Elementi ad alta visibilità

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Elementi ad alta visibilità"

Transcript

1 REV studiobreda.com Elementi ad alta visibilità Evidenziatori Stradali Catarifrangenti

2 Quanto vale la nostra sicurezza stradale? Rotatoria stradale senza l uso di elementi catarifrangenti REFLEX Lo sforzo intrapreso da molte amministrazioni statali di ammodernare le infrastrutture viarie, a seguito della vetustà delle stesse e del costante aumento dei veicoli in circolazione, ha portato alla realizzazione di una viabilità che vede l impiego di un sempre maggiore numero di rotatorie e di corsie di canalizzazione a scapito degli incroci. La necessità quindi di rendere tali opere maggiormente visibili, in ogni condizione di tempo e di luce, ha portato alla creazione di elementi in calcestruzzo ad alta visibilità, dove con moderne tecnologie produttive, materiali diversi si sono fusi con l obiettivo di rendere più sicura la normale circolazione.

3 La stessa rotatoria con elementi catarifrangenti REFLEX Massima sicurezza con i nuovi elementi in calcestruzzo ad alta visibilità. Elementi ad alta visibilità

4 I vantaggi che fanno la differenza. Alta visibilità senza pittura ne manutenzione. L impiego di elementi in calcestruzzo ad alta visibilità offre l indiscusso vantaggio di poter contare su una segnaletica di rinforzo alla normale segnaletica stradale orizzontale, già montata sugli elementi. Quindi, ultimata la costruzione dell opera, questa non abbisogna di alcuna pittura successiva per essere maggiormente visibile. Più sicurezza in ogni condizione ambientale e di illuminazione. L accoppiamento ad alta pressione all elemento in calcestruzzo di un laminato elastoplastico, ricoperto da uno strato di resina poliuretanica colorata con caratteristiche di alta resistenza all usura, contenente microsfere ed irruvidenti, assicurano un alta visibilità sia diurna che notturna, con ogni condizione ambientale. In particolare, mentre la pioggia tende ad offuscare le strisce della segnaletica orizzontale, in questo caso le enfatizza.

5 Antiscivolosità ossia più sicurezza per tutti. Catarifrangenza con ogni angolazione di incidenza della luce Nessun danno nella manutenzione delle strade. La superficie dell elemento rifrangente contiene microsfere ed irruvidenti: questo permette di avere un alta resistenza all usura e un ottimo valore di antiscivolosità ( 60 SRT con materiale bagnato). Quindi un attraversamento pedonale con massello autobloccante ad alta visibilità fornisce maggiore aderenza, in tutte le condizioni ambientali, rispetto allo stesso realizzato con vernice colorata. A questo va aggiunto il moderato potere dissuasore che i bordi arrotondati dei singoli elementi possono esercitare sui veicoli in transito. L elemento rifrangente accoppiato all elemento in calcestruzzo rispetta i valori di riflessione diurna (Qd), retroriflessione (RL), fattore di luminanza (ß) e coordinate cromatiche previsti dalle norme europee EN 1436 e EN 1790 sulla segnaletica stradale orizzontale. Inoltre, gode di omologazione del Ministero dei LL PP nr del Il metodo produttivo adottato permette di ottenere elementi in calcestruzzo ad alta visibilità nei quali l elemento rifrangente rimane a filo nella faccia o nelle faccie in cui viene accoppiato ad alta pressione. Questo consente di esercitare qualsiasi tipo di azione sulle facce: la lama di uno spazzaneve nella normale azione di pulizia della strada nella stagione invernale o una qualsiasi motoscopa possono svolgere la loro azione senza danneggiare l elemento o essere ostacolate dagli stessi. In ogni applicazione d uso una segnaletica di rinforzo che garantisce visibilità e sicurezza. Elementi ad alta visibilità

6 Più visibilità in ogni progetto di viabilità.

7 La metodologia produttiva elaborata permette di ottenere un ampia gamma di elementi in calcestruzzo vibrocompresso ad alta visibilità, quale cordoli in calcestruzzo, cunette in calcestruzzo e massello autobloccante in calcestruzzo di qualsiasi forma, dimensione e spessore. La loro modularità permette di ottimizzare il loro impiego all interno di un opera: infatti, tali elementi diventano degli accessori perfettamente integrabili con gli elementi di normale produzione. E disponibile anche un ampia gamma di elementi in massello autobloccante in calcestruzzo vibrocompresso con incorporata la segnaletica stradale orizzontale, a rinforzo della norma segnaletica, Massima flessibilità d uso con una gamma completa di segnali e applicazioni. per diversi contesti d uso. Elementi ad alta visibilità

8 la flessibilità del campo di utilizzo. Parcheggi e definizione di percorsi L impiego di elementi ad alta visibilità, quali masselli autobloccanti in calcestruzzo, permette di rinforzare la normale segnaletica orizzontale, in ogni condizione ambientale o di luce. Questo è possibile su ogni tipo di pavimentazione in massello autobloccante, a prescindere dalla forma o dallo spessore impiegato. Elementi ad alta visibilità Rotatorie e ostacoli sulla carreggiata Il sempre maggior ricorso a rotatorie e corsie di canalizzazione del traffico hanno portato ad un nuovo concetto di mobilità ed alla convivenza con ostacoli nella carreggiata. Da qui la necessità di aumentarne la visibilità da subito, ancora prima della loro ultimazione e con ogni condizione di luce, mediante elementi rifrangenti che ne rafforzino l identificazione.

9 Attraversamenti pedonali L uso di massello autobloccante ad alta visibilità di questo tipo è sicuramente da preferire alla normale vernice per realizzare passaggi pedonali: la buona antiscivolosità evita i tanto rischiosi fenomeni di acquaplannig; il bordo perimetrale arrotondato esercita un moderato rollio con potere dissuasore. La fuga perimetrale tra i vari elementi favorisce il deflusso dell acqua. Marciapiedi Anche naturali scalini, come quelli generati dal cordolo di un marciapiede, possono essere resi maggiormente visibili con l impiego di cordoli in calcestruzzo ad alta visibilità. Posizionandoli nei punti critici dell opera progettata, è possibile ottimizzare la spesa e nel contempo rafforzare notevolmente la segnaletica orizzontale. Piste ciclabili e aree pedonali La vasta gamma di segnaletica stradale orizzontale incorporata nei masselli autobloccanti in calcestruzzo permette di ottenere aree con diversa destinazione d uso ma già sicure e complete una volta ultimata la posa del massello. Il loro inserimento è possibile su qualsiasi tipo di pavimentazione. Cunette di delimitazione L intento di dividere strada da pista ciclo-pedonale in certi casi è demandata alla cunetta. In questo caso l uso di cunetta in calcestruzzo ad alta visibilità non solo migliora l indispensabile distinzione tra le aree in oggetto ma permette di eseguire tutte le manutenzioni stradali senza intralci (passaggio di spazzaneve, motoscope, ecc.) grazie all applicazione a filo dell elemento rifrangente.

10 Il prodotto in primo piano: manutenzione e certificazioni tecniche. Non richiedono nessuna particolare manutenzione gli elementi in calcestruzzo ad alta visibilità della linea REFLEX. La parte elastoplatica rifrangente, grazie alla sua particolare composizione, non richiede interventi di pulizia poiché si autopulisce per effetto della pioggia o del passaggio dei veicoli. Rispetta gli standar richiesti dalle norme europee EN 1436 e EN 1790 sulla segnaletica orizzontale stradale ed è omologata dal Ministero dei LL PP con omologazione nr del Eventuali danni provocati alla parte rifrangente possono essere subito eliminati o con la sostituzione del singolo elemento autobloccante in calcestruzzo ad alta visibilità o con l applicazione di un nuovo elemento rifrangente, previo stesura di specifico collante. Gli elementi in calcestruzzo vibrocompresso sono prodotti con impianti all avanguardia e rispettano le norme europee di competenza: UNI EN 1338 e UNI EN Sono accompagnati da marchio CE. I masselli autobloccanti in calcestruzzo del tipo reflex sono stati testati da laboratorio ufficiale secondo la norma UNI EN 1338 e sono risultati conformi sia allo scivolamento/slittamento (> 60 SRT con superficie bagnata) sia ai cicli di gelo/disgelo.

11 DESCRIZIONE Laminato elastoplastico impiegato per la segnaletica stradale orizzontale. Prodotto in striscie prefabbricate con caratteristiche di alta resistenza, particolarmente adatta per la segnaletica durevole di alta visibilità in zone urbane ed extraurbane. Uso raccomendato: passaggi pedonali, stop, linee di arresto e di precedenza, scritte, simboli. COMPOSIZIONE Laminato composto da uno strato base elastomerico, ricoperto da uno strato di vernice poliuretanica, con caratteristiche di alta resistenza all usura, contenente microsfere ed irruvidenti. Questi componeneti assicurano un eccellente visibilità diurna ed elevate retroriflessione e antiscivolosità. Nel colore giallo, il laminato non contiene pigmenti nocivi a base di cadmio, cromo, piombo. CARATTERISTICHE A NUOVO DEL LAMINATO Secondo le Norme Europee EN 1436 e EN 1790: BIANCO VALORE CLASSE CONDIZIONI DI MISURA Spessore 1.5 mm (valore medio tipico) --- Spessimetro Fattore di luminanza B 0.60 B5 Geometria 45 /0 - Illuminante D65 Riflessione diurna Qd 160 mcd lx -1 m -2 Q4 Geometria d /2.29 Retroriflessione RL 300 mcd lx -1 m -2 R5 Geometria 1.24 /2.29 Antiscivolosità 50 Unità SRT S2 Skid Resistance Tester Coordinate cromatiche x1 =0.355 y1 = Geometria 45 /0 - Illuminante D65 X2 =0.305 y2 =0.305 X3 =0.285 y3 =0.325 X4 =0.335 y4 =0.375 GIALLO VALORE CLASSE CONDIZIONI DI MISURA Spessore 1.5 mm (valore medio tipico) --- Spessimetro Fattore di luminanza B 0.40 B3 Geometria 45 /0 - Illuminante D65 Riflessione diurna Qd 100 mcd lx -1 m -2 Q2 Geometria d /2.29 Retroriflessione RL 150 mcd lx -1 m -2 R3 Geometria 1.24 /2.29 Antiscivolosità 50 Unità SRT S2 Skid Resistance Tester Coordinate cromatiche x1 =0.494 y1 = Geometria 45 /0 - Illuminante D65 X2 =0.545 y2 =0.455 X3 =0.465 y3 =0.535 X4 =0.427 y4 =0.483 Laminato approvato dal Ministero dei LL.PP. con Omologazione n del 23/10/1990 La metodologia con cui sono prodotti gli elementi della linea REFLEX è protetta da brevetto. Elementi ad alta visibilità

12 una gamma completa di soluzioni per l edilizia: CEDA spa Mareno di Piave - TV Via Conti Agosti Tel r.a. Fax REV studiobreda.com

Parte II. Prof. Ing. Francesco Canestrari Università Politecnica delle Marche

Parte II. Prof. Ing. Francesco Canestrari Università Politecnica delle Marche Parte II Università Politecnica delle Marche Definizione del Problema Art. 137 (Art. 40 Cod. Str.) Disposizioni generali sui segnali orizzontali 1. Tutti i segnali orizzontali devono essere realizzati

Dettagli

I materiali per la segnaletica stradale: costituzione e caratteristiche prestazionali

I materiali per la segnaletica stradale: costituzione e caratteristiche prestazionali Egaf Incontro con l autore Sicurezza stradale e piani di segnalamento Lecce Auditorium Museo Provinciale Sigismondo Castromediano 1 Marzo 2013 Pr ovincia di Lecce I materiali per la segnaletica stradale:

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI

ELENCO PREZZI UNITARI CODICE DESCRIZIONE U.M. PREZZO 1 UN.03.010.0020 Cancellatura di segnaletica orizzontale in qualsiasi tipo, mediante applicazione di sverniciatore e successiva raschiatura, o con altro sistema, in modo

Dettagli

Parte I. Prof. Ing. Francesco Canestrari Università Politecnica delle Marche

Parte I. Prof. Ing. Francesco Canestrari Università Politecnica delle Marche Parte I Università Politecnica delle Marche Introduzione 1. I segnali orizzontali, tracciati sulla strada, servono per regolare la circolazione, per guidare gli utenti e per fornire prescrizioni od utili

Dettagli

segnaletica vernisol extraurbane vernici speciali strade bicomponenti segnaletica sicurezza vernici&solventi segnaletica strade extraurbane urbane

segnaletica vernisol extraurbane vernici speciali strade bicomponenti segnaletica sicurezza vernici&solventi segnaletica strade extraurbane urbane vernisol vernici&solventi sicurezza bicomponenti vernici speciali segnaletica strade extraurbane urbane sicurezza sicurezza bicomponenti vernici speciali vernici speciali segnaletica strade extraurbane

Dettagli

VARIANTE ALLO STRUMENTO URBANISTICO ATTUATTIVO EX D3/1 ORA PUA 38 PER MODIFICA ALLA DESTINAZIONE D USO

VARIANTE ALLO STRUMENTO URBANISTICO ATTUATTIVO EX D3/1 ORA PUA 38 PER MODIFICA ALLA DESTINAZIONE D USO COMUNE DI PONZANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO VARIANTE ALLO STRUMENTO URBANISTICO ATTUATTIVO EX D3/1 ORA PUA 38 PER MODIFICA ALLA DESTINAZIONE D USO ALLEGATO F RELAZIONE ILLUSTRATIVA AI SENSI DEL D.P.R.

Dettagli

DESCRIZIONE DELLE OPERE

DESCRIZIONE DELLE OPERE PREMESSA Vengono descritte in seguito le caratteristiche principali delle opere di urbanizzazione previste dal Piano Urbanistico Attuativo Zona di Perequazione via delle Granze. La realizzazione delle

Dettagli

Codice Art. Descrizione U. M. Prezzo

Codice Art. Descrizione U. M. Prezzo 1 - MANO D OPERA 1 1 Operaio Specializzato ora 25,90 1 2 Operaio Qualificato ora 24,45 1 3 Operaio comune ora 22,57 2 MATERIALI 2 4 Fornitura di vernice spartitraffico bianca, come da caratteristiche di

Dettagli

Capitolo 5. 5.1 Segnaletica orizzontale. Segnaletica orizzontale. Segnali complementari. Strisce longitudinali

Capitolo 5. 5.1 Segnaletica orizzontale. Segnaletica orizzontale. Segnali complementari. Strisce longitudinali 5.1 Segnaletica orizzontale Capitolo 5 Segnaletica orizzontale. Segnali complementari La segnaletica orizzontale è rappresentata dai segni sulla carreggiata che si suddividono in: strisce longitudinali;

Dettagli

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3

INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 INDICE 1.PREMESSE 2 2.QUADRO DELLE ESIGENZE DA SODDISFARE 2 3.DESCRIZIONE DELL INTERVENTO 3 Pagina 1 di 7 1.PREMESSE La presente relazione illustra i lavori previsti nel progetto definitivo per la Ristrutturazione

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA MANUALE DI MANUTENZIONE DELL OPERA Comune di Quarrata Provincia di Pistoia Oggetto: SR 66 Interventi di messa in sicurezza nel Comune di Quarrata I dieci interventi che

Dettagli

Scheda n. 1. 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO

Scheda n. 1. 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO 1 Giorno: MODULO B SEGNALETICA - SEGNALI DI PERICOLO Scheda n. 1 Il segnale n. 1 1) preavvisa una doppia curva VF 2) preavvisa un tratto di strada in cattivo stato V F 3) preavvisa una discesa pericolosa

Dettagli

Capitolo. Sosta, fermata, definizioni stradali. 6.1 Sosta

Capitolo. Sosta, fermata, definizioni stradali. 6.1 Sosta . S. p. A 6 Sosta, fermata, definizioni stradali Capitolo br i 6.1 Sosta La sosta è la sospensione della marcia del veicolo protratta nel tempo. La sosta non è consentita: Es se li in corrispondenza o

Dettagli

Per transito e parcheggio

Per transito e parcheggio MANUALI Per transito e parcheggio MASPI 241 Dissuasore manuale a scomparsa VIMARI 2316 Dissuasore manuale rimovibile SICU 18 acciaio inox SIBLI 17 acciaio inox POSTO 20-22 acciaio verniciato I Dissuasore

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELL'OPERA

PIANO DI MANUTENZIONE DELL'OPERA COMUNE: MARTINENGO All. RTI COMMITTENTE: COMUNE DI MARTINENGO PROPRIETÀ: LOTTIZZANTI PA7/a OGGETTO: OPERE DI URBANIZZAZIONE DEL PA7/a REALIZZAZIONE TANGENZIALE NORD (ex accordo art. 11 L. 241/90) opere

Dettagli

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42)

Studio della VIABILITÀ LENTA percorsi pedonali e ciclabili n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) n. 38 VIA DEL TONALE E DELLA MENDOLA-VIA NAZIONALE (S.S. 42) Località: Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano Comune di Endine Gaiano

Dettagli

SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E FORNITURA DELLA SEGNALETICA STRADALE ORIZZONTALE E VERTICALE

SERVIZIO DI MANUTENZIONE ORDINARIA E FORNITURA DELLA SEGNALETICA STRADALE ORIZZONTALE E VERTICALE COMUNE DI CAMPI BISENZIO - Città Metropolitana di Firenze - WWW.Comune.Campi-Bisenzio.Fi.it via P. Pasolini 18-0558959200 - telefax 0558959242 - email: viabilita@comune.campi-bisenzio.fi.it SERVIZIO DI

Dettagli

CAPITOLO 3 - Pannelli integrativi, segnali di indicazione, segnali luminosi, segnali orizzontali

CAPITOLO 3 - Pannelli integrativi, segnali di indicazione, segnali luminosi, segnali orizzontali CAPITOLO 3 - Pannelli integrativi, segnali di indicazione, segnali luminosi, segnali orizzontali 03001) Ciascuno dei pannelli integrativi n. 121 V01) indica la distanza tra il segnale di pericolo sotto

Dettagli

Le pale Bobcat possono trasformarsi in fresatrici economiche ed efficienti grazie al a fresa Bobcat disponibile come accessorio. 14 (36 cm) portata

Le pale Bobcat possono trasformarsi in fresatrici economiche ed efficienti grazie al a fresa Bobcat disponibile come accessorio. 14 (36 cm) portata Frese Accessori Le pale Bobcat possono trasformarsi in fresatrici economiche ed Fresa Bobcat 14 (36 cm) con portata idraulica standard Modello economico, progettato specificamente per l utilizzo su alcuni

Dettagli

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO

SCHEMA 0 STORIA. Schema certificativo CP007 0.1 DOCUMENTI ESTERNI DI RIFERIMENTO 0.2 DOCUMENTI IGQ DI RIFERIMENTO SCHEMA per il rilascio del certificato di costanza della prestazione ai fine della marcatura CE di segnali permanenti di cui alla norma UNI EN 12899 1 ed. 2008 0 STORIA Edizione 0 14/10/2009 Schema per

Dettagli

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE SOTTOPROGRAMMA DELLE PRESTAZIONI

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE SOTTOPROGRAMMA DELLE PRESTAZIONI PROGRAMMA DI MANUTENZIONE SOTTOPROGRAMMA DELLE PRESTAZIONI 1 Acustici Programma di Manutenzione: Sottoprogramma delle Prestazioni 01 - Rete di smaltimento acque meteoriche 01.01 - Impianto di smaltimento

Dettagli

SCHEMI TIPO SEGNALETICA PER CANTIERI STRADALI

SCHEMI TIPO SEGNALETICA PER CANTIERI STRADALI ALLEGATO D2 Comune di BORGHETTO LODIGIANO Provincia di Lodi SCHEMI TIPO SEGNALETICA PER CANTIERI STRADALI OGGETTO: COSTRUZIONE FOGNATURE E COLLEGAMENTO AL COLLETTORE INTERCOMUNALE (2 LOTTO) COMMITTENTE:

Dettagli

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE

Progetto TI MUOVI. Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE Progetto TI MUOVI Sottoprogetto LA STRADA E LE SUE REGOLE LA BUONA STRADA A cura della I A (anno scolastico 2009-2010) Scuola secondaria di primo grado CARLO LEVI - I.C. King GRUGLIASCO IL NOSTRO PERCORSO

Dettagli

FDA international. urbanistica, architettura di Marco Facchinetti e Marco Dellavalle Via Gaetana Agnesi, 12 20135, Milano www.fdainternational.

FDA international. urbanistica, architettura di Marco Facchinetti e Marco Dellavalle Via Gaetana Agnesi, 12 20135, Milano www.fdainternational. ABACO Provincia di Como urbanistica, architettura di Marco Facchinetti e Marco Dellavalle Via Gaetana Agnesi, 12 20135, Milano www.fdainternational.it - collaboratori Battistessa Arch.Pt. Sara Gianatti

Dettagli

Scheda n. 09 DISSUASORI ELETTRONICI DI VELOCITA

Scheda n. 09 DISSUASORI ELETTRONICI DI VELOCITA PROVINCIA DI TORINO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici Progetto Strade più belle e sicure Scheda n. 09 DISSUASORI ELETTRONICI DI VELOCITA Descrizione e caratteristiche

Dettagli

Dissuasori - Paletti - Archetti - Transenne arredo Bacheche - Totem - Paline anticate SEGNALETICA CENTRI STORICI E COMMERCIALI

Dissuasori - Paletti - Archetti - Transenne arredo Bacheche - Totem - Paline anticate SEGNALETICA CENTRI STORICI E COMMERCIALI SEGNALETICA CENTRI STORICI E COMMERCIALI pag. 5 Dissuasori - Paletti - Archetti - Transenne arredo Bacheche - Totem - Paline anticate ARTICOLI PER LA MOBILITÀ URBANA pag. 36 Portabici - Fioriere - Panchine

Dettagli

LA STRADA MARCIAPIEDE CORSIA CORSIA RISERVATA. Normalmente la strada è composta da:

LA STRADA MARCIAPIEDE CORSIA CORSIA RISERVATA. Normalmente la strada è composta da: COMUNE DI SIENA L uomo, nell antichità, si spostava a piedi o a dorso di animali, l invenzione della ruota portò una grande innovazione, i trasporti si fecero sempre più veloci ed i commerci favorirono

Dettagli

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE Comune di Bitritto Provincia di Bari PIANO DI MANUTENZIONE PROGRAMMA DI MANUTENZIONE SOTTOPROGRAMMA DEGLI INTERVENTI (Articolo 0 D.P.R. 55/99) OGGETTO: OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA E DI RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

TOTALE 2010 STATO AVANZAMENTO ATTIVITA' E SEGNALAZIONI

TOTALE 2010 STATO AVANZAMENTO ATTIVITA' E SEGNALAZIONI Miglioramento del Parco di Via Magenta. Chiesto un tavolo con panca. Risposta Assessore ai Lavori Pubblici. Entro febbraio ottenuta la messa in opera. 1 Segnalazione di buche in numerose vie del Quartiere

Dettagli

PROVINCIA DI RAVENNA SETTORE LAVORI PUBBLICI

PROVINCIA DI RAVENNA SETTORE LAVORI PUBBLICI PROVINCIA DI RAVENNA SETTORE LAVORI PUBBLICI U.O. PROGETTAZIONE STRADE ED ESPROPRI INTERVENTI DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA DELLE OPERE D'ARTE POSTE AL SERVIZIO DELLA RETE STRADALE PROVINCIALE FINALIZZATI

Dettagli

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE

COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE ALLEGATO C Chiari, Febbraio 2014 COMUNE DI CHIARI VARIANTE PROGRAMMA INTEGRATO D INTERVENTO 001 06 PER MODIFICA DESTINAZIONE D USO COMPARTO DA RESIDENZIALE A COMMERCIALE AREA DELIMITATA DA VIA BRESCIA

Dettagli

La Bicicletta un mezzo semplice in un sistema di trasporto complesso. Daniele Yari Stati Libero Ateneo del Ciclismo Urbano

La Bicicletta un mezzo semplice in un sistema di trasporto complesso. Daniele Yari Stati Libero Ateneo del Ciclismo Urbano La Bicicletta un mezzo semplice in un sistema di trasporto complesso Daniele Yari Stati Libero Ateneo del Ciclismo Urbano Il perché di un corso sull uso della bicicletta Il motore della bicicletta e la

Dettagli

Il canale HRI copre tutte le vostre necessità!

Il canale HRI copre tutte le vostre necessità! Il canale HRI copre tutte le vostre necessità! 1 Elemento Monoblocco>> > Préfaest garantisce! Calcestruzzo con alte prestazioni per una eccellente resistenza. Fabbricato con un calcestruzzo armato ad alte

Dettagli

COMPARTO UNITARIO ST2_P14 Via IV Novembre RELAZIONE SUL SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE (DPR 24.07.1996 N. 503)

COMPARTO UNITARIO ST2_P14 Via IV Novembre RELAZIONE SUL SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE (DPR 24.07.1996 N. 503) PIANO DI LOTTIZZAZIONE DELLA ZONA C1 - RESIDENZIALE DI ESPANSIONE COMPARTO UNITARIO ST2_P14 Via IV Novembre RELAZIONE SUL SUPERAMENTO DELLE BARRIERE ARCHITETTONICHE (DPR 24.07.1996 N. 503) Il progetto

Dettagli

CRITERI DI INTERVENTO SCHEDA 1 SCHEDA 2

CRITERI DI INTERVENTO SCHEDA 1 SCHEDA 2 CRITERI DI INTERVENTO SCHEDA 1 SCHEDA 2 CRITERI E OBIETTIVI DI INTERVENTO VV Manutenzione ordinaria del sistema viario minore (piste, sentieri, ) L obiettivo dell intervento VV è quello di migliorare l

Dettagli

defender la protezione per il tuo interrato DRENAGGIO OTTIMALE RESISTENTE E ROBUSTO CANTIERE SEMPLIFICATO

defender la protezione per il tuo interrato DRENAGGIO OTTIMALE RESISTENTE E ROBUSTO CANTIERE SEMPLIFICATO PANNELLO MODULARE PER LA PROTEZIONE DEI MURI CONTROTERRA defender la protezione per il tuo interrato DRENAGGIO OTTIMALE RESISTENTE E ROBUSTO CANTIERE SEMPLIFICATO w w w. g e o p l a s t. i t EDILIZIA 02

Dettagli

CONSULENZA, PROGETTAZIONE, PRODUZIONE

CONSULENZA, PROGETTAZIONE, PRODUZIONE INSICO Innovation Sign Consulting IN.SI.CO s.r.l. nasce nel 2013, unendo le esperienze trentennali del proprio organico nel settore della progettazione e produzione della segnaletica stradale. I professionisti

Dettagli

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti Dipartimento per i Trasporti, la Navigazione e i Sistemi Informativi e Statistici Direzione Generale per la Sicurezza Stradale Prot. n. 4867/RU All'ANAS SpA

Dettagli

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE Comune di Bitritto Provincia di Bari PIANO DI MANUTENZIONE PROGRAMMA DI MANUTENZIONE SOTTOPROGRAMMA DELLE PRESTAZIONI (Articolo 40 D.P.R. 554/99) OGGETTO: OPERE DI MANUTENZIONE STRAORDINARIA E DI RIQUALIFICAZIONE

Dettagli

Dissuasori - Paletti - Archetti - Transenne arredo Bacheche - Totem - Paline anticate SEGNALETICA CENTRI STORICI E COMMERCIALI

Dissuasori - Paletti - Archetti - Transenne arredo Bacheche - Totem - Paline anticate SEGNALETICA CENTRI STORICI E COMMERCIALI SEGNALETICA CENTRI STORICI E COMMERCIALI pag. 5 Dissuasori - Paletti - Archetti - Transenne arredo Bacheche - Totem - Paline anticate ARTICOLI PER LA MOBILITÀ URBANA pag. 36 Portabici - Fioriere - Panchine

Dettagli

LIUNI S.P.A. Via G. Gentile, 13 già Via G.Stephenson, 43 20157 MILANO - Italy Tel. + 39 02 30731 Fax + 39 02 3073221 info@liuni.

LIUNI S.P.A. Via G. Gentile, 13 già Via G.Stephenson, 43 20157 MILANO - Italy Tel. + 39 02 30731 Fax + 39 02 3073221 info@liuni. LIUNI S.P.A. Via G. Gentile, 13 già Via G.Stephenson, 43 20157 MILANO - Italy Tel. + 39 02 30731 Fax + 39 02 3073221 info@liuni.com FILIALE DI ROMA Via Aurelia, 547 00165 ROMA - Italy Tel. + 39 06 6604851

Dettagli

La segnaletica di sicurezza

La segnaletica di sicurezza La segnaletica di sicurezza 1/59 1/5 Normativa Cos è la segnaletica di sicurezza? La norma di riferimento è il D. Lgs 81/08 TITOLO V - SEGNALETICA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO 2/59 2/5 Cos è la segnaletica

Dettagli

Resistenza, drenabilità e sostenibilità ambientale. SENZA COMPROMESSI

Resistenza, drenabilità e sostenibilità ambientale. SENZA COMPROMESSI Resistenza, drenabilità e sostenibilità ambientale. SENZA COMPROMESSI B R E V E T TAT O Calcestruzzo drenante e fonoassorbente a elevate prestazioni, ideale per la realizzazione di pavimentazioni DrainBeton

Dettagli

Un classico... ad alto spessore

Un classico... ad alto spessore Un classico... ad alto spessore 1 SISTEMA MODULARE A FORTE IMPATTO ESTETICO VIA MILANO è un sistema modulare ad alto spessore dalla superficie particolarmente estetica che ricorda gli antichi lastricati

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

Figura 1. Esempio di sedimentazione all interno di una condotta di fognatura.

Figura 1. Esempio di sedimentazione all interno di una condotta di fognatura. LA GESTIONE DELLA RETE IDRAULICA DI DRENAGGIO Gestione della rete di fognatura Il corretto funzionamento della rete di fognatura e di conseguenza la sicurezza idraulica del territorio servito è garantita

Dettagli

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento

Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento Studi Tecnici e Specialistici, Requisiti e Prestazioni dell Intervento La Relazione Geologica è allegata al presente progetto ed il suo contenuto ha approfondito le notizie generali di carattere geologico,

Dettagli

MANUALE DI MANUTENZIONE (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207)

MANUALE DI MANUTENZIONE (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) PM-002 Comune di Martignacco Provincia di Udine PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE DI MANUTENZIONE (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) OGGETTO: LAVORI DI BITUMATURE DELLE STRADE COMUNALI VIA S.

Dettagli

INSIEL S.p.A. LIVELLO PROGETTUALE: Specifica Tecnica OGGETTO. Chiusini. Integrazioni: 27 marzo 2009. Data: 28 marzo 2007 GGETTO:

INSIEL S.p.A. LIVELLO PROGETTUALE: Specifica Tecnica OGGETTO. Chiusini. Integrazioni: 27 marzo 2009. Data: 28 marzo 2007 GGETTO: LIVELLO PROGETTUALE: Specifica Tecnica Data: 28 marzo 2007 OGGETTO GGETTO: Chiusini Integrazioni: 27 marzo 2009 Riferimento: INSIEL_ST_CHIUSINI_09 INDICE Indice... 2 Indice delle figure... 2 Indice delle

Dettagli

3 Giorno: MODULO B - SEGNALI DI INDICAZIONE - SEGNALI LUMINOSI - SEGNALI ORIZZONTALI

3 Giorno: MODULO B - SEGNALI DI INDICAZIONE - SEGNALI LUMINOSI - SEGNALI ORIZZONTALI Scheda n 1 3 Giorno: MODULO B - SEGNALI DI INDICAZIONE - SEGNALI LUMINOSI - SEGNALI ORIZZONTALI Il segnale n. 153 indica 1) che si ha la precedenza rispetto a chi viene in senso contrario V F 2) l'inizio

Dettagli

Andiamo in bici. ...per migliorare l ambiente in città! Progetto cofinanziato dall Unione Europea

Andiamo in bici. ...per migliorare l ambiente in città! Progetto cofinanziato dall Unione Europea Progetto cofinanziato dall Unione Europea Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto Andiamo in bici...per migliorare l ambiente in città! ARPAV Agenzia Regionale per la Prevenzione

Dettagli

CENTRO TESSILE COTONIERO e ABBIGLIAMENTO S.p.A. INDUMENTI AD ALTA VISIBILITA EN 471

CENTRO TESSILE COTONIERO e ABBIGLIAMENTO S.p.A. INDUMENTI AD ALTA VISIBILITA EN 471 INDUMENTI AD ALTA VISIBILITA EN 471 SCOPO E CAMPO D APPLICAZIONE La norma specifica i requisiti per gli indumenti in grado di segnalare visivamente la presenza dell utilizzatore, Gli indumenti sono destinati

Dettagli

DIREZIONE NUOVE INFRASTRUTTURE E MOBILITA Via Mannelli n. 119/i Piano V

DIREZIONE NUOVE INFRASTRUTTURE E MOBILITA Via Mannelli n. 119/i Piano V COMUNE DI FIRENZE DIREZIONE NUOVE INFRASTRUTTURE E MOBILITA Via Mannelli n. 119/i Piano V OGGETTO: REALIZZAZIONE E MANUTENZIONE STRAORDINARIA PISTE CICLABILI Codice opera 090140 UBICAZIONE: PROGETTO ESECUTIVO

Dettagli

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE

PROGRAMMA DI MANUTENZIONE Comune di Selargius Provincia di Cagliari PIANO DI MANUTENZIONE PROGRAMMA DI MANUTENZIONE SOTTOPROGRAMMA DEI CONTROLLI (Articolo 40 D.P.R. 554/99) OGGETTO: Completamento Via della Resistenza Realizzazione

Dettagli

nome classe data i segnali Collega le definizioni dei segnali stradali ai termini appropriati. PERICOLO PRECEDENZA DIVIETO OBBLIGO INDICAZIONE

nome classe data i segnali Collega le definizioni dei segnali stradali ai termini appropriati. PERICOLO PRECEDENZA DIVIETO OBBLIGO INDICAZIONE I segnali stradali Leggi, rifletti e poi rispondi alle domande. I segnali stradali sono uguali in tutto il mondo. È importante osservare e imparare bene la forma geometrica, il colore ed eventualmente

Dettagli

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI

SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE AREE LIMITROFE AI PLESSI SCOLASTICI PROVINCIA DI TORINO TAVOLO AGENDA 21 Qualità della vita e mobilità sostenibile intorno ai plessi scolastici SCHEDATURA DEL PERCORSO PARTECIPATO PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI INTERVENTI NELLE

Dettagli

Aeroporti di Milano Linate e Milano Malpensa

Aeroporti di Milano Linate e Milano Malpensa Progetto esecutivo N. di progetto: MI14/012 Progettazioni Codice: 5 ESE N. Elaborato rev. 2 D T G 0 1 0 4 3 1 REV. Data Oggetto Aeroporti di Milano Linate e Milano Malpensa Contratto quadro per lavori

Dettagli

Chiarimenti normativi ministeriali in materia stradale

Chiarimenti normativi ministeriali in materia stradale Chiarimenti normativi ministeriali in materia stradale Ing. Enrico Chiarini Premessa Questo documento, redatto in forma personale, raccoglie alcune richieste di parere e alcune richieste di chiarimento

Dettagli

FAQ - Frequently Asked Questions "per saperne di più"

FAQ - Frequently Asked Questions per saperne di più Ministero dell'istruzione dell'università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Veneto Ufficio Scolastico Provinciale di Padova servizio per la comunicazione FAQ - Frequently Asked Questions

Dettagli

PIANO DI LOTTIZZAZIONE

PIANO DI LOTTIZZAZIONE Settore Urbanistica ed Edilizia Privata Comune di Cittadella Servizio Urbanistica Relazione tecnico descrittiva PIANO DI LOTTIZZAZIONE già denominato Brotto Ianeselli Spazio riservato all Ufficio Protocollo

Dettagli

INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE STRADE CITTADINE E DI MODERAZIONE DEL TRAFFICO

INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE STRADE CITTADINE E DI MODERAZIONE DEL TRAFFICO INTERVENTI DI RIQUALIFICAZIONE DELLE STRADE CITTADINE E DI MODERAZIONE DEL TRAFFICO ZONE 30 ALTESSANO Progetto: ICIS S.r.l. Società di Ingegneria C.so Einaudi, 8 10128 Torino Direttore Tecnico - ing. Giovanni

Dettagli

PROGETTO AMBITO DI TRASFORMAZIONE "AC4"

PROGETTO AMBITO DI TRASFORMAZIONE AC4 CITTA' DI MEDA PROVINCIA DI MONZA E BRIANZA PROGETTO AMBITO DI TRASFORMAZIONE "AC4" TAVOLA RIEPILOGO COSTI OPERE DI URBANIZZAZIONE NUMERO TAVOLA DATA 10/11/2014 VARIAZIONE CONSULENTE RESPONSABILE PROCEDIMENTO

Dettagli

Comune di Civitavecchia Provincia di Roma

Comune di Civitavecchia Provincia di Roma Comune di Civitavecchia Provincia di Roma Ufficio Viabilità ELENCO DEI PREZZI UNITARI Nei prezzi sottoindicati sono compresi tutti gli oneri necessari per avere la fornitura e/o la fornitura e posa in

Dettagli

Manuale d'uso. Comune di San Vito al Torre. Provincia di Udine. Committente Comune di San Vito al Torre. Cantiere:

Manuale d'uso. Comune di San Vito al Torre. Provincia di Udine. Committente Comune di San Vito al Torre. Cantiere: Manuale d'uso Comune di San Vito al Torre Provincia di Udine Committente Comune di San Vito al Torre Cantiere: LAVORI DI SISTEMAZIONE E ASFALTATURA VIABILITÁ COMUNALE, VIA AQUILEIA FRAZIONE CRAUGLIO Pagina

Dettagli

Dott.Ing. FRANCESCHINIS ILARIA GeoLine sas di Natali Geom. Stefano

Dott.Ing. FRANCESCHINIS ILARIA GeoLine sas di Natali Geom. Stefano Dott.Ing. FRANCESCHINIS ILARIA GeoLine sas di Natali Geom. Stefano Via Roma, 90-33055 Muzzana del T.(UD) Tel-Fax: 0431.69088 PROGETTO PRELIMINARE Intervento di apertura al traffico di Via Sottoportico

Dettagli

7.4 ELEMENTI PER LA PROGETTAZIONE FOGNA

7.4 ELEMENTI PER LA PROGETTAZIONE FOGNA 7.4.1 GENERALITA La rete di fognatura è un complesso di canalizzazioni disposte per la raccolta e l allontanamento dai complessi urbani delle acque superficiali (meteoriche, di lavaggio, ecc.) e di quelle

Dettagli

Violazioni al Codice della Strada e/o al relativo Regolamento di esecuzione e di attuazione

Violazioni al Codice della Strada e/o al relativo Regolamento di esecuzione e di attuazione Articolo 24, comma 3, Codice della Strada: I cassonetti per la raccolta dei rifiuti solidi urbani di qualsiasi tipo e natura devono essere collocati in modo da non arrecare pericolo od intralcio alla circolazione.

Dettagli

Tratto di ciclabile monodirezionale esistente in sede stradale

Tratto di ciclabile monodirezionale esistente in sede stradale Tratto di ciclabile monodirezionale esistente in sede stradale Separata dal flusso viario, da migliorare con interventi localizzati e mirati sulla segnaletica orizzontale e verticale, posa di manto bituminoso

Dettagli

Geometra Carlo Cecchetelli

Geometra Carlo Cecchetelli STUDIO CECCHETELLI Piazza XX Settembre n. 27/2-61032 FANO - tel. 0721/827780 Ditta : SORCINELLI GIANFRANCO SANTINI LUCIANA Oggetto : PIANO ATTUATIVO DEL COMPARTO DENOMINATO ST6_52 Comparto residenziale

Dettagli

COMUNE DI MARACALAGONIS

COMUNE DI MARACALAGONIS COMUNE DI MARACALAGONIS Provincia di Cagliari Lavori di realizzazione di una rotonda spartitraffico all'incrocio tra la via Circonvallazione e la via Cagliari. PROGETTO DEFINITIVO - ESECUTIVO Allegato

Dettagli

NORME TECNICHE QUALITÀ E PROVENIENZA DEI MATERIALI MODO DI ESECUZIONE DI OGNI CATEGORIA DI LAVORO. Parte I QUALITÀ E PROVENIENZA DEI MATERIALI

NORME TECNICHE QUALITÀ E PROVENIENZA DEI MATERIALI MODO DI ESECUZIONE DI OGNI CATEGORIA DI LAVORO. Parte I QUALITÀ E PROVENIENZA DEI MATERIALI NORME TECNICHE QUALITÀ E PROVENIENZA DEI MATERIALI MODO DI ESECUZIONE DI OGNI CATEGORIA DI LAVORO Parte I QUALITÀ E PROVENIENZA DEI MATERIALI Art. 1 - MATERIALI IN GENERE I materiali in genere occorrenti

Dettagli

ATLANTIS SYSTEM GESTIONE ACQUE METEORICHE

ATLANTIS SYSTEM GESTIONE ACQUE METEORICHE ATLANTIS SYSTEM GESTIONE ACQUE METEORICHE Atlantis produce una serie di prodotti geosintetici in polipropilene (PP) pressofuso ad alta resistenza, anche rivestiti con geotessile, che trovano applicazione

Dettagli

ATB Mobilità S.p.A. LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA VELOCITÀ VEICOLARE NELLE AREE URBANE

ATB Mobilità S.p.A. LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA VELOCITÀ VEICOLARE NELLE AREE URBANE LINEE GUIDA PER LA GESTIONE DELLA VELOCITÀ VEICOLARE NELLE AREE URBANE Bergamo, Marzo 2010 1 PIANO DELLA SICUREZZA STRADALE URBANA GESTIONE DELLA VELOCITÀ DEI FLUSSI VEICOLARI IN AMBITO URBANO GRUPPO DI

Dettagli

ELENCO PREZZI UNITARI desunti dal Prezzario Regione Piemonte Edizione 2015 (agg. Dicembre 2014) D.G.R. n. 19-1249 del 30/03/2015 (B.U.R.

ELENCO PREZZI UNITARI desunti dal Prezzario Regione Piemonte Edizione 2015 (agg. Dicembre 2014) D.G.R. n. 19-1249 del 30/03/2015 (B.U.R. ELENCO PREZZI UNITARI desunti dal Prezzario Regione Piemonte Edizione 2015 (agg. Dicembre 2014) D.G.R. n. 19-1249 del 30/03/2015 (B.U.R. Note: a) i materiali in fornitura della presente sezione sono da

Dettagli

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA

PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA PIANO DI MANUTENZIONE DELL OPERA Lavori di realizzazione di nuovo parcheggio pubblico su area a servizi S9 in via Allende, Rivalta di Torino IN D I C E 1.0 PROGRAMMA DIMANUTENZIONE...2 1.1 MANUTENZIONE

Dettagli

DESIGNAZIONE DEI LAVORI R I P O R T O

DESIGNAZIONE DEI LAVORI R I P O R T O pag. 2 R I P O R T O LAVORI A CORPO 1 / 1 Trasporto in cantiere, posizionamento e rimozione di monoblocco D.0014.0004 prefabbricato con pannelli di tamponatura strutturali, compreso allacciamenti.0002

Dettagli

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili

COMUNE DI BRESCIA. Percorsi ciclabili Percorsi ciclabili Il presente documento inquadra la rete ciclabile comunale. E indicativo nelle linee guida ma non prescrittivo nelle modalità di esecuzione per consentire in tal modo una compartecipazione

Dettagli

tecnosmalto SEGNALETICA ORIZZONTALE RIFRANGENTE PER LA SICUREZZA STRADALE group

tecnosmalto SEGNALETICA ORIZZONTALE RIFRANGENTE PER LA SICUREZZA STRADALE group SEGNALETICA ORIZZONTALE RIFRANGENTE PER LA SICUREZZA STRADALE SALVAVITA RIFRANGENTE ELEMENTO PER ROTATORIA RIFRANGENTE CORDONATA RIFRANGENTE BREVETTATI RADDOPPIA LA LUMINESCENZA TRADIZIONALE, AUMENTA LA

Dettagli

Le soluzioni Recodi per la progettazione e la realizzazione di pavimentazioni in calcestruzzo ad alta resistenza. Pavimentazioni in calcestruzzo

Le soluzioni Recodi per la progettazione e la realizzazione di pavimentazioni in calcestruzzo ad alta resistenza. Pavimentazioni in calcestruzzo Le soluzioni Recodi per la progettazione e la realizzazione di pavimentazioni in calcestruzzo ad alta resistenza Pavimentazioni in calcestruzzo Sommario 04. Recodi, innovazione e qualità nelle pavimentazioni

Dettagli

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli.

Premessa. A cura dell ing. Carmelo Tomaselli. Report sugli adempimenti normativi riguardanti l abbattimento delle barriere architettoniche con particolare attenzione a quelle che impediscono l orientamento, la riconoscibilità dei luoghi e delle fonti

Dettagli

1 Premesse generali... 2. 2 Quadro normativo di riferimento... 3. 3 Inquadramento stato idraulico... 3. 3.1 Sezioni stradali in RILEVATO...

1 Premesse generali... 2. 2 Quadro normativo di riferimento... 3. 3 Inquadramento stato idraulico... 3. 3.1 Sezioni stradali in RILEVATO... Sommario 1 Premesse generali... 2 2 Quadro normativo di riferimento... 3 3 Inquadramento stato idraulico... 3 3.1 Sezioni stradali in RILEVATO... 4 3.2 Sezioni stradali in TRINCEA... 5 3.3 Caratteristiche

Dettagli

2 STATO ATTUALE E LINEE GUIDA DI INTERVENTO

2 STATO ATTUALE E LINEE GUIDA DI INTERVENTO 1 PREMESSA La A.S.P. San Domenico (altrimenti nota come Casa di Riposo San Domenico) intende procedere alla sistemazione della aree esterne dello stesso Istituto al fine di ricavarvi la strada interna

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO PE/A.4 PIANO DI MANUTENZIONE LAVORI DI COMPLETAMENTO DELLE OPERE DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA NELLA FRAZIONE PASTA

PROGETTO ESECUTIVO PE/A.4 PIANO DI MANUTENZIONE LAVORI DI COMPLETAMENTO DELLE OPERE DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA NELLA FRAZIONE PASTA COMUNE DI RIVALTA DI TORINO Provincia di Torino LAVORI DI COMPLETAMENTO DELLE OPERE DI ILLUMINAZIONE PUBBLICA NELLA FRAZIONE PASTA PROGETTO ESECUTIVO PE/A.4 Settembre 2013 INDICE 1 Premessa... 3 1.1 Le

Dettagli

Condom. Materiale: sintetico o lattice Fissaggio: autocollante oppure con il mastice adesivo per pelle. Strisce adesive

Condom. Materiale: sintetico o lattice Fissaggio: autocollante oppure con il mastice adesivo per pelle. Strisce adesive I diversi tipi di sistemi con condom vengono concepiti e realizzati nei nostri stabilimenti. Prodotti a Lobbach, questi condom presentano dei vantaggi, che in fatto di sicurezza, affidabilità tecnica e

Dettagli

RESIN FLOOR SANITARIO

RESIN FLOOR SANITARIO TM RESIN FLOOR SANITARIO RESINFLOOR: QUALITÀ E PROFESSIONALITÀ Dal 1980 in Italia ed Europa creiamo pavimenti e superfici di calpestio e finitura che hanno in comune l utilizzo della resina. Il nostro

Dettagli

Opere Urbanizzazione PRIMARIA - Soc. MILESI S.r.l.

Opere Urbanizzazione PRIMARIA - Soc. MILESI S.r.l. 1A OPERE URBAN. PRIMARIA AREE IN CESSIONE 1 1.5.1.1.s Demolizione parziale di strutture di fabbricati fuori terra, escluso: l'eventuale ponteggio, le operazioni necessarie per líabbassamento dei materiali

Dettagli

COMPARTI: Aree verdi, giardini e parchi Aree protette e vincolate Camping e Villaggi Turistici Ville, Dimore Storiche, Giardini Storici

COMPARTI: Aree verdi, giardini e parchi Aree protette e vincolate Camping e Villaggi Turistici Ville, Dimore Storiche, Giardini Storici L ECCELLENZA DEL MADE IN ITALY NELLE PAVIMENTAZIONI STRADALI DRENANTI Biostrasse coniuga l innovazione tecnologica con il massimo rispetto dell ambiente permettendo la realizzazione di massetti stradali

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N 465 DEL 5/12/2001 Adozione del nuovo Piano Urbano del Traffico contenente riferimenti al Piano Integrato della Mobilità e degli Orari e Programma Urbano dei Parcheggi.

Dettagli

DECRETO PRESIDENTE REPUBBLICA N. 495 DEL 16/12/1992 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE E DI ATTUAZIONE DEL NUOVO CODICE DELLA STRADA

DECRETO PRESIDENTE REPUBBLICA N. 495 DEL 16/12/1992 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE E DI ATTUAZIONE DEL NUOVO CODICE DELLA STRADA DECRETO PRESIDENTE REPUBBLICA N. 495 DEL 16/12/1992 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE E DI ATTUAZIONE DEL NUOVO CODICE DELLA STRADA articolo 180: Dissuasori di sosta (Art. 42 C.d.S.) 1. I dissuasori di sosta sono

Dettagli

Proget tagliafuoco. l eccellenza tagliafuoco, flessibilità su misura. www.ninz.it

Proget tagliafuoco. l eccellenza tagliafuoco, flessibilità su misura. www.ninz.it Proget l eccellenza, flessibilità su misura www.ninz.it Caratteristiche Qualità fuori ogni discussione Porta particolarmente robusta per una sicura funzionalità nel tempo Ideale per applicazioni su pareti

Dettagli

Segnaletica di cantiere

Segnaletica di cantiere Area del supporto e del coordinamento Segnaletica di cantiere Gordola sede SSIC, 9 luglio 2009 Ing. Carlo Panzera Via Ghiringhelli 19 Casella Postale 1134 6502 Bellinzona Tel. 091 / 814 27 70 Fax 091 /

Dettagli

Mestre un progetto complesso per un percorso ciclabile di qualità

Mestre un progetto complesso per un percorso ciclabile di qualità Comune di Venezia - AZIENDA SERVIZI MOBILITA Mestre un progetto complesso per un percorso ciclabile di qualità Un progetto che risolve molte situazioni con soluzioni differenti e coordinate; la segnaletica

Dettagli

CAV S.p.A. Concessioni Autostradali Venete

CAV S.p.A. Concessioni Autostradali Venete CAV S.p.A. Concessioni Autostradali Venete Sede Legale: Dorsoduro 3901-30123 Venezia Uffici Amministrativi: Santa Croce 729-30135 Venezia - Tel. 041 2201849 R.I./C.F./P.IVA 03829590276 Iscr. R.E.A. VE

Dettagli

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie

Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Insegnamento di Progetto di Infrastrutture viarie Opere in terra Caratteristiche di un terreno Compressibilità e costipamento delle terre Portanza sottofondi e fondazioni stradali Instabilità del corpo

Dettagli

CHRYSO Flexò la tecnologia avanzata per pannelli a taglio termico

CHRYSO Flexò la tecnologia avanzata per pannelli a taglio termico la tecnologia avanzata per pannelli a taglio termico CHRYSO Flexò: la tecnologia avanzata per pannelli a taglio termico IL SISTEMA, COPERTO DA BREVETTO INTERNAZIONALE, PER OTTIMIZZARE LA PRESTAZIONE TERMICA

Dettagli

Violazioni al Codice della Strada e/o al relativo Regolamento di esecuzione e di attuazione

Violazioni al Codice della Strada e/o al relativo Regolamento di esecuzione e di attuazione Ai sensi dell articolo 82, comma 1, Regolamento di esecuzione e di attuazione del Codice della Strada: I sostegni ed i supporti dei segnali stradali devono essere generalmente di metallo con le caratteristiche

Dettagli

NOBER Srl. Via Ascanio Sobrero 26 12100 Cuneo Tel. 0171 480126 Fax 0171 695417 P. IVA 03205050044 Sito web: www.nober.t E-mail: info@nober.

NOBER Srl. Via Ascanio Sobrero 26 12100 Cuneo Tel. 0171 480126 Fax 0171 695417 P. IVA 03205050044 Sito web: www.nober.t E-mail: info@nober. NOBER Srl Via Ascanio Sobrero 26 12100 Cuneo Tel. 0171 480126 Fax 0171 695417 P. IVA 03205050044 Sito web: www.nober.t E-mail: info@nober.it MATERIALI I nostri prodotti nascono da un attenzione quasi maniacale

Dettagli

VOCI DI CAPITOLATO PAVIMENTI - MURATURE CORDOLI - ACCESSORI FORNITURA FORNITURA E POSA

VOCI DI CAPITOLATO PAVIMENTI - MURATURE CORDOLI - ACCESSORI FORNITURA FORNITURA E POSA VOCI DI CAPITOLATO PAVIMENTI - MURATURE CORDOLI - ACCESSORI FORNITURA FORNITURA E POSA Le Opere di urbanizzazione successive al 17 ottobre 2008 Perché questa pubblicazione? Dal 17 Ottobre 2008 tutte le

Dettagli

IllumIna I tuoi progetti CEDAINFORMA INFORMAZIONINOVITÀ RICERCATECNICA

IllumIna I tuoi progetti CEDAINFORMA INFORMAZIONINOVITÀ RICERCATECNICA IllumIna I tuoi progetti CEDAINFORMA 72011 INFORMAZIONINOVITÀ RICERCATECNICA BREVETTATO la ForZa di una Scelta: I led. Le sorgenti luminose a led si caratterizzano per le loro performance sorprendenti:

Dettagli

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00

GENNAIO Articoli e Comma Tipo N. Violaz. Tot.. 7 Circolava in c.a. in senso contrario a quello consentito dalla segnaletica verticale Verbali 1 41,00 GENNAIO 7 Alla guida del veicolo non rispettava le prescrizioni imposte dalla segnaletica verticale indicante il senso rotatorio. Verbali 2 82,00 7 In c.a. lasciava in sosta il veicolo nonostante il divieto

Dettagli