MEMORIA DELLA CGIL E DELLO SPI CGIL AUDIZIONE del 8 giugno 2015 XI COMMISSIONE CAMERA DEI DEPUTATI SU DECRETO LEGGE 65/2015 Disposizioni urgenti in

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "MEMORIA DELLA CGIL E DELLO SPI CGIL AUDIZIONE del 8 giugno 2015 XI COMMISSIONE CAMERA DEI DEPUTATI SU DECRETO LEGGE 65/2015 Disposizioni urgenti in"

Transcript

1 MEMORIA DELLA CGIL E DELLO SPI CGIL AUDIZIONE del 8 giugno 2015 XI COMMISSIONE CAMERA DEI DEPUTATI SU DECRETO LEGGE 65/2015 Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR (C. 3134) 1

2 Sulla Gazzetta ufficiale n. 116 del 21 maggio 2015 è stato pubblicato il decreto legge 65/2015 relativo a Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR. L'articolo 1 di tale decreto, intitolato Misure in materia di rivalutazione automatica delle pensioni prevede di dare attuazione ai principi enunciati nella sentenza della Corte Costituzionale n. 70 del 2015, nel rispetto del principio degli equilibri di bilancio e degli obiettivi di finanza pubblica, assicurando la tutela dei livelli essenziali delle prestazioni concernenti i diritti civili e sociali, anche in funzione della solidarietà intergenerazionale. La Corte Costituzionale con la sentenza n 70 del 10 marzo 2015 ha dichiarato incostituzionale il comma 25 dell art. 24 del D.L. n 201/2014 nella parte in cui disponeva la rivalutazione automatica, per gli anni 2012 e 2013, esclusivamente per i trattamenti pensionistici di importo complessivo fino a tre volte il INPS. La Corte ha ritenuto la norma illegittima con riferimento agli articoli 3, 36, primo comma, e 38, secondo comma, della Costituzione. La Corte Costituzionale ha ritenuto fondata la questione di costituzionalità che le è stata posta dal Tribunale di Palermo, dalla Corte dei Conti dell'emilia Romagna e dalla Corte dei Conti della Liguria sulla base delle seguenti motivazioni. Violazione dell'articolo 38, secondo comma della Costituzione, poiché l'assenza di rivalutazione impedisce la conservazione nel tempo del valore reale delle pensione, menomandone l'adeguatezza. Violazione dell'articolo 36, primo comma della Costituzione, in quanto il blocco della perequazione lede il principio di proporzionalità tra la pensione, che costituisce il prolungamento della retribuzione in costanza di lavoro, e il trattamento retributivo percepito durante l'attività lavorativa. Violazione del combinato disposto degli articoli 36, 38 e 3 della Costituzione poiché la mancata rivalutazione, violando il principio di proporzionalità tra pensione e retribuzione e quello di adeguatezza della prestazione previdenziale, altera il principio di uguaglianza e ragionevolezza, causando un irrazionale discriminazione in danno della categoria dei pensionati. La Corte Costituzionale ha più volte citato la precedente sentenza n.316 del Con tale sentenza la Corte aveva posto in evidenza la discrezionalità di cui gode il legislatore, sia pure nell'osservare il principio costituzionale di proporzionalità ed adeguatezza delle pensioni, ed aveva ritenuto non illegittimo l'azzeramento, per il solo anno 2008, della rivalutazione delle pensioni superiori ad otto volte il INPS. Nel contempo la Corte aveva però lanciato un monito al legislatore, poiché la sospensione a tempo indeterminato del meccanismo perequativo, o la frequente reiterazione di misure intese a penalizzarlo, entrerebbero in collisione con gli invalicabili principi della ragionevolezza e della proporzionalità, con conseguente pregiudizio per il potere di acquisto delle pensioni e con irrimediabile vanificazione delle aspettative legittimamente nutrite dal lavoratore per il tempo successivo alla cessazione della propria attività (sentenza Corte Costituzionale n. 349 del 1995). Con l'articolo 1 del decreto legge 65/2015 si prevede con efficacia retroattiva la sostituzione della norma abrogata stabilendo che la rivalutazione automatica dei trattamenti pensionistici, secondo il meccanismo stabilito dall'articolo 34, comma 1, della legge 448/1998,relativa agli anni 2012 e 2013, è riconosciuta: 2

3 ANNI 2012 e 2013 Fino a tre volte il 100% Oltre tre volte e fino a quattro volte il Oltre quattro volte e fino a 5 volte il Oltre 5 volte e fino a 6 volte il % perequazione 40% 20% 10% Oltre 6 volte il 0% Viene poi aggiunto il comma 25 bis che prevede che la rivalutazione automatica relativa agli anni 2012 e 2013, così come determinata ai sensi del nuovo comma 25, si applica ai trattamenti pensionistici di importo complessivo superiore a tre volte il INPS per gli anni successivi nel seguente modo: a) 20% per gli anni 2014 e 2015; b) 50% per gli anni La rivalutazione prevista dal comma 25 bis si affianca alla rivalutazione prevista dal comma 483 della legge di stabilità 147 del 2013 che continua ad operare. Le somme arretrate dovute in base alla riformulazione della norma saranno corrisposte ai pensionati con effetto dal 1 agosto E' da rilevare che il Governo ha deciso di dare attuazione alla sentenza della Corte Costituzionale senza alcun confronto con il sindacato, con un decreto legge che restituisce solo una minima parte di quanto dovuto e che individua anche una soglia di pensionati (quelli con importi di pensione che vanno oltre 6 volte il ) che per i due anni in questione (2012 e 2013) non avranno diritto ad alcuna rivalutazione. Il decreto, peraltro, è scritto in maniera ambigua e dà adito a più interpretazioni. Secondo l' interpretazione data dalla Ragioneria Generale dello Stato la norma sulla rivalutazione si applicherebbe solo per determinare l'importo degli arretrati da corrispondere senza modificare l'importo della pensione in essere. Se questa è l'interpretazione data dal Governo non possiamo non rilevare che ciò creerebbe per la prima volta nella storia del nostro Paese una rivalutazione virtuale delle pensioni, contraria a tutta la nostra legislazione previdenziale: la perequazione una volta applicata sull'importo della pensione in essere diventa, infatti, parte integrante della pensione stessa: almeno finora è sempre stato così! Con l'interpretazione che il Governo vuole dare alla norma ci sarebbero danni ingenti per i pensionati che continuerebbero a subire gli effetti del blocco delle indicizzazioni del biennio 2012 e 2013 anche per tutti gli anni a venire. La sterilizzazione dell'effetto economico della rivalutazione riconosciuta per il biennio per gli anni successivi e quindi sul trattamento pensionistico a regime appare come un sistema di aggiramento del dictum della Corte e potrebbe, pertanto, dar luogo ad un futuro notevole contenzioso. Pur essendo consapevoli della situazione di bilancio e del costo della sentenza della Corte Costituzionale n. 70 del 2015 non possiamo non rilevare come quel costo derivi proprio dai mancati aumenti che non sono stati corrisposti ai pensionati. Consideriamo, pertanto, l espressione bonus Poletti offensiva dei pensionati e mistificatrice della realtà. L erogazione di cui si parla non è una piacevole e inaspettata sorpresa ad opera del Governo, ma la parziale, molto parziale, restituzione di quanto sottratto ai pensionati con una norma che la 3

4 Corte Costituzionale ha dichiarato illegittima. È ancora più disdicevole aver tentato di colpevolizzare i pensionati, dichiarando di utilizzare, come ha fatto il Presidente del Consiglio, a copertura della parziale restituzione di quanto dovuto, le somme altrimenti destinate a favore dei poveri. Una affermazione che la dice lunga sull atteggiamento politico del Governo che, per uscire da sue difficoltà, non esita a mettere in contrapposizione i sacrosanti diritti dei pensionati con gli altrettanto sacrosanti diritti dei cittadini più poveri, di cui si deve far carico l intera collettività, pensionati compresi. Inoltre, in questo modo si alimenta volutamente la confusione tra previdenza e assistenza, nel solco di una operazione politica che, proprio sulla base di questa confusione, sostiene che in Italia si spende troppo per le pensioni, sia in assoluto, sia in confronto ad altri paesi europei. Una affermazione, quest ultima, mai sostanziata da un reale confronto dei diversi sistemi di welfare analizzati non per parti, come avviene da sempre, ma nella loro complessità (spesa totale pro-capite e in rapporto al PIL, tassazione della spesa, rapporto tra previdenza pubblica e privata, sistemi di incentivazione della previdenza privata e loro incidenza sulla spesa pubblica, ecc.). Una lacuna, frutto di una precisa scelta politica, cui la Commissione Lavoro della Camera potrebbe porre rimedio con una sua iniziativa. Tornando alla sentenza della Corte Costituzionale osserviamo che il decreto che ne dà attuazione migliora e non peggiora i saldi di finanza pubblica, come si è voluto far credere. In assenza del decreto 65/2015, l effetto della sentenza sul saldo netto da finanziare sarebbe stato di circa 17 miliardi di euro per il 2015 e di circa 4,2 miliardi per gli anni successivi. Con il decreto si scende a 2,10 miliardi per il 2015 e a meno di 500 milioni per gli anni successivi. Noi riteniamo che la misura sia totalmente insufficiente e che, al di là della retorica sulle nuove generazione, neanche un euro di quanto risparmiato è stato destinato a interventi sugli aspetti del sistema previdenziale maggiormente esposti alle difficoltà del mercato del lavoro. Inoltre questa non è l unica fonte di risparmio. Afferma la Ragioneria Generale dello Stato che Considerando l insieme degli interventi di riforma approvati a partire dal 2004 (L 243/2004), si evidenzia che, complessivamente, essi hanno generato una riduzione dell incidenza della spesa pensionistica in rapporto al PIL pari a circa 60 punti percentuali di PIL, cumulati al Una cifra enorme di cui, colpevolmente, si è persa memoria tanto che ogni volta che si interviene sulle pensioni sembra che lo si faccia per la prima volta. Partendo da queste considerazioni, riteniamo che vi sia lo spazio per apportare alcune modifiche al decreto e, nello stesso tempo, avviare un reale politica di sostegno sulle attese previdenziali delle nuove generazioni, contrastando una deriva miope che, per qualche presunto vantaggio politico immediato, sta prefigurando per molti un futuro di povertà. 4

5 Le nostre proposte. - Ciò che il decreto restituisce in attuazione della sentenza è certamente insufficiente, specialmente per quanto riguarda le pensioni di importo più basso, cui la sentenza si è riferita più volte. Nel periodo , a fronte di un tasso di perequazione cumulato di circa il 7%, la copertura prevista dal decreto è del 2,2% per importi compresi tra 3 e 4 volte il, l 1,5% tra 4 e 5 volte lo 0,5% per importi tra 5 e 6 volte lo stesso, per poi decrescere fino a percentuali insignificanti. Proponiamo due modifiche: 1) aumentare la copertura alle pensioni di importo compreso tra tre e cinque volte il ; 2) utilizzare le pensioni perequate al 2013 come base effettiva per gli anni successivi, correggendo un aspetto del decreto che altrimenti determinerebbe l'avvio di un notevole futuro contenzioso. - Destinare una percentuale dei risparmi previsti dal decreto a un fondo da utilizzare per migliorare la copertura previdenziale dei lavoratori più deboli nel mercato del lavoro e delle future generazioni, recuperando valori solidaristici estranei al sistema contributivo così come è stato concepito in Italia. Altre risorse si dovranno trovare con la legge di stabilità 2016, chiamando a contribuire tutti i cittadini e in particolare quelli che hanno di più e che in questi anni di crisi hanno visto aumentare reddito e ricchezza. - Si tratta di due interventi che, pur non rendendo pienamente giustizia ai pensionati colpiti dal blocco e ai giovani, invertono il segno del decreto e prefigurano possibili futuri interventi non per fare cassa ma per restituire organicità e solidarietà al sistema previdenziale. - Sono temi che coinvolgono milioni di persone, e che non possono essere affrontati senza un adeguato dialogo sociale. Per questo continuiamo a chiedere al Governo di convocare le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative dei pensionati per un confronto sul merito. - Tenendo conto del dibattito in corso e delle posizioni espresse da membri del Governo, precisiamo sin da subito che siamo fermamente contrari a interventi finalizzati al ricalcolo delle pensioni liquidate con il sistema retributivo, da molti presentate come un furto di futuro e non per quello che realmente sono, la restituzione di un risparmio previdenziale calcolato secondo le leggi vigenti nel tempo. - CGIL CISL e UIL hanno varato da tempo una Piattaforma unitaria per le modifiche da apportare alla legge Fornero. È necessario che il Governo esca dal silenzio e dai continui rinvii della discussione e inizi subito il confronto sia con i sindacati confederali sia con i sindacati dei pensionati. Relativamente agli articoli relativi al finanziamento degli ammortizzatori sociali si chiede l'incremento della dotazione per il rifinanziamento dei contratti di solidarietà di cui all'articolo 4 del presente decreto. La dotazione individuata risulta insufficiente alla copertura del fabbisogno. Il finanziamento è opportuno che si attesti almeno sui 150 milioni di euro per la copertura degli anni 2014 e

Camera dei Deputati. Audizione informale. Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015)

Camera dei Deputati. Audizione informale. Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015) Camera dei Deputati Audizione informale Disegno di legge n. 3134 (DL 65/2015) Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR 8 Giugno 2015 XI Commissione Lavoro

Dettagli

DECRETO LEGGE 65 DEL 21 MAGGIO 2015 Analisi e commento a cura del Sevizio Politiche Previdenziali UIL

DECRETO LEGGE 65 DEL 21 MAGGIO 2015 Analisi e commento a cura del Sevizio Politiche Previdenziali UIL DECRETO LEGGE 65 DEL 21 MAGGIO 2015 Analisi e commento a cura del Sevizio Politiche Previdenziali UIL Il 21 maggio 2015 è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il Decreto Legge 65 emanato dal Governo

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi

Le Circolari della Fondazione Studi ANNO 2015 CIRCOLARE NUMERO 12 Le Circolari della Fondazione Studi n. 12 del 26/05/2015 BONUS PENSIONI Ecco a chi spettano gli arretrati Premessa Il 21 maggio è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi

Le Circolari della Fondazione Studi ANNO 2015 CIRCOLARE NUMERO 10 Le Circolari della Fondazione Studi n. 10 del 05/05/2015 CREDITI SU PENSIONI VADEMECUM PER IL RIMBORSO 1. Introduzione La Corte Costituzionale con la Sentenza ablativa n.

Dettagli

Blocco della scala mobile sulle pensioni per gli anni 2012 e 2013

Blocco della scala mobile sulle pensioni per gli anni 2012 e 2013 Testi a cura di Salvatore Martorelli e Paolo Zani Numero 121 Maggio 2015 Blocco della scala mobile sulle pensioni per gli anni 2012 e 2013 DECRETO-LEGGE 21 maggio 2015, n. 65 E stato pubblicato sulla Gazzetta

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giuslavoristici N. 96 22.05.2015 Rimborso pensioni: il piano del Governo Approvato il D.L. Pensioni per i pensionati che si sono visti bloccare

Dettagli

Tuttavia, il passaggio dal regime di TFS al nuovo regime di TFR non è avvenuto in modo lineare. Sentenza della Corte costituzionale e personale a TFR

Tuttavia, il passaggio dal regime di TFS al nuovo regime di TFR non è avvenuto in modo lineare. Sentenza della Corte costituzionale e personale a TFR La Consulta dichiara non fondata la questione di illegittimità costituzionale in merito alla disparità di trattamento tra dipendenti pubblici e privati in TFR e tra assunti post e ante 2001. La recente

Dettagli

Camera dei Deputati. XI Commissione Lavoro pubblico e privato. Audizione D.L. n. 65/2015

Camera dei Deputati. XI Commissione Lavoro pubblico e privato. Audizione D.L. n. 65/2015 Camera dei Deputati XI Commissione Lavoro pubblico e privato Audizione D.L. n. 65/2015 Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR 8 giugno 2015 Premessa Il

Dettagli

Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA D.L. 21 maggio 2015, n. 65 (1). Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR. (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 21 maggio 2015, n. 116. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

Blocco della perequazione e Contributo di solidarietà delle pensioni INPS (Ex- INPDAP) Perequazione delle pensioni ENPAM

Blocco della perequazione e Contributo di solidarietà delle pensioni INPS (Ex- INPDAP) Perequazione delle pensioni ENPAM Blocco della perequazione e Contributo di solidarietà delle pensioni INPS (Ex- INPDAP) Perequazione delle pensioni ENPAM INDICE Blocco della perequazione delle pensioni INPS ( Ex- INPDAP) Slide 3 Decreto

Dettagli

TESTO COORDINATO DEL DECRETO LEGGE 21 maggio 2015, n. 65. (GU n.166 del 20 7 2015) Capo I

TESTO COORDINATO DEL DECRETO LEGGE 21 maggio 2015, n. 65. (GU n.166 del 20 7 2015) Capo I TESTO COORDINATO DEL DECRETO LEGGE 21 maggio 2015, n. 65 Testo del decreto legge 21 maggio 2015, n. 65 (in Gazzetta Ufficiale Serie generale n. 116 del 21 maggio 2015), coordinato con la legge di conversione

Dettagli

Il nuovo sistema di perequazione SPI CGIL - DIPARTIMENTO NAZIONALE PREVIDENZA 1

Il nuovo sistema di perequazione SPI CGIL - DIPARTIMENTO NAZIONALE PREVIDENZA 1 Il nuovo sistema di perequazione NAZIONALE PREVIDENZA 1 La perequazione è un diritto Non può non esserci, può essere sospesa per brevi periodi, non ripetibili. La misura la decide il legislatore, tenendo

Dettagli

TESTO DEL DECRETO-LEGGE COMPRENDENTE LE

TESTO DEL DECRETO-LEGGE COMPRENDENTE LE Decreto-legge 21 maggio 2015, n. 65, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 116 del 21 maggio 2015. TESTO DEL DECRETO-LEGGE TESTO DEL DECRETO-LEGGE COMPRENDENTE LE MODIFICAZIONI APPORTATE DALLA CAMERA

Dettagli

Blocco della perequazione e Contributo di solidarietà delle pensioni INPS (Ex- INPDAP) Perequazione delle pensioni ENPAM

Blocco della perequazione e Contributo di solidarietà delle pensioni INPS (Ex- INPDAP) Perequazione delle pensioni ENPAM Blocco della perequazione e Contributo di solidarietà delle pensioni INPS (Ex- INPDAP) Perequazione delle pensioni ENPAM INDICE Blocco della perequazione delle pensioni INPS ( Ex- INPDAP) Slide 3 Decreto

Dettagli

http://www.normattiva.it/do/atto/export

http://www.normattiva.it/do/atto/export Pagina 1 di 7 DECRETO-LEGGE 21 maggio 2015, n. 65 Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR. (15G00081) Vigente al: 21-7-2015 Capo I IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

1 di 10 23/07/2015 12:16. DECRETO-LEGGE 21 maggio 2015, n. 65

1 di 10 23/07/2015 12:16. DECRETO-LEGGE 21 maggio 2015, n. 65 1 di 10 DECRETO-LEGGE 21 maggio 2015, n. 65 Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR. (15G00081) Vigente al: 23-7-2015 Capo I IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Dettagli

La struttura del sistema previdenziale

La struttura del sistema previdenziale QUANDO ANDRÒ IN PENSIONE? QUANTI SOLDI PRENDERÒ? E IL MIO TFR? Il sistema previdenziale pubblico e complementare 1 La struttura del sistema previdenziale I pilastro: la previdenza pubblica II pilastro:

Dettagli

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro

Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro 1 Ripensare le pensioni fra passato, presente e futuro LE PROPOSTE DELLA CISL per un sistema pensionistico equo e sostenibile LA CISL CONTRATTA, UNISCE, PROPONE 1 2 1. La flessibilità in uscita: restituire

Dettagli

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO Federazione Italiana Sindacale Lavoratori Assicurazioni e Credito Comprensorio di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308254 e-mail: fisacal@libero.it - Sito Internet www.fisacalessandria.it

Dettagli

MEDICI OSPEDALIERI - TRATTENUTA NON DOVUTA PER IL TFR. Marco Perelli Ercolini

MEDICI OSPEDALIERI - TRATTENUTA NON DOVUTA PER IL TFR. Marco Perelli Ercolini MEDICI OSPEDALIERI - TRATTENUTA NON DOVUTA PER IL TFR Marco Perelli Ercolini Già in passato era stato sostenuto il sospetto di illecito nella trattenuta INPDAP per il Tfr. Ma nessun sindacato aveva poi

Dettagli

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici

SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici SCHEDA SU RIFORMA DELLE PENSIONI MONTI-FORNERO Nodi critici sintetici Articolo 24 Dl 6.12.2011 1. Si tratta di una riforma non concertata, ma imposta, cosa che peraltro accade dal 2007, quando fu firmato

Dettagli

Foglio Informativo AnSe

Foglio Informativo AnSe Foglio Informativo AnSe Anno 2015 - Numero 11 16 luglio 2015 Anno13 - Numero 2013 ANSE Associazione Nazionale Seniores Enel Viale Regina Margherita, 125-00198 ROMA Tel. 0683057390-0683057422 Fax 0683057440

Dettagli

Avv. Vittorio Nista, patrocinante in Cassazione. Avv. Virginio Nista.

Avv. Vittorio Nista, patrocinante in Cassazione. Avv. Virginio Nista. V V STUDIO LEGALE NISTA N - Poggio Imperiale (FG) via De Cicco 32, tel. e fax 0882994224 - - San Severo (FG) C.so L. Mucci 132, tel. e fax 0882373459 - Avv. Vittorio Nista, patrocinante in Cassazione.

Dettagli

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia

Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia La Previdenza Sociale in Italia Il calcolo della pensione INPS e il Sistema Previdenziale in Italia BBF&Partners, Servizi per la Gestione delle Risorse Umane 1 2 L Assicurazione Previdenziale Obbligatoria

Dettagli

IL FUTURO DELLE PENSIONI:

IL FUTURO DELLE PENSIONI: IL FUTURO DELLE PENSIONI: PIÙ EQUITÀ, PIÙ SOLIDARIETÀ, PIÙ SOSTENIBILITÀ SOCIALE. Analisi e proposte della CGIL Dicembre 2009 A cura del Dipartimento Welfare e Nuovi Diritti - Cgil Nazionale 1 GLI EFFETTI

Dettagli

Pensioni delle donne: un analisi di genere

Pensioni delle donne: un analisi di genere Argomento A cura dello Spi-Cgil dell Emilia-Romagna n. 1 gennaio 2015 Pensioni delle donne: un analisi di genere Questo numero è a cura di Roberto Battaglia e Gabriella Dionigi con la collaborazione di

Dettagli

Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di

Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di Le pensioni Art. 38, comma 2, Costituzione: I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia,

Dettagli

Oggetto: Sentenza Corte Costituzionale 70/2015. Ripristino perequazione pensioni anni 2012/2013.

Oggetto: Sentenza Corte Costituzionale 70/2015. Ripristino perequazione pensioni anni 2012/2013. Roma, 12 maggio 2015 Ai Coordinatori Regionali ITAL Uil Agli Uffici di Patronato delle Cst Uil Alle Strutture Regionali Uilp Alle Strutture Territoriali Uilp Alle Leghe Territoriali Uilp e p.c. Carmelo

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

PATRONATO ACLI FOGGIA NEWSLETTER MAGGIO 2015

PATRONATO ACLI FOGGIA NEWSLETTER MAGGIO 2015 PATRONATO ACLI FOGGIA NEWSLETTER MAGGIO 2015 SENTENZA N. 70/2015 La Corte Costituzionale con una sentenza sorprendente nel declinare il rigore dei principi costituzionali ha dichiarato l illegittimità

Dettagli

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS.

Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. Roma, 12 febbraio 2009 Le pensioni nel 2009 Di seguito l aggiornamento annuale sugli aspetti di maggiore interesse per i nostri associati concernenti la normativa previdenziale INPS. TETTO DI RETRIBUZIONE

Dettagli

Decreto Legge n.65 del 2015 Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR

Decreto Legge n.65 del 2015 Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR Decreto Legge n.65 del 2015 Disposizioni urgenti in materia di pensioni, di ammortizzatori sociali e di garanzie TFR Documento UIL presentato all audizione dell 8 giugno 2015 presso la Commissione XI Lavoro

Dettagli

DOCUMENTO PER IL SOTTOSEGRETARIO AL LAVORO ON.LE JOLE SANTELLI

DOCUMENTO PER IL SOTTOSEGRETARIO AL LAVORO ON.LE JOLE SANTELLI DOCUMENTO PER IL SOTTOSEGRETARIO AL LAVORO ON.LE JOLE SANTELLI Premessa I Trattamenti Pensionistici In Italia, come anche in tutti i paesi maggiormente industrializzati, alla precarietà del mercato del

Dettagli

I tagli alle pensioni sono in contrasto con la Costituzione

I tagli alle pensioni sono in contrasto con la Costituzione Legge di stabilità 2014 I tagli alle pensioni sono in contrasto con la Costituzione Giuseppe Farina 1. È una mostruosità la legge di stabilità 2014 licenziata dal Senato: comprende 531 commi. Ciò è indice

Dettagli

Alla ricerca di una ratio del sistema pensionistico italiano

Alla ricerca di una ratio del sistema pensionistico italiano CORTE COSTITUZIONALE 30 aprile 2015 n. 70- Pres. Criscuolo- Est. Sciarra Previdenza e Assistenza - Assicurazione invalidità, vecchiaia e superstiti- Pensioni- Perequazione automatica- Abolizione anni 2012-2013-

Dettagli

IL JOBS ACT È UNA VERA RIFORMA DEL LAVORO (è la riforma del lavoro attesa da tempo).

IL JOBS ACT È UNA VERA RIFORMA DEL LAVORO (è la riforma del lavoro attesa da tempo). IL JOBS ACT È UNA VERA RIFORMA DEL LAVORO (è la riforma del lavoro attesa da tempo). È un cambiamento radicale: si passa dalla tutela del posto di lavoro alla tutela del lavoratore. Basta precarietà. Abbiamo

Dettagli

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO

IL FONDO DI SOLIDARIETÀ PER IL PERSONALE DEL CREDITO Federazione Italiana Sindacale Lavoratori Assicurazioni e Credito Comprensorio di Alessandria Via Cavour, 27-15121 Alessandria - Tel. 0131 308254 e-mail: fisacal@libero.it - Sito Internet www.fisacalessandria.it

Dettagli

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010. Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi

FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010. Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi FONDAZIONE STUDI CONSULENTI DEL LAVORO PARERE N. 4 DEL 29.01. 2010 Vertenza giudiziale disciplina fiscale rivalutazione monetaria e interessi IL QUESITO Il giudice, a conclusione di una causa tra me ed

Dettagli

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici.

1. Premessa Il tema della omissione contributiva e delle relative sanzioni nella previdenza complementare presenta una serie di aspetti problematici. FONDAZIONE STUDI CONSIGLIO NAZIONALE DEI CONSULENTI DEL LAVORO **** Commissione dei principi interpretativi delle leggi in materia di lavoro **** PRINCIPIO N. 10 Omissione contributiva nella previdenza

Dettagli

La manovra del governo Monti

La manovra del governo Monti 1 La manovra del governo Monti La manovra del governo Monti realizza un intervento di dimensioni sostanzialmente costanti, tra i 20 e i 21 miliardi, in ciascuno degli anni del triennio 2012-2014 (20,185

Dettagli

Ai Dirigenti generali Ai Dirigenti degli Uffici centrali e periferici. Ai Coordinatori delle consulenze professionali

Ai Dirigenti generali Ai Dirigenti degli Uffici centrali e periferici. Ai Coordinatori delle consulenze professionali Roma, 08.06.2000 DIREZIONE CENTRALE PRESTAZIONI PREVIDENZIALI UFFICIO III - COORDINAMENTO Circolare n. 29 Ai Dirigenti generali Ai Dirigenti degli Uffici centrali e periferici Ai Coordinatori delle consulenze

Dettagli

Quoziente familiare. 1 Legge 19 maggio 1975 n 151 2 Legge 1975 n 576 3 Sentenza della Corte Costituzionale del 15 luglio 1976 n 179

Quoziente familiare. 1 Legge 19 maggio 1975 n 151 2 Legge 1975 n 576 3 Sentenza della Corte Costituzionale del 15 luglio 1976 n 179 Quoziente familiare Nel corso dei dibattiti si sente molto spesso parlare di quoziente familiare, ma di cosa si tratta? Con questo termine ci si riferisce a una particolare modalità di tassazione del reddito

Dettagli

PENSIONI ED EQUITA SOCIALE. Mino Schianchi

PENSIONI ED EQUITA SOCIALE. Mino Schianchi PENSIONI ED EQUITA SOCIALE Mino Schianchi SEMPRE APERTI I CANTIERI DELLE PENSIONI Nei tempi che viviamo, è l incertezza la connotazione della vita sociale dei pensionati ai quali è resa quasi impossibile

Dettagli

Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA)

Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA) Come è nato e a cosa serve Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA) Il Fondo Speciale per il Trasporto Aereo (FSTA) è stato istituito dall art. 1 ter del Decreto Legge n. 249/ 2004 convertito dalla

Dettagli

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare

La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare La Cisl Informa: il TFR e la previdenza complementare Le riforme del sistema previdenziale attuate negli anni 90 hanno apportato una serie di interventi restrittivi alle pensioni erogate dal sistema pubblico,

Dettagli

Breve storia della perequazione automatica delle pensioni (M.Schianchi)

Breve storia della perequazione automatica delle pensioni (M.Schianchi) Breve storia della perequazione automatica delle pensioni (M.Schianchi) Articolo 19 della legge 30 aprile 1969, n. 153 - Perequazione automatica delle pensioni Gli importi delle pensioni a carico dell'assicurazione

Dettagli

Due scommesse per il decollo della previdenza integrativa

Due scommesse per il decollo della previdenza integrativa SILENZIO/ASSENSO E TFR ALL INPS Due scommesse per il decollo della previdenza integrativa di Giovanni Maggiorano Risorse Umane >> Fondi pensione Sommario Introduzione...3 Tre le ipotesi percorribili...4

Dettagli

TESTO UNIFICATO N. 304-328

TESTO UNIFICATO N. 304-328 Atti consiliari - XIV Legislatura - Documenti - Progetti di legge e relazioni CONSIGLIO REGIONALE DELLA SARDEGNA TESTO UNIFICATO N. 304-328 Riforma della legge regionale 5 maggio 1965, n. 15 (Istituzione

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip

FONDINPS - Fondo pensione complementare INPS Iscritto n. 500 all Albo Covip DOCUMENTO SUL REGIIME FIISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali

Dettagli

Premessa. Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 27-07-2015. Messaggio n. 4993

Premessa. Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici. Roma, 27-07-2015. Messaggio n. 4993 Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Sistemi Informativi e Tecnologici Roma, 27-07-2015 Messaggio n. 4993 Allegati n.1 OGGETTO: Decreto Legge 21 maggio 2015, n. 65 recante Disposizioni urgenti

Dettagli

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI SEGRETERIA NAZIONALE 00198 ROMA VIA TEVERE, 46 TEL. 06.84.15.751 FAX 06.85.59.220 06.85.52.275 SITO INTERNET: www.fabi.it E-MAIL: federazione@fabi.it FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI Ai Sindacati

Dettagli

I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI

I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI I PUNTI ESSENZIALI DELLA CONTRORIFORMA PREVIDENZIALE GLI OBIETTIVI Sostenibilità finanziaria del sistema pensionistico obbligatorio Prolungare l attività lavorativa o ritardare il momento della pensione:

Dettagli

La perequazione delle pensioni: una storia sempre più complicata di Valeria Picchio Dipartimento Democrazia Economica

La perequazione delle pensioni: una storia sempre più complicata di Valeria Picchio Dipartimento Democrazia Economica 1 La perequazione delle pensioni: una storia sempre più complicata di Valeria Picchio Dipartimento Democrazia Economica 22 maggio 2015 La perequazione delle pensioni ha avuto nei decenni una storia assai

Dettagli

Roma, 29 gennaio 2015

Roma, 29 gennaio 2015 DIREZIONE GENERALE CIRCOLARE n. 2500 Roma, 29 gennaio 2015 ALLE ASSOCIAZIONI E AI SINDACATI TERRITORIALI ALLE UNIONI REGIONALI AI COMPONENTI DELLA GIUNTA ESECUTIVA AI COMPONENTI DEL CONSIGLIO NAZIONALE

Dettagli

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici

Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 27 10.02.2014 Contributi: gli effetti per il 2014 Riepilogate le disposizioni aventi riflesso sulla contribuzione dovuta dai

Dettagli

Pensioni? Prof. Alberto Brambilla Presidente Comitato Tecnico Scientifico Itinerari Previdenziali Aldai Milano Dicembre 2014

Pensioni? Prof. Alberto Brambilla Presidente Comitato Tecnico Scientifico Itinerari Previdenziali Aldai Milano Dicembre 2014 Pensioni? Prof. Alberto Brambilla Presidente Comitato Tecnico Scientifico Itinerari Previdenziali Aldai Milano Dicembre 2014 Pensioni? Il bollettino di guerra dopo la legge di stabilità 2014 Le nuove indicizzazioni

Dettagli

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione)

La previdenza complementare. I lavoratori interessati. La scelta della destinazione del trattamento di fine rapporto (Tfr o liquidazione) La previdenza complementare La previdenza complementare ha lo scopo di pagare pensioni che si aggiungono a quelle del sistema obbligatorio, in modo da assicurare migliori condizioni di vita ai pensionati.

Dettagli

L accordo sindacati-governo sull aumento delle pensioni basse

L accordo sindacati-governo sull aumento delle pensioni basse SINDACATO PENSIONATI ITALIANI REGIONALE ABRUZZO L accordo sindacati-governo sull aumento delle pensioni basse la somma aggiuntiva la perequazione automatica la maggiorazione sociale Elaborazione a cura

Dettagli

IL NUOVO TFR, GUIDA ALL USO A cura di Tommaso Roberto De Maria

IL NUOVO TFR, GUIDA ALL USO A cura di Tommaso Roberto De Maria LIBERA Confederazione Sindacale Li.Co.S. Sede nazionale Via Garibaldi, 45-20092 Cinisello Balsamo (MI) Tel.: 02 / 39.43.76.31. Fax: 02 / 39.43.75.26. e-mail: sindacatolicos@libero.it IL NUOVO TFR, GUIDA

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE REGIONALE ETNOGRAFICO

ISTITUTO SUPERIORE REGIONALE ETNOGRAFICO REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA ISTITUTO SUPERIORE REGIONALE ETNOGRAFICO REGOLAMENTO DI RIFORMA DEL FONDO PER L'INTEGRAZIONE DEL TRATTAMENTO DI QUIESCENZA E PREVIDENZA DEL PERSONALE DELL I.S.R.E. DI CUI

Dettagli

RISOLUZIONE N. 102/E

RISOLUZIONE N. 102/E RISOLUZIONE N. 102/E Roma, 26 novembre 2012 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000 n. 212 FONDO DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE PER IL PERSONALE DELLA BANCA Regime fiscale

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale INTERPELLO N. 11/2008 Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale DIREZIONE GENERALE PER L ATTIVITÀ ISPETTIVA Al Consiglio Nazionale dell Ordine dei Consulenti del lavoro Via Cristoforo Colombo, 456

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 17/09/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 17/09/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 17/09/2015 Circolare n. 154 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al

Dettagli

Dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 i lavoratori del settore privato potranno chiedere l erogazione del Tfr in busta paga.

Dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 i lavoratori del settore privato potranno chiedere l erogazione del Tfr in busta paga. Lavorofisco.it Dal 1 marzo 2015 al 30 giugno 2018 i lavoratori del settore privato potranno chiedere l erogazione del Tfr in busta paga. La legge di Stabilità 2015 prevede, infatti, in via sperimentale

Dettagli

La difesa del potere di acquisto delle pensioni: il ruolo dell indicizzazione e del fiscal drag

La difesa del potere di acquisto delle pensioni: il ruolo dell indicizzazione e del fiscal drag La difesa del potere di acquisto delle pensioni: il ruolo dell indicizzazione e del fiscal drag Un analisi realizzata per lo Spi Presentazione di Sergio Ginebri Co-autori: Laura Dragosei, Eleonora Porreca

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Il sistema previdenziale italiano, da oltre un decennio, è stato oggetto di numerose riforme volte, da un lato, a riorganizzare ed armonizzare i trattamenti previdenziali assicurati

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 28/09/2011

Direzione Centrale Entrate. Roma, 28/09/2011 Direzione Centrale Entrate Roma, 28/09/2011 Circolare n. 122 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

La nuova Previdenza: riforma e offerta. Direzione commerciale - Sviluppo previdenza e convenzioni

La nuova Previdenza: riforma e offerta. Direzione commerciale - Sviluppo previdenza e convenzioni La nuova Previdenza: riforma e offerta Direzione commerciale - Sviluppo previdenza e convenzioni Previdenza: situazione attuale 140 Alcuni fattori rilevanti: 120 100 80 22 2015 pensionamento persone nate

Dettagli

Audizione nell ambito dell esame delle proposte di legge AC 857 e abbinate in materia di flessibilità pensionistica

Audizione nell ambito dell esame delle proposte di legge AC 857 e abbinate in materia di flessibilità pensionistica CAMERA DEI DEPUTATI 11ª Commissione Permanente (Commissione Lavoro, Previdenza Sociale) Audizione nell ambito dell esame delle proposte di legge AC 857 e abbinate in materia di flessibilità pensionistica

Dettagli

La rivalutazione delle pensioni dopo il decreto-legge 65/2015: effetti redistributivi e di finanza pubblica

La rivalutazione delle pensioni dopo il decreto-legge 65/2015: effetti redistributivi e di finanza pubblica La rivalutazione delle pensioni dopo il decreto-legge 65/2015: effetti redistributivi e di finanza pubblica Questo focus illustra le implicazioni della sentenza della Corte costituzionale n. 70/2015 in

Dettagli

ORIENTAMENTI DI CONFINDUSTRIA, CONFCOMMERCIO, CONFARTIGIANATO, CONFAPI, CGIL, CISL, UIL E UGL PER L EMANAZIONE DEL

ORIENTAMENTI DI CONFINDUSTRIA, CONFCOMMERCIO, CONFARTIGIANATO, CONFAPI, CGIL, CISL, UIL E UGL PER L EMANAZIONE DEL ORIENTAMENTI DI CONFINDUSTRIA, CONFCOMMERCIO, CONFARTIGIANATO, CONFAPI, CGIL, CISL, UIL E UGL PER L EMANAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO ATTUATIVO DELLA LEGGE 243/04 IN MATERIA DI PREVIDENZA COMPLEMENTARE

Dettagli

Miglioramento e perequazione di trattamenti pensionistici e aumento della pensione sociale

Miglioramento e perequazione di trattamenti pensionistici e aumento della pensione sociale L. 15 aprile 1985, n. 140 Miglioramento e perequazione di trattamenti pensionistici e aumento della pensione sociale 1. Maggiorazione sociale dei trattamenti minimi. 1. Con effetto dal 1 gennaio 1985,

Dettagli

OGGETTO: Modalità di recupero dell Irpef versata e non dovuta QUESITO

OGGETTO: Modalità di recupero dell Irpef versata e non dovuta QUESITO RISOLUZIONE N. 71/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 febbraio 2008 OGGETTO: Modalità di recupero dell Irpef versata e non dovuta Con l istanza di interpello di cui all oggetto, concernente

Dettagli

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO

CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO Informazione di risoluzione di contrasto Rel. n. 7 Roma, 20 gennaio 2012 Oggetto: TRIBUTI ERARIALI DIRETTI - IN GENERE (TRIBUTI POSTERIORI

Dettagli

NEWS INCA LODI speciale Manovra Monti

NEWS INCA LODI speciale Manovra Monti DISPOSIZIONI URGENTI PER LA CRESCITA, L EQUITA E IL CONSOLIDAMENTO DEI CONTI PUBBLICI Questo dovrebbe essere il testo che va in discussione alle camere diverso in alcuni punti dal testo riportato sul precedente

Dettagli

Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore

Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore Ecco chi incasserà il bonus pensioni maggiore di Gianni Trovati19 maggio 2015 il sole 24 ore Un rimborso quasi integrale per le più basse fra le pensioni coinvolte dal blocco-monti appena bocciato dalla

Dettagli

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI

FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI SEGRETERIA NAZIONALE 00198 ROMA VIA TEVERE, 46 TEL. 06.84.15.751 FAX 06.85.59.220 06.85.52.275 SITO INTERNET: www.fabi.it E-MAIL: federazione@fabi.it FEDERAZIONE AUTONOMA BANCARI ITALIANI Ai Sindacati

Dettagli

Cinque idee per la pensione

Cinque idee per la pensione 1 Cinque idee per la pensione LE PROPOSTE DELLA CISL In pensione un po prima: per un nuovo patto fra le generazioni, per una previdenza più equa e sostenibile, per il lavoro dei giovani 1 2 Cinque idee

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE FONDAV Fondo Pensione Complementare Personale Navigante di Cabina Sede Legale: Viale A. Marchetti, 111 00148 Roma Uffici: Piazza Fernando de Lucia, 37 00139 Roma Telefono: 06/88291308 Telefax: 06/8803298

Dettagli

I v a v n a t n a t gg g i i de d l e l l a l p ev e i v d i e d n e z n a c m o pl p e l m e en e t n a t r a e

I v a v n a t n a t gg g i i de d l e l l a l p ev e i v d i e d n e z n a c m o pl p e l m e en e t n a t r a e I vantaggi della previdenza complementare 1 Oggi dimostreremo al di là di ogni ragionevole dubbio che i fondi pensione contrattuali sono Necessari Convenienti Da diffondere 2 L evoluzione del sistema pensionistico

Dettagli

(2) Convertito in legge, con modificazioni, dall'art. 1, comma 1, L. 15 luglio 2011, n. 111

(2) Convertito in legge, con modificazioni, dall'art. 1, comma 1, L. 15 luglio 2011, n. 111 (1) (2) D.L. 6 luglio 2011, n. 98 Disposizioni urgenti per la stabilizzazione finanziaria. (1) Pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 6 luglio 2011, n. 155 (2) Convertito in legge, con modificazioni, dall'art.

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI. PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa dei deputati

CAMERA DEI DEPUTATI. PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa dei deputati CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa dei deputati GIACOBBE, BARUFFI, DAMIANO, DI SALVO, GNECCHI, GRIBAUDO, ROTTA, INCERTI, MAESRTI, MARTELLI, MICCOLI, PARIS, PICCOLO Giorgio, ALBANELLA, CASELLATO,

Dettagli

Lavoro & Previdenza N. 24. Legge di Stabilità 2014: il punto dei CdL. La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici 05.02.

Lavoro & Previdenza N. 24. Legge di Stabilità 2014: il punto dei CdL. La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici 05.02. Lavoro & Previdenza La circolare su temi previdenziali e giurislavoristici N. 24 05.02.2014 Legge di Stabilità 2014: il punto dei CdL I CdL riepilogano le norme previdenziali introdotte dalla Legge di

Dettagli

Ci sono dati significativi del sistema previdenziale pubblico italiano che è bene conoscere e valutare nella loro crudezza. Tanti governi (Berlusconi

Ci sono dati significativi del sistema previdenziale pubblico italiano che è bene conoscere e valutare nella loro crudezza. Tanti governi (Berlusconi Ci sono dati significativi del sistema previdenziale pubblico italiano che è bene conoscere e valutare nella loro crudezza. Tanti governi (Berlusconi e Monti) si sono esercitati nel demolire via via la

Dettagli

Il Bonus Renzi diventa operativo e scade il 31 dicembre 2014 Leggere attentamente le avvertenze prima dell uso!

Il Bonus Renzi diventa operativo e scade il 31 dicembre 2014 Leggere attentamente le avvertenze prima dell uso! @bollettinoadapt, 5 maggio 2014 Il Bonus Renzi diventa operativo e scade il 31 dicembre 2014 Leggere attentamente le avvertenze prima dell uso! di Nicola Porelli Tag: #bonus #credito #Renzi #80euroalmese

Dettagli

IL NUOVO FONDO ESUBERI

IL NUOVO FONDO ESUBERI Le novità dopo gli accordi di adeguamento alla legge 92/2012 Dipartimento Nazionale Welfare FEBBRAIO 2014 PAG. 1 IL «FONDO DI SOLIDARIETÀ PER LA RICONVERSIONE E RIQUALIFICAZIONE PROFESSIONALE, PER IL SOSTEGNO

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

Questo istituto è frutto di una legge, che lascia alla contrattazione collettiva la facoltà di indicare le voci retributive da prendere in

Questo istituto è frutto di una legge, che lascia alla contrattazione collettiva la facoltà di indicare le voci retributive da prendere in Che cos è? Il Trattamento di Fine Rapporto (la cosiddetta liquidazione ) è una somma aggiuntiva che viene corrisposta dal datore di lavoro al proprio dipendente al termine del rapporto di lavoro. Questo

Dettagli

LE PENSIONI DOPO LA MANOVRA CORRETTIVA

LE PENSIONI DOPO LA MANOVRA CORRETTIVA dott. Marco Ansaldi e rag. Antonella Bolla CONSULENZA FISCALE E DEL LAVORO 08.08.2011 LE PENSIONI DOPO LA MANOVRA CORRETTIVA La Manovra Correttiva pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale n.164 del 16 luglio

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1,

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1, SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ATTUAZIONE DELL ARTICOLO 1, COMMI 8 E 9 DELLA LEGGE 10 DICEMBRE 2014, N.183, RECANTE DELEGHE AL GOVERNO IN MATERIA DI RIFORMA DEGLI AMMORTIZZATORI SOCIALI, DEI SERVIZI

Dettagli

PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER MAGGIO 2015

PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER MAGGIO 2015 PATRONATO ACLI LOMBARDIA NEWSLETTER MAGGIO 2015 CORTE COSTITUZIONALE SENTENZA N. 70/2015 La Corte Costituzionale con una sentenza sorprendente nel declinare il rigore dei principi costituzionali ha dichiarato

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 36

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 36 Senato della Repubblica XVI LEGISLATURA N. 36 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori PETERLINI e PINZGER COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 29 APRILE 2008 Modifiche al decreto legislativo 5 dicembre 2005,

Dettagli

Tfr in busta paga e le novità fiscali della legge stabilità 2015. Andrea Testi Mefop

Tfr in busta paga e le novità fiscali della legge stabilità 2015. Andrea Testi Mefop Tfr in busta paga e le novità fiscali della legge stabilità 2015 Andrea Testi Mefop Le novità del 2015 certezze Legge di stabilità per il 2015 Tfr in busta paga e fondi pensione Nuovo regime fiscale sui

Dettagli

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE

PRINCIPALI STRUMENTI PREVISTI DALLA LEGGE PER GESTIRE UNA CRISI AZIENDALE la Cassa integrazione guadagni straordinaria; la Cassa integrazione guadagni in deroga; le procedure di licenziamento collettivo con indennità di mobilità - oppure ASPI. Breve premessa: A ) Aziende che

Dettagli

Le pensioni nel 2005

Le pensioni nel 2005 marzo 2005 Le pensioni nel 2005 TETTO DI RETRIBUZIONE PENSIONABILE Il tetto di retribuzione pensionabile per il calcolo delle pensioni con il sistema retributivo con decorrenza nell anno 2005 è stato definitivamente

Dettagli

Pensioni: gli aumenti per il 2014

Pensioni: gli aumenti per il 2014 Pensioni: gli aumenti per il 2014 Per il 2014 i pensionati debbono accontentarsi di un aumento di appena l 1,3%. Da tempo l adeguamento delle pensioni al costo della vita (la cosiddetta perequazione automatica)

Dettagli

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI

TESTI COORDINATI E AGGIORNATI TESTI COORDINATI E AGGIORNATI Testo del decreto-legge 21 maggio 2015, n. 65 (in Gazzetta Ufficiale - Serie generale - n. 116 del 21 maggio 2015), coordinato con la legge di conversione 17 luglio 2015,

Dettagli

L IMPATTO DELLE MISURE SUL TFR CONTENUTE NELLA LEGGE DI STABILITA PER IL 2015 *

L IMPATTO DELLE MISURE SUL TFR CONTENUTE NELLA LEGGE DI STABILITA PER IL 2015 * L IMPATTO DELLE MISURE SUL TFR CONTENUTE NELLA LEGGE DI STABILITA PER IL 2015 * La legge di stabilità per il 2015 interviene pesantemente sulla tassazione del TFR, secondo tre modalità differenti: 1. TFR

Dettagli

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE

COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE COMMENTO DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI E PREVIDENZIALI DELLA UIL AL LIBRO BIANCO SUL FUTURO DEL MODELLO SOCIALE Il Libro Bianco sul Welfare presentato dal Ministro del Lavoro si muove su uno scenario

Dettagli