LE TECNICHE : - Carta pesta - Carta riciclata - Carta collata. - Rifiniture carta pesta e carta collata. in uso nel Laboratorio di arte-terapia

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE TECNICHE : - Carta pesta - Carta riciclata - Carta collata. - Rifiniture carta pesta e carta collata. in uso nel Laboratorio di arte-terapia"

Transcript

1 FORMAZIONE ONLUS LE TECNICHE : - Carta pesta - Carta riciclata - Carta collata - Rifiniture carta pesta e carta collata in uso nel Laboratorio di arte-terapia a cura del Centro H Ancona Via Mamiani, 70 Tel-Fax

2 LA CARTA PESTA 1 Per carta pesta intendiamo un impasto di carta macerata, colla e gesso da usare per modellare oggetti. Abbiamo usato carta di giornali strappata a pezzetti di lato inferiore ai 5 cm. immersi in un contenitore d acqua. Il livello dell acqua deve superare con abbondanza il livello della carta a pezzetti. La carta deve restare a macerare per almeno due o tre giorni ed al termine della macerazione la carta va frullata. Usiamo un frullatore di tipo professionale ad immersione ed a velocità regolabile. In alternativa si può usare il trapano elettrico (meglio se a velocità regolabile) con inserita una frusta elicoidale (quella che usano i pittori per mescolare la tempera ai colori). Naturalmente bisogna avere l accortezza di usare un contenitore abbastanza alto, in modo di evitare che gli schizzi, inevitabili, fuoriescano. La frullatura deve ridurre la carta macerata in un impasto omogeneo e quindi va protratta per diverso tempo fino a quando non si raggiunge la consistenza e l omogeneità necessarie all uso che se ne vuol fare. Per modellare oggetti o forme è bene fermare la frullatura prima che l impasto diventi una vera e propria poltiglia (necessaria invece per la carta riciclata). In pratica per modellare figure di una certa grandezza serve un impasto grossolano mentre per ricalcare piatti e ciotole o rivestire vasi e bottiglie di vetro è meglio un impasto medio. Terminata la frullatura con uno scolino si pesca la carta dal contenitore in cui si trova e la si mette in uno straccio di tela abbastanza grande per poter procedere alla sua disidratazione. Si usa il sistema della strizzatura e cioè, regolandosi sulla quantità da strizzare, che non deve essere eccessiva... si fa come usavano fare le lavandaie per strizzare i panni, si torce il panno con la carta pesta dentro fino a fare uscire più acqua possibile. La carta pesta disidratata va ora impastata con un po di colla vinavil e qualche pugno di gesso scagliola.

3 2 Questo impasto va elaborato a mano (come la pasta fatta in casa...) e chi lo lavora deve regolarsi che alla fine diventi omogeneo e pastoso al punto giusto sempre per l uso che se ne vuol fare. Dovendo creare delle figure (statuette-pagliai-alberelli o cose del genere) abbiamo preparato un piano di appoggio usando una tavoletta il laminato plastico appena unta con olio di vasellina, per rendere possibile il distacco una volta che la figure elaborata si è asciugata. Anche se si vogliono fare calchi su piatti, ciotole od altro la superficie da ricalcare va appena unta con olio di vasellina oppure meglio interponendo una pellicola di plastica (da alimenti...) fra la forma e la carta pesta. Il calco va eseguito sovrapponendo poco alla volta l impasto preparato all oggetto da ricalcare, facendo molta attenzione allo spessore che su tutta la superficie dovrà essere il più possibile uniforme e non superare all incirca il mezzo centimetro. Una volta realizzato il calco della superficie comprimendo bene l impasto e lisciandone la superficie superiore va curato il bordo perimetrale perché sia il più possibile uniforme nello spessore e nella forma. Una volta terminata la composizione del calco in carta pesta si dovrà aspettare la sua essiccazione prima della sformatura (separazione dall oggetto ricalcato). Per separare il calco dall oggetto va usata una spatola a lama molto sottile cercando di inserirla dolcemente fra il calco e l oggetto (o piano di appoggio), forzando poco e cambiando continuamente posizione in modo da flettere il meno possibile il calco, fino a quando esso si distacca completamente. L oggetto staccato è così pronto per la rifinitura e la decorazione. Se nella operazione di distacco qualche parte del calco dovesse subire danneggiamento nella successiva fase di stuccatura si può provare a rimediare il possibile, altrimenti... pazienza! La tecnica della carta pesta deve tenere conto che, dopo aver realizzato un calco, l impasto si asciuga e che asciugando si restringerà. Pertanto se si usa per ricalcare una forma convessa (esterno di ciotola e altre forme) il calco asciugandosi e restringendosi potrebbe spaccarsi oppure potrebbe rendere difficile la sformatura.

4 3 Se invece si usa per ricalcare una forma concava (interno di ciotola - piatto vassoi in polistirolo da alimenti e altre forme) il calco asciugandosi e restringendosi praticamente di distacca da solo (o quasi). Data la natura della carta pesta i calchi su stampi in gesso al negativo (quelli che nel laboratorio si usano per l argilla) possono essere usati per figure di spessore limitato a 1-2 cm. massimo, senza essere unti con olio di vasellina e con un impasto senza colla e senza gesso ma solo in carta frullata. Per le maschere nel laboratorio abbiamo usato stampi in gesso al positivo realizzandoli con la tecnica della carta collata. LA CARTA RICICLATA Per carta riciclata intendiamo un impasto di carta macerata e frullata fino a ridurla in poltiglia molto fine ed uniforme, da usare per creare fogli di carta riciclata : Per la realizzazione di fogli di carta riciclata occorre la seguente attrezzatura: 1) Un telaio di legno di una misura ci almeno 4 centimetri più largo e più lungo della misura del foglio che si vuole ricavare ; sopra il telaio va fissata una rete metallica a maglie strettissime (rete da zanzariera) e lungo il perimetro esterno il telaio va chiuso con una striscia in compensato da 2 millimetri di spessore alta 3 centimetri. 2) Un altro telaio in listelli di legno delle misure di 1 centimetro di larghezza e 8 millimetri di altezza realizzato considerando che i fogli di carta riciclata avranno le misure dell interno del telaio stesso. 3) Un supporto per depositare il foglio delle misure di 10 centimetri più lungo e più largo delle misure del foglio da realizzare; tale supporto dovrà avere una superficie curva con la parte convessa verso l alto, descrivendo un arco con saetta pari al 12% della corda; quello del laboratorio è stato realizzato con due centine laterali ad arco unite da una serie di listelli larghi 5 centimetri affiancati. La superficie convessa è stata poi rivestita di moquette.

5 4 4) Un recipiente in plastica sufficientemente alto da consentire la riduzione della carta macerata con l uso del frullatore (vedi capitolo sulla carta pesta), fino a ridurla in poltiglia. L altezza di questo contenitore deve essere tale da impedire che gli schizzi possano fuoriuscire e che le molle del frullatore possano immergersi nell impasto posto sulla metà inferiore del contenitore stess. 5) Una bacinella di larghezza e lunghezza sufficienti alla immersione dei telai 1 e 2 nell impasto acqua-carta in poltiglia. L altezza dell imposto all interno della bacinella dovrà essere di centimetri circa. 6) Un numero sufficiente di pezze di stoffa (nel laboratorio usiamo vecchi tovaglioli) di misure più larghe e più lunghe di circa 10 centimetri delle misure del foglio di carta riciclata da ricavare. 7) Un mestolo per rimuovere l impasto ogni volta che si deve immergere i telai di pescaggio. 8) Una spugna piccola per l asciugatura della rete del telaio 1 dopo il pescaggio. Il modo di ricavare un foglio di carta riciclata è semplice anche se solo attraverso la pratica si potrà raggiungere un buon risultato. Ecco le fasi della lavorazione : 1) Nella bacinella 5 mettere una soluzione di acqua e carta in poltiglia in quantità sufficiente alla creazione di fogli dello spessore desiderato. Va tenuto conto che per fogli di poco spessore le difficoltà crescono e che in questa fase occorre fare delle prove iniziali. 2) Si sovrappone centralmente il telaio piccolo 2 al telaio con la rete 1 appoggiandolo e tenendolo aderente con le due mani alla rete. Bisogna evitare che le dita delle mani entrino all interno del telaio superiore e che in tal modo lascino impronte sulla poltiglia pescata (e quindi sul foglio). 3) I due telai così predisposti si introducono in ammollo sulla bacinella 5 fino a prendere una posizione orizzontale ad una profondità tale da far si che l impasto sia uniforme sopra ai telai.

6 5 4) Il tempo e la profondità di immersione determinano lo spessore del foglio così come la quantità di poltiglia messa in soluzione nella bacinella. Per avere spessori uniformi si dovranno usare uguali modalità di tempo e modi della immersione dei telai mentre di volta in volta va verificata la necessità di reintegrare la quantità di poltiglia nell impasto considerato che per ogni foglio una piccola parte viene estratta. 5) Si procede ora alla estrazione dei due telai, tenuti sempre aderenti fra loro. Dovrà essere compiuta per fasi successive: - nella prima fase si dovrà far emergere dall acqua in telaio superiore mente del telaio inferiore dovrà emergere soltanto la rete; - nella seconda fase il telaio inferiore dovrà emergere molto lentamente facendo si che si crei il vuoto fra la rete ed il pelo dell acqua, realizzando l effetto ventosa che drena lo spessore di poltiglia posta al dissopra della rete;si vede l effetto del drenaggio osservando che la superficie della carta sopra la rete diviene sempre meno impregnata. Dopo circa un minuto o poco più di effetto ventosa i telai si fanno emergere del tutto. Tale processo serve a rendere il foglio riciclato meno impregnato di acqua. Se inavvertitamente questa fase non riuscisse ed i telai emergessero prima che l effetto ventosa sia completato si potrà provare ad immergerli di nuovo (non sempre funziona), facendo molta attenzione che il telaio inferiore e la rete sulla quale è depositata la poltiglia di carta riciclata restino sempre fuori dell acqua. 6) Ora ci troviamo con i due telai sovrapposti e con un strato di poltiglia deposito sopra la rete del telaio inferiore. Si tratta di togliere il foglio ancora bagnato dal telaio e depositarlo ad asciugare nel supporto 3 predisposto con un pezzo di stoffa sopra. Prima cosa si deve passare la spugna sotto la rete del telaio 1 per assorbire più acqua possibile, strizzando la spugna ogni volta che si rende necessario. Ora si distacca il telaio 2 dal telaio 1 prendendolo ai due lati corti e sollevandolo

7 6 con una mossa decisa. Resterà il solo telaio 1 con depositato il foglio di carta riciclata adagiato sulla rete 7) Il foglio di carta riciclato va trasferito sul supporto 3 dove è stato predisposta una apposita pezza di stoffa. Si accosta un lato corto del telaio 1 ad un lato corto del supporto e si capovolge dolcemente il telaio facendo aderire il lato del foglio all interno della pezza e, con un movimento di rotazione lento ma deciso e preciso si trasferisce il foglio sul supporto 3 sempre all interno della pezza predisposta. Questa è la fase conclusiva ed è la più delicata della carta riciclata ed è in questa fase che si verificano tutte le modalità di esecuzione precedenti. 8) Ora il foglio va posto in un piano predisposto per l asciugatura: si solleva a quattro mani la pezza con il foglio sopra e lo si stende su una superficie piana predisposta (nel laboratorio abbiamo un materassino di gomma piuma di 4 centimetri di spessore che mettiamo su un tavolo ma a volte non è sufficiente ed allora su un altro tavolo stendiamo dei giornali vecchi) 9) Dopo 24 ore di asciugatura sui fogli riciclati si passa un rulla di legno (usiamo uno di quelli che nel laboratorio servono per fare la sfoglia con l argilla...) e poi si stendono ad asciugare appesi al filo usando le mollette dei panni... Una volta asciutti, dato che comunque i fogli si presentano curvati e non perfettamente in piano, li accatastiamo uno sull altro e li mettiamo sotto pesi (oppure usiamo la pressa per raddrizzarli). CARTA COLLATA Come per le altre tecniche anche per la carta collata nel laboratorio del Centro H usiamo generalmente carta di giornali. La consistenza della carta collata si realizza sovrapponendo con la colla vari strati uno sull altro. Per questa tecnica quindi, dovendo eseguire uno strato dopo l altro, usiamo per ogni strato giornali di diverso colore (giornali bianchi e giornali rosa) in modo di vedere bene a che punto si è arrivati con lo strato che si sta

8 7 eseguendo e quali parti dello strato precedentemente debbono ancora essere ricoperti. Il numero degli strati della carta collata è generalmente di cinque, modificabile in più o in meno secondo l impiego che se ne sta facendo, in certi casi si sono eseguiti anche sette strati. La colla che usiamo nel laboratorio è quella vinilica diluita con acqua. In genere per il primo strato la colla la diluiamo poco mentre per gli altri strati si può arrivare ad usare metà acqua e metà colla. Si può anche usare colla acqua e farina con la quale abbiamo sperimentato ottimi risultati, ma che comporta una preparazione troppo laboriosa specie quando lavorano contemporaneamente molte persone e succede che la quantità non è mai sufficiente. La pezzatura della carta viene effettuata prima di cominciare il lavoro di incollatura, tenendo accuratamente separati i pezzi dei due colori diversi. In teoria i pezzi dovrebbero essere strappati a mano e non tagliati, perché i bordi strappati aderiscono meglio nella incollatura. La grandezza dei pezzi di carta da preparare dipende dal tipo di lavoro che si sta compiendo. Quando la carta collata serve per rivestire una superficie grande ed abbastanza uniforme si possono usare pezzi grandi fino a centimetri 15x20 ed oltre mentre se la superficie da rivestire è piccola e particolarmente mossa i pezzi di carta da incollare saranno piccoli e magari adattati nella forma alla superficie che deve riceverli. La carta collata nel laboratorio del Centro H è stata usata: 1) Per riprodurre forme di oggetti quali piatti in rame sbalzato o maschere di carnevale in gesso; 2) Per rivestire forme di oggetti realizzati con legno e polistirolo espanso quali sono stati i carri di carnevale realizzati nel laboratorio (drago cinese astronave toro - autoferrari leone giraffa cavallo ecc ) La riproduzione di oggetti avviene per ricalco con carta collata e comporta anzitutto di garantirsi che la superficie da ricalcare sia ben isolata dalla carta da incollare. Allo scopo di regola abbiamo usato una pellicola di plastica del tipo di quelle che in cucina si usano per gli

9 8 alimenti, che abbiamo reperita in rotoli grandi (di uso industriale...). La pellicola va stesa sulla superficie dell oggetto da riprodurre con molta cura al fine di non lasciare spazi non coperti e di farla aderire perfettamente alle forme dell oggetto da riprodurre. Nel lavoro di incollaggio dei pezzi di carta incollata si dovrà sempre tenere conto di questi due fattori: - evitare che la carta si incolli all oggetto - realizzare il calco dell oggetto da riprodurre nel modo più fedele possibile. Nella realizzazione dei calchi va posta molta attenzione nella realizzazione del primo strato di carta incollata, quello che deve iniziare bene la riproduzione della forma che altrimenti con gli strati successivi non è facile ricuperare. Molta attenzione va fatta anche nella realizzazione dei calchi delle maschere con le forme in gesso. La carta incollata deve coprire le superfici in proiezione verticale e non deve essere ripiegata sotto la forma, dove non essendoci la pellicola isolante si attaccherebbe. Purtroppo questo avviene spesso ai nostri ragazzi del laboratorio. Quando abbiamo dovuto riprodurre forme come i pesci da forma in legno o un delfino di 80 centimetri di lunghezza dalla forma realizzata in legno-polistirolo- carta collata-stucco e smalto, oppure i testoni della favola di Pinocchio, anch essi realizzati da un unica forma completa preconfezionata come quella del delfino, il presupposto era quello che, una volta realizzati i 5 strati di carta collata, si risarebbe dovuto tagliare la carta collata in due parti per estrarre la forma e poi ricomporre la riproduzione riassemblando le due parti tagliate, facendole combaciare esattamente. In questi processi di riproduzione per isolare le forme da riprodurre dalla carta incollata non abbiamo usato la pellicola di plastica ma, in alternativa, abbiamo ricoperto la superficie delle forme con cera diluita con acquaragia e stesa a pennello,facendo attenzione di non lasciare spazi non trattati. La cera così usata ha la caratteristica che, una volta evaporata l acquaragia con la quale è stata diluita, si asciuga e costituisce una patina sulla quale la

10 9 colla non penetra. Inoltre prima di iniziare i cicli di carta collata abbiamo realizzato un primo strato con carta semplicemente bagnata. Si tratta di tovaglioli di cellulosa molto resistenti che una volta bagnati aderiscono perfettamente alle forme da riprodurre. Questo accorgimento fa si che la sformatura si renda più facile (meno difficile...), anche se richiede sempre molta attenzione e un lavoro di pazienza. Per rivestire forme di oggetti realizzati con legno e polistirolo espanso quali sono stati i carri di carnevale realizzati nel laboratorio il lavoro di applicazione della carta collata non comporta alcuna attenzione di dover evitare che la carta si incolli all oggetto perché la carta che si incolla serve a completare la forma che si sta realizzando. Il supporto realizzato con legno e centine di polistirolo a volte ha dei vuoti che è difficile coprire con la sola carta collata e vanno ridotti con nastri di carta adesivi. L ultima scoperta che stiamo sperimentando sono dei nastri a reticolo di fibra di vetro e quindi indeformabili. Sono nastri adesivi ma una volta posti in opera li abbiamo fissati alle centine di polistirolo con collante (o con la sparapunti usata dai teppezieri). Il risultato sembra buono, perché nel rifinire le superfici con la carta collata non si evidenziano le centine sottostanti. In questa particolare tecnica se la carta che si sta incollando produce un risultato soddisfacente si procede fino a realizzare i cinque strati per completare la forma, se invece in corso d opera (od anche a opera finita) ci si accorge che qualche cosa non va o che si può comunque migliorarla si è sempre in tempo ad intervenire con modifiche correttive in aggiunta, riempiendo volumi con carta di giornale o anche bottiglie di plastica, oppure realizzando tagli per rimodellarla, per poi riprendere la forma con gli strati di carta collata.

11 10 RIFINITURE DEGLI OGGETTI REALIZZATI CON CARTA PESTA E CARTA COLLATA Generalmente gli oggetti realizzati con queste tecniche nel Laboratorio del Centro H sono stati completati con una stuccatura realizzata con stucco da pittori. In bacinelle di plastica si mescola lo stucco in polvere con l acqua cercando di dargli la consistenza desiderata. Se la superficie da stuccare è abbastanza liscia basta uno stucco molto fluido da stendere in modo da uniformare la base per la colorazione, se invece la superficie da stuccare è irregolare lo stucco dovrà essere più denso e dovrà servire a regolarizzare la superficie oltre che da base per la colorazione. Lo stucco va steso preferibilmente a mano in modo da conguagliarlo meglio e lasciato asciugare. Dopo un paio d ore si può intervenire sulla stuccatura con una spugna bagnata in modo da renderlo liscio ed evitare così di doverlo scartavetrare. Questa operazione è possibile effettuarla anche il giorno dopo, anche se ci vuole più tempo per umidificare la superficie ed il risultato è meno preciso. La colorazione sopra lo stucco dei prodotti così realizzati si può fare con ogni tipo di vernice. Nel laboratorio del Centro H usiamo la tempera colorata con bottigliette di colorante. Quando l oggetto realizzato deve essere portato fuori, con il rischio che si bagni con la pioggia, l abbiamo sempre prima trattato con una bomboletta di vernice spray trasparente lucida od opaca. Con la vernice spray trasparente il colore della tempera diventa più intenso e più bello.

GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line

GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line GLI STAMPI Indice Indice... 1 1. -STAMPI IN GESSO... 2 Amici del Presepe Monte Porzio Catone pag. 1 STAMPI 1.

Dettagli

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla.

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla. Il lavoro di posa dei rivestimenti murali, è oggi, estremamente semplificato ed è una soluzione di ricambio interessante, in quanto applicare carta da parati non è più difficile che verniciare. Le spiegazioni

Dettagli

TECNICHE DI LAVORAZIONE DELLA CRETA CORSO 2

TECNICHE DI LAVORAZIONE DELLA CRETA CORSO 2 Pagina 1 di 4 TECNICHE DI LAVORAZIONE DELLA CRETA CORSO 2 Realizzazione di un vaso con la tecnica a Lastra NOTE INTRODUTTIVE La tecnica di costruzione a lastra offre la possibilità di realizzare una svariata

Dettagli

Spalmare poi un velo di colla con un pennellino, schiacciare la foglia di impiallacciatura e pulire con uno

Spalmare poi un velo di colla con un pennellino, schiacciare la foglia di impiallacciatura e pulire con uno Per le parti di impiallacciatura che si staccano, prima di rincollarle, bisogna ripulirle dalla polvere depos Spalmare poi un velo di colla con un pennellino, schiacciare la foglia di impiallacciatura

Dettagli

Eseguire le stuccature con colla e polvere di carbone vegetale e non con stucco a gesso perché questo si ritira più del legno.

Eseguire le stuccature con colla e polvere di carbone vegetale e non con stucco a gesso perché questo si ritira più del legno. Quando si deve sostituire un foglio di impiallaccio troppo rovinato bisogna togliere l'impiallacciatura residua ammorbidendo la colla sottostante con ferro da stiro e panno bagnato, e raschiare con una

Dettagli

POSA DEL PAVIMENTO UNICLIC Tavolati piccoli / 3 misure

POSA DEL PAVIMENTO UNICLIC Tavolati piccoli / 3 misure POSA DEL PAVIMENTO UNICLIC Tavolati piccoli / 3 misure 1) Generalità I pannelli del sistema UNICLIC si possono fissare in due diversi modi: A Per incastrare i pannelli, si possono ruotare inserendo la

Dettagli

per l anno scolastico 2008/09

per l anno scolastico 2008/09 Corso di aggiornamento Il Tè degli Insegnanti area FISICA classi A038 e A049 per l anno scolastico 2008/09 prof. Gabriele Calzà COSTRUZIIONE DII OGGETTII DIIDATTIICII NELL IINSEGNAMENTO DELLA FIISIICA

Dettagli

COME COSTRUIRE SCAFI IN VETRORESINA

COME COSTRUIRE SCAFI IN VETRORESINA 1 By Simone Matera COME COSTRUIRE SCAFI IN VETRORESINA Materiali ed attrezzature necessarie - Due paia di forbici - Fogli di Scottex a disposizione - Un fohn (anche quello per i capelli) - Sacchetti di

Dettagli

delle pietre da rivestimento

delle pietre da rivestimento EDILIZIA 14 Realizzare la posa delle pietre da rivestimento 1 La scelta del materiale I criteri di scelta del materiale da rivestimento non sono legati solo all'aspetto estetico del prodotto (colore, tipologia,

Dettagli

GOMME SILICONICHE E RESINE PER STAMPI. Relatore : Giorgio Di Modica

GOMME SILICONICHE E RESINE PER STAMPI. Relatore : Giorgio Di Modica GOMME SILICONICHE E RESINE PER STAMPI Relatore : Giorgio Di Modica Chiacchierata senza pretese di essere esaustivo né di rigore tecnico, ma semplice racconto delle mie esperienze in materia. Premetto che

Dettagli

Come si costruisce il Totem Io non rischio!

Come si costruisce il Totem Io non rischio! Come si costruisce il Totem Io non rischio! La struttura 5 scatoloni circa 50x50x50, anche usati, purché in buone condizioni e possibilmente con poche scritte Scotch di carta da carrozzieri Vernice nera,

Dettagli

Pon f-3-fse04_por_sicilia-2013-94. Tecniche e Colori. Esperto: Oriana Sessa

Pon f-3-fse04_por_sicilia-2013-94. Tecniche e Colori. Esperto: Oriana Sessa Tecniche e Colori Esperto: Oriana Sessa Teoria dei colori Il coloreè una grandezza tridimensionale e la sola ruota dei colori non è sufficiente a rappresentare tutto lo spazio colorimetrico. Tuttavia,

Dettagli

Acqua, sapone e superfici minime

Acqua, sapone e superfici minime SISSA PER LA SCUOLA Acqua, sapone e superfici minime Un gioco matematico per le scuole medie Titolo: Acqua, sapone e superfici minime Area: Matematica Tipo di attività: Gioco A chi è rivolta: Ragazzi delle

Dettagli

106.658. Castello dei fantasmi illuminato. Elenco componenti: by Horst Wagner. Utensili ed accessori necessari per il montaggio

106.658. Castello dei fantasmi illuminato. Elenco componenti: by Horst Wagner. Utensili ed accessori necessari per il montaggio 106.658 Castello dei fantasmi illuminato Elenco componenti: 8 x listello di pino 10 x 10 x 250 mm 2 x compensato 3 x 65 x 300 mm 2 x compensato 3 x 100 x 150 mm 1 x LED Rainbow 5 mm 1 x cavetto 500 mm

Dettagli

Hoot: confesso: ero da poco iscritto al forum e ancora non sapevo chi fosse. Eppure dalla foto

Hoot: confesso: ero da poco iscritto al forum e ancora non sapevo chi fosse. Eppure dalla foto Palme Progettista: Euro (si, magari ) Manovale: Hoot (ma che manovale!!!!) Hoot: confesso: ero da poco iscritto al forum e ancora non sapevo chi fosse. Eppure dalla foto Euro: SEI UN DELINQUENTE Nico!!!!!

Dettagli

Betulla pioppo larice abete

Betulla pioppo larice abete Pagina1 La carta è un materiale formato da milioni di fibre di cellulosa saldate tra loro e ad altri materiali (collanti, coloranti e sostanze minerali) Le fibre di cellulosa sono il materiale di cui è

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

PROCEDIMENTO RESTAURO CONSERVATIVO DEL DIPINTO AD OLIO CON CORNICE ANALISI:

PROCEDIMENTO RESTAURO CONSERVATIVO DEL DIPINTO AD OLIO CON CORNICE ANALISI: PROCEDIMENTO RESTAURO CONSERVATIVO DEL DIPINTO AD OLIO CON CORNICE ANALISI: L'opera è un dipinto a olio su tela, potrebbe risalire a fine 800 inizio 900, non vi è traccia dell autore. Il dipinto ha subito

Dettagli

CORSI AMATORIALI A DISTANZA

CORSI AMATORIALI A DISTANZA Pagina 1 di 1 Associazione Culturale Officina Creativa V.le Luigi Monaco 113. 93100 Caltanissetta Tel/Fax 0934 550899 CORSI AMATORIALI A DISTANZA CORSO 1 CORSO 2 CORSO 3 CORSO 4 Il Colombino e/o Spirale

Dettagli

COME FARE I CALCHI DELLE MONETE. - di Clive Stannard -

COME FARE I CALCHI DELLE MONETE. - di Clive Stannard - COME FARE I CALCHI DELLE MONETE - di Clive Stannard - La pratica di fare calchi delle monete era molto più diffusa nell ottocento e nei primi decenni del novecento. Le fotografie nei libri classici di

Dettagli

decorazioni fai da te stencil - decoupage natale - regali oggettistica

decorazioni fai da te stencil - decoupage natale - regali oggettistica decorazioni fai da te stencil - decoupage natale - regali oggettistica Valerio Poggi decora zioni fai da te stencil - decoupage natale - regali oggettistica www.faidatebook.it - info@faidatebook.it riproduzione

Dettagli

Metodi di Applicazione per i Film Autoadesivi Avery Dennison emissione: 02/2015

Metodi di Applicazione per i Film Autoadesivi Avery Dennison emissione: 02/2015 Metodi di Applicazione per i Film Autoadesivi Avery Dennison emissione: 02/2015 I film autoadesivi Avery Dennison sono disponibili con una vasta gamma di caratteristiche per numerose applicazioni diverse.

Dettagli

VERNICIATURA PINZE FRENI by Antsrp

VERNICIATURA PINZE FRENI by Antsrp VERNICIATURA PINZE FRENI by Antsrp In questa guida verrà spiegato come verniciare le pinze dei freni senza dover smontare la pinza stessa. Se avete la possibilità (e le competenze) per farlo, è preferibile

Dettagli

Manuale assemblaggio RHB 151

Manuale assemblaggio RHB 151 Manuale assemblaggio RHB 151 Assemblaggio della cassa Parti necessarie per assemblare la carrozzeria. Ripulire con un cutter le sbavature dello stampaggio da tutte le parti. Eventuali bolle possono essere

Dettagli

GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line

GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line LA VEGETAZIONE [1] Indice Indice... 1 1. Vegetazione... 2 2. Alberi... 6 Amici del Presepe Monte Porzio Catone

Dettagli

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto IN LABORATORIO 8 Maggio 26 Istruzioni per l allestimento della prova Materiale riservato per i docenti LA DENSITÀ DELL OLIO Presentazione

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA STAMPA E LA RILEGATURA DEL DIZIONARIO

ISTRUZIONI PER LA STAMPA E LA RILEGATURA DEL DIZIONARIO ISTRUZIONI PER LA STAMPA E LA RILEGATURA DEL DIZIONARIO 1. PREPARAZIONE E TAGLIO DEI FOGLI - Tagliare 62 fogli A4 (80 grammi) in 4 parti uguali (si può usare un riga con un taglierino; passandolo più volte,

Dettagli

106.566. Gioco di Basket. Elenco dei componenti: Utensili ed accessori necessari per il montaggio

106.566. Gioco di Basket. Elenco dei componenti: Utensili ed accessori necessari per il montaggio 106.566 Gioco di Basket Elenco dei componenti: 1 x assicella di base, spesso (1) 10 x 210 x 300 mm 1 x assicella di base, sottile (2) 3,2 x 210 x 300 mm 2 x compensato (3) 5 x 60 x 535 mm 1 x listello

Dettagli

WATER TRANSFER PRINTING KITS - INSTRUZIONE

WATER TRANSFER PRINTING KITS - INSTRUZIONE TM WATER TRANSFER PRINTING KITS - INSTRUZIONE Si consiglia di leggere l'intero manuale delle istruzioni prima di iniziare il progetto. Il Kit Basic di Water Transfer Printing include: 1 x Rimuovitore al

Dettagli

COME PULIRE IL PARQUET OLIATO. manutenzione e pulizia di un pavimento in legno trattato con olio-cera

COME PULIRE IL PARQUET OLIATO. manutenzione e pulizia di un pavimento in legno trattato con olio-cera COME PULIRE IL PARQUET OLIATO manutenzione e pulizia di un pavimento in legno trattato con olio-cera CONTENUTI premessa pulizia ordinaria manutenzione straordinaria ripristino di piccole zone danneggiate

Dettagli

Mauro Arcangeli Realizzare i circuiti stampati in casa

Mauro Arcangeli Realizzare i circuiti stampati in casa Mauro Arcangeli Realizzare i circuiti stampati in casa 2013 www.presepevirtuale.it 1 Questa guida vi fornirà le indicazioni necessarie per realizzare con successo semplici circuiti stampati come quelli

Dettagli

Creazioni in pasta di mais

Creazioni in pasta di mais Creazioni in pasta di mais Docente: Simona Russo Lezione introduttiva www.lezione-online.it 1 PARTE TEORICA Introduzione CONOSCERE LA PASTA DI MAIS La pasta di mais è un composto che permette di realizzare

Dettagli

ITP - INDAGINE TECNICA PREVENTIVA

ITP - INDAGINE TECNICA PREVENTIVA ITP - INDAGINE TECNICA PREVENTIVA Prima della posa in opera è fondamentale l indagine tecnica preventiva per verificare la situazione del cantiere ed effettuare le misurazioni necesarie. Stato del cantiere

Dettagli

FACCIAMO UN FOGLIO DI CARTA

FACCIAMO UN FOGLIO DI CARTA Settore HOME Attività Creative Attività graficopittoriche Ambiente Italiano Tema Dall albero alla carta e la carta riciclata. Classi Quarta elementare Autori Elena Fontana Petra Frigeri Maura Bottinelli

Dettagli

Creatina istruzioni per l uso

Creatina istruzioni per l uso Creatina istruzioni per l uso 07 2015 Indice Preparazione delle superfici 2 Preparazione per la posa su parete interno doccia e contorno vasca 3 Applicazione della membrana impermeabilizzante AquaPrim

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA POSA

ISTRUZIONI PER LA POSA ISTRUZIONI PER LA POSA CALCOLO DELLA QUANTITA DI PIETRA E DI MATTONI NECESSARI La quantità di Pietre e/o Mattoni Piani si determina misurando la superficie in mq. da rivestire, detraendo da questa quella

Dettagli

0,3-0,5 kg/m² ca. per rasature su pareti e contropareti in cartongesso trascurabile per applicazioni in condizioni normali

0,3-0,5 kg/m² ca. per rasature su pareti e contropareti in cartongesso trascurabile per applicazioni in condizioni normali FASSAJOINT 1H Stucco per cartongesso SCHEDA TECNICA TECHNICAL SHEET 1/9 COMPOSIZIONE FASSAJOINT 1H è un prodotto premiscelato composto da gesso, farina di roccia ed additivi specifici per migliorare la

Dettagli

FERMACELL. L'alta qualità FERMACELL per pareti, soffitti, sottotetti

FERMACELL. L'alta qualità FERMACELL per pareti, soffitti, sottotetti FERMACELL L'alta qualità FERMACELL per pareti, soffitti, sottotetti EDIZIONE 00 0 buone ragioni scegliere l alta qualità FERMACELL! Le lastre in gessofibra FERMACELL hanno le carte in regola per soddisfare

Dettagli

PROGETTO LA VIA DELLA CARTA MOTIVAZIONI OBIETTIVI

PROGETTO LA VIA DELLA CARTA MOTIVAZIONI OBIETTIVI PROGETTO LA VIA DELLA CARTA MOTIVAZIONI La motivazione che mi ha fatto optare per la stesura di questo progetto è l'interesse mostrato dai bambini per le scienze ed in particolare per il tema del riciclo.

Dettagli

PASTA FRESCA ALL'UOVO ( sfoglia e formati )

PASTA FRESCA ALL'UOVO ( sfoglia e formati ) PASTA FRESCA ALL'UOVO ( sfoglia e formati ) 1 CATEGORIA: Preparazioni di Base - Impasti Nota Aggiuntiva: + 30 minuti di riposo Fare la pasta fresca in casa è storia antica: dalla sfoglia tirata con il

Dettagli

Filtrazione semplice con imbuto.

Filtrazione semplice con imbuto. Filtrazione semplice con imbuto. Se si dispone di carta da filtro in fogli quadrati di 60 cm di lato, occorre tagliarli in 16 parti. Prendere una quadrato di carta da filtro di 15 cm di lato e piegarlo

Dettagli

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni 3M Italia, Gennaio 2011 Bollettino Istruzioni Applicazione pellicole su vetro Bollettino Istruzioni 3M Italia Spa Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello (MI) Fax: 02 93664033 E-mail 3mitalyamd@mmm.com

Dettagli

Per fare sogni d oro Con il suo design lineare e minimalista e i due comodini. Questo letto da sogno è anche molto trendy.

Per fare sogni d oro Con il suo design lineare e minimalista e i due comodini. Questo letto da sogno è anche molto trendy. Un letto minimalista Per fare sogni d oro Con il suo design lineare e minimalista e i due comodini. Questo letto da sogno è anche molto trendy. 1 Introduzione «Elegante e lineare»: è una tendenza sempre

Dettagli

Elenco delle parti Il forno è costituito dalle seguenti parti: settore cupola con apertura bocca sinistro. settore cupola con apertura bocca destro

Elenco delle parti Il forno è costituito dalle seguenti parti: settore cupola con apertura bocca sinistro. settore cupola con apertura bocca destro Quote prefabbricato Premessa Con il presente manuale si intende dare delle indicazioni soprattutto a chi non ha mai montato un forno per pizza prima d'ora. Ciò nonostante, specie le indicazioni sulla prima

Dettagli

TINTEGGIATURA E FINITURA DEL LEGNO GREZZO PER MOBILI DA INTERNO

TINTEGGIATURA E FINITURA DEL LEGNO GREZZO PER MOBILI DA INTERNO Il brico dalle mille idee... TINTEGGIATURA E FINITURA DEL LEGNO GREZZO PER MOBILI DA INTERNO Il legno all interno Colori e vernici 2 Se il legno grezzo da trattare non ha il colore desiderato dobbiamo

Dettagli

BOX 21. Cucinare con il sole.

BOX 21. Cucinare con il sole. Cucinare con il sole. Senza presa elettrica e senza pericolo d incendio Anche nell Europa centrale il fornello solare offre la possibilità di cucinare o cuocere al forno in modo ecologico, da 100 fino

Dettagli

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO ATTENZIONE

ISTRUZIONI DI MONTAGGIO ATTENZIONE ISTRUZIONI DI MONTAGGIO APPLICAZIONI : parete in muratura e controsoffitti/pareti in cartongesso FINITURE : tinta lavabile, tempera ad acqua, carta da parati leggera ATTENZIONE A NON APPLICARE TINTE AD

Dettagli

VETROMATTONE ONDULATO CHIARO TERMINALE CURVO

VETROMATTONE ONDULATO CHIARO TERMINALE CURVO INDICE 1. Anagrafica 2. Caratteristiche Tecniche 3. Certificazioni 4. Utilizzo 5. Posa in Opera 5.A. Fase preliminare 5.B. Fase di installazione 5.C. Fase di finitura 6. Disegni 7. Voce di capitolato 1/5

Dettagli

MISCELA DELLE MATERIE PRIME

MISCELA DELLE MATERIE PRIME LA FABBRICAZIONE DEL VETRO MISCELA DELLE MATERIE PRIME Le materie prime (silice, soda, calce, ossidi, rottami ) allo stato polveroso, sono macinate e mescolate tra loro in modo omogeneo FORMATURA La modellazione

Dettagli

115.051 Caleidoscopio

115.051 Caleidoscopio .0 Caleidoscopio Klaus Hünig 99 Considerazioni preliminari sul caleidoscopio della OPITEC: Lo scienziato scozzese Sir David Brewster scoprì nell'anno il caleidoscopio. Brewster (-) fu uno dei più noti

Dettagli

Creativ 7c04. Tecniche con intonachino di calce ad effetto calcestruzzo a vista Marmor-Feinputztechnik Sichtbetonoptik

Creativ 7c04. Tecniche con intonachino di calce ad effetto calcestruzzo a vista Marmor-Feinputztechnik Sichtbetonoptik Tecniche con intonachino di calce ad effetto calcestruzzo a vista Marmor-Feinputztechnik Sichtbetonoptik con Creativ Sentimento 78 per superfici lisce personalizzate con leggera lucentezza L'illustrazione

Dettagli

ACCESSORI PER FINITURE

ACCESSORI PER FINITURE ACCESSORI PER FINITURE NASTRO A RETE COPRIGIUNTO AUTOADESIVO IN FIBRA DI VETRO art. NAF01 Codice Lunghezza Confezione NAF01001 15 ml. 12 pz. NAF01002 90 ml. 24 pz. NAF0100 45 ml. 54 pz. NAF01004 20 ml.

Dettagli

Blanke TRIMAT. Blanke TRIMAT diminuisce notevolmente i rimbombi prodotti dal calpestio: è perciò ideale per le ristrutturazioni.

Blanke TRIMAT. Blanke TRIMAT diminuisce notevolmente i rimbombi prodotti dal calpestio: è perciò ideale per le ristrutturazioni. DATI TECNICI Blanke TRIMAT Fonoassorbente e separatore Uso e funzione Blanke TRIMAT, materassino fonoassorbente che neutralizza le tensioni, è usato per la posa di piastrelle, pietra naturale, graniglia

Dettagli

Istituto Comprensivo di Bovezzo scuola primaria C. Collodi RICICLARE E TESORO. Descrizione del progetto. Durata progetto: da gennaio a fine maggio

Istituto Comprensivo di Bovezzo scuola primaria C. Collodi RICICLARE E TESORO. Descrizione del progetto. Durata progetto: da gennaio a fine maggio Istituto Comprensivo di Bovezzo scuola primaria C. Collodi RICICLARE E TESORO Anno scolastico 2013/2014 Classe: 3 C Insegnanti: V. Paterlini - G. Catenacci Descrizione del progetto L idea del progetto

Dettagli

ATTIVITÀ L ACQUA ESERCITA UNA FORZA

ATTIVITÀ L ACQUA ESERCITA UNA FORZA ATTIVITÀ L ACQUA ESERCITA UNA FORZA Obiettivi Gli oggetti galleggiano perché l acqua esercita su di essi una spinta: la spinta di Archimede. Difficoltà Difficile Tempo di esecuzione 1 ora Elenco materiali

Dettagli

MANUALE PER L IMBALLO DELLE SPEDIZIONI

MANUALE PER L IMBALLO DELLE SPEDIZIONI MANUALE PER L IMBALLO DELLE SPEDIZIONI NORME GENERALI L imballaggio deve essere sufficientemente ROBUSTO. Il materiale utilizzato per l imballaggio deve essere scelto in base al tipo di merce che deve

Dettagli

STUCCHI P25 EXTRA PER TUTTE LE MANI DI STUCCATURA: RIEMPIMENTO E FINITURA( MAGGIORE LAVORABILITA E SCORREVOLEZZA OTTIMO RIEMPIMENTO E FINITURA NEW

STUCCHI P25 EXTRA PER TUTTE LE MANI DI STUCCATURA: RIEMPIMENTO E FINITURA( MAGGIORE LAVORABILITA E SCORREVOLEZZA OTTIMO RIEMPIMENTO E FINITURA NEW STUCCHI ) P25 EXTRA PER TUTTE LE MANI DI STUCCATURA: RIEMPIMENTO E FINITURA( NEW MAGGIORE LAVORABILITA E SCORREVOLEZZA OTTIMO RIEMPIMENTO E FINITURA ) P25 EXTRA ( SCHEDA PRODOTTO Lafarge Gessi presenta

Dettagli

SI VA DA UN IMMAGINE MOLTO SCHEMATICA E POCO NATURALISTICA (QUASI ASTRATTA) AD UNA IMMAGINE SEMPRE PIU REALISTICA E DETTAGLIATA, DI TIPO PITTORICO

SI VA DA UN IMMAGINE MOLTO SCHEMATICA E POCO NATURALISTICA (QUASI ASTRATTA) AD UNA IMMAGINE SEMPRE PIU REALISTICA E DETTAGLIATA, DI TIPO PITTORICO TECNICHE DI INCISIONE E STAMPA Punto di partenza è la matrice da cui si ricava la stampa Essa può essere di legno, di linoleum, di metallo, di pietra o di stoffa In base al materiale della matrice il disegno

Dettagli

SCHEDA 07 PASTA E FAGIOLI ALLA VENETA PER LA PASTA FRESCA MALTAGLIATI. Farina di grano duro gr 350. Farina 00 gr 350. Uova n. 5.

SCHEDA 07 PASTA E FAGIOLI ALLA VENETA PER LA PASTA FRESCA MALTAGLIATI. Farina di grano duro gr 350. Farina 00 gr 350. Uova n. 5. SCHEDA 07 PASTA E FAGIOLI ALLA VENETA DOSI: per 10 porzioni INGREDIENTI fagioli secchi borlotti kg 500 pasta fresca carote gr 150 farina gr 300 sedano gr 100 uova n. 2 cipolle gr 100 sale pancetta fresca

Dettagli

ESEMPI DI APPLICAZIONI

ESEMPI DI APPLICAZIONI RISCALDAMENTO IN FIBRA DI CARBONIO ESEMPI DI APPLICAZIONI MATERASSINO SOTTO IL MASSETTO E PAVIMENTO L installazione sotto il massetto, grazie all inerzia termica dello stesso, consente di mantenere la

Dettagli

INDICAZIONI SU GIUNTI DEI NASTRI TRASPORTATORI

INDICAZIONI SU GIUNTI DEI NASTRI TRASPORTATORI GIAVA sas Manutenzione e Gestione Impianti Industriali www.giavasas.it INDICAZIONI SU GIUNTI DEI NASTRI TRASPORTATORI interventi di giunzione La giunzione di un nastro si rende necessaria quando bisogna

Dettagli

Trenino del Renon (Manuale costruttivo)

Trenino del Renon (Manuale costruttivo) Prima parte Pareti laterali verniciatura e assemblaggio Trenino del Renon (Manuale costruttivo) Come prima operazione consiglio di assemblare tutte le pareti della carrozzeria. Per fare questa operazione

Dettagli

BOSTIK ASSEMBLER EFFETTO VENTOSA

BOSTIK ASSEMBLER EFFETTO VENTOSA BOSTIK ASSEMBLER EFFETTO VENTOSA Eccellente adesivo per la costruzione con ottima presa iniziale e ottima resistenza finale. Ideale per un tenace incollaggio a superfici porose di qualsiasi materiale che

Dettagli

Pulire il Rame. Pulire Ottone

Pulire il Rame. Pulire Ottone Pulire il Rame La pulizia del rame viene effettuata come facevano i vecchi.si scioglie del sale con dell aceto o con del succo di limone e si strofina con uno straccio o una spugnetta non abrasiva tutta

Dettagli

Pavimenti Interni Piastrelle Cemento Legno Marmo Resina di finitura all acqua

Pavimenti Interni Piastrelle Cemento Legno Marmo Resina di finitura all acqua tutta la linea SottoSopra Colore per Interni Pareti e Mobili TM Sotto Sopra il camaleonte di casa paints Pavimenti Interni Piastrelle Cemento Legno Marmo Resina di finitura all acqua Libretto di istruzioni

Dettagli

Manuale per l'applicazione dei Fotomurali Vinilici e Vinilici Premium

Manuale per l'applicazione dei Fotomurali Vinilici e Vinilici Premium Manuale per l'applicazione dei Fotomurali Vinilici e Vinilici Premium Prima di cominciare assicurati che i muri siano ben asciutti, lisci e puliti, in caso contrario procedere a rasare e stuccare dove

Dettagli

Applicazione del gel. Con lo spazzolino per unghie rimuovere dall unghia e dalla pelle circostante la polvere di limatura.

Applicazione del gel. Con lo spazzolino per unghie rimuovere dall unghia e dalla pelle circostante la polvere di limatura. Nelle figure seguenti illustriamo la tecnica di applicazione dei nostri gel con l'uso della tip. Da questa dimostrazione si può apprezzare come il Gel System sia semplice e veloce da usare, in quanto non

Dettagli

Italian leader for kids! Calzature Primigi: consigli utili per mantenerle sempre in ottima forma.

Italian leader for kids! Calzature Primigi: consigli utili per mantenerle sempre in ottima forma. Italian leader for kids! Calzature Primigi: consigli utili per mantenerle sempre in ottima forma. Calzature in Gore-tex La membrana Gore-Tex Una speciale pellicola traspirante ed impermeabile che viene

Dettagli

COME FARE UNA CORDA PER ARCO

COME FARE UNA CORDA PER ARCO COME FARE UNA CORDA PER ARCO Dedicato a tutti gli arcieri che preferiscono costruirsi le proprie corde dell arco, anziché acquistarle pronte in fabbrica. Tenere presente che specie per la prima volta,

Dettagli

A1U2L3 L INDUSTRIA CARTOTECNICA E I PRODOTTI CARTARI

A1U2L3 L INDUSTRIA CARTOTECNICA E I PRODOTTI CARTARI A1U2L3 L INDUSTRIA CARTOTECNICA E I PRODOTTI CARTARI CARTA ADATTA ALLA STAMPA CARTA ADATTA ALLA SCRITTURA CARTA PER INVOLGERE CARTA PER USI DOMESTICI CARTE SPECIALI CARTA COME BASE DEI CONTENITORI IN POLIACCOPPIATO

Dettagli

Un pannello solare termico per la produzione di acqua calda sanitaria costruito artigianalmente nel nostro laboratorio di fisica

Un pannello solare termico per la produzione di acqua calda sanitaria costruito artigianalmente nel nostro laboratorio di fisica Un pannello solare termico per la produzione di acqua calda sanitaria costruito artigianalmente nel nostro laboratorio di fisica Il lavoro è stato effettuato dagli alunni della classe 2^AGCAT ITCG «A.

Dettagli

Cos è il nastro autoadesivo?

Cos è il nastro autoadesivo? Cos è il nastro autoadesivo? Per nastro autoadesivo si intende una striscia di materiale che può aderire con la semplice pressione su varie superfici senza la necessità di calore, umettatura od altro.

Dettagli

GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line

GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line GRUPPO AMICI DEL PRESEPE Monte Porzio Catone www.presepitalia.it Corso Presepistico on-line STRUTTURE ROCCIOSE Indice Indice... 1 -Le rocce... 2 -Colorazione delle Rocce... 13 Amici del Presepe Monte Porzio

Dettagli

Unità 4. I materiali edili. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena B1 CHIAVI. In questa unità imparerai:

Unità 4. I materiali edili. Lavoriamo sulla comprensione. Università per Stranieri di Siena B1 CHIAVI. In questa unità imparerai: Unità 4 I materiali edili CHIAVI In questa unità imparerai: a comprendere un testo che descrive alcuni materiali usati in edilizia. a comprendere una scheda tecnica. a comprendere un testo che dà istruzioni

Dettagli

Schede tecniche prodotti per la pulizia, la detergenza e la manutenzione delle pavimentazioni

Schede tecniche prodotti per la pulizia, la detergenza e la manutenzione delle pavimentazioni prodotti per la pulizia, la detergenza e la manutenzione delle pavimentazioni Pagina n.2 / 11 Sommario PULISCI PAVIMENTI... 3 DETERGENTE FORTE... 4 DETERGENTE ACIDO... 5 DETERGENTE BASICO... 6 CERA STUCCO...

Dettagli

facciamo il nostro lavoro con passione RICETTE DAL CORSO DI CUCINA ALPEGGIATORI

facciamo il nostro lavoro con passione RICETTE DAL CORSO DI CUCINA ALPEGGIATORI facciamo il nostro lavoro con passione 2 bavarese al caffè - 250 ml di latte - 250 ml di caffè - 500 ml di panna montata - 120 g di zucchero - 8 gr di colla di pesce - 125 g di tuorli d uovo (ovvero 6

Dettagli

Tecniche di ASSEMBLAGGIO

Tecniche di ASSEMBLAGGIO Tecniche di ASSEMBLAGGIO La resina epossidica viene dunque utilizzata per l'assemblaggio strutturale di piùelementi. Esistono diversi tipi di incollaggio, tra i quali: 1. Assemblaggio in due fasi 2. Assemblaggio

Dettagli

OBIETTIVI FORMATIVI ANNO SCOLASTICO:2006/2007. SCUOLA PRIMARIA: G. Giusti Piano di Conca. ALUNNI COINVOLTI: classe 2^A e 2^B

OBIETTIVI FORMATIVI ANNO SCOLASTICO:2006/2007. SCUOLA PRIMARIA: G. Giusti Piano di Conca. ALUNNI COINVOLTI: classe 2^A e 2^B ANNO SCOLASTICO:2006/2007 SCUOLA PRIMARIA: G. Giusti Piano di Conca ALUNNI COINVOLTI: classe 2^A e 2^B INSEGNANTI: Bergamini Patrizia, Manfredini Maria Grazia Acquisire una maggiore sensibilità verso l

Dettagli

MANUTENZIONE E CURA DEI SERRAMENTI: Consigli per il trattamento conservativo delle finestre Albertini

MANUTENZIONE E CURA DEI SERRAMENTI: Consigli per il trattamento conservativo delle finestre Albertini MANUTENZIONE E CURA DEI SERRAMENTI: Consigli per il trattamento conservativo delle finestre Albertini Le vostre finestre e portefinestre in legno Albertini sono state verniciate con: Una mano di impregnante

Dettagli

COPERTINA PER NEONATO CON GATTINI

COPERTINA PER NEONATO CON GATTINI COPERTINA PER NEONATO CON GATTINI Le misure fornite sono per una copertina da culla, le cui dimensioni sono 60 x 74 cm. Materiali: - un pezzo di stoffa azzurra di circa 50 x 60 cm (base del pannello centrale)

Dettagli

MESSA IN OPERA 5.1 5.2 5.3 5.4 5.5 INTERRUZIONI, RIPRESE, MESSA IN OPERA CASSEFORME PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE GETTO

MESSA IN OPERA 5.1 5.2 5.3 5.4 5.5 INTERRUZIONI, RIPRESE, MESSA IN OPERA CASSEFORME PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE GETTO Il calcestruzzo e le strutture armate Messa in opera INDICE 5 MESSA IN OPERA 5.1 5.3 CASSEFORME GETTO 5.2 PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE 5.4 COMPATTAZIONE DEL GETTO MESSA IN OPERA 5.5 INTERRUZIONI,

Dettagli

STUCCHI & COLLE. per giunti e lastre di cartongesso COSTRUIRE CONTEMPORANEO

STUCCHI & COLLE. per giunti e lastre di cartongesso COSTRUIRE CONTEMPORANEO STUCCHI & COLLE per giunti e lastre di cartongesso COSTRUIRE CONTEMPORANEO dal più importante sito di gesso in Italia il meglio per l edilizia A Roccastrada, in Toscana, si trova il più grande giacimento

Dettagli

Tra «La storia della carta» «Storie di carta»!

Tra «La storia della carta» «Storie di carta»! Tra «La storia della carta» e «Storie di carta»! La nostra storia inizia con i CARTACCIAI. I cartacciai sono fabbriche che compattano la carta di recupero Non solo carta ma anche cartone. All interno della

Dettagli

Per rasature, riporti, riempimenti di fessurazioni. per riparare, unire, riempire, livellare in alti spessori e per carton/gesso

Per rasature, riporti, riempimenti di fessurazioni. per riparare, unire, riempire, livellare in alti spessori e per carton/gesso INTERNO Per rasature, riporti, riempimenti di fessurazioni RIEMPIMENTO per riparare, unire, riempire, livellare in alti spessori e per carton/gesso UNIVERSALE Per riparare, unire, accoppiare, modellare,

Dettagli

La forma dei corsi d acqua

La forma dei corsi d acqua La forma dei corsi d acqua L acqua in movimento è in grado di trasportare corpi solidi anche di grosse dimensioni e di elevato peso specifico. All aumentare della velocità di scorrimento aumenta anche

Dettagli

Attenzione: Non diluire o mescolare Reviver con nessun altro prodotto! Questo può limitare le prestazioni e danneggiare la vs. auto.

Attenzione: Non diluire o mescolare Reviver con nessun altro prodotto! Questo può limitare le prestazioni e danneggiare la vs. auto. Soft Top Reviver Attenzione: Non diluire o mescolare Reviver con nessun altro prodotto! Questo può limitare le prestazioni e danneggiare la vs. auto. 1. Assicuratevi che la capote sia asciutta e pulita

Dettagli

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto

Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto Associazione per l Insegnamento della Fisica Giochi di Anacleto IN LABORATORIO 6 Maggio 2010 Istruzioni per l allestimento della prova Materiale riservato per i docenti UNA BILANCIA MOLTO SENSIBILE Presentazione

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DELLE ESL SI CONSIGLIA DI LEGGERE PRIMA LA GUIDA E POI INIZIARE LA COSTRUZIONE

PICCOLA GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DELLE ESL SI CONSIGLIA DI LEGGERE PRIMA LA GUIDA E POI INIZIARE LA COSTRUZIONE PICCOLA GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DELLE ESL By freccia frason@cheapnet.it SI CONSIGLIA DI LEGGERE PRIMA LA GUIDA E POI INIZIARE LA COSTRUZIONE MATERIALI OCCORRENTI PER LE CELLE ELETTROSTATICHE 1) STRISCE

Dettagli

FUGAMAGICA WOOD. Caratteristiche tecniche. Campi di applicazione

FUGAMAGICA WOOD. Caratteristiche tecniche. Campi di applicazione FUGAMAGICA WOOD Stucco cementizio idrorepellente, ad alte prestazioni e granulometria finissima per la fugatura di piastrelle in legno ceramico. 1504-2 IP-MC-IR Caratteristiche tecniche Prodotto in polvere

Dettagli

Qualche foto per chiarire ciò che sto facendo. (sul sito le foto le potete vedere ingrandite)

Qualche foto per chiarire ciò che sto facendo. (sul sito le foto le potete vedere ingrandite) COSTRUZIONE DEL GUPPY GUMMY Tratta dalla discussione postata sul forum del Baronerosso. Per vedere le foto in grandezza naturale visitare il sito http://albyone.altervista.org alla pagina relativa alla

Dettagli

Industria Produzione porte e serramenti in legno lamellare e massello

Industria Produzione porte e serramenti in legno lamellare e massello Industria Produzione porte e serramenti in legno lamellare e massello MANUTENZIONE E CURA DEGLI INFISSI Consigli per il trattamento conservativo degli infissi MEDEA Premessa: Tutti gli infissi esterni,

Dettagli

Informazioni preliminare, valevoli per tutti i tipi di installazione:

Informazioni preliminare, valevoli per tutti i tipi di installazione: Le linee guida da seguire per prendere le misure corrette delle vostre antine in legno sono piuttosto semplici, esistono però alcune differenze specifiche in base al modello di antina Onlywood che vi piace,

Dettagli

Note per l'insegnante

Note per l'insegnante LA STAMPA Note per l'insegnante 1. Abbiamo realizzato molti disegni illustrativi del testo perché abbiamo pensato che sarebbe bello che fossero i bambini ad illustrare i testi 2. I titoli posti come domande

Dettagli

Scritta da Alex Licht

Scritta da Alex Licht Scritta da Alex Licht Rosh ha shanà Mela riciclata per Rosh ha Shanà: Materiali: 2 parti del fondo di una bottiglia di plastica Tovagliolo colorato (meglio colore rosso o verde) 2 cartoncini o stoffa verde

Dettagli

Abito realizzato con 400 metri di pellicola trasparente da cucina e cucito interamente a mano.

Abito realizzato con 400 metri di pellicola trasparente da cucina e cucito interamente a mano. Per una sposa "eco" di Simona Girelli Abito realizzato con 400 metri di pellicola trasparente da cucina e cucito interamente a mano. MATERIALI E ATTREZZATURA 8 rotoli (50 m cad.) di pellicola trasparente

Dettagli

L ARTE DELLO STUCCO c a t a l o g o 2 0 1 5

L ARTE DELLO STUCCO c a t a l o g o 2 0 1 5 L ARTE DELLO STUCCO catalogo 2015 LINEA POLVERE PER INTERNO RASABEN V40 È uno stucco bianco-fine a base gesso per interno. Ideale per la rasatura di superfici interne prima dell applicazione di vernici,

Dettagli

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Acquistare una zucca fresca o già secca. Nel primo caso sarà opportuno comprarla in un periodo caldo per godere delle giornate

Dettagli

Istituto Tecnico per Attività Sociali Matteo Ricci

Istituto Tecnico per Attività Sociali Matteo Ricci Istituto Tecnico per Attività Sociali Matteo Ricci Siamo partiti dal progetto Quotidiano in classe e abbiamo quantificato quanti giornali arrivano a scuola e quanti Kg di carta potrebbero essere riciclati

Dettagli

Torta pacco regalo. Preparazione. Dolci e Desserts. Ingredienti per il pan di spagna al pistacchio (per una teglia 25x18)

Torta pacco regalo. Preparazione. Dolci e Desserts. Ingredienti per il pan di spagna al pistacchio (per una teglia 25x18) Dolci e Desserts Torta pacco regalo Difficoltà: Preparazione: Cottura: Dosi per: Costo: media 60 min 45 min 10 persone basso NOTA: + i tempi di raffreddamento e rassodamento in frigorifero Ingredienti

Dettagli

METODO DI PITTURA VELOCE

METODO DI PITTURA VELOCE Di Roberto METODO DI PITTURA VELOCE Questo sistema di colorazione è rivolto a chi dispone di poco tempo o sente di non avere grandi capacità artistiche, ma desidera egualmente schierare sui propri campi

Dettagli