTI E BEVANDE - L.R. 38/2006 - DGR 85-13268/2010 D: Quale normativa occorre applicare nel caso di attività di somministrazione di alimenti e bevande all interno di una palestra

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO

PICCOLI TRATTENIMENTI MUSICALI O DIFFUSIONE SONORA NEI DEHORS E NELLE AREE DI PERTINENZA PRIVATE ANNESSE AI LOCALI DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO Dipartimento Economia e Promozione della Città Settore Attività Produttive e Commercio U.O. Somministrazione, manifestazioni, artigianato e ricettive 40129 Bologna Piazza Liber Paradisus, 10, Torre A -

Dettagli

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime.

Articolo 3, comma 3- Viene così riformulato Il Contrassegno è predisposto per una validità di cinque anni. Approvato unanime. 1 2 3 Preso atto, inoltre, che la I Commissione consiliare permanente - Affari Generali e Istituzionali con verbale del 29 settembre 2011, qui allegato, ha espresso parere favorevole, sulla proposta in

Dettagli

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI

COMUNE DI ROTTOFRENO Provincia di Piacenza SETTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: SE UFFICIO: COMMERCIO cod: ELENCO DEI PROCEDIMENTI rev.0 -data:pagina 1 di 10 TTORE: SVILUPPO ECONOMICO cod: 01 COM 1- Esercizio di vicinato: (Sup di vendita fino a 250 mq.) apertura, trasferimento di sede, ampliamento della superficie, subentro, cessazione,

Dettagli

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO

RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI TEMPORANEE DI PUBBLICO SPETTACOLO C O M U N E D I R O V E R B E L L A Via Solferino e San Martino, 1 46048 Roverbella Tel. 0376/6918220 Fax 0376/694515 PEC PROTOCOLLO : roverbella.mn@legalmail.it RICHIESTA RILASCIO LICENZA PER MANIFESTAZIONI

Dettagli

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34

C:\DOCUME~1\ascanim\IMPOST~1\Temp\Domino Web Access\34\schema SCIA pe.doc Pagina 1 di 34 TIMBRO PROTOCOLLO MODULO DI SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITA PER LA SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE (SUBINGRESSO NUOVA APERTURA (di cui art. 4 comma 5^ L.R. 14/2003) - CESSAZIONE VARIAZIONI

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e:

per la durata di seguito indicata: nel periodo dal al nella/e giornata/e: Marca da bollo 14,62 AL SIGNOR SINDACO DEL COMUNE DI BERTINORO OGGETTO: Richiesta licenza di spettacolo o trattenimento pubblici di cui all art. 68/ 69 del regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, a carattere

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007)

COMUNE DI NORMA. Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee. (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) COMUNE DI NORMA Regolamento Comunale per lo svolgimento di manifestazioni temporanee (approvato con delibera C.C. n 7 DEL 28/02/2007) Articolo 1 SCOPI DEL REGOLAMENTO 1. L Amministrazione Comunale, in

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014

DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 DELIBERAZIONE N X / 2525 Seduta del 17/10/2014 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA

AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA AL COMUNE DI PIAZZA ARMERINA Settore Attività Produttive 94015 - PIAZZA ARMERINA ESERCIZIO DI SOMMINISTRAZIONE AL PUBBLICO DI ALIMENTI E BEVANDE TIPOLOGIA C " art. 3 c. 6 SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G.

ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. ALLEGATO A) ALLA DELIBERAZIONE DI G.C. DEL COMUNE DI BRESCIA IN DATA 23.11.2005 N. 1178/45828 P.G. CRITERI E PROCEDURA PER IL RILASCIO DI CONCESSIONI DI OCCUPAZIONE SUOLO PUBBLICO PER L INSTALLAZIONE DI

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLO SVOLGIMENTO DELL ATTIVITA COMMERCIALE SULLE AREE PUBBLICHE. TITOLO I: Norme generali e mercati Articolo 1 Ambito di applicazione Articolo 2 Definizioni Articolo 3 Finalità

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

CABINA DI REGIA SPORTELLI UNICI DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DELLA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO & TAVOLO DI COORDINAMENTO UTENTI SUAP

CABINA DI REGIA SPORTELLI UNICI DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DELLA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO & TAVOLO DI COORDINAMENTO UTENTI SUAP CABINA DI REGIA SPORTELLI UNICI DELLE ATTIVITÀ PRODUTTIVE DELLA DELLA PROVINCIA DI BERGAMO & TAVOLO DI COORDINAMENTO UTENTI SUAP STANDARDIZZAZIONE PROCEDURE - NOTA 2/2014 Sommario CESSAZIONE ATTIVITÀ DI

Dettagli

IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni;

IL DIRETTORE. VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni; Prot. n. 4084 AGENZIA DELLE DOGANE E DEI MONOPOLI IL DIRETTORE VISTO il decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, e successive modificazioni; VISTO l articolo 12, comma 1, lettera m), del decreto-legge

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE

COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SUBINGRESSO NELL ESERCIZIO DELL ATTIVITÀ DI VENDITA SU AREE PUBBLICHE SIA DI TIPO A (su posteggi dati in concessione per dieci anni) SIA DI TIPO B (su qualsiasi area purché

Dettagli

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie

B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305. Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie B.U. 13 novembre 1998, n. 45, III Suppl. Straord. d.g.r. 2 novembre 1998, n. VI/39305 Adeguamento della V.I.A. Regionale alle Direttive Comunitarie LA GIUNTA REGIONALE Premesso: che con D.P.R. 12 aprile

Dettagli

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive

AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive Bollo 14,62 AL COMUNE DI RACALMUTO Sportello Unico per le Attività Produttive ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO MEDIE STRUTTURE DOMANDA DI AUTORIZZAZIONE (COM 4A - D.A. 8/5/2001) Ai sensi della L.r.

Dettagli

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE

COMUNICAZIONE EFFETTUAZIONE Esente da bollo N.B.: presentare almeno 10 giorni prima dell inizio SPAZIO PER ETICHETTA PROTOCOLLO COMUNALE Si consiglia di presentare in triplice copia di cui n.1 timbrata dall Ufficio PROTOCOLLO da

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ'

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' Mod. SCIA adeguato alla L.122/2010 ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI COSE ANTICHE/USATE SEGNALAZIONE CERTIFICATA DI INIZIO ATTIVITÀ' AL COMUNE DI Ai sensi e per gli effetti di cui all'art. 19 commi

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B

Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA' TIPO A TIPO B CODICE PRATICA *CODICE FISCALE* GGMMAAAA HH:MM Mod. Comunale (Modello 0047 Versione 002 2014) Segnalazione certificata di inizio attività (SCIA) Esercizi di commercio su aree pubbliche SUBINGRESSO IN ATTIVITA'

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001

ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 02-04-2001 (punto N. 35. ) Delibera N.349 del 02-04-2001 Proponente SUSANNA CENNI DIPARTIMENTO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Pubblicita

Dettagli

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi

ART. 1 Premessa. ART. 2 - Presupposti per il conferimento degli incarichi Allegato al Decreto del Direttore Generale n. 53.. del 04/02/14 REGOLAMENTO PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO EX ART. 15 SEPTIES DEL D.LGS. 502/92 AREA DIRIGENZA MEDICA E VETERINARIA E AREA DIRIGENZA

Dettagli

SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE VERSIONE SPERIMENTALE

SPORTELLO UNICO ATTIVITA PRODUTTIVE VERSIONE SPERIMENTALE 1 1. Cos è la Carta della qualità dei servizi La realtà sempre più completa ed articolata delle pubbliche amministrazioni, se da un lato consente di offrire servizi diversificati alla cittadinanza, dall

Dettagli

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVE DELLA LIGURIA 17.12.2012 N. 31

DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVE DELLA LIGURIA 17.12.2012 N. 31 Anno XLIII - N. 52 BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LIGURIA Parte II 27.12.2012 - pag. 1 Giovedì 27 Dicembre 2012 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO REGIONALE ASSEMBLEA LEGISLATIVE DELLA LIGURIA 17.12.2012

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale Protocollo N. del. Deliberazione N. del ASSESSORATO SERVIZI SOCIALI Proposta N. 66 del 24/03/2015 SERVIZIO SERVIZI SOCIALI Proposta di deliberazione che si sottopone all approvazione della Giunta Comunale

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO

COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO 6 Allegato 1 COMUNE DI FORLI' AREA PIANIFICAZIONE E SVILUPPO DEL TERRITORIO Servizio Pianificazione e Programmazione del Territorio Via delle Torri n. 13 47100 Forlì Unità Segreteria mariateresa.babacci@comune.forli.fo.it

Dettagli

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale COMUNE DI CESENA Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale Seduta del 31/07/2014 - delibera n. 57 OGGETTO: TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (IUC-TASI) - ALIQUOTE E ALTRE MISURE APPLICATIVE

Dettagli

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI

COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI Allegato 1 COMUNE DI ALCAMO PROVINCIA Dl TRAPANI REGOLAMENTO PER LA DOTAZIONE FINANZIARIA COMUNALE PER INTERVENTI DI MANUTENZIONE ORDINARIA E DI FUNZIONAMENTO IN FAVORE DEGLI ISTITUTI DI ISTRUZIONE PRIMARIA

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012)

FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) FUNZIONI FONDAMENTALI DEI COMUNI E MODALITA DI ESERCIZIO ASSOCIATO DI FUNZIONI E SERVIZI COMUNALI ( ART. 19 DL 95/2012) L art.19 del DL 95/2012 convertito, con modificazioni, dalla legge 7 agosto 2012,

Dettagli

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO)

SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) Al Comune di BRUINO SUAP Piazza Municipio 3 10090 BRUINO (TO) OGGETTO: SCIA di subingresso nell'esercizio dell'attività di commercio su aree pubbliche ai sensi dell art. 28, comma 12, del D.Lgs. n. 114/1998

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche

Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche COMUNE di ORISTANO Provincia di Oristano Assessorato ai Servizi Sociali Regolamento Centri di Aggregazione Sociale/Ludoteche Approvato con Delibera di C.C. n. 38 del 20.05.2014 1 INDICE TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA RUMOROSE (L.R. n 89/98 art 2.2, D.R. n 77/2000 Parte 3 e L. 447/95) Il Dirigente GEOL. ROBERTO FERRARI Approvato con deliberazione del C.C. n. 14 del 13/02/2008 1 TITOLO I DISPOSIZIONI

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica

SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica SETTORE TERRITORIO Servizio Urbanistica VARIANTE CONNESSA A S.U.A. IN ZONA C3 DEL VIGENTE PRG RELAZIONE E NORME DI ATTUAZIONE IL DIRIGENTE SETTORE TERRITORIO (Ing. Gian Paolo TRUCCHI) IL PROGETTISTA (Arch.

Dettagli

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI

LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI LA LEGGE QUADRO 447/95 E I DECRETI ATTUATIVI Luca Menini, ARPAV Dipartimento di Vicenza via Spalato, 14-36100 VICENZA e-mail: fisica.arpav.vi@altavista.net 1. INTRODUZIONE La legge 447 del 26/10/95 Legge

Dettagli

Deliberazione del Consiglio Comunale

Deliberazione del Consiglio Comunale Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza Ordinaria Seduta di Prima convocazione Comune di Finale Ligure Provincia di Savona Numero progressivo 56 OGGETTO Determinazione delle aliquote e detrazioni

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO CITTA' DI ALZANO LOMBARDO PROVINCIA DI BERGAMO Partita IVA 00220080162 Codice Fiscale 220080162 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N 27 DEL

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

dalla legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3 (Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione). LEGGE REGIONALE 10 aprile 2015, n.

dalla legge costituzionale 18 ottobre 2001, n. 3 (Modifiche al titolo V della parte seconda della Costituzione). LEGGE REGIONALE 10 aprile 2015, n. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia n. 53 suppl. del 15 04 2015 9 LEGGE REGIONALE 10 aprile 2015, n. 17 Disciplina della tutela e dell uso della costa. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1

Istituto Comprensivo Statale Villanova d Asti (AT) Scuola dell Infanzia, Primaria, Secondaria di 1 Pagina 1 di 8 REGOLAMENTO SULL USO DI INTERNET E DELLA POSTA ELETTRONICA MESSO A DISPOSIZONE DEI DIPENDENTI PER L ESERCIZIO DELLE FUNZIONI D UFFICIO () Approvato con deliberazione del Consiglio di Istituto

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

Al SUAP. Denominazione società/ditta

Al SUAP. Denominazione società/ditta COMUNICAZIONE SUBINGRESSO DI COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE SU POSTEGGIO L.R. 28/2005 e s.m.i. Codice del Commercio art.74 e D.P. G.R. n. 15/R del 1 aprile 2009 Regolamento di attuazione della legge n. 28/2005

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

PUBBLICI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE

PUBBLICI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE PUBBLICI ESERCIZI DI SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE Per esercizi di somministrazione di alimenti e bevande si intendono le attività commerciali in cui i prodotti vengono venduti per poter esser

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001

GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA. ex D.Lgs. n. 231/2001 GTECH S.p.A. REGOLAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA ex D.Lgs. n. 231/2001 Approvato dal consiglio di amministrazione in data 31 luglio 2014 INDICE ARTICOLO 1 - SCOPO ED AMBITO DI APPLICAZIONE... 3 ARTICOLO

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

Al Responsabile del S.U.A.P.

Al Responsabile del S.U.A.P. Marca da bollo Da inviare al Comune competente mediante lettera A/R Al Responsabile del S.U.A.P. Comune di Penna Sant Andrea (TE) M0297/83-AB OGGETTO: Domanda di rilascio nuova autorizzazione di tipo A

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto

Tali premesse costituiscono parte integrante delle presenti condizioni generali di contratto CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO RELATIVE ALL ACQUISTO DI DIRITTI DI UTILIZZAZIONE DELLE IMMAGINI DELL ARCHIVIO FOTOGRAFICO ON-LINE DEL SISTEMA MUSEI CIVICI DI ROMA CAPITALE Premesso che La Sovrintendenza

Dettagli

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010

PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 PROCEDURE PER LE OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE ai sensi della delibera Consob 17221 del 12 marzo 2010 approvate dal Consiglio di Amministrazione di Davide Campari-Milano S.p.A. l 11 novembre 2010 e in

Dettagli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli

Agenzia delle Dogane e dei Monopoli Prot. R.U. 20990 IL DIRETTORE DELL AGENZIA Visto il Regolamento generale delle lotterie nazionali approvato con Decreto del Presidente della Repubblica 20 novembre 1948, n.1677 e successive modificazioni;

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi

Regolamento per l'accesso agli atti amministrativi MINISTERO DELLA PUBBLICA ISTRUZIONE UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO LICEO GINNASIO STATALE "M. T. CICERONE" RMPC29000G Via Fontana Vecchia, 2 00044 FRASCATI tel. 06.9416530 fax 06.9417120 Cod.

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE

REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE DI PALAZZO MARCHESALE REGOLAMENTO MODALITA PER L UTILIZZO E LA CONCESSIONE IN USO DI SPAZI DEL COMPLESSO MONUMENTALE

Dettagli

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione

Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Linee Guida per l utilizzo del Codice Unico di Progetto (CUP) Spese di sviluppo e di gestione Gruppo di Lavoro ITACA Regioni/Presidenza del Consiglio dei Ministri Aggiornamento 14 novembre 2011 Dipartimento

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U.

REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. REGIONE SARDEGNA - DECRETO DELL ASSESSORE DEGLI ENTI LOCALI, FINANZE ED URBANISTICA 20 DICEMBRE 1983, N. 2266/U. DISCIPLINA DEI LIMITI E DEI RAPPORTI RELATIVI ALLA FORMAZIONE DI NUOVI STRUMENTI URBANISTICI

Dettagli

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose;

g) prescrivere orari e riservare spazi per i veicoli utilizzati per il carico e lo scarico di cose; articolo 7: Regolamentazione della circolazione nei centri abitati 1. Nei centri abitati i comuni possono, con ordinanza del sindaco: a) adottare i provvedimenti indicati nell'art. 6, commi 1, 2 e 4; b)

Dettagli

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso.

Si precisa che nessuna delle modifiche rientra tra le ipotesi che attribuiscono ai soci il diritto di recesso. RELAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE SULLE MODIFICHE DEGLI ARTICOLI 15, 17, 27 E 28 DELLO STATUTO SOCIALE, E SULL INTRODUZIONE DELL ART. 28 BIS. La presente Relazione ha lo scopo di illustrare in

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli