Le aree di Innovazione per la crescita

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Le aree di Innovazione per la crescita"

Transcript

1 Le aree di Innovazione per la crescita I Sistemi nazionali di Innovazione vengono caratterizzati dal grado di specializzazione tecnologica dei diversi settori produttivi: la capacità di sviluppare innovazione nei settori chiave per lo sviluppo economico, in particolare per quelle tecnologie cosiddette abilitanti, consente ad ogni Paese di posizionarsi adeguatamente all interno della competizione internazionale. è importante, al fine di valutare le possibili evoluzioni di medio-lungo termine del sistema produttivo nazionale, analizzare lo sforzo in Ricerca & Innovazione che il settore pubblico e quello privato indirizzano verso le aree di tecnologie innovative dalle quali si attende la crescita economica. 3

2 Cotec 214 Rapporto annuale sull innovazione 3.1. La specializzazione della R&S delle imprese Il Grafico scompone la spesa in R&S effettuata dalle imprese in Italia per settore economico. Tra 212 e 213 non si sono registrate significative variazioni per quanto riguarda i settori più innovativi: quello dedicato alla Fabbricazione di autoveicoli continua ad investire la maggior parte delle risorse (1,4 miliardi di euro nel 213, in crescita di 1,2% rispetto all anno precedente), mentre il settore Elettronica, ottica, informatica rimane secondo come valore assoluto delle risorse investite, pur con un calo di 2,6%. Valori in calo anche per Telecomunicazioni e Industria chimico-farmaceutica (rispettivamente -4,1% e -3,9%) mentre la miglior performance tra 212 e 213 è realizzata dal settore della Fabbricazione di apparecchiature elettriche (+7,1%). La Tabella mostra i tre settori industriali più rilevanti per spesa in R&S dei principali Paesi industrializzati. In Italia, il 2,9% della spesa in R&S delle imprese è effettuato dal settore dei Trasporti, il 14,2% dalla Produzione di macchinari e apparecchiature elettriche, il 13% dal settore ICT. Sommando le quote di spesa dei tre principali settori si ottiene una percentuale del 48,1%. Confrontata a quella degli altri principali Paesi industrializzati, tale percentuale risulta essere tra le più basse, ad indicare una minore specializzazione del nostro sistema industriale e quindi una sua maggiore diversificazione. Grafico Spesa in R&S delle imprese per settore economico in Italia, (milioni di euro) Fabbricazione di autoveicoli e rimorchi Prodotti di elettronica, ottica e informatica Fabbricazione altri mezzi di trasporto Fabbricazione di apparecchiature meccaniche Attività professionali, scientifiche e tecniche Industria chimica e farmaceutica Telecomunicazioni 1389,2 147, ,7 1246,2 1244,7 1162, ,5 116,8 1.16,9 911,6 876,1 795,7 762,8 Fabbricazione di apparecchiature elettriche Industrie tessili e calzature 461,6 494, , Produzione di software Commercio 251,4 255,4 273,3 254,9 Servizi finanziari e assicurativi Energia, gas, acqua, rifiuti 137,3 137,4 88,4 96,1, 2, 4, 6, 8, 1., 1.2, 1.4, Fonte: "Ricerca e sviluppo in Italia", ISTAT (213)

3 Le aree di Innovazione per la crescita In termini di risorse umane, secondo i dati Istat per il periodo (Grafico 3.1.2), il settore della Fabbricazione di apparecchiature meccaniche è quello che impiega in attività di R&S la quota più alta di propri addetti (16,5% nel 211, 15,9% nel 21), mentre i settori Ottica, elettronica, informatica e Autoveicoli sono quelli che hanno realizzato gli aumenti più rilevanti (+9,9% e +12%). Altro indicatore del grado di specializzazione del sistema delle imprese è costituito dalla distribuzione del numero di richieste di brevetto presso l European Patent Office per campi tecnologici (Grafico 3.1.3). Secondo i dati di uno studio Unioncamere, dopo un massimo di richieste depositate presso l EPO nel 28, le richieste di brevetti sono andate diminuendo sino a nel 211. Tale andamento viene pressoché confermato anche a livello dei singoli campi tecnologici, con l eccezione di quello Meccanica, illuminazione, riscaldamento, armamenti, salvataggio, che tra 21 e 211 ha avuto una crescita di brevetti depositati pari al 1%. La quota maggioritaria viene comunque detenuta sempre dal settore Tecniche industriali varie Trasporti (32,3% del totale tra 26 e 211), che fa però registrare un calo consecutivo negli ultimi quattro anni. Un confronto internazionale è possibile attraverso l Indice di vantaggio tecnologico, redatto dall OC- SE, che misura il rapporto tra la quota nazionale di brevetti per un determinato settore rispetto al totale mondiale per il settore e quella nazionale per il totale Tabella Principali settori industriali per quota di spesa in R&S nei principali Paesi industrializzati, 211 (percentuale sul totale della spesa in R&S delle imprese) Settore 1 % Settore 2 % Settore 3 % Tot Regno Unito Chemicals 34,24 Transport equipment 17,99 Information and comunication services 16,73 68,96 Giappone ICT equipment 25,6 Transport equipment 22,7 Chemicals 19,93 68,23 Germania Transport equipment 36,92 Chemicals 17,19 ICT equipment 12,77 66,89 Portogallo Information and comunication services 26,11 Belgio Chemicals 34,49 Finance and other business Finance and other business 22,48 Chemicals 12,46 61,5 13,66 ICT equipment 9,89 58,5 Stati Uniti Chemicals 2,36 ICT equipment 19,98 Transport equipment 17,12 57,46 Svezia ICT equipment 23,65 Transport equipment 2,33 R&D services 13,3 57,1 Paesi Bassi Cina Irlanda Austria Electrical equipment and machinery Electrical equipment and machinery Information and comunication services Electrical equipment and machinery Francia Transport equipment 17,66 Fonte: "Science, Technology and Industry Scoreboard", OECD (213) 22,17 Chemicals 21,73 Information and comunication services 11,2 54,93 21,22 Chemicals 16,38 ICT equipment 16,14 53,75 3,72 R&D services 12,51 Chemicals 1,36 53,59 26,91 R&D services 12,59 Chemicals 11,5 5,56 Finance and other business Spagna Transport equipment 17,13 Chemicals 17,3 Italia Transport equipment 2,89 Canada Information and comunication services Electrical equipment and machinery 17,25 R&D services 13,41 48,32 Information and comunication services 14,11 48,27 14,16 ICT equipment 13,4 48,9 16,4 ICT equipment 15,18 R&D services 11,41 42,99

4 Cotec 214 Rapporto annuale sull innovazione dei brevetti. Quando l indice supera l unità, il Paese mostra quindi un vantaggio tecnologico in quel determinato settore (Grafico 3.1.4). Appare evidente come l Italia non presenti un vantaggio tecnologico in nessuno dei tre settori considerati, per i quali si verifica una prevalenza di Paesi extra-europei: in particolare, Giappone per ciò che riguarda Tecnologie ambientali e ICT, Stati Uniti per Bio e Nanotecnologie. Nel settore ICT (Grafico 3.1.5), nel 212 Italia e Spagna sono quasi del tutto allineate in termini di brevetti PCT presentati per milione di abitanti (rispettivamente 8,5 e 8,9), ma ad un livello decisamente inferiore a Germania (48,9), Francia (33,8) e Regno Unito (26,6). Anche questi Paesi presentano comunque valori nettamente inferiori rispetto a Stati Uniti (64,5) e soprattutto Giappone (142,5). Sempre Stati Uniti e Giappone sono i Paesi che detengono il maggior numero di brevetti PCT presentati nel settore delle Biotecnologie (rispettivamente 13,3 e 8,9 per milione di abitanti). Come illustrato dal Grafico 3.1.6, il valore dell Italia (2,2) risulta sensibilmente inferiore a quello di Germania (7,1), Francia (7,1), Regno Unito (6,3) e Spagna (3,3). Una situazione simile si riscontra anche nel campo delle Nanotecnologie (Grafico 3.1.7) per il quale si segnala un calo generalizzato, con l eccezione della sola Spagna, delle domande di brevetto PCT presentate nel 212 rispetto a quelle del 27. Grafico Addetti alla R&S nelle imprese in Italia per settore economico, (valori percentuali) Fabbricazione di apparecchiature meccaniche 16,5 15,9 Prodotti di elettronica, ottica e informatica Fabbricazione di autoveicoli e rimorchi 11,7 14,2 13, 13, Telecomunicazioni Industria chimica e farmaceutica Industrie tessili, confezioni e calzature Fabbricazione altri mezzi di trasporto Fabbricazione di apparecchiature elettriche Produzione di software 9,7 8,8 9,1 8,2 9, 7,5 7,4 6,9 6,8 5,9 6,2 11,2 Fabbricazione di prodotti in metallo 4,4 4,4 Gomma e plastica Industrie alimentari, bevande e tabacco 2,7 2,8 2,3 2,5, 2, 4, 6, 8, 1, 12, 14, 16, 18, Fonte: Ricerca e sviluppo in Italia", ISTAT(213)

5 Le aree di Innovazione per la crescita Grafico Brevetti italiani presso l'epo per campi tecnologici, Necessità umane Tecniche industriali varie - Trasporti Fisica Chimica, metallurgia Prodotti tessili, carta Elettricità Costruzioni fisse Meccanica, illuminazione, riscaldamento, armamenti, salvataggio Fonte: Osservatorio Unioncamere, DINTEC Brevetti-Marchi-Design (212) Grafico Indice di vantaggio tecnologico per settore nei principali Paesi industrailizzati (27-29) 1,6 1,4 1,2 1,8,6,4,2 Bio/Nanotecnologie ICT Tecnologie per ambiente Francia Germania Italia Giappone Spagna Regno Unito Stati Uniti BRIICs - Brasile, Russia, India, Indonesia, Cina, Sud Africa Fonte: Main Science and Technology Indicators, OCSE (214)

6 Cotec 214 Rapporto annuale sull innovazione Grafico Brevetti internazionali PCT* nel settore ICT per milione di abitanti nei principali Paesi industrializzati, , 142,5 56,7 64,5 13,8 1, 5, 49,3 48,9 33,7 33,8 33,7 26,6, *Brevetti intenazionali PCT (Patent Cooperation Treaty Union) Fonte: elaboazione Fondazione Cotec su dati "OECD Patent Database", OCSE (214) 8,2 8,9 9,5 8,5 2,8 3,4 Giappone Stati Uniti Germania Francia Regno Unito Spagna Italia Portogallo Grafico Brevetti internazionali PCT* nel settore Biotecnologie per milione di abitanti nei principali Paesi industrializzati, , 13,3 12, 1, 8, 6, 4, 2,, 7,6 5,2 8,9 *Brevetti intenazionali PCT (Patent Cooperation Treaty Union) Fonte: elaboazione Fondazione Cotec su dati "OECD Patent Database", OCSE (214) 9,6 7,1 7,5 7,1 6,3 4,8 3,3 2,5 2,5 2,2 1,4 1,7 Stati Uniti Giappone Germania Francia Regno Unito Spagna Italia Portogallo Grafico Brevetti internazionali PCT* nel settore Nanotecnologie per milione di abitanti nei principali Paesi industrializzati, , 4,1 4, 3, 2, 1,, 2,3 1,7 1,5 1,3,9 1,1,9 *Brevetti intenazionali PCT (Patent Cooperation Treaty Union) Fonte: elaboazione Fondazione Cotec su dati "OECD Patent Database", OCSE (214) 2,3,7,6,3,4,2,,2 Stati Uniti Giappone Francia Regno Unito Germania Spagna Italia Portogallo

7 Le aree di Innovazione per la crescita Grafico Brevetti internazionali PCT* nel settore Tecnologie mediche e farmaceutica per milione di abitanti nei principali Paesi industrializzati, , 35, 3, 25, 2, 15, 1, 5,, 36,4 3,3 14,2 24,9 24,6 22, *Brevetti intenazionali PCT (Patent Cooperation Treaty Union) Fonte: elaboazione Fondazione Cotec su dati "OECD Patent Database", OCSE (214) 19,9 15,3 2,8 13,2 6,8 7,9 8,5 7,3 1,9 2,3 Stati Uniti Francia Germania Giappone Regno Unito Spagna Italia Portogallo Grafico Brevetti internazionali PCT* nel settore Energia e Tecnologie ambientali per milione di abitanti nei principali Paesi industrializzati, , 25, 2, 15, 1, 5,, ,31 23,3 2,21 15,5 1,3 9,6 5,96 5,4 6,6 4,3 6,57 3,7 2,56 2,7,9,5 Germania Giappone Francia Italia Regno Unito Stati Uniti Spagna Portogallo *Brevetti intenazionali PCT (Patent Cooperation Treaty Union) Fonte: elaboazione Fondazione Cotec su dati "OECD Patent Database", OCSE (214) Anche nel campo delle Tecnologie mediche e della farmaceutica (Grafico 3.1.8) si è assistito ad un complessivo calo delle richieste di brevetti PCT tra 27 e 212, ad eccezione della Francia che ha segnato invece una notevole crescita (+75%). Anche in questo caso la performance dell Italia in termini di brevetti PCT per milione di abitanti (7,3) è inferiore a quella di Spagna (7,9), Regno Unito (13,2), Germania (22,6) e Francia (24,9). Buona invece la performance dell Italia nel campo Energia e tecnologie ambientali (Grafico 3.1.9): con 5,4 brevetti PCT per milione di abitanti, l Italia supera Regno Unito (4,3), Stati Uniti (3,7), Spagna (2,7). I Paesi più attivi in questo campo risultano essere Germania (23,3) e Giappone (15,5) Gli investimenti del settore pubblico per ambiti applicativi Analizzando invece la spesa pubblica in R&S per ambito economico (Grafico 3.2.1), si nota come la maggior parte delle risorse venga convogliata verso le università. Nel 211 gli atenei attraggono il 33,2% dei fondi, nel 212 il 34,7% (con un aumento pari a 4,5%): però non è disponibile la ripartizione di tali fondi fra i vari ambiti applicativi. In riduzione invece i fondi per R&S assegnati all ambito Cultura, formazione e società, che nel 212 scendono dal 17,4% al 14,1% del totale, con un calo vicino al 19%. A seguire, in ordine di ammontare di risorse investite dal settore pubblico, gli ambiti: Ambiente ed energia (14,1%), Produzioni e tecnologie industriali (13,4%), Salute (1,3%), Programmi spaziali (6,5%),

8 Cotec 214 Rapporto annuale sull innovazione Grafico Spesa in R&S del settore pubblico per ambito applicativo in Italia, (valori percentuali) Fondi per le università 34,7 33,2 14,1 Cultura, formazione e società 17,4 Ambiente ed energia 14,1 14,3 Produzioni e tecnologie industriali 13,4 12,5 Salute 1,3 1,5 Programmi spaziali 6,5 6,2 Agricoltura 3,1 3,4 Trasporti, TLC e infrastrutture 2 1,7 Difesa,7, Fonte: elaborazione Fondazione Cotec su dati "Ricerca e sviluppo in Italia", ISTAT (213) Grafico Spesa in R&S del settore pubblico nell'ambito "Cultura, Educazione, Società" nei principali Paesi europei, (euro per abitante) 25, 2, 21,8 2, , 13, 13,4 1,7 11,2 1, 1,2 1, 6,2 6,6 5,5 5, 3,4,7,7, Italia Francia Germania Media UE Regno Unito Spagna Portogallo Fonte: elaborazione Fondazione COTEC su dati "Science, Technology and Innovation", Eurostat (214) Grafico Spesa in R&S del settore pubblico nell'ambito "Ambiente ed energia" nei principali Paesi europei, (euro per abitante) ,1 26,6 22, 2,5 15,5 15, ,5 13,4 12,3 12,6 14,8 1,4 5 3,3 3,3 Germania Francia Media UE Italia Regno Unito Spagna Portogallo Fonte: elaborazione Fondazione COTEC su dati "Science, Technology and innovation", Eurostat (214), Portogallo, dati 211

9 Le aree di Innovazione per la crescita Agricoltura (3,1%), Trasporti, TLC e infrastrutture (2%), Difesa (,7%). La spesa pubblica per R&S nell ambito Cultura, formazione e società (Grafico 3.2.2), pur in riduzione sensibile, è la più alta in Europa: con più di 2 euro spesi per abitante, l Italia si colloca ben al di sopra della media UE (circa 1 euro). Altri Paesi sopra la media UE sono Francia e Germania, che hanno aumentato la loro spesa nel 212 sino rispettivamente a 13,4 e 11,2 euro per abitante. Gli stessi due Paesi sono al di sopra della media UE anche nell ambito Ambiente ed energia (Grafico 3.2.3), su cui la Germania ha fatto registrare tra 211 e 212 un aumento del 1,4%, con una spesa di 26,6 euro per abitante contro i 15,4 di media UE. L Italia, con 13,4 euro per abitante, ha aumentato la spesa su base annuale del 7,2%, ponendosi al di sopra di Regno Unito (12,6 euro) e Spagna (1,4). L Italia si colloca in una buona posizione nell ambito Produzioni e tecnologie industriali (Grafico 3.2.4), in cui il settore pubblico nel 212 ha speso per R&S 19,4 euro per abitante, contro una media UE di 16 euro. Decisamente superiore il valore della Germania (37,1 euro per abitante), che registra però un calo del 16,4% rispetto al 211. La spesa per R&S del settore pubblico italiano nell ambito Salute (Grafico 3.2.5) si allinea alla media UE (15 euro per abitante contro 15,6 euro), con una Grafico Spesa in R&S del settore pubblico nell'ambito "Produzioni e Tecnologie industriali" nei principali Paesi europei, (euro per abitante) ,4 37,1 19,4 17,4 17,6 16, ,4 9,7,8,8,4,4 Germania Italia Media UE Spagna Regno Unito Portogallo Fonte: elaborazione Fondazione COTEC su dati "Science, Technology and innovation", Eurostat (214); dato non disponibile per la Francia Grafico Spesa in R&S del settore pubblico nell'ambito "Salute" nei principali Paesi europei, (euro per abitante) ,3 36,6 17,6 17,2 15, ,6 15,6 15,5 13,4 14,5 15, 14, Regno Unito Francia Media UE Germania Italia Spagna Portogallo Fonte: elaborazione Fondazione COTEC su dati "Science, Technology and Innovation", Eurostat (214) 7,7 7,7

10 Cotec 214 Rapporto annuale sull innovazione Grafico Spesa in R&S del settore pubblico nell'ambito "Programmi spaziali" nei principali Paesi europei, (euro per abitante) ,4 22,1 13,4 14, 1,9 9,4 1,5 8,7 7,6 5,4 6,1 5,3 Francia Germania Italia Media UE Regno Unito Spagna Fonte: elaborazione Fondazione COTEC su dati "Science, Technology and Innovation", Eurostat (214); Portogallo, dati non disponibili Grafico Spesa in R&S del settore pubblico nell'ambito "Agricoltura" nei principali Paesi europei, (euro per abitante) , ,1 8,6 8,3 7,4 6,5 6,6 6, 4,9 5,7 4,4 4,4 3,6 3,6 2 Germania Spagna Regno Unito Media UE Italia Francia Portogallo Fonte: elaborazione Fondazione COTEC su dati "Science, Technology and Innovation", Eurostat (214). Portogallo, dati 211 Grafico Spesa in R&S del settore pubblico nell'ambito "Trasporti, TLC e Infrastrutture" nei principali Paesi europei, (euro per abitante) ,6 15,6 7,4 5,4 5,2 4,5 4,1 4,4 2,5 3, 2,1 2, 1,3 1,3 Francia Media UE Spagna Germania Italia Regno Unito Portogallo Fonte: elaborazione Fondazione COTEC su dati "Science, Technology and Innovation", Eurostat (214). Portogallo, dati 211

11 Le aree di Innovazione per la crescita Grafico Spesa in R&S del settore pubblico nell'ambito "Difesa" nei principali Paesi europei, (euro per abitante) 35, , 25, 24,1 28,6 2, 15, 1, 17,6 16,5 11,5 11,3 8,6 9,1 5, 2,6 2,3 1,1 1,, Regno Unito Francia Germania Media UE Spagna Italia Fonte: elaborazione Fondazione COTEC su dati "Science, Technology and Innovation", Eurostat (214); Portogallo, dati non disponibili crescita del 3,5% tra 211 e 212. Il valore è simile a quello di Francia (17,2 euro), Germania (15,5) e Spagna (14), mentre di gran lunga superiore è la spesa in questo ambito da parte del Regno Unito (36,6 euro per abitante). Anche nell ambito Programmi spaziali (Grafico 3.2.6), l Italia è sopra la media europea: i fondi pubblici per R&S sono stati nel 212 pari a 9,4 euro per abitante (con un calo del 17,1% rispetto all anno precedente). La cifra più alta è spesa dalla Francia (22,1 euro per abitante) anche se in forte contrazione rispetto al 211 (-33,8%). L Italia si colloca invece al di sotto della media europea negli ambiti Agricoltura (Grafico 3.2.7), Trasporti, TLC e infrastrutture (Grafico 3.2.8) e Difesa (Grafico 3.2.9). Nel primo caso, l Italia spende 4,4 euro per abitante contro 6 euro della media UE. Marcato il divario anche nell ambito Trasporti, TLC e infrastrutture, dove il settore pubblico italiano spende 3 euro per abitante, contro una media UE di 5,2 e dove la Francia spende 15,5 euro pro-capite. Performance ancora peggiore è quella registrata nell ambito Difesa, in cui i fondi pubblici ammontano a solo 1 euro per abitante, contro 9,1 della media UE, 11,3 di Germania, 16,5 di Francia e 28,6 di Regno Unito La spesa delle università per campi scientifici Per completare l analisi si prende in considerazione l ammontare della spesa in R&S effettuata dalle Grafico Spesa in R&S delle università nel campo dell'ingegneria nei principali Paesi europei, (euro per abitante) ,4 33,1 17,4 21, Fonte: elaborazione Fondazione COTEC su dati "Science, Technology and Innovation", Eurostat (214). Francia, dati non disponibili 12, 19,3 19,6 19,2 Germania Spagna Portogallo Regno Unito Italia 12,7 13,5

12 Cotec 214 Rapporto annuale sull innovazione università in alcuni campi scientifici particolarmente rilevanti: Ingegneria, Scienze Naturali, Scienze Mediche. Nel 212, nonostante una lieve crescita rispetto al 26, le università italiane hanno speso in R&S nel campo dell Ingegneria 14 euro per abitante, valore molto inferiore rispetto ai principali Paesi europei: Regno Unito (2,6), Spagna (18,7) e Portogallo (17,3). La Germania presenta infine il valore più alto di spesa in questo ambito, con 34,1 euro per abitante ed una crescita di 47,8% rispetto al 26 (Grafico 3.3.1). hanno speso nel 212 risorse inferiori solo a quelle della Germania, che pure ha qui registrato un deciso aumento rispetto al 26 (+46,6%). Anche nel campo delle Scienze Mediche (Grafico 3.3.3) è evidente la supremazia delle università tedesche, dove la spesa in R&S nel 212 (pari a 42,2 euro per abitante) è stata superiore del 34,3% a quella del 26. In questo ambito l Italia registra livelli di spesa più contenuti (13,3 euro per abitante), di poco superiori a quelli di Spagna (12,2) e Portogallo (1,4). Buona invece la performance italiana nel campo delle Scienze Naturali (Grafico 3.3.2), in cui le università Grafico Spesa in R&S delle università nel campo delle Scienze Naturali nei principali Paesi europei, (euro per abitante) , ,8 27,3 27,4 13,6 21,3 19, 18,6 17,1 17,6 1 Germania Italia Portogallo Regno Unito Spagna Fonte: elaborazione Fondazione COTEC su dati "Science, Technology and Innovation", Eurostat (214) Grafico Spesa in R&S delle università nel campo delle Scienze Mediche nei principali Paesi europei, (euro per abitante) ,3 31,5 32,3 31,7 13,6 12,9 12,5 1,5 12,3 4,4 Germania Regno Unito Italia Portogallo Spagna Fonte: elaborazione Fondazione COTEC su dati "Science, Technology and Innovation", Eurostat (214) L'intero rapporto è consultabile al seguente indirizzo:

A2 le ricercatrici: reclutamento, carriere, investimenti

A2 le ricercatrici: reclutamento, carriere, investimenti A2 le ricercatrici: reclutamento, carriere, investimenti Come si vede dagli ultimi dati dell'oecd (1) e delle UE (2) rimane ancora molto bassa la percentuale dei ricercatori italiani, uomini e donne. E'

Dettagli

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia)

L Italia. in Russia. I numeri della presenza italiana in Russia. Esportazioni (2008): 10,5 miliardi (3% del totale export Italia) L Italia in Russia I numeri della presenza italiana in Russia Esportazioni (2008): 10, miliardi (3% del totale export Italia) La Russia è il 7 paese cliente dell Italia (dopo Germania, Francia, Spagna,

Dettagli

LA SPESA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

LA SPESA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE DIREZIONE AFFARI ECONOMICI E CENTRO STUDI LA SPESA DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE PER INVESTIMENTI FISSI: CONFRONTO EUROPEO ESTRATTO DALL OSSERVATORIO CONGIUNTURALE SULL INDUSTRIA DELLE COSTRUZIONI GIUGNO

Dettagli

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE

OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE 8 luglio 2013 Anno 2012 OPERATORI COMMERCIALI ALL ESPORTAZIONE Nel 2012 gli operatori che hanno effettuato vendite di beni all estero sono 207.920, in lieve aumento (+0,3%) rispetto al 2011. Al netto dei

Dettagli

I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia. Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche

I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia. Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche Ascoli Piceno, 24 ottobre 2014 Agenda 1 L identikit delle

Dettagli

L industria farmaceutica in Italia: un patrimonio per la crescita e l occupazione che il Paese deve valorizzare

L industria farmaceutica in Italia: un patrimonio per la crescita e l occupazione che il Paese deve valorizzare L industria farmaceutica in Italia: un patrimonio per la crescita e l occupazione che il Paese deve valorizzare Massimo Scaccabarozzi, Presidente Farmindustria Milano, 16 Gennaio 2015 Per informazioni:

Dettagli

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI

L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI L ATLANTE DEL MADE IN ITALY LE ROTTE DELL EXPORT ITALIANO PRIMA E DURANTE LA CRISI Ottobre 2012 1 L ATLANTE DEL MADE IN ITALY Le rotte dell export italiano prima e durante la crisi La crisi dell economia

Dettagli

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ

INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ INTERNAZIONALIZZAZIONE PASSIVA E ATTRATTIVITÀ Se confrontata con i principali paesi europei, l Italia si colloca nella fascia bassa, per quanto riguarda la presenza di imprese estere sul proprio territorio.

Dettagli

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema

LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE. Prima parte Analisi del sistema Aspen Institute Italia Studio curato da: Servizio Studi e Ricerche, Intesa Sanpaolo ISTAT IMT Alti Studi, Lucca Fondazione Edison LE IMPRESE ESPORTATRICI ITALIANE: ANALISI DEL SISTEMA E PROSPETTIVE Prima

Dettagli

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo

OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005. Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005. Sommario Esecutivo OECD Science, Technology and Industry: Scoreboard 2005 Summary in Italian Scienza, Tecnonologia e Industria: Quadro di valutazione OCSE 2005 Riassunto in italiano Sommario Esecutivo Prosegue la tendenza

Dettagli

QUANTO INNOVANO REALMENTE LE PMI?

QUANTO INNOVANO REALMENTE LE PMI? QUANTO INNOVANO REALMENTE LE PMI? INFORMAZIONI SULL AZIENDA Pagina 1 1. Dimensione del fatturato in euro (con riferimento al Bilancio 2013) Fino a 2 milioni di euro di fatturato Oltre 2 milioni e fino

Dettagli

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese

Capitolo 24. Risultati economici delle imprese Capitolo 24 Risultati economici delle imprese 24. Risultati economici delle imprese Per saperne di più... Eurostat. http://europa. eu.int/comm/eurostat. Imf. World economic outlook. Washington: 2012.

Dettagli

I dati dell export piemontese di prodotti alimentari

I dati dell export piemontese di prodotti alimentari I dati dell export piemontese di prodotti alimentari Novara, 29 Ottobre 2015 Corso L export prodotti alimentari di origine animale e vegetale 1 L industria alimentare piemontese in cifre (industria alimentare

Dettagli

Le imprese del farmaco motore della rete dell hi-tech in Italia

Le imprese del farmaco motore della rete dell hi-tech in Italia Le imprese del farmaco motore della rete dell hi-tech in Italia La farmaceutica è un patrimonio manifatturiero che il Paese non può perdere La farmaceutica e il suo indotto 174 fabbriche 62.300 addetti

Dettagli

NORDEST: QUASI IL 25 % DELL EXPORT VA IN GERMANIA E IN FRANCIA Siamo tra i leader mondiali nella vendita di macchinari

NORDEST: QUASI IL 25 % DELL EXPORT VA IN GERMANIA E IN FRANCIA Siamo tra i leader mondiali nella vendita di macchinari NORDEST: QUASI IL 25 DELL EXPORT VA IN GERMANIA E IN FRANCIA Siamo tra i leader mondiali nella vendita di macchinari ==================== Quasi il 25 per cento delle merci prodotte nel Nordest prende la

Dettagli

Internazionalizzazione delle imprese

Internazionalizzazione delle imprese Internazionalizzazione delle imprese italiane: contesto ed opportunità 3 Marzo 2015 Business Analysis Pio De Gregorio, Responsabile Anna Tugnolo, Senior Analyst Dopo un 2013 difficile, le esportazioni

Dettagli

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita

L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita L economia italiana: tra rischi di declino e opportunitàdi crescita Facoltàdi Economia, Università degli studi di Trento 19 novembre 2009 Anagni, Istituto Tecnico Commerciale G. Marconi IL MONDO E CAMBIATO

Dettagli

INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE. Sintesi per la stampa

INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE. Sintesi per la stampa INDUSTRIA METALMECCANICA ITALIANA INDAGINE CONGIUNTURALE Sintesi per la stampa Roma, 11 settembre 2014 Sintesi per la Stampa L attività produttiva del settore metalmeccanico, dopo la fase recessiva protrattasi

Dettagli

L Umbria tra terziarizzazione e presenza manifatturiera. Elisabetta Tondini

L Umbria tra terziarizzazione e presenza manifatturiera. Elisabetta Tondini L Umbria tra terziarizzazione e presenza manifatturiera Elisabetta Tondini Procede anche in Umbria il processo di terziarizzazione. Dai dati strutturali alcuni segnali di cambiamento Il percorso Sul rapporto

Dettagli

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI

LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI Aggiornamento del 29 maggio 2015 I CONTENUTI IL SISTEMA ECONOMICO LA FINANZA PUBBLICA LA SANITA IL SISTEMA ECONOMICO LA CASSETTA DEGLI ATTREZZI IL PIL PIL: DINAMICA E PREVISIONI NEI PRINCIPALI PAESI UE

Dettagli

CAPITOLO III. Ricerca e Sviluppo nel settore del farmaco

CAPITOLO III. Ricerca e Sviluppo nel settore del farmaco CAPITOLO III Ricerca e Sviluppo nel settore del farmaco RICERCA E SVILUPPO NEL SETTORE DEL FARMACO Dati ed evoluzione temporale Nel 2009 le imprese del farmaco hanno investito in Ricerca e Sviluppo 1.220

Dettagli

Focus: l Italia in 10 selfie secondo Fondazione Symbola

Focus: l Italia in 10 selfie secondo Fondazione Symbola Focus: l Italia in 10 selfie secondo Fondazione Symbola aggiornamento al 30 gennaio 2015 Dieci punti di forza dell Italia, talvolta poco conosciuti, fotografati da Fondazione Symbola: 1) È uno dei cinque

Dettagli

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2005

Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2005 25 Ottobre 2006 Investimenti fissi lordi per branca proprietaria, stock di capitale e ammortamenti Anni 1970-2005 L Istat rende disponibili le serie storiche degli investimenti per branca proprietaria

Dettagli

14. Interscambio commerciale

14. Interscambio commerciale 14. Interscambio commerciale La crescita economica del Veneto è sempre stata sostenuta, anche se non in via esclusiva, dall andamento delle esportazioni. La quota del valore totale dei beni esportati in

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 7 ottobre 2005 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel periodo 2003-2005 L Istat presenta i principali risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros 1 (R&S) in Italia, riferiti alle imprese,

Dettagli

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007

L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell Italia 4a edizione - Marzo 2007 L ITALIA VISTA DALL EUROPA Verso i traguardi di Lisbona: i risultati dell 4a edizione - Marzo 2007 SINTESI Confindustria pubblica per la quarta volta L vista dall Europa, documento annuale che fa il punto

Dettagli

Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%)

Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%) Industria farmaceutica. Istat: a maggio in crescita fatturato (+6,3%) e ordinativi (+9,7%) Pubblicato dall Istituto di Statistica il bollettino di maggio. Crescono su base annua i numeri delle aziende

Dettagli

c o m u n i c a t o s t a m p a

c o m u n i c a t o s t a m p a c o m u n i c a t o s t a m p a Unioncamere, made in Italy: 59mila marchi e 44mila brevetti depositati in 12 anni Roma 11 maggio 2012 Prodotti di largo consumo, sistema moda, dispositivi elettronici, elettrici,

Dettagli

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007)

QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) QUADERNO DI LAVORO: GLI SCENARI ECONOMICI (gennaio 2007) CRS PO-MDL 1 GLI SCENARI ECONOMICI Prima di affrontare una qualsiasi analisi del mercato del lavoro giovanile, è opportuno soffermarsi sulle caratteristiche

Dettagli

ASSETTI ORGANIZZATIVI E STRATEGIE DI CRESCITA

ASSETTI ORGANIZZATIVI E STRATEGIE DI CRESCITA Le medie imprese industriali del Nord-Est: ASSETTI ORGANIZZATIVI E STRATEGIE DI CRESCITA Claudio Gagliardi Centro Studi Unioncamere Reggio Emilia, 27 gennaio 2006 LE CARATTERISTICHE STRUTTURALI E GLI ORIENTAMENTI

Dettagli

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4

PRODOTTI ALIMENTARI. Return on Investment (ROI) (%) 5,6 3,7 Return on Sales (ROS) (%) 4,6 3,2 Return on Equity (ROE) (%) 6,0 1,4 L INDUSTRIA ALIMENTARE E IL COMMERCIO CON L ESTERO DEI PRODOTTI ALIMENTARI 1. L Industria alimentare (Indagine sui bilanci delle imprese) Gli ultimi anni sono stati caratterizzati da un aumentato interesse

Dettagli

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue

3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue Rapporto annuale 2012 3. L industria alimentare italiana a confronto con l Ue IN SINTESI Nel 2011, la contrazione della domanda interna nonostante la tenuta di quella estera ha determinato un calo dell

Dettagli

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1

VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 VALORI ECONOMICI DELL AGRICOLTURA 1 Secondo i dati forniti dall Eurostat, il valore della produzione dell industria agricola nell Unione Europea a 27 Stati Membri nel 2008 ammontava a circa 377 miliardi

Dettagli

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6

Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie. (anno 2009; % sul totale mondo) 8,7 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3,0 5,6 35 3 Il consumo di energia elettrica e il Pil in alcune economie (anno 29; % sul totale mondo) 28,3 25 2 15 16,4 18,2 24,1 22, 1 5 5,7 3,7 3,8 4,6 1,8 1,9 2,6 3, Regno Unito 5,6 8,7 Francia Germania Giappone

Dettagli

Analisi delle domande di brevetto pubblicate dallo European Patent Office nel periodo 1999-2012

Analisi delle domande di brevetto pubblicate dallo European Patent Office nel periodo 1999-2012 Analisi delle domande di brevetto pubblicate dallo European Patent Office nel periodo 1999-2012 (Contributo DINTEC al rapporto Giornata Economia 2013) 1. Il quadro nazionale Nel periodo 1999-2012 l EPO

Dettagli

SDD ING-IND/35. Ingegneria economico-gestionale

SDD ING-IND/35. Ingegneria economico-gestionale Ingegneria economico-gestionale Il gruppo di ricerca Marco Mutinelli Renato Redondi Francesca Sgobbi Mariasole Bannò Valentina Morandi I temi di ricerca Internazionalizzazione Competenze e cambiamento

Dettagli

Le opportunità di un mondo che cresce

Le opportunità di un mondo che cresce UNIONCAMERE EMILIA-ROMAGNA TEMPORARY EXPORT MANAGER 2014 Le opportunità di un mondo che cresce Camera di Commercio di Ravenna 26 marzo 2014 Dentro il tunnel Partire dai numeri nonostante quanto si dice

Dettagli

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014

IL SETTORE DEI BENI STRUMENTALI NEL 2014 FEDERAZIONE NAZIONALE DELLE ASSOCIAZIONI DEI PRODUTTORI DI BENI STRUMENTALI E LORO ACCESSORI DESTINATI ALLO SVOLGIMENTO DI PROCESSI MANIFATTURIERI DELL INDUSTRIA E DELL ARTIGIANATO IL SETTORE DEI BENI

Dettagli

Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali

Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali Prospettive del settore farmaceutico: riflessi economici ed occupazionali Massimo Scaccabarozzi, Presidente Farmindustria 52 Simposio AFI -1 giugno 2012 La farmaceutica è la prima industria hi-tech per

Dettagli

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE 19 CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE INDAGINE ANNUALE SUL SISTEMA DEI CONTI DELLE IMPRESE L indagine sul Sistema dei Conti delle Imprese (SCI) condotta dall ISTAT, già indagine sul prodotto lordo, fornisce

Dettagli

L ESPORTAZIONE DI VINO 1

L ESPORTAZIONE DI VINO 1 L ESPORTAZIONE DI VINO 1 Premessa L Italia, come è noto, è uno dei principali produttori di vino, contendendo di anno in anno alla Francia, a seconda dell andamento delle vendemmie, la leadership mondiale.

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 22 luglio 2015 Maggio 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA Allo scopo di fornire informazioni statistiche integrate, a partire dalla diffusione odierna, il comunicato è arricchito di un paragrafo

Dettagli

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index

Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Strettamente riservato Roma, 10 novembre 2015 Il contesto della Sanità e il Meridiano Sanità Index Valerio De Molli 2015 The European House - Ambrosetti S.p.A. TUTTI I DIRITT I RISERVAT I. Questo documento

Dettagli

6 marzo 2015. Andamento del valore aggiunto totale e dei servizi (Numero indice I trim. 2008 = 100, valori concatenati)

6 marzo 2015. Andamento del valore aggiunto totale e dei servizi (Numero indice I trim. 2008 = 100, valori concatenati) Banca Nazionale del Lavoro Gruppo BNP Paribas Via Vittorio Veneto 119 00187 Roma Autorizzazione del Tribunale di Roma n. 159/2002 del 9/4/2002 Le opinioni espresse non impegnano la responsabilità della

Dettagli

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE

CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE 21 CONTI ECONOMICI DELLE IMPRESE I dati presentati in questo capitolo provengono dalle rilevazioni annuali sui risultati economici delle imprese, condotte in base a quanto disposto dal Regolamento UE N.

Dettagli

Innovare, Investire, Produrre: così nasce un Farmaco con un Marchio speciale

Innovare, Investire, Produrre: così nasce un Farmaco con un Marchio speciale Innovare, Investire, Produrre: così nasce un Farmaco con un Marchio speciale Massimo Scaccabarozzi, Presidente Farmindustria Milano, 9 Gennaio 2013 Per informazioni: centrostudi@farmindustria.it; tel:

Dettagli

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro...

Situazione economica internazionale... 2. Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4. Regional Competitiveness Index... 6. Mercato del Lavoro... Indice Situazione economica internazionale... 2 Situazione economica Lazio... 4 PIL... 4 Regional Competitiveness Index... 6 Mercato del Lavoro... 7 Cassa Integrazione Guadagni... 10 Il credito alle imprese...

Dettagli

Ricerca e innovazione

Ricerca e innovazione CAPITOLO 11 Ricerca e innovazione Alla base del progresso Ricerca e innovazione costituiscono una determinante indiretta del benessere. Sono alla base del progresso sociale ed economico e danno un contributo

Dettagli

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino.

Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Struttura produttiva dell industria italiana (Testo di riferimento: Bianco, M. L industria italiana Il Mulino. Specializzazione produttiva o SP., competitività internazionale e crescita economica o SP.,

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

è Conoscenza più Servizio più Prodotti

è Conoscenza più Servizio più Prodotti è Conoscenza più Servizio più Prodotti Regolazione e controllo del vapore e dei fluidi industriali CONOSCENZA Quasi un secolo di esperienza a disposizione dei clienti 35 centri di formazione ed addestramento

Dettagli

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico

OBIETTIVO CRESCITA. Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico OBIETTIVO CRESCITA Impresa, banca, territorio Le sfide delle PMI nel contesto macroeconomico I principali temi Crescita dimensionale Reti d impresa e altre forme di alleanza Innovazione e ricerca Capitale

Dettagli

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014

UMBRIA Import - Export. caratteri e dinamiche 2008-2014 UMBRIA Import - Export caratteri e dinamiche 2008-2014 ROADSHOW PER L INTERNAZIONALIZZAZIONE ITALIA PER LE IMPRESE Perugia, 18 dicembre 2014 1 Le imprese esportatrici umbre In questa sezione viene proposto

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita

Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita Gli investimenti diretti esteri in entrata e in uscita A cura del Centro Studi Confindustria Toscana Qualche dato generale Gli investimenti diretti dall estero in Italia Secondo i dati dell Ufficio Italiano

Dettagli

La Lombardia e il commercio internazionale IL SETTORE DELLA MECCANICA. A cura di:

La Lombardia e il commercio internazionale IL SETTORE DELLA MECCANICA. A cura di: La Lombardia e il commercio internazionale IL SETTORE DELLA MECCANICA A cura di: per: Unioncamere Lombardia Informazione economica per lo sviluppo locale Ottobre 2009 ii INDICE Introduzione... 5 1. La

Dettagli

REPORT TERRITORIALE DI APPROFONDIMENTO Le Start up innovative di Treviso

REPORT TERRITORIALE DI APPROFONDIMENTO Le Start up innovative di Treviso Treviso, 14 novembre 2014 2 Indice SEZIONE 1. - START UP INNOVATIVE... 5 1.1 LE PRINCIPALI CARATTERISTICHE DELLE START UP INNOVATIVE... 5 Tabella 1 L'evoluzione delle iscrizioni delle start up innovative

Dettagli

COMUNICATO STAMPA del 19 settembre 2008

COMUNICATO STAMPA del 19 settembre 2008 La situazione dell'import/export della provincia di Ancona del 1 semestre 2008 fotografata dalla Camera di Commercio di Ancona IN FLESSIONE LE ESPORTAZIONI PROVINCIALI (-13,9%) IN DIFFICOLTA LA MECCANICA,

Dettagli

Flash Industria 4.2011

Flash Industria 4.2011 15 febbraio 2011 Flash Industria 4.2011 Nel quarto trimestre 2011, sulla base dell'indagine VenetoCongiuntura, la produzione industriale ha registrato una flessione del -1,4 per cento rispetto allo stesso

Dettagli

Gruppo di lavoro: Riccardo Achilli - Ricercatore Francesca Loi Ricercatore Fabio Ulgiati Ricercatore

Gruppo di lavoro: Riccardo Achilli - Ricercatore Francesca Loi Ricercatore Fabio Ulgiati Ricercatore FABBISOGNI E STRATEGIE FINANZIARIE DELLA PICCOLA E MEDIA IMPRENDITORIA ITALIANA Focus PMI è un osservatorio sulle Piccole e Medie Imprese italiane, che annualmente affronta un tema specifico di stringente

Dettagli

I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia. Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche

I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia. Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche I principali risultati dell Osservatorio Intesa Sanpaolo-Mediocredito sui contratti di rete in Italia Giovanni Foresti Servizio Studi e Ricerche Torino, 3 luglio 2014 Agenda 1 L identikit delle imprese

Dettagli

Le performance settoriali

Le performance settoriali 20 febbraio 2013 IL PRIMO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Perché un Rapporto sulla competitività Con il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua

Dettagli

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI

IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI 26 febbraio 2014 IL SECONDO RAPPORTO SULLA COMPETITIVITÀ DEI SETTORI PRODUTTIVI Edizione 2014 Il Rapporto sulla competitività delle imprese e dei settori produttivi, alla sua seconda edizione, fornisce

Dettagli

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche

Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO. I risultati del comparto siderurgico. Apparecchi meccanici. Macchine elettriche Osservatorio24 def 27-02-2008 12:49 Pagina 7 Osservatorio 2. L INDUSTRIA METALMECCANICA E IL COMPARTO SIDERURGICO 2.1 La produzione industriale e i prezzi alla produzione Nel 2007 la produzione industriale

Dettagli

Vision e obiettivi di Confindustria Digitale

Vision e obiettivi di Confindustria Digitale Vision e obiettivi di Confindustria Digitale Nicola Ciniero Consigliere Incaricato, Confindustria Digitale Presidente e Amministratore Delegato IBM Italia 13 Maggio 2013 1 Problemi ben noti limitano la

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 23 dicembre 2015 Ottobre 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA A ottobre il fatturato dell industria, al netto della stagionalità, registra un incremento del 2,0% rispetto a settembre, con variazioni

Dettagli

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI

IMPORT-EXPORT PAESI BASSI QUADRO MACROECONOMICO IMPORT-EXPORT PAESI BASSI Il positivo quadro macroeconomico dei Paesi Bassi é confermato dagli indicatori economici pubblicati per il 2007. Di fatto l economia dei Paesi Bassi sta

Dettagli

FILIERA MULTIMEDIALE

FILIERA MULTIMEDIALE FILIERA MULTIMEDIALE Aggiornamento dati a Dicembre 2010 DEFINIZIONE DELLA FILIERA MULTIMEDIALE Definizione delle filiera Multimediale HARDWARE E ASSISTENZA TECNICA CANALE INDIRETTO SERVIZI E APPARATI DI

Dettagli

Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna

Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna Analisi dell andamento congiunturale del mercato del credito in Italia e in Emilia-Romagna Servizio Studi e Ricerche di Intesa Sanpaolo 15 giugno 2 Italia Marzo 2 ha convalidato il leggero miglioramento

Dettagli

I T A L I A Geografie del nuovo Made in Italy

I T A L I A Geografie del nuovo Made in Italy Fondazione Edison - Symbola I T A L I A Geografie del nuovo Made in Italy Intervento di Marco Fortis (vice presidente Fondazione Edison) Assolombarda, 7 ottobre 2009 Bilancia commerciale di alcuni Paesi

Dettagli

agroalimentare I trimestre 2014

agroalimentare I trimestre 2014 AGRItrend Evoluzione e cifre sull agro-alimentare La bilancia commerciale agroalimentare I trimestre 2014 A 8 LA BILANCIA COMMERCIALE AGROALIMENTARE A differenza di quanto riscontrato nel corso del 2013,

Dettagli

REPORT TERRITORIALE DI APPROFONDIMENTO Le Start up innovative di Torino

REPORT TERRITORIALE DI APPROFONDIMENTO Le Start up innovative di Torino Torino, 21 novembre 2014 2 Indice SEZIONE 1. - INFOGRAFICHE... 5 1.1 I NUMERI DELLE START UP INNOVATIVE... 5 1.2 STRUTTURA ECONOMICA DELLE START UP... 6 1.3 GLI ASSET IMMATERIALI DEL TERRITORIO... 7 1.4

Dettagli

Sistema Informativo Excelsior

Sistema Informativo Excelsior Sistema Informativo Excelsior Sintesi dei principali risultati - 2011 SOMMARIO TAVOLE STATISTICHE Appendice 1 Corrispondenza tra la classificazione di attività economica ATECO 2007 e i settori EXCELSIOR

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 24 febbraio 2014 Dicembre 2013 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI A partire dal mese corrente, l Istat avvia la diffusione mensile degli indici dei prezzi all importazione dei prodotti industriali.

Dettagli

II. LO STATO DELLA RICERCA 3. RISORSE, CARATTERISTICHE ISTITUZIONALI E FINANZIAMENTO

II. LO STATO DELLA RICERCA 3. RISORSE, CARATTERISTICHE ISTITUZIONALI E FINANZIAMENTO II. LO STATO DELLA RICERCA 3. RISORSE, CARATTERISTICHE ISTITUZIONALI E FINANZIAMENTO LO STATO DELLA RICERCA II.3.1 - IL DIMENSIONAMENTO DELLA RICERCA IN ITALIA E NEL CONFRONTO INTERNAZIONALE: RISORSE FINANZIARIE

Dettagli

Flash Industria 3.2011

Flash Industria 3.2011 08 novembre 2011 Flash Industria 3.2011 Nel terzo trimestre 2011, sulla base dell'indagine VenetoCongiuntura, la produzione industriale ha registrato una crescita del +2,0 per cento rispetto allo stesso

Dettagli

COMMERCIO CON L ESTERO

COMMERCIO CON L ESTERO 17 novembre 014 Settembre 014 COMMERCIO CON L ESTERO Rispetto al mese precedente, a settembre 014 si rileva un aumento sia delle esportazioni (+1,5%) sia delle importazioni (+1,6%). L aumento congiunturale

Dettagli

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale

La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale Import/export La riduzione della quota di mercato dell Italia nel commercio mondiale di Alfonso Ghini (*) Un analisi della situazione di importazione ed esportazione dei paesi più importanti, mette in

Dettagli

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA

FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA 23 giugno 2015 Aprile 2015 FATTURATO E ORDINATIVI DELL INDUSTRIA Ad aprile il fatturato dell industria, al netto della stagionalità, registra una diminuzione dello 0,6% rispetto a marzo, con variazioni

Dettagli

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE

NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 2010 3 TRIMESTRE NOTE CONGIUNTURALI NATALITÀ E MORTALITÀ DELLE IMPRESE IN PROVINCIA DI MODENA ANNO 3 TRIMESTRE Camera di Commercio di Modena Via Ganaceto, 134 41100 Modena Tel. 059 208423 http://www.mo.camcom.it Natalità

Dettagli

NOTE DI APPROFONDIMENTO

NOTE DI APPROFONDIMENTO Fondazione Manlio Masi Osservatorio nazionale per l internazionalizzazione e gli scambi NOTE DI APPROFONDIMENTO Nota 3 Il posizionamento dei prodotti italiani nei paesi nordeuropei A cura di Roberta Mosca

Dettagli

Fatti & Tendenze - Economia 3/2008 IL SETTORE DELLA ROBOTICA IN ITALIA NEL 2007

Fatti & Tendenze - Economia 3/2008 IL SETTORE DELLA ROBOTICA IN ITALIA NEL 2007 Fatti & Tendenze - Economia 3/2008 IL SETTORE DELLA ROBOTICA IN ITALIA NEL 2007 luglio 2008 1 IL SETTORE DELLA ROBOTICA NEL 2007 1.1 L andamento del settore nel 2007 Il 2007 è stato un anno positivo per

Dettagli

IL SISTEMA PRODUTTIVO: COMPETITIVITÀ E PERFORMANCE CAPITOLO 3

IL SISTEMA PRODUTTIVO: COMPETITIVITÀ E PERFORMANCE CAPITOLO 3 IL SISTEMA PRODUTTIVO: COMPETITIVITÀ E PERFORMANCE CAPITOLO 3 3 3. Il sistema produttivo: competitività e performance QUADRO D INSIEME La crisi non ha modificato le caratteristiche strutturali del sistema

Dettagli

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export

L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export L agroalimentare nell economia del Paese: occupazione, innovazione, qualità, consumi, export Roberto Monducci Istituto nazionale di statistica Direttore del Dipartimento per i conti nazionali e le statistiche

Dettagli

Dalla lettura dei dati pubblicati lo scorso primo

Dalla lettura dei dati pubblicati lo scorso primo LE ESPORTAZIONI ITALIANE A LIVELLO TERRITORIALE Nel corso dei primi nove mesi del 2015, l 80% delle regioni italiane ha conosciuto incrementi su base tendenziale delle proprie esportazioni. % 150 130 110

Dettagli

Sintesi del Rapporto per la Stampa

Sintesi del Rapporto per la Stampa Sintesi del Rapporto per la Stampa Il Rapporto descrive e analizza le dinamiche connesse al movimento transfrontaliero dei rifiuti speciali tra l Italia e gli altri Paesi, europei e non. Per rifiuti speciali

Dettagli

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006

La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 24 novembre 2008 La Ricerca e Sviluppo in Italia nel 2006 L Istat diffonde i risultati delle rilevazioni sulla Ricerca e Sviluppo intra-muros (R&S) in Italia, riferiti alle imprese, alle istituzioni pubbliche

Dettagli

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana

La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Convegno Associazione Italiana di Economia Sanitaria La struttura industriale dell industria farmaceutica italiana Giampaolo Vitali Ceris-CNR, Moncalieri Torino, 30 Settembre 2010 1 Agenda Caratteristiche

Dettagli

I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO. Milano, 6 ottobre 2015

I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO. Milano, 6 ottobre 2015 I FLUSSI DI ESPORTAZIONE DEL COMPARTO AGROALIMENTARE ITALIANO Milano, 6 ottobre 2015 INFORMAZIONI GENERALI Export Il settore agroalimentare ha continuato a registrare negli ultimi anni una costante crescita

Dettagli

Alcune sfide europee dell innovazione energetica italiana

Alcune sfide europee dell innovazione energetica italiana Alcune sfide europee dell innovazione energetica italiana Prof. Ing. Massimo La Scala Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Politecnico di Bari Roma, 22 maggio 2014 Key Enabling Technologies

Dettagli

Finanziare l innovazione in Italia. Relatore: Prof. Ing. Carlo Mammola

Finanziare l innovazione in Italia. Relatore: Prof. Ing. Carlo Mammola Finanziare l innovazione in Italia Relatore: Prof. Ing. Carlo Mammola 25 settembre 2015 Innovazione in Italia IUS 2015 L Italia è definito come innovatore moderato dal report dell Innovation Union Scoreboard

Dettagli

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati

RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati RAPPORTO RIFIUTI URBANI ISPRA 2013 Sintesi dei dati Contesto europeo Secondo i dati resi disponibili da Eurostat, integrati con i dati ISPRA per quanto riguarda l Italia, nel 2011 i 27 Stati membri dell

Dettagli

Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale

Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale Retribuzioni, produttività e distribuzione del reddito un confronto internazionale di Giuseppe D Aloia 1 L inflazione Negli anni scorsi tutto il dibattito sul potere d acquisto delle retribuzioni si è

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 17 febbraio 2015 Dicembre 2014 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI Nel mese di dicembre 2014 l indice dei prezzi all importazione dei prodotti industriali diminuisce dell 1,8% rispetto al

Dettagli

Giovani chimici per quale industria?

Giovani chimici per quale industria? Giovani chimici per quale industria? Fabbisogni formativi e opportunità nella chimica l Industria incontra l Università Milano, 13 aprile 2005 Vittorio Maglia Direzione Centrale Analisi Economiche - Internazionalizzazione

Dettagli

Costa Rica Congiuntura Economica

Costa Rica Congiuntura Economica Costa Rica Congiuntura Economica Il PIL del Costa Rica è cresciuto del 3.8% durante il 2011, dato inferiore alla crescita del 4.2% registrato tra il 2009 ed il 2010. Per quanto riguarda il 2012 si prevede

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 17 giugno 2015 Aprile 2015 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI Nel mese di aprile 2015 l indice dei prezzi all importazione dei prodotti industriali aumenta dello 0,5% rispetto al mese precedente

Dettagli

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA CRISI ECONOMICA SULLE PMI ITALIANE ED ADEGUAMENTO DEGLI STUDI DI SETTORE

VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA CRISI ECONOMICA SULLE PMI ITALIANE ED ADEGUAMENTO DEGLI STUDI DI SETTORE VALUTAZIONE DELL IMPATTO DELLA CRISI ECONOMICA SULLE PMI ITALIANE ED ADEGUAMENTO DEGLI STUDI DI SETTORE 1 2 Analisi dell'andamento delle operazioni attive 2008 rispetto al 2007 206 Studi di Settore In

Dettagli

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA

INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA INDUSTRIA ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA ITALIANA Hannover Messe 2014 Walking Press Conference, 8 Aprile 2014 L industria Elettrotecnica ed Elettronica in Italia ANIE rappresenta da sessant anni l industria

Dettagli

Struttura e tendenze della spesa degli italiani all estero

Struttura e tendenze della spesa degli italiani all estero Struttura e tendenze della spesa degli italiani all estero Andrea Alivernini L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL 2005 Venezia 11 aprile 2006 http:// ://www.uic.itit Struttura e tendenze della spesa

Dettagli