REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO"

Transcript

1 REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO del personale non dirigente Approvato con deliberazione n. 90 in data Modificato con deliberazione n. 219 in data e con deliberazione n. 177 in data

2 REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO del personale non dirigente 1. PREMESSA 1. Ciascun dipendente è tenuto a rispettare l orario di lavoro, adempiere alle formalità previste per la rilevazione delle presenze e a non allontanarsi e/o assentarsi dalla propria postazione lavorativa senza autorizzazione. 2. Ogni assenza dal posto di lavoro, totale o parziale che essa sia, qualora non sia formalmente giustificata determina l attivazione delle procedure disciplinari normativamente previste. 3. Si può configurare illecito penale, disciplinare e danno erariale se ci si assenta senza registrare l entrata e l uscita dal lavoro (tramite badge e/o altro strumento stabilito/autorizzato dall Istituto), omettendo di farsi autorizzare e/o non provvedendo al recupero - nelle forme previste dal presente regolamento - del lasso di tempo fruito, nonché se si registra l assenza e/o la presenza a qualsiasi titolo per conto di altri dipendenti. 2. ORARIO DI SERVIZIO 1. Per orario di servizio si intende il tempo giornaliero necessario per assicurare il funzionamento delle strutture e degli uffici e la fruizione dei servizi da parte degli utenti. Una volta definito l orario di servizio delle strutture, il Direttore del Dipartimento di afferenza o, comunque, il dirigente sovraordinato ha la responsabilità di verificare che l organizzazione del lavoro del personale dirigente sia compatibile con la corretta presenza in servizio da parte del personale del comparto. 3. ORARIO DI APERTURA AL PUBBLICO 1. Periodo di tempo, nell ambito dell orario di servizio, in cui è consentito l accesso ai servizi da parte dell utenza. 4. ORARIO DI LAVORO 1. Qualsiasi periodo in cui il dipendente è al lavoro, a disposizione del datore di lavoro e nell esercizio della sua attività o delle sue funzioni. 2. Nell ambito dell orario di lavoro si distinguono: - Orario di lavoro ordinario: coincide con l orario d obbligo contrattuale, come stabilito dal contratto collettivo nazionale di lavoro. - Orario di lavoro straordinario: periodo di tempo nel quale il dipendente è autorizzato a prestare la propria attività lavorativa oltre l orario di lavoro ordinario. 3. Il Coordinatore e la Posizione Organizzativa di riferimento sono responsabili, per quanto di competenza (vedi anche art.11), della gestione dell orario di lavoro. Ai fini del presente regolamento si specifica che, in assenza del Coordinatore, le funzioni proprie sono assunte dalla Posizione Organizzativa. Nelle strutture nelle quali tali figure non sono previste, la responsabilità di gestione è assegnata al dirigente di riferimento. 2

3 5. ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI LAVORO 1. L orario di lavoro ordinario, per il personale a tempo pieno inquadrato nelle categorie dalla A alla Ds, è pari a 36 ore settimanali. 2. L articolazione dell orario di lavoro ordinario è funzionale all orario di servizio e di apertura al pubblico ed è volta ad assicurare l ottimale funzionamento delle strutture e degli uffici in riferimento alle esigenze dei pazienti e degli utenti in generale. 3. L articolazione dell orario di lavoro persegue i seguenti obiettivi: a) garantire la migliore fruibilità dei servizi da parte dell utenza; b) migliorare continuamente la qualità della prestazione; c) ottimizzare le risorse umane anche ai fini del contenimento dei tempi di attesa; d) migliorare i rapporti funzionali con altre strutture, servizi ed altre amministrazioni pubbliche. 4. L articolazione dell orario di lavoro può riguardare il mese, periodi di più settimane, la settimana, la giornata: a) Articolazione mensile: laddove le esigenze del servizio richiedano la presenza di personale nell arco delle dodici o ventiquattro ore si fa ricorso all orario continuato ed articolato in turni sulla base di appositi calendari mensili da rendere noti entro il giorno 24 del mese precedente. b) Articolazione plurisettimanale: a fronte di esigenze di servizio, anche nell ottica di calibrare la maggiore o minore presenza di personale in funzione di periodi di maggiore o minore volume di attività, possono essere predisposti calendari di lavoro plurisettimanali, plurimensili ed annuali con orari settimanali diversi dalle 36 ore. In tal caso, nel rispetto del monte ore annuale, potranno essere previsti periodi con orari di lavoro settimanale fino ad un minimo di 28 ore e, corrispondentemente, periodi - fino a tre mesi all anno - con orario di lavoro settimanale fino ad un massimo di 44 ore settimanali. c) Articolazione settimanale: fermo restando quanto previsto per i lavoratori turnisti, l orario settimanale può essere distribuito su 5 o su 6 giorni. d) Articolazione giornaliera: fermo restando quanto previsto per i lavoratori turnisti i. nel caso di orario di lavoro distribuito su 6 giorni, la giornata lavorativa è di 6 ore; ii. nel caso di orario di lavoro distribuito su 5 giorni, la giornata lavorativa è di 7 ore e 12 minuti (orario A). In alternativa, se giustificato da esigenze di servizio, l orario su 5 giornate lavorative può essere strutturato in n.3 giornate da 6 ore e n.2 giornate da 9 ore (orario B) oppure in n.4 giornate da 8 ore e n.1 giornata da 4 ore (orario C). In casi eccezionali debitamente motivati, su proposta del Dirigente competente per le figure professionali interessate, previo parere positivo del Direttore Sanitario o Amministrativo, per talune figure lavorative può essere prevista una articolazione dell orario giornaliero diversa da quelle sopra elencate. 5. L articolazione oraria settimanale delle Strutture/Uffici viene determinata come segue: a) Su 6 giorni per quelli del Dipartimento di Oncologia Medica e del Dipartimento di Oncologia Chirurgica; b) Tutti gli altri su 5 giorni salvo particolari necessità. Per tutte le unità operative comprese quelle dei Dipartimenti Medico e Chirurgico, entro il mese di ottobre 2014, verrà avviato un percorso di valutazione condiviso con le Organizzazioni 3

4 Sindacali e le RSU finalizzato a verificare l opportunità del mantenimento o dell attivazione dell articolazione oraria settimanale su cinque o su sei giorni. 6. DISPOSIZIONI SULL ORARIO DI LAVORO ARTICOLATO IN TURNI 1. Tipologia per il personale operante nell area sanitaria: - turno H24: ha uno sviluppo su 6 giornate (turno in 6^, pari a 4 gg lavorativi + 2 di riposo) per la copertura di servizi operanti 7gg/sett. sulle 24 ore giornaliere, con cadenze che prevedono una successione di mattine, pomeriggi e notti. Le fasce orarie relative ai turni sono le seguenti: 1 turno: Mattino dalle ore 06:50 alle ore 14:32 2 turno: Pomeriggio dalle ore 13:50 alle ore 21:32 3 turno: Notte dalle ore 20:50 alle ore 07:30 - turno H12: finalizzato alla copertura di servizi operanti 5gg/sett. su 12 ore giornaliere, con cadenze che prevedono una successione di Mattine e Pomeriggi. La fascia oraria di copertura del servizio è dalle 7:00 alle 19: Il restante personale operante su 24 ore mantiene la disposizione delle fasce orarie vigente alla data di entrata in vigore del presente Regolamento. 3. Resta comunque salva la possibilità di eventuali modifiche, anche temporanee, della struttura e dell articolazione d orario del turno a fronte di comprovate esigenze di servizio. 4. Al personale turnista non è riconosciuta flessibilità nell orario di entrata al lavoro. 5. Per quanto riguarda l orario di uscita è ammessa la flessibilità nelle fasce 14:00 14:32, 21:00 21:32 e 7:00 7:30. L eventuale permanenza in servizio oltre la fine turno va gestita secondo quanto previsto all art Compensazioni orarie: gli eventuali debiti o crediti orari, generati dalla distribuzione dei turni nella settimana, dovranno essere recuperati o compensati con apposite pianificazioni della turnistica. 7. Piani: normalmente la turnistica è organizzata mediante piani mensili; ove opportuno in funzione delle esigenze della struttura, la pianificazione potrà essere su base plurimensile o annuale. 8. Cambi turno: è possibile il cambio turno fra gli operatori turnisti; tali cambi devono essere esplicitamente concordati con il Coordinatore. 7. ORARIO D ENTRATA 1. L ora ordinaria di entrata al lavoro coincide con l orario di apertura del servizio al quale il dipendente è assegnato. 2. Per il personale turnista l orario di entrata è previsto dall apposito calendario mensile, secondo le regole stabilite dal precedente art Nell ottica di garantire agli utenti la piena fruibilità delle prestazioni durante l intero orario di apertura dei servizi e in funzione delle esigenze della struttura possono essere previsti - per tutto o per parte del personale - orari di entrata differiti rispetto a quelli di cui al comma Il personale tenuto ad indossare una divisa esclusi i turnisti che seguono quanto previsto dall art. 6 nonché il personale addetto al front office è autorizzato ad entrare al lavoro fino ad un massimo di 10 minuti prima dell orario di apertura del servizio; per il restante personale, ivi compresi coloro che indossano il semplice camice, la timbratura anticipata d entrata in 4

5 servizio rispetto all orario di cui al comma 1 non viene conteggiata ai fini dell assolvimento del debito orario contrattuale. 8. FLESSIBILITÀ 1. Per flessibilità si intende, ai fini del presente Regolamento, la possibilità per il dipendente di anticipare o posticipare l entrata al lavoro (e, in conseguenza, l uscita) rispetto all orario di servizio della struttura di riferimento, senza alcuna diminuzione del debito orario giornaliero e senza alcuna formazione di credito orario giornaliero. 2. La flessibilità è esclusa (=orario rigido): a) per il personale turnista; b) per il personale che opera in un servizio aperto al pubblico e che deve quindi garantire la fruibilità del servizio medesimo negli orari stabiliti; c) negli altri casi in cui la presenza deve essere necessariamente vincolata ad orari prefissati di inizio e fine dell attività. 3. Ove consentita, la flessibilità è da intendersi come possibilità che l entrata sia anticipata o posticipata di 30 minuti rispetto all orario di entrata previsto, ferme restando le condizioni stabilite al comma RIPOSI E PAUSE 1. Ai sensi dell art.8 del D.Lgs. n.66/2003 e vista la Circolare del Ministero del Lavoro n.8/2005, qualora l orario di lavoro giornaliero ecceda il limite di 6 ore il dipendente deve effettuare una pausa, ai fini del recupero delle energie psicofisiche e dell eventuale consumazione del pasto. 2. Di regola la pausa non è inferiore a 30 minuti anche in frazioni non inferiori comunque a 15 minuti né superiore a 60. Le indicazioni per la fruizione della pausa sono di competenza del Coordinatore il quale individua, in relazione alle esigenze di servizio e secondo un principio di rotazione, le modalità secondo cui il personale ne beneficia nella forma continuativa (da 30 a 60 minuti ininterrotti) o in quella frazionata (frazioni di almeno 15 minuti ciascuna). 3. Ove la pausa non sia registrata (uscita-entrata) secondo le modalità di cui all art.11, viene applicata una decurtazione di 30 ; la decurtazione non opera nei confronti: a) del personale che svolge il servizio notturno; b) dell unico personale turnista che opera nel TCAD 5 piano; c) dell unico personale turnista che opera nel servizio portineria; d) di coloro ai quali, eccezionalmente, non sia consentito di beneficiare della pausa nei termini indicati dal precedente comma Per quanto attiene tipologia e modalità di fruizione degli altri riposi, si rinvia a quanto previsto dalla legge, dai Contratti Collettivi e dalle altre disposizioni di servizio vigenti in Istituto. Per quanto riguarda in particolare il riposo giornaliero, si precisa che tra un turno e il successivo devono intercorrere almeno 11 ore di riposo per recupero psicofisico. 10. ANTICIPI E RITARDI - IN ENTRATA E IN USCITA 1. Le registrazioni in entrata effettuate prima dell orario di ingresso previsto dalla fascia oraria di riferimento, oltre l eventuale flessibilità dell art. 8, sono riportate all orario di ingresso previsto (cfr. art.7.4). 2. Le registrazioni in entrata effettuate dopo il limite stabilito per l orario di ingresso previsto dalla fascia oraria di riferimento, oltre l eventuale flessibilità dell art. 8, sono considerate 5

6 ritardi e danno luogo a corrispondente debito orario da gestire secondo quanto previsto all art. 17. Il dipendente è tenuto a giustificarli con esaustiva motivazione ed a recuperare il conseguente debito nei tempi e modi previsti dal presente regolamento secondo quanto concertato con il Coordinatore. In ogni caso il dipendente deve tempestivamente avvisare del ritardo. La valutazione della gravità del ritardo e dell eventuale reiterazione dello stesso è affidata al Coordinatore che, ove ne ravvisi gli estremi, segnala il caso al Direttore del Dipartimento per il seguito disciplinare di competenza, nei tempi e nei modi previsti dalla normativa vigente. 3. Le registrazioni in uscita effettuate prima dell orario previsto, oltre l eventuale flessibilità dell art. 8, danno luogo a corrispondente debito orario e devono essere preventivamente autorizzate dal Coordinatore; in caso contrario esse costituiscono ingiustificato allontanamento dal posto di lavoro e possono dare luogo a procedimento disciplinare. Il debito orario generato deve essere gestito secondo quanto previsto all art Le registrazioni in uscita effettuate dopo l orario previsto, oltre l eventuale flessibilità dell art. 8 e quella derivante dalla fruizione della pausa dell art.9, sono riportate a soli fini conoscitivi (quale individuazione dell eccedenza di orario effettuato rispetto all obbligo contrattuale). Ferma restando l apposita disciplina relativa al personale turnista, i primi 10 minuti eccedenti il dovuto giornaliero non generano straordinario e vengono azzerati automaticamente dal sistema informatico di rilevazione delle presenze/assenze (ovvero decurtati manualmente dal singolo Coordinatore fino all adeguamento del sistema informatico), salvo specifica autorizzazione giustificativa del Coordinatore medesimo per ogni singola e distinta prestazione straordinaria. 11. RILEVAZIONE PRESENZE 1. Il dipendente è tenuto a registrare la presenza in servizio utilizzando il terminale collocato nel punto più vicino alla struttura presso la quale presta la propria attività lavorativa. 2. Il dipendente è tenuto a presentare o far pervenire ogni richiesta scritta e documentazione di assenza, a qualsiasi titolo fatte salve quelle per malattia o infortunio, al Coordinatore nei modi e nei termini contrattualmente e/o legalmente previsti. 3. La gestione di 1 livello del sistema di rilevazione delle presenze/assenze (ossia: rispetto del profilo orario assegnato secondo le modalità previste dal presente Regolamento, riscontro situazioni di debito/eccedenza oraria ed eventuale giustificazione/conferma delle stesse ai fini del riconoscimento come lavoro straordinario, inserimento ferie/permessi, pause non fruite), avviene in sede decentrata a cura del Coordinatore. Periodicamente, dopo la chiusura definitiva di ogni mensilità, la Posizione Organizzativa verifica la completezza e la correttezza dell attività gestionale e trasmette all ufficio presenze/assenze la documentazione completa (ad es.: ferie, permessi vari con relativa giustificazione, etc.) nonché le autorizzazioni e/o giustificazioni per ritardi d entrata o anticipi d uscita ed ogni altra documentazione necessaria alle verifiche di 2 livello. 12. MANCATA REGISTRAZIONE ENTRATA/USCITA 1. Il dipendente che in buona fede si presenta al lavoro dimenticando di portare con sé il badge per la registrazione dell ingresso e dell uscita deve utilizzare la copia del proprio badge disponibile presso la portineria del CRO. Il dipendente che in buona fede dimentichi di registrare l accesso o l uscita della giornata lavorativa deve immediatamente, e comunque non 6

7 oltre il primo giorno lavorativo utile, dichiarare il proprio orario attraverso certificazione resa sotto la propria responsabilità e sottoscritta ai sensi del DPR 445/2000 secondo le modalità già indicate all art Poiché comportamenti reiterati nel senso di omissioni di registrazione di ingressi o uscite sono ascrivibili a negligenza da parte del dipendente, oltre i 4 eventi mensili, previa verifica tecnica, sarà avviato procedimento disciplinare nei confronti del dipendente, nei tempi e nei modi previsti dalla normativa vigente. 13. PERMESSI 1. Fermo restando che la disciplina dei permessi giustificativi dell assenza dal lavoro è contenuta nel Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro, si ritiene comunque opportuno richiamare quanto segue. a) I permessi retribuiti ai sensi dell art. 21, comma 2 del CCNL 1 settembre 1995 possono essere goduti anche in misura frazionata, in tal caso non superando n. 18 ore complessive annue. Le assenze a titolo di permesso retribuito devono essere richieste, di norma, almeno 3 giorni prima dell evento e documentate volta per volta. b) Altresì il dipendente, a domanda, può assentarsi dal lavoro per una parte della giornata lavorativa, se autorizzato, attraverso utilizzo di permessi brevi da recuperare. Tali permessi non possono avere durata superiore alla metà dell orario di lavoro giornaliero, purché questo sia costituito da almeno quattro ore consecutive e non possono comunque superare le 36 ore annue. La richiesta del permesso breve deve essere formulata, di norma, almeno 3 giorni prima dell evento per consentire l adozione delle necessarie misure organizzative. Il dipendente è tenuto a recuperare le ore non lavorate di norma non oltre il mese successivo. 14. LAVORO STRAORDINARIO 1. Le prestazioni di lavoro straordinario hanno carattere eccezionale, devono rispondere ad effettive esigenze di servizio e devono essere autorizzate, di norma preventivamente, dal Coordinatore. 2. Il Direttore del Dipartimento di afferenza è direttamente responsabile della verifica che l organizzazione del lavoro del personale dirigente sia compatibile con il ricorso al lavoro straordinario del personale del comparto solo per cause di effettiva necessità. 3. Le eccedenze orarie maturate senza autorizzazione o non giustificate a posteriori da chi di competenza non generano alcuno straordinario, né ai fini di liquidazione né ai fini di recupero compensativo. 4. L autorizzazione implica la verifica della sussistenza delle ragioni che rendano necessario il ricorso a tale tipologia di lavoro: tali ragioni devono trovare fondamento in esigenze realmente indifferibili ed urgenti, cui non possa farsi fronte con diversa organizzazione del servizio. 5. L autorizzazione a svolgere lavoro straordinario può essere adottata solo nel rispetto del massimale annuo pro-capite di ore 180 e nell ambito delle risorse disponibili come assegnate annualmente ad ogni struttura; a tale ultimo riguardo il Coordinatore è responsabile del monitoraggio e la Posizione Organizzativa è responsabile della verifica della congruità delle ore straordinarie montanti rispetto al budget complessivo assegnato al Dipartimento, fermo restando quanto già esplicitato al precedente punto 2. 7

8 6. Nell ipotesi di lavoro prestato in chiamata su turno assegnato in pronta disponibilità, ferma restando la compatibilità con il budget disponibile, il pagamento delle ore effettivamente prestate può avvenire anche oltre il limite annuo pro-capite di 180 ore, comunque entro il limite massimo di 250 ore annuali previsto dal CCNL. Il lavoro straordinario effettuato a seguito di chiamata in pronta disponibilità non può essere addebitato a titolo di recupero nel caso in cui il lavoratore si trovi in una situazione di debito orario, a meno che non sia lo stesso lavoratore a richiederlo. 7. Trimestralmente ciascuna struttura trasmette alla S.O. Gestione delle Risorse Umane l elenco del personale che è stato autorizzato a svolgere lavoro straordinario, distinguendo per ognuno le ore destinate al pagamento e quelle destinate al recupero compensativo. 8. La formazione di straordinario è subordinata all assolvimento del debito orario contrattualmente previsto. 9. Qualora dalle contabilizzazioni dovesse eventualmente risultare una eccedenza oraria non autorizzata come straordinario, la stessa verrà eliminata una volta concluse le relative verifiche da effettuarsi a carico dei responsabili di cui al punto Il monitoraggio del lavoro straordinario sarà esaminato in seno ad un apposito osservatorio paritetico costituito da rappresentanti sindacali e dell amministrazione CRO. 15. RECUPERI COMPENSATIVI 1. Tenuto conto delle esigenze organizzative della struttura, il Coordinatore può autorizzare recuperi compensativi in luogo della preferibile liquidazione dello straordinario. Una volta esaurito il budget assegnato per liquidare ore straordinarie, il Coordinatore procederà alla pianificazione dei recuperi compensativi, secondo quanto illustrato nel successivo comma Il recupero dello straordinario effettuato è consentito, sotto la responsabilità del Coordinatore, secondo il seguente modello operativo: a) a ore; b) a giornata/e intera/e: a condizione che lo straordinario sia almeno pari alla giornata lavorativa e non comprometta la regolare fruizione delle ferie. 3. Ai recuperi va dato perentoriamente corso entro il 30 giugno dell anno successivo a quello nel quale sono state maturate le eccedenze. 16. NORMA TRANSITORIA 1. In via transitoria ed al fine di riallineare le diverse situazioni presenti in Istituto alla data di entrata in vigore del presente Regolamento, il Coordinatore e la Posizione Organizzativa, verificata la eventuale situazione di eccedenza oraria maturata al 30 aprile 2011 dai propri dipendenti e assumendosene la piena responsabilità: a) individuano la parte di eccedenza oraria riconoscibile come lavoro straordinario, in conformità all art.14 comma 3; b) predispongono un piano di liquidazione/recupero a valere sul budget annuale assegnato da realizzarsi perentoriamente entro e non oltre il che deve essere sottoposto al Dirigente delle professioni sanitarie o al Direttore Amministrativo in rapporto alle afferenze di Area, entro 60 giorni dalla produzione della reportistica definitiva relativa alla situazione oraria maturata al 30 aprile

9 2. Le eccedenze orarie presenti al , relative sia all anno 2013 medesimo che ad eventuali annualità pregresse vengono conglobate al fine di una gestione distinta delle stesse mediante appositi piani di recupero, al netto di rettifiche-liquidazioni-utilizzi per RAR o altre attività/incentivazioni se previste, ed uno specifico codice di registrazione dei recuperi medesimi. I Piani di recupero, i cui contenuti e caratteristiche sono definiti con gli strumenti di programmazione gestionale dell Istituto, vanno attuati e completati entro il Restano salvi i Piani di recupero già previsti ed in atto fino al , fatta salva l eventuale rinegoziazione degli stessi. Le eccedenze orarie di cui al presente comma che ancora residuino al saranno oggetto di valutazione per il riconoscimento o l eventuale decurtazione, previa verifica semestrale sull andamento del recupero. 17. DEBITO ORARIO IN COSTANZA DI RAPPORTO DI LAVORO 1. L eventuale debito orario formato dal dipendente deve essere recuperato al più presto ed attraverso un piano di rientro concertato con il Coordinatore, fatto salvo il caso in cui il dipendente richieda addebito diretto sullo stipendio per impossibilità al recupero. In tal caso, fatta comunque salva l attivazione delle procedure disciplinari nelle misure eventualmente previste, il Coordinatore trasmette alla S.O. Gestione delle Risorse Umane apposita comunicazione - sottoscritta dal dipendente medesimo - affinché si provveda al corrispondente recupero sullo stipendio. Previo contraddittorio, il recupero viene operato d ufficio nei limiti di legge qualora il piano di rientro non venga rispettato dal dipendente. 2. Il debito orario maturato nel corso di un anno solare deve risultare comunque sanato entro il trimestre successivo a quello di maturazione dell orario corrispondente. Ove ciò non avvenga, alla data del 01/05 di ciascun anno, l eventuale debito orario presente al 31/12 dell anno precedente, previo contraddittorio, viene addebitato d ufficio e nei limiti di legge a partire dalla mensilità successiva. Art ABROGAZIONI E RINVII 1. Le disposizioni del presente regolamento abrogano le precedenti emanate dall Istituto nelle stesse materie. 2. Per tutto quanto non previsto nel presente regolamento si fa rinvio alle norme di legge, regolamento e contratto collettivo vigenti, ove applicabili. Eventuali successive modifiche in materia, ad opera di qualsiasi fonte normativa, saranno immediatamente applicate; qualora si tratti di interventi che richiedano una modifica anche del presente regolamento saranno applicate a livello di principio. Dallo stesso momento saranno disapplicate le norme del presente regolamento per le parti divenute incompatibili con la normativa sopravvenuta. Art ENTRATA IN VIGORE 1. Il presente Regolamento, contenente modifiche ed integrazioni rispetto al testo adottato con deliberazione n. 90 in data e successivamente modificato con deliberazione n. 219 in data , entrerà in vigore, dopo la pubblicazione all Albo dell Istituto, dalla data del 1 ottobre 2014 e sarà soggetto a verifiche periodiche da parte delle Direzioni del CRO. 9

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO. Art. 1 - Finalità e definizioni

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO. Art. 1 - Finalità e definizioni REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO Art. 1 - Finalità e definizioni 1. Ai fini del presente regolamento si intende: - per ufficio l insieme funzionale di competenze amministrative e tecniche attribuite ad una

Dettagli

ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO

ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO DEL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO PREMESSA La presente regolamentazione disciplina gli adempimenti necessari per l osservanza dell

Dettagli

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO

COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO COMUNE DI SAN COLOMBANO AL LAMBRO REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO 1 INDICE Art. 1 L orario di lavoro ordinario Art. 2 L orario differenziato

Dettagli

Accordo Sindacale. Visto il CCNL 2002-2005, I biennio economico - d.d. 27.01.2005 ed in particolare l art. 12 e l art. 34;

Accordo Sindacale. Visto il CCNL 2002-2005, I biennio economico - d.d. 27.01.2005 ed in particolare l art. 12 e l art. 34; Accordo Sindacale Regolamento Lavoro Straordinario: durata minima lavoro straordinario e limite individuale ore/anno liquidabili nonché norme di utilizzo flessibilità modificative dell attuale regolamento

Dettagli

COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI

COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI COMUNE DI CANTERANO PROVINCIA DI ROMA ********************** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEI DIPENDENTI ********************** Approvato con Deliberazione di

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ALLEGATO A ALLA DELIBERA DI G.C. N. 71 DEL 05.11.2009 REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI

Dettagli

Art.1 Oggetto del regolamento

Art.1 Oggetto del regolamento REGOLAMENTO PER L ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO APPROVATO CON DELIBERA COMMISSARIALE N. 72/2013 MODIFICATA CON DELIBERA COMMISSARIALE N. 89/2013 E DELIBERA COMMISSARIALE N. 138/2013. Art.1 Oggetto del

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE ART. 1 RILEVAZIONE DELLE PRESENZE Ai sensi della vigente disciplina contrattuale, l orario di lavoro dei dipendenti è accertato mediante controlli

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO Articolo 1 (Orario di lavoro Dovuto Ordinario Straordinario Orario di Servizio. Definizioni) 1. Nell ambito dell orario di lavoro si distinguono:

Dettagli

COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012

COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012 COMUNE DI TIVOLI ANNO 2012 ACCORDO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Il presente accordo

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE

COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE COMUNE DI SOGLIANO AL RUBICONE Provincia di Forlì - Cesena REGOLAMENTO COMUNALE DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE Adottato con atto deliberativo di Giunta Comunale n 83 del 02.08.2002 Modificato

Dettagli

Polo Universitario della Provincia di Agrigento

Polo Universitario della Provincia di Agrigento Polo Universitario della Provincia di Agrigento DIRETTIVA DEL RESPONSABILE DEL SETTORE AA.GG. N. 3 del _15/02/2013_ OGGETTO: GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE

Dettagli

(Concertato con la Delegazione sindacale dell Unione il 9/12/2008) Approvato con Delibera di Giunta dell Unione N.

(Concertato con la Delegazione sindacale dell Unione il 9/12/2008) Approvato con Delibera di Giunta dell Unione N. DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO, DEI RELATIVI CONTROLLI E DEL LAVORO STRAORDINARIO DEL PERSONALE DELL UNIONE DEI COMUNI DELLA BASSA ROMAGNA (Concertato con la Delegazione sindacale dell

Dettagli

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE

REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE REGOLAMENTO DELL ORARIO DI LAVORO (emanato con decreto rettorale 12 gennaio 2004, n. 178) INDICE Articolo 1 (Orario ordinario di lavoro e di servizio. Definizioni) Articolo 2 (Articolazione dell orario)

Dettagli

DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO

DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO CITTÀ DI OZIERI PROVINCIA DI SASSARI DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO APPROVATO CON DELIBERAZIONE G.C. N.101 DEL 05.06.2013 1 Indice A Orario di Lavoro B Flessibilità dell'orario C Pausa

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA COMUNE DI BORDIGHERA Provincia di Imperia REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE DEL PERSONALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO, PER LA FRUIZIONE DELLE FERIE E PER GLI ISTITUTI DEL TURNO E DELLA REPERIBILITA

Dettagli

Regolamento sull orario del personale del comparto ARPAV

Regolamento sull orario del personale del comparto ARPAV Raccolta Regolamenti ARPAV n. 28 Agenzia Regionale per la Prevenzione e Protezione Ambientale del Veneto Regolamento sull orario del personale del comparto ARPAV Approvato con deliberazione del Decreto

Dettagli

Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto)

Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto) Comune di Castel del Piano (provincia di Grosseto) REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO, DI SERVIZIO E DI APERTURA DEGLI UFFICI AL PUBBLICO (Approvato con Deliberazione G.C. n. 89 del 08/07/2013) I N D I C E ART.

Dettagli

REGOLAMENTO SULL'ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI PADRIA

REGOLAMENTO SULL'ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI PADRIA REGOLAMENTO SULL'ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO DEL COMUNE DI PADRIA Il presente regolamento, ai sensi dell art. 5, comma 2, del D.Lgs. n. 165/2001, disciplina i tempi e le modalità

Dettagli

SETTORE 2 U.O. Risorse Umane ed Organizzazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO

SETTORE 2 U.O. Risorse Umane ed Organizzazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO SETTORE 2 U.O. Risorse Umane ed Organizzazione REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO Approvato con Deliberazione di G.C. n. 258 del 20.12.2012 Modificato con Deliberazione

Dettagli

LE PARTI PREMESSO CHE

LE PARTI PREMESSO CHE AZIENDA UNITA SANITARIA LOCALE DI MODENA ACCORDO RELATIVO ALLA REGOLAMENTAZIONE DELL ORARIO DI SERVIZIO, DELL ORARIO DI LAVORO E RELATIVA ARTICOLAZIONE DEL PERSONALE DELL AREA COMPARTO Il giorno 28 marzo

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO INDICE: Art.1 Definizioni Art.2 L orario di servizio Art.3 L orario di apertura al pubblico Art.4 L orario di lavoro Art.5 L orario dei

Dettagli

CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO ISTITUTO NAZIONALE TUMORI - AVIANO

CENTRO DI RIFERIMENTO ONCOLOGICO ISTITUTO NAZIONALE TUMORI - AVIANO REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO del personale dirigente adottato con deliberazione n. 78 del 09.05.2011 Art. 1. ORARIO DI LAVORO 1. Per Orario di Lavoro è da intendersi qualsiasi periodo in cui il Dirigente

Dettagli

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE.

DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. DIRETTIVE PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Le presente direttive vengono adottate al

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI LAVORO DELLA DIRIGENZA S.P.T.A. IN SERVIZIO PRESSO ARPA UMBRIA ART.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI LAVORO DELLA DIRIGENZA S.P.T.A. IN SERVIZIO PRESSO ARPA UMBRIA ART. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI LAVORO DELLA DIRIGENZA S.P.T.A. IN SERVIZIO PRESSO ARPA UMBRIA ART. 1 PREMESSA Il presente regolamento disciplina l orario di lavoro del

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORARIO DI SERVIZIO, SUL LAVORO STRAORDINARIO E SULLA BANCA DELLE ORE

REGOLAMENTO SULL ORARIO DI SERVIZIO, SUL LAVORO STRAORDINARIO E SULLA BANCA DELLE ORE COMUNE DI PORTOGRUARO Provincia di Venezia REGOLAMENTO SULL ORARIO DI SERVIZIO, SUL LAVORO STRAORDINARIO E SULLA BANCA DELLE ORE APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 230 DEL 14.11.2002.

Dettagli

COMUNE DI GROTTAMMARE

COMUNE DI GROTTAMMARE COMUNE DI GROTTAMMARE 63013 PROVINCIA DI ASCOLI PICENO P.IVA 00403440449 * Tel. 0735-7391 * Fax 0735-735077 REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO (approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO SANITA IN SERVIZIO PRESSO ARPA UMBRIA

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO SANITA IN SERVIZIO PRESSO ARPA UMBRIA Allegato A) alla D.D.G. n. 521 del 28/12/2011 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO SANITA IN SERVIZIO PRESSO ARPA UMBRIA Art.

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA PRESENZA IN SERVIZIO ED IL FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA AUTOMATICO DI RILEVAZIONE DELLE PRESENZE

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA PRESENZA IN SERVIZIO ED IL FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA AUTOMATICO DI RILEVAZIONE DELLE PRESENZE COMUNE DI ROCCHETTA SANT ANTONIO (Provincia di Foggia) REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LA PRESENZA IN SERVIZIO ED IL FUNZIONAMENTO DEL SISTEMA AUTOMATICO DI RILEVAZIONE DELLE PRESENZE Approvato dalla Giunta

Dettagli

COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA **********

COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA ********** COMUNE DI SALE MARASINO PROVINCIA DI BRESCIA ********** REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 162 del 19.11.2014

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO. (Approvato con delibera Giunta Comunale n. 29 del 3 marzo 2010)

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO. (Approvato con delibera Giunta Comunale n. 29 del 3 marzo 2010) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO (Approvato con delibera Giunta Comunale n. 29 del 3 marzo 2010) 1 INDICE Art. 1 Definizioni Art. 2 Articolazione dell orario di lavoro Art.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DELLA PRESENZA IN SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI AVIGLIANO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DELLA PRESENZA IN SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI AVIGLIANO ALLEGATO A ALLA DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 63 DEL 14/6/2013 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DELLA PRESENZA IN SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI AVIGLIANO ART.

Dettagli

COMUNE DI VICO DEL GARGANO PROVINCIA DI FOGGIA

COMUNE DI VICO DEL GARGANO PROVINCIA DI FOGGIA COMUNE DI VICO DEL GARGANO PROVINCIA DI FOGGIA REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO Articolo 1 (Orario di lavoro Dovuto Ordinario Orario di Servizio. Definizioni) 1. Nell ambito

Dettagli

COMUNE di BUSACHI Provincia di Oristano

COMUNE di BUSACHI Provincia di Oristano COMUNE di BUSACHI Provincia di Oristano Piazza Italia, 1 Tel. 0783 62010-62274 - Fax 0783 62433 - P. IVA 00541880951 REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI APERTURA AL PUBBLICO Approvato

Dettagli

AZIENDA SPECIALE TORINO INCONTRA Regolamento della gestione organizzativa e del personale

AZIENDA SPECIALE TORINO INCONTRA Regolamento della gestione organizzativa e del personale AZIENDA SPECIALE TORINO INCONTRA Regolamento della gestione organizzativa e del personale Articolo 1 Orario di lavoro 1. L orario normale di lavoro è di 40 ore settimanali corrispondenti a 8 ore al giorno

Dettagli

COMUNE DI CAMPEGINE ART. 1 NORME DI PRINCIPIO

COMUNE DI CAMPEGINE ART. 1 NORME DI PRINCIPIO COMUNE DI CAMPEGINE REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 NORME DI PRINCIPIO 1. Il presente Regolamento

Dettagli

Regolamento dell orario di lavoro e di servizio

Regolamento dell orario di lavoro e di servizio ENTE-PARCO REGIONALE MIGLIARINO SAN ROSSORE MASSACIUCCOLI Tenuta di San Rossore - Località Cascine Vecchie - 56122 PISA Regolamento dell orario di lavoro e di servizio Approvato con deliberazione Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO, DI SERVIZIO E DI APERTURA AL PUBBLICO. Art. 1 Fonti e campo di applicazione

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO, DI SERVIZIO E DI APERTURA AL PUBBLICO. Art. 1 Fonti e campo di applicazione REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO, DI SERVIZIO E DI APERTURA AL PUBBLICO Art. 1 Fonti e campo di applicazione 1. Il presente regolamento disciplina l orario di lavoro del personale tecnico e amministrativo

Dettagli

REGOLE APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEL COMUNE DI COTIGNOLA

REGOLE APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEL COMUNE DI COTIGNOLA AREA PERSONALE E ORGANIZZAZIONE Servizio Amministrazione del Personale Corso Garibaldi, 62 48022 Lugo Tel. 0545 38311 Fax 0545 38442 marinid@unione.labassaromagna.it REGOLE APPLICATIVE DEL REGOLAMENTO

Dettagli

PROVINCIA DI MATERA. REGOLAMENTO del nuovo orario di lavoro, banca delle ore e buono pasto

PROVINCIA DI MATERA. REGOLAMENTO del nuovo orario di lavoro, banca delle ore e buono pasto PROVINCIA DI MATERA REGOLAMENTO del nuovo di lavoro, banca delle ore e buono pasto APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI G.P. N. 287 DEL 21.11.2013 REGOLAMENTO DEL NUOVO ORARIO DI LAVORO, BANCA DELLE ORE E BUONO

Dettagli

Per tutti i profili la prestazione lavorativa dovrà essere resa fra le 7.30 e le 20.00.

Per tutti i profili la prestazione lavorativa dovrà essere resa fra le 7.30 e le 20.00. A far data da marzo 2011 entrerà in funzione il nuovo sistema di gestione presenze che snellirà tutte le procedure ad esso connesse con particolare riguardo alla rilevazione delle timbrature e dei giustificativi.

Dettagli

Autorità Idrica Toscana

Autorità Idrica Toscana REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO, DELLE ASSENZE E DEI PERMESSI DEL PERSONALE DIPENDENTE Approvato con decreto del Direttore Generale n. 21 del 18 febbraio 2013 e successivamente modificato

Dettagli

LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO Art. 1 (Orario di lavoro Dovuto Ordinario Straordinario Orario di Servizio. Definizioni)

LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO Art. 1 (Orario di lavoro Dovuto Ordinario Straordinario Orario di Servizio. Definizioni) LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO Art. 1 (Orario di lavoro Dovuto Ordinario Straordinario Orario di Servizio. Definizioni) 1. Nell ambito dell orario di lavoro si distinguono: Dovuto è il complesso teorico

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

DISCIPLINA ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO, RITARDI, PAUSE E MANCATE TIMBRATURE DA PARTE DEL PERSONALE DIPENDENTE. IL SINDACO (Walter Marongiu)

DISCIPLINA ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO, RITARDI, PAUSE E MANCATE TIMBRATURE DA PARTE DEL PERSONALE DIPENDENTE. IL SINDACO (Walter Marongiu) Allegato atto GC n.39 del 7/5/2015 COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari DISCIPLINA ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO, RITARDI, PAUSE E MANCATE TIMBRATURE DA PARTE DEL PERSONALE DIPENDENTE. IL SINDACO

Dettagli

COMUNE DI CAMPOROTONDO ETNEO. (Provincia di Catania) Cod. fise. 8000 8130 876 REGOLAMENTO DISCÍPLINA ORARIO DI LAVORO DI SERVIZIO E FLESSIBILITÀ

COMUNE DI CAMPOROTONDO ETNEO. (Provincia di Catania) Cod. fise. 8000 8130 876 REGOLAMENTO DISCÍPLINA ORARIO DI LAVORO DI SERVIZIO E FLESSIBILITÀ COMUNE DI CAMPOROTONDO ETNEO (Provincia di Catania) Cod. fise. 8000 8130 876 REGOLAMENTO DISCÍPLINA ORARIO DI LAVORO DI SERVIZIO E FLESSIBILITÀ Approvato c îon delibera di G.M. n. 74 del 15/11/2013 Modificato

Dettagli

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA PISANA

AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA PISANA AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA PISANA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DEL COMPARTO Art. 1 Fonti e campo di applicazione Il presente regolamento si applica al personale

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA Ufficio Risorse Umane Ripartizione Personale Tecnico Amministrativo

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PAVIA Ufficio Risorse Umane Ripartizione Personale Tecnico Amministrativo REGOLE DI CARATTERE GENERALE PER LA RILEVAZIONE INFORMATIZZATA DELLE PRESENZE Al fine della corretta gestione della rilevazione informatizzata delle presenze e in applicazione del C.C.N.L. 9.8.2000, sono

Dettagli

OO.SS. AREA DIRIGENZA MEDICA REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO

OO.SS. AREA DIRIGENZA MEDICA REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO OO.SS. AREA DIRIGENZA MEDICA REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO FERRARA, Febbraio 2002 REGOLAMENTO AZIENDALE ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO DELLA DIRIGENZA MEDICA DELL AZIENDA OSPEDALIERA DI FERRARA SOMMARIO

Dettagli

REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI QUARTU SANT ELENA

REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI QUARTU SANT ELENA REGOLAMENTO SULL ORARIO DI LAVORO DEI DIPENDENTI DEL COMUNE DI QUARTU SANT ELENA ART.1 OGGETTO 1. Il presente regolamento, adottato con la capacità e i poteri del privato datore di lavoro, ai sensi dell

Dettagli

BOZZA DEL 29 OTTOBRE 2013. Regole generali relative all orario di lavoro. ottobre 2014

BOZZA DEL 29 OTTOBRE 2013. Regole generali relative all orario di lavoro. ottobre 2014 BOZZA DEL 29 OTTOBRE 2013 Regole generali relative all orario di lavoro ottobre 2014 1 INDICE 1. ORARIO DI LAVORO pag. 3 2. ORARIO DI LAVORO PERSONALE APPARTENENTE AI LIVELLI IV-VIII pag. 3 2.1 Flessibilità

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELL OROLOGIO MARCATEMPO

REGOLAMENTO PER L USO DELL OROLOGIO MARCATEMPO ISTITUTO ONNICOMPRENSIVO CELANO REGOLAMENTO PER L USO DELL OROLOGIO MARCATEMPO Rilevazione delle presenze e dell orario di lavoro tramite sistema automatizzato a badge applicazione dell art. 5 del D.Lgs.

Dettagli

Approvato con delibera di Giunta Unione n. 45 del 11/05/2011

Approvato con delibera di Giunta Unione n. 45 del 11/05/2011 SETTORE ORGANIZZAZIONE RISORSE UMANE Servizio Sviluppo del Personale Corso Garibaldi, 62 48022 Lugo Tel. 0545 38328 Fax 0545 38440 cavalluccif@unione.labassaromagna.it DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO,

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI POLITICHE DELL ORARIO DI LAVORO

REGOLAMENTO IN MATERIA DI POLITICHE DELL ORARIO DI LAVORO REGOLAMENTO IN MATERIA DI POLITICHE DELL ORARIO DI LAVORO ART. 1 - OGGETTO 1. Il presente regolamento, adottato con la capacità e i poteri del privato datore di lavoro, ai sensi dell art. 89, comma 6,

Dettagli

CITTA DI PISTICCI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio 2004) (Provincia di Matera)

CITTA DI PISTICCI. (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio 2004) (Provincia di Matera) CITTA DI PISTICCI (Provincia di Matera) R E G O L A M E N T O O R A R I O D I S E R V I Z I O E D I A C C E S S O D E L P U B B L I C O (Approvato con deliberazione di Giunta Comunale nr. 138 del 20 maggio

Dettagli

ORARIO DI LAVORO. Articolo 1. Norme generali

ORARIO DI LAVORO. Articolo 1. Norme generali ORARIO DI LAVORO Articolo 1 Norme generali 1. L orario di apertura delle strutture dell Università di Parma è il seguente: dal lunedì al venerdì dalle ore 7.00 alle ore 20.00, sabato secondo un orario

Dettagli

MARANELLO PATRIMONIO SRL

MARANELLO PATRIMONIO SRL MARANELLO PATRIMONIO SRL REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO approvato con determina dell Amministratore Unico nr. 15 del 13/12/2012 e modificato con determina dell Amministratore Unico nr.4 del 10/02/2014

Dettagli

COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI

COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI / COMUNE DI PLOAGHE PROVINCIA DI SASSARI REGOLAMENTO DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO ED EROGAZIONE BUONI PASTO approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 92 in data 06.11.2014 modificato con

Dettagli

C O M U N E D I B R I N D I S I Settore Sviluppo Risorse Umane

C O M U N E D I B R I N D I S I Settore Sviluppo Risorse Umane C O M U N E D I B R I N D I S I Settore Sviluppo Risorse Umane Regolamento per la disciplina dell'orario degli uffici e dei servizi comunali e delle attività didattico/educative di pertinenza comunale

Dettagli

OGGETTO: DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE NON DIRIGENTE - COMPARTO SANITÀ - A TEMPO INDETERMINATO E DETERMINATO.

OGGETTO: DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE NON DIRIGENTE - COMPARTO SANITÀ - A TEMPO INDETERMINATO E DETERMINATO. Prot. 65323/03/04 TM\MG Bologna, 17/5/2011 Ai Direttori di - Dipartimento - Distretto Ai Responsabili amministrativi di - Dipartimento - Distretto Al Direttore dello Staff Aziendale Al Direttore della

Dettagli

COMUNE DI TAIBON AGORDINO REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO

COMUNE DI TAIBON AGORDINO REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO COMUNE DI TAIBON AGORDINO REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO Approvato con deliberazione di Giunta comunale n. 96 del 30.12.2014 In vigore dal 01.01.2015 ART. 1 ORARIO DI LAVORO 1. Per orario di

Dettagli

REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO AL PUBBLICO

REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO AL PUBBLICO CITTÀ DI BAVENO Provincia del Verbano Cusio Ossola Ufficio Segreteria REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO E DI ACCESSO AL PUBBLICO 1 Titolo 1 : Personale Comunale. Art. 1 Orario di Servizio. 1. Il comune di

Dettagli

CITTA DI MONOPOLI Provincia di Bari. Regolamento in materia di presenza in servizio dei dipendenti comunali

CITTA DI MONOPOLI Provincia di Bari. Regolamento in materia di presenza in servizio dei dipendenti comunali CITTA DI MONOPOLI Provincia di Bari Regolamento in materia di presenza in servizio dei dipendenti comunali Approvato con delibera di G.C. n. 187 del 26/10/2005 SOMMARIO Articolo 1 - Definizioni Principi

Dettagli

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BOLOGNA

CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BOLOGNA CONSIGLIO DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI BOLOGNA REGOLAMENTO DI SEGRETERIA Art. 1 Descrizione 1. Il Regolamento è stilato a uso interno del Consiglio dell Ordine degli Avvocati di Bologna inteso in tutti

Dettagli

CITTA METROPOLITANA DI MESSINA L.R. n. 15/2015

CITTA METROPOLITANA DI MESSINA L.R. n. 15/2015 CITTA METROPOLITANA DI MESSINA L.R. n. 15/2015 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO, DEL LAVORO STRAORDINARIO, DEI PERMESSI, DEI RITARDI E DELLE ASSENZE DEI DIPENDENTI

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE POLITICHE DEGLI ORARI

REGOLAMENTO SULLE POLITICHE DEGLI ORARI REGOLAMENTO SULLE POLITICHE DEGLI ORARI Approvato con deliberazione n. 61 del 23.10.2006 ART. l Orario di servizio Per orario di servizio si intende il periodo di tempo giornaliero necessario per assicurare

Dettagli

COMUNITA MONTANA LL9:SiNO FRASASSI

COMUNITA MONTANA LL9:SiNO FRASASSI COMUNITA MONTANA LL9:SiNO FRASASSI (Anibito 3) 60044 FABRIAN() (AN) (Provincia di Ancona) REGOLAMENTO PER LA D1SCIPLIN DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO E PER LA EROGAZIONE ED UTILIZZO DEI BUONI PASTO

Dettagli

Disciplinare relativo alle modalità di gestione delle presenze, assenze ed orario di lavoro del personale dipendente

Disciplinare relativo alle modalità di gestione delle presenze, assenze ed orario di lavoro del personale dipendente Disciplinare relativo alle modalità di gestione delle presenze, assenze ed orario di lavoro del personale dipendente Approvato con delibera Giunta Comunale n. 97 del 27/08/2013 1 Articolo 1 OGGETTO DEL

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI. Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 40 del 20/03/2014. REGOLAMENTO PER LA

Dettagli

COMUNE DI TRENTINARA

COMUNE DI TRENTINARA REGOLAMENTO ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E DI ACCESSO DEL PUBBLICO Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n.142 del 9 dicembre 2013 Art. 1 - Finalità e ambito di intervento Il presente Regolamento,

Dettagli

Comune di Capannori Provincia di Lucca

Comune di Capannori Provincia di Lucca Allegato 1 Comune di Capannori Provincia di Lucca Regolamento Comunale per la disciplina dell orario di servizio e di lavoro 1 Premessa Il presente regolamento è approvato nel rispetto dei contratti vigenti.

Dettagli

REGOLAMENTO UFFICI E SERVIZI. APPENDICE. Regolamento sull orario di lavoro.

REGOLAMENTO UFFICI E SERVIZI. APPENDICE. Regolamento sull orario di lavoro. COMUNE DI STRIANO (Provincia di Napoli) Via Sarno, 80040 Striano Tel. 081.8276202 Fax 081. 8276103 P.I. 01254261215 - C.F. 01226000634 segreteria@comune.striano.na.it www.comune.striano.na.it REGOLAMENTO

Dettagli

Comune di Casal di Principe Provincia di caserta

Comune di Casal di Principe Provincia di caserta Comune di Casal di Principe Provincia di caserta Regolamento per la gestione dell orario di lavoro e di servizio, del lavoro straordinario, delle ferie, dei permessi, dei ritardi e delle assenze dei dipendenti.

Dettagli

COMUNE DI CALVELLO. Provincia di Potenza

COMUNE DI CALVELLO. Provincia di Potenza Calvello, 17/08/2015 Direttiva n. 01/2015 COMUNE DI CALVELLO Provincia di Potenza Ai Responsabili di Settore Ai dipendenti dell Ente E, p.c. al Sindaco Oggetto: disposizioni in materia di gestione del

Dettagli

REGOLAMENTO DEL PERSONALE DI UNIONCAMERE PIEMONTE

REGOLAMENTO DEL PERSONALE DI UNIONCAMERE PIEMONTE REGOLAMENTO DEL PERSONALE DI UNIONCAMERE PIEMONTE Art. 1 (Segretario Generale) Il Segretario Generale è il capo del personale. Egli, oltre ad assolvere le mansioni stabilite dallo Statuto dell Unioncamere

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA PER IL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA PER IL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FOGGIA REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO SOSTITUTIVO DI MENSA PER IL PERSONALE TECNICO-AMMINISTRATIVO (emanato con D.R. n.882, prot. n. 14936-I/3 del 22.07.2010)

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ROTTOFRENO

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ROTTOFRENO Approvato con delibera di Giunta Comunale n.69 del 29.04.16 REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ROTTOFRENO ART. 1 DEFINIZIONI Il presente

Dettagli

CITTÀ DI ALESSANDRIA

CITTÀ DI ALESSANDRIA CITTÀ DI ALESSANDRIA Approvato con deliberazione G.C. n. 295 del 04.11.2015. - Disciplina per l erogazione dei buoni pasto in vigore dal 09 novembre 2015-1 Art. 1 - PRINCIPI GENERALI 1. La presente Disciplina

Dettagli

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro

Paghe. Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Labancaoreinbustapaga Bartolomeo La Porta e Barbara Bionda - Consulenti del lavoro Definizione Riposi compensativi La banca ore è un istituto contrattuale che consiste nell accantonamento, su di un conto

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ARSOLI

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ARSOLI REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI ARSOLI ART. 1. DEFINIZIONI ART. 2. ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI SERVIZIO ART. 3. ORARIO ORDINARIO

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO COMUNE DI OMEGNA

REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO COMUNE DI OMEGNA REGOLAMENTO IN MATERIA DI ORARIO DI LAVORO COMUNE DI OMEGNA Approvato con delibera G.C. n.24 in data 11 febbraio 2009 Modificato con deliberazione di Giunta Comunale n.126 del 15/07/2009 Modificato con

Dettagli

ORARIO DI LAVORO. 1) Tipi di orari e scelta dell orario di lavoro (personale non turnista)

ORARIO DI LAVORO. 1) Tipi di orari e scelta dell orario di lavoro (personale non turnista) ORARIO DI LAVORO 1) Tipi di orari e scelta dell orario di lavoro (personale non turnista) Il dipendente può scegliere con l apposito modello di svolgere il proprio orario di lavoro secondo una delle seguenti

Dettagli

COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA

COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA COMUNE DI GRICIGNANO DI AVERSA Provincia di Caserta REGOLAMENTO COMUNALE DELL ORARIO DI SERVIZIO, DI LAVORO E APERTURA AL PUBBLICO DEGLI UFFICI E SERVIZI DELL ENTE Approvato con delibera di Giunta Municipale

Dettagli

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 Orario di servizio

REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE. ART. 1 Orario di servizio Allegato h) Al Regolamento comunale sull ordinamento generale degli Uffici e dei Servizi Approvato con delibera di Giunta Comunale n. 127 del 12/12/2011 REGOLAMENTO ORARIO DI LAVORO DEL PERSONALE DIPENDENTE

Dettagli

Art. 3 Articolazione dell orario di lavoro settimanale Art. 4 Norme generali e modalità di rilevazione e controllo delle presenze

Art. 3 Articolazione dell orario di lavoro settimanale Art. 4 Norme generali e modalità di rilevazione e controllo delle presenze REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO, DEL LAVORO STRAORDINARIO, DELLE FERIE, DEI PERMESSI, DEI RITARDI E DELLE ASSENZE DEI DIPENDENTI SOMMARIO Art. 1 Finalità e ambito di intervento

Dettagli

ACCORDO REGIONALE QUADRO SULL ORARIO DI LAVORO DELLE DIREZIONI PROVINCIALI

ACCORDO REGIONALE QUADRO SULL ORARIO DI LAVORO DELLE DIREZIONI PROVINCIALI Direzione Regionale del Veneto ACCORDO REGIONALE QUADRO SULL ORARIO DI LAVORO DELLE DIREZIONI PROVINCIALI I Rappresentanti della Direzione Regionale del Veneto e delle Organizzazioni Sindacali regionali,

Dettagli

C O M U N E D I L U V I N A T E

C O M U N E D I L U V I N A T E C O M U N E D I L U V I N A T E P R O V I N C I A D I V A R E S E REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DELL ORARIO DI LAVORO, DEI PERMESSI, DEL LAVORO STRAORDINARIO E DELLE ASSENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE Definizioni:

Dettagli

della DIRIGENZA MEDICA e VETERINARIA

della DIRIGENZA MEDICA e VETERINARIA Regolamento AZIENDALE della DIRIGENZA MEDICA e VETERINARIA dell Azienda U.S.L. di FERRARA (C.C.N.L. 3.11.2005) Ferrara, 21.5.2009 (sigla) 7.10.2009 (sottoscrizione) Ufficio Relazioni Sindacali Regolamento

Dettagli

COMUNE DI LIBRIZZI (Provincia di Messina) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

COMUNE DI LIBRIZZI (Provincia di Messina) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO COMUNE DI LIBRIZZI (Provincia di Messina) REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO Approvato con Deliberazione di GIUNTA MUNICIPALE n. 53 del 28/05/2010 1 REGOLAMENTO

Dettagli

MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE ACCADEMIA DI BELLE ARTI Via Duca degli Abruzzi, 4 07100 SASSARI

MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE ACCADEMIA DI BELLE ARTI Via Duca degli Abruzzi, 4 07100 SASSARI MINISTERO DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE ACCADEMIA DI BELLE ARTI Via Duca degli Abruzzi, 4 07100 SASSARI Prot. n. 2066/A1a 16.05.2011 Vista la legge 508 del 1999;

Dettagli

COMUNE DI LANCIANO (Provincia di Chieti)

COMUNE DI LANCIANO (Provincia di Chieti) COMUNE DI LANCIANO (Provincia di Chieti) REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DELL ORARIO DI LAVORO, DEL LAVORO STRAORDINARIO, DEI PERMESSI, DEI RITARDI E DELLE ASSENZE DEI DIPENDENTI

Dettagli

Oggetto: C.C.I. sottoscritto il 9/10/2006: Orario di lavoro Buoni pasto Straordinario.

Oggetto: C.C.I. sottoscritto il 9/10/2006: Orario di lavoro Buoni pasto Straordinario. Al Pro Rettore Delegato per il Polo Scientifico Didattico di Terni Ai Presidi Ai Presidenti dei Corsi di Studio Ai Direttori di Dipartimento e Centri Ai Direttori delle Scuole di Specializzazione Ai Dirigenti

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA DI RILEVAMENTO DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA DI RILEVAMENTO DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLE MODALITA DI RILEVAMENTO DELLE PRESENZE DEL PERSONALE DIPENDENTE Articolo 1 Principi generali e definizioni 1. Il presente regolamento disciplina l orario di lavoro e

Dettagli

DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO DEI DIPENDENTI COMUNALI di CONTURSI TERME

DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO DEI DIPENDENTI COMUNALI di CONTURSI TERME Prot. n. 6265 del 31 ottobre 2011 DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO DEI DIPENDENTI COMUNALI di CONTURSI TERME (delibera di Giunta Comunale n. 424 del 25-10-2011) 1.RILEVAZIONE DELLE PRESENZE

Dettagli

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CELANO

REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CELANO REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL COMUNE DI CELANO ART. 1. DEFINIZIONI ART. 2. ARTICOLAZIONE DELL ORARIO DI SERVIZIO ART. 3. ORARIO ORDINARIO

Dettagli

Nuovo sistema di rilevazione delle presenze e regole concernenti la flessibilità e lo straordinario

Nuovo sistema di rilevazione delle presenze e regole concernenti la flessibilità e lo straordinario Università degli Studi di Brescia Servizio Risorse Umane U.O.C. Personale PTA e non strutturato Nuovo sistema di rilevazione delle presenze e regole concernenti la flessibilità e lo straordinario A cura

Dettagli

POLICY GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

POLICY GESTIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO Pag. 1 di 13 POLICY GESTIONE DEL RAPPORTO DI Redatta Verificata Approvata Distribuita DIREZIONE DIRETTORE CDA DIREZIONE Versione n Del In vigore da 1.0 21/12/2011 01/01/2012 Pag. 2 di 13 INDICE 1. STRUTTURA

Dettagli

OGGETTO APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER L'ORGANIZZAZIONE DELL'ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO

OGGETTO APPROVAZIONE REGOLAMENTO PER L'ORGANIZZAZIONE DELL'ORARIO DI LAVORO E DI SERVIZIO CONSORZIO ER L'AREA DI SVILUO INDUSTRIALE ROVINCIA di CASERTA ORIGINALE DI DELIBERAZIONE DEL COMITATO DIRETTIVO Numero 140 del 08/06/2015 OGGETTO AROVAZIONE REGOLAMENTO ER L'ORGANIZZAZIONE DELL'ORARIO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DELL ORARIO DI SERVIZIO E DI LAVORO INDICE Art. 1 -Definizioni Art. 2 -L orario di servizio Art. 3 -L orario di apertura al Pubblico Art. 4 -L orario di lavoro straordinario

Dettagli

COMUNE DI SICIGNANO DEGLI ALBURNI (Provincia di Salerno)

COMUNE DI SICIGNANO DEGLI ALBURNI (Provincia di Salerno) COMUNE DI SICIGNANO DEGLI ALBURNI (Provincia di Salerno) REGOLAMENTO COMUNALE CONTROLLO PRESENZE PERSONALE DIPENDENTE I N D I C E Art. 1 - Oggetto del regolamento Art. 2 - Orario Art. 3 Luogo di timbratura

Dettagli