Circolare n. 15. Rimborsi Iva dei soggetti nazionali e non nazionali (artt. 38, 38-bis, 38-bis1, 38-bis2 e 38-ter del D.P.R. n.

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Circolare n. 15. Rimborsi Iva dei soggetti nazionali e non nazionali (artt. 38, 38-bis, 38-bis1, 38-bis2 e 38-ter del D.P.R. n."

Transcript

1 Circolare n. 15 Rimborsi Iva dei soggetti nazionali e non nazionali (artt. 38, 38-bis, 38-bis1, 38-bis2 e 38-ter del D.P.R. n. 633/1972) Indice 1 Premessa I rimborsi Iva trimestrali per i soggetti nazionali I concetti generali Le scadenze Gli aspetti operativi Le modalità di presentazione I rimborsi dell'iva assolta in altri Paesi Ue da parte di soggetti nazionali Gli aspetti generali Gli aspetti operativi Gli aspetti compilativi I rimborsi dell'iva ai soggetti passivi d'imposta comunitari Gli aspetti generali Gli aspetti operativi I rimborsi dell'iva ai soggetti passivi d'imposta Extra Ue Gli aspetti generali Gli aspetti operativi Gli aspetti compilativi...12

2 1. Premessa Per i soggetti passivi d imposta nazionali, le date del e del rappresentano le prossime scadenze utili per la presentazione delle istanze di rimborso relative rispettivamente all eccedenza di Iva assolta nel territorio nazionale, e riferita al secondo trimestre 2010 (scadenza del ), e all Iva assolta in altro Paese dell Unione Europea (scadenza del ). Per i soggetti passivi d imposta non nazionali con riferimento ai contribuenti comunitari e non comunitari invece, la prossima scadenza utile per avanzare la richiesta di rimborso dell Iva assolta in Italia è fissata esclusivamente al Questi, in estrema sintesi, i termini stabiliti dagli artt. 38-bis relativo ai rimborsi c.d. trimestrali per i soggetti nazionali - 38-bis1 per i soggetti nazionali che assolvono l Iva all estero - 38-bis2 e 38-ter con riferimento all istanza di rimborso assolta da soggetti comunitari e non comunitari in Italia - del D.P.R. n. 633/1972. Obbiettivo della presente circolare è quello focalizzare l attenzione sulle successive scadenze inerenti alle istanze di rimborso Iva sia per i soggetti nazionali - con riferimento alle istanze relative all Iva nazionale e all Iva comunitaria assolta in altro Paese dell Unione Europea sia per i soggetti non nazionali che assolvono l imposta sul valore aggiunto in Italia. 2. I rimborsi Iva trimestrali per i soggetti nazionali 2.1. I concetti generali Come anticipato nelle premesse della presente Circolare, il dettato normativo di riferimento che regolamenta le richieste di rimborso da parte dei soggetti passivi d imposta nazionali, relative all eccedenza d imposta riferita a ciascun trimestre, è costituito dall art. 38-bis del D.P.R. n. 633/1972. Secondo quanto previsto dal co. 2 della citata disposizione normativa, infatti, un soggetto passivo d imposta può chiedere il rimborso o l utilizzo in compensazione del credito Iva relativo ad una frazione d anno, ossia riguardante ciascuno dei primi tre trimestri dell anno in corso. La prassi di riferimento, invece è rappresentata dal provvedimento del del Direttore dell Agenzia delle Entrate, con il quale è stato approvato il modello TR, utilizzabile dal contribuente sussistendo le condizioni di cui al citato art. 38-bis del D.P.R. n. 633/1972 per richiedere il rimborso del credito Iva o comunicare la volontà di utilizzare in compensazione ex art. 17 del D.Lgs. n. 241/ nel modello F24, del credito Iva eccedente nel trimestre di riferimento. 2

3 2.2. Le scadenze Il richiamo ai primi tre trimestri dell anno in corso non risulta essere casuale, in quanto, il credito del IV trimestre può essere chiesto a rimborso solo in sede di dichiarazione annuale, con l eccezione dei contribuenti trimestrali per natura di cui all art. 74, co. 4 del D.P.R. n. 633/1972, che, invece, possono chiederlo anche con riferimento al IV trimestre. Secondo il combinato disposto di cui all art. 38-bis e 8, co. 2 e 3 del D.P.R. n. 633/1972, i termini di scadenza per al presentazione dell istanza di rimborso Iva infrannuale - modello TR - sono i seguenti: Mesi di riferimento Trimestre Scadenza Gennaio Marzo I Trimestre Aprile Giugno II Trimestre Luglio Settembre III Trimestre Secondo quanto stabilito dall Agenzia delle Entrate con la C.M. n. 6/E del , qualora il termine di presentazione della dichiarazione infrannuale scada di sabato, il termine di presentazione deve ritenersi prorogato al lunedì successivo, così come nel caso in cui il termine di presentazione scada in un giorno festivo, lo stesso deve intendersi prorogato al primo giorno lavorativo successivo Gli aspetti operativi Il <<quantum>> del credito Iva rimborsabile, o compensabile, per i primi tre trimestri dell anno, è determinato assumendo a riferimento esclusivamente all eccedenza di Iva detraibile risultante dalla liquidazione relativa al trimestre oggetto di richiesta di rimborso, senza il riporto in tale liquidazione dell eventuale credito Iva del periodo precedente. In termini prettamente operativi, il credito Iva riferibile al secondo trimestre, per il quale può essere presentato il modello TR, è determinato assumendo a riferimento esclusivamente l Iva detraibile contabilizzata dal 1 aprile 2010 al 30 giugno 2010, senza il riporto del saldo Iva riferibile al mese di marzo 2010 o al primo trimestre 2010 (gennaio marzo). Inoltre, l ulteriore condizione perché un credito Iva trimestrale possa essere chiesto a rimborso in tutto o in parte - è costituita dalla necessità che lo stesso credito sia di importo superiore ad 2.582,28. In altri termini, quindi, non è ammesso il rimborso di crediti Iva per importi inferiori all entità di cui sopra. Oltre ai requisiti di cui sopra, l art. 38-bis del D.P.R. n. 633/1972 stabilisce che i soggetti legittimati alla presentazione dell istanza di rimborso Iva trimestrale sono esclusivamente i contribuenti che possiedono i requisiti stabiliti dall art. 30, co. 3, lett. a), b), c) ed e) del D.P.R. 3

4 n. 633/1972. In particolare, secondo il combinato disposto di cui ai citati dettati riferimento normativi, l istanza di rimborso è ammessa a condizione che sussista una delle seguenti condizioni: l aliquota media sulle operazioni passive sia superiore a quella sulle operazioni attive, maggiorata del 10% ex art. 30, co. 3, lett. a) del D.P.R. n. 633/1972 ; le operazioni non imponibili siano superiori al 25% del volume d affari ex art. 30, co. 3, lett. b) del D.P.R. n. 633/1972 ; 2 l ammontare degli acquisti e delle importazioni di beni ammortizzabili sia superiore a 2/3 dell ammontare complessivo degli acquisti e delle importazioni imponibili ex art. 30 co. 3, lett. c) e art. 38-bis, co. 2 del D.P.R. n. 633/1972 ; il soggetto passivo non residente sia identificato ai fini Iva in Italia direttamente ex art. 35-ter del D.P.R. n. 633/1972 o tramite rappresentante fiscale ex art. 30, co. 3 lett. e) dello stesso decreto Le modalità di presentazione Per quanto concerne le modalità di presentazione del modello TR, l art. 1, co. 215 della L , n. 244 (Finanziaria 2008) ha modificato quanto disposto dall art. 8, co. 2 e 3 del D.P.R. n. 542/1999, stabilendo che la richiesta di rimborso del credito Iva trimestrale, al pari della comunicazione del suo utilizzo in compensazione (ex art. 17 del D.Lgs. n. 241/1997) deve essere effettuata esclusivamente con modalità telematica. Le presentazione telematica dell istanza di rimborso o di utilizzo in compensazione del credito Iva può essere effettuata direttamente dal contribuente o tramite gli intermediari abilitati di cui all art. 32, co. 2-bis del D.P.R. n. 322/1998. La prova dell avvenuta presentazione telematica del modello TR è data dall attestazione rilasciata dall Agenzia delle Entrate che ne conferma l avvenuto ricevimento. Tale attestazione 1 Secondo le istruzioni relative alla compilazione del modello, nel calcolo dell aliquota media devono essere esclusi sia gli acquisti e/o le importazioni che le cessioni di beni ammortizzabili, mentre le spese generali devono essere comprese tra gli acquisti. L esclusione delle cessioni e degli acquisti di beni ammortizzabili, così come delle operazioni non imponibili, è dettata dal fatto che per tali operazioni è previsto un autonomo presupposto per l accesso al rimborso (in tale senso R.M n. 17/E). Tuttavia, nonostante nella determinazione dell aliquota media delle operazioni passive non si tenga conto degli acquisti e delle cessioni di beni ammortizzabili, una volta verificata la sussistenza del requisito in commento per il rimborso, questo può essere chiesto o utilizzato in compensazione per tutto il credito maturato, comprensivo, quindi, anche dell Iva relativa ai beni ammortizzabili. 2 La condizione <<oggettiva>> di effettuazione di operazioni non imponibili per un ammontare superiore al 25% del totale delle operazioni effettuate non deve essere confuso con il presupposto di cui alla lett. d), co. 3 dell art. 30 del D.P.R. n. 633/1972, riguardante i soggetti che effettuano <<prevalentemente operazioni non soggette all imposta per effetto degli artt. da 7 a 7-septies del D.P.R. n. 633/1972>>. In altri termini, l effettuazione di operazioni non imponibili non vanno confuse con le operazioni non territorialmente rilevanti in Italia. 3 Come chiarito dalla C.M , n. 8 (risposta n. 3.1.) il rimborso trimestrale non ammesso per l acquisto di beni/servizi per studi e ricerche. 4

5 è trasmessa telematicamente all utente che ha effettuato l invio del modello, entro 5 giorni lavorativi successivi alla ricezione del modello da parte dell Agenzia delle Entrate. 4 Rimborsi Iva trimestrali soggetti nazionali Art. 38-bis del D.P.R. n. 633/1972 Periodi di riferimento Scadenza Importo rimborsabile Condizioni oggettive necessarie Primi tre trimestri dell anno: I trimestre: Gennaio Marzo II trimestre: Aprile Giugno III trimestre: Luglio - Settembre Entro la fine del mese successivo al trimestre di riferimento Eccedenza del trimestre di riferimento, senza il riporto dell eventuale credito del periodo precedente. L imposto minimo di rimborso è stabilito in 2.582, Aliquota media operazioni passive superiore a quella delle operazioni attive maggiorata del 10%. 2. Operazioni non imponibili superiori al 25% del volume d affari; 3. Ammontare degli acquisti e delle importazioni di beni ammortizzabili superiore ai 2/3 dell importo complessivo degli acquisti ed importazioni imponibili. 4. Soggetto passivo non residente identificato ai fini Iva direttamente o tramite rappresentante fiscale. 3. I rimborsi dell Iva assolta in altri Paesi Ue da parte dei soggetti nazionali 3.1. Gli aspetti generali Come accennato nella parte introduttiva del presente documento, il riferimento normativo per la richiesta di rimborso dell Iva assolta da parte di operatori nazionali in altri Paesi dell Unione Europea è rappresentato dall art. 38-bis1 del D.P.R. n. 633/ Secondo quanto stabilito dall Agenzia delle Entrate con la C.M n. 195/E si considerano tempestive le istanze trasmesse entro i termini previsti, ma scartate dal servizio telematico utilizzato, purché ritrasmesse entro i cinque giorni successivi alla data di comunicazione dell Agenzia delle Entrate che attesta il motivo dello scarto. 5

6 Il co. 2 della citata disposizione normativa stabilisce che la richiesta di rimborso dell Iva assolta in altro Paese Ue da parte di soggetti passivi d imposta nazionali, è circoscritta esclusivamente ai soli soggetti passivi d'imposta che durante il periodo di riferimento 5 del rimborso: non hanno svolto attività d'impresa, arte o professione (ovviamente nello Stato membro cui si riferisce l imposta da rimborsare); hanno effettuato unicamente operazioni esenti o non soggette, che non danno diritto alla detrazione dell'imposta ai sensi dell'art. 19 D.P.R. 633/72 (pro rata di indetraibilità 100%); si sono avvalsi del regime dei c.d. <<contribuenti minimi>>; si sono avvalsi del regime speciale previsto per i produttori agricoli Gli aspetti operativi Con il Provvedimento del Direttore dell'agenzia delle Entrate del 1 aprile 2010, prot. n /2010, secondo quanto disposto dal D.Lgs , n. 18, sono state stabilite le nuove <<modalità>> di rimborso in commento. In particolare, anche in questo caso, così come per le istanze di rimborso trimestrali di cui sopra, le modalità di presentazione della richiamata istanza sono esclusivamente quelle telematiche. Tale ultimo aspetto rappresenta la vera novità, in quanto, la domanda di rimborso va presentata direttamente via web all Agenzia delle Entrate e non più all Amministrazione finanziaria dell altro Stato, utilizzando Entratel o Fisconline. Come stabilito dal pt del citato Provvedimento del Direttore dell'agenzia delle Entrate, tali istanze possono essere presentate, esclusivamente in via telematica : direttamente dagli interessati, avvalendosi del servizio telematico entratel o internet, a seconda del caso; mediante gli incaricati della trasmissione telematica di cui all'articolo 3, commi 2- bis e 3 del dpr 322/98; mediante soggetti delegati in possesso di adeguata capacità tecnica, economica, finanziaria e organizzativa; tramite le camere di commercio italiane all'estero riconosciuto ai sensi della legge n. 518/ Si ricorda che l'art. 16 della Direttiva 2008/9/CE stabilisce che il periodo di riferimento non può essere superiore a un anno civile o inferiore a tre mesi civili. In ogni caso, le richieste di rimborso possono, tuttavia, riguardare un periodo inferiore a tre mesi se questo rappresenta la parte residua di un anno civile. Concetto peraltro ripreso dal co. 2 dell'art. 38bis2 D.P.R. 633/ L esclusiva presentazione telematica delle istanze di rimborso è stata ulteriormente confermata dall Agenzia delle Entrate nel corso del forum pubblicato sul sito dell Agenzia delle entrate in data (risposta n. 1). 6

7 A differenza delle richiamate istanza, il termine di presentazione di tale istanze è fissato entro il 30.9 dell'anno solare successivo al periodo di riferimento, nei limiti e con la periodicità stabiliti dallo Stato membro competente per il rimborso. Il Provvedimento del direttore dell Agenzia delle Entrate del 1 aprile 2010, così come l'art. 38- bis1, non stabiliscono né i limiti minimi e massimi di rimborso dell'imposta, né la periodicità di presentazione. Infatti, il pt del richiamato Provvedimento, stabilisce che i rimborsi sono erogati direttamente dallo Stato membro competente secondo le modalità dal medesimo stabilite. Tale scelta è dettata dalla circostanza che ogni Stato membro, nel rispetto della normativa comunitaria, può adottare per tali parametri - con riferimento ai limiti minimi e massimi di rimborso e alla periodicità di presentazione - differenti soluzioni Gli aspetti compilativi Da un punto di vista prettamente compilativo, il già citato provvedimento oltre a stabilire che nell istanza di rimborso devono essere indicati i dati necessari per l'identificazione del soggetto passivo d'imposta residente nel territorio nazionale, vengono richiesti anche alcuni dati complementari quali ad esempio: la descrizione dell'attività economica del richiedente per la quale i beni e i servizi sono acquistati tramite i codice NACE di cui al regolamento CE del , n. 1893; il periodo del rimborso; i dati del c/c bancario (IBAN e BIC); i dati di ciascuna fattura o documento di importazione; il periodo di riferimento della percentuale di detrazione definitiva; una dichiarazione d'insussistenza di cause ostative al rimborso dell'iva assolta nel Paese comunitario di riferimento; la percentuale di detrazione definitiva. Con riferimento a tale ultimo aspetto, nell ipotesi in cui un contribuente nazionale sia soggetto ad un pro-rata di detraibilità limitato, nell'istanza di rimborso, deve indicare la percentuale di rimborso in modo provvisorio, sulla base della percentuale di detrazione dell'anno precedente ex art. 19, co. 5 D.P.R. 633/1972. Tuttavia, come stabilito dal pt del Provvedimento del 1 aprile 2010 i contribuenti che alla fine dell'anno solare hanno un pro-rata di detrazione diverso da quello utilizzato in modo provvisorio nel corso del medesimo anno, comunicano entro l'anno solare seguente la nuova percentuale di detrazione a tutti gli Stati membri a cui hanno chiesto il rimborso dell'iva assolta all'interno del loro territorio. Tale disposizione è dettata dalla necessità di commisurare l'ammontare del rimborso dell'iva assolta all'estero sulla base della percentuale di detrazione sussistente con riferimento alle operazioni effettuate 7

8 nello Stato e non più con riferimento alla percentuale di detrazione determinata sulla base delle regole del Paese preposto al rimborso. 7 Un ulteriore aspetto meramente compilativo è rappresentato dalla possibilità o dalla necessità di allegare dei documenti all istanza di rimborso. Come chiarito dall Agenzia delle Entrate nel forum domande & risposte presente nel sito dell Agenzia, non tutti gli Stati membri richiedono di allegare dei documento all istanza di rimborso, tuttavia, l applicazione informatica realizzata per l invio della richiesta di rimborso permette l invio degli allegati all amministrazione finanziaria comunitaria, inserendo degli allegati fino ad una grandezza di 5MB. La stessa Agenzia delle Entrate precisa che l invio di allegati per una grandezza superiore a 5MB, comporta, al momento del controllo dell istanza di rimborso, l inibizione dell invio della stessa. Rimborsi Iva soggetti nazionali che hanno assolto Iva in altri Paesi UE Art. 38-bis1 del D.P.R. n. 633/1972 Entro il 30.9 dell anno successivo a quello a Scadenza cui si riferisce l istanza di rimborso Non sono stabiliti limiti minimi o massimi di Importo rimborsabile importo rimborsabile. Le stesse dipendono da ogni Stato membro. L istanza è consentita ai soggetti passivi d'imposta nazionali che durante il periodo di riferimento del rimborso: non hanno svolto attività d'impresa, arte o professione; hanno effettuato unicamente operazioni Condizioni soggettive/oggettive esenti o non soggette che non danno necessarie diritto alla detrazione dell'imposta ai sensi dell'art. 19 D.P.R. 633/72 (pro rata di indetraibilità 100%); si sono avvalsi del regime dei c.d. contribuenti minimi; si sono avvalsi del regime speciale previsto per i produttori agricoli 7 Dal punto di vista pratico, le modalità di <<rettifica>> della percentuale di detrazione, secondo quanto indicato nel Provvedimento del Direttore dell'agenzia delle Entrate, avviene contestualmente alla presentazione di una domanda di rimborso durante l'anno civile successivo a quello di pagamento o, se il richiedente non presenta istanze di rimborso in questo anno, trasmettendo una comunicazione separata, contenete, oltre ai dati identificati generali (denominazione, ovvero la ragione sociale, il numero di partita Iva), anche la percentuale di detrazione provvisoria indicata nell'istanza di rimborso, la percentuale di detrazione definitiva e il periodo di riferimento della percentuale di detrazione definitiva. 8

9 4. I rimborsi dell Iva ai soggetti passivi d imposta comunitari 4.1. Gli aspetti generali Il <<nuovo>> art. 38-bis2 del D.P.R. n. 633/1972, rappresenta uno delle disposizioni normative con le quali il Legislatore nazionale ha dato attuazione alla direttiva n. 2008/9/CE, in materia di esecuzione dei rimborsi a soggetti passivi stabiliti in altro Paese dell Unione Europea, i quali hanno effettuato in Italia acquisti di beni e/o di servizi ovvero importazioni per i quali l imposta sul valore aggiunto è detraibile ex art. 19 e ss. dello stesso D.P.R. n. 633/1972. Di conseguenza condizione necessaria ed indispensabile affinché sia ammessa l istanza di rimborso dell Iva assolta in Italia da operatori comunitari è che la stessa con riferimento all Iva sia detraibile secondo le disposizioni di cui all art. 19 e ss. del D.P.R. n. 633/1972. In altri termini, quindi, deve essere preso in considerazione: il principio generale delle inerenze, secondo cui l imposta deve essere quella assolta dal contribuente o a lui addebitata a titolo di rivalsa in relazione a beni acquistati o importati o a servizi resi nell esercizio dell impresa, arte o professione; il concetto di indetraibilità per destinazione dell imposta relativa agli acquisti o alle importazioni di beni o alla prestazione di servizi per operazioni esenti o comunque non soggetti ad IVA (art.19 co. 2); il principio di indetraibilità soggettiva, secondo cui, in riferimento a ciascun anno, nel caso in cui svolga attività sia esente che imponibile, deve determinare l ammontare dell imposta detraibile in proporzione alle operazioni per le quali ha diritto alla detrazione secondo i principi fissarti nell art.19bis; il principio di indetraibilità oggettiva, secondo il quale in relazione ad alcune tipologie di acquisti riportate nell art.19 bis1, quali le spese di rappresentanza - come definite nell ambito dell imposta sul reddito, ad eccezione di quelle di costo unitario non superiore a 25,82 euro è ammessa una detraibilità limitata dell imposta; delle rettifiche delle detrazioni operate ai sensi dell art.19bis Gli aspetti operativi Il già citato Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate del 1 aprile 2010 ha stabilito, anche in questo caso, le modalità <<operative>> attraverso le quali deve essere attivata la procedura dell Iva assolta dai citati soggetti. In particolare, per quanto riguarda l'ammontare del rimborso dell'iva assolta in Italia da operatori economici comunitari, il Provvedimento del Direttore dell'agenzia delle Entrate stabilisce che il rimborso può essere richiesto se l ammontare è superiore: ad euro 400 per i rimborsi infrannuali; 9

10 ad euro 50 per i rimborsi annuali. Per effettuare il rimborso, il soggetto passivo d'imposta comunitario inoltra la richiesta, in via elettronica, tramite lo Stato membro all ufficio nazionale abilitato dall Agenzia delle Entrate. In sostanza, quindi, gli operatori economici comunitari, così come per i soggetti passivi nazionali, non sono più tenuti alla presentazione dell'istanza di rimborso, per le operazioni effettuate in Italia, direttamente al Centro operativo di Pescara, ma dovranno presentare la stessa tramite la propria Amministrazione finanziaria. Successivamente, il Centro operativo di Pescara dovrà prendere una decisione sulle richieste di rimborso nei 4 mesi successivi alla loro ricezione; i 4 mesi possono diventare 6 o 8 se l Ufficio ritiene necessario procedere alla richiesta di informazioni, come ad esempio gli originali delle fatture, o chiederne ulteriori. L'erogazione dei rimborsi dovrà, comunque, sempre avvenire nei 10 giorni successivi alla comunicazione di accoglimento della richiesta aumentato degli interessi del 2,75%, che decorrono dal termine dei dieci giorni stabiliti per l esecuzione del rimborso. Gli interessi non sono dovuti se il richiedente non fornisce le informazioni nei termini né produce i documenti richiesti a completamento dell istanza. Rimborsi Iva soggetti comunitari che hanno assolto Iva in Italia Art. 38-bis2 del D.P.R. n. 633/1972 Scadenza Importo rimborsabile Condizioni soggettive/oggettive necessarie Entro il 30.9 dell anno successivo a quello a cui si riferisce l istanza di rimborso Il rimborso può essere richiesto se l ammontare è superiore: ad euro 400 per i rimborsi infrannuali; ad euro 50 per i rimborsi annuali. L imposta assolta di cui si chiede il rimborso deve essere detraibile ex art. 19 del D.P.R. n. 633/ I rimborsi dell Iva ai soggetti passivi d imposta Extra Ue 5.1 Gli aspetti generali Con riferimento ai soggetti residenti in Paesi Extra Ue, così come previsto dall art. 38-ter del D.P.R. n. 633/1972 un provvedimento dell Agenzia delle Entrate, datato , è stato approvato il nuovo modello Iva 79, con le relative istruzioni, che deve essere utilizzato dagli 10

11 operatori Extra Ue, con i quali sussiste un accordo di reciprocità (ad oggi tali Paesi risultano essere: Svizzera, Norvegia ed Israele) per richiedere il rimborso <<diretto>> dell Iva assolta in Italia per l acquisto di beni e/o di servizi. Secondo quanto stabilito dall art. 5 co. 1 del D.Lgs. n.18/2010, la nuova disciplina in commento trova applicazione <<a partire dalla data fissata con provvedimento del Direttore dell Agenzia delle entrate>>, e quindi a partire dal Rispetto alle istanze di rimborso presentate dai soggetti comunitarie, di cui agli artt. 38-bis1 e 38-bis2 del D.P.R. n. 633/1972, le richieste di rimborso avanzate dai contribuenti Extra Ue hanno una decorrenza posticipata. Le nuove modalità relative istanze <<comunitarie>>, infatti, come già esplicitato in precedenza, secondo quanto stabilito dall art. 1, co. 1 della lett. t) del D.Lgs. n. 18/2010, hanno trovato decorrenza già a partire dal 1 gennaio Di conseguenza, si può concludere che per le istanze presentate nel c.d. periodo transitorio, intercorrente dal 1 gennaio 2010 al , trovano applicazione le previgenti disposizioni di cui al provvedimento del direttore dell Agenzia delle Entrate del Gli aspetti operativi Per quanto riguarda gli aspetti prettamente operativi, il rimborso dell imposta assolta in Italia da parte di soggetti Extra Ue è concesso a condizione che: sussista una condizione di reciprocità con lo Stato di residenza dell operatore economico stabilito nello Stato ExtraUe (come detto, attualmente tale accordo sussiste solamente con Svizzera, Norvegia e Ungheria); l acquisto o l importazione, ossia l operazione che ha determinato la richiesta di rimborso, deve essere relativa a beni (o servizi) inerenti allo svolgimento dell attività d impresa. Oltre ai requisiti in precedenza indicati, l effettuazione del rimborso dell Iva assolta da parte di operatori Extra Ue necessita anche di un ulteriore requisito, che consiste nell assenze di effettuazione di operazioni attive nel territorio dello Stato. In particolare, come indicato nel modello Iva 79, il richiedente deve dichiarare: di non aver effettuato, nel periodo di riferimento del rimborso, alcuna operazione attiva (cessione di beni o prestazione di servizi) nel territorio nazionale riferito al Paese (Italia) in cui è chiesto il rimborso; di aver effettuato unicamente operazioni attive particolari, che non incidono sulla possibilità di richiesta di rimborso. Si tratta delle prestazioni di trasporto e dei servizi accessori, ovvero delle operazioni per le quali è previsto il reverse charge, di cui all art. 17, co. 2, del DPR 633/72. 11

12 Così come per le istanze di rimborso previste per i soggetti passivi comunitari, anche per il modello 79 è stabilito che il diritto al rimborso è condizionato altresì dall effettivo assoggettamento ad imposta dell attività svolta dal soggetto richiedente nel proprio Stato. Laddove tale soggetto soffra di una limitazione soggettiva al diritto alla detrazione (pro-rata), il rimborso è limitato all imposta corrispondente al pro-rata di detrazione. Inoltre, il rimborso può essere richiesto se l ammontare è superiore: ad euro 400 per i rimborsi infrannuali; ad euro 50 per i rimborsi annuali. Come stabilito al punto H delle istruzione al modello 79, all istanza di rimborso il richiedente deve allegare i seguenti documenti: originali delle fatture 8 ; documentazione da cui si evinca il pagamento delle fatture medesime; attestazione rilasciata dall Amministrazione dello stato di stabilimento del richiedente, dalla quale risulti la qualità di soggetto passivo Iva, nonché la data di decorrenza di tale iscrizione. 5.3 Gli aspetti compilativi Da un punto di vista strettamente formale/compilativo, sulla base delle disposizioni di cui al D.M , n. 2672, il modello Iva 79 deve: essere redatto in lingua italiana o inglese (punto B delle istruzioni); essere compilato in stampatello (punto C delle istruzioni); essere inviato per posta o raccomandata a.r., tramite corriere o consegnata a mano (punto C delle istruzioni); essere presentato entro il 30 settembre dell anno successivo a quello cui si riferisce la richiesta (punto C delle istruzioni). Rimborsi Iva soggetti Extra Ue che hanno assolto Iva in Italia Art. 38-ter del D.P.R. n. 633/1972 Scadenza Importo rimborsabile Entro il 30.9 dell anno successivo a quello a cui si riferisce l istanza di rimborso Il rimborso può essere richiesto se l ammontare è superiore: ad euro 400 per i rimborsi infrannuali; ad euro 50 per i rimborsi annuali. 8 Si ricorda che come chiarito dalla R.M , n. 58/E, al modello possono essere allegate anche le fotocopie delle fatture, nel qual caso, però, la pretesa creditoria del contribuente deve essere ritenuta improcedibile sino al momento in cui il contribuente stesso, invitato dall Ufficio, non abbia provveduto alla regolarizzazione dell istanza scritta, mediante la produzione degli originali. 12

13 Condizioni soggettive/oggettive necessarie Il rimborso dell imposta assolta in Italia da parte di soggetti Extra Ue è concesso a condizione che: sussista una condizione di reciprocità con lo Stato di residenza dell operatore economico stabilito nello Stato ExtraUe (come detto, attualmente tale accordo sussiste solamente con Svizzera, Norvegia e Ungheria); l acquisto o l importazione, ossia l operazione che ha determinato la richiesta di rimborso, deve essere relativa a beni (o servizi) inerenti allo svolgimento dell attività d impresa; il richiedente non abbia effettuato, nel periodo di riferimento del rimborso, alcuna operazione attiva (cessione di beni o prestazione di servizi) nel territorio nazionale riferito al Paese (Italia) in cui è chiesto il rimborso; il richiedente abbia effettuato unicamente operazioni attive particolari, che non incidono sulla possibilità di richiesta di rimborso. 13

Circolare n. 21/2010: Rimborsi Iva dei soggetti nazionali e non nazionali

Circolare n. 21/2010: Rimborsi Iva dei soggetti nazionali e non nazionali !!" " # " " # # # Milano, 23 luglio 2010 A tutti i Clienti, Loro sedi Circolare n. 21/2010: Rimborsi Iva dei soggetti nazionali e non nazionali (artt. 38, 38-bis, 38-bis1, 38-bis2 e 38-ter del D.P.R. n.

Dettagli

Rimborsi IVA: il nuovo art. 38-bis, D.P.R. 633/1972

Rimborsi IVA: il nuovo art. 38-bis, D.P.R. 633/1972 Sandra Migliaccio (Agenzia delle Entrate - DR Piemonte Ufficio Fiscalità Generale) Rimborsi IVA: il nuovo art. 38-bis, D.P.R. 633/1972 1 L utilizzo del credito IVA Compensazione verticale Rimborso del

Dettagli

CREDITO IVA Il nuovo modello di garanzia per il rimborso

CREDITO IVA Il nuovo modello di garanzia per il rimborso CREDITO IVA Il nuovo modello di garanzia per il rimborso Con un apposito provvedimento il Direttore dell Agenzia delle Entrate ha approvato un nuovo modello di garanzia per la richiesta di rimborso dell

Dettagli

INDICE PREMESSA... 9 1. CENNI GENERALI SULL IVA... 11

INDICE PREMESSA... 9 1. CENNI GENERALI SULL IVA... 11 INDICE PREMESSA... 9 1. CENNI GENERALI SULL IVA... 11 1. Introduzione... 11 2. L Iva Principali fonti normative... 11 3. Campo di applicazione... 12 3.1 Presupposto oggettivo Cessioni di beni... 13 3.2

Dettagli

Utilizzo del credito infrannuale

Utilizzo del credito infrannuale Rimborsi Utilizzo del credito infrannuale di Ciro D Ardìa L adempimento Oggetto Presentazione del modello per la richiesta di rimborso/compensazione del credito IVA infrannuale. Soggetti interessati Contribuenti

Dettagli

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI

SPAZIANI & LONGO ASSOCIATI Circolare numero 04 del 3 febbraio del 2012 Oggetto: Comunicazione annuale dati Iva anno d imposta 2011 I soggetti IVA tenuti alla presentazione della dichiarazione annuale sono obbligati a trasmettere

Dettagli

IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE

IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE INFORMATIVA N. 088 02 APRILE 2013 IVA IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE Artt. 30 e 38-bis, DPR n. 633/72 Provvedimento Agenzia Entrate 20.3.2012 I soggetti in possesso di specifici requisiti possono

Dettagli

COMUNICAZIONE IVA 2010 E CHIARIMENTI UFFICIALI PER COMPENSAZIONI IVA

COMUNICAZIONE IVA 2010 E CHIARIMENTI UFFICIALI PER COMPENSAZIONI IVA CIRCOLARE n. 03/2010 Pesaro, 25 gennaio 2010 Spett.li Clienti Loro SEDI COMUNICAZIONE IVA 2010 E CHIARIMENTI UFFICIALI PER COMPENSAZIONI IVA 1 Chiarimenti compensazioni iva: 1.1 Compensazione verticale

Dettagli

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti

La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti Fiscal Adempimento La circolare che guida passo passo al rispetto degli adempimenti N. 13 26.03.2012 Presentazione istanza rimborso o compensazione infrannuale Entro fine aprile 2012 si dovrà presentare

Dettagli

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista

DAMIANO ADRIANI. Dottore Commercialista 1/6 OGGETTO COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA RELATIVA ALL ANNO 2013 RIFERIMENTI NORMATIVI ART. 9 D.P.R. 7 DICEMBRE 2001 N. 435; ART. 8BIS D.P.R. 22 LUGLIO 1998 N. 322; PROVVEDIMENTO AGENZIA DELLE ENTRATE

Dettagli

ULTIME NOVITÀ FISCALI

ULTIME NOVITÀ FISCALI Circolare nr.03/2015 Ai sig.ri Clienti E loro sedi ULTIME NOVITÀ FISCALI Diritto CCIAA 2015 Decreto Ministero Sviluppo economico 8.1.2015 Tremonti-quater Circolare Agenzia Entrate 19.2.2015, n. 5/E È stato

Dettagli

LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA

LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA LE NUOVE REGOLE PER IL RIMBORSO DEL CREDITO IVA In presenza di un credito IVA risultante dalla dichiarazione annuale al contribuente è concesso di scegliere tra: il riporto all anno successivo con utilizzo

Dettagli

Il Credito Iva in Italia e all estero. Confindustria Biella, 14 settembre 2010 Alberto Venturini

Il Credito Iva in Italia e all estero. Confindustria Biella, 14 settembre 2010 Alberto Venturini Il Credito Iva in Italia e all estero Confindustria Biella, 14 settembre 2010 Alberto Venturini 1 Agenda 1. Gestione del credito Iva 2. Rimborsi Iva esteri vecchia procedura 3. Rimborsi Iva esteri nuova

Dettagli

OGGETTO: Istanza di interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. ISTITUTO X

OGGETTO: Istanza di interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. ISTITUTO X RISOLUZIONE N. 100/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 25 luglio 2005 Imprese e finanziaria OGGETTO: Istanza di interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. ISTITUTO X Con l interpello

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA

LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA Tavole sinottiche a cura di Angelo Tubelli Dottore Commercialista Studio Tributario e Societario Andreani 1 LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA A decorrere dal 1 gennaio 2010,

Dettagli

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015

Bologna, 30 marzo 2015. Circolare n. 06/2015. Oggetto: Spesometro 2015 Dott. Rag. Giorgio Palmeri Rag. Tiberio Frascari Dott. Fabio Ceroni Dott. Carlo Bacchetta Dott. Mariangela Frascari Dott. Marta Lambertucci Dott. Lorenzo Nadalini Dott. Simone Pizzi Rag. Marinella Quartieri

Dettagli

Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli

Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli 58/2015 Aprile/15/2015 (*) Napoli 28 Aprile 2015 Entro il prossimo 30 aprile 2015, i contribuenti, che risultano in possesso dei requisiti

Dettagli

Modello IVA TR. Modalità di compilazione per la richiesta di rimborso (o utilizzo in compensazione) del credito IVA Trimestrale.

Modello IVA TR. Modalità di compilazione per la richiesta di rimborso (o utilizzo in compensazione) del credito IVA Trimestrale. Modello IVA TR Modalità di compilazione per la richiesta di rimborso (o utilizzo in compensazione) del credito IVA Trimestrale scadenze & more Ai sensi dell articolo 38-bis del DPR 633/1972, la richiesta

Dettagli

NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2010

NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2010 NOVITA NORMATIVE IVA ANNO D IMPOSTA 2010 Normativa comunitaria e normativa nazionale L imposta sul valore aggiunto è disciplinata da leggi nazionali che sono subordinate alle direttive comunitarie. Queste

Dettagli

STUDIO SERVIDIO VIA SANTO STEFANO, 11 40125 BOLOGNA ITALY TEL. (+39) 051 26.06.20 FAX (+39) 051 22.16.19. Bologna, 28 Ottobre 2013

STUDIO SERVIDIO VIA SANTO STEFANO, 11 40125 BOLOGNA ITALY TEL. (+39) 051 26.06.20 FAX (+39) 051 22.16.19. Bologna, 28 Ottobre 2013 DOTT. ANDREA ALBERGHINI DOTT. ALFREDO ODDONE DOTT. FEDERICO BENNI DOTT. DARIO CURTI DOTT. CLAUDIO MARCANTOGNINI DOTT. PIETRO BUFANO Bologna, 28 Ottobre 2013 Oggetto: Circolare n. 35/2013 del 28 Ottobre

Dettagli

Dal 2016 dichiarazione IVA informaautonomaobbligatoria Antonella Benedetto e Maria Benedetto - Dottori commercialisti in Salerno

Dal 2016 dichiarazione IVA informaautonomaobbligatoria Antonella Benedetto e Maria Benedetto - Dottori commercialisti in Salerno Carmela Di Rosa - Copyright Wolters Kluwer Italia s.r.l. DICHIARAZIONE IVA Dal 2016 dichiarazione IVA informaautonomaobbligatoria Antonella Benedetto e Maria Benedetto - Dottori commercialisti in Salerno

Dettagli

LA NUOVA DISCIPLINA IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO: FATTURAZIONE, RIMBORSI E MODELLI INTRASTAT. Dott. Salvatore GIORDANO

LA NUOVA DISCIPLINA IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO: FATTURAZIONE, RIMBORSI E MODELLI INTRASTAT. Dott. Salvatore GIORDANO LA NUOVA DISCIPLINA IVA NEI RAPPORTI CON L ESTERO: L FATTURAZIONE, RIMBORSI E MODELLI INTRASTAT Dott. Salvatore GIORDANO Diretta 1 febbraio 2010 MOMENTO DI EFFETTUAZIONE DELLA PRESTAZIONE 1) La direttiva

Dettagli

La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014

La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014 Numero 24/2014 Pagina 1 di 10 La Comunicazione Dati Iva 2014 entro il 28.02.2014 Numero : 24/2014 Gruppo : Oggetto : Norme e prassi : IVA COMUNICAZIONE DATI IVA PROVVEDIMENTO DIRETTORE AGENZIA DELLE ENTRATE

Dettagli

IL RIMBORSO E LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE

IL RIMBORSO E LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE Circolare N. 24 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 29 marzo 2011 IL RIMBORSO E LA COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE In presenza dei necessari requisiti il credito IVA maturato in periodi

Dettagli

IVA ADEMPIMENTI DICHIARATIVI 2013

IVA ADEMPIMENTI DICHIARATIVI 2013 Ai Gentili Clienti IVA ADEMPIMENTI DICHIARATIVI 2013 Di seguito si illustrano per sommi capi gli aspetti principali dei suddetti adempimenti. Scadenze Comunicazione Iva Presentazione 28/02/2013 Dichiarazione

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA

IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 43436/2014 Approvazione del modello IVA TR per la richiesta di rimborso o per l utilizzo in compensazione del credito IVA trimestrale, delle relative istruzioni e delle specifiche tecniche per la

Dettagli

w w w. f e r d i n a n d o b o c c i a. i t

w w w. f e r d i n a n d o b o c c i a. i t Circ. n. 11 del 27 gennaio 2013 A TUTTI I CLIENTI L O R O S E D I Oggetto: COMUNICAZIONA ANNUALE DATI IVA Scade il prossimo 28 febbraio il termine per trasmettere telematicamente la Comunicazione annuale

Dettagli

Le principali novità del modello Iva 2010 a cura di Sergio Pellegrino e Giovanni Valcarenghi

Le principali novità del modello Iva 2010 a cura di Sergio Pellegrino e Giovanni Valcarenghi Il Punto sull Iva Le principali novità del modello Iva 2010 a cura di Sergio Pellegrino e Giovanni Valcarenghi Premessa Con Provvedimento del Direttore dell Agenzia delle Entrate di data 15 gennaio 2010

Dettagli

MODELLO IVA TR RICHIESTA DI RIMBORSO O UTILIZZO IN COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE

MODELLO IVA TR RICHIESTA DI RIMBORSO O UTILIZZO IN COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE MODELLO IVA TR RICHIESTA DI RIMBORSO O UTILIZZO IN COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 3 del decreto legislativo 30 giugno 003 n.

Dettagli

Credito IVA: rimborsi e compensazione

Credito IVA: rimborsi e compensazione Sandra Migliaccio Agenzia delle Entrate - DR Piemonte, Ufficio Fiscalità Generale Credito IVA: rimborsi e compensazione 1 L utilizzo del credito IVA Compensazione verticale Rimborso del credito IVA annuale

Dettagli

Agenzia delle Entrate Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Settore Gestione Tributi Ufficio Gestione Dichiarazioni

Agenzia delle Entrate Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Settore Gestione Tributi Ufficio Gestione Dichiarazioni Agenzia delle Entrate Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Settore Gestione Tributi Ufficio Gestione Dichiarazioni % Da gennaio 2010 è attiva una procedura automatizzata che sottopone a controllo

Dettagli

Fiscalità Edilizia. SPLIT PAYMENT: -Le regole per la compensazione o il rimborso del credito IVA-

Fiscalità Edilizia. SPLIT PAYMENT: -Le regole per la compensazione o il rimborso del credito IVA- Fiscalità Edilizia SPLIT PAYMENT: -Le regole per la compensazione o il rimborso del credito IVA- Febbraio 2015 INDICE Premessa... 3 Compensazione credito IVA... 3 Rimborsi IVA Le nuove regole dal 2015...

Dettagli

L'INVIO DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO PER IL 2016

L'INVIO DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO PER IL 2016 L'INVIO DELLE DICHIARAZIONI D'INTENTO PER IL 2016 Come noto, agli esportatori abituali è concessa la possibilità di acquistare / importare beni e servizi senza applicazione dell IVA nel limite del plafond

Dettagli

Oggetto: COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA

Oggetto: COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA Ai gentili Clienti Loro sedi Oggetto: COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA Scade il prossimo 28 febbraio 2013 il termine per trasmettere esclusivamente in via telematica la Comunicazione annuale dei dati Iva

Dettagli

COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA ; Scadenza 28.02.2014 Verifica, predisposizione e invio telematico.

COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA ; Scadenza 28.02.2014 Verifica, predisposizione e invio telematico. INFORMATIVA N. 3 / 2014 Ai gentili Clienti dello Studio COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA ; Scadenza 28.02.2014 Verifica, predisposizione e invio telematico. DICHIARAZIONE ANNUALE IVA ; Verifica e predisposizione

Dettagli

L assistenza fiscale e l obbligo della ricezione telematica dei risultati dei conguagli nel modello 730-4

L assistenza fiscale e l obbligo della ricezione telematica dei risultati dei conguagli nel modello 730-4 Focus di pratica professionale di Roberto Chiumiento L assistenza fiscale e l obbligo della ricezione telematica dei risultati dei conguagli nel modello 730-4 I termini dell assistenza fiscale Com è noto

Dettagli

Circolare n. 8. del 15 marzo 2010

Circolare n. 8. del 15 marzo 2010 Via Principe Amedeo 11 10123 Torino c.f. e p.iva 06944680013 Tel. 011 8126939 Fax. 011 8122079 Email: info@studiobgr.it www.studiobgr.it Circolare n. 8 del 15 marzo 2010 Modelli INTRASTAT - Recepimento

Dettagli

1 - LA MANCATA ISCRIZIONE AL VIES NON CONSENTE DI EFFETTUARE OPERAZIONI IN AMBITO UE

1 - LA MANCATA ISCRIZIONE AL VIES NON CONSENTE DI EFFETTUARE OPERAZIONI IN AMBITO UE Pesaro, lì 05 novembre 2012 A TUTTI I CLIENTI LORO SEDI CIRCOLARE n. 15/2012 1 IL MODELLO VIES - LA MANCATA ISCRIZIONE AL VIES NON CONSENTE DI EFFETTUARE OPERAZIONI IN AMBITO UE 1 - LA MANCATA ISCRIZIONE

Dettagli

Tel. 035.4376262 - Fax 035.62.22.226 E-mail:info@alservizi.it Reg.Imprese di Bergamo n. REA 362371 A cura di Antonella Gemelli e Sandro Cerato

Tel. 035.4376262 - Fax 035.62.22.226 E-mail:info@alservizi.it Reg.Imprese di Bergamo n. REA 362371 A cura di Antonella Gemelli e Sandro Cerato N. 8 Gennaio 14.01.2010 A.L Servizi s.r.l. Via Bergamo n. 25 24035 Curno (Bg) P.Iva e C.F. 03252150168 Tel. 035.4376262 - Fax 035.62.22.226 E-mail:info@alservizi.it Reg.Imprese di Bergamo n. REA 362371

Dettagli

CHIARIMENTI IN MATERIA DI COMPENSAZIONE DEI CREDITI IVA

CHIARIMENTI IN MATERIA DI COMPENSAZIONE DEI CREDITI IVA Dottori commercialisti revisori contabili dott. Roberto Bozzo dott. Giovanni Beniscelli In collaborazione con: dott. Giovanni Battista Raggi dott. Luca Leone Avvocati In collaborazione con: avv. Dante

Dettagli

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI

STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI STUDIO DPM COMMERCIALISTI ASSOCIATI Gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Comunicazione dati IVA per l anno 2014 Dichiarazione IVA per l anno 2014 - Chiusure contabili 2014 Entro lunedì 2 marzo 2015 deve

Dettagli

RISOLUZIONE N. 141/E

RISOLUZIONE N. 141/E RISOLUZIONE N. 141/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 26 novembre 2004 Oggetto: Istanza di interpello - Rimborso dell Iva assolta in Italia sui servizi acquistati da un operatore turistico

Dettagli

Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi

Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi Circolare n. 7/2013 del 06 febbraio 2013 Ai gentili Clienti loro sedi OGGETTO: Novità 2013 nei rapporti internazionali Gentile cliente, Il decreto salva-infrazioni che ha recepito la Direttiva 2010/45/

Dettagli

Legge comunitaria 2010: le novità in ambito Iva dal 17 marzo 2012

Legge comunitaria 2010: le novità in ambito Iva dal 17 marzo 2012 CIRCOLARE A.F. N. 40 del 16 Marzo 2012 Ai gentili clienti Loro sedi Legge comunitaria 2010: le novità in ambito Iva dal 17 marzo 2012 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla delle novità

Dettagli

Rimborso IVA secondo trimestre: istanza entro martedì 31 luglio 2012

Rimborso IVA secondo trimestre: istanza entro martedì 31 luglio 2012 N. 308 del 25.07.2012 La Memory A cura di Mauro Muraca Rimborso IVA secondo trimestre: istanza entro martedì 31 luglio 2012 Entro il prossimo 31 luglio 2012, i contribuenti interessati ad ottenere il rimborso

Dettagli

Oggetto: COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA

Oggetto: COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA posta@.com Altavilla Vicentina, 9 gennaio 2008 associati tirocinanti viviana gentile gaia peloso collaboratori giovanna guerra Oggetto: COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA Ai gentili Clienti Loro sedi Scade

Dettagli

NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT

NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT NUOVE REGOLE E MODALITA DI TRASMISSIONE DEI MODELLI INTRASTAT EMISSIONE DELLA FATTURA PER I SERVIZI EXTRATERRITORIALI - MODALITA D INTEGRAZIONE DELLE FATTURE ESTERE PER I SERVIZI GENERICI RESI AD OPERATORI

Dettagli

MODELLO IVA TR RICHIESTA DI RIMBORSO O UTILIZZO IN COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE

MODELLO IVA TR RICHIESTA DI RIMBORSO O UTILIZZO IN COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE MODELLO IVA TR RICHIESTA DI RIMBORSO O UTILIZZO IN COMPENSAZIONE DEL CREDITO IVA TRIMESTRALE Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 3 del decreto legislativo 30 giugno 003 n.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 75/E. Con l interpello in oggetto, concernente l interpretazione dell art. 27 del D.L. n. 98 del 2011, è stato esposto il seguente

RISOLUZIONE N. 75/E. Con l interpello in oggetto, concernente l interpretazione dell art. 27 del D.L. n. 98 del 2011, è stato esposto il seguente RISOLUZIONE N. 75/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 agosto 2015 OGGETTO: Interpello - Regime di vantaggio ex art. 27, co. 1 e 2, del D. L. n. 98 del 2011 - Iva relativa ai servizi di telecomunicazione,

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento DISPONE N. 2010/ 151122 Ripresa degli adempimenti tributari non eseguiti per effetto della sospensione disposta in seguito agli eventi sismici del 6 aprile 2009 che hanno colpito il territorio della regione Abruzzo

Dettagli

CIRCOLARE n. 4 del 6 febbraio 2014 COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA E DICHIARAZIONE IVA ANNO 2013

CIRCOLARE n. 4 del 6 febbraio 2014 COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA E DICHIARAZIONE IVA ANNO 2013 \ CIRCOLARE n. 4 del 6 febbraio 2014 COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA E DICHIARAZIONE IVA ANNO 2013 INDICE 1. COMUNICAZIONE ANNUALE DEI DATI IVA RELATIVA AL 2013 1.1 SOGGETTI OBBLIGATI 1.2 SOGGETTI ESCLUSI

Dettagli

Circolare N. 164 del 12 Dicembre 2014

Circolare N. 164 del 12 Dicembre 2014 Circolare N. 164 del 12 Dicembre 2014 Operatori che intrattengono rapporti con l estero - semplificazioni IVA in vista Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che il DLgs. di semplificazione

Dettagli

RISOLUZIONE N. 140/E. Oggetto: Istanza di interpello X Articolo 74, decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633.

RISOLUZIONE N. 140/E. Oggetto: Istanza di interpello X Articolo 74, decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633. RISOLUZIONE N. 140/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 26 novembre 2004 Oggetto: Istanza di interpello X Articolo 74, decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n. 633. Con

Dettagli

1. LA NUOVA NUMERAZIONE DELLE FATTURE DAL 1 GENNAIO 2013: CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE RIS. 1/E

1. LA NUOVA NUMERAZIONE DELLE FATTURE DAL 1 GENNAIO 2013: CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE RIS. 1/E 04 2013 15 Gennaio 1. LA NUOVA NUMERAZIONE DELLE FATTURE DAL 1 GENNAIO 2013: CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE RIS. 1/E 2. INDICAZIONI STANDARD DA RIPORTARE IN FATTURA NOVITA IVA ; 3. RIMBORSO IRAP;

Dettagli

NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA

NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA NUOVE REGOLE COMUNITARIE SULLA TERRITORIALITA DELL IVA Le risposte pubblicate dalla stampa specializzata Confindustria Genova - Martedì 4 maggio 2010 D Come deve comportarsi una società italiana che abbia

Dettagli

Visto di conformità. La normativa e la sua applicazione. A cura di: Marco Sigaudo. (testo aggiornato al 04/02/2013)

Visto di conformità. La normativa e la sua applicazione. A cura di: Marco Sigaudo. (testo aggiornato al 04/02/2013) Visto di conformità La normativa e la sua applicazione (testo aggiornato al 04/02/2013) A cura di: Marco Sigaudo Sommario Introduzione e novità 2013... 3 Comunicazione dati iva... 4 Compensazioni... 5

Dettagli

L UTILIZZO DEL CREDITO IVA ANNUALE E IL VISTO DI CONFORMITÀ DEL MOD. IVA 2012

L UTILIZZO DEL CREDITO IVA ANNUALE E IL VISTO DI CONFORMITÀ DEL MOD. IVA 2012 INFORMATIVA N. 024 27 GENNAIO 2012 IVA L UTILIZZO DEL CREDITO IVA ANNUALE E IL VISTO DI CONFORMITÀ DEL MOD. IVA 2012 Art. 10, DL n. 78/2009 Circolari Agenzia Entrate 23.12.2009, n. 57/E; 15.1.2010, n.

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. Individuazione degli elementi informativi e definizione delle modalità tecniche e dei termini relativi alla trasmissione degli elenchi di cui all articolo 37, commi 8 e 9, del decreto legge 4 luglio 2006,

Dettagli

Informativa Clienti. del 1 marzo 2010

Informativa Clienti. del 1 marzo 2010 S T U D I O C O M M E R C I A L I S T A dott. sa Ausilia RUBIANO Commercialista Revisore Contabile Consulente Tecnico del Giudice Informativa Clienti. del 1 marzo 2010 MODELLI INTRASTAT: NOVITA. Con il

Dettagli

IVA: rimborso credito 2013. Normativa e procedure operative

IVA: rimborso credito 2013. Normativa e procedure operative Fiscal News La circolare di aggiornamento professionale N. 52 17.02.2014 IVA: rimborso credito 2013 Normativa e procedure operative Categoria: Iva Sottocategoria: Rimborso Per i soggetti che si trovano

Dettagli

Semplificazione fiscale La nuova disciplina dei rimborsi tributari

Semplificazione fiscale La nuova disciplina dei rimborsi tributari Semplificazione fiscale La nuova disciplina dei rimborsi tributari Artt. 13, 14 e 15, d.lgs. 21 novembre 2014, n. 175 Semplificazione fiscale e dichiarazione dei redditi precompilata di Leda Rita Corrado

Dettagli

RISOLUZIONE N. 129/E

RISOLUZIONE N. 129/E RISOLUZIONE N. 129/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 27 maggio 2009 OGGETTO: Interpello ai sensi dell articolo 11 della legge n. 212 del 2000 - Rimborsi IVA a soggetti non residenti Articolo

Dettagli

Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013

Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013 Ai gentili Clienti Loro Sedi Circolare n. 4/2014 IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA 2013 Gentile cliente, La informo che entro il 17 marzo prossimo scade il versamento del saldo iva per il 2013 calcolato sulla

Dettagli

SERGIO VACCA & ASSOCIATI

SERGIO VACCA & ASSOCIATI SERGIO VACCA & ASSOCIATI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI STUDIO DI CONSULENZA SOCIETARIA, TRIBUTARIA E DI ECONOMIA AZIENDALE 1 ASSOCIATI DOTT. SERGIO VACCA DOTT. ALBERTO VACCA RAG. MAGDA VACCA

Dettagli

che i beni omaggiati siano o meno oggetto dell attività esercitata; del soggetto destinatario degli stessi (clienti / dipendenti).

che i beni omaggiati siano o meno oggetto dell attività esercitata; del soggetto destinatario degli stessi (clienti / dipendenti). Ai Gentili Clienti Gli omaggi natalizi Considerato l avvicinarsi delle festività natalizie, in occasione delle quali costituisce una prassi diffusa tra gli operatori economici effettuare omaggi a clienti

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Comunicazione. Roma, 17-07-2012. Messaggio n.

Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Comunicazione. Roma, 17-07-2012. Messaggio n. Direzione Centrale Pensioni Direzione Centrale Bilanci e Servizi Fiscali Direzione Centrale Comunicazione Roma, 17-07-2012 Messaggio n. 12007 OGGETTO: Sisma Abruzzo del 6 aprile 2009 - ripresa degli adempimenti

Dettagli

Paesi black-list: la comunicazione periodica

Paesi black-list: la comunicazione periodica Paesi black-list: la comunicazione periodica Oltre ad indicare nel Modello UNICO i costi relativi ad operazioni intraprese con paesi Black list l art. 1 D. MEF 30 marzo 2010 ha previsto un nuovo obbligo

Dettagli

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI

STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI STUDIO CASTELLI PROFESSIONISTI ASSOCIATI Varese, 19 dicembre 2012 NOVITÀ IVA IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2013 DECRETO LEGGE 216/2012 ( SALVA INFRAZIONI ) Si segnalano le novità in materia di iva che entreranno

Dettagli

RISOLUZIONE N. 21/E. Quesito

RISOLUZIONE N. 21/E. Quesito RISOLUZIONE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 20 FEBBRAIO 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Inversione contabile ai sensi dell'articolo 17, comma secondo, del DPR n. 633 del 1972 - irrilevanza

Dettagli

Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli. 9/2015 Gennaio/9/2015 (*) Napoli 23 Gennaio 2015

Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli. 9/2015 Gennaio/9/2015 (*) Napoli 23 Gennaio 2015 Redazione a cura della Commissione Comunicazione del CPO di Napoli 9/2015 Gennaio/9/2015 (*) Napoli 23 Gennaio 2015 Con Provvedimento n. 159941 del 15 dicembre 2014, l'agenzia delle Entrate, a seguito

Dettagli

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO

CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO CONTRIBUTO IN CONTO INTERESSI SU PRESTITO BANCARIO BANDO PER L ANNO IN CORSO Art. 1 PREMESSE L Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per i Biologi, in ottemperanza alle finalità di cui all art. 3,

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 152 del 10 Ottobre 2013 Ai gentili clienti Loro sedi Appuntamento con lo spesometro: 12.11.2013 per i contribuenti IVA mensili o 21.11.2013 per i contribuenti IVA trimestrali

Dettagli

A cura dello Studio Battaini, Corso Sempione 15, Gallarate e-mail : infocsp@tin.it. Sommario

A cura dello Studio Battaini, Corso Sempione 15, Gallarate e-mail : infocsp@tin.it. Sommario A cura dello Studio Battaini, Corso Sempione 15, Gallarate e-mail : infocsp@tin.it Sommario 1 - Dietro-Front della Cassazione sulla doppia contribuzione per i soci amministratori di srl "commerciali" 2

Dettagli

STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI

STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI STUDIO MARCOZZI DOTTORI COMMERCIALISTI 20121 MILANO - VIA FOSCOLO, 4 TEL. 02-874163 FAX 02-72023745 email: studio.marcozzi@tin.it Luigi Marcozzi, Revisore Contabile Attilio Marcozzi, Revisore Contabile

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/2011 del 10 gennaio 2011

CIRCOLARE N. 1/2011 del 10 gennaio 2011 CIRCOLARE N. 1/2011 del 10 gennaio 2011 OGGETTO: NOVITᾺ FISCALI APPLICABILI DAL PERIODO D IMPOSTA 2011 Di seguito Vi segnaliamo in sintesi le principali novità introdotte per il periodo d imposta 2011,

Dettagli

OGGETTO: Check list visto di conformità

OGGETTO: Check list visto di conformità Informativa per la clientela di studio N. 29 del 18.02.2015 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Check list visto di conformità Per poter effettuare compensazioni orizzontali del credito IVA annuale,

Dettagli

LAURA BIAGIONI Dottore commercialista Revisore contabile

LAURA BIAGIONI Dottore commercialista Revisore contabile Piazza Cavour n.29, 60100 Ancona (AN) Tel.: 071-202538 071-204315 Fax: 071-57360 Posta elettronica: laura.biagioni@consulentiassociati.com LAURA BIAGIONI Dottore commercialista Revisore contabile Ancona,

Dettagli

OGGETTO: NOVITA DEL MESE DI NOVEMBRE 2013. Principali scadenze mese di novembre 2013

OGGETTO: NOVITA DEL MESE DI NOVEMBRE 2013. Principali scadenze mese di novembre 2013 > Circ. n. 9-M/2013 PC/pf Del 04 2013 OGGETTO: NOVITA DEL MESE DI NOVEMBRE 2013 Spett.le Ditta/Società In evidenza SOMMARIO Principali scadenze mese di 2013 Modello di comunicazione polivalente delle operazioni

Dettagli

RISOLUZIONE N. 54/E. Roma, 16 marzo 2007. Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l.

RISOLUZIONE N. 54/E. Roma, 16 marzo 2007. Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l. RISOLUZIONE N. 54/E Roma, 16 marzo 2007 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Oggetto: Istanza di interpello DPR 26 ottobre 1972, n. 633 l ALFA S.r.l. La Direzione Regionale ha trasmesso un istanza

Dettagli

Roma, 10 febbraio 2005 CIRCOLARE N. 27 / 2005 Prot. 88

Roma, 10 febbraio 2005 CIRCOLARE N. 27 / 2005 Prot. 88 Pb-(mod_09_I_Ed_02_Rev_01 / g:segreteria 2005\CIRCOLARI\AM SERVIZI\gest rimb iva.doc / 14/02/05) Roma, 10 febbraio 2005 CIRCOLARE N. 27 / 2005 Prot. 88 AGLI ENTI ASSOCIATI FR/ FISCO ENTI PUBBLICI ECONOMICI

Dettagli

Circolare n. 33. del 10 ottobre 2013

Circolare n. 33. del 10 ottobre 2013 Circolare n. 33 del 10 ottobre 2013 Spesometro, operazioni con paradisi fiscali, contratti di leasing, locazione e noleggio e altre comunicazioni all Anagrafe tributaria - Nuove modalità e termini di effettuazione

Dettagli

Oggetto: Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate sullo spesometro

Oggetto: Chiarimenti dell Agenzia delle Entrate sullo spesometro Avv. Guido Martinelli Professore a contratto di Legislazione sportiva Università Ferrara Avv. Marilisa Rogolino Avv. Ernesto Russo Avv. Carmen Musuraca Consulente Avv. Luca Di Nella Professore Ordinario

Dettagli

LA SCHEDA FISCALE di Roberto Gabrielli

LA SCHEDA FISCALE di Roberto Gabrielli LA SCHEDA FISCALE di Roberto IVA PER CASSA (Aggiornata al 13.04.2009) Riferimenti normativi Con l emanazione del Decreto Ministeriale di attuazione dell art. 7 del D.L. n. 185/2008 (c.d. Decreto Anticrisi)

Dettagli

In collaborazione con L A.GI.FOR.

In collaborazione con L A.GI.FOR. MARCO DI STEFANO DOTTORE COMMERCIALISTA - REVISORE CONTABILE Email: mdistefano.studio@gmail.com In collaborazione con L A.GI.FOR. Nota n. 3 del 5 maggio 2009 Versamento dell IVA dopo la riscossione del

Dettagli

CIRCOLARE N. 4 14 GENNAIO 2014

CIRCOLARE N. 4 14 GENNAIO 2014 ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 4 14 GENNAIO 2014 Le regole di compensazione del credito IVA relativo all anno 2013 Il visto

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA (SPESOMETRO) APPROFONDIMENTO E RINVIO DELLE COMUNICAZIONI

COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA (SPESOMETRO) APPROFONDIMENTO E RINVIO DELLE COMUNICAZIONI Ufficio Studi CODAU "Documento redatto con il CONTRIBUTO DEI COMPONENTI dell'ufficio Studi e VALIDATO dal Comitato Scientifico del Codau. COMUNICAZIONE DELLE OPERAZIONI RILEVANTI AI FINI IVA (SPESOMETRO)

Dettagli

Oggetto: NOVITA IVA 2013

Oggetto: NOVITA IVA 2013 Bassano del Grappa, 04 Marzo 2013 Circolare n. 07/2013 Oggetto: NOVITA IVA 2013 Con l intento di uniformare gli adempimenti in ambito comunitario, la Legge di Stabilità 2013 ha introdotto dal 1 gennaio

Dettagli

Circolare N. 62 del 27 Aprile 2016

Circolare N. 62 del 27 Aprile 2016 Circolare N. 62 del 27 Aprile 2016 Bonus acquisto strumenti musicali: al via le dichiarazioni del venditore Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con provvedimento n. 36294 del 8

Dettagli

Il 19 novembre sono state pubblicate sul sito dell Agenzia le FAQ 2013

Il 19 novembre sono state pubblicate sul sito dell Agenzia le FAQ 2013 Fiscal Flash La notizia in breve N. 293 20.11.2013 L Agenzia fornisce i primi chiarimenti sulla comunicazione polivalente Il 19 novembre sono state pubblicate sul sito dell Agenzia le FAQ 2013 Categoria:

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 29/2013

NOTA INFORMATIVA N. 29/2013 Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale in quiescenza CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI ELISABETTA UBINI RITA MAGGI PIAZZA CITTADELLA 6 37122

Dettagli

CIRCOLARE N. 16/E. OGGETTO: Risposte a quesiti in materia di controllo delle compensazioni Iva Nuovo canale di assistenza dedicato

CIRCOLARE N. 16/E. OGGETTO: Risposte a quesiti in materia di controllo delle compensazioni Iva Nuovo canale di assistenza dedicato CIRCOLARE N. 16/E Roma, 19 aprile 2011 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Risposte a quesiti in materia di controllo delle compensazioni Iva Nuovo canale di assistenza dedicato 2 INDICE

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio N. 129 del 23 Settembre 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Commercio elettronico: per le operazioni UE anche i regimi agevolati applicano il MiniOne Stop Shop Gentile cliente,

Dettagli

DICHIARAZIONE ANNUALE IVA E COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA NOVITÀ

DICHIARAZIONE ANNUALE IVA E COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA NOVITÀ Circolare informativa per la clientela n.4 del 05 febbraio 2015 DICHIARAZIONE ANNUALE IVA E COMUNICAZIONE ANNUALE DATI IVA NOVITÀ In questa Circolare 1. Modelli Iva 2015 Approvazione 2. Dichiarazione annuale

Dettagli

Circolare N.45 del 26 Marzo 2014

Circolare N.45 del 26 Marzo 2014 Circolare N.45 del 26 Marzo 2014 Prossimo appuntamento con lo spesometro. 10 aprile per i contribuenti mensili e 20 aprile per tutti gli altri Gentile cliente con la presente intendiamo informarla che

Dettagli

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata

Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a tassazione separata Roma, 06 giugno 2005 Direzione Centrale Gestione Tributi CIRCOLARE N. 30/E Oggetto: Comunicazione al contribuente degli esiti della liquidazione automatizzata dell imposta dovuta sui redditi soggetti a

Dettagli

RISOLUZIONE N. 126/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 21 maggio 2009

RISOLUZIONE N. 126/E. Direzione Centrale Normativa e Contenzioso. Roma, 21 maggio 2009 RISOLUZIONE N. 126/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 21 maggio 2009 Oggetto: Acquisto di aeromobili e di altri beni e servizi destinati ad attività di trasporto aereo a prevalente carattere

Dettagli

Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001;

Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001; ACERBI & ASSOCIATI CONSULENZA TRIBUTARIA, AZIENDALE, SOCIETARIA E LEGALE NAZIONALE E INTERNAZIONALE CIRCOLARE N. 13/2001 Le nuove scadenze per la presentazione del modello Unico 2001; Copyright 2001 Acerbi

Dettagli

Limite aggiunto dall art. 52 della legge fiscale collegata alla finanziaria 2000 - L. 342/2000.

Limite aggiunto dall art. 52 della legge fiscale collegata alla finanziaria 2000 - L. 342/2000. Il commento 1. Normativa di riferimento L istituto del rimborso trimestrale IVA è disciplinato dall art. 38-bis, co. 2, D.P.R. 633/1972 e successive modificazioni ed integrazioni. Il contribuente può richiedere

Dettagli

NOTA INFORMATIVA N. 10/2010

NOTA INFORMATIVA N. 10/2010 Dottori Commercialisti Associati ASSOCIATI: GIOVANNI ALBERTI Professore Ordinario di Economia Aziendale all Università di Verona CLAUDIO UBINI ALBERTO CASTAGNETTI COLLABORATORI: ELISABETTA UBINI RITA MAGGI

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento.

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento. N. 165769/2014 Approvazione del modello per intermediari/banche per la costituzione di deposito vincolato in titoli di Stato o garantiti dallo Stato per il rimborso dell IVA ai sensi dell articolo 38-bis

Dettagli