Prateria di Posidonia oceanica di fronte a Levanto

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Prateria di Posidonia oceanica di fronte a Levanto"

Transcript

1 Prateria di Posidonia oceanica di fronte a Levanto Figura 1: Cartografia del posidonieto dinanzi Levanto Di fronte alla baia di Levanto si sviluppa una formazione a mosaico di Posidonia oceanica viva e matte morta (Figura 1 e Tabella 1). Il sito in questione costituisce parte della rete di controllo del monitoraggio dell ambiente marino ligure ai sensi del D.Lgs 152/06. Nell ambito di tale monitoraggio ogni tre anni sono monitorate tutte le diciotto praterie che si sviluppano lungo i fondali della Liguria. Le stazioni di campionamento sono situate a 15 m di

2 profondità e le attività in immersione prevedono il rilevamento di parametri strutturali della prateria nonché il prelievo di fasci fogliari per analisi fenologiche e lepidocronologiche in laboratorio. Il sito di Levanto è stato monitorato rispettivamente nell anno 2011 e nell anno Il prossimo monitoraggio è previsto nell anno STAZIONE LAT_WGS84 LONG_WGS84 PROFONDITÀ DI CAMPIONAMENTO (m) LEVB15R2 44, , LEVB15R2_14 44, , Tabella 1: anagrafiche dei punti di campionamento Nella tabella seguente sono riportati i risultati dei parametri strutturali del posidonieto rilevati durante i due anni d indagine: PARAMETRO ANNO DI MONITORAGGIO 2011 ANNO DI MONITORAGGIO 2014 Densità assoluta (fasci.m 2 ) Continuità della prateria discontinua continua Ricoprimento P.oceanica viva (%) Ricoprimento matte morta (%) 0 2 Tipo di Substrato Sabbia mista a roccia Sabbia mista a roccia Composizione prateria pura pura Tabella 2: parametri strutturali della prateria rilevati durante le indagini subacquee Il substrato d impianto è rappresentato da sabbia mista a roccia e la posidonia si sviluppa su di esso in maniera discontinua e frammentaria. Numerosi canali erosivi attraversano la prateria. Il limite inferiore risulta di tipo regressivo ed è situato intorno ai 19 m. Tuttavia la conformazione a chiazze della prateria rende molto difficoltoso individuare l esatta posizione del limite inferiore. A causa di questa particolare conformazione nel 2014 il punto di campionamento è stato leggermente spostato verso costa di circa 10 m, per cercare di campionare in una zona dove il posidonieto presenta una copertura più omogenea e continua. Classificando i valori di densità assoluta secondo Giraud (1977) e secondo Pergent-Martini et al. (1994) si ottengono i risultati riportati nella tabella seguente: DENSITÀ ASSOLUTA (fasci.m 2 ) CLASSIFICAZIONE GIRAUD (1977) CLASSIFICAZIONE PERGENT ET AL. (1994) Prateria molto rada Subnormale Prateria densa Normale Tabella 3: classificazione della prateria sulla base dei valori di densità fogliare La differenza nel numero di fasci al metro quadro tra i due anni di monitoraggio è dovuta molto probabilmente allo spostamento del punto di campionamento. I parametri misurati in laboratorio a seguito dell analisi fenologica e lepidocronologica sono riportati in Tabella 4.

3 Sebbene i punti di campionamento siano diversi dal 2011 al 2014 non si nota una grande variazione nei valori dei parametri. Il numero medio di foglie per fascio aumenta da 5 a 7 mentre la lunghezza delle foglie adulte diminuisce da 50 cm a 26 cm. Il coefficiente A delle foglie adulte, indicatore di impatti dovuti a fattori fisica e/o naturali, diminuisce leggermente nel PARAMETRO ANNO DI MONITORAGGIO 2011 ANNO DI MONITORAGGIO 2014 Larghezza foglie giovanili (cm) 0,5 0,6 Lunghezza totale foglie giovanili (cm) 0,7 1,2 Larghezza foglie intermedie (cm) 0,9 0,9 Lunghezza totale foglie intermedie (cm) 7,5 8,8 Lunghezza tessuto bruno foglie intermedie (cm) 0,0 0,0 Larghezza foglie adulte (cm) 0,9 1,0 Lunghezza totale foglie adulte (cm) 50,0 26,1 Lunghezza tessuto bruno foglie adulte (cm) 2,8 3,6 Lunghezza della base foglie adulte (cm) 2,7 2,8 N.ro medio foglie x fascio (adulte + intermedie) 5 7 Coefficiente A adulte 76,85 49,14 Coefficiente A intermedie 0,00 0,00 Lunghezza foglia intermedia più lunga (cm) 7,5 10,2 Superficie fogliare fascio adulte + intermedie ( cm 2.fascio -1) 179,98 124,94 Biomassa fogliare adulte + intermedie (g p.s.fascio -1 ) 0,75 0,56 Biomassa epifiti (mg p.s.fascio -1 ) 101,51 55,96 Produzione annuale rizoma( mg.fascio -1.anno -1 ) 97,29 125,87 Allungamento annuale del rizoma (mm.anno -1 ) 6,63 8,61 Numero foglie fascio anno (foglie.anno -1 ) 7 8 Lunghezza intera rizoma (cm) 10,4 15,5 Età rizoma (anno) 14,0 16,2 Tabella 4: risultati delle analisi fenologiche e lepidocronologche L applicazione dell Indice PREI ai sensi del DM 260/2010 ha permesso di classificare il sito in stato ecologico sufficiente in entrambi gli anni di monitoraggio. L indice PREI corrisponde al Rapporto di Qualità Ecologica (RQE) e tiene conto di cinque descrittori (densità assoluta, superficie fogliare, biomassa fogliare, biomassa degli epifiti, profondità e tipo di limite inferiore). I risultati ottenuti nei rispettivi anni 2011 e 2014 sono riportati nella tabella seguente: ANNO RQE STATO ECOLOGICO sufficiente sufficiente Tabella 5: risultati dell indice PREIè Lo stato ecologico sufficiente è legato per lo più al fatto che la prateria si sviluppa su un substrato non proprio idoneo alla pianta quale è la sabbia mista a roccia e la distribuzione risulta a chiazze e disomogenea come si può notare dalle figure seguenti.

4 Figura 2: chiazza di P.oceanica con quadrato 40x40 utilizzato per conteggiare i fasci fogliari. Figura 3: conformazione a chiazze del posidonieto dinanzi Levanto

5 Figura 4: operatore subacqueo durante il campionamento E importante evidenziare che proprio nel posidoneto di Levanto sono stati rilevati, nel 2015, numerosi esemplari di Pinna nobilis, mollusco bivalve endemico del mar Mediterraneo, la cui presenza è ormai in declino a seguito della raccolta amatoriale delle conchiglie, degli ancoraggi, attività di pesca professionale e ricreativa. Per la precisone durante le indagini subacquee sono stati censiti nove esemplari. Figura 5: esemplare di Pinna nobilis nel mezzo del posidonieto di Levanto

6 Figura 6: esemplare di Pinna nobilis nel mezzo del posidonieto di Levanto.

Analisi degli spiaggiamenti e delle banquettes in Toscana

Analisi degli spiaggiamenti e delle banquettes in Toscana Castagneto Carducci, Teatro Roma 8 maggio 2017 Analisi degli spiaggiamenti e delle banquettes in Toscana Cecilia Mancusi & Fabrizio Serena ARPA Toscana, CNR-IAMC biologia, ecologia, metodi di studio biologia,

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 07_CEN

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 07_CEN a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (Km) - 0700900907* Capo Mele (Confine Andora-) Confine Ceriale 19,7 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 20_RIV

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 20_RIV a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) Sestri Levante 0701001020 * Punta di Sestri Punta Baffe 11.4 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 25_SPE

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 25_SPE a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) 0701101125 * Capo dell Isolalato ovest Isola Palmaria Punta Corvo 49,3 (44,7 costa Golfo 4,6 Palmaria) * Il codice

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 22_MES

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 22_MES a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine 0701101122 * Scoglio Nero-inizio zona B Area Protetta Cinque Terre * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 04_TAG

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 04_TAG a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (Km) Foce Rio San 0700800804 Capo Verde Lorenzo 22,6 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 06_AND

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 06_AND a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (Km) 0700800906 * Capo Berta Capo Mele (Confine - ) 22,9 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 11_ALB

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 11_ALB a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (Km) 0700900911 * Ovest Porto presso Punta S.Erasmo Punta dell Aspera (confine Celle- Varazze) 12,2 * Il codice è costruito

Dettagli

Regione Liguria. *Servizio Parchi e Aree Protette **Settore Ecosistema Costiero. stefano coppo** giovanni diviacco*

Regione Liguria. *Servizio Parchi e Aree Protette **Settore Ecosistema Costiero. stefano coppo** giovanni diviacco* giovanni diviacco* stefano coppo** atlante degli habitat marini della liguria Regione Liguria *Servizio Parchi e Aree Protette **Settore Ecosistema Costiero UFFICI COINVOLTI Settore Ecosistema Costiero

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 10_VAD

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 10_VAD a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (Km) Vado Ligure 0700900910 Capo di Vado Ovest Porto -presso Punta S.Erasmo 12,4 * Il codice è costruito con i seguenti

Dettagli

Servizio di Monitoraggio delle acque marine costiere Anni Capitolato Speciale d Appalto Parte Tecnica

Servizio di Monitoraggio delle acque marine costiere Anni Capitolato Speciale d Appalto Parte Tecnica Direzione Tecnico Scientifica Servizio Monitoraggio Servizio di Monitoraggio delle acque marine costiere Anni 2014-2015 INDICE PREMESSA... 3 ART. 1- OGGETTO DELL APPALTO... 4 LOTTO N.1:... 4 LOTTO N.2:...

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 19_ENT

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 19_ENT a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (Km) 0701001019 Punta Chiappe Punta di Sestri * 26,9 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 12_LER

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 12_LER a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (Km) 0700901012 * Punta dell Aspera (confine Celle- Varazze) Punta S. Martino (porticciolo di ) 16,1 * Il codice è costruito

Dettagli

Monitoraggio dell'ambiente marino costiere nei corpi idrici 12-16

Monitoraggio dell'ambiente marino costiere nei corpi idrici 12-16 ST3- Laboratorio di riferimento e AREA MARE ST3.2 Monitoraggio Ambiente Marino Costiero Monitoraggio dell'ambiente marino costiere nei corpi idrici 12-16 (D.Lgs 152/2006 e D.M. 260/2010) Anno 2014 Introduzione

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 03_SAN

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 03_SAN a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) 0700800803 Capo Sant Ampelio Capo Verde 31,2 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione Liguria

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152)

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Commissario Delegato per l Emergenza Bonifiche e la Tutela delle Acque in Sicilia PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2, n 12) Tratto di costa

Dettagli

Espianto, trapianto, mantenimento e monitoraggio di esemplari di Posidonia oceanica nel tratto marino da Santa Marinella a Civitavecchia

Espianto, trapianto, mantenimento e monitoraggio di esemplari di Posidonia oceanica nel tratto marino da Santa Marinella a Civitavecchia Espianto, trapianto, mantenimento e monitoraggio di esemplari di Posidonia oceanica nel tratto marino da Santa Marinella a Civitavecchia ENEL Produzione ATI Posidonia (Strategie Ambientali srl ECON srl

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 24_POR

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 24_POR a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) 20,8 Capo dell Isolalato ovest Isola 0701101124 (1,7 Tino+3,2 Portovenere Punta Vagno * Palmaria +15,9 Palmaria costa)

Dettagli

PIANO DI MONITORAGGIO DEL TRASPORTO SOLIDO E DELLE ATTIVITÀ DI DRAGAGGIO

PIANO DI MONITORAGGIO DEL TRASPORTO SOLIDO E DELLE ATTIVITÀ DI DRAGAGGIO PIANO DI MONITORAGGIO DEL TRASPORTO SOLIDO E DELLE ATTIVITÀ DI DRAGAGGIO Oggetto: Costruzione nuovo porto commerciale di Molfetta. Monitoraggio del trasporto solido e monitoraggio e controllo delle operazioni

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 26_MAR

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 26_MAR a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (km) Foce Magra 0701101126 Punta Corvo Confine con 8,8 * Regione Toscana * Il codice è costruito con i seguenti campi:

Dettagli

1^ Campagna di Agosto 2005

1^ Campagna di Agosto 2005 RAPPORTO QUINDICINALE SULLE CAMPAGNE DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE MARINO COSTIERE DELLA REGIONE VENETO (RILIEVI SUL CAMPO) 1^ Campagna di Agosto 2005 Nella prima campagna del mese di Agosto 2005, effettuata

Dettagli

CONTRATTO DI RICERCA RELAZIONE FINALE. a cura di. Monica Montefalcone, Carla Morri, Giancarlo Albertelli, Carlo Nike Bianchi

CONTRATTO DI RICERCA RELAZIONE FINALE. a cura di. Monica Montefalcone, Carla Morri, Giancarlo Albertelli, Carlo Nike Bianchi Secrétariat, 3 avenue de Fontvieille 98000 Monaco Tel. (+377) 98 98 42 29 Fax. (+377) 98 98 40 07 contact@ramoge.org Università degli Studi di Genova DISTAV, Dipartimento di Scienze della Terra, dell'ambiente

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 13_VOL

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 13_VOL a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (Km) Genova Voltri 0701001013 * Punta S. Martino (porticciolo di Arenzano) Genova Multedo 20 * Il codice è costruito con

Dettagli

Invaso Trinità (TP): prima classificazione dello stato ecologico in base al DM n. 260/2010.

Invaso Trinità (TP): prima classificazione dello stato ecologico in base al DM n. 260/2010. Invaso Trinità (TP): prima classificazione dello stato ecologico in base al DM n. 260/. Il recente Regolamento recante i criteri tecnici per la classificazione dello stato dei corpi idrici superficiali,

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152)

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Commissario Delegato per l Emergenza Bonifiche e la Tutela delle Acque in Sicilia PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 26, n 152) Tratto di costa

Dettagli

Interreg III A Grecia-Italia Misura 3.1 D2 GOW

Interreg III A Grecia-Italia Misura 3.1 D2 GOW Interreg III A Grecia-Italia Misura 3.1 D2 GOW Mapping of the coastal area near Canale Giancola. Methods and perspectives. Fausto Pizzolante - Simonetta Fraschetti, CoNISMA Lab. di Zoologia e Biologia

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 05_IMP

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 05_IMP a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (Km) 0700800805 Foce Rio San Lorenzo Capo Berta 21,4 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat Regione

Dettagli

Museo di Storia Naturale

Museo di Storia Naturale LAGUNA DI VENEZIA: PASSATO, PRESENTE E FUTURO salvaguardia e prospettive Modificazioni nelle comunità biologiche acquatiche dovute agli interventi antropici in laguna Biologo marino Direttore Museo di

Dettagli

Art Il parco è classificato ai sensi dell art. 10, comma 1 della legge regionale 14 luglio 2003, n. 10 come parco marino.

Art Il parco è classificato ai sensi dell art. 10, comma 1 della legge regionale 14 luglio 2003, n. 10 come parco marino. Legge regionale 21 aprile 2008, n. 13 Istituzione del Parco Marino Regionale «Fondali di Capocozzo - S. Irene - Vibo Marina Pizzo - Capo Vaticano - Tropea». (BUR n. 8 del 16 aprile 2008, supplemento straordinario

Dettagli

INDICE. Bacino dei fiumi della pianura tra Livenza e Piave I

INDICE. Bacino dei fiumi della pianura tra Livenza e Piave I Bacino dei fiumi della pianura tra Livenza e Piave I INDICE 4 - RETI DI MONITORAGGIO ISTITUITE AI FINI DELL ARTICOLO 8 E DELL ALLEGATO V DELLA DIRETTIVA 2000/60/CE E STATO DELLE ACQUE SUPERFICIALI, DELLE

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 16_CAM

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 16_CAM a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (Km) 0701001016 Corso Italia Lido di Punta Chiappa * Albaro 32,1 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152)

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Commissario Delegato per l Emergenza Bonifiche e la Tutela delle Acque in Sicilia PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. del Decreto Legislativo aprile 6, n ) Tratto di costa n. Isole

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 09_NOL

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 09_NOL a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (Km) Noli - Bergeggi 0700900909 * Punta Crena Capo di Vado 13,7 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat

Dettagli

BIOLOGIA SUBACQUEA 2 GRADO

BIOLOGIA SUBACQUEA 2 GRADO ITA F00 - Membro Fondatore della CMAS Confederazione Mondiale Attività Subacquee FEDERAZIONE ITALIANA PESCA SPORTIVA E ATTIVITÀ SUBACQUEE Settore Didattica Subacquea Corso di Specializzazione BIOLOGIA

Dettagli

PROGETTO LIFE+ (ACRONYM: POSEIDONE) Nature and Biodiversity Environmental Policy and Governance Information and. Communication

PROGETTO LIFE+ (ACRONYM: POSEIDONE) Nature and Biodiversity Environmental Policy and Governance Information and. Communication PROGETTO LIFE+ (ACRONYM: POSEIDONE) Nature and Biodiversity Environmental Policy and Governance Information and Communication PROGETTO PRELIMINARE AZIONE A1 LIFE+ POSEIDONE MISURE URGENTI DI CONSERVAZIONE

Dettagli

Sopra e sotto il mare

Sopra e sotto il mare LEGA NAVALE ANCONA REGATA ANCONA BOZAVA 21 24 GIUGNO 2017 Sopra e sotto il mare La tradizionale regata Ancona Bozava, oltre a rappresentare una piacevole competizione offre sicuramente una irrinunciabile

Dettagli

Modello previsionale sulla variazione del limite superiore delle praterie di Posidonia oceanica in funzione dell idrodinamismo costiero

Modello previsionale sulla variazione del limite superiore delle praterie di Posidonia oceanica in funzione dell idrodinamismo costiero Modello previsionale sulla variazione del limite superiore delle praterie di Posidonia oceanica in funzione dell idrodinamismo costiero Provincia di Livorno Influenza del sistema costiero sulle praterie

Dettagli

INDAGINE DI MERCATO PER L ACQUISIZIONE DI

INDAGINE DI MERCATO PER L ACQUISIZIONE DI INDAGINE DI MERCATO PER L ACQUISIZIONE DI Servizi nell ambito del Contratto di servizi tra la società Solvay Chimica Italia S.p.a. e l IAMC-CNR U.O.S. di Capo Granitola, che prevede la formulazione di

Dettagli

Laboratorio di Ecologia del Benthos, Stazione Zoologica Anton Dohrn, Villa Comunale Napoli, Italia.

Laboratorio di Ecologia del Benthos, Stazione Zoologica Anton Dohrn, Villa Comunale Napoli, Italia. Biol. Mar. Medit. (2006), 13 (1): 714-718 Laboratorio di Ecologia del Benthos, Stazione Zoologica Anton Dohrn, Villa Comunale - 80121 Napoli, Italia. gambimc@szn.it CRONACA DI UNA MORTE ANNUNCIATA IMPATTO

Dettagli

SERVIZIO OSSERVATORIO ACQUE MARINE E LAGUNARI

SERVIZIO OSSERVATORIO ACQUE MARINE E LAGUNARI SERVIZIO OSSERVATORIO ACQUE MARINE E LAGUNARI Copertura: regionale Periodicità: annuale www. arpa.veneto.it Rapporto di sintesi sugli andamenti dei principali parametri oceanografici e meteo-marini delle

Dettagli

4 th PAN-European FORUM Dredging in port and environmental sustainability Barletta, Italy

4 th PAN-European FORUM Dredging in port and environmental sustainability Barletta, Italy 4 th PAN-European FORUM Dredging in port and environmental sustainability Barletta, Italy Nancy ATTOLICO Servizio Infrastrutture - Ambiente Autorità Portuale del Levante www.aplevante.org - a.attolico@aplevante.org

Dettagli

SERVIZIO OSSERVATORIO ACQUE MARINE E LAGUNARI

SERVIZIO OSSERVATORIO ACQUE MARINE E LAGUNARI SERVIZIO OSSERVATORIO ACQUE MARINE E LAGUNARI Copertura: regionale Periodicità: annuale www. arpa.veneto.it Rapporto di sintesi sugli andamenti dei principali parametri oceanografici e meteo-marini delle

Dettagli

Esercizi di statistica descrittiva. Giulia Simi (Università di Siena) Istituzione di matematica e fondamenti di Biostatistica Siena / 30

Esercizi di statistica descrittiva. Giulia Simi (Università di Siena) Istituzione di matematica e fondamenti di Biostatistica Siena / 30 Esercizi di statistica descrittiva Giulia Simi (Università di Siena) Istituzione di matematica e fondamenti di Biostatistica Siena 2015-2016 1 / 30 Esercizio 1 Nel rilevare l altezza di un gruppo di reclute,

Dettagli

MONITORAGGIO E SALVAGUARDIA DELL ECOSISTEMA NELL ISOLA DEL GIGLIO

MONITORAGGIO E SALVAGUARDIA DELL ECOSISTEMA NELL ISOLA DEL GIGLIO MONITORAGGIO E SALVAGUARDIA DELL ECOSISTEMA NELL ISOLA DEL GIGLIO Il progetto di rimozione del relitto Concordia sin dal primo giorno ha avuto come priorità la protezione dell ambiente dell Isola del Giglio.

Dettagli

AREA MARINA PROTETTA ISOLE EGADI

AREA MARINA PROTETTA ISOLE EGADI ENTE GESTORE COMUNE DI FAVIGNANA ISOLE EGADI AREA MARINA PROTETTA ISOLE EGADI Comunicato stampa ENEA e AMP Egadi completano il progetto GERIN per il recupero e il reimpianto della Posidonia e la gestione

Dettagli

Rilevamento dei prati di Cymodocea nodosa mediante Side Scan Sonar, ROV ed immersioni subacquee. Area costiera-marina tra Chiavari e Sestri Levante.

Rilevamento dei prati di Cymodocea nodosa mediante Side Scan Sonar, ROV ed immersioni subacquee. Area costiera-marina tra Chiavari e Sestri Levante. Rilevamento dei prati di Cymodocea nodosa mediante Side Scan Sonar, ROV ed immersioni subacquee. Area costiera-marina tra Chiavari e Sestri Levante. Mattia Barsanti 1, Andrea Peirano 2, Sergio Sgorbini

Dettagli

Rilevamento dei prati di Cymodocea nodosa mediante Side Scan Sonar, ROV ed immersioni subacquee. Area costiera-marina tra Chiavari e Sestri Levante.

Rilevamento dei prati di Cymodocea nodosa mediante Side Scan Sonar, ROV ed immersioni subacquee. Area costiera-marina tra Chiavari e Sestri Levante. Rilevamento dei prati di Cymodocea nodosa mediante Side Scan Sonar, ROV ed immersioni subacquee. Area costiera-marina tra Chiavari e Sestri Levante. Mattia Barsanti 1, Andrea Peirano 2, Sergio Sgorbini

Dettagli

BIOLOGIA SUBACQUEA 1 GRADO

BIOLOGIA SUBACQUEA 1 GRADO ITA F00 - Membro Fondatore della CMAS Confederazione Mondiale Attività Subacquee FEDERAZIONE ITALIANA PESCA SPORTIVA E ATTIVITÀ SUBACQUEE Settore Didattica Subacquea Corso di Specializzazione BIOLOGIA

Dettagli

BIOLOGIA MARINA E ACQUE INTERNE 1 GRADO

BIOLOGIA MARINA E ACQUE INTERNE 1 GRADO ITA F00 - Membro Fondatore della CMAS Confederazione Mondiale Attività Subacquee FEDERAZIONE ITALIANA PESCA SPORTIVA E ATTIVITÀ SUBACQUEE Settore Didattica Subacquea Corso di Specializzazione BIOLOGIA

Dettagli

Analisi dell influenza delle condizioni ambientali sulle caratteristiche di Posidonia oceanica: allestimento di un database a scala regionale.

Analisi dell influenza delle condizioni ambientali sulle caratteristiche di Posidonia oceanica: allestimento di un database a scala regionale. Università Ca Foscari di Venezia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea magistrale in Scienze Ambientali Tesi di Laurea Analisi dell influenza delle condizioni ambientali sulle

Dettagli

LE MISURE DI TENDENZA CENTRALE. Dott. Giuseppe Di Martino Scuola di Specializzazione in Igiene e Medicina Preventiva

LE MISURE DI TENDENZA CENTRALE. Dott. Giuseppe Di Martino Scuola di Specializzazione in Igiene e Medicina Preventiva LE MISURE DI TENDENZA CENTRALE Dott. Giuseppe Di Martino Scuola di Specializzazione in Igiene e Medicina Preventiva Individuare un indice che rappresenti significativamente un insieme di dati statistici

Dettagli

STUDI PER LA CREAZIONE DI STRUMENTI DI GESTIONE COSTIERA Golfo del Tigullio

STUDI PER LA CREAZIONE DI STRUMENTI DI GESTIONE COSTIERA Golfo del Tigullio Barsanti M., Peirano A., Sgorbini S., Cocito S., Bianchi C. N., Morri C., 2003. Rilevamento dei prati di Cymodocea nodosa mediante Side Scan Sonar, ROV ed immersioni subacquee: area costiera-marina tra

Dettagli

DECRETO N /DecA/83 DEL 31 ottobre

DECRETO N /DecA/83 DEL 31 ottobre L Assessore DECRETO N. 0002657 /DecA/83 DEL 31 ottobre 2008 ---------------------------- Oggetto: Disciplina della pesca del riccio di mare e calendario per la stagione 2008/2009. VISTO lo Statuto Speciale

Dettagli

Monitoraggio e censimento delle opere costiere e dei ripascimenti

Monitoraggio e censimento delle opere costiere e dei ripascimenti 2004 2006 Monitoraggio e censimento delle opere costiere e dei ripascimenti Progetto Beachmed-e Misura 4.1 Censimento opere costiere Sistema Informativo Costiero regionale SICoast Disponibile sulla intranet

Dettagli

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 08_BOR

CARATTERISTICHE ACQUE COSTIERE: scheda 08_BOR a. IDENTIFICAZIONE DEL TRATTO DI COSTA Denominazione Codice inizio fine Lunghezza (Km) - Finale 0700900908 * Confine Albenga Punta Crena 34,6 * Il codice è costruito con i seguenti campi: Codice Istat

Dettagli

Relazione Quindicinale. Isola del Giglio, gennaio 2015

Relazione Quindicinale. Isola del Giglio, gennaio 2015 Redatta da: CIBM Livorno -Sapienza Università Roma Luogo: Isola del Giglio Data: 29/01/2015 Titolo: Attività di monitoraggio ambientale 15 29 gennaio 2015 Versione: 1 Redatta per Osservatorio Isola del

Dettagli

I principali cambiamenti socio-demografici del Veneto tra i due censimenti

I principali cambiamenti socio-demografici del Veneto tra i due censimenti I principali cambiamenti socio-demografici del Veneto tra i due censimenti 2001 2011 Luca Romano Direttore di Local Area Network 25 settembre 2013 Hotel ViEst - VI IL TREND DELLA POPOLAZIONE Andamento

Dettagli

Il Monitoraggio Marino Costiero nelle Marche: norme e programmi d attuazioned

Il Monitoraggio Marino Costiero nelle Marche: norme e programmi d attuazioned Le MARCHE e la qualità del mare Il Monitoraggio Marino Costiero nelle Marche: norme e programmi d attuazioned WORKSHOP Ancona 18 Luglio 2006 Luigi Bolognini Servizio Ambiente e Difesa del Suolo PF Difesa

Dettagli

ANALISI AMBIENTALE PER LA CONSERVAZIONE DELLO STORIONE COBICE

ANALISI AMBIENTALE PER LA CONSERVAZIONE DELLO STORIONE COBICE ANALISI AMBIENTALE PER LA CONSERVAZIONE DELLO STORIONE COBICE Carlo Lombardi FIUMI INDAGATI PO (a valle del confine provinciale PC-PV) ADDA (tratto sublacuale) OGLIO (tratto sublacuale) MINCIO (tratto

Dettagli

BONN, 1979 Conservazione specie migratorie. Regolamento CE 43/2009 Possibilità e condizioni di pesca per alcuni stock o gruppi di stock ittici

BONN, 1979 Conservazione specie migratorie. Regolamento CE 43/2009 Possibilità e condizioni di pesca per alcuni stock o gruppi di stock ittici Fauna e habitat marini Leonardo Tunesi Dipartimento Tutela degli habitat e della Biodiversità Marina Normativa internazionale per la protezione e gestione delle specie e degli hb habitat marini CITES,

Dettagli

RACCOLTA DEGLI AVVISTAMENTI della Corvina Sciaena umbra (linnaeus, 1758)

RACCOLTA DEGLI AVVISTAMENTI della Corvina Sciaena umbra (linnaeus, 1758) RACCOLTA DEGLI AVVISTAMENTI della Corvina Sciaena umbra (linnaeus, 1758) RAMOGE in collaborazione con alcuni partners come ISPRA, il GEM (Groupe d Étude du Mérou),il laboratorio ECOMERS dell Università

Dettagli

e la sua biodiversità

e la sua biodiversità WP 4 Rafforzare l ecosistema Adriatico e la sua biodiversità 4.3 azione 1 Realizzazione di interventi per la salvaguardia dello sviluppo delle uova di seppia (Sepia officinalis) condotti all interno di

Dettagli

2. LA RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA

2. LA RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA 2. LA RETE DI MONITORAGGIO DELLA QUALITA DELL ARIA 2.1 - Configurazione attuale della Rete La Regione Emilia Romagna ha iniziato nel 2005 una prima modifica della struttura della Rete Regionale di monitoraggio

Dettagli

Caratterizzazione genetica della Prateria di Posidonia oceanica (L.) nella AMP Plemmirio - Penisola della Maddalena (Sicilia sud-orientale).

Caratterizzazione genetica della Prateria di Posidonia oceanica (L.) nella AMP Plemmirio - Penisola della Maddalena (Sicilia sud-orientale). Laboratorio biomolecolare Dipartimento di Scienze Biologiche, Geologiche ed Ambientali dell Università degli Studi, Via A. Longo 19 95125 Catania Caratterizzazione genetica della Prateria di Posidonia

Dettagli

Le piante marine a fiori (angiosperme)

Le piante marine a fiori (angiosperme) Le piante marine a fiori (angiosperme) Nei mari e negli oceani vivono circa 60 specie di piante a fiori, dette anche angiosperme, di cui solamente 5 si trovano in Mediterraneo e sono facilmente osservabili

Dettagli

Primi risultati sulla pesca fantasma da nasse nella rada di. Alghero

Primi risultati sulla pesca fantasma da nasse nella rada di. Alghero Primi risultati sulla pesca fantasma da nasse nella rada di Alghero AGRIS Sardegna - Dipartimento per la Ricerca nelle Produzioni Animali Servizio Risorse Ittiche SEMINARIO Portotorres (SS), 16 Dicembre

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152)

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) ommissario Delegato per l Emergenza onifiche e la Tutela delle cque in Sicilia PINO DI TUTEL DELLE QUE DELL SIILI (di cui all'art. 11 del Decreto Legislativo 3 aprile 6, n 15) Tratto di costa n. 3 da apo

Dettagli

Relazione Quindicinale. Isola del Giglio, febbraio 2015

Relazione Quindicinale. Isola del Giglio, febbraio 2015 Redatta da: CIBM Livorno -Sapienza Università Roma Luogo: Isola del Giglio Data: 28/02/2015 Titolo: Attività di monitoraggio ambientale 14 28 febbraio 2015 Versione: 1 Redatta per Osservatorio Isola del

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO

PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO AMBITO COSTIERO 08 Unità fisiografiche del Centa, Centa Sud e Maremola ART. 41 LEGGE REGIONALE N 20/2006 Relazione sui popolamenti marini bentonici (RB)

Dettagli

http://www.biostatistica.unich.it 1 STATISTICA DESCRITTIVA Le misure di tendenza centrale 2 OBIETTIVO Individuare un indice che rappresenti significativamente un insieme di dati statistici. 3 Esempio Nella

Dettagli

IL SANTUARIO PELAGOS

IL SANTUARIO PELAGOS NEL MAR MEDITERRANEO È STATA ISTITUITA UNA GRANDE AREA MARINA PROTETTA, IL SANTUARIO PELAGOS, CHE SI ESTENDE PER 87.500 KM 2 TRA L ITALIA, LA FRANCIA E IL PRINCIPATO DI MONACO E COMPRENDE IL MAR LIGURE

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152)

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) ommissario Delegato per l Emergenza onifiche e la Tutela delle cque in Sicilia PINO DI TUTEL DELLE QUE DELL SIILI (di cui all'art. 11 del Decreto Legislativo 3 aprile 6, n 15) Tratto di costa n. 37 38

Dettagli

AUTORITÀ DI BACINO DEL FIUME TEVERE. Procedura operativa del modello pressioni-impatti-misure

AUTORITÀ DI BACINO DEL FIUME TEVERE. Procedura operativa del modello pressioni-impatti-misure AUTORITÀ DI BACINO DEL FIUME TEVERE Procedura operativa del modello pressioni-impatti-misure Generalità Il modello è articolato su due distinti livelli applicativi: il primo a scala di distretto/subdistretto

Dettagli

Istruttoria tecnica. Stato di avanzamento-dicembre 2014

Istruttoria tecnica. Stato di avanzamento-dicembre 2014 Istruttoria tecnica Stato di avanzamento-dicembre 2014 Precedente studio conoscitivo condotto dall Università di Sassari e consegnato nel 2000 Aggiornare lo stato delle conoscenze ambientali e socio-economiche

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152)

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) ommissario Delegato per l Emergenza onifiche e la Tutela delle cque in Sicilia PINO DI TUTEL DELLE QUE DELL SIILI (di cui all'art. del Decreto Legislativo 3 aprile 6, n 5) Tratto di costa n. 7 Da apo Passero

Dettagli

Recovering Endangered HabitatS in the Capo Carbonara MARIne Area, Sardinia

Recovering Endangered HabitatS in the Capo Carbonara MARIne Area, Sardinia Proposal LIFE13 NAT/IT/000433 Recovering Endangered HabitatS in the Capo Carbonara MARIne Area, Sardinia RES MARIS UN MARE DI RISPETTO Workshop LIFE Best practice risorse idriche e ambiente marino Expo

Dettagli

Convenzione per l esecuzione di campagne di. monitoraggio dell ittiofauna nell ambito del Progetto Life

Convenzione per l esecuzione di campagne di. monitoraggio dell ittiofauna nell ambito del Progetto Life CENTRO DI RICERCA INTERDIPARTIMENTALE SULLE TECNOLOGIE E L IGIENE DEGLI ALLEVAMENTI INTENSIVI DELLE PICCOLE SPECIE UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BOLOGNA Convenzione per l esecuzione di campagne di monitoraggio

Dettagli

piante Posidonia oceanica (Linnaeus) (Delile) regno piante fam. Posidoniaceae

piante Posidonia oceanica (Linnaeus) (Delile) regno piante fam. Posidoniaceae piante Posidonia oceanica (Linnaeus) (Delile) regno piante fam. Posidoniaceae Posidonia oceanica, a differenza delle alghe, è una pianta superiore perché mostra foglie, lunghe fino ad 1 metro, che crescono

Dettagli

INDICE 1. ASPETTI OPERATIVI E METODOLOGIE ADOTTATE 3. 1.1 CARTOGRAFIA 3 1.1.1 Preparazione della cartografia di base e progettazione dei rilievi 3

INDICE 1. ASPETTI OPERATIVI E METODOLOGIE ADOTTATE 3. 1.1 CARTOGRAFIA 3 1.1.1 Preparazione della cartografia di base e progettazione dei rilievi 3 INDICE PREMESSA 1 1. ASPETTI OPERATIVI E METODOLOGIE ADOTTATE 3 1.1 CARTOGRAFIA 3 1.1.1 Preparazione della cartografia di base e progettazione dei rilievi 3 1.1.2 Attività di campo e analisi dei dati 4

Dettagli

La matrice delle correlazioni è la seguente:

La matrice delle correlazioni è la seguente: Calcolo delle componenti principali tramite un esempio numerico Questo esempio numerico puó essere utile per chiarire il calcolo delle componenti principali e per introdurre il programma SPAD. IL PROBLEMA

Dettagli

RITORNO RIprisTinO e tutela dell'habitat a praterie di PosidoNia oceanica e della specie Pinna nobilis in AdriaticO

RITORNO RIprisTinO e tutela dell'habitat a praterie di PosidoNia oceanica e della specie Pinna nobilis in AdriaticO RITORNO RIprisTinO e tutela dell'habitat a praterie di PosidoNia oceanica e della specie Pinna nobilis in AdriaticO Proposal LIFE 2009 Tommaso Pagliani, Cristina Ingarao, Giovanna Lanciani Consorzio Mario

Dettagli

Interazione collemboli- funghi del suolo: effetto sulla salute delle piante in in diverse condizioni di di umidità del substrato di di crescita

Interazione collemboli- funghi del suolo: effetto sulla salute delle piante in in diverse condizioni di di umidità del substrato di di crescita Interazione collemboli- funghi del suolo: effetto sulla salute delle piante in in diverse condizioni di di umidità del substrato di di crescita Gloria Innocenti Matteo Montanari Dipartimento di Protezione

Dettagli

Lo stato dell Ambiente in Liguria 113

Lo stato dell Ambiente in Liguria 113 Da più di vent anni le acque costiere liguri sono oggetto, nel periodo da aprile a settembre, di un monitoraggio capillare ed assiduo (circa 400 siti di controllo, più di uno per km di costa, verificati

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152)

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) Commissario Delegato per l Emergenza Bonifiche e la Tutela delle Acque in Sicilia PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. del Decreto Legislativo aprile 6, n ) Tratto di costa n. 4 Da

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152)

PIANO DI TUTELA DELLE ACQUE DELLA SICILIA (di cui all'art. 121 del Decreto Legislativo 3 aprile 2006, n 152) ommissario Delegato per l Emergenza onifiche e la Tutela delle cque in Sicilia PINO DI TUTEL DELLE QUE DELL SIILI (di cui all'art. 11 del Decreto Legislativo 3 aprile, n 1) Tratto di costa n. Da Punta

Dettagli

Applicazione dell Indice dello Stato Ecologico delle Comunità Ittiche (ISECI) in alcuni corpi idrici del Friuli Venezia Giulia

Applicazione dell Indice dello Stato Ecologico delle Comunità Ittiche (ISECI) in alcuni corpi idrici del Friuli Venezia Giulia Applicazione dell Indice dello Stato Ecologico delle Comunità Ittiche (ISECI) in alcuni corpi idrici del Friuli Venezia Giulia Pizzul E., D Aietti A., De Marco N., Orlandi C., Zanello A., Zorza R., Mattassi

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI ROMA TOR VERGATA FACOLTA DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI DOTTORATO DI RICERCA IN BIOLOGIA EVOLUZIONISTICA ED ECOLOGIA CICLO XXV LA MACROSTRUTTURA DELLE PRATERIE DI

Dettagli

PROGETTO UE LIFE+09 NAT/IT/ Misure urgenti di conservazione delle *Prateriedi Posidoniadel Lazio settentrionale

PROGETTO UE LIFE+09 NAT/IT/ Misure urgenti di conservazione delle *Prateriedi Posidoniadel Lazio settentrionale PROGETTO UE LIFE+09 NAT/IT/000176 Misure urgenti di conservazione delle *Prateriedi Posidoniadel Lazio settentrionale Acronimo: POSEIDONE Inizio delle attività: 01/12/2010 Fine delle attività: 30/9/2014

Dettagli

STUDI PER LA CREAZIONE DI STRUMENTI DI GESTIONE COSTIERA Golfo del Tigullio

STUDI PER LA CREAZIONE DI STRUMENTI DI GESTIONE COSTIERA Golfo del Tigullio Delbono I., Bianchi C. N., Morri C., Peirano A., 2003. Influenza della tessitura dei sedimenti e dei fenomeni erosivi nella distribuzione del prato di Cymodocea nodosa nel tratto di litorale compreso fra

Dettagli

1) Il grafico rappresenta la quantità di acqua contenuta in una vasca da bagno al passare del tempo.

1) Il grafico rappresenta la quantità di acqua contenuta in una vasca da bagno al passare del tempo. ESERCIZI DI SCIENZE 1) Il grafico rappresenta la quantità di acqua contenuta in una vasca da bagno al passare del tempo. A quale delle seguenti situazioni corrisponde il grafico? A. Il rubinetto è aperto

Dettagli

Relazione Quindicinale. Isola del Giglio, 30 gennaio -13 febbraio 2015

Relazione Quindicinale. Isola del Giglio, 30 gennaio -13 febbraio 2015 Redatta da: CIBM Livorno -Sapienza Università Roma Luogo: Isola del Giglio Data: 13/02/2015 Titolo: Attività di monitoraggio ambientale 30 gennaio 13 febbraio 2015 Versione: 1 Versione: 1b Redatta per

Dettagli

CALCOLO BIODIVERSITÀ LICHENICA. ITIS Albert Einstein, Via Adda 6, 20871, Vimercate (MB)

CALCOLO BIODIVERSITÀ LICHENICA. ITIS Albert Einstein, Via Adda 6, 20871, Vimercate (MB) CALCOLO DELLA BIODIVERSITÀ LICHENICA IL BIOMONITORAGGIO L utilizzo degli organismi viventi nel monitoraggio ambientale prende il nome di biomonitoraggio e può essere ricondotto a due differenti categorie

Dettagli

9 IL BACINO DEL TORRENTE VENTENA

9 IL BACINO DEL TORRENTE VENTENA 9 IL BACINO DEL TORRENTE VENTENA Pagina 83 9.1 GENERALITÀ Il bacino del torrente Ventena confina in sinistra idrografica con il bacino del Conca ed in destra con i bacini del Foglia e del Tavollo. Il bacino

Dettagli

Elaborazione di un modello di gestione della pesca nell area compresa fra Capo Zafferano e Capo Raisigerbi

Elaborazione di un modello di gestione della pesca nell area compresa fra Capo Zafferano e Capo Raisigerbi Misura POR: 4.17 Sottomisura b Interventi a sostegno della pesca e dell acquacoltura, interventi di contesto (SFOP) PROGETTO INTEGRATO PER LA GESTIONE DELLE RISORSE ACQUATICHE E LA FORMAZIONE DEGLI OPERATORI

Dettagli

Decessi droga correlati

Decessi droga correlati DECESSI DROGA-CORRELATI I seguenti dati sui decessi droga correlati, che rappresentano uno dei cinque indicatori chiave rilevati dall Osservatorio Europeo di Lisbona, si riferiscono alle informazioni rilevate

Dettagli

Prime valutazioni analitiche sul contenuto di silice cristallina respirabile in sabbie di mare e di fiume

Prime valutazioni analitiche sul contenuto di silice cristallina respirabile in sabbie di mare e di fiume Agenzia Regionale per la Prevenzione e l Ambiente dell Emilia-Romagna Prime valutazioni analitiche sul contenuto di silice cristallina respirabile in sabbie di mare e di fiume Giovanni Pecchini, Rosanna

Dettagli

La statistica descrittiva per le variabili quantitative

La statistica descrittiva per le variabili quantitative La statistica descrittiva per le variabili quantitative E la sintesi dei dati Gli indici di posizione/tendenza centrale OBIETTIVO Individuare un indice che rappresenti significativamente un insieme di

Dettagli

Distribuzione spaziale dei contaminanti nel suolo h Giuseppe Raspa

Distribuzione spaziale dei contaminanti nel suolo h Giuseppe Raspa Distribuzione spaziale dei contaminanti nel suolo h Giuseppe Raspa Dipartimento Ingegneria Chimica Materiali Ambiente di bioremediation nei terreni agricoli Lunedì 26 giugno 2017 Museo di Scienze Naturali,

Dettagli

QA Allegato Tecnico B

QA Allegato Tecnico B QA Allegato Tecnico B PROGETTO DI RIMODULAZIONE (aree land side) DEL MASTERPLAN AEROPORTUALE STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE Quadro di riferimento ambientale MINISTERO DELLE INFRASTRUTTURE E DEI TRASPORTI

Dettagli

PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO

PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO PIANO DI TUTELA DELL AMBIENTE MARINO E COSTIERO AMBITO COSTIERO 15 Unità fisiografiche Golfo del Tigullio, Baia del Silenzio e Riva Trigoso ART. 41 LEGGE REGIONALE N 20/2006 PIANO DEGLI INTERVENTI Settembre

Dettagli