Il riconoscimento e la tutela dei dislessici sono finalmente legge dello Stato

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il riconoscimento e la tutela dei dislessici sono finalmente legge dello Stato"

Transcript

1 Associazione Docenti Italiani Il riconoscimento e la tutela dei dislessici sono finalmente legge dello Stato

2 Biografie che imboccheranno la strada giusta? Quante biografie di dislessici imboccheranno la via giusta o raddrizzeranno quella pesantemente obliqua già intrapresa ora che la legge dello Stato li riconosce e li tutela? Si tratta di circa bambini e ragazzi nella popolazione compresa tra 6 e i 19 anni (per la verità le stime oscillano tra il 3 e il 5 %), le cui storie personali sono effettivamente gravate da difficoltà di lettura, scrittura, calcolo fortemente condizionanti, derivanti da una singolarità di funzionamento mentale su base neurobiologica. Questi disturbi possono costituire una limitazione importante per alcune attività della vita quotidiana, come ricorda la legge stessa (art.1, comma 1), che pone tra le proprie finalità anche quella di ridurre i disagi relazionali ed emozionali dei dislessici (art.2, lettera c). Biografie: il piccolo libro di testimonianze autobiografiche curato da Giacomo Stella ( Storie di dislessia, Libriliberi, 2002) è forse il modo più efficace per entrare nella reale dimensione che il problema può assumere: Qualche volta di notte sogno che di colpo imparo a leggere. Le prime volte, quando mi svegliavo la mattina provavo [a leggere], per vedere se era vero, per fortuna non sapevo in anticipo che avrei dovuto leggere [è la sposa che parla: la formula di matrimonio fu letta poi al suo posto dal sacerdote] sennò non avrei voluto sposarmi in chiesa davanti a tutti, Oggi ho 16 anni la ragazza mi scrive i bigliettini; io non sono capace di leggerli, ma faccio finta di sapere quello che c'è scritto, Ci sono tante cose importanti nella vita: ad esempio le date alcune volte mi vergogno perché non ricordo quando sono nati i miei figli se mi sforzo, magari mi ricordo Non c'è niente di immediato, a causa di questo si creano tanti malintesi, Quando rientrava da scuola aveva l'aria cupa, il respiro pesante, come se provasse odio e rancore si buttava nel letto con gli occhi lucidi e sbarrati e fissava il vuoto Per i suoi insegnanti Gianluca era svogliato e deficiente, La prof ha detto che non mi porta all'esame perché sono un analfabeta del Lei dice che non può credere che io non riesca a scrivere e a leggere come gli altri, non ci crede che io sono un dislessico, ha detto che sono scuse e che io ho solo poca voglia di studiare, Faccio la terza media e sono già stato bocciato una volta Sono stato a parlare col preside che ha detto che se un dottore mi fa un certificato di dislessia loro mi promuovono. Io gli ho promesso che, se lui mi fa promuovere, io non vado alle superiori 2

3 Un iter normativo tormentato Ora la legge c'è e si direbbe un'ottima legge, che si rivolge a tutto il percorso formativo, dalla scuola dell'infanzia all'università. L'inclusione dell'università superando il precedente testo del Senato del 2009, che non la comprendeva rappresenta una bella scommessa; anche l'inclusione della scuola dell'infanzia non era del tutto scontata, come risulta dai lavori della commissione, mentre l'intervento sia di individuazione precoce sia di aiuto fonologico è di estrema importanza proprio nei primi anni del linguaggio. La legge è stata preceduta da un travaglio davvero lungo: la prima proposta di legge fu presentata nel 2002, altre proposte seguirono nel 2004 e nel 2006; nel 2007 un testo fu presentato al Senato (l'iter si interruppe per la caduta del governo); un nuovo testo fu poi presentato al Senato nel Infine, nel maggio 2010, veniva approvato alla Camera frutto della unificazione di due proposte (Ddl e Ddl. 1036) il testo ora divenuto legge dello Stato, licenziato in via definitiva il 29 settembre scorso. In questo lungo periodo qualcosa si è mosso, e nelle scuole come nella società la questione della dislessia si è comunque imposta, producendo sia buoni frutti, sia elusioni e resistenze da parte di dirigenti e docenti. A portare alla maturazione di una certa diffusa sensibilità al problema hanno contribuito sotto l'impulso delle associazioni dei dislessici gli interventi del ministero, dapprima con il Protocollo n. 4099/A/4 del , che invita le scuole ad applicare strumenti compensativi e dispensativi, elencati piuttosto puntualmente, poi con il Protocollo n. 26/A/4 del 5/1/2005 sulle misure a tutela dei candidati dislessici in sede di esami di Stato di scuola secondaria sia di 1 che di 2 grado, ripreso successivamente con precise disposizioni in Circolari e Ordinanze a partire dal

4 La scommessa di un'adeguata formazione dei docenti Il problema che ora si pone è quello della piena e corretta applicazione della legge. Preoccupazioni a questo proposito sono già state avanzate dalla presidente dell'associazione Italiana Dislessia, Rosabianca Leo, che invoca sanzioni in caso di mancata applicazione. Più ancora che questo, la cosa importante e difficile è l'impegno ad una seria ed efficace azione di formazione di dirigenti e docenti su tutto il territorio nazionale, sulla quale attendiamo entro quattro mesi apposito decreto del Ministro. Basta ricordare, tra l'altro, che, per l'ambiguità del contratto dei docenti, la partecipazione alle iniziative di aggiornamento e formazione in servizio in molte scuole è ancora lasciata alla libera adesione del singolo docente ed è presumibile che, se pure si riuscirà a mettere in atto un serio piano di formazione, l'adesione dei docenti sarà progressivamente minore passando dalla scuola di infanzia e dalla primaria alla secondaria, soprattutto di 2 grado. E' ancora diffusa, essenzialmente nella scuola secondaria, una tipologia di docente evocata dagli spaccati di storie di scuola sopra riportati - per il quale o un alunno è normale, e allora pretendo quello che pretendo dagli altri, o uno non è normale, e allora mi accontento di quello che fa. Per questi docenti il riconoscimento di DSA viene ad essere una specie di statuto di diversità protetta sulla quale è posto il divieto di infierire, mentr e le misure dispensative sembrano dispensare soprattutto il docente dall'introdurre qualche cambiamento nella propria visione e pratica didattiche Si tratta dunque, a volte, di modificare atteggiamenti profondi. Per questo una diffusa buona formazione incisiva, che apra la mente è una condizione essenziale: la sola presa d'atto e applicazione delle provvidenziali, preziosissime misure compensative e dispensative già raccomandate dal Ministero dal 2004 non è sufficiente, se non si entra nella consapevolezza dei vari aspetti e componenti del disturbo, delle conseguenti molteplici difficoltà, delle dinamiche di riduzione del problema e delle grandi differenze che il disturbo e le risposte del singolo presentano nei diversi soggetti. L'obiettivo della formazione non può che essere alto e la preparazione di dirigenti e docenti assicurata dalla legge in tema di DSA (art.4) e per la quale è autorizzata una spesa pari a un milione di euro nel 2010 e un altro milione nel 2011 intende effettivamente esserlo, essendo finalizzata (giustamente, ma forse piuttosto ottimisticamente) ad acquisire la competenza per individuarne precocemente i segnali e la conseguente capacità di applicare strategie didattiche, metodologiche e valutative adeguate. L'ADi si è attrezzata per fare fronte anche a queste esigenze ineludibili di formazione dei docenti, e all'interno del pacchetto complessivo dei corsi ne ha previsti due che affrontano questo tema: uno dedicato esclusivamente ai Disturbi Specifici di Apprendimento, e uno più complessivo su tutte le diverse difficoltà di apprendiemto, comprensivo di una parte dedicata ai DSA. 4

5 La portata dell'impegno diagnostico: diagnosi e identificazione precoce Altro impegno di grande portata è quello relativo all' attività diagnostica, che consta di due aspetti: la diagnosi e l'identificazione precoce. Le regioni in cui il Servizio sanitario non sia in grado, nell'ambito dei propri trattamenti specialistici, di garantire la diagnosi di DSA - dunque ancor meno l' identificazione precoce - devono prevedere che questa sia effettuata da specialisti o strutture accreditate nell'ambito delle risorse disponibili a legislazione vigente (art. 3, comma 1). Ancora più arduo l'impegno ad effettuare l'identificazione precoce dei DSA intervenendo tempestivamente nei casi sospetti, che le scuole dovranno segnalare alle famiglie qualora, nonostante adeguate attività di recupero didattico mirato, l'alunno presenti persistenti difficoltà (art.3, comma 2; le eventuali resistenze delle famiglie a tale indagine precoce saranno meno forti per il fatto che essa non può avere valore di diagnosi). Entro quattro mesi, il Miur (art. 7, comma 1), di concerto con il Ministero della salute, emanerà proprie linee guida per la predisposizione di protocolli regionali per l'identificazione precoce (da emanare entro i successivi sei mesi: un iter di un anno, nell'insieme). Va precisato che sia la diagnosi di dislessia che l'identificazione precoce condizione assolutamente fondamentale, soprattutto nei casi di dislessia mediograve e severa richiedono al diagnosta una preparazione puntuale, che non si può improvvisare con un'azione formativa sbrigativa, sicché anche la formazione di neuropsichiatri e psicologi delle ASL costituirà un compito piuttosto serio là dove non si sia ancora sviluppata una cultura dei DSA abbastanza diffusa e vivace. L'impegno diagnostico si profila, oltretutto, quantitativamente davvero cospicuo e non sarà facile evitare, da un lato, che molte situazioni di DSA non vengano riconosciute e trattate o lo siano solo tardivamente e, dall'altro, che bambini e ragazzi pasticcioni e con problemi di altra natura da conoscere e affrontare appropriatamente vengano presi per alunni con DSA, come, a volte, già attualmente accade, creando situazioni false, cariche di conseguenze stranianti e malsane. 5

6 Affidata al Ministero l'individuazione delle misure didattiche e di supporto e le forme di verifica e valutazione L'atteso decreto del Ministro sulla formazione dei docenti dovrà anche prevedere le misure didattiche di supporto (art. 2) che le scuole devono garantire e cioè (art. 5, comma 2) una didattica individualizzata e personalizzata strumenti compensativi, compresi i mezzi di apprendimento alternativi e le tecnologie informatiche e misure dispensative, compresa, per le lingue straniere, ove risulti utile, la possibilità dell'esonero. Il ministero stabilirà inoltre (art. 5, comma 4 e 7, comma 2) le forme di verifica e valutazione anche per quanto concerne gli esami di Stato e di ammissione all'università nonchè gli esami universitari. Tutto ciò, a differenza che in passato, corrisponde ora ad un preciso diritto sancito dalla legge: il diritto a fruire di appositi provvedimenti dispensativi e compensativi di flessibilità didattica nel corso dei cicli di istruzione e formazione e negli studi universitari (art. 5, comma 1). La tutela del soggetto con DSA richiede certamente questa delicata azione di decretazione ministeriale, che dovrà sia essere efficace in quanto tutela, sia non invasiva in quanto intervento del Ministro nella didattica. Oltre la scuola In due punti la legge travalica i confini dell'ambito scolastico: 1. quando pone tra le proprie finalità quella di assicurare eguali opportunità di sviluppo delle capacità in ambito sociale e professionale (art. 2, lettera h): la prospettiva è generosa, ma meriterebbe di essere declinata in qualche concreta esplicitazione. Certamente, la formazione professionale, con i suoi intrecci con il mondo del lavoro, è particolarmente interpellata da questa norma; 2. di grande portata la norma che (art. 6) toccando un campo molto delicato e complesso - stabilisce che fino alla secondaria di 1 grado i familiari con DSA hanno diritto di usufruire di orari di lavoro flessibili, se impegnati nell'aiuto a casa ai figli dislessici, e che le modalità di esercizio di tale diritto sono determinate dai contratti collettivi nazionali di lavoro dei comparti interessati (stando a recenti vicende contrattuali, sembra, per la verità, che, almeno per una parte dei lavoratori, le cose stiano andando in una direzione poco favorevole a tanta flessibilità: possiamo stare sicuri che in questo diritto i dislessici non saranno certamente tutti uguali). 6

7 Gli aspetti definitori L'identificazione dei destinatari delle nuove norme è molto chiara attraverso la definizione (art. 1) di dislessia disgrafia disortografia e discalculia. A differenza del testo precedente (Senato 2009), che definiva le DSA come Difficoltà Specifiche d'apprendimento (creando una certa ambiguità con la successiva dizione di disturbo, anch'essa utilizzata), qui, nel pieno rispetto della letteratura scientifica, si parla senza ambiguità di disturbi, specificando che essi si manifestano con specifiche difficoltà, che vengono sinteticamente richiamate nei quattro commi relativi ai quattro ambiti di DSA (distinguendo, tra l'altro, con chiarezza la disgrafia, come disturbo della realizzazione grafica della scrittura, dalla disortografia, come disturbo della transcodifica, in pratica della composizione delle parole). Si precisa che rientrano nei DSA le situazioni non associate a deficit o disturbi delle capacità cognitive (ritardo mentale o patologie psichiatriche) o a patologie neurologiche o a deficit sensoriali (ipoacusia e sordità): i bambini e ragazzi con DSA sono assolutamente intelligenti, vivaci, normali come tutti gli altri bambini e ragazzi non affetti da patologie o deficit. Va da sé la legge non lo specifica neppure, distinguendosi dalla precedente proposta del Senato che la loro situazione è del tutto fuori dall'ambito di competenza della L.104/92. (nota 2) Infine si precisa che i DSA possono sussistere separatamente o insieme. Perché le definizioni non fissino le situazioni entro confini troppo rigidi, l'articolo si conclude correttamente vincolandone l'interpretazione all' evoluzione delle conoscenze scientifiche in materia. Si può solo osservare, nell'insieme, che il riferimento alla difficoltà negli automatismi è esplicitato solo per il calcolo e l'elaborazione dei numeri, il che può risultare sviante, dal momento che la mancata formazione dell'automatismo è precisamente il cuore stesso del disturbo di dislessia e di tutti i DSA. nota 2 I soggetti con DSA non rientrano nella definizione della L.104/92 di persona handicappata. Oltretutto l'osservazione è di Giacomo Stella, qui ricordata con riferimento ad un conferenza (ma l'osservazione figura anche in suoi scritti) la percentuale di popolazione che presenta questa singolarità di funzionamento mentale la dislessia, i DSA - è troppo alta perché si possa parlare di deficit (che da un punto di vista scientifico evoluzionistico - dovrebbe essere molto più raro) e non, appunto, di singolarità di funzionamento mentale. Si tratta ben dell'8% della popolazione (la stessa incidenza del piede piatto), anche se in Italia, grazie alla buona corrispondenza fonema-grafema propria del nostro sistema di scrittura, solo il 4 o 5% emerge al disturbo conclamato: in Inghilterra o in Olanda, dove la corrispondenza fonema-grafema è molto più complicata, i soggetti con DSA riconosciuti sono appunto l'8%. Il 3%-4% di situazioni che, qui da noi, rimangono a livello subclinico non mancano di dar luogo anch'esse frequentemente a complicazioni e storie scolastiche disturbate (su questo cfr. in questo sito l'articolo sopra citato, al paragrafo Il livello subclinico ). 7

8 Ridurre i disagi relazionali ed emozionali Vale la pena di ricordare le finalità che la legge persegue (art. 2): garantire il diritto all'istruzione e favorire il successo scolastico (e cioè una formazione adeguata e lo sviluppo delle potenzialità), ridurre i disagi relazionali ed emozionali, adottare forme di verifica e di valutazione adeguate, preparare gli insegnanti e sensibilizzare i genitori, favorire la diagnosi precoce e percorsi didattici riabilitativi, incrementare la comunicazione e la collaborazione tra famiglia, scuola e servizi sanitari, assicurare eguali opportunità di sviluppo delle capacità in ambito sociale e professionale. Tra le tante possibili, due sottolineature. 1) La prima riguarda la finalità di ridurre i disagi relazionali ed emozionali: tutta la legge è ovviamente orientata a questo scopo, ma certamente il riferimento esplicito a possibili sofferenze sul piano relazionale ed emotivo implica il riconoscimento del fatto che, oltre ad una adeguata preparazione, fa parte della professione docente anche la buona comunicazione, l'attenzione partecipe ed empatica alla situazione emotiva dell'alunno, al suo possibile disagio o isolamento relazionale. Il docente che, per esimersi da questo intelligente lavoro di coinvolgimento comprendente, che costituisce una funzione alta della sua professione, tiene a dichiarare, di fronte allo stato di sofferenza emotiva dell'alunno, io non sono uno psicologo, è evidentemente professionalmente inadeguato (le conoscenze in campo psicologico sono sarebbero sempre più necessarie al docente di oggi, mentre, evidentemente, qualunque sorta di intervento pseudoclinico sulle emozioni, ecc., mascherato da didattica alternativa, sarebbe un obbrobrio e un atto illegittimo). 2) La seconda riguarda i percorsi didattici riabilitativi (evitando la medicalizzazione) La legge non fa mai riferimento a interventi logopedici, né assegna compiti riabilitativi al servizio sanitario, ma parla solamente di percorsi didattici riabilitativi. Ciò non esclude che, laddove lo specialista lo ritenga necessario, l'intervento riabilitativo specialistico possa e debba essere attuato, ma la legge evita qualunque tentazione medicalizzante, assegnando al servizio sanitario solo compiti diagnostici: diagnosi e identificazione precoce. Competono invece alla scuola le strategie didattiche, metodologiche e valutative e la capacità di applicarle, che l'adeguata formazione ha il compito di assicurare (art.4, comma 1). Che la riabilitazione, insomma, avvenga all'interno dell'azione didattica ed educativa (salvo i casi in cui interventi propriamente logopedici siano insostituibili; ma quanti sono questi casi? la questione non può essere elusa) è una via obbligata, date le dimensioni del problema, ma è proprio questa la vera grande scommessa che la legge pone. 8

9 Una duplice scommessa: un'azione efficace verso i DSA, uno scatto evolutivo di tutta la scuola La decretazione ministeriale relativa ai protocolli regionali per l'identificazione precoce e quella relativa alla formazione dei docenti, alle misure educative e didattiche di supporto e alle forme di verifica e valutazione sarà preparata (art. 7) da un Comitato tecnico-scientifico composto da esperti di comprovata competenza sui DSA (ai quali non spetta alcun compenso!). Il compito è veramente arduo, perché a questi esperti è richiesto di affrontare in realtà una duplice scommessa: 1. che l'azione efficace nei confronti delle difficoltà derivanti da DSA divenga forma ordinaria della didattica nelle nostre scuole 2. che, date le dimensioni e la natura del problema, si ponga in essere uno stile diffuso di attenzione differenziata a tutte le situazioni di apprendimento nella loro diversità e a tutte le situazioni di disagio, e una visione dell'apprendere a scuola che non può non andare nella direzione del bambino e ragazzo costruttore, artigiano, artista del proprio apprendimento in un clima e un ambiente laboratoriali e di operatività cooperativa, fortemente centrati sulla signficatività del sapere e saper fare a scuola. E l'abbandono della triste visione impiegatizia, esecutiva, mortificante, relazionalmente autistica dell'apprendimento scolastico che ancora affligge profondamente tanta parte della nostra scuola e nella quale tutto il fenomeno delle difficoltà scolastiche risulta esaltato, comprese in primis quelle derivanti da DSA. Un'azione efficace nei confronti dei DSA, insomma, in un contesto in cui le situazioni di difficoltà, nella loro estrema varietà e rilevanza quantitativa, sono il primo problema della scuola - insieme a quello opposto di garantire livelli di massimo profitto nei bambini e ragazzi con forte disponibilità all'apprendimento - non può non trascinare la scuola nel suo insieme verso gradi di consapevolezza e forme del fare più avanzati; uno scatto evolutivo di cui si sente una necessità ormai inderogabile. 9

Legge n. 170 del 08-10-2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (GU n.

Legge n. 170 del 08-10-2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (GU n. Legge n. 170 del 08-10-2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (GU n. 244 del 18-10- 2010 ). La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

*** NORMATTIVA - Stampa ***

*** NORMATTIVA - Stampa *** *** NORMATTIVA - Stampa *** Page 1 of 5 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Vigente al: 11-11-2015 La Camera dei deputati

Dettagli

Riconoscimento e definizione di dislessia, disgrafia, disortografia e discalculia

Riconoscimento e definizione di dislessia, disgrafia, disortografia e discalculia LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in Ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010

Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

Legge 170, Misure dispensative e Strumenti Compensativi

Legge 170, Misure dispensative e Strumenti Compensativi Legge 170, Misure dispensative e Strumenti Compensativi Sono negato a scuola, e non sono mai stato nient altro che questo da Diario di scuola di D. Pennac I NOSTRI OBIETTIVI Conoscere le leggi a tutela

Dettagli

Strumenti normativi per l inclusione degli alunni con DSA. Maria Rosa Raimondi 5 aprile 2011

Strumenti normativi per l inclusione degli alunni con DSA. Maria Rosa Raimondi 5 aprile 2011 Strumenti normativi per l inclusione degli alunni con DSA Maria Rosa Raimondi 5 aprile 2011 Norme generali Norme specifiche L autonomia delle istituzioni scolastiche ègaranzia di libertàdi insegnamento

Dettagli

Legge 8 ottobre 2010, n. 170

Legge 8 ottobre 2010, n. 170 Legge 8 ottobre 2010, n. 170 Legge 8 ottobre 2010, n. 170 (in G.U. n. 244 del 18 ottobre 2010) Nuove norme in materia di disturbi specifici d apprendimento in ambito scolastico Art. 1. (Riconoscimento

Dettagli

Corso di Formazione sui Disturbi Specifici dell Apprendimento

Corso di Formazione sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Corso di Formazione sui Disturbi Specifici dell Apprendimento Relatrici: Gabriella Orsatti Docente di lettere Presidente ADF Ø Legge 8 ottobre 2010, n. 170 Ø Piani Educativi personalizzati Ø D.M. 5669

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA

ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA ASSOCIAZIONE ITALIANA DISLESSIA Disturbi Specifici dell apprendimento - Coinvolgono oltre 1,5 mln di persone in Italia. PARI A: - Oltre il 4,5% degli studenti. I DSA NON POSSONO DUNQUE ESSERE IGNORATI

Dettagli

DISLESSIA:la normativa

DISLESSIA:la normativa DISLESSIA:la normativa Dott.ssa Rosa Castiello Capaccio 19/06/2012 NORMATIVA Art. 3 Cost. PRINCIPIO DI UGUAGLIANZA L. 15. 3. 97 n. 59 art. 21 comma 8 L'autonomia organizzativa è finalizzata alla realizzazione

Dettagli

LEGGE 170, 8 OTTOBRE 2010 ARGOMENTO: DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO DSA

LEGGE 170, 8 OTTOBRE 2010 ARGOMENTO: DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO DSA LEGGE 170, 8 OTTOBRE 2010 ARGOMENTO: DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO DSA ART.1 La legge 170 riconosce la Dislessia, Disortografia, La disgrafia E la discalculia quali disturbi specifici di apprendimento

Dettagli

DSA NORMATIVA DI RIFERIMENTO

DSA NORMATIVA DI RIFERIMENTO DSA NORMATIVA DI RIFERIMENTO Nota ministeriale n. 26 del 05 gennaio 2005 Atto di indirizzo e coordinamento relativo ai compiti delle UnitàSanitarie Locali in materia di alunni portatori di handicap Nota

Dettagli

xvi LEGISLATURA modificato dalla VII Commissione permanente (Cultura, scienza e istruzione) della Camera dei deputati il 9 giugno 2010

xvi LEGISLATURA modificato dalla VII Commissione permanente (Cultura, scienza e istruzione) della Camera dei deputati il 9 giugno 2010 Senato della Repubblica xvi LEGISLATURA N. 1006-1036-B DISEGNO DI LEGGE approvato dalla 7" Commissione permanente (Istruzione pubblica, beni culturali, ricerca scientifica, spettacolo e sport) del Senato

Dettagli

La Legge n. 170/2010 e il Decreto attuativo. Quali ricadute nella scuola? Tamara Zappaterra, Università di Firenze

La Legge n. 170/2010 e il Decreto attuativo. Quali ricadute nella scuola? Tamara Zappaterra, Università di Firenze La Legge n. 170/2010 e il Decreto attuativo. Quali ricadute nella scuola? Tamara Zappaterra, Università di Firenze 1 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di Disturbi Specifici di Apprendimento

Dettagli

IIS M.GUGGENHEIM. PROTOCOLLO ACCOGLIENZA per gli studenti con DSA

IIS M.GUGGENHEIM. PROTOCOLLO ACCOGLIENZA per gli studenti con DSA IIS M.GUGGENHEIM PROTOCOLLO ACCOGLIENZA per gli studenti con DSA 1 L Istituto Michelangelo Guggenheim di Venezia intende promuovere e sostenere la piena integrazione scolastica e sociale di allieve ed

Dettagli

disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento

disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento Esame abbinato p.l. 82/9^- 153/9^ disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento RELATORE: NAZZARENO SALERNO Il Dirigente F.TO ANTONIO CORTELLARO Il Presidente F.TO Nazzareno

Dettagli

Materiale originale prodotto dal Centro Servizi Scolastici Sapere Più Milano

Materiale originale prodotto dal Centro Servizi Scolastici Sapere Più Milano DSA (Disturbi Specifici dell Apprendimento): LA LEGISLAZIONE. Premessa Le due idee principali da cui muove il seguente contributo sono il concetto di interesse superiore del minore e l importanza della

Dettagli

disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento

disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento Esame abbinato disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento RELATORE: NAZZARENO SALERNO IL DIRIGENTE Piero Modafferi IL PRESIDENTE Nazzareno Salerno Art. 1 (Obiettivi e definizioni)

Dettagli

Legge regionale 11 aprile 2012, n. 10

Legge regionale 11 aprile 2012, n. 10 Legge regionale 11 aprile 2012, n. 10 Disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento (BUR n. 7 del 16 aprile 2012, supplemento straordinario n. 1 del 18 aprile 2012) Art. 1

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca LICEO SCIENTIFICO LICEO DELLE SCIENZE UMANE R. POLITI Via Acrone n. 12 92100 AGRIGENTO - Tel. / Fax 0922 20535 E-Mail: agpm03000a@istruzione.it

Dettagli

DSA DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO

DSA DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO DSA DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO LETTURA DISLESSIA SCRITTURA DISORTOGRAFIA, DISGRAFIA CALCOLO DISCACULIA COMORBILITA Presenza di più di questi disturbi nella

Dettagli

C.d.S. Scienze della Formazione PEDAGOGIA SPECIALE BARI,05 MAGGIO 2015 DOTT.SSA ISABELLA BENNARDI

C.d.S. Scienze della Formazione PEDAGOGIA SPECIALE BARI,05 MAGGIO 2015 DOTT.SSA ISABELLA BENNARDI C.d.S. Scienze della Formazione PEDAGOGIA SPECIALE BARI,05 MAGGIO 2015 DOTT.SSA ISABELLA BENNARDI ASPETTI NORMATIVI LEGGE 8 OTTOBRE 2010,N170 DIRETTIVA MINISTERIALE 27 DICEMBRE 2012 strumenti d intervento

Dettagli

La segnalazione scolastica per D.S.A.

La segnalazione scolastica per D.S.A. La segnalazione scolastica per D.S.A. Legge 8 ottobre 2010 n. 170 Presentazione curata dalla F.S. Ins. Romana Berni Articoli della legge: -Riconoscimento e definizione di D.S.A. -Finalità -Diagnosi -Formazione

Dettagli

COSA SONO I D.S.A.? circoscritte

COSA SONO I D.S.A.? circoscritte D.S.A. COSA SONO I D.S.A.? Si parla di D.S.A.quando un bambino mostra delle difficoltàcircoscrittenella lettura, nella scrittura o nel calcolo, in una situazione in cui lo sviluppo intellettivo ènella

Dettagli

DISLESSIA E RETE DI SUPPORTO. 17/09/2015 PH.D Francesca Salis 1

DISLESSIA E RETE DI SUPPORTO. 17/09/2015 PH.D Francesca Salis 1 DISLESSIA E RETE DI SUPPORTO 17/09/2015 PH.D Francesca Salis 1 17/09/2015 PH.D Francesca Salis 2 famiglia osservo mio figlio e mi accorgo che.. gli insegnanti mi dicono che 17/09/2015 PH.D Francesca Salis

Dettagli

I DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO ED I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI

I DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO ED I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI I DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO ED I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI TROINA LA CITTADELLA DELL OASI 13-14 SETTEMBRE rimproveri scarso impegno QUALI POSSONO ESSERE I PRIMI SEGNALI? LENTEZZA NELLE OPERAZIONI

Dettagli

INCONTRO GENITORI 23 Maggio 2013 Dr.ssa Tiziana Serra. l importanza di una diagnosi precoce

INCONTRO GENITORI 23 Maggio 2013 Dr.ssa Tiziana Serra. l importanza di una diagnosi precoce INCONTRO GENITORI 23 Maggio 2013 Dr.ssa Tiziana Serra l importanza di una diagnosi precoce GLI INSEGNANTI DICONO CHE mio figlio.. è troppo frettoloso o lento; è intelligente ma svogliato, è distratto,

Dettagli

I.C. G. MAMAELI - a.s. 2014/2015. docenti

I.C. G. MAMAELI - a.s. 2014/2015. docenti docenti bbiamo scelto di dare un taglio più semplice e pratico ad una tematica così vasta e piena di variabili quale è quella degli alunni con D.S.A., evitando il più possibile termini tecnici o specialistici

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010 n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico.

LEGGE 8 ottobre 2010 n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. LEGGE 8 ottobre 2010 n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. Riconoscimento e definizione di dislessia, disgrafia, disortografia e discalculia 1. La presente

Dettagli

Analisi della legge sui disturbi specifici di apprendimento (DSA)

Analisi della legge sui disturbi specifici di apprendimento (DSA) Analisi della legge sui disturbi specifici di apprendimento (DSA) Enrico Ghidoni 1 La nuova legge sui disturbi specifici di apprendimento (legge n. 170 del 8/10/2010) è indubbiamente un elemento nuovo

Dettagli

Disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento (DSA).

Disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento (DSA). Legge Regionale 5 ottobre 2015 n. 24 Disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento (DSA). (Abruzzo, BUR 14 ottobre 2015, n. 105, speciale) VISTO l'art. 121 della Costituzione

Dettagli

INCLUSIONE e PERSONALIZZAZIONE del percorso didattico. degli ALUNNI con DISTURBI SPECIFICI di APPRENDIMENTO

INCLUSIONE e PERSONALIZZAZIONE del percorso didattico. degli ALUNNI con DISTURBI SPECIFICI di APPRENDIMENTO INCLUSIONE e PERSONALIZZAZIONE del percorso didattico degli ALUNNI con DISTURBI SPECIFICI di APPRENDIMENTO 1 le metodologie didattiche adatte per i bambini con DSA sono valide per ogni bambino, e non viceversa

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA MOD. A04 Allegato n. 4 al P.O.F. PROTOCOLLO ACCOGLIENZA ALUNNI DSA Punti del documento: - Dichiarazione d intenti - Premessa - Obiettivi - Procedure e Strategie - Soggetti coinvolti - Prassi condivise.

Dettagli

proposta di legge n. 119

proposta di legge n. 119 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 119 a iniziativa dei Consiglieri Comi, Ortenzi presentata in data 13 luglio 2011 INTERVENTI IN FAVORE DEI SOGGETTI AFFETTI DA DISLESSIA E DA

Dettagli

IL LAVORO CON I DSA NELLA CLINICA E NELLA SCUOLA: COMPITI ED OBIETTIVI DI CIASCUNO MULTIDISCIPLINARE

IL LAVORO CON I DSA NELLA CLINICA E NELLA SCUOLA: COMPITI ED OBIETTIVI DI CIASCUNO MULTIDISCIPLINARE I Bambini con DSA nella scuola: dalla Legge 170 alle pratiche didattiche quotidiane IL LAVORO CON I DSA NELLA CLINICA E NELLA SCUOLA: COMPITI ED OBIETTIVI DI CIASCUNO NELL OTTICA DI UN INTERVENTO MULTIDISCIPLINARE

Dettagli

REPUBBLICA DI SAN MARINO

REPUBBLICA DI SAN MARINO REPUBBLICA DI SAN MARINO Noi Capitani Reggenti la Serenissima Repubblica di San Marino Visto l articolo 4 della Legge Costituzionale n.185/2005 e l articolo 6 della Legge Qualificata n.186/2005; Promulghiamo

Dettagli

Convitto Nazionale Amedeo di Savoia Duca d Aosta. Piano di Integrazione di Istituto

Convitto Nazionale Amedeo di Savoia Duca d Aosta. Piano di Integrazione di Istituto Convitto Nazionale Amedeo di Savoia Duca d Aosta Piano di Integrazione di Istituto Valido per il triennio scolastico 2015 / 2018 PREMESSA Con il Progetto d Istituto per l Integrazione Scolastica degli

Dettagli

Protocollo accoglienza alunni BES-DSA

Protocollo accoglienza alunni BES-DSA Protocollo accoglienza alunni BES-DSA Accogliere gli alunni con BES o DSA significa fare in modo che essi siano parte integrante del contesto scolastico assieme agli altri alunni; significa assicurare

Dettagli

I BISOGNI DEL BAMBINO CON DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO.

I BISOGNI DEL BAMBINO CON DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. I BISOGNI DEL BAMBINO CON DISTURBI SPECIFICI DELL APPRENDIMENTO. Dott.ssa Cinzia De Cicco, Pedagogista Clinico Esperta in Disturbi dell Apprendimento Presidente Provinciale Associazione Italiana Dislessia

Dettagli

Nuove norme in materia di DSA. Roberto Lingua

Nuove norme in materia di DSA. Roberto Lingua Ufficio Scolastico Provinciale Cuneo 1-2 ottobre 2012 Nuove norme in materia di DSA Roberto Lingua Centro Riabilitazione Ferrero-Alba Associazione Italiana Dislessia Sez. Cuneo LEGGE 8 ottobre 2010, n.

Dettagli

...NEL MODO IN CUI IO IMPARO

...NEL MODO IN CUI IO IMPARO Istituto Comprensivo Bonaccorso da Montemagno - Quarrata (PT) Istituto Comprensivo - Montale (PT) Istituto Comprensivo Frank-Carradori - Pistoia Istituto Comprensivo Enrico Fermi - Casalguidi (PT)...NEL

Dettagli

Stefano Franceschi Centro Studi Ed. Erickson (TN)

Stefano Franceschi Centro Studi Ed. Erickson (TN) Stesura del Piano Didattico Personalizzato Latina, 22 Novembre 2011 Stefano Franceschi Centro Studi Ed. Erickson (TN) Centro Neuropsicologia Clinica dello Sviluppo (AP) www.centralmente.it Associazione

Dettagli

Jesi, 28 novembre 2011

Jesi, 28 novembre 2011 Piano di formazione per docenti delle scuole di ogni ordine e grado (a.s. 2011/2012) Dalla Legge 170/2010 alle Linee Guida: un percorso di tutela dei diritti all apprendimento degli alunni con DSA Jesi,

Dettagli

Abstract sulla normativa dei Bisogni Educativi Speciali

Abstract sulla normativa dei Bisogni Educativi Speciali ISTITUTO COMPRENSIVO GUALDO TADINO Via G. Lucantoni 06023 - Gualdo Tadino C.F. 92017090546 COD. MECC. PGIC847004 Scuola Infanzia e Primaria tel. e fax 075/912249 Scuola Secondaria I grado: tel. 075/912253

Dettagli

Le Linee Guida della Regione Toscana sui DSAp

Le Linee Guida della Regione Toscana sui DSAp Le Linee Guida della Regione Toscana sui DSAp V.Corridori Regione Toscana - Azienda Ospedaliera Universitaria Senese A.Monti Direttore UOC NPI Empoli-Membro gruppo di lavoro Riferimenti nazionali Legge

Dettagli

INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI

INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI DIVERSAMENTE ABILI - Il diritto all integrazione: un nuovo modo di essere scuola. - Principi fondamentali: uguaglianza accoglienza integrazione L integrazione degli

Dettagli

LA SCUOLA FA BENE A TUTTI

LA SCUOLA FA BENE A TUTTI LA SCUOLA FA BENE A TUTTI Marco Negri Docente - Referente Dislessia Ufficio Scolastico Provinciale di Sondrio La scuola fa bene a tutti Ogni studente suona il suo strumento, non c è niente da fare. La

Dettagli

MANUALE DEI DSA (DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO)

MANUALE DEI DSA (DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO) MANUALE DEI DSA (DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO) 1. PREMESSA Il Manuale non è esaustivo di ciò che è necessario sapere sul trattamento didattico dei Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA), ma raccoglie

Dettagli

Disturbi Specifici di Apprendimento

Disturbi Specifici di Apprendimento Disturbi Specifici di Apprendimento Pennabilli - 28 Aprile 2014 Enrico Savelli Il Disturbo Specifico di Apprendimento della Letto-Scrittura Alla fine del primo anno scolastico, in quasi ogni classe, almeno

Dettagli

PROGETTO DSA DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO. docenti referenti: Monia Gennusa - Valeria Schembari

PROGETTO DSA DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO. docenti referenti: Monia Gennusa - Valeria Schembari PROGETTO DSA DISTURBI SPECIFICI DELL'APPRENDIMENTO docenti referenti: Monia Gennusa - Valeria Schembari PREMESSA: Il DSA, Disturbo Specifico dell Apprendimento, è un disturbo che interessa uno specifico

Dettagli

I DSA: un emergenza educativa Condividere i significati Legge n. 170 del 08-10-2010 Linee guida sui D.S.A. La personalizzazione didattica

I DSA: un emergenza educativa Condividere i significati Legge n. 170 del 08-10-2010 Linee guida sui D.S.A. La personalizzazione didattica MASTER DIDATTICA E PSICOPEDAGOGIA PER I D.S.A Dalla Legge 170/2010 alle Linee Guida: un percorso di tutela dei diritti all apprendimento degli alunni con DSA I DSA: un emergenza educativa Condividere i

Dettagli

I DSA. Parma, 30 settembre 2014 Rossella Fabbri

I DSA. Parma, 30 settembre 2014 Rossella Fabbri I DSA Indice 1. Che cosa sono i DSA? 2. Legislazione nazionale di riferimento. 3. Chi fa la diagnosi e quando? 4. Caratteristiche della diagnosi. 5. Il Consiglio di Classe redige il PdP (modello) 6. Strumenti

Dettagli

INCONTRO DI RICERCA - AZIONE PER REFERENTI Progetto Credito di Fiducia. Legge DSA Piano Didattico Personalizzato

INCONTRO DI RICERCA - AZIONE PER REFERENTI Progetto Credito di Fiducia. Legge DSA Piano Didattico Personalizzato INCONTRO DI RICERCA - AZIONE PER REFERENTI Progetto Credito di Fiducia Legge DSA Piano Didattico Personalizzato Dr.sa Enrica Giaroli (Centro Mazzaperlini) Dr.sa Alice Grisendi (NPI, AUSL di RE) NUOVE NORME

Dettagli

La Dislessia è uno dei disturbi specifici di apprendimento, di seguito denominati «DSA» (LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 ) Lucia Scuteri 30.06.

La Dislessia è uno dei disturbi specifici di apprendimento, di seguito denominati «DSA» (LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 ) Lucia Scuteri 30.06. La Dislessia è uno dei disturbi specifici di apprendimento, di seguito denominati «DSA» (LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 ) Alla base della dislessia ci sarebbe una comunicazione carente fra le aree cerebrali

Dettagli

Piazza dei Martiri, 1/2-40121 Bologna

Piazza dei Martiri, 1/2-40121 Bologna Piazza dei Martiri, 1/2-40121 Bologna Tolmezzo 09 Settembre 2011 TECNICI (NEUROPSICHIATRI, PSICOLOGI, LOGOPEDISTI INSEGNANTI DI OGNI ORDINE E GRADO GENITORI E DISLESSICI ADULTI Sensibilizzare il mondo

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA per STUDENTI con DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (DSA): DISLESSIA, DISGRAFIA, DISORTOGRAFIA E DISCALCULIA.

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA per STUDENTI con DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (DSA): DISLESSIA, DISGRAFIA, DISORTOGRAFIA E DISCALCULIA. PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA per STUDENTI con DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO (DSA): DISLESSIA, DISGRAFIA, DISORTOGRAFIA E DISCALCULIA. Sommario PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA per STUDENTI con DISTURBI SPECIFICI

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Decreto N. 5669 IL MINISTRO VISTO VISTA VISTO VISTA VISTA l articolo 34 della Costituzione; la Legge 8 ottobre 2010, n. 170, recante Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito

Dettagli

Il Piano Didattico Personalizzato

Il Piano Didattico Personalizzato Il Piano Didattico Personalizzato Dott. Valentina Riboni Tecnico Formatore AID Dalle linee guida, punto 6 Chi fa che cosa FAMIGLIA SCUOLA Questa sinergia di intenti deve sfociare in un PATTO EDUCATIVO-FORMATIVO

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE ANNA TERESA FORMISANO, NUNZIO FRANCESCO TESTA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE ANNA TERESA FORMISANO, NUNZIO FRANCESCO TESTA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 479 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI ANNA TERESA FORMISANO, NUNZIO FRANCESCO TESTA Disposizioni in materia di difficoltà evolutive

Dettagli

Nelle famiglie adottive l esperienza scolastica di un figlio riveste un ruolo molto importante ed è in alcuni casi fonte di preoccupazione.

Nelle famiglie adottive l esperienza scolastica di un figlio riveste un ruolo molto importante ed è in alcuni casi fonte di preoccupazione. SOS scuola Nelle famiglie adottive l esperienza scolastica di un figlio riveste un ruolo molto importante ed è in alcuni casi fonte di preoccupazione. Un aiuto per decidere quando inserirlo a scuola Il

Dettagli

LE NOVITÀ DELINEATE DALLA NUOVA LEGGE SUI DSA

LE NOVITÀ DELINEATE DALLA NUOVA LEGGE SUI DSA LE NOVITÀ DELINEATE DALLA NUOVA LEGGE SUI DSA di Carmela De Marco Educazione & Scuola ottobre 2011 Con la legge 8 ottobre 2010 n.170 sono state dettate nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

proposta di legge n. 54

proposta di legge n. 54 REGIONE MARCHE 1 ASSEMBLEA LEGISLATIVA proposta di legge n. 54 a iniziativa del Consiglieri Ortenzi, Comi, Ricci, Badiali, Sciapichetti, Giancarli, Traversini, Perazzoli, Busilacchi presentata in data

Dettagli

AMBULATORIO MULTIDISCIPLINARE DELL APPRENDIMENTO

AMBULATORIO MULTIDISCIPLINARE DELL APPRENDIMENTO AMBULATORIO MULTIDISCIPLINARE DELL APPRENDIMENTO Gruppo di lavoro Dott. Piergiorgio Miottello, Neuropsichiatra infantile - Direttore Sanitario Dott. Michela Bontorin, Psicologa - Psicoterapeuta Dott. Renzo

Dettagli

Sofia, Prima Elementare: DISLESSICA

Sofia, Prima Elementare: DISLESSICA Sofia, Prima Elementare: DISLESSICA dislessia disgrafia disortografia discalculia COMORBILITA Le difficoltà di apprendimento possono manifestarsi singolarmente o in varie combinazioni che potrebbero vederle

Dettagli

Legge in tema di DSA approvata in data 29 settembre 2010 dalla VII Commissione Permanente del Senato della Repubblica.

Legge in tema di DSA approvata in data 29 settembre 2010 dalla VII Commissione Permanente del Senato della Repubblica. Legge in tema di DSA approvata in data 29 settembre 2010 dalla VII Commissione Permanente del Senato della Repubblica. 1 DEFINIZIONI Art. 1 comma sesto Dislessia; Disgrafia; Disortografia; Discalculia

Dettagli

Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento

Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento Mira, 27 marzo 2015 Conoscere i Disturbi Specifici dell Apprendimento Dott.ssa Barbara Longhi Psicologa Psicoterapeuta Ulss13 Servizio Età Evolutiva Cosa sono i DSA? Disturbi dello sviluppo che riguardano

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER IL PERCORSO SCOLASTICO DI STUDENTI CON DSA

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER IL PERCORSO SCOLASTICO DI STUDENTI CON DSA PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER IL PERCORSO SCOLASTICO DI STUDENTI CON DSA (Presentato al Collegio Docenti del, Delibera di approvazione del Collegio Docenti in data, conseguente annessione al POF..) FINALITÀ

Dettagli

INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) PRESSO L ISTITUTO

INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) PRESSO L ISTITUTO Referente alla Disabilità Prof. ssa Nardiello Paola Referente BES (bisogni educativi speciali) Prof. ssa Cappello Monica Anna INTEGRAZIONE SCOLASTICA DEGLI ALUNNI CON BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) PRESSO

Dettagli

Introduzione alla problematica dei DSA, 3. 1 La normativa sui disturbi specifici dell apprendimento (DSA) Cenni storici e nodi salienti, 5

Introduzione alla problematica dei DSA, 3. 1 La normativa sui disturbi specifici dell apprendimento (DSA) Cenni storici e nodi salienti, 5 INDICE Parte Prima La questione dei DSA tra clinica e didattica. Quale posto per il soggetto? Introduzione alla problematica dei DSA, 3 1 La normativa sui disturbi specifici dell apprendimento (DSA) Cenni

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Premessa La nostra Scuola accoglie tutti gli alunni. Gli alunni con DSA (Disturbi Specifici di Apprendimento) presentano alcuni specifici disturbi delle abilità dell

Dettagli

PROTOCOLLO PER L INDIVIDUAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTÀ DI APPRENDIMENTO E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO

PROTOCOLLO PER L INDIVIDUAZIONE PRECOCE DELLE DIFFICOLTÀ DI APPRENDIMENTO E LA PREVENZIONE DEL DISAGIO ISTITUTO COMPRENSIVO DI ROVEREDO IN PIANO Via A.Cojazzi, 1-33080 Roveredo in Piano (Pordenone) tel.0434 94281 - fax. 0434 961891 e-mail: pnic82300r@istruzione.it PROTOCOLLO PER L INDIVIDUAZIONE PRECOCE

Dettagli

LINEE GUIDA PER L INSERIMENTO DEGLI ALUNNI DISABILI

LINEE GUIDA PER L INSERIMENTO DEGLI ALUNNI DISABILI MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE PAOLO FRISI Via Giardino, 69 20077 Melegnano (MI) Scuole dell Infanzia

Dettagli

Autismo a Bergamo. intervento di PATRIZIA GRAZIANI Dirigente Ufficio Scolastico Territoriale Bergamo

Autismo a Bergamo. intervento di PATRIZIA GRAZIANI Dirigente Ufficio Scolastico Territoriale Bergamo Autismo a Bergamo 2001 2013 "Il punto di vista del mondo scolastico: come si è attrezzata la scuola negli ultimi dieci anni per dare risposte adeguate ai bisogni speciali degli alunni con autismo" intervento

Dettagli

dai D.S.A. ai B.E.S. 3-10-2013

dai D.S.A. ai B.E.S. 3-10-2013 dai D.S.A. ai B.E.S. 3-10-2013 DSA - disturbi specifici dell apprendimento L apprendimento Ciascun allievo impara in maniera diversa, ognuno con un proprio stile di apprendimento. L insegnamento deve tener

Dettagli

ALLEGATO I DISLESSIA A.S. 2013 2014. Indice

ALLEGATO I DISLESSIA A.S. 2013 2014. Indice ALLEGATO I DISLESSIA A.S. 2013 2014 Indice Informazioni essenziali DSA... 2 Normativa di riferimento... 2 Elaborazione del PDP... 2 MISURE COMPENSATIVE E DISPENSATIVE... 3 PERCORSO DIDATTICO PERSONALIZZATO

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado

ISTITUTO COMPRENSIVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado ISTITUTO COMPRENVO Tivoli -A.Baccelli- Scuola dell infanzia, scuola primaria, scuola secondaria di primo grado Piano Annuale per l Inclusività A.S. 2013/14 L I.C. Tivoli 2 A.Baccelli pone particolare attenzione

Dettagli

I.C. Paolo Stefanelli

I.C. Paolo Stefanelli I.C. Paolo Stefanelli VADEMECUM DSA ( in ottemperanza delle leggi e direttive vigenti) ( referente DSA Pompei Claudia) a.s.2014/15 1) La diagnosi dei DSA... e' comunicata dalla famiglia alla scuola ( L

Dettagli

Identificazione degli alunni con DSA: competenza osservativa dei docenti a cura di L. Ventriglia, A. Capuano, F. Storace

Identificazione degli alunni con DSA: competenza osservativa dei docenti a cura di L. Ventriglia, A. Capuano, F. Storace Identificazione degli alunni con DSA: competenza osservativa dei docenti a cura di L. Ventriglia, A. Capuano, F. Storace La competenza osservativa dei docenti è sempre stata menzionata nei documenti scolastici;

Dettagli

DSA CARATTERISTICHE E

DSA CARATTERISTICHE E DSA CARATTERISTICHE E NORME Prof. Antonio Congedo 08-09-11 maggio 2012 1 ICD 10 F 81 - F 82 Classif. Internaz. delle malattie e problemi correlati O.M.S. (documento clinico) 2 Il dsa si manifesta in presenza

Dettagli

REFERENTE DSA SPORTELLO DSA

REFERENTE DSA SPORTELLO DSA MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA I S T I T U TO C O M P R E N S I V O S TATA L E Scuola dell Infanzia, Primaria e Secondaria - Via Broli, 4-24060 CASAZZA (BG) Tel 035/810016 Fax

Dettagli

ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO " J. F. Kennedy " C.A.P. 33170 P O R D E N O N E Via Interna, n. 7

ISTITUTO TECNICO SETTORE TECNOLOGICO  J. F. Kennedy  C.A.P. 33170 P O R D E N O N E Via Interna, n. 7 Specializzazioni MODELLO DI PIANO DIDATTICO PERSONALIZZATO MINISTERO DELL ISTRUZIONE DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA REGIONE AUT ONOMA FRIULI-VENEZIA GIULIA DISTRETTO SCOLASTICO N. 7 ISTITUTO TECNICO SETTORE

Dettagli

PROCEDURA DI GESTIONE PER L INGRESSO, L ACCOGLIENZA E IL PERCORSO SCOLASTICO DI STUDENTI CON DSA

PROCEDURA DI GESTIONE PER L INGRESSO, L ACCOGLIENZA E IL PERCORSO SCOLASTICO DI STUDENTI CON DSA PROCEDURA DI GESTIONE PER L INGRESSO, L ACCOGLIENZA E IL PERCORSO SCOLASTICO DI STUDENTI CON DSA (Presentato al Collegio Docenti del, Delibera di approvazione del Collegio Docenti in data, conseguente

Dettagli

Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013

Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013 Doposcuola specializzato per alunni con Disturbi Specifici dell Apprendimento (DSA) A. S. 2012/2013 ANALISI DELLA SITUAZIONE/DELLE SITUAZIONI SPECIFICHE CUI SI RIVOLGE IL PROGETTO Per quanto concerne le

Dettagli

Quando è difficile imparare : dallo screening all azione di compenso come presupposto per il successo scolastico

Quando è difficile imparare : dallo screening all azione di compenso come presupposto per il successo scolastico DIREZIONE DIDATTICA DI MORTARA (PV) SINTESI PIANO OFFERTA FORMATIVA A.S. 2009/2010 SINTESI PROGETTO/ATTIVITA Sezione 1- Descrittiva 1.1. Denominazione progetto DISLESSIA E DIFFICOLTA DELL APPRENDIMENTO

Dettagli

IX LEGISLATURA 34 A Seduta Venerdì 30 marzo 2012

IX LEGISLATURA 34 A Seduta Venerdì 30 marzo 2012 IX LEGISLATURA 34 A Seduta Venerdì 30 marzo 2012 Deliberazione n. 164 (Estratto del processo verbale) OGGETIO: Legge regionale - Disposizioni in favore dei soggetti con disturbi specifici di apprendimento.

Dettagli

Aderente all Associazione Europea Dislessia. www.dislessia.it

Aderente all Associazione Europea Dislessia. www.dislessia.it Aderente all Associazione Europea Dislessia AID, ente accreditato MIUR per la formazione degli insegnanti. www.dislessia.it Maristella Craighero Vicepresidente Nazionale A.I.D. Presidente Sezione A.I.D.

Dettagli

DSA Classificazione ICD-10 (clas.internazionali OMS,1992)

DSA Classificazione ICD-10 (clas.internazionali OMS,1992) DSA Classificazione ICD-10 (clas.internazionali OMS,1992) F80 - Disturbi evolutivi specifici dell eloquio e del linguaggio F81 - Disturbi evolutivi specifici delle abilità scolastiche F82 - Disturbo evolutivo

Dettagli

LEGGE NAZIONALE DISLESSIA

LEGGE NAZIONALE DISLESSIA LEGGE NAZIONALE DISLESSIA Art.1 Dislessia = difficoltà imparare a leggere, decifrazione simboli, correttezza e rapidità lettura Disgrafia = difficoltà realizzazione grafica Disortografia = difficoltà transcodifica

Dettagli

Ufficio XII Ambito Territoriale per la Provincia di Modena

Ufficio XII Ambito Territoriale per la Provincia di Modena Ufficio XII Ambito Territoriale per la Provincia di Modena Rita Fabrizio Ufficio Integrazione Ufficio XII Ambito Territoriale per la provincia di Modena 1 Un po di storia le note dell Ufficio Scolastico

Dettagli

dell Con il supporto tecnico dell ASSOCIAZIONE Il LARIBINTO onlus

dell Con il supporto tecnico dell ASSOCIAZIONE Il LARIBINTO onlus dell Con il supporto tecnico dell ASSOCIAZIONE Il LARIBINTO onlus Bosa, 20/01/2014 Promotore: Associazione Luisa Monti Onlus Supporto tecnico: Associazione Il LARIBINTO onlus (www.illaribinto.org) Campo

Dettagli

NOTE DI APPROFONDIMENTO SU ALCUNI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

NOTE DI APPROFONDIMENTO SU ALCUNI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SCHEDA TECNICA NOTE DI APPROFONDIMENTO SU ALCUNI DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO 1 - PREMESSA Con questo allegato si intendono offrire spunti operativi per una migliore pratica didattica nei confronti

Dettagli

DSA: NOVITA LEGISLATIVE

DSA: NOVITA LEGISLATIVE DSA: NOVITA LEGISLATIVE Responsabiltà della scuola Bergamo, 19gennaio 2012 ANTONELLA GIANNELLINI REFERENTE UST BERGAMO Riferimenti normativi NORME GENERALI NORME SPECIFICHE D.P.R. n. 275 /1999 art 1 comma

Dettagli

Modalità operative per l ingresso, l accoglienza e il percorso scolastico degli alunni DSA

Modalità operative per l ingresso, l accoglienza e il percorso scolastico degli alunni DSA Doc.: PQ14 Rev.: 1 Data: 13/05/14 Pag.: 1 di 8 Modalità operative per l ingresso, l accoglienza e il percorso scolastico degli alunni DSA EMESSA DA: VERIFICATA DA: APPROVATA DA: Cazzaniga Laura Romeo Massimiliano

Dettagli

FAQ SUI D.S.A. 1) COSA SONO I D.S.A.? D = Disturbi S = Specifici A = dell' Apprendimento

FAQ SUI D.S.A. 1) COSA SONO I D.S.A.? D = Disturbi S = Specifici A = dell' Apprendimento FAQ SUI D.S.A. 1) COSA SONO I D.S.A.? D = Disturbi S = Specifici A = dell' Apprendimento I Disturbi Specifici dell'apprendimento sono dei disturbi che compromettono in modo significativo l'acquisizione

Dettagli

Stefano Franceschi Centro Studi Ed. Erickson (TN)

Stefano Franceschi Centro Studi Ed. Erickson (TN) Stesura del Piano Didattico Personalizzato Latina, 22 Novembre 2011 Stefano Franceschi Centro Studi Ed. Erickson (TN) Centralmente Centro Neuropsicologia Clinica dello Sviluppo (AP) www.centralmente.it

Dettagli

MASTER ANNUALE Difficoltà e Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA)

MASTER ANNUALE Difficoltà e Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) MASTER ANNUALE Difficoltà e Disturbi Specifici di Apprendimento (DSA) Presentazione Il Master offre la possibilità di acquisire conoscenze approfondite e competenze operative per lavorare con bambini e

Dettagli

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO gestione della «normale specialità»

DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO gestione della «normale specialità» DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO gestione della «normale specialità» PROGRAMMA Obiettivi dell incontro: Conoscenza reciproca e condivisione di obiettivi e strategie Aspetti normativi ed implicazioni

Dettagli

DISLESSIA (D.S.A.): PARLIAMONE INSIEME. Giorgio Pierucci Resp. settore giovani LEGA DIRITTI DEL MALATO

DISLESSIA (D.S.A.): PARLIAMONE INSIEME. Giorgio Pierucci Resp. settore giovani LEGA DIRITTI DEL MALATO DISLESSIA (D.S.A.): PARLIAMONE INSIEME Giorgio Pierucci Resp. settore giovani LEGA DIRITTI DEL MALATO COSA SONO I D.S.A.? In generale i dsa, sono disturbi specifici dell apprendimento che determinano difficoltà

Dettagli